Sei sulla pagina 1di 21

IDENTITA DIGITALI

Daniele Pauletto

Raccolta di post tra narcisismo digitale, web tribu ed egosurfing

1. Nasce il nuovo Internet 2. Linformazione si digitalizza 3. Infotaiment 4. Dalleconomia materiale allEconomia Digitale 5. Digital brain e NetIntelligenze . Narcisismo Digitale !. "ebalienazione #. Lindividia nel mondo Digitale $. In Internet nascono nuovi gru%%i e tribu 1&. Informaztion overload' la tecnologia modifica le relazioni 11. (eti di (elazioni 12. Lera della I)information 13. Dai socialnet*or+ al social,-oot

Nasce il nuovo Internet

La nuo a isone di Internet c!e gi" sta influen#ando il modo di la orare, interagire, comunicare nel $eb e di elaborare le informa#ioni sta nascendo con il $eb %, tecnologia &less is more&' di facile apprendimento(uso e accessibile con di ersi strumenti digiatli)* +na ri olu#ione silen#iosa c!e consentir" un insieme di approcci inno ati i nell,uso della rete* Dati indipendenti dall,autore c!e iaggiano liberamente tra un blog e un,altro subendo trasforma#ioni e arricc!imenti multimediali ' edi i podcast o odcast )* Di passaggio in passaggio, tramite la condi isione di e-comunit", l,idea si approfondisce sempre pi. con la possibilit" di di entare popolare, o &esplodere& in forme & irali&' idea irus)* Informa#ioni opensource condi isibili, c!e nagi ano liberamente nel nuo o $eb ' $eb %)* ./a0 ' As/nc!ronous 0a a1cript and 23L, tecnica per sviluppare applicazioni Web interattive e dinamiche usando una combinazione tra diversi linguaggi di programmazione e oggetti ), 1-L 'e2tensible 3ar4up Language,linguaggio per la strutturazione e la comprensione logica dei dati tramite computer,indipendente dalla piattaforma, si compone di tag e attributi ), feed(22 'reall/ simple s/ndication per facilitare la distribuzione e l'aggregazione di un contenuto su altri siti) , "i3i, o%en .)I ' Application Programming Interface, insieme di procedure standard, possono essere private o pubbliche ), 2ocial Net*or+ing , -as4,u% ' combinazione di pi web application ) ,sono i nuo i strumenti, i ferri del mestiere per la orare*

L5Informazione si digitalizza
L,Informa#ione si digitali##a sempre pi. lascia Gutenberg, la carta stampata, l,inc!iostro, i libri a fa ore del web , il digital divide scende in Italia al 51,3% Anc!e l,informa#ione analogica delle t 5 sempre pi. confinata nella dieta mediatica alla popola#ione an#iana, immigrata digitale, perdendo audience e interesse, nonostante l,incal#are del free speec! media, sta cercando ora nuo a ita con il DT 'digitale terrestre ) o su IpT6 trasferendo contenuti ecc!i su media poten#ialmente inno ati i*

1ul web l,informa#ione lascia la forma testuale, si parla infatti di press di ide, a fa ore dell,immagine e del ideo, /outube insegna, trasformandosi in infotaiment e subisce un drastico ridimensionamento(durata temporale*ci7 spiega il progressi o spostamento della blogosefra 'blogging) sull, twittersfera 'microblogging I instant message)

sul web ,sui blog, sulla posta elettronica dura solo !" ore, sui social networ# $ualche ora su strumenti di microblogging come %witter pochi minuti Linforma#ione e ol e in IpInformation di entando sempre pi. multitas4ing, multimediale, interatti a,nomadica ' people centric media)*

Tale Ri olu#ione Digitale sta influen#ando l,economia ersus forme di economia6ca%italismo digitale, ' edi & 'ailure of (apitalism ), il fallimento del mercato, il mito ,too big to fail,, per altri di economie occidentali al collasso ,per altri di slow econom), la crisi della politica di distretti industriali, nascono nuo i la ori(professioni ma il mondo delle imprese pare non se ne sia accorto(non oglia accorgersene in Europa 8ualcosa si muo e 9 si parla anc!e di 3edioe o Digitale Anc!e la PA ' pubblica amministra#ione) e la 1cuola lentamente muo ono i primi passi nel Digitale ma la strada 5 ancora lunga Guterberg regna ancora con la carta,penna,fa:, la agne,libri,matite*

E i 8uotidiani, la carta stampata !anno aperto una etrina sul web fingendo(sperando c!e tutto ci7 non li riguardi ' vedi *ewspapers debacle, *ewspaper +ied e a writing ,evolution)

la digitali##a##ione comporta anc!e la demateriali##a#ione di beni come nella musica digitale, del ideointrattenimento 'declino delle endite di prodotti fisici cd, !s,d d) o dei prodotti domomediali nonostante incremento dei olumi di musica consumati ia web la digitali##a#ione comporta anc!e uno specifico stile di ita ' digital life) e crea nuo e identit" proteiformi ' digit-Io) ;< una nuo a ci ilt"* =,5 proprio una di isione genera#ionale assoluta tra c!i 5 digitale e c!i non lo 5* In effetti, 8uelli c!e io c!iamo i >sen#atetto digitali? sono molto intelligenti, molto bra i, di solito sono persone benestanti di @A anni o pi., ma !anno un problemaB sono giunti su 8uesto pianeta troppo presto* Cueste persone imparano dai loro figliD 'N*Negroponte )*

Infotainment

1iamo bombardati da Informa#ioni di ogni tipo, soggetti ed effetti e 8uindi a fenomeni di sovraccarico +na noti#ia 8uindi per poter emergere e de e ric!iamare l,ATTENEIFNE e per far ci7 de e esssere di ersa, esagerata, aggressi a, iolenta, spettacolari##ata, c!e susciti emo#ioni forti* Ecco allora c!e l,Informa#ione mediale e ol e e si trasforma sempre pi. in infotainment G, infotaiment,giornalismo , *eb,infotaiment, infotaiment,comunicazione , tv,infotaiment regina indiscussa sul campo* La tecnologia ne subisce il fascino, cosH abbiamo l,In asione di 1istemi di Automoti e Infotainment 'negli accessori delle automobili) infotainment-1/stem 'nei me##i di Trasporto D), 3obile Infotainment 1/stem 'sui cellulari e sui w-telefoni), L,originale Informa#ione pura, sembra in ia d,estin#ione ma forse non ce ne siamo neanc!e accorti* E il webI ne subisce l,In8uinamento*

Dall5economia materiale all5Economia Digitale

'Ricerc!e +J Tec!nolog/ 1trateg/ Koard e ilDigital Krain report )l,economia digitale in +4 occupa il LM della popola#ione , il NAM del Pil* La digitali##a##ione comporta ad un nuo o sistema di regole e condi#ioni c!e ri olu#ionano il mercato, il mercato e l,economia in 8uanto intesa attualmente* &La nostra mentalit" 5 fortemente basata sul l,economia materiale e segue delle regole legate al mondo fisico,materiale& ricorda 1*Cuintarelli* 1eguiamo ancora una logica analogica c!e mal si conciglia con la logica Digitale, tendiamo ad utili##are infatti categorie(concetti ecc!i come, mercato, cliente, endita, prodotti, consumo(i * La societ" digitale sta e ol endo in forme di economia immateriale do e le logic!e economic!e finora usate anno in crisi *** ' edi A Oailure of =apitalism ), il fallimento del mercato, per altri siamo in economie occidentali al collasso ,per altri alla attention econom/ in tale contesto parlare di moneti##a#ione delle atti it", informa#ioni comprese, si scontra con modelli 8uali il gratis di =!ris Anderson difficile, da accettare,

' Leconomia digitale 5 basata sullabbondan#a delle risorse disponibili, e non sulla scarsit", 8uindi sul gratis ), le informa#ioni e i contenuti, al di l" di c!i li produce, sono gratis anc!e perc!5 l,autore tende a sparire, ***

Economia immateriale' cognitiva' delle idee ...


La fine del fordismo 'produ#ione industriale di massa mecanici##ata) e di alcuni arianti postfordiste, la globali##a#ione 'decentramento, delocali##a##ione, ter#iari##a#ione ***) e la smateriali##a#ione della produ#ione in tutte le sue arianti, la ri olu#ione digitale, passaggio da tecnologie meccanic!e a 8uelle informatic!e,

la crescita del la oro cogniti o, laumento della 8uota di capitale definito >intangibile? 'istru#ione, forma#ione, ricerca e s iluppo, ***) e il ruolo determinante dell,inno a#ione, la produ#ione di ricc!e##a a me##o di conoscen#a, il trasferimento dalla manifattura alle fasi della produ#ione immateriali portano con s5 lo s iluppo di un , Economia immateriale'cognitiva' delle idee* =on il $eb%*A, la 3obile =omunication, 3%3, la conoscen#a 5 di entata una risorsa maggiormente fruibile, accessibile e replicabile, sempre pi. mobile e indipendente dallo spa#io e dal tempo* La conoscen#a B si propaga facilmente, oltrepassando il concetto di propriet"P !a un tempo di ita ultrabre e pu7 essere condi isa* R*1iagri ci ricorda c!e il paradigma della rete 5 saper tro are le cose e non saper le cose *** dal +no* 4o* ' economia della materia ) al +no* *4ere*** ben enuti nell,Economia Immateriale.

Digital 7rain e NetIntelligenze

Gutenberg ci !a reso stupidi I Internet e il $eb allora *** La societ" digitale modifica le nostre capacit" cogniti e erso forme di intelligen#a utilitaristica, pi. eloce e rapida, capace di multitas4ing e simultaneit", meno concentrata e analititica, ci7 c!e per alcuni pu7 essere definita NetIntelligenza. 1tiamo &e ol endo& erso un,intelligen#a fluida, utilitaristica, c!e meglio si adatta al mondo(societ" digitale, una intelligen#a capace di tro are un senso nella confusione delle informa#ioni mediali 'multitas4ing)* I nati i digitali sono inoltre capaci di risol ere nuo i problemi indipendentemente dalle loro conoscen#e ac8uisite,!anno s iluppato una nuo a creati it" intesa come un mi: di conoscen#a e una serie di collegamenti(lin4 , una capacit" di connessione con altre &digital-persone& 'socialnet*or+ing) +n,intelligen#a c!e spende meno tempo a cercare di ricordare 'searc!) e pi. tempo alla genera#ione di solu#ioni, in grado di s iluppare un,integra#ione pi. a an#ata delle informa#ioni, anc!e in termini alutati i* +n,intelligen#a eloce nel muo ersi tra le informa#ioni, sen#a approfondirle, ma capace di collegarle tra loro nella loro intere##a o in parti, con possibili interconnessioni di frammenti*

+n,intelligen#a sempre in mo imento, fluttuante pi. c!e concentrata, capace di utili##are forme di intelligen#a distribuita, capace di un apprendimento nuo o, pi. informale c!e formale, capace di scoprire in modo rapido ed efficace le informa#ioni estraendole da pi. media,spesso in modalit" 8ff7rain, in modalit" web-mediate pi. c!e in opera#ioni cogniti e mentali pure, pi. abile a trattare con una molteplicit" di fattori* 8ld ca%acit9

vs Ne* :a%acit9

possesso conoscen#e conoscen#a se8uen#ialit"-rigore logica riflessione indi idualismo realt" fatica

condi isione gratuit" info esperien#a multitas4ing-spontaneit" (flessibilit"-creati it"-condi isione collabora#ione ( team iperrealt" piacere di ertimento gioco

Narcisismo Digitale
---si sta imponendo una cultura del narcisismo digitale in cui si utilizza Internet per diventare noi stessi le notizie,l.informazione/- Andrew Jeen ' T!e =ult of t!e Amateur)

Per alcuni autori i contenuti prodotti dal web%*A, il web partecipati io fatto di blog, ideoaudio-foto s!aring,twitter,mas!up sono prodotti &non-sense autoreferen#iali&, autocita#ioni c!e anno a gratificare l,Io, egosurfing* L,io con cui era amo abituati a la orare si frammenta, i endo una molteplicit" del sQ, delle multipersonalit", delle identit" mute oli* Nella"ebsfera domina la comunica#ione comun8ue e o un8ue, con 8ualsiasi mediaB tutto a sperimentato condi idendo esperien#e ' social net*or+ing), rela#ioni in gruppi reali o irtuali di bre e durata, o creati per l,occasione*1i i ono cosH mute oli forme di coscien#a, il digit,I8 proteiforme, flessibile, capace di adattarsi continuamente alle nuo e circostan#e, trasformandosi in forme di mimetismi buoni per l,occasione* Alcuni autori e iden#iano c!e il RAM delle comunica#ioni web%*A sono non-sense o autopromo#ioni ad ori##onti limitati alla propria egosfera* Non 5 nuo a la critica a una cultura capitalista sempre pi. indi idualista, in cui lestetica, la conoscen#a e la erit" si muo ono al di l" della comunit" per orientarsi e isolarsi erso lIo* La sola autorit" ammessa 5 lIo, a sua olta mandata in frantumi dalla cultura dellanonimato online* &Il continuo flusso informati o 5 un ortice c!e cattura contenuti rigurgitandoli in lag!i artificiali e gigantesc!i, ma stagnanti e stantii*** La cultura della modernit" li8uida non 5 pi. una cultura dellapprendimento e dellaccumula#ione, 5 in ece una cultura del disimpegno, della discontinuit" e della dimentican#a*** lo sciame in8uieto del $eb inondandoci di soundbites e immagini fagocita le discussioni e i pensieri reali& 01)gmunt 2auman 3La solu#ione I per alcuni il web %*A potr" fun#ionare solo reintroducendo elementi dellecosistema tradi#ionale e 8uindi gli intermediari c!e diano &autore ole##a& alle informa#ioni, per altri solo attra erso una presa di coscien#a e libert" dalla &tirannia dell,io&, an#i dell, io,digitale ' digit-io )*

"ebalienazione
Domina Internet e il $eb e con esso cresce il narcisismo digitale ' il disturbo narcisistico si manifesta con una condatta circospetta, impulsiva,orientata alla ricerca ad ogni costo della riuscita e del prestigio, con incapacit4 di tollerare insuccessi o critiche) e la *ebalienazione ; alle %orte* Il web facilita la cultura narcisitica della personalit", il culto della personalit", dell,apparire e di esibirsi sul web con i propri scritti, foto, ideo e messaggi reso ormai facile con le applica#ioni web%*A ' il web partecipativio fatto di blog,video5audio5foto sharing,twitter,mashup --- )*

Dal narcisismo alla webaliena#ione il passo 5 bre e B Proliferano nella rete identit< mutevoli e masc!erate, eccessi di egoismo indi iduale puro c!e spingono l,io ad un isolamento nello spa#io irtuale, deliri narcisiti in forme replicanti su blog e social networ4, forme di ita isolate dipendente dal web c!e si spingono fino a stati borderlaine* Il cibernauta tende facilmente a costruire forme di socialit" artefatte, in cui la propria identit" e 8uella degli altri utenti possono essere facilmente masc!erate, falsate e manipolate ' es* in web c!at nelle sue arie forme)* Nessuno sa c!i sei n5 do e sei, si creano contatti sui social networ4 autosele#ionati a propria misura e gratifica#ione , con il culto del numero di contatti e con la sele#ione degli utenti pi. consoni ai propri gusti e idee , engono alimentate forme di endonismo digitale, con parossimi come 8uelle di crearsi una webt personale, do e un io dilato e li8uido perde intere notti insonni* =resce la mercifica#ione della propria ita interiore o altrui con strumenti di condi isione ed intera#ione, anc!e della propria pri ac/ in ideo autoprodotti e resi pubblici ad es* su Soutube ' casi di bullismo )* Nella *ebalienazione predomina il principio del piacere a discapito del principio della realt", crescono forme ossessi e e compulsi e 'videocom%ulsione ) legate all,uso del web, e forme di netdipenden#a, l,importante 5 apparire ed essere connessi ' connect 1/ndrome, = : ), comunicare comun8ue e o un8ue, con 8ualsiasi media ,

LIN>IDI. nel mondo Digitale

In,vidi? Alla base dell,in idia 'in- idere significa a ere un occ!io catti o ) c,5, generalmente, la disistima e l,incapacit" di edere le cose e gli altri prescindendo da sQ stessi, 8uindi un narcisimo alimentato anc!e dai nuo i media digitali ' socialnetwor4, blog ,digitalmedia ***) 1pesso nella persona in idiosa si riscontrano B frustra#ione, ossessione, tenden#a alla manipola#ione, egocentrismo, mancan#a di scrupoli e ipocrisia* Tra i pi. tipici comportamenti dell,in idioso c,5 il dispre##o dell,oggetto in idiato, della persona di enuta & famosa& o sotto i riflettori dei media anc!e se temporaneamente* L,in idioso pu7 assumere comportamenti molto aggressi i e il tentati o di sminuire l,in idiato pu7 raggiungere toni esasperati, arri ando anc!e al pubblico dispre##o e alla pubblica derisione, sminiurie l,a ersario presunto soddisfa egoNarcisimo, placandolo temporaneamente* L,indi ioso i e in un continuo stato di tensione e frustra#ione cercando disperatamente di apparire con ogni me##o Per 8uesto lin idia 5 un sentimento c!e si cerca di nascondere, ci si ergogna in 8uanto 5 come una dic!iara#ione pubblica di inferiorit"* E, un,incapacit" personale di ammettere con gratitudine i doni rispetti i di cui ciascuno 5 dotato*

IN IN=E(NE= N.2:8N8 N@8>E A(@))I E =(I7@ )sico,logi? del "eb 6 ---la folla spontanea, un fenomeno di enorme suggestionabilit7 reciproca, con l'emergere conseguente di tratti di atavismo o primitivismo, da branco o meglio orda primordiale, in cui tutte le emozioni e sentimenti vengono esasperati--- 6 0 Gustave Le Bon 3 *ell.attuale societ4 consumistica l.homo consumens 8 esistenzialmente preoccupato di essere e restare nel branco, di appartenere ed essere riconosciuto dal branco- 9' il branco stesso che impone le :mode/ e i nuovi totem delle trib giovanili 0 Zygmunt Bauman 3&;e reti sono gi4 diventate, in effetti, il palcoscenico in cui si esibiscono e talvolta prendono forma i differenti tribalismi che segnano il nostro tessuto sociale--- il passaggio dalla verticalit4 all.orizzontalit4< testimoniano apertamente $uanto le societ4 contemporanee non facciano pi perno sull.individuo razionale padrone di s= e del mondo, ma su micro5 aggregazioni sociali in cui il s= si perde nell.altro e si scioglie nelle differenti trib di cui fa parte-6 0-. -affesoliB =oncetti ripresi e s iluppati anc!e da 1et! Godin, in =ribes, c!e preferisce parlare di leader, in ece c!e guru o capobranco, di Trib. c!e gestisce e influen#a piccoli o grandi gruppi di mar4eter o seguaci* =osa cercarono i leader I Alcuni ogliono il denaro, altre il potere, alcune la fama ed altri gli applausi* 6--- oggi riemergono sentimenti locali, tribali, irrazionali che potremmo definire 'barbari'--- la societ4 occidentale, a forza di coltivare igienismo sociale assoluto e culto del rischio zero, si 8 addormentata--- I barbari, per>, portano sangue nuovo- ?ono i nostri figli, le nuove generazioni, che ci scuotono- 'anno traballare certezze e abitudini, sconvolgono la nostra $uiete- I barbari sono persone che non parlano la nostra lingua6- '2et4 Aodin ) altri li c!iamano nativi digitali T *

la psicologia sociale sottolinea c!e 8uanto pi. un indi iduo si sente insicuro e(o insoddisfatto, 8uanto pi. 5 inconsistente e(o debole(superficiale il suo sistema di alori, 8uanto pi. deboli sono le sue difese ra#ionali, tanto pi. !a bisogno di un gruppo di appartenen#a, del branco, in cui tro a sicure##a, prote#ione, identit",orientamento, regole*

Information overload' la tecnologia modifica le relazioni *ell'attuale mondo iper tecnologico dobbiamo sviluppare capacit4 di saper operare rapide valutazioni e selezioni delle informazioniLa crescente rapidit" di accesso alle informa#ioni modifica il modo di pensare e soprattutto di rela#ionarsi con gli altri* Nell,attuale mondo iper tecnologico la dimensione psic!ica dell,io, 8uella a cui era amo abituati, fatica a sopra i ere* 1iamo sopraffatti da molteplici stimoli sensoriali, molteplici fonti informati e 'Internet, cellulari, tele isione, ideo), dobbiamo fare i conti con un crescente rapidit" di accesso alle informa#ioni* Il nostro modo di pensare e lo stile cogniti o c!e utili##a amo una olta ora non anno pi. bene, sono troppo lenti e inefficaci* Dobbiamo s iluppare capacit" di saper operare rapide aluta#ioni e sele#ioni delle informa#ioni* La ra#ionalit" lascia il posto alla creati it", il libro al $eb, la scrittura alla multimedialit" 'gli 131 e gli 331 delle nuo e genera#ioni, c!e usano i cellulari come carta e penna)* L,io di Gutenber, dei libri e della parola scritta, lascia il posto all, digtIF 'iodigitale)*

Dominando la transi#ione, la complessit", il passaggioP niente 5 duraturo, molte informa#ioni algono appena poc!e ore, al massimo un giorno,le realt" molteplici, l,iperrealt" 'il cui ini#io si 5 a uto con la irtualit") la mente si de e adattare trasformandosi* L,io si frammenta i endo una molteplicit" del sQ, a multipersonalit", a identit" mute oli* =adono le certe##e, a an#ano gli spa#i dei molteplici interrogati i, domina la comunica#ione comun8ue e o un8ue, con 8ualsiasi mediaB tutto a sperimentato condi idendo esperien#e, rela#ioni in gruppi reali o irtuali di bre e durata, o creati per l,occasione*

1i i ono cosH mute oli forme di coscien#a, digitIF proteiforme, flessibile, capace di adattarsi continuamente alle nuo e circostan#e, trasformandosi in forme di mimetismi buoni per l,occasione* =reare rela#ioni e networ4 di rela#ioni, anc!e con l,aiuto delle nuo e tecnologie, ecco la nuo a professione del %AALB c!i 5 prontoI La crescente ra%idit< di accesso alle informazioni modifica il modo di %ensare e so%rattutto di relazionarsi con gli altri. Nell,attuale mondo iper tecnologico la dimensione psic!ica dell,io, 8uella a cui era amo abituati, fatica a sopra i ere* 1iamo sopraffatti da molteplici stimoli sensoriali, molteplici fonti informati e 'Internet, cellulari, tele isione, ideo), dobbiamo fare i conti con un crescente rapidit" di accesso alle informa#ioni* Il nostro modo di pensare e lo stile cogniti o c!e utili##a amo una olta ora non anno pi. bene, sono troppo lenti e inefficaci* Dobbiamo s iluppare capacit" di saper operare rapide aluta#ioni e sele#ioni delle informa#ioni* La ra#ionalit" lascia il posto alla creati it", il libro al $eb, la scrittura alla multimedialit" 'gli 131 e gli 331 delle nuo e genera#ioni, c!e usano i cellulari come carta e penna)* La conoscen#a si fonda non pi. sui libri ed enciclopedie, ma sempre pi. sull,esperien#a* Anc!e l,ordine cede il passo alla spontaneit", la logica al paradosso, l,indi idualismo al team 'gruppo di la oro, gruppi di interesse, gruppi di rela#ioni, gruppi di esperien#e)* Dominano la transi#ione, la complessit", il passaggioP niente 5 duraturo, molte informa#ioni algono appena poc!e ore, al massimo un giornoP e poi ancora le realt" molteplici, l,iper-realt" 'il cui ini#io si 5 a uto con la irtualit")* L,ordine, la logica e il rigore stentano, mentre spopola l,ambiguit" 'le identit" indefinite nelle c!at), la spontaneit", l,ironia, il paradosso* Il passato e il futuro arrancano di fronte all,immediato, al presente* L,io si frammenta lasciando il primato al principio del piacere, i endo una molteplicit" del sQ, a multipersonalit", a identit" mute oli* =adono le certe##e, a an#ano gli spa#i dei molteplici interrogati i, domina la comunica#ione comun8ue e o un8ue, con 8ualsiasi mediaB tutto a sperimentato condi idendo esperien#e, rela#ioni in gruppi reali o irtuali di bre e durata, o creati per l,occasione* 1i i ono cosH mute oli forme di coscien#aP il ecc!io io cede il passo all,io proteiforme, flessibile, capace di adattarsi continuamente alle nuo e circostan#e, trasformandosi in forme di mimetismi buoni per l,occasione* La ricc!e##a ora sta nelle esperien#e, non pi. sul possesso materiale o sul consumo dei beni* =reare rela#ioni e reti di rela#ioni, anc!e con l,aiuto delle nuo e tecnologie, ecco la nuo a professione del %AAAB c!i 5 prontoI

(eti di relazioni
:iascuno di noi stabilisce delle reti sociali' strutturate e ordinate' con i %ro%ri %arenti' colleg4i e amici. 6i iamo in rela#ioni pi. o meno strette con gli altri* 1tabiliamo cosH delle reti di rela#ioni, reti sociali, strutturate e ordinate, con i nostri parenti, colleg!i di la oro, amici pi. assidui* Tutto ci7 a a costituire un piccolo networ4 'pr o piccola rete) ristretto, di cui conosciamo l,estensione e l,esisten#a stessa* Esiste poi una rete pi. allargata 'GR o Grande Rete) fatta dalle persone pi. disparate, amici sporadici o d,infan#ia, conoscen#e lontane e occasionali, c!e formano un struttura sotterranea molto pi. ampia e a noi spesso sconosciuta*

Fgni networ4 5 fatto di connessioni e nodi* I me##i a nostra disposi#ione facilitano le comunica#ioni all,interno della reteB basti citare il cellulare, gli 1ms, il computer, la posta elettronica, internet e i ecc!i me##iB il telefono, il fa:, la posta ordinaria per citarne solo alcuni* E, stato calcolato c!e il RLM delle nostre comunica#ioni a iene tramite telefono e cellulare, media di comunica#ione interpersonale dominante* Le noti#ie si diffondono con pi. rapidit" e facilit" tramite 8ueste reti, rispetto alle altre possibili modalit"* La orare in rete di enta cosH una strategia incente ed efficente* Le Reti tra a#iende, comuni, enti e istitu#ioni, scuole, associa#ioni e gruppi sono le armi fondamentali per la crescita e lo s iluppo sociale ed economico del territorio* Tali reti !anno una &intelligen#a interna& e seguono delle regole ben precise* La rete forte, perc!5 pi. ampia e allargata, 5 8uella fatta dai punti deboli 'GR), composta da nodi lontani o occasionali c!e consentono di allargare la struttura erso punti nuo i* Generalmente noi utili##iamo la piccola rete nel diffondere le noti#ie, le rela#ioni e i progetti, tralasciando i nodi lontaniB cosH le comunica#ioni, le rela#ioni e i progetti si fermano limitandosi a poc!i, i soliti* Fgni a#ienda o istitu#ione isolata c!e non fa rete con altre, non si s iluppa o cresce molto lentamenteP fatica a sopra i ere nella nuo a societ" della conoscen#a estesa, iperconnessa* Anc!e Internet 5 una Grande Rete con importanti ris olti economici e sociali*

LEra della I)information

La tecnologia attuale consente, ad una molteplicit" di utenti, di accedere in 8ualsiasi momento e in 8ualsiasi luogo alle informa#ioni necessarie, di sele#ionare dati tra di erse fonti e arc!i i informatici* La diffusione molecolare dell,informa#ione 5 resa possibile con terminali portatili connessi alla rete, infatti gli utenti possono usufruire di una pluralit" di dispositi i intelligenti, integrati nei pi. s ariati tipi terminali mobili 'cellulari,pda, smartp!one, laptop) capaci di riconoscere e rispondere ininterrottamente in modo discreto e in isibile* Tutto ci7 fa orisce user,em%o*erment degli utenti* La banda larga insieme al ersatile protocollo I), c!e consente la separa#ione dei ari ser i#i web, !anno consentito lo s iluppo dell I)info* La I)info 5 B U +bi8ua U Interatti it" U Interoperabile U 3ultipiattaforma U Alwa/s on U 3ultide ice U Nomadica U $eb%*A La IPinfo consente ugc ' user generated contents ), il ideo-audios!aring, fa orisce inoltre il social networ4, i blog, le R-Teac! e la comunica#ione irale e condi isa* In tale contesto do e al centro risulta lutente e non linforma#ione, engono spinte la multipersonalit", il multiruolo, la creati it" e le emo#ioni* Internauta webN*A de e elocemente adattarsi ad una muta#ione c!e allo stesso tempo cogniti a, comunicati a e sociale, sotto lincal#are dell IPinformation* La NetGeneration 5 gi" pronta*

Dai socialnet*or+ al social,-oot


Nel web sempre pi. si i ono realt" molteplici, realt" aumentata, la mente cosH si de e addattare e trasformare alle nuo e dinamic!e sociali,tribali* LIo digitale ' Digit-Io ) si frammenta i endo una molteplicit" del sQ, multipersonalit", identit" mute oli nomadic!e, do e domina la comunica#ione alwa/s-on , comun8ue e o un8ue, con 8ualsiasi media, e nelle forme di ultramedialit"*

Tutto a sperimentato condi idendo esperien#e, rela#ioni socialmediali ampiamente disponibili e fruibili in net-gruppi o net-trib. di bre e durata, o creati per loccasione, o issuti in comunit" di interessi* Nascono cosH nuo i socialnetwor4,nosocial, c!e superano,aboliscono lesistente, in fa ore di presen#e anonime , edi 4c4an.org o canv.as 'di(hristopher @oole ), in >citt" digitali? do e gli abitanti rigidamente anonimi i ono sen#a legge(regole, sen#a preoccuparsi delle conseguen#e, o e, anc!e se per poc!i istanti, tutto 5 consentitoP engono cosH rigurgitati messaggi(foto(insulti(denigra#ioni(ecc9, sen#a lasciare tracce di sQ* Nuo e forme di socialit"(rela#ioni net,socialit< e (,tec4 'A*,if#in) in cui tutto a sperimentato, condi idendo esperien#e, '> socialnet*or+tualit< ? ) al limite della ci ilt" e(o rispetto altrui, alcuni infatti parlano di socialit" boorderlaine, parasocialit", imbarbarimento, i nuo i barbari, neotrib.intorno al totem dellanonimato*

1i i ono cosH mute oli forme di coscien#a, digitIo proteiforme ',-A-;ifton), flessibile, capace di adattarsi continuamente alle nuo e circostan#e 'on-line), esplicitando le possibili forme dellauto,racconto del s;, o s iluppando nuo e rela#ioni 8ualitati amente significati e ' 6al4enburg,Peter) ma anc!e con possibili fenomeni di c/ber- iolen#a, relegando cosH loff-line agli >immigrati digitali?* Alcuni autori edono internet non come una potente weapon of mass instruction '?arma di istru#ione di massa/ *-*egroponte), ma come un*ea%ons of mass destruction '?arma di distru#ione di massa? ), o scontri tra c/berterroristi e possibili c/berpoli##iotti *** tra botnet e #ombienetwor4 nel wired$eb '9- Baspers#) ) 8ualc!e speran#a ci resta forse nel mobile$eb*

le tecnologie digitali avanzanoC

NOTE Autore

+aniele @auletto +ocente, psiocologo, giornalista

Web(omunication D I(% management at Mt Net 0;earning and ,elations *etwor#3 D *on5@rofit Erganization I(% teacher at I@?I& Falileo Falilei (astelfranco Geneto ultimedia ;ab,Web and I(% teacher, 9lettronic and %elecomunication +epartment,

@ubblicationH Web2 ! versus Web" ! 0 in &dhocrazia- ?viluppo economico e competitivit4 d'impresa, boo# 'ranco &ngeli 9ditore3 !IIJ 3 coautore, ;a ?icurezza delle informazioni nell.era Web !-I eboo# 9dizioni I2 , 0 creative commons licence 3!I1I #igital Net$or% 0in ;a tecnologia al potere, Fuerini &ssociati boo#3 !IIK autore Wireless &idelity eboo# &pogeonline !II3