Sei sulla pagina 1di 9

1

LE MATRICI
Def: una matrice di numeri reali ` e una tabella a11 a12 ... a21 a22 ... A= ... ... ... am1 am2 ... m x n di numeri reali aij : a1n a2n ... amn

Def: se m = n la matrice si denisce quadrata ; se m = n la matrice si denisce rettangolare. La diagonale principale ` e formata dagli elementi aii per i = 1, 2, ..., n; la diagonale secondaria ` e formata dagli elementi ai,ni+1 per i = 1, 2, ..., n e loperazione che trasforma la matrice Amxn nella Def: La trasposizione ` scambiando righe e colonne. matrice AT mxn Def:Si denisce matrice nulla la matrice: 0 0 ... 0 0 ... 0= ... ... ... 0 0 ...

0 0 ... 0

Def: Si denisce matrice diagonale la matrice quadrata i cui elementi ad eccezione di quelli sulla diagonale principale sono tutti nulli 2 0 0 A= 0 1 0 0 0 2 Def: Si denisce matrice identicala matrice diagonale con aii = 1, i: 1 0 0 I= 0 1 0 0 0 1

Def: Si denisce matrice scalareuna matrice del tipo A = I aii = 1, i: 0 0 I= 0 0 0 0 Def: Si denisce matrice simmetrica la matrice quadrata per la quale A = AT 1 2 3 I= 2 4 5 3 5 6

Def: Si denisce matrice triangolare superiore o inferiore la matrice i cui elementi sovrastanti o sottostanti la diagonale principale sono tutti nulli: 1 4 5 I= 0 4 5 0 0 6

Le operazioni con le matrici Uguaglianza tra matrici: Amxn = Bmxn se e solo se aij = bij , i, j Somma di matrici: Date Amxn e Bmxn la matrice somma ` e la matrice Cmxn = A + B = [aij + bij ] Si verica che: (AT + B T ) = (A + B )T

Prodotto di uno scalare per una matrice: Amxn = [aij ]=i=1,2,...,m;j =1,2,...,n Prodotto tra matrici: Date le matrici Amxn e Bnxq si denisce matrice prodotto Cmxq con cij uguale al prodotto scalare della i-esima riga di A per la j-esima colonna di B Esempio: 0 1 A= 1 3 B= 2 4 c11 = 0 1 1 4 c12 = 0 0 1 2 = 2 4 2 3 6 7 C = 13 18 8 8 Osservazione: Il prodotto tra matrici non verica la propriet` a commutativa n` e la legge di annullamento del prodotto. Esempio: calcolare il prodotto tra A = 2 6 1 3 eB= 1 2 0 0

1 4

0 2

2 3

3 Il determinante Def : Data una matrice quadrata Anxn si denisce determinante la somma degli n! prodotti possibili che si possono trarre dalla matrice data considerando tutte le permutazioni dei secondi indici ciascuno preso con il suo segno se la permutazione ` e di classe pari e con il segno opposto se la permutazione ` e di classe dispari: det(A) =
i

(1)i a1k1 a2k2 ...ankn

Esempio A= a11 a21 a12 a22

n = 2 2! prodotti: det(A) = |A| = a11 a22 a12 a21 a11 a12 a13 B = a21 a22 a23 a31 a32 a33 n = 3 3! prodotti: det(B ) = a11 a22 a33 a11 a23 a32 a12 a21 a33 + a12 a23 a31 + a13 a21 a32 a13 a22 a31 Teorema: Condizione necessaria e suciente anch` e n vettori di n siano linearmente dipendenti ` e che sia nullo il determinante della matrice ottenuta per accostamento degli n vettori dati. Def : una matrice quadrata si denisce singolare quando il suo determinante ` e nullo. Def : Data la matrice quadrata Anxn e dato un suo elemento aij si denisce minore complementareMij di aij il determinante della matrice ottenuta eliminando dalla matrice A la i-esima riga e la j-esima colonna. 1 2 3 Esempio: A = 4 7 5 2 1 2 1 2 M23 = det 2 1 Def : si denisce complemento algebrico Cij di aij : Aij = (1)i+j Mij

Primo teorema di Laplace: Il determinante di una matrice Anxn ` e uguale alla somma dei prodotti degli elementi di una linea ssata per i rispettivi complementi algebrici: det(A) = {
n k=1

a aik Aik

n=1 n>1

Def : Data la matrice quadrata Anxn, si denisce matrice inversa la matrice Bnxn, se esiste, tale che: A B = B A = I . Se esiste la matrice inversa ` e unica. Teorema: Condizione necessaria e suciente anch` e una matrice quadrata ammetta inversa ` e che sia non singolare. Si dimostra che: B = A /det(A) dove A ` e la matrice aggiunta, data dai complementi algebrici della trasposta di A.

Il rango Def.: Data una matrice Amxn si denisce minore una sua sottomatrice quadrata Def. La matrice Amxn ha rango r quando r ` e il massimo ordine delle sue sottomatrici quadrate non singolari. Dunque Amxn ha rango r se: 1. Esiste almeno un minore di ordine r con determinante non nullo 2. tutti i minori di ordine r + 1 hanno determinante nullo. Teorema degli orlati: Data una matrice Amxn e M un suo minore non singolare di ordine r, se tutti gli orlati di M hanno determinante nullo allore il rango di Amxn ` e r.

SISTEMI LINEARI
Un sistema lineare in forma matriciale si esprime come: Ax = b dove A ` e la matrice dei coecienti: a11 a21 A= ... am1

a12 a22 ... am2

... ... ... ...

a1n a2n ... amn

x` e il vettore colonna delle incognite x1 x2 x= ... xn eb` e il vettore colonna dei termini noti:

b1 b2 b= ... bm

Teorema di Rouch e- Capelli: Un sistema lineare Ax = b ammette soluzione se e solo se il rango della matrice dei coecienti A ` e uguale al rango della matrice ottenuta orlando A con il vettore dei termini noti b: Ax = b r(A) = r(Ab)

Teorema di Cramer: Un sistema lineare Ax = b con A matrice quadrata non singolare ammette una e una sola soluzione x = (x1 , x2 , ..., xn )T data da: xi = det(Ai ) , i = 1, 2, ..., n det(A)

dove Ai ` e la matrice che si ottiene da A sostituendo la colonna dei termini noti al posto della i-esima colonna. Def : un sistema lineare si dice omogeneo se i sui termini noti sono tutti

6 nulli. Ax = 0

Un sistema omogeneo ammette sempre la soluzione banale in cui tutte le incognite hanno valore nullo. Se il rango della matrice dei coecienti r(A) = n con n numero delle incognite il sistema ammette solo la soluzione nulla; negli altri casi ammette innite soluzioni.

ESERCIZI
1. Calcolare le matrici AB, BC, 5B, (A+B), (A+B)T , AB 2C 1 A= 2 7 B = 1 2 4 1 2 3 C= 4 0 5 1 2 2 1 2 1 2 3 2. Calcolare AB e BA A = B= 1 0 1 0 2 2 3 3 2 2 4 3 B= 4 1 3. Calcolare AB e BA A = 1 2 2 2 3 4. Calcolare AB e BA 1 2 3 A = 1 0 2 0 5 1 1 2 0 B = 1 0 1 4 2 1 5. Utilizzando il teorema di Laplace calcolare il determinante delle seguenti matrici: A= B= C= 0 1 1 1 1 2 1 0 2 3 1 2 1 0 6 5 2 5 0 2 1 1 2 3 4 0 1 2 0 0 3 0 0 0 1 1 4

6. Determinare i valori del parametro reale per cui vale det(A) = 0: C= 1 ( 1) 0

8 7. Calcolare 1 A= 1 2 3 B= 4 6 C= 3 1 0 D= 2 1 linversa se esiste delle seguenti matrici: 1 2 2 1 3 0 2 1 2 1 0 2 3 2 2 2 3 0 0 2 0 1 valori del parametro risultano invertibili le seguenti 3 3 1

8. Calcolare per quali matrici: 0 2 A = 2 4 + 2 2 2 3 B= 1 4 3 2 0

9. Determinare il rango delle seguenti matrici: 0 1 1 2 A = 2 5 1 2 1 2 1 0 1 0 1 2 2 B = 1 2 5 1 1 2 0 [sol : r(A) = r(B ) = 2] 10. Discutere al variare del parametro il sistema Ax = b: 3 2 A = 1 0 2 4 x x= y z 1 b= 0 1 [Sol.: per = 0, = 2 il sistema ha una sola soluzione, per = 0 ` e impossibile, per = 2 ha innite soluzioni ]

11. Risolvere sistema lineare: il seguente 1 1 1 A = 2 1 1 1 1 1 6 b = 3 0 12. Vericare senza risolverlo se il seguente sistema lineare ` e impossibile, ammette una o innite soluzioni: 2 1/2 A = 1 1 3 2 0 b= 1 1 [Sol: si ha r(A) = 2 perch` e det(M12,12 ) = 0]. Per quanto riguarda la matrice completa (Ab) si ha 2 r(Ab) 3, poich` e det(Ab) = 0 si ha anche r(ab) = 2. Dunque per il teorema di Rouch e- Capelli il sistema ammette soluzione e in particolare poich e r(a) = r(Ab) = n la soluazione ` e unica]