Sei sulla pagina 1di 2

Minatrice fogliare della vite

Holocacista rivillei Si tratta di un microlepidottero le cui larve scavano gallerie caratteristiche nel parenchima fogliare, ma con danni solitamente di poco conto, tali da non giustificare un intervento chimico. Da alcuni anni stata segnalata in Trentino (anche se a livello endemico) la presenza di vigneti colpiti da un lepidottero denominato Holocacista rivillei Stainton. Come gi detto, si tratta di un lepidottero di dimensioni piuttosto ridotte (apertura alare di 3,5-4 mm) fon ali frangiate di color nero lucente, presentanti quattro macchiette argentee. Poich la farfallina di piccole dimensioni risulta difficilmente identificabile con semplice controllo visuale del vigneto. L'insetto presente sopratutto nel bacino del Mediterraneo (Italia meridionale, Spagna, Malta) e nel Medio Oriente (Libano, Iran). In tali zone, caratterizzate da forte insolazione e clima caldo secco, il fitofago svolge tre o pi generazioni all'anno, mentre negli ambienti settentrionali (Piemonte, Emilia, Trentino) non compie pi di due generazioni. Va precisato che la diffusione nelle regioni settentrionali in ogni caso molto limitata e localizzata. Le femmine ovidepongono sulla pagina superiore delle foglie, inserendo le uova entro i tessuti fogliari (nervature e mesofillo). Le uova sono ovali, con diametro di 0,1 mm e di colore bianco. In primavera avanzata (all'incirca durante il mese di maggio) le larvette fuoriuscite dalle uova cominciano a nutrirsi all'interno dei tessuti fogliari, rispettando per le due epidermidi. In un primo tempo la larva scava una galleria (mina) serpentiniforme, mentre in un secondo tempo la mina assume un aspetto a chiazza. in caso di forti infestazioni possibile constatare la presenza di numerose mine per foglia. Quando le larve hanno raggiunto la maturit (larva di quarta et), rivestono di uno strato di seta le due faccie interne della mina e ritagliano il fodero cos ottenuto, con il quale si lasciano cadere verso il basso, raggiungendo la corteccia (ritidoma) o il terreno. In questo momento il vento pu svolgere un ruolo rilevante nel trasporto di questti foderi (bozzoli) anche a notevole distanza. All'interno dei bozzoli le larve attuano lo svernamento, per incrisalidarsi poi in primavera. Va ricordato inoltre che le larve giovani sono di colore giallo-rossastro, mentre, quanto raggiungono la maturit, assumono una colorazione giallo paglierina ed inoltre sono pi tozze e apode. Per quanto riguarda i bozzoli entro cui rimangono protette le larve (e successivamente le crtisalidi) si presentano con l'aspetto di un piccolo fodero ellittico simile ad un seme lungo circa 4 mm e di color bianco sporco. Relativamente ai danni possiamo dire che essi sono difficilmente quantificabili, anche perch la presenza dell'insetto nei nostri ambienti molto limitata e saltuaria. In ogni caso ci sembra opportuno ricordare che la generazione pi dannosa quella estiva e quindi la maggior parte dei danni fogliari (mine e fori lasciati dal distacco del bozzolo) sono marcatamente evidenti dal mese di agosto in poi.

Holocacista rivillei adulto

Holocacista rivillei bozzolo

Holocacista rivillei larva

Holocacista rivillei mina


Fondazione Edmund Mach di San Michele all'Adige Via E. Mach, 1 38010 S. Michele all'Adige (TN) - ITALY Tel. +39 0461 615111 - Fax +39 0461 650872 - P.IVA 02038410227

Segnala la pagina Esprimi il tuo commento