Sei sulla pagina 1di 4

Maurice Dobb Alcune questioni di storia del capitalismo Introduzione di Franco Cazzola Nel marzo 1962 lo storico inglese

Maurice Dobb fu invitato da Paolo Fortunati, allora direttore dellIstituto di statistica dell niversit! di "ologna, a tenere tre conferenze su temi di storia del ca#italismo, alcuni anni do#o la traduzione italiana$1% dei suoi Studies in the Development of Capitalism a##arsi nel 19&6 '(ondon, )outledge * +egan Paul,- .li Studies dello storico mar/ista inglese avevano ra##resentato un #unto di #artenza im#ortante #er la messa a #unto di rilevanti 0uestioni c1e riguardavano origini e svilu##o del ca#italismo industriale dalla dissoluzione dei ra##orti feudali alla drammatica crisi c1e aveva investito il sistema ca#italistico nel corso degli anni 23 e il cui esito catastrofico nel conflitto mondiale ne sottolineava le interne contraddizioni e le forti s#inte alla concentrazione mono#olisticaIl testo delle tre conferenze usc4 tradotto in italiano nel 1962$2% sulla rivista 56tatistica7 'anno 88II, ##- 1&9:196,, c1e si #ubblicava nellIstituto bolognesePerc1; dun0ue ri#ro#orre oggi su 0uesta rivista una riedizione delle conferenze bolognesi dello storico inglese< (a ragione #rinci#ale credo vada ricercata nel fatto c1e a distanza di mezzo secolo non si #u= dire ancora so#ito il dibattito tra storici c1e, #ur in modo critico, non intendono negare 'o rinnegare, la fecondit! inter#retativa della visione mar/iana della storia e lanalisi con essa coerente del sistema sociale ca#italistico- Non v> dubbio c1e sono c1iaramente datate ed obsolete gran #arte delle letture mar/iste ?ortodosse@ im#oste o suggerite agli storici dei #aesi c1e avevano vissuto sotto regimi comunisti- Altrettanto datata > la visione #essimistica di Dobb sulle ca#acit! del sistema ca#italistico di uscire dalle crisi sem#re #iB gravi scatenate dalle sue tendenze interne e dalla caduta tendenziale del saggio di #rofitto- 6i tenga #oi nel giusto conto il fatto c1e la ricerca storico:economica allora a dis#osizione dello storico inglese, si #u= dire fosse tutto sommato ancora molto circoscrittaC da Pirenne a Postan, da 6ombart a 6ee, da "loc1 a Mantou/ , da Dunning1am alla letteratura economica sulla de#ressione degli anni 23- Di= nonostante, il desiderio di inter#retare le origini e il successivo affermarsi di 0uel sistema economico:#roduttivo e sociale c1e 0ualcuno : come c1i scrive : si ostina ancora a c1iamare capitalismo incontra ancora, rileggendo 0ueste #agine e il libro di Dobb, non #oc1i motivi di riflessione e nuovi stimoli #er il #ro#rio lavoro(a storia economica > disci#lina c1e si trova oggi ad avere un #eso sem#re #iB trascurabile nelle facolt! universitarie in cui si formano gli economisti- Eiene s#esso meno nei #rogrammi ogni ric1iamo alla riflessione sui movimenti di lungo #eriodo delleconomia euro#ea e mondiale, a tutto vantaggio di visioni s#ecialistic1e e contem#oraneistic1e- Il succedersi nel tem#o di sistemi economici diversi da 0uello ca#italisticoF il #roblema del sorgere del sistema di fabbrica e del lavoro salariato e lo stesso #roblema storico dellaccesso di nuovi #aesi allo svilu##o economico cedono cos4 il #asso, a storie dellim#resa e degli im#renditori 'Business e Entrepreneurial History,, alla storia delle banc1e e della finanza, o##ure a modelli formali mutuati dalla econometria ed a##licati a realt! storic1e concrete- 6i tratta senza dubbio di a##rocci interessanti e talvolta fecondi, ma c1eG: a mio vedere : assomigliano molto ad innesti di nuove variet! su un ce##o a cui viene meno la linfa vivificatrice della discussione e del dibattitoMa veniamo ora al tema delle tre conferenze bolognesi"La transizione dal feudalesimo al capitalismo" (a #rima rilevante 0uestione riguarda, nello#era di Dobb, le forze motrici c1e #ortarono al declino del feudalesimo in 0uella fase storica caratterizzata dalla 5transizione7 verso il ca#italismo- (a visione dello storico inglese su 0uesto #unto > nettaC la transizione dal feudalesimo non riguarda tanto le forme giuridic1e da 0uesto assunte ma alla sua sostanza come sistema economico e sociale e come modo di produzione, i cui ra##orti sono dominati dal servaggio- Huali le forze disgregatrici del sistema e 0uali le strade con cui si affermarono i

nuovi ra##orti basati sul lavoro salariato< Ira la dissoluzione del sistema feudale e laffermazione del ca#italismo industriale trascorsero alcuni secoli- Pro#rio su 0uesto #unto si a#r4 con am#io s#ettro una discussione nella storiografia dei #rimi anni J3 c1e vide contra##oste o#inioni nel merito della categoria storiografica della transizione- Da un lato le tesi ?monetariste@ c1e vedevano nella crescente circolazione del denaro e nella ri#resa del commercio il #rinci#ale agente dissolutore 'Paul- M- 6KeezL, M- Pirenne, ma ancor #rima .ustav 6c1moller,- Dallaltro lato le idee di Dobb e altri sulle ragioni essenzialmente interne al sistema #rima tra le 0uali la sua inefficienza come modo di #roduzione- In 0ueste conferenze bolognesi Maurice Dobb ris#onde a diverse obiezioni c1e gli erano state mosse, #untualizzando in #rimo luogo c1e il lungo #eriodo della transizione deve essere visto come articolato in due fasi cronologic1e distinteC nella #rima vanno individuate le forze storic1e e gli agenti disgregatori del sistema feudale di sfruttamento del lavoro ca#aci di #rovocarne la crisiF nella seconda fase occorre stabilire 0uando e come sorsero, dalla disgregazione feudale, i modi borg1esi e ca#italistici di #roduzione- Per lo storico inglese lintervallo tra il declino del feudalesimo e la maturazione del ca#italismo con la ?rivoluzione industriale@ era talmente lungo da dover rifiutare es#licitamente le o#inioni di 0uella #arte della storiografia mar/ista secondo cui forme ca#italistic1e di #roduzione erano nate ?nel grembo della societ! feudale@, come sosteneva a 0uel tem#o il manuale sovietico di economia #olitica- D1e luso della moneta e il ca#itale commerciale avessero un ruolo nella disgregazione della societ! feudale #u= essere concesso ma non necessariamente vanno visti come diretti #rogenitori del ca#italismo, tanto #iB c1e il servaggio c1e si afferm= nellNuro#a orientale a #artire dal 8EI secolo non era certo incom#atibile con lo svilu##o del commercio a distanza di cereali e #rodotti agricoli da #arte dei signori feudaliF anzi, in molti casi #ro#rio il commercio favoriva il rafforzamento dei legami servili- Ne##ure dimostrato, a giudizio di Dobb, era il ruolo del ca#itale mercantile nella transizione, data la stretta alleanza c1e sovente si stabiliva fra grandi mercanti e classe feudaleOccorreva dun0ue ricercare allinterno del modo di #roduzione feudale le cause della disgregazione, a cominciare dalla differenziazione sociale dei contadini, dalla resistenza e dalle rivolte del mondo rurale e dalla 5lotta dei #iccoli #roduttori #er allentare i vincoli dello sfruttamento feudale7- 6i #u= notare c1e 0uesta c1iave di lettura verr! ri#ro#osta 0uindici anni #iB tardi da )obert "renner con un articolo su 5Past * Present7c1e ria#riva il dibattito storiografico sulla transizione a #artire dai mutamenti c1e avvennero nella societ! contadina e nella com#osizione di classe nelle cam#agne euro#ee$2%Dobb ric1iama #erci= laffermazione mar/iana circa 5la via veramente rivoluzionaria7 con cui il ca#itale si im#adronisce della #roduzione7, cio> 0uando il #roduttore diviene un mercante e un ca#italista, e non 0uando il mercante ac0uista sem#licemente il controllo della stessa- Non si #u= tuttavia #arlare, #er Dobb, di un modo intermedio di #roduzione, come sostenuto da Paul M- 6KeezL c1e aveva #ro#osto il concetto di 5#roduzione #reca#italistica di beni7"Introduzione alla rivoluzione industriale" (a seconda conferenza > dedicata alla cruciale successiva 0uestione della nascita del ca#italismo industriale- Dobb inizia subito contestando i tentativi di abbandono del termine ?rivoluzione industriale@ #er sostituirla con #iB neutri indicatori statistici, come ad esem#io il concetto di take off , ossia decollo, #ro#osto dallamericano Palt )ostoK, come se lo svilu##o storico fosse riconducibile a serie statistic1e- Ma egli rifiuta anc1e le tesi c1e il ca#italismo nasca con la rivoluzione industriale, concentrando #erci= lanalisi sul #eriodo #re#aratorio della stessa- Dal tardo QJ33 e lungo il 8EII secolo #rendono intanto forza i sistemi dellindustria a domicilio, mentre viene indebolito il sistema #roduttivo artigianale:cor#orativo delle citt!- (a #ressione demografica sulla terra del 8EI secolo aveva accelerato 0uesto #rocesso, nonostante la #roletarizzazione della classi contadine fosse ancora #arziale, mentre i debiti e la crescente com#lessit! dei mezzi di #roduzione rendevano anc1e i lavoratori a domicilio sem#re #iB di#endenti dai mercanti:im#renditori c1e fornivano ad essi la materia #rima e ne ritiravano il lavoro fatto- Il #rocesso avviato doveva comun0ue subire una interruzione durante 0uella c1e > stata da vari storici indicata come ?crisi generale del 8EII secolo@ e dun0ue si #otrebbe #arlare

di un ?falsa #artenza@ della rivoluzione industriale- n altro elemento su cui ric1iamare lattenzione > #osto dallo svilu##o del mercato interno, mentre linflusso dei mercati ?esterni@ come 0uelli coloniali nelle#oca del mercantilismo non necessariamente si traduce in stimolo #er il ca#italismo industrialeMaurice Dobb introduce a 0uesto #unto e discute un altro concetto mar/iano, 0uello di ?accumulazione #rimitiva@ del ca#itale, da vedere non come sem#lice ammassamento di oggetti di ricc1ezza durevoli, c1e finirebbe #er= #er deviare o ritardare linvestimento #roduttivo- Ad esem#io, il sem#lice trasferimento di terreni ad una classe di nuovi #ro#rietari a danno della classe feudale non #u= essere considerato sinonimo di creazione di ca#itale reale(arricc1imento non sarebbe dun0ue condizione sufficiente #er lo svilu##o dello spirito capitalistico come suggeriscono autori im#ortanti come Ma/ Peber e Perner 6ombart(accumulazione originaria o #rimitiva, va vista #iuttosto come un #rocesso sociale di concentrazione di mezzi di #roduzione e al contem#o di spoliazione della classe dei #iccoli #roduttori, facendo emergere cos4 la borg1esia da un lato e il #roletariato dallaltro- Ma lo stesso arricc1imento borg1ese, conclude Dobb, non > di #er se stesso sufficiente se la ricc1ezza accumulata non viene im#iegata #er #romuovere lo svilu##o della #roduzione- 6e 0uesta dis#onibilit! di ricc1ezze e di #atrimoni di origine mercantile fosse di #er s; in grado di avviare la rivoluzione industriale, 0uando dovremmo allora considerare in atto 0uesta fase finale di ?realizzazione@ durante la 0uale le ricc1ezze accumulate dalla borg1esia si convertono in ca#itale #roduttivo< Dobb sottolinea c1e occorrer! ricercare laffermazione del ca#italismo e lim#iego crescente di lavoro salariato nei mutamenti c1e investono il cor#o stesso della #roduzione con lemergere di im#renditori e di innovatori sia in cam#o industriale, sia, so#rattutto, in cam#o agricolo"Alcuni aspetti del capitalismo nel XX secolo dopo la prima guerra mondiale" (a terza conferenza bolognese di Maurice Dobb viene dedicata a riflessioni sullevoluzione del sistema ca#italistico nella #rima met! del secolo 88 e ai mutamenti indotti dalla devastante lunga de#ressione degli anni Irenta- In c1e misura, si c1iede lo storico inglese, il ca#italismo del Q933 #oteva considerarsi altra cosa da 0uello del secolo #recedente, caratterizzato dalla rivoluzione industriale< Il 0uesito #rende le mosse da un famoso libro uscito #ro#rio nei #rimi anni Irenta di Adolf "erle e .ardiner Means, The Modern Corporation and Private Property !"#$%, col 0uale i due studiosi americani segnalavano lavvenuta concentrazione della ricc1ezza in un ristretto numero di grandi cor#orations e so#rattutto lavvenuta se#arazione della #ro#riet! dal management e dal governo delle stesse- Per Dobb la trasformazione mono#olistica delleconomia ca#italistica 1a sem#licemente s#ostato su scala mondiale i ra##orti di dominio, coinvolgendo le aree sottosvilu##ate- Per 0uanto lanalisi di Dobb risulti in #ro#osito molto datata e riferita allo sc1ema dualistico c1e si #rofilava alla met! del secolo 88 tra #aesi svilu##ati e #aesi sottosvilu##ati, si #u= dire c1e egli avesse comun0ue individuato alcuni nodi centrali del #roblema, la cui attualit! non #are ancora tramontata- Il #rimo nodo riguarda le ra&ioni di scam'io()*, fra #rodotti industriali e risorse #rimarie c1e sottolineano la forma di dominio raggiunta del ca#italismo industriale sul resto del mondo- (a 0uestione, come sa##iamo, rimane al centro dei #eriodici rounds del .AII e dellorganizzazione mondiale del commercio, e vede contra##orsi la necessit! di es#ortare dei #aesi in via di svilu##o e le c1iusure #rotezionistic1e dei #aesi svilu##ati- Il secondo investe la natura della 5vera e #ro#ria rivoluzione tecnica7 di cui Dobb avvertiva larrivo con lo svilu##o dellautomazione- (a terza 0uestione riguarda infine il ruolo centrale c1e esercita ormai lo stato nel governo delleconomia e nella stessa diretta gestione di im#rese, so#rattutto do#o la##licazione di #olitic1e +eLnesiane indotta dalla grande de#ressione c1e si era verificata tra le due guerre mondiali e dalla stessa economia di guerra(evoluzione economica degli ultimi cin0uantanni 1a sottratto gran #arte dellattualit! di 0ueste intuizioni c1e Dobb #ro#oneva alla riflessione allinizio degli anni 63, #rima della crisi #etrolifera, dellabbandono delloro come strumento di governo dei sistemi monetari, dellinflazione come sistema di riduzione dei salari reali e della cosiddetta globalizzazione- In

sede storica le 0uestioni #oste dagli Studies di Maurice Dobb non restano #er 0uesto meno interessanti e meno degne di essere sotto#oste al vaglio della corrente storiografia+e tre lezioni 'olo&nesi di Maurice Do'', $),$- marzo !".$/ $1% Il titolo della traduzione italiana > Pro'lemi di storia del capitalismo, )oma, Nditori )iuniti, 19JR- Di 0uesta o#era sono seguite due altre edizioni nel 1969 e nel 19R3- Nntrambe recano una introduzione di )enato Sang1eri, c1e aggiorna i dati dellintenso dibattito internazionale c1e aveva trovato s#azio in riviste come 56cience and 6ocietL7 e 5Past * Present7$2% Don il titolo 0lcune 1uestioni di storia del capitalismo, 56tatistica7, anno 88II '1962,, ##1&9:196- Dobb diede alle stam#e il testo inglese, 0ualc1e anno do#o, in Dobb, Papers on Capitalism, Development and Plannin&, (ondon 1969$2% The Brenner De'ate2 0&rarian Class Structure and Economic Development in pre, 3ndustrial Europe, a cura di I-M As1ton e D-M-N- P1il#in, Dambridge, 1996 'trad- it-C 3l Di'attito Brenner2 0&ricoltura e sviluppo economico nell4Europa preindustriale, Iorino, 19R9,$&% (a traduzione italiana delle conferenze ri#orta il termine rapporti di scam'io ma il contesto inglese si riferisce ai terms of trade, c1e nel corrente linguaggio degli economisti dovrebbe essere #iB correttamente tradotto con ra&ioni di scam'io,intendendo con 0uesto il ra##orto fisico o in valore tra #rodotti industriali e materie #rime 'es- automobiliT#etrolio,-