Sei sulla pagina 1di 9

Perch si dimensiona sempre la ruota dentata pi piccola ?

Per dare una risposta a questo quesito, si consideri per semplicit una trasmissione tra due ruote dentate cilindriche a denti diritti con rapporto di trasmissione = 2 <1 1 . P Ruota 1

Ruota 2

Data una potenza P [W] e un regime di rotazione n ingresso sulla ruota 1 si osserva:

giri min

in

- P1 = P2 - 1 2 ( 2 = 1 ) - m 1 = m 2 = m ( affinch sia garantito lingranamento )


1/9 realizzato da Michele Pignatelli A.A. 2002-2003

- v 1 = v 2 ( velocit tangenziali uguali v 1 = 1 r1 ; m z2 m z1 = 1 v 2 = 2 r2 2 r2 = 1 r1 1 2 2 z = 1 ) z2 - Q 1 = Q 2 = Q ( principio di azione e reazione ) - R 1 = R 2 = R ( principio di azione e reazione ) - C1 C 2 ( Q 1 r1 Q 2 r2 ) - W1 = W2 ( ruote costituite dallo stesso materiale ) - k V1 = k V2 ( poich v 1 = v 2 e k V = f ( v ) ) Si consideri la formula di Lewis che consente la determinazione del modulo delle ruote:

Y z W m3 P C= = 2kV
Raccogliendo i termini che non variano tra le due ruote (vedi sopra) si ottiene :

Yz =

P2kV = cost ( 1 ) 3 m W

2/9 realizzato da Michele Pignatelli A.A. 2002-2003

Da cui si ricava per le due ruote:


Y1 z 1 1 = Y2 z 2 2

(2)

m z1 z v r r poich = 2 = 1 = 1 = 2 = 1 1 r2 v r2 m z 2 z 2 2
Quindi z 1 1 = z 2 2 dalla ( 1 ) si ottiene:
Y1 = Y2

(3)

Concludendo si osserva che possibile dimensionare anche la ruota con raggio primitivo maggiore purch si scelga come coefficiente di Lewis Y quello della ruota pi piccola ( Y=f ( zmin ) ), ovvero quello pi piccolo e quindi pi cautelativo.

3/9 realizzato da Michele Pignatelli A.A. 2002-2003

Numero di denti

= 20 0 a=m

d = 1.25 m 12 022960 13 0.24317 14 0.25530 15 0.22622 16 0.27610 17 0.28508 18 0.29327 19 0.30078 20 0.30769 21 0.31406 22 0.31997 24 0.33056 26 0.33979 28 0.34790 30 0.35510 34 0.36731 38 0.37727 45 0.39093 50 0.39860 Coeff. Y di Lewis

4/9 realizzato da Michele Pignatelli A.A. 2002-2003

Verifica a Fatica ed Usura superficiale


Per la verifica a fatica delle ruote dentate il calcolo del L deriva dalla formula di Lewis J z m3 P C= k a k b k c LP = k v k0 km ed in modo analogo a quanto visto per il dimensionamento statico, si ottiene raccogliendo P k v k0 km 1 = Jz 3 k a k b k c LP z m che porta alle stesse conclusioni su viste. Per quanto riguarda lusura superficiale la ruota pi piccola quella che condiziona il corretto funzionamento della trasmissione, in quanto ruotando pi rapidamente sopporta un pi alto numero di cicli di carico ed ha un minore life factor C L = f (1 / N ) :

LHamm = C L C R LH

E bene quindi fare sempre riferimento alla ruota pi piccola perch maggiormente sollecitata.

5/9 realizzato da Michele Pignatelli A.A. 2002-2003

ESEMPIO NUMERICO
Dati P = 7000 W giri n = 1740 min = 0.5 = 20 K=1 ( proporzionamento normale ) r = 1000MPa

W =

r = 200MPa 5

Fisso = 10 . Il numero minimo di denti per un taglio con creatore :

z min =

2K 2 1 = = 17.097 17 (z1) 2 2 sin ( ) sin ( 20)

1 = z2 =

2 n 2 1470 rad = = 153.94 60 60 sec z 1 17 = = 34 0.5 rad sec


realizzato da Michele Pignatelli A.A. 2002-2003

2 = 1 = 76.97

6/9

DIMENSIONAMENTO delle RUOTE m z2 2 2 50

kV =

50 + 200 v = 50

50 + 200

Calcolo il modulo necessario a trasmettere la potenza assegnata utilizzando per assurdo il coefficiente di Lewis corrispondente a z2 = 34 denti ( Y2 = 0.36731 )

P2kV = Y2 z 2 2 3 m W 50 + 200 m z2 2 2 50 = Y2 z 2 2 3 m W

P2

m 34 76.97 2 7000 2 50 = 0.36731 34 76.97 3 m 200000000 10 50 + 200


7/9 realizzato da Michele Pignatelli A.A. 2002-2003

Risolvendo si ottiene m = 0.001938m = 1.938mm . Assumo m unificato = 2 Valuto se il modulo calcolato per la ruota 2 garantisce il funzionamento della trasmissione, ( calcolando la potenza che possibile trasmettere con la ruota 1)

kV =

50 + 200 v = 50

50 + 200

m z1 1 2 50

Ricavo Y per z1=17 da tabella Y1 = 0.28508 ,

P2kV = Y1 z 1 1 3 m W 50 + 200 m z1 1 2 50 = Y z 1 1 3 m W

P2

8/9 realizzato da Michele Pignatelli A.A. 2002-2003

0.002 17 153.94 2 P2 50 = 0.28508 17 153.94 3 0.002 200000000 10 50 + 200

Risolvendo si ottiene P = 4094.789 , nettamente inferiore al valore della potenza da trasmettere ( che se dovesse essere applicata, porterebbe a sicura rottura statica la trasmissione). Si avrebbe, invece, un corretto dimensionamento utilizzando come valore di Y2 = 0.28508 , oppure partendo dal dimensionamento della ruota pi piccola. In entrambi i casi i moduli calcolati sono identici.

9/9 realizzato da Michele Pignatelli A.A. 2002-2003