Sei sulla pagina 1di 3

Le caratteristiche testuali del testo professionale tecnico

Quello professionale tecnico un testo altamente vincolante, cio un testo che non lascia spazi alla fantasia del ricevente. La scrittura sar quindi lopposto di una scrittura creativa, e avr un carattere oggettivo, evitando di coinvolgere il lettore (niente espressivit, emotivit, impressionismi, ecc.). In pratica ci si deve guardare dallimitazione dei testi didattici e di quelli divulgativi e giornalistici e a maggior ragione va evitata limitazione dei testi letterari. !utti i caratteri testuali devono essere rivolti a permettere una decodificazione univoca" leggi#ilit comprensi#ilit oggettivit univocit esplicitezza razionalit della forma espositiva Organizzazione e contenuti (apparentemente fatti stilistici: in realt comunicazionali) $rdine di costruzione rigorosamente impostato ed evidenziato il destinatario deve poter cogliere la gerarchia tra gli argomenti il destinatario deve poter identificare lo scopo del testo lattenzione del destinatario non va distolta dal contenuto lautore non si rivolga mai al lettore o al destinatario lautore non entri mai nel testo rispettare le relazioni logiche i #locchi di testo siano #revi, numerati e collegati ammesso luso di formule, sim#oli, numeri, ta#elle e grafici riferirsi a precisi princ%pi, assiomi, postulati e concetti di partenza esposti nel testo stesso o richiamati o sottintesi usare definizioni esatte e terminologia tecnica cercare il giusto equili#rio tra la stringatezza e la esplicitezza va evitata la ripetizione dei concetti, va evitata la parafrasi" in ogni paragrafo ci deve essere un&informazione Struttura linguistica (apparente fatto stilistico: in realt comunicazionale) privilegiare la frase a struttura #asica ('oggetto ( )er#o * $ggetto) periodo" misurato (ma senza arrivare a frasi secche, di una o due parole, che sono enfatiche, perch+ marcate. La lunghezza ideale del periodo per il lettore medio va dalle ,- alle ./ parole) evitare le incidentali che interrompono il flusso logico evitare luso di frasi interrogative ed esclamative inammissi#ile la presenza di #rani in discorso diretto non ammesso luso di frasi nominali (cio senza ver#o, a mo di titolo giornalistico)

non ammessa la variatio sintattica, ma va #ene il parallelismo sintattico usare i connettivi lessicali e sintattici che segnalano i rapporti logici usare avver#i e le espressioni che segnalano la sequenzialit usare i legamenti sintattici (congiunzioni su#ordinanti) eliminare tutti gli artifici retorici di movimentazione del testo, come paragoni, metafore, litoti, metonimie, sineddochi, ironie (appartengono al colloquiale o al letterario) eliminare tutti i ci, tutti i noi, tutte le forme di ver#o alla prima persona plurale (sono strumenti di coinvolgimento del destinatario) usare i tempi ver#ali commentativi (presente, passato prossimo) privilegiare la diatesi ver#ale attiva scegliere la costruzione passiva normale piuttosto che il si passivante evitare luso del riflessivo di affetto (medio) usare il congiuntivo in funzione sintattica (cio nelle dipendenti) ripetere gli articoli e le preposizioni articolate davanti ai nomi di un elenco usare gerundi, participi e infiniti in concordanza col soggetto della reggente. Uso del lessico (apparente fatto stilistico: in realt comunicazionale) cercare la specificit, ma nellam#ito del voca#olario di #ase (le 0/11 parole pi2 frequenti) ripetere pure le parole*chiave e quelle tecniche (non la ridondanza, che da evitare) evitare luso dei sinonimi (crea variatio, ed fuori registro) moderare luso del lessico specialistico evitare gli arcaismi (salvo quelli tecnici del settore) usare le parole straniere solo quando hanno rilevanza tecnica non applicare il plurale inglese o francese ai prestiti ormai accolti" in italiano sono voci invaria#ili moderare luso di a##reviazioni e sigle (e sciogliere quelle non ovvie) evitare le frasi stereotipate evitare le perifrasi moderare luso degli aggettivi e degli avver#i (che implicano un giudizio di valore)" un testo #asato sui sostantivi e sui ver#i pi2 significativo ed evita genericit e #analit. evitare i diminuitivi, gli omoteleuti, le allitterazioni e le rime interne (spesso dovute alla nominalizzazione). evitare la variazione sinonimica evitare le metafore. moderare le litoti" lattenuazione tramite la negazione della nozione opposta, e soprattutto la doppia negazione creano difficolt interpretative. Aspetti apparentemente grafici (in realt: comunicazionali) La punteggiatura sia al servizio della sintassi e non imiti le pause presenti nel parlato la virgola separi solo le dipendenti interne allo stesso periodo, e non delle principali tra di loro" si trattere##e di struttura paratattica asindetica, propria del parlato e delle scritture creative si usi il capoverso solo per modificare il tema

moderare luso della parentesi (le incidentali interrompono il filo del discorso). 3oderare luso delle virgolette alte" indica marcatezza eliminare i puntini di sospensione" introducono emotivit evitare gli esclamativi" introducono emotivit. 4vitare la#uso della variet di font" ricorda la stampa per linfanzia 5on si usino mai forme a tutte maiuscole" equivalgono a parole strillate o alle scritte sui muri.