Sei sulla pagina 1di 23

Il metodo dellinchiesta

Laboratorio di Psicologia generale

Introduzione
l

Questionari e interviste sono le tecniche principali che ricadono sotto letichetta del metodo dellinchiesta e, rappresentano delle strategie per la raccolta dei dati. La raccolta delle opinioni non unimpresa semplice. Sia la formulazione di un questionario che lintervista richiedono un complesso lavoro di preparazione.

Introduzione
l

Queste tecniche sono usate quando il ricercatore vuole conoscere lopinione di un campione, rappresentativo, di soggetti in merito a specifici argomenti, come:
l l l

Qualit dellofferta didattica. Bisogni degli studenti. Servizi offerti dallateneo.

Introduzione
l

Uninchiesta consiste nel porre delle domande ad un determinato campione di soggetti (intervistati) e nel registrare le loro risposte. Tutto questo deve avvenire in un arco di tempo piuttosto limitato prima che la situazione possa modificarsi.

Il questionario: che cos


l

Tecnica standardizzata per la raccolta di informazioni e opinioni, formata da batterie di domande a risposte generalmente prefissate. Spesso i ricercatori ricorrono a questionari gi esistenti in modo da non inventare nulla e poi perch hanno la possibilit di confrontare i loro risultati con quelli di altre ricerche che usano lo stesso strumento.

Scopo del questionario


l

Il primo aspetto definire, bene, gli scopi che si intende raggiungere. Individuare le vie migliori per raggiungerli.
l

La presentazione delle domande pu avvenire in forma scritta o orale, le domande possono essere registrate direttamente dallintervistatore o riportate dal soggetto in un apposito modulo.

Esempio
l

Il nostro obiettivo : allestire presso la nostra universit un servizio di aiuto psicologico per gli studenti. In questo non importante solo rilevare quanto diffuso il disagio tra gli studenti, ma anche cercare di capire quali sono le fonti di questo disagio al fine di organizzare il sevizio nel modo pi adeguato per dare una risposta a questo tipo di richieste.

Aspetti pratici
l

Definiti gli obiettivi si passa alla fase successiva, che consiste nellindividuare le domande da porre al soggetto. La loro formulazione un aspetto importante poich molto dipende dal tipo di domande che si fanno e dal modo in cui sono formulate. Infine, un altro elemento importante lindividuazione del campione.

Alcune considerazioni
l

Le domande costituiscono la traduzione operativa dello schema concettuale. Ciascuna domanda o blocco di domande corrisponde alle variabili oggetto di classificazione o misurazione. In psicologia per misura si intende quel processo che permette di ottenere una descrizione, prevalentemente numerica, del grado in cui un soggetto, un individuo o un gruppo possiedono una determinata caratteristica.

Rilevanza delle domande


l

Le domande debbono risultare rilevanti rispetto agli scopi della indagine. Il ricercatore privo di esperienza rischia di combinare domande altamente rilevanti con domande irrilevanti disorientando lintervistato. Lintervistato reagisce alle domande irrilevanti rifiutandosi di rispondere oppure pensando che il proprio tempo sia sprecato, oppure pensando a secondi fini nella indagine.

Tecniche per aumentare la rilevanza delle domande


l

Utilizzare un questionario diverso per una popolazione avente caratteristiche diverse (uomini e donne nel caso di interviste sulla vita intima, ecc.). Permettere una formulazione multipla allinterno dello stesso questionario a seconda delle caratteristiche dellintervistato. Saltare a gruppi di domande diverse secondo delle domande filtro.

La scelta delle domande


1.
l

Affrontare un solo argomento per volta


Evitare forme di ambiguit (opinione e loro giustificazione)

2.
l

Evitare di influenzare i soggetti


Scrivere le domande senza influenzarne le risposte (evitare forme di suggestione)

3.
l

Rendere chiare le alternative


Le opzioni delle domande chiuse chiaramente diverse le une dalle altre devono essere

4.
l

Evitare la desiderabilit sociale


Chi risponde percepisce che unalternativa socialmente pi accettabile di unaltra

Affrontare un solo argomento per volta


l

Una domanda contiene due domande diverse


l

Preferisce stare a casa oppure uscire con gli amici?.

l l

Sono due circostanze diverse che implicano due domande diverse. Le domande che contengono le congiunzioni o ed e debbono essere controllate se non contengono un significato non univoco.
l

In quale categorie si colloca, degli alti o dei bassi?.

Ambiguit nelle domande


l

Chi sono costoro?


l l

Sono dei rocchettari Sono degli studenti casinisti

Alcuni termini non consentono una specificazione scientifica della tipologia. Evitare di utilizzare linguaggio di gergo non comprensibile a tutti.

Evitare di influenzare i soggetti


l

fondamentale scrivere le domande in modo da non influenzare i risultati.


l

Lei segue tutte le lezioni del corso, vero? Lei segue tutte le lezioni?

l l

Diverso se la formuliamo, cos


l

Anche se le persone avessero gli stessi atteggiamenti, nei confronti dello stesso problema, i risultati potrebbero indicare atteggiamenti opposti.

Rendere chiare le alternative


l

l l

necessario scrivere le domande, soprattutto quelle chiuse, in modo che le opzioni siano chiaramente diverse le une dalle altre e che coprano tutte le possibilit. Pensare bene alle diverse condizioni. Quando non si sa cosa fare si inserisce la categoria altro.

Evitare la desiderabilit sociale


l

un effetto di disturbo che si manifesta quando chi risponde percepisce che unalternativa, fra quelle proposte, socialmente pi accettabile dellaltra. Il problema si risolve scrivendo le domande in modo che ogni alternativa sembri avere la stessa desiderabilit sociale.

Evitare domande imbarazzanti


l l l l l

Sulla violenza personale e familiare. Sui soldi e sul loro uso. Sul consumo di alcool e stupefacenti. Sui tradimenti. Ecc.

Livello linguistico non comprensibile


l

Le seguenti parole non sono comprese da ragazzi delle scuole medie inferiori.
l

Precludere, aggressivo, malizioso, moralistico, concretezza, astrazione, pregiudizio, investimento, libido, ecc.

Questi termini utilizzati implicano una effettiva incomprensione del questionario. Utilizzare il livello quotidiano del linguaggio.

Determinare i tipi di domanda


l

l l

Le domande aperte vengono utilizzate quando si ha una conoscenza molto scarsa di ci che la gente pensa o fa in relazione ad un certo tema e quindi non si possono prevedere alternative realistiche di risposta. Le domande aperte sono difficili da analizzare. Le domande chiuse sono utilizzate quando gli aspetti che si vogliono analizzare sono chiari e ben definiti. Le domande chiuse sono pi facili da interpretare e da analizzare.

Esempio di domanda con risposta multipla


l

Una scuola, secondo te, che cosa dovrebbe offrire da un punto di vista formativo?
q q q

dovrebbe darmi delle conoscenze sul mondo. dovrebbe darmi delle abilit pratiche. dovrebbe darmi un aiuto quando non riesco a capire un argomento di insegnamento. dovrebbe aiutarmi quando devo scegliere il mio futuro lavorativo o scolastico.

Esempio di domanda con risposte chiuse (giudizi su scale)


l l

Ricerca sul comportamento di voto Consideri le possibili conseguenze di un suo voto per lo schieramento di XXX alle prossime elezioni politiche, quanto si aspetta che si verifichino i seguenti fatti (i giudizi di probabilit sono espressi su una scala da 1 a 7)
Che ci sia maggior stabilit economica Che ci sia maggior stabilit politica Che lo Stato sia meno efficiente Che ci sia pi ordine pubblico Che vengano eletti politici riciclati Che ci sia maggiore equit fiscale Che si creino nuovi posti di lavoro Attenzione al response set 1 2 3 1 2 3 1 2 3 1 2 3 1 2 3 1 2 3 1 2 3 Accordo 4 4 4 4 4 4 4 5 5 5 5 5 5 5 6 7 6 7 6 7 6 7 6 7 6 7 6 7 Disaccordo

q q q q q q q

Esempio di domanda con formulazioni differenti


l

Quando sono alla guida dellauto mi sento sicuro a) Sempre b) Talvolta c) Mai Quando sono alla guida dellauto mi sento insicuro a) Mai b) Talvolta c) Sempre I ragazzi della mia et pensano che fumare sia dannoso a) daccordo b) non daccordo c) non saprei I ragazzi della mia et pensano che fumare non faccia male a ) daccordo b) non daccordo c) non saprei
Attenzione al response set

Diversi tipi di domande


l

Innanzitutto vi sono le domande introduttive , che hanno il compito di far entrare gradualmente nella questione da trattare. Le domande sostanziali , invece, esprimono gli indicatori che sono stati individuati nella fase progettuale della ricerca.

Diversi tipi di domande


l

Ci sono, inoltre, le domande filtro, utilizzate per passare con un salto da una domanda ad unaltra che non la successiva, evitando di rispondere ad uno o pi item (Se si risponde S, passare alla domanda 5; se si risponde No, passare alla domanda 9). Infine, per verificare la validit delle risposte fornite ad alcune domande sostanziali, si utilizzano le domande di controllo.

Le domande di controllo
l

Consentono di verificare fino a che punto il soggetto convinto di certe posizioni o quanto la scelta della risposta stata dalla desiderabilit sociale pi che dalla convinzione. Le domande sono formulate una in positivo e laltra in negativo.
l l

Bisogna legalizzare luso delle droghe leggere Luso delle droghe leggere non dovrebbe essere legalizzato

Lordine delle domande


l

Indipendentemente dal tipo di domanda che il ricercatore decide di utilizzare (aperte e/o chiuse) lordine in cui queste vengono poste al soggetto costituisce un problema a s. Gli studiosi interessati a migliorare lefficacia di simili strumenti, hanno elaborato una serie di tecniche che permettono di superare alcuni problemi legati alla somministrazione e raccolta dei dati attraverso la metodologia del questionario.

Lordine delle domande


l

Una strategia vincente consiste nel porre per prime le domande facili e solo in seguito quelle ritenute pi impegnative: alle prime si risponde senza problemi ed in minore tempo; le seconde , invece, richiedono che il soggetto rifletta pi a lungo. In ultimo, di porre alla fine le domande delicate, come: reddito, aspetti politici, religiosi, ecc. Se il questionario appare troppo impegnativo, la probabilit che lintervistato accetti di svolgere questo compito si riduce drasticamente.

Lordine delle domande


l

Un buon questionario si compone di domande poste in un ordine logico. Prima di costruire lo strumento bene individuare aree e sottoaree del problema e organizzare la successione delle domande. Scelto largomento di indagine, si raggruppano le domande che attengono ai differenti problemi.

Lordine delle domande


l

Tra i compiti di colui che deve preparare un questionario deve anche proteggersi da simili rischi. Una modalit consiste nellorganizzare le domande in modo da evitare eventuali effetti di response set (tendenza a rispondere alle domande in modo uniforme, indipendentemente dal loro contenuto). In pratica i soggetti possono adottare sempre la stessa modalit di risposta.

Attenzione!
l

Non corretto mescolare le domande, bens occorre organizzarle sempre in blocchi distinti. Mescolare le domande comporta un continuo spostamento di attenzione da una questione allaltra. Il principio quello di affrontare e portare a termine un argomento per volta. In ogni caso evitare di far seguire le domande dalle stesse risposte pu portare i soggetti a scegliere sempre la stessa modalit di risposta, indipendentemente dalla domanda.

Esempio di questionario
l

Nel questionario elaborato per uno studio condotto sul disagio degli studenti universitari si osservi la suddivisione in sezioni:
l

l l l l

Area di studio (demotivazione, scarsa concentrazione, ansia da esame, blocco nello studio, difficolt di adattamento, ecc.) Area affettiva (malessere generale, autostima, insicurezza, stato ansioso, ecc.) Area relazionale (difficolt con i familiari, con i coetanei, di coppia, ecc.) Richieste di aiuto (sostegno, ecc.) Bisogno di conoscenza (maggiore conoscenza di s, parlare con esperti, ecc.)

Scegliere il campione
Studi di laboratorio sesso istruzione residenza status sociale

Le opinioni che si rilevano attraverso le interviste possono essere influenzate da queste variabili. Importanza delle strategie di campionamento dei soggetti, ossia la cura con cui si proceduto alla scelta dei soggetti da intervistare. La selezione del campione consiste nellindividuare il gruppo di persone da sottoporre allindagine che si vuole condurre.

Scegliere il campione
l

Un problema essenziale della costituzione del piano di rilevazione costituito dalla scelta della popolazione di riferimento allinterno della quale dovr poi essere prelevato il campione. Campione significa piccola rappresentazione di un insieme pi vasto, sottoinsieme di un universo.

Scegliere il campione

Come si opera
l

Dapprima si individua la popolazione o universo che interessa rispetto al tipo di indagine che si vuole condurre. Per esempio tutti gli studenti dellUNICAL che si sono iscritti al primo anno del corso di laurea in Lettere. Quindi si cerca di selezionare un sottoinsieme delluniverso, le cui dimensioni sono state gi fissate dal ricercatore.

Come si opera
l

Questo sottoinsieme dovrebbe rappresentare adeguatamente luniverso, nel senso che linformazione ottenuta esaminando il sottoinsieme dovrebbe possedere lo stesso grado di accuratezza di quella che si sarebbe ottenuto esaminando lintero universo. Il campionamento presenta diversi e ovvi vantaggi, in particolare il risparmio di tempo e di denaro.

Come si opera
l

Si dice rappresentativo il campione che presenta alcune caratteristiche delluniverso per proporzioni analoghe, e il carattere di rappresentativit sar tanto pi alto quanto pi numerose saranno le caratteristiche presenti in proporzioni analoghe nelluniverso e nel campione.

Tipi di campionamento
l

Le inchieste hanno un valore diverso a seconda di come vengono campionati i soggetti. Esistono diversi tipi di campionamento, tra questi ricordiamo:
l l l

Campionamento probabilistico Campionamento casuale stratificato Ecc.

Campionamento probabilistico
l

Nel campionamento probabilistico, ogni componente delluniverso ha la stessa probabilit di entrare nel campione, ossia di essere scelto. In altri termini, in un campionamento probabilistico il caso (in senso statistico) che determina gli elementi che faranno parte del campione.

Esempio
l

Molte aziende conducono sondaggi dando ai visitatori del loro sito Web la possibilit di compilare dei questionari e inviarli elettronicamente. Le risposte a questi sondaggi possono fornire molti dati velocemente, ma il campione si compone di utilizzatori di Internet che si autoselezionano.

Campionamento casuale stratificato


l

Consiste nel dividere gli N individui della popolazione in sottopopolazioni, o strati, sulla base di una caratteristica comune; nellestrarre poi un campione casuale semplice da ogni strato in modo indipendente, e nel riunire insieme i risultati dei singoli campionamenti per formare un unico campione dellampiezza richiesta. Questo metodo pi efficace perch assicura che gli individui della popolazione siano rappresentati adeguatamente nel campione. Questo garantisce una maggior precisione nelle stime dei parametri della popolazione.

Esempio
l

Si procede prima a una stratificazione degli individui secondo tre grandi classi di et (giovani, adulti, anziani) e poi si attua un campionamento semplice nellambito di ciascuna classe. Cos operando si ha la certezza che tutte e tre le categorie entrino a far parte del campione in modo equilibrato.

Somministrare il questionario
l

Quattro sono le modalit di somministrazione del questionario:


l l l l

Faccia a faccia Risposte scritte Attraverso il computer Per telefono

Come analizzare i dati


l

Unaltra importante questione che tipo di punteggio deve essere attribuito al questionario e come deve essere analizzato. Naturalmente questo deve essere fatto prima di raccogliere i dati e ci vale per qualsiasi progetto di ricerca. Formulare le domande in relazione al tipo di risposte che i soggetti daranno. Ci importante poich occorre inserire le domande che permetteranno di classificare i soggetti in determinati dimensioni.

Come procedere
l

Possiamo riassumere le componenti del trattamento dei dati nel modo seguente:
l l l l

l l l l

Elaborazione di una matrice riassuntiva Analisi statistiche e grafici preliminari Controllare se ci sono dei dati non validi Controllare se ci sono dei dati mancanti e sostituirli con il codice dei dati mancanti Togliere eventuali dati strani Applicare le statistiche descrittive Descrivere i dati numericamente Descrivere i dati graficamente

Esempio: descrizione numerica

Esempio: descrizione grafica

Lintervista
l

Lintervista uno strumento aperto, flessibile adattabile ai diversi contesti empirici. Esistono tre tipologie di intervista:
l l l

Strutturata Semi strutturata Non strutturata

Lintervista
Intervista strutturata A tutti gli intervistati sono poste le stesse domande nella stessa formulazione e nella stessa sequenza. Lo stimolo quindi uguale per tutti gli intervistati, i quali, per hanno la totale libert nellesprimere la loro risposta. Simile al questionario domande aperte. a

Il solo fatto di porre le domande nello stesso ordine introduce un forte elemento di rigidit.

Lintervista
l

l l

Rappresenta il caso di una tecnica che cerca di mediare tra i due approcci quantitativo e qualitativo. Le risposte aperte possono essere codificate in una matrice di dati. MA Vengono analizzate come TESTI nella loro integrit.

Lintervista
l

Facilita la comparazione dei dati raccolti da persone diverse. Se lintervistato non comprende la domanda e chiede delucidazioni, lintervistatore pu solo limitarsi a ripetere la domanda, senza alterarne la formulazione.

Lintervista
Intervista semi- strutturata Imposta a suo piacimento la conversazione, decide quali domande fare, con le parole che reputa migliori. La traccia della domanda non viene posta di sua iniziativa, ma solo se la risposta dellintervistato a generare tale apertura.

Lintervistatore dispone di una traccia che riporta gli argomenti che deve toccare nel corso dellintervista. Lordine e il modo di formulare le domande sono lasciati liberi. FLESSIBILITA.

Lintervista
l l

condotta da una persona abile. Pu facilitare la comprensione di aspetti che inizialmente possono essere trascurati, riproponendo in modo adeguato le domande, inizialmente mal poste. Permette di formulare (adeguare) le domande in relazione al soggetto. Limite: non comparabilit dei dati raccolti.

Lintervista
Intervista NON strutturata In questo caso neanche il contenuto delle domande prestabilito e pu variare da soggetto a soggetto.

Compito dellintervistatore: porre sul tavolo della conversazione i temi che vuole toccare.

Stimolare e incoraggiare la conversazione

Compito di controllo: evitare le divagazioni eccessive.

Lintervista
l

Lintervistatore ha la possibilit di ritornare pi volte sullo stesso argomento, se il soggetto stato superficiale nel rispondere. Rapporto tra intervistatore e intervistato meno rigido e formale: pi cordiale.

Formulare le domande
l

Per mantenere la continuit del dialogo e guidare linterlocutore ad approfondire le proprie riflessioni sono utili alcune indicazioni su come formulare le domande sia alcune tecniche di incoraggiamento (domandesonda). bene formulare:
l l

UNA SOLA DOMANDA per volta, breve e chiara. Un solo argomento alla volta, per evitare di confondere linterlocutore.

Formulare le domande
l

Domande unidimensionali. Domande chiare e non ambigue, in modo che il soggetto possa darne una unica interpretazione. Domande neutre . Pi opportune perch non implicano giudizi di valore, non mettono a disagio. Domande aperte . Aiutano il soggetto a riflettere liberamente. Pochi perch. Costringono il soggetto a dare spiegazioni e lo mettono sulla difensiva.

Tecnica di incoraggiamento
l

Stimoli neutri e non direttivi lanciati dal ricercatore che possono indurre nel soggetto una reazione:
l

pu continuare il discorso che aveva iniziato. pu abbassare le barriere difensive e cominciare ad esporre ci che pensa veramente.

Oppure
l

Tecnica di incoraggiamento
l l

Stimoli appropriati possono essere: RIFORMULAZIONE


l

Ripetere semplicemente la domanda esponendola in modo differente oppure utilizzare le parole chiave del discorso del soggetto rilanciandole in forma di domanda Si ripete lultima parola o frase delle risposta del soggetto, in modo da indurlo a proseguire, oppure si ripropone una sintesi del pensiero appena espresso preceduto dalle parole: Se ho ben capito lei dice che, quindi mi ha detto che

RIPETIZIONE A RIFLESSO SEMPLICE


l

Tecnica di incoraggiamento
l

COMPORTAMENTO A ECO
l

E la risposta non verbale del ricercatore alle parole del soggetto. Gesti, sguardi, espressioni facciali, tono della voce per comunicare la nostra partecipazione Si esplicita linteresse per il discorso dellinterlocutore sia con assensi del capo, sia con semplici interventi verbali del tipo: si, continui pure, interessante, davvero? Una breve pausa di silenzio pu favorire lespressione di un pensiero pi elaborato. Un silenzio troppo prolungato invece da evitare.

INCORAGGIAMENTO
l

SILENZIO
l

Tecnica di incoraggiamento
l

SINTESI
l

Serve a riorganizzare il colloquio. Occasione per fare collegamenti, trovare nuove relazioni, ritornare su argomenti importanti. Altro modo un po pi radicale per ri -strutturare il colloquio, soprattutto quando sta scivolando verso divagazioni poco attinenti ai temi da esplorare. Possibili formulazioni: tornando al problema, per riprendere il tema.. proviamo a tornare un po indietro... Interessante, mi dica di pi, non son certo di avere compreso bene, mi spieghi meglio in che senso

RICONDUZIONE AL TEMA
l

RICHIESTA DI CHIARIMENTI
l

Cose da fare
l

Verificare il funzionamento dellattrezzatura:


l

registratore, pile, cassette

Registrare 10 secondi a vuoto allinizio delle cassette Sistemare il registratore con le spalle al rumore (finestra, strada...)

Da evitare
l l l

Luoghi rumorosi Trafficare con lattrezzatura Intervista troppo lunga

Vantaggi
l

un metodo versatile, che possibile utilizzare in ogni stadio della progettazione, dalla fase di esplorazione a quella di analisi dei prodotti regolarmente in commercio. A differenza dei questionari, la presenza del ricercatore allontana leventualit che il soggetto interpreti in maniera errata le domande o che si trovi in imbarazzo perch non comprende quanto gli viene richiesto. Inoltre, nel caso di una risposta non attinente, il ricercatore pu riformulare la domanda.

Svantaggi
l

Se confrontato con il questionario, il metodo dellintervista si rivela decisamente pi costoso, sia in termini di tempo che di denaro, perch richiede la presenza del ricercatore durante lintera durata della sessione di interviste. La presenza stessa del ricercatore, inoltre, pu rivelarsi dannosa.

Svantaggi
l

Infatti, mentre nel caso dei questionari i dati raccolgono opinioni marcatamente orientate verso gli estremi della scala di valutazione, durante le interviste i soggetti, a causa di un atteggiamento di soggezione o di accondiscendenza nei confronti del ricercatore, tendono a fornire risposte che si attestano prevalentemente su valori medi, diminuendone la rappresentativit.