Sei sulla pagina 1di 6

RECENSIONI AL FILM SAN GIOVANNI APOCALISSE LA STORIA L'Apocalisse la lettera in cui l'evangelista Giovanni racconta le visioni avute prima

ma di morire: rivelazioni sul futuro dell'umanit e sul regno di Dio, scritte in un linguaggio complesso fatto di figure, avvenimenti e azioni simboliche entrate nell'immaginario collettivo: i quattro cavalieri, i sette sigilli, gli angeli con le trombe che annunciano i flagelli, l'Anticristo, l'Agnello che sconfigge la estia e afferma il verbo di !risto" #l film racconta la vita di Giovanni, $il discepolo che Ges% amava$, l'ultimo ad aver visto !risto vivo e a non aver subito il martirio: dall'adolescenza vissuta accanto al &aestro predicando per le strade della 'alestina, fino alla vecchiaia ad (feso, negli anni del regno dell'#mperatore )raiano, passando per le feroci persecuzioni di *erone e Domiziano" +na figura fondamentale per i primi cristiani: l'ultimo anello di congiunzione con l'esperienza non solo spirituale, ma anche fisica, materiale, di Ges% IL FILM L'Apocalisse ha concluso il 'rogetto ibbia, la pi% grande produzione televisiva mai realizzata" Dei ,film realizzati si trattato del pi% impegnativo: mai, infatti, era stato fatto un film sul libro dell'Apocalisse" 'er il ruolo di Giovanni, perno del racconto, stato scelto l'attore premio .scar Richard Harris, celebre star irlandese interprete di tanti capolavori del cinema /da # cannoni di *avarone a Gli ammutinati del ount0 fino al recentissimo #l Gladiatore, dove interpreta la parte dell'imperatore &arco Aurelio1" 'er riprodurre visivamente le sconvolgenti immagini contenute nel testo biblico sono stati realizzati effetti speciali di qualit e durata assolutamente inedite in televisione, utilizzando i mezzi tecnologici all'avanguardia della 'ro2ima di 3oma e della lue Gold di &ilano" Giovanni 3ichard 4arris Irene 5ittoria elvedere Va erio en6amin 7adler Gaio 'aolo 5illaggio !"in#o !hirstian 8ohlund $o%i&iano ruce 'a0ne $e%e#rio #an Duncan Corvo !onstantine Gregor0 Erac e Luca 9ard Ionico (rol 7ander An&iano Luigi Diberti Si vano &assimiliano 'azzaglia Ti#one &att 'atresi Her%es 9alter *udo Marce o Alessandro ertolucci Re'ia 3affaele &ertes Prod"##ore Luca ernabei Prod"##ore esec"#ivo 'aolo Lucidi So''e##o Gianmario 'agano Scene''ia#"ra :rancesco !ontaldo 3affaele &ertes Gianmario 'agano S#or( Edi#or 7averio D'(rcole Prod"##ore Rai 3oberta !adringher Prod"##ore )irch Media :erdinand Dohna Prod"##ore Associa#o 'ierpaolo &arcelli (lisabetta &archetti Re'ia *+ "ni#, (lisabetta &archetti Mon#a''io (lisabetta &archetti Or'ani&&a#ore Genera e &ichele Greco Cas#in' ;erem0 <immermann Cas#in' I#a ia :abiola anzi

Cas#in' Ger%ania !ornelia 5on raun $ire##ore de a Fo#o'ra-ia Giovanni Galasso Cos#"%i 'aolo 7calabrino Sceno'ra-o 'aolo iagetti M"siche co%.os#e e dire##e &arco :risina +n'apocalisse di 3oberto :edi =>, dicembre ,--,? 'Apocalisse' parola greca che significa propriamente 'rivelazione'" @ anche il titolo dell'ultimo libro della ibbia, che contiene le talvolta impenetrabili profezie /rivelazioni, appunto1 sulla consumazione del mondo e il secondo avvento di !risto" 7tando alla tradizione cristiana, il libro da attribuirsi a Giovanni evangelista, che lo avrebbe scritto nell'isola di 'atmos, intorno agli anni ABCAD d"!", al tempo delle persecuzioni dell'imperatore Domiziano" 'ropriamente, il testo si presenta come una lettera alle sette chiese dell'Asia &inore /(feso, 7mirne, 'ergamo, )iatira, 7ardi, :iladelfia, Laodicea1 e rappresenta un dramma: quello del mondo nuovo che avanza e del vecchio mondo che gli resiste, e che in fine si apre ad un grido di liberazione dei redenti che, dopo la lotta, godono della vittoria eterna di Dio, l'Agnello che sconfigge la estia" #l testo profetico e visionario, quindi oscuro" Le visioni di Giovanni si materializzano in animali orrendi e terrificanti profezie" Da qui, anche, il transito semantico della parola, che spesso portata oggi a significare l'equivalente di una catastrofe" !ome fosse possibile, da questo testo, ricavare uno sceneggiato o film televisivo il caso di dire che Dio solo lo sa" #n questo caso, l'Equipe che ha manipolato il testo /Gian%ario Pa'ano che ha scritto il film, Francesco Con#a do, Ra--ae e Mer#es e lo stesso 'agano che l'hanno sceneggiato1 ha messo in scena la verosimile situazione storica, insomma la 'cornice': i 3omani e i !ristiani, cio i persecutori e i perseguitati" !on alcune figure 'di mezzo': un soldato che scopre di avere i veri genitori cristiani e che entra in crisi /il )asso aveva fatto di meglio, francamente, con !lorinda1, una bella fanciulla che non guasta mai /#rene: Vi##oria /e vedere1, le chiese che ricevono le lettere di Giovanni, creduto morto e invece, nonostante tutto, vivo seppur prigioniero nella miniera di 'atmosF con anche un tentativo di fuga 'Gestern' dei cristiani dalla prigionia" Le visioni sono come sogni, che Giovanni subisce con espressione comprensibilmente attonita e stupefatta, e a bocca aperta" Hualche volta sembra di essere nell'aldil dantesco" &olto fumo, nebbia, fuoco" 7i poteva fare di meglio, anche come effetti speciali" &a almeno, nelle visioni di guerra, le svastiche, le bombe e le )orri gemelle potevano risparmiarsele" #n questi casi ciI che distingue gli sceneggiatori bravi da quelli televisivi la necessit, che questi ultimi inevitabilmente sentono, di 'bignamizzare': insomma di dare, rapidamente, informazioni allo spettatore, senza le quali questi capirebbe poco" #nsomma di essere didascalici, di spiegare tutto" !osJ qui, ad esempio, un perfidissimo Domiziano rapidamente serve, all'inizio, a mettere al corrente sulle persecuzioniF la bella figliola #rene $con gli occhi di cerbiatta$ /cosJ una volta, quand'era bambina, Giovanni le disse vedendola per caso e stringendola a sE: no comment1 aiuta a capire il dramma dei perseguitati e la certezza delle fedeF le visioni sono spiegate da un gentile personaggio in bianco, nel caso che qualcuno avesse dei dubbi / la pi% risibile manipolazione del testo: che invece volutamente oscuro come d'obbligo nelle profezie, e da qui trae la sua suggestione1F un bambino utilizzato per far sJ che il padre, premuroso, chiarisca chi Giovanni e chi sono gli apostoli, nel caso che qualche minus habens non lo sapesseF eccetera eccetera" #nutile dire che i cattivi sono cattivi sul serio, e anche un po' depravatiF e che i buoni sono di solito anche belli, pettinati, e ben truccati" #l regista, Ra--ae e Mer#es /anche coCsceneggiatore1 lo stesso del disperante Carabinieri, da noi gi servito come meritavaF la produzione del gruppo che fa capo a E##ore /erna0ei, e che gi aveva prodotto altri episodi dalla ibbia" #nutile rilevare i movie mistakes, che ormai sono d'obbligo anche nelle produzioni maggiori /qualcuno ha fatto notare ad esempio che il filo spinato, dietro cui soffrono i prigionieri, stato brevettato nel >KLB1" 3isibili alcuni passi della sceneggiatura /$Giovanni ha avuto un'altra visioneM$, chiede la fanciulla all'amico, con la stessa espressione con cui chiederebbe se ha ancora mal di testa1" #l cast internazionale, ma non per questo meno provinciale" 7picca ovviamente Richard Harris, di cui questa una delle ultime interpretazioni" 7punta anche, con la stessa barba curatissima con cui compare a Domenica In /non si neanche truccato, insomma1, Pao o Vi a''io, che interpreta un cristiano capo di una comunit di perseguitati, e che a dispetto del testo e della drammaticit che si vorrebbe dare all'insieme

identico, voce compresa, al :antozzi televisivo /e a dirla tutta non si mai visto un perseguitato cosJ ben pasciuto1" +n'apocalisse: questa volta nel senso corrente, e non in quello etimologico" N Drammaturgia"it C All rights reserved San Giovanni L1 A.oca isse Cana e 2%essa in onda 3ai +no, martedJ >- dicembre ore ,-:DD Re'ia 3affaele &ertes Prod"##ore Luca ernabei Prod"##ore esec"#ivo 'aolo Lucidi Scene''ia#"ra :rancesco !ontaldoF Gianmario 'aganoF 3affaele &ertes S#or( edi#or 7averio DO(rcole Prod"##ore Rai 3oberta !adringher Co2Prod"##ore )irchMedia :erdinand Dohna Co2Prod"##ore L"3 Vide 'ierpaolo &arcelli Prod"##ore Ar#is#ico (lisabetta &archetti $ire##ore de a -o#o'ra-ia Giovanni Galasso Sceno'ra-ia 'aolo iagetti Cos#"%i 'aolo 7calabrino Re'ia *+ "ni#, e Mon#a''io (lisabetta &archetti M"siche co%.os#e e dire##e da &arco :risina Vis"a E--ec# S".ervisor !orrado 3izzo In#er.re#i 3ichard 4arris /Giovanni1, 5ittoria elvedere /#rene1, en6amin 7adler /5alerio1, 'aolo 5illaggio /Gaio1, !hirstian 8ohlund /Huinto1, ruce 'a0ne /Domiziano1, #an Duncan /Demetrio1, !onstantine Gregor0 /!orvo1, (rol 7ander /#onico1, Luca 9ard /(racle1, &assimiliano 'azzaglia /7ilvano1, &att 'atresi /)itone1, 9alter *udo /4ermes1, Alessandro ertolucci /&arcello1 Famiglia Cristiana n.49/2002 di Luisa Sandrone TELEVISIONE CON L"APOCALISSE" SI CONCLUDE SU RAIUNO IL "PROGETTO BIBBIA" DELLA LUX VIDE LE VISIONI DI GIOVANNI Da non perdere lultima, magistrale interpretazione di Vittoria %el&edere, !"e 'ui lo ri!orda !on tenerezza. i!"ard #arris nei panni dellapostolo. $on lui

Una sfi a !str!ma" ! n#n s#ltant# $!r%&' (ltima i (na l(nga s!ri!) $#rtar! in T!l!*isi#n! l Apocalisse !lla$#st#l# Gi#*anni" %#n l! s(! *isi#ni fiamm!ggianti ! i sim+#lismi i ar (a %#m$r!nsi#n! ! an%#r $i, iffi%il! tras$#si-i#n! $!r immagini" !ra im$r!sa a far tr!mar! i $#lsi a $r# (tt#ri ! r!gisti i fama. Tant# %&! n!ss(n#" fin#ra" !ra an at# al i l/ i $r#g!tti *#l!nt!r#si ma a--ar ati. Rin(n%iar!" (n0(!1 Alla L(2 Vi ! i Ett#r! B!rna+!i 3 art!fi%! in 0(!sti anni i (n#$!ra-i#n! s!n-a $r!%! !nti n!l $an#rama t!l!*isi*# int!rna-i#nal!) ra%%#ntar! in 45 film lAnti%# ! il N(#*# T!stam!nt# 3 li !a i f!rmarsi a trag(ar # 0(asi raggi(nt# $r#$ri# n#n an a*a gi,) ! %#s6" i s%!n!ggiat(ra in s%!n!ggiat(ra" ! gra-i! an%#ra (na *#lta alla %#ns(l!n-a i !s$!rti +i+listi 7a $artir! a Gianmari# Pagan#" il t!#l#g# %&! &a s!g(it# lint!r# $r#g!tt# tras%#rr!n # m!si s(l s!t mar#%%&in# i O(ar-a-at!8" an%&! il tr! i%!sim# ! (ltim# %a$it#l# !lla Bi++ia &a $r!s# f#rma. G!sta-i#n! %#m$l!ssa 3 ! n#n $#t!*a !ss!r! i*!rsam!nt!" trattan #si i (n# !i t!sti $i, affas%inanti ! #s%(ri i t(tti i t!m$i 3 il %(i fr(tt# a$$r# a 0(!sta s!ttimana s( Rai(n#" s!n-a $arti%#lar! battage $(++li%itari# 7la %#n%#rr!n-a s! l# sar!++! "gi#%at#" alla gran !...8" ma %#n linnat# fas%in# !gli !*!nti a n#n $!r !r!. An%&! $!r%&' San Giovanni, lApocalisse" in #n a mart! 6 49 in $rima s!rata" &a il *#lt# magnifi%am!nt! smarrit# !l s!ttanta (!nn! Ri%&ar :arris" 0(i alla s(a (ltima magistral! int!r$r!ta-i#n! $rima !lla m#rt!" a**!n(ta a L#n ra a fin! #tt#+r!. E $r#$ri# int#rn# alla fig(ra i Gi#*anni" l(ni%# tra i is%!$#li i G!s, a n#n s(+ir! il martiri#" r(#ta la trama %#n il s(# m!ssaggi# i s$!ran-a ! i sal*!--a" ! n#n 3 %#m! %#m(n!m!nt! si %r! ! 3 i r#*in#sa istr(-i#n!. ;C#nf!ss# %&! la $r#s$!tti*a i la*#rar! a%%ant# a :arris" i# %#s6 $i%%#la i fr#nt! a (ni%#na !l %in!ma %#m! l(i" mi s$a*!nta*a<" ra%%#nta Vitt#ria B!l*! !r! %&! n!l film int!r$r!ta Ir!n!" la fan%i(lla %ristiana in%ari%ata i s%#$rir! la *!rit/ s(lla s#rt! !ll!*ang!lista ! i %#n*in%!rl# 3 s! an%#ra in *ita 3 a m#strarsi ai f! !li $!rs!g(itati a D#mi-ian#. ;Il n#str# $rim# in%#ntr#" n!llal+!rg# %&! #s$ita*a la tr#($!1 Ri%#r # (n (#m# altissim# ! magrissim#" alla $r!s!n-a fisi%a stra#r inaria s$#sata a (na $r#f#n a (manit/) n#n s#l# mi &a m!ss# s(+it# a mi# agi#" in%#raggian #mi ! tran0(illi--an #mi" ma %#n (n att!ggiam!nt# $i, (ni%# %&! rar# 3 a ma!str# altri t!m$i 3 &a %#in*#lt# t(tti n#i att#ri in +!llissim! "l!-i#ni" i r!%ita-i#n!. E%%# $!r%&' la n#ti-ia !lla s(a s%#m$arsa" %&! mi &a raggi(nt# s(l s!t t(nisin# i (naltra fi%ti#n am+i!ntata n!llanti%a R#ma" Augusto 7$rim# !$is# i# !lla s!ri!" $(r! 0(!sta !lla L(2" ! i%ata agli im$!rat#ri" ndr.8" mi &a tant# a #l#rat#. An%#ra a t( $!r t( %#n (n gigant! !l %in!ma" P!t!r OT##l!" %&! i Ri%&ar :arris !ra (n %arissim# ami%#" a*!n # *iss(t# %#n l(i l! s$!ran-! !gli !s#r i ! tant! a**!nt(r!" 0(!l gi#rn# &# $iant# tra l! s(! +ra%%ia. Un #l#r! %#n i*is# %&! %i &a r!s# ami%i. N#" n#n im!nti%&!r= mai 0(!l magnifi%# %#m$agn# i la*#r# %&! (n attim# $rima i girar! ri !*a ! s%&!r-a*a %#n n#i" ! al m#m!nt# !ll"a-i#n!>" si trasf#rma*a i %#l$# in Gi#*anni" irra ian # (na %#mm#*!nt! s$irit(alit/<. Unatm#sf!ra misti%a 7;n!lla s%!na in %(i" raggi(nta lis#la i Patm#s ! %#m$r!s# %&! s#tt# li !ntit/ !l *!%%&i# T!#fil# si %!la in r!alt/ la$#st#l#" l# s($$li%# i t#rnar! a $r! i%ar! la Par#la i G!s," mi s#n# !m#-i#nata a tal $(nt# a im!nti%ar! la fin-i#n! %in!mat#grafi%a) in 0(!l m#m!nt# "!r#" Ir!n!" ! la s(a f! ! !ra la mia<8" %(i fa a %#ntra$$(nt# lin!*ita+il! st#ria am#r! !lla +!lla %ristiana %#n il r#man# Val!ri# 7B!n?amin Sa l!r8" an%&! l(i s(ll! tra%%! i Gi#*anni" ma $!r (%%i !rl#. Gli ingr! i!nti $!r far! i tal! mat!ria in%an !s%!nt! (n gran ! s$!tta%#l#" ins#mma" %i s#n# t(tti) a #sarli %#n mis(ra &a $!nsat# Raffa!l! @!rt!s 3 gi/ s%!lt# alla L(2 $!r l!$is# i# !l "$r#g!tt# Bi++ia" Ester ! $!r la s!ri! Gli amici di Ges 3 all! $r!s! %#n (n %ast %&! ann#*!ra an%&! Pa#l# Villaggi#" Br(%! PaAn!" C&ristian B#&l(n ! Ian D(n%an. Da n#n $!r !r!" infin!" gli !ff!tti s$!%iali " !gni i (na $r# (-i#n! &#llAC## iana"" r!ali--ati ai migli#ri !s$!rti italiani !l s!tt#r!) ! n#i li as$!ttiam# al *ar%#" *al! a ir! la tra*#lg!nt! gal#$$ata !i 0(attr# %a*ali!ri 3 il +ian%#" il r#ss#" il n!r# ! il *!r ! 3 %&! n!llimmaginari# %#ll!tti*# a s!m$r! si i !ntifi%an# n!llApocalisse. @a altr! s#r$r!s! n#n man%an#" $!r%&'" s$i!ga il r!gista" ;la iffi%#lt/ $i, gran ! D stata $r#$ri# 0(!lla i m!s%#lar! (n ra%%#nt# r!alisti%#" nat# s(lla +as! i t!sti st#ri%i" %#n immagini $r#f!ti%&! i ar (a !%ifra-i#n!) (na s%#mm!ssa s(l %(i !sit# gi( i%&!r/ il $(++li%#<. Di (na sfi a gi/ *inta $arla in*!%! la B!l*! !r! al s!t $i!m#nt!s! !l n(#*# film i Gianfran%# Al+an#" Nessuno al suo posto) ;Finit! l! ri$r!s! i Augusto" il r!gista R#g!r E#(ng mi &a ringra-iat#. "Bra*a" &ai at# al $!rs#naggi# i Gi(lia" la figlia !llim$!rat#r!" (na $#!sia %&! i# st!ss# n#n a*!*# *ist#"<. Luisa Sandrone I( )IGNI*I$A+O ,(+I-O D.((A )+O IA F il GHI ! (ltim# li+r# !lla Bi++ia ! D in%&i# at# n!llimmagina-i#n! i t(tti %#m! (n #r#s%#$# t!rrifi%ant! !lla fin! !l m#n #. A $rima *ista" 0(!sta s!m+ra !ss!r! la sigla !l li+r# +i+li%# !ll Apocalisse) l! s(! $agin! n#n gr#n an#" f#rs!" sang(!1 N#n !ntran# in s%!na l(g(+ri %a*ali!ri %&! $#rtan# *i#l!n-a" fam! ! m#rt!1 N#n si l!*an# m#stri in0(i!tanti %#m! il rag# r#ss# # l! (! +!sti!" la t!rr!str! ! la marina1 N#n si im!na la Gran ! Pr#stit(ta (+ria%a !l sang(! !i martiri1 N#n $r!%i$itan# st!ll! al %i!l#" ! %itt/" %#m! la Ba+il#nia im$!rial!" n#n *!ng#n# s%ara*!ntat! n!l mar!1 N#n si is$i!ga (n ar%#+al!n# i %#l#ri im$r!ssi#nanti ! n#n %i si im+att! in (na mist!ri#sa %a+ala n(m!ri%a1

S6" la *!st! !llApocalisse D "a$#%alitti%a"" n!l s!ns# %&! ri%#rr! a (n ars!nal! i immagini" i sim+#li ! i t!mi %&! s#n# $r#$ri i (na l!tt!rat(ra gi/ iff(sa n!l gi( aism# ! %&! a*!*a n!lla Bi++ia (na f#nt! n!i $r#f!ti E-!%&i!l!" Dani!l! ! Ja%%aria. Essa g(ar a*a alla st#ria %#n #%%&i# $!ssimisti%#" *! !n #la #rmai s#tt#m!ssa al @align#" il %(i *!ssill# sang(inari# ! +lasf!m# !ra gi/ $iantat# n!ll! n#str! %itt/. In r!alt/ lApocalisse i Gi#*anni" $(r a #ttan # 0(!st# m# !ll#" l# $i!ga a +!n altra finalit/) "ri*!lar!" 7 apocalisse in gr!%# signifi%a rivelazione8 il signifi%at# (ltim# !lla st#ria in %(i siam# imm!rsi. Essa s!m+ra !ss!r! in man# a $#t!n-! satani%&! %&! $!rs!g(itan# i gi(sti ! D $r#+a+il! %&! la(t#r! 3 %&! s%ri*! att#rn# al KL 3 all( a allim$!rat#r! D#mi-ian# %&! si !ra a(t# i*ini--at#. La st!ssa C&i!sa" %#m! a$$ar! all! s!tt! l!tt!r! ini-iali in iri--at! all! %#m(nit/ !llAsia @in#r! a %(i il li+r# D !stinat#" D in %risi ! s(s%ita $!rsin# la na(s!a ! il "*#mit#" i Crist# 7H"4M8. E$$(r!" l(ltima m!ta !lla st#ria %&! 0(!st! $agin! ri*!lan# n#n D il %a#s # il n(lla" ma il tri#nf# gi#i#s# ! gl#ri#s# !l B!n!" in%arnat# allAgn!ll# %&! D Crist# ! alla %itt/ !lla s$!ran-a" la G!r(sal!mm! n(#*a ! $(ra" simil! a (na s$#sa. A !ssa ! a Crist# n#i an iam# in%#ntr#" in*#%an #) ;Vi!ni" Sign#r! G!s,>< 755"598. Gianfranco Ravasi I sette sigilli e le sette trombe Sulle rive di un mare incolore e agitato, il Cavaliere gioca a scacchi con la Morte. Lha incontrata al ritorno dalla crociata in Terra Santa, un ritorno pieno di delusione, col cuore vuoto e solitario, tormentato dalle stesse domande che lo artigliavano quando egli era partito. per questo che ha chiesto alla Morte una dilazione sfidandola a una partita dallesito certo, ma che forse gli permetter di trovare una risposta, un senso alla vita. lo stesso silenzio che dura circa mezzora e che si presenta quando nel li ro dell!pocalisse si apre il settimo sigillo "#,$%. &orse alcuni nostri lettori hanno capito che il racconto di cui ho a ozzato lavvio fa parte della trama di uno dei film pi' cele ri di tutti i tempi, diretto dal regista svedese (ngmar )ergman nel $*+,, intitolato appunto (l settimo sigillo, la cui sceneggiatura - stata tradotta in italiano dalleditore (per orea nel $**.. /uel silenzio di mezzora scandisce lattesa di una rivelazione drammatica che sconvolger tutti i personaggi del film, dal Cavaliere al suo scudiero 01ns, dallattore S2att al fara utto 3ava(, dal fa ro 4log con la moglie 5sa a una felice coppia di giocolieri e il loro am ino, che incarnano lamore e la semplicit, la serenit e la gaiezza delle piccole cose. Ma ritorniamo al testo dell!pocalisse "#,$6+%, lopera i lica che ci sta accompagnando in queste nostre letture pasquali. Come - noto, dal capitolo + all# si sciolgono progressivamente i sette sigilli che loccavano la lettura del 7li ro "in realt un rotolo% scritto sullato interno e su quello esterno8, cio- il li ro della vita e della storia "+,$%. /uando si infrange il settimo e ultimo sigillo, in cielo dilaga allimprovviso un silenzio magico e surreale, segno di s igottimento ma anche di contemplazione stupita. Curiosa - lindicazione cronologica della mezzora, un arco di tempo di reve durata, imperfetto e limitato. 5no studioso dell!pocalisse, Charles )r'tsch, osserva che, 7come tutte le frazioni di tempo presenti nel li ro, la mezzora - sintomo di una crisi che conferisce al silenzio un carattere terri ile8. (nfatti ci1 che si svela, una volta spezzato il sigillo e squadernato il li ro della vita, sar scandito dal successivo sette6 nano, quello delle trom e, particolarmente cupo e drammatico. !l primo squillo, scrosciano grandine e fuoco mescolati a sangue9 al secondo, viene scaraventata in mare una montagna ardente di fuoco9 al terzo squillo, piom a dal cielo la grande stella !ssenzio, una specie di palla fiammeggiante9 al quarto segnale, calano le tene re "#,:6$;%, e cos< via, in un crescendo di eventi sim olici tragici. =ssi hanno lo scopo di illustrare il male oscuro che si annida nel grem o della storia. Ma, come presto vedremo, la meta dell!pocalisse non - quella di annunziare una catastrofe finale. (l grande regista russo !ndre> Tar2ovs2i>, lautore del film !ndre> 3u liov, giustamente osservava? 7L!pocalisse -, in ultima analisi, il racconto del nostro destino. Ma sare e s agliato pensare che essa contenga soltanto lidea della punizione. &orse la cosa pi' importante in essa contenuta - la speranza8. Tratto da &amiglia Cristiana ( /5!TT3@ C!A!L(=3( 5n mese fa, cele rando l!ssunzione di Maria, a iamo evocato la pagina dell!pocalisse che si leggeva proprio nella liturgia di quel giorno, il capitolo $B, con la cele re raffigurazione della 7donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle8. Come avevamo promesso, ritorniamo su questopera i lica che ha da sempre esercitato un grande fascino e un altrettanto intenso terrore. Cegli scorsi mesi mi sono dedicato D attraverso la pu licazione

di un commento all!pocalisse "edizioni 4iemme% e attraverso la lettura continuata e spiegata del testo sacro nel programma televisivo Le frontiere dello spirito "Canale +% con la colla orazione dellattrice Mariangela Melato D a schiodare dalla mente dei lettori6ascoltatori lidea che l!pocalisse sia un li ro funesto di sciagure e di tragedie da Efine del mondoF. (n realt il li ro - unFapocalisseF, in greco ErivelazioneF del senso ultimo della storia tormentata che viviamo, il cui fine rappresentato dalla Gerusalemme nuova, segno di pace, di gioia e di comunione con Hio. /uesto, per1, non toglie che la storia sia striata di sangue, di miseria, di vergogne e dominata da mostri come il Hrago, la )estia, la 4rostituta e )a ilonia, sim oli trasparenti del male. Coi ora vorremmo rimandare, per illustrare questo tema, a una pagina possente e tragica, quella dei quattro cavalieri ":,$6#%. (l primo cavallo che irrompe in scena - ianco ed - cavalcato da un arciere. 4er alcuni sare e un segno positivo, essendo il ianco il sim olo della gloria divina e della luce e quindi potre e essere identificato col Cristo risorto e vittorioso. 4er altri larciere incarnere e, invece, il potere militare che non - mai sazio di vittorie sanguinarie "7part< come vincitore per vincere ancora8%. Hietro a lui avanza un cavallo rosso, evidente raffigurazione dello spargimento di sangue. Muore la pace, trionfa la violenza? il massacro colpisce tutto il nostro pianeta ove ci si 7sgozza a vicenda8. =cco, poi, il terzo cavallo? - nero e sim oleggia la morte per fame. ( viveri rincarano, olio e vino si fanno scarsi? la ilancia che il suo cavaliere regge in mano indica, infatti, misure sempre pi' esigue, cio- la fine dei mercati a ondanti con ampia offerta di derrate alimentari. il dramma che perdura ai nostri giorni con un terzo mondo misera ile, inde itato, denutrito di fronte a un @ccidente opulento ed egoista. (nfine, ecco il quarto cavallo di colore verdastro o cianotico? - il colore del cadavere in decomposizione. Lultimo cavaliere dunque la Morte, e come non pensare alla cele re incisione di !l recht Hurer "$.,$6$+B#% che ha offerto, in tempi vicini a noi, il soggetto e il titolo del romanzo (l Cavaliere e la morte "$*#*% di Leonardo SciasciaI 4urtroppo guerra, violenza, fame e morte corrono ancor oggi come lugu ri cavalieri per le strade del mondo seminando il loro carico di sofferenza e di angoscia. Tratto da &amiglia Cristiana