Sei sulla pagina 1di 11

Elementi di Disegno Tecnico

Parte 1 - Rappresentazione
Contenuti: Principi generali di normativa Metodi di rappresentazione. Le proiezioni ortogonali, convenzioni particolari e sezioni. La quotatura.

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Elementi di Disegno Tecnico

Principi generali di normativa


Contenuti: Fogli; Tipi di linea; Scale; Scritture sui disegni Riquadro delle iscrizioni Numeri normali

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali di Disegno Tecnico Formati dei fogli (UNI EN ISO 5457:2002):
NOTA: tutte le dimensioni sono in mm

Formati rifilati dei fogli: A0 = 1 m2 Base = 2 altezza => 1189 mm x 841mm A1 = A0 / 2 A2 = A1 / 2 An = A0 / 2n

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico Piegatura dei fogli (UNI 938:1981): (riduco i vari formati alle dimensioni di un A4) Senza lembo dattacco:

Oppure con lembo dattacco (ad es. A3):

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico Tipi di linee (UNI 3968:1986; UNI EN ISO 128-20:2002; UNI EN ISO 128-21:2002): Fino ad oggi: UNI 3968:1986 (ufficialmente ritirata)

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico: tipi di linee Grossezza delle linee : 0.13 0.18 0.25 0.35 0.5 0.7 1 1.4 2 mm

Il rapporto tra linea grossa e linea fine deve essere 2 : 1 (es: 0.5 mm 0.25 mm) Interspazio tra linee parallele: > 2 x spessore linea grossa; comunque > 0.7 mm Ordine di priorit: contorni e spigoli in vista (linee tipo A) contorni e spigoli nascosti (linee tipo E e F) tracce dei piani di sezione (linee tipo H) assi di simmetria (linee tipo G) linee per applicazioni particolari (linee tipo K) linee di riferimento (linee tipo B)

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico: tipi di linee Ora: UNI EN ISO 128-20 linee per applicazioni meccaniche (tipi di linee per tutte le applicazioni)

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico: tipi di linee La forma dei vari tipi di linea definita con precisione dalla UNI EN ISO 128-21 (in funzione dello spessore): linea tipo 02

linea tipo 04

linea tipo 05

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico: tipi di linee Tipi di linee (UNI EN ISO 128-20:2002; UNI EN ISO 128-21:2002; UNI 3968:1986;
UNI 3968:1986
ISO 128-24:99):

spigoli in vista

contorni in v ista

ISO 128-24
creste di filetti

frecce di sezione

01.2 limite del tratto completamente filettato

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico: tipi di linee Manca ancora lindicazione dellapplicazione (UNI EN ISO 128-24) Differenze tra UNI 3968 e ISO 128-24:
ISO 128-24_02.1 UNI 3968 F

in precedenza UNI 3968-E


ISO 128-24_02.2 UNI 3968 E

in precedenza UNI 3968-J

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico: tipi di linee Differenze tra UNI 3968 e ISO 128-24 (continua):

ISO 128-24_04.2 UNI 3968 J

in precedenza UNI 3968-H

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico: tipi di linee

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico Scale dimensionali: (UNI EN ISO 5455:1998)
20 Rapporto tra una dimensione (lineare) sul disegno e il valore della dimensione corrispondente sull'oggetto reale Ad es: Scala 1:2 1 mm sul disegno corrisponde a 2 mm sull'oggetto reale 20 20 20 Scelta della scala: Minima possibile. Nessun elemento < 23 mm

20

Designazione : SCALA X:Y


Se non sussiste possibilit di confusione, il termine SCALA pu essere omesso.
LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE A.A. 2003/04 CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico Scritture sui disegni (UNI EN ISO 3098-0/5:2000; UNI EN ISO 3098-2:2001): Requisiti: leggibilit compatibilit con i procedimenti di riproduzione compatibilit con i sistemi di disegno computerizzati Dimensioni nominali dei caratteri (mm): 1.8 2.5 3.5 5 7 10 14 Grossezza dei tratti: compatibile con ISO 128-20 uguale per lettere maiuscole e minuscole Tipi di scrittura: Tipo A ( tratto pi sottile = 1/14 altezza) Tipo B (tratto pi spesso = 1/10 altezza) Tipo CA Tipo CB
A.A. 2003/04 CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

20 => ragione

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico: scritture sui disegni Dimensione nominale : altezza (h) delle lettere maiuscole Esempio: scrittura tipo A

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico: scritture sui disegni Designazione: Per i tipi A e B: Scrittura ISO 3098 tipo di scrittura (A o B) inclinazione della scrittura (V o S) alfabeto (L = latino, G = greco, C = cirillico) dimensione nominale della scrittura in millimetri Esempio: Scrittura ISO 3098 BVL 5

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico Riquadro delle iscrizioni o cartiglio: (UNI 8187:1982 ) Collocazione: Angolo inferiore destro nei formati A3 e superiori. Tutta la parte inferiore nel formato A4. Dimensioni: Larghezza: 175 mm (fogli con margine di 20 mm) o 190 (fogli con margine di 10 mm) Altezza parti prestampate: < 1/2 formato A4 (148.5 mm). Parte fondamentale del disegno. Raccoglie dati essenziali: proprietario codice titolo scala responsabile metodo di proiezione ecc.

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico Riquadro delle iscrizioni o cartiglio: (UNI 8187:1982 )

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico Riquadro delle iscrizioni o cartiglio del Corso

IAS

Ingegneria Aerospaziale

Disegno Tecnico Industriale

Esercitazione n. Ditta Cognome e nome dellautore Scala/e Metodo di proiezione

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico Numeri normali (UNI 2016:1942) Intercambiabilit Unificazione delle dimensioni Stabilire gamme razionali di grandezze per le dimensioni: volumi numero di giri diametri potenze dimensioni necessario FISSARE DEI NUMERI (normali) per poter approssimare in modo omogeneo i VALORI DI CALCOLO con VALORI DI SERIE. Numeri di RENARD progressione geometrica = successione di numeri in cui il rapporto tra un numero e quello immediatamente precedente costante (= ragione della progressione)

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE

Norme generali sul Disegno Tecnico Numeri normali (UNI 2016:1942)

Serie R5 R10 R20 R40

Ragione
5

10 = 1.5849 = 1. 2589 = 1.1220 = 1 .0590

10 10 20 10

40 10

Prodotti e potenze di numeri normali sono numeri normali

LABORATORIO DI DISEGNO E MET ODI DELLINGEGNERIA INDUSTRIALE

A.A. 2003/04

CORSO DI DISEGNO TECNICO INDUSTRIALE