Sei sulla pagina 1di 50

NASAdminGuide.

book Page 1 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Guida per amministratori Seagate Business Storage NAS da 1, 2 e 4 alloggiamenti

NASAdminGuide.book Page 2 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS


2013 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati di Seagate Technology LLC o di una delle societ affiliate. Tutti gli altri marchi o marchi registrati sono di propriet dei rispettivi detentori. Un gigabyte, o GB, equivale a un miliardo di byte, mentre un terabyte, o TB, equivale a mille miliardi di byte se riferito alla capacit di un'unit disco rigido. Inoltre, una parte della capacit indicata viene utilizzata per la formattazione e per altre funzioni; pertanto non sar disponibile per l'archiviazione dei dati. Gli esempi di utilizzo quantitativo delle varie applicazioni vengono forniti a scopo indicativo. Le quantit effettive variano in base a diversi fattori, tra cui dimensione dei file, formato dei file, funzioni e software applicativo. Seagate si riserva il diritto di modificare senza preavviso le offerte o le specifiche tecniche del prodotto. Seagate Technology LLC 10200 S. De Anza Boulevard Cupertino, CA 95014 U.S.A

NASAdminGuide.book Page 3 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Sommario
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Informazioni sulla Guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Contenuto del kit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Requisiti di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Software . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Browser Web supportati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Requisiti hardware . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 8 8 8

Ulteriori informazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8

2. Informazioni su Seagate Business Storage NAS . . . . . . . . . . . . . . 9


Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9 Componenti principali di NAS Seagate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

3. Configurazione del NAS Seagate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11


Collegamento del NAS e installazione del software . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 Esecuzione della configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 Operazioni iniziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 Esecuzione delle operazioni di configurazione di base . . . . . . . . . . . . . 13 Esecuzione delle operazioni di protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 Distribuzione di informazioni agli utenti del NAS Seagate . . . . . . . . . . . . . 21

4. Personalizzazione del NAS Seagate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23


Utilizzo dei volumi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 Creazione di nuovi volumi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Caratteristiche della tecnologia RAID . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 Configurazione di NAS Seagate come server multimediale . . . . . . . . . . . . 26 Personalizzazione delle impostazioni di rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Configurazione di LAN/Indirizzo IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Impostazione della modalit di rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Abilitazione del server DNS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Configurazione della dimensione MTU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Configurazione dei filtri IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26 27 27 27 27 28

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

NASAdminGuide.book Page 4 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Configurazione dei servizi Web . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Modifica da gruppo di lavoro a membro di dominio . . . . . . . . . . . . . . . . Personalizzazione della impostazioni del DNS (Domain Name System) dinamico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Aggiunta di un gestore stampanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

28 28 29 29

Aggiunta di ulteriori elementi di sicurezza a NAS Seagate . . . . . . . . . . . . . 29 Aggiungere certificato e chiave SSL al server . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 Reimpostazione della chiave di cifratura del volume . . . . . . . . . . . . . . . 30 Configurazione del consumo energetico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Configurazione di un gruppo di continuit UPS (Uninterruptible Power Supply) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Configurazione di Wake on LAN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Abilitazione della modalit di risparmio energetico . . . . . . . . . . . . . . . . Pianificazione di accensioni/spegnimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 30 30 31 31

Abilitazione della virtualizzazione (iSCSI) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31

5. Monitoraggio e gestione del NAS Seagate . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33


Monitoraggio di NAS Seagate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Linee guida per la sicurezza e la manutenzione dell'hardware . . . . . . . Monitoraggio dello stato mediante i LED del NAS . . . . . . . . . . . . . . . . . Monitoraggio dello stato generale dell'unit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Monitoraggio dello stato generale del NAS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Gestione di NAS Seagate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Aggiornamento del firmware . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Gestione dell'utilizzo dello spazio di archiviazione . . . . . . . . . . . . . . . . Gestione dei download Web . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Recupero di file eliminati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Migrazione di dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Reimpostazione di NAS Seagate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 33 34 36 37 37 37 38 38 38 39 40

6. Risoluzione dei problemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41


Suggerimenti per la risoluzione di problemi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 Problemi e soluzioni comuni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Impossibile eseguire la connessione al NAS sulla rete locale. . . . . . . . Impossibile eseguire la connessione al NAS sul Web. . . . . . . . . . . . . . Impossibile aprire NAS Manager. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Impossibile eseguire l'accesso a NAS Manager. . . . . . . . . . . . . . . . . . . Impossibile accedere a una cartella condivisa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 41 42 42 42 42

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

NASAdminGuide.book Page 5 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Impossibile accedere a un file presente in una cartella condivisa. . . . . Impossibile archiviare altri file su un volume condiviso perch tale volume pieno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Aggiornamento del firmware non riuscito. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Un volume danneggiato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Impossibile eseguire lo streaming di file musicali dal NAS Seagate . . .

42 42 42 43 43

7. Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

NASAdminGuide.book Page 6 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

NASAdminGuide.book Page 7 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Introduzione

Informazioni sulla Guida

1. Introduzione
Informazioni sulla Guida Contenuto del kit Requisiti di sistema Ulteriori informazioni

Informazioni sulla Guida


La presente Guida per amministratori rivolta a quegli operatori che eseguono la configurazione iniziale del NAS Seagate Business Storage, e creano account utente, cartelle condivise, account gruppo, ecc. Essa fornisce informazioni utili a realizzare una configurazione di base del NAS, e illustra inoltre i modi per personalizzarne le impostazioni avanzate. L'applicazione NAS Manager (ovvero, l'applicazione di interfaccia utente Web precaricata sul NAS Seagate) rappresenta l'interfaccia principale per tutte le funzioni del NAS Seagate. La maggior parte delle informazioni qui contenute anche disponibile nella Guida contestuale dell'applicazione NAS Manager. La presente guida descrive le operazioni che devono eseguire gli amministratori di NAS Seagate da 1, 2 e 4 alloggiamenti. Per gli utenti della rete invece disponibile la Guida utente di Seagate Business Storage NAS da 1, 2, 4 alloggiamenti, che contiene informazioni sulle attivit riservate agli utenti, quali la connessione alla rete, l'accesso al NAS, l'esecuzione del backup dei dati presenti sul proprio computer, la trasmissione in streaming di contenuti multimediali e la condivisione di dati.

Contenuto del kit


Il kit del NAS Seagate include: NAS Seagate Business Storage (1 alloggiamento, 2 alloggiamenti o 4 alloggiamenti) Alimentatore Cavo Ethernet DVD di installazione, in cui sono inclusi software e informazioni sulla garanzia Guida di avvio rapido di Seagate Business Storage NAS

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

NASAdminGuide.book Page 8 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Introduzione

Requisiti di sistema

Requisiti di sistema
I computer che devono accedere al NAS Seagate devono soddisfare questi requisiti:

Software
Computer Microsoft Windows o Apple Macintosh con uno dei seguenti sistemi operativi: Windows XP, Windows Vista, Windows 7 o Windows 8, con il Service Pack pi recente Mac OS X 10.4.11 o versione successiva

Browser Web supportati


Microsoft Internet Explorer 8 o versione successiva Apple Safari 3, 4 o versioni successive (Windows o Mac) Mozilla Firefox 3 o versioni successive (Windows o Mac)

Requisiti hardware
Rete LAN (Local Area Network) o WLAN (Wireless LAN) Switch o router di rete, con almeno una porta Ethernet 10/100/1000 disponibile Connessione a Internet (per l'accesso remoto al NAS e agli aggiornamenti del software e del firmware) PC provvisto di porta Ethernet

Ulteriori informazioni
Per ulteriori informazioni sul NAS Seagate vedere: Guida in linea di NAS Manager Guida di Seagate Business Storage NAS Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS da 1, 2 e 4 alloggiamenti Guida utente di Seagate Business Storage NAS da 1, 2 e 4 alloggiamenti Guida utente di Seagate Global Access

Per ulteriori informazioni visitare il sito Web Seagate all'indirizzo www.seagate.com/support.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

NASAdminGuide.book Page 9 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Informazioni su Seagate Business Storage NAS

Introduzione

2. Informazioni su Seagate Business Storage NAS


Introduzione Componenti principali di NAS Seagate

Introduzione
NAS Seagate un file server che consente di archiviare e condividere tutti i tipi di file utilizzando una rete locale. In generale, il NAS Seagate consente di effettuare le seguenti operazioni: Creare un punto di archiviazione centrale per i file che si desidera condividere con altri utenti nella rete locale o tramite Internet. Creare e gestire copie di backup automatiche di tutti i file, compresi i sistemi operativi. Condividere i file (contratti, presentazioni aziendali, report di stato e cos via) sulla rete locale o con i clienti tramite Internet. Eseguire un ripristino di emergenza, ad esempio a seguito dell'eliminazione accidentale di file importanti, per un errore dell'unit disco, a causa della perdita o del furto del computer. Accedere ai contenuti del proprio NAS Seagate su Internet da qualsiasi parte del mondo. Condividere una stampante USB con altri utenti sulla rete locale. Creare un server multimediale per consentire a tutti gli utenti della rete locale di ascoltare la musica e visualizzare le foto e i video di cui stato eseguito il download. Attivare il servizio iTunes per consentire agli utenti di eseguire lo streaming di file musicali direttamente verso un computer di rete in cui installato iTunes.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

NASAdminGuide.book Page 10 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Informazioni su Seagate Business Storage NAS

Componenti principali di NAS Seagate

Componenti principali di NAS Seagate


NAS Seagate include quattro componenti principali: Seagate Business Storage NAS: hardware contenente le unit disco che consentono di archiviare e proteggere i file. Seagate NAS Discovery: software che consente di individuare e collegare NAS Seagate al computer. NAS Manager: un'applicazione integrata in NAS Seagate che consente di configurare, modificare e monitorare il NAS dal computer locale o da una postazione remota tramite un browser Web. Seagate NAS Backup: software che consente di eseguire il backup di file, applicazioni e sistemi operativi nel NAS. inoltre possibile ripristinare il sistema e i dati utilizzando questo software.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

10

NASAdminGuide.book Page 11 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Configurazione del NAS Seagate

Collegamento del NAS e installazione del software

3. Configurazione del NAS Seagate


NAS Seagate viene fornito con diversi valori predefiniti per renderne pi rapida la configurazione e poter iniziare subito a proteggere e condividere i propri dati.
Nota: Il NAS Seagate potrebbe non supportare la cifratura.

Collegamento del NAS e installazione del software


Prima di iniziare, verificare che: il computer soddisfi i requisiti elencati a pagina 8. Il NAS poggi su una superficie solida, piana e stabile in un ambiente adeguatamente ventilato. Le ventole del NAS non siano coperte o bloccate e che il NAS si trovi lontano da fonti di calore. Il NAS non possa venire a contatto con liquidi.

1. Utilizzare il cavo Ethernet incluso nel kit per collegare il NAS Seagate a uno switch o a un router presente sulla rete locale. Collegare il cavo Ethernet alla porta LAN. 2. Utilizzare l'alimentatore incluso nel kit per collegare il NAS Seagate a una presa di corrente dotata di messa a terra. Il NAS viene attivato automaticamente e gli indicatori LED presenti sul pannello frontale del server si accendono. 3. Inserire il DVD di installazione nel computer. Il software rileva il sistema operativo installato sul proprio computer, lanciando quindi il software opportuno. In caso di difficolt, rivedere i passaggi riportati nella Guida di avvio rapido in proprio possesso o visitare il sito www.seagate.com/support. Le informazioni contenute nel DVD guidano l'utente alla scoperta del proprio NAS Seagate, aiutandolo a effettuare una configurazione iniziale: Installazione del software Seagate (Discovery, Backup e Rescue Media Builder): Seagate consiglia di eseguire l'installazione di tutti i software forniti sul DVD. Una volta terminata l'installazione del software, il sistema chieder se si desidera lanciare il software Discovery. Alla scoperta del proprio NAS Seagate: quando si lancia il software Discovery, questo cerca sulla propria LAN tutti i NAS Seagate connessi.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

11

NASAdminGuide.book Page 12 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Configurazione del NAS Seagate

Esecuzione della configurazione

Esecuzione della configurazione guidata: dopo avere selezionato il NAS che si desidera configurare, fare clic su Next (Avanti). NAS Manager si avvia automaticamente e inizia una configurazione guidata che si compone di tre fasi, ovvero 1) modifica della password amministratore, 2) esecuzione di una configurazione generale (selezione di un protocollo Web, del fuso orario e della data e dell'ora attuali), e 3) configurazione della propria rete.

SUGGERIMENTO: In tutte le pagine dell'applicazione NAS Manager disponibile la Guida in linea. Fare clic sul collegamento Learn more (Ulteriori informazioni) per ottenere informazioni dettagliate su ciascuna pagina.

Esecuzione della configurazione


NAS Seagate viene fornito con diversi valori predefiniti per renderne pi rapida la configurazione e poter iniziare subito a proteggere e condividere i propri dati. La tabella seguente elenca i valori predefiniti che possibile accettare durante la configurazione di NAS Seagate.
Tabella 1: Valori predefiniti di NAS Seagate Da 2 alloggiamenti 1 account amministratore 1 LAN 1 preselezionata (Local Area Network 1). Due LAN disponibili Modalit di rete DHCP 2 cartelle condivise: Download e Pubblico 1 Volume Protezione RAID 1 Da 4 alloggiamenti 1 account amministratore 1 LAN 1 preselezionata (Local Area Network 1). Due LAN disponibili Modalit di rete DHCP 2 cartelle condivise: Download e Pubblico 1 Volume Protezione RAID 5

Da 1 alloggiamenti 1 account amministratore 1 LAN 1 preselezionata (Local Area Network 1). Modalit di rete DHCP 2 cartelle condivise: Download e Pubblico 1 Volume Protezione RAID non disponibile

Importante: Le righe ombreggiate indicano un percorso critico per l'esecuzione della configurazione. Qualora si desideri personalizzare il proprio NAS modificando le configurazioni predefinite di Volume e RAID, necessario cambiare tali valori durante la configurazione e prima di archiviare i dati. Nel caso si eseguano queste modifiche dopo l'archiviazione dei dati, questi ultimi andranno persi.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

12

NASAdminGuide.book Page 13 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Configurazione del NAS Seagate

Operazioni iniziali

Se si desidera accettare le impostazioni predefinite per il proprio NAS Seagate, necessario eseguire le Operazioni iniziali a pagina 13. Tali impostazioni comportano l'utilizzo dei valori di Volume e RAID predefiniti. Qualora si desideri aggiungere altri volumi o cambiare il RAID, per apportare subito tali modifiche vedere Personalizzazione del NAS Seagate a pagina 23. SUGGERIMENTO: Nel caso in cui non si conoscano alcuni dei termini utilizzati nella presente guida, consultare il Glossario a pagina 45. Il Dashboard di NAS Manager dispone di un pannello Getting Started (Operazioni iniziali) che aiuta l'utente a eseguire in sequenza le operazioni raccomandate per la configurazione del NAS.

Operazioni iniziali
Le operazioni da eseguire sono organizzate in quattro categorie: Operazioni di base: configurazione di utenti, cartelle condivise, gruppi, accesso globale e notifiche e-mail. Protezione: configurazione del NAS per backup locali, backup da NAS a NAS, e trasferimenti USM/USB/NAS. Servizio: configurazione del NAS come server multimediale. Impostazioni avanzate: aggiunta di nuovi volumi, modifica delle impostazioni RAID, attivazione delle impostazioni di risparmio energetico, attivazione della virtualizzazione (iSCSI) e aggiunta di stampanti.

Per eseguire la configurazione iniziale del NAS, necessario prima completare le operazioni di base e di protezione. Per sapere come configurare NAS Seagate quale server multimediale ed eseguire altre impostazioni avanzate, vedere Personalizzazione del NAS Seagate a pagina 23.

Esecuzione delle operazioni di configurazione di base


Per configurare il NAS necessario eseguire le operazioni indicate di seguito. Per consultare le informazioni relative a queste operazioni in NAS Manager, selezionare Home (Pagina iniziale) > Getting Started (Operazioni iniziali). Fare clic su uno dei collegamenti presenti nella pagina Getting Started (Operazioni iniziali) per accedere direttamente all'operazione che si desidera eseguire.

Creazione di account utente


Il NAS Seagate include soltanto un account amministratore. quindi necessario utilizzare l'applicazione NAS Manager per creare singoli account utente.
Nota: Quando si creano account, occorre anche assegnare ciascun utente alle cartelle condivise predefinite (Download e Pubblico) o a nuove cartelle eventualmente aggiunte.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

13

NASAdminGuide.book Page 14 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Configurazione del NAS Seagate

Operazioni iniziali

In NAS Manager, selezionare Users & Groups (Utenti e gruppi) > Users (Utenti) e fare clic su Add User (Aggiungi utente). Per ogni account utente creato occorre fornire le seguenti informazioni. Nome utente: il nome che l'utente immette quando effettua l'accesso a NAS Manager. Diritti di amministratore: possibile assegnare i diritti di amministratore ad altri utenti, in modo da facilitare il monitoraggio e la gestione delle attivit su NAS Seagate. Nome completo: il nome e il cognome dell'utente. Password e Conferma password: immettere fino a 16 caratteri alfanumerici. Appartenenza al gruppo: se esistono dei gruppi, assegnare ogni utente a un gruppo. Vedere Creazione di gruppi di utenti a pagina 16. Crea condivisione privata utente: possibile creare rapidamente una condivisione privata (cartella condivisa) per ogni utente. La condivisione privata ha lo stesso nome del nome utente, e per accedervi viene richiesta una password. Una condivisione privata pu essere utilizzata (ad esempio) da ciascun utente per eseguire il backup dei propri dati locali, salvare fotografie e video, ecc. Volume: se sono presenti pi volumi, consente di specificare quello in cui deve essere creata la condivisione privata. Servizi: tipo o tipi di servizi file che devono essere supportati dalla condivisione privata: CIFS (Common Internet File System): pi utenti di diversi computer Windows possono condividere file senza dover installare software specifici. FTP (File Transfer Protocol): consente la condivisione sicura dei file in Internet tra NAS Seagate e altri computer. NFS (Network File System): consente la condivisione di file con computer che eseguono sistemi operativi Linux o UNIX o con computer che eseguono il software client NFS. AFP (Apple Filing Protocol): protocollo di rete proprietario in grado di offrire servizi file per Mac OS X e Mac OS nativo. WebDAV (sistema distribuito di creazione e controllo delle versioni basato su Web): estensione HTTP (Hypertext Transfer Protocol) che agevola la collaborazione tra utenti nella modifica e nella gestione di documenti e file archiviati su server World Wide Web. RB (servizio Cestino): funzione che, se abilitata, consente di salvare i file eliminati dalla cartella condivisa in modo da poterli recuperare. Servizio multimediale: funzione che consente di abilitare il NAS come server multimediale. Impostare una cartella condivisa per scaricare automaticamente i file multimediali in posizioni predefinite sul server multimediale.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

14

NASAdminGuide.book Page 15 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Configurazione del NAS Seagate

Operazioni iniziali

Creazione di cartelle condivise


Una cartella condivisa pu essere pubblica, ovvero aperta a tutti gli utenti (con alcune restrizioni) o privata, ovvero riservata solo a certi account utente. Cartelle condivise pubbliche: le cartelle condivise pubbliche non sono sottoposte a limitazioni, gli utenti del NAS possono pertanto attivare/mappare tutte le condivisioni pubbliche necessarie. NAS Seagate viene fornito con due condivisioni pubbliche preconfigurate denominate: Download e Pubblico. Cartelle condivise private: per impostazione predefinita, una cartella condivisa privata associata a un unico account utente e possono accedervi soltanto gli utenti in possesso dell'autorizzazione necessaria. Utilizzando Seagate Global Access, il proprietario della cartella condivisa pu inoltre consentire ad altri utenti l'accesso a tutti i file presenti in essa o solo ad alcuni di questi.
Per attivare/mappare pi di una condivisione privata per volta, ciascuna di esse deve avere le stesse credenziali di accesso.

Nota:

In qualit di amministratore, possibile creare, modificare o eliminare condivisioni in qualsiasi momento, in base alle specifiche esigenze. Si tenga presente, tuttavia, che l'eliminazione di una condivisione determina la perdita di tutti i file in essa contenuti. L'eliminazione di condivisioni dal NAS Seagate quindi un'operazione da eseguire con la massima cautela.
Nota: Qualora si desideri configurare NAS Seagate come server multimediale, non eliminare la cartella condivisa Pubblico. Si tratta infatti della cartella condivisa predefinita utilizzata per archiviare contenuti multimediali; non pu essere configurata nel server multimediale.

In NAS Manager, selezionare Storage (Archiviazione) > Shared Folders (Cartelle condivise), quindi fare clic su Add Shared Folder (Aggiungi cartella condivisa). Per ogni cartella condivisa creata occorre fornire le seguenti informazioni: Nome della cartella condivisa: inserire un nome facile da ricordare per la nuova cartella condivisa. Descrizione: immettere una descrizione della cartella condivisa. Servizi: fare clic sul o sui servizi richiesti per la nuova cartella condivisa.
Nota: Consultare una spiegazione dettagliata in Creazione di account utente a pagina 13.

Volume: selezionare il volume in cui creare la cartella condivisa. Servizio cestino: consente di proteggere i file sulla condivisione dall'eliminazione accidentale. I file cancellati possono essere ripristinati dall'amministratore.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

15

NASAdminGuide.book Page 16 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Configurazione del NAS Seagate

Operazioni iniziali

Servizio multimediale: consente di utilizzare NAS Seagate per condividere foto, musica e video digitali con altri utenti presenti sulla rete locale e per eseguire lo streaming di file musicali da iTunes. Cifra cartella condivisa: consente di proteggere la cartella condivisa in modo che sia possibile accedere ad essa soltanto utilizzando una chiave di cifratura. La chiave di protezione viene caricata in un'unit USB dell'utente collegata al server NAS. Se il NAS spento, necessario inserire l'unit USB nella porta NAS per sbloccare la condivisione protetta. L'unit USB pu essere rimossa dopo la cifratura della condivisione, tuttavia deve essere nuovamente utilizzata in caso di riavvio del server NAS. Accesso cartella condivisa: imposta il controllo di accesso dopo la creazione di questa cartella condivisa. In NAS Manager, selezionare Users & Groups (Utenti e gruppi) > Shared Folder Permissions (Autorizzazioni cartella condivisa) per impostare il controllo di accesso. Fare clic sull'icona Edit (Modifica) accanto alla cartella condivisa che si desidera modificare. Accertarsi che la casella Public Access (Accesso pubblico) non sia selezionata. Le opzioni visualizzate consentono di: concedere l'accesso soltanto a utenti specificati. Concedere ad alcuni utenti l'accesso in sola lettura. Se autorizzato all'accesso in sola lettura, un utente pu visualizzare i file presenti nella cartella condivisa, ma non pu modificarli n caricare file in tale cartella. Concedere l'accesso completo alla cartella condivisa, che permette agli utenti di modificare i file presenti nella cartella condivisa, salvare ed eseguire il backup dei propri file, nonch scaricare file dalla cartella condivisa nel proprio computer o in un'unit USB/USM collegata al NAS.

Creazione di gruppi di utenti


Per semplificare e rendere pi rapida la gestione dell'accesso alla cartella condivisa, possibile ordinare gli utenti del NAS Seagate in gruppi. In NAS Manager, selezionare Users & Groups (Utenti e gruppi) > Groups (Gruppi). Fare clic su Add Group (Aggiungi gruppo). Per ogni gruppo creato occorre fornire le seguenti informazioni. Nome gruppo: specificare un nome descrittivo per facilitare l'identificazione del gruppo. Gli spazi non sono consentiti. Descrizione: indicare la descrizione del gruppo (ad esempio, una funzione comune, una posizione comune all'interno del reparto o l'accesso a condivisioni comuni). Utenti: selezionare gli utenti da aggiungere al gruppo.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

16

NASAdminGuide.book Page 17 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Configurazione del NAS Seagate

Operazioni iniziali

Abilitazione di Seagate Global Access


Seagate Global Access consente agli utenti di accedere ai contenuti archiviati nel proprio server NAS Seagate da un browser Web o eventualmente da un dispositivo mobile. In qualit di amministratore, necessario dapprima abilitare Seagate Global Access sul proprio NAS Seagate. Quindi, occorre creare un account utente (il proprio account amministratore non registrato con il servizio di Seagate Global Access). possibile abilitare Seagate Global Access per ciascun utente sul proprio NAS, oppure chiudere a ognuno di effettuare tale abilitazione. In NAS Manager, selezionare Users & Groups (Utenti e gruppi) > Global Access. Per creare un nuovo account Seagate Global Access procedere come segue Fare clic sulla casella di controllo Enable (Attiva). Inserire le informazioni seguenti: Utente: consente di scegliere il nome utente dall'elenco a discesa. E-mail: inserire l'indirizzo e-mail. Ogni utente ricever tramite e-mail una notifica che gli consentir di completare la configurazione del proprio account per Seagate Global Access. Password: inserire una password. Si tratta della password che verr utilizzata dall'utente per accedere in remoto a Seagate Global Access. Fare clic su Submit (Invia) per creare l'account.

Registrare un account TappIn esistente con Seagate Global Access Fare clic sulla casella di controllo Enable (Attiva). Inserire le informazioni seguenti: Utente: consente di scegliere il nome utente dall'elenco a discesa. E-mail: inserire l'indirizzo e-mail utilizzato per creare l'account TappIn. L'utente ricever tramite e-mail una notifica che gli consentir di completare la registrazione del proprio account per Seagate Global Access. Password: inserire una password. Si tratta della password utilizzata dall'utente per configurare il proprio account TappIn. Fare clic su Submit (Invia) per creare l'account.
Nota: Facendo clic su Submit (Invia), si associa il nome utente su NAS Seagate con un account TappIn esistente allo scopo di ottenere l'accesso a Seagate Global Access.

Seagate Global Access supporta dispositivi Android e iOS. Per consultare le Guide di avvio rapido e le Guide utente per Seagate Global Access mobile, andare a www.seagate.com/support.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

17

NASAdminGuide.book Page 18 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Configurazione del NAS Seagate

Operazioni iniziali

Impostazione delle notifiche e-mail


Le notifiche e-mail consentono all'utente di monitorare e gestire le attivit di NAS Seagate. Inoltre, possibile aggiungere altri utenti come destinatari di notifiche e-mail. In NAS Manager, selezionare System (Sistema) > Administration (Amministrazione). Per configurare le notifiche e-mail per il server NAS Seagate fare clic su Enable (Attiva). Inserire le informazioni seguenti: Destinatari e-mail: consente di inserire gli indirizzi e-mail dei destinatari delle notifiche inviate dal server NAS. Per aggiungere una nuova riga, fare clic sull'icona +.

Fare clic su Send Test Mail (Invia messaggio di prova) per verificare che le informazioni immesse siano complete e corrette. Quando il test viene completato correttamente, fare clic su Save (Salva). Le notifiche e-mail vengono impostate e verranno inviate se si verificano particolari eventi. Complimenti! Se stata eseguita la configurazione delle operazioni di base, si pu dire di avere configurato NAS Seagate per oltre l'80%. La fase successiva consiste nel pianificare le operazioni di protezione, ovvero programmare i backup per i computer locali, i backup da NAS a NAS e i trasferimenti OneTouch.

Esecuzione delle operazioni di protezione


Esistono vari modi in cui proteggere i dati tramite NAS Seagate. In qualit di amministratore possibile proteggere il proprio PC o Mac in locale. Per effettuare il backup di dati su PC: installare sul PC il software di backup fornito nel DVD. Per effettuare il backup di dati su Mac: abilitare NAS Seagate come destinazione del backup di Apple Time Machine. Quindi, dal Mac, procedere come segue: Avviare Time Machine e fare clic su Select Disk (Seleziona disco). Selezionare .TMBACKUP Immettere nome utente e password del NAS Seagate.

La procedura di backup si avvia automaticamente. SUGGERIMENTO: La Guida utente di Seagate Business Storage NAS offre agli utenti istruzioni specifiche che li aiutano a installare il software necessario per il backup dei loro computer, accedere al NAS, trasmettere in streaming contenuti multimediali, ecc.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

18

NASAdminGuide.book Page 19 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Configurazione del NAS Seagate

Operazioni iniziali

Creazione di un processo di backup da NAS a NAS


possibile impostare il backup da NAS a NAS, ovvero creare un collegamento permanente tra il proprio NAS Seagate e un altro NAS Seagate presente nella rete, affinch vengano eseguiti automatici e continui backup del proprio NAS Seagate. La creazione costante di backup costituisce la migliore protezione contro la perdita di dati o i guasti dei dispositivi, specialmente se il secondo NAS Seagate si trova in un altro edificio o in una zona diversa della citt o del paese in cui presente il proprio NAS Seagate. Per configurare il collegamento permanente, necessario definire dapprima le informazioni relative al NAS di destinazione (ovvero, il server in cui si desidera salvare i propri backup). Occorre pertanto creare un nome e una password di autenticazione, identificando quindi degli alias. In NAS Manager, selezionare Protect (Protezione) > Protect Server Settings (Impostazioni server di protezione). Selezionare il NAS di destinazione (dall'elenco a discesa Server posto alla sommit dell'applicazione NAS Manager), e creare un nome e una password di autenticazione. Nel creare il processo di backup dal NAS di origine, necessario fornire nome e password di autenticazione per poter scrivere i dati nel NAS di destinazione. Questo livello di sicurezza impedisce che soggetti non autorizzati possano sovrascrivere i dati sul NAS di destinazione. L'alias il nome associato a un volume. Questo nome viene utilizzato nella creazione del processo di backup. Una volta completate le impostazioni di protezione del server, selezionare Protect (Protezione) > Protect Job Manager (Gestore processi di protezione), quindi scegliere la scheda NAS-NAS Backup (Backup NAS-NAS). Fare clic su New Protect Job (Nuovo processo di protezione). SUGGERIMENTO: Accertarsi di avere selezionato il NAS di origine (dall'elenco a discesa Server posto alla sommit dell'applicazione NAS Manager). Inserire le informazioni seguenti: Selezione server backup: tutti i server NAS Seagate della rete devono essere visualizzati nell'elenco a discesa. Si supponga di voler selezionare il server di destinazione specificato in Impostazioni server di protezione. Indirizzo IP: consente di digitare eventualmente l'indirizzo IP del server NAS che si desidera utilizzare come destinazione per le operazioni di backup. Nome alias: consente di scegliere un alias per il processo di backup prescelto. Il nome alias rappresenta una specifica cartella condivisa in cui verranno copiati i dati di backup. Nome e password di autenticazione: consente di digitare il nome e la password di autenticazione per il server di destinazione. Nome processo: inserire un nome per il processo di backup.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

19

NASAdminGuide.book Page 20 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Configurazione del NAS Seagate

Operazioni iniziali

Origine: consente di selezionare una o pi cartelle condivise sul server di origine per eseguire le copie di backup nel server di destinazione. Destinazione: consente di selezionare la destinazione del processo di backup. Frequenza/Ora backup: consente di selezionare una pianificazione per i processi di backup.

Creazione di un processo di trasferimento


Creare uno o pi processi per il trasferimento dei dati da o verso NAS Seagate, da o verso l'unit USM oppure da o verso il dispositivo USB collegato. Facendo clic sul pulsante OneTouch da un NAS Seagate da 1 e da 2 alloggiamenti, il processo di trasferimento OneTouch selezionato si avvia in modo automatico, indipendentemente da eventuali pianificazioni. Per avviare un processo di trasferimento OneTouch da un NAS Seagate a 4 alloggiamenti, utilizzare invece i comandi sullo schermo LCD. In NAS Manager, selezionare Protect (Protezione) > Protect Job Manager (Gestore processi di protezione), quindi scegliere la scheda NAS-USM-USB Transfer (Trasferimento NAS-USM-USB). Fare clic su New Transfer Job (Nuovo processo di trasferimento). Inserire le informazioni seguenti: Selezionare una direzione di trasferimento: da USB a NAS, da NAS a USB, da USM a NAS, da NAS a USM. Nome processo: consente di inserire un nome per il processo di trasferimento. Origine: consente di selezionare le o la cartella condivisa da trasferire. Destinazione: consente di selezionare la cartella condivisa in cui trasferire i dati. Ora/Frequenza trasferimento: consente di configurare una pianificazione per il processo di trasferimento.

Per configurare un processo di trasferimento OneTouch predefinito, selezionare un processo di trasferimento dalla tabella, quindi fare clic su OneTouch Default (OneTouch predefinito).
Nota: possibile impostare un solo processo di trasferimento OneTouch predefinito per ogni NAS.

Complimenti! Le operazioni per la configurazione di base e di protezione sono state completate. Ora possibile iniziare a proteggere i propri dati con NAS Seagate.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

20

NASAdminGuide.book Page 21 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Configurazione del NAS Seagate

Distribuzione di informazioni agli utenti del NAS Seagate

Distribuzione di informazioni agli utenti del NAS Seagate


Una volta creati gli account, necessario fornire agli utenti Seagate le seguenti informazioni per consentire a ciascuno di iniziare a utilizzare il NAS Seagate: Software Seagate Discovery Software Seagate Backup (facoltativo) Nome e password dell'utente per l'accesso al NAS Seagate Nomi delle cartelle condivise a cui l'utente pu accedere ed eventuali limitazioni di accesso Guida utente di Seagate Business Storage NAS da 1, 2 e 4 alloggiamenti Guida utente di Seagate Global Access

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

21

NASAdminGuide.book Page 22 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Configurazione del NAS Seagate

Distribuzione di informazioni agli utenti del NAS Seagate

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

22

NASAdminGuide.book Page 23 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Personalizzazione del NAS Seagate

Utilizzo dei volumi

4. Personalizzazione del NAS Seagate


Nel presente capitolo sono descritte le configurazioni e le impostazioni avanzate di NAS Seagate. Fare clic su uno degli argomenti elencati di seguito per visualizzarne la descrizione: Utilizzo dei volumi a pagina 23 Caratteristiche della tecnologia RAID a pagina 24 Configurazione di NAS Seagate come server multimediale a pagina 26 Personalizzazione delle impostazioni di rete a pagina 26 Aggiunta di ulteriori elementi di sicurezza a NAS Seagate a pagina 29 Configurazione del consumo energetico a pagina 30 Abilitazione della virtualizzazione (iSCSI) a pagina 31
Il NAS Seagate potrebbe non supportare la cifratura.

Nota:

Utilizzo dei volumi


Per impostazione predefinita, lo spazio di archiviazione disponibile su NAS Seagate configurato come volume unico. Il termine volume indica uno spazio di archiviazione dei dati che pu essere costituito da una o pi unit disco o da una parte di una singola unit disco. possibile creare diversi volumi (e diverse cartelle condivise) su NAS Seagate qualora si desideri dividere lo spazio di archiviazione complessivo in sezioni pi piccole, da destinare eventualmente a diverso usi. possibile, ad esempio, creare tre volumi per l'archiviazione di tre diversi tipi di informazioni: Volume A: file aziendali Volume B: file di backup Volume C: file multimediali

possibile utilizzare le stesse unit disco in pi volumi, a condizione che su tali unit sia disponibile spazio sufficiente. possibile, ad esempio, utilizzare met dello spazio dei dischi rigidi 1 e 2 per creare il volume A e l'altra met dello spazio degli stessi dischi per creare il volume B.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

23

NASAdminGuide.book Page 24 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Personalizzazione del NAS Seagate

Caratteristiche della tecnologia RAID

Creazione di nuovi volumi


In NAS Manager, selezionare Storage (Archiviazione) > Volumes / RAID (Volumi / RAID). Fare clic su Add New Volume (Aggiungi nuovo volume). Inserire le informazioni seguenti: Nome volume: consente di inserire un nome per il nuovo volume. Descrizione volume: consente di inserire una descrizione per il nuovo volume. Selezione disco: consente di selezionare una o pi unit disco rigido per il volume.

La tabella che segue fornisce le informazioni necessarie per tutti i modelli di server NAS Seagate. possibile che non tutte le configurazioni di disco siano disponibili per la creazione del nuovo volume.
Tabella 2: Configurazioni disco Tipo volume Spanning Volume con spanning, striping o mirroring. Volume con spanning, striping o mirroring (con RAID 5) Disco/i 1 2 3+

Cifratura volume: consente di abilitare la cifratura del volume (facoltativo).


Nota: Se si desidera attivare la cifratura del volume, verificare che nella porta USB di NAS Seagate sia inserita una unit USB. Durante il processo di cifratura, la chiave di protezione viene salvata sull'unit.

Volume Raw: consente di creare un volume (Raw) a livello di blocco (facoltativo).


Nota: La virtualizzazione (iSCSI) richiede un volume raw.

Dimensione volume: consente di inserire la dimensione del volume ed eventualmente di impostarla sul valore massimo.

Caratteristiche della tecnologia RAID


RAID, acronimo di Redundant Array of Independent Disks, una tecnologia che realizza la ridondanza nel sistema di archiviazione per garantire la protezione dei dati in caso di guasto delle unit disco o di altri incidenti. RAID disponibile in diversi livelli che variano in base al tipo di protezione e al modo in cui quest'ultima viene fornita, oltre che in base al numero di unit disco supportate. Per impostazione predefinita NAS Seagate preconfigurato con i seguenti livelli di protezione RAID: NAS Seagate da 1 alloggiamenti: nessuna protezione RAID disponibile. NAS Seagate da 2 alloggiamenti: RAID 1. NAS Seagate da 4 alloggiamenti: RAID 5.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

24

NASAdminGuide.book Page 25 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Personalizzazione del NAS Seagate

Caratteristiche della tecnologia RAID

La Tabella 3 illustra i diversi livelli RAID.


Tabella 3: livelli RAID supportati per i volumi Numero di unit disco necessarie 24

Livello RAID del volume RAID 0 (Noto anche come striping)

Descrizione Volume in cui i dati sono sottoposti a striping, ovvero sono distribuiti tra le unit disco in blocchi di uguali dimensioni. Un volume con striping non fornisce la ridondanza, quindi non garantisce la protezione dei dati. Volume in cui un'unit disco la copia esatta dell'altra (su ciascuna unit disco sono archiviati gli stessi dati). Garantisce la protezione dei dati. Un volume con RAID 5 utilizza lo striping e i dati di parit per assicurare la ridondanza. Il termine parit indica informazioni aggiuntive utilizzate per ricreare i dati in caso di guasto di un'unit disco. Nei volumi con RAID 5, i dati di parit vengono distribuiti in blocchi uguali tra le unit disco insieme ai dati archiviati. Un volume con RAID 10 costituito da due o pi volumi RAID 0 di uguali dimensioni. I dati presenti in un volume con RAID 10 sono sottoposti sia a striping che a mirroring. Gruppo di unit disco di un server, non protetto da RAID.

RAID 1 (Noto anche come mirroring) RAID 5

34

RAID 10

Spanning (Noto anche come JBODa)

14

a.Acronimo di Just a Bunch of Drives.

Seagate raccomanda che eventuali modifiche della protezione RAID del server vengano effettuate soltanto da utenti esperti e con una conoscenza specifica della tecnologia RAID. Di seguito si indicano alcune delle opzioni disponibili: NAS Seagate da 2 alloggiamenti. possibile scegliere di utilizzare la protezione RAID 0, nota anche come striping, in cui i dati sono distribuiti in blocchi uguali tra le unit disco, e spanning, noto anche come JBOD. RAID 0 non garantisce la protezione dei dati, mentre lo spanning non fornisce la protezione RAID. NAS Seagate da 4 alloggiamenti. possibile scegliere di utilizzare per i propri volumi vari livelli di protezione RAID: NAS Seagate da 4 alloggiamenti supporta infatti i livelli RAID 0, 1, 5, 10 e JBOD. Si consiglia tuttavia l'utilizzo di RAID 5, poich questa opzione assicura a NAS Seagate da 4 alloggiamenti il pi elevato livello di protezione disponibile.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

25

NASAdminGuide.book Page 26 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Personalizzazione del NAS Seagate

Configurazione di NAS Seagate come server multimediale

Configurazione di NAS Seagate come server multimediale


Configurare NAS Seagate come server multimediale per eseguire lo streaming dei file multimediali su dispositivi compatibili DLNA oppure su computer dotati del software iTunes. possibile impostare il server multimediale per il download automatico di file multimediali in cartelle predefinite. inoltre possibile configurare NAS Seagate come server iTunes, per consentire agli utenti di scaricare file musicali direttamente in un computer collegato in rete in cui sia installato iTunes oppure in un dispositivo supportato da iTunes collegato a un computer della rete. Quando si abilita NAS Seagate come server multimediale, i file vengono scaricati automaticamente in cartelle specifiche. necessario pertanto creare tali cartelle sul NAS prima di attivare il servizio. Accedere alla cartella condivisa Pubblico presente su NAS Seagate e creare le seguenti cartelle: Musica Condivisa Immagini Condivise Video Condivisi

In NAS Manager, selezionare Media (Multimedia) > Media Service (Servizio multimediale). Fare clic su Enable (Attiva).

Personalizzazione delle impostazioni di rete


In NAS Seagate possibile personalizzare le seguenti impostazioni di rete. LAN / Indirizzo IP Modalit di rete Abilitazione del server DNS Indicazione della dimensione MTU Filtri IP Servizi Web Gruppo di lavoro DNS dinamico Gestore stampanti

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

26

NASAdminGuide.book Page 27 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Personalizzazione del NAS Seagate

Personalizzazione delle impostazioni di rete

Configurazione di LAN/Indirizzo IP
Selezionare la porta LAN da utilizzare per la connessione alla rete: LAN 1, LAN 2 o Aggregazione.
Nota: NAS Seagate da 1 alloggiamento dispone di una sola configurazione LAN.

La funzione Aggregazione consente di eseguire la connessione alla rete utilizzando entrambe le porte LAN contemporaneamente: LAN round robin: bilanciamento delle connessioni LAN. LAN failover: in caso di interruzione di una rete LAN viene utilizzata l'altra connessione.

Impostazione della modalit di rete


Per impostazione predefinita, la modalit di rete del NAS Seagate impostata per l'utilizzo del protocollo DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol). Se si seleziona DHCP, il server DHCP assegna automaticamente gli indirizzi IP al server NAS. A meno che l'utente non faccia parte di una societ di grandi dimensioni con un reparto IT, Seagate consiglia di utilizzare la modalit di rete DHCP. Se si sceglie di utilizzare una modalit di rete con indirizzo IP statico, NAS Seagate utilizza sempre lo stesso indirizzo IP. In modalit di rete con indirizzo IP statico necessario configurare anche le seguenti impostazioni: Indirizzo IP: indirizzo IP di NAS Seagate. Netmask: netmask relativa all'indirizzo IP immesso. Gateway predefinito: indirizzo IP del gateway o del router.

Abilitazione del server DNS


I server DNS eseguono software di rete dedicati, dispongono di indirizzo IP pubblico e contengono un database di nomi e indirizzi di rete per altri host Internet. possibile scegliere se attivare il server DNS in modalit automatica o manuale. In NAS Manager, selezionare Network (Rete) > LAN/IP Address (LAN/Indirizzo IP) per apportare le opportune modifiche.

Configurazione della dimensione MTU


La MTU (maximum transfer unit) specifica la dimensione massima di trasmissione di un'interfaccia. Per impostazione predefinita, il valore configurato su NAS Seagate 1500 byte. In NAS Manager, selezionare Network (Rete) > LAN/IP Address (LAN/Indirizzo IP) per apportare le opportune modifiche.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

27

NASAdminGuide.book Page 28 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Personalizzazione del NAS Seagate

Personalizzazione delle impostazioni di rete

Configurazione dei filtri IP


I filtri IP (Internet Protocol) consentono di controllare quali utenti possono accedere al server NAS Seagate. Per creare un filtro IP, necessario immettere l'indirizzo IP e selezionare una impostazione di accesso (Allow (Consenti) o Deny (Rifiuta)).

Configurazione dei servizi Web


I servizi Web comprendono accesso Web, servizi FTP, inoltro porta UPnP e servizio NFS. Di seguito se ne fornisce una breve descrizione: Accesso Web: Il protocollo HTTP (Hypertext Transfer Protocol) il modo pi comune per accedere ai file di dati presenti in Internet. possibile impostare il server NAS Seagate per l'utilizzo del protocollo HTTP o HTTPS (HTTP over Secure Socket Layer (SSL)). Il protocollo HTTPS richiede che sul server NAS sia stata impostata la chiave SSL. Per ulteriori informazioni, vedere Aggiungere certificato e chiave SSL al server a pagina 29. Il protocollo FTP (File Transfer Protocol) il modo consueto per inviare e ricevere file attraverso Internet. Il server NAS Seagate consente agli utenti di trasferire file da e verso il server mediante protocollo FTP, sia in modo anonimo che tramite credenziali assegnate dall'amministratore di rete. possibile aggiungere un livello di sicurezza durante il trasferimento dei dati mediante protocollo FTP attraverso l'attivazione dei protocolli SSL (Secure Sockets Layer)/TLS (Transport Layer Security). Per ulteriori informazioni, vedere Aggiungere certificato e chiave SSL al server a pagina 29. Se il router supporta la connessione tramite porta UPnP (Universal Plug and Play), possibile impostare le operazioni di inoltro. La porta UPnP semplifica l'integrazione dei dispositivi che fanno parte della rete NAS Seagate.
Nota: Solitamente la connessione tramite porta UPnP avviene senza richiesta di autenticazione, quindi potrebbe essere utilizzata per aprire porte all'interno di reti dopo averne effettuato la violazione.

Il servizio NFS (Network File System) consente agli utenti di una rete di condividere file archiviati su computer diversi. Il servizio deve essere attivato quando stato configurato un ambiente macchina virtuale (VM) in cui il server NAS Seagate lo spazio allocato.

Modifica da gruppo di lavoro a membro di dominio


Per impostazione predefinita, il server NAS Seagate configurato come gruppo di lavoro. Un gruppo di lavoro un insieme di computer presenti su una rete che condividono le risorse. In alternativa, possibile configurare il server NAS Seagate come membro di dominio. Un dominio consiste in un gruppo di computer amministrato come unit singola da una posizione centralizzata.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

28

NASAdminGuide.book Page 29 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Personalizzazione del NAS Seagate

Aggiunta di ulteriori elementi di sicurezza a NAS Seagate

Quando NAS Seagate viene aggiunto come membro di un dominio, viene gestito centralmente da un controller di dominio Windows, che offre un ulteriore livello di sicurezza quando gli utenti tentano di accedere al server. Gli utenti all'interno del dominio ricevono il loro account univoco e devono procedere all'autenticazione per ottenere l'accesso.

Personalizzazione della impostazioni del DNS (Domain Name System) dinamico


Nota: La modifica di queste impostazioni deve essere effettuata soltanto da utenti con una conoscenza specifica del DNS dinamico.

Il DNS dinamico (DDNS) un metodo per mantenere il collegamento tra un nome di dominio fisso, ad esempio www.seagate.com, e l'indirizzo IP in continua mutazione di un computer che utilizza DHCP anzich un indirizzo IP statico. Un servizio DDNS tiene traccia degli indirizzi IP modificati e inoltra tutto il traffico di rete per il proprio nome di dominio all'indirizzo IP corrente, qualunque esso sia. Per personalizzare questa impostazione necessario rivolgersi al provider del servizio DNS.

Aggiunta di un gestore stampanti


possibile rendere disponibile una stampante USB sulla rete locale collegando la periferica a NAS Seagate. Quando si aggiunge un gestore stampanti, necessario selezionare una destinazione per lo spooler. I processi inviati alla stampante vanno ad aggiungersi a quelli in coda: in realt il servizio spooler ad inviare alla stampante i processi in coda.

Aggiunta di ulteriori elementi di sicurezza a NAS Seagate


Aggiungere certificato e chiave SSL al server NAS Seagate e reimpostare la chiave di cifratura del volume. Per aggiungere un certificato e una chiave o per reimpostare la chiave di cifratura del volume, effettuare l'accesso a NAS Manager e selezionare System (Sistema) > Advanced Settings (Impostazioni avanzate).

Aggiungere certificato e chiave SSL al server


Nota: L'aggiunta del supporto SSL al server NAS Seagate deve essere effettuata soltanto da utenti con una conoscenza specifica di questo tipo di cifratura.

SSL, noto anche come TLS (Transport Layer Security), un tipo di cifratura utilizzato per proteggere i dati inviati su una rete o su Internet. Per inviare e ricevere i file in modo sicuro, SSL utilizza un sistema di chiavi, quali le password segrete. Per aggiungere il supporto SSL al server NAS Seagate inserire una coppia certificato/chiave SSL.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

29

NASAdminGuide.book Page 30 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Personalizzazione del NAS Seagate

Configurazione del consumo energetico

Reimpostazione della chiave di cifratura del volume


Se un volume stato protetto con chiave di cifratura, possibile reimpostare la chiave utilizzata. Tuttavia, necessario tenere presente che, reimpostando la chiave di cifratura di un volume cifrato, i dati sul vecchio volume diventano inaccessibili. Seagate raccomanda di eseguire il backup di tutti i dati importanti presenti sul volume prima di reimpostare la chiave di cifratura.

Configurazione del consumo energetico


possibile eseguire alcune regolazioni che consentono di gestire meglio e limitare il consumo energetico di NAS Seagate. Per modificare le impostazioni di risparmio energetico, in NAS Manager selezionare System (Sistema) > Power Settings (Impostazioni di risparmio energetico).

Configurazione di un gruppo di continuit UPS (Uninterruptible Power Supply)


L'UPS (Uninterruptible Power Supply) un dispositivo dotato di batteria che consente il funzionamento di un computer o di un server NAS in caso di interruzione dell'alimentazione. Un UPS fornisce alimentazione sufficiente per consentire il salvataggio dei file in uso e lo spegnimento corretto del computer o del NAS. Gli UPS non sono progettati per garantire il funzionamento del sistema per l'intera durata dell'interruzione dell'alimentazione. Fare clic sulla casella di controllo Enable (Attiva). Se si verifica un'interruzione dell'alimentazione, il server NAS verr arrestato quando la carica della batteria dell'UPS raggiunge il 15% o assicura meno di 5 minuti di funzionamento. (Facoltativo) Per impostare un intervallo che precede l'arresto del server NAS inserire l'ora (in secondi) nella casella Timeout. Ad esempio, impostando 300 secondi, cinque minuti dopo l'interruzione di corrente il server NAS viene spento.

Configurazione di Wake on LAN


La funzione Wake on LAN uno standard di connessione Ethernet che consente al server NAS di accendersi o di riattivarsi in remoto in seguito a un messaggio proveniente dalla stessa rete. Di norma il messaggio viene inviato da un programma eseguito da un computer collegato alla stessa LAN. Se si attiva l'opzione Suspend and Wake on LAN (Sospensione e Wake on LAN) il server NAS viene spento; tuttavia, la scheda di rete rimane attiva e in attesa di uno specifico messaggio di rete. Nel momento in cui la scheda di rete riceve un messaggio Wake on Lan (WOL) dal magic packet, il NAS si accende automaticamente.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

30

NASAdminGuide.book Page 31 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Personalizzazione del NAS Seagate

Abilitazione della virtualizzazione (iSCSI)

Abilitazione della modalit di risparmio energetico


Per impostazione predefinita, quando il server NAS Seagate acceso, l'unit disco ruota senza interruzione. In alcune situazioni, tuttavia, ad esempio la sera, durante il fine settimana o i periodi festivi, possibile che il server non sia utilizzato. La funzionalit Standby HDD con risparmio energetico consente di ridurre i consumi di corrente e abbassare i relativi costi impostando la sospensione della rotazione dell'unit disco non utilizzata e l'attivazione della modalit di standby.

Pianificazione di accensioni/spegnimenti
possibile impostare la pianificazione delle fasi di accensione e di spegnimento del server NAS Seagate. Ad esempio, se non occorre accedere al server NAS durante il fine settimana possibile impostarne lo spegnimento in questo periodo. Si possono selezionare uno o pi giorni, nonch configurare l'ora e i minuti in cui il NAS deve accendersi e spegnersi.

Abilitazione della virtualizzazione (iSCSI)


Lo standard iSCSI (Internet Small Computer System Interface) consente agli utenti di accedere al server NAS Seagate mediante connessione Ethernet, anche se il server non risiede fisicamente vicino al computer. Dopo aver creato l'unit iSCSI su NAS Seagate, gli utenti possono collegarvisi dai propri computer. Lo standard iSCSI la migliore soluzione per trasmettere dati in grandi quantit. I volumi associati a iSCSI devono avere formato RAW. Nota: lo standard iSCSI disponibile soltanto per sistemi operativi Windows. Per collegarsi al server, i computer client devono utilizzare lo strumento di amministrazione Iniziatore iSCSI di Microsoft. Per abilitare lo standard iSCSI, in NAS Manager selezionare Storage (Archiviazione) > Virtualization (iSCSI) (Virtualizzazione (iSCSI)).

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

31

NASAdminGuide.book Page 32 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Personalizzazione del NAS Seagate

Abilitazione della virtualizzazione (iSCSI)

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

32

NASAdminGuide.book Page 33 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Monitoraggio e gestione del NAS Seagate

Monitoraggio di NAS Seagate

5. Monitoraggio e gestione del NAS Seagate


Il monitoraggio e la gestione del NAS Seagate sono due attivit fondamentali per un amministratore. Qualora siano state configurate le notifiche e-mail, si riceveranno automaticamente informazioni utili che aiuteranno a monitorare il NAS. Inoltre, il Dashboard di NAS Manager (Home (Pagina iniziale) > Dashboard) fornisce un breve riepilogo dello stato riguardante lo spazio libero su disco, gli aggiornamenti del firmware e le informazioni sul sistema. Il presente capitolo suddiviso in due sezioni: Monitoraggio di NAS Seagate a pagina 33 Gestione di NAS Seagate a pagina 37

Monitoraggio di NAS Seagate


Mentre gli utenti accedono al NAS per effettuare il backup di dati e trasmettere in streaming file musicali e video, l'amministratore pu avere la necessit di monitorare in modo proattivo lo stato generale del NAS e delle sue unit disco.

Linee guida per la sicurezza e la manutenzione dell'hardware


Di seguito sono riportate le linee guida da seguire per garantire il corretto funzionamento di NAS Seagate. Il mancato rispetto delle linee guida pu determinare un abbassamento del livello di prestazioni o la perdita di dati. Per arrestare e riavviare il server, sempre necessario utilizzare l'applicazione NAS Manager (selezionare System (Sistema) > Administration (Amministrazione)) o premere il pulsante di alimentazione.

Avvertenza: Non staccare la spina del NAS n spegnerlo scollegandolo da una presa multipla. Collocare il server su una superficie orizzontale piana, liscia e stabile. Mantenere il server asciutto e assicurare un adeguato livello di raffreddamento. Non appoggiare sopra o accanto al server oggetti in grado di ostruire le prese d'aria provocando il surriscaldamento dell'apparecchiatura. Pulire le superfici esterne del server utilizzando un panno leggermente inumidito (evitare l'utilizzo di qualsiasi tipo di detergente). Prima di procedere alla pulizia, scollegare il server dalla presa di corrente per evitare il rischio di scosse elettriche.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

33

NASAdminGuide.book Page 34 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Monitoraggio e gestione del NAS Seagate

Monitoraggio di NAS Seagate

Non tentare di aprire o rimuovere il contenitore esterno del server. Per ottenere aiuto nella sostituzione di unit contattare il servizio di assistenza Seagate all'indirizzo www.seagate.com/support. Non rimuovere mai pi di una unit per volta. In caso contrario, si verificher una perdita di dati. Rivolgersi a un servizio di assistenza professionale se si verificano le seguenti condizioni: Il cavo di alimentazione del NAS danneggiato. stato versato del liquido nel NAS o questo stato esposto all'acqua. Il NAS caduto o il contenitore esterno danneggiato. Il NAS non funziona normalmente anche se sono state seguite tutte le istruzioni per il corretto funzionamento.

Monitoraggio dello stato mediante i LED del NAS


Ogni NAS Seagate dispone di diversi LED a supporto degli specifici componenti di cui dotato. Fare clic su uno degli argomenti elencati di seguito per visualizzarne la descrizione: Monitoraggio di NAS Seagate da 1 alloggiamenti mediante i LED a pagina 35 Monitoraggio di NAS Seagate da 2 alloggiamenti mediante i LED a pagina 35 Monitoraggio di NAS Seagate da 4 alloggiamenti mediante i LED a pagina 36

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

34

NASAdminGuide.book Page 35 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Monitoraggio e gestione del NAS Seagate

Monitoraggio di NAS Seagate

Monitoraggio di NAS Seagate da 1 alloggiamenti mediante i LED


Tabella 4: LED Pulsante OneTouch LED dei pannelli anteriore e posteriore del NAS da 1 alloggiamento Stato e colore Blu fisso Blu lampeggiante Giallo fisso Stato del sistema Blu fisso Blu lampeggiante Giallo fisso Spento Attivit del disco rigido Porta LAN (LED sinistro e destro) Blu fisso Giallo fisso Spento Verde fisso (S) Arancione lampeggiante (D) Indicazione Pronto per il backup Backup in corso Errore NAS pronto per l'uso Il NAS si sta avviando o spegnendo Errore di sistema nel NAS Il NAS spento Unit installata e correttamente funzionante Guasto all'unit Nessuna connessione di rete sulla porta Connessione a una rete Gigabit Ethernet Connessione di rete

Monitoraggio di NAS Seagate da 2 alloggiamenti mediante i LED


Tabella 5: LED LED dei pannelli anteriore e posteriore del NAS da 2 alloggiamenti Stato e colore Indicazione LED del pannello anteriore Gestione energetica Stato del sistema Blu fisso Spento Blu fisso Blu lampeggiante Giallo fisso Stato del disco rigido Blu fisso Blu lampeggiante Il NAS acceso Il NAS spento NAS pronto per l'uso Il NAS in fase di accensione Il RAID in fase di ricostruzione Nel NAS si verificato un errore di sistema, del RAID o del disco rigido L'unit pronta Attivit dell'unit LED del pannello posteriore Porta LAN Spento Arancione lampeggiante (S) Verde (D) Nessuna connessione di rete sulla porta Attivit del collegamento Connessione di rete

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

35

NASAdminGuide.book Page 36 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Monitoraggio e gestione del NAS Seagate

Monitoraggio di NAS Seagate

Monitoraggio di NAS Seagate da 4 alloggiamenti mediante i LED


Tabella 6: LED Gestione energetica LED dei pannelli anteriore e posteriore del NAS da 4 alloggiamenti Stato e colore Blu fisso Spento Stato del sistema Blu fisso Giallo fisso Porta LAN 1 Spento Blu fisso Blu lampeggiante Porta LAN 2 Spento Blu fisso Blu lampeggiante Unit disco 1 Blu fisso Giallo fisso Unit disco 2 Blu fisso Giallo fisso Unit disco 3 Blu fisso Giallo fisso Unit disco 4 Blu fisso Giallo fisso Indicazione Il NAS acceso Il NAS spento NAS pronto per l'uso Errore di sistema nel NAS Nessuna connessione di rete sulla porta Connessione di rete attiva sulla porta Connessione di rete occupata Nessuna connessione di rete sulla porta Connessione di rete attiva sulla porta Connessione di rete occupata Unit disco installata e correttamente funzionante Unit disco rimossa o danneggiata Unit disco installata e correttamente funzionante Unit disco rimossa o danneggiata Unit disco installata e correttamente funzionante Unit disco rimossa o danneggiata Unit disco installata e correttamente funzionante Unit disco rimossa o danneggiata

Monitoraggio dello stato generale dell'unit


In NAS Manager, selezionare System (Sistema) > Drive Diagnostics (Controlli diagnostici dell'unit. NAS Seagate dotato di SMART (Self-Monitoring Analysis and Reporting Technology), una tecnologia integrata nelle unit Seagate grazie alla quale queste ultime eseguono un auto-monitoraggio e segnalano gli eventuali problemi.
Nota: SMART funziona soltanto su unit Seagate.

Per eseguire la diagnostica SMART: selezionare un'unit dalla lista. Le informazioni sull'unit e sullo stato di funzionamento SMART vengono automaticamente visualizzate nelle prime due sezioni della pagina dell'applicazione.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

36

NASAdminGuide.book Page 37 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Monitoraggio e gestione del NAS Seagate

Gestione di NAS Seagate

Per eseguire il test rapido SMART sull'unit: selezionare l'unit interessata dall'elenco, quindi fare clic su Run SMART short test on drive (Esegui test rapido SMART sull'unit). Il test rapido consente di verificare le prestazioni elettriche e meccaniche e le prestazioni di lettura del disco. I risultati vengono visualizzati nella casella S.M.A.R.T. Short Test Status (Stato test rapido S.M.A.R.T.).

Monitoraggio dello stato generale del NAS


Seagate consiglia vivamente agli amministratori di configurare le notifiche e-mail in modo da riceverle tutte (pianificazione, amministratore e avviso). Tali notifiche e-mail contengono informazioni su interruzioni dell'alimentazione elettrica, eventuali avarie dell'unit disco rigido, la necessit o meno di sostituire quest'ultima, ecc. inoltre possibile monitorare la temperatura della ventola del NAS selezionando System (Sistema) > Administration (Amministrazione), e scegliendo quindi CPU o Board (Scheda) per ricevere la lettura della temperatura. La velocit della ventola si regola automaticamente in modo da compensare un eventuale surriscaldamento dell'hardware. Qualora la temperatura della CPU superi il valore di 55,0 C, prendere adeguate misure proattive, che possono comprendere lo spegnimento del NAS. SUGGERIMENTO: Nel caso in cui si verifichi una simile condizione e in precedenza siano state configurate le notifiche e-mail, si ricever automaticamente un messaggio contenente informazioni sull'evento.

Gestione di NAS Seagate


Per garantire un funzionamento ottimale di NAS Seagate necessario eseguire alcune operazioni

Aggiornamento del firmware


I prodotti Seagate funzionano tramite firmware. Possedere i firmware pi recenti pu migliorare le prestazioni e/o l'affidabilit del NAS. Seagate consiglia di applicare i nuovi firmware per aumentare le prestazioni e/o l'affidabilit dell'unit. Esistono svariati modi in cui possibile ottenere informazioni sugli aggiornamenti del firmware: Controllare il Dashboard (Home (Pagina iniziale) > Dashboard) per verificare se vi siano messaggi su eventuali aggiornamenti disponibili. Configurare le notifiche e-mail (System (Sistema) > Administration (Amministrazione)) in modo da ricevere le notifiche per gli amministratori. Configurare gli aggiornamenti del firmware (Systems (Sistemi) > Firmware Update (Aggiornamento firmware)) in modo che vengano installati automaticamente oppure venga inviato un avviso quando sono disponibili aggiornamenti.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

37

NASAdminGuide.book Page 38 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Monitoraggio e gestione del NAS Seagate

Gestione di NAS Seagate

Gestione dell'utilizzo dello spazio di archiviazione


possibile gestire l'utilizzo dello spazio di archiviazione su NAS Seagate impostando limiti di archiviazione per gli utenti tramite l'assegnazione di quote. Per gestire l'utilizzo dello spazio di archiviazione, in NAS Manager selezionare Storage (Archiviazione) > Quota (Quota). Impostare i limiti per lo spazio di archiviazione riservato a ogni account utente. necessario dapprima abilitare Quota service (Servizio quota) per un volume, quindi si pu immettere una specifica quantit di spazio di archiviazione (in GB) da assegnare a ciascun account utente. Talvolta pu succedere che un utente superi la quota impostata. quindi possibile configurare un periodo di tolleranza durante il quale l'utente pu continuare a superare la quota. Lo spazio di archiviazione predefinito che viene aggiunto con un periodo di tolleranza pari a 100 megabyte (MB).

Gestione dei download Web


possibile gestire attivit di download Web di grandi volumi in modo da evitare il sovraccarico del server NAS Seagate. In NAS Manager, selezionare Storage (Archiviazione) > Download Manager (Gestione utilit di download). Download Manager inserisce le attivit di download in una coda. Le attivit vengono eseguite nell'ordine in cui compaiono nella coda. possibile riorganizzare la coda in modo da assegnare nuove priorit alle attivit di download, stabilire limiti all'esecuzione di tali attivit e impostare data e ora. Oltre a ordinare ed eliminare le attivit in attesa di download, si pu anche selezionare il numero massimo di file che possibile scaricare simultaneamente e impostare la velocit massima di download (in byte, kilobyte, o megabyte al secondo).

Recupero di file eliminati


possibile configurare NAS Seagate in modo che provveda a salvare file eliminati da una cartella condivisa, consentendone quindi il recupero in un momento successivo. Tale funzione si rivela utile qualora un utente elimini accidentalmente un file da una o pi cartelle condivise a cui ha accesso.
Nota: necessario attivare il Cestino per la cartella condivisa. Per abilitare il cestino per una cartella condivisa, fare clic su Storage (Archiviazione) > Shared Folders (Cartelle condivise).

possibile personalizzare il cestino specificando il numero di giorni durante i quali conservare i file eliminati, impostandone la dimensione massima e configurando in esso dei filtri per specifici file e directory. In NAS Manager, selezionare Storage (Archiviazione) > Recycle Bin Manager (Gestore cestino). Per recuperare file eliminati, nella scheda Recycle Bin Volume (Volume cestino) selezionare il nome del file, quindi fare clic su Undelete (Annulla eliminazione).

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

38

NASAdminGuide.book Page 39 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Monitoraggio e gestione del NAS Seagate

Gestione di NAS Seagate

Migrazione di dati
In caso di avaria del proprio hardware possibile spostare l'unit su un diverso dispositivo. Attualmente i percorsi di migrazione supportati sono quelli tra due NAS Seagate da 2 alloggiamenti e tra due NAS Seagate da 4 alloggiamenti.
Nota: La migrazione supportata soltanto con NAS simili. Non possibile, ad esempio, eseguire la migrazione di dati da un NAS Seagate risalente a due anni prima a un NAS Seagate nuovo.

Migrazione di dati da un NAS da 2 alloggiamenti


NAS Seagate da 2 alloggiamenti pu essere configurato con una o due unit. Rimuovere una o entrambe le unit originali e spostarle su un altro NAS Seagate da 2 alloggiamenti.
Nota: Non possibile rimuovere o scambiare una unit con una unit esterna, n aggiungere una nuova unit.

Se la configurazione originaria del NAS da 2 alloggiamenti prevede l'utilizzo di una sola unit, prelevare quest'ultima dal NAS in avaria e inserirla nel nuovo NAS da 2 alloggiamenti; il NAS deve avviarsi automaticamente. Se la configurazione originaria del NAS da 2 alloggiamenti prevede l'utilizzo di due unit, prelevare queste ultime dal NAS in avaria e inserirle nel nuovo NAS da 2 alloggiamenti; il NAS deve avviarsi automaticamente.

Migrazione di dati da un NAS da 4 alloggiamenti


Un NAS Seagate da 4 alloggiamenti pu essere configurato con 1, 2, 3 o 4 unit. Rimuovere una o pi unit originali e spostarle su un altro NAS Seagate da 4 alloggiamenti.
Nota: Non possibile rimuovere o scambiare una unit con una unit esterna, n aggiungere una nuova unit.

Se la configurazione originaria del NAS da 4 alloggiamenti prevede l'utilizzo di una sola unit, prelevare quest'ultima dal NAS in avaria e inserirla nel nuovo involucro da 4 alloggiamenti; il NAS deve avviarsi automaticamente. Se la configurazione originaria del NAS da 4 alloggiamenti prevede l'utilizzo di due unit, prelevare queste ultime dal NAS in avaria e inserirle nel nuovo involucro da 4 alloggiamenti; il NAS deve avviarsi automaticamente.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

39

NASAdminGuide.book Page 40 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Monitoraggio e gestione del NAS Seagate

Gestione di NAS Seagate

Se la configurazione originaria del NAS da 4 alloggiamenti prevede l'utilizzo di tre unit, prelevare queste ultime dal NAS in avaria e inserirle nel nuovo involucro da 4 alloggiamenti; il NAS deve avviarsi automaticamente. Se la configurazione originaria del NAS da 4 alloggiamenti prevede l'utilizzo di quattro unit, prelevare queste ultime dal NAS in avaria e inserirle nel nuovo involucro da 4 alloggiamenti; il NAS deve avviarsi automaticamente.

Reimpostazione di NAS Seagate


Per reimpostare il nome di NAS Seagate, nonch l'impostazione DHCP (modalit di rete) e la password di accesso, procedere come segue.
Nota: Per eseguire questa attivit utilizzare una graffetta o un piccolo oggetto appuntito.

1. Spostandosi con attenzione, raggiungere la parte posteriore del server. 2. Assicurarsi che il NAS sia acceso e connesso alla LAN. 3. Sulla parte posteriore del NAS, cercare una piccola apertura. Il pulsante di ripristino si trova all'interno dell'apertura. 4. Inserire la punta della graffetta nell'apertura, quindi tenere premuto il pulsante di ripristino. Non rilasciare ancora il pulsante. 5. Tenere premuto il pulsante di ripristino finch il LED di stato del sistema sulla parte frontale del NAS non inizi a lampeggiare. Tale operazione potrebbe richiedere alcuni secondi. 6. Rilasciare il pulsante di ripristino. Il NAS viene riavviato automaticamente. Quando il NAS riavviato e i LED sulla parte frontale sono accesi, il ripristino completato. Il NAS viene rinominato BA-MAC address (BA-indirizzo MAC) dove MAC address (indirizzo MAC) costituito dagli ultimi sei caratteri dell'indirizzo MAC del NAS.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

40

NASAdminGuide.book Page 41 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Risoluzione dei problemi

Suggerimenti per la risoluzione di problemi generali

6. Risoluzione dei problemi


In questo capitolo vengono fornite le soluzioni ai problemi pi comuni che si possono verificare durante la configurazione e l'utilizzo del NAS Seagate. Suggerimenti per la risoluzione di problemi generali a pagina 41 Problemi e soluzioni comuni a pagina 41

Suggerimenti per la risoluzione di problemi generali


In caso di problemi relativi alla configurazione o all'utilizzo del NAS Seagate seguire le indicazioni riportate di seguito. Verificare che il NAS sia connesso in modo corretto alla rete locale. Verificare che il cavo Ethernet sia collegato e funzioni correttamente. Verificare che la rete funzioni in modo corretto. Verificare che il NAS sia collegato in modo corretto a una presa di alimentazione e che sia acceso. Controllare che tutte le unit disco funzionino correttamente. Assicurarsi che il computer soddisfi i requisiti di sistema del NAS Seagate. Per ulteriori informazioni vedere Requisiti di sistema a pagina 8. Verificare che il computer esegua un browser Web supportato. Per un elenco dei browser supportati vedere Requisiti di sistema a pagina 8. Assicurarsi di eseguire l'accesso utilizzando il nome utente e la password amministratore corretti. Tenere presente che per le password viene fatta distinzione tra maiuscole e minuscole.

Problemi e soluzioni comuni


In questa sezione vengono fornite le soluzioni ai problemi comuni che possono verificarsi in NAS Seagate.

Impossibile eseguire la connessione al NAS sulla rete locale.


Verificare che il NAS sia acceso e connesso alla rete. Provare a connettersi al NAS da un altro computer. Provare a utilizzare un altro cavo Ethernet.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

41

NASAdminGuide.book Page 42 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Risoluzione dei problemi

Problemi e soluzioni comuni

Impossibile eseguire la connessione al NAS sul Web.


Verificare che sul NAS sia attivato Global Access. In NAS Manager, selezionare Sharing (Condivisione) > Global Access. Attivare Email Setup (Configurazione e-mail) in NAS Manager e inviare un'e-mail di prova. Selezionare System (Sistema) > Administration (Amministrazione).

Impossibile aprire NAS Manager.


Verificare che il NAS sia acceso e connesso alla rete. Eseguire NAS Discovery, provare di nuovo a eseguire la connessione al server, quindi riavviare NAS Manager.

Impossibile eseguire l'accesso a NAS Manager.


Assicurarsi di utilizzare un nome utente e una password validi. Tenere presente che per i nomi utente e le password viene fatta distinzione tra maiuscole e minuscole.

Impossibile accedere a una cartella condivisa.


Assicurarsi di disporre dell'autorizzazione di accesso alla cartella. Assicurarsi di utilizzare un nome utente e una password validi. Tenere presente che per i nomi utente e le password viene fatta distinzione tra maiuscole e minuscole. possibile che il volume contenente la condivisione sia danneggiato a causa di un errore o di un guasto dell'unit disco. Verificare lo stato delle unit disco del server (per ulteriori informazioni, vedere Capitolo 5 Monitoraggio e gestione del NAS Seagate a pagina 33).

Impossibile accedere a un file presente in una cartella condivisa.


Assicurarsi di disporre dell'autorizzazione di accesso al file. possibile che il volume contenente la condivisione sia danneggiato a causa di un errore o di un guasto dell'unit disco. Verificare lo stato delle unit disco del server (per ulteriori informazioni, vedere Capitolo 5 Monitoraggio e gestione del NAS Seagate a pagina 33).

Impossibile archiviare altri file su un volume condiviso perch tale volume pieno.
Valutare l'opportunit di rimuovere alcuni dei file archiviati sul NAS.

Aggiornamento del firmware non riuscito.


Provare ad aggiornare il firmware in modo manuale. Per informazioni, contattare il servizio di assistenza tecnica Seagate all'indirizzo www.seagate.com/support

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

42

NASAdminGuide.book Page 43 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Risoluzione dei problemi

Problemi e soluzioni comuni

Un volume danneggiato.
possibile che si sia verificato un guasto nell'unit disco. Per informazioni, contattare il servizio di assistenza tecnica Seagate all'indirizzo www.seagate.com/support

Impossibile eseguire lo streaming di file musicali dal NAS Seagate.


Accertarsi che sul computer sia installato iTunes. Assicurarsi di utilizzare un computer connesso alla rete locale. Verificare di avere accesso alla cartella condivisa in cui sono archiviati i file musicali.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

43

NASAdminGuide.book Page 44 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Risoluzione dei problemi

Problemi e soluzioni comuni

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

44

NASAdminGuide.book Page 45 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Glossario

7. Glossario
accesso globale
Funzione che consente di accedere in remoto ai contenuti archiviati su un NAS Seagate da un browser Web o da un'applicazione supportata presente su un dispositivo mobile.

accesso locale
Accesso al server da un computer presente sulla rete locale. Il termine indica anche l'accesso manuale al server, operazione che implica il contatto fisico con il server o i relativi cavi.

account gruppo
In NAS Manager, insieme di account utente raggruppati per facilitare e rendere pi rapida la gestione dell'accesso alle condivisioni. Tutti gli utenti appartenenti a un gruppo dispongono dello stesso livello di accesso a una particolare condivisione. Vedere anche account utente.

account utente
Account con nome utente e password utilizzato da una persona per eseguire l'accesso a NAS Seagate. Ai nomi utente sono associati i livelli di autorizzazione.

amministratore
Un amministratore NAS responsabile del server NAS e di tutte le relative impostazioni. Un amministratore pu impostare o eliminare account utente, account gruppo e condivisioni, assegnare o rimuovere autorizzazioni di accesso, modificare le impostazioni del server nonch creare altri amministratori. Vedere anche utente.

backup di archivio
Vedere chiave RSA.

cartella condivisa
Cartella condivisa di NAS Seagate in cui vengono archiviati e protetti i file di backup, oltre ad altri file a cui possono accedere pi utenti.

certificato SSL
Certificato Secure Socket Layer, parte del metodo di cifratura SSL. SSL, noto anche come TLS (Transport Layer Security), un tipo di cifratura utilizzato per proteggere i dati inviati su una rete o su Internet. Per inviare e ricevere i file in modo sicuro, SSL utilizza un sistema di chiavi, quali le password segrete.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

45

NASAdminGuide.book Page 46 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Glossario

CIFS
Acronimo di Common Internet File System. File system che consente a persone che utilizzano computer diversi con sistemi operativi Windows di condividere i file senza installare specifiche applicazioni software.

condivisione privata
Cartella condivisa a cui possono accedere soltanto gli utenti autorizzati dal proprietario della condivisione.

dominio
Gruppo di computer amministrato come unit singola da una posizione centralizzata.

evento
Problema o modifica della configurazione del NAS. Ad esempio, sono considerati eventi sia la modifica del nome del NAS che il guasto di un'unit disco.

Filtri IP
Impostazioni che offrono la possibilit di consentire o negare l'accesso a NAS Seagate in base a un indirizzo IP.

firmware
Software integrato nell'hardware.

formattazione
Preparazione del disco rigido per la lettura e la scrittura di dati. La formattazione cancella eventuali informazioni gi presenti sull'unit disco, sottopone quest'ultima a test e la prepara per l'utilizzo. La formattazione pu distruggere eventuali file presenti sull'unit disco. Per utilizzare un'unit disco, prima necessario formattarla.

FTP
Acronimo di File Transfer Protocol. Formato per lo scambio di file su Internet. FTP viene normalmente utilizzato per caricare o scaricare file da un server su Internet.

gruppo di lavoro
Insieme di computer presenti su una rete che condividono le risorse.

hot-swap
Operazione che consiste nel rimuovere e sostituire un'unit disco senza prima spegnere il server.

HTTP
Acronimo di Hypertext Transfer Protocol. Regole per lo scambio dei pi comuni formati di documento (documenti ipertestuali) su Internet.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

46

NASAdminGuide.book Page 47 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Glossario

HTTPS
Acronimo di Hypertext Transfer Protocol over Secure Socket Layer. Regole per lo scambio di documenti HTTP su connessioni cifrate.

chiave RSA
Strumento di decodifica incluso in SSL, un tipo di cifratura utilizzato per proteggere i dati inviati su una rete o su Internet. RSA l'acronimo di Rivest, Shamir e Adelman, creatori della tecnologia.

indirizzo IP
Identificatore di un computer, server o altra periferica presente in una rete TCP/IP. Gli indirizzi IP sono sequenze di quattro numeri separate da punti, ad esempio 123.456.78.1. Ogni periferica presente sulla rete locale dispone di un indirizzo IP univoco.

JBOD
Acronimo di Just a Bunch of Drives. Vedere spanning.

livello di accesso
Tipo di accesso a NAS Seagate di cui dispone un utente. Noto anche come livello di autorizzazione. Nell'applicazione NAS Manager sono disponibili due livelli di autorizzazione: amministratore e utente.

mirroring
Livello di protezione RAID noto anche come RAID 1. Il mirroring viene realizzato tra due unit disco, dove una la copia esatta dell'altra (su ciascuna unit disco sono archiviati gli stessi dati). Rispetto alle unit disco indipendenti, un volume con mirroring offre prestazioni migliori ma soltanto il 50% della capacit.

NFS
Acronimo di Network File System. Applicazione che consente agli utenti di una rete di condividere file archiviati su differenti tipi di computer.

parit
Dati creati in volumi con protezione RAID 5 e utilizzati per ricostruire i file in caso di guasto di una delle unit disco del server. Vedere anche RAID 5.

protocollo di accesso Web


Regole per l'invio di informazioni su Internet. Con NAS Seagate possibile utilizzare due protocolli di accesso Web, HTTP e HTTPS.

RAID
Acronimo di Redundant Array of Independent Disks. Tecnologia che consente di combinare le unit disco per migliorarne le prestazioni e la tolleranza di errore, ovvero la capacit di far fronte al guasto di un'unit disco.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

47

NASAdminGuide.book Page 48 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Glossario

RAID 0
Vedere striping.

RAID 1
Vedere mirroring.

RAID 10
Livello di protezione RAID. Un volume con RAID 10 costituito da due o pi volumi RAID 1 di uguali dimensioni. I dati presenti in un volume con RAID 10 sono sottoposti sia a striping che a mirroring. Il mirroring garantisce la protezione dei dati, mentre lo striping migliora le prestazioni. Vedere anche mirroring e striping.

RAID 5
Livello di protezione RAID. Un volume con protezione RAID 5 costituito da almeno tre unit disco e utilizza lo striping e i dati di parit per assicurare la ridondanza. Il termine parit indica informazioni aggiuntive utilizzate per ricreare i dati in caso di guasto di un'unit disco. Nei volumi con RAID 5, i dati di parit vengono distribuiti in blocchi uguali tra le unit disco insieme ai dati archiviati. I dati di parit garantiscono la protezione dei dati, mentre lo striping migliora le prestazioni. Vedere anche striping.

server NTP (Network Time Protocol)


Sincronizza la data e l'ora dei computer e dei server presenti su una rete, in base allo standard UTC (Coordinated Universal Time).

Servizio Seagate Global Access


Servizio che consente di visualizzare, scaricare, condividere e utilizzare da ogni parte del mondo i file archiviati su NAS Seagate. possibile utilizzare Global Access anche per caricare file su NAS Seagate.

SMART
Acronimo di Self-Monitoring Analysis and Reporting Technology. Tecnologia integrata nelle unit disco grazie alla quale queste ultime eseguono un auto-monitoraggio e segnalano gli eventuali problemi. La tecnologia SMART non supportata in tutte le unit disco.

sospensione della rotazione


Riferito alle unit disco, il termine indica l'arresto della rotazione.

spanning
Gruppo di unit disco combinate in un server, non protetto da RAID. Noto anche come JBOD. Vedere anche RAID.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

48

NASAdminGuide.book Page 49 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Glossario

striping
Noto anche come RAID 0. Un volume con striping costituito da due o pi unit disco in cui i dati sono sottoposti a striping, ovvero sono distribuiti in blocchi uguali tra le unit disco. Un volume con striping non fornisce la ridondanza, quindi non garantisce la protezione dei dati. Rispetto a un gruppo di uguali dimensioni di unit disco indipendenti, tuttavia, un volume con striping offre prestazioni migliori.

unit disco rigido USB esterna


Vedere unit USB.

unit USB
Unit disco portatile che, anzich essere installata all'interno del computer, viene collegata a quest'ultimo mediante un cavo USB. Esempi di questo tipo di dispositivi sono le chiavi USB, le unit flash e le unit disco rigido USB esterne.

UPS
Acronimo di Uninterruptible Power Supply. Dispositivo dotato di batteria che consente il funzionamento di un computer o di un server in caso di interruzione dell'alimentazione. Un UPS fornisce alimentazione sufficiente per consentire il salvataggio dei file in uso e lo spegnimento corretto del computer. Gli UPS non sono progettati per garantire il funzionamento del sistema per l'intera durata dell'interruzione dell'alimentazione.

USB
Acronimo di Universal Serial Bus. Interfaccia tra il computer e le periferiche USB ad esso collegate. Il computer comunica con le periferiche USB tramite l'interfaccia USB.

utente
In NAS Manager, persona che pu utilizzare NAS Seagate per salvare, eseguire il backup e condividere i file, ma che non autorizzata a modificare gli account utente, gli account gruppo, le condivisioni e le impostazioni del server.

volume
Spazio di archiviazione dei dati che pu essere costituito da una o pi unit disco o soltanto da una parte di una singola unit disco.

wake on lan
La funzione Wake on LAN uno standard di connessione Ethernet che consente al server NAS di accendersi o di riattivarsi in seguito a un messaggio proveniente dalla stessa rete.

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

49

NASAdminGuide.book Page 50 Wednesday, July 24, 2013 11:47 AM

Glossario

Guida per amministratori di Seagate Business Storage NAS

50