Sei sulla pagina 1di 29

L'Arrivo del Cane Corso in famiglia

Finalmente arrivato il giorno in cui il vostro Cane Corso entrer nella vostra vita. Qualsiasi sesso, sia maschio che femmina , vi dar grandi soddisfazioni, tanto amore ma anche qualche noia. Proprio per queste piccole-grandi noie dovremmo porci delle domande iniziali, prima ancora che il nostro compagno a quattrozampe varchi la nostra porta di casa. Il cucciolo rimane tale per un periodo limitato di tempo dopodich diverr un cane adulto, con le sue esigenze, il suo carattere e le sue necessit. Il cucciolo definito tale fino alla maturit sessuale !-"# mesi, il cane adulto per tutto il resto della sua vita, in media ""-"$ anni. %isto il tempo che do&&iamo passare con lui do&&iamo essere sicuri dell'impegno che ci prendete. Portalo fuori regolarmente, con il &ello o &rutto tempo, con il freddo e con il caldo. (ar con noi durante i giorni lavorativi, nel fine settimana e durante le nostre ferie. )iflettiamoci &ene, amare un cane anche saper oggettivamente ammettere che non a&&iamo il tempo e la voglia di stare con lui. Il cane coinvolge tutto il gruppo famigliare, non facciamoci prendere da false illusioni di saperlo gestire tutto noi, avremo &isogno di tutta la famiglia, vivr con tutta la famiglia e si rapporter con ogni suo componente. *o&&iamo essere disposti a vedere qualche oggetto rotto, specie all'inizio, qualche scarpa fuori posto e soprattutto pelo, ce ne sar sempre in giro. (iete sicuri di tutti questi aspetti negativi++ Passiamo a quelli positivi. Il cucciolo, e poi il cane adulto, sar sempre al vostro fianco, sia che voi siate i pi, ricchi del mondo che i pi, poveri. %i terr compagnia giocando o facendosi accarezzare, sia che voi siate felici o tristi. Cercher di condividere il maggior tempo possi&ile con voi sia che voi viviate nel super attico o semplicemente in un monolocale. Insomma non sarete pi, soli... -unitevi di pazienza e cominciamo quest'avventura.

D & D Cane Corso

L'arrivo di un cucciolo sempre un momento ricco di emozioni e carico di aspettative da parte dei neo-proprietari. E' importante comprendere che da questo momento saremo noi i responsabili della salute fisica, educativa e comportamentale dell'animale. Per quanto riguarda la salute utile rivolgersi ad un medico veterinario di fiducia che provveder al piano vaccinale, seguir la crescita nelle varie fasi e potr consigliarvi sull'alimentazione e sulle cure necessarie. primi mesi di vita sono fondamentali anche dal punto di vista comportamentale. ! necessario socializzare correttamente il cucciolo nei confronti dei suoi simili, degli esseri umani e dell'ambiente. n questa fase il cane dovr interagire con diverse tipologie di razze, persone e luoghi differenti per prevenire in futuro l'insorgere di problematiche legate alla paura e all'aggressivit. E' importante quindi adottare il cane all'et giusta che tra i sessanta e i settanta giorni, momento in cui l'individuo pronto a superare senza traumi il cambiamento ambientale e si ha ancora tempo a disposizione per svolgere una corretta socializzazione.

Apprendimento e prime associazioni


"enete sempre presente che il cane apprende gran parte dei comportamenti per associazione, diventa fondamentale iniziare sin da subito con il piede giusto, premiando il cucciolo tempestivamente con lodi, carezze e bocconcini ad ogni comportamento desiderato messo in atto. #icordatevi di gratificare il vostro cane, solo cos$ sar ben educato e con un carattere aperto e dovrete essere in grado di indicare e far comprendere al cane ci% che desiderate adottando un comportamento sempre coerente.

Esigenza di un luogo sereno


&edicate al cane uno spazio tranquillo all'interno della casa in cui possa riposare serenamente. &isponete un tappetino o una cuccia morbida e premiatelo con lodi, carezze e qualcosa da sgranocchiare per rilassarsi, ogni volta che ci si sdraia, ben presto il cane capir che questo il luogo migliore in cui riposare.

Abitudine alla solitudine


&urante i primi giorni evitate inutili stress da solitudine per il cucciolo e fate in modo che il cane vi prenda come suo punto di riferimento. niziate gradualmente ad assentarvi dalla stanza in cui il cane si trova, per qualche minuto lasciandogli a disposizione un 'ong (giocattolo interattivo) o un osso di pelle da masticare. *l rientro, ignorate i suoi tentativi di richiesta di attenzione pi+ esuberanti e chiamatelo a voi solo nel momento in cui si tranquillizza, lodandolo e accarezzandolo delicatamente. *umentate via via le tempistiche fino a che riuscirete a lasciarlo da solo per qualche ora al giorno. E' importante cercare di non rientrare nella stanza in concomitanza di eventuali lamenti, perci% fondamentale avere pazienza e lavorare sempre per gradi e con molta attenzione.

Educazione all'igiene
"enete sempre presente che il cucciolo ha necessit di fare i propri bisogni specialmente al risveglio, dopo il gioco e ,-./0 minuti dopo aver mangiato. &iventa facile sfruttare questa necessit, accompagnandolo preventivamente nel luogo gradito e premiandolo immediatamente appena avr sporcato nel luogo desiderato.

Abitudine al guinzaglio e prime "uscite"


*bituatelo alla pettorina o ad un collarino applicandoglielo in momenti positivi della giornata1 prima di mangiare, mentre dorme e mentre gioca con voi e nel giro di pochissimi giorni il cane non si render pi+ conto di averlo addosso. niziate ad abituare il cucciolo al guinzaglio partendo da casa, ambiente sereno e privo di distrazioni, passeggiando con il cane facendo attenzione che il guinzaglio non vada mai in tensione, fermatevi se necessario quando inizia a tirare. &urante le prime uscite ricordatevi sempre che il modo migliore per rendere tranquillo il vostro cane all' aperto fargli associare emozioni positive, evitate quindi strattoni e punizioni ma tendete a premiare gli stati di calma del cane con lodi, bocconcini e carezze. #icordatevi sempre che il guinzaglio solamente una cintura di sicurezza tra voi e il cane non utilizzatelo in altri modi e fate s$ che il cane provi piacere a passeggiare con voi all'aria aperta, fermatevi ogni volta che il cane si agita per riprendere a camminare solamente quando si tranquillizzato.

Primi momenti di libert all'aperto e in area cani


E' fondamentale sin da subito abituare il cane a rimanere libero nelle apposite aree attrezzate che oramai si trovano in tutte le citt, ed a tornare al nostro richiamo in maniera positiva e senza esitazione. &ate al cucciolo la possibilit di socializzare con gli altri cani (di razze e taglie differenti) e di esplorare liberamente. Prima di entrare in un area cani, assicuratevi che il vostro cane non sia particolarmente eccitato e che i cani presenti siano socievoli e docili anche con i cuccioli, dopodich2 liberatelo e di tanto in tanto, sfruttando i momenti pi+ agevoli, richiamatelo con un tono invitante, piegandovi sulle ginocchia. Premiate tempestivamente il suo ritorno e poi lasciatelo di nuovo libero di tornare alle proprie attivit di esplorazione e socializzazione per far s$ che il cane non associ al richiamo il termine della sua libert. l richiamo dev'essere visto dal cane come un momento di interazione positiva con il proprietario. #ipetete l'esercizio pi+ volte e infine agganciate il guinzaglio premiandolo nuovamente mentre uscite dall area. Per impostare correttamente la gestione e l'educazione del cucciolo ci si pu% anche rivolgere ad un educatore.istruttore cinofilo che ci aiuter con ottimi consigli ed esercizi studiati in base alle esigenze del binomio cane-conduttore. 3n cane ben educato un cane con il quale sar assolutamente piacevole convivere e condividere le pi+ svariate attivit della vita di tutti i giorni, sar felice lui e anche voi lo sarete.

60 giorno:
finalmente possiamo portare il nostro cucciolo a casa!! Spesso i proprietari inesperti non capiscono l'importanza di aspettare il compimento dei due mesi prima di separare il cucciolo da mamma e fratellini e fanno pressioni sull'allevatore per anticipare questo momento. Ovviamente un allevatore serio non ceder alle vostre richieste perch sa bene che proprio durante questi primi mesi che il cucciolo impara le regole fondamentali del vivere "da cane" la madre insegner ai cuccioli il "linguaggio dei cani" !cosa che certo non potreste fare voi!" rendendoli cos# in grado di comunicare con i propri conspecifici$ di capire i segnali di dominanza e di sottomissione $ di distinguere i segnali di gioco da quelli di minaccia e cos# via. %nfatti molti cani litigiosi sono tali proprio perch sono stati privati di questi importanti insegnamenti e non sanno quindi interpretare i segnali degli altri cani. &ltrettanto importante il gioco con i fratelli che insegner al cucciolo a rapportarsi con gli altri cani$ a capire i propri limiti e a riconoscere la superiorit di chi pi' forte evitando inutili scontri$ capir che mordendo pu( far male suscitando il disappunto del malcapitato fratello e cos# imparer a dosare la propria forza a seconda della situazione in cui si trova$ anche quando gioca con gli umani. %noltre i cuccioli maschi che vengono allontanati troppo presto dai fratelli avranno comportamenti sessuali anomali non avendo imparato da cuccioli a relazionarsi correttamente con le sorelle$ da adulti potrebbero dimostrarsi indifferenti alle femmine in calore o non essere comunque in grado di accoppiarsi. %nsomma per dirla in una parola tutte queste esperienze sono %)*%S+,)S&-%.% per l'equilibrio del nostro cane non abbiate la presunzione di pensare di potervi sostituire a mamma e fratelli$ pregiudichereste per sempre il carattere del vostro cane perch le esperienze dei primi due mesi sono insostituibili. )on appena il cucciolo entra nella sua nuova casa dovranno essere stabilite delle regole chiare e inflessibili che )O) dovranno cambiare per tutta la vita del cane. /uindi se decidete di permettergli di salire sul divano sappiate che dovrete permetterglielo anche quando sar un adulto di 01 2g$ se gli permettete di dormire nella vostra camera perch un tenero cucciolo spaurito non potrete cambiare idea quando diventer adulto! .e regole vanno fissate una volta per sempre!3O,4,)5& questa la cosa in assoluto pi' importante nell' educazione di un cane$ cucciolo o adulto che sia . Si deve iniziare ad abituare il cucciolo al collare$ insegnargli la condotta al guinzaglio e i pi' semplici comandi base. %n queste settimane i cuccioli attraversano un periodo particolarmente delicato detto "della paura" in cui un fatto traumatico o molto stressante pu( provocare nel cane un senso di insicurezza o di paura anche per tutta la vita. ,' quindi importante continuare a fargli fare il maggior numero di esperienze possibili$ ma accertandosi che siano positive e incoraggianti per il cucciolo. ,' necessario continuare a maneggiare i cuccioli ed iniziare quelle pratiche di pulizia quotidiana che lo accompagneranno per tutta la vita pulizia delle orecchie$ dei denti$ accorciamento degli speroni. 3omportamento .e interazioni sociali$ con cani$ con altri animali e con le persone$ diventano sempre pi' importanti per il cucciolo tutto ora affrontato giocando. ,' attraverso il gioco che il cucciolo impara a rapportarsi col resto del mondo$ che impara come comportarsi$ come comunicare e che comincia a riconoscere i propri limiti e a scoprire le proprie potenzialit. ,' ancora attraverso il gioco che si instaura una profonda coesione sociale col nuovo gruppo e che successivamente si stabiliranno le gerarchie.

Tabella accrescimento cuccioli Peso indicativo in Kg. ETA' Femmine Maschi alla nascita 0,5 0,5 gg. 15 1,5 1,5 gg. 45 6 6 2 mesi ,5 ! " mesi 12,5 1",5 4 mesi 16,5 1 5 mesi 22,5 24,5 6 mesi 2 "1,5 # mesi "",5 "#,5 mesi "6 40 ! mesi " 42 10 mesi 40 44 11 mesi 41,5 45,5 1 anno 4" 4#,5 2 anni 45 50

Il prezzo di un cucciolo
1 Si paga la selezione. Testare il carattere dei riproduttori e soprattutto la loro salute, ovvero effettuare radiografie per il controllo della displasia ed altre indagini (come le visite oculistiche) per accertare che siano esenti da malattie ereditarie ha un costo. Fare esposizioni (magari in tutto il mondo) per sottoporre i propri riproduttori al giudizio degli esperti ha un (alto) costo. 2 Si paga una parte di rimborso per le spese effettivamente sostenute per allevare una cucciolata DOC, che non sono poche e che comprendono: a) spese mediche per tenere sotto controllo la fattrice durante la gravidanza, per intervenire con eventuale cesareo se il parto non avviene naturalmente, per far controllare nuovamente la fattrice e i cuccioli nei giorni successivi al parto; ) spese di mangime da svezzamento di alta !ualit" per i cuccioli, spese per il successivo mangime specifico per #pupp$% (sempre di alta !ualit"), spese relative a vaccinazioni, sverminazioni, tatuaggi. &ueste spese di mantenimento vengono sostenute dall'allevatore fino a due mesi e mezzo(tre mesi, perch) il uon allevatore, che vuole darvi un cucciolo DOC, difficilmente lo ceder" prima di !uesta data: sia perch) il cucciolo fino a !uesta et" ha ancora isogno #psicologico% di vivere con madre e fratelli * imparer" le asi della socializzazione, cosa che ci risparmier" possi ili pro lemi di carattere in futuro * sia perch) alcuni difetti non sono assolutamente riscontra ili in un cucciolo pi+ giovane. c) spese relative all'iscrizione dei cuccioli ai li ri genealogici. 3 Si paga leffettiva bellezza (anche se sare e pi+ corretto dire la #promessa% di effettiva ellezza) del cucciolo. ,n allevamento serio non vi vender" mai a prezzo intero un cucciolo con dentatura imperfetta, o che porta male la coda: ma produrlo, allevarlo e mantenerlo gli - costato tanto come gli altri. &uindi, in generale, la spesa che sosterrete per il cucciolo DOC comprende (in parte) anche i #rischi di allevamento% consistenti in cuccioli imperfetti che un allevatore serio non pu. e non vuole vendere (i cagnari s/0), ma che di solito d" in affidamento a titolo gratuito o con un forte sconto. 1cco i motivi per cui l'allevatore serio, coscienzioso, che fa selezione e d" certe garanzie non potr" 234 tenere gli stessi prezzi di chi produce cuccioli #a caso%, e tantomeno di chi compra e rivende cani dal prezzo di ase assissimo, come i cuccioli che provengono dai #canifici% dell'1st. I C !"I #$% &#% #$%

5artiamo dal fatto che io a ia tre cani in et" da riproduzione: anche se di solito un allevatore 6O6 ha solo tre cani, perch) ci sono anche i giovani (che ancora non portano alcun vantaggio economico) e soprattutto i #pensionati%, ovvero i vecchietti che non riproducono pi+.

Che vuoi farne7 8uttarli in mezzo a una strada7 4o non ci penso proprio, perch) sono un allevatore che ama i propri cani. &uindi me li tengo, e loro mangiano proprio come gli altri (e mi costano pi+ degli altri in spese veterinarie, perch) i vecchietti !ualche acciacchino ce l'hanno sempre). Comun!ue, per semplificare le cose diciamo che ho solo tre cani da riproduzione, e uttiamo gi+ due cifre: 9 * i cani non mi sono piovuti dal cielo: li ho ac!uistati. 4l prezzo di un cane adulto parte dai 9:;; euro e arriva<alle stelle. =e li avessi ac!uistati cuccioli li avrei pagati circa 9;;; euro l'uno, ma li avrei anche dovuti mantenere per almeno due anni, e la spesa pi+ o meno si e!uivarre e. > * certamente non uso un cane in riproduzione se prima non ho fatto le lastre per la displasia e il controllo delle altre malattie genetiche. 4 controlli variano da razza a razza, ma diciamo che la media - di due controlli (displasia anca e gomito, oppure displasia e malattie oculari, o ancora displasia ed ecodoppler). 2inimo sono :;; euro a cane. ? * i cani mangiano, vero7 Diciamo che uso un mangime da ?:@A; euro al sacco7 (non - vero, !uello che uso in realt" ne costa :;, ma diciamo che sono un allevatore un po' meno fissato e che ne uso uno pi+ economico). ,n sacco da !uindici chili, con tre cani, mi dura venti giorni. Fanno circa B;; euro all'anno. A * 4 miei tre cani avranno almeno un pro lemino di salute all'anno (magari fosse solo uno0)7 Tre visite veterinarie, anche con un dottore che lavora !uasi a prezzo di costo, sono 9:; euro all'anno. : * 4 vaccini glieli vogliamo fare, s/7 B: euro ogni anno. C * Da prevenzione contro la filaria la facciamo7 1 il collare per prevenire le punture di fle otomi, contro la leishmaniosi, glielo vogliamo mettere7 A: euro i collari, C; euro la prevenzione antifilaria (ogni anno). B@ che i miei cani sono elli e tipici, e che saranno in grado di riprodurre cuccioli elli e tipici, non posso raccontartelo e asta: te lo devo dimostrare. &uindi li porter. in esposizione. =e sono proprio #tirato% girer. solo in 4talia, ma se ci tengo a mostrare il valore dei miei cani andr. anche all'estero. 3llora: circa :; euro per ogni iscrizione, spese di viaggi, soggiorni, tempo perso eccetera<non !uantifica ili. =marronamento, ancor meno !uantifica ile. E * se la mia razza - sottoposta a prova di lavoro, per iscrivere il cane in classe Davoro (l'unica in cui potr. avere il C3C) devo prendere come minimo un C3D. =e voglio fare un campionato italiano o sociale, in molte razze, mi serve almeno un revetto di lavoro (in altre me ne servono tre). Ti do solo un'idea generale: fare un primo revetto costa intorno ai >;;; euro (ovviamente a cane). F * 4 miei cani sono miei amici, non #oggetti% da cui spremere cuccioli. &uindi mettiamo pure in conto (visto che glieli compro) giochi, randine, cappottini (se la razza ne ha isogno), ossetti, giochetti eccetera. 6on !uantifico perch) c'- troppa elasticit", ma anche !ueste cose costano. =ono un allevatore proprio freddo e cinico, e non compro neanche un giochino ai miei cani7 8e', almeno due ciotole ciascuno gliele vogliamo dare, o pensi che utti mangime e ac!ua per terra7 ,na ciotola in acciaio inoG costa circa 9:@>; euro a seconda della misura. 2oltiplica per sei. &uelle di plastica costano meno7 Certo, ma ogni due mesi le devo ricomprare tutte e sei perch) i cani le hanno rosicchiate<!uindi lasciamo perdere, - meglio. 1 adesso<voil", siamo pronti per far accoppiare i cani. 4 miei cani, se sono solo tre, saranno ovviamente tre femmine: che me ne farei di un maschio in un allevamento cos/ ristretto7

&uindi: 9; * uno striscio alla cagna lo vogliamo fare, giusto per sapere !uand'- il giorno giusto e non fare un viaggio a vuoto7 :; euro 99 * il viaggio non !uantifichiamolo, perch) posso essere cos/ fortunato da trovare un maschio come voglio io a poca distanza da casa<ma pi+ spesso (e in certe razze - la norma) devo andarmelo a cercare all'estero. Ci perdo anche minimo una giornata, a volte due. 9> * la monta me la devo pagare: non - che un maschio titolato e famoso copra per i egli occhi della mia cagna. 2inimo 9:;; euro. 9? * sar" rimasta incinta la mia cagnina7 1cografia, minimo E; euro. 9A * !uanti cuccioli avr"7 2i serve saperlo, per avere un'idea delle prenotazioni che posso prendere. Hadiografia, altri E; euro. 9: * una femmina gravida, almeno il secondo mese, mica pu. mangiare la stessa ro etta da !uattro soldi che ho deciso di dare agli altri. 3lmeno in !uesto periodo (e per altri due mesi di lattazione) passo a un mangime da C;@B; euro al sacco: e poi aggiungiamo integratori, vitamine, calcio ecc. 9C * arriviamo al momento del parto: tu ti fideresti a lasciar fare tutto alla cagna7 4o no. 5resenza del veterinario in allevamento, minimo :; euro. 4n alcune razze il cesareo - la norma, in altre no, ma pu. sempre capitare che !ualcosa vada storto e che vi si de a ricorrere. =e capita, almeno >;; euro (sempre con il nostro veterinario che lavora sottocosto, eh7) 9B * 1vviva, sono nati : cuccioli0 Ora isogna: a) sverminarli almeno tre volte, circa :; euro ) vaccinarli, >: euro G cin!ue c) iscriverli all'16C4, cca E; euro d) microchipparli, cca >:; euro 6el frattempo alla mamma devo fare l'ossitocina post partum e cominciare a integrare la sua alimentazione pi+ di !uanto era incinta, perch) l'allattamento la #consuma% en di pi+. 9E * Ierso i ?;@?: giorni dovr. cominciare ad aiutare la mamma, dando ai cuccioli il latte in polvere, poi i primi omogeneizzati, poi le pappe da svezzamento. ,na scatoletta di latte in polvere (,63 poppata) costa circa > euro. =ai !uante volte mangeranno !uesti cuccioli prima di essere consegnati ai nuovi proprietari7 6on farmi fare il conto, che mi sento male. 9F * - estate, per caso7 3hi, ci saranno pulci e zecche. 5rotezione per tutti, mamma compresa (e comprese le altre due cagne, poverine): circa 9:; euro per ogni mese estivo. >; * alla mamma (che nel frattempo - stata sverminata, ha continuato a mangiare ci o altamente proteico e altamente costoso e si - presa tutti i suoi ravi integratori), ha un pro lemino: non le va via il latte. &ui mi sveno di rutto con il Jalastop che costa >? euro al otticino da 9: ml (devo darne un ml ogni 9; Kg di peso del cane al giorno: pensa che ello, se allevo alani o mastini napoletani ). >9 * nel frattempo i cuccioli sono svezzati e mangiano come cavallette (mangime pupp$, il pi+ caro del mondo, superproteico: ma vogliamo che crescano ene, s/ o no7). Lo gi" la coda alla porta di clienti in attesa7 8ene, dovr. mantenerli solo per due mesi (se li consegnassi prima 6O6 sarei un allevatore serio). Non ho la coda alla porta7 1 allora pu. succedere che uno o pi+ cuccioli mi restino in allevamento fino a !uattro, cin!ue mesi<o magari per tutta la vita, perch) non sta scritto da nessuna parte che io trovi !ualcuno disposto ad adottare un cane gi" grandicello.

# 'uesto ( 'uanto succede se fila tutto liscio o 'uasi )il tutto*tutto liscio ( talmente raro c+e non mi sembra neanc+e il caso di considerarlo,. 5er. possono andare storte 2ODT4==421 pi+ cose di !uelle che ho descritto. 1sempio di cosa storta@ma@non@troppo: un'infestazione di coccidi. ,na compressa di medicinale specifico ogni A Kg di cucciolo per : cuccioli, tutti i giorni. Da scatola costa 9; euro e dura due giorni. 1sempio di cosa pi+ storta ancora: due di !uesti : cuccioli sono maschi, ma a uno dei due non scende un testicolo. Devo cederlo in cam io delle sole spese sostenute, perch) un allevatore serio non vende cani monorchidi. 2a il dramma - che adesso so di avere almeno un riproduttore che porta criptorchidismo: cercher. di sta ilire se si tratta del padre o della madre, e una volta identificatolo dovr. toglierlo dalla riproduzione. =e - la femmina, ovvero la mia cagna, ovviamente me la tengo: - mia e le voglio ene. &uindi passer" il resto della sua vita a giocare, dormire<.e mangiare, senza pi+ fruttarmi un euro. 1sempio di cosa stortissima: i cuccioli muoiono tutti. 5u. succedere, sai7 8asta un'infezione virale contro cui - !uasi impossi ile difendersi. Concludendo<che dici, sono davvero cos/ tanti 9;;; euro per un cucciolo

CONSIGLI ALIMENTARI
Somministrazione della dieta nel Cane Corso Quando i cuccioli di Cane Corso vengono staccati dalla madre, i pasti giornalieri diventano 4 con il Puppy Large fino al raggiungimento del 50% del peso da adulto, per poi passare a 2 pasti con lAdult Large fino ai anni, e dopo opteremo per il !ature Large" MANGIMI COMPLEMENTARI !iscele c#e presentano alti contenuti di alcune sostan$e %per esempio proteine, minerali, ecc"""&, ma c#e devono essere associate ad altri alimenti per soddisfare le esigen$e nutritive del cane" La 'ualit( di un mangime si vede dalle materie prime impiegate, dai trattamenti tecnologici su)iti e dalla forma di presenta$ione %fioccato, estruso, espanso, soffiato, )iscotto, ecc"""&nonc#* dalla conserva$ione" +ull,etic#etta sono indicate la data di fa))rica$ione e di scaden$a, le istru$ioni per l,uso oltre ai componenti, c#e devono essere elencati in ordine decrescente di 'uantit( o in percentuale sul contenuto" -evono anc#e essere riportati i dati analitici c#e ci informano sui contenuti dei principi nutritivi presenti %ac'ua, proteina greggia, grassi greggi, cellulosa greggia, ceneri&" .noltre viene anc#e indicata la 'uantit( di vitamine e minerali da integrare per ogni /g di mangime" . mangimi gi( pronti permettono di dare al cane il giusto 'uantitativo di proteine ed energia, con un integra$ione vitaminica e minerale completa e non in eccesso o in difetto come spesso succede nella prepara$ione casalinga delle ra$ioni" .l contenuto analitico di un )uon mangime composto integrato completo per cani adulti deve avere0 1" umidit( massima 12% 2" protidi gre$$i 22325% 2" lipidi gre$$i 434%" CARNE: Pu5 essere di )ovino, di pollo o altro" 6li si pu5 dare cruda o scottata a seconda della 'ualit(7 'uella di suino deve essere sempre cotta" .l contenuto proteico e 'uello energetico variano a seconda della percentuale di ossa e di grasso presente" La digeri)ilit( e il valore )iologico sono tanto pi8 alti 'uanto maggiore 9 la 'uantit( di muscolo contenuta e diminuiscono 'uando c,9 un,alta presen$a di tendini, cartilagini e collagene in genere" . cani riescono a digerire anc#e carne in corso di putrefa$ione gra$ie ai numerosissimi succ#i gastrici c#e sono in grado di produrre" FRATTAGLIE: +ono formate da viscere 'uali cuore, fegato, trippa, mil$a,ecc""" +ono ottimi alimenti specie per i cuccioli e i cani in crescita" :, )uona norma servirli dopo una )reve cottura" PESCE: :, pi8 gustoso se cotto" :, un,ottima fonte di proteine )en digeri)ili e di alto valore )iologico" :, anc#e ricco di sali minerali e di vitamine" :, soprattutto consigliato ai cani in crescita" UOVA: +ono ottimi alimenti, ricc#i di proteine a elevato valore )iologico, di grassi e di vitamine" +ono particolarmente consigliate per i cuccioli, i riproduttori e durante la latta$ione" Possono sostituire par$ialmente la carne e il pesce ed essere somministrate crude"

LATTE: :, un ottimo alimento perc#9 apporta proteine di elevato valore )iologico, grassi, vitamine minerali" :, uno dei principali alimenti del cucciolo7 alcuni soggetti adulti non lo digeriscono )ene per mancan$a di un en$ima specifico c#iamato lattasi" LARDO GRASSI E OLI VEGETALI: ;ttime fonti caloric#e, molto )en appetite dai cani, c#e tendono a mangiarne pi8 del necessario" +ono utili ai cani c#e lavorano e compiono sfor$i fisici":, consiglia)ile aggiungere alla ra$ione un poco d,olio di oliva o di semi" RISO E PASTA: +ono tra le principali fonti energetic#e perc#* ricc#i di amido7per essere digeriti devono essere )en cotte" PANE SECCO: ;ttima fonte energetica )en voluta dal cane" -eve essere )en secco e deve essere lasciato all,aria" <on deve essere ammuffito, altrimenti potre))e anc#e essere nocivo per il cane" FIOCC!I DI CEREALI E RISO SOFFIATO: +ono )uonissime fonti energetic#e c#e possono sostituire il riso, la pasta e il pane"Per essere )en digerite dal cane devono su)ire un accurato trattamento preventivo" +ono alimenti voluminosi, 'uindi nella por$ione )isogna tener conto del peso e non del volume" VERDURA E FRUTTA: =anno un apporto nutritivo molto )asso, ma il loro contenuto in fi)ra gre$$a risulta molto utile per i cani c#e soffrono di stitic#e$$a e c#e vivono una vita sedentaria" Possono essere sostituite da 'ualc#e cucc#iaio di crusca" NATURALMENTE L"AC#UA NON DEVE MAI MANCARE$$$$$ CONSIGLI UTILI : .ntegrare nella dieta del cucciolo C;<->;6:< ?L cicli di 20 giorni con pausa di @0giorni +upporto nutri$ionale per la prote$ione e il rinfor$o delle articola$ioni dei cani in crescita" Lutili$$o costante di Condrogen pu5 contri)uire a ridurre il risc#io di insorgen$a dellartrosi nei cuccioli predisposti %es" ra$$a, peso, attivit(& o affetti da malattie ortopedic#e fonte di artrosi %es" displasie articolari, osteocondrosi&"

STANDARD CANE CORSO

Classificazione FCI: Gruppo 2: cani tipo Pinscher e Schnauzer Molossoidi e Cani Bovari Svizzeri; sezione 2: Molossoidi; senza prova di lavoro Brevi cenni storici: E' discendente diretto del "canis pugnax" !olosso" ro!ano del #uale rappresenta la versione leggera i!piegata per la caccia alla grossa selvaggina e #uale ausiliare $ellico% Per secoli & stato prezioso co!pagno delle genti italiche che lo hanno utilizzato per la guardia della propriet' e del $estia!e( per la caccia e per la di)esa personale% *i))uso un te!po in tutta la Penisola( co!e una vasta iconogra)ia e storiogra)ia testi!oniano( ha trovato un'otti!a isola di conservazione in Puglia( +ucania e Sannio% *eve il suo no!e al latino "Cohors" che signi)ica guardia( protettore%

Aspetto generale del cane: Cane di !ole !edio,grande( )orte!ente costruito !a elegante( con !uscoli potenti e lunghi( !olto distinto( espri!e )orza( agilit' e resistenza% +a con)or!azione generale & #uella di un !eso!or)o il cui tronco & piu lungo dell'altezza al garrese; ar!onico rispetto al )or!ato etero!etria" e disar!onico rispetto al pro)ili alloidis!o"% Comportamento e carattere: -ntelligente( energico ed e#uili$rato( & ineguaglia$ile cane da guardia e da di)esa% *ocile ed a))ettuoso col padrone( a!ante dei $a!$ini e della )a!iglia( diviene se necessario di)ensore terri$ile e coraggioso delle persone( della casa e della corte% E' )acil!ente addestra$ile%

Proporzioni importanti: +a lunghezza del tronco supera l'altezza al garrese dell'../ circa% +a lunghezza totale della testa raggiunge i 0(12.3 dell'altezza al garrese% +a lunghezza del !uso corrisponde ai 0(42.3 della lunghezza totale della testa% +'altezza del torace e di 52.3 dell'altezza al garrese e corrisponde all'altezza dell'arto al go!ito%

Testa: Brachice)ala% +a sua lunghezza totale raggiunge i 0(12.3 dell'altezza al garrese% +a larghezza $izigo!atica( pari alla lunghezza del cranio( & superiore alla !et' della lunghezza totale della testa( raggiungendo i 1(12.3 di tale lunghezza% Gli assi longitudinali del cranio e del !uso sono tra loro legger!ente convergenti% -l peri!etro della testa( !isurato agli zigo!i( & anche nelle )e!!ine pi6 del doppio della lunghezza totale della testa% +a testa & !oderata!ente scolpita con arcate zigo!atiche protese all'esterno% Pelle consistente !a piuttosto aderente ai tessuti sottostanti( liscia ed a$$astanza tesa%

Regione cranica

Cranio: +argo e lieve!ente arcuato visto di )ronte( in pro)ilo disegna una curva irregolare che( accentuata nella sottoregione )rontale( si appiattisce a$oral!ente lungo la cresta saggitale esterna% +a sua larghezza & pari alla lunghezza e corrisponde ai 1(12.3 della lunghezza totale della testa% 7isto dall'alto & di )or!a #uadrata per la protrusione all'esterno delle arcate zigo!atiche e per l'insie!e delle potenti )asce !uscolari che lo )asciano% +e $ozze )rontali sono $en sviluppate e sporgenti in avanti(la )ossa )rontale & pro)onda e il solco !ediano e visi$ile% Cresta sopraoccipitale non troppo evidenziata% 8osse sopraor$itali conche" !arcate !a legger!ente Stop: !olto !arcato per le $ozze )rontali !olto sviluppate e sporgenti in avanti e per gli archi sopraciliari rilevati%

Regione facciale

Tartufo: Sulla stessa linea della canna nasale% 7isto di pro)ilo non deve sporgere sul !argine verticale anteriore delle la$$ra !a trovarsi( con la sua )accia anteriore( sul !edesi!o piano verticale della )accia anteriore del !uso% *eve essere volu!inoso( piuttosto piatto superior!ente( con narici a!pie( aperte e !o$ili% +a pig!entazione & nera% Muso: Molto largo e pro)ondo% +a larghezza del !uso deve pressoch&( eguagliare la sua lunghezza che raggiunge i 0(42.3 della lunghezza totale della testa% +a sua pro)ondit' supera del 53/ la lunghezza del !uso% -l parallelis!o delle )acce laterali del !uso e la ripienezza e larghezza del corpo della !andi$ola )anno si che la )accia anteriore del !uso sia #uadrata e piatta% +a canna nasale & rettilinea e piuttosto piatta% -l pro)ilo in)eriore,laterale del !uso & dato dalle la$$ra superiori% +a regione sottor$itale !ostra un lievissi!o cesello%

La ra: Piuttosto consistenti% +e la$$ra superiori( viste di )ronte( deter!inano alla loro disgiunzione una "9" rovesciata e( viste di lato( si presentano !oderata!ente pendenti% Co!!essura !oderata!ente evidente e che rappresenta se!pre il punto piu $asso del pro)ilo laterale in)eriore del !uso% -l pig!ento & nero% Mascelle: Molto larghe( ro$uste e spesse con lievissi!o raccorcia!ento della !ascella superiore e conseguente leggero prognatis!o% +e $ranche della !andi$ola( !olto )orti( sono in pro)ilo piuttosto ricurve% -l corpo della !andi$ola( $en accentuato in avanti( $ene evidenzia il !ento !arcato% Gli incisivi sono i!piantati in linea retta% Guance: :egione !asseterina piena ed evidente !a non ipertro)ica% !enti: Bianchi( grandi( co!pleti per sviluppo e nu!ero% Gli incisivi in)eriori sovrastano legger!ente circa .22 c!" i loro corrispondenti dell'arcata superiore( perci; ne deriva una chiusura legger!ente prognata% "cc#i: *i !edia grandezza rispetto alla !ole del cane( in posizione su$,)rontale( $en distanziati tra loro% :i!a palpe$rale ovaleggiante( $ul$i oculari legger!ente a))ioranti palpe$re aderenti con !argini pig!entati di nero% Gli occhi non devono lasciare scorgere la sclera% <ittitante )orte!ente pig!entata% -ride #uanto pi6 possi$ile scura in relazione al colore del !antello% Sguardo intelligente e vigile% "recc#i: *i !edia grandezza in rapporto al volu!e della testa e alla !ole del cane( ricoperti di pelo raso( di )or!a triangolare( con apice piuttosto appuntito e cartilagine spessa( inseriti alti( cio& !olto al di sopra dell'arcata zigo!atica( larghi alla $ase( pendenti( aderenti alle guance senza raggiungere la gola% Sporgenti al#uanto all'esterno e lieve!ente rilevati nel loro punto di attacco( vengono portati se!iretti #uando il cane & attento% 7engono a$itual!ente a!putate a )or!a di triangolo e#uilatero% Collo Profilo superiore: +egger!ente convessilineo% +unghezza: Circa 0(12.3 dell'altezza al garrese e cio& pari alla lunghezza totale della testa% Forma: *i sezione ovale( )orte( !olto !uscoloso( con distacco della nuca !arcato% -l peri!etro a !et' lunghezza del collo & circa =2.3 dell'altezza al garrese% >r!oniosa!ente )uso con garrese( spalle e petto il collo ha la sua direzione ideale a 45 gradi rispetto al suolo ed ad angolo pressoch& retto con la spalla% Pelle: -l !argine in)eriore del collo & pratica!ente privo di giogaia% Tronco: Co!patto( ro$usto e !uscolosissi!o% +a sua lunghezza supera l'altezza al garrese dell'../( con una tolleranza di ? .% +inea superiore: :egione dorsale rettilinea con lieve convessit' lo!$are%

$arrese: Si eleva netta!ente sul piano dorsale e supera il livello della groppa% E' alto(lungo( largo e asciutto e si )onde ar!oniosa!ente col collo e col dorso% !orso: -l dorso & a!pio( !uscoloso( co!e tutta la linea superiore del tronco( lieve!ente ra!pante dall'indietro in avanti e a pro)ilo rigorosa!ente retto% +a sua lunghezza raggiunge il 02/ dell'altezza al garrese% Lom i: +a regione lo!$are & corta( larga( $en raccordata con dorso e groppa( !olto !uscolosa( solidissi!a e ha pro)ilo legger!ente convesso% +a sua lunghezza% *i pochissi!o superiore alla larghezza% corrisponde al 23/ dell'altezza al garrese% $roppa: lunga( larga(al#uanto rotondeggiante per il grande sviluppo delle !asse !uscolari% +a sua lunghezza( !isurata dalla punta dell'anca alla punta della natica( corrisponde al 02/ dell'altezza al garrese% +a sua larghezza !edia al 20/ della altezza al garrese% +a sua inclinazione sull'orizzontale secondo la linea ileo,ischiatica & di 2=@03 gradi e dalla punta dell'anca all'inserzione della coda di .5@.1 gradi% :isulta perci; lieve!ente inclinata% Petto: +argo( $en disceso e aperto( con !uscoli pettorali !olto sviluppati% +a sua larghezza( in stretto rapporto con l'a!piezza del torace( raggiunge il 05/ dell'altezza al garrese% -l !anu$rio dello sterno si trova allo stesso livello della punta delle spalle% *i pro)ilo il petto & $en proteso in avanti )ino agli arti anteriori e legger!ente convesso% Torace: Ben sviluppato nelle tre di!ensioni con coste lunghe( o$li#ue( larghe e a$$astanza $en cerchiate con spazi intercostali estesi% +e 4 )alse coste sono lunghe o$li#ue e aperte( il torace & $en disceso al go!ito e la sua altezza corrisponde alla !et' dell'altezza al garrese% +a sua larghezza( !isurata a !et' della sua altezza( corrisponde al 05/ dell'altezza al garrese e decresce legger!ente verso la regione sternale senza )or!are carena% +a sua pro)ondit' dia!etro sagittale" corrisponde al 55/ dell'altezza al garrese% -l suo peri!etro supera del 05/ l'altezza al garrese% Profilo inferiore: -l tratto sternale si presenta asciutto( lungo( largo e di pro)ilo disegna un se!icerchio a raggio !olto largo che gradual!ente ri!onta in !odo dolce all'addo!e% -l tratto ventrale non & n& retratto n& rilassato e il suo pro)ilo ri!onta dal $ordo sternale all'inguine in dolce curva% +'incavo del )ianco & poco pronunciato% Coda: -nserita piuttosto alta sulla linea della groppa( grossa alla radice e relativa!ente a))usolata alla punta( se stesa raggiunge e sovrasta di poco il garretto% Portata $assa in riposo( orizzontale o poco pi6 alta del dorso in azione( non deve essere !ai incurvata ad anello o alzata a candela% 7iene a!putata alla #uarta verte$ra%

Arti Arti anteriori: appio!$i regolari sia osservati di pro)ilo che di )ronte% +'altezza degli arti anteriori al go!ito & il 53/ dell'altezza al garrese% Ben proporzionati al )or!ato del cane( )orti e ro$usti%

Spalla: +unga( o$li#ua( )orte( )ornita di !uscoli lunghi( potenti( $en divisi e netti( & aderente al torace !a li$era nei !ovi!enti% +a sua lunghezza( dalla so!!it' del garrese alla punta della spalla( corrisponde al 03/ dell'altezza al garrese e la sua inclinazione sull'orizzontale oscilla attorno a 4=@53 gradi% :ispetto al piano !ediano del corpo le punte delle scapole sono legger!ente scartate )ra loro% Braccio: -l $raccio( legger!ente pi6 lungo della spalla( )orte% con otti!o sviluppo osseo e !uscolare( $en saldato al tronco nei suoi due terzi superiori( !isurato dalla punta della spalla alla punta del go!ito( ha una lunghezza corrispondente al 0.@02/( dell"altezza al garrese e un'inclinazione con l'orizzontale di circa 5=@13 gradi% +a sua direzione longitudinale & parallela al piano !ediano del corpo% +'angolo scapolo!erale oscilla )ra .31 e ..3 gradi% $omiti: - go!iti( lunghi( !olto pro!inenti% $en aderenti !a non serrati alle pareti del costato( coperti di pelle asciutta( devono( co!e gli o!eri( trovarsi su un piano rigorosa!ente parallelo a #uello sagittale del tronco% +a punta del go!ito epi)isi olecranica" & situata sulla verticale a$$assata dall'angolo caudale o posteriore" della scapola al suolo% Avam raccio: +'ava!$raccio e per)etta!ente verticale( a sezione ovale( $en !uscoloso in particolare nel terzo superiore( con ossatura !olto )orte e co!patta% +a sua lunghezza( dalla punta del go!ito alla pri!a articolazione carpiana( & di pochissi!o superiore a #uella del $raccio e corrisponde al 02@00/ dell'altezza al garrese% Scanalatura carpo,cu$itale !olto !arcata% Carpo: -l carpo che( visto di )ronte( segue la linea retta verticale dell'ava!$raccio( & asciutto( largo( !o$ile( spesso% >l suo !argine posteriore l'osso pisi)or!e & )orte!ente proiettato all'indietro% Metacarpo: -l !etacarpo( di grossezza al#uanto in)eriore all'ava!$raccio( & !olto ro$usto( asciutto( elastico( legger!ente )lesso )or!a un angolo con il terreno di circa A5 gradi"( +a sua lunghezza deve per; superare un sesto dell'altezza dell'arto anteriore al go!ito% 7isto di )ronte segue la linea perpendicolare dell'ava!$raccio e del carpo% Piede: *i )or!a rotonda% con dita !olto arcuate e raccolte piede di gatto"% Suole asciutte e dure% 9nghie )orti( ricurve e pig!entate% Buona pig!entazione anche ai cuscinetti plantari e digitali% Arti posteriori: appio!$i regolari sia osservati di pro)ilo che di )ronte% Ben proporzionati al )or!ato del cane( )orti e potenti% Coscia: +a coscia lunga e larga( con !uscoli pro!inenti( per cui la punta delle natiche & $en evidenziata% +a sua lunghezza supera il 00/ dell'altezza al garrese e la larghezza non & !ai in)eriore al 25/ di tale altezza% +'asse del )e!ore( al#uanto o$li#uo dall'alto in $asso e dall'indietro in avanti ha un'inclinazione di A3 gradi sull'orizzontale e )or!a con l'asse del coxale un angolo poco pi6 che retto angolo coxo,)e!orale"% $am a: +a ga!$a & lunga asciutta con )orte ossatura e !uscolatura: la scanalatura ga!$ale & $en evidenziata% +a sua lunghezza corrisponde al 02/ dell'altezza al garrese e la sua inclinazione dall'alto in $asso e dall'avanti all'indietro & di circa 53 gradi sull'orizzontale%

$inocc#io: +'angolo )e!oro,rotuleo,ti$iale e di circa .23 gradi% +a sua direzione & parallela al piano !ediano del corpo% Garretto: +argo( spesso% asciutto( netto( con salienze ossee $en evidenziate% +a punta del garretto $en pronunciata !ostra chiara!ente la continuazione della scanalatura ga!$ale% la distanza dalla punta del garretto alla pianta del piede al suolo" non deve oltrepassare il 21/ dell'altezza al garrese% +a sua direzione( rispetto al piano !ediano del corpo( & parallela% +'angolo ti$io!etatarsico & di circa .43 gradi% Metatarso: *i )orte spessore( asciutto( piuttosto corto% cilindrico( e se!pre perpendicolare al suolo( sia in pro)ilo che posterior!ente% +a sua lunghezza corrisponde a circa il .5/ dell'altezza al garrese escluso tarso e piede"% +a sua )accia interna deve presentarsi priva di sperone% Piede: +egger!ente pi6 ovaleggiante dell'anteriore( ha )alangi !eno arcuate% Andature: Passo lungo( trotto allungato% tratti di galoppo !a con propensione al trotto allungato% Pelle: Piuttosto spessa( con li!itato connettivo sottocutaneo e perci; pratica!ente aderente agli strati sottostanti in ogni regione% -l collo & pressoch& esente da giogaia( la testa non deve presentare pieghe% -l pig!ento delle !ucose e delle sierose & nero% -l pig!ento delle suole e delle unghie deve essere

LA DISPLASIA ALLANCA
La displasia dellanca uno dei problemi che toccano pi da vicino i cani di media e grande taglia. Con questo termine si indica una patologia dell'articolazione coxo-femorale bacinotesta del femore!. "i tratta di una malformazione degli elementi che compongono larticolazione# per questo motivo la testa del femore tende a fuoriuscire dallacetabolo la cavit$ del bacino che deve contenerla! causando la lussazione dellanca. %nche se non si arriva mai alla vera e propria lussazione& col tempo l'articolazione va incontro a un progressivo deterioramento artrosi! che nei casi pi gravi pu' bloccarsi completamente. CAUSE %vrete sicuramente letto pi volte che la displasia dellanca una malattia (ereditaria& poligenica e multifattoriale)# vediamo di capire cosa significa. (*reditaria) vuol dire che la malattia viene trasmessa geneticamente alla prole da genitori cosiddetti (portatori)& che per' possono benissimo essere portatori sani# ovvero& possono nascere cani displasici anche da genitori che non manifestano alcun sintomo di displasia e che risultano esenti anche allindagine radiologica. +l fatto che una malattia sia (ereditaria) significa unaltra cosa importantissima# nessun cane potr$ mai (ammalarsi) di displasia per motivi esclusivamente ambientali& alimentari& traumatici e via dicendo. ,uesti motivi possono evidenziare e-o scatenare il problema& ma non possono crearlo. +n altre parole# un cucciolo non displasico geneticamente e quindi che non sia (nato) displasico! non potr$ mai diventarlo. %l contrario& un cucciolo geneticamente displasico pu' benissimo non ammalarsi mai. +l termine poligenica significa che nella trasmissione ereditaria della malattia coinvolto pi di un gene. .er chi non avesse neppure una minima infarinatura di genetica posso dire semplicemente che ogni parte del corpo animale umano compreso! viene costruita seguendo le istruzioni contenute nel /0%& che compone i cosiddetti (geni). * qui inserisco una metafora che ho letto tempo fa e che mi sembrata molto facile da capire# i geni possono essere paragonati alle (pagine) del manuale di istruzioni per lassemblaggio di un organismo animale. "e uninformazione contenuta in un solo gene& come se fosse scritta su una sola pagina# se invece (poligenica) come nel caso della displasia! le informazioni sono contenute in diverse pagine& non necessariamente successive& del manuale. %llo stato attuale degli studi in materia sono stati identificati (alcuni) dei geni coinvolti nella displasia dellanca& ma non tutti. * questo ancora non basta& perch1 a complicare le cose arriva la multifattorialit$ della malattia& ovvero la concomitanza di fattori genetici * ambientali.(2attore ambientale) una definizione estremamente vasta& perch1 comprende ogni fattore non genetico# quindi ci sta dentro3di tutto& dallalimentazione allesercizio fisico& dal peso al terreno su cui il cane si muove. *cco perch1 tanto difficile tenere sotto controllo la displasia& che pu' manifestarsi solo nei cani geneticamente colpiti ma ancora non conosciamo lesatto meccanismo di trasmissione!& ma che si evidenzia in modo completamente diverso anche nei fratelli di cucciolata& a causa dellinflusso dei fattori ambientali. Capita abbastanza spesso che due fratelli pieni rivelino gradi di displasia differenti gi$ in fase di radiografia preventiva& a sette-otto mesi di et$. PREVENZIONE /a quanto detto sopra appare evidente che non si pu' veramente parlare di (prevenzione) della displasia# infatti si (nasce)& non si (diventa) displasici. Lunica vera prevenzione sta nella selezione genetica& e quindi nella scelta dei riproduttori# ma come abbiamo gi$ detto& un riproduttore fenotipicamente esente non d$ garanzie assolute dal punto di vista genotipico. +n parole pi semplici# il (fenotipo) del cane la manifestazione (esterna) dei caratteri trasmessi per via genetica& quindi ci' che (si vede) ad occhio nudo oppure con indagini mediche come radiografie& ecografie ecc. +l (genotipo) invece linsieme dei caratteri insiti nei geni& appunto& che rimangono nascosti alla vista e alle indagini mediche. 4n cane (fenotipicamente esente) da displasia non soltanto un cane che non zoppica# anche quello le cui lastre dichiarano (5/6)& ossia la diagnosi che fa saltare di gioia tutti i proprietari di cani. .urtroppo (5/6)& ovvero cane (normal)& dimostra solo che le anche del cane sono esenti da displasia# non dimostra affatto che ne siano altrettanto esenti i suoi geni .erch1& allora& si continua a raccomandare di usare in riproduzione solo i cani esenti7

Soprattutto per due motivi: a) perch1 un cane fenotipicamente esente in teoria non dovrebbe portare (troppi) geni preposti alla manifestazione della displasia. +n realt$ solo unipotesi& visto che non sappiamo ancora (quali) siano questi geni& e che quindi non siamo certamente in grado di contarli# ma la logica ci spinge a supporre che un cane (pieno) di geni che spingano verso la manifestazione fenotipica3non potrebbe (disobbedire) alle sue (istruzioni di assemblaggio)& e quindi sarebbe displasico8 b) perch1 i cani in cui la displasia rilevabile& anche solo con lindagine radiografica& hanno sicuramente un corredo genetico portatore di questa malattia# quindi metterli in riproduzione significa diffondere sicuramente il problema. +nsomma& la faccia pi importante della medaglia non quella di (usare i cani esenti)& ma quella di (non usare i cani displasici)# alla fine la medaglia sempre quella& ma guardandola dal lato giusto la comprensione pi immediata. .urtroppo resta il fatto che non ancora possibile affermare con certezza# (questo cane geneticamente esente da displasia). ,uesto il motivo per cui il problema non stato ancora risolto in modo drastico attraverso la selezione dei riproduttori# ed anche il motivo che ci spinge a considerare (esenti) cani che in realt$ non lo sono& e cio i famigerati (ancora ammessi) 5/9!& ma anche i (quasi normali) 5/:!& in cui il (quasi) tutto un programma. Che signi i!a "#uasi norma$e%& ;oltando& come al solito& la medaglia3significa anche (quasi anormale)< +n realt$ questa non una certezza& solo un sospetto# e significa che le anche del cane probabilmente resteranno in ottima forma per tutta la sua vita3 ma che non siamo disposti a scommettere sui suoi geni. ,uanto agli (ancora ammessi)& questi soggetti manifestano un leggero grado di displasia e quindi sono dichiaratamente portatori dal punto di vista genetico. Per!h' $i usiamo ugua$mente in riprodu(ione% "emplicemente perch1 i (quasi normali) e gli (ancora ammessi) rappresentano unimmensa fetta di patrimonio zootecnico# e sarebbe improponibile& nella selezione di una razza& sprecarlo solo per una leggera pecca nel corredo genetico. 2orse varrebbe la pena di escluderli dalla riproduzione se cos= facendo si fosse assolutamente sicuri di cancellare la displasia dalla faccia della terra# ma il punto che non potremo mai essere completamente sicuri& finch1 non saremo riusciti ad analizzare uno ad uno i geni colpevoli. >antenere in riproduzione solo i soggetti 5/6 significherebbe solo (aspettare) di vedere quali e quanti dei loro figli& nipoti e pronipoti manifesterebbero comunque una forma pi o meno grave di displasia# a questo punto elimineremmo anche quelli3e poi ricominceremmo daccapo con una nuova serie di (esenti virtuali). %lla fine& forse& arriveremmo a un (lieto fine) in cui sono rimasti solo cani davvero esenti al cento per cento dal punto di vista genetico# ma quanti sarebbero7 >ille7 Cento7 ? forse dieci7 0on ha alcun senso& ovviamente& distruggere una razza per eliminare una malattia quando poi ne restano molte altre<!# molto pi logico continuare ad escludere dalla riproduzione solo i casi pi gravi& in cui probabile che la displasia procuri problemi (reali). )A**ORI A+,IEN*A-I SCA*ENAN*I @li influssi ambientali sono decisamente rilevanti nel manifestarsi della sintomatologia& e possono variarne in modo decisivo il grado di gravit$. *ra i attori ambienta$i si!uramente "!o$pevo$i& !i sono: a) accrescimento troppo rapido8 b) eccesso di peso8 !) traumi o cadute nei primi mesi di vita. *ra $e !ause "sospette& di in!rementare i$ ris!hio !i sono: a) lesercizio fisico# i cuccioli che possono muoversi e camminare sui prati nei primi mesi di vita sembrano meno soggetti a manifestare la malattia8 b) le superfici su cui vengono tenuti i cuccioli# quelle molto dure e lisce& come il cemento o le piastrelle& sono imputate anche se non si ancora dimostrato il loro vero legame con la displasia8 !) tipo di dieta# anche se siamo ancora nel campo delle ipotesi& pare che un basso tenore di sodio e potassio& unito a un alto tenore di cloro& aiutino la solidit$ dei legamenti e viceversa& ovviamente!. * probabile che questi elementi siano in grado di influenzare il p5 del liquido sinoviale& cio il liquido che ha la funzione di AlubrificareA le giunture dei legamenti. ESA+E E C-ASSI)ICAZIONE La displasia dellanca diagnosticabile solo attraverso una radiografia in proiezione ventro-dorsale& con rotazione dei femori all'interno per ottenere parallelismo tra loro. La radiografia& che devessere eseguita in anestesia generale& consente di determinare la forma dell'acetabolo& il contorno della testa del femore& la presenza di artropatie degenerative /B/!& la congruenza articolare e-o le relative lussazioni o sublussazioni. La classificazione 2C+ metodo Crass! considera come parametri la testa del femore e lacetabolo# langolo con cui vengono a contatto le due superfici viene definito (angolo di 0orberg).

A se!onda de$$e possibi$i a$tera(ioni si distinguono !in#ue gradi di ./: A0 ./1 : NOR+A-E non vi sono alterazioni n1 alla testa del femore n1 all'acetabolo& l'articolazione appareintegra e l'angolo di 0orberg uguale o superiore a :6DE ,0./2: 3UASI NOR+A-E testa del femore ed acetabolo sono congruenti& ma l'angolo di 0orberg fra :66E e :6DE . Lo stesso risultato si ha nel caso opposto& ovvero con angolo uguale a :6DE ma poca congruit$ articolare. ,uesta rilevazione corrisponde a un sospetto di displasia. C0./4: -E55ERA angolo di 0orberg compreso fra :66E e :6DE& poca congruit$ articolare e presenza di piccoli osteofiti. ,uesto il grado che viene dichiarato (ancora ammesso) per la riproduzione& anche se il cane in realt$ dichiaratamente displasico. /0./6 +E/IA La testa del femore e lacetabolo sono incongruenti& angolo di 0orberg e fra F6E e :66E e sono presenti sintomi osteoartrosici. E0./7: 5RAVE grave incongruenza articolare& angolo di 0orberg inferiore a FDE& gravi fenomeni osteoartrosici& e sublussazione o lussazione. + cani con 5/ G e H non sono considerati idonei alla riproduzione in nessun programma di allevamento che contempli lesame della displasia. ?ltre al metodo Crass& per la classificazione della displasia dellanca& esistono altri metodi utilizzati in nazioni diverse. *ERAPIE /i displasia non si (guarisce)& questo purtroppo un dato di fatto irrevocabile. .er fortuna& per'& esistono alcune possibilit$ terapeutiche che possono alleviare il dolore e migliorare la funzionalit$ dellanca del cane. La medicina tradizionale propone sostanzialmente due tipi di farmaci# corticosteroidi e antinfiammatori non steroidei. .urtroppo essi vanno bene solo per trattamenti di breve durata& visto che provocano una quantit$ di effetti collaterali sgraditi come del resto in medicina umana!. .ossono essere continuati pi a lungo& perch1 privi di effetti collaterali& i trattamenti trattamenti con integratori a base di precursori della cartilagine articolare condroitinsolfato& ad esempio! e quelli legati alle cosiddetta medicina (alternativa)# ho visto personalmente un caso grave migliorare vistosamente con la chiropratica e ho sentito parlare di buoni risultati ottenuti con lagopuntura e lomeopatia- .urtroppo non facilissimo trovare specialisti in grado di agire sugli animali& e le sedute sono tuttaltro che economiche. %ttualmente si stanno sperimentando altre terapie terapia del caldo& fisioterapia& ultrasuoni& mesoterapia& ionoforesi! che sembrano essere abbastanza efficaci. .er tutti i cani affetti da displasia indicato un leggero esercizio fisico& perch1 il tono muscolare aiuta la funzionalit$ delle giunture# particolarmente indicato il nuoto. /a evitare assolutamente& invece& lesercizio fisico troppo intenso& i salti& le lunghe rampe di scale. 0ei casi particolarmente gravi& comunque& lunica soluzione sta nellintervento chirurgico# esso non risolve il problema di base& ma allevia in modo sostanziale la sintomatologia& e se eseguito precocemente pu' riportare il cane a una vita praticamente normale. Iecentemente si tende ad intervenire molto precocemente anche nei casi lievi con risultati davvero sorprendenti# per la descrizione tecnica delle terapie chirurgiche cedo la parola al dottor Luigi Jappoli& medico veterinario di Cologna e direttore sanitario dell%mbulatorio ;eterinario 2elsina. *ECNIC.E /I RISO-UZIONE C.IRUR5ICA Lapproccio chirurgico ad un cane displasico& al di l$ dei presupposti di abilit$ e conoscenza del veterinario chiamato ad intervenire che sono comunque richiesti per qualunque intervento chirurgico& a partire dalla sterilizzazione!& comporta una serie di ragionamenti di diversa natura. +l primo di questi di ordine temporale& dal momento che questa patologia& a parit$ di lesioni radiologicamente dimostrabili& comporta per il cane un disagio funzionale ed una sintomatologia dolorifica estremamente variabili da individuo ad individuo. "e aggiungiamo che la diagnosi precoce non sempre possibile e qui le ragioni si sprecano& andando dalla effettiva scarsa dimostrabilit$ in alcuni soggetti giovani& fino ad arrivare alla carente informazione dei proprietari o addirittura del veterinario curante!& ci troviamo spesso di fronte alla domanda# converr$ intervenire subito7 +nutile dare risposte generali& quando lunica possibile ci viene dallosservazione e dalla valutazione del singolo caso3e& pi spesso di quanto si creda& risulta non essere nemmeno lunica& dipendendo anche dalle passate esperienze di chi chiamato ad operare. Come al solito& in una scienza che ha il difetto di non poter essere esatta& lunico metro di giudizio il parere di un professionista serio e capace. +l secondo problema da superare di natura economica. @li interventi possibili sono parecchi& basta sfogliare una delle tante riviste di ortopedia veterinaria per accorgersi che le alternative non mancano& ma quanti proprietari e soprattutto quanti allevatori! sono disposti a spendere qualche migliaio di euro per tentare di migliorare la vita del loro cane7 .er esperienza posso affermare che non sono tanti& anche se rimango convinto che lintroduzione di un servizio mutualistico dedicato agli animali da compagnia potrebbe cambiare di molto la situazione. Credo che per' lo scopo di queste righe sia e rimanga di natura

informativa& perci'& nellelencare e descrivere le principali tecniche chirurgiche applicabili alla displasia dellanca& tender' soprattutto ad evidenziare ci' che per il cane sarebbe meglio& lasciando per ultime le valutazioni di tipo economico. .ersonalmente tendo a dividere gli interventi di cui vi parler' in due gruppi# quelli dedicati a cani ancora in accrescimento e quindi volti a migliorare o comunque conservare la stabilit$ di unarticolazione non perfetta ma non ancora degenerata e quelli riservati agli animali adulti& nei quali si sono ormai manifestate le conseguenze della displasia& come le forme artrosiche e di errato rimodellamento osseo. A 8 Cani in a!!res!imento Pettineotomia: * un intervento molto semplice& che consiste nel taglio di un piccolo muscoletto che si trova sulla faccia interna della coscia e che pare implicato& nei soggetti displasici& in quel meccanismo che porta la testa del femore a distanziarsi dallacetabolo e quindi a diminuire la congruit$ dellarticolazione. ;iene eseguito in anestesia generale ed in passato veniva praticato su soggetti di tutte le et$& nonostante abbia dato risultati piuttosto limitati anche in cani in accrescimento. 5a il vantaggio di essere rapido e poco invasivo& non necessita di una 1quipe specializzata n1 di particolari strumenti e solitamente rappresenta il primo approccio in casi di displasia non grave e diagnosticata precocemente& anche per il limitato impegno economico che comporta. *rip$i!e osteotomia pe$vi!a: /ella serie (se la montagna non va da >aometto& >aometto va alla montagna)& ovvero# se la testa del femore tende a scivolare dal bordo dellacetabolo& anzich1 tentare di fissarla dove dovrebbe stare& noi giriamo il bacino e la testa del femore non va pi da nessuna parte. .u' essere praticato su cani di qualunque et$& ma trova le maggiori applicazioni su animali giovani. Consiste nel fratturare in tre punti ben precisi il bacino del cane& riposizionando il moncone centrale sul quale si trova lacetabolo! in modo da offrire alla testa del femore una maggiore (copertura) e quindi un migliore appoggio. +l bacino viene ricostruito con limpiego di speciali placche& viti e filo dacciaio ed i miglioramenti sono spesso notevoli& anche se il periodo di riabilitazione postoperatoria pu' essere piuttosto lungo ed il cane comincer$ a far suonare i metal detector quando vi accompagner$ in banca. * un intervento piuttosto complesso& da far eseguire ad un chirurgo capace ed esperto& dal momento che in caso di errori tecnici elevato il rischio di ritrovarsi con un animale completamente impossibilitato a muoversi. +l costo generalmente piuttosto elevato& non tanto perch1 lo siano lo strumentario ed i materiali impiegati& quanto perch1 in questo caso necessario rivolgersi ad abili specialisti3e la professionalit$ costa. Sin isiodesi pubi!a giovani$e: 4ltimo arrivato fra gli interventi dedicati a cani in accrescimento& ha da subito cominciato a riscuotere un notevole successo. @eniale nella sua semplicit$ di esecuzione& si pone come obiettivo quello di modificare linclinazione del bacino ancora in crescita& determinando la precoce chiusura di alcuni punti della sinfisi pubica tramite lutilizzo di un elettrobisturi& mentre il resto viene lasciato libero di crescere. +l risultato& se lintervento ha successo& quello di avere un acetabolo maggiormente (coprente) e quindi unarticolazione decisamente pi stabile. La tecnica operatoria ancora in fase di studio ed ha come unico problema quello di essere efficace soprattutto su cani fino ai cinque mesi di et$. "e il buongiorno si vede dal mattino& dovremo cominciare a verificare radiologicamente i cuccioli di quattro mesi& ma sembra che ne valga davvero la pena& tanto che gli sperimentatori americani& per cambiare! tengono a precisare che buona norma sterilizzare gli animali sottoposti a questo trattamento per evitare che da adulti vengano fatti accoppiare& credendoli (guariti). ;isto il carattere ancora sperimentale dellintervento non mi arrischier' a parlare di costi& anche se la sua intrinseca semplicit$ porta a pensare che non sarannoparticolarmente elevati. , 8 Cani adu$ti * necessaria una piccola premessa# riallacciandomi al discorso di tempi fatto allinizio& ci troviamo qui di fronte a casi di displasia ormai esistente ed evidente. +l problema risiede nel fatto che alcuni cani& a fronte di rilievi radiologici da far rizzare i capelli& manifestano una sintomatologia molto lieve od addirittura nulla& mentre altri& colpiti da forme displasiche radiologicamente meno evidenti& possono accusare dolori insostenibili. % fronte di casi simili& uno solo resta limperativo# eliminare il dolore& che la causa principale dellatrofia muscolare& perch1 lesito ed i tempi di recupero di qualunque intervento il chirurgo decider$ di eseguire saranno strettamente legati allentit$ della massa muscolare residua. *ettop$asti!a a!etabo$are Consiste nella ricostruzione manuale& con limpiego di particolari resine& della parte di acetabolo che risulta deficitaria nei cani displasici. * un intervento difficile& lungo& demolitivo nei confronti di quel poco di articolazione rimasta intatta e che spesso non d$ i risultati sperati. "e aggiungiamo che anche piuttosto costoso e che necessita di periodi di riabilitazione non propriamente brevi3il quadro completo. Protesi d9an!a 0e esistono di diversi tipi e materiali& ma tutte sono accomunate dalla notevole difficolt$ di impianto e quindi dalla necessit$ di una struttura& di unattrezzatura e di una 1quipe chirurgica assolutamente adeguate. Lintervento risolutivo& nel senso che restituisce al cane una funzionalit$ articolare pressoch1 ottimale& ma in caso di errori

esecutivi oppure di malaugurati casi di rigetto i problemi possono diventare addirittura irrisolvibili. .ur essendo una tecnica molto invasiva& se correttamente eseguita comporta tempi riabilitativi non particolarmente lunghi& mentre per quanto riguarda i costi resta& fra tutti gli interventi descritti& sicuramente il pi oneroso. Oste!tomia de$$a testa de$ emore Kanto bistrattato dai cultori della chirurgia protesica& questo intervento offre invece ottime probabilit$ di miglioramento in caso di displasia dellanca. Consiste nellasportazione totale della testa e del collo del femore ed importantissimo che venga eseguito al momento giusto& senza perci' attendere che il dolore possa determinare la totale atrofia dei muscoli& che a quel punto serviranno& assieme al tessuto fibroso che si former$ in seguito& a dare solidit$ ad unarticolazione che non esiste pi. + risultati& come detto& sono piuttosto soddisfacenti. +l dolore causato dallo sfregamento della testa del femore sullacetabolo viene eliminato e& seppur venga almeno inizialmente a mancare un po di stabilit$& nellarco di un paio di mesi la maggior parte degli animali operati riacquista un tenore di vita pi che soddisfacente& arrivando in molti casi a permettere unattivit$ fisica prima impensabile. Lesecuzione relativamente semplice e piuttosto veloce& di conseguenza i costi restano abbastanza contenuti.

D & D Cane Corso

La filaria nel cane


Come si trasmette? Quando una zanzara punge un cane infestato, insieme al sangue aspira anche alcune microfilarie, che in seguito pu iniettare ad un altro cane (o un altro animale) trasmettendogli la malattia. Le microfilarie, inoculate nei tessuti del nuovo ospite, iniziano a crescere e a spostarsi verso il cuore, dove vanno a localizzarsi dopo circa sei mesi, quando sono ormai diventate vermi adulti in grado di ricominciare il ciclo e produrre a loro volta altre microfilarie. Il numero di parassiti adulti che infestano il cuore e l arteria polmonare varia da soggetto a soggetto (da ! a "#) e sono state osservate anche infestazioni sostenute da $## parassiti adulti% Le filarie nel cane possono vivere "&' anni, se non provocano prima la morte dell ospite. Il contagio pu avvenire solo tramite la zanzara, e non ( possi)ile per semplice vicinanza tra due cani. Quali sono i sintomi della malattia? Le filarie possono causare gravi danni al cuore e ai vasi polmonari, provocando con il tempo insufficienza cardiaca e infine morte. Questa malattia si manifesta in modo particolarmente su)dolo* all inizio dell infezione, anche se nel cuore sono presenti le filarie, ( difficile vederne i segni clinici. +rogressivamente si manifestano dimagramento, facile affatica)ilit,, scarsa resistenza allo sforzo, tosse. Quando si osservano questi sintomi significa che si sono gi, instaurate lesioni cardiache e polmonari e occorre intervenire al pi- presto. Come si fa a diagnosticare la malattia? Il metodo pi- sicuro per diagnosticare la filariosi cardiopolmonare consiste nell eseguire un semplice test, un esame sierologico eseguito da un piccolo prelievo di sangue. il test ( in grado di svelare la presenza dei vermi adulti nel cuore, ma non quelli giovani ancora in fase di sviluppo. /evono infatti passare almeno sei mesi dalla puntura di una zanzara infestata affinch0 questo test sia significativo, pertanto di norma lo si esegue in primavera, entro i primi di maggio, prima di iniziare la prevenzione. L osservazione diretta al microscopio di una goccia di sangue pu mostrare la presenza delle microfilarie, le larve prodotte dai vermi adulti. 1uttavia in una grande percentuale di cani parassitati questo tipo di esame risulta negativo e non ( attendi)ile come il test sierologico. Il test andre))e eseguito almeno ogni due anni prima di iniziare la stagione della prevenzione, in modo che se il cane risulta positivo si procede su)ito alla cura della malattia prima di vederne i primi segnali. La prevenzione, infatti, ha senso se fatta in cani sani nonch( negativi al test. Come si pu prevenire? La filariosi cardiopolmonare si pu fortunatamente prevenire in modo sicuro ed efficace. 2sistono in commercio vari prodotti che verranno qui di seguito elencati. Compresse o tavolette appeti)ili. 3anno somministrate una volta al mese da maggio a novem)re compreso, il periodo in cui sono presenti le zanzare. L inizio della stagione della prevenzione comunque inizia diversamente da zona a zona, a seconda del clima. 4e vedete comparire delle zanzare gi, in aprile state comunque tranquilli* il vostro cane ( protetto dato che la compressa ha un effetto retroattivo, cio( protegge il cane per tutto il mese precedente dall inizio del trattamento, poich0 il farmaco uccide le larve di filaria inoculate nel cane i !# giorni precedenti. 5ialette* si applicano sulla cute una volta al mese, allo stesso modo delle fiale per le pulci. Iniezione* ( possi)ile utilizzare un nuovo prodotto che, somministrato per iniezione, ( in grado di fornire una protezione completa che dura tutto l anno. 4i tratta di una soluzione di indu))ia praticit,, perch0 mette al sicuro da eventuali dimenticanze nella prevenzione. 6ltre misure di profilassi, come tenere il cane al chiuso al crepuscolo o di notte, trattare gli animali con un repellente per le zanzare, evitare le aree endemiche nei periodi dell anno in cui le zanzare

sono attive, sono assai meno sicuri e non affida)ili. 7on si deve tra l altro dimenticare che le diffusissime zanzare tigre colpiscono anche di giorno. +rima di iniziare la prevenzione, ( importante accertarsi che il cane sia negativo, effettuando il test specifico. 7ei cani non sottoposti a prevenzione il numero di parassiti pu aumentare di anno in anno, in seguito alla continua puntura delle zanzare. Come si cura un cane infetto? 4ta)ilita la diagnosi, prima di iniziare la terapia si eseguono degli esami per sta)ilire le condizioni di salute del cane in generale e le eventuali lesioni che la malattia ha gi, provocato a cuore e vasi polmonari. Questo permette di quantificare i rischi correlati alla terapia e di impostare la cura nel modo migliore. /i norma si esegue una radiografia del torace e un esame del sangue completo, ma ( consiglia)ile eseguire anche un ecografia del cuore (ecocardiogramma). 2sistono due tipi di terapia* la scelta viene fatta in )ase alle condizioni del cane. 4e le condizioni sono )uone si utilizza la melarsomina, un farmaco a )ase di arsenico che uccide le filarie adulte presenti nel cuore. 4i eseguono due iniezioni intramuscolari a distanza di 89 ore una dall altra. 7ei cani in cui le lesioni causate dalla filaria sono avanzate e il rischio di complicanze ( pi- elevato si preferisce fare una sola iniezione, aspettare un mese, e poi eseguire le due iniezioni a intervalli di 89 ore. Questo permette di eliminare i parassiti in modo pi- graduale, consentendo all organismo di recuperare meglio. 7elle settimane successive il cane deve stare in assoluto riposo, per permettere all organismo di eliminare i parassiti morti senza che si creino complicazioni, che non sono certo infrequenti* i frammenti di vermi morti infatti sono molto pericolosi per il cane, dato che possono ostruire i vasi e causare em)oli. :n secondo tipo di terapia, sviluppato di recente, consiste nell utilizzare un anti)iotico e un antiparassitario in com)inazione. Questo tipo di terapia si prolunga per pi- tempo, ma ( meno rischioso per la salute del cane, e si impiega nei cani a rischio. 7onostante esista una cura per questa malattia, considerati i rischi (e i costi dei farmaci) ( molto importante ricordarsi la prevenzione annuale. Completata con successo la cura, ( opportuno sottoporre il cane ad una regolare profilassi per evitare che si infesti nuovamente.

LA LEISHMANIA

Assai pi pericolosa della filariasi e la leishmaniosi, anche perch al momento non esistonovaccini o validi protocolli terapeutici che garantiscano un'azione leishmanicida. Ci sono stati e tutt'ora sono in corso studi orientati alla soluzione del problema, tuttavia attualmente itrattamenti contro la leishmaniosi conclamata sono spesso lunghi, costosi e purtroppo in troppi casi inefficaci. L'unico vero strumento per combattere questo tremendo parassita ancora una volta la prevenzione. l portatore della leishmania non esattamente la zanzara bens! il "hlebotomus papatasii, detto comunemente #pappatacio#. Appartiene allo stesso ordine delle zanzare, cio quello dei ditteri, ma differisce da lei per dimensioni, il pappatacio molto pi piccolo e per colore, verde. Contrariamente alle zanzare il pappatacio ha un volo molto silenzioso. $' particolarmente diffuso nell' talia centro%meridionale. La trasmissione della leishmania simile a quella della filaria& il pappatacio infetto punge l'animale per la sua necessit' di alimentarsi con il sangue e in questo modo trasmette il parassita. sintomi principali di questa malattia sono caratterizzati da manifestazioni a carico della cute (lesioni crostose, pelo opaco, perdita del pelo, presenza di forfora sul mantello). *a si manifestano anche sintomi di ordine generale& il cane perde di peso anche se continua a mangiare, si stanca facilmente , possono verificarsi episodi di vomito,epistassi (perdita di sangue dal naso), febbre, aumento di volume dei linfonodi e della milza, problemi oculari, poliartrite (l'animale sente dolore alle zampe). +el caso in cui anche i reni dovessero essere colpiti, il cane manifester' un aumento della sete con conseguente aumento della produzione di urina. ,isogna per- tenere conto che a complicare la diagnosi esistono anche casi in cui, dopo il periodo di incubazione, l'infezione pu- fare il suo decorso anche in forma asintomatica, cio senza alcuna manifestazione apparente. l periodo di incubazione pu- variare da un minimo di un mese fino ad un massimo di quattro anni. n caso di infezione la rarefazione del pelo si manifesta soprattutto la testa del cane, in particolare i padiglioni auricolari, le zone intorno agli occhi, il dorso del naso, il collo. *a non solo spesso si pu- notare anche in prossimit' dei gomiti e dei garretti, sulla base e sulla punta della coda e in generale sugli arti. Col passare del tempo le zone colpite divengono piestese e, dalla semplice rarefazione, si pu- passare all'alopecia (o all'ipotricosi) pi o meno diffusa. La leishmaniosi colpisce soprattutto i cani adulti (da . a .. anni con una frequenza particolare tra i / e i 0 anni) e che vivono in ambiente e1tradomestico (il 02,34 dei cani colpiti vive prevalentemente all'aperto). 5ono piuttosto modeste le infezioni dei cani di piccola taglia e di quelli anziani. Come abbiamo detto il modo migliore per affrontare la leishmania la prevenzione. Considerando l'urgenza dell'intervento in caso di infezione consigliabile, soprattutto se si abita nelle regioni centro%meridionali dove pi diffuso il problema, due controlliveterinari annuali (tendenzialmente in maggio e in novembre). $' inoltre opportuno tenerepulita la cuccia e trattarla periodicamente con prodotti insetticidi specifici e anallergici. noltre esistono prodotti in commercio (gocce, collari, ecc.) molto efficaci per tenerelontani i pappataci dal cane. 6ali prodotti sono assolutamente obbligatori quando si abita o ci si reca per vacanza in zone a rischio.

ASSICURAZIONE PER IL CANE

GARANZIE
Responsabilit civile Spese veterinarie per intervento chirurgico dovuto a infortunio o malattia Tutela legale
UN ANNO

98

CHIEDI INFORMAZIONI AL TUO VETERINARIO


oppure

sul sito www.24hassistance.com via email a info@24hassistance.com via telefono 02.20564 445

Interessi correlati