Sei sulla pagina 1di 28

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p.

128

Il problema del sepolcro vuoto


Catechismo della Chiesa Cattolica - IL TERZO GIORNO RIS SCITO! "#I $ORTI %&' Noi vi annunziamo la Buona Novella !e la p"ome##a $atta ai pad"i #i % ompiuta& poi !' (io l)!a attuata pe" noi& lo"o $igli& "i#u# itando *e#+, - .t 13&32/330. 1a 2i#u""ezione di *e#+ % la ve"it3 ulminante della no#t"a $ede in 4"i#to& "eduta e vi##uta ome ve"it3 ent"ale dalla p"ima omunit3 "i#tiana& t"a#me##a ome $ondamentale dalla T"adizione& #ta5ilita dai do umenti del Nuovo Te#tamento& p"edi ata ome pa"te e##enziale del 6i#te"o pa#7uale in#ieme on la "o e8 4"i#to % "i#u# itato dai mo"ti. 4on la #ua mo"te !a vinto la mo"te& .i mo"ti !a dato la vita 91itu"gia 5izantina& T"opa"io di Pa#7ua:. L!avve(ime(to storico e trasce(de(te %&) Il mistero della Risurre*io(e di Cristo + u( avve(ime(to reale che ha avuto ma(i,esta*io(i storicame(te co(statate- come attesta il Nuovo Testame(to. *i3 ve"#o l)anno ;< #an Paolo pu= # "ive"e ai "i#tiani di 4o"into8 >i !o t"a#me##o dun7ue& anzitutto& 7uello !e an !)io !o "i evuto8 !e io% 4"i#to mo"? pe" i no#t"i pe ati #e ondo le S "ittu"e& $u #epolto ed % "i#u# itato il te"zo gio"no #e ondo le S "ittu"e& e !e appa"ve a 4e$a e 7uindi ai (odi i, - 14o" 1;&3/40. 1).po#tolo pa"la 7ui della t"adizione viva della 2i#u""ezione !e egli aveva app"e#o dopo la #ua onve"#ione alle po"te di (ama# o 94$ .t @&3/18 :. Il sepolcro vuoto %/0 Pe" !' e" ate t"a i mo"ti olui !e % vivoA Non % 7ui& % "i#u# itato, - 1 24&;/<0. Nel 7uad"o degli avvenimenti di Pa#7ua& il p"imo elemento !e #i in ont"a % il #epol "o vuoto. Non % in #' una p"ova di"etta. 1)a##enza del o"po di 4"i#to nella tom5a pot"e55e #piega"#i alt"imenti 94$ *v 20&13B <40 6t 28&11/1; :. 6alg"ado i=& il #epol "o vuoto !a o#tituito pe" tutti un #egno e##enziale. 1a #ua # ope"ta da pa"te dei di# epoli % #tato il p"imo pa##o ve"#o il "i ono# imento dell)evento della 2i#u""ezione. (app"ima % il a#o delle pie donne& 94$ 1 24&3B 1 24&22/23 : poi di Piet"o 94$ 1 24&12 :. Cl di# epolo... !e *e#+ amava, - *v 20&20 a$$e"ma !e& ent"ando nella tom5a vuota e # o"gendo le 5ende pe" te""a, - *v 20&<0& vide e "edette, - *v 20&80. 4i= #uppone !e egli a55ia on#tatato& dallo #tato in ui #i t"ovava il #epol "o vuoto& 94$ *v 20&;/D : !e l)a##enza del o"po di *e#+ non poteva e##e"e ope"a umana e !e *e#+ non e"a #empli emente "ito"nato ad una vita te""ena ome e"a avvenuto pe" 1azza"o 94$ *v 11&44 :.

Le testimo(ia(*e sulla risurre*io(e di Ges1 Pe" $a"e un)indagine #ui do umenti& nei 7uali #i atte#ta la "i#u""ezione di *e#+& #i deve a$$"onta"e una 7ue#tione p"elimina"e8 la risurre*io(e di Ges1 + docume(tabile2 Pe" "i#ponde"e a 7ue#to inte""ogativo #i dov"e55e de$ini"e la natu"a della "i#u""ezione di *e#+ in "appo"to alla #to"ia. Si t"atta di un evento !e #i ollo a nell)o"izzonte dello #pazio e del tempo& ome tutti gli eventi della #to"ia& o di una "ealt3 !e e#o"5ita dall)am5ito dell)e#pe"ienza umanaA Eue#ti inte""ogativi p"e#uppongono un)opzione p"evia i" a la po##i5ilit3 o meno !e il mondo& in ui #i di#piegano l)agi"e e il ono# e"e degli e##e"i umani& #ia ape"to o meno all)azione di

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 12@

una potenza t"a# endente& !e i "edenti !iamano (io. 4!i int"ap"ende una "i e" a #to"i a& ome 7ual#ia#i attivit3 tipi a dell)e##e"e umano li5e"o e "e#pon#a5ile& $a una # elta p"o o ont"o l)ape"tu"a del mondo all)azione t"a# endente di (io. Tale opzione di a"atte"e e#i#tenziale& ela5o"ata in modo "i$le##o nella $ilo#o$ia o nella teologia& ondiziona la "i e" a #ulla "i#u""ezione di *e#+. 1a "i#u""ezione di *e#+& omun7ue #ia inte"p"etata& !a delle "ipe" u##ioni #ul piano #to"i o. Cl g"uppo dei di# epoli& !e #ono #tati on *e#+ p"ima della #ua mo"te& d3 o"igine a un)e#pe"ienza "eligio#a #to"i amente 5en de$inita. 1a #ua ondanna alla mo"te di "o e ome #ovve"#ivo pe"i olo#o& getta un)om5"a di di# "edito #ulla #ua pe"#ona e #ulla #ua ope"a. Senza nega"e la #ua ondanna alla mo"te in$amante #ulla "o e& i di# epoli di *e#+ #i appellano alla #ua "i#u""ezione pe" p"o lama"ne il me##aggio e p"e#enta"e la #ua pe"#ona ome nuova via di #alvezza pe" ogni e##e"e umano. 1a onvinzione !e *e#+ % "i#o"to e vivo #ta all)o"igine dell)agg"egazione dei #uoi di# epoli dopo la #ua mo"te e d3 impul#o all)e#pan#ione di un movimento "eligio#o di a"atte"e unive"#ale. La testimo(ia(*a di 3aolo 1e p"ime te#timonianze della "i#u""ezione di *e#+ #ono le a$$e"mazioni e le p"e#e di po#izione dei #uoi di# epoli& impegnati nel movimento "eligio#o !e #i i#pi"a alla #ua pe"#ona e mi##ione #to"i a. Solo nel a#o di Paolo& la te#timonianza p"oviene da un giudeo militante& !e !a om5attuto il movimento me##iani o& #o"to all)inte"no del giudai#mo pale#tine#e 4c,. Gal 5-5&-5/6. La docume(ta*io(e di 3aolo sulla risurre*io(e di Ges1 + la prima i( ordi(e cro(olo7ico- perch8 ,a parte de7li scritti cristia(i pi1 a(tichi e attribuiti co(cordeme(te all!apostolo. Paolo % l)uni o dei te#timoni !e non % #tato al #eguito del *e#+ te""eno e !e pa"la della #ua e#pe"ienza d)in ont"o on *e#+ "i#o"to in p"ima pe"#ona. 9"io ha risuscito Ges1 Cristo dai morti 9 .gli inizi degli anni in7uanta dell)e"a "i#tiana& nella lette"a inviata alla 4!ie#a di Te##aloni a& appena $ondata& Paolo "ipo"ta un $"ammento della #ua p"o lamazione del >angelo ai non e5"ei. Flogiando il dinami#mo #pi"ituale dei neo onve"titi di Te##aloni a& la ui $ama #i % di$$u#a t"a gli alt"i g"uppi "i#tiani della *"e ia& Paolo a$$e"ma !e 7ue#ti ultimi ne pa"lano on entu#ia#mo& "a ontando la #ua mi##ione e la lo"o p"onta ade#ione di $ede8 :come vi siete co(vertiti al "io vivo e vero e atte(dete dai cieli il suo ;i7lio- che e7li ha risuscitato dai morti. Ges1- il <uale ci libera dall!ira ve(tura= 45Ts 5-)-506. Nella #te##a lette"a Paolo p"e i#a la p"o#pettiva

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 130

della #pe"anza "i#tiana i" a il de#tino dei de$unti8 :Se i(,atti crediamo che Ges1 + morto e risorto- cos> a(che "io- per me**o di Ges1- radu(er? co( lui <uelli che so(o morti= 45Ts /-5/6. Cl $ondamento della #pe"anza di #alvezza pe" i "i#tiani mo"ti % la $ede in *e#+ 4"i#to mo"to e "i#o"to. Nella di !ia"azione di Paolo& !e e#pli ita la $o"mula di $ede ondivi#a on i Te##aloni e#i& la "i#u""ezione di *e#+& ome la #alvezza $inale dei "edenti& % att"i5uita a (io. Eual !e anno pi+ ta"di& nello # am5io epi#tola"e on la omunit3 "i#tiana di 4o"into& Paolo p"e#enta in modo pi+ ampio e a"ti olato la #ua te#timonianza #ulla "i#u""ezione di *e#+. Nella !ie#a o"inzia& $ondata e o"ganizzata dall)apo#tolo nella met"opoli della *"e ia on un lavo"o mi##iona"io du"ato pi+ di un anno& i g"uppi "i#tiani& !e #i "a olgono nelle a#e& tendono a ont"appo"#i in nome di uno o dell)alt"o p"edi ato"e. 1a tendenza al $"azioni#mo alligna in un lima di entu#ia#mo "eligio#o di #tampo individuali#ti o e #pi"ituali#ta. Senza "innega"e la lo"o $ede iniziale& al uni vanno di endo !e non e#i#te "i#u""ezione di mo"ti 45Cor 5@-5A6. Cl lo"o # etti i#mo #i 5a#a #ulla di$$i olt3 di on epi"e la "i#u""ezione dei o"pi dopo la di##oluzione della mo"te. 4i #i !iede8 :Come risor7o(o i morti2 Co( <uale corpo ve(7o(o2= 45Cor 5@-&@6. .lle di$$i olt3 e ai du55i dei "i#tiani di 4o"into& Paolo ont"appone l)annun io !e #ta alla 5a#e della lo"o $ede. 1)e$$i a ia della $ede pe" la #alvezza / a$$e"ma Paolo / dipende dall)ade#ione integ"a al >angelo& nella $o"ma !e % #tata p"opo#ta8 A voi infatti ho trasmesso, anzitutto, quello che anch'io ho ricevuto, cio che Cristo mor per i nostri peccati, secondo le Scritture, e che fu sepolto, e che risorto il terzo giorno secondo le Scritture, e che apparve a Cefa e quindi ai Dodici. n seguito apparve a pi! di cinquecento fratelli in una sola volta" la maggior parte di essi vive ancora, mentre alcuni sono morti. noltre apparve a #iacomo, e quindi a tutti gli apostoli. $ltimo fra tutti apparve anche a me come ad un a%orto. o infatti sono il pi! piccolo tra tutti gli apostoli e non sono degno di essere chiamato apostolo, perch& ho perseguitato la Chiesa di Dio. 'er grazia di Dio, per(, sono quello che sono, e la grazia di Dio in me non e stata vana. Anzi, ho faticato pi! di tutti loro, non io per(, ma la grazia di Dio che con me. Dunque, sia io che loro )altri apostoli*, cos predichiamo e cos avete creduto+ ),Cor ,-,./,,*. 4on la $"a#e8 Gvi !o t"a#me##o H 7uello !e !o "i evutoG& indi a la $onte e l)auto"evolezza della t"adizione ome nel te#to della G ena del Signo"eG -14o" 11&230. Cl ontenuto del >angelo p"o lamato da Paolo a 4o"into % onden#ato in 7uatt"o p"opo#izioni& dove il #oggetto % 4"i#to8

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 131

9mor>9... 9,u sepolto99+ risorto9... 9apparve9... Nelle p"ime due "ig!e e nella 7ua"ta& on la $o"ma ve"5ale dell)ao"i#to #)indi a un evento ollo ato nel pa##ato& ment"e nella te"za "iga& on la $o"ma ve"5ale del pe"$etto& #i e#p"ime la pe"manenza $ino al p"e#ente di 7uello !e % apitato nel pa##ato8 I% "i#o"to e "imane in 7uella ondizione...J. (ue delle 7uatt"o a$$e"mazioni #ono a ompagnate da e#p"e##ioni inte"p"etative8 I% mo"to pe" i no#t"i pe ati #e ondo le S "ittu"e... % #tato "i#u# itato il te"zo gio"no #e ondo le S "ittu"e... J. .lla mo"te di *e#+ % att"i5uito un valo"e #alvi$i o / Gmo"? pe" i no#t"i pe atiG / #ulla 5a#e della S "ittu"a. .llo #te##o modo la #ua "i#u""ezione& Gal te"zo gio"noG& % "iletta nella p"o#pettiva 5i5li a. P"imo de#tinata"io dell)appa"izione di *e#+ "i#o"to % Piet"o& p"e#entato on l)appellativo a"amai o di Kep!a#& G4e$a/"o iaG& onne##o on il g"uppo dei G(odi iG. (opo la menzione dei G in7ue ento $"atelliG& l)elen o p"o#egue on un alt"o nome della p"ima omunit3 "i#tiana& *ia omo& al 7uale #ono a##o iati tutti gli Gapo#toliG. "io ha rivelato i( me il ;i7lio suo (ell)e#pe"ienza d)in ont"o on *e#+ "i#o"to Paolo pa"la an !e in un 5"ano della 1ette"a inviata alle 4!ie#e della *alazia& ve"#o la met3 degli anni in7uanta. Nei p"imi due apitoli egli t"a ia un 7uad"o della #ua G5iog"a$iaG ome p"otagoni#ta della mi##ione "i#tiana& dalla !iamata #ulla via di (ama# o $ino ai ontatti e on$"onti on gli apo#toli di *e"u#alemme& in pa"ti ola"e on 4e$a/Piet"o. Paolo "a onta la #ua e#pe"ienza della !iamata on e#p"e##ioni mutuate dalla t"adizione 5i5li a& in pa"ti ola"e dai p"o$eti C#aia e *e"emia8 :$a <ua(do "io- che mi scelse ,i( dal se(o di mia madre e mi chiamB co( la sua 7ra*ia- si compiac<ue di rivelare i( me il ;i7lio suo- perch8 lo a((u(ciassi alle 7e(ti- subito se(*a chiedere co(si7lio a (essu(ose(*a a(dare a Gerusalemme da coloro che era(o apostoli prima di me- mi recai i( #rabia e poi ritor(ai a "amasco= 4Gal 5-5@-5C6. Paolo $a "i#ali"e all)iniziativa "adi ale e g"atuita di (io l)in ont"o on *e#+ "i#o"to& !e egli e#p"ime on il le##i o apo alitti o8 G(io #i ompia 7ue di "ivela"e& apoLalMp#ai& in me il Figlio #uoG. Eue#to % il ontenuto del #uo >angelo8 la "ivelazione di *e#+ 4"i#to& Figlio di (io -*al 1&12.1<0. Cl ve"5o apoLalMptein& GrivelareG& % impa"entato on 7uello della p"ima 1ette"a ai 4o"inzi& Gappa"veG& an !e #e nello

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 132

# "itto di *alati #i pone l)a ento #ull)iniziativa di (io& !e "ivela a Paolo il GFiglio #uoG. 1)e#pe"ienza di "ivelazione di *e#+ GFiglio di (ioG % il $ondamento della mi##ione di Paolo alle genti e il ontenuto del #uo annun io. Nel on$"onto on 7uelli !e #ono on#ide"ati auto"evoli a *e"u#alemme / !iamati G olonne della !ie#aG / Paolo "ivendi a la legittimit3 della #ua mi##ione alle genti& ponendola #ullo #te##o piano di 7uella di Piet"o agli e5"ei -*al 2&</D0. Cl >angelo& pe" il 7uale (io !a me##o da pa"te e !iamato l)apo#tolo Paolo& #i "ia##ume nel titolo GFiglio -di (io0G& dato a *e#+ 4"i#to. Nell)inte#tazione della 1ette"a ai 2omani& # "itta alla $ine degli anni in7uanta& Paolo "ipo"ta un $"ammento della p"o$e##ione di $ede "i#tiana& dove il >angelo di (io& p"ome##o dai p"o$eti nelle #a "e S "ittu"e& "igua"da :il ;i7lio suo- (ato dal seme di "avide seco(do la car(e- costituito ;i7lio di "io co( pote(*a- seco(do lo Spirito di sa(tit?- i( virt1 della risurre*io(e dei morti= 4Rm 5-/D c,. Rm '-&.&A.&/6. 1)appellativo att"i5uito a *e#+ 4"i#to / GFiglio -di (io0G / % onne##o in modo dinami o / G o#tituitoG / on la potenza dello Spi"ito di (io e la "i#u""ezione dei mo"ti. Si t"atta dello #te##o appellativo !e ompa"e nel p"imo # "itto di Paolo& dove i onve"titi al (io vivo e ve"o& attendono Gil #uo FiglioG& "i#u# itato dai mo"ti -1T# 1&100. Nella 1ette"a ai 2omani la $o"za #alvi$i a della "i#u""ezione di *e#+ 4"i#to % p"e#entata da Paolo on una $o"mula t"adizionale a on lu#ione del mid"a# #u .5"amo& !e "edette in (io& !e Id3 vita ai mo"ti e !iama all)e#i#tenza le o#e !e non #onoJ -2m 4&1D0. Fgli % il pad"e dei "i#tiani& i 7uali "edono in (io I !e !a "i#u# itato dai mo"ti *e#+ 4"i#to no#t"o Signo"e& il 7uale % #tato on#egnato alla mo"te pe" le no#t"e olpe ed % #tato "i#u# itato pe" la no#t"a giu#ti$i azioneJ -2m 4&24/2;0. EGes1 Cristo + il Si7(ore Cn alt"i te#ti Paolo onden#a la p"o$e##ione di $ede "i#tiana in *e#+ 4"i#to "i#o"to nel titolo KM"io#& GSigno"eG. Nella 1ette"a inviata dal a" e"e ai Filippe#i& pe" #olle ita"e la lo"o omunione nel modo di #enti"e p"o$ondo e la lo"o unit3 nell)amo"e& Paolo p"e#enta il d"amma di 4"i#to *e#+& ulminante nella #ua ondivi#ione del de#tino umano& vi##uta nella $edelt3 $ino all)umiliazione e#t"ema della mo"te di "o e -Fil 2&1/80. .lla #poliazione e all)a55a##amento di 4"i#to *e#+& #i ont"appone l)iniziativa di (io& !e l)!a e#altato e gli !a att"i5uito un "uolo al di #op"a di ogni "ealt3 "eata& pe" !' tutti "i ono# ano e p"o lamino I*e#+ 4"i#to Signo"e / KM"io# / a glo"ia di (io Pad"eJ -Fil 2&@/110. Nella p"o lamazione KM"io# Ce#ou#& 9Si7(ore 4+6 Ges19- !e #i pu= $a"e #olo #otto l)impul#o dello Spi"ito di (io& Paolo "ia##ume la p"o$e##ione di $ede dei "i#tiani

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 133

di 4o"into -14o" 12&30. Un)e o della p"o$e##ione di $ede in *e#+ 4"i#to GSigno"eG #i t"ova nel onte#to del #aluto $inale della #te##a 1ette"a8 ISe 7ual uno non ama il Signo"e& #ia anatema. 6a"ana t!aJ -14o" 1<&220. Nella 1ette"a ai 2omani& in un on$"onto t"a la Ggiu#tiziaG !e #i $onda #ull)o##e"vanza della legge di 6o#% e la Ggiu#tiziaG !e #i 5a#e #ulla $ede in *e#+ 4"i#to& Paolo appli a all)e#pe"ienza di $ede "i#tiana il te#to di (t 30&128 I>i ino a te e la Pa"ola& #ulla tua 5o a e nel tuo uo"e& io% la pa"ola della $ede !e noi p"edi !iamo. Pe" !' #e on la tua 5o a p"o lame"ai8 G*e#+ % il Signo"eNG& e on il tuo uo"e "ede"ai !e (io l)!a "i#u# itato dai mo"ti& #a"ai #alvoJ -2m 10&8/@0. Nell)e#p"e##ione G*e#+ % il Signo"eG& #i onden#a la $ede "i#tiana& !e Paolo ondivide on la !ie#a di 2oma& !e lui non !a $ondato. Nelle 1ette"e di Paolo& # "itte negli anni in7uanta dell)e"a volga"e& #i !a la do umentazione pi+ anti a della $ede in *e#+ 4"i#to "i#o"to dai mo"ti. Negli # "itti autenti i del p"otagoni#ta della p"ima mi##ione "i#tiana nel mondo g"e o/"omano "ie !eggiano le $o"mule dell)annun io "i#tiano e le p"o$e##ioni di $ede della p"ima 4!ie#a. 1a p"o lamazione del >angelo $a pe"no #ullo # !ema dialetti o della mo"te e "i#u""ezione -mani$e#tazione0 di *e#+ 4"i#to& atte#tato in 14o" 1;&3/;& e p"e#ente in alt"e $o"mule "ipo"tate da Paolo pe" motiva"e le #ue "i$le##ioni ed e#o"tazioni dettate pe" le omunit3 "i#tiane - $. 2m 4&24/2;B lT# 4&140. 1e p"ime p"o$e##ioni di $ede in *e#+ 4"i#to "uotano atto"no ai titoli nei 7uali #i onden#ano il #igni$i ato e il valo"e #alvi$i o della #ua "i#u""ezione8 Ges1 Cristo- ;i7lio 4di "io6 + Si7(ore - $. 2m 1&4B *al 1&1;B Fil 2&11B 14o" 12&30. Fo visto il Si7(ore Paolo #i "i$e"i# e alla #ua e#pe"ienza della "i#u""ezione di *e#+ pe" $onda"e e legittima"e il #uo #tatuto di apo#tolo e la #ua p"o lamazione del >angelo di (io alle genti. .lla !ie#a di 4o"into& dove al uni onte#tano il #uo "uolo e la #ua auto"it3 di apo#tolo& egli # "ive8 INon #ono $o"#e un apo#toloA Non !o veduto *e#+& Signo"e no#t"oAJ -14o" @&10. Nelle #ue 1ette"e Paolo non #i p"eo upa di a$$e"ma"e la "i#u""ezione di *e#+ ome evento o "ealt3 in #e& ma la p"e#uppone e la "i !iama pe" a "edita"e il #uo "uolo di apo#tolo& legittimo p"o lamato"e del >angelo di (io. 1)a#petto G$unzionaleG della te#timonianza di Paolo #ulla "i#u""ezione di *e#+ non ne "idu e la "ilevanza #to"i a. 1)apo#tolo non detta le #ue lette"e alle !ie#e pe" da"e in$o"mazioni #u $atti e #ituazioni !e "igua"dano la #to"ia di *e#+ o dei #uoi di# epoli& 7uello !e % apitato a

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 134

Piet"o/4e$a& ai (odi i& a *ia omo o agli alt"i mi##iona"i te#timoni della "i#u""ezione. Euando pa"la della #ua vi#ita a Piet"o/4e$a a *e"u#alemme nella 1ette"a ai *alati e del #u e##ivo on$"onto on le G olonne della !ie#aG& non d3 in$o"mazioni pe" un do##ie" auto5iog"a$i o& ma "imanda a $atti #to"i i pe" a$$e"ma"e e di$ende"e il #uo #tatuto di apo#tolo& in a"i ato da (io di p"o lama"e il >angelo alle genti. 1o #te##o vale pe" il #uo "i$e"imento alla mo"te e "i#u""ezione di *e#+ on $o"mule t"adizionali pe" motiva"e le i#t"uzioni ed e#o"tazioni "ivolte ai de#tinata"i delle #ue 1ette"e. Cn 5"eve le te#timonianze #ulla "i#u""ezione di *e#+& in#e"ite nell)epi#tola"io paolino& "igua"dano la "ealt3 di 7ue#ta e#pe"ienza& "iletta in un onte#to di $ede& allo # opo di oglie"ne il #igni$i ato e valo"e pe" l)e#i#tenza dei #ingoli e delle omunit3 "i#tiane. La testimo(ia(*a de7li 9apostoli9 (el seco(do libro di Luca Nel #uo #e ondo li5"o& 1u a o#t"ui# e il "a onto delle o"igini della 4!ie#a #ulla 5a#e delle ultime pa"ole di *e#+ p"ima di #epa"a"#i dai #uoi di# epoli on l)a# en#ione al ielo. Pe" 7ua"anta gio"ni egli #i mani$e#ta vivo ai di# epoli e p"omette di invia"e lo Spi"ito #anto& pe" !' #iano #uoi te#timoni Ia *e"u#alemme& in tutta la *iudea e la Sama"ia e $ino ai on$ini della te""aJ -.t 1&80. *li apo#toli& !e #ono #tati on *e#+ dal 5atte#imo di *iovanni $ino al gio"no della #ua a##unzione in ielo& #ono te#timoni della #ua 9risurre*io(e9. Eue#to % il "ite"io enun iato da Piet"o& 7uando p"opone ai $"atelli di # eglie"e uno !e p"enda il po#to di *iuda -.t 1&21/220. 3erciB l!autore de7li #tti riserva il titolo di 9apostoli9 solo al 7ruppo dei "odici. (opo la di# e#a dello Spi"ito #anto& nella $e#ta e5"ai a di Pente o#te& Piet"o& ome "app"e#entante e po"tavo e dei (odi i apo#toli& "ende te#timonianza della "i#u""ezione di *e#+ davanti ai *iudei di *e"u#alemme -.t 2&22/3<0. Sulla 5a#e delle S "ittu"e egli inte"p"eta la mi##ione #to"i a di *e#+& $inita t"agi amente on la ondanna a mo"te8 IO"a (io lo !a "i#u# itato& li5e"andolo dai dolo"i della mo"te& pe" !' non e"a po##i5ile !e 7ue#ta lo tene##e in #uo pote"eJ -.t 2&240. Nella "i#u""ezione di *e#+ Piet"o vede il ompimento delle pa"ole del Salmo 1<-1;0& dove (io p"omette al #uo on#a "ato di #ott"a"lo alla o""uzione e ondu"lo alla vita nella piena omunione on #'. Fgli appli a le e#p"e##ioni del Salmo davidi o al #uo di# endente& a *e#+ 4"i#to& !e non $u a55andonato nella mo"te8 IEue#to *e#+ (io l)!a "i#u# itato e noi tutti ne #iamo te#timoniJ -.t 2&320. Piet"o on lude la #ua a"gomentazione 5i5li a& "ivolgendo#i a C#"aele& u#tode delle p"ome##e di (io8 :Sappia du(<ue co( certe**a tutta la casa d!Israele che "io ha costituito Si7(ore e Cristo <uel Ges1 che voi avete croci,isso= 4#t A-&%6.

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 13;

.##ieme a *iovanni& Piet"o "ipete la #ua te#timonianza p"ima davanti alla $olla nei piazzali del tempio& e poi davanti alle auto"it3 e5"ai !e del Sined"io. . tutto il popolo !e& $uo"i di #e pe" lo #tupo"e di $"onte alla gua"igione dello #to"pio& a o""e p"e##o gli apo#toli& Piet"o di e8 :Il "io dei (ostri padri ha 7lori,icato il suo servo Ges1... #vete ucciso l!autore della vita- ma "io l!ha risuscitato dai mortiG (oi (e siamo testimo(i=4#t &-5&.5@6. C due apo#toli #ono $atti a""e#ta"e dalle auto"it3 del tempio& pe" !' in#egnano al popolo e annun iano in *e#+ la "i#u""ezione dai mo"ti. .ll)intimidazione e al divieto di in#egna"e nel nome di *e#+& Piet"o "i#ponde a##ieme a *iovanni8 :Noi (o( possiamo tacere <uello che abbiamo visto e ascoltato= 4#t /-A06. Nella #e onda ompa"izione davanti alle auto"it3 e5"ai !e& dopo un nuovo a""e#to& Piet"o "i5adi# e la #ua po#izione8 :Il "io dei (ostri padri ha risuscitato Ges1... "io lo ha i((al*ato co( la sua destra ,ace(dolo capo e salvatore... "i <uesti ,atti siamo testimo(i (oi e lo Spirito Sa(to che "io ha dato a coloro che 7li obbedisco(o= 4#t @-&0-&A6. .lla te#timonianza degli apo#toli di *e#+& !e po##ono onta"e #ulla $o"za dello Spi"ito& $a e o 7uella di Ste$ano& il p"imo te#timone/ma"ti"e di *e#+ "i#o"to -.t D&;;/ <00. Fgli # atena la "eazione violenta dei mem5"i del #ined"io& pe" !'& $i##ando gli o !i al ielo& vede la glo"ia di (io e *e#+ !e #ta "itto alla #ua de#t"a ed e# lama8 IF o& ontemplo i ieli ape"ti e il Figlio dell)uomo !e #ta alla de#t"a di (ioJ -.t D&;<0. Nelle pa"ole di Ste$ano& *e#+ non % #olo il 6e##ia glo"i$i ato da (io on la "i#u""ezione& ma % il Figlio dell)uomo& p"otagoni#ta del giudizio divino #ulla #to"ia umana. Nella linea di Ste$ano #i ollo a Paolo& t"a#$o"mato dall)in ont"o on *e#+ "i#o"to da pe"#e uto"e dei #uoi di# epoli in un #uo o"aggio#o te#timone. Nella itt3 di (ama# o& dove in ont"a la omunit3 "i#tiana. Paolo "i eve dal Signo"e& t"amite .nania& l)in a"i o di "ende"e te#timonianza al #uo nome davanti ai popoli -.t @&1/1@0. 1)impo"tanza di 7ue#to evento& pe" lo #viluppo della mi##ione "i#tiana& % "ima" ata dall)auto"e degli .tti& pe" !' egli lo "ipo"ta an o"a due volte nel "a onto in p"ima pe"#ona $atto da Paolo davanti ai *iudei di *e"u#alemme #ui piazzali del tempio e davanti alle auto"it3 giudai !e e "omane a 4e#a"ea& p"ima di e##e"e t"a#$e"ito a 2oma pe" "i#ponde"e delle a u#e al t"i5unale dell)impe"ato"e -.t 22&3/21B 2<&@/200. Nella #ua mi##ione nella dia#po"a giudai a e nelle itt3 delle p"ovin e o"ientali dell)impe"o "omano. Paolo "imanda alla te#timonianza degli apo#toli. .i *iudei e p"o#eliti& "iuniti nella #inagoga di .ntio !ia di Pi#idia& Paolo p"opone lo # !ema del L'"Mgma lu ano& "ipo"tato nel di# o"#o di Piet"o a 4e#a"ea& in a#a di 4o"nelio -.t 10&3D/430. Fgli on lude il "a onto della vi enda di *e#+& depo#to da *iudei nel #epol "o& di endo8

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 13<

:$a "io lo ha risuscito dai morti ed e7li + apparso per molti 7ior(i a <uelli che era(o saliti co( Ges1 dalla Galilea a Gerusalemme- e <uesti ora so(o testimo(i di lui dava(ti al popolo= 4#t 5&-&0-&56. Negli .tti degli apo#toli 1u a "i o#t"ui# e la #to"ia della na# ita e della "e# ita del movimento "i#tiano& da *e"u#alemme ai on$ini della te""a / 2oma / ollo ando al ent"o dell)annun io "i#tiano la te#timonianza degli apo#toli #ulla "i#u""ezione di *e#+. Un t"atto di#tintivo della te#timonianza degli apo#toli& "i$e"ita da 1u a nel #uo #e ondo li5"o& % l)a$$e"mazione !e G(io !a "i#u# itato *e#+ -da mo"ti0G. Fgli on#ide"a gli apo#toli Gte#ti o ula"iG degli avvenimenti !e "a onta #ulla 5a#e delle #ue "i e" !e a u"ate #u ogni o#a - $. 1 1&1/40. Non aggiunge elementi nuovi o dive"#i "i#petto a 7uelli !e #i t"ovano nel p"imo li5"o& dedi ato alla #to"ia di 7uello !e *e#+ !a $atto e detto - $. .t 1&10. Pe" "i o#t"ui"e la te#timonianza degli apo#toli #ulla "i#u""ezione di *e#+& l)auto"e degli .tti degli apo#toli attinge alla t"adizione delle !ie#e& !e #ono nate e "e# iute g"azie a 7ue#ta #te##a te#timonianza. La risurre*io(e di Ges1 (ei Ha(7eli Sulla 5a#e delle p"ime te#timonianze& do umentate nelle 1ette"e di Paolo& e delle 5"evi p"o$e##ioni di $ede& dove #i a$$e"ma !e (io !a "i#u# itato *e#+ -dai mo"ti0 o !e *e#+ % "i#o"to& in un #e ondo tempo #i #viluppano i "a onti #ulla "i#u""ezione& !e !iudono i 7uatt"o >angeli. Si "a onta la vi#ita delle donne al #epol "o di *e#+ a *e"u#alemme e l)e#pe"ienza di in ont"o dei di# epoli on *e#+ "i#o"to. 1a "i#u""ezione di *e#+ nei >angeli non #i "idu e #olo a un apitolo& !e nel >angelo di 6a" o& e# lu#a l)aggiunta anoni a& % $o"mato da #olo otto ve"#etti -6 1<&1/80. 1)e#pe"ienza della "i#u""ezione #i "ipe" uote #ul "a onto di tutta la vi enda di *e#+& dalle #ue o"igini / 6t e 1 / $ino alla #ua mo"te in "o e. .l uni epi#odi& in#e"iti nella t"ama na""ativa dell)attivit3 pu55li a di *e#+& non #olo "i$lettono la p"o#pettiva della #ua "i#u""ezione& ma l)anti ipano o la p"e$igu"ano. Cl "a onto della t"a#$igu"azione p"elude all)e#pe"ienza d)in ont"o dei di# epoli on *e#+ "i#o"to -6 @&2/8B 6t 1D&1/8B 1 @&28/ 3<0. 6ent"e # endono dal monte della t"a#$igu"azione& ai t"e di# epoli !e #ono #tati te#timoni della #ua t"a#$igu"azione& *e#+ pa"la del Figlio dell)uomo !e "i#o"ge"3 dai mo"ti -6 @&@.10B 6t 1D&@0. Nel >angelo di 6atteo& dopo la p"o$e##ione di $ede me##iani a nei p"e##i di 4e#a"ea di Filippo& *e#+ p"omette di o#t"ui"e la #ua 4!ie#a #ulla "o ia della $ede di Piet"o& !e pa"te ipa alla #ua vitto"ia #ulle potenze di mo"te -6t 1<&1D/180. 1a p"ome##a di *e#+ a Simon Piet"o #i ollo a #ullo #$ondo dell)e#pe"ienza di "i#u""ezione - $. *v 21&1;/1@0. .n !e il "a onto della mani$e#tazione nottu"na di *e#+ ai di# epoli #ul lago di *alilea& dopo la donazione dei

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 13D

pani alla $olla& "i#pe !ia il onte#to delle e#pe"ienze d)in ont"o dei di# epoli on il Signo"e "i#o"to -6 <&4;/;2B 6t 14&22/33B $. *v <&1</210. Nella t"ama 5iog"a$i a dei >angeli la vi#ita delle donne al #epol "o di *e#+ e le appa"izioni del Signo"e "i#o"to ai di# epoli #ono l)epilogo della #ua vi enda. C "a onti !e !iudono i >angeli& nell)intenzione dei lo"o auto"i& #i "i$e"i# ono alle e#pe"ienze pi+ e#pli ite della "i#u""ezione di *e#+. 1a #ua vita te""ena #i on lude a *e"u#alemme on la #ua mo"te in "o e e la #epoltu"a alla vigilia di un #a5ato. Olt"e la #ua mo"te& la vi enda di *e#+ #i p"olunga nelle e#pe"ienze dei #uoi di# epoli !e lo in ont"ano "i#o"to e vivo a *e"u#alemme e in *alilea. Pe" "i o#t"ui"e il 7uad"o #to"i o di 7ue#te e#pe"ienze& t"a# "itte in $o"ma na""ativa nei >angeli& #i devono tene"e p"e#enti #ia la p"o#pettiva "edazionale #ia l)int"e io delle t"adizioni& !e #tanno alla 5a#e dei dive"#i "a onti. Il racco(to della visita al sepolcro di Ges1 Nei 7uatt"o >angeli anoni i #i "ipo"ta il "a onto della vi#ita delle donne al #epol "o di *e#+. .l mattino del p"imo gio"no della #ettimana& dopo il #a5ato !e #egue la mo"te e #epoltu"a di *e#+& al une donne vanno al #epol "o e t"ovano la #ua tom5a ape"ta e vuota. Cl on$"onto #inotti o dei te#ti mo#t"a le "elative on o"danze e dive"genze8 $t A'- 5 E"opo il sabato- all!alba del primo 7ior(o della settima(a- $aria di $?7dala e l!altra $aria a(daro(o a visitare la tomba. $c 5%- 5-A E3assato il sabato- $aria di $?7dala- $aria madre di Giacomo e Salome compraro(o oli aromatici per a(dare a u(7erlo. "i buo( matti(o- il primo 7ior(o della settima(a- ve((ero al sepolcro al levare del sole. Lc A/-5 EIl primo 7ior(o della settima(a- al matti(o presto esse si recaro(o al sepolcro- porta(do co( s8 7li aromi che aveva(o preparato. Gv A0-5 EIl primo 7ior(o della settima(a- $aria di $?7dala si recB al sepolcro di matti(o- <ua(do era a(cora buio- e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro. Nei te#ti di 6atteo& 6a" o e in 7uello di *iovanni #i menziona la p"e#enza di 6a"ia di 6agdala. Nel "a onto di 1u a la p"e#enza di 6a"ia di 6agdala % p"e#uppo#ta& pe" !' % la p"ima del g"uppo di donne !e #ono #alite on *e#+ dalla *alilea a *e"u#alemme& a##i#tono alla #ua #epoltu"a& p"epa"ano gli a"omi e& al mattino

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 138

p"e#to& #i "e ano al #epol "o -1 23&4@.;;B 24&10B $. 8&2/30. Nel "a onto dei >angeli #inotti i& a##ieme a 6a"ia di 6agdala& #i "i o"da la p"e#enza dell)alt"a 6a"ia -6t0& di 6a"ia di *ia omo e di Salome -6 0. T"a le donne !e vanno al #epol "o& olt"e a 6a"ia di 6agdala& 1u a "ipo"ta i nomi di *iovanna& di 6a"ia di *ia omo& e pa"la di alt"e !e e"ano on lo"o -1 24&100. 1)auto"e del 7ua"to >angelo "idu e l)inte"o g"uppo delle donne alla #ola 6a"ia di 6agdala& !e le "app"e#enta tutte. Cn$atti& #i "ivolge a Simon Piet"o e all)alt"o di# epolo& pa"lando al plu"ale8 IPanno po"tato via il Signo"e e non #appiamo dove l)!anno po#toNJ -*v 20&20. Cn 7ue#te pa"ole #i !a un)e o della t"adizione& in ui #i "i o"da la vi#ita di un g"uppo di donne al #epol "o di *e#+. 1o # opo di tale iniziativa % p"e#entato in modo dive"#o nei t"e "a onti #inotti i8 Ivi#ita"e la tom5aJ -6t0B :u(7ere il corpo di Ges1= -6 0B Ipo"ta"e gli a"omiJ& p"epa"ati la #e"a del vene"d? -1 0. Il racco(to di $arco e $atteo Nei 7uatt"o >angeli #i "a onta in modo on o"de l)e#pe"ienza delle donne. Euando& al mattino p"e#to del p"imo gio"no della #ettimana& a""ivano p"e##o il #epol "o& lo t"ovano ape"to. 6a" o "i !iama l)attenzione #ulla g"ande piet"a !e !iude l)ing"e##o alla tom5a. 6ent"e le donne #i domandano ome po##ono $a"la "otola"e via& vedono !e % #tata "imo##a& nono#tante !e $o##e Gmolto g"andeG. Se ondo 1u a e *iovanni le donne #i "endono onto !e il #epol "o % ape"to& pe" !' la piet"a % tolta. Nel "a onto di 6atteo l)ape"tu"a del #epol "o % p"e#entata nel onte#to di una teo$ania on t"atti apo alitti i8 IFd e o& vi $u un g"an te""emoto. Un angelo del Signo"e& in$atti& # e#o dal ielo& #i avvi in=& "otol= la piet"a e #i po#e a #ede"e #op"a di e##a. Cl #uo a#petto e"a ome $olgo"e e il #uo ve#tito 5ian o ome la neveJ -6t 28&2/30. Cl te""emoto del Gp"imo gio"no dopo il #a5atoG "i !iama 7uello !e& al momento della mo"te di *e#+& #pezza le "o e& ap"e i #epol "i di molti #anti mo"ti& !e "i#u# itano -6t 2D&;10. Nella t"adizione 5i5li a il te""emoto a ompagna le mani$e#tazioni di (io -F# 1@&18B Sal <8&@B DD&1@B 114&DB $. F5 12&2<0. 1)angelo del Signo"e % un)e#p"e##ione 5i5li a pe" de#igna"e il Signo"e 7uando inte"viene nella #to"ia umana. .n !e il #uo a#petto #imile a $olgo"e e il #uo ve#tito 5ian o ome la neve #ono #egni di#tintivi di un e##e"e del mondo di (io - $. (an D&@B 10&<0. Cn 7ue#to # ena"io teo$ani o #i ollo a la "eazione delle gua"die !e pe" la pau"a #ono G# o##eG e "e#tano a te""a G ome mo"teG -6t 28&40. Solo nel >angelo di 6atteo #ono menzionate le gua"die& po#te dai *iudei p"e##o il #epol "o di *e#+ pe" impedi"e !e i #uoi di# epoli& t"a$ugandone il adave"e& di ano al popolo !e % "i#u# itato dai mo"ti - $. 6t 2D&<2/<<0. 1)immagine delle gua"die& impotenti di $"onte alla mani$e#tazione di

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 13@

(io& % "ip"e#a dopo l)annun io della "i#u""ezione di *e#+ $atto alle donne on l)in a"i o di t"a#mette"lo ai di# epoli -6t 28&11 /1;0. Nel "a onto di 6a" o "i#alta la "eazione delle donne !e& alla vi#ta di un giovane ve#tito di una ve#te 5ian a& #ono # onvolte. Nel >angelo di 6atteo un "i !iamo alla "eazione delle donne #i avve"te nelle p"ime pa"ole dell)angelo del Signo"e8 I>oi non a55iate pau"aNJ -6t 28&;0. 1)invito a Gnon ave"e pau"aG nella Bi55ia int"odu e l)annun io dell)inte"vento di (io !e # eglie 7ual uno pe" un in a"i o o mi##ione. Cn 7ue#ta o"ni e #i ollo a l)annun io della "i#u""ezione di *e#+ alle donne& in a"i ate di t"a#mette"lo ai di# epoli8 IP"e#to& andate a di"e ai di# epoli8 GQ "i#o"to dai mo"ti& ed e o& vi p"e ede in *alileaB l3 lo ved"eteG. F o& io ve l)!o dettoJ -6t 28&D0. Cl "a onto di 6atteo % oe"ente e linea"e& pe" !' #u5ito #i di e !e& la# iato in $"etta il #epol "o& in p"eda ad una g"ande emozione / G on timo"e e gioia g"andeG / le donne o""ono a da"e l)annun io ai di# epoli -6t 28&80. 1a na""azione di 6a" o& appa"entemente pi+ #empli e& % ompli ata dalla "eazione ont"additto"ia delle donne. S onvolte alla vi#ta del GgiovaneG& #ono "in uo"ate dal #uo invito8 INon #iate # onvolteNJ -6 1<&<0. Seguono l)annun io della "i#u""ezione di *e#+& il Naza"eno "o i$i##o& e l)in a"i o di di"e ai di# epoli e a Piet"o !e egli li p"e ede in *alilea -6 1<&D0. U# ite& le donne $uggono via dal #epol "o Gpe" !' e"ano $uo"i di #' pe" lo #paventoG. Nel >angelo di 6a" o il "a onto della vi#ta delle donne al #epol "o #i on lude on una $"a#e enigmati a8 IF non di##e"o niente a ne##uno& pe" !' e"ano impau"iteJ -6 1<&80. Solo nel >angelo di 6atteo& "i#petto agli alt"i due #inotti i& #i "a onta un in ont"o di *e#+ "i#o"to on le donne #ulla via del "ito"no dal #epol "o. (opo il #uo #aluto& le donne #i avvi inano a *e#+& p"o#t"ando#i ai #uoi piedi. 4on le #te##e pa"ole dell)angelo egli le manda ad annun ia"e ai di# epoli !e vadano in *alilea& dove lo ved"anno. Eui& pe" la p"ima volta nel >angelo di 6atteo& *e#+ !iama i #uoi di# epoli Gi miei $"atelliG -6t 28&@/10B $. *v 20&1D0. Il racco(to di Luca 1)auto"e del te"zo >angelo #egue un pe" o"#o autonomo. 1)annun io della "i#u""ezione di *e#+ dato alle donne % #o#tanzialmente uguale a 7uello di 6a" o e 6atteo& ma % int"odotto in modo di$$e"ente. Solo nel "a onto lu ano #i di e !e le donne& ent"ate nel #epol "o ape"to& :(o( trovaro(o il corpo del Si7(ore Ges1= 4Lc A/-&6. 6ent"e #i domandano !e #en#o a55ia tutto 7ue#to& #i p"e#entano lo"o due uomini in a5ito #$olgo"ante. Pe" la pau"a le donne tengono il volto !inato a te""a. Eue#to atteggiamento o$$"e lo #punto pe" l)inte"vento dei due pe"#onaggi& !e le

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 140

inte"pellano on una domanda8 IPe" !' e" ate t"a i mo"ti olui !e % vivoAJ. 1)annun io della "i#u""ezione di olui !e % vivo $a api"e l)a##u"dit3 di e" a"lo t"a i mo"ti. 1e donne non "i evono ne##un in a"i o pe" i di# epoli& ma #ono invitate a "i o"da"e le pa"ole di *e#+ 7uando e"a an o"a in *alilea8 IBi#ogna !e il Figlio dell)uomo #ia on#egnato in mano ai pe ato"i& #ia "o i$i##o e "i#o"ga il te"zo gio"noJ -1 24&D0. 1u a non menziona l)invito ai di# epoli di anda"e in *alilea& dove *e#+ "i#o"to !a p"ome##o di in ont"a"li. 1a *alilea non "ient"a nel #uo o"izzonte na""ativo& on ent"ato in *iudea e a *e"u#alemme. 1a "et"o#pettiva #ulle pa"ole di *e#+& 7uando e"a an o"a in *alilea& % un)e o della t"adizione di 6a" o e 6atteo& dove #i pa"la dell)in ont"o di *e#+ on i di# epoli in *alilea. Cl "a onto lu ano #i !iude on una dupli e annotazione8 le donne #i "i o"da"ono delle pa"ole di *e#+ e& to"nate dal #epol "o& annun ia"ono tutto 7ue#to agli Undi i e a tutti gli alt"i. (opo ave"e elen ato on i "i#pettivi nomi le donne p"otagoni#te della vi#ita al #epol "o& 1u a p"e i#a !e e##e Idi evano 7ue#te o#e agli apo#toliJ. Eue#ti pe"= non danno ne##un "edito al "a onto delle donne& pe" !' #em5"ano lo"o di# o"#i vuoti e #enza #en#o 4Lc A/-50-556. .lla "eazione # etti a degli 9apostoli9- 1u a aggiunge una nota #u Piet"o !e o""e al #epol "o& #i !ina a vede"e dent"o& # o"ge #oltanto i teli e "ito"na pieno di #tupo"e pe" l)a aduto 4Lc A/-5A6. Sem5"a !e / pe" 1u a / il #epol "o vuoto ponga un inte""ogativo pi+ !e o$$"i"e appoggi pe" la $ede nella "i#u""ezione di *e#+. Il racco(to di Giova((i Nel 7ua"to >angelo il "a onto della vi#ita al #epol "o di *e#+& il p"imo gio"no della #ettimana& #i $onda #u una t"adizione p"op"ia& ma !e !a a$$init3 on tutti e t"e i "a onti #inotti i. 1)uni a p"otagoni#ta della vi#ita al #epol "o al mattino& 7uando e"a an o"a 5uio& % 6a"ia di 6agdala. >edendo !e la piet"a e"a #tata tolta dal #epol "o& o""e da Simon Piet"o e dall)alt"o di# epolo& 9<uello che Ges1 amava9& di endo lo"o8 :Fa((o portato via il Si7(ore dal sepolcro e (o( sappiamo dove l!ha((o posto= 4Gv A0-A6. 6a"ia "ipete la #ua inte"p"etazione del #epol "o di *e#+& t"ovato ape"to& an !e nella "i#po#ta !e d3 ai due angeli e a *e#+& # am5iato pe" il gia"dinie"e -*v 20&13.1;0. (i $"onte al #epol "o& dove non #i t"ova il o"po di *e#+& 6a"ia di 6agdala pen#a !e al uni o il gia"dinie"e #te##o l)a55iamo po"tato in un alt"o po#to. Un)alt"a inte"p"etazione % p"opo#ta dall)auto"e del >angelo on il "a onto del #op"aluogo $atto al #epol "o di *e#+ da Simon Piet"o e dal di# epolo amato. C due di# epoli o""ono al #epol "o& uno dopo l)alt"o vi ent"ano& e vedono :i teli posati l? e il sudario - che era stato posto sul suo capo - (o( posato l? co( i teli- ma avvolto i( u( luo7o a parte= 4Gv A0-%-C6. Solo del di# epolo amato& !e ent"a nel #epol "o dopo Simon

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 141

Piet"o& #i di e8 :Hide e credette= 4Gv A0-'6. Cl on$"onto on il "a onto della "i#u""ezione di 1azza"o $a intui"e il "appo"to t"a Gvede"eG e G "ede"eG nell)e#pe"ienza del di# epolo amato& p"ototipo dei "edenti. 1azza"o e# e dal #epol "o I on i piedi e le mani legati on 5ende& e il vi#o avvolto da un #uda"ioJ / *v 11&44 /& ment"e nel a#o di *e#+ i teli e il #uda"io "e#tano intatti nella tom5a. CC di# epolo !e vede 7ue#to G#egnoG "ede. Cl "ede"e del di# epolo non "igua"da il $atto della "i#u""ezione di *e#+& n' la #ua modalit3. 2i#petto a 6a"ia& !e vede la piet"a tolta del #epol "o e pen#a al t"a$ugamento del o"po di *e#+& e a Simon Piet"o& !e vede nella tom5a i #egni della #epoltu"a& il di# epolo vede alla lu e della $ede. 1)auto"e ommenta l)e#pe"ienza dei due di# epoli& !e o""ono a i#peziona"e la tom5a di *e#+& on 7ue#ta nota8 ICn$atti non avevano an o"a omp"e#o la S "ittu"a& !e io% egli doveva "i#u# ita"e dai mo"tiJ 4Gv A0-)6. 4on una $o"mula t"adizionale egli di e 7ual % il "uolo della S "ittu"a nel p"o e##o della $ede in *e#+ "i#o"to. C de#tinata"i del >angelo #i t"ovano in un o"izzonte dive"#o "i#petto ai p"imi di# epoli& !e non avevano an o"a omp"e#o la valenza p"o$eti a della S "ittu"a pe" "i ono# e"e e a oglie"e il "i#volto e# atologi o della "i#u""ezione di *e#+ Gdai mo"tiG. 1)auto"e del >angelo t"a ia il ammino di $ede pe" i #uoi letto"i& !e non po##ono anda"e a vede"e il #epol "o di *e#+. 1a nota on lu#iva del "a onto giovanneo #em5"a on$e"ma"e l)i""ilevanza della vi#ita al #epol "o pe" la $ede nella "i#u""ezione di *e#+8 IC di# epoli pe" i= #e ne to"na"ono di nuovo a a#a lo"oJ 4Gv A0-506. 6ent"e i due di# epoli "ient"ano a a#a lo"o. 6a"ia di 6agdala "ito"na e #i $e"ma p"e##o il #epol "o a piange"e. Cl pianto % la "eazione umana di $"onte alla mo"te di una pe"#ona amata 4c,. Gv 55-&5.&&.&@-&%6. 1a domanda dei due angeli& #eduti nel luogo dove e"a #tato po#to il o"po di *e#+& "i !iama l)attenzione #u 7ue#to $atto8 I(onna& pe" !' piangiAJ 4Gv A0-5&6. 1a #te##a domanda % "ipetuta da *e#+& !e 6a"ia non % in g"ado di "i ono# e"e 4Gv A0-5@6. 1)aggiunta dell)inte""ogativo tipi o giovanneo :Chi cerchi2= p"epa"a la # ena di "i ono# imento. 4!iamandola pe" nome / 9$ariaI9 / *e#+ "i#ta5ili# e la "elazione #pezzata dalla mo"te e inne# a il p"o e##o d)identi$i azione8 9Rabbou(> - $aestroI9. *e#+ "i#o"to invita 6a"ia a #upe"a"e il "appo"to Gmae#t"o/di# epolaG& pe" ent"a"e nella nuova p"o#pettiva inaugu"ata dalla #ua Ga# e#aG al Pad"e on l)elevazione della mo"te di "o e 4c,. Gv &-5/D %-%AD 5A-&A&&D 5'-&A6. Fgli invia 6a"ia di 6agdala dai #uoi G$"atelliG pe" annun ia"e lo"o !e on la "i#u""ezione #i ompie la #ua a# e#a al :3adre mio e 3adre vostro- "io mio e "io vostro= 4Gv A0-5C6. Pe" la p"ima volta nel 7ua"to >angelo *e#+ !iama i di# epoli Gmiei $"atelliG. 6a"ia va ad annun ia"e lo"o8 :Fo visto il Si7(ore= 4Gv A0-5'6.

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 142

1a # ena dell)in ont"o di *e#+ "i#o"to on 6a"ia di 6agdala % analoga a 7uella del >angelo di 6atteo& dove *e#+ "i#o"to #ulla via del #epol "o #i $a in ont"o alle donne e le invia a po"ta"e l)annun io ai di# epoli& 9miei ,ratelli9 4$t A'-)-506. Cl "a onto giovanneo dell)i#pezione del #epol "o da pa"te di Simon Piet"o e del di# epolo amato o""i#ponde all)a enno lu ano della "apida vi#ita di Piet"o al #epol "o di *e#+& dopo la omuni azione delle donne& !e non vi !anno t"ovato il o"po del Signo"e 4Lc A/-&.5A6. 1)auto"e del te"zo >angelo ono# e una t"adizione& nella 7uale #i "i o"da !e al uni di# epoli& e non #olo Piet"o& #ono andati alla tom5a di *e#+ e l)!anno t"ovata ome avevano detto le donne 4c,. Lc A/-AA-A/6. 1u a& a di$$e"enza di 6atteo e di *iovanni& tende a e# lude"e una mani$e#tazione di *e#+ alle donne& p"ima di 7uella "i#e"vata ai di# epoli o Gapo#toliG& uni i te#timoni 7uali$i ati della "i#u""ezione di *e#+.

Le cristo,a(ie Catechismo della Chiesa Cattolica - Le appari*io(i del Risorto


%/5 6a"ia di 6agdala e le pie donne !e andavano a ompleta"e l)im5al#amazione del 4o"po di *e#+& 94$ 6 1<&1B 1 24&1 : #epolto in $"etta la #e"a del >ene"d? Santo a au#a del #op"aggiunge"e del Sa5ato& 94$ *v 1@&31B *v 1@&42 : #ono #tate le p"ime ad in ont"a"e il 2i#o"to 94$ 6t 28&@/10B <41 *v 20&11/18 :. 1e donne $u"ono o#? le p"ime me##agge"e della 2i#u""ezione di 4"i#to pe" gli #te##i .po#toli 94$ 1 24&@/10 :. . lo"o *e#+ appa"e in #eguito8 p"ima a Piet"o& poi ai (odi i 94$ 14o" 1;&; :. Piet"o& !iamato a on$e"ma"e la $ede dei #uoi $"atelli& 94$ 1 22&31/32 : vede dun7ue il 2i#o"to p"ima di lo"o ed % #ulla #ua te#timonianza !e la omunit3 e# lama8 (avve"o il Signo"e % "i#o"to ed % appa"#o a Simone, - 1 24&340. %/A Tutto i= !e % a aduto in 7uelle gio"nate pa#7uali impegna ia# uno degli .po#toli / e Piet"o in modo del tutto pa"ti ola"e / nella o#t"uzione dell)e"a nuova !e !a inizio on il mattino di Pa#7ua. Come testimo(i del Risorto e##i "imangono le piet"e di $ondazione della #ua 4!ie#a. 1a $ede della p"ima omunit3 dei "edenti % $ondata #ulla te#timonianza di uomini on "eti& ono# iuti dai "i#tiani e& nella maggio" pa"te& an o"a vivi in mezzo a lo"o. Eue#ti te#timoni della 2i#u""ezione di 4"i#to 94$ .t 1&22 : #ono p"ima di tutto Piet"o e i (odi i& ma non #olamente lo"o8 Paolo pa"la !ia"amente di pi+ di in7ue ento pe"#one alle 7uali *e#+ % appa"#o in una #ola volta& olt"e !e a *ia omo e a tutti gli .po#toli 94$ 14o" 1;&4/8 :. %/& (avanti a 7ue#te te#timonianze % impo##i5ile inte"p"eta"e la 2i#u""ezione di 4"i#to al di $uo"i dell)o"dine $i#i o e non "i ono# e"la ome un avvenimento #to"i o. 2i#ulta dai $atti !e la $ede dei di# epoli % #tata #ottopo#ta alla p"ova "adi ale della pa##ione e della mo"te in "o e del lo"o 6ae#t"o da lui #te##o p"eannunziata 94$ 1 22&31/32:. 1o #5igottimento p"ovo ato dalla pa##ione $u o#? g"ande !e i di# epoli -almeno al uni di lo"o0 non "edette"o #u5ito alla notizia della 2i#u""ezione. 1ungi dal p"e#enta" i una omunit3 p"e#a da una e#altazione mi#ti a& i >angeli i p"e#entano i di# epoli #ma""iti 9.vevano il volto t"i#te,8 1 24&1D : e #paventati& 94$ *v 20&1@ : pe" !' non !anno "eduto alle pie donne !e to"navano dal #epol "o e 7uelle pa"ole pa"ve"o lo"o ome un vaneggiamento, - 1 24&110 9 4$ 6 1<&11B 6 1<&13 :. Euando *e#+ #i mani$e#ta agli Undi i la

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 143 #e"a di Pa#7ua& li "imp"ove"a pe" la lo"o in "edulit3 e du"ezza di uo"e& pe" !' non avevano "eduto a 7uelli !e lo avevano vi#to "i#u# itato, - 6 1<&140. %// .n !e me##i davanti alla "ealt3 di *e#+ "i#u# itato& i di# epoli du5itano an o"a& 94$ 1 24&38 : tanto la o#a appa"e lo"o impo##i5ile8 "edono di vede"e un $anta#ma 94$ 1 24&3@ :. Pe" la g"ande gioia an o"a non "edevano ed e"ano #tupe$atti, - 1 24&410. Tomma#o ono55e la mede#ima p"ova del du55io 94$ *v 20&24/2D : e& 7uando vi $u l)ultima appa"izione in *alilea "i$e"ita da 6atteo& al uni. . . du5itavano, - 6t 28&1D0. 3er <uesto l!ipotesi seco(do cui la Risurre*io(e sarebbe stata u( prodotto della ,ede 4o della credulit?6 de7li #postoli- (o( ha ,o(dame(to. .l ont"a"io& la lo"o $ede nella 2i#u""ezione % nata / #otto l)azione della g"azia divina / dall)e#pe"ienza di"etta della "ealt3 di *e#+ 2i#o"to.

La cristo,a(ia 47r. Christos J $essia e ,ai(omai J apparire- ,arsi vedere6 + l!appari*io(e di Ges1 Cristo dopo la sua risurre*io(e. 1 4o" 1; $o"ni# e #ei "i#to$anie& 6atteo due& *iovanni 7uatt"o. Tutte le rela*io(i parla(o del realestorico e somatico i(co(tro dei testimo(i co( Cristo. *li apo#toli #i on#ide"avano te#timoni della "i#u""ezione& pe" !' vide"o il Signo"e& pe" !' Co to a"ono& pe" !' on lui mangia"ono e 5evve"o. F"ano onvinti di ave" "ealmente in ont"ato il 2i#o"to e !e 7ue#ti in ont"i non $o##e"o delle lo"o vi#ioni #oggettive. 1 4o" 1; elen a una #e"ie di teo$anie8 4"i#to appa"ve a 4e$a& e poi ai dodi i& pi+ ta"di appa"ve&

ontempo"aneamente& a pi+ di in7ue ento $"atelli& e in #eguito appa"ve an o"a a *ia omo e a tutti gli apo#toli - $. 1 4o" 1;& ;/D0. Tale "a onto& pe"=& non i $o"ni# e al un pa"ti ola"e& n' dettaglio& i" a l)appa"izione di *e#+. Nean !e gli alt"i >angeli& e ezion $atta pe" il >angelo di #an 6a" o& $o"ni# ono pa"ti ola"i de# "izioni degli in ont"i on il 2i#o"to. 3er <uesto biso7(a ammettere che i racco(ti sulle appari*io(i di Cristo- 7i? dall!i(i*io- ,uro(o sottoposti a cambiame(ti e (o( posso(o essere rite(uti u(a ,edele imma7i(e dell!eve(to storico stesso. Tuttavia- (o( siamo a,,atto autori**ati ad a,,ermare che essi sia(o solta(to u(a pura i(ve(*io(e. .nzi& 5a#ando i #u 1 4o" 1;& 3/8 !e ne % il pi+ anti o te#to !e& a #ua volta& #i 5a#a #u t"adizioni an o"a pi+ anti !e& po##iamo on tutta p"o5a5ilit3 on lude"e !e le appa"izioni di 4"i#to $a evano pa"te del p"imo me##aggio della "i#u""ezione. 1e teo$anie t"amandate i dai >angeli attingono #emp"e a 7ue#to elemento p"imitivo della p"edi azione.

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 144

C #inotti i $o"ni# ono #oltanto due delle "i#to$anie - ontenute in 1 4o" 1;08 l)appa"izione a Simone -Piet"o08 $. 1 24& 34 e agli undi i8 $. 6t 28& 1</20B 6 1<&14/ 18 e *v 20&1@/2@. Pe"=& gli evangeli#ti de# "ivono 7ual !e "i#to$ania non ono# iuta da Paolo8 l)appa"izione del Signo"e glo"io#o a 6a"ia 6addalena e alle alt"e donne - $. 6t 28&@/10B 6 1<&@/1 B*v 20&11/180& ai di# epoli di Fmmau# - $. 1 24&13/3;0B 6 1<&12/130& agli apo#toli e agli alt"i di# epoli - $. 1 24&33/;00 e ai #ette #ul lago di *eneza"et - $. *v 21& 1/230. #(che se la realt? di <ueste cristo,a(ie + certa- (o( siamo esattame(te i(,ormati circa il loro luo7o- (umero- ordi(e e circosta(te ester(e. Un a"atte"e dive"#o& ome giu#tamente nota Kazimie"z 2omaniuL& !a

l!appari*io(e del Risorto a 3aolo - $. .t @& 3/1@ e *al 1& 12/1D0. Paolo non vide *e#+ p"ima della #ua mo"te& pe" i= in 7ue#ta "i#to$ania man a l)elemento della "i ognizione di *e#+. 1).po#tolo !ia"amente di#tingue tale "i#to$ania

dalle po#te"io"i vi#ioni di 4"i#to - $. .t 1<&@B 18&@B 23&11B 2D&230. (u"ante la p"ima "i#to$ania. Paolo ottenne uno #pe iale ompito - $. *al 1&1<0 il !e "a##omiglia alle "i#to$anie di al uni apo#toli - $. 6t 28& 1@B 6 1<& 1;/18B 1 24&48/4@B *v 20&22/23B .t 2<&1</18 e *al 1&1 B .t @&<B 22&1;0. I( o7(i caso- la cristo,a(ia sperime(tata da 3aolo 4la luce- la voce dal cielo- la 7loria di "io6 + particolare e ha u( carattere apocalittico.

I motivi pri(cipali delle cristo,a(ie Cn tutte le de# "izioni delle appa"izioni di 4"i#to po##iamo di#tingue"e degli elementi omuni !e #i "ipetono. F##i on$e"mano an !e la #ua "i#u""ezione dando i una pi+ ompleta vi#ione della "ivelazione di *e#+ 4"i#to.

Il motivo del dubbio

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 14;

(alle "elazioni evangeli !e #ulle "i#to$anie de"iva !e gli apo#toli inizialmente non "edette"o di ave" vi#to *e#+ e #oltanto g"adualmente& in$luenzati dai $atti& ne $u"ono onvinti. 6a"ia 6addalena pen#= !e $o##e un o"tolano - $. *v 20&1;0& i di# epoli #ulla via di Fmmau# non lo "i ono55e"o - $. 1 24& 1<0& le pe"#one "adunate nel ena olo pen#a"ono !e $o##e un $anta#ma - $. 1 24& 3D0& Tomma#o& nono#tante la te#timonianza degli alt"i& di##e8 GSe non vedo R...R non "ede"=G -*v 20& 2;0. Finalmente& gli apo#toli& a au#a dei $atti& #i pe"#uadono. Eue#to atteggiamento "iti o e "i#e"vato i pe"mette di a etta"e i lo"o "a onti $inali ome "eali e atti ad e# lude"e tutte le lo"o po##i5ili illu#ioni #oggettive. Non 5i#ogna& inolt"e& dimenti a"e !e le "i#to$anie& nono#tante la lo"o ve"idi it3 #to"i a& so(o eve(ti sopra((aturali -e# atologi i08 pe" 7ue#to non po##ono e##e"e oggetto della #to"i a& 5en#? della $ede. Euindi& da una pa"te& teologo di 1u5lino& le ono# enza

ome nota FdSa"d Kope &

"i#to$anie nella lo"o int"in#e a natu"a #ono $enomeni on gli o !i dei di# epoli0& #ono $enomeni

mi"a olo#i& ment"e dall)alt"a -vi#te #pe"imentali e "eali.

1e appa"izioni del 2i#o"to #i ompiono di #olito d)imp"ovvi#o& #enza al uno #pe iale p"eannunzio. Cn$atti& *e#+ d)imp"ovvi#o #i a##o ia a olo"o ai 7uali vuole appa"i"e& ad e#empio ai di# epoli di Fmmau# - $. 1 24& 13/320& oppu"e ai di# epoli "adunati a *e"u#alemme& 7uando all)imp"ovvi#o appa"e in mezzo a lo"o - $. 1 24& 3</ 430. Nel >angelo di *iovanni& i di# epoli "i ono# ono nello #t"anie"o il lo"o 6ae#t"o e lo $anno #oltanto 7uando& pe" #uo omando& alano le "eti e ompiono una pe# a a55ondanti##ima - $. *v 21&4/120. (a i= de"iva !e l)iniziativa dell)in ont"o non pa"te dai di# epoli& nono#tante la lo"o t"i#tezza& #o$$e"enza e no#talgia del lo"o Signo"e. F p"op"io il 2i#o"to olui !e a""iva pe" p"imo& !e #i "ivela e #ulla 5a#e dei #uoi pe ulia"i att"i5uti dimo#t"a e##e"e "ealmente lui #te##o. Tutto i= % "a$$o"zato dal #o#petto e dal du55io dei di# epoli8 $. 6t 28&1D8 Gal uni pe"= du5itavanoGB $. 1 24& 388 GIPe" !' #iete tu"5ati& e pe" !'

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 14<

#o"gono du55i nel vo#t"o uo"eAJG. Cl Signo"e *lo"io#o #i #$o"za di $a" api"e a 7ue#ti di# epoli impau"iti e in "eduli !e egli non % un $anta#ma& ma !e vive "ealmente. Cn *v 20& 24/2@& il motivo del du55io pe"vade tutto l)evento dellGin "edulo Tomma#oG. GTomma#o& uno dei (odi i& !iamato (idimo& non e"a on lo"o 7uando venne *e#+. *li di##e"o allo"a gli alt"i di# epoli8 I.55iamo vi#to il Signo"eNJ. 6a egli di##e lo"o8 ISe non vedo nelle #ue mani il #egno dei !iodi e non metto il dito nel po#to dei !iodi e non metto la mia mano nel #uo o#tato& non "ede"=JG -*v 20& 24/ 2;0. Cl 2i#o"to appa"e a au#a dell)in "edulit3 del #uo apo#tolo. Uno dei dodi i gio a il "uolo dello # etti o in "edulo. .tt"ave"#o la #ua di !ia"azione& att"ave"#o la #ua on$e##ione& egli vuole e##e"e omun7ue ondotto alla $ede. 1a #to"ia di Tomma#o dimo#t"a !ia"amente !e l)evento della "i#u""ezione "a$$o"za la $ede e !e #oltanto nella $ede pu= e##e"e adeguatamente "a olto e apito. Cl motivo del du55io !a 7ui un "uolo molto impo"tante. Cn$atti& g"azie ad e##o viene dimo#t"ato !e la "i#u""ezione di *e#+ dai mo"ti % l)oggetto della $ede& !e l)appa"izione del 2i#o"to non % e non #a"3 una no"male& omune "ealt3 dei di# epoli e di 7uanti ve""anno dopo di lo"o. Tutti devono a etta"e& #enza al una p"e edente po##i5ilit3 di vede"lo& i= !e "edono -la "i#u""ezione0 e olui nel 7uale "edono -il 2i#o"to0. Pe" 7uanto "igua"da il apitolo 10 degli .tti degli .po#toli& la p"in ipale #t"uttu"a di 7ue#ta pe"i ope on e"ne l)annunzio della "i#u""ezione e della #ua ono# enza. G(io lo !a "i#u# itato al te"zo gio"no e volle !e appa"i##e& non a tutto il popolo& ma a te#timoni p"e# elti da (io& a noi& !e a55iamo mangiato e 5evuto on lui dopo la #ua "i#u""ezione dai mo"ti. F i !a o"dinato di annunzia"e al popolo e di atte#ta"e !e egli % il giudi e dei vivi e dei mo"ti o#tituito da (ioG -.t 10& 40/420. Cl 2i#o"to appa"e non a tutto il popolo& ma a te#timoni p"e# elti da (io. Pe" i=& non e#i#te al una po##i5ilit3 di ve"i$i a"e la "i#u""ezione di *e#+ t"ala# iando le te#timonianze dei te#timoni. Sar?- du(<ue- importa(te sapere <uale posi*io(e ,u presa verso <uesta testimo(ia(*a. Tutto i= !e il Nuovo Te#tamento de# "ive ome la "i#u""ezione -il #epol "o vuoto& le "i#to$anie0& pu= e##e"e de$inito ome gli eventi

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 14D

ollegati on la "i#u""ezione& pe" !' non #ono& 7ue#ti& ip#o $a to le p"ove dello #te##o $atto della "i#u""ezioneB e##i devono e##e"e inte#i alla lu e della "ivelazione divina ome gli eventi on e"neti la "i#u""ezione. CC motivo del du55io vuole an !e e#p"ime"e !e 7ue#ti eventi non #ono 7ual !e invenzione dell)immaginazione dei di# epoli& 5en#? te#timoniano il vivente& il *e#+ t"a#$igu"ato glo"io#amente.

Il motivo dell!ide(tit? del Croci,isso co( il Risorto Cl motivo dell)identit3 del 4"o i$i##o on il 2i#o"to % $o"temente ollegato on il motivo p"e edente8 il du55io. Negli eventi !e t"attano del #o#petto& del du55io o dell)in "edulit3 dei di# epoli viene an !e detto !e olui !e dopo il >ene"d? Santo appa"ve lo"o % lo #te##o *e#+ "o i$i##o. Q olui on il 7uale e##i p"ima #tavano in#ieme a# oltando l)in#egnamento. 1a dimo#t"azione di 7ue#t)identit3 diventa an !e la on$e"ma della #to"i it3 della "i#u""ezione. . i= #i aggiungono alt"i motivi. 1a "o i$i##ione di *e#+& #enz)alt"o& doveva #em5"a"e ai di# epoli !e a lui ade"i"ono una totale # on$itta. 4i= #igni$i a an !e !e 7uel (io al 7uale *e#+ #i appellava e di ui a$$e"mava di po##ede"e l)auto"it3 lo aveva del tutto a55andonato. 1a mo"te di *e#+ dovette #em5"a"e an !e ai di# epoli la $ine di tutte le lo"o #pe"anze e atte#e. 1a delu#ione e la "a##egnazione& 7uindi& $u"ono natu"ali on#eguenze di tutto i= !e e##i avevano #pe"imentato a au#a della mo"te di *e#+. (i $"onte a tutte 7ue#te "emo"e& l)in ont"o on il 2i#o"to !e e"a mo"to #ulla "o e $u pe" lo"o una valida on$e"ma !e *e#+ #i appellava giu#tamente a (io. 4on 7ue#to& Cddio #i "ivel= davve"o nelle pa"ole e nelle ope"e di *e#+. Cnolt"e& le pa"ole e le ope"e di *e#+& e an !e egli #te##o& da l? in poi p"e#e"o un #igni$i ato !e in ne##un modo pu= e##e"e me##o in du55io.

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 148

Nel motivo dell)identit3 #i t"atta an !e di 7ual !e o#a di pi+8 g"azie alla "i#u""ezione del 4"o i$i##o& (io gli "i ono# e e auto"izza tutto i= aveva detto e $atto p"ima della #ua "i#u""ezione. . au#a del $atto !e 7ue#to 4"o i$i##o / Te""eno % an !e il 2i#o"to& tutto i= !e avvenne p"ima della "i#u""ezione ottiene #igni$i ato e auto"it3 divina. *e#+& pe" i=& #i appellava giu#tamente a (io8 (io #i "ivel= davve"o nelle #ue pa"ole e nelle #ue ope"e. Eue#te& ma an !e egli #te##o& a 7ui#tano o"a una g"ande ve"idi it3. Ottengono una dimen#ione atempo"ale e #op"annatu"ale& !e #i mani$e#ta nelle "i#to$anie& an !e #e #pe##o viene e#p"e##o on $"a#i non di"ette. 4i= pe"mette& dal punto di vi#ta teologi o& di t"a""e da 7ue#ti te#ti la on lu#ione !e la $ede "i#tiana !a il #uo $ondamento nella #to"ia dell)Uomo *e#+ di Naza"et!. Tale a#petto #i $a pale#emente #enti"e in 7uegli eventi nei 7uali #i in ont"a il motivo dell)identit3. Pen#ando alla teologia di 2udol$ Bultmann& l)o##e"vazione non % a$$atto #upe"$lua. Cn$atti& Bultmann pen#ava !e il *e#+ te""eno e i= !e egli in#egn= e $e e& pote##e eventualmente e##e"e una delle ondizioni del Le"Mgma neote#tamenta"io. Tale po#izione di Bultmann $u& on il pa##a" del tempo& o""etta e pe"#ino an !e

pa"zialmente a55andonata dagli #te##i #uoi di# epoli. Oggi veniamo mina iati piutto#to da un alt"o pe"i olo& e io%8 #i pen#a e #i a"gomenta #oltanto i" a il *e#+ p"e/pa#7uale& te""eno e #i minimizza i= !e ome elemento nuovo& oppu"e #i tenta di

nell)evento pa#7uale #i % aggiunto

inte"p"eta"e an !e la Pa#7ua #oltanto dalla po#izione p"e/pa#7uale. Tuttavia& nel p"e#enta"e l)identit3 del 4"o i$i##o on il 2i#o"to viene me##o !ia"amente in "ilievo il $atto che la storia del Ges1 terre(o + dive(uta il co(te(uto esse(*iale della ,ede. . di"e il ve"o& 7ue#ta #to"ia a 7ui#ta un pa"ti ola"e #igni$i ato #oltanto in 5a#e all)e#pe"ienza di tutto i= !e nel Nuovo Te#tamento % de# "itto ome la "i#u""ezione di *e#+. #(che se <uesta + la storia solta(to di u( u(ico omo co(creto- biso7(a i(te(derla come u( pu(to cruciale (o( solta(to della storia del cristia(esimo- ma a(che di tutto il mo(do.

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 14@

Bi#ogna& in$ine& vede"e uno #t"etto ollegamento t"a la #to"ia e la $ede& t"a *e#+ e il 4"i#to. *e#+ e il 4"i#to #ono la #te##a ed identi a pe"#ona& ma in uno #tato nuovo8 da una pa"te& *e#+ % olui !e muo"e in "o e& dall)alt"a % il 4"i#to "i#o"to.

Il motivo della missio(e Nei "a onti !e pa"lano dell)appa"izione di *e#+ ai di# epoli& eme"ge

l)elemento della mi##ione. 4i= viene !ia"amente e#p"e##o nella !iu#u"a del >angelo #e ondo #an 6atteo8 9E Ges1- avvici(atosi- disse loroG :$i + stato dato o7(i potere i( cielo e i( terra. #(date du(<ue e ammaestrate tutte le (a*io(i- batte**a(dole (el (ome del 3adre e del ;i7lio e dello Spi(to sa(to- i(se7(a(do loro ad osservare tutto ciB che vi ho coma(dato. Ecco- io so(o co( voi tutti i 7ior(i- ,i(o alla ,i(e del mo(do=9 4$t A'- 5'-A06. Pe"i opi evangeli !e #imili #i in ont"ano in 1 24& 48B .t 1&8B *v 20&21 ##. C di# epoli& inviati pieni di pote"i& ottengono dal 2i#o"to la mi##ione da ompie"e. Eue#ta mi##ione e il pote"e di "imette"e i pe ati t"ovano la lo"o legittimazione nella mi##ione dello #te##o 2i#o"to. Sem5"a !e lo #t"etto

ollegamento !e inte" o""e t"a il vede"e *e#+ "i#o"to e la p"edi azione t"ovi il #uo "i$le##o nelle $o"mule t"amandate da #an Paolo ed e#p"e##o in 1 4o" 1;. Cl motivo della mi##ione indi a l)eno"me #igni$i ato e le#iale della "i#u""ezione. Cl mi#te"o del "egno di (io t"ova in i= la #ua on "etezza nella "ealt3 della 4!ie#a !e appa"e ome la ontinuazione della volont3 del Pad"e nello Spinto Santo. 1)in ont"o on il 2i#o"to $a #? !e #i ompia una NUO>. .(UN.NT. dei di# epoli. 1)in ont"o on il 2i#o"to #u# ita nelle di# epole e nei di# epoli di *e#+ la pe"#ua#ione !e il #uo me##aggio e la #ua mi##ione de55ano e##e"e ontinuati& p"edi ati an o"a. Cn 7ue#to a#petto& la Pa#7ua diventa l)inizio on "eto della 4!ie#a. Euindi& dopo la Pa#7ua& #ulla 5a#e della $ede nella "i#u""ezione& la 4!ie#a pot% divulga"#i ome la omunit3 di olo"o !e "edono in *e#+ in 7uanto il 6e##ia di (io& e !e in 7ue#ta 4!ie#a in ont"ano an o"a il Signo"e p"e#ente e glo"io#o.

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 1;0

Osserva*io(i circa alcu(e i(terpreta*io(i de7li eve(ti pas<uali Cnte"p"etando gli eventi ollegati on la "i#u""ezione& #i deve te(ere prese(te che <uesti racco(ti biblici (o( so(o a,,atto u(a ri7ida descri*io(e de7li eve(ti. II loro te(ore + di carattere teolo7ico. . au#a dell)inte"vallo di tempo& 7ue#to te#to non pu= #oddi#$a"e del tutto neppu"e le domande di #tampo #to"i o. CiB (o( si7(i,ica- perB- che i racco(ti pas<uali (o( prese(ti(o 7li eve(ti storici. Pa"lando degli eventi pa#7uali& % inte"e##ante non #oltanto i= !e a adde& 5en#? an !e 7uale #igni$i ato e##i po##eggano. Si t"atta& 7uindi& della lo"o inte"p"etazione. Q di$$i ile on o"da"e on i "app"e#entanti della "iti a "azionali#ti a -(. F. St"au##& F. 2enan&*& 1udemann0 !e "e#pingono il a"atte"e "eale della "i#u""ezione di *e#+ ed ome vi#ioni pu"amente

inte"p"etano le

"i#to$anie p#i ogeni amente& o##ia

#oggettive au#ate dall)e#pe"ienza "eligio#a. 4ome punto di pa"tenza pe" analizza"e le "i#to$anie dei >angeli& e##i p"endono la "i#to$ania #pe"imentata da Paolo p"e##o (ama# o& pe" !' la #ua de# "izione& la pi+ anti a "onologi amente& p"oviene dalla pe"#ona oinvolta di"ettamente - $. 1 4o" 1;& 80. 2itengono& pe" i=& !e alla lu e di e##a vadano inte"p"etate le de# "izioni delle "i#to$anie p"e#enti nei >angeli&

"onologi amente pi+ ta"dive. 1a "i#to$ania di #an Paolo p"e##o (ama# o& #e ondo la "iti a "azionali#ti a& $u il "i#ultato del #uo #tato p#i !i o. Paolo& ono# iuto il

"i#tiane#imo !e pe"#eguitava& av"e55e omin iato a du5ita"e nella giu#tezza del #uo ompo"tamento. Eue#to "e# ente on$litto in lui "aggiun#e l)apogeo du"ante il viaggio alla volta di (ama# o& e allo"a Paolo av"e55e #pe"imentato la vi#ione di *e#+ in 7uanto il 6e##ia e av"e55e udito una vo e inte"io"e !e gli !iedeva di a##o ia"#i a lui. Similmente& le alt"e "i#to$anie de# "itte nei >angeli #a"e55e"o #tate #pe##o e#pe"ienze pe"#onali dei di# epoli di *e#+& nate a au#a del lo"o entu#ia#mo e della $ede nel ve"o 6e##ia. Cl on$"onto delle po#izioni della "iti a "azionali#ti a& ome nota giu#tamente FdSa"d Kope & on i dati del Nuovo Te#tamento dimo#t"a !e

l)inte"p"etazione pu"amente p#i ogeni a non va d)a o"do on le $onti.

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 1;1

Tutti i "a onti on e"nenti la "i#u""ezione !ia"amente #ottolineano il a"atte"e "eale ed e#te"no di 7ue#to $atto e& 7uindi& la #ua dimen#ione oggettiva. Pu= e##e"e 7ui e"tamente d)aiuto il motivo del du55io& il motivo dell)identit3 o an !e il motivo della mi##ione !e aiutano a dimo#t"a"e la "ealt3 della "i#u""ezione e la o"po"eit3 -il vive"e0 del 2i#o"to -ad e#empio& il 2i#o"to mangia in#ieme on i di# epoli0. 4on 7ue#ti elementi #ono an !e ollegati i "a onti #ul #epol "o vuoto. .n !e #e l)inte"e##e pe" 7ue#ti te#ti !a un a"atte"e #ommamente teologi o& e#i#tono indizi a55a#tanza nume"o#i pe" on#tata"e !e e##i !anno pu"e un g"ande valo"e #to"i o.

La risurre*io(e come u(a i(terpreta*io(e T"a gli auto"i !e non a ettano il valo"e #to"i o del "a onto #ulla "i#u""ezione di *e#+& 5i#ogna annove"a"e i #egua i della # uola di Sto"ia delle Fo"me on 2. Bultmann e i #uoi di# epoli U. 6a"Ven& F. Fu !# in te#ta. Pe" Bultmann Gla "i#u""ezione % il #igni$i ato #alvi$i o della 4"o eG. Seco(do lui- Ges1 mor> i( croce e <ui ,i(isce la sua perso(ale storia. 4i= !e % #u e##o dopo& non % pi+ la #to"ia di *e#+& be(s> <uella della ,ede (ella sua opera messia(ica. 4i= !e #i di e& 7uindi& della "i#u""ezione di *e#+ non % nient)alt"o !e l!espressio(e della scoperta posteriore del si7(i,icato salvi,ico della croce. Tale # ope"ta viene $atta dai di# epoli di *e#+ !e& inizialmente& #ono p"o$ondamente delu#i pe" la #ua mo"te. 1a $ede nella "i#u""ezione % in "ealt3 la $ede nel #igni$i ato #alvi$i o della "o e. Non #i pu=& 7uindi& pa"la"e della "i#u""ezione& #ottolinea il teologo p"ote#tante& ome di un evento mi"a olo#o !e app"ova la ve"idi it3 d? *e#+. La risurre*io(e- i( <ua(to eve(to storico- (o( + seco(do Kultma(( (ie(t!altro che la (ascita della ,ede (el Risorto. 1a "i#u""ezione in #e #te##a non % un evento #to"i o. "i stampo storico + solame(te la ,ede dei discepoli e il loro i(se7(ame(to. C #egua i del teologo tede# o& pe" i=& "itengono !e la "i#u""ezione deve e##e"e inte"p"etata ome una delle tappe dell)ope"a te""ena di *e#+. Lilli $arMe( sostie(e

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 1;2

che la risurre*io(e di Ges1 approva solta(to il ,atto che la causa di Ges1 co(ti(ua a(cora. Eue#ta te#i viene app"ovata on l)azione ulte"io"e dei di# epoli. Ba#ando#i #ulla "iti a #to"i a del "a onto evangeli o& egli on$e##a !e la "i#u""ezione non % un evento #to"i o nel #en#o no"male di 7ue#ta pa"ola. Si t"atta 7ui piutto#to un Gevento della vi#ioneG. C te#timoni& #enza du55io& pote"ono vede"e il 4"o i$i##o dopo la #ua mo"te. 1o te#timoniano in dive"#i modi e" ando di intende"e e di e#p"ime"e i= !e ad e##i a adde. 1)inte"p"etazione di tale vi#ione& #e ondo la 7uale G*e#+ % "i#o"to dai mo"tiG& % il $"utto della lo"o "i$le##ione e non una de# "izione dello #te##o evento ome tale. 1)e$$etto& pe"=& della lo"o Gvi#ioneG % dupli e. Olt"e a 7ue#ta lo"o inte"p"etazione di i= !e % a aduto / G*e#+ % "i#o"toNG/& )% an !e la onvinzione !e o"a& in nome di 7ue#to *e#+& 5i#ogna agi"e& 6a"Ven lo e#p"ime on la gi3 menzionata $o"mulaB la 9causa di Ges1 co(ti(ua9. P. B"aun& inve e& de$ini# e la risurre*io(e come l!espressio(e del ,atto che Ges1 ha riac<uistato la sua autorit?. Fgli $o"ma 7ue#ta te#i pa"agonando il 4"i#to "i#o"to on il *e#+ p"e/pa#7ualel. 2. Pe# !& inve e& e" a di inte"p"eta"e il di# o"#o #ul G"i#veglio di *e#+G in modo #to"i o/"eligio#o e i= pe" e#p"ime"e la me##iani it3 di *e#+. FdSa"d S !ille5ee LV& poi& nel #uo li5"o G*e#+G p"e#enta il "a onto #ull)appa"izione di *e#+ ome la #to"ia delle onve"#ioni dei #uoi di# epoli. C di# epoli nel >ene"d? Santo $alli"ono& t"adi"ono il lo"o 6ae#t"o& ma i= nono#tante& pi+ ta"di& avvenne in lo"o un am5iamento e $u"ono p"onti alla p"edi azione e alla mi##ione di *e#+ "i#o"to. S !ille5ee LV pa"te 7ui dall)evento della "i#u""ezione !e divenne pe" i di# epoli la au#a del am5iamento e& nello #te##o tempo& una #$ida. Fgli& pe"=& a entua #op"attutto il ollegamento di 7ue#to evento on le vi ende dei di# epoli. Pe"=& egli t"ala# ia del tutto il ne##o di *e#+ on 7ue#to evento. 2ia##umendo 7ue#te inte"p"etazioni della "i#u""ezione& po##iamo di"e !e e##e non on#ide"ano i= !e #u ede on *e#+& ma solta(to si occupa(o di ciB che co(cer(e i discepoli. Ovviamente& on la pa#7ua& nei di# epoli avvenne un

am5iamento& e 7ue#to am5iamento ne e##itava un impul#o. Tuttavia& i te#ti 5i5li i

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 1;3

!e pa"lano della "i#u""ezione #uppongono #op"attutto l)Gevento di *e#+G& an !e #e 5a#ando i #ul lo"o "a onto #ulla "i#u""ezione& a au#a della lo"o pe ulia"it3 lette"ale& non po##iamo t"a""e tante on lu#ioni& ome ad e#empio 7ual o#a i" a la #omati it3 del 2i#o"to. (alle #ingole pe"i opi& po##iamo #oltanto "i ava"e i= !e i #ingoli auto"i intendevano della "i#u""ezione. Pe" 7ue#to motivo& % an !e !ia"o !e neppu"e la #te##a "i#u""ezione pu= e##e"e dimo#t"ata. Cn$atti& la p"e#entazione della "ealt3 $atta dagli auto"i pu= e##e"e dive"#a dalla mede#ima. Olt"e a 7ue#ti te#timoni& omun7ue& non po##ediamo al un a e##o all)evento della "i#u""ezione. Bi#ogna& pe" i=& a$$e""a"e dapp"ima l)inte"p"etazione neote#tamenta"ia della "i#u""ezione& pe" a""iva"e #u e##ivamente alla omp"en#ione teologi a di 7ue#to $atto.

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 1;4

PREGHIERA MULTIRELIGIOSA E INTERRELIGIOSA


(J. Ratzinger, Fede, verit, tolleranza e le religioni del mondo, p. 110ss.)

Nell'epoca del dialogo e dell'incontro delle religioni sorto inevitabilmente il problema se si possa pregare insieme gli uni con gli altri. A questo proposito oggi si distingue preghiera multireligiosa e interreligiosa. Il modello per la preghiera multireligiosa offerto dalle tre giornate mondiali di preghiera per la pace, nel 1986 e nel 2002 e nel 2011, ad Assisi, Appartenenti a diverse religioni si radunano. Comune la sofferenza per le angosce e le miserie del mondo e per la sua mancanza di pace, comune l'anelito all'aiuto dall'alto contro le forze del male, affinch possano entrare nel mondo pace e giustizia. Da qui la volont di porre un segno pubblico di questo anelito, che dovrebbe scuotere tutti gli uomini e rafforzare la buona volont, che condizione della pace. Tuttavia le persone radunate sanno pure che il loro modo di intendere il "divino" e quindi la loro maniera di rivolgersi a esso sono cos diversi che una preghiera comune sarebbe una finzione, non sarebbe nella verit. Esse si raccolgono per dare un segno del comune anelito, ma pregano - anche se in contemporanea - in sedi separate, ciascuno a modo proprio. Naturalmente "pregare", nel caso di un modo impersonale di intendere Dio (legato spesso al politeismo), qualcosa di completamente diverso dal pregare nella fede nel Dio unico e personale. La differenza si manifesta visibilmente, ma in modo tale che quel pregare possa essere anche un grido che implora il risanamento delle nostre divisioni. In riferimento ad Assisi - tanto nel 1986 quanto nel 2002 - ci si e chiesti ripetutamente e in termini molto seri se questo sia legittimo. La maggior parte della gente non penser che si fnge una comunanza che in realt non esiste? Non si favorisce cos il relativismo, l'opinione che in fondo siano solo differenze secondarie quelle che si frappongono fra le "religioni"? Non si indebolisce cos la seriet della fede, non si allontana ulteriormente Dio da noi, non si consolida la nostra condizione di abbandono? Non si possono accantonare con leggerezza tali interrogativi. I pericoli sono innegabili, e non si pu negare che Assisi, particolarmente nel 1986, da molti sia stato interpretato in modo errato. Sarebbe per altrettanto sbaglialo rifiutare in blocco e incondizionatamente la preghiera multireligiosa cos come l'abbiamo descritta. A me sembra giusto legarla a condizioni che corrispondano alle esigenze intrinseche della verit e della responsabilit di fronte ad una cosa cos grande come l'implorazione rivolta a Dio davanti a tutto il mondo. Ne individuo due: 1. Tale preghiera multireligiosa non pu essere la norma della vita religiosa, ma deve restare solo come un segno in situazioni straordinarie, in cui, per cos dire, si leva un comune grido d'angoscia che dovrebbe riscuotere i cuori degli uomini e al tempo stesso scuotere il cuore di Dio. 2. Un tale avvenimento porta quasi necessariamente a interpretazioni sbagliate, all'indifferenza rispetto al contenuto da credere o da non credere e in tal modo al dissolvimento della fede reale. Perci avvenimenti del genere - quali quelli di cui al punto 1 - devono restare eccezioni, e dunque della massima importanza chiarire accuratamente in che cosa consistano. Questo chiarimento, in cui deve risultare nettamente che non esistono "le religioni" in generale, che non esiste una comune idea di Dio e una comune fede in Lui, che la differenza non tocca unicamente l'ambito delle

Teologia Fondamentale UPS 2013/2014 p. 1;;

immagini e delle forme concettuali mutevoli, ma le stesse scelte ultime - questo chiarimento importante, non solo per i partecipanti all'avvenimento, ma per tutti quelli che ne sono testimoni o comunque ne sono informati. L'avvenimento deve presentarsi in se stesso e davanti al mondo in modo talmente chiaro da non diventare dimostrazione di relativismo, perch si priverebbe da solo del suo senso. Mentre nel caso della preghiera multireligiosa si prega nello stesso contesto, ma separatamente, la preghiera interreligiosa significa un pregare insieme di persone o gruppi di diversa appartenenza religiosa. E possibile fare questo in tutta verit e onest? Ne dubito. Comunque devono essere garantite tre condizioni elementari, senza le quali tale pregare diverrebbe la negazione della fede: 1. Si pu pregare insieme solo se sussiste unanimit su chi o che cosa sia Dio e perci se c' unanimit di principio su che cosa sia il pregare: un processo dialogico in cui io parlo a un Dio che in grado di udire ed esaudire. In altre parole: la preghiera comune presuppone che il destinatario, e dunque anche l'atto interiore rivolto a Lui, vengano concepiti, in linea di principio, allo stesso modo. Come nel caso di Abramo e Melchisedek, di Giobbe e di Giona, dev'essere chiaro che si parla col Dio unico che sta al di sopra degli di, col Creatore del cielo e della terra, col mio Creatore. Dev'essere chiaro dunque che Dio "persona", vale a dire che pu conoscere e amare; che pu ascoltarmi e rispondermi; che Egli buono ed il criterio del bene, e che il male non fa parte di Lui. A partire da Melchisedek, possiamo dire, dev'essere chiaro che Egli il Dio della pace e della giustizia. Qualsiasi commistione tra la concezione personale e quella impersonale di Dio, tra Dio e gli di, dev'essere esclusa. II primo comandamento vale anche nell'eventuale preghiera interreligiosa. 2. Sulla base del concetto di Dio, deve sussistere pure una concezione fondamentalmente identica su ci che degno di preghiera e pu diventare contenuto di preghiera. Io considero le richieste del Padre nostro il criterio di ci che ci consentito implorare da Dio, per pregare in modo degno di Lui. In esse si vede chi e come Dio e chi siamo noi. Esse purificano la nostra volont e fanno vedere con che tipo di volont stiamo camminando verso Dio, e che genere di desideri ci allontana da Lui, ci metterebbe contro di Lui. Richieste che fossero in direzione opposta alle richieste del Padre nostro, per un cristiano non possono essere oggetto di preghiera interreligiosa, di nessun tipo di preghiera. 3. L'avvenimento deve svolgersi nel suo complesso in modo tale che la falsa interpretazione relativistica di fede e preghiera non vi trovi alcun appiglio. Questo criterio non riguarda solo chi cristiano, che non dovrebbe essere indotto in errore, ma, alla stessa stregua, anche chi non cristiano, il quale non deve avere l'impressione dell'interscambiabilit delle "religioni" e che la professione fondamentale della fede cristiana sia di importanza secondaria e sia dunque surrogabile. Per evitare tale errore bisogna pure che la fede dei cristiani nell'unicit di Dio e in quella di Ges Cristo, il Redentore di tutti gli uomini, non sia offuscata davanti a chi non cristiano. Il documento di Bose sopra citato, al riguardo, dice, a ragione, che la partecipazione alla preghiera interreligiosa non pu mettere in discussione il nostro impegno per l'annuncio di Cristo a tutti gli uomini. Se chi non cristiano potesse o dovesse trarre, dalla partecipazione di un cristiano, una relativizzazione della fede in Ges Cristo, l'unico Redentore di tutti, allora tale partecipazione non dovrebbe aver luogo. Infatti essa, in questo caso, indicherebbe la direzione errata, orienterebbe all'indietro invece che in avanti nella storia delle vie di Dio.