Sei sulla pagina 1di 16

R.

BLACKMASS
Presenta

INTRODUZIONE

In quel meraviglioso libro di Eddie Fields che The Artful Dodges Of Eddie Fields si trova unaffermazione di John North Hilliard che recita: I pi grandi effetti che siano mai stati eseguiti non sono eseguiti affatto. Il pubblico semplicemente pensa di vederli.

Quasi tutti gli effetti che troverete in questo libro rientrano in questa affermazione. Il trucco in realt comincia prima dellesecuzione, e ci vi permette di abbandonarvi totalmente a quello che considerato lelemento centrale di un effetto di mentalismo: la presentazione. E la presentazione riveste un ruolo particolare in questi effetti, che sono tutti centrati sul tema del controllo o del condizionamento mentale, un tema che affascina da sempre persone di ogni rango e di ogni livello culturale.

Ho scritto Cinque Effetti di Mentalismo Puro. Con questo intendo (IO intendo, badiamo bene) un mentalismo che pu essere eseguito dovunque, in ogni circostanza, senza lausilio di gimmick o espedienti particolari, senza nessuna cosa da portarsi appresso, ma facendo semplicemente affidamento su quello che ci circonda e, soprattutto, sulla propria persona.

Tutti gli effetti sono rielaborazioni personali di idee tratte dal repertorio di grandi mentalisti quali Banachek, Anneman, Hoy, Fields, Maven e altri ancora. Tutti hanno contribuito, in parte o in tutto, alla realizzazione di quello che state per leggere. Non mi dilungo quindi oltre, e spero che resterete soddisfatti.

Buona lettura!

UNO SU QUATTRO

Lidea nata dopo aver letto un effetto di Banachek1. Leffetto descritto sul libro in breve il seguente: dopo aver scritto su un pezzo di carta o su un biglietto da visita le lettere A, B, C e D, il mentalista chiede allo spettatore di fare un cerchio intorno a una di queste lettere. Ci fatto il mentalista capovolge il foglietto di carta mostrando che aveva anzitempo scritto la lettera che lo spettatore avrebbe selezionato.

1)

Il principio quello in base al quale si tende

sempre a scegliere un elemento che non sia posto alle estremit. In questo caso le lettere A e D verrebbero evitate, mentre la preferenza cadrebbe su B o C. 2) Se lo spettatore non dovesse scegliere una di

queste due ultime lettere, allora il mentalista chiede di cerchiare altre due lettere (primo out) e quella lasciata senza cerchio potrebbe corrispondere alla predizione sul retro.

3)

Se anche questa opportunit non si realizza, il

mentalista ricorre al secondo out: afferma che lo spettatore ha avuto una scelta completamente libera, senza forzature, e che adesso passer allesperimento vero e proprio. Finge quindi di scrivere qualcosa dietro al bigliettino (poich la predizione gi scritta) e offre allo spettatore di ripetere il test, cancellando le scelte precedenti. A questo punto procede come sopra, sfruttando le due possibilit che gli si offrono.

ABCD Test in Psychological Subtleties

4)

Se anche questa seconda opportunit dovesse fallire, niente paura. Dal momento che lo

spettatore non sa in che consiste leffetto, il mentalista rimedia (terzo out) una valutazione psicologica del soggetto basandosi sulla lettera che il soggetto stesso non ha cerchiato. Dopotutto si tratta di un test!

Leffetto bello perch non consiste nella solita scelta magica. Si tratta di una scelta totalmente libera e, ovviamente, il finale molto pi forte. Solo non mi piaceva lidea di scrivere ununica lettera (ad esempio la B) dietro il bigliettino: se lo spettatore cerchia la B, allora un miracolo; ma se non lo fa, lasciando la B come unica lettera non cerchiata, la rivelazione finale perde di efficacia, in quanto si potrebbe facilmente dedurre lambiguit usata. La lettera B da sola non dice niente. Inoltre, se lesperimento fallisce, lespediente di ricorrere alla descrizione di un profilo psicologico non va pi bene poich lo spettatore ha visto che qualcosa stata scritta dietro al biglietto, e quindi sar curioso di sapere di che si tratta.

Ho pensato pertanto di rimediare a questi (secondo me) punti deboli introducendo qualche altro principio, proprio allo scopo di rendere pi di impatto la rivelazione finale.

Il primo quello abbastanza conosciuto della negazione che viene occultata: nel caso lo spettatore cerchia immediatamente la lettera B, allora basta girare il foglio avendo cura di coprire con il pollice (o con lindice) la scritta Non; nel caso lascia la lettera B come unica lettera non cerchiata, allora basta chiedere allo spettatore stesso di girare il biglietto e di leggere la predizione (poich solo adesso si parler di Predizione o, se preferite, di Controllo Mentale).

Questo espediente mi permette di mostrare effettivamente qualcosa che avevo previsto, senza dare adito ad alcun dubbio. Questo fino a quando la scelta, in un modo o nellaltro, va a finire sulla lettera B. Se ci non dovesse accadere, allora ricorro a questo stratagemma:

Dal momento in cui prendo il biglietto per fingere di scrivere qualcosa (punto 3, secondo out), affermo chiaramente che sto prendendo un appunto. Procedo quindi con la seconda opportunit 4

che mi viene offerta e, se anche questa fallisce, riprendo il biglietto e ci scrivo veramente qualcosa: modifico la parola cerchierai in cerchiata (punto 4, terzo out) e aggiungo qualche lettera come nella figura sotto. Lo spettatore non guarder con sospetto questa azione, dal momento che gi stato condizionato dalla mia volont di prendere qualche appunto, e non sa comunque in che cosa consiste il test di cui ho parlato allinizio.

Procedo quindi, sfruttando le tecniche di cold reading, a fare il profilo psicologico dello spettatore facendogli vedere, in maniera del tutto casuale, gli appunti presi dietro al biglietto, e usandoli come presupposto per la lettura.

Note:

Nella prima parte del gioco, se lo spettatore cerchia una lettera che io non ho predetto, gli chiedo di cerchiarne unaltra, poi unaltra e poi ancora unaltra, una per volta. Se rimane senza cerchio una lettera che non corrisponde alla mia predizione, allora gli faccio cerchiare anche quella. Questo per esigenze di completezza; infatti se uso il primo out, e si dovesse ripetere la medesima situazione, cio di lasciare come unica lettera non cerchiata proprio quella predetta, lo spettatore potrebbe intuire, dopo la rivelazione, lespediente utilizzato. Facendogli invece cerchiare tutte e quattro le lettere allinizio, la cosa non verr notata, perch sembrer solo un giro di prova.

Banachek afferma che se si chiede allo spettatore di cerchiare delle lettere, una alla volta, spostandosi con il corpo (o indicando con le mani mentre si parla) nella direzione che corrisponde alla posizione della lettera, o delle lettere che si vogliono far cerchiare, con molta probabilit lo spettatore far quello che gli si suggerisce a livello non verbale. Pertanto il seguente un ottimo effetto per esercitarsi nella tecnica di condizionare a livello inconscio la volont dello spettatore, e per imparare un po di pi dalle sue reazioni.

QUINTUPLA DIMENSIONE (rinnovato)

Leffetto che segue personalissimo e non lho mai visto fare da nessuno. Il principio su cui si basa non nuovo, ma astutamente camuffato in maniera da depistare anche i pi scaltri. Lidea mi venuta leggendo un effetto da un vecchio libro di giochi di prestigio, un effetto che quando lho eseguito ha trovato piacevoli consensi ma anche numerose critiche: a detta degli spettatori appare troppo matematico. E difatti leffetto si basa proprio su un principio matematico. Leffetto quello di disporre cinque oggetti sul tavolo, invitare lo spettatore a sceglierne mentalmente uno e, mentre lesecutore girato di spalle, farlo scambiare di posizione (loggetto) diverse volte. Attraverso un particolare processo di esclusione, rimane sul tavolo solo un oggetto che si rivela essere quello scelto.

Un conto la descrizione delleffetto, un altro lesecuzione: ci sono delle forzature molto esplicite che, per certi aspetti, ne diminuiscono lefficacia. Tuttavia si presenta molto bene, pu essere eseguito ovunque e, una volta tanto, si utilizzano strumenti che non sono le carte. Per cui ho deciso di renderlo pi miracoloso variandone leggermente il procedimento e adottando un altro principio.

Presentazione ed esecuzione:

Il mentalista introduce il discorso della psicometria, cio la branca della parapsicologia che afferma come un oggetto si carichi delle vibrazioni della persona che lo porta indosso, vibrazioni che possono poi essere percepite e riconosciute dal sensitivo. Chiama quindi una persona ad assisterlo e prende in prestito dal pubblico cinque oggetti (che poniamo essere un accendino, un anello, un fermacravatta, una moneta e una penna). Ammucchia i cinque oggetti sul tavolo, si gira assicurandosi di non poter vedere, e chiede allo spettatore di pensarne uno:

Ti chiedo di pensare ad uno di questi oggetti. Prendilo e tienilo stretto tra le mani. Non posso assolutamente sapere quale oggetto hai scelto poich sono girato di spalle e sono lontano sia da te che dal tavolo. Adesso voglio che pensi intensamente a quelloggetto, in modo da trasferire parte della tua energia in esso. Immagina la sua forma, il suo colore immagina luso che ne potresti fare, o i tuoi ricordi personali legati a quelloggetto. Cerca di visualizzare attentamente le immagini, cerca di percepire le emozioni che possono essere legate al ricordo delloggetto, anche se sono ricordi passati e vecchi di anni. Adesso riponi il tuo oggetto sul tavolo e mescolalo insieme agli altri di modo che io non possa ricostruire la loro posizione originaria. Fatto?

Il mentalista si gira verso lo spettatore e sistema gli oggetti sul tavolo in fila, uno di fianco allaltro. Comincia quindi a passare la mano sopra di essi, senza toccarli:

Sto passando la mano sopra questi oggetti, cercando di percepire lenergia che uno di essi ha accumulato. Ti prego di concentrarti intensamente. Sento che si tratta di un oggetto che non tutti portano in giro, perch non tutti hanno le tue necessit pu essere utile in molti contesti, ma nel tuo in particolare indispensabile, perch senza di esso non potresti accendere i tuoi preziosi sigari s, tu hai scelto laccendino!

Lo spettatore conferma e voi prendete i meritati applausi.

Si tratta di un effetto sicuramente interessante. Il trucco in realt molto semplice, e consiste effettivamente nel percepire lenergia che lo spettatore ha lasciato sulloggetto. In questo caso parliamo di energia termica! Non dovrete fare altro che cercare di lasciare loggetto nelle mani dello spettatore per quanto pi tempo possibile, di modo che loggetto stesso si riscaldi. Con la scusa quindi non detta di sistemare gli oggetti in fila, sar estremamente facile sentire quello pi caldo rispetto agli altri. Il resto, come avrete capito, pura presentazione.

Punti importanti.

Ritengo sia un effetto molto forte che, se ben presentato, pu diventare un reputation maker. Tuttavia necessario sottolineare alcuni punti allo scopo di capire perch funziona.

Innanzitutto gli oggetti sono AMMUCCHIATI sul tavolo e NON disposti in ordine. Questo perch, successivamente, dovete avere lopportunit di sentirli mettendoli in fila. La successiva azione di passare la mano sopra di essi vi fornisce la scusa per farlo, e non sar guardata con sospetto. Il fatto di mettere in fila gli oggetti non deve essere in alcun modo giustificato: si giustifica da s. Se infatti cercaste di dire qualcosa in questo momento, lo spettatore sarebbe portato a porvi attenzione, il che rappresenterebbe uninterruzione del principio di uniformit. Inoltre potete star tranquilli che lo spettatore, dopo aver mescolato gli oggetti, li lascer disordinati sul tavolo, perch cos li ha visti allinizio dellesperimento.

Prima di rivelare loggetto pensato fate passare un certo tempo, di modo che anche lo spettatore pi acuto non possa ricostruire le vostre azioni. Posso garantire che, se rispettate i tempi giusti, lo spettatore non ricorder affatto che avete toccato gli oggetti. Questa una sottigliezza per noi maghi: ho notato che agli occhi di un profano non fa differenza che voi li tocchiate, anche in maniera pi o meno appariscente.

Un ultimo accorgimento: fatevi dare oggetti che siano buoni conduttori. Anelli, monete e ferma cravatte sono i migliori, ma anche gli accendini e le penne vanno bene, seppure di plastica. Evitate carte, sigarette o altri articoli che non trattengono il calore.

In bocca al lupo!

LETTURA MUSCOLARE

Ecco un effetto micidiale che lascer sbalordito il vostro pubblico. Non so di chi sia la versione originale, probabilmente molto pi vecchia di quanto si pensi. Quella che segue la mia, snellita un po qua e un po l, per ottenere un effetto pi diretto. In realt mi sono semplicemente limitato a togliere qualche domanda secondo me di troppo.

Effetto:

Scegliete due spettatori, che chiameremo A e B e spiegate che: Ci sono tendenzialmente due tipi di persone a questo mondo: quelli che dicono sempre la verit e quelli che mentono sempre. Rivolgendovi poi ai due spettatori continuate: Voglio che ognuno di voi decida, mentalmente, quale tipo di persona vuole essere, cio se vuole essere chi dice sempre la verit o chi mente sempre.

Appena gli spettatori vi hanno comunicato di aver deciso il proprio ruolo, fatevi prestare un anello e mettetelo davanti ai due spettatori dicendo: Mentre sar voltato desidero che uno di voi prenda lanello e se lo metta in tasca, nascondendolo completamente dalla mia vista. Consegnate lanello e giratevi di spalle, ritornando con gli spettatori solo quando questi vi hanno confermato di aver nascosto lanello.

Uno di voi ha un anello in tasca, e ognuno ha deciso quale ruolo recitare in questa piccola dimostrazione di lettura muscolare; per, affinch lesperimento funzioni, necessario che ognuno di voi conosca esattamente quale ruolo LALTRO ha deciso di recitare. Mi volter nuovamente e ognuno di voi comunicher allaltro se ha deciso di essere sincero o bugiardo.

Lasciate che gli spettatori si scambino le informazioni e ritornate verso di loro. Bene, ricapitolando: uno di voi ha lanello in tasca, ed io non ho alcun modo di sapere di chi si tratta. Inoltre, tutti e due avete liberamente deciso di recitare un ruolo e, anche in questo caso, non ho modo di sapere alcunch. Ci sono numerose scelte che potreste aver effettuato. Lei, signora, potrebbe aver scelto di dire la verit e lei, signore, di mentire. O viceversa. Oppure entrambi 9

potreste aver deciso di dire la verit, o di mentire. Non c modo per me di sapere chi mi sta dicendo la verit e chi no: solo il vostro corpo, i vostri occhi e la vostra intonazione di voce mi potranno aiutare.

Giratevi ora verso la prima persona, guardatela attentamente e dite: Signora, si ricordi: se ha deciso di dire la verit sia onesta, se ha deciso di mentire dica una bugia e risponda: state per caso recitando tutti e due lo stesso ruolo?. Ascoltate la risposta e poi rivolgetevi al secondo spettatore: Ha preso lei lanello?. Ascoltate la risposta quindi affermate: Bene, so chi di voi due ha lanello. Vedete, il signore ha mosso leggermente il suo dito quando gli ho fatto la domanda, e questo lha tradito, perch mi stava mentendo. Inoltre la signora mi ha indicato inconsciamente con gli occhi chi aveva lanello. Signore, posso avere lanello che ha nascosto su di s?. Il signore vi rid lanello e voi prendete i vostri applausi.

Esecuzione:

Leffetto straordinario e si pu eseguire in ogni occasione. Ma come si arriva alla soluzione? Leggete attentamente.

Seguendo la presentazione, vi trovate al punto in cui uno degli spettatori ha in tasca lanello, tutti e due hanno scelto se essere sinceri o bugiardi e, SOPRATTUTTO, ognuno sa esattamente laltro che cosa ha deciso di essere.

Pertanto la domanda cruciale la prima: State per caso recitando tutti e due lo stesso ruolo?. Se il primo spettatore risponde SI, vuol dire che laltro dice la verit, se invece dice NO, vuol dire che laltro dice le bugie. Vediamo meglio come funziona:

Guardate lillustrazione della pagina seguente. Poniamo che A abbia lanello (lasterisco rappresenta chi ha lanello) e che dica una bugia ( ), mentre B dice la verit (): alla prima domanda rivolta ad A State per caso recitando tutti e due lo stesso ruolo?, A dovr mentire rispondendo SI, il che ci dice che B sincero e che quindi, quando alla seconda domanda Ha preso lei lanello? risponder NO, sapremo che non ha lanello.

10

Nel secondo caso abbiamo che entrambi decidono di mentire: anche in questo caso alla prima domanda A sar costretto a rispondere NO, il che ci dice che B un bugiardo e che il suo SI alla seconda domanda significa che non ha lanello. Nel terzo caso A decide di essere sincero, B bugiardo: A risponder NO alla prima domanda (in quanto sincero), il che ci dice che B bugiardo, e che quindi alla domanda se ha lanello risponder SI. *A B

Nellultimo caso, entrambi gli spettatori decidono di essere sinceri: cos A risponder SI alla prima domanda, il che significa che B sincero e che alla domanda Hai tu lanello? risponder NO, confermando che lanello ce lha A.

SI *A

NO B

NO *A

SI B

Come si pu facilmente intuire, indifferente chi possieda lanello, se A o B, le soluzioni possibili sono sempre le stesse. Basta sostituire nella tabella A con B per constatare ci. Una volta conosciuta la risposta alla prima domanda leffetto praticamente finito. SI Ha lei lanello? lo si pu chiedere anche al primo spettatore; in questo caso per state attenti a ricordare la sua risposta, che acquister significato quando il secondo spettatore avr risposto alla domanda state interpretando lo stesso ruolo?. NO NO *A SI B

NOTE

Presentate leffetto come una dimostrazione di lettura muscolare. Ha un impatto tremendo. Ovviamente una volta conosciuto chi ha lanello potete giocare ancora un po, facendo altre domande, tanto per sviare qualche genio di sistemi binari, o tanto per allungare il brodo. Insomma, sappiateci fare, perch una bomba!

11

DOPPIA PREDIZIONE

Uno dei pi stupefacenti trucchi del mentalismo una carta predetta. Siccome non poteva mancare un effetto con le carte, eccovene uno in cui due carte sono correttamente predette.

Anche questo un effetto che pu essere presentato come dimostrazione di controllo mentale. Uno spettatore nasconde un mazzo di carte precedentemente mescolato dietro le spalle o sotto il tavolo, rovescia una carta faccia in alto in un punto qualsiasi del mazzo e riporta il mazzo in piena vista. Sventaglia il mazzo ed estrae le due carte che si trovano ai lati della carta da lui rovesciata. Queste corrispondono a una predizione consegnata precedentemente nelle mani di uno spettatore.

Preparazione: rovesciate la seconda e la quarta carta dalla faccia del mazzo. Adesso scrivete su un pezzo di carta il nome della terza e della quinta carta dalla faccia del mazzo stesso. Queste sono le vostre due predizioni (nella foto il 3 di Picche e l8 di Quadri). Consegnate il foglietto a uno spettatore e mettete il mazzo nellastuccio.

12

Metodo: 1) Lasciando cadere la conversazione sulle tecniche di controllo mentale, proponetevi di tentare un esperimento di questa natura. Spiegate che avete gi fatto una predizione. Mostrate il foglietto piegato e datelo a qualcuno.

2) Tirate fuori il mazzo di carte e mescolatelo, mantenendo la posizione delle ultime carte. Consegnate il mazzo faccia in basso a uno spettatore e ditegli di metterlo dietro la schiena o sotto il tavolo.

3) Con il mazzo cos nascosto istruitelo a rimuovere lultima carta e a posizionarla in qualunque punto del mazzo (giustificate lazione dicendo che farete una prova per verificare che lo spettatore riesca a compiere queste azioni con il mazzo nascosto). Poi ditegli di prendere unaltra carta sempre dal fondo, rovesciarla faccia in alto e inserirla in un altro punto del mazzo. Adesso ditegli di tagliare il mazzo un paio di volte. Riprendete le carte e ricapitolate quanto stato fatto: Hai girato una carta allinterno del mazzo e lhai inserita in un punto qualsiasi. Non vero? Lui risponder di s.

4) Stendete (o fate stendere) le carte in un nastro faccia in basso sul tavolo e fate notare la carta rovesciata. Rimuovetela dal nastro insieme alle altre due carte che le sono poste a fianco.

5) Rivolgetevi allo spettatore che tiene la predizione e dite: Vorresti gentilmente leggere la mia previsione? Non appena lavr letta, chiedetegli di girare le due carte faccia in basso. Queste risulteranno corrette!

Leffetto pu essere eseguito allimpronta, con un mazzo preso in prestito. Se volete aggiungere un tocco di micromagia a questo effetto mentale, fate in modo che la terza e la quinta carta abbiano i dorsi di colore differente. Nel nostro caso lo spettatore inserir la sua carta proprio in mezzo alle uniche due carte rosse. In questo caso non c neppure bisogno della predizione scritta, poich leffetto si spiega da solo. Volendo con un doppio taglio potete portare lultima carta in cima dopo il miscuglio (punto 2). In questo modo eliminerete la parte di prova. Solo state attenti che lo spettatore non giri il mazzo accorgendosi della carta rovesciata sul fondo.

Non lasciatevi ingannare dalla semplicit dellesecuzione. Ricordate che in unesibizione di questo tipo (mentalistica) gli effetti pi efficaci e pi diretti sono quelli pi semplici. Il pubblico non deve sospettare alcuna manipolazione. Solo cos lo metterete completamente fuori strada. Presentatelo bene magari come una dimostrazione di controllo mentale e guardate la reazione! 13

SUPER BOOK TEST

Leffetto seguente una rielaborazione di unidea di David Hoy2, e ritengo sia uno dei book test pi efficaci mai concepiti. Pu essere eseguito dovunque, con chiunque e, soprattutto, con libri presi in prestito.

Leffetto quello classico del book test: lo spettatore sceglie la pagina di un libro, legge una parola mentre siete girati di spalle e, dopo qualche attimo di concentrazione, gliela rivelate.

Esecuzione:

1) Prendete due libri, scegliete una pagina (poniamo pag.126) e memorizzate la prima parola della prima riga sulla pagina 126 di ambo i libri. Cercate di trovare una pagina la cui parola del primo rigo sia una parola intera e di senso compiuto (questo deve valere per entrambi i libri). Chiedete quindi allo spettatore di scegliere uno dei due libri. Non c nessuna forzatura: chiedetegli di scegliere il libro che terr per s e quello che dar a voi.

2)

Cominciate quindi a scorrere le pagine del VOSTRO libro chiedendo allo spettatore di dirvi

stop quando vuole. Cercate di fare in modo che lo stop sopraggiunga in prossimit della pagina 126. Quando sentite stop fermatevi, chiedete allo spettatore se vuole che voi scorriate altre pagine o se proprio vuole fermarsi in quel punto. Qualunque sia la risposta andate a guardare il numero della pagina e, qualunque esso sia, leggete ad alta voce pagina 126. Questo il semplice ma geniale trucco. Tecnicamente si chiama miscalling, ed assolutamente insospettabile se fatto con naturalezza e senza indugi, tanto pi che lo spettatore non sa ancora cosa state per fare.

3)

Giratevi quindi di spalle, chiedete allo spettatore di andare a pagina 126 del SUO libro e di

leggere DENTRO DI S la prima parola del primo rigo (la parola che gi conoscete).

Bold Book Test in The Bold And Subtle Miracles of Dr Faust

14

4)

Mentre siete girati di spalle e lo spettatore impegnato nella ricerca, andate effettivamente a

pagina 126 del vostro libro e, nel rivoltarvi di nuovo verso lo spettatore dopo che ha fatto tutto, posate il libro faccia in basso su un tavolo aperto proprio a pagina 126.

A questo punto potete sbizzarrirvi nel divinare il pensiero dello spettatore.

Punti importanti:

Al punto 3 non dimenticate di precisare allo spettatore di leggere la parola dentro di s. Infatti, poich lo spettatore non sa cosa sta per accadere, si corre il rischio che questo pronunci la parola ad alta voce, nel qual caso leffetto andrebbe a farsi benedire!

Il punto 4 non fondamentale, tuttavia utile nellimprobabile caso lo spettatore avesse voglia di controllare la vostra pagina. Il suo controllo dissiperebbe ogni eventuale dubbio.

Di solito eseguo questo effetto con libri che non sono miei. Quando vado a casa di un amico, o sono invitato a cena o a una festa presso casa daltri, non manco mai di dare unocchiata alla libreria, prendo qualche libro e lo sfoglio casualmente. Sono queste le occasioni in cui preparare leffetto e in cui leffetto stesso ha maggiore efficacia. Semplicemente, aprite un paio di libri alla stessa pagina e memorizzate le rispettive parole. Se non riuscite a trovare due parole intere memorizzate lultima parola dellultimo rigo della pagina precedente, oppure la prima parola di senso compiuto nel primo rigo e, nel corso delleffetto dite chiaramente allo spettatore come deve comportarsi. Mi raccomando, non eseguite MAI leffetto subito dopo aver sbirciato i libri; lasciate passare del tempo, facendo magari altre cose, dopodich affermate che vi servono due libri e prendeteli direttamente dalla libreria. Nessuno ricorder che li avevate guardati prima. Vi garantisco che leffetto rimarr nella mente degli spettatori per parecchio tempo.

15

INDICE.pag. 16

INTRODUZIONE pag. 2

UNO SU QUATTROpag. 3

QUINTUPLA DIMENSIONE...pag. 6

LETTURA MUSCOLAREpag. 9

DOPPIA PREDIZIONE.pag. 12

SUPER BOOK TESTpag. 14

16

Interessi correlati