Sei sulla pagina 1di 14

DAL SUONO ALLA PAROLA

L11 2012-2013

Belin et al 2010 Grossman et l 2010

quando si diventa reattivi alla voce umana?

PERCEZIONE DELLA VOCE UMANA

Grossman et al 2010
7-month-olds but not 4-month-olds showed increased responses in left and right superior temporal cortex to the human voice when compared to nonvocal sounds, suggesting that voice-sensitive brain systems emerge between 4 and 7 months of age.

Grossman et al 2010
7-month-old infants listened to words spoken with neutral, happy, or angry prosody. Hearing emotional prosody resulted in increased responses in a voicesensitive region in the right hemisphere. Moreover, a region in right inferior frontal cortex taken to serve evaluative functions in the adult brain showed particular sensitivity to happy prosody. The pattern of findings suggests that temporal regions specialize in processing voices very early in development and that, already in infancy, emotions differentially modulate voice processing in the right hemisphere.

Grossman et al 2010
Implicazioni per disturbi neuroevolutivi come lautismo. E nota la difficolt dellautistico ad identifcare le emozioni espresse col tono della voce . probabile che il disturbo autistico interessi proprio lo sviluppo delle regioni cerebrali specializzate fino dallet di 7 mesi e modulate da informazioni di tipo emotivo

Musicalit
Malloch, Stephen, Mothers and infants and communicative musicality, Musicae Scientiae, Special issue, 1999-2000, 29-57. Musicalit: comunicare con mezzi differenti dal significato lessicale, la sintassi e la grammatica.

Musicalit
gli infanti sono in grado di discriminare moduli temporali, picchi di intensit, intervallo armonico e qualit della voce (tono), in particolare il tono della voce materna sui ritmi e la melodia sono tutti regolati in modo prevedibile e questi tratti individuano ci che gli infanti cercano in un partner umano.

Musicalit
Lanalisi delle vocalizzazioni di cooperazione tra madre e infante - duettare - mostrano che tale comportamento genera un sistema coerente che circoscritto dallabbinare fattori ritmici e fattori emotivi nei due soggetti . Malloch chiama communicative musicality gli elementi delle interazioni comunicative cooperative e co-dipendenti tra madre e infante

Scale temporali del parlato e oscillazioni neurali (Giraud et al. 2007; Poeppel et al 2011; Giraud e Poeppel 2012)
Relazione fra le scale temporali presenti nel parlato e le costanti temporali proprie delle oscillazioni neuronali corticali Costituisce sia il riflesso che i mezzi mediante i quali il cervello converte i ritmi del parlato in segmenti linguistici: Gamma 25-35 Hz Teta 4-8 Hz Delta 1-3 Hz

Aree di Brodmann (1909)

Scale di modulazione temporale aperiodiche ma la cui ritmicit seleziona regolarit


~3050 Hz gamma 4 - 7 Hz 12 Hz teta delta Scala temporale fonemica Scala temporale sillabica Scala temporale per sintagma fonologico e intonativo

Giraud e Poeppel 2012

le oscillazioni intrinseche nella corteccia uditiva A1 e A2 (BA 41 e 42) interagiscono con lattivit generata da un segnale acustico afferente Incastro oscillatorio teta-gamma: la fase delle oscillazioni lente controlla le oscillazioni a velocit pi alta, la loro fase Segmentazione: risultato dellincastro oscillatorio BA 22: oscillazioni teta e delta

Functional anatomy of speech-sound processing.

Poeppel D et al. Phil. Trans. R. Soc. B 2008;363:1071-1086

2008 by The Royal Society