Sei sulla pagina 1di 193

Piergiorgio Odifreddi

Cera una volta un paradosso


Storie di illusioni e verit rovesciate
Grandi tascabili Einaudi Edizione 2001

That we call the biginning is often the end And to make an end is to make a biginning, The end is where we start from. T.S. ELIOT, Little Gidding, da Four Quartets

Sommario
Introduzione paradossale...................................................................................................................6 Cera una volta il paradosso............................................................................................................10 Capitolo primo..................................................................................................................................11

Immacolate ercezioni.................................................................................................................. ..............11 Occ!io er occ!io, orecc!io er orecc!io................................................................................... ................11 Se ne "edono di tutti colori......................................................................................................... ................1# E ur $non% si muo"e......................................................................................................... ........................20 S ecc!io delle mie brame............................................................................................................ ...............2& 'on facciamoci tro e illusioni........................................................................................................ ..........2( L)arte dell)illusione............................................................................................................................. ........*2 'on erdiamo la ros etti"a............................................................................................................ ...........** +i scusiamo er il disturbo................................................................................................ .........................*, -a c!i ci crede...................................................................................................................................... .....&1 +ose dell)altro mondo.............................................................................................................................. ...(0 La religione in illole................................................................................................................................ ..(0 /io e /ia"olo, S. .0................................................................................................................................. ..(1 I aradossi in croce..................................................................................................................... ................(* 0 lausi a una mano sola......................................................................................................... ..................(, 1ogliamo sc!erzare....................................................................................................................... .............#0 -ettiamo la mamma a letto................................................................................................. .......................#2 La c!imica del aradosso...................................................................................................................... ......#& 2na assione er l)enigmistica................................................................................................ ...................,0 Immacolate concezioni........................................................................................................... ....................,& 'on badiamo alle a arenze............................................................................................................ ...........,( 3acciamo gli indiani......................................................................................................... ..........................,# Sogno o son desto................................................................................................................ ......................,4 La Luna c)5, 6uando nessuno la guarda............................................................................. ........................40 Possono due gemelli a"ere un)et7 di"ersa........................................................................................ ..........4* -essaggi dal futuro............................................................................................................. .......................4# 0"anti tutta, "erso il assato.................................................................................................... ...................44 Guarda c!e coincidenza................................................................................................................ ..............81 Storia a ocrifa di un mentitore.................................................................................................................... 8& E imenide............................................................................................................................................. ......8( Eubulide.................................................................................................................................................... ..8# 0ristotele............................................................................................................................... .....................8, +icerone.................................................................................................................................................... ..8, /iogene Laerzio.............................................................................................................. ...........................84 9uridano.................................................................................................................................... .................88 Soluzioni medie"ali............................................................................................................. .....................100 +er"antes.................................................................................................................................. ................101 :ussell.................................................................................................................................. ....................10* +urr;...................................................................................................................................................... ...10& G<del..................................................................................................................................... ...................10( =uine..................................................................................................................................... ...................10( Tars>i.......................................................................................................................................... ..............10, ?ri >e............................................................................................................................................. ..........10, 0ustin................................................................................................................................. ......................108 Smull;an......................................................................................................................................... ..........110 9ateson............................................................................................................................ .........................111 2n)ultima menzogna............................................................................................................................. ....11* La corsa nel tem o della tartaruga.................................................................................... ........................11( @enone.................................................................................................................................... ..................11( Aui S!i e +!uang Tzu..................................................................................................................... ..........11# Platone.................................................................................................................................... ..................11, Eubulide............................................................................................................................................. .......11, Pirrone.............................................................................................................................. ........................114 *

Capitolo secondo...............................................................................................................................32

Capitolo terzo....................................................................................................................................50

Capitolo quarto.................................................................................................................................7

Capitolo quinto.................................................................................................................................!

Capitolo sesto..................................................................................................................................115

0ristotele........................................................................................................................ ..........................114 0rc!imede..................................................................................................................... ...........................118 0gostino.................................................................................................................................................... 118 0"icenna................................................................................................................................. ..................118 Tommaso d)06uino............................................................................................................ ......................120 Gregorio da :imini..................................................................................................................... ..............121 +artesio................................................................................................................................................ .....121 3ermat................................................................................................................................................... ....122 Torricelli............................................................................................................................... ....................122 Gregorio da San 1incenzo.................................................................................................. ......................12& Sterne................................................................................................................................................. .......12( ?ant........................................................................................................................................ ..................12# Lotze................................................................................................................................................ .........12# Sc!o en!auer........................................................................................................................................... .12# +antor....................................................................................................................................... ................12, +arroll................................................................................................................................................... ....124 9radle; e :o;ce...................................................................................................................................... ..1*2 9ergson.............................................................................................................................................. .......1** /unne................................................................................................................................. ......................1*& ?af>a..................................................................................................................................... ...................1*& 9orges................................................................................................................................................. ......1*( Goodstein............................................................................................................................................... ...1*# T!omson....................................................................................................................................... ............1*, Esc!er....................................................................................................................................... ................1*4 3ine della corsa.............................................................................................................................. ...........1&0 0d un asso dal traguardo........................................................................................................................ .1&0

Capitolo settimo..............................................................................................................................1 1

I araBdoCa della democrazia.................................................................................................... ................1&1 La "otazione a maggioranza............................................................................................ .........................1&2 Il aradosso di +ondorcet................................................................................................... ......................1&* Problemi di eso..................................................................................................................... ..................1&& Il teorema di 0rroD.............................................................................................................................. .....1&# Il aradosso dell)0labama................................................................................................. .......................1&4 Pro orzionale o maggioritario............................................................................................................. .....1&8 Sguardo aradossale al futuro...................................................................................................... .............1(1 +ose da non credere......................................................................................................................... .........1(1 Sor rese annunciate................................................................................................................... ...............1(2 Scelte determinate................................................................................................................................. ....1(* Onniscienza im otente......................................................................................................................... .....1(( 'on ensare tro o er la tua intelligenza...................................................................................... ..........1(( -ucc!i, smeraldi e cor"i.............................................................................................. ............................1(, L)induzione matematica.................................................................................................................. ..........1(, L)induzione scientifica...................................................................................................................... ........1(8 /eduzioni sull)induzione.............................................................................................................. ............1#1 /ai aradossi ai teoremi................................................................................................ ...........................1#2 Pitagora................................................................................................................................................ .....1#2 @enone........................................................................................................................................ ..............1#* Eubulide................................................................................................................................................. ...1#& /uns Scoto............................................................................................................................................... .1#( +ardano......................................................................................................................... ...........................1## 3ermat................................................................................................................................................... ....1#, Galileo.................................................................................................................................. ....................1#8 Torricelli............................................................................................................................... ....................1#8 Grandi............................................................................................................................................. ..........1,1 Leibniz e Eo!ann 9ernoulli...................................................................................................... .................1,2 Ea>ob 9ernoulli................................................................................................................................. ........1,* ?ant........................................................................................................................................ ..................1,& 3ourier.................................................................................................................................. ....................1,( /iric!let........................................................................................................................................... .........1,# 0ncora /iric!let.................................................................................................................. .....................1,, -<bius............................................................................................................................................... .......1,8 Peano..................................................................................................................................... ...................142 Aea"iside.................................................................................................................................. ................14& :o;ce................................................................................................................................................. .......14( :ussell.................................................................................................................................. ....................14# &

Capitolo ottavo................................................................................................................................151

Capitolo nono..................................................................................................................................157

Capitolo decimo..............................................................................................................................162

:ic!ard.............................................................................................................................. .......................14, ?oc!.................................................................................................................................... .....................144 9err;................................................................................................................................................ .........180 S>olem.............................................................................................................................................. ........181 9anac! e Tars>i...................................................................................................................................... ...182 1i"ano i aradossiF.............................................................................................................. .....................18*

Introduzione aradossale
G+)era una "olta un aradosso, ma ora il tem o l)!a risoltoH, dice 0mleto a Ofelia1. S!a>es eare sta arlando dell)amoreI il 6uale, naturalmente, 5 gi7 un bel aradosso di er sJ. -a, come s esso accade, i oeti "edono iK lontano di 6uanto essi stessi immaginino. L)es ressione paradoxon significa, infatti, Goltre l)o inione comuneH2. E oic!J gli indi"idui ossono anc!e essere intelligenti e colti, ma le masse sono sicuramente beote e ignoranti, l)o inione comune 5 6uasi sem re sbagliata. /un6ue, i aradossi sono 6uasi sem re ure e sem lici "erit7, ed il tem o si di"erte a solle"are lembi del grande "elo c!e le nasconde. Il c!e significa, s esso, c!e ambiguit7, rom ica i, dilemmi, enigmi, misteri, illusioni, inganni, abbagli, sbagli, inconsistenze, contraddizioni e assurdit7 si risol"ono. E, risol"endosi, si trasformano in curiosit7 e sottigliezze, 6uando non addirittura, come "edremo, in teoremi. E significa anc!e c!e i aradossi sono da ertutto. /un6ue, nemmeno un)enciclo edia uL contenerli tutti, e 6ualsiasi libro uL solo s erare di mostrarne 6ualcuno. =uesto, in articolare, non tratter7 degli ubi6ui aradossi della "ita 6uotidiana, c!e in"estono le nostre abitudini iK in"eterate e le nostre credenze iK "iscerali. 0d esem io, il fatto c!e s endiamo fior di 6uattrini er mantenere i nostri locali a tem erature in"ernali d)estate ed esti"e d)in"erno. O corriamo ad arrostirci al mare nel eriodo iK caldo dell)anno e a gelare in montagna nel eriodo iK freddo. O ci illudiamo di andare all)a""entura in luog!i inaccessibili, con "iaggi organizzati e in "illaggi turistici. O ci entusiasmiamo allo s ort, seduti di fronte alla tele"isione. O ci esibiamo a ta"ola e ci nascondiamo in bagno, immemori de Il fantasma della libert di 9uMuel*. O fingiamo di credere c!e ne uccidano iK la istola, l)AI1 e la siringa, c!e la bottiglia e la sigaretta, scordando c!e in Italia ogni anno ci sono GsoloH seicento omicidi, ottocento morti di 0I/S e mille di droga, ma ben trentamila er l)alcool e no"antamila er il tabacco. Il c!e significa c!e il terrorismo mondiale !a fatto meno "ittime, nella sua intera storia, di 6uante ne facciano gli osti e i tabaccai italiani in 6ualc!e c!iaro di luna. O ci illudiamo di ottenere un miracolo a Lourdes, benc!J in centocin6uant)anni la -adonna ne abbia ufficialmente concessi solo sessantacin6ue, a cento milioni di ellegrini. 2na media, inferiore ad uno su un milione, di gran lunga iK bassa della ercentuale delle remissioni s ontanee dei tumori, c!e 5 dell)ordine di uno su diecimila. Senza contare c!e, come osser"a"a Nmile @ola, fra gli eC "oto si "edono molte stam elle ma nessuna gamba di legno.
1 2

GT!is Das sometime a aradoC, but noD t!e time gi"es it roofH, Aamlet, Out, i. $!.d.A.% /a oxis, GfurboH, e moron, GscemoH. +io5, letteralmente, Gidiot sa"antH. $!.d.A.% * Le fant"me de la libert#, film del 18,& di Luis 9uMuel $1800B184*%. $!.d.$.%

Enunciare aradossi, nel senso di andare contro l)o inione comune, su simili 6uestioni e6ui"arrebbe a dic!iarare guerra ai mulini a "ento. E scatenerebbe la reazione della otente armata di olitici, reti, ubblicitari e giornalisti al soldo dei "ari di artimenti del -inistero della Pro aganda. Il nostro tem o e il nostro s azio saranno, dun6ue, meglio in"estiti se ci interesseremo di aradossi iK istituzionali. I 6uali, lungi dal distruggere l)uni"erso, come ensa"a il rotagonista di $itorno al futuro II&, si limitano ad imbarazzare il ensiero con la loro caratteristica essenzialeI di essere argomenti sorprendenti, perch# poco probabili ma molto credibili, o molto probabili ma poco credibili. Poic!J un argomento come /io $o logica% comanda si com one di remesse, ragionamento e conclusione, 6uesta definizione ermette un)immediata classificazione in tre ti iI 1%2n aradosso 5 logico, o negati%o, se riduce all)assurdo le remesse su cui si basa. L)attributo Gnegati"oH non 5 da intendersi in senso denigratorio. Significa soltanto c!e l)argomento mostra l)inaccettabilit7 di assunzioni a arentemente innocue, e s esso im licite. E stimola una rifondazione delle aree del sa ere c!e su di esse, consciamente o inconsciamente, si fondano. 2%2n aradosso 5 retorico, o nullo, se si limita ad esibire la sottigliezza di un ragionamento, o ad esaltare l)abilit7 di c!i lo roduce. 2sato didatticamente o letterariamente, l)artificio uL anc!e essere efficace. -a come metodo filosofico risc!ia di ridurre la cultura al sofismo, e er 6uesto fu se"eramente criticato da Platone nel Gorgia. *%2n aradosso 5 ontologico, o positi%o, se attra"erso un ragionamento inusuale rafforza le conclusioni a cui arri"a. 0 6uesto si riferi"a Sc!o en!auer, 6uando dice"a c!e Gla "erit7 nasce come aradosso e muore come o""iet7H. O =uine(, 6uando nota"a c!e G6uello c!e er uno 5 contradditorio, er un altro di"enta aradossale, e er un altro ancora banaleH. =uanto ai modi, sono anc!)essi molte lici. Oltre al ragionamento formale, nudo e crudo, alcuni aludamenti e figure letterarie si restano articolarmente bene all)es osizione di argomenti aradossali. 0d esem io, l)enfasi di un)i erbole, 6ualeI GTutto 5 aradossoH. O la concisione dell)ellissi, la cui forma aradossale iK ura 5I G0 P 1H. O la tras osizione della arabola, c!e resenta un aradosso come metafora di un roblema. O l)in"ersione del c!iasma, c!e ri"olta affermazioni come Gil reale 5 aradossaleH in Gil aradossale 5 realeH. O la contra osizione dell)ossimoro, il miglior esem io del 6uale 5 GossimoroH. O l)antifrasi, ti ica dei discorsi c!e dicono una cosa intendendo il contrario. O l)ironia, sem re im licita e s esso es licita, in argomenti sor rendenti. E cosQ "ia. 2na "olta classificati i ti i e i modi dei aradossi, ci si uL domandare c!e farne. Tutto di ende dall)atteggiamento con cui essi sono considerati, c!e uL andare dal tragico all)umoristico, dal rifiuto all)accettazione. 3ra gli estremi a ena accennati 5 ossibile inserire una intera tassonomia.
& (

&ack to the Future part II $1848% di :obert @emec>is $18(2B %. $!.d.$.% Rillard 1an Orman =uine $1804B2000%, fra i iK influenti filosofi e logici del SS secolo. $!.d.$.%

0ristotele e :ussell li !anno temuti come la natura aborrisce il "uoto, cercando di ro orne soluzioni iK o meno soddisfacenti e utili. Pirrone e Aegel !anno abbracciato le contraddizioni come i >ami>aze anda"ano incontro alla morte, basando su di esse il loro rifiuto della conoscenza e della realt7. ?ant !a brandito le antinomie come il cacciatore un fucile a 6uattro canne, s arando allettoni sui merli c!e credono di credere ed in"ece si illudono soltanto di ensare. ?ier>egaard !a usato i aradossi come le s inte c!e si rice"ono sul tram olino, er fa"orire un salto nel "uoto oltre il bordo della ragione. +arroll, ?af>a e 9orges !anno costruito le loro o ere letterarie su girandole di situazioni aradossali, al limite e oltre. 9ateson e Ratzla"ic> sono arri"ati a considerare aradossale ogni forma di comunicazione umana, fondando su 6uesta "isione una singolare tera ia sic!iatrica. Insomma, la storia dei aradossi 5 letteralmente uno sterminato s ettacolo di "ariet7, con scene c!e "anno dalla tragedia all)o eretta. +ome a"e"amo gi7 annunciato, noi otremo mostrare solo dei trailer, c!e s eriamo almeno stimolanti. Poic!J anc!e l)occ!io "uole la sua arte, inizieremo il nostro trattamento dalle illusioni dei sensi, c!e costituiscono un analogo ercetti"o dei aradossi della ragione. E sco riremo c!e ci lasciamo continuamente e sistematicamente ingannare, robabilmente con buone ragioni e"oluti"e, dalla natura e dagli artisti. 9enc!J le ercezioni siano rotagoniste di un intero ca itolo della 'toria uni%ersale della men(ogna#, noi dedic!eremo loro soltanto uno sguardo fugace, erc!J i nostri interessi stanno altro"eI nei labirinti dello s irito, iK c!e della carne. /alle immacolate ercezioni dei sensi asseremo dun6ue alle immacolate concezioni del ensiero religioso e filosofico. Senza dimenticarne, naturalmente, le manifestazioni orientali. 0ll)occidentale ro"inciale c!e storcesse il naso di fronte all)Oriente, e domandasse erc!J mai do"remmo $ re%occu arcene, non ossiamo c!e ri etere 6uanto ris ose George -allor;, al giornalista c!e gli domanda"a erc!J mai "olesse scalare l)E"erestI GPerc!J c)5H. O""iamente, cerc!eremo di non fare la sua stessa fine, rimanendo stecc!iti e congelati sulle "ette del ensiero. 'ell)attesa delle fiamme dell)inferno, c!e s eriamo 6uesto libro contribuir7 a farci meritare, usufruiremo dei surriscaldamenti degli integralisti, ro"ocati dai nostri GdilettiH di lesa di"init7. E gireremo loro le arole c!e :ousseau sembra a"er scritto a osta er noi nell))mileI GLettori "olgari, erdonate i miei aradossi. 9isogna farne, 6uando si riflette. E io referisco essere un uomo di aradossi, c!e un uomo di regiudiziH. La discussione sui sensi, la religione e la filosofia costituisce un)ideale rima arte del libro. 0 6uesto unto, come disse /e Gaulle ai sessantottini francesi, Gla ricreazione 5 finitaH. Il ritorno in classe sar7 inaugurato da un)analisi diacronica dei due aradossi iK famosi della storia, c!e seguiremo in innumere"oli "icissitudini umanistic!e e scientific!e. Il rimo studio riguarda la iK insidiosa delle nozioni logic!eI la %erit , la 6uale si illude di essere assoluta, ur essendo soltanto $un anagramma di% relati%a. /i "erit7, comun6ue, sicuramente ce ne sonoI erc!J se non ce ne fosse nessuna, 6uesta sarebbe gi7 una. 1arr7 dun6ue la ena di rendere testimonianza alla 1erit7, affrontando a "iso a erto la -enzogna.
# ,

*istoria uni%ersal de la infamia $18*(% di Eorge Luis 9orges $1488B184#%. $!.d.$.% !ew +ork Times, 14 marzo 182*. $!.d.A.%

Il secondo studio 5 dedicato alla nozione matematica iK sofisticataI l)infinito, nel mare del 6uale non si uL c!e naufragare, dolcemente o amaramente. Lo affronteremo nella "ersione del regresso all)infinito, c!e !a ermeato la secolare storia del ensiero filosofico, scientifico ed artistico. Studi analog!i si otrebbero fare er ciascun aradosso, ma altri ercorreranno 6uesta "iaI noi ci accontentiamo di a"erla indicata. 'ei ca itoli successi"i, c!e costituiscono un)ideale terza arte del libro, ne indic!iamo un)altraI la soluzione dei aradossi er dimostrazione. O""ero, la loro metamorfosi da aradossi a teoremi. Incominceremo, 6uesta "olta, dalla democrazia, e analizzeremo a fondo le roblematic!e legate a uno dei dilemmi dell)AmletoI come assassinare legalmente un re. O meglio, in maniera simmetrica e iK modernaI come eleggere democraticamente un dittatore. Sembrerebbe una contraddizione in termini, e in"ece 5 successo iK di una "olta nel assato, da +esare ad Aitler. E magari, senza c!e 6ualcuno se ne sia ne ure accorto, anc!e nelle ultime elezioni olitic!e. Il libro si conclude in bellezza, almeno er noi, con una storia della matematica attra"erso i suoi aradossi. 'ell)ultimo ca itolo abbasseremo la guardia della di"ulgazione, e alcuni dei 6uadri di cui si com one l)esibizione otranno forse risultare leggermente iK tecnici. -a essi sono tutti indi endenti fra loroI ciascuno otr7 soffermarsi ad osser"are 6uelli c!e gli sono congeniali, e sor"olare sugli altri. =uesto, dun6ue, 5 il nostro libro sui aradossi. E 6uesta 5 l)introduzione, c!e non ossiamo terminare senza citare il aradosso dell)introduzione ad un libro4. /o"erosamente, eccolo 6uaI G=uesto libro contiene almeno un erroreH. Il aradosso sta nel fatto c!e ci si otrebbe as ettare c!e, er sa ere se ci sono errori nel libro, sia necessario leggerlo. Ed in"ece lo sa iamo gi7 fin dall)introduzione, c!e fa ur arte del libro. Infatti, se ci sono errori, ci sono. E se non ce ne sono, c)5 6uello c!e diceI G=uesto libro contiene almeno un erroreH. /un6ue sa iamo gi7 c!e in 6uesto libro un errore c)5, anc!e se non sa iamo ancora 6ual 5. 0 scanso di e6ui"oci, l)errore non sta nel leggerlo. O, almeno, lo s eriamo. Possiamo in"ece dimostrare c!e nel libro non ci sono contraddizioni. 0nzi, c!e non ce ne sono ro rio da nessuna arte. Su oniamo, infatti, c!e ce ne sianoI rendendone una, otterremmo a unto una contraddizione. /un6ue l)i otesi 5 assurda, come "ole"asi dimostrare. 'aturalmente siamo di nuo"o di fronte ad un bel aradosso, erc!J basta guardarsi attorno er tro"are contraddizioni do"un6ue. -a 6uesto l)abbiamo gi7 detto. Per e"itare di cadere in un circolo "izioso, sar7 bene abbandonare immediatamente i reamboli e assare ai fatti. 'on senza a"er s eso un)ultima arola er augurare al lettoreI G9uona letturaFH Sono grato a +laudio 9artocci, Paolo 9ozzi, Luigi +i"alleri, -aurizio 3erraris, 0ndrea 3ro"a, 1ittorio Girotto, Gabriele Lolli, -ic!ele Luzzatto, +orrado Odifreddi e -assimo Piattelli Palmarini er i loro aradossali suggerimenti e le loro non aradossali correzioni.

/. -ar>inson, The paradox of the preface, 0nal;sis, 2( $18#(%I 20(B,. $!.d.A.%

+)era una "olta il aradosso

A Laura, ,aradosso che il tempo non ha risolto.

10

+a itolo rimo

Immacolate perce(ioni

Sembra c!e la conoscenza iK sicura e indubitabile ci "enga fornita dai sensi. T ro rio erc!J immaginiamo c!e le ercezioni sensoriali siano irrefutabili, c!e nei momenti di scetticismo o incredulit7 ric!iediamo di G"edere con i nostri occ!iH, Gtoccare con le nostre maniH o Gsentire con le nostre orecc!ieH. -a la ragione ci dice c!e, s esso, i sensi ci ingannano in maniera inas ettataI a "olte siamo "ittime di "eri e ro ri aradossi ercetti"i, ai 6uali stiamo ora er ri"olgerci. =uesti aradossi mostrano come a uno stesso stimolo ossano corris ondere ercezioni di"erse, o a stimoli di"ersi ossano corris ondere ercezioni uguali. Essi ci dimostrano c!e, da un lato, le nostre ercezioni non sono date e immediate, bensQ dedotte e mediate, e, dall)altro lato, c!e esse ci ossono comun6ue fornire soltanto un)immagine contingente del mondo, di endente dalla articolare struttura biologica fornitaci dai nostri a priori. -cchio per occhio, orecchio per orecchio

Partiamo dalla "ista, c!e 5 il senso iK soggetto agli abbagli. Sa iamo tutti di a"ere due occ!i, c!e funzionano entrambi come lentiI e ure, il mondo non ci a are nJ sdo iato, nJ s eculare e ca o"olto. La soluzione di 6uesto enigma ric!iese addirittura l)inter"ento di due geni, c!e a distanza di un secolo esatto ubblicarono due o ere fondamentali, entrambe intitolate -ttica. 'el 1#0& ?e lero ca Q c!e a "edere non 5 l)occ!io, ma il cer"ello8. 9enc!J l)immagine retinica resenti effetti"amente in"ersioni destraBsinistra ed altoBbasso, la cosa non !a im ortanza erc!J essa non costituisce la ercezione, ma soltanto l.informa(ione sulla base della 6uale "iene elaborata dal cer"ello. Ed 5 ro rio erc!J la ercezione non 5 un dato conscio, ma una dedu(ione inconscia, c!e si "erificano molti dei aradossi ai 6uali accenneremo in 6uesto e nel rossimo ca itolo. 'el 1,0& 'eDton intuQ c!e la "isione 5 stereosco ica ro rio erc!J 5 binoculare. Le due immagini fornite dalle retine sono infatti leggermente differenti, come si uL facilmente "erificare tenendo un dito o una matita a oca distanza dagli occ!i e c!iudendoli alternati"amente. Le due immagini bidimensionali sono combinate in un)unica immagine tridimensionale mediante una "alutazione inconscia delle loro
8

Gi7 Plinio a"e"a dic!iarato, nella !aturalis *istoria $SI, 1&#%I GLa mente 5 il "ero strumento della "ista e dell)osser"azione, gli occ!i agiscono come una sorta di "aso c!e rice"e e trasmette la arte "isibile della coscienzaH. -a all)e oca 6ueste erano soltanto o inioni filosofic!e, non fatti scientifici. $!.d.A.%

11

differenze, c!e ermettono di calcolare la distanza di un oggetto sulla base degli angoli da esso formati ris etto ai due occ!i. L)effetto 5 talmente istinti"o c!e se si in"ertono le immagini rice"ute dai due occ!i, facendo arri"are all)occ!io destro l)immagine c!e do"rebbe arri"are al sinistro e "ice"ersa, in certe condizioni si ottiene un effetto di in"ersione s azialeI le cose "icine a aiono lontane e le lontane "icine. +osQ come la "ista 5 stereosco ica erc!J abbiamo due occ!i frontali10, l)udito 5 stereofonico erc!J abbiamo due orecc!ie laterali. Gli occ!i de"ono infatti essere sufficientemente "icini, er fornire una "isione simultanea, ma anc!e sufficientemente lontani, er fornire due immagini significati"amente distinte. Le orecc!ie, in"ece, de"ono solo essere sufficientemente lontane, er registrare l)arri"o di uno stesso suono in istanti di"ersi. -entre le due immagini oculari di uno stesso oggetto arri"ano agli occ!i raticamente nello stesso istante, a causa dell)alta "elocit7 della luce $*00.000 c!ilometri al secondo%, le due ercezioni auricolari di uno stesso rumore arri"ano alle orecc!ie in istanti leggermente di"ersi, a causa della bassa "elocit7 del suono $*(0 metri al secondo%. L)effetto stereofonico 5 a unto la registrazione ercetti"a di 6uesta differenza tem orale.

3igura 1 Per mantenere la stessa acuit7 "isi"a allontanandosi dalla fo"ea, 5 necessario aumentare l)intensit7 dello stimolo in maniera ro orzionale alla grandezza delle lettere.

Tornando alla "isione, un altro aradosso fisiologico sta nel fatto c!e noi "ediamo il mondo a fuoco, mentre in realt7 soltanto una iccola arte dell)immagine oculare lo 5. 'ella retina c)5 infatti una iccola zona centrale di meno di mezzo millimetro di
10

Pesci, uccelli e altri animali non !anno una "isione stereosco ica, erc!J la osizione laterale dei loro occ!i non ermette una combinazione delle due immagini. Essa fornisce, in"ece, una "isione a iK largo raggio. $!.d.A.%

12

diametro, c!iamata fo%ea, con una grande densit7 di recettori. L)acuit7 "isi"a e la ercezione cromatica sono massime in 6uesta zona e diminuiscono rogressi"amente "erso l)esterno $figura 1%. La soluzione del aradosso sta nel fatto c!e gli occ!i si muo"ono in continuazione, con una serie di oscillazioni lente, salti "eloci e tremiti "elocissimi, ro rio er ermettere alla fo"ea di focalizzare le "arie arti di un)immagine11. =uesto risol"e un roblema, ma ne introduce un altroI il fatto, cio5, c!e noi "ediamo un)immagine statica del mondo, nonostante tutti i mo"imenti dell)occ!io. 0l contrario, mo"imenti brusc!i ed am li del ca o mostrano effetti"amente un mondo c!e gira. Lo stesso fanno i mo"imenti non s ontanei dell)occ!io, ad esem io 6uando s ingiamo un globo oculare con un dito. Se la "isione normale non ro"oca 6uesto effetto, 5 erc!J durante i mo"imenti inconsci degli occ!i la ercezione "iene inibita. In altre arole, ciL c!e si c!iama "isione 5, in realt7, un rocesso continuamente inter"allato da istanti di cecit7. 0 6uesto ro osito, 5 sor rendente "enire a sa ere c!e in ciascun occ!io c)5 un punto cieco. +ome gi7 re"isto nel Seicento da Edme -ariotte, esso sta in corris ondenza del luogo, ri"o di recettori, in cui il ner"o ottico si di arte dal globo oculare. Ed 5 aradossale c!e non ce ne accorgiamo se non attra"erso es erimenti s ecifici. 0nc!e se, una "olta allertati e con un o) di ratica, si uL sfruttare il unto cieco er far scom arire la testa di una ersona osta a 6ualc!e metro, guardandola con un solo occ!io. Pare c!e il re scienziato +arlo II si di"ertisse a Gdeca itareH in 6uesto modo le dame di corte, oltre c!e i criminali c!e sta"ano er essere deca itati er da""ero. In maniera meno macabra, si uL osser"are il unto cieco dell)occ!io destro c!iudendo l)occ!io sinistro, fissando la croce nella figura 2, e s ostando il foglio o la testa a"anti e indietro fino a c!e il cerc!io nero scom are. L)as etto iK aradossale 5 c!e non si "eda nessun buco nell)immagineI il cer"ello riem ie il buco e com leta automaticamente l)immagine, inter olandola in base a ciL c!e "ede nelle zone adiacenti. =uesto 5 un ti ico esem io di perce(ione amodale, c!e il cer"ello si in"enta sulla base di stimoli inesistenti.

11

Paradossalmente, gli occ!i si muo"ono anc!e 6uando non ossono "edere, erc!J sono c!iusi. 0d esem io, la fase di sonno :E- 5 caratterizzata da ra idi mo"imenti oculari dai 6uali rende il nome $:a id E;e -o"ement%. Per le sue caratteristic!e, c!e rendono 6uesta fase di sonno rofondo simile a una "eglia in"olontaria, il sonno :E- si c!iama a unto sonno aradossale. Il termine, oggi comune, 5 stato introdotto da -ic!el Eou"et in ,aradoxical dream/ a stud0 of its nature and its mechanisms, Progress in 9rain :esearc!, 14 $18#(%I 20B#2. $!.d.A.%

1*

3igura 2 Per indi"iduare il unto cieco, co rire l)occ!io sinistro, osser"are la croce con il destro, e a""icinare o allontanare la agina fino a c!e il cerc!io nero scom are.

2n altro bell)esem io di ercezione amodale 5 l)illusione delle lettere ro"ocata dalle loro ombre in figura *. La iK nota allucinazione amodale 5 erL il triangolo di 1ani(sa12 $figura &% c!e a are 6uasi miracolosamente dalle incisioni nei cerc!i, inter retate dal cer"ello come i "ertici di un triangolo. Il triangolo non c)5 ma il cer"ello se lo in"enta, come fa con tutta una serie di analog!e superfici anomale.

3igura * 9enc!J ci siano solo ombre, noi erce iamo in realt7 le lettere di una scritta.

12

G. ?anizsa, 2ountour without gradients or cogniti%e countours, Italian Eournal of Ps;c!olog;, 1 $18,&%I 8*B11*. $!.d.A.%

1&

3igura & Triangolo di ?anisza.

Le ercezioni amodali non sono soltanto "isi"eI si ossono "erificare anc!e nel tatto e nell)udito. 9en nota, fortunatamente in genere soltanto er sentito dire, 5 la sensazione dell)arto mancante c!e si continua a erce ire er un certo tem o do o un)am utazione. Essa fu notata nel +in6uecento da 0mbroise Pare, e s erimentata dall)ammiraglio 'elson do o la erdita del braccio destro in battaglia. 0ltrettanto conosciuta 5 la cosiddetta fondamentale mancanteI una nota non suonata, c!e "iene ricostruita automaticamente e indirettamente attra"erso le sue armonic!e. Su 6uesto rinci io si basano i sistemi acustici $non% usati dalle discotec!e er e"itare di rodurre i fastidiosi bassi c!e, a causa della loro grande lung!ezza d)onda, su erano facilmente gli ostacoli e rimangono udibili a distanza. :egistrando soltanto le armonic!e delle note basse, 6ueste "engono erce ite soltanto dai fre6uentatori della discotecaI contenti loro, e contenti tutti1*. Il contrario della ercezione amodale, in cui si "ede o si sente 6ualcosa c!e non c)5, 5 la mancata ercezione di 6ualcosa c!e c)5. L)esem io iK ti ico 5 un suono uniforme e continuo, come 6uello rodotto nella 'infonia monotona di U"es ?leinI do o un certo eriodo smettiamo di erce irlo coscientemente, anc!e se ci accorgiamo di esso 6uando oi finisce realmente. La cosa accade anc!e er la "ista, c!e rimuo"e le immagini stabilizzate sulla retina, benc!J la mobilit7 dell)occ!io ric!ieda un es erimento s ecifico er accorgersene. PiK in generale, sembra c!e oc!issimi recettori siano sensibili a stimoli continui e costanti, e c!e la maggior arte sia in grado soltanto di segnalare discontinuit7 e cambiamenti. 2n esem io estremo 5 l)occ!io della rana, c!e non erce isce la
1*

Il terzo suono, sco erto da Giuse e Tartini nel 1,1&, non 5 una ercezione amodale. Si tratta di un suono reale do"uto all)interferenza di due suoni distanti una 6uinta $ad esem io, do e sol%, e !a una fre6uenza ari alla differenza dei due suoni interferenti. Lo si uL sfruttare, erL, in maniera analoga a 6uella della fondamentale mancante, ad esem io er ottenere all)organo bassi acustici c!e ric!iederebbero altrimenti canne di enorme lung!ezza. $!.d.A.%

1(

resenza di insetti morti nelle "icinanze ne sensibilissimo al loro mo"imento. 'e ne %edono di tutti colori

ure se sta morendo di fame, ed 5 in"ece

La luce si com one, come tutte le onde elettromagnetic!e, di 6uanti di energia c!iamati fotoni. Per oter erce ire la luce, gli occ!i de"ono dun6ue essere sensibili a 6uesti 6uanti. -a non c)5 certamente da attendersi c!e lo siano a 6uanti isolati, cosQ come non ci si as etta c!e la lingua sia sensibile a singole molecole di zucc!ero $c!e sono, comun6ue, immensamente iK grandi e com lesse dei 6uanti%. E in"ece gli occ!i sono 6uasi in grado di erce ire singoli fotoni. =uasi, erc!J in realt7 ce ne "uole una mezza dozzina er stimolare i recettori della retina. In ogni caso, una tale sensibilit7 5 "eramente eccessi"a, "isto c!e corris onde alla ca acit7 di erce ire una candela accesa a trenta c!ilometri di distanza, o una lam adina da (0 Datt a mille c!ilometriF In ratica, naturalmente, nessuno !a una "ista cosQ buona, erc!J il resto del sistema oculare 5 molto iK rudimentale e dis ersi"o. Le onde elettromagnetic!e differiscono fra loro in base alla lung!ezza, e si ossono classificare in maniera decrescente secondo uno s ettro c!e "a dalle onde radio ai raggi gamma, assando er le onde radar, le microonde, l)infrarosso, la luce "isibile, l)ultra"ioletto e i raggi S. 'oi erce iamo l)esistenza di 6ueste onde indirettamente, attra"erso strumenti di "ario ti oI a arecc!i radio, antenne radar, forni a microonde, binocoli all)infrarosso, lam ade ultra"iolette, radiografie e contatori Geiger. Inoltre, la com onente infrarossa della luce solare si erce isce come calore e 6uella ultra"ioletta 5 res onsabile di eritemi e congiunti"iti. I cam i elettromagnetici si ossono toccare, indossando guanti di materiale su erconduttore e diamagnetico. E si ossono "edere mediante lenti olarizzate, s ecialmente all)alba e al tramonto, nella forma di una croce maltese con un braccio blu e uno giallo, corris ondenti ris etti"amente ai cam i elettrico e magnetico1&. 0lcuni animali sono direttamente sensibili all)elettromagnetismoI "ari uccelli e esci si orientano in base al cam o magnetico terrestre, i istrelli e delfini osseggono sistemi radar, anguille e razze roducono elettricit7, i ser enti a sonagli !anno sensori all)infrarosso, le lucciole emettono luce fredda, e cosQ "ia. 'oi, in"ece, ossiamo erce ire coi sensi soltanto 6uella iccola frazione dello s ettro elettromagnetico, com resa fra i *40 e i ,#0 nanometri $miliardesimi di metro%, c!e 5 la luce "isibile $e, non casualmente, 6uella c!e l)atmosfera terrestre non filtra%. E i colori, c!e non esistono in natura, sono soltanto il nostro modo di distinguere le "arie lung!ezze d)onda mediante la "ista. In altre arole, non 5 il mondo a essere colorato, ma siamo noi a colorarne una arte. 'on solo noi, comun6ueI molti altri animali, dai rettili agli insetti, ossiedono una "isione cromatica. =ualcuno, come esci e uccelli, ce l)!a anc!e migliore della
1&

Il fenomeno 5 stato sco erto nel 14&# dall)austriaco Ril!elm ?arl "on Aaidinger. 2na "olta allertati, lo si uL erce ire anc!e a occ!io nudo. 'aturalmente, la ca acit7 di erce ire cam i elettromagnetici, ad esem io attorno a ersone, "iene s esso fraintesa come un fenomeno aranormale. $!.d.A.%

1#

nostra. Le a i, oi, arri"ano a "edere l)ultra"ioletto. Tra i mammiferi, in"ece, soltanto alcune scimmie, gli scoiattoli e i gatti "edono i colori. E i gatti li "edono soltanto in maniera allida e sbiadita, oltre a essere ciec!i al rosso e ad a"ere una acuit7 "isi"a dieci "olte meno s"ilu ata della nostra1(. Ti icamente ciec!i ai colori sono i bo"iniI in articolare, i tori non "edono affatto il rosso della muleta. L)occ!io erce isce i colori attra"erso i coni e i bastoncelli della retina, c!e ser"ono ris etti"amente er la "isione diurna e notturna. I bastoncelli sono di un ti o soloI il c!e s iega erc!J di notte "ediamo il mondo in bianco e nero. /i coni, in"ece, ce ne sono di tre ti iI sensibili, ris etti"amente, alle lung!ezze d)onda di ciL c!e c!iamiamo rosso, "erde e blu1#. -a allora, erc!J di giorno non "ediamo il mondo a tre soli colori. La ris osta alla domanda fu data nel 1401 da T!omas UoungI mescolando i tre colori fondamentali erce iti dai coni, si ossono ottenere tutti gli altri colori dello s ettro. La cosa non 5 affatto o""iaI ad esem io, l)orecc!io so"ra one suoni di"ersi senza mescolarli, e dun6ue noi udiamo accordi e non suoni com osti. E i com ositori sfruttano 6uesta ca acit7 dell)orecc!io er costruire music!e olifonic!e orizzontali basandosi su una struttura armonica "erticale. 9enc!J tre colori indi endenti siano necessari e sufficienti er generare tutto lo s ettro, la scelta di 6uali rendere come fondamentali 5 abbastanza am ia, e la natura ne !a fatta una. 'on a caso, "isto c!e i tre colori stanno raticamente agli estremi e al centro dello s ettro "isibile. 0lcuni colori com osti costituiscono ercezioni amodali, costruite dal cer"ello er inter olazione. Particolarmente e"idente 5 il caso del porpora, c!e non corris onde a nessuna lung!ezza d)onda della luce "isibile. Lo s ettro fisico dei colori "a infatti dai *40 nanometri del "ioletto ai ,#0 del rosso, assando attra"erso blu, "erde, giallo e arancio. Il or ora non c)5, ma noi lo erce iamo ugualmente 6uando combiniamo rosso e "ioletto. In 6uesto modo il cer"ello c!iude gli estremi dello s ettro lineare dei colori fisici, costruendo una ruota dei colori ercetti"a. 2n)ulteriore forma di amodalit7 della ercezione cromatica 5 stata sco erta da Rilliam Turner nel 1420. Si tratta del fatto c!e, er la ercezione di colori com osti, non 5 necessaria la so"ra osizione di colori fondamentaliI basta la loro giusta osizione. +iL c!e succede fisiologicamente 5 c!e il cer"ello combina le ercezioni contrastanti rodotte dai colori giusta osti, rice"ute da uno stesso ricettore a causa dei continui mo"imenti dell)occ!io. =uesta tecnica 5 stata s"ilu ata artisticamente dai mosaicisti bizantini, dagli im ressionisti e dai untinisti, e oggi "iene a licata negli sc!ermi delle tele"isioni e dei com uter. 9enc!J i fosfori e i pixel ossano infatti rendere soltanto i tre soliti colori rossoB"erdeBblu $codificati nella sigla :G9, c!e sta er $ed3Green3&lue%, sullo sc!ermo si "edono ugualmente tutti i colori dello s ettro. E anc!e iK, "isto c!e la
1(

In realt7, solo l)a6uila "ede iK lontano dell)uomo. In 6uesto cam o noi battiamo tutti gli altri animali, almeno di giorno. 0nc!e la linceI la 6uale, nonostante il detto, "ede oco iK del gatto. $!.d.A.% 1# La mancanza di un ti o di coni, o addirittura di due, ro"oca il daltonismoI un difetto ereditario della "ista, sco erto dal c!imico inglese Eo!n /alton nel 1,8&, c!e im edisce di erce ire uno $o, iK raramente, due% dei tre colori fondamentali. La malattia col isce 6uasi soltanto gli uomini $circa il dieci er cento%, e riguarda 6uasi esclusi"amente i coni sensibili al "erde o al rosso. $!.d.A.%

1,

giusta osizione di "erde e rosso roduce l)inesistente grigio luminoso ottenuto er la rima "olta da Georges Seurat. Il fatto c!e or ora e grigio luminoso siano fisicamente inesistenti non ci turba articolarmente. -olto iK aradossale 5 c!e ne ure bianco e nero esistano. Il bianco 5, in realt7, una com osizione di tutti i colori dello s ettro. 3u 'eDton ad accorgersene, nel 1#,2, facendo assare la luce bianca attra"erso un rismaI il risultato 5 una se arazione dei "ari colori, c!e ossono essere ricom osti facendoli ri assare attra"erso un altro risma in"ertito. Oggi basta guardare la luce bianca attra"erso un osacenere di cristallo, o di tra"erso su un compact disc, er "edere immediatamente i "ari colori c!e la com ongono. I colori dello s ettro sono raticamente infiniti $non lo sono letteralmente, solo erc!J la lung!ezza d)onda 5 6uantizzata%. 'eDton ne isolL sette bande, er moti"i simbolici, ma 5 iK sensato arlare di sei. /)altronde, se si ra resentano i tre colori fondamentali mediante cerc!i, le zone c!e "engono indi"iduate sono a unto sette $figura (%, c!e corris ondono ai sei colori e al bianco. Il 6uale, come ormai sa iamo, non 5 a unto un colore.

3igura ( I tre cerc!i dei colori fondamentali e le loro intersezioni.

Il bianco 5, comun6ue, relati"o. Il cer"ello classifica come bianca 6ualun6ue illuminazione, indi endentemente dal suo coloreI ad esem io, i fari di un)automobile e la fiamma di una candela sono gialli e oco luminosi alla luce, ma "engono erce iti come bianc!i e luminosi al buio. L)im ortanza dello sfondo er i colori 5 messa in e"idenza dalla figura #, in cui uno stesso grigio "iene erce ito con tonalit7 differenti a seconda c!e sia "isto su uno sfondo nero o bianco $la cosa si nota meglio mettendo una matita lungo la "erticale c!e se ara le due arti%.

14

3igura # Lo stesso grigio "iene erce ito con tonalit7 differenti a seconda c!e sia "isto su uno sfondo nero o bianco.

2n altro modo er accorgersi della relati"it7 del bianco, sta nel guardarlo do o a"er fissato a lungo del rossoI in"ece del bianco, si "ede allora del "erde $ iK in generale, in"ece di un colore si "ede il suo com lementare%. 0nalogamente, guardando una linea retta do o a"erne fissata a lungo una cur"a, si "ede una linea cur"ata nella direzione o osta. =ueste illusioni "isi"e !anno un analogo tattile, c!e si ottiene immergendo le due mani in ac6ua tie ida, do o c!e se ne era immersa una nell)ac6ua calda e l)altra nell)ac6ua freddaI si !a allora la sensazione c!e la rima sia immersa nell)ac6ua calda e l)altra in ac6ua fredda. In entrambi i casi, "isi"o e tattile, una ercezione recedente determina uno GsfondoH c!e interagisce con una ercezione successi"a, falsandola. Il nero, in"ece, non 5 uno dei colori, ma la loro assenza. In altre arole, un oggetto a are nero non 6uando rice"e luce nera, c!e non esiste, ma 6uando non rice"e luce colorata1,. L)esem io iK aradossale 5 la retina, c!e sembra nera erc!J 6uando guardiamo attra"erso una u illa interrom iamo il flusso di luce c!e "i entra. 2sando un oftalmosco io, cio5 un banale s ecc!io a &( gradi c!e ermette di guardare frontalmente un occ!io illuminandolo da un lato, la retina a are di colore rosa con ramificazioni rosso sangue $c!e sono i "asi sanguigni, dal cui intrico la retina rende a unto il nome%. =uando "iene illuminato da una luce diretta come 6uella del flas!, 6uesto colore im ressiona la ellicola e roduce fotografie con il noto effetto degli occ!i rossi.
1,

Gli oggetti ac6uistano il loro colore non sommando colori fondamentali, ma sottraendoli alla luce bianca mediante assorbimento $in altre arole, i materiali funzionano da filtri%. Se uno solo dei tre colori fondamentali 5 sottratto, l)oggetto ac6uista il colore com lementare com osto dai due rimanenti. Se due sono sottratti, rimane il terzo. Se tutti e tre sono sottratti, l)oggetto a are nero. $!.d.A.%

18

0 ro osito della retina, 5 aradossale c!e coni e bastoncelli si tro"ino non da"anti a essa, ma dietroF In 6uesto modo la luce de"e attra"ersare l)intero sistema, rima di raggiungere i fotorecettori. 0 nessuno "errebbe in mente di costruire una macc!ina fotografica in cui il lato sensibile della ellicola si do"esse ri"olgere non "erso l)obietti"o, ma "erso il fotografo. La natura l)!a fatto nei "ertebrati, benc!J non in tutti gli animali, er moti"i di s"ilu o embriologicoI la retina dei "ertebrati 5, infatti, un)estensione della corteccia cerebrale. Possiamo finire il discorso sui colori con un ultimo aradosso sco erto da EdDin Land14, l)in"entore della Polaroid. Si tratta della ossibilit7 di ottenere immagini colorate usando soltanto ellicole in bianco e neroF 9asta rendere due "olte la stessa foto, una "olta con un filtro rosso e l)altra con un filtro "erde. Se le due dia ositi"e sono roiettate so"ra oste e senza filtri, si ottiene o""iamente un)immagine in bianco e nero. Se si roietta in"ece con un filtro rosso 6uella resa col filtro rosso, si do"rebbe ottenere un)immagine in bianco, rosso e nero, e in"ece si ottengono tutti i coloriF E"identemente il cer"ello riesce a ricostruirli, deducendoli soltanto dalle differenze di contrasto e luminosit7 fornite dalla "ista. )ppur 4non5 si muo%e

'on oter "edere i colori renderebbe certamente iK grigia la nostra "ita, ma non a"rebbe effetti traumatici sulla nostra so ra""i"enza. 'on oter erce ire il mo"imento sarebbe, in"ece, non solo tragico ma letale. La natura ci !a 6uindi dotati di due sistemi "isi"i, com lementari e integrati, er registrare il moto degli oggetti attorno a noiI il mo"imento delle immagini sulla retina e il mo"imento degli occ!i. Oltre, naturalmente, al sistema uditi"o della ercezione del suono. +iL nonostante, s esso sia il mo"imento c!e la 6uiete roducono illusioni aradossali, c!e sembrano scambiarli a "icenda. 0d esem io, a certe "elocit7 di rotazione i raggi di una ruota danno l)im ressione di essere fermi. 1ice"ersa, a certe "elocit7 di roiezione i fotogrammi di una ellicola danno l)im ressione di un mo"imento. Il rimo effetto 5 facilmente com rensibile nel caso del cinema e della tele"isioneI basta c!e in un secondo la ruota com ia esattamente tanti giri 6uanti sono i fotogrammi c!e "engono scattati erc!J a aia ferma. Se in"ece ne com ie oco meno, allora sar7 leggermente in ritardo e dar7 addirittura l)im ressione di andare indietro. Gli stessi fenomeni si ossono "edere anc!e a occ!io nudo, ad esem io 6uando la strada 5 illuminata da una luce artificialeI in 6uesto caso le accensioni della lam adina rodotte dalla corrente alternata rendono il osto dei fotogrammi. +inema e tele"isione si basano o""iamente ro rio sul secondo effetto, c!e 5 reso ossibile da due caratteristic!e com lementari della ercezione. La rima 5 la persisten(a delle immagini sulla retina, c!e im edisce di accorgersi del "eloce cambiamento di immagini. La soglia oltre la 6uale non ci accorgiamo iK dell)alternanza delle immagini 5 di (0 al secondo.
14

E. Land, )xperiments in color %ision, Scientific 0merican, maggio 18(8,

. 4&B88. $!.d.A.%

20

La fre6uenza della corrente alternata 5 stata fissata a (0 Aertz in Euro a $#0 negli Stati 2niti% ro rio er ermetterci di erce ire una luce continua delle lam adine. La fre6uenza delle immagini tele"isi"e 5 la stessa, ma l)alta luminosit7 degli sc!ermi la rende a ena sufficiente er la "isione centraleI con la coda dell)occ!io si erce isce s esso un caratteristico sfarfallio. La ersistenza fisiologica delle immagini sulla retina !a un corris etti"o sicologico nella ersistenza degli oggetti nel mondo 6uand)essi escono dal cam o "isi"o, o sono tem oraneamente nascosti da ostacoli. Soltanto un bambino molto iccolo, o un grande filosofo come George 9er>ele;, ossono immaginare c!e gli oggetti cessino di esistere 6uando non sono direttamente erce iti. Gi7 a artire dal secondo anno di "ita i bambini si as ettano di "eder ricom arire gli oggetti tem oraneamente occultati alla "ista, e si stu iscono se la cosa non succede. 0d esem io, se un oggetto s arisce dietro uno sc!ermo da un lato e non esce dall)altro, o se esce in"ece un altro oggetto. Su 6uest)ultima ossibilit7 si basano alcuni effetti comici sfruttati nei cartoni animati e nei film. La seconda caratteristica della ercezione c!e rende ossibile cinema e tele"isione 5 il cosiddetto fenomeno phi18, c!e fa erce ire due unti in osizioni "icine e in istanti successi"i come un unico unto in mo"imento a arente. =uest)effetto "iene sfruttato nei segnali autostradali e nelle insegne luminose er dare l)im ressione di un unto o di una scritta in mo"imento, mediante l)accensione sincronizzata di una serie di lam ade o lam adine. In tele"isione l)effetto si ottiene cam ionando le scene in mo"imento con una fre6uenza di 2( fotogrammi al secondo in Euro a $*0 negli Stati 2niti%. Per arri"are alla soglia necessaria er la ersistenza delle immagini, ciascun fotogramma "iene allora trasmesso due "olte di seguito. 0 ro osito di Geffetti s ecialiH legati al mo"imento, 0ristotele ne notL uno interessante nei ,ar%a naturaliaI se si guarda a lungo un fiume e oi si ri"olge l)occ!io alle s onde, sembra c!e 6ueste si muo"ano in senso contrario a 6uello della corrente. Lo stesso effetto fu notato nel 14*& da :obert 0dams con una cascata, e sembra c!e si ossa osser"are anc!e con Gfiumi umaniH, come i militari in marcia. 2na cosa analoga succede 6uando si ferma bruscamente il iatto del giradisc!i do o a"erlo guardato a lungo girare, o se ci fermiamo di col o do o a"er girato "elocemente su noi stessiI si !a l)im ressione c!e la rotazione continui, ma in direzione o osta. Le s irali in rotazione sembrano in"ece es andersi e contrarsi, e a 6uesta illusione si aggiunge un "ero e ro rio aradossoI l)im ressione di es ansione o contrazione si roduce, infatti, nonostante la ercezione delle dimensioni della s irale si mantenga costante. In tutti 6uesti casi si tratta di un effetto ostumo generato da un mo"imento continuo, c!e roduce un illusorio mo"imento contrario. 0nc!e la relati"it7 del moto uL ro"ocare illusioni di mo"imenti contrari in assenza di unti di riferimento adeguati. 0d esem io, succede s esso c!e 6uando due treni sono fermi in stazione, i "iaggiatori di uno abbiano l)im ressione c!e sia il ro rio a artire in una direzione, mentre in"ece 5 l)altro c!e arte in direzione contraria.
18

Sco erto da -aC Rert!eimer, )xperimentele 'tudie uber das 'ehen %on &ewegung, 1812. $!.d.A.%

21

Illusioni di mo"imento si ossono creare anc!e con i suoni. In articolare i sistemi 6uadrifonici, ma anc!e gi7 6uelli stereofonici, ossono dare l)im ressione di una fonte sonora in mo"imento er tutta la stanza. O a mulinello attorno alla testa dell)ascoltatore, come in Turenas di Eo!n +!oDning. 2n altro ti o di illusione del moto deri"a dal fatto c!e noi tendiamo a considerare gli oggetti iccoli in mo"imento, e 6uelli grandi in 6uiete. Gi7 nel 1#*2 Galileo nota"a, nei 6ialoghi sopra i due massimi sistemi del mondo $II, 241%, c!e s esso ci sembra c!e la Luna si muo"a fra i tetti delle case o fra le nu"ole, soltanto erc!J la sua grandezza a arente 5 iK iccola di 6uella dei tetti o delle nu"ole. Per lo stesso moti"o, la Luna ci a are iK grande e iK "icina 6uando 5 all)orizzonte o fra le montagne c!e 6uando 5 alta nel cielo, erc!J nel secondo caso non abbiamo unti di confronto. L)effetto 5 ancora iK e"idente con il Sole, e mostra c!e noi erce iamo la "olta celeste non come un emisfero, ma come un semiellissoide sc!iacciato allo (enit!, iK di giorno c!e di notte, e allungato all)orizzonte. +!e la "alutazione delle grandezze di enda fortemente dai riferimenti, 5 mostrato in maniera con"incente dai cerchi di Lipps20 $figura ,%I uno stesso cerc!io ci a are iK iccolo se circondato da cerc!i grandi, e iK grande se circondato da cerc!i iccoli. Passando un dito sui due cerc!i, non si registrano in"ece differenzeI 6uesto aradosso interessa la "ista, ma non il tatto.

3igura , Illusione di Li s. Il cerc!io circondato da cerc!i iccoli !a la stessa dimensione di 6uello circondato da cerc!i grandi.

Il c!e non significa c!e il tatto sia com letamente immune da influenze della "istaI ad esem io, gli oggetti iccoli ci sembrano iK esanti di 6uelli grandi. Lo si uL "erificare facilmente, mettendo in due saliere o zucc!eriere di dimensione di"ersa la stessa 6uantit7 di sale o zucc!ero. 1alutandone il eso, non im orta se insieme o se aratamente, la iK iccola sembra iK leggera. Se erL si stima il eso a occ!i c!iusi, non ci si sbaglia.
20

T. Li

s, $aumdsthetik und geometrisch3optische Tduschungen, 148,. $!.d.A.%

22

0ncora a ro osito di "alutazione istinti"a delle grandezze, le immagini cinematografic!e ci a aiono iK grandi di 6uelle tele"isi"e. In realt7, sulla retina non c)5 molta differenzaI il "antaggio delle maggiori dimensioni dello sc!ermo cinematografico 5 raticamente annullato dallo s"antaggio della maggior distanza da cui lo si guarda. /i fronte a due immagini retinic!e della stessa grandezza, il cer"ello deduce erL correttamente c!e 6uella c!e "iene da iK lontano corris onde a un oggetto iK grande. Per tornare alla Luna, 6uando la osser"iamo guidando di notte la "ediamo muo"ersi nella nostra stessa direzione, benc!J essa ci stia sem re di fronte. =uesto 5 un effetto costruito dal cer"ello, er far 6uadrare due sensazioni contradditorie. 0nzitutto, la distanza della Luna "iene "alutata istinti"amente soltanto in 6ualc!e centinaio di metri. =uando ci muo"iamo "elocemente, ci attenderemmo dun6ue di "ederla aumentare ra idamente di dimensione. Poic!J gli occ!i non registrano alcun cambiamento, il cer"ello si in"enta allora un suo inesistente mo"imento. Il roblema con la Luna deri"a dal fatto c!e non abbiamo una conoscenza diretta delle sue dimensioni reali. 'el caso di oggetti c!e conosciamo, in"ece, succede un fenomeno in"ersoI continuiamo a "edere la loro grandezza reale, anc!e 6uando la distanza do"rebbe farcela "edere di"ersa. 0d esem io, se allung!iamo un braccio e oniamo all)altezza del gomito l)altra mano, le due mani ci a aiono o""iamente di grandezza molto di"ersa. Se erL allarg!iamo le braccia, ma manteniamo le mani alla stessa distanza di rima dagli occ!i, 6ueste ci a aiono della stessa grandezza. Il cer"ello non registra dun6ue le due di"erse grandezze a arenti, erc!J sa c!e le due mani !anno la stessa grandezza reale. =uesto effetto di costan(a della grande((a 5 stato descritto er la rima "olta nel 1#*, da +artesio, nella 6iottrica. Esiste anc!e un analogo fenomeno di costan(a del colore, c!e fa sQ c!e il colore degli oggetti non subisca mutamenti ercetti"i sensibili 6uando cambiano le condizioni naturali di illuminazione. 0ncor meno c!e nel caso della Luna, conosciamo direttamente la grandezza reale delle stelle. La loro grande distanza do"rebbe farcele sembrare tutte della stessa grandezza a arente, e in"ece le "ediamo di"erseI il cer"ello traduce, infatti, le differenze di luminosit7 in differenze di grandezza. 0nc!e i raggi c!e associamo alle stelle sono, o""iamente, illusoriI deri"ano dalle aberrazioni sferic!e dell)occ!io e dalla struttura del cristallino, c!e diffondono la luce dei unti luminosi e ne roducono un)immagine sfrangiata. 0ltrettanto illusorio 5 il tremolio delle stelle, c!e 5 in"ece causato dalla turbolenza dell)atmosfera. Oltre alle stelle, gli unici oggetti cosmici di cui abbiamo una ercezione diretta sono la 1ia Lattea e 0ndromeda. /elle altre galassie non "ediamo la luce direttamente, erc!J 5 tro o debole. -a se la "edessimo, ci accorgeremmo c!e essa non 5 bianca come 6uella del Sole, ma rossastra. =uesto effetto ottico, c!iamato red shift, Gs ostamento "erso il rossoH, 5 l)analogo "isi"o del famoso effetto 6oppler acustico, c!e fa erce ire il suono di una sirena come iK o meno acuto, a seconda c!e essa si allontani o si a""icini. 0nalogamente, la luce bianca emessa da una sorgente in mo"imento "iene erce ita come iK o meno rossa o blu, a seconda c!e essa si allontani o si a""icini. Il red shift delle galassie, sco erto nel 1828 da EdDin
2*

Aubble, 5 dun6ue una ro"a del fatto c!e esse si allontanano da noi, e c!e l)uni"erso si es ande. 0 ro osito, gli oggetti rossi ci sembrano in generale iK "icini di 6uelli blu o "erdi, a causa della di"ersa rifrazione dei colori nell)occ!io. /isegnare oggetti rossi su sfondo blu o "erde roduce dun6ue un effetto tridimensionale, gi7 notato da Leonardo nel Trattato della pittura. E alternare macc!ie rosse e blu $o "erdi% sulla su erficie di un oggetto rende difficile erce irlo, come ben sa e"ano gli es erti di camuffamento militare della rima guerra mondiale. 'pecchio delle mie brame

2na delle rime illusioni ottic!e c!e furono notate nell)antic!it7 5 il riflesso dello s ecc!io, c!e !a is irato innumere"oli descrizioni letterarie e raffigurazioni ittoric!eI dal mito di 'arciso ad Alice attra%erso lo specchio di LeDis +arroll, da Las 7eninas di /iego 1el7z6uez alla serie degli 'pecchi di :o; Lic!tenstein. Lo s ecc!io funziona in maniera aradossale, tanto c!e +octeau ebbe a direI G/o"rebbe riflettere, rima di riflettereH. 0nzitutto, esso roduce un)immagine "irtuale della stessa grandezza dell)oggetto riflesso, ma noi la "ediamo molto iK iccola. Per con"incercene, basta c!e misuriamo con le dita la nostra faccia riflessa, o c!e ne segniamo il contorno sul "etro a annato. Inoltre, lo s ecc!io in"erte la direzione er endicolare $da"antiVdietro%, ma non 6uella arallela $destraVsinistra%I l)immagine di un dito untato "erso lo s ecc!io unta nella direzione contraria, ma l)immagine di un dito untato a destra o a sinistra unta nella stessa direzione. Lo stesso succede er l)alto e il basso, e 6uesto s iega erc!J lo s ecc!io non li in"erta. +!e esso sembri in"ece in"ertire destra e sinistra, 5 un aradosso do"uto al fatto c!e noi ci mettiamo nei anni dell)immagine, antro omorfizzandolaI ciL c!e noi "ediamo su uno dei nostri lati, ad esem io l)orologio a un olso, GleiH la "ede sull)altro dei suoi. -a 5 tutto un)illusione, come d)altronde lo 5 anc!e l)in"ersione delle scritte riflesseI il foglio l)abbiamo girato noi er orgerlo allo s ecc!io, e se 5 tras arente ci rendiamo conto c!e attra"erso di esso "ediamo esattamente 6uello c!e ci mostra lo s ecc!io. 'on ci do"remmo stu ire, come non ci stu iamo se "ediamo il foglio in"ertito do o c!e l)abbiamo girato sottoso ra. 1olendo "eramente "edere un)in"ersione destraVsinistra, basta c!e ri"olgiamo i fianc!i allo s ecc!io. 0nalogamente, er "edere un)in"ersione altoVbasso basta c!e mettiamo lo s ecc!io er terra e ci saliamo coi iedi so ra. O ure c!e mettiamo uno s ecc!io sul soffitto, e lo guardiamo da sotto $ma non da sdraiati, come si fa negli alberg!i a ore, erc!J in 6uel caso saremmo da ca o%. 1olendo, si uL comun6ue dire correttamente c!e lo s ecc!io in"erte destra e sinistra, se ci si riferisce non alle direzioni ma alle mani. In altre arole, ciascuna mano 5 effetti"amente l)immagine s eculare dell)altra. -a 6uesto ti o di in"ersione si uL ottenere anc!e senza lo s ecc!io, assando attra"erso una 6uarta dimensione, nello stesso modo in cui si uL ribaltare una figura sul iano assando attra"erso lo
2&

s azio. +osQ fecero da rima Aerbert Rells in La storia di ,lattner, e oi LudDig Rittgenstein nel Tractatus $#.*# III%, er risol"ere il roblema osto da Immanuel ?ant nei ,rolegomeni ad ogni metafisica futuraI come riuscire a far calzare un guanto destro alla mano sinistra. 1olendo in"ece rimanere nello stesso numero di dimensioni, basta fare un giro su una striscia di -<bius, della 6uale arleremo in seguito. Il mondo reale e 6uello s eculare sono talmente simili, c!e "iene da c!iedersi se sia ossibile distinguerli. 0 li"ello macrosco ico, la cosa 5 facileI ersino una bambina come 0lice si accorge, cercando di leggere la oesia 8abberwock0, c!e 5 scritta ri"oltata. 0 li"ello microsco ico, le cose in"ece si com licano. Ogni molecola uL infatti esistere in due forme, dette stereoisomeri, c!e sono una l)immagine s eculare dell)altra. 2n esem io noto a tutti 5 6uello dei due ti i di zucc!ero, c!iamati a unto destrosio e le"ulosio. 'on sem re, erL, gli isomeri sono intercambiabili. 0d esem io, uno dei due ti i di morfina 5 com letamente innocuo. 0nzi, la "ita ri"ilegia molecole, aminoacidi e /'0 sinistrorsi, senza c!e ci siano moti"i a arenti nJ a fa"ore di 6uesta scelta, nJ contro 6uella o osta. Probabilmente si tratta del risultato di un rocesso e"oluti"o c!e, a artire da un casuale inizio sinistrorso, !a lentamente reso il so ra""ento ed esautorato l)alternati"a destrorsa. 0lice dubita, rima di assare attra"erso lo s ecc!io, c!e Gforse il latte s eculare non sarebbe buono da bereH, ed !a ragioneI non solo a"rebbe un gusto di"erso, ma robabilmente non sarebbe ne ure assimilabile. In un mondo destrorso, insomma, si morirebbe resto di fame. 0 li"ello atomico le difficolt7 oggetti"e ad accorgersi di un assaggio oltre lo s ecc!io crescono ulteriormente. 'essun fenomeno gra"itazionale, elettromagnetico o nucleare forte $relati"o, cio5, alla coesione delle articelle negli atomi% ermette infatti di sco rire una differenza fra destra e sinistra. 'el 18(# i fisici cinesi Tsung /ao Lee e +!en 'ing Uang sco rirono, erL, c!e una tale differenza esiste al li"ello dei fenomeni nucleari deboli $cio5, del decadimento radioatti"o%. E la sco erta "alse loro il remio 'obel del 18(,. 2n esem io ti ico di fenomeno atomico non s eculare 5 il senso, rigorosamente antiorario ris etto alla direzione del moto, della rotazione $detta spin% dei neutrini. Tra l)altro, 6uesto dimostra anc!e c!e i neutrini "iaggiano alla "elocit7 della luceI altrimenti correndo dietro ad uno lo si "edrebbe ruotare in senso antiorario, e do o a"erlo su erato lo si "edrebbe ruotare in senso orario. In"ece, "edere un neutrino c!e ruota in senso orario 5 la ro"a c!e si sta osser"ando il mondo s eculare, e non 6uello reale. !on facciamoci troppe illusioni

3isicamente, l)immagine "irtuale di un oggetto nello s ecc!io !a una certa realt7I tutti gli osser"atori "edono infatti la stessa, benc!J ciascuno dal ro rio unto di "ista. Psicologicamente, anzi, il nostro alter ego riflesso ci a are addirittura iK
2(

reale dell)immagine c!e di noi !anno tutti gli altriI lo dimostra il sottile disagio c!e ro"iamo di fronte alle nostre fotografie, nelle 6uali non ci identific!iamo mai com letamente. +om letamente "irtuale 5 in"ece l)illusione ottica costituita dal raggio luminoso c!e si forma sul mare, e sembra congiungere direttamente il Sole o la Luna con il unto in cui ci tro"iamoI la sua irrealt7 5 dimostrata dal fatto c!e il raggio ci segue 6uando camminiamo lungo la s iaggia. 2n)altra illusione ottica notata dagli antic!i, ad esem io da Platone nella $epubblica $S, #02%, 5 il fenomeno del remo $o del ramo% c!e, immerso nell)ac6ua, a are s ezzato. Il roblema deri"a dal fatto c!e l)ac6ua offre un ostacolo maggiore dell)aria alla ro agazione della luce. I raggi "engono dun6ue rifratti nel assaggio attra"erso la su erficie c!e se ara i due mezzi, e l)immagine di un oggetto rettilineo si iega. L)oggetto, o""iamente, no. E 6ui sta a unto il aradosso, una "ersione uramente ercetti"a del 6uale si !a nell)illusione sco erta nel 14#0 da Eo!ann +!ristoff Poggendorff $figura 4%I una linea retta c!e assa attra"erso un rettangolo sembra s ezzata.

3igura 4 Illusione di Poggendorff. I tre segmenti stanno su una stessa retta, benc!J a aiano sfalsati.

T ancora la rifrazione della luce nelle gocce d)ac6ua a essere res onsabile, insieme alla riflessione, dell)arcobaleno. La s iegazione corretta del fenomeno fu antici ata nel 1*0, da Teodorico di 3reiberg, nel 6e iride, e fu oi ritro"ata da +artesio nella gi7 citata 6iottrica. L)idea 5 c!e un raggio di luce c!e entra in una goccia d)ac6ua "iene anzitutto rifratto dalla arete di entrata, oi riflesso dalla arete interna, e infine di nuo"o rifratto dalla arete di uscita $figura 8%.

2#

3igura 8 In una goccia d)ac6ua, un raggio di luce "iene rifratto all)entrata, riflesso all)interno e nuo"amente rifratto all)uscita.

+artesio dimostrL c!e c)5 un angolo di im atto, di circa &2 gradi, er il 6uale la luce emergente dalla goccia 5 massima. Le gocce sos ese nell)aria, e formanti il "ertice di un angolo di &2 gradi tra il Sole ed un osser"atore c!e gli "olga le s alle, roducono cosQ un arco luminoso $figura 10%. -a il fenomeno 5 a arente, e c)5 un arco di"erso er ogni osser"atore. 0nzi, uno di"erso er ciascun occ!io, come dimostra a "olte lo sdo iamento dell)arcobaleno rodotto in giardino dall)ac6ua s ruzzata da una om a21.

21

Stiamo arlando dello sdo iamento dell)arco rinci ale di un arcobaleno a iccola distanza e non del fatto c!e l)arcobaleno si com one, in realt7, anc!e di un arco secondario, oltre a 6uello rinci ale. =uesto arco secondario 5 formato dalla luce c!e entra nelle gocce alla base, in"ece c!e alla sommit7, e ne esce do o a"er subito due riflessioni interne, in"ece c!e una sola. Il secondo arco 5 distinto dal rimo, erc!J in 6uesto caso l)angolo di im atto massimo 5 di #0 gradiW 5 anc!e meno intenso, al unto da non essere sem re "isibile, a causa della do ia riflessione. $!.d.A.%

2,

3igura 10 L)arcobaleno si forma sulle gocce c!e formano un angolo di &2 gradi tra il Sole e l)osser"atore.

La s iegazione dei colori dell)arcobaleno fu in"ece data da 'eDton, nella gi7 citata -ttica. Sem licemente, le rifrazioni nella goccia sono leggermente di"erse er le "arie lung!ezze d)onda c!e costituiscono la luce bianca, esattamente come nel caso di un risma. Gli angoli di im atto massimi sono sem re intorno ai &2 gradi, ma differiscono er i "ari colori, crescendo da un minimo er il "ioletto ad un massimo er il rosso. In tal modo ogni colore genera un suo arco, e tutti insieme 6uesti arc!i formano l)arcobaleno. Sullo stesso rinci io dell)arcobaleno funziona anc!e la mistica aureola, bianca o iridescente, c!e a "olte circonda l)ombra sui rati la mattina, 6uando c)5 rugiada. Essa "iene "ista da ciascun osser"atore sulla ro ria testa, ma non su 6uella dei "icini. Il c!e uL generare facili fraintendimentiI come nel caso di 9en"enuto +ellini, il 6uale testimonia nella sua 9ita di a"er"i scorto un segno del ro rio genio, do o a"erla s erimentata nel 1(*8. 2n fenomeno simile 5 lo spettro di &rocken, c!e rende il nome dal icco iK alto dei monti Aarz, sul 6uale si celebra"a, la notte del *0 a rile $Santa 1al urga%, il sabba delle streg!e descritto da Goet!e nel Faust. Il luogo era adatto er inter retare come s ettri le gigantesc!e ombre di ersone roiettate sulle nubi sottostanti e circondate da un cerc!io iridescente. Il fenomeno non 5 raro in montagna, ma oggi lo si osser"a iK facilmente 6uando gli aerei sor"olano una coltre di nu"ole. :ialzando gli occ!i da terra al cielo, non c)5 comun6ue bisogno di attendere la 6uiete do o la tem esta er "eder"i colori illusori. =uella c!e noi c!iamiamo la %olta celeste 5 infatti nera, come mostrano le foto rese dallo s azio. Il colore dal 6uale il cielo rende il suo nome 5 sem licemente un rodotto del fenomeno di diffusione. Le molecole dell)atmosfera riflettono la luce c!e arri"a dal Sole e la s andono in ogni direzione, in accordo con i "ersi dantesc!iI
24

La gloria di colui c!e tutto mo"e er l)uni"erso enetra e ris lende in una arte iK e meno altro"e22.

3u Eo!n T;ndall a sco rire nel 14(8 c!e le molecole iccole, come a unto 6uelle c!e com ongono l)atmosfera secca, diffondono in maniera molto iK efficiente le iccole lung!ezze d)onda c!e non 6uelle grandi. PiK recisamente, come dimostrL Lord :a;leig! nel 1488, dieci "olte di iK il blu c!e non il rosso. Il cielo a are dun6ue blu2*. =uando erL il Sole 5 all)orizzonte, cio5 all)alba e al tramonto, il cielo a are rosso erc!J la luce del Sole de"e ercorrere un tratto iK lungo di atmosfera di 6uando 5 alto, e nel ercorso erde iK blu er diffusione. =uando in"ece c)5 brutto tem o, il cielo a are bianco erc!J l)atmosfera umida si com one di molecole iK grosse, c!e diffondono meno. Le nubi, infine, a aiono di color bianco latte erc!J sono com oste di "ere e ro rie gocce d)ac6ua in sos ensione, c!e non diffondono affatto. 2na "erifica casalinga di 6uesti fenomeni si uL effettuare con un bicc!iere d)ac6ua. 1ersando"i dentro 6ualc!e goccia di latte si crea un analogo di atmosfera, e la diffusione rodotta dalle molecole di grasso colora l)ac6ua di azzurrognolo. Guardando in"ece attra"erso il li6uido una lam adina, c!e corris onde al Sole al tramonto, essa a arir7 rossastra. 3enomeni simili a""engono anc!e su -arte. Tutta"ia, oic!J la sua atmosfera 5 meno densa di 6uella terrestre, il colore normale del cielo marziano a are di un blu iK tenue di 6uello terrestre. Il colore rosso c!e si "ede nelle foto scattate dalle sonde 1i>ing nel 18,, e Pat!finder nel 188, 5 insolito, ed era do"uto alla resenza di articelle ferrose nell)atmosfera, rodotte da tem este tem oranee. Lo stesso effetto 5 rodotto, a "olte, sulla Terra da eruzioni "ulcanic!e. Tornando coi iedi er terra, un fenomeno ottico gi7 noto agli Egizi 5 il romantico raggio %erde, c!e !a dato il nome ad un romanzo di Eules 1erne nel 1442, a un film di Eric :o!mer nel 184(, e ad un recente rogramma tele"isi"o di -ic!ele Santoro. Si tratta di un bagliore colorato c!e si uL "edere al tramonto. 'ella sua forma iK sem lice 5 do"uto alla scom osizione dell)immagine bianca del Sole in tante immagini colorate so"ra oste, causate dalla rifrazione dell)atmosfera. Il Sole a are allora come un disco arancione con un sottilissimo bordo su eriore "erde, ed un altro inferiore rosso $il blu "iene, come al solito, diffuso%. 'el momento in cui il Sole s arisce all)orizzonte, il bordo "erde si dissol"e in un bagliore c!e d7 il nome al fenomeno. Purtro o i bordi "erde e rosso del Sole sono tro o iccoli er oter essere "isti a occ!io nudoI la risoluzione "isi"a 5 di circa 2( secondi, mentre i bordi ne rendono soltanto 10. Perc!J il raggio "erde si "eda de"ono dun6ue esserci articolari condizioni fa"ore"oli, c!e am lific!ino il fenomeno. Esso uL allora ac6uistare caratteri macrosco ici, come 6uando fu osser"ato er ben *( minuti da una s edizione in 0ntartide, nel 1828.
22 2*

/ante 0lig!ieri, ,aradiso, I, 1B*. $!.d.A.% 'on "ioletto, cio5 del colore con la minima lung!ezza d)onda, l)assorbimento del "ioletto negli strati alti dell)atmosfera. $!.d.A.%

er una serie di fattori secondari. 3ra essi,

28

2na di 6ueste condizioni fa"ore"oli si "erifica 6uando il Sole si riflette nell)ac6ua del mare, mostrando cosQ una do ia immagine. 'el momento in cui il Sole tocca l)orizzonte, i bordi rossi delle due immagini si fondono in un rimo bagliore $rosso%. -entre il Sole scende sotto l)orizzonte le due immagini di"entano da rima un GottoH, e oi un o"ale con un unico bordo "erde, c!e si restringe rogressi"amente. 'el momento in cui il Sole s arisce, il bordo "erde dell)o"ale si dissol"e in un secondo bagliore $"erde%. 0 "olte l)o"ale del Sole al tramonto sul mare 5 un "ero e ro rio miraggio, come dimostra il fatto c!e esso uL a arire interamente al di so ra della su erficie dell)ac6ua, e restringersi e s"anire senza mai scendere sotto l)orizzonte. 0ltri ti ici miraggi sono le finte ozze d)ac6ua c!e si "edono a "olte sulle autostrade o nel deserto, magari con una alma riflessa dentro. In tutti 6uesti casi 5 in azione il seguente rinci io, enunciato da Pierre de 3ermat nel 1#(,I la luce segue sem re il cammino iK "eloce er congiungere due unti2&. Poic!J l)aria calda !a minore densit7 e minor indice di rifrazione di 6uella fredda, la luce "i "iaggia iK "elocemente. =uando la tem eratura "icino al terreno 5 iK alta di 6uella dell)ambiente circostante, come succede d)estate, la luce del cielo uL dun6ue arri"are ai nostri occ!i non seguendo la normale linea retta, bensQ attra"erso una linea cur"a conca"a c!e assa rasente al suolo. Il cer"ello scambia 6uesta immagine del cielo con 6uella di una ozza d)ac6ua, ro"ocando cosQ la sensazione del miraggio. Per lo stesso moti"o, l)immagine di una alma uL sembrare iK bassa del normale e arri"are addirittura dal terreno, dando l)im ressione di essere riflessa nell)ac6ua $figura 11%.

3igura 11 Il meccanismo del miraggio di terra.

2na situazione simmetrica si ottiene 6uando la tem eratura "icino al terreno 5 iK bassa di 6uella dell)ambiente circostante. In 6uesto caso la luce arri"a ai nostri occ!i attra"erso una linea cur"a con"essa c!e assa alta nel cielo, e l)im ressione sar7 6uella di "edere gli oggetti solle"ati da terra $figura 12%.
2&

=uesto 5 un caso s eciale del rinci io di minima azione, c!e sar7 enunciato in iena generalit7 da Pierre de -au ertuis nel 1,&(, in Les lois du mou%ement et du repos d:duites d.un principe de m#taph0si;ue, e "err7 messo alla berlina da 1oltaire nel 2andide. $!.d.A.%

*0

3igura 12 Il meccanismo del miraggio di mare.

Esem i banali sono la ercezione del Sole 6uando 5 gi7 tramontato, o l)a""istamento della costa 6uando 5 ancora sotto l)orizzonte. PiK s ettacolare 5 in"ece la cosiddetta fata 7organa, ti ica dello stretto di -essina, do"e fu osser"ata da adre Ignazio 0ngelucci gi7 nel 1#&*. In determinate condizioni le rocce e gli edifici della costa sembrano fluttuare nel cielo e danno l)illusione di castelli in aria, come 6uelli c!e la fata -organa face"a a arire alla corte di :e 0rtK. Lo stesso a""iene nel deserto, come suggerisce il Salmo 11& $(B#%I
+!e fu, o mare, c!e ti ritraesti. Giordano, c!e a ritroso ti "olgesti. Perc!J, monti, saltaste come ca retti. E "oi, colline, come agnelletti.

0nc!e le na"i ossono sembrare sos ese nel "uoto, ed 5 robabilmente da un fenomeno di 6uesto ti o c!e 5 nata la leggenda del "ascello fantasma musicata da Ragner nell)-landese %olante.

*1

+a itolo secondo

L.arte dell.illusione

2na classe s eciale di aradossi della ercezione deri"a non dalla fisiologia o dalla natura, ma dall)arte figurati"a. O meglio, dalle sue retese di ra resentare, con mezzi limitati, una realt7 attuale o otenziale c!e li trascende. L)esem io iK ti ico 5 la raffigurazione di oggetti tridimensionali attra"erso immagini bidimensionali. 2n roblema c!e naturalmente !a gi7 la retina, ma c!e la "ista aggira facilmente grazie alla "isione binoculare. Pittura e cinema de"ono in"ece ingegnarsi e suggerire la "icinanza o la lontananza mediante la so"ra osizione delle figure, la differenziazione delle loro dimensioni e dei loro colori, e le leggi della ros etti"a. =uesti metodi iK indiretti ed ambigui sono o""iamente iK soggetti a generare fraintendimenti, anc!e aradossali. 0l unto c!e i o oli rimiti"i, non abituati a 6uesto ti o di raffigurazione bidimensionale, !anno s esso difficolt7 a riconoscere gli oggetti ra resentati e a "alutarne le distanze relati"e, so rattutto nel caso della fotografia. La 6uale, in articolare, inganna s esso ure noi. 2n roblema ulteriore si aggiunge 6uando si retenda di raffigurare oggetti in mo"imento mediante immagini static!e. 0bbiamo gi7 accennato ai meccanismi c!e ermettono al cinema di raggiungere lo sco o. La ittura si tro"a in"ece, in 6uesto caso, di fronte ai limiti delle sue ossibilit7, ma li !a su erati brillantemente in"entando nuo"i ed a ro riati linguaggi, dal futurismo all)es ressionismo. S esso l)arte sa essere cosQ "eritiera da ri"aleggiare con la stessa realt7. T il caso, come dice il loro stesso nome, dei trompe l.oeil, gli Gingannaocc!iH di cui esistono testimonianze gi7 nell)antic!it7. 0d esem io, @eusi di inse gra oli d)u"a cosQ realistici c!e gli uccelli cercarono di beccarli. Parrasio co rQ un suo 6uadro con una tela tanto erfetta c!e @eusi cercL di solle"arla $c!i la fa, l)as etti%. E il gio"ane Giotto aggiunse ad un 6uadro di +imabue una mosca cosQ naturale c!e il maestro tentL di scacciarla. In alcuni trompe l.oeil gli oggetti di inti seguono i mo"imenti dell)osser"atore. Sor rendentemente, la cosa non a""iene se in"ece l)osser"atore sta fermo e "iene mosso il 6uadro. In 6uesto ca itolo, comun6ue, limiteremo la nostra attenzione ai aradossi dell)arte grafica. In articolare, lasceremo da arte il aradosso della critica artisticaI il fatto, cio5, c!e essa retenda di descri"ere immagini, colori e suoni unicamente attra"erso arole. E ne ure arleremo di artisti aradossaliI ittori daltonici come R!istler e LJger, o 6uasi ciec!i come l)ultimo -onet, o musicisti sordi come il 9eet!o"en

*2

maturo, c!e !anno comun6ue sa uto erce ire colori o suoni attra"erso gli occ!i e le orecc!ie della mente. !on perdiamo la prospetti%a

Sa iamo gi7 c!e 6uando un oggetto si tro"a nelle nostre immediate "icinanze, la ercezione della sua grandezza non cambia. +on l)aumentare della distanza dell)oggetto da noi la ercezione della sua grandezza in"ece diminuisce, mentre non cambia l)angolo sotto il 6uale lo "ediamo. Se a iccole distanze "ale dun6ue una legge di costanza della grandezza, a grandi distanze "ale la legge di costan(a dell.angolo c!e caratterizza la cosiddetta ros etti"a lineare. +!e la ros etti"a ossa, in generale, rodurre effetti aradossali 5 o""io. Poic!J 6ualun6ue immagine ros ettica uL essere generata in infiniti modi $figura 1*%, la ercezione di un dato "isi"o 5 infatti sottodeterminata. 9enc!J in situazioni usuali "eniamo guidati dall)es erienza, in casi inusuali di"enta facile fare congetture sbagliate e scambiare lucciole er lanterne.

3igura 1* Oggetti differenti ossono dare la stessa "isione ros ettica.

I rimi ad accorgersi di un roblema s ecifico furono Leonardo e Piero della 3rancesca. Essi notarono, ad esem io, c!e colonne cilindric!e "icine ossono a arirci iK iccole di 6uelle lontane $figura 1&%. Il moti"o 5 c!e, al crescere della distanza, l)angolo c!e la colonna forma con l)occ!io diminuisce ma la corda aumentaI in altre arole, la colonna ci a are iK grande erc!J "ediamo una arte maggiore della sua sezione. Probabilmente, uno dei moti"i er cui la ros etti"a fu sco erta relati"amente tardi nell)arte 5 a unto c!e essa non "ale er la "isione da

**

"icino2(. 'aturalmente l)immagine retinica 5 rigorosamente ros ettica, cosQ come lo sono le fotografie. -a il cer"ello non tiene conto delle ros etti"e a bre"e distanza, e ci fa dun6ue a arire aradossalmente distorte le fotografie scattate a distanza ra""icinata.

3igura 1& +olonne cilindric!e "icine ossono a arirci iK iccole di 6uelle lontane.

La com ensazione dell)effetto ros ettico a""iene erL soltanto er la "isione orizzontale a corta distanza, forse erc!J siamo oco abituati a guardare in alto o in basso. I iani alti degli edifici osser"ati dalla strada, e gli uomini "isti dalle finestre dei iani alti, ci sembrano dun6ue stranamente sc!iacciati. Per o""iare a 6uesti incon"enienti, gli artisti !anno s esso introdotto correzioni ros ettic!e nelle loro o ere. 'ella 'toria naturale Plinio narra lo stu ore del ubblico 6uando una statua di 3idia, con membra e "iso deformi, a ar"e erfetta do o la sistemazione sulla colonna alla 6uale era destinata. 0i tem i di Platone 6uesti accorgimenti erano ormai usualiI nel 'ofista il filosofo si scagliL contro coloro c!e li usa"ano, erc!J non ra resenta"ano le cose come sono in realt7. 3ra gli esem i classici di correzioni ros ettic!e ci sono l)inclinazione "erso l)interno degli assi delle colonne del Partenone, l)allargamento "erso l)alto del cam anile di Giotto a 3irenze e l)allargamento "erso il fondo di iazza San -arco a 1enezia. Per 6uanto riguarda la ros etti"a usuale, la legge di costanza dell)angolo im lica c!e, con l)allontanarsi, un oggetto di"enti sem re iK iccolo fino a scom arire in un unto, c!e si c!iama punto di fuga. 'ella ros etti"a due rette arallele si ra resentano dun6ue come con"ergenti, e nella ercezione due rette con"ergenti "engono inter retate come arallele. 0d esem io, il cono di luce di una torcia elettrica o di un faro "iene inter retato come un fascio lineare c!e termina bruscamente in una linea d)orizzonte, benc!J o""iamente la sua luce si estenda raticamente all)infinito. La lung!ezza a arente del fascio 5 direttamente ro orzionale alla distanza tra la torcia e l)osser"atoreI il
2(

La iK antica registrazione storica del fatto c!e gli oggetti sembrano rim icciolire 6uando si allontanano si tro"a in una ta"oletta assira del regno di 0ssurbani al, nel 1II secolo a.+. Le rime ra resentazioni ros ettic!e risalgono a Greci e :omani, ma la teoria della ros etti"a fu s"ilu ata soltanto nel :inascimento. $!.d.A.%

*&

fascio a are corto a c!i tiene la torcia in mano e lungo a c!i la "ede da lontano. Se il fascio di luce fosse "eramente lineare, lo erce iremmo in"ece come con"ergente in un unto di fuga. La ros etti"a genera illusioni ottic!e come i segmenti di ,on(o2# $figura 1(%, c!e sembrano di"ersi ur essendo in realt7 uguali. /a un lato, uno dei segmenti "iene considerato iK lontano dell)altro er due moti"iI sembra iK "icino al unto di fuga, ed a are iK alto ris etto all)orizzonte. /all)altro lato, le misure a arenti dei due segmenti sono erce ite come uguali, e dun6ue le loro misure reali sono inter retate come di"erse. Precisamente, 6uello considerato iK distante a are maggiore a causa della sua su osta lontananza.

3igura 1( Segmenti di Ponzo. I due segmenti orizzontali !anno la stessa lung!ezza.

Se i segmenti sono "erticali, in"ece c!e orizzontali, si ottiene un)illusione analoga. Soltanto, in"ece di a"ere una di"ersa lung!ezza, i due segmenti sembreranno a"ere una di"ersa altezza. 2na "ersione s ettacolare di 6uesta "ersione 5 la famosa stan(a di Ames $figura 1#%, realizzata nel 18&# da 0dalbert 0mes su un rogetto di Aelm!oltz2,.

2#

-. Ponzo, 6ei processi di riconoscimento di oggetti e figure e della loro denomina(ione , 0tti del Secondo +ongresso della Societ7 Italiana di Psicologia, 181*. $!.d.A.% 2, 0. 0mes, The Ames demonstration in perception, 18(2. $!.d.A.%

*(

3igura 1# Stanza di 0mes. Le due ersone !anno la stessa altezza.

Il trucco sta nel costruire una stanza deformata in modo tale c!e uno dei due s igoli "erticali della arete di fondo sia iK "icino e iK basso dell)altro, ma nel di ingerla in modo tale da farla a arire normale. 9enc!J le due ersone abbiano la stessa altezza e si tro"ino a distanza di"ersa dall)osser"atore, esse a aiono di altezza di"ersa ma alla stessa distanza, come nel 6uadro La gigantessa di :enJ -agritte. 2n com lemento aradossale della ros etti"a 5 l.anamorfosi, c!e ermette di disegnare figure deformate c!e a aiono corrette se osser"ate da un unto di "ista articolare. Il iK antico esem io conosciuto si tro"a nel 2odice Atlantico di Leonardo $figura 1,%, e de")essere guardato con lo sguardo 6uasi arallelo al foglio.

3igura 1, 0namorfosi, dal +odice 0tlantico di Leonardo.

L)anamorfosi non 5 soltanto un)im resa fittile, come otrebbe sembrare dalle curiose immagini conce ite er essere riflesse in s ecc!i cilindrici o conici, introdotte dai cinesi sotto la dinastia -ing e di"enute di moda in Euro a nel Seicento. =uesta tecnica 5 anc!e necessaria er realizzare affresc!i destinati a essere "isti di scorcio o a essere di inti su su erfici cur"e.

*#

3ra gli esem i iK noti ci sono il Giudi(io uni%ersale di -ic!elangelo nella +a ella Sistina e la Gloria di 'ant.Igna(io di 0ndrea Pozzo in Sant)Ignazio a :oma. =uest)ultimo sor rendente trompe l.oeil co re l)intero soffitto semicilindrico, e se "iene osser"ato da un articolare unto, segnato con un disco di marmo giallo sul a"imento, d7 l)illusione di essere una naturale continuazione della struttura della c!iesa. 2i scusiamo per il disturbo

Se nella ros etti"a le linee arallele sembrano con"ergere, nella ercezione esse sembrano di"ergere. PiK recisamente, nel 14,# Aermann "on Aelm!oltz si accorse24 c!e lo s azio "isi"o non 5 euclideo, come in"ece a"e"a su osto ?ant nella 2ritica della ragion pura. E nel 18&, :udolf Luneburg recisL c!e esso !a caratteristic!e i erbolic!e28. +ome lo s azio "isi"o a aia a un artista sensibile c!e cerc!i di rendergli giustizia, lo si uL intuire dalla 'tan(a di Arles di 1an Gog! $figura 14%. -a c!e 6ualcosa G"ada stortoH nella geometria della ercezione c!iun6ue lo uL dedurre da una serie di illusioni, tutte basate sul fatto c!e ci lasciamo facilmente ingannare da elementi di disturbo.

3igura 14 1incent 1an Gog!, 'tan(a di Arles, olio su tela, ottobre 1444.

Gli esem i iK sem lici riguardano la ercezione delle lung!ezze, e sono stati sco erti da 3ic> nel 14(1 $figura 18%I il segmento interrotto a are decisamente iK corto di 6uello c!e lo interrom e, benc!J le loro lung!ezze siano le stesse.
24 28

A. "on Aelm!oltz, The origin and meaning of geometrical axioms, -ind, I $14,#%I *01B*21. $!.d.A.% :. Luneburg, 7athematical anal0sis of binocular %ision, 18&,. $!.d.A.%

*,

3igura 18 Il segmento interrotto e 6uello c!e lo interrom e !anno la stessa lung!ezza.

La iK famosa delle illusioni sulle lung!ezze 5 costituita dalle frecce di 7<ller3 L0er*0 $figura 20%I anc!)esse sono uguali, ma le direzioni delle unte ce le fanno erce ire differenti. L)effetto non sembra essere uramente fisiologico, "isto c!e l)illusione sarebbe molto ridotta in soggetti come gli @ulu, nella cui ci"ilt7 redominano le linee cur"e.

3igura 20 Illusione di -ullerBL;er. Le due frecce !anno la stessa lung!ezza.

Il iK antico dei aradossi sul arallelismo, gi7 illustrato in un mosaico romano del Pu; de /ome, 5 l)illusoria im ressione di cunei alternati creata dallo sfasamento delle caselle di una scacc!iera $figura 21%. 2na "ersione iK astratta dello stesso effetto 5 stata sco erta nel 14#0 da Eo!ann @<llner, c!e !a anc!e stabilito c!e l)illusione 5 massima 6uando le arallele sono a &( gradi e i segmenti di disturbo formano *0 gradi con esse $figura 22%.

*0

3. -XllerBL;er, -ptische =rtheilst>uschungen, 0rc!i" fXr 0natomie und P!;siologie, 8 $1448%I 2#*B2,0. $!.d.A.%

*4

3igura 21 Le linee orizzontali sembrano incuneate, ma sono in realt7 arallele.

3igura 22 Illusione di @<llner. Le rette a &( gradi sono tutte arallele.

-entre nei due esem i recedenti le rette arallele sembrano allontanarsi o a""icinarsi, ma mantengono la loro rettilineit7, nei due seguenti esse si deformano. L)effetto si ottiene inserendo le due rette arallele in fasci di rette, come sco rirono EDald Aering*1 e Ril!elm Rundt*2 $figure 2* e 2&%.

*1 *2

E. Aering, &eitrdge (ur ,h0siologie, 14#1. $!.d.A.% R. Rundt, Grundriss der ,s0chologie, 148#. $!.d.A.%

*8

3igure 2* e 2& Effetto di distorsione di due rette arallele ro"ocato da fasci di rette di disturbo.

Sostituendo alle rette arallele dei cerc!i concentrici, e al fascio di rette un fascio di cur"e assanti er il centro, si ottiene la sor rendente spirale di Fra(er** $figura 2(%. La sua illusoriet7 ermane anc!e do o a"er controllato con un dito o una matita c!e effetti"amente ci sono soltanto cerc!i.

**

E. 3razer, A new %isual illusion, T!e 9ritis! Eournal of Ps;c!olog;, 1804. $!.d.A.%

&0

3igura 2( S irale di 3razer. La s irale a arente 5 in realt7 formata da una serie di cerc!i concentrici.

7a chi ci crede?

Le illusioni artistic!e iK sor rendenti sono forse 6uelle c!e realizzano una con"incente im ossibilit7I c!e, come ri ete due "olte 0ristotele alla fine della ,oetica, 5 referibile ad una non con"incente ossibilit7. 2n esem io ben noto di con"incente im ossibilit7 5 l)insegna del barbiere/ un cilindro a strisce alternate bianc!e e rosse, c!e sembrano ascendere er etuamente 6uando il cilindro ruota. 2na "ersione acustica di 6uesto aradosso "isi"o 5 l)illusione di 'hepard*&I un suono le cui armonic!e salgono e scendono gradualmente con altezze scelte ad arte, in modo da determinare una cur"a a dosso c!e rimane costante $armonic!e e dosso corris ondono a strisce e cilindro dell)insegna del barbiere%. L)orecc!io erce isce le "ariazioni di tono nella arte alta del dosso, ma non si accorge c!e le armonic!e a un estremo s"aniscono er lasciare il osto ad altre simili all)estremo o osto $figura 2#%. Il risultato 5 l)im ressione di un im ossibile suono continuamente ascendente o discendente, sfruttato dal com ositore EeanB+laude :isset nelle music!e er Little &o0 di Pierre Aalet $l)incubo della caduta di una bomba "iene accom agnato da un suono continuamente discendente%.
*&

:. S!e ard, 2ircularit0 in @udgement of relati%e pitch , Eournal of t!e 0coustic Societ; of 0merica, *# $18#&%I 2*&#B 2*(*. $!.d.A.%

&1

3igura 2# Le armonic!e di un suono continuamente ascendente.

2na raffigurazione grafica molto efficace dell)ascesa infinita si !a nella scala di Lionel ,enrose*( $figura 2,%. In realt7 la scala 5 in iano, come si intuisce tenendo l)immagine non er endicolarmente al cam o "isi"o, ma arallelamente ad esso. PiK recisamente, gli scalini sono dis osti uno sull)altro come tegole su un tetto iano, o libri su un ta"olo, in modo da formare un 6uadrilatero $figura 24%. In articolare, siamo di fronte a un)anamorfosi.

3igura 2, /isegno im ossibile di una scala continuamente ascendente.

*(

L. e :. Penrose, Impossible ob@ects/ a special t0pe of %isual illusion, 9ritis! Eournal of Ps;c!olog;, &8 $18(4%I *1B**. $!.d.A.%

&2

3igura 24

=uattro scalini dis osti in modo da formare una scala continuamente ascendente.

0 ro osito di scale, altrettanto aradossale di 6uella di Penrose 5 la scala di 'chrAder*#, c!e sembra sia salire da un a"imento c!e scendere da un soffitto $figura 28%. Tutta"ia, mentre la scala di Penrose 5 sem licemente un oggetto im ossibile, 6uella di Sc!r<der 5 un oggetto ambiguoI ra resenta, cio5, due oggetti ossibili sui 6uali la ercezione oscilla.

3igura 28 /isegno ambiguo di una scala, c!e si uL inter retare come ascendente dal a"imento o discendente dal soffitto.

I iK antic!i esem i di oggetti ambigui sono robabilmente i cubi re%ersibiliI tre rombi adiacenti "isti come le facce di un cubo, c!e ossono essere alternati"amente inter retati come facce interne o esterne. Inoltre, se ce ne sono iK di tre, i rombi non estremi ossono a artenere a iK di un cubo, facendo a arire l)immagine alternati"amente conca"a e con"essa $figura *0%. I cubi re"ersibili erano gi7 noti ai
E. Sc!r<der, =ber eine optische In%ersion, 0nnalen der P!;si> und +!emie, 141 $14(4%I 284B*11. $!.d.A.%
*#

&*

romani, e nel 'o"ecento sono stati usati a creazione di "ario inte figure aradossali.

rofusione da 1ictor 1asarel; nella

3igura *0 +ubi re"ersibili, c!e si ossono inter retare come conca"i o con"essi.

2n cubo re"ersibile 5 un caso limite, "isto da una articolare ros etti"a, del cubo di 'ec>er*,, c!e sembra alternarsi in rilie"o e in rofondit7 $figura *1%. 0 causa della articolare ra resentazione ros ettica, in cui tutti i lati sono in e"idenza, si crea un)ambiguit7 su 6uale delle facce sia da"anti e 6uale dietro. /ue ossibili cubi si alternano 6uindi nella ercezione, creando un effetto aradossale c!e !a dato filo da torcere ai filosofi, ad esem io a Rittgenstein nel Tractatus $(.(&2*%.

3igura *1 +ubo ambiguo, di cui non si sa 6uale sia il fronte e 6uale il retro.

Il tentati"o di disegnare in maniera tridimensionale il cubo di 'ec>er orta ad un cubo im ossibile, c!e fa arte di una intera famiglia di analog!e figure immaginarie.
*,

L.0. 'ec>er, -bser%ations on some remarkable phenomena seen in 'wit(erlandB and an optical phenomenon which occurs on %iewing of a cr0stal or geometric solid, P!iloso !ical -agaCine, I $14*2%I *28B**,. $!.d.A.%

&&

La rima di 6ueste fu il triangolo di :euters"ard*4, disegnato in ros etti"a in modo da dar l)illusione di a"ere tre angoli retti $figura *2%, e ottenuto in origine es andendo la stella di /a"id c!e gli sta al centro.

3igura *2 Oscar :euters"ard, -pus I n. 28*.

L)idea era stata antici ata er sc!erzo nel 181# da -arcel /uc!am , c!e in Apolin:re enameled a"e"a trasformato una ubblicit7 nell)immagine di un letto im ossibile. Il rimo esem io conscio di figura im ossibile c!e si conosca 5 La ga((a sulla forca di Pieter 9ruegel, c!e risale addirittura al 1(#4 $figura **%. -a fu Oscar :euters"ard il rimo a com rendere e sfruttare sistematicamente le otenzialit7 artistic!e di 6uesto genere di costruzioni. In seguito il triangolo im ossibile fu risco erto da :oger Penrose*8, e attra"erso lui arri"L ad Esc!er, c!e lo usL in due sue famose com osizioniI $elati%it e 2ascata.

*4 *8

O. :euters"ard, -pus I n. 28* aa, 18*&. $!.d.A.% L. e :. Penrose, Impossible ob@ects/ a special t0pe of %isual illusion, 9ritis! Eournal of Ps;c!olog;, &8 $18(4%I *1B**. $!.d.A.%

&(

3igura ** Pieter 9ruegel, La ga((a sulla forca, olio su ta"ola, 1(#4 $ articolare% "a #reccia indica la $azza% la trave su cui po$$ia & il paradosso

Il triangolo e il cubo im ossibili sono figure molto articolariI ra resentano oggetti fisicamente inesistenti e sicologicamente im ensabili, ma non ercezioni irrealizzabili. :ic!ard Gregor; !a infatti mostrato&0 come tre sbarre due a due er endicolari, o""iamente formanti una figura a erta, ossano sembrare un triangolo im ossibile se osser"ate da una ros etti"a c!e ne faccia coincidere gli estremi $figura *&%. 0nalogamente, un modello di cubo con due lati discontinui uL sembrare un cubo im ossibile se osser"ato da un articolare unto di "ista c!e ermetta di "edere i lati sul retro attra"erso le discontinuit7 sul da"anti.

&0

:. Gregor;, The intelligent e0e, 18,0. $!.d.A.%

&#

3igura *& Percezione reale di un triangolo im ossibile.

-olto iK facile da realizzare, ad esem io con carta e forbici, 5 in"ece la figura di Thi#r0&1 $figura *(%, c!e com are gi7 in mosaici bizantini. 9enc!J a arentemente ra resenti l)im ossibile congiunzione di due arallele i edi, in realt7 si uL anc!e ensare in maniera non aradossale, come un unico arallele i edo esteso con due areti $in due modi di"ersi%.

&1

0. T!iJr;, -ptisch3geometrische T<uschungen, 148(. $!.d.A.%

&,

3igura *( +ongiunzione im ossibile di due arallele i edi.

+osQ come alcune figure a aiono im ossibili a rima "ista, ma risultano non esserlo in un secondo momento, uL sor rendentemente succedere anc!e il contrario. 0d esem io, la figura *# mostra un oggetto c!e erce iamo senza esitazioni come un tronco di iramide. E in"ece la figura non uL corris ondere a nessun oggetto reale, erc!J i rolungamenti dei tre lati "erticali non si incontrano in un unico unto.

3igura *# /isegno di un tronco di iramide im ossibile.

Il triangolo im ossibile rimane, comun6ue, il iK noto esem io del suo genere. La figura ambigua iK famosa 5 in"ece il %aso di $ubin&2 in cui due rofili di facce
&2

E. :ubin, '0nsopple%ede Figurer, 181(. $!.d.A.%

&4

ossono anc!e essere "isti come il contorno di un "aso $figura *,%. L)effetto 5 causato dal fatto c!e non esiste in 6uesto caso una suddi"isione naturale dell)immagine in figura e sfondo, cosQ c!e la ercezione alterna le due ossibilit7.

3igura *, 3igura ambigua, c!e si uL inter retare come un "aso o due rofili.

Sal"ador /alY !a illustrato artisticamente 6uesto effetto in "ari 6uadri, da Appari(ione di un %iso e di una coppa di frutta su una spiaggia a 7ercato di schia%i con appari(ione del busto in%isibile di 9oltaire. -a l)artista c!e l)!a iK sfruttato 5 Esc!erI in una sessantina di suoi la"ori a aiono frammenti di tassellazioni olicrome del iano, com oste di due o iK ti i di tasselli c!e s"olgono, alternati"amente, il ruolo di figura e sfondo. =ueste o ere illustrano dinamicamente sia il assaggio dal bidimensionale al tridimensionale c!e la morfogenesi, facendo e"ol"ere indi endentemente e gradualmente i due ti i di tasselli in figure indi endenti e s aziali. L)esem io iK noto, o almeno il iK "enduto, 5 Giorno e notte $figura *4%, in cui la tassellazione bidimensionale centrale si e"ol"e in raffigurazioni tridimensionali ai lati. =ueste ra resentano la stessa immagine non solo di giorno e di notte, come il titolo suggerisce, ma anc!e s ecularmente, oltre c!e in ositi"o e negati"o.

3igura *4 -aurits +ornelis Esc!er, Giorno e notte.

&8

+a itolo terzo

2ose dell.altro mondo

I aradossi ercetti"i sono momenti di difficolt7 dei sensi, smasc!erati dalla ragione. -a anc!e la ragione incontra simmetric!e difficolt7 nei aradossi logici, smasc!erati dall)e"idenza sensoriale. 0nzi, si uL dire c!e molte delle idee astratte su cui si basa la nostra cultura finiscono er ri"elarsi aradossali, ad un esame iK ra""icinato. +on 6uesto ca itolo abbandoniamo dun6ue i aradossi dei sensi e iniziamo ad affrontare 6uelli della ragione, seguendo il ensiero in un ercorso c!e "a dalle sue forme iK rimordiali a 6uelle iK sofisticate. O""ero, dalla religione alla matematica, assando attra"erso la filosofia e la logica. Iniziamo, a unto, dagli as etti aradossali della religione. /i 6uelli del +ristianesimo abbiamo gi7 trattato bre"emente nel 9angelo secondo la 'cien(a $Einaudi, 1888%, in un aragrafo c!e ri ortiamo 6ui er comodit7 del lettore. Per par condicio arleremo oi, oltre c!e dello (en, anc!e di alc!imia, sicanalisi e surrealismoI tutte cose c!e !anno molto iK in comune con la religione di 6uanto si otrebbe a rima "ista ensare. La religione in pillole

Prima di andare a"anti, "olgiamo ancora all)indietro lo sguardo un)ultima "olta, er notare un ulteriore aradosso sensoriale. L)imbarazzante fatto, cio5, c!e le es erienze religiose di ti o mistico ossono essere indotte e ri rodotte con mezzi elettroc!imici. Il c!e fa ensare, o""iamente, c!e esse siano iK immanenti c!e trascendenti. O, come dicono coloro c!e se ne intendono, c!e il regno di /io sia dentro di noi. PiK recisamente, dentro la nostra testa. La tradizione c!imica del misticismo si erde nella notte dei tem i. E la connessione fra drog!e e religioni 5 tro o diffusa er essere casuale, come dimostrano i "ari Gcibi e nettari degli d5iH della storiaI il soma "edico, la manna ebraica, il loto omerico, il "ino bacc!ico, la cana a indiana, il pe0ote messicano, la coca incaica, l.a0ahuasca amazzonica, la gan@a giamaicana, la ka%a fiZiana... 'on c)5 comun6ue bisogno di andare tro o lontano, er "edere c!imicamente /io. 9asta il gas, come racconta Rilliam Eames in 9olont di credere. O, ancora iK sem licemente, basta la "asca di de ri"azione sensoriale, descritta da :ic!ard 3e;nman in 'ta scher(ando, 7r. Fe0nmanC O il deserto, come er sant)0ntonio. O la cella $del carcere o del con"ento%, come er san Gio"anni della +roce. O i digiuni e le
(0

"eglie. O le trances indotte da danze, canti o mantra ossessi"i. O gli esercizi di res irazione guidata o forzata c!e accomunano le tecnic!e meditati"e iK dis arate, dallo ;oga allo zaB(en. 0nc!e se, o""iamente, iK i mezzi sono blandi e maggiore di"enta la difficolt7 di raggiungere l)illuminazione. La tradizione elettrica del misticismo 5, in"ece, iK recente e meno diffusa. Si tratta di stimolare artificialmente i lobi tem orali, nei 6uali si situano le connessioni fra i centri sensoriali e l)amigdala, c!e 5 la arte del cer"ello re osta a dare significati emozionali agli a""enimenti esterni. Stimoli inusuali ai lobi tem orali ossono ro"ocare disfunzioni dell)amigdala, con conseguente assegnazione di "alenze cosmic!e a oggetti e fatti anc!e banali&*. La stimolazione dei lobi tem orali uL a""enire anc!e s ontaneamente, ad esem io in crisi e ilettic!e. E, ancora una "olta, la connessione fra e ilessia e religione 5 tro o diffusa er essere casuale. Lo dimostrano, simmetricamente, sia le intense es erienze s irituali ro"ate da molti e ilettici durante gli attacc!i&&, c!e l)e ilessia di molti rofeti e santi, da Paolo di Tarso a -aometto. 'aturalmente, il aradosso fisiologico della religione sta ro rio nella ossibilit7 di inter retare 6uesti fatti in maniere contra oste. /a un lato, il credente rifiuter7 di ridurre le ro rie es erienze religiose a fattori elettroc!imici, cosQ come rifiutano una tale riduzione l)ansioso, il de resso e lo sc!izofrenico. /all)altro lato, il non credente si stu ir7 c!e il religioso, cosQ come l)ansioso, il de resso e lo sc!izofrenico, i ostatizzino le ro rie turbe fisic!e attribuendole a cause metafisic!e. +omun6ue sia, si conoscono da tem o farmaci sicodislettici, stimolanti dell)es erienza religiosaI ad esem io, la mescalina, l)LS/ e l)ecstas;&(. 3armaci inibitori, analog!i ad ansiolitici, antide ressi"i e neurolettici, er ora in"ece non ci sono. -a c)5 da scommettere c!e, tra 6ualc!e tem o, il medico arri"er7 a rescri"ere una illola al aziente c!e mostri sintomi religiosi. E, magari, illole di"erse er religioni di"erse. 'ell)attesa, abbandoniamo i aradossi fisiologici er ri"olgerci finalmente a 6uelli uramente logici. 6io e 6ia%olo, '.p.A.

Il rimo a arire del aradosso nella storia 5 la nascita del /ia"olo da /io, cio5, del male dal bene. 0gli inizi /io 5 solo, un)unit7 indi"isa, e tale rimane nelle religioni orientali. -a nel momento in cui decide di guardare se stesso egli si sdo ia, di"entando automaticamente osser"atore e osser"ato, e creando cosQ una scissione. In greco GscissioneH si dice a unto diabol#, un termine il cui contrario 5 s0mbol#, GriunioneHI er 6uesto /io arla er simboli, e il suo alter ego er contra osizioni.
&*

0. -andeli, God in the brain, in T!e s;c!obiolog; of consciousness, a cura di E. e :. /a"icison, 1840W -. Persinger, !europs0chological bases of God beliefs, Praeger, 184,W e 1. :amac!andran e S. 9la>eslee, 6io e il sistema limbico, in La donna che morD dal ridere, -ondadori, 1888. $!.d.A.% && ?. /eD!urst e 0.R. 9eard, 'udden religious con%ersions in temporal lobe epileps0, 9ritis! Eournal of Ps;c!iatr;, 11, $18,0%I &8,B(0,. $!.d.A.% &( 0. AuO0e;, The doors of perception, 18(&, e Aea"en and Aell, 18(#W 0. Ratts, ,s0chedelics and the religious experience, +alifornia LaD :e"ieD, (# $18#4%I ,&B4(. $!.d.A.%

(1

Il /ia"olo $diabolos% 5 dun6ue il Gdi"isoreH, anc!e se altri suoi nomi ricorrenti nell)0ntico Testamento sono /emonio $daimonia, G ri"o di "aloreH o Gnullit7H% e Satana $satan, Ga""ersarioH%. L)analogo termine greco diaballein, Ggettare attra"ersoH, collega il /ia"olo alla insinuazione. 'ella mitologia ebraica $Genesi, III, 1B(%, alla sua rima entrata in scena il /ia"olo "iene a unto resentato come un insinuatore, sia er la sua forma fisica di ser ente, c!e er il gioco dialettico su cui basa la sua tentazioneI Il ser ente era il iK astuto di tutti gli animali del cam o c!e il Signore a"e"a creato. Egli c!iese alla donnaI GT ro rio "ero c!e /io "i !a dettoI 'on mangiate il frutto di tutti gli alberi del giardino.H La donna ris ose al ser enteI G'oi ossiamo mangiare il frutto degli alberi del giardino, e solo del frutto di un albero c!e sta nel mezzo del giardino /io !a dettoI 'on lo mangiate, anzi non toccatelo nemmeno, altrimenti morireteFH 0llora il ser ente disse alla donnaI G'o, "oi non morirete. 0nzi, il Signore sa c!e, 6ualora "oi ne mangiaste, "i si a rirebbero gli occ!i e di"entereste come /io, ac6uistando la conoscenza del bene e del maleH. Lo sco o es licitamente dic!iarato della tentazione del ser ente 5 dun6ue il ensiero dualistico, basato sulla dicotomia "eroVfalso e contra osto al ensiero olistico. Il /ia"olo si ri"ela cosQ come lo s irito della logica, e non a caso come tale "iene descritto da /ante&# e Goet!e&,. 0gli inizi la dicotomia /ioV/ia"olo e "eroVfalso non 5 ancora com letamente definita. La 9ibbia, infatti, non trascura il sor rendente tema della menzogna di"ina. 0d esem io, il 'almo EF accusa es licitamente Ia!"5 di a"er rotto il atto sti ulato con /a"ide, e di non a"er mantenuto gli im egni resi col o olo eletto. -a 5 nel Libro di Giobbe c!e le contraddizioni di"ine es lodonoI tormentando ingiustamente un uomo giusto c!e, nonostante tutto, mantiene salda la fede, Ia!"5 si ri"ela moralmente inferiore a lui. 'ella $isposta a Giobbe, Eung isola in 6uesto e isodio il germe dell)incarnazioneI oic!J il +reatore si 5 ri"elato inferiore alla creatura, e in ossesso soltanto di una coscienza indifferenziata, egli decide di farsi uomo er migliorarsi ed ac6uistare maggiore coscienza, e di morire in es iazione dei eccati c!e lui stesso !a commesso nei confronti dell)umanit7. 'ella sicanalisi Zung!iana, l)incarnazione di"enta dun6ue una immagine mitologica della resa di coscienza sicologica da arte dell)inconscio. E +risto e Lucifero ra resentano le due olarit7 com lementari della coscienza&4, finalmente ricom osta do o la rimozione agostiniana del manic!eismo. 9enc!J "erit7 e menzogna, e dun6ue /io e /ia"olo, sembrino indistricabilmente legati alle origini, la mitologia cristiana tentL di stabilire una netta se arazione $9angelo secondo Gio%anni, 1III, &&%I
1oi a"ete er adre il /ia"olo, e "olete soddisfare i desideri del adre "ostro. Egli fu omicida fin dal rinci io, e non erse"erL nella "erit7, erc!J in lui non c)5 "erit7.
&# &,

GTu non ensa"i c!)io loico fossiH, Inferno, SS1II, 12*. $!.d.A.% OIc! rat)Euc! drum @uerst +ollegium Logicum, Gti consiglio anzitutto di iscri"erti ad un corso di logicaH, Faust, "". 1810B1811. $!.d.A.% &4 Gli gnostici crede"ano c!e il ser ente della tentazione fosse in realt7 un tra"estimento c!e il 3iglio a"e"a assunto er oter offrire all)uomo la ca acit7 di riconoscere l)im erfezione del Padre. $!.d.A.%

(2

=uando mente arla di ciL c!e gli 5 ro rio, erc!J 5 bugiardo e adre della menzogna. 0 me in"ece, oic!J "i dico la "erit7, non credete.

'elle arole di +risto il /ia"olo di"enta cosQ adre della menzogna, e genera la sua rogenie attra"erso l)o era dei bugiardi. 'on stu isce allora c!e le Scritture abbiano fatto il ossibile er render loro la "ita difficile, ordinando di Gnon dire falsa testimonianzaH $)sodo, CC, 1#%, ammonendo c!e Gla menzogna uccide l)animaH $'apien(a, 1 II%, e minacciando c!e Gla sorte dei bugiardi 5 uno stagno ardente di fuoco e zolfoH $Apocalisse, SSI, 4%. Se +risto, affermando Gio dico la "erit7H, intende contra orsi al /ia"olo, 6uest)ultimo non otr7 c!e affermareI io dico il falso. =uesta 5 "eramente un)affermazione diabolica, e genera un aradosso cosQ subdolo c!e gli dedic!eremo un intero ca itolo. 1olendo contra orsi a Ia!"5, il /ia"olo a"rebbe in"ece do"uto affermareI io non sono colui che sono. 'on sa iamo se l)abbia mai fatto, ma 5 stato certo lui a suggerire l)affermazione al suo degno disce olo Iago, nell)-tello $I, 1, #(%. La mitologia islamica ritorna a una contra osizione meno netta fra /io e /ia"olo. 0d esem io, il racconto della creazione dell)uomo rende una iega inas ettata $2orano, S1, 24B&*, e SSS1III, ,1B4(%I
Il Signore disse agli angeliI GIo creerL un uomo di argilla secca, resa da fango nero im astato, e 6uando l)a"rL modellato e gli a"rL soffiato dentro il mio s irito, rostrate"i da"anti a lui in adorazioneH. E tutti gli angeli si rostrarono, eccetto Iblis, c!e si rifiutL di unirsi a loro. E /io gli c!ieseI GIblis, c!e !ai, erc!J non ti rostri con gli altri in adorazione.H Iblis ris oseI G'on sia mai c!e io adori un uomo, creato dall)argilla secca, dal fango im astatoFH /isse allora /ioI G1attene di 6ui, reietto, e c!e tu sia maledetto sino al giorno del giudizioFH Iblis ris oseI GSignore, oic!J tu mi !ai ingannato io renderL bella agli occ!i dell)uomo ogni tur itudine, e li ingannerL tuttiH.

/io crea cosQ un dilemma "eramente diabolico, un)alternati"a da cui si uL uscire soltanto disobbedendoI o direttamente, all)ingiunzione di adorare 0damo, o indirettamente, al comandamento di non adorare altri c!e /io. E il /ia"olo si tro"a c!iuso di fronte ad una co ia di ordini contraddittori c!e non gli lasciano scam o, e c!e costituiscono un ti ico esem io di 6uei doppi %incoli sui 6uali torneremo in seguito. I paradossi in croce

La rima a arizione del aradosso nel cristianesimo si tro"a negli Atti di Gio%anni, c!e ci mostrano un GesK iK in sintonia col musical 8esus 2hrist 'uperstar c!e coi 1angeli canonici. /urante l)ultima cena egli a"rebbe infatti diretto un girotondo degli a ostoli, e mentre essi danza"ano in cerc!io tenendosi er mano lui a"rebbe intonato un inno, nei cui "ersi 5 alese la coincidenza degli o osti $nella forma atti"oV assi"o%I
(*

1oglio essere sal"ato e "oglio sal"are. 0men. 1oglio essere liberato e "oglio liberare. 0men. 1oglio essere ferito e "oglio ferire. 0men. 1oglio essere generato e "oglio generare. 0men. 1oglio essere mangiato e "oglio mangiare. 0men. 1oglio essere la"ato e "oglio la"are. 0men. 1oglio essere unificato e "oglio unificare. 0men.

0nc!e Paolo di Tarso resenta, nella ,rima lettera ai 2orin(i $I, 1,B28%, il cristianesimo come una teologia molte licemente aradossale. Esso redica infatti un /io c!e si fa uomo, un immortale c!e di"enta mortale, un onni otente c!e finisce crocifisso, una sa ienza ri"olta agli ignoranti, una ricc!ezza riser"ata ai o"eri, una otenza destinata ai deboli. La fede cristiana "iene es licitamente descritta da Paolo come uno scandaloso manifestarsi della di"init7, c!e sconfigge la ragione dell)uomoI
-entre i giudei c!iedono miracoli e i greci cercano la sa ienza, noi redic!iamo +risto crocifisso, scandalo er i giudei e follia er i gentili. -a er i c!iamati, giudei e greci, +risto 5 otenza di /io e sa ienza di /io, erc!J la follia di /io 5 iK sa iente degli uomini, e la debolezza di /io 5 iK forte degli uomini.

0 Tertulliano, "issuto "erso il 200, "iene attribuita la memorabile fraseI credo ;uia absurdum, Gcredo erc!J 5 assurdoH. In maniera forse meno memorabile, ma sullo stesso tono, Tertulliano ribadi"a oiI
T credibile c!e il figlio di /io sia morto, erc!J 5 inconce ibile. T certo c!e sia risorto, erc!J 5 im ossibile.

=ueste osizioni orta"ano alle estreme conseguenze la concezione della fede cristiana inaugurata da PaoloI in"ece di stare sulla difensi"a accettando di credere bench# fosse assurdo, esse arti"ano all)attacco ro onendo di credere perch# lo era. 0nselmo d)0osta inaugurL nel secolo SI una fase nuo"a della teologia, 6uando asserQI credo ut intelligam, Gcredo er ca ireH. Egli contra one"a infatti la sua osizione a 6uella del Gca isco er credereH, c!e sembra"a essere la naturale conseguenza della sua ro"a ontologica dell)esistenza di /io. =uesta ro"a generL comun6ue un tentati"o di ricostruzione razionale della teologia, durato tutta la scolastica e culminato nella 'umma theologiae di Tommaso d)06uino, c!e mira"a a ridurre la fede alla ragione. In altre arole, a eliminarne a unto l)as etto aradossale. In tutt)altra direzione "anno le affermazioni del mistico Eo!annes Ec>!art $12#0B 1*2,%, secondo il 6uale fuori di /io non c)5 c!e il nulla, e /io stesso 5 nulla di nulla. Le due dic!iarazioni si com letano a "icenda, oic!J ro ongono da un lato un radicale nic!ilismo, e dall)altro un globale anteismoI tutto 5 niente, ma niente 5 /io, dun6ue tutto 5 /io.

(&

Esse sono, erL, anc!e inter retabili come es ressioni di una teologia negati"a, secondo cui ogni essere 5 negazione dei rimanenti, e /io 5 negazione di ciascun essere. /un6ue do ia negazione, cio5 ura affermazione. La teologia negati"a "enne erfezionata da 'icola +usano $1&01B1&#&%, ne La dotta ignoran(aI oic!J arlare di /io in modo ositi"o lo riduce ad una creatura, se ne uL arlare soltanto in modo negati"o. Il ensiero teologico di +usano attra"ersL tre momenti di successi"a radicalizzazione. In una rima fase egli ritenne c!e, arlando di /io, le negazioni sono iK "eritiere delle affermazioniI /io 5 6uindi infinito, cio5 nonBfinito, immortale, immateriale, e cosQ "ia. In una seconda fase +usano identificL /io con la coincidenza degli o ostiI allo stesso tem o /io 5 e non 5, 5 finito e infinito, e cosQ "ia. In una terza fase +usano unQ i due a rocci recedenti, e identificL /io con la coincidenza di o osti negati"iI /io 6uindi nJ 5 nJ non 5, non 5 nJ finito nJ infinito, e cosQ "ia. La teologia negati"a di Ec>!art e +usano sancQ il fallimento dell)im resa scolastica di razionalizzazione della fede, e il ritorno ad una concezione religiosa basata sul aradosso. 'on a caso, nel 1(14 -artin Lutero intitolL le tesi di Rittenberg Theologica ,aradoxa. Egli "ide, anzitutto, una contraddizione interna fra il G/io ri"elatoH e il G/io nascostoH. Poic!J il rimo 5 l)as etto c!e il secondo !a scelto di farci conoscere, 5 inutile, se non addirittura blasfemo, cercare di andare oltre. 0d esem io, "oler inter retare le Scritture, alla cui Gc!iarezzaH bisogna in"ece abbandonarsi assi"amente. Lutero "ide oi una contraddizione esterna fra le libert7 di /io e dell)uomo. Se /io 5 libero, non si uL far nulla c!e Egli non "oglia. /un6ue, sia le azioni dell)uomo c!e la sua sal"ezza sono redestinate. Se in"ece l)uomo 5 libero, allora sono le sue azioni a determinarne la sal"ezza, c!e non uL 6uindi essere redeterminata da /io. Sia Lutero c!e +al"ino o tarono er la redestinazione e il ser"o arbitrio dell)uomo, andando cosQ contro l)o inione cattolica del libero arbitrio. 3u ro rio su 6uesto unto c!e il +oncilio di Trento ru e con la :iforma, asserendo c!e la grazia 5 condizione necessaria ma non sufficiente er la sal"ezza. +on 9laise Pascal la contra osizione fra ragione e fede ac6uista, nel secolo S1III, il suo as etto moderno. Egli giunge a considerare sia il teismo c!e l)ateismo, in 6uanto rodotti di un)atti"it7 intellettuale, e6uidistanti dalla "era religione cristiana Gdelle ac6ue benedette e delle messeH. In altre arole, il /io dei filosofi e dei dotti non 5 6uello dei miserabili e dei eccatori. 0 6uest)ultimo si arri"a, tanto er cambiare, attra"erso le contraddizioni, ma non iK astrattamente intellettuali, bensQ concretamente esistenziali. PiK recisamente, attra"erso il eccato e la redenzione. Se ro rio c)5 bisogno di un argomento er credere, non sar7 iK la ferrea logica a fornirlo, ma l)em irica teoria delle robabilit7. Ecco dun6ue la famosa GscommessaH, secondo cui si risc!ia di meno a credere se /io non c)5, c!e a non credere se /io c)5. Il ercorso dei aradossi sul terreno della fede raggiunge il suo a ice nel secolo SIS col ensiero di Soren ?ier>egaard, c!e !a scorto in essi l)essenza di ciL c!e /io cerca di comunicare all)uomo e c!e 6uesti non uL cogliere mediante la ragione. In tal senso i aradossi teologici, rimo fra tutti l)incarnazione, sono uno scandalo nel
((

senso letterale, una Gtra olaH $skandalon% in cui la ragione cade andando alla ricerca del di"ino, e da cui si uL uscire soltanto con un balzo, un salto di fede nell)ignoto. 'el caso c!e oi la cosa non fosse sufficientemente c!iara, ?ier>egaard !a recisato c!e Gil segno della fede 5 recisamente la crocifissione della ragioneH. =uest)ultima di"iene dun6ue, come +risto stesso, un agnello sacrificale destinato a atire una lunga %ia crucis di flagellazioni e s uti, er togliere i eccati dal mondo. L)inesauribile "italit7 della concezione irrazionale della religione 5 testimoniata dalle numerose ro oste c!e essa !a a"anzato nella seconda met7 del secolo SS. La iK radicale !a reso le "uote forme della teologia della morte di /io di T!omas 0ltizer, Rilliam Aamilton e Paul "an 9urenI autori di o ere dai titoli memorabili, 6uali Il 9angelo dell.ateismo cristiano. =uesta teologia offre "ariazioni sul tema di 'ietzsc!e G/io 5 mortoH $Gaia 'cien(a, 12(%, c!e a sua "olta 5 una "ariazione su un tema di PlutarcoI GIl grande Pan 5 mortoH. La morte di /io 5 stata intesa in "ari modi, accomunati soltanto da una negazione dell)idea tradizionale di /io. Egli 5 oggi oscurato, o silente, o assente, o artito, o da 6ualc!e arte ma non nel mondo, o mai esistito. O ure, 5 sintatticamente ines rimibile, o semanticamente "uoto e senza senso, o dialetticamente scom arso nella sintesi $incarnazione% di tesi $di"init7% e antitesi $umanit7%. Il risultato di 6ueste remesse 5 l)ossimoro della teologia ateista, secondo cui si do"rebbe "edere l)essenza dell)incarnazione nel assaggio dal di"ino all)umano. O, in assenza del Padre, ci si do"rebbe accontentare del 3iglio, o di "ersioni ancora iK deboli $forse il 'i ote, il cui 'onno otrebbe essere l.-nnipotente%. O si do"rebbe ammettere c!e /io non 5 ancora arri"ato, ma continuare a s erare c!e arri"i, religiosamente Gas ettando God$ot%H. O si otrebbe essere credenti soltanto non credendo, o sacri soltanto essendo rofani, e cosQ "ia. In 6uest)ottica, la teologia della secolarizzazione di Aar"e; +oC ro one di essere religiosi essendo secolari. Essa retende di classificare i tratti essenziali della secolarizzazione come una conseguenza logica dell)insegnamento biblicoI la creazione testimonia il distacco della natura da /ioW l)esodo is ira alla ribellione contro il otere totalitarioW il o olo errante ro one un modello sociale basato sulla mobilit7W e +risto definisce un)etica di amore e di dedizione al rossimo. 0ltrettanto aradossali, sebbene in un)accezione di"ersa, sono le "arie teologie c!e intendono farsi carico, da una ros etti"a religiosa, delle roblematic!e di classe, razza e genere. :i"olgendosi, cio5, a +risto come alternati"a a +!e Gue"ara, -alcolm S o Simone de 9eau"oir. E dimenticando c!e ro rio nel nome di +risto sono state sistematicamente a""ersate le inno"azioni scientific!e, filosofic!e e olitic!e iK significati"e degli ultimi secoliI dal sistema co ernicano all)e"oluzionismo, dal razionalismo all)esistenzialismo, dagli stati di diritto alle ri"oluzioni. O""iamente, la aradossalit7 di tutti 6uesti e6uilibrismi teologici sta a unto nel fatto c!e, e"itando di trarre dalle ro rie analisi la ossibile conclusione c!e il cristianesimo 5 arte integrante del otere ca italista, razzista e sessista, e come tale andrebbe combattuto e abbandonato, essi offrono in"ece a tale otere, mediante nuo"e inter retazioni dottrinali, una ossibilit7 di so ra""i"enza.
(#

Possibilit7 c!e non tarda a di"enire attualit7. +ome dimostrano, da un lato, il sostanziale fallimento delle "arie lotte di liberazione. E, dall)altro, il ristabilimento dell)ortodossia da arte di Gio"anni Paolo II, c!e !a definiti"amente c!iuso sia le a erture del +oncilio 1aticano II, c!e le ingenue s eranze delle teologie aradossali. Applausi a una mano sola

Lao Tze $secolo 1I a.+.% a re il Tao T(e 2hing, rimo classico del taoismo, con l)affermazioneI GIl Tao di cui si arla non 5 il "ero TaoH. E lo conclude dicendoI G+!i sa non arla, c!i arla non saH. 'aturalmente, ciL c!e sta in mezzo rocede sullo stesso tono, e dic!iara di assaggioI GLa "erit7 5 aradossaleH. +on 6ueste remesse, cercare di ca ire ositi"amente cosa sia il Tao 5 im ossibile, essendo esso indicidibile ed ineffabile. Il c!e ermette di identificarlo, a iacere, con l)0ssoluto, la 'atura, il 1uoto, il +ammino, la 1ia, eccetera. 'on stu isce, allora, c!e in"ece di trattati filosofici il taoismo abbia rodotto raccolte di aforismi e aneddoti, con l)intento di mostrare con esem i ciL c!e non si uL es rimere con arole. La iK nota di 6ueste raccolte 5 certamente il 2huang T(u, c!e rende il titolo dal nome del suo autore $*#8B24# a.+.%. 0 sua "olta, la iK nota storiella del libro 5 la seguenteI
2na "olta +!uang Tzu sognL c!e era una farfalla s"olazzante e soddisfatta della sua sorte, ed ignara di essere +!uang Tzu. 9ruscamente si ris"egliL, e si accorse con stu ore di essere +!uang Tzu. 'on se e iK allora se era Tzu c!e sogna"a di essere una farfalla, o una farfalla c!e sogna"a di essere Tzu.

La morale, naturalmente, 5 c!e non si uL distinguere la realt7 dal sogno, e dun6ue ne ure la "erit7 dalla falsit7. 0nzi, non si uL distinguere ro rio niente, come dic!iara es licitamente il titolo del ca itolo da cui l)aneddoto 5 trattoI GL)uguaglianza di tutte le coseH. Su 6ueste remesse, il taoismo s"ilu L un ensiero aradossale e antintellettuale c!e considera"a gli o osti non contradditori, come nella logica occidentale, ma com lementari. Il Tao fu identificato con la loro combinazione, "ista come metafora dell)incessante a""icendarsi delle stagioni e delle "ite, e "enne ra resentato col t.ai3 chi, Gtra"e maestraH $figura *8%, simbolo dell)unione di 0in e 0ang.

(,

3igura *8 T)aiBc!i, simbolo dell)unione di 0in e 0ang.

0nc!e in Occidente non sono mancate scuole di ensiero c!e !anno accettato la com lementarit7 degli o ostiI basti ensare a sofisti, dialettici e decostruzionisti. -a da noi il rinci io di non contraddizione non !a mai erduto la sua osizione dominante, so rattutto nel ensiero scientifico. In +ina, in"ece, la com lementarit7 taoista !a segnato lo s"ilu o del ensiero religioso e filosofico, innestandosi s esso anc!e su ce i ad essa estranei. Il caso iK eccellente di 6uesta fecondazione lo si ebbe certamente col budd!ismo, c!e fu es ortato in +ina nel (20 dal monaco indiano 9od!id!arma $&,0B(*&%. 'aturalmente, "iste le caratteristic!e del budd!ismo stesso, la confluenza col taoismo era da re"edere. 0nzi, i cinesi arri"arono addirittura a ensare c!e il buddismo fosse una "ersione indiana del taoismo, ritornata finalmente in atria. Effetti"amente, molti aforismi e aneddoti budd!isti !anno un inconfondibile sa ore taoista. Pensiamo, ad esem io, alla definizione di PoB+!ang $,20B41&% dell)essenza del budd!ismoI G-angiare 6uando si !a fame, dormire 6uando si !a sonnoH. +osa, aradossalmente, iK facile da dire c!e da fare, so rattutto nella nostra societ7. O, iK mitologicamente, ricordiamo la leggenda c!e la tradizione associa alla nascita stessa del budd!ismo cinese. 2n giorno al 9udd!a, sul Picco dell)0""oltoio, fu offerto un fiore e ric!iesto di fare un sermone sulla legge. Egli fece lentamente girare il gambo del fiore fra le dita, senza arlare. Solo ?as;a a, il migliore degli studenti, ca Q e sorrise in silenzio. =uel muto insegnamento fu da lui trasmesso a una serie di "entotto successi"i atriarc!i, l)ultimo dei 6uali fu a unto 9od!id!arma. 0rri"ato al monastero di S!aolin, 9od!id!arma rimase seduto er no"e anni di fronte ad una roccia, lasciando"i un segno c!e si "ede ancor oggi. La nuo"a scuola cinese da lui fondata fu c!iamata 2h.an, GmeditazioneH, erc!J in origine si basa"a a unto sulla meditazione come unico mezzo er raggiungere l)illuminazione. Poic!J, erL, non tutti ossono o "ogliono stare er anni seduti a meditare, la scuola assunse resto un carattere ri"ato ed elitario.
(4

Per o""iare all)incon"eniente e rendere il 2h.an iK accessibile, "erso la fine del secolo IS fu in"entata la tecnica del koan, Gcertificazione ubblicaH, c!e dall)esterno a are come una "era e ro ria insensatezza $e, magari, lo 5 er da""ero%. Il suo sco o 5 di stimolare il raggiungimento dell)illuminazione resentando roblemi aradossali c!e, non otendosi risol"ere secondo la logica con"enzionale, do"rebbero cortocircuitare il ensiero razionale. Per a"ere almeno un)idea di cosa stiamo arlando, ecco alcuni famosi koan storiciI
+!e suono fa un a lauso a una mano sola. +!e faccia a"e"i rima di essere conce ito. 2n cane !a la natura di 9udd!a. Se sei cosQ libero, erc!J !ai tutti 6uesti im egni. :is ondi a 6uesta domandaF

Inutile dire c!e, se non ci si ensa, non si arri"a alla ris osta. E se ci si ensa, nemmeno. Se erL si arri"a ugualmente a una ris osta, 5 sbagliata. E c!i dice c!e !a ca ito, non !a ca ito. Insomma, non c)5 "ia d)uscita, se non 6uella di accettare c!e ci sono domande senza ris osta. Il c!e, detto di assaggio, 5 anc!e uno dei grandi insegnamenti della logica moderna. La 6uale andr7 oco lontano, ma certamente "a iK lontano di 6ualun6ue altra cosa. S esso, er stimolare la ricerca dell)inesistente soluzione ai aradossali koan, i maestri ch.an integra"ano l)insegnamento con metodi c!e forse do"rebbero essere adottati anc!e nelle nostre scuoleI insulti, urla, sc!iaffoni, ugni o bastonate, c!e sembra abbiano a "olte il salutare effetto di rodurre un)illuminazione im ro""isa. Il rimo ad usare 6uesta tecnica fu Te S!an $,40B4#(%, c!e era solito a""ertire i suoi allie"iI GSe dici sQ, trenta bastonate. Se dici no, anc!e. Se taci, in"ece, trenta bastonateH. +on l)andare del tem o si costituQ un "ero e ro rio canone, sistematizzato da Aa>uin $1#4(B1,#4%. Oggi esso ammonta a circa 1.,00 koan, di"isi in sei gradi di difficolt7. +i "ogliono circa trent)anni di studio er adroneggiare l)intera materia e di"entare un maestro, ma un addestramento normale si limita ad una cin6uantina di koan. O""iamente, le soluzioni sono tenute segrete. 0nc!e erc!J l)im ortante 5 come si ottengono, non 6uali sono. 0mmesso, naturalmente, c!e le soluzioni ci siano. +osa di cui si uL dubitare, alla luce del classico dialogo budd!istaI
[ -aestro, 6ual 5 la natura ultima della realt7. [ /omandalo a 6uel alo. [ 'on !o ca ito. [ 'e ure io.

'el 1181 il 2h.an fu es ortato dal monaco Eisai $11&1B121(% in Gia one, do"e attecc!Q col nome di (en. Paradossalmente, un ensiero c!e si is ira"a all)insegnamento di un acifista di"enne la ratica ufficiale dei samurai, c!e a"e"ano da oco con6uistato il otere. E la sua a licazione all)arte della guerra, c!iamata bushido, costituQ l)analogo orientale dell)altrettanto aradossale a licazione del

(8

cattolicesimo al militarismo occidentale, dalla ca"alleria medioe"ale al fascismo euro eo e sudamericano&8. Le scuole (en oggi iK diffuse in Gia one sono la :inzai e la Soto. La rima conta due milioni di seguaci e fa"orisce l)illuminazione im ro""isa ottenuta mediante lo studio dei koan e le botte. La seconda, o""iamente iK o olare, !a circa sei milioni di aderenti e fa"orisce in"ece l)illuminazione graduale raggiunta attra"erso la ratica meditati"a dello (a3(en, G(en sedutoH. In +ina, in"ece, il 2h.an ros erL fino alla dinastia -ing. In seguito le "arie scuole budd!iste stem erarono le loro di"ersit7 e confluirono nella scuola della Terra Pura, c!e limita la ratica alla ossessi"a ri etizione del nome di 0mitab!a $-3mi3to fo%. Il 2h.an si dissolse cosQ in una "uota ritualit7 o olare, analoga ai rosari e alle litanie cristiane, e oggi 5 raticamente scom arso. 9ogliamo scher(are?

Poic!J, sostanzialmente, lo (en 5 un gioco di arole, non uL stu ire c!e anc!e in Occidente siano stati s"ilu ati degli e6ui"alenti, iK o meno blandi, dei koan. +)5, anzitutto, una tradizione di umorismo aradossale, un bell)esem io del 6uale 5 la ris osta di Eo!n -a;nard ?e;nes $144*B18&#% a un inter"istatore c!e gli c!iede"a una re"isione economica a lungo termineI G0lla lunga, saremo tutti mortiH. Lo stile ricorda 6uello del maestro (en c!e risolse il roblema teologico di c!e cosa succede do o la morte, dicendoI GSi sta sotto mezzo metro di terra, a ancia in suH. Gi7 i sofisti "eni"ano considerati degli umoristi. La stessa cosa si uL dire degli scettici. O dei retori come Erasmo da :otterdam, c!e nel 1(11 scrisse un )logio della follia, e del suo seguace Ortensio Lando, c!e nel 1(&& ubblicL una serie di trenta ,aradossi in cui rese le assurde difese di o"ert7, ignoranza, guerra, rigionia e morte. +osa, eraltro, antici ata dagli a rezzamenti dell))cclesiaste $1II, 1B#% er mugugni, mestizia, ianto, lutto e morte. Il nonsense inglese 5 certamente una reincarnazione del koan. Il suo es onente iK significati"o 5 stato LeDis +arroll, c!e, guarda caso, era un rete e un matematico. Le sue o ere letterarie, da Alice nel paese delle mera%iglie a 'il%ia e &runo, sono delle "ere antologie di ciL c!e 0lice c!iama Gindo"inelli senza ris ostaH, osser"ando c!e Gsono certamente nella mia lingua, ma non li ca iscoH. Eccone alcuni esem iI
+!e cosa, esattamente, non ricordi. +!i, recisamente, non !ai reso in giro. 1uoi un regalo di nonBcom leanno. +on l)esercizio, uoi abituarti a credere anc!e le cose im ossibili. Se un senso non c)5, non dobbiamo cercare di tro"arlo.

&8

2n analogo e ti ico aradosso dei reazionari 5 di essere, simultaneamente, contrari all)aborto ma fa"ore"oli alla ena di morte. 0 6uesto ro osito, si ricordi c!e il 1aticano !a cancellato la ena di morte dalla sua costituzione $Legge 3ondamentale% solo nel 2001, e c!e gli Stati 2niti la mantengono tuttora in "igore. $!.d.A.%

#0

Le iK ti ic!e immagini (en di +arroll sono sicuramente il sorriso del gatto del +!es!ire, c!e rimane do o c!e tutto il resto 5 s"anito, e la fiamma della candela, c!e rimane do o c!e 6uesta si 5 com letamente consumata. =uanto al taoismo, baster7 ricordare c!e Alice attra%erso lo specchio ri roduce la storiella della farfalla di +!uang Tzu. TDeedledum e TDeedledee dicono infatti ad 0lice c!e l)intera storia 5 soltanto un sogno del :e :osso, c!e dorme er tutto il tem o, e 6uando lei si ris"eglia non sa iK c!i !a sognato cosa. L)ultimo "erso della oesia finale, conferma il dubbioI Life, what is it but a dream?, GLa "ita cos)5, se non un sogno.H 2n)altra reincarnazione occidentale del koan 5, o""iamente, il surrealismo. 9asti ensare, ad esem io, agli aforismi c!e com aiono nel saggio L.immacolata conce(ione di 0ndrJ 9reton e Paul Eluard, del 18*0, c!e non sfigurerebbero in una raccolta (enI
0ssegna un "alore sconosciuto ai tuoi sogni dimenticati. Scri"i im erituramente sulla sabbia. 'on stare mai ad as ettare te stesso. Lascia c!e sia il cuscino a s"egliarti. 9ussa, dQI G0"antiFH, e non entrare.

2na delle inno"azioni iK significati"e del surrealismo 5 stata l)allargamento del mezzo es ressi"o del koan dalle arole alle immagini. Le arti ch.an e (en, eraltro ben s"ilu ate, non si ro one"ano infatti di illustrare "isi"amente i koan. Se non, forse, nella famosa immagine della trascendenza di ?;oto Tomi>ic!iro To>uriri er i 6ieci tori di 1akuan $figura &0%. Immagine, er altro, simile al $itratto di 'ua Immanen(a l.Assoluto osto in co ertina dalla ri"ista 7ind sul numero di 'atale del 1801 $figura &1%.

3igura &0 ?;oto Tomi>ic!iro To>uriri, Il toro e l)io trascesi entrambi.


#1

3igura &1 :i roduzione del frontes izio della ri"ista 7ind, numero s eciale di 'atale, 1801.

I aradossali 6uadri di Sal"ador /alY, -aC Ernst e :enJ -agritte, cosQ come gli altrettanto aradossali film di Luis 9uMuel, crearono in"ece una nuo"a forma "isi"a di koan, a rendo le orte dell)arte all)irrazionale e all)inconscio. 7ettiamo la mamma a letto

Il legame del surrealismo con 3reud e la sicanalisi 5 es licito, e lo fu fin dall)inizio. =uello con la religione di"enta lausibile non a ena si noti c!e la sicanalisi costituisce una "ersione secolarizzata del +ristianesimo, in cui il Paradiso Terrestre 5 lo stato rene"rotico, la +aduta il trauma dell)infanzia, il Peccato la ne"rosi, il -essia lo sicanalista, e la Grazia l)analisi. O c!e 5 surrealista l)atteggiamento delle tre religioni ri"elate, di scambiare il linguaggio mitologico dei

#2

ro ri libri sacri er un linguaggio logico, assegnando "alenza metafisica a agine letterarie c!e ne ossiedono tanta 6uanto i oemi omerici. /alla lausibilit7 si assa alla necessit7 6uando si ricordi c!e la religione, sfrondata di ciL c!e ?e;nes c!iama"a Gtradizione, con"enzione e circon"enzioneH, si uL a unto ridurre all)identificazione di /io con l)Inconscio, e della sal"ezza con la Sua sco erta(0. =uesta identificazione 5 ben nota a tutti coloro c!e !anno occ!i er "edere e orecc!ie er intendere. 0d esem io, in Occidente, a Rilliam Eames $14&2B1810%, c!e nel classico Le %arie forme dell.esperien(a religiosa, del 1802, i otizza"aI G+iL con cui ci sentiamo connessi nell)es erienza religiosa 5 il rolungamento inconscio della nostra "ita consciaH. In Oriente, ossiamo citare /aisetz Suzu>i $14#8B18##%, c!e nell)altrettanto classico L.eserci(io koan come me((o per reali((are il satori, del 18**, defini"aI GL)illuminazione (en 5 la realizzazione dell)InconscioH. Per ottenere 6uesta realizzazione lo (en, la sicanalisi e il surrealismo ro ongono di seguire la stessa "ia, gi7 antici ata dal taoismoI G0gire senza agireH, cio5 adattarsi al naturale fluire delle cose senza interferir"i artificialmente. 0 seconda dei casi si arla di G"uoto mentaleH, di Gassociazioni libereH o di GautomatismoH. 9enc!J i nomi cambino, in tutto il discorso recedente la sostanza rimane comun6ue la stessaI s"incolare il ensiero dalle corazze della ragione e ermettergli di seguire la sua "ocazione aradossale. Il c!e 5, a unto, ciL c!e stiamo cercando di fare in 6uesto libro. Il legame fra sicanalisi e aradossi 5 comun6ue iK stretto di 6uanto si ossa su orre. 0nzitutto, esiste una scuola orientale es licitamente basata sul koan. Si c!iama terapia 7orita(1, dal nome del suo in"entore S!oma -orita $14,&B18*4%. In una rima fase, il aziente "iene tenuto in un isolamento e un)inatti"it7 totali er "ari giorni. In una seconda fase, il tera euta con"ersa con lui er iscritto e ris onde in maniera aradossale alle sue osser"azioni. In articolare, dando consigli del ti oI GPermetti ai sintomi di rimanere come sonoH, o G'on agire come un azienteH. Simmetricamente, esiste un)analoga sicotera ia occidentale c!e rende il nome di scuola di ,alo Alto, e si fonda sul concetto di do io "incolo introdotto da Gregor; 9ateson $180&B1840%. =uesta nozione, sulla 6uale torneremo in seguito, 5 stata fin dagli inizi esem lificata facendo un es licito riferimento al koan sulle bastonate "isto so ra(2. Simili situazioni senza uscita disorientano e ossono anc!e scatenare la sc!izofrenia, se tro o ri etute. Lo (en e la tera ia !anno dun6ue come comune sco o la soluzione aradossale di roblematic!e simili e a arentemente insolubili, con una conseguente illuminazione o guarigione. 'aturalmente, sc!izofrenia e tera ia aradossale sono un male estremo e un estremo rimedio. PiK diffuso 5 in"ece il disagio causato dalla deumanizzazione della "ita occidentale, er il 6uale un)arte aradossale di consumo uL forse s"olgere
(0

Le religioni occidentali mirano a rendere conscio l)inconscio mentale, c!e identificano a unto con /io. =uelle orientali si dedicano in"ece a rendere conscio l)inconscio fisico, cio5 alcuni $nel tantrismo tutti i% rocessi di res irazione, digestione, defecazione, orgasmo, sonno, sogno e morte. $!.d.A.% (1 Ta>e!isa ?ora e ?oZi Sato, 7orita therap0. A ps0chotherap0 in the wa0 of Gen, Ps;c!ologia, I $18(4%I 218B22(. $!.d.A.% (2 G. 9ateson, /. Eac>son, E. Aale; e E. Rea>land, Toward a theor0 of schi(ophrenia, 9e!a"ioural Science, I $18(#%I 2(1B2#&. $!.d.A.%

#*

un)analoga funzione tera eutica. =uesto s ieg!erebbe, almeno in arte, il successo di 3ranz ?af>a e Aarold Pinter, c!e descri"ono l.assurdo c!e ermea ogni as etto della 6uotidianit7. O di George OrDell ed 0ldous AuCle;, c!e es ongono le demenziali costrizioni im oste dal totalitarismo. O di Primo Le"i e 0le>sandr Sol\enic;n, c!e narrano le disumane condizioni di "ita dei lager. I circoli "iziosi e tragici sembrano, infatti, es rimere la condizione del 'o"ecento euro eo meglio dei circoli "irtuosi e comici da cui siamo artiti, forse iK adatti ad altri tem i e luog!i. La chimica del paradosso

I aradossi del surrealismo ci !anno ermesso di gettare un onte di collegamento fra taoismo e sicanalisi. =uesti estremi, a arentemente lontani, si ossono anc!e collegare seguendo un ercorso alternati"o c!e assa attra"erso i aradossi dell)alc!imia. Le origini orientali dell)im resa di trasformazione degli elementi si tro"ano nell)I 2hing, GLibro delle mutazioniHI un testo risalente al rimo millennio a.+., c!e di"enne un classico sia taoista c!e confuciano. La sua struttura si basa su #& esagrammi, ottenuti combinando in tutti i modi ossibili sei rig!e intere $0ang% o s ezzate $0in%. Gli esagrammi com aiono nel testo a co ie com lementari o simmetric!e, ma l)ordine delle co ie 5 a arentemente casuale. 0 artire dal secolo SI essi furono riordinati in maniera numerica, ensandoli come ra resentazioni binarie di numeri com osti delle sole cifre 0 e 1 $figura &2%. Gli esagrammi costituiscono dun6ue la base dell)aritmetica binaria, $ri%sco erta in Occidente da Leibniz soltanto nel 1#,8.

3igura &2 1#& esagrammi nell)ordinamento originario degli I 2hing $in cerc!io% e nell)ordinamento aritmetico binario $al centro%.
#&

+ome suggeriscono sia la com lementarit7 di 0in e 0ang, sia lo stesso titolo del libro, l)idea dominante dell)I 2hing 5 c!e le linee intere ossono s ezzarsi, e 6uelle s ezzate riunirsi. In tal modo gli esagrammi si mutano l)uno nell)altro, con un rocesso c!e ra resenta la corris ondente trasmutazione degli elementi c!imici ad essi associati. Se i taoisti lessero l)I 2hing come un testo di alc!imia, oggi i c!imici ossono "edere nella ta"ola dei #& esagrammi una refigurazione della tabella di -endelee"I tra l)altro, con un numero com arabile di elementi. Il tutto !a, naturalmente, anc!e un)inter retazione sicologica, legata alle massime associate agli esagrammi e messa in e"idenza dalla famosa refazione di Eung. =uanto alle origini occidentali dell)alc!imia, esse sono registrate direttamente nella arola stessa, c!e 5 il nome arabo dell)EgittoI al31hem. L)im resa si fa risalire ad Ermete Trismegisto, sincretica combinazione di tre di"init7I il Tot! egizio, l)Aermes greco ed il -ercurio romano. L)a ellati"o Trismegisto, c!e significa Gtre "olte grandeH, enuncia es ressamente il dogma dell)unit7 di 6uesta Trinit7. I 6uindici comandamenti dell)alc!imia furono incisi da Ermete su una ta"ola di smeraldo, c!e sarebbe stata ritro"ata nella sua tomba da 0lessandro -agno. 0lla ta"ola era associato il Sigillo 1IT:IOL, acrostico di 9isita Interiora Terrae, $ettificando In%eniens -ccultum Lapidem, GScendi nelle "iscere della terra e, inter retando(*, tro"a la ietra nascostaH. Il secondo dei 6uindici comandamenti, G+osQ 5 in +ielo come in Terra, e in Terra come in +ieloH, stabili"a la aradossale identit7 di macrocosmo e microcosmo, c!e sarebbe di"enuta uno dei tratti caratteristici del ensiero alc!emico. L)alc!imia occidentale seguQ due "ie classic!e. La iK antica, secca, usa"a il fuoco er la fusione. Gli arabi la c!iamarono al3iksir, GasciuttoH, da cui deri"a la arola GelisirH. La seconda "ia, umida, risale a -aria l)Ebrea, c!e nel I secolo d.+. sco rQ ad 0lessandria il rocedimento detto, in suo onore, GbagnomariaH. 3urono erL gli arabi ad in"entare lo strumento rinci e di 6uesta "ia, l)alambicco $da al3ambi;, G"asoH%, c!e ser"Q er la distillazione dell)alcool $da al3ghul, GdemonioH, significato c!e si 5 conser"ato sotto Gs iritoH%. 0i reci ienti "eni"a oi a osto il Sigillo di Aermes, c!e sarebbe la nostra c!iusura ermetica. Poic!J non ossiamo, o""iamente, correre dietro alla storia dell)alc!imia, ci limiteremo a ricordare c!e essa subQ "arie ersecuzioni, da /iocleziano nel 28# a +arlo1 nel 1*40, er s"ariati moti"i. Per un certo eriodo, do o la sua risco erta medioe"ale, a"e"a erL attecc!ito negli ambienti ecclesiastici. 0d esem io, la raticarono francescani come :uggero 9acone e :aimondo Lullo, e domenicani come Tommaso d)06uino ed 0lberto -agno. 0 6uest)ultimo si de"e addirittura la rima sintesi di un elemento c!imico elementareI l)arsenico. In genere, erL, l)alc!imia fu considerata un)atti"it7 demoniaca, come ogni im resa di conoscenza non deri"ante esclusi"amente dalle Scritture.

(*

Sia l)ermeneutica c!e l)ermetismo, cio5 le ossibili tecnic!e di inter retazione e le teorie di im ossibile inter retazione, deri"ano il loro nome da Ermete. L)inter retazione era infatti "ista come un messaggio c!e gli uomini rice"e"ano dagli d5i attra"erso Aermes, loro messaggero. 0ncor oggi, in russo, si usa Grice"ereH $poluciat% nel senso di ottenere un risultato o una dimostrazione. $!.d.A.%

#(

=uesta caratteristica 5 es licita nella "icenda di 3aust, c!e 5 l)arc!eti o dell)alc!imista. Gi7 nella rima anonima "ersione della sua storia, ubblicata da Eo!ann S iess nel 1(4,, com are il atto col /ia"oloI
Io, dottor Io!annes 3aust, essendomi ro osto di indagare gli elementi, e non ritro"andone la ca acit7 nella mia testa, secondo i doni graziosamente elargitimi dal +ielo, nJ otendo a rendere tali cose dagli uomini, mi sottometto al 6ui resente s irito -efistofele, in"iato e ser"itore del Princi e Infernale d)Oriente, ed eleggo il medesimo a mio insegnante di tali cose.

Se il dottor 3aust 5 l)alc!imista letterario iK noto, grazie anc!e agli omonimi ca ola"ori di +!risto !er -arloDe, Rolfgang Goet!e e T!omas -ann, l)eroe storico dell)im resa fu P!ili us 0ureolus T!eo !rastus 9ombast "on Ao!en!eim, meglio noto come Paracelso $1&8*B1(&1% 0 lui si de"e, tra l)altro, l)introduzione del termine G6uintessenzaH. E il suo nome 5 all)origine dell)es ressione inglese bombast, c!e corris onde a GrodomontataH o GguasconataH. Il c!e testimonia il carattere di esagerazione aradossale c!e oggi "iene attribuito alle sue su oste im rese. In realt7, l)alc!imia rinascimentale si tro"a"a a met7 del guado tra ciarlataneria e scienzaI arla"a ancora il linguaggio della magia e del cristianesimo, ma com i"a ormai es erimenti di c!imica. La sua ambi"alenza si trascinL fino a 'eDton, c!e ?e;nes descrisse comeI
L)ultimo dei mag!i, l)ultimo dei babilonesi e sumerici, l)ultimo delle grandi menti c!e guardarono al mondo "isibile e intellettuale con gli stessi occ!i di coloro c!e iniziarono a costruire la nostra eredit7 culturale diecimila anni fa(&.

/o o di lui il legame fra religione e scienza fu recisoI lo scienziato dismise i anni del teologo e i linguaggi delle due rofessioni di"ennero incom atibili. 3ino ad allora, erL, l)alc!imia era stata soltanto una delle facce di un aradigma totalizzante c!e com rende"a anc!e l)astrologia, oltre alla religione. 0d esem io, oic!J -ercurio funge"a simultaneamente da elemento, ianeta e di"init7, i discorsi su di esso ote"ano facilmente sci"olare da un iano all)altro senza difficolt7. Per dirla con Eung, c!e non era certo re"enutoI GLa s"entura degli alc!imisti fu 6uella di non sa er ne ure loro di c!e cosa arlasseroH. +on l)a""ento della c!imica, dell)astronomia e della sicanalisi si 5 finalmente ca ito c!e arla"ano di una com rensione atti"a del mondo atomico, della cosmologia e della sic!e umana. Ostinarsi oggi a "oler ensare in termini alc!emici, astrologici o religiosi sarebbe, dun6ue, un anacronismo aradossale. -a, er fortuna $se non del mondo, almeno di 6uesto libro%, i aradossi esistono. :egistriamo dun6ue, fra 6uelli generici, la so ra""i"enza dell)alc!imia nei circoli esoterici e tra i seguaci della new age, e la diffusione dell)astrologia e della religione anc!e in ambienti e tra ersone altrimenti insos ettabili((.
(&

E.-. ?e;nes, !ewton, the 7an, in T!e :o;al Societ; 'eDton Tercentenar; +elebrations, +ambridge 2ni"ersit; Press, 18&,. $!.d.A.% (( :a;mond Smull;an !a notato, in Il Tao : silente, c!e le credenze irrazionali non sono necessariamente ro"a di stu idit7I otrebbero essere effetti osti notici indotti da un)educazione i notica, eliminabili soltanto con una dei notizzazione. 'on a caso Eose ! de -aistre, teorico della :estaurazione, dice"aI G/ateceli dai cin6ue ai dieci anni,

##

/egli s ecifici aradossi della religione abbiamo gi7 arlato. 0 6uelli dell)astrologia baster7 accennare, notando c!e la GteoriaH non tiene ne ure conto del fatto c!e le costellazioni sono in"enzioni mitologic!e e non oggetti astronomici. In ogni caso, le costellazioni "isibili dello @odiaco sono tredici e non dodiciI manca infatti all)a ello Ofiuco, o Ser entario. E il Sole ercorre le dodici costellazioni canonic!e in tem i di"ersi, non mensili. E la recessione degli e6uinozi !a ormai sfasato l)assegnazione classica dei segni, il c!e non im edisce a c!iun6ue di conoscere il ro rio segno $sbagliato% e agli orosco i di com arire su 6ualun6ue giornale e ri"ista. I aradossi dell)alc!imia ric!iedono in"ece un o) iK di attenzione. Iniziamo col notare c!e la geometria offrQ agli alc!imisti un linguaggio a ro riato er l)es ressione di alcune delle loro "isioni. Il punto ra resenta"a sia la scintilla dell)anima c!e il centro creati"o della natura. Gli assi cartesiani, con le 6uattro semirette c!e si di artono da un unto in direzioni mutuamente er endicolari, indica"ano i 6uattro elementi deri"anti dall)Origine $c!e si c!iama cosQ anc!e in matematica%. Il cerchio infinito, con il centro do"un6ue e la circonferenza in nessun luogo, forni"a un)adeguata metafora della di"init7. Il aradossale cerchio ;uadrato, c!e nel 1#1# diede il titolo a un)o era di -ic!ael -aier, simboleggia"a la misteriosa unione degli o osti. =uest)ultimo simbolo era erL tro o astratto er oterlo immaginare. In Oriente lo stesso contenuto fu ra resentato "isi"amente attra"erso il mandalaI un cerc!io racc!iuso in un 6uadrato, solitamente di"iso in 6uattro arti corris ondenti ai 6uadranti degli assi cartesiani. In Occidente, in"ece, si referQ far riferimento all)ancor iK concreto -uroborusI il ser ente circolare c!e, come significa il suo stesso nome greco, si mangia la coda $figura &*%. =uesta su rema "isione di autoreferenzialit7 costituQ er l)Occidente un "ero e ro rio analogo del t.ai3chi orientale, al unto c!e s esso il ser ente "eni"a colorato met7 bianco e met7 nero.

3igura &* L)-uroborus, il ser ente circolare c!e si mangia la coda.

'ell)antico Egitto l.-uroborus circonda"a le ac6ue dell)Oceano Primordiale. 'ell))dda 7inore circonda"a in"ece la Terra, in attesa di di"orarla al +re uscolo degli /ei. 'el cristianesimo assL ad indicare il +risto autofago dell)2ltima +ena, c!e mangia la ro ria carne e be"e il ro rio sangue, rima di autoimmolarsi sulla
e saranno nostri er tutta la "itaH. $!.d.A.%

#,

croce. 'ell)alc!imia di"enne il simbolo delle nozze c!imic!e fra gli elementi, la cui unione do"e"a generare frutti mera"igliosiI la ietra filosofale, la anacea uni"ersale e la 6uintessenza. 'ella sicanalisi esso sta ad indicare una coscienza ancora indi"isa, rimiti"amente ri"olta su se stessa. /a 6uest)ultimo unto di "ista, la fase autoreferenziale dell)-uroborus attende una se arazione di conscio e inconscio. +!e, untualmente, arri"a nel caduceoI due ser enti intrecciati fra loro, di solito attorno ad un bastone $figura &&%. In Oriente esso ra resenta le energie ositi"a e negati"a er il ?undalini $c!e significa a unto Gser enteH%, l)asse terrestre er i budd!isti, e l)0lbero della 1ita er gli induisti.

3igura && Il caduceo, formato da due ser enti attorcigliati attorno a un bastone.

0nc!e nel Genesi il ser ente sta attorcigliato all)0lbero della +onoscenza, ma 5 uno soloI la resa di coscienza ro"ocata dalla caduta non 5 infatti ancora a""enuta. Il secondo ser ente del caduceo cristiano 5 o""iamente +risto stesso. 'on a caso, nel 7istero della 2aduta e della $eden(ione dell.uomo di Gio"anni da -odena, in San Petronio a 9ologna, +risto 5 crocifisso all)0lbero della +onoscenza e il ser ente "i 5 attorcigliato. 0i iedi della croce stanno 0damo ed E"a, di cui +risto e -aria costituiscono "ersioni ri"edute e corretteI i 6uattro sono infatti gli unici esseri c!e la mitologia cristiana ritiene nati senza eccato(#. In Occidente il caduceo di"enne il bastone di Aermes o -ercurio, Gc!e dona e toglie a suo talento il sonnoH $Iliade, SSI1, &*,%. Poi assL in dotazione ad 0scle io o Escula io, dio della medicina, della 6uale rimane ancor oggi il simbolo. In 6uesto caso i ser enti ra resentano i due as etti, curati"o e distrutti"o, dei farmaci. 'on stu isce dun6ue c!e se ne siano im ossessati anc!e gli alc!imisti, estendendo la
(#

L)immagine di +risto come secondo 0damo risale alla ,rima Lettera ai 2orinti $S1, &(B&8%. =uanto all)Immacolata +oncezione, essa costituisce un dogma er i cattolici dal 14(&, benc!J sia negata dagli ortodossi. $!.d.A.%

#4

simbologia dalla medicina alla c!imica. In articolare, all)unione di zolfo e mercurio, secco e umido, caldo e freddo, e com agnia bella. L)uso mitologico generalizzato del ser ente 5 in arte do"uto all)attrazione simbolica del suo eriodico cambio di elle, c!e ra resenta il aradosso della rinascita do o la morte. L)animale iK indicato allo sco o 5, in 6uesto caso, la fenice c!e rinasce dalle ro rie ceneri. 'ell)antico Egitto essa indica"a il Sole, c!e a ogni alba sorge dalle tenebre nelle 6uali era s rofondato al tramonto. 'el cristianesimo assL a simboleggiare +risto, er o""i moti"iI gli stessi c!e s insero i Padri della +!iesa a identificarlo col Sole. 'ell)alc!imia la fenice di"enne l)immagine della trasmutazione degli elementi, c!e nell)alambicco erdono la "ecc!ia identit7 er ac6uistarne una nuo"a. 'ella sicologia analitica indica in"ece la differenziazione della coscienza dall)inconscio. Le metafore biologic!e iK scontate della rinascita "anno dalla rocreazione all)autofecondazione, c!e si situano agli estremi di uno s ettroI dalla congiunzione o""ia fra non consanguinei, a 6uella contradditoria con se stessi. La miglior a rossimazione a 6uest)ultima im ossibilit7 5 l.incesto, c!e non a caso resenta tratti fortemente aradossali. 9enc!J oggi esso sia riser"ato a sico atici e er"ertiti, nell)antic!it7 costitui"a una rerogati"a degli d5i e dei so"rani. La sua immagine iK es licita la resenta la letteratura greca con la storia di Edi o, c!e nella sicanalisi freudiana di"err7 il aradigma dell)omonimo com lesso. 'ella mitologia mediorientale l)incesto, benc!J rimosso, 5 una conseguenza im licita della generazione dell)umanit7 da una sola co ia. Sull)argomento ossiamo anc!e fare i finti tonti, ma c!e del roblema si accorgano ersino i sel"aggi lo dimostra 6uesto dialogo, dal 'upplemento al %iaggio di &ougain%ille di /enis /iderotI
[T molto c!e il tuo grande artefice senza testa, senza mani e senza utensili !a fatto il mondo. ['o. [E !a fatto tutta la s ecie umana nello stesso tem o. [+reL solamente un uomo e una donna. [Ebbero dei figli. [+ertamente. [Su oni c!e 6uei due rimi genitori abbiano a"uto solo femmine, e c!e la madre sia morta er rima. O c!e non abbiano a"uto c!e figli masc!i, e c!e la donna abbia erso il marito. [-i metti in imbarazzo. -a !ai un bel dire, l)incesto 5 un crimine abomine"ole, e arliamo d)altro.

0nc!e le relazioni fra il Padre e il 3iglio da un lato, e fra GesK e -aria dall)altro, sono ti icamente incestuoseI in entrambi i casi si tratta di autofecondazioni indirette, e /ante descri"e a unto la -adonna come Gfiglia del suo figlioH $,aradiso, SSSIII, 1%. =uanto alle nozze mistic!e di +risto e della +!iesa, nell)alc!imia esse "engono tras oste nella congiunzione del Sole e della Luna, e l)incesto "iene es licitamente assunto a simbolo dell)unione degli elementi. L)immagine iK aradigmatica di 6uesto ensiero degli alc!imisti, contorta come i loro alambicc!i e giudicata da Eung Gil culmine dei aradossiH, 5 erL l)a ocrifo
#8

e itaffio noto come enigma bolognese, la cui rima notizia 5 del 1(&4I
Elia Lelia +ris ide non fu nJ uomo nJ donna, nJ gio"ane nJ "ecc!ia, nJ casta nJ lasci"a, ma tutto. 'on 5 morta er fame, nJ er s ada, nJ er "eleno, ma er tutto. 'on ri osa in cielo, nJ nell)ac6ua, nJ in terra, ma do"un6ue. Lucio 0gatone Priscio non 5 nJ marito nJ amante, nJ afflitto nJ lieto, ma tutto. 'on !a edificato 6uesto monumento, nJ una iramide, nJ un se olcro, ma tutto. Lo sa e non lo sa l)autore, c!i !a eretto c!e cosa er c!i. =uesto 5 un se olcro c!e non !a cada"ere. =uesto 5 un cada"ere c!e non !a se olcro. =uesto 5 un se olcro e un cada"ere allo stesso tem o.

Siamo 6ui in resenza di un ti ico crittogramma aradossale, in cui si dice una cosa alesemente incom rensibile intendendone un)altra occultamente com rensibile. +!e cosa, erL, 5 difficile dire. Per due secoli l)enigma fu dun6ue oggetto di interminabili inter retazioni alc!emic!e, 6uarantacin6ue delle 6uali nel solo L.innata )lia Lelia 2rispide risorge di +arlo +esare -al"asia, del 1#4*. 0 esse "a aggiunto un re%i%al di inter retazioni sicanalitic!e nel 70sterium coniunctionis di Eung, del 18((. =na passione per l.enigmistica

=uesti gioc!i a do io senso aradossale erano gi7 noti nell)antic!it7, e Platone allude ad uno nella $epubblica $", &,8%I
L)enigma c!e si ro one ai bambini sull)eunuco e sul col o tirato al i istrello, do"e c)5 da indo"inare con 6uale oggetto e do"e lo col isca.

2na ricostruzione dell)enigma seguenteI

latonico, risalente alla tarda antic!it7, 5 la

2n uomo c!e non era un uomo, "edente e non "edente, !a col ito senza col ire, con una ietra c!e non era una ietra, un uccello c!e non era un uccello, a ollaiato ma non a ollaiato, su un albero c!e non era un albero.

Il tutto "a letto comeI


a 2n eunuco monocolo !a sfiorato di striscio con una ietra eso a un ces uglio. omice un i istrello

'aturalmente, 5 l)intera storia dell)umanit7 ad essere unteggiata di enigmi, iK o meno aradossaliI dalla domanda della Sfinge a Edi o ai "enti6uattro indo"inelli del cada"ere al re indiano, dalle rofezie ebraic!e agli oracoli tibetani. 'on stu isce, allora, c!e il iK antico testo in "olgare sia ro rio un enigma, rin"enuto nel 182& a 1erona e c!iamato, di conseguenza, indo%inello %eroneseI
9o"es se areba alba ratalia araba
,0

albo "ersorio teneba et negro semen semina"a.

Sembrerebbe la descrizione di una scena agresteI


Pre ara"a i buoi ara"a i bianc!i rati conduce"a il bianco aratro e semina"a il nero seme.

E in"ece si uL leggere come un)allegoria della scritturaI


Im ugna"a con le dita scri"e"a sul bianco foglio muo"e"a la bianca enna d)oca e stende"a il nero inc!iostro.

La ricerca di significati inusuali e reconditi al di l7 delle a arenze costituisce di er sJ un)atti"it7 aradossale, c!e estende il ro rio s ettro dalle ene della aranoia ai iaceri della crittografia mnemonica. La sua forma iK elementare si manifesta nei bisensiI arole con do io significato antitetico, sulle 6uali 5 ossibile costruire e6uilibrismi letterari. Pensiamo ad esem io a farmacon, i cui due significati di GmedicinaH e G"elenoH erano simboleggiati dai ser enti intrecciati del caduceoI su 6uesta ambi"alenza /errida !a imbastito nel 18,2 la funambolica Farmacia di ,latone(,. In italiano un)analoga ambiguit7 si tro"a in droga, intesa come Gs eziaH del drog!iere e Gstu efacenteH del drogatoI da noi, robabilmente, il Platone di /errida a"rebbe iuttosto a erto uno GS accioH. In realt7, nelle lingue arcaic!e la aradossale coincidenza di significati contradditori in un)unica arola sembra essere stata iuttosto comune, come dimostrano i due omonimi saggi sul 'ignificato opposto delle parole primordiali di ?arl 0bel e Sigmund 3reud. =uesta resenza dei contrari in uno stesso "ocabolo costituisce una "ersione linguistica delle figure ambigue. La se arazione dei contrari in "ocaboli distinti corris onde in"ece alla nascita della dualit7 dall)unit7, cio5 del /ia"olo da /io. 2na "olta rimossa dal linguaggio e"oluto, l)unit7 degli o osti riaffiora comun6ue nei sogni, nei lapsus e nelle battute, e contribuisce a determinare la aradossalit7 di 6uesti as etti della nostra "ita 6uotidiana, iK o meno inconscia. 9asta leggere, er con"incersene, L.interpreta(ione dei sogni, La psicopatologia della %ita ;uotidiana e Il motto di spirito e la sua rela(ione con l.inconscio di 3reud. =uanto alla "ita conscia, sull)ambi"alenza semantica si basano i doppi sensi. Su 6uella sintattica giocano in"ece i testi omografici o omofonici, c!e si scri"ono o si leggono nello stesso modo, ma !anno struttura grammaticale di"ersa a seconda di come si inter retino. 2n ti ico esem io 5 il "erso
:atto trascorre e a noi rose dis ensa,
(,

E. /errida, La diss#mination, 18,2. $!.d.A.%


,1

c!e uL essere inter retato come riferentesi al mese di maggio o a un to o. 'elle due inter retazioni, ad esem io, GroseH e Gdis ensaH giocano ruoli simmetrici di sostanti"o e "erbo. Testi identici c!e ammettono una luralit7 di letture sono detti enigmistici o crittografici, in senso lato, e la loro natura multi la uL essere re"ista dall)autore o sco erta dal lettore. +ome ausilio a 6uest)ultimo, e er una libera lettura creati"a, 9orges !a ro osto(4 la tecnica dell)anacronismo deliberato e delle attribuzioni erroneeI
=uesta tecnica, di a licazione infinita, ci in"ita a scorrere l)-dissea come se fosse osteriore all))neide, e il libro Le @ardin du 2entaure di -adame Aenri 9ac!elier come se fosse di -adame Aenri 9ac!elier. =uesta tecnica o ola di a""entura i libri iK calmi. 0ttribuire a Louis 3erdinand +Jline o a Eames Eo;ce l)Imita(ione di 2risto, non sarebbe un sufficiente rinno"o di 6uei tenui consigli s irituali.

2n)altra tecnica, detta crittografia mnemonica, consiste nel cercare letture alternati"e di frasi fatte, e uL dare risultati sor rendenti. +ome nell)esem io del Gmezzo minuto di raccoglimentoH, c!e si uL inter retare come Gcucc!iainoH. I testi direttamente congegnati in modo da ermettere due o iK li"elli di lettura abbondanoI gli enigmi, gli indo%inelli, le allegorie, le opere aperte... 2n esem io storico 5 il res onso attribuito alla Sibilla +umanaI
Ibis redibis non morieris in bello.

0 seconda di do"e si mettano le "irgole, lo si uL intendere comeI G0ndrai, tornerai, non morirai in battagliaH, o ureI G0ndrai, non tornerai, morirai in battagliaH. Siamo dun6ue di fronte ad un)altra "ersione linguistica delle figure ambigue. S esso la luralit7 di tali testi di"enta "ia "ia iK generica con l)aumentare della loro lung!ezza e com lessit7. Sono rari i casi 6uali L.amore assoluto, un romanzo del 1488 di 0lfred Earr; $14,*B180,%, c!e uL essere letto comeI a5 l)attesa di un condannato a morte nella sua cellaW b5 il monologo di un uomo c!e soffre d)insonniaW c5 la storia di +risto. Pro rio 6uesto romanzo, c!e inizia conI GSia fatta la tenebraFH, e termina conI GPrega er noi adesso, c!e 5 l)ora della nostra morteH, ci ricorda c!e anc!e er l)enigmistica, come gi7 er il surrealismo, 5 ossibile stabilire un collegamento aradossale con la religione. 0nzitutto, Gdi"inareH 5 una forma di Gindo"inareHI se !a la stessa radice di Gdi"inoH, un moti"o ci sar7. Inoltre, gli enigmi abbondano nei testi sacri, dai 9eda alla &ibbiaI anzi, er i cabalisti e i razionalisti, i testi sacri sono tutti un enigmaF Infine, er i credenti, le rofezie e i misteri della fede sono ineffabili manifestazioni linguistic!e dell)indicibile, a cui adeguarsi senza ca ire. Insomma, come riassume"a Samuel 9ec>ett, in maniera forse un o) blasfema(8I In the beginning was the 2ross3Hord, GIn rinci io era il +ruci"erbaH. O, se si
(4 (8

E.L. O9orges, ,ierre 7enard, autor del Qui@ote, Sur, (# $18*8%I ,B1#. $!.d.A.% 0nc!e la blasfemia otrebbe essere "ista come una delle facce del aradosso. +osQ come, secondo 9orges, la teologia 5 una forma di letteratura fantastica. $!.d.A.%

,2

referisce, GIn rinci io era la Parola +rociataH. /etto altrimentiI enigmistica, c!e assioneF

,*

+a itolo 6uarto

Immacolate conce(ioni

Occidente e Oriente !anno camminato er millenni su strade contra oste. Indagando, il rimo, il mondo esterno e la realt mediante i sensi e la scienza. Es lorando, il secondo, il mondo interno e la coscien(a mediante la meditazione e la filosofia. L)e"ento s aziotem orale c!e !a segnato la di artita delle due strade si uL localizzare con recisioneI la Grecia del 1 secolo a.+., 6uando Parmenide o ose alla logica del di"enire di Eraclito una logica dell)essere c!e, attra"erso 0ristotele, di"enne oi egemone nella nostra cultura. Le immagini del mondo s"ilu ate storicamente da Occidente e Oriente sono risultate a lungo antitetic!e. /a un lato, il realismoI le ercezioni ci forniscono immagini di oggetti c!e esistono al di fuori di noi, le cui ro riet7 sono indi endenti dall)osser"atore e 6uindi oggetti"e. /all)altro lato, l.idealismoI i sensi ci resentano illusioni create da noi, le cui ro riet7 sono di endenti dall)osser"atore e 6uindi soggetti"e. Pro rio er la loro o osizione radicale, ciascuna di 6ueste immagini a are o""iamente aradossale a c!i adotti l)altra come ro ria. T infatti im ossibile distinguere dall)interno la G"eraH filosofia da una sua arodia. 0 decidere se ci si tro"a nel cam o della filosofia teoretica e della scienza a licata, o ure della letteratura fantastica e della matematica ura, 5 soltanto un giudizio esterno di lausibilit7 sociale dei sistemi o di adeguatezza s erimentale delle teorie. In articolare, gli occidentali !anno a lungo considerato la "isione orientale del mondo come un aradossale rodotto di una cultura inferiore e su erstiziosa, giudicandola fallimentare alla ro"a dei fatti, cio5 del controllo tecnologico della natura. Inutile dire c!e l)argomento 5, o""iamente, circolareI tale controllo fa arte degli obietti"i di una sola delle due culture, e l)altra non uL 6uindi essere giudicata er non a"er raggiunto sco i c!e non si refigge"a. In ogni caso, le due di"ergenti strade del realismo occidentale e dell)idealismo orientale sembrano essere ritornate a con"ergere nel 'o"ecento, in seguito alle sco erte della relati"it7 e della meccanica 6uantistica. Le 6uali, ro rio erc!J cozza"ano col aradigmatico senso comune, al loro a arire sono a arse aradossali e continuano ad esserlo in larga misura, a causa dell)inerzia della nostra "isione ingenua del mondo. 'on 5 dun6ue ina ro riato, in 6uesto libro, ri ercorrere bre"emente le ta e di 6uesta storia millenaria.

,&

!on badiamo alle apparen(e

L)indagine filosofica greca del mondo ebbe come unto di artenza l)i otesi c!e le ercezioni colleg!ino oggetti erce iti a soggetti erce enti. Il rimo roblema c!e si ose ai resocratici fu la determinazione della natura di tale collegamento. Le ris oste ossibili sono molte lici. In sintesi, si uL credere c!e le ercezioni sensoriali siano sem re corrette, sem re errate, o a "olte corrette e a "olte errate. L)i otesi iK naturale 5 la rimaI le ercezioni sono sem re corrette, e 6uindi tutto : come appare. 'el 1I secolo a.+. essa fu sostenuta im licitamente dalla scuola ionicaBnaturalista, ed es licitamente da Eraclito. Poco do o, nel 1 secolo, Protagora la es resse in maniera memorabile con il famoso mottoI GL)uomo 5 la misura di tutte le coseH. Le discussioni nel Teeteto di Platone e nel libro I1 della 7etafisica di 0ristotele si riferiscono rinci almente a lui. T e"idente c!e uno stesso oggetto uL ro"ocare ercezioni fra loro contradditorie in soggetti di"ersi allo stesso tem o, o nello stesso soggetto in tem i di"ersi. La osizione c!e le sensazioni siano sem re corrette 5 dun6ue in contrasto con 6uelli c!e oggi sono i rincQ i di non contraddi(ione e del ter(o escluso da un lato, e il concetto di identit dall)altro. 0d esem io, il memorabile motto di Eraclito, secondo cui Gnon ci si bagna mai due "olte nello stesso fiumeH, non 5 altro c!e la negazione del rinci io di identit7 del fiume, c!e non 5 mai uguale a se stesso. 3u Parmenide a dare a""io ad una critica della osizione recedente, basandosi ro rio su 6ueste sue im licazioni. Egli o ose alla logica del di"enire concreto una logica dell)essere astratto. Il fatto c!e 6uesta logica si c!iami oggi GclassicaH testimonia c!e fu essa ad a"ere il so ra""ento e a ser"ire da base er gli s"ilu i della filosofia occidentale, almeno fino ad Aegel. -a il suo GclassicismoH tende a nascondere il fatto c!e 6uesta logica non 5 6uella della realt7 immediata. Essa de"e 6uindi essere stata erce ita come fortemente aradossale, nel momento della sua rima formulazione. Oggi, in"ece, l)abbiamo interiorizzata a tal unto c!e ci a are aradossale ciL c!e le si o one. L)accettazione dei rincQ i della logica classica non ermette iK di considerare la realt7 come coincidente con l)a arenza, ma non a ena esse si se arano tutto si com lica. Infatti, oic!J l)a arenza uL non solo nascondere la realt7, ma anc!e ri"elarla, l)e istemologia di"enta do iamente roblematica. Si tratta di ca ire, da un lato, c!e ruolo assegnare all)a arenza e, dall)altro, come conoscere la realt7. Se le ercezioni sono sem re errate, allora niente : come appare. =uesta 5 la osizione di Platone $&24B*&, a.+.%, es ressa memorabilmente nel libro 1II della $epubblica mediante il mito della ca"erna, sulle areti della 6uale il fuoco roietta ombre c!e "engono scambiate er "ere figure. E se l)a arenza 5 solo una roiezione distorta della realt7, sui sensi non si uL fare affidamento er arri"are alla "era conoscenza, e si do"r7 fondarla sulla ragione. Se le ercezioni sono in"ece a "olte corrette e a "olte errate, allora non tutto : come appare, e si tratta di stabilire 6uando lo sia. =uesta fu a unto la osizione di 0ristotele $*4&B*22 a.+.%, c!e considera"a le ercezioni come dati da elaborare, ed il
,(

raggiungimento della conoscenza come un rocesso c!e de"e far inter"enire sia i sensi c!e la ragione. Facciamo gli indiani

La se arazione fra a arenza e realt7 rende roblematica non solo l)e istemologia, ma anc!e l)ontologiaI si tratta infatti di ca ire di c!e cosa consista la realt7. +ome al solito, le ris oste ossibili sono molte lici. 0d esem io, secondo Platone esistono gli uni"ersali $i concetti% e secondo 0ristotele i articolari $gli oggetti%. =ueste ris oste, benc!J antitetic!e, concordano in almeno un untoI l)a arenza sensibile 5 in 6ualc!e modo causata da una realt7 c!e esiste in modo indi endente da essa. Il ensiero greco non arri"L infatti mai a conce ire la sola osizione c!e ermette di formulare il dubbio ontologico sull)esistenza della realt7I il orre cio5 la coscienza come soggetto c!e 5, almeno come ossibilit7, indi endente dal mondo. In Occidente 6uesta osizione do"ette attendere +artesio, e segnL la nascita della filosofia moderna. In Oriente essa fu in"ece congeniale al ensiero indiano, nella cui storia una aradossale negazione del mondo 5 addirittura la tendenza dominante $benc!J non certo esclusi"a%. 2na "olta introdotto un otenziale dualismo fra coscienza interna e mondo esterno, si resentano 6uattro soluzioni ossibili al roblema ontologicoI entrambi esistono, solo uno esiste, nessuno esiste. La osizione c!e rende iK sul serio la coscienza 5 il monismo idealista, c!e afferma c!e solo la coscienza esiste. Esso fu introdotto nelle =panishad, c!e risalgono al rimo millennio a.+., e fu sistematizzato nel 9edanta, in articolare da S!an>ara $,44B4(0%. Secondo 6uesta tradizione la coscienza indi"iduale $atman% coincide con 6uella cosmica $brahman%. Il mondo delle a arenze 5 in"ece una ura illusione $ma0a%, un gioco c!e la coscienza gioca con se stessa e dal 6uale bisogna cercare di uscire. L)unione dell)atman con il brahman, cio5 delle coscienze indi"iduale e cosmica, si uL raggiungere con un graduale distacco ascetico dal mondo, ottenuto mediante ratic!e di concentrazione sulla coscienza. L)illusoriet7 del mondo non sembra erL im licare necessariamente un distacco da esso. Lo ro"a la &haga%ad Gita, il classico dell)induismo del II secolo d.+. Pur artendo da remesse analog!e al bra!amanesimo, in cui il brahman 5 ersonificato nel dio 1is!nu, essa non solo ermette, ma addirittura suggerisce di abbandonarsi all)incom rensibile gioco, urc!J si mantenga uno s irito di distacco da esso. Per dirla col 'ietzsc!e della Gaia scien(a, si de"e cio5 Gcontinuare a sognare sa endo di sognareH. La sostanziale ambiguit7 della &haga%at Gita, c!e nega il mondo nella teoria er oi affermarlo nella rassi, 5 eliminata dal dualismo, c!e ammette l)esistenza sia della coscienza c!e del mondo esterno. =uesta 5 la osizione della samkh0a, una scuola del 1I secolo a.+., secondo la 6uale la mente 5 generata dall)incontro fra la coscienza e la materia. L)incontro roietta nella mente un mondo di a arenze da cui
,#

!a origine il dolore. E il dolore si uL su erare liberando la coscienza dalle a arenze attra"erso le ratic!e sicofisic!e dello 0oga, c!e mirano al distacco dal mondo. Per il nostro immaginario, 5 forse iK consono ensare all)intero rocesso usando il cinema come metafora. 0 "olte un)eccessi"a immedesimazione in un film tragico uL rodurci una sofferenza erfettamente reale. -a ossiamo facilmente eliminare 6uesta sofferenza, ricordandoci c!e stiamo a unto guardando un filmI ad esem io staccando lo sguardo dallo sc!ermo e ri"olgendolo altro"e in sala, o ure c!iudendo gli occ!i. 2na osizione im arentata con la recedente 5 6uella del giainismo, c!e risale anc!)esso al 1I secolo a.+.#0. I giainisti credono c!e la coscienza $@i%a% ermei la materia $a@i%a% e ne sia im rigionata. Per liberarla 5 necessario non solo il distacco, ma anc!e il ris etto e l)amore "erso tutto ciL c!e la manifesta. E oic!J i giainisti credono c!e la coscienza sia resente anc!e nella materia inanimata, oltre c!e in 6uella animata, arri"ano ad un concetto di non "iolenza assoluta $ahimsa%, c!e 5 stato ri reso in tem i moderni dal -a!atma Gand!i. Il distacco dal mondo si uL erseguire comun6ue anc!e senza credere nell)esistenza della coscienza, indi"iduale o cosmica c!e sia. Lo mostra l)esem io del budd!ismo, c!e non nega l)esistenza di rocessi mentali, ma non ostula ne ure un io distinto da essi. Il budd!ismo hina0ana o thera%ada, detto anc!e G iccolo "eicoloH, risale ancora una "olta al secolo 1I a.+. e sostiene un monismo materialista, secondo il 6uale solo il mondo fisico esiste. Poic!J la realt7 del mondo 5 il dolore e 6uesto 5 generato dall)attaccamento alla "ita, er liberarsi dal dolore di"enta necessario distaccarsi interiormente dalla "ita, mediante la meditazione. Si arri"a cosQ in ogni caso ad una negazione del mondo, ma soltanto da un unto di "ista etico e non iK ontologico. L)ultima osizione c!e ci rimane da esaminare 5 6uella c!e rende iK sul serio la negazione del mondo. Si tratta del nichilismo totale, c!e nega l)esistenza sia della coscienza c!e del mondo esterno. =uesto 5 l)ardito aradosso sostenuto nel II secolo d.+. da 'agarZuna, es onente del budd!ismo maha0ana, detto anc!e Ggrande "eicoloH#1. Egli la es resse nel contradditorio mottoI GTutto 5 nienteH. La coscienza, infatti, si inganna non soltanto sul mondo delle a arenze, ma anc!e su se stessa e uL arri"are a erce ire la "erit7 dell)assoluto nulla mediante la concentrazione s irituale. =uesto nic!ilismo totale sembra iuttosto insensato, se reso in senso letterale. -a di"enta ragione"ole 6uando "enga inter retato sem licemente come un rifiuto di ostulare oggetti e soggetti, al di l7 delle ercezioni e dei rocessi mentali. La osizione decostruzionista secondo cui ci sono ensieri ma non ensatori, sensazioni ma non senzienti, azioni ma non agenti, effetti ma non cause, sar7 introdotta in
#0

=ualcosa do"e"a e"identemente essere arri"ato a maturit7 nell)uomo, se in uno stesso eriodo si 5 "erificata un)es losione intellettuale globale c!e !a rodotto Eraclito e Parmenide in Grecia, Eina e 9udd!a in India, e +onfucio e Lao Tze in +ina. $!.d.A.% #1 GPiccoloH e GgrandeH si riferiscono all)enfasi osta ris etti"amente sulla sal"ezza indi"iduale o colletti"a, c!e si raggiunge nel rimo caso di"entando GilluminatiH $arbat%, e nel secondo Gsal"atoriH $bodhisatt%a%. 'on 5 certo un caso c!e i aesi asiatici in cui il grande "eicolo !a storicamente a"uto il so ra""ento $+ina, 1ietnam% si siano oi ri"elati iK sensibili all)ideologia marCista di altri c!e storicamente !anno referito il iccolo "eicolo $9irmania, Tailandia, Sri Lan>a%. $!.d.A.%

,,

Occidente da /a"id Aume $1,11B1,,#% e Eac6ues /errida. 'ogno o son desto?

ortata alle estreme conseguenze da

La negazione orientale del mondo, nelle sue "arie forme, a are talmente lontana dalla contra osta affermazione occidentale, da non sembrarci ne ure aradossale. Sem licemente, la rimuo"iamo con sufficienza o fastidio. /el aradosso ci accorgiamo soltanto 6uando esso si resenta in forme iK "icine, e dun6ue iK accessibili a noi. In articolare, 6uando lo ritro"iamo nel contesto del nostro ensiero letterario o filosofico. +ome si uL immaginare, gli occidentali non !anno do"uto attendere +alder]n de la 9arca $1#00B1#41% er formulare il dubbio c!e, forse, La %ita : sogno, nJ Rilliam S!a>es eare $1(#&B1#1#%, er declamare c!e Gsiamo fatti della stessa sostanza dei sogniH#2. PiK o meno nello stesso eriodo in cui +!uang Tzu conia"a la storiella della farfalla, Platone scri"e"a infatti nel Teeteto $1(4%I
SO+:0TEI +osa si otrebbe dimostrare a c!i ci c!iedesse se, er esem io, in 6uesto momento stiamo sognando, o ure siamo s"egli. TEETETOI In "erit7, Socrate, non sarebbe ossibile dimostrare niente, erc!J le due situazioni sono indistinguibili fra loro. =uello c!e ora diciamo, otremmo anc!e dircelo sognando. E 6uando in sogno ci diciamo 6ualcosa, ci sembra incredibilmente di dircelo nella "eglia.

Il aradosso dell)indistinguibilit7 fra sogno e "eglia fu ri reso da +artesio $1(8#B 1#(0% nel 6iscorso sul metodo $I1%. 'aturalmente, molte affermazioni "ere nella "eglia risultano essere false nel sognoI ad esem io Gnon sto sognandoH. 1ice"ersa, molte affermazioni "ere nel sogno risultano essere false nella "egliaI ad esem io Gsto sognandoH. In un rimo tem o +artesio ensL stranamente c!e 6uesto accadesse, in generale, er tutte le affermazioni em iric!e. Poi si accorse erL c!e ce n)era almeno una "era in entrambi i casiI GIo sto ensandoH. 'on si tratta"a di una gran sco erta. 0d esem io, gi7 Platone a"e"a antici ato nel Filebo $*,%I
+!i ensa, sia c!e ensi il "ero, sia c!e ensi il falso, sta comun6ue ensando.

In ogni caso, il cogito fornQ a +artesio almeno un unto di artenza indubitabile, dal 6uale artire er costruire una filosofia. -a, er i nostri sco i, un)affermazione "era sia nella "eglia c!e nel sogno non ser"e a risol"ere il aradosso della loro a arente indistinguibilit7. 'ella rima delle 7edita(ioni +artesio lo riformulL nella memorabile forma del Ggenio maleficoHI Su orrL c!e "i sia non gi7 un /io sommamente buono, fonte di "erit7, ma un genio malefico, tanto astuto ed ingannatore 6uanto otente, c!e abbia
#2

GRe are suc! stuff as dreams are made onH, The tempest, I1, 1,(B1,#. $!.d.A.%

,4

im iegato tutte le sue arti er ingannarmi. +onsidererL il cielo, l)aria, la terra, i colori, le figure, i suoni e tutte le cose esterne soltanto come trucc!i e illusioni, c!e egli usa er ingannarmi. +onsidererL me stesso ri"o di mani, di occ!i, di carne, di sangue, di sensi, ma illuso di a"erli. +artesio non riuscQ a risol"ere il aradosso se non ostulando l)esistenza di un /io buono e non ingannatore, in"ece c!e di un genio malefico. Il c!e, o""iamente, non 5 una soluzione ma una etizione di rinci io. 2na "ersione moderna dell)argomento, in cui il genio malefico "iene sostituito da un com uter benefico e il cor o da un cer"ello nella "asca a esso collegato, 5 stata ro osta nel 18#, da 9orges e 9io; +asares come aradossale soluzione er l)immortalit7#*I
In sJ, la tesi 5 sem licissima, un uo"o di +olombo. La morte cor orale 5 causata sem re dal "enir meno di un organo, sia esso il rene, il olmone, il cuore, o 6ualsiasi altro. Sostituite le arti corruttibili dell)organismo con altrettanti strumenti inossidabili, non c)5 alcuna ragione erc!J l)anima non sia immortale. 'on si tratta di sottigliezze filosofic!eW il cor o si ri ara di tanto in tanto, lo si calafata, e la coscienza c!e "i abita non decade. La c!irurgia a orta l)immortalit7 al genere umano. L)essenziale 5 stato raggiuntoW la mente erdura e erdurer7 senza timore di una fine. Ogni immortale 5 confortato dalla certezza, c!e la nostra im resa gli assicura, di essere un testimone in aeterno. Il cer"ello, irrigato notte e giorno da un sistema di correnti magnetic!e, 5 l)ultimo baluardo animale nel 6uale ancora con"i"ano ingranaggi e cellule. Il resto 5 fLrmica, acciaio, materiale lastico. La res irazione, l)alimentazione, la generazione, il moto, la stessa escrezione, sono tutte ta e su erate. L)immortale 5 un immobile.

Si tratta, almeno er ora, di letteratura fantastica. -a, come a"e"amo antici ato, la differenza con la filosofia 5 sottile $se c)5%. Puntualmente, 6uesta forma del aradosso 5 stata ri resa nel 1841 da Ailar; Putnam#&, c!e !a ro osto il seguente argomento er risol"erla. Su oniamo di essere "eramente dei cer"elli nella "asca. Ogni nostra affermazione riguardante il mondo esterno do"rebbe essere falsa. =uando infatti ensiamo di riferirci a 6ualun6ue cosa, in realt7 ci stiamo riferendo ad immagini generate dal com uter. In articolare, do"rebbe essere falsa l)affermazioneI GSono un cer"ello nella "ascaH. E in"ece 5 "era. Poic!J 6uesta 5 una contraddizione, non ossiamo essere cer"elli nella "asca. L)argomento di Putnam !a fatto discutere a lungo. +!i non ne 5 soddisfatto otr7 attenderlo al "arco delle realizzazioni della :ealt7 1irtuale, c!e romette a unto la creazione di mondi artificiali com uterizzati e indistinguibili da 6uello reale, ai 6uali collegarsi mediante dia"olerie "arie. Per ora si tratta, iK c!e di realizzazioni tecnologic!e, di in"enzioni letterarie e cinematografic!e. 9enc!J ci fossero gi7 state fior di antici azioni, da L.in%en(ione di 7orel di 0dolfo 9io; +asares a La macchina della felicit di :a; 9radbur;, ad a rirci gli occ!i sulla :ealt7 1irtuale sono stati il romanzo !euromante di Rilliam Gibson ed il film Il tagliaerbe di 9rett Leonard. Sulla loro scia 5 nata un)intera $sotto%cultura c;ber un>, di cui il grande ubblico si accorge so rattutto attra"erso film di cassetta 6uali
#*

E.L. 9orges e 0. 9io; +asares, Los inmortales, in 2ronicas de &ustos 6omec;, 18#, Otrad. it. di 3. Tentori -ontalto, 2ronache di &ustos 6omec;, Einaudi, Torino 18,(^. $!.d.A.% #& A. Putnam, &rains in the %at, in :eason, Trut!, Aistor;, 184(. $!.d.A.%

,8

'trange 6a0s di ?at!r;n 9igeloD, !ir%ana di Gabriele Sal"atores, 7atrix di Larr; e 0nd; Rac!oDs>i, eIistenG di /a"id +ronenberg#(... La nuo"a forma di e"asione dal mondo ro osta dalla :ealt7 1irtuale !a catturato la fantasia di santoni 6uali Timot!; Lear;##, c!e la considera"a l)ultimo grido in fatto di allucinogeni, ed ElJmire @olla#,, c!e attende di oter dedurre aralogisticamente la "irtualit7 del mondo reale dal realismo dei mondi "irtuali. Il c!e, lungi dal risol"ere il aradosso dell)indistinguibilit7 di "eglia e sogno, si limiterebbe a ri ro orlo in una maniera articolarmente con"incente er l)uomo tecnologico. La Luna c.:, ;uando nessuno la guarda?

In una delle sue mirabili Fin(ioni#4 9orges in"entL il ianeta Tl<n, i cui abitanti sono congenitamente idealisti. Tra le dottrine dei suoi filosofi, nessuna !a solle"ato tanto scandalo come il realismo. E tra i loro aradossi, nessuno 5 risultato tanto incom rensibile 6uanto 6uello delle monete di rame, c!e 9orges resenta come l)analogo locale delle a orie eleatic!eI
Il martedQ, S, tornando a casa er un sentiero deserto, erde no"e monete di rame. Il gio"edQ, U tro"a sul sentiero 6uattro monete, un oco arrugginite er la ioggia del mercoledQ. Il "enerdQ, @ sco re tre monete sullo stesso sentiero e lo stesso "enerdQ, di mattina, S ne ritro"a due sulla soglia di casa sua. T assurdo immaginare c!e 6uattro delle monete non siano esistite dal martedQ al gio"edQ, tre dal martedQ al "enerdQ omeriggio, e due dal martedQ al "enerdQ mattina. T logico ensare c!e esse siano esistite [ anc!e se in un certo modo segreto, di com rensione "ietata agli uomini [ in tutti i momenti di 6uesti tre eriodi.

9orges "ole"a mostrare c!e, se l)idealismo a are aradossale al realista, allo stesso modo il realismo a are aradossale all)idealista. +osa c!e sa e"a benissimo gi7 George 9er>ele; $1#4(B1,(*%, come dimostra 6uesto scambio tratto dal rimo dei Tre dialoghi tra A;las e 3ilonioI
AUL0SI PuL esserci 6ualcosa di iK fantastico e ri ugnante al senso comune, o un esem io iK lam ante di scetticismo, del credere c!e non esiste la materia. 3ILO'IOI E se fossi tu, c!e ci credi, a risultare iK scettico, e a im elagarti in aradossi ri ugnanti al senso comune, di coloro c!e non ci credono.

+om)5 noto, 9er>ele; 5 stato il rimo e iK conseguente idealista occidentale moderno. La sua filosofia, condensata nella massima esse est percipi, Gessere 5 essere erce itoH, identifica"a l)esistenza delle cose con la loro resenza in 6ualc!e coscienza. +on l)o""ia conseguenza c!e ciL c!e non sta in nessuna coscienza, non esiste. Per e"itare l)imbarazzo di do"er sostenere c!e un oggetto alternati"amente
#(

Il genere c;ber un>, in realt7, non re"ede l)uso di :ealt7 1irtuale, o comun6ue solamente nel senso di Ginterfaccia digitaleH. /ei film citati, tecnicamente solo 7atrix uL essere definito un film c;ber un> $anc!e erc!J !a molti elementi resi dal romanzo citato di Gibson%. $!.d.$.% ## T. Lear;, 2haos and c0berculture, 188&. $!.d.A.% #, E. @olla, Il futuro alle soglie, in =scite dal mondo, 0del !i, -ilano 1882. $!.d.A.% #4 E.L. 9orges, TlAn, =;bar, -rbis Tertius, Sur, #4 $18&&%I *0B&# Otrad. it. di 3. Lucentini, Einaudi, Torino 184(^. $!.d.A.%

40

entra ed esce dall)esistenza, a seconda c!e 6ualcuno lo erce isca o ure no, 9er>ele; in"ocL il solito 6eus ex machina, 6uesta "olta con la funzione di mantenere le cose in esistenza erce endole tutte continuamente. 2na tale filosofia si resta"a, o""iamente, alla arodia. +!e arri"L, untualmente, nei "ersi del relato :onald 0rbut!nott ?noC $1444B18(,% e di un anonimo c!e gli ris ose er le rimeI
Si stu i"a un dQ un alloccoI G+erto /io tro"a assai sciocco c!e 6uel ino ancora esista se non c)5 nessuno in "istaH. -olto sciocco, mio signore 5 soltanto il tuo stu ore. Tu non !ai ensato c!e se 6uel ino sem re c)5 5 erc!J lo guardo io. Ti salutoI sono /io.

PiK difficile della arodia risulta"a erL la confutazione degli argomenti di 9er>ele;. 0nzi, come ebbe a dire Aume, essi non ammettono la minima confutazione, benc!J non roducano la minima con"inzione. +ertamente non basta rendere a calci una ietra er dimostrare c!e 5 l7 fuori, come fece Samuel Eo!nson $1,08B1,4&%. 'J basta s"entolare le mani di fronte al ro rio naso er con"incersi dell)esistenza del mondo esterno, come crede"a in"ece George -oore#8 $14,*B18(4%. Semmai 5 ro rio il realista c!e de"e s iegare come sia ossibile c!e le sensazioni, o""iamente tutte interne a noi, ci ermettano comun6ue di erce ire il mondo come esterno. =uesto nuo"o otenziale aradosso si risol"e facilmente,0, distinguendo il GdentroH fisico da 6uello fenomenico. In altre arole, le ercezioni sono tutte interne dal unto di "ista fisico. -a esse "engono organizzate dal cer"ello in un)immagine fenomenica del mondo, c!e contiene tra le altre cose anc!e un)immagine del cor o. +iL c!e sta fuori dall)immagine del cor o in 6uesta immagine del mondo, "iene a unto erce ito come un esterno fenomenico. Per tornare all)idealismo, il rimo a tentarne una seria confutazione fu Immanuel ?ant $1,28B140&%, in un)omonima sezione della 2ritica della ragion pura. Il suo argomento fu c!e la coscienza della ro ria esistenza tem orale de")essere fondata su 6ualcosa di ermanente nella ercezioneW ma 6uesto 6ualcosa non uL essere interno, erc!J altrimenti non otrebbe fungere da fondazione alla coscienza, e allora de"e essere esterno. In altre aroleI GIo enso, dun6ue le cose sonoH. =uanto con"incente sia stata 6uesta confutazione lo dimostra il fatto c!e, immediatamente do o ?ant, l)idealismo di"enne er un secolo l)es ressione ufficiale della filosofia continentale. +on buoni moti"i, bisogna dire, "isto c!e ?ant stesso a"e"a dimostrato c!e alla cosa in sJ non si uL arri"are, e c!e ogni essere 5 costretto ad accontentarsi di a arenze strutturate dai ro ri a priori. E allora, ragionarono
#8 ,0

G. -oore, ,roof of an external world, Proceedings of t!e 9ritis! 0cadem;, 2( $18*8%I 2,*B*00. $!.d.A.% E. Aering, &eitrJge (ur ,h0siologie, 2 $14#2%I 1#&B1##. $!.d.A.%

41

Eo!ann 3ic!te $1,#2B141&% e i suoi successori, tanto "ale"a eliminare l)irraggiungibile cosa in sJ e limitarsi alle a arenze. +ome recita uno dei iK noti motti di 3riedric! 'ietzsc!e $14&&B1800%, nelle mani degli idealisti tedesc!i Gil mondo "ero !a finito er di"entare fa"olaH. E oic!J la stessa frase $7undus est fabula% sta"a gi7 scritta sul libro c!e +artesio tene"a in mano nel ritratto c!e gli fece Ean 9a tist ReeniC nel 1#&,, si otrebbe aggiungere c!e la filosofia moderna a"e"a finito er girare bellamente in tondo, tornando al unto di artenza. In"ece la scienza era andata molto a"anti, all)insegna del realismo, in articolare distinguendo accuratamente l)osser"atore e il soggetto dall)osser"ato e dall)oggetto. 0 ca"allo fra Ottocento e 'o"ecento 6uesta netta di"isione fu messa in dubbio dal fenomenismo, c!e costituQ il ca"allo di Troia c!e ermise all)idealismo di con6uistare la scienza. =uesta filosofia sostene"a, in maniera ti icamente fic!tiana, c!e se ossiamo conoscere solo i risultati delle nostre osser"azioni, altro non esiste. In altre arole, Gessere 5 essere osser"atoH. Il iK noto sostenitore del fenomenismo fu il fisico e filosofo Ernst -ac! $14*4B 181#%, le cui o ere influenzarono il gio"ane 0lbert Einstein $14,8B18((% ed il circolo di 1ienna. Il rimo "i tro"L una negazione dei concetti assoluti di s azio, tem o e moto c!e lo is irL nella formulazione di entrambe le teorie della relati"it7 ,1. Il secondo, il maggior es onente del 6uale fu :udolf +arna $1481B18,0%, ne condi"ise il rifiuto di ogni metafisica e la riduzione della teoria della conoscenza ai soli dati s erimentali. La iK diffusa a licazione del fenomenismo alla fisica moderna 5 la cosiddetta inter retazione di +o enag!en della meccanica 6uantistica. Pro osta da 'iels 9o!r $144(B18#2% e Rerner Aeisenberg $1801B18,#%, essa sostiene a unto l)inesistenza di una realt7 microsco ica indi endente dalle osser"azioni. PiK recisamente, le articelle elementari non "engono iK considerate come oggetti dall)esistenza indi endente, bensQ come concetti c!e descri"ono correlazioni fra le "arie fasi di un es erimento. La differenza essenziale sta nel fatto c!e, er dirla con 3ic!te, gli oggetti sono dati $si sco rono%, ma i concetti sono osti $si in"entano%. Inutile dire c!e 6uesta inter retazione a are aradossale ai realisti, 6uali l)Einstein maturo, c!e un giorno c!iese incredulo ad 0bra!am PaisI GSi uL credere "eramente c!e la Luna non ci sia, 6uando nessuno la osser"a.H La domanda era "olutamente ro"ocatoria, erc!J la Luna 5 un oggetto macrosco ico. E nessun fisico con la testa sul collo 5 $stato% tanto idealista da negare l)esistenza degli oggetti macrosco ici non osser"ati. -a 6uesto crea un nuo"o aradossoI come ossono a"ere realt7 i cor i macrosco ici, senza c!e ce l)abbiano le loro com onenti microsco ic!e. La soluzione 5 sem lice, benc!J non indolore. 9asta accettare il fatto c!e le ro riet7 non !anno un cam o di a licazione uni"ersale. /)altronde, nessuno si stu isce c!e i cor i macrosco ici abbiano un colore, ma le articelle elementari no. Perc!J do"remmo allora stu irci se la stessa cosa succede con la realt7. Inutile dire c!e 6uesta in"asione dell)idealismo nella fisica uL anc!e essere "ista come una riconciliazione di Occidente e Oriente, e tale 5 stata erce ita dagli stessi
,1

0. Einstein, )rnst 7ach, P!;si>alisc!e @eitsc!rift, 1, $181#%I 101B10&. $!.d.A.%

42

adri fondatori della meccanica 6uantistica, a artire da 9o!r. L)Occidente sembra dun6ue essere er"enuto, do o "enticin6ue secoli, a dedurre in maniera scientifica 6uella coincidenza di oggetti"o e di soggetti"o c!e l)Oriente a"e"a ostulato fin dagli inizi, in termini di brahman e atman. ,ossono due gemelli a%ere un.et di%ersa?

Le ossibilit7 letterarie e cinematografic!e dei aradossi del realismo sembrano illimitate. 0nc!e erc!J 5 facile raccontare storie iK o meno arbitrariamente fantastic!e, la cui irrealt7 uL essere facilmente s iegata in"ocando il fatto c!e 6ualcuno sta"a sognando, come in Alice nel paese delle mera%iglie di LeDis +arroll. O era drogato, come ne Il pasto nudo di Rilliam 9urroug!s. O era matto, come nel 6iario di una schi(ofrenica di -arguerite Sec!e!a;e. O era morto, come in =bi; di P!ili /ic>. Il tem o offre alla narrazione ossibilit7 anc!e iK stimolanti, erc!J strutturalmente iK costrette. +i sono, anzitutto, gli o""i salti a"anti e indietro, sognati da La macchina del tempo di Aerbert Rells e realizzati in $itorno al futuro di :obert @emec>is. +)5 oi un)intera gamma di ossibilit7 teoric!e, rima fra tutte l)in"ersione tem orale es lorata da Luigi Pirandello ne Il fu 7attia ,ascal, 0leZo +ar entier in 9iaggio al seme e -artin 0mis ne La freccia del tempo, e "isualizzata da 7emento di +!risto !er 'olan. E ci sono, o""iamente, le s eculazioni filosofic!e, c!e "anno da Le confessioni di Agostino a )ssere e tempo di -artin Aeidegger. La iK influente di esse 5 stata certamente 6uella ro osta nel 1,41 da ?ant nella 2ritica della ragion pura, c!e sembra"a fatta a osta er ro"ocare o stu ire. In sintesi, ?ant sostene"a c!e s azio e tem o non esistono nella realt7, e sono solo nostre illusioni. Gli oggetti del mondo esterno ci a aiono, certamente, con un)estensione s aziale ed un)esistenza tem orale, ma 6ueste caratteristic!e a artengono iK a noi c!e agli oggetti stessi. /eri"ano, in altre arole, dalla struttura dei nostri sensi e della nostra mente. O, nella terminologia >antiana, sono degli a priori c!e costituiscono la forma della ercezione della nostra s ecie. /i conseguenza, un essere $animale od eCtraterrestre% con una natura di"ersa dalla nostra erce isce il mondo in maniera di"ersa. In articolare, con altre nozioni di s azio e tem o. O, addirittura, senza di esse. Per ro"ocatoria c!e 6uesta osizione ossa sembrare, essa era gi7 stata ro osta da Platone nel Timeo $(2%. /o o a"er arlato delle "erit7 di ragione e di senso, c!e ?ant c!iamer7 ris etti"amente analitic!e e a osteriori, Platone introduce a unto le "erit7 sintetic!e a riori nel modo seguenteI
+)5 un terzo genere, 6uello dello s azio eterno e indistruttibile, c!e 5 la sede di tutte le cose. Lo ossiamo cogliere senza i sensi con un argomento s urio, a mala ena con"incente. Pensando ad esso sogniamo, e diciamo c!e 6ualun6ue cosa c!e esiste, de"e necessariamente stare da 6ualc!e arte e occu are un certo s azio. +iL c!e non sta nJ in cielo nJ in terra, in"ece, non esiste.
4*

'aturalmente, oggi siamo tutti dis osti ad accettare il carattere illusorio, relati"o e soggetti"o dei "ari tem i sicobiologici. Sa iamo, infatti, c!e bastano una notte di bagordi o un "iaggio intercontinentale er sfasare l)orologio circadiano c!e regola i bioritmi,2, e c!e l)interesse o la concentrazione, cosQ come la noia e la distrazione, ossono sensibilmente accelerare o rallentare il fluire sicologico del tem o. Siamo molto meno dis osti ad accettare la relati"it7 del tem o fisico, c!e fino all)Ottocento anc!e la scienza considera"a non solo oggetti"o, ma uniforme e uni"ersale. Le cose cambiarono nel 180(, 6uando 0lbert Einstein mostrL c!e una nozione di tem o misurata da orologi identici non uL essere nJ uniforme, nJ uni"ersale. Lo scorrere del tem o indi"iduale di un osser"atore, misurato dal suo orologio, a are infatti agli altri osser"atori tanto iK lento 6uanto iK la sua "elocit7 ris etto ad essi 5 rossima a 6uella della luce. E i "ari tem i indi"iduali si ossono sincronizzare solo arzialmente. In articolare, due e"enti non causalmente collegati ossono a arire in un certo ordine tem orale ris etto ad un osser"atore, e nell)ordine o osto ris etto ad un altro osser"atore. Gi7 nel suo articolo originario,* Einstein si accorse c!e 6uesto stato di cose genera un "ero e ro rio aradosso, c!e 5 forse il iK noto fra tutti 6uelli della fisica moderna. Eccolo nella sua formulazione originariaI
Se si tro"ano in 0 due orologi sincroni e si muo"e uno di essi con "elocit7 costante % su una cur"a c!iusa, finc!J ritorna in 0 do o t secondi, 6uest)ultimo orologio al suo arri"o in 0 si tro"a, ris etto all)orologio rimasto immobile, in ritardo di tV2$"Vc%2 secondi. /un6ue, un orologio c!e si tro"i all)e6uatore de"e rocedere un o) iK lentamente c!e un orologio uguale e osto nelle stesse condizioni, c!e si tro"i a un olo.

Se si sostituiscono i due orologi con due gemelli, come fece con sensibilit7 mediatica Paul Lange"in,&, si ottiene l)ancor iK sor rendente aradosso c!e se uno dei due arte er un "iaggio, al suo ritorno 5 iK gio"ane di 6uello c!e 5 rimasto. O""ero, "iaggiare aiuta a mantenersi gio"ani. 'aturalmente, tutto di ende dalla durata del "iaggio e dalla sua "elocit7 $non, come si otrebbe immaginare, dalla com agnia o dal aesaggio%. /alla formuletta di Einstein si rica"a, ad esem io, c!e se uno dei gemelli "iaggia ad una "elocit7 $%% ari a 6uattro 6uinti di 6uella della luce $c%, il suo "iaggio dura circa un terzo di meno dell)attesa del fratello. /o o un "iaggio di 6uindici anni, dun6ue, il "iaggiatore tro"erebbe il fratello iK "ecc!io di lui di cin6ue anni. 2na situazione, 6uesta, c!e Stanisla" Lem !a sfruttato letterariamente in $itorno dalle stelle. Il aradosso dei gemelli contiene un roblema tecnico, er gli addetti ai la"ori. /al rinci io di relati"it7 do"rebbe infatti discendere c!e la situazione 5 simmetrica er i due gemelli. /un6ue, nell)esem io recedente, anc!e 6uello c!e 5 stato a casa
,2

Il rimo orologio circadiano fu sco erto nelle iante da Eac6ues Ourtus de -airan, nel 1,28. In organismi di"ersi, 5 localizzato in aree di"erseI la retina negli insetti, la g!iandola ineale negli uccelli, i nuclei so rac!iasmatici nei to i. 'ell)uomo 5 localizzato so rattutto nell)i ofisi, c!e regola e coordina "ari ritmi giornalieri legati al li"ello ormonale, la tem eratura, il battito cardiaco, l)a etito e il sonno. +i sono anc!e meccanismi di regolazione di altri ritmi settimanali, mensili e annuali. In condizioni normali gli orologi e i relati"i tem i associati a ciascuno di 6uesti ritmi sono sincronizzati, e definiscono un unico tem o biologico. $!.d.A.% ,* 0. Einstein, Gur )lektrod0namik bewegter 1Arper, 0nnalen der P!;si>, 1, $180(%I 481B821. $!.d.A.% ,& P. Lange"in, L.#%olution de l.espace et du temps, Scientia, 10 $1811%I *1B(&. $!.d.A.%

4&

do"rebbe tro"are il fratello iK "ecc!io di lui di cin6ue anni. =uesto roblema si risol"e mostrando c!e in realt7 i sistemi di riferimento dei due gemelli non sono e6ui"alenti, e c!e le distanze s azioBtem orali ercorse da ciascuno nel riferimento dell)altro non sono uguali. La dilatazione dei tem i er i "iaggiatori sar7 aradossale, ma non er 6uesto 5 meno reale. 'on a caso Einstein, nel suo articolo, arlL es licitamente di GteoremaH. Le conferme s erimentali sono ormai innumere"oli e dimostrano c!e effetti"amente il tem o scorre di"ersamente er osser"atori di"ersi. 0d esem io, articelle c!e !anno una "ita media di oc!i secondi ossono comun6ue arri"are sulla Terra dal Sole, do o un "iaggio di "ari minuti, ro rio erc!J er loro sono effetti"amente assati soltanto oc!i secondi. O, er rimanere iK "icini alla "ita 6uotidiana, gli orologi atomici satellitari sui 6uali si basa il sistema di osizionamento globale GPS subiscono un costante rallentamento di alcuni nanosecondi al giorno, sufficiente a causare $se non corretto% errori di osizione di "arie centinaia di metri. 'aturalmente, la dilatazione dei tem i non 5 l)unico effetto aradossale rodotto da un aumento di "elocit7. Le si accom agnano, infatti, un)uguale dilatazione delle masse ed un)in"ersa contrazione delle lung!ezze nel senso del moto. In altre arole, oltre a mantenersi gio"ani, "iaggiando si aumenta di eso ma ci si snellisce. E, ancora una "olta, non c)5 bisogno di guardare lontano er accorgersi di 6uesti effetti relati"istici. 0d esem io, negli atomi esanti gli elettroni si muo"ono intorno al nucleo in maniera iK "eloce c!e in 6uelli leggeri, e 6uelli interni raggiungono "elocit7 relati"istic!e. L)aumento di massa e la diminuzione di lung!ezza roducono, o""iamente, una di"ersa interazione con la luce. In articolare, nel caso dell)oro, un assorbimento del blu ed una riflessione del giallo e del rosso c!e danno a 6uesto metallo il suo caratteristico colore. Senza gli effetti relati"istici l)oro a"rebbe lo stesso colore argentato ti ico degli altri metalli iK leggeri. La dilatazione delle masse im edisce a 6ualun6ue cor o di raggiungere la "elocit7 della luce. Il c!e non significa c!e la teoria della relati"it7 escluda "elocit7 su eriori. Significa, erL, c!e gli e"entuali cor i su erluminali sono confinati in un uni"erso se arato dal nostro, "anno all)indietro nel tem o ed !anno una massa immaginaria $6ualun6ue cosa 6uesto signific!i%. I cor i su erluminali sono stati battezzati tachioni da Gerald 3einberg,(, e una loro refigurazione sono i simulacri dei cor i di cui arla Lucrezio nel 6e $erum !atura $I1, 20#B204%I
'on "edi 6uanto iK "eloci e lontano de"ono andare e ercorrere una maggiore distesa di s azio nello stesso tem o c!e i raggi del Sole riem iono il cielo.

L)ultimo aradosso della relati"it7 5 contenuto in 6uella c!e, forse, 5 la formula iK famosa della storiaI )KmcL. O""ero, l)energia e la massa sono sem licemente due forme di"erse di una stessa sostanza, mediate da 6uell)enorme fattore di ro orzionalit7 c!e 5 il 6uadrato della "elocit7 della luce. Il c!e significa c!e una
G. 3einberg, ,ossibilit0 of laster3than3light particles, P!;sica1 :e"ieD, 1(8 $18#,%I 1048B110(. $!.d.A.%
,(

4(

iccola 6uantit7 di materia uL s rigionare una grande 6uantit7 di energia. +osa di cui, do o l)infausto # agosto 18&(, nessuno uL iK dubitare. Gli indiani c!iama"ano l)energia shakti ed assegna"ano alla tremenda dea ?!ali il com ito di trasformarla in "ita e morte della materia. I confuciani la c!iama"ano in"ece ch.i, e ensa"ano c!e si riflettesse in tutte le cose come la Luna nelle ac6ue terrestri. 0ncora una "olta la scienza occidentale !a dato ragione a 6ueste intuizioni orientali, recisando in c!e modo la materia 5 legata all)energia cosmica. 7essaggi dal futuro

+!i ensi c!e gli attacc!i alla concezione classica del tem o sferrati dalla fisica moderna arri"ino soltanto dal fronte della relati"it7, si sbaglia. 0nc!e la meccanica 6uantistica !a a erto un suo fronte in 6uesta guerra, nel momento stesso in cui ErDin Sc!r<dinger $144,B18#1% !a sco erto la sua famosa e6uazione d)onda c!e regola il com ortamento del mondo subatomico. L)inter retazione classica, ro osta da -aC 9orn $1442B18,0% ed adottata subito dalla 6uasi totalit7 dei fisici, considera la funzione d)onda _ in maniera e istemologica, come la descrizione di un)astratta onda di robabilit7. PiK recisamente, le robabilit7 si ottengono molti licando la funzione d)onda _ con la sua com lessa coniugata _ . L)inter retazione robabilistica si uL descri"ere dicendo c!e, a li"ello rofondo, il mondo 5 come uno sc!ermo su cui "engono roiettati iK film in so"ra osizione e con risoluzioni di"erse, c!e corris ondono alle robabilit7. Il moti"o er cui non a are cosQ a noi, 5 c!e ossiamo osser"are lo sc!ermo soltanto mediante filtri, biologici o tecnologici, c!e ermettono di "edere solo uno dei "ari film. =uando si guarda, o si fa un es erimento, la realt7 assa dun6ue $ er noi% da una so"ra osizione di roiezioni ad una singola roiezione. Per mostrare il suo dissenso con 6uesta inter retazione, Sc!r<dinger in"entL il suo suggesti"o paradosso del gatto,#. Su ose, cio5, c!e in una stanza ermeticamente c!iusa "enissero osti un gatto ed un flacone di gas "elenoso, al di fuori della ortata del gatto. Il flacone si rom e se a""iene un articolare fenomeno subatomicoI ad esem io, la disintegrazione di un atomo di un materiale radioatti"o. Secondo l)inter retazione robabilistica, fino a 6uando non si guarda nella stanza la realt7 do"rebbe stare nella so"ra osizione di stati c!e corris onde alle due ossibilit7I atomo disintegrato o no. E dun6ue, flacone rotto o intero. E dun6ue, gatto morto o "i"o. Solo nel momento in cui si guardi dentro la stanza, do"rebbe a""enire il assaggio a una delle due ossibilit7. Sc!r<dinger tro"a"a la cosa aradossale. 0nzi, GburlescaH. Il gatto infatti o 5 "i"o o 5 morto. E non !a senso dire c!e se il flacone si rom e il gatto non muore, bensQ rimane sia "i"o c!e morto fino a c!e 6ualcuno guardi dentro la stanza. -a, er ironia della sorte, la maggioranza silenziosa dei fisici considera oggi 6uesto argomento non
,#

E. Sc!r<dinger, 6ie gegenwartige 'ituation in der Quantenmechanik, /ie 'aturDissensc!aften, 2* $18*(%I 40,B412, 42*B424 e 4&&B4&8. $!.d.A.%

4#

un aradosso, bensQ un)ottima metafora macrosco ica di un as etto non classico della meccanica 6uantistica. /i"ersamente da 9orn, Sc!r<dinger cercL sem re di inter retare la funzione d)onda in maniera ontologica, come la descrizione di una concreta onda di materia. In articolare, nel 18*1,, ro ose aradossalmente di inter retare la _ e la _ come muo"entisi in direzioni tem orale o osteI dal assato al futuro la rima, e dal futuro al assato la seconda. Il rodotto _ _ descri"erebbe dun6ue il loro incontro nel resente. Secondo 6uesta inter retazione, tutto ciL c!e sta nel futuro 5 un)onda $di robabilit7% e tutto ciL c!e sta nel assato 5 una articella $di materia%. /al loro incontro deri"erebbe dun6ue la do ia natura com lementare, di onda e di articella, del resente. In realt7, una cosa simile si era gi7 "erificata in recedenza er l)elettromagnetismo. Si sa e"a infatti da tem o,4 c!e le e6uazioni di -aCDell ammettono una do ia soluzioneI una c!e "iaggia dal assato al futuro, corris ondente al cam o elettromagnetico causato da una corrente, e una c!e "iaggia dal futuro al assato, corris ondente alla corrente causata da un cam o elettromagnetico. In 6uesto caso si uL dire c!e ciL c!e sta nel assato 5 una corrente e ciL c!e sta nel futuro 5 un cam o. 'ell)elettromagnetismo, erL, l)onda c!e "a dal futuro al assato sembra essere $tuttora% solo una soluzione matematica, senza rile"anza fisica, e si uL facilmente rimuo"ere. 'ella meccanica 6uantistica, in"ece, la _ e la _ inter"engono entrambe nel calcolo delle robabilit7, e bisogna inter retarle entrambe. =uesta non era, comun6ue, l)unica sor resa tem orale c!e l)e6uazione di Sc!r<dinger a"e"a in serbo. Paul /irac $1802B184&% dimostrL infatti c!e essa descri"e"a non soltanto le usuali articelle di materia, ma anc!e inusuali anti articelle di antimateria, con carica in"ertita e senso di rotazione o osto. 0d esem io, come l)elettrone !a carica negati"a e senso di rotazione antiorario, cosQ l)antielettrone $c!e si c!iama ositrone% !a carica ositi"a e senso di rotazione orario. Pote"ano sembrare soltanto soluzioni immaginarie di un)e6uazione, e in"ece 6uasi subito si ebbe una conferma s erimentale dell)esistenza del ositrone. 'el 18&8,8 :ic!ard 3e;nman $1814B1844% ro ose di inter retare l)antimateria come materia c!e "iaggia all)indietro nel tem o. In tal modo le articelle c!e coincidono con le ro rie anti articelle, come ad esem io i fotoni di cui 5 com osta la luce, de"ono essere ferme nel tem o. E la distruzione rodotta dall)incontro tra una articella ed una sua anti articella "iene inter retato come il cambio di direzione di una articella nel suo "iaggio tem orale. 'aturalmente, 6uesto ro"oca un iccolo roblemaI se l)elettrone "a a"anti e indietro nel tem o, si tro"a due "olte nello stesso istante. Il "iaggio di andata e ritorno
,,

E. Sc!r<dinger, Mber die =mkehrung der !aturgeset(e, Sitzung der Preussisc!en 0>ademie der Rissensc!aften, marzo 18*1I 1&&B1(*. $!.d.A.% ,4 P. Ae;l, The theor0 of tight on the h0pothesis of a fourth dimension, 148,. $!.d.A.% ,8 :. 3e;nman, The theor0 of positrons, P!;sical :e"ieD, ,# $18&8%I ,&8B,(8. $!.d.A.%

4,

ne roduce dun6ue una co ia. -a 6uesto roblema ne risol"e un altroI il fatto iuttosto ins iegabile, cio5, c!e gli elettroni !anno esattamente le stesse ro riet7 fisic!e, al unto da essere indistinguibili uno dall)altro40. 2na ossibile s iegazione otrebbe a unto essere c!e i "ari elettroni c!e ci sono in un dato istante sarebbero in realt7 lo stesso indaffarato elettrone c!e 5 andato a"anti e indietro il numero di "olte necessario. Insomma, sembra ro rio c!e a li"ello microsco ico ci si ossa muo"ere nel tem o a iacere. PiK recisamente, succede 6uello c!e gi7 succede"a er la simmetria s eculareI a li"ello atomico ci sono difficolt7 oggetti"e ad accorgersi se si sta andando a"anti o indietro nel tem o. 'essun fenomeno gra"itazionale, elettromagnetico o nucleare forte ermette infatti di sco rire una differenza fra assato e futuro. 'el 18#& Eames +ronin e 1al 3itc! sco rirono erL, in maniera indiretta, c!e una tale differenza esiste al li"ello dei fenomeni nucleari deboli. Soltanto in termodinamica a are 6uella c!e 0rt!ur Eddington $1442B18&&% c!iamL la freccia del tempo, segnalata dalla continua crescita del disordine misurato dall)entro ia. In cosmologia a are una seconda freccia del tem o, legata all)es ansione dell)uni"erso sco erta da EdDin Aubble $1448B18(*% nel 1828. 0ncora una "olta, come gi7 nel caso della realt7, ci ritro"iamo dun6ue in una situazione macrosco ica emergente, c!e non "iene ereditata dal li"ello delle com onenti microsco ic!e. A%anti tutta, %erso il passato

I aradossi considerati finora si riferiscono al tem o del mondo "uoto della relati"it7 s eciale, o a 6uello del mondo microsco ico della meccanica 6uantistica. Il tem o del nostro mondo materiale e macrosco ico sembra finora a"er scongiurato simili roblemi. Ed 5 conce ibile c!e essi non riguardino la relati"it7 generale, c!e estende a unto la relati"it7 s eciale introducendo"i la materia. 0nzi, i modelli usuali delle e6uazioni di cam o c!e descri"ono gli uni"ersi relati"istici ossiedono a unto una nozione assoluta di tem o, ottenuta amalgamando i tem i indi"iduali relati"i alle grandi masse di materia. Se tutti i modelli ammettessero un tem o assoluto, allora la sua esistenza sarebbe una conseguenza necessaria dei rincQ i della relati"it7 generale. Purtro o, nel 18&841 ?urt G<del !a costruito un modello in cui non 5 ossibile definire una nozione di tem o assoluto. In sintesi, l)idea 5 di rendere im ossibile la
40

Su oniamo di a"ere due articelle e di do"erle mettere in due scatole. 'ella statistica di 9oltzmann ci sarebbero 6uattro ossibilit7I entrambe le articelle in una delle due scatole, o una articella in ciascuna scatola, in due modi di"ersi. Se, erL, le articelle sono indistinguibili, metterne una in ciascuna scatola e oi scambiarle non roduce nessun cambiamento. /un6ue, nella statistica di 9oseBEinstein le 6uattro ossibilit7 si riducono a tre. =uesto 5 il caso dei fotoni. O, iK in generale, dei bosoni. Se oi le articelle, oltre ad essere indistinguibili, non ossono occu are allo stesso tem o lo stesso luogo, non 5 ossibile metterle entrambe nella stessa scatola. /un6ue, nella statistica di 3ermiB /irac le ossibilit7 si riducono addirittura a una sola. =uesto 5 a unto il caso degli elettroni o, iK in generale, dei fermioni. $!.d.A.% 41 ?. G<del, An example of a new t0pe of cosmological solution of )instein.s field e;uations of gra%itation , :e"ieDs of -odern P!;sics, 21 $18&8%I &&,B&(0. $!.d.A.%

44

decom osizione dello s azio cur"o a 6uattro dimensioni in tre dimensioni da una arte, facenti funzioni dello s azio, e una dimensione dall)altra, facente funzione del tem o, e er endicolare alle altre tre. Per sem lificare la cosa, ci si uL anzitutto limitare a ensare di "oler decom orre lo s azio tridimensionale in una serie di iani er endicolari a una cur"a unidimensionale. Poic!J il tem o assoluto si ottiene amalgamando i tem i indi"iduali delle grandi masse, si ossono immaginare 6uesti tem i come tanti fili sottili, e il tem o assoluto come una corda ottenuta mettendo assieme i fili. T c!iaro c!e se la corda 5 ritorta, non 5 ossibile ottenere dei iani c!e siano er endicolari a tutti i fili. In una dimensione in iK, la torsione di"enta rotazione. Si tratta allora di costruire un modello in cui la materia sia o"un6ue in rotazione, e G<del fece a unto 6uesto. 0nzi, fece di meglio. -entre, infatti, la rotazione 5 e6ui"alente alla mancanza di tem o assoluto, essa non im lica in generale l)inconsistenza del tem o indi"iduale. E in"ece G<del tro"L un modello con la stu efacente ro riet7 c!e i tem i dei "ari osser"atori sono ciclici. Il c!e significa c!e, andando sem re a"anti nel futuro, ci si ritro"a rima o oi nel assatoF In tal modo, la scienza moderna sco re di essere com atibile con le teorie dell)eterno ritorno di "enerata memoriaI da Platone a 'ietzsc!e, dalla ruota della "ita alla danza di S!i"aW ed 5 costretta ad affrontare i ben noti aradossi del "iaggio nel tem o, il iK noto del 6uale 5 c!e c!i torna nel assato lo uL influenzare in modo tale da cambiare il resente in maniera contradditoria. L)idea iK o""ia consiste nell)ammazzare i ro ri genitori, e im edire cosQ la ro ria nascita. PiK fantasioso sarebbe un uomo c!e ingra"ida la ro ria madre da signorina, di"entando il ro rio adre. O, simmetricamente, una donna c!e si fa ingra"idare dal ro rio adre, di"entando la ro ria madre. In linea di rinci io, e come gi7 "isto nel caso degli elettroni, con un numero sufficiente di "iaggi sarebbe ossibile ridurre tutti gli uomini della storia ad una sola co ia, indaffaratissima a "iaggiare a"anti e indietro nel tem o er generare l)intero genere umano. Il culmine del aradosso si raggiunge nella seguente situazione, escogitata da :obert Aeinlein42. 2na madre subisce un inter"ento c!irurgico. /i"entata uomo, torna nel assato rossimo e ingra"ida se stessa rima dell)inter"ento. La loro figlia torna nel assato remoto e di"enta la donna di artenza. Si ottiene cosQ una sorta di Trinit7, con un unico indi"iduo c!e li incarna tuttiI adre, madre e figliaF G<del obietta a 6uesti aradossi c!e la circolarit7 del tem o non significa automaticamente c!e un indi"iduo ossa ritro"arsi fisicamente nel ro rio assato. 'essuno uL "iaggiare iK "elocemente della luce e nessuno "i"e in eterno. /un6ue, in un)esistenza umana si uL co rire soltanto una distanza s azioBtem orale limitata. E 6uesta distanza otrebbe essere sostanzialmente inferiore alla lung!ezza di un giro com leto. 0nzi, nel modello di G<del effetti"amente lo 5. Per inciso, 6uesto ris onde alla domanda osta da 0rt!ur +lar>e, l)autore di NOOP -dissea nello spa(ioI GSe il "iaggio nel assato 5 ossibile, do"e sono i "iaggiatori.H La ris osta 5I non !anno ancora fatto in tem o ad arri"are, e forse non ce la faranno mai4*. E la stessa ris osta si uL dare all)analoga domanda osta da Enrico 3ermiI GSe ci sono altre ci"ilt7 tecnologic!e, do"e sono gli alieni.H
42

:. Aeinlein, All 0ou (ombies, T!e -agazine of 3antas; and Science 3iction, marzo 18(8. $!.d.A.%

48

Per ri rendere la discussione, su oniamo ure c!e un indi"iduo si tro"i effetti"amente nella condizione di oter fisicamente influenzare il ro rio futuro. 'on 5 comun6ue detto c!e a"rebbe automaticamente la "olont7 sicologica di farlo. 0d esem io, in un mondo com letamente deterministico certamente non otrebbe a"erla. 0nzi, i aradossi recedenti si ossono considerare come dimostrazioni er assurdo del fatto c!e, se il "iaggio nel assato 5 ossibile, certe cose non si ossono fare. Infine, il modello di G<del non 5 ne ure in contrasto con la seconda legge della termodinamica. 'on c)5 infatti nessun bisogno di in"ertire la freccia del tem o, erc!J il "iaggio nel assato si effettua non andando all)indietro, come in una strada a do io senso, ma andando a"anti e ritro"andosi al unto di artenza, come in un giro di isolato lungo una strada a senso unico. Insomma, il "iaggio nel tem o sco erto da G<del 5 scienza, non fantascienza. E non !a im ortanza se il suo modello sia o meno in accordo con i dati s erimentali relati"i al nostro uni"ersoI il roblema non 5 se il ritorno al assato sia ossibile er noi, ma c!e esso non 5 im ossibile er la relati"it7. =uanto a 6uest)ultima, G<del ensa"a c!e essa a"esse dato ragione non solo alle teorie di ?ant sul tem o, ma anc!e a 6uelle sullo s azio. 'on 5 infatti contradditorio affermare, con ?ant, c!e la nostra intuizione s aziale 5 euclidea, e con Einstein, c!e lo s azio fisico non lo 5I la rima affermazione riguarda la struttura delle nostre ercezioni, la seconda 6uella del mondo esterno. 0llo stesso modo, 5 ossibile a"ere ercezioni euclidee di s azi non euclidei, come dimostrano i ben noti modelli geometrici dell)Ottocento. Secondo G<del, c)5 un unico unto su cui la relati"it7 !a dato torto a ?antI l)affermazione c!e il mondo non 5 conoscibile oggetti"amente, ro rio a causa degli a priori c!e determinano la conoscenza soggetti"a. L)introduzione del tem o relati"istico mostrerebbe ro rio il contrario. Esso 5, infatti, in contrasto con la nozione a riori c!e abbiamo del tem o, ed 5 stato ottenuto solo attra"erso un lungo rocesso di elaborazione, c!e ci !a ermesso di s"incolarci da 6uesto a riori. PiK in generale, l)intera fisica moderna mostra come si ossa costruire una "isione del mondo in contrasto ed al di l7 di 6uella costruita sulle a arenze, sulle 6uali si basa"a la fisica classica. /a 6uesto G<del deduce"a c!e la scienza ermette di su erare le limitazioni sicoB fisic!e della nostra natura. -ostrando il carattere soggetti"o e relati"o dei concetti c!e costituiscono l)ossatura della nostra immagine del mondo, essa ci ermette di ottenerne immagini $sem re iK% oggetti"e ed assolute4&. L)interesse di una tale filosofia della scienza 5 e"idente. Essa tende a su erare le contra oste e analog!e rimozioni degli idealisti e dei ositi"isti, c!e sostengono con

4*

2na ris osta alternati"a otrebbe essereI !anno reso un)altra strada. =uesto ric!iede un)idea di tem o ramificato, ro osta letterariamente da 9orges ne Il giardino dei sentieri che si biforcano, cinematograficamente da :obert @emec>is in $itorno al futuro II, e scientificamente da Aug! E"erett in Q$elati%e stateR formulation of ;uantum mechanics, :e"ieD of -odern P!;sics, 28 $18(,%I &(&B&#2. $!.d.A.% 4& 0rgomenti identici $nella sostanza, se non nella forma% a 6uelli di ?ant e G<del !anno dato "ita negli anni Settanta al dibattito sulla natura della scienza fra T!omas ?u!n $La struttura delle ri%olu(ioni scientifiche , 18#8% e /udle; S!a ere $La ragione e la ricerca della conoscen(a, 184*%. $!.d.A.%

80

moti"azioni di"erse l)inconoscibilit7 della realt7, im edendo in effetti il raggiungimento di 6ualun6ue conoscenza di natura GeCtrasensorialeH. Guarda che coinciden(a

T ro rio 6uesto ti o di conoscenza c!e in"ece attira"a +arl Gusta" Eung $14,(B 18#1%. 'egli anni 1808B10 e 1812B1* egli ebbe ri etute con"ersazioni con Einstein sulle im licazioni sicologic!e della relati"it7 e arri"L ad un)i otesi singolarmente in sintonia con 6uella a ena descritta. S azio e tem o sarebbero, secondo Eung, concetti di natura sic!ica, 6uasi inesistenti er i rimiti"i, e s"ilu ati nel corso dell)e"oluzione culturale in arc!eti i inconsci er la descrizione del mondo fisico. +ome dir7 ?onrad Lorenz4(, essi sono dun6ue a posteriori filogenetici er la s ecie, ma a riori trascendentali er gli indi"idui. La loro recaria esistenza oggetti"a ermette 6uindi alla coscienza di s"incolarsene, almeno a li"ello inconscio, in determinate occasioni. Eung giunse a considerare le conseguenze di tale i otesi er il roblema delle coinciden(e significati%e. /a un lato, esse "engono s erimentate nella normale "ita 6uotidiana come i Gcasi strani della "itaH. /all)altro lato, si manifestano nelle iK s"ariate es erienze aranormaliI auguri, scongiuri, malocc!io, reg!iere, resagi, remonizioni, numerologia, astrologia, cartomanzia, c!iromanzia, geomanzia, di"inazione, c!iaro"eggenza, tele atia, ercezioni eCtrasensoriali, bilocazione, sicocinesi, ara sicologia, magia, e com agnia bella. Tali fenomeni consistono sia di un)immagine sic!ica soggetti"a, sia di una situazione fisica oggetti"a c!e coincide con il contenuto dell)immagine. Il roblema 5 s iegare come nasce 6uesta coincidenza. La soluzione mediante il rinci io classico di causalit7 5 ossibile, ma solo al rezzo di ostulare cause di natura straordinaria, cio5 trascendente. Sembra dun6ue c!e gli atteggiamenti di fronte alle coincidenze significati"e si riducano alle solite due alternati"eI idealista e ositi"ista. O si accetta di buon grado l)esistenza di 6ueste cause, cadendo 6uindi nell)irrazionale e nella su erstizione, o ure si rimuo"ono i fenomeni, negandone la "eridicit7 o relegandoli nell)ambito del caso. Eung tro"L insoddisfacenti gli eccessi di fede del rimo atteggiamento e di razionalit7 del secondo, ro onendo di affiancare al rinci io di causalit7 un nuo"o rinci io di sincronicit , c!e elaborL da rima nella sua introduzione agli I 2hing, e oi nel libro L.interpreta(ione della natura e la ,siche, ubblicato nel 18(( a 6uattro mani col remio 'obel er la fisica Rolfgang Pauli $1800B18(4%. /i"ersamente dalla sincronia, c!e 5 una sem lice coincidenza tem orale di e"enti, la sincronicit7 5 definita come una coinciden(a semantica di e%enti 4uno psichico e l.altro fisico5 casualmente non collegati. Perc!J due e"enti siano sincronici 5 dun6ue necessario c!e essi "engano erce iti come a"enti lo stesso significato, ma senza c!e siano collegati da un ra orto diretto di ti o causaBeffetto.
4(

?. Lorenz, 1ants Lehre %om Apriorischen im Lichte gegenwSTrtiger &iologie , 9lQtterfXr /eutsc!e P!iloso !ie, 1( $18&1%I 8&B12(. $!.d.A.%

81

Esattamente come la relati"it7 dell)ordinamento tem orale, anc!e la sincronicit7 ric!iede la mancanza di causalit7. I due rincQ i di causalit7 e di sincronicit7 sono dun6ue non contra osti, ma com lementari. E ciascuno 5 a licabile solo in situazioni in cui l)altro non lo 5. In articolare, il rimo interessa rinci almente gli e"enti del mondo fisico, il secondo 6uelli del mondo sic!ico. La sincronicit7 5 o""iamente un concetto i cui "ari as etti ric!iamano illustri immagini della storia della filosofia, sia occidentale c!e orientaleI l)idea del Tao come GsignificatoH del mondo, la sim atia di tutte le cose di Plotino, l)unit7 del creato di Pico della -irandola, la 6uintessenza di Paracelso, gli orologi sincronizzati e l)armonia restabilita di Leibniz, la definizione di Sc!o en!auer del caso come Gsimultaneit7 di e"enti casualmente sconnessiH, e cosQ "ia. La no"it7 sostanziale introdotta da Eung e Pauli sta nella ro osta di utilizzare il metodo s erimentale er "erificare l)esistenza, e determinare la natura, della sincronicit7 di co ie di e"enti non collegati casualmente. L)idea 5 di aragonare fra loro la robabilit7 e l)effetti"a fre6uenza dell)occorrenza. E di dedurre la sincronicit7 6uando la fre6uenza sia sostanzialmente su eriore alla robabilit7, e non sia 6uindi riconducibile al uro caso. 0d esem io, un ossibile experimentum crucis er l)astrologia sarebbe uno studio com arato degli orosco i, c!e calcolasse da un lato le re"isioni $s%fa"ore"oli all)acco iamento, e dall)altro la loro effetti"a incidenza su matrimoni e di"orzi. 2n analogo studio si otrebbe fare sugli assassini o sui suicidi. L)interessante conseguenza di 6uesta ro osta 5 c!e essa rende l)astrologia scientifica, sulla base del rinci io di falsificazione di Po er $ iK c!e una buona notizia er l)astrologia, 6uesta ci sembra una catti"a notizia er Po er%. La sincronicit7 si ro one 6uindi come ossibile strumento scientifico er lo studio di una serie di fenomeni c!e sembrano essere refrattari agli strumenti uramente causali della scienza con"enzionale, rimo fra tutti il ra orto tra sic!e e materia. In articolare, essa suggerisce il su eramento di uno dei dogmi del materialismo cogniti"oI la connessione causale fra sistema ner"oso centrale e coscienza4#. +ome gi7 gli orientalismi dell)idealismo, anc!e gli sicologismi della sincronicit7 sembrerebbero erL situarsi agli anti odi della scienza. E il coin"olgimento di Pauli nell)elaborazione della nozione otrebbe essere soltanto una coincidenza non significati"a. In"ece, l)esem io iK ine6ui"ocabile di sincronicit7 "iene, oggi, ro rio dalla meccanica 6uantistica. La iK sottile obiezione a 6uesta teoria era stata a"anzata nel 18*( dal paradosso ),$, c!e rende il nome dalle iniziali dei suoi coautori4,. Sostanzialmente, Einstein si era accorto c!e la meccanica 6uantistica ermette"a, a li"ello microsco ico, situazioni c!e a li"ello macrosco ico corris onderebbero alla sistematica uscita degli

4#

=uesta connessione 5 gi7 stata, eraltro, messa in dubbio dalla sco erta di atti"it7 sic!ica, c!e "iene oi ricordata come GcoscienteH, in concomitanza di stati traumatici, sinco atici o comatosi in cui il aziente 5 considerato clinicamente GincoscienteH. O""iamente tali fenomeni ossono essere s iegati anc!e senza la sincronicit7, su onendo ad esem io c!e la coscienza ossa risiedere nel sistema sim atico, il c!e ermetterebbe di considerare coscienti i "ertebrati da un lato e i sogni dall)altro. $!.d.A.% 4, 0. Einstein, 9. Podols>; e '. :osen, 2an ;uantum3mechanical description of ph0sical realit0 be considered complete?, P!;sical :e"ieD, &, $18*(%I ,,,B,40. $!.d.A.%

82

stessi numeri su due roulette di"erse, senza c!e ci fossero trucc!i nascosti, cio5 con roulette erfettamente aleatorie e scollegate. PiK sincronico di cosQ, si muore. 'el 18#&44 Eo!n 9ell $1824B1880% riuscQ a riformulare il 6ualitati"o aradosso EP: in maniera 6uantitati"a, suscettibile di "erifica s erimentale. Gli es erimenti effettuati a artire dagli anni Ottanta, so rattutto dal gru o di 0lain 0s ect a Parigi, !anno effetti"amente confermato c!e la realt7 microsco ica esibisce i re"isti effetti sincronici, nell)esatta misura calcolata dalla meccanica 6uantistica. Le conseguenze sono, ancora una "olta, de"astanti. 9isogna anzitutto abbandonare il principio di causalit formulato da Aans :eic!enbac!48 $1481B18(*%, secondo il 6uale due e"enti correlati de"ono a"ere una causa comune. Il teorema di 9ell mostra infatti l)esistenza di e"enti correlati in maniera non causale. 0nalogamente, bisogna abbandonare l)illusione >antiana c!e solo s iegazioni causali specifiche ossano a"ere conseguenze s erimentali, e c!e sia in"ece sem re ossibile ostulare la mera esisten(a di una s iegazione causale er 6ualun6ue successione di e"enti. La "erifica s erimentale del teorema di 9ell re uta in"ece l)esistenza di correlazioni causali di ;ualun;ue genere fra i suoi e"enti. Le conseguenze iK im ortanti ricadono, erL, su 6uella nozione di realt7 c!e ci !a im egnati er l)intero ca itolo. La resenza di correlazioni istantanee tra le roulettes 6uantistic!e indica, infatti, c!e ci sono iK cose interconnesse in cielo e in terra, di 6uante se ne sognino nella filosofia occidentale. Senza "oler scomodare il "udu, c!e si basa a unto sull)assunzione c!e ciL c!e 5 a artenuto a una ersona, dalle ung!ie ai ca elli, le rimane collegato e ermette di influenzarla a distanza, ossiamo almeno notare c!e gli as etti olistici della fisica moderna costituiscono una ulteriore, e ben significati"a, coincidenza con la filosofia orientale.

44 48

E. 9ell, -n the )instein3,odolski3$osen ,aradox, P!;sics, I $18#&%I 18(B200. $!.d.A.% A. :eic!enbac!, The direction of time, 18(#. $!.d.A.%

8*

+a itolo 6uinto

'toria apocrifa di un mentitore

L)otta"o comandamento ordina di non mentire. Ed 5 imbarazzante c!e debba farlo in maniera negati"a, "isto c!e in molte lingue, italiano com reso, non esiste nemmeno un "erbo c!e signific!i Gdire la "erit7H. 'on mentire 5, a 6uanto are, un)azione tanto rara c!e non "ale ne ure la ena di battezzarla. 'on solo 5 riser"ata a bambini, gaffeur, giullari, ubriac!i, azzi e sognatori, ma 5 anc!e ericolosa. +ome dice"a Oscar RildeI G+!i dice la "erit7, rima o oi "iene sco ertoH. Tro o s esso, osser"a"a oi Aenr;> 9roder, ci aggra iamo alla menzogna della Gforza della "erit7H, rifiutandoci di ammettere la "erit7 della forza della menzogna, la 6uale, in"ece, 5 salutarmente diffusa. Il suo "antaggio risiede nel fatto c!e Gla "erit7 5 in"erosimile, la menzogna noH80. La sua tecnica consiste nell)effettuare trasformazioni geometric!e della "erit7, mediante traslazioni, ribaltamenti, in"ersioni, riflessioni e deformazioni. /i mentitori 5 iena la finzione letteraria. -ente Giacobbe nel Genesi, er stra are la rimogenitura a Esa`. -ente 2lisse nell)-dissea, ingannando nemici, amici e arenti. -ente Aermes, dio dei ladri e dei commercianti. -ente GesK nel 9angelo secondo Gio%anni, dic!iarando c!e non andr7 a Gerusalemme er la festa dei Tabernacoli, e oi andandoci di nascosto. -ente l)a ostolo Pietro, rinnegando tre "olte il suo -essia. -entono, costituzionalmente, L.amante delle men(ogne di Luciano di Samostata e Il bugiardo di +orneille, cosQ come 6uelli di Goldoni e di +octeau. -entono, istituzionalmente, il Grande 3ratello e il -inistero della 1erit7 in PFEU di OrDell. /i menzogne 5 iena anc!e la realt7 6uotidiana. -entono le costituzioni, c!e garantiscono diritti Ga meno delle dis osizioni di leggeH. -entono i codici, c!e in"entano finzioni giuridic!e. -entono go"ernanti, di lomatici e s ie, er ragion di Stato. -entono gli a""ocati, er ragion di diritto. -entono i testimoni, ur giurando di dire Gla "erit7, tutta la "erit7, nient)altro c!e la "erit7H. -entono i giornalisti, er far notizia o ro aganda. -entono olitici, reti e astrologi, er ingannare elettori, fedeli e clienti. -entono roduttori, ubblicitari e commercianti, er truffare i consumatori. -entono genitori e insegnanti, raccontando fa"ole e miti ai bambini. -entono i bambini, er tacitare genitori ed insegnanti. -entono le donne, truccandosi er sembrare iK belle. -entono coniugi e amanti, er tradire sembrando fedeli. -entono gli s orti"i, drogandosi er "incere. -entono gli amici e i santi, er bont7. -entono i nemici e i eccatori, er catti"eria. -entono gli s iritosi, er di"ertimento. -entono le ersone cortesi, er buona educazione.
80

3. /ostoe"s>iZ, I demoni, II, I. $!.d.A.%

8&

-ente Sc!o en!auer, 6uando afferma c!e la menzogna 5 una rerogati"a degli uomini. La lotta fra redatori e rede, cosQ come la so ra""i"enza delle s ecie e degli indi"idui, ric!iedono infatti camuffamenti, mimetizzazioni, dissimulazioni, imitazioni, finte, inganni, mani olazioni, raggiri, occultamenti, di"ersioni, allettamenti, distrazioni e bluff di ogni genere, c!e animali e iante usano continuamente e sistematicamente. Insomma, la menzogna regna sulla terra. 0nc!e se, come dice"a +orneilleI G+!i mente de"e a"ere buona memoriaH. E, come aggiunge"a Oscar Rilde nella 6ecaden(a della men(ognaI GIn 6uesto cam o, come in altri, la erfezione ric!iede esercizioH. In ogni caso, la "ariegata ubi6uit7 della menzogna sembrerebbe rendere im er"ia l)indicazione della sua forma iK sofisticata e infida. 2n naturale candidato di erfezione menzognera 5 certamente l)autoingannoI credendo alle ro rie storie, non solo si sta bene, ma si mente meglio. 2n altro candidato 5 l)astuzia al 6uadrato della G"erit7 gesuiticaH, c!e consiste nel dire la %erit con l.inten(ione di mentire. Satana adotta 6uesta tecnica er tentare GesK, citandogli correttamente le Scritture. La usa Iago nell)-tello, er s argere falsi sos etti sulla base di fatti "eritieri. La segui"a +a"our, c!e dic!iarLI GAo im arato come buggerare la di lomazia. /ico la "erit7, cosQ nessuno mi credeH. La intuQ il rotagonista di una storiella ebraica citata da Sigmund 3reud in Il motto di spirito, e da Eorge Luis 9orges in )%aristo 2arriegoI
I due barattieri -os!e e /aniel, nel mezzo della sconfinata ianura russa, si salutaronoI [/o"e "ai, /aniel. [ disse uno. [0 Sebasto oli [ disse l)altro. 0llora -os!e lo guardL fisso e oi esclamLI [Tu menti, /aniel. -i ris ondi c!e "ai a Sebasto oli erc!J io ensi c!e tu "ai a 'i\niZB'o"gorod, ma la "erit7 5 c!e tu "ai da""ero a Sebasto oli. Tu menti, /anielF

3orse, erL, la menzogna iK refrattaria 5 l)antico aradosso del mentitore. Tentare di di anarlo costituQ, nella storia del ensiero occidentale, una "era antici azione dell)inferno. Si dice, ad esem io, c!e il logico 3ilita di +oo $*&0B24( a.+.% morQ rematuramente a causa degli sforzi fatti er risol"erlo. Parteci e della facilit7 di autori roduzione della menzogna a cui 5 im arentato, il aradosso del mentitore !a a"uto nei secoli innumere"oli eri ezie filosofic!e e letterarie, c!e ne muta"ano la forma e, a "olte, la sostanza. 0d alcune di 6ueste "icissitudini 5 dedicato il resente ca itolo. )pimenide

Le rime a""isaglie del aradosso del mentitore sono attribuite ad E imenide di +reta $1I secolo a.+.%, c!e sembra a"er dettoI GI cretesi sono bugiardiH. /i er sJ 6uesta affermazione 5 com letamente innocua, ma la si uL rendere insidiosa intendendo er GbugiardoH 6ualcuno c!e dica sem re il falso, e er Gi
8(

cretesiH tutti i cretesi. In 6uesto caso E imenide intende"a direI GTutti i cretesi dicono sem re il falsoH. Ora, 6uesta frase non uL essere "era. 0ltrimenti E imenide stesso sarebbe un cretese c!e a "olte non dice il falso. /un6ue, la frase de"e essere falsa. +io5 6ualc!e cretese de"e dire a "olte 6ualc!e "erit7, e la cosa finisce 6ui. 'on 5 detto c!e 6uel cretese debba essere ro rio E imenide. E se anc!e lo fosse, non 5 detto c!e 6uella "erit7 debba essere ro rio la frase in 6uestione. Paolo di Tarso $I secolo d.+.%, c!e era tro o indaffarato a redicare la 1erit7 er a"er tem o di meditare sulla menzogna, non com rese c!e non c)era a unto nessun roblema, e si scagliL contro il o"ero E imenide. Tra le rig!e della sua Lettera a Tito $I, 10B12% si uL gi7 distinguere, com letamente formato, l)embrione dell)In6uisizioneI
-olti sono i ribelli, i ciarloni, i seduttori, s ecialmente tra i circoncisi, ai 6uali bisogna ta are la bocca, erc!J son tali c!e ro"inano intere famiglie, insegnando ciL c!e non si de"e, a "ile sco o di lucro. 2no di essi, loro rofeta, ebbe a direI G+retesi, eterni bugiardi, catti"e bestie, g!iottoni infingardiH.

-eglio fece 0gostino di I ona $*(&B&*0%, c!e nelle 2onfessioni $SIII, *4% estese il riferimento di E imenide dai cretesi all)umanit7 intera, asserendoI GOgni uomo 5 menzognero. PerciL, c!i dice una menzogna dice del suoH. =uesta forma, falsa ma non aradossale, si tro"a s esso usata nell)arte. 0d esem io, nel racconto Questo non : un racconto di /enis /iderot, c!e nel romanzo 8ac;ues il fatalista ri eteI G=uesto non 5 un romanzoH. O nel 6uadro Il tradimento delle immagini di :ene, -agritte, c!e raffigura una i a sotto la 6uale sta scrittoI 2eci n.est pas une pipe, G6uesta non 5 una i aH. 'e ure Pinocc!io arri"a al aradosso, 6uando confessa alla 3ata Turc!inaI GIo mento sem reH. In realt7 il burattino dice oc!issime bugie nel corso della sua storia, ed infatti il naso gli cresce soltanto un aio di "olte. E ro rio erc!J dice 6uasi sem re la "erit7, la sua confessione 5 una bugia. -a il naso, 6uesta "olta, non gli cresceF Paradossale, ma in un altro senso, 5 in"ece la diabolica ossibilit7 di far mentire una ersona modesta c!e dica sem re la "erit7. La modestia do"rebbe, infatti, im edirle di ris ondere affermati"amente alla domandaI G/ici sem re la "erit7.H -a una ris osta negati"a sarebbe una falsit7, analoga a 6uella enunciata da Il bugiardo di +octeauI G-ento solo 6uando "i dico c!e mentoH. )ubulide

Eubulide di -ileto, della scuola megarica $I1 secolo a.+.%, andL oltre la formulazione di E imenide, domandandosi c!e cosa a"rebbe ris osto un mentitore incallito alla domandaI GSei un mentitore.H /a una arte, 6ualun6ue cosa egli dica 5 una menzogna, ro rio erc!J 5 un mentitore. In articolare, cosQ 5 er la ris ostaI
8#

GSQH. /)altra arte, 6uesta stessa ris osta 5 "era, erc!J data da un mentitore. Si !a 6uindi una "era situazione aradossale. Il aradosso si uL rendere ancora iK uro nella forma detta pseudomenon, c!e considera sem licemente c!e cosa succede 6uando 6ualcuno diceI GIo sto mentendoH. Se ciL c!e dice 5 "ero, allora sta mentendo, e se ciL c!e dice non 5 "ero, allora non sta mentendo. In entrambi i casi si !a una contraddizione, e anc!e 6uesta affermazione 5 aradossale. Eliminando il riferimento a c!i arla, si uL considerare la "ersioneI GIo sono falsaH. 1olendo e"itare l)abuso del ronome ersonale riferito a una frase, basta direI G=uesta frase 5 falsaH. O, ancora iK sem licemente, basta ris ondere negati"amente all)inutile domandaI GStai dicendo la "erit7.H Il c!e 5 6uello c!e fa la rotagonista della "ersione cinematografica di =n marito perfetto, tratta dalla commedia di Oscar Rilde, 6uando confessaI GLa "erit7 5 c!e !o mentitoH. Aristotele

'elle 2onfuta(ioni sofistiche $SS1%, 0ristotele $*4&B*22 a.+.% ri ro ose il aradosso del mentitore nella forma dello spergiuroI si uL formulare un giuramento c!e si ossa allo stesso tem o onorare e rom ere. Procedere in modo analogo al mentitore, giurando di rom ere il giuramento c!e si sta facendo, non !a molto sensoW infatti non 5 c!iaro c!e cosa sia ric!iesto er onorare o rom ere un tale giuramento. -a si uL rocedere in due assi, giurando di rom ere un secondo giuramento, c!e consiste nel giurare di non com iere una certa azione. +om iendo 6uell)azione si rom e il secondo giuramento e si onora il rimo. +onsiderando i due giuramenti come due arti di uno solo 5 dun6ue ossibile dire c!e si 5 allo stesso tem o rotto e onorato lo stesso giuramento, relati"amente a due sue arti distinte. Secondo 0ristotele, 6uesta 5 a unto la soluzione del aradosso. In modo analogo, 0ristotele formulL il aradosso del disobbedienteI 5 ossibile allo stesso tem o obbedire e non obbedire a un ordine. 0nc!e 6ui, si uL ordinare di disobbedire ad un secondo ordine, c!e consiste nel roibire di com iere una certa azione. +om iendola si disubbidisce al secondo ordine e si obbedisce dun6ue al rimo. 2icerone

'ell)Academica $II, 8(%, +icerone $10#B&* a.+.% racconta il seguente caso, attribuito agli stoiciI
Si narra c!e un antico filosofo greco, di nome Protagora, a"esse insegnato la legge ad un o"ero gio"ane, di nome Euatlo, a condizione c!e 6uesti lo ricom ensasse non a ena "inta la sua rima causa.
8,

Euatlo, erL, decise di abbandonare la rofessione legale. Protagora, stancatosi di as ettare, un giorno lo a""icinL e gli sollecitL il agamento. 1isto il rifiuto del gio"ane, lo citL in tribunale. /inanzi alla corte Protagora affermL c!e, se Euatlo a"esse "into, sarebbe stata la sua rima causa "inta, e a"rebbe do"uto agare. E se a"esse erso, a"rebbe do"uto obbedire alla corte, e 6uindi agare. -a Euatlo, se a"esse erso, non a"rebbe "into la sua rima causa, e non a"rebbe ancora do"uto agare Protagora. E se a"esse "into, a"rebbe otuto obbedire alla corte, e non agare.

Il contratto sti ulato fra maestro e allie"o era dun6ue autocontradditorio e im ossibile da onorare. 2na "era e ro ria antinomia giuridica, c!e "enne ri resa in forma sarcastica da /iderot nel 1,,8 in 8ac;ues il fatalistaI
[E "oi, c!e cosa fate 6ui Oin rigione^. [Io la"oro, come "edete. [E c!i 5 c!e "i ci !a fatto mettere. [Io. [+ome, "oiF [SQ, io, signore. [E come a"ete fatto. [+ome a"rei fatto er c!iun6ue altro. -i sono fatto un rocesso, a me medesimo. L)!o "into. E in seguito alla sentenza c!e !o ottenuta contro di me, e al decreto c!e ne 5 seguito, sono stato arrestato e condotto 6ui. [-a siete azzo. ['o, signore, "i dico la cosa com)5. ['on otreste fare un altro rocesso a "oi medesimo, e in seguito ad un)altra sentenza e ad un altro decreto far"i liberare. ['ossignore.

6iogene Laer(io

'elle 9ite e opinioni dei filosofi illustri $II, 104%, /iogene Laerzio $II secolo d.+.% narra la seguente storia, anc!)essa attribuita agli stoiciI
2n coccodrillo a"e"a afferrato un bambino c!e sta"a giocando sulle ri"e del 'ilo. La madre im lorL il coccodrillo di restituirglielo. [+ertoF [ ris ose il coccodrillo, [Se sai dirmi in antici o esattamente ciL c!e farL, ti restituirL il bambino. -a se non indo"inerai, lo mangerL. La madre, turbata, sos irLI [Tu di"orerai il mio bambino. ['on osso restituirti il bambino [ disse astutamente il coccodrillo, [ erc!J se te lo rendo farL sQ c!e tu abbia detto il falso, e ti a"e"o a""ertito c!e in tal caso lo a"rei mangiato. ['iente affatto [ ris ose la madre. ['on uoi mangiare il bambino, erc!J in tal caso farai sQ c!e io abbia detto il "ero. E a"e"i romesso c!e se fosse stato cosQ, a"resti restituito il bimbo.
84

La ris osta della donna mette dun6ue il coccodrillo di fronte ad un im ossibile dilemmaI 6ualun6ue cosa esso faccia, non mantiene la sua romessa. &uridano

0ristotele a"e"a sostenuto c!e il aradosso del mentitore e dello s ergiuro erano analog!i, ma il suo oscuro commento do"ette attendere la formulazione di Gio"anni 9uridano $128(B1*#0% er essere c!iarificato. I rotagonisti della "ersione di 9uridano di"entano due, e ciascuno dice una sola frase. 0d esem io, Socrate affermaI GPlatone dice il falsoH. E Platone ribatteI GSocrate dice il "eroH. +iascuna delle due frasi non 5 aradossale isolatamente, ma la loro congiunzione lo di"enta. Se infatti Socrate dice il "ero, allora Platone dice il falso e dun6ue Socrate dice il falso. Se in"ece Socrate dice il falso, allora Platone dice il "ero e dun6ue Socrate dice il "ero. La forma iK essenziale e accatti"ante di 6uesta "ersione del aradosso 5 forse 6uella data nel 181* dal matematico P!ili Eourdain81I
La frase seguente 5 falsa. La frase recedente 5 "era.

-entre nel aradosso originario il circolo "izioso autoreferenziale rimane"a su un unico li"ello, nella "ersione di 9uridano ric!iede due li"elli, ciascuno dei 6uali rimanda all)altro. Il rocesso 5 analogo a 6uello delle mani c!e disegnano se stesse, raffigurato da Saul Steinberg ed Esc!er in due famosi disegni $figure &( e &#%. 0nc!e se, ai fini dell)illustrazione del aradosso, sarebbe iK corretto c!e una mano disegnasse e l)altra cancellasse.

3igure &( e &# -ani c!e si disegnano di Saul Steinberg e di -aurits +ornelis Esc!er.
81

P. Eourdain, A correction and some remarks, -onist, 1* $181*%I 1&(B1&4. $!.d.A.%

88

Tornando al aradosso, non c)5 difficolt7 a costruire analog!i circoli "iziosi c!e ric!iedono n li"elli, er 6ualun6ue n. PiK interessante 5 la "ersione di Ste !en Uablo82, c!e ric!iede infiniti li"elliI
Tutte le frasi seguenti sono false. Tutte le frasi seguenti sono false. Tutte le frasi seguenti sono false.

Su oniamo c!e la rima frase sia "era. 0llora tutte le seguenti sono false, in articolare la seconda. -a oic!J anc!e tutte le seguenti sono false, la seconda de"e essere "era. /un6ue, la rima frase 5 falsa. 0llora 6ualcuna delle frasi seguenti 5 "era, e si riottiene una contraddizione come nel caso della rima. La rima frase 5 dun6ue contradditoria, e cosQ 5 er tutte le altre. Poic!J ciascuna delle frasi unta alle seguenti, ma nessuna ritorna mai alle recedenti, la "ersione di Uablo del aradosso del mentitore sembra a"er eliminato l)autoriferimento. In realt7, l)intera successione rimane autoreferenziale, anc!e se le singole frasi c!e la costituiscono non lo sono. 'olu(ioni medie%ali

Le soluzioni medioe"ali e rinascimentali al aradosso del mentitore furono innumere"oli. Paolo 'icoletti da 2dine, detto Paolo 1eneto $1*,2B1&28%, ne riassunse 6uattordici nella Logica 7agna. La sua lista 5 im ressionante, non tanto er il numero delle soluzioni, 6uanto er la loro attualit7. Esse sembrano infatti recorrere i secoli e antici are raticamente tutte le ro oste dei moderni. 2na rima soluzione, di natura linguistica, era gi7 stata adombrata da 0ristotele in un asso della 7etafisica $I1, &, 1004b%, e i medie"ali la ri resero sotto il nome di cassatio. In ratica, le frasi contradditorie non sarebbero ro osizioni ben formate, e non a"rebbero sem licemente senso. Per rendere iK s ecifica tale soluzione, furono ro oste due "ie. La rima introdusse la distinzione fra uso e menzione, e sostenne c!e le frasi aradossali si fonda"ano su una loro confusione. 9enc!J la distinzione sia oggi comunemente accettata, non fornisce erL una soluzione al aradosso. 1edremo infatti, arlando della "ersione di =uine, come sia ossibile riformularlo senza alcuna confusione fra uso e menzione. La seconda "ia fu ro osta da Guglielmo di Occam $1280B1*&,%, nella 'umma Logicae. Egli sostenne c!e, 6uando si arla di "erit7 o falsit7, ci si riferisce ad altre frasi. 2na frase non uL 6uindi dire di se stessa c!e 5 "era o falsa. =uesto relude alla moderna distinzione di li%elli nel linguaggio, in cui le frasi c!e arlano di "erit7 o falsit7 di altre frasi, stanno a un li"ello su eriore di 6ueste.
82

S. Uablo, Truth and reflection, Eournal of P!iloso !ical Logic, 1& $184(%I 28,B*&8. $!.d.A.%

100

2n)altra soluzione accettL in"ece la sensatezza delle frasi aradossali ed im utL i roblemi non al linguaggio, ma alla logica. 0nc!e 6ui, si seguirono "arie "ie er rendere la soluzione iK s ecifica. La rima accettL il fatto c!e il ragionamento del mentitore ro"a, er assurdo, c!e la frase in 6uestione non 5 nJ "era nJ falsa. La cosa uL essere "ista come una limitazione della logica classica, e si uL su erare in almeno due modi distinti. 0nzitutto, introducendo logiche costrutti%e, in cui non sia ossibile dimostrare la disgiunzione di due ro riet7 $in 6uesto caso, c!e una frase sia "era o falsa%, senza oterne dimostrare una delle due $in 6uesto caso, c!e sia "era o c!e sia falsa%. O ure, introducendo logiche a piV %alori, in cui le frasi ossono essere "ere, false o, ad esem io, indefinite. In 6uesto caso, erL, basta considerare la frase Gio non sono "eraH, in"ece c!e Gio sono falsaH, er riottenere il aradosso. Infatti, se la frase Gio non sono "eraH 5 "era, allora non 5 "era. E se 5 falsa o indefinita, allora non 5 "era, e dun6ue 5 "era. La seconda "ia fu ro osta da Gio"anni 9uridano, sulla base della sua "ersione del aradosso. Egli sostenne c!e un)affermazione di "erit7 o falsit7 non 5 assoluta, ma relati"a ad un certo momento a cui si riferisce, es licitamente o no. -entre non 5 dun6ue ossibile c!e una frase ossa essere "era e falsa allo stesso tem o, essa uL esserlo in tem i di"ersi. =uesto sembra reludere all)introduzione di logiche temporali, nelle 6uali si s ecifica a unto il tem o a cui le affermazioni di "erit7 e falsit7 si riferiscono. -a anc!e 6ui non 5 difficile riottenere il aradosso. 9asta far affermare a Socrate c!e GPlatone dir7 il falso 6uando ronuncer7 la frase seguenteH, e a Platone c!e GSocrate disse il "ero 6uando ronunciL la frase recedenteH. 2er%antes

'el 1#1(, -iguel de +er"antes $1(&,B1#1#% raccontL nel 6on 2hisciotte $II, (1% la storia seguente, molto simile ad una narrata da 0ulo Gellio nelle !otti attiche $S1III,2%I
O=uando Sancio Panza era go"ernatore di 9arataria,^ il rimo affare c!e gli ca itL fu una domanda c!e gli fece un forestiero alla resenza del maggiordomo e di tutti gli altri ministri. E la domanda fu 6uesta. [Signore, un largo fiume di"ide"a due ro"ince di un medesimo stato. Stia bene attenta la Signoria 1ostra, erc!J il caso 5 di grande im ortanza e un o) difficile. /ico dun6ue c!e so ra a 6uesto fiume c)era un onte, e in cima a 6uesto onte una forca e un tribunale, do"e di solito sta"ano 6uattro giudici, c!e giudica"ano secondo la legge fatta dal adrone del fiume, del onte e dello stato. La 6ual legge era cosQ formulataI GSe uno assa su 6uesto onte da una ri"a all)altra, de"e rima dic!iarare con giuramento do"e "a e 6uel c!e "a a fare. Se giura il "ero, sia lasciato assare. -a se mente, sia im iccato sulla forca 6ui innalzata, senza alcuna remissioneH. +onosciuta 6uesta legge e la rigorosa condizione, molti assa"ano lo stesso, erc!J do o c!e s)era riscontrato c!e 6uanto dic!iara"ano sotto giuramento era erfettamente
101

"ero, i giudici li lascia"ano assare liberamente. Ora, accadde una "olta c!e un tale, in"itato a giurare, giurL e disseI GGiuro c!e asso di 6ui er andare a morire su 6uella forca laggiK, e non er altra ragioneH. I giudici rifletterono sul giuramento, e disseroI GSe 6uest)uomo lo lasciamo assare liberamente, !a giurato il falso, e secondo la legge de"e morire. -a se l)im icc!iamo, siccome egli !a giurato c!e assa"a er andare a morire su 6uella forca, allora !a detto la "erit7, e secondo la stessa legge, a"endo giurato la "erit7, de"e essere lasciato liberoH. Ora, si domanda alla Signoria 1ostra, signor go"ernatore, c!e cosa faranno i giudici di 6uest)uomo. Poic!J essi sono ancora lQ, incerti e dubbiosi. Siccome son "enuti a conoscere l)acuta ed ele"ata intelligenza della Signoria 1ostra, mi !anno in"iato a su licarla da arte loro a "oler dare il suo arere in un caso cosQ intricato e dubbio. [=uei signori a"rebbero otuto ris armiarsi l)incomodo, [ ris ose Sancio, [ erc!J io son uomo iK rozzo c!e fino. Tutta"ia, ri etetemi il caso, in maniera c!e lo intenda bene, e c!iss7 c!e non ossa dar nel segno. L)in"iato ri etJ un)altra "olta, e oi un)altra ancora, il racconto, e Sancio finalmente disseI [0 arer mio, 6uesto caso si risol"e in due battute, e recisamente cosQ. =uell)uomo giura c!e assa er andare a morire sulla forca, non 5 "ero. E se egli ci muore "eramente, a"r7 detta la "erit7, e in "irtK della legge merita d)esser lasciato libero e di assare il onte. -a se non l)im iccano, egli a"r7 s ergiurato e, sem re in "irtK della medesima legge, meriter7 d)essere a eso alla forca. 'on 5 cosQ. [9enissimo, [ ri rese il messaggero. [ Ella, signor go"ernatore, !a interamente ca ito come stanno le cose, e non c)5 iK alcun dubbio, nJ iK nulla da domandare. [Ebbene, [ re licL Sancio, [ la mia o inione 5 c!e, di 6uell)uomo, la arte c!e !a detto la "erit7 si debba lasciar assare, e 6uella c!e !a mentito sia im iccata. +osQ saranno letteralmente ris ettate le condizioni del assaggio. [-a signor go"ernatore, [ re licL l)altro, [ allora bisognerebbe di"idere 6uell)uomo in due arti, la sincera e la bugiarda. E se si di"idesse er da""ero, bisognerebbe c!e morisse er forza. E 6uindi non si otterrebbe nulla di 6uello c!e esige la legge, e c!e de"e essere inesorabilmente eseguito. [O!, sentite un o), bra")uomoF [ ri rese Sancio. [ =uesto asseggero di cui mi arlate, o io sono una bestia, o tanto 5 giusto c!e muoia, come c!e "i"a e assi il onte. Perc!J se la "erit7 lo sal"a, la menzogna lo condanna. E 6uindi il mio arere 5 c!e ris ondiate a 6uei signori c!e "i !anno mandato, c!e siccome le ragioni di condanna e di assoluzione 6ui si bilanciano, lo lascin assare liberamente, erc!J 5 sem re meglio far del bene c!e del male. E 6uesto lo sottoscri"erei di mio ugno, se sa essi firmare. -a, a dire il "ero, in 6uesto caso non !o arlato di mia testa. 9ensQ, m)5 tornato in mente un a""ertimento c!e insieme con molti altri mi dette il signor /on +!isciotte, la sera a"anti c!e artissi er "enire a rendere il go"erno di 6uest)isola. E l)a""ertimento fu c!e, 6uando la giustizia non fosse c!iara, mi iegassi e mi a igliassi alla misericordia. /io !a "oluto c!e in 6uesto momento me ne ricordassi, erc!J 6ui l)a""ertimento calza come un guanto.

102

[O!, sQF [ disse il maggiordomo. [ E er conto mio credo c!e lo stesso Licurgo, c!e dette leggi agli S artani, non a"rebbe otuto dare miglior sentenza di 6uella c!e !a data il gran Sancio8*.

PiK c!e Licurgo, la soluzione aradossale di Sancio Panza ric!iama in forma sc!erzosa 6uella ro osta da 0ristoteleI c!e, 6uando una stessa frase sembra essere allo stesso tem o "era e falsa, siano in realt7 due suoi as etti di%ersi ad esserlo. 2na di"ertente "ariazione sul tema 5 stata narrata nel 1841 da Aans 3reudent!al $180(B1880%. 2n giorno un adre, do o c!e il figlio ne a"e"a detta una grossa, lo trascinL al Ponte dei 9ugiardi, dicendogli c!e era cosQ c!iamato erc!J sarebbe crollato se un bugiardo l)a"esse attra"ersato. Il bambino si s a"entL, e confessL la bugia. -a il onte crollL ugualmente 6uando il adre lo attra"ersL, erc!J egli a"e"a o""iamente mentito. 'on esiste, infatti, nessun Ponte dei 9ugiardi. $ussell

'el 180* 9ertrand :ussell8& $14,2B18,0% mostrL c!e i roblemi del linguaggio deri"ano non tanto dalla nozione di "erit7, 6uanto dalla combinazione di nega(ione e autoriferimento. Per ottenere la "ersione originaria del suo famoso aradosso, egli di"ise gli insiemi di oggetti in due classi, a seconda c!e essi siano o no uno degli oggetti contenuti nell)insieme stesso. /etto altrimenti, a seconda c!e essi a artengano o no a se stessi. 0d esem io, l)insieme degli insiemi con iK di un elemento a artiene a se stesso, erc!J !a certo iK di un elemento. E l)insieme degli insiemi con un solo elemento non a artiene a se stesso, erc!J anc!)esso !a certo iK di un elemento. +!iediamoci ora se l.insieme di tutti gli insiemi che non appartengono a se stessi a artiene o no a se stesso. Se sQ, allora 5 uno degli insiemi c!e non a artengono a se stessi, e 6uindi non uL a artenere alla loro collezione, cio5 a se stesso. Se no, allora 5 uno degli insiemi c!e non a artengono a se stessi, e dun6ue a artiene alla loro collezione, cio5 a se stesso. /al unto di "ista dei aradossi l)argomento di :ussell non era certo una no"it7, come ro"a il fatto c!e a roblemi simili o uguali erano er"enuti, indi endentemente, sia Georg +antor8( $14&(B1814% c!e Ernst @ermelo8# $14,1B 18(*%. +iL c!e lo rese famoso fu il fatto c!e esso si a lica"a non iK al linguaggio naturale, della cui consistenza si ote"a ben dubitare, ma alla matematica. Sul finire dell)Ottocento +antor l)a"e"a infatti riformulata in modo da fondarla soltanto sulla nozione di insieme, in"ece c!e di figura geometrica o di numero. Il aradosso minaccia"a dun6ue la consistenza stessa della matematica. 3u ro rio tale minaccia a
8*

-. de +er"antes, 6on Qui@ote Otrad. it. di 3. +arlesi, 6on 2hisciotte, -ondadori, -ilano 18,&, . 102*B102(^. $!.d.A.% 8& 9. :ussell, The principles of mathematics, 180*. $!.d.A.% 8( G. +antor, Letter to 6edekind, in From Frege to GAdel, curato da E. 1an AeiZenoort, Aar"ard 2ni"ersit; Press, 18#,, . 11*B 11,. $!.d.A.% 8# E. @ermelo, !euer &eweis f<r die 7Aglichkeit einer Hohlordnung, -at!ematisc!e 0nnalen, #( $1804%I 10,B124, nota 8. $!.d.A.%

10*

ro"ocare il re%i%al dei aradossi nel secolo SS e a coin"olgere i matematici nel tentati"o di risol"erli, er restituire alla matematica la ris ettabilit7 erduta. 'el 1804 ?urt Grelling8, $144#B18&2% diede una forma uramente linguistica al aradosso di :ussell, di"idendo gli aggetti"i del linguaggio in due classiI gli autologici, c!e !anno la ro riet7 da essi stessi descritta, e gli eterologici, c!e non ce l)!anno. 0d esem io, G olisillabicoH e GcortoH sono autologici, GmonosillabicoH e GlungoH eterologi. +i si c!iede ora di c!e ti o sia l)aggetti"o eterologico. Se esso 5 autologico, allora !a la ro riet7 da esso descritta, ed 5 eterologico. Se in"ece 5 eterologico, allora non !a la ro riet7 da esso descritta, e 6uindi non 5 eterologico. 2na delle riformulazioni iK note del aradosso di :ussell 5 do"uta a lui stesso84. =uesta "olta si di"idono le ersone di un "illaggio fra 6uelle c!e si radono da sole, e 6uelle c!e "anno in"ece dal barbiere. La domanda di"enta, allora, c!i rada un barbiere che rade tutte e sole le persone che non radono se stesse88. La considerazione di un tale barbiere 5 effetti"amente aradossale. -a oic!J 6ui si tratta di ersone reali e non di concetti astratti, 6uesto significa soltanto c!e un tale barbiere non esiste o, meglio, c!e nessun barbiere uL soddisfare la descrizione data. In altre arole, benc!J si abbia a c!e fare soltanto con un insieme finito, la classe delle ersone c!e non radono se stesse 5 contradditoria. =uesta forma del aradosso 5 6uindi innocua, a differenza di 6uella del mentitore o della "ersione originaria di :ussell, c!e coin"olgono in"ece il linguaggio e la matematica. 'el 18*# 3erdinand Gonset!100 $1480B18,(% sostituQ il barbiere con un bibliotecario c!e "oglia com ilare un catalogo di tutti i cataloghi bibliografici che non men(ionano se stessi. 0nc!e 6ui, un tale catalogo non uL sem licemente esistere. 2urr0

Il ruolo della negazione nelle "arie formulazioni del aradosso del mentitore sembrerebbe essere essenziale. 'el 18&2 Aas>ell +urr; $1800B1842% mostrL in"ece c!e 5 ossibile ottenere un aradosso anc!e senza farne uso 101. /ata una 6ualun6ue frase 3, egli mostrL c!e l)affermazione Gse 6uesta frase 5 "era, anc!e 3 lo 5H 5 "era, nel modo seguente. Poic!J essa 5 un condizionale, er mostrare c!e 5 "era si do"r7 far "edere c!e la sua conclusione segue effetti"amente dalla sua i otesi. +io5, c!e se essa 5 "era, allora cosQ 5 3. Su oniamo c!e l)affermazione sia "era. Sono dun6ue "eri sia il condizionale c!e essa es rime, c!e la sua i otesi. =uindi, 5 "era anc!e la conclusione, il c!e 5 a unto ciL c!e si "ole"a dimostrare.
8,

?. Grelling e L. 'elson, &emerkungen (u den ,aradoxien %on $ussell und &urali3Forti, 0b!andlungen der 3nes)sc!en Sc!ule, 2 $1804%I *00B**&. $!.d.A.% 84 9. :ussell, Introduction to the philosoph0 of mathematics, 1814. $!.d.A.% 88 Gi7 Tommaso d)06uino a"e"a considerato, nell)undicesima delle Questiones 6isputatae de 9entate, un insegnante c!e insegna a tutti e soli i cittadini non autodidatti. $!.d.A.% 100 3. Gonset!, Les math#mati;ues et la r#akt#/ essai sur la m#thode axiomati; ue, 18*#. $!.d.A.% 101 A. +urr;, The inconsistenc0 of certain formal logics, Eournal of S;mbolic Logic, , $18&2%I 11(B11,. $!.d.A.%

10&

Poic!J l)affermazione recedente 5 "era, e dice c!e 3 5 "era se essa lo 5, ne segue c!e anc!e 3 de"e essere "era. -a 3 5 una frase 6ualun6ue, e uL essere scelta falsaF GAdel

Il "ero salto di 6ualit7 nel trattamento del aradosso del mentitore fu com iuto nel 18*1 da ?urt G<del102 $180#B18,4%, 6uand)egli considerL la frase Gio non sono dimostrabileH er sistemi matematici c!e non dimostrino delle falsit7. Se la frase fosse falsa, allora sarebbe dimostrabile. Poic!J il sistema non dimostra falsit7, 6uesto 5 im ossibile. 0llora la frase 5 "era, e 6uindi non dimostrabile. =uesto sembrerebbe un ritorno ad E imenide, erc!J non c)5 aradosso e l)i otesi c!e la frase sia "era non orta a nessuna contraddizione. -a ora la cosa "iene sfruttata ositi"amente. Si 5 infatti ottenuta una "erit7 c!e non 5 dimostrabile e si 5 sco erto c!e la nozione di "erit7 5 iK com rensi"a della nozione di dimostrabilit7. In articolare, "erit7 e dimostrabilit7 sono nozioni di"erse. Il aradosso del mentitore si riferi"a erL a frasi del linguaggio comune c!e arlano di "erit7I nozione, 6uesta, c!e a artiene allo stesso linguaggio comune. Il teorema di G<del si riferisce in"ece a frasi del linguaggio comune c!e arlano di dimostrabilit7I nozione, 6uesta, c!e a artiene al linguaggio matematico. /un6ue, non 5 affatto immediato c!e la cosa sia sensata. G<del do"ette a unto mostrare come fosse in realt7 ossibile costruire una tale frase nel linguaggio matematico. Per far 6uesto egli do"ette riflettere una arte sufficiente del linguaggio comune all)interno dei sistemi matematici, mediante un metodo di codifica c!e di"enne fondamentale er gli s"ilu i successi"i sia della storia del aradosso, c!e di 6uella della tecnologia. Su tale metodo si basa infatti la ossibilit7 di comunicare ai com uter, nel loro linguaggio aritmetico, le istruzioni di rogrammi c!e traducono comandi dati nel linguaggio ordinario. Quine

Il meccanismo mediante il 6uale G<del !a otuto costruire la sua affermazione 5 stato esem lificato nel 18#2 da Rillard =uine10* $1804B2000%, mediante una riformulazione del aradosso del mentitore c!e e"ita l)a arente ambiguit7 delle "ersioni Gio sono falsaH, o G6uesta frase 5 falsaH. Il rocedimento mediante il 6uale una frase uL riferirsi a se stessa "iene reso es licito sfruttando la distinzione medie"ale tra uso e men(ione della frase. 'el linguaggio comune la distinzione 5 indicata dalla mancanza o dalla resenza di
102

?. G<del, 6er formal unentscheidbare 'at(e der ,rincDpia 7athematica und %erwandter '0steme I , -onats!efte fXr -at!emati> und P!;si>, *4 $18*1%I 1,*B184. $!.d.A.% 10* R. =uine, ,aradox, Scientific 0merican, 20# $18#2%I4&B8(. 0nc!e in The wa0s of paradox and other essa0s, Aar"ard 2ni"ersit; Press, 18,#, . 1B14. $!.d.A.%

10(

"irgolette attorno ad essa, ma 5 s esso masc!erata dall)uso non sistematico c!e si fa delle "irgolette. Il assaggio dall)uso alla menzione uL mutare il "alore di "erit7 di una frase, come dimostrano i due esem i seguenti, ris etti"amente falso e "eroI
2n monosillabo consiste di sei sillabe. G2n monosillaboH consiste di sei sillabe.

Le affermazioni di "erit7 o di falsit7 di una frase sono analog!e al secondo esem io. T dun6ue essenziale c!e esse men(ionino la frase usando le "irgolette, in"ece di usarla senza "irgolette. 0 rima "ista si otrebbe addirittura ensare, come fecero alcuni medioe"ali, c!e nella distinzione fra uso e menzione risieda la soluzione del aradosso. Infatti, nella frase
6uesta frase 5 falsa

non ci sono a arenti menzioni di altre frasi. E non ci sarebbe nessun aradosso, solo insensatezza, nel dire
G6uesta fraseH 5 falsa.

'on 5 dun6ue c!iaro c!e effetti"amente esista una frase 3, tale c!e il aradosso sia es rimibile in una forma del ti o
G3H 5 falsa.

La soluzione ro osta da =uine 5 sem lice. Si tratta di sfruttare la resenza della menzione G3H, considerando la "ariante
G3H 5 falsa se receduta dalla sua menzione.

=uesto dice c!e la frase 3 5 falsa se 5 receduta dalla sua menzione, cio5 se 5 del ti o GGHG, er 6ualc!e frase G. -a la frase recedente di"enta a unto del ti o G3H3, se si rende come 3 stessa la arte c!e segue G3H. Si ottiene cosQ
G5 falsa se receduta dalla sua menzioneH 5 falsa se receduta dalla sua menzione

c!e 5 a unto una frase c!e dice di se stessa di essere falsa. L)affermazione di G<del si uL ora rica"are in modo analogo, sostituendo la falsit7 con la non dimostrabilit7. Si ottiene cosQI
G5 non dimostrabile se receduta dalla sua menzioneH 5 non dimostrabile se receduta dalla sua menzione.

10#

Tarski

Il metodo di G<del ermette di costruire, nel linguaggio di un 6ualun6ue sistema matematico sufficientemente es ressi"o, frasi c!e dicano Gio !o la ro riet7 PH, er 6ualun6ue ro riet7 P es rimibile nel sistema considerato. 'el caso della frase Gio non sono dimostrabileH, la ro riet7 in 6uestione 5 a unto 6uella di Gnon essere dimostrabileH. L)argomento di G<del ric!iede dun6ue di es rimere nel sistema tale ro riet7. Poic!J la negazione fa arte della logica dei sistemi usuali, la cosa si riduce a es rimere nel sistema la ro riet7 di Gessere dimostrabileH, e 6uesta 5 a unto la arte essenziale della dimostrazione del teorema di G<del. 'el caso della frase Gio non sono "eraH, la ro riet7 da es rimere nel sistema sarebbe in"ece Gessere "eroH. Se erL essa fosse effetti"amente es rimibile, allora l)argomento del aradosso del mentitore ermetterebbe di ottenere una contraddizione. Si 5 cosQ mostrato c!e un sistema matematico sufficientemente espressi%o e non contradditorio non puW esprimere la propria %erit . 0nc!e 6uesta "ersione, ottenuta nel 18*# da 0lfred Tars>i10& $1802B184*%, 5 una riformulazione ositi"a del aradosso del mentitore, ma di un ti o di"erso da 6uella di G<del. Essa mostra non una differenza fra dimostrabilit7 e "erit7, ma una im ossibilit7 di arlare della "erit7 di un linguaggio $matematico% all)interno del linguaggio stesso. E uL essere considerata come una "ersione recisa dell)intuizione di Occam, secondo cui il concetto di "erit7 sta al di fuori del linguaggio, in un metalinguaggio. -entre 6uesta 5 una soluzione accettabile er i linguaggi formalizzati del ti o di 6uelli matematici, essa non sembra erL essere soddisfacente come soluzione del aradosso del mentitore nel linguaggio naturale, il cui metalinguaggio coincide col linguaggio stesso. 1ripke

'el 18(2 Peter StraDson10( !a ro osto di affrontare il roblema del mentitore nel linguaggio comune alla maniera dello struzzo, dissol"endo i concetti stessi di "erit7 e falsit7. Sostenendo, cio5, c!e 6uando diciamo c!e una certa frase 5 "era, stiamo solo affermando la frase stessa. E 6uando diciamo c!e una frase 5 falsa, stiamo solo affermando la sua negazione. In 6uest)ottica, dire G6uesta frase 5 falsaH 5 sem licemente come dire Gnon sono d)accordoH senza c!e nessuno abbia arlato. Si uL certo immaginare, e forse addirittura conoscere, il ti o di ersona c!e dica cose del genere, ma non lo si de"e rendere seriamente.
10& 10(

0. Tars>i, 6er Hahrheitsbegriff in den formalisierten 'prachen, Studia P!iloso !ica, I $18*#%I 2#1B&08. $!.d.A.% P. StraDson, Introduction to logical theor0, 18(2. $!.d.A.%

10,

=uesta non sembra comun6ue essere una soluzione soddisfacente. Il roblema 5 stato affrontato iK seriamente nel 18,( da Saul ?ri >e10#. Egli !a anzitutto notato c!e il carattere aradossale di un)affermazione uL di endere da fattori em irici. =uindi, la soluzione dei aradossi non uL essere assicurata da un)analisi uramente linguistica. 0d esem io, basta su orre c!e Socrate sostenga GPlatone dice il falso almeno una "oltaH, e c!e Platone ribatta GSocrate non 5 cal"oH e GSocrate dice il "eroH. Se Socrate 5 cal"o, allora la rima affermazione di Platone 5 falsa, 6uindi Socrate dice il "ero, e la seconda affermazione di Platone 5 "era. /un6ue, 5 ossibile assegnare "alori di "erit7 a tutte le affermazioni fatte, in modo consistente. Se in"ece Socrate non 5 cal"o, allora la rima affermazione di Socrate e6ui"ale a GPlatone dice il falso nella sua seconda affermazioneH. 2nita alla seconda affermazione di Platone, cio5 GSocrate dice il "eroH, essa roduce la solita contraddizione. La soluzione dei aradossi uL 6uindi "enire soltanto da una teoria c!e colleg!i le affermazioni del linguaggio ai fatti del mondo. ?ri >e !a allora ro osto di scom orre le affermazioni linguistic!e astratte in altre "ia "ia iK concrete, fino a ridurle ad affermazioni su stati di fattoI un rocedimento c!iamato atterraggio, er sottolineare la discesa dall)astrazione alla concretezza. I "alori di "erit7 "engono oi assegnati tornando all)indietro. =uesto a roccio ermette di distinguere fra "ari ti i di ro osizioni. 0d un estremo ci sono le affermazioni meno roblematic!e, cio5 6uelle c!e atterrano. Essendo riducibili ad affermazioni su stati di fatto, il loro "alore di "erit7 5 uni"ocamente determinato dalla realt7 delle cose. 0ll)estremo o osto ci sono i paradossi assoluti, cio5 le affermazioni c!e non atterrano e non ammettono "alori di "erit7, nel senso c!e 6ualun6ue assegnazione di "alore di "erit7 risulta contradditoria. 2n esem io 5 a untoI G=uesta frase 5 falsaH. +i sono oi i paradossi contingenti, cio5 le affermazioni il cui essere aradossali o meno di ende dal "alore di "erit7 di alcune loro com onenti. 2n esem io 5I G3 e 6uesta frase sono entrambe falseH. Se 3 5 "era, allora l)intera frase 5 falsa. -a se 3 5 falsa, di"enta un aradosso. 3ra le affermazioni c!e non atterrano, non tutte sono aradossali. 2n rimo esem io 5 dato daI G=uesta frase 5 "eraH. 'essuna assegnazione di "alore di "erit7 a essa 5 contradditoria, e la frase uL dun6ue assumere consistentemente ;ualun;ue "alore di "erit710,. 'el 1842 0nil Gu ta104 !a infine sco erto un ultimo ti o di affermazioniI 6uelle c!e, ur non atterrando, !anno comun6ue un "alore di "erit7 definito. 2n esem io si !a 6uando Socrate sostiene Guno fra me e Platone non dice il "eroH, e Platone ribatte Gsia io c!e Socrate diciamo il "eroH. Poic!J la rima affermazione e6ui"ale a Gnon diciamo entrambi il "eroH, e la seconda a Gdiciamo entrambi il "eroH, esse si negano a "icenda. 'on otendo essere entrambe "ere, l)unica ossibilit7 5 c!e la rima sia "era, e la seconda falsa.
10# 10,

S. ?ri >e, -utline of a theor0 of truth, Eourna1 of P!iloso !;, ,2 $18,(%I #80B,1#. $!.d.A.% 0ffermazioni di 6uesto ti o sono analog!e alle serie non assolutamente con"ergenti, c!e mediante o riordinamenti ossono con"ergere a 6ualun6ue numero reale. $!.d.A.% 104 0. Gu ta, Truth and paradox, Eoumal of P!iloso !ical Logic, II $1842%I IB#0. $!.d.A.%

ortuni

104

Austin

Eo!n 0ustin $1811B18#0% !a ro osto, a artire dal 18(0108, una teoria del linguaggio naturale iK adeguata di 6uella basata sulla logica formale. La sua osser"azione fondamentale 5 c!e le ro osizioni si riferiscono a situazioni, c!e ne determinano la "erit7 o falsit7. PiK recisamente, una situa(ione 5 sem licemente una collezione di affermazioni, alcune delle 6uali ossono riferirsi alla "erit7 o falsit7 di alcune frasi. 2na situa(ione attuale 5 una situazione le cui affermazioni sono in accordo col mondo. In articolare, le sue affermazioni di "erit7 o falsit7 sono "eritiere, nel senso c!e le frasi a cui esse si riferiscono sono effetti"amente "ere o false. Il fatto c!e di solito non si es liciti la situazione a cui una ro osizione si riferisce, significa soltanto c!e essa 5 lasciata sottointesa, e non c!e non ci sia. 2n)affermazione senza menzione es licita di situazioni 5 dun6ue, in realt7, una famiglia di affermazioni, ciascuna delle 6uali si riferisce a una determinata situazione. 0d esem io, non si uL considerare in astratto Gun barbiere c!e rada tutte e sole le ersone c!e non radono se stesseH. +onsiderato relati"amente alla situazione c!e descri"e tutti gli abitanti di Si"iglia, esso sem licemente non otr7 essere il barbiere di Si"iglia, ma otrebbe essere un barbiere in trasferta. +onsiderato relati"amente alla situazione c!e descri"e tutti gli uomini della terra, esso non otr7 essere un uomo, ma otrebbe essere una donna. E cosQ "ia. T solo 6uando si dimentica di es licitare la situazione o, e6ui"alentemente, 6uando si considera la situazione c!e descri"e tutte le ersone dell)uni"erso mondo, c!e allora tale barbiere non otr7 esistere. 'el caso del aradosso del mentitore, esso "a dun6ue inteso come un)affermazione del ti oI
la falsit7 di 6uesta frase sta nella situazione s.

Se 6uesta fosse "era, allora la situazione s conterrebbe l)affermazione della falsit7 della frase stessa. 'el caso c!e s sia attuale, ciL signific!erebbe c!e la frase 5 effetti"amente falsa, contrariamente all)i otesi. Essendo allora falsa, l)affermazione della sua falsit7 non uL stare in s. Se la situazione s contenesse la frase stessa, la frase es rimerebbe dun6ue un fatto "ero relati"o alla situazione s. -a 6uesto 5 im ossibile se la situazione 5 attuale, erc!J la frase 5 in"ece falsa. 'iente im edisce erL di allargare la situazione s mediante l)aggiunta della frase stessa, ottenendo una nuo"a situazione s1 in cui di"enta a unto "ero c!e
Gla falsit7 di 6uesta frase sta nella situazione sH non sta in s.

La nuo"a affermazione
108

0ustin, Truth, Proceedings of t!e 0ristotelian Societ;, su lemento al "olume 2& $18(0%W anc!e in ,hilosophical ,apers, curato da E. 2rmson e G.Rarnoc>, OCford 2ni"ersit; Press, 18#1, .11,B1**. E *ow to do things with words, Aar"ard 2ni"ersit; Press, 18#2. $!.d.A.%

108

la falsit7 di 6uesta frase sta nella situazione s1

sar7 erL falsa nella situazione s1. E cosQ "ia. 1iene cosQ s iegata l)a arente circolarit7 dei aradossi, c!e sembrano oscillare dalla "erit7 alla falsit7 senza sosta. In realt7, ogni "olta si tratta della "erit7 o della falsit7 di affermazioni distinte relati"e alla stessa situazione, o della stessa affermazione relati"a a situazioni distinte. T solo il collasso delle situazioni, effettuato im licitamente 6uando non si considera il riferimento alle situazioni, o 6uando si considera una sola situazione uni"ersale, a ro"ocare l)a iattimento delle di"erse affermazioni in una sola, e 6uindi la contraddizione. /a 6uesta ros etti"a, il aradosso del mentitore di"enta dun6ue erfettamente analogo al teorema di G<del. Il teorema fornisce un metodo er tro"are, dato un sistema c!e non dimostri falsit7, una formula c!e 5 "era, ma non dimostrabile nel sistema. Il aradosso fornisce un metodo er tro"are, data una situazione attuale, una frase c!e 5 "era, ma non sta nella situazione. +ome se non bastasse, l)introduzione delle situazioni ermette inoltre di mostrare c!e il aradosso del mentitore si basa anc!e su una "era e ro ria confusione, fra afferma(ioni di falsit e nega(ioni di %erit 110. 2n ragionamento analogo a 6uello c!e mostra c!e
la falsit7 di 6uesta frase sta nella situazione s

5 falsa se la situazione s 5 attuale, mostra infatti anc!e c!e


la "erit7 di 6uesta frase non sta nella situazione s

5 "era. Se fosse falsa, la situazione s conterrebbe infatti l)affermazione della "erit7 della frase stessa. E nel caso c!e s sia attuale, ciL signific!erebbe c!e la frase 5 effetti"amente "era, contrariamente all)i otesi. La falsit7 della rima frase e la "erit7 della seconda, nella stessa situazione attuale s, non sono affatto in contraddizione fra loro. -a, o""iamente, lo di"entano se si fanno coincidere le due frasi, come succede a unto im licitamente nel aradosso originario. La soluzione di 0ustin 5 dun6ue c!e non c)5 aradosso, ma solo ambiguit7. Poic!J i logici amano il aradosso ma aborriscono l)ambiguit7, si uL immaginare c!e 6uesta soluzione non sia di loro gradimento. 'mull0an

Indi endentemente da ogni altro fattore, il aradosso del mentitore uL costituire la base er di"ertenti rom ica i logici. Il loro di"ulgatore iK arguto 5 :a;mond
110

Gi7 Parmenide a"e"a notato, nel oema 6ella natura, c!e senza distinguerle si cade nel aradosso. 0d esem io, 5 ossibile sostenere allo stesso tem o c!e il nonBessere non 5 er definizione, ed 5 a unto il nonBessere. -a la distinzione 5 iK facile da riconoscere c!e da raticare. $!.d.A.%

110

Smull;an, alcuni libri del 6uale costituiscono "ere e ro rie introduzioni aradossali ad intere branc!e della logica moderna. Smull;an !a introdotto l)Isola dei +a"alieri e degli Scudieri, do"e i +a"alieri dicono sem re il "ero e gli Scudieri sem re il falso. Sull)isola nessuno uL dire Gsono uno scudieroH. Se una di due ersone dice Gsiamo entrambi scudieriH, allora essa 5 uno scudiero, ma l)altra no. Se dice Galmeno uno di noi 5 uno scudieroH, allora 5 un ca"aliere, ma l)altra no. Se dice Go sono uno scudiero o siamo entrambi ca"alieriH, allora entrambi sono ca"alieri. E cosQ "ia. Smull;an !a anc!e considerato gli abitanti di -arte e 1enere. Su -arte gli uomini dicono sem re il "ero e le donne il falso, su 1enere succede il contrario. Per sa ere se un 6ualun6ue abitante dei due ianeti 5 uomo o donna, basta domandareI GSei di -arte.H, e "edere se la ris osta 5 GsQH o GnoH. O ure, domandareI GSei di 1enere.H, con le ris oste scambiate. Per sa ere se 6ualcuno 5 di -arte o 1enere, basta domandareI GSei uomo.H, e "edere se la ris osta 5 GsQH o GnoH. O ure, domandareI GSei donna.H, con le ris oste scambiate. Se 6ualcuno dice Gsono un uomo di 1enereH, allora significa c!e 5 una donna di -arte. Se dice Go sono una donna o sono di 1enereH, allora significa c!e 5 una donna di 1enere. E cosQ "ia. Pro"are er credere... &ateson

Lo sicologo com ortamentista 9urr!us S>inner $180&B1880% sostene"a111 c!e il aradosso del mentitore non interessa la "ita, erc!J nessuna ersona sensata direbbe mai cose del ti oI G=uesta frase 5 falsaH. Gli s"ilu i della logica sarebbero 6uindi irrile"anti er le scienze umane. In realt7, esem i di tali affermazioni si tro"ano iK s esso di 6uanto sembrasse ensare S>inner. Tanto er citarne uno, Eo!n +age dic!iarL una "oltaI G'on !o niente da dire, e lo sto dicendoH. E er essere iK es licito com ose, se cosQ si uL dire, il famoso ezzo er iano U.XXR, consistente di 6uattro minuti e trentatrJ secondi di silenzio. T "ero c!e tali com ortamenti non sono considerati articolarmente sensati. 0nzi, 6uando gli artisti moderni es rimono il aradosso del mentitore nella formaI G=uest)o era 5 un falsoH, in genere si reagisce a unto dando loro degli s6uilibrati. Pro rio nella direzione di una connessione fra il aradosso e la atologia mentale si 5 s into il la"oro sic!iatrico di Gregor; 9ateson112 $180&B1840%. 2no dei risultati iK significati"i di tale la"oro 5 stata l)introduzione del concetto di doppio %incolo, al 6uale abbiamo gi7 accennato. 2n esem io si !a nella seguente "ariazione della storia del barbiere, data nel 18&, da Aans :eic!enbac!11* $1481B18(*%. =uesta "olta il barbiere 5 un soldato di una caserma, al 6uale un ufficiale !a ordinato di radere tutti e soli i soldati c!e non si
111

9. S>inner, About beha%iorism, 18,&. $!.d.A.% G. 9ateson, 'teps to an ecolog0 of mind, 18,2. $!.d.A.% 11* A. :einc!enbac!, )lements of s0mbolic logic, 18&,. $!.d.A.%
112

111

radono da soli. Oltre all)ordine aradossale, i cruciali elementi aggiunti"i sono ora il ra orto di rigida subordinazione del soldato all)ufficiale e l)im ossibilit7 di uscire dalla contraddizione mettendo in discussione la consistenza dell)ordine stesso. Secondo 9ateson, 5 a unto l)es osizione duratura a do i "incoli di 6uesto genere c!e ro"oca in c!i li subisce, so rattutto da bambino in famiglia o in collegi, un)inca acit7 di distinguere fra linguaggio e metalinguaggio, e la conseguente schi(ofrenia. Le "ie d)uscita atologic!e sono treI a5L.ebefrenia, in cui si rifiuta il metalinguaggio e ci si limita all)as etto uramente letterale della comunicazione. 2n esem io di 6uesto atteggiamento 5 il rotagonista de Il buon soldato '%e@k di Earosla" Aase>, c!e inter reta tutti gli ordini, er 6uanto insensati, in maniera letterale. b5La paranoia, in cui si rifiuta il linguaggio e ci si dedica alla continua ricerca di significati reconditi al di l7 di esso. 2n esem io simmetrico al recedente 5 il rotagonista di 2atch NN di Eose ! Aeller, c!e inter reta tutti gli ordini, er 6uanto sensati, in maniera metaforica. c%La catatonia, in cui si rifiutano entrambi i li"elli e ci si c!iude alla comunicazione nell)inatti"it7, fino all)autismo, o nell)i eratti"it7. T infatti un a arente aradosso c!e c!i 5 tro o occu ato non !a, a unto, il tem o di far niente. In articolare, di stare a sentire gli altri. In 6uest)ottica, ossiede la normalit7 soltanto c!i conosce, almeno a li"ello intuiti"o, la logica. O""ero, o si : logici o si : patologiciF Si noti, comun6ue, c!e com ortamenti di ti o sc!izofrenico sono ossibili anc!e nella "ita 6uotidiana non atologica, in reazione a do i "incoli isolati. 0d esem io, domande imbarazzanti a cui si de"e ris ondere si ossono e"adere tem oraneamente con ris oste letterali $ebefrenic!e, a arentemente sicotic!e% od umoristic!e $ aranoic!e, a arentemente ne"rotic!e%. E 6ualcosa c!e si de"e, ma non si "uole, fare si uL e"itare tem oraneamente, negandosi od ammalandosi $autisticamente%, o ure mostrandosi o dic!iarandosi i erindaffarati. E cosQ "ia. 2na "olta resa coscienza dei do i "incoli, li sco riamo negli as etti iK s"ariati dell)atti"it7 umana. L)educazioneI er addestrare all)autonomia, alla s ontaneit7 e all)indi"idualit7 si retendendo la di endenza, l)obbedienza e l)uniformit7. Il ra orto maternoI si regalano due camicie al figlio, e 6uando egli ne indossa una gli si c!iede lamentosamente se l)altra non gli iace. L)alimentazioneI si "uole oter mangiare rimanendo magri. La sessualit7I si desidera c!e la ro ria artner eterosessuale sia Gsanta di giorno e uttana di notteH, o c!e il ro rio artner omosessuale sia un G"ero uomoH. Il dirittoI si im edisce er legge la rinuncia alla libert7, come nell)art. 2, del +odice ci"ile s"izzero, o si unisce l)autolesionismo, come nei +odici militari. La oliticaI si concede l)indi endenza alla 3inlandia, a condizione c!e non la usi, o si retende c!e "enga c!iesto dal basso ciL c!e "iene im osto dall)alto, fino alla sottomissione s ontanea alla tirannide descritta in &uio a me((ogiorno di 0rt!ur ?oestler e in PFEU di George OrDell. E cosQ di seguito.
112

Oltre c!e a arire come cause scatenanti della sc!izofrenia, i do i "incoli ossono erL anc!e di"entarne la soluzioneF La tera ia ro osta da 9ateson 5 infatti 6uella di rescri"ere il sintomo come cura, usando comandi del ti oI G+ontinua a fare ciL c!e stai facendoH, o G'on coo erareH. Essi mutano automaticamente un)atti"it7 s ontanea in una coatta, cambiando le regole del gioco e onendo le basi er un su eramento della atologia. 0ndando oltre la sc!izofrenia, 9ateson !a notato c!e raticamente tutta l)atti"it7 comunicati"a su eriore, umana e non, 5 un)es ressione del aradosso del mentitore. 0d esem io, comunicareI G=uesto 5 un giocoH, il c!e uL a""enire anc!e a li"ello relinguistico e tra animali, significa sem licemente direI G+iL c!e sto facendo non 5 ciL c!e sto facendoH, nel senso c!e gli atti c!e "engono com iuti $ad esem io, la simulazione di una lotta% non sono da intendere come andrebbero intesi normalmente $ad esem io, una lotta "era%11&. 0nalogamente a""iene er minaccia, inganno, simulazione, magia, umorismo, comicit7, simbolismo, metafora, immagini oetic!e, cerimonie, rituali, riti, recitazione, assando attra"erso tutta l)atti"it7 creati"a ed artistica. +!e l)arte sia solo un)es ressione di mera"igliose menzogne, lo sanno e lo dicono molti artisti, da /enis /iderot nel ,aradosso sull.attore11(, del 1,,*, a Giorgio -anganelli in La letteratura come men(ogna, del 184(. 0nc!e se, aggiunge"a Picasso, Gl)arte 5 una menzogna c!e ci fa com rendere la "erit7H. E, di solito, 5 una menzogna c!e "iene es licitamente dic!iarataI s egnendo le luci, a rendo i si ari, iniziando i racconti $o i libriF% con Gc)era una "oltaH, truccando gli attori, facendoli recitare in modo innaturale, in6uadrando i di inti nelle cornici, onendo le statue sui iedistalli, terminando con inc!ini ed a lausi, e cosQ "ia. 0rte a arte, il unto di arri"o di 6uesta reinter retazione aradossale della comunicazione 5, o""iamente, il linguaggio stesso, sulla base del rinci io c!e il segno non 5 il messaggio. 2na osizione condi"isa da 2mberto Eco, c!e nel Trattato di semiotica generale del 18,( definisce un segno come Gtutto ciL c!e uL essere usato er mentireH e la semiotica come una Gteoria della menzognaH. =n.ultima men(ogna

La storia c!e abbiamo raccontato termina dun6ue con una conferma dei nostri regiudizi iniziali, ormai di"entati giudizi finali, c!e sanciscono un incontrastato dominio della menzogna nella cultura, nella comunicazione e nel com ortamento interi. Il riassunto di 6uesti s"ilu i, secondo cui il aradosso del mentitore fa da sfondo ad ogni affermazione umana significati"a, otrebbe dun6ue essere un aforisma del ti oI GTutto 5 menzognaH.
11&

0 ro osito della connessione fra gioco e menzogna, si uL anc!e notare c!e l)es ressione Gessere giocatiH significa Gessere ingannatiH, e c!e GillusioneH e GilludereH deri"ano dal latino ludo, GgiocareH. $!.d.A.% 11( Il aradosso tro"ato da /iderot 5 c!e Gla sensibilit7 fa gli attori mediocri, l)estrema sensibilit7 gli attori limitati, il sangue freddo e il cer"ello gli attori sublimiH. $!.d.A.%

11*

+ome !anno erL notato in molti, da 0ristotele nella 7etafisica $I1, 4% a Tommaso d)06uino nella 'umma Theologiae $II, *%, l)affermazione c!e Gtutto 5 menzognaH non uL essere "era, erc!J altrimenti sarebbe essa stessa una menzogna. 0llora de"e essere falsa, cio5 ci de"e essere 6ualc!e "erit7, e la cosa finisce 6ui. 'on 5 detto infatti c!e 6uesta "erit7 debba ro rio essere la frase in 6uestione. 0lla fine di un lungo cammino, ci ritro"iamo dun6ue con una riformulazione, falsa ma non aradossale, del rom ica o di E imenide dal 6uale era"amo artiti. +i accorgiamo cosQ di a"er girato in tondo, seguendo un circolo forse "izioso, ma certo non inadeguato al trattamento di un aradosso.

11&

+a itolo sesto

La corsa nel tempo della tartaruga

0gli albori della ci"ilt7 greca la tartaruga di"enne una celebrit7 mediatica grazie ad una famosa fa"ola di Eso o, c!e la immaginL rotagonista di una corsa con la le re. Poic!J la gara era senza storia, la le re lasciL artire la tartaruga e si fermL a fare un isolino sotto un albero, sicura di oterla raggiungere a iacere. La tartaruga, rocedendo ian ianino, arri"L rima c!e la le re si s"egliasse. /a cui il dettoI G+!i dorme, non iglia tartarug!eH. O anc!e, come commentL tran6uilla la "incitriceI G'on ser"e sa er correre, bisogna artire in tem oH. La tartaruga si ri"elL essere una metafora cosQ azzeccata e otente c!e i fa"olieri, da Eso o a Eean de la 3ontaine, non riuscirono a mono olizzarla. Se ne a ro riarono in"ece gli eleatici, nelle cui mani essa dis iegL un)inas ettata rofondit7 e di"enne il marc!io di uno dei iK noti aradossi della storia, oltre c!e del "ertiginoso regresso infinito. In 6uesto ca itolo seguiremo le metamorfosi filosofic!e, matematic!e ed artistic!e della sua corsa, c!e continua ormai da "enticin6ue secoli senza accennare a fermarsi. Genone

@enone di Elea $1 secolo a.+.% 5 assato alla storia er moti"i aradossaliI come autore cio5 di una 6uarantina di aradossi, in massima arte oggi erduti, e da lui intesi come argomenti a sostegno delle tesi del suo maestro $e amante% Parmenide, c!e nega"a la ossibilit7 del di"enire in generale e del moto in articolare. 0 causa del suo successo dialettico @enone "eni"a c!iamato Glingua biforcutaH, e molti sognarono certamente di tagliargliela. Egli stesso realizzL il loro sogno 6uando, er incitare i concittadini alla ri"olta contro il tiranno, se la mozzL da solo coi denti e la s utL loro in faccia11#. Il aradosso di @enone iK famoso, anc!e a causa della riuscita immagine letteraria antici ata da Eso o, coin"olge 0c!ille i5 "eloce e la tartaruga zam a lenta. Se 0c!ille concede alla tartaruga un 6ualun6ue "antaggio non riuscir7 mai a raggiungerla, erc!J de"e rima ercorrere la distanza c!e le !a concesso di "antaggio, ma nel frattem o essa !a ercorso un nuo"o tratto, c!e 0c!ille do"r7 colmare, e cosQ "ia.

11#

/iogene Laerzio, 9ite e opinioni dei filosofi illustri, IS, 2(B28. $!.d.A.%

11(

L)essenza del ragionamento recedente 5 resente in forma iK ura in altri due aradossi simmetrici di @enoneI : impossibile sia partire che arri%are. Infatti, er arri"are in un luogo 5 necessario arri"are rima a met7 della distanza, oi a met7 del ercorso rimanente, e cosQ "ia. E er artire 5 necessario ercorrere 6ualc!e distanza, ma rima si de"e ercorrerne la met7, e rima ancora met7 della sua met7, e cosQ "ia. @enone mostrL infine c!e : impossibile essere in %iaggio, usando anc!e in 6uesto caso una efficace immagine letterariaI una freccia non uL "olare. Infatti in ogni istante essa 5 ferma, mentre il moto 5 una successione di mo"imenti. =uest)ultimo aradosso 5 com lementare ai tre recedenti. -entre 6uelli si basano sull)infinita di%isibilit di s azio e tem o, 6uesto si a ella all)indi%isibilit di unti o istanti. In tal modo gli argomenti eleatici della im ossibilit7 del moto co ri"ano entrambe le ossibilit7 e ermette"ano di e"itare assunzioni metafisic!e sulla natura dello s azio e del tem o. *ui 'hi e 2huang T(u

-olti degli argomenti di @enone furono anc!e sco erti, 6uasi simultaneamente, dal sofista cinese Aui S!i $I1 secolo a.+.%. Essi sono ri ortati nell)ultimo ca itolo del classico taoista 2huang T(u, c!e li critica come G arole c!e non raggiungono il bersaglioH, un G"oler correre iK "eloci della ro ria ombraH. /ue in articolare sono sor rendenti, er le loro analogie con gli argomenti della tartaruga e della frecciaI [Se ogni giorno si dimezza un bastone lungo un iede, ne rimarr7 sem re 6ualcosa anc!e do o diecimila generazioni. [1i sono momenti in cui la freccia c!e "ola non 5 in mo"imento. 'onostante la sua critica agli argomenti di Aui S!i, +!uang Tzu ne resenta autonomamente di simili. 0d esem io, se esiste l)2no, allora esso arteci a dell)Essere, 6uindi esiste il /ueI cio5, a unto, l)2no e l)Essere. E allora esiste il TreI ossia l)2no, il /ue e la loro unit7. E cosQ "ia, in rogressione aritmetica. La morale ti icamente taoista c!e "iene dedotta 5 c!e, oic!J 6ualun6ue ensiero ne genera infiniti altri, : meglio non pensare. In modo meno drastico, a artire da 3rege l)argomento "iene oggi usato in matematica er generare infiniti insiemi a artire da uno $c!e in genere 5 il nulla, nella forma dell)insieme "uoto%11,. L)argomento recedente 5 resentato da +!uang Tzu anc!e in una interessante "ariante. =ualcuno sostiene una tesiI ad esem io, c!e il mondo abbia un inizio. 2n altro nega la tesi. 2n altro ancora nega la negazione della tesi, e cosQ "ia. Il regresso infinito "iene 6uesta "olta e"itato, sem re in maniera ti icamente taoista, sostenendo c!e non esiste differen(a fra afferma(ioni e nega(ioni. La logica occidentale 5 meno drastica, e ritiene c!e non esista differenza fra affermazioni e do ie negazioni $la logica classica%, o almeno fra negazioni e tri le negazioni $la logica intuizionista%.
11,

G. 3rege, 6ie Grundlagen der Arithmetik, 144&. In realt7 3rege ensa"a c!e l)argomento fosse sufficiente er dimostrare l)esistenza non solo di infiniti insiemi, ma anc!e di un insieme infinito. Oggi erL i matematici accettano la rima arte ma non la seconda, c!e de"e essere ostulata indi endentemente. $!.d.A.%

11#

,latone

'el ,armenide di Platone $&24B*&, a.+.%, dialogo in cui com are @enone stesso, si tro"ano almeno due argomenti is irati ai suoi inconfondibili aradossi, se non direttamente do"uti a lui. Il rimo es one una difficolt7 della teoria di ParmenideI l.=no : molti. Se infatti l)2no esiste, allora esso arteci a dell)Essere. =uindi !a due artiI a unto, l)2no e l)Essere. -a ciascuna di 6ueste due arti 5 una e arteci a dell)Essere. =uindi !a, a sua "olta, due arti. E cosQ "ia, in rogressione geometrica $la "ersione di +!uang Tzu rocede"a, in"ece, in rogressione aritmetica%. Il secondo argomento, detto del terzo uomo, es one in"ece una difficolt7 della teoria delle idee di Platone. Gli uomini !anno infatti caratteristic!e comuni, c!e definiscono l)idea di 2omo. -a allora anc!e gli uomini e l)2omo !anno caratteristic!e comuni, c!e definiscono l)idea di un terzo uomo, di"erso da entrambi. E cosQ "ia. 0 6uesto unto era ormai di"entato e"idente c!e @enone a"e"a inaugurato una modalit7 di ensiero ca ace di mettere in difficolt7 6ualun6ue teoria, com rese 6uelle di Parmenide c!e egli era in"ece artito er difendere. )ubulide

Eubulide di -ileto, della scuola megarica $I1 secolo a.+.%, formulL il famoso aradosso del mentitore, a cui abbiamo dedicato l)intero ca itolo recedente. +ome abbiamo "isto, una delle sue "ersioni 5I
=uesta frase 5 falsa.

0 rima "ista 6uesto 5 un argomento di ti o di"erso da 6uelli di @enone, ma anc!)esso genera un regresso infinito 6uando si incominci a sostituire a G6uesta fraseH ciL c!e essa significa, cio5 la frase stessa, ottenendo da rima
G=uesta frase 5 falsaH 5 falsa,

oi
Ga=uesta frase 5 falsaa 5 falsaH 5 falsa,

e cosQ "ia. +i si riduce 6uindi a una frase infinita e senza soggetto, il c!e dimostra c!e non si sta"a arlando di nienteI
Ga b... 5 falsa) 5 falsaa 5 falsaH 5 falsa.

'el 18#8 Eo!n 9art !a utilizzato un artificio simile er un suo racconto 114, c!e inizia nel modo seguenteI
+)era una "olta una storia, c!e inizia"a conI +)era una "olta una storia, c!e inizia"a conI +)era una "olta una storia, c!e inizia"a conI...
114

E. 9art, Frame tale, in Lost in the funhouse, Grosset and /unla , 18#8. $!.d.A.%

11,

,irrone

Gli argomenti delle scuole eleatica e megarica, se resi seriamente, ossono generare un rofondo scetticismo sul linguaggio e sul mondo stesso. 'on a caso @enone ed Eubulide sono considerati i recursori filosofici di Pirrone di Elide $I1 secolo a.+.%, fondatore a unto della scuola scettica. Egli sostene"a c!e, oic!J tutte le o inioni sono incerte e tutte le cose uguali, si de"e smettere di arlare $ afasia%, di giudicare $epoch#%, di essere coin"olti $atarassia% e di agire $apatia%. Il legame fra @enone e Pirrone fu reso es licito dagli scettici 0gri a $I secolo d.+.% e Sesto Em irico $II secolo d.+.%, c!e usarono argomenti eleatici a fa"ore della sos ensione di ogni giudizio. 0d esem io, il rimo sostenne c!e niente si puW pro%areI ogni ro"a si de"e infatti basare su 6ualcosa di non ro"ato, c!e si de"e ro"are a sua "olta, e cosQ "ia. 0nalogamente, il secondo sostenne c!e niente si puW definireI ogni definizione si de"e infatti basare su 6ualcosa di non definito, c!e si de"e definire a sua "olta, e cosQ "ia. Aristotele

=uesti argomenti erano comun6ue gi7 noti ad 0ristotele $*4&B*22%. 'ella 7etafisica $I1, &,100#% egli dic!iara c!e non si uL dimostrare o definire tutto, erc!J in tal caso si rocederebbe all)infinito e non ci sarebbe nessuna dimostrazione o definizione. T dun6ue segno di catti"a educazione non sa ere 6uando fermarsi. La "ia d)uscita dallo scetticismo ro osta da 0ristotele, e adottata dai matematici a artire da Euclide, 5 il metodo assiomatico. In ratica, cio5, le dimostrazioni si basano in ultima analisi su asserzioni non dimostrate $gli assiomi% e le definizioni su termini non definiti $le nozioni rimiti"e%. 0ristotele a"e"a anc!e fatto un uso sistematico degli argomenti recedenti $II, 2, 88&, e SII, ,, 10,2%, a licandoli non solo alla logica ma alle scienze naturali. Precisamente, sia alle cause $di ogni genereI materiali, formali, finali% di un e"ento, c!e agli effetti. In articolare, egli a"e"a cosQ introdotto tre argomenti c!e, sotto il nome di primo motore, causa prima e fine ultimo, saranno oi ri resi dai medioe"ali come ro"e dell)esistenza di /io118. Per 6uanto riguarda in"ece i aradossi di @enone stesso sulla continuit7, 0ristotele sembra"a ensare c!e la soluzione risiedesse in una distinzione fra infinito attuale e poten(iale. 'ella Fisica $2*8b, 8% egli sostenne infatti c!e l)infinita di"isibilit7 otenziale di un segmento non 5 contradditoria. Solo una infinit7 attuale di unti non si uL ercorrere fisicamente. La soluzione di limitarsi all)infinito otenziale, adottata dalla matematica greca, rimase attuale sino all)Ottocento, 6uando fu ossibile su erarla grazie alla teoria degli insiemi.
118

L)argomento della causa rima si tro"a gi7 anc!e nel ca itolo SSII di 2huang T(u. $!.d.A.%

114

Archimede

Gli e6uilibrismi iK arditi er mantenersi nell)ambito dell)infinito otenziale furono com iuti da 0rc!imede $24,B212%, il iK grande matematico dell)antic!it7. Egli s"ilu L e condusse alla erfezione una "ersione geometrica degli argomenti di @enoneI il cosiddetto metodo di esaustione, introdotto da Eudosso $&04B*((%. L)a licazione iK s ettacolare di 6uesto metodo da arte di 0rc!imede fu la dimostrazione c!e l)area di un cerc!io di raggio r 5 cr2, c!e rocede nel modo seguente. /a una arte, si mostra c!e i oligoni regolari inscritti nel cerc!io !anno tutti area minore di cr2, e c!e er ogni numero adcr2 ne esiste uno con area com resa fra a e cr2. /all)altra arte, si mostra c!e i oligoni regolari circoscritti al cerc!io !anno tutti area maggiore di cr2, e c!e er ogni numero aecr2 ne esiste uno con area com resa fra a e cr2. Il asso cruciale della dimostrazione 5 ti icamente (enonianoI dato un 6ualun6ue oligono regolare inscritto o circoscritto, il oligono regolare con un numero do io di lati differisce dal cerc!io al massimo della met7 di 6uanto "i differi"a il recedente. Il metodo di esaustione com ie erL uno s ostamento d)accentoI dal fatto negati"o c!e la differenza non sar7 comun6ue mai nulla, a 6uello ositi"o c!e essa di"enta arbitrariamente iccola. Agostino

'elle sue 2onfessioni $SI% 0gostino $*(&B&*0% utilizza il metodo (enoniano er argomentare c!e un secolo non 5 resente, erc!J stiamo "i"endo in uno solo dei suoi anni. E un anno non 5 resente, erc!J stiamo "i"endo in uno solo dei suoi mesi. E cosQ "ia. /un6ue passato e futuro non esistono, e c.: solo il presente. Il 6uale rende tre forme di"erseI resente del assato, resente del resente e resente del futuro. /i 6ui otrebbe immediatamente artire un nuo"o regresso infinito, c!e 0gostino erL non ersegue. Si limita in"ece a osser"are c!e il resente del assato "i"e nella memoria e il resente del futuro nell)attesa. A%icenna

'ella 7etafisica $II, 1, 2% il filosofo arabo 0"icenna $840B10*#% introdusse la cosiddetta ro"a cosmologica dell)esistenza di /io, c!e si riduce al seguente argomento. /efiniamo contingente un essere c!e !a bisogno di 6ualc!e altro essere er esistere. 0 artire da un essere contingente, un regresso infinito si uL fermare solo introducendo un essere necessario, c!e esiste senza a"er bisogno di altri esseri.
118

0"icenna dedusse da 6uesto argomento c!e tutti gli esseri sono necessariW anc!e 6uelli c!e a rima "ista sembrano contingenti deri"ano infatti la loro esistenza da un essere necessario, ed esistono 6uindi necessariamente. La ro"a cosmologica fu annessa dagli scolastici, c!e o""iamente arti"ano in"ece dall)i otesi c!e gli esseri esistenti al mondo fossero tutti contingenti, e ne deduce"ano l)esistenza di un essere necessario distinto da essi. =uesta ro"a di"enne oi uno degli argomenti rinci ali di razionalisti ed em iricisti er dimostrare l)esistenza di /io, fino a c!e non fu smasc!erata da ?ant nella 2ritica della ragion pura $6ialettica, III, (% come una "ariante della ro"a ontologica, e da George 9oole nelle Leggi del pensiero $SII% come un argomento logicamente scorretto. Tommaso d.A;uino

'ella 'umma Theologiae $=uestione 2, 0rticolo *% Tommaso d)06uino $122(B 12,&% fece un uso sistematico del regresso infinito, ri rendendo argomenti ben noti di 0ristotele e 0"icenna. 1%La sua rima dimostrazione riguarda un primo motore. Tutto ciL c!e si muo"e 5 mosso da 6ualcosa, e er e"itare il regresso infinito si de"e ammettere c!e ci sia 6ualcosa c!e muo"e senza essere mosso. L)argomento riec!eggia nel rimo "erso del ,aradiso di /anteI GLa gloria di colui c!e tutto mo"eH. 2%La seconda dimostrazione riguarda una causa prima. Tutto ciL c!e 5 causato ric!iede l)esistenza di una causa, e dun6ue ci de")essere 6ualcosa c!e 5 causa di se stesso. *%La terza dimostrazione riguarda un ente necessario. Tutto ciL c!e esiste ed 5 contingente de"e essere stato causato da 6ualcosa di gi7 esistente, e dun6ue de"e esistere 6ualcosa di non contingente. &%La 6uarta dimostrazione riguarda un ente perfetto. Tutto ciL c!e 5 im erfetto de"e esserlo erc!J si uL conce ire 6ualcosa di migliore, e dun6ue ci de")essere 6ualcosa di erfetto. (%La 6uinta dimostrazione riguarda un fine ultimo. Tutto ciL c!e esiste tende "erso un fine, e dun6ue ci de")essere 6ualcosa c!e non !a altri fini c!e se stesso. +ome si "ede, in Tommaso non sono gli argomenti a essere originali, ma l)uso c!e egli ne fa. 0nzitutto, all)o osto degli scettici, li utilizza in maniera ositi"a, in"ece c!e negati"a. Inoltre, li considera tutti come dimostrazioni di esistenza di un unico ente, c!e egli fa coincidere con /io. 'aturalmente, anc!e "olendo considerare le dimostrazioni corrette, rimarrebbero ur sem re "ari roblemi di unicit7 dei "ari enti. Singolarmente, si do"rebbe dimostrare c!e ciascuno dei cin6ue enti 5 unicoI ad esem io, c!e c)5 un solo rimo
120

motore. Globalmente, si do"rebbe inoltre dimostrare c!e i cin6ue enti coincidono fra loroI ad esem io, il rimo motore con la causa rima. Inutile dire c!e Tommaso non fornisce nessuna di 6ueste dimostrazioni. Inoltre, fra i "ari attributi di /io da lui considerati non com are l)infinito. 0nzi, tutti gli argomenti er assurdo basati sul regresso infinito tendono a unto a e"itarlo, fermando il regresso. Gregorio da $imini

Il roblema della relazione fra /io e l)infinito era ormai comun6ue "enuto a galla, in articolare nella seguente formaI come si riconcilia l)onni otenza di /io con l)im ossibilit7 dell)infinito attuale in natura sostenuta da 0ristotele. 0d esem io, /io a"rebbe otuto creare una ietra infinita. Tommaso sostene"a di no. 2n essere onni otente uL fare tutto ciL c!e 5 ossibile fare. -a ne ure lui uL fare l)im ossibile, c!e altrimenti non sarebbe iK tale. Gregorio da :imini $1*00B1*(4% ritenne in"ece c!e gli argomenti di @enone otessero andare in soccorso di /io stesso. Egli dimostrL c!e, se /io a"esse "oluto, a"rebbe otuto creare una ietra infinita nel giro di una sola ora. 9asta"a c!e incominciasse con una ietra di un c!ilo e c!e "i aggiungesse un c!ilo do o mezz)ora, un altro c!ilo do o un 6uarto d)ora, e cosQ "ia. Gio"anni 9uridano non fu con"into. Secondo lui l)argomento mostra"a soltanto c!e /io ote"a creare ietre di grandezze illimitate in meno di un)ora, ma non c!e otesse com letare l)o era. 2artesio

L)eredit7 filosofica di +artesio $1(8#B1#(0% si uL isolare nel tentati"o di descri"ere l)uni"erso in maniera uramente meccanicista, con le sole eccezioni dell)esistenza di /io e dell)anima. In articolare, nel trattato L.uomo, abbandonato nel 1#** in seguito alla condanna di Galileo da arte dell)In6uisizione e ubblicato ostumo, +artesio affrontL il roblema della "ita. 'on riuscendo a ca ire come si otesse giustificare meccanicamente la ri roduzione di organismi da organismi simili ad essi, fu erL costretto a in"ocare un miracolo er ciascuna di tali ri roduzioni. Il roblema, ti icamente eleatico, in cui si era imbattuto +artesio riguarda"a la com lessit7. 0ffinc!J una macc!ina otesse ri rodurne un)altra, sembra"a infatti c!e essa ne do"esse contenere una co ia, e c!e non otesse 6uindi ri rodurre altro c!e macc!ine meno com licate di se stessa. Le 6uali, a loro "olta, do"rebbero oter ri rodurre soltanto macc!ine meno com licate di se stesse, innescando cosQ un rocesso degenerati"o contrario all)e"idente stabilit7 delle s ecie organic!e.

121

Oggi 5 ossibile e"itare di scomodare il +reatore, notando c!e la ri roduzione uL a""enire in"ece seguendo una descrizione, e c!e 6uesta uL essere meno com licata dell)oggetto da costruire. 0d esem io, la descrizione Gil numero costituito da 1 seguito da un milione di 0H 5 sostanzialmente meno com lessa $in 6uesto caso, iK corta% del numero descritto, c!e occu erebbe un libro di un migliaio di agine. Fermat

0 Pierre de 3ermat $1#01B1##(%, uno dei grandi matematici del secolo S1II, si de"e un gran numero di risultati nella teoria dei numeri. 3ermat non si degnL mai di ubblicarne le dimostrazioni, ma in iK occasioni enunciL il metodo generale c!e gli a"e"a ermesso di tro"arle. =uesto metodo 5 oggi noto come discesa infinita, e funziona in maniera erfettamente zenoniana. Immaginiamo di "oler dimostrare c!e non esistono numeri interi con una certa ro riet7I ad esem io, due cubi c!e diano come somma un cubo. Si su one er assurdo c!e essi esistano, e si mostra come tro"arne altri iK iccoli e con la stessa ro riet7. 0i nuo"i numeri cosQ tro"ati si otr7 allora ria licare il rocedimento, tro"andone altri ancora iK iccoli, e cosQ "ia. In tal modo si genererebbe 6uindi una successione discendente infinita di numeri interi. Il c!e non 5 ossibile, erc!J artendo da un numero n si uL al massimo discendere n "olte, ed arri"ati a zero ci si de"e fermare. Torricelli

I Greci a"e"ano definito il rettangolo aureo come 6uello tale er cui, se si toglie da esso il 6uadrato definito dal lato minore, si ottiene un secondo rettangolo simile a 6uello di artenza. Se si toglie da 6uesto secondo rettangolo il 6uadrato definito dal lato minore, si ottiene un terzo rettangolo simile ai due recedenti, e cosQ "ia. I "ari rettangoli determinano uni"ocamente, in maniera telesco ica, un unto del iano. +onnettendo fra loro i 6uarti di cerc!io c!e si ossono disegnare nei "ari 6uadrati c!e "engono tolti "ia "ia, si ottiene la cosiddetta spirale logaritmica $figura &,%. 'el 1#&( E"angelista Torricelli $1#04B1#&,% sco rQ c!e, benc!J la s irale com ia infiniti giri attorno al unto determinato dai "ari rettangoli, la sua lung!ezza 5 finita.

122

3igura &, S irale logaritmica.

Per illustrare "isi"amente 6uesto aradosso, mettiamo 6uattro le ri $o 6uattro tartarug!e% ai "ertici di un cortile 6uadrangolare e lanciamole ciascuna all)inseguimento della seguente con la stessa "elocit7. Il ercorso c!e ogni le re $o tartaruga% com ie 5 un arco di s irale logaritmica $figura &4%. /a un lato, le le ri $o le tartarug!e% non do"rebbero mai raggiungersi, essendo condannate a com iere infiniti giri attorno al centro. /all)altro, esse do"rebbero raggiungersi in un tem o finito, erc!J ciascun arco di s irale !a lung!ezza finita $ er la recisione, ari al lato del 6uadrato%.

3igura &4 -aurits +ornelis Esc!er, 2ammino di %ita I9.


12*

Gregorio da 'an 9incen(o

Gi7 0ristotele a"e"a notato, nella Fisica $III, #, 20#b%, c!e una somma di infiniti addendi non nulli uL essere finita. O, come dicono i matematici, c!e una serie infinita uL con"ergere ad un "alore finito. E 0rc!imede a"e"a do"uto calcolare le somme di alcune serie infinite, er ottenere i suoi famosi risultati su aree e "olumi. -a fu Gregorio di San 1incenzo $1(4&B1##,% ad introdurre er rimo, nell)-pus geometricum del 1#&,, il concetto di con"ergenza di una serie infinita come limite delle somme arziali. Egli a licL immediatamente la nuo"a nozione al aradosso di @enone, sostenendo c!e l)uguaglianza 1 1 1 + + ...= 1 2 4 8 ne costitui"a la soluzione. La somma finita della serie infinita mostra infatti c!e 0c!ille raggiunger7 la tartaruga in un tem o e un luogo determinati. L)essenza del aradosso di @enone "iene cosQ isolata nel rocedimento di di"isione dicotomica c!e scom one l)unit7 in infinite arti, ciascuna di grandezza ari a met7 della recedente. PiK concisamente, l)uguaglianza recedente si uL riscri"ere nell)aritmetica binaria come 1 P 0,1 1 1...P 0,1 $ eriodico% 'aturalmente, il fatto di di"idere er 2 non 5 affatto essenzialeI la stessa cosa si uL ri etere in 6ualun6ue base. 0d esem io, nell)aritmetica decimale solita si ottiene

8 8 8 + + + ... = 1 10 100 1.000


c!e corris onde alla nota es ressione 1 P 0,888 ... P 0,8 eriodico 'ell)aritmetica fattoriale, do"e l)nBesima cifra decimale ra resenta una frazione il cui numeratore 5 6uella stessa cifra, e il cui denominatore 5 il rodotto dei numeri da 1 a n, c!e si indica concisamente con nC, si !a in"ece 1 2 * + + + ... = 1 2F *F &F c!e corris onde all)es ressione 1 P 0,12*...
12&

Per e"itare ulteriori aradossi, non bisogna confondere tra loro le "arie aritmetic!e. 0d esem io, in 6uella decimale solita 0,12*... corris onde al numero di 2hampernowne120, c!e non solo non 5 o""iamente un intero, ma non 5 ne ure razionale $nel 18#1 ?urt -a!ler !a dimostrato c!e 5 trascendente%. 'terne

/o o essere state a annaggio esclusi"o di filosofia e matematica er due millenni, era ormai "enuto il tem o er le idee (enoniane di attrarre l)interesse della letteratura. Il battesimo dell)arte a""enne nel 1,#1, in 6uesto brano di 9ita e -pinioni di Tristram 'hand0, gentiluomo $I1, 1*% di Laurence Sterne $1,1*B1,#4%I
=uesto mese sono un intero anno iK "ecc!io di 6uant)ero a 6uest)e oca dodici mesi fa. Essendo arri"ato, come otete "edere, 6uasi a met7 del mio 6uarto "olume, ma non oltre il rimo giorno della mia "ita, 6uesto dimostra c!e !o trecentosessanta6uattro giorni in iK da scri"ere ora, di 6uando !o iniziato. +osQ c!e, in"ece di a"anzare nel mio la"oro come 6ualun6ue altro scrittore, mi ritro"o al contrario in ritardo di altrettanti "olumi. Se ogni giorno della mia "ita fosse cosQ denso $e forse c!e no.%, e gli e"enti e le considerazioni su di esso ric!iedessero altrettante descrizioni $e erc!J mai non do"rebbero.%, a 6uesto ritmo "i"rei *#& "olte iK "eloce di 6uanto ossa scri"ere. 'e consegue, se ermettete, c!e iK scri"o e iK a"rL da scri"ereW di conseguenza, iK lorsignori leggono, iK a"ranno da leggere. =uanto alla ro osta di scri"ere dodici "olumi all)anno, o un "olume al mese, non modifica in nessun modo le mie ros etti"eI er 6uanto io scri"a, e er 6uanto tagli corto secondo il consiglio di Orazio, non mi raggiungerL mai. 0rri"ato all)ultimo izzico, alla eggio mi rimarr7 un giorno nella ennaI ma un giorno basta er due "olumi, e due "olumi er un anno.

Il rotagonista del romanzo, c!e a"e"a intra reso la scrittura della ro ria autobiografia com leta, do"ette dun6ue abbandonarla erc!J l)im resa era o""iamente im ossibile. In realt7 non c)5 niente di aradossale in 6uestoI solo una triste constatazione della mortalit7 della "ita umana. Paradossale sarebbe in"ece una "ita infinita, erc!J essa ermetterebbe non soltanto di scri"ere la ro ria com leta autobiografia ai lenti ritmi di Tristram S!and;, ma anc!e di assare gran arte del tem o a far altro $ er rendere interessante la biografia stessa%. 0ncor iK aradossale sarebbe ostulare, in"ece di un futuro, un assato infinito a ena concluso. In base alla stessa corris ondenza tra infiniti anni e infiniti giorni, anc!e in 6uesto caso ci sarebbe tutto il tem o di scri"ere la ro ria autobiografia com leta. Se non fosse c!e la descrizione dell)ultimo giorno ric!iederebbe comun6ue un anno, e do"rebbe dun6ue essere intra resa rima di "i"erloF
120

/. +!am ernoDne, The construction of decimals normal in the scale of ten, Eournal of t!e London -at!ematical Societ;, 4 $18**%I 2(&B2#0. $!.d.A.%

12(

1ant

Gli argomenti eleatici, c!e a"e"ano costituito il fondamento della 'umma Theologiae di Tommaso d)06uino, mostrarono la loro erdurante "ersatilit7 filosofica insinuandosi anc!e nella 2ritica della ragion pura di Immanuel ?ant $1,2&B140&%, c!e cita es licitamente e ris ettosamente @enone 6uale Gsottile dialetticoH $9 *&(%. In articolare, la seconda antinomia della ragion ura mostra c!e il mondo non uL essere nJ costituito di elementi atomici, nJ infinitamente di"isibile. /a un lato, la materia !a infatti estensione s aziale, ed 5 6uindi soggetta all)infinita di"isibilit7 dello s azio stesso. /all)altro lato, l)infinita di"isibilit7 orta ad un regresso all)infinito, al termine del 6uale non rimane iK nulla e nel 6uale la materia si dissol"e. La conclusione c!e ?ant rica"a dalla sua antinomia 5 c!e la no(ione di mondo : illegittima. L)intelletto ne erce isce infatti la finitezza come una limitazione inadeguata, ma non sa conce irne l)infinitezza in maniera com rensibile. Lot(e

La terza antinomia >antiana riguarda"a determinismo e libert7, ed Aermann Lotze $141,B1441% contribuQ alla discussione mostrando (enonianamente c!e i rapporti causali sono impossibili. /ue oggetti non ossono infatti agire direttamente uno sull)altro, ed ogni azione de"e essere mediata da un terzo oggetto. -a allora anc!e l)azione sul $o del% terzo oggetto de"e essere mediata, e cosQ "ia. Lo stesso ragionamento "ale, a maggior ragione, 6uando si consideri l)interazione non fra due oggetti, ma fra cor o e anima. 0ffinc!J sia ossibile s iegare l)azione fra oggetti 5 dun6ue necessario, secondo Lotze, ostulare l)esistenza di una otenza mediatrice distinta dalla natura, e su lementare il meccanicismo con lo s iritualismo. 'chopenhauer 'el 7ondo come %olont e rappresenta(ione $II, 18% 0rt!ur Sc!o en!auer $1,44B 14#1% a"e"a gi7 a"anzato lo stesso argomento, er altro mutuato dalla filosofia indiana, er mostrare c!e non si puW conoscere se stessi. La conoscenza ric!iede infatti un soggetto conoscente distinto dall)oggetto conosciuto. =uesto soggetto ric!iede a sua "olta un ulteriore soggetto conoscente, e cosQ "ia. 'ella scienza la distinzione fra soggetto ed oggetto di conoscenza "iene oggi riformulata in termini di osser%atore ed osser%abile. -entre erL nella fisica classica l)osser"atore "eni"a in ultima analisi eliminato, in fa"ore di una descrizione
12#

uramente in termini di osser"abili, nella meccanica 6uantistica esso !a assunto un ruolo centrale e indis ensabile. La conclusione di Sc!o en!auer ricom are 6uindi nella formaI non si puW dare una descri(ione ;uantistica dell.intero uni%erso. 2na tale descrizione ric!iederebbe infatti un osser"atore esterno all)uni"erso. Lo s ettro di Sc!o en!auer e dell)illusoriet7 del mondo fenomenico aleggia anc!e nel tentati"o di soluzione idealista ro osto da Aug! E"erett121 nel 18(,, e detto dei molti mondi. In 6uesto caso l)osser"azione "iene "ista non come un oggetti"o rocesso di registrazione dell)uni"oco accadere di fatti fisici, ma come un soggetti"o rocesso di ercezione di una delle infinite diramazione della realt7, c!e coesistono simultaneamente. 2antor La moderna teoria degli insiemi, introdotta da Georg +antor $14&(B1814%, !a segnato il assaggio dall)infinito otenziale a 6uello attuale in matematica. 'on uL dun6ue stu ire c!e essa abbia a"uto rofonde ri ercussioni nella discussione degli argomenti di @enone. +antor !a anzitutto mostrato, nel 14,4122, c!e due inter"alli 6ualun6ue sono in corris ondenza biuni"oca fra loro. 'iente im edisce 6uindi ad 0c!ille di raggiungere, ed anc!e di su erare, la tartaruga. Entrambi i contendenti ercorrono infatti lo stesso numero di unti, ciascuno alla ro ria "elocit7. Il aradosso di @enone si uL anc!e riformulare come il rocedimento c!e, dato un segmento con gli estremi inclusi, lo di"ide in due arti uguali e ne cancella la rima. Poi di"ide in due arti uguali 6uella rimasta, e ne cancella la rima. E cosQ "ia. 0lla fine rimarr7 soltanto un unto, cio5 l)estremo finale. 'el 14,2 +antor a"e"a gi7 considerato12* la modifica seguente. Si di"ide il segmento in tre arti uguali, e si cancella 6uella centrale. Poi si di"ide in tre arti uguali ciascuno dei due segmenti rimasti, e si cancellano 6uelle centrali. E cosQ "ia. 0lla fine rimane un insieme infinito di unti s arsi, detto pol%ere di 2antor. 'on c)5 roblema a estendere il rocedimento, assando da segmenti a triangoli e tetraedri, o a 6uadrati e cubi. Si ottengono cosQ il filtro di 'ierpinski12& $figura &8% e la spugna di 7engert12( $figura (0%. Tutti 6uesti oggetti sono esem i dei cosiddetti frattali, c!e !anno tanto attirato l)attenzione recente e di cui il aradosso di @enone si uL dun6ue considerare la rima antici azione. Su di essi torneremo nell)ultimo ca itolo.
121

A. E"erett, Q$elati%e stateR formulation of ;uantum mechanics, :e"ieDs of -odern P!;sics, 28 $18(,%I &(&B&#2. $!.d.A.% 122 G. +antor, )in &eitrag (ur 7annigfaltigkeitslehre, Eoumal fXr die reine und angeDandte -at!emati>, 4& $14,4%I 2&2B 2(4. $!.d.A.% 12* G. +antor, Mber die Ausdehnung eines 'at(es aus der Theorie der trigonometrischen $eihen, -at!ematisc!e 0nnalen, ( $14,2%I 12*B1*2. $!.d.A.% 12& R. Sier ins>i, 'ur une courbe dont tout point est un point de ramification , +om tes :endus de l)0cadJmie des Sciences, 1#0 $181(%I *02B*0(. $!.d.A.% 12( ?. -enger, Mber die 6imensionalit t %on ,unktmengen, Seconda Parte, -onats!efte fXr -at!emati> und P!;si>, *& $182#%I 1*,B1#1. $!.d.A.%

12,

3igura &8 3iltro di Sier ins>i

3igura (0 S ugna di -enger

2arroll

'el 148( LeDis +arroll $14*2B1484% immaginL c!e i due rotagonisti del aradosso di @enone a"essero miracolosamente concluso la loro fatica, e trascrisse le loro con"ersazioni del do o corsa nell)ormai classico dialogo 2iW che la Tartaruga disse ad Achille12#, c!e ri ortiamo er intero.
0c!ille a"e"a raggiunto la Tartaruga e si era seduto comodamente sulla sua corazza. [+osQ lei 5 arri"ato alla fine del ercorso. [ disse la Tartaruga. [ 0nc!e se esso realmente consiste"a di una serie infinita di lung!ezze. -i are"a c!e 6ualc!e bello s irito a"esse dimostrato c!e la cosa non ote"a essere fatta. [PuL essere fatta [ disse 0c!ille. [ T stata fattaF 'ol%itur ambulando. 1ede, le distanze diminui%ano continuamente e 6uindi... [-a se fossero aumentate continuamente. [ interru e la Tartaruga. [ 0llora c!e sarebbe successo.
12#

L. +arroll, Hhat the tortoise said to Achilles, -ind, & $148(%I 2,4B240 Otrad. it. di G. Trautteur, in /. Aofstadter, GAdel, )scher, &ach, 0del !i, -ilano 184&, PP. &,B&81. $!.d.A.%

124

[0llora non sarei stato 6ui [ re licL con modestia 0c!ille, [ e lei a 6uest)ora a"rebbe fatto arecc!ie "olte il giro del mondoF [Lei mi confonde. 0nzi, mi schiaccia [ disse la Tartaruga, [ erc!J lei 5 un eso massimo, e 6uesto 5 certoF 9ene. Le iacerebbe sentire la storia di una corsa c!e 6uasi tutti immaginiamo di oter com iere in due o tre salti, mentre in realt7 consiste di un numero infinito di assi, ognuno iK lungo del recedente. [+on grande iacere [ ris ose il guerriero greco, mentre trae"a dal suo elmo $ oc!i guerrieri greci in 6uel tem o a"e"ano tasc!e% un enorme 6uaderno di a unti e una matita. [ 0"antiF E arli lentamente, er iacereF La stenografia non 5 stata ancora in"entataF [0!, 6uella s lendida Prima Pro osizione di EuclideF [ mormorL con aria sognante la Tartaruga. [ Lei ammira Euclide. [0 assionatamenteF 0lmeno 6uanto si puW ammirare un trattato c!e sar7 ubblicato soltanto tra molti secoliF [9ene, adesso ercorriamo un oco la dimostrazione di 6uella Prima Pro osizione, a ena due assi, e la conclusione c!e se ne trae. Gentilmente annoti tutte le ro osizioni nel suo 6uaderno. E er oterci riferire a esse comodamente, c!iamiamole 0, 9 e @I $0%+ose c!e sono uguali alla stessa cosa sono uguali fra loro. $9%I due lati di 6uesto triangolo sono cose c!e sono uguali alla stessa cosa. $@%I due lati di 6uesto Triangolo sono uguali fra loro. I lettori di Euclide concederanno, su ongo, c!e @ segue logicamente da 0 e 9, cosicc!J c!i accetta 0 e 9 come "ere de"e accettare @ come "era. [+ertamenteF 0nc!e uno scolaro di scuola media, a ena le scuole medie saranno in"entate, ciL c!e non accadr7 ancora er circa duemila anni, accetterebbe ;uesto. [E se 6ualc!e lettore non a"esse ancora accettato 0 e 9 come "ere, otrebbe ugualmente accettare come %alida la successione delle ro osizioni, su ongo. [Indubbiamente otrebbe esistere un lettore del genere. Egli otrebbe direI GIo accetto come "era la Pro osizione I otetica c!e, se 0 e 9 sono "ere, allora @ de"e essere "eraW ma non accetto 0 e 9 come "ereH. 2n tale lettore farebbe bene ad abbandonare Euclide e darsi all)i ica. [E non otrebbe anche esserci 6ualc!e lettore c!e dicesseI G0ccetto 0 e 9 come "ere, ma non accetto la Pro osizione I oteticaH. [+ertamente otrebbe esserci, e anc!e lui farebbe meglio a darsi all)i ica. [E nessuno di 6uesti lettori [ continuL la Tartaruga, [ si tro"a er ora nella necessit7 logica di accettare @. [Pro rio cosQ [ assentQ 0c!ille. [Stando cosQ le cose, desidero c!e lei consideri me come un lettore del secondo ti o e c!e mi costringa ad accettare @ come "era. [2na tartaruga c!e si dia all)i ica sarebbe... [ sta"a cominciando 0c!ille. [...un)anomalia, naturalmente [ interru e sbrigati"amente la Tartaruga. [ -a non di"ag!iI ensi a @. Prima occu iamoci di @ e oi ci daremo all)i icaF [/e"o costringerla ad accettare @, "ero. [ disse 0c!ille ensieroso. [ E la sua osizione attuale 5 c!e lei accetta 0 e 9, ma non accetta la Pro osizione I otetica... [+!iamiamola + [ disse la Tartaruga. [...ma non accettaI $+% Se 0 e 9 sono "ere, @ de"e essere "era.
128

[=uesta 5 la mia osizione attuale [ disse la Tartaruga. [ 0llora le de"o c!iedere di accettare +. [+on iacere, a ena lei l)a"r7 registrata nel suo 6uaderno. +os)altro c)5 in 6uel 6uaderno. [Solo alcuni ricordi [ disse 0c!ille sfogliando ner"osamente le agine. [ :icordi di... delle battaglie nelle 6uali mi sono distintoF [:imangono molti fogli in bianco, "edo. 9eneF 0"remo bisogno di loro [ disse la Tartaruga allegramente, mentre un bri"ido corre"a er la sc!iena di 0c!ille. [ Ora scri"a 6uel c!e le dettoI $0% +ose c!e sono uguali alla stessa cosa sono uguali fra loro. $9% I due lati di 6uesto triangolo sono cose c!e sono uguali alla stessa cosa. $+% Se 0 e 9 sono "ere, @ de"e essere "era. $@% I due lati di 6uesto Triangolo sono uguali fra loro. [/o"rebbe c!iamarla /, non @ [ disse 0c!ille, [ erc!J "iene subito dopo le altre tre. Se lei accetta 0, 9 e +, allora lei de%e accettare @. [1eramente. E erc!J. [Perc!J 5 una loro conseguen(a logica. Se 0, 9 e + sono "ere, @ de"e essere "era. 'on "orr7 negare ;uesto, "oglio s erare. [Se 0, 9 e + sono "ere, @ de%e essere "era [ ri etJ ensosamente la Tartaruga. [ =uesta 5 un.altra Pro osizione I otetica, non 5 "ero. E se non erce issi la sua "erit7, otrei ancora accettare 0, 9 e + sen(a accettare @, non 5 cosQ. [T cosQ [ ammise l)eroe candidamente, [ sebbene una tale ottusit7 sarebbe "eramente fenomenale. Tutta"ia la cosa 5 possibile e le de"o 6uindi c!iedere di ammettere ancora un.altra Pro osizione I otetica. [9enissimo. Sono senz)altro dis osta ad ammetterla, non a ena lei l)a"r7 registrata nel suo 6uaderno. +!iamiamola $/% Se 0, 9 e + sono "ere, @ de"e essere "era. Scritto. ['crittoF [ ris ose 0c!ille raggiante, mentre de one"a la matita. [ E finalmente siamo giunti alla fine di 6uesta corsa idealeF Ora c!e lei accetta 0, 9, + e /, accetta naturalmente anc!e @. [/a""ero. [ disse la Tartaruga con aria innocente. [ +erc!iamo di essere assolutamente c!iariI io accetto 0, 9, + e /, ma su oniamo c!e mi rifiuti ancora di accettare @. [In 6uesto caso la Logica la renderebbe er la gola e la costringerebbe ad accettarlaF [ ris ose 0c!ille in tono di trionfo. [ La Logica le direbbeI GLei non !a "ie di scam o. Ora c!e !a accettato 0, 9, + e /, lei de"e accettare @FH. 'on c)5 scelta. [=ualun6ue cosa la Logica abbia la cortesia di comunicarmi, "ale certamente la ena di registrarla nel suo 6uaderno [ disse la Tartaruga. [ =uindi, er iacere, scri"aI $E% Se 0, 9, + e / sono "ere, allora @ de"e essere "era. 3inc!J io non ammetto ;uesto, non !o alcun obbligo di accettare @. +ome "ede, si tratta di un asso assolutamente necessario. [+a isco [ disse 0c!ille. E nella sua "oce c)era un "elo di tristezza.
1*0

0 6uesto unto il narratore, a"endo faccende urgenti da sbrigare in banca, fu costretto a lasciare la felice co ia e ri assL di lQ solo alcuni mesi do o. 0c!ille sta"a ancora seduto sulla corazza della tenace Tartaruga e sta"a scri"endo nel suo 6uaderno, c!e sembra"a ormai 6uasi ieno. La Tartaruga sta"a dicendoI [ Aa scritto l)ultimo asso. Se non !o erso il conto, siamo a mille e uno e ancora ce ne "orranno di"ersi milioni. E se non le dispiace, come fa"ore ersonale, considerando 6uale tesoro di cultura trarranno dal nostro dialogo i logici del SIS secolo, la rego di accettare di cambiare il suo nome in Torto3ruga, in base ad un gioco di arole c!e mia cugina la 3inta Tartaruga far7 allora. [+ome le aggrada [ ris ose stancamente il guerriero con toni di "uota dis erazione, mentre affonda"a il "iso tra le mani. [ Purc!J lei, da arte sua, accetti un gioco di arole c!e la 3inta Tartaruga non le far7 mai, e cambi il suo nome in A3 chila3fai.

'el dialogo +arroll, da buon logico, usa dun6ue i metodi eleatici er argomentare c!e non sono possibili i sillogismi. /ire c!e da certe remesse segue una conclusione, significa dire c!e c)5 una regola c!e ermette di assare dalle rime alle seconde. -a er oter a licare la regola si de"e a"ere una metaregola c!e dica c!e, dalle remesse e dalla regola c!e lega remesse e conclusioni, si ossono rica"are le conclusioni. E cosQ "ia. La no"it7 dell)argomento di +arroll era c!e esso mostra"a in maniera efficace la distinzione fra im licazione linguistica e deduzione metalinguistica, oggi formalizzata nel cosiddetto teorema di dedu(ione, c!e enuncia a unto la loro e6ui"alenza. PiK in generale, l)argomento mostra"a er la rima "olta es licitamente la distinzione fra linguaggio e metalinguaggio, c!e 5 oggi una con6uista assodata della logica moderna. In modo simile e er sco i analog!i, benc!J ormai in ritardo sui tem i, LudDig Rittgenstein $14,8B18(&% mostrer7 nelle $icerche filosofiche c!e non si imparano le regole mediante metaregole. 0ltrimenti er im arare le metaregole sarebbero necessarie metametaregole, e cosQ "ia. L)unica ecca del dialogo di +arroll 5 c!e esso usa ro osizioni articolari, sui triangoli isosceli, in un argomento di carattere generale. 2n altro scrittore matematico, Eac6ues :oubaud, !a rimediato all)im erfezione scri"endo 2ome la Tartaruga combatt# Achille, uno s iritoso rifacimento del dialogo di +arroll in cui le ro osizioni usate sono uramente autoreferenziale12,. 0 testimonianza della sua felice "italit7 letteraria, il dialogo di +arroll !a anc!e is irato 6uelli c!e fungono da intermezzi ai ca itoli del fortunato libro di /ouglas Aofstadter GAdel, )scher e &ach, nei 6uali 0c!ille e la Tartaruga si acca igliano su argomenti di natura logica.

12,

E. :oubaud, 9ers une oulipisation cons#;uente de la litt#rature, 9ibliot!56ue Ouli ienne, &1 $1880%. $!.d.A.%

1*1

&radle0 e $o0ce

L)intera filosofia di 3rancis Aerbert 9radle; $14&#B182&% 5 un es licito ritorno agli eleatici. Egli crede"a nell)0ssoluto e nell)2no come unica ossibile riconciliazione delle ubi6ue contraddizioni della molte licit7 nell)a arenza. PiK recisamente, in Apparen(a e realt $148,% 9radle; effettuL una "ariazione della "ariazione di +arroll, er mostrare c!e non sono possibili propriet e rela(ioni di nessun genere. 0d esem io, dire c!e un oggetto !a una ro riet7 unaria significa dire c!e esiste una relazione binaria fra l)oggetto e la ro riet7. -a 6uesto significa dire c!e esiste una relazione ternaria fra l)oggetto, la ro riet7 e la relazione. E cosQ "ia. Le idee di 9radle; furono discusse dettagliatamente nel 1488 da Eosia! :o;ce $14((B181#% nell)o era Il mondo e l.indi%iduo. =uesta resenta anc!e una efficace, e oggi ben nota, immagine del regresso infinito in esse resenteI
Immaginiamo c!e una orzione del suolo d)Ing!ilterra sia stata li"ellata erfettamente, e c!e in essa un cartografo tracci una ma a d)Ing!ilterra. L)o era 5 erfettaW non c)5 articolare del suolo d)Ing!ilterra, er minimo c!e sia, c!e non sia registrato nella ma aW tutto !a lQ la sua corris ondenza. La ma a, in tal caso, de"e contenere una ma a della ma a, c!e de"e contenere una ma a della ma a della ma a, e cosQ all)infinito.

In un testo attribuito a ocrifamente all)inesistente Sufrez -iranda $9iaggi di uomini prudenti, libro 6uarto, ca . SL1, LJrida, 1#(4%, 9orges124 riformulL l)argomento letterariamenteI
... In 6uell)Im ero, l)0rte della +artografia raggiunse tale Perfezione c!e la ma a di una sola Pro"incia occu a"a tutta una +itt7, e la ma a dell)im ero, tutta una Pro"incia. +ol tem o, codeste -a e Smisurate non soddisfecero e i +ollegi dei +artografi eressero una -a a dell)Im ero, c!e uguaglia"a in grandezza l)Im ero e coincide"a untualmente con esso. -eno /edite allo Studio della +artografia, le Generazioni Successi"e com resero c!e 6uella "asta -a a era Inutile e non senza Em iet7 la abbandonarono alle Inclemenze del Sole e degl)In"erni. 'ei deserti dell)O"est rimangono lacere :o"ine della -a a, abitate da 0nimali e -endic!iW in tutto il Paese non 5 altra reli6uia delle /isci line Geografic!e.

Im licitamente, la roblematica solle"ata dal regresso infinito della ma a di :o;ce si tro"a im licata in tutte le o ere c!e contengono una arte c!e do"rebbe coincidere con l)o era stessa. 'ell)Iliade di Omero, in cui Elena ricama una "este di or ora c!e ra resenta la storia del oema. 'el $ama0ana di 17lmi>i, al termine del 6uale i figli di :ama cercano rifugio in una sel"a, do"e un asceta insegna loro a leggere su un libro c!e 5, a unto, il $ama0ana. 'el 7ahabarata di 1;7sa, il cui narratore incontra un amico e gli racconta il 7ahabarata, c!e narra del oeta 1;7sa
124

E.L. 9orges, 6el rigor en la ciencia, Los 0nales de 9uenos 0ires, * $18&#%I (*. $!.d.A.%

1*2

c!e detta al dio Ganes! il 7ahabarata, una storia c!e narra di un re c!e incontra il oeta 1;7sa e si fa raccontare il 7ahabarata. 'el 'ogno della camera rossa, il cui rotagonista re"ede in sogno gli a""enimenti del romanzo. 'ell)Amleto di S!a>es eare, in cui si mette in scena una tragedia c!e 5 ressa oco la stessa dell)Amleto... 'onostante tutte 6ueste "ertigini letterarie, la ma a di :o;ce non 5 affatto aradossale. Lo mostreremo matematicamente nell)ultimo ca itolo, usando il teorema del unto fisso di 9anac!. -a lo si uL gi7 facilmente intuire dal regresso infinito, erfettamente reale, rodotto da due s ecc!i c!e si riflettono uno nell)altro. O da una telecamera c!e ri rende lo sc!ermo c!e trasmette ciL c!e essa ri rende. O dal 6uadro c!e ra resenta una scena di cui esso stesso fa arte, immaginato da Ausserl nel rimo "olume delle Idee per una fenomenologia pura128 e realizzato da Esc!er nella Galleria di stampe. &ergson

Aenri 9ergson $14(8B18&1% fu articolarmente interessato alla continuit7 di s azio e tem o, di cui criticL la formalizzazione matematica basata sul concetto di unto. In articolare egli ritene"a c!e l)infinita di"isibilit7 fosse una ro riet7 dello s azio ma non del tem o, sulla base dell)osser"azione c!e si uL arbitrariamente di"idere un oggetto, ma non un atto. 'el 'aggio sui dati immediati della coscien(a, del 1810, 9ergson credette di oter ricondurre il aradosso di 0c!ille e la tartaruga alla confusione fra mo"imento e s azio ercorso. I assi reali di 0c!ille sono indi"isibili, e un numero finito di essi gli ermetter7 di su erare la tartaruga. -a @enone "i sostituisce arbitrariamente dei assi "irtuali sincronizzati su 6uelli della tartaruga, in modo tale da im edirgli di raggiungerla. 9ergson assegna"a agli argomenti di @enone un ruolo storico im ortante, er a"er es osto l)inconsistenza della nozione matematica di moto e, iK in generale, di cambiamento. +ontrariamente agli eleatici egli ritene"a, erL, c!e i aradossi mostrassero c!e a 6uesta nozione matematica si do"esse contra orre una nozione intuiti"a di cambiamento, c!e do"e"a essere considerata come una caratteristica fondamentale della realt7. In una arola, il aradosso di @enone costituisce sQ una riduzione all)assurdo, ma non dello s azio e del tem o fisici, bensQ della loro ra resentazione concettuale. La ro"a 5 a unto c!e Gla "ita se la ride dei "eti logiciH, e 0c!ille sor assa la tartaruga senza roblemi. La soluzione di 9ergson "enne condi"isa nel 1810 da Rilliam Eames, in =n uni%erso pluralistico $1I%. L)argomento di Eames 5 c!e 6uando la gallina fa un uo"o, ne fa uno intero, senza metterne insieme una met7 e oi un 6uarto e cosQ "ia. La stessa cosa a""iene er ogni es erienza sensibile. 0 unto er 6uesto si 5 introdotto
128

L)idea "enne a Ausserl do o una "isita alla galleria di /resda, in cui "ide uno dei 6uadri seicentesc!i di /a"id Teniers c!e ri roducono la galleria di di inti italiani dell)0rciduca Leo oldo. $!.d.A.%

1**

il termine di GsogliaH nella discretezza e la non continuit7. 6unne

sicologia della

ercezione, c!e ne sottolinea la

=uand)era gio"ane Eo!n Rilliam /unne $14,(B18&8% era un a"iatore c!e sogna"a, nel senso letterale. Poic!J erL i suoi sogni a"e"ano la strana caratteristica di a""erarsi, /unne iniziL a studiarli e da grande di"enne un filosofo. 'el 182, scrisse la sua o era rinci ale, =n esperimento col tem o, nella 6uale egli argomenta zenonianamente c!e ci sono infiniti tem i. Infatti, il fluire di 6ualun6ue cosa 5 relati"o al tem o. Il fluire del tem o ric!iede allora un secondo tem o in cui esso ossa fluire. Il fluire del secondo tem o ne ric!iede un terzo ris etto a cui esso ossa fluire. E cosQ "ia. Secondo /unne, le infinite dimensioni del tem o sono s erimentate dal soggetto negli infiniti li%elli della coscien(a. La ercezione a""iene nel rimo tem o. La coscienza della ercezione nel secondo. La coscienza della coscienza della ercezione nel terzo, e cosQ "ia. Le "isioni dei "ari tem i "engono coordinate nei sogni, nei 6uali si uL 6uindi s erimentare il Gtem o "eroH, cio5 l)irraggiungibile termine ultimo della serie infinita dei tem i. La scienza moderna, nella sua a arente "oracit7 di idee fantafilosofic!e, !a considerato seriamente la ossibilit7 solle"ata da /unne. 0d esem io, Il;a Prigogine, remio 'obel er la +!imica nel 18,,, !a s"ilu ato una teoria in cui ci sono effetti"amente due tem i. Il rimo 5 analogo alle tre dimensioni s aziali. Il secondo 5 6uello ris etto a cui sia lo s azio c!e il rimo tem o ossono "ariare1*0. 1afka

L)intera o era di 3ranz ?af>a $144*B182&% 5, secondo +arlos -astronardi1*1, un rifacimento letterario dei aradossi di @enoneI il pathos dei suoi romanzi nasce recisamente dal numero infinito di ostacoli c!e fermano i loro identici eroi. Ed anc!e l)incom iutezza delle sue o ere e la mancanza di ca itoli intermedi ne sono una conseguenza. 'on 5 infatti necessario enumerare tutti i unti di un segmento o tutte le ossibili "icissitudini, er suggerire l)infinito regresso. +ome esem io del rocedimento "ale la ena di ri ortare interamente, er la sua bre"it7, lo (enoniano racconto =n messaggio dell.imperatore, del 181,I
L)im eratore [ cosQ si racconta [ !a in"iato a te, ad un singolo, un misero suddito, minima ombra s erduta nella iK lontana delle lontananze dal sole im eriale, ro rio a te l)im eratore !a in"iato un messaggio dal suo letto di morte. Aa fatto
1*0

In termini tecnici, il rimo tem o di Prigogine 5 una "ariabile !amiltoniana e il secondo funge da arametro ris etto a cui deri"are. $!.d.A.% 1*1 1edi E.L. 9orges, 2on%ersa(ioni, 9om iani, 184#, . 8*. $!.d.A.%

1*&

inginocc!iare il messaggero al letto, sussurrandogli il messaggio all)orecc!ioW e gli reme"a tanto c!e se l)5 fatto ri etere all)orecc!io. +on un cenno del ca o !a confermato l)esattezza di 6uel c!e gli "eni"a detto. E dinanzi a tutti coloro c!e assiste"ano alla sua morte $tutte le areti c!e lo im ediscono "engono abbattute e sugli scaloni c!e si le"ano alti e am i son dis osti in cerc!io i grandi del regno%, dinanzi a tutti loro !a congedato il messaggero. =uesti s)5 messo subito in motoW 5 un uomo robusto, instancabileW mano"rando or con l)uno or con l)altro braccio si fa strada nella follaW se lo si ostacola, accenna al etto su cui 5 segnato il sole, e rocede cosQ iK facilmente di c!iun6ue altro. -a la folla 5 cosQ enormeW e le sue dimore non !anno fine. Se a"esse "ia libera, all)a erto, come "olerebbeF, e resto ascolteresti i magnifici col i della sua mano alla tua orta. -a in"ece si stanca inutilmenteF, ancora cerca di farsi strada nelle stanze del alazzo iK internoW non riuscir7 mai a su erarleW ed anc!e se gli riuscisse non ser"irebbe a nullaW do"rebbe a rirsi un "arco scendendo tutte le scaleW e anc!e se gli riuscisse, non ser"irebbe a nullaW c)5 ancora da attra"ersare tutti i cortiliW dietro a loro il secondo alazzo, e cosQ "ia er millenniW e anc!e se riuscisse a reci itarsi fuori dell)ultima orta [ ma 6uesto mai e oi mai otr7 a""enire [ c)5 tutta la citt7 im eriale di fronte a lui, il centro del mondo, ri ieno di tutti i suoi rifiuti. 'essuno riesce a assare di lQ, e tanto meno con il messaggio di un morto. -a tu stai alla finestra e ne sogni, 6uando giunge la sera1*2.

'aturalmente, se lo s irito di @enone 5 resente nelle o ere di ?af>a, alegger7 anc!e in 6uelle dei suoi successori letterari. In articolare, nelle ra resentazioni dell)eterna attesa c!e "anno da Il deserto dei Tartari di /ino 9uzzati $180#B18,2% ad Aspettando Godot di Samuel 9ec>ett $180#B1848%. &orges

Eorge Luis 9orges $1488B184#% !a tratto dai aradossi di @enone sia le basi del suo ensiero su temi 6uali l)infinito, il tem o e la realt7, sem re resenti nei suoi scritti, c!e lo s unto er la costruzione delle sue in6uietanti situazioni al limite. Egli "ide nella corsa di 0c!ille e la tartaruga, alla 6uale dedicL due interessanti saggi1** la ro"a definiti"a c!e smasc!era il carattere allucinatorio del mondo. Senza il aradosso il nostro sogno sarebbe cosQ reciso e coerente c!e finiremmo er crederci. -a i ersonaggi (enoniani "i introducono smagliature di assurdit7 c!e finiscono er ri"elarne l)irrealt7I
'oi $la indi"isa totalit7 c!e o era in noi% abbiamo sognato il mondo. Lo abbiamo sognato resistente, misterioso, "isibile, ubi6uo nello s azio e fermo nel tem oW ma abbiamo ammesso nella sua arc!itettura tenui ed eterni interstizi di assurdit7, er sa ere c!e 5 finto.
1*2

3. ?af>a, )ine kaiserliche &otschaft, in )in Laudant, 181, Otrad. it di :. Paoli, =n messaggio dell.imperatore, in =n medico di campagna, -ondadori, -ilano 18,0, . 2(0B(11. $!.d.A.% 1** E.L. 9orges, OLa perpetua carrera de A;uiles 0 la tortuga, La Prensa, 1g gennaio 1828, sez. I1, .1, e Los a%atares de la tortuga, Sur #* $18*8%I 14B2*. $!.d.A.%

1*(

9orges crede dun6ue, in sintonia con 9radle;, c!e l)irrazionalit7 del finito mostri la sua irrealt7. E usa ri etutamente il aradosso di @enone nelle sue costruzioni letterarie, di cui offriamo due bre"i scelte. La rima 5 tratta da La morte e la bussola, del 18&2. 2n detecti"e riesce a re"edere l)ultimo delitto di una serie, ma recatosi sul luogo er re"enirlo sco re di esser"i stato attirato er esser"i ammazzato. Ecco l)ultima con"ersazione fra la "ittima e l)assassinoI
['el suo labirinto [ disse alla fine, [ ci sono tre linee di tro o. Io so di un labirinto greco c!e 5 una linea unica, retta. In 6uesta linea si sono erduti tanti filosofi c!e ben "i si otr7 erdere un mero detecti"e. Sc!arlac!, 6uando in un altro a"atar lei mi dar7 la caccia, finga $o commetta% un delitto in 0W 6uindi un secondo delitto in 9, a otto c!ilometri da 0W 6uindi un terzo in +, a 6uattro c!ilometri da 0 e da 9, a met7 strada tra i due. E mi as etti oi in /, a due c!ilometri da 0 e da +, di nuo"o a met7 strada. -i uccida in / come ora sta er uccidermi in TristeBleB:o;. [Per 6uest)altra "olta [ ris ose Sc!arlac!, [ le rometto 6uesto labirinto in"isibile, incessante, d)una sola linea retta. IndietreggiL di alcuni assi. Poi, accuratissimamente, fece fuoco1*&.

Il secondo brano 5 da La scrittura del 6io, del 18&8I


2n giorno o una notte [ tra i miei giorni e le mie notti, c!e differenza c)5. [ sognai c!e sul a"imento del carcere c)era un granello di sabbia. -i riaddormentai indifferenteW sognai c!e mi desta"o e c!e i granelli di sabbia erano due. -i riaddormentaiW sognai c!e i granelli di sabbia erano tre. Si andarono cosQ molti licando fino a colmare il carcere e io mori"o sotto 6uell)emisfero di sabbia. +om resi c!e sta"o sognandoW con un grande sforzo mi destai. 3u inutileW l)innumere"ole sabbia mi soffoca"a. =ualcuno mi disseI G'on ti sei destato alla "eglia ma ad un sogno recedente. =uesto sogno 5 dentro un altro, e cosQ all)infinito, c!e 5 il numero dei granelli di sabbia. La strada c!e do"rai ercorrere all)indietro 5 interminabile e morrai rima di esserti "eramente destatoH1*(.

Goodstein

2na "ersione do iamente aradossale della corsa tra 0c!ille e la tartaruga, in cui l)eroe arte a s ron battuto e continua a correre come un forsennato, ma la tartaruga lo costringe azientemente ad indietreggiare un oc!ino, fino a ri ortarlo al nastro di artenza, 5 stata tro"ata nel 18&& da :euben Goodstein1*# $1812B184(%. Le arti di 0c!ille e della tartaruga "engono inter retate, ris etti"amente, da due funzioni matematic!eI una crescente molto "elocemente, e l)altra decrescente molto lentamente. PiK recisamente, i due artono da un numero e da una base 6ualsiasi, ad esem io ( e 2. 0c!ille scri"e il numero nella base data, cio5 (P2 ele"ato alla 2h2
1*& 1*(

E.L. 9orges, OLa muerte 0 la brY@ula, Sur, 82 $18&2%I 2,B*8. $!.d.A.% E.L. 9orges, La escritura del 6ios, Sur, 1,2 $18&8%I ,B12. Oraccolto in L.Aleph^ $!.d.A.% 1*# :. Goodstein, -n the restricted ordinal theorem, Eournal of S;mbolic Logic, 8 $18&&% **B&1. $!.d.A.%

1*#

ele"ato allo 0, e com ie il suo balzo assando alla base successi"a, ottenendo 24P* ele"ato alla *h* ele"ato allo 0. La tartaruga lo fa indietreggiare di un assettino, a 2,P* ele"ato alla *. 0c!ille ri arte, riscri"endo il numero nella base successi"a, cio5 2(#P& ele"ato alla &. E cosQ "ia. +!e 0c!ille stia "elocemente sca ando, 5 dimostrato dal fatto c!e in due soli assi 5 gi7 andato rima da ( a 24, e oi da 2, a 2(#. La tartaruga, col solo farlo indietreggiare di un)unit7 alla "olta, non sembrerebbe in grado di limitare i danni. E in"ece, come dimostrL a unto Goodstein, in un numero finito di assi 0c!ille si ritro"a a zero, e la tartaruga !a "anificato com letamente il suo sforzo. Sor rendentemente, la cosa succede sem re, 6ualun6ue siano il numero e la base di artenza. -a, ancora iK sor rendentemente, nel 1842 Laurence ?irb; e Eeffre; Paris1*, !anno sco erto c!e la dimostrazione di 6uesto teorema sui numeri finiti ric!iede in maniera sostanziale l)uso dell)infinito, nel senso c!e il teorema non 5 dimostrabile nella teoria degli insiemi senza l)assioma dell)infinito. Il teorema di Goodstein 5 dun6ue un esem io concreto di 6uelle "erit7 non dimostrabili nell)aritmetica c!e G<del a"e"a reannunciato, col suo famoso teorema. Thomson

'el 18(& Eames T!omson1*4 !a ro osto un)ulteriore "ariazione del aradosso di @enone, nella forma di un uzzle. Su oniamo di accendere una lam ada, di s egnerla do o mezz)ora, di riaccenderla do o un 6uarto d)ora, e cosQ "ia. 0llo scadere dell)ora, la lam ada sar7 accesa o s enta. Il roblema 5 naturalmente da intendere come un es erimento di ensiero, indi endentemente dalla ossibile realizzazione fisica della lam ada. La difficolt7 5, comun6ue, altro"e. 'el fatto, cio5, c!e i dati del roblema non determinano la sua soluzione. La fine dell)ora "iene, infatti, dopo tutti gli istanti c!e l)!anno receduta, ma 5 soltanto su 6uesti c!e abbiamo informazioni. La stessa conclusione "arrebbe anc!e se il uzzle fosse riformulato nel seguente modo. Su oniamo di accendere una lam ada, e c!e essa sia ancora accesa do o mezz)ora, do o tre 6uarti d)ora, e cosQ "ia. 0llo scadere dell)ora, la lam ada sar7 accesa o s enta. Se 6uesta 5 tutta l)informazione c!e abbiamo, niente assicura c!e la ris osta o""ia, c!e cio5 la lam ada sar7 ancora accesa, sia corretta. E infatti non lo 5, nel caso c!e la lam ada "enga s enta un)ora esatta do o a"erla accesa.

1*,

L. ?irb; e E. Paris, Accessible independence results for ,eano Arithmetic, 9ulletin of t!e London -at!ematical Societ;, 1& $1842%I 24(B28*. $!.d.A.% 1*4 E. T!omson, Tasks and supertasks, 0nal;sis, 1( $18(&%I 1B1*. $!.d.A.%

1*,

)scher

/o o c!e il aradosso di @enone a"e"a assunto le forme iK s"ariate e im re"iste, esso 5 stato infine raffigurato "isi"amente da -aurits +ornelis Esc!er $1484B18,2%I un artista, da noi gi7 citato iK "olte, c!e !a a"uto una articolare sensibilit7 er moti"i matematici. Il rocedimento di successi"e bisezioni da lui usato nelle incisioni 'empre piV piccolo $figura (1%, Quadrato limite $figura (2% e 6i%isione regolare del piano 9I $figura (*%, non uL ormai c!e suonarci familiare. Si arte da un triangolo rettangolo isoscele. Sulla sua i otenusa si costruiscono altri due triangoli rettangoli isosceli adiacenti. E cosQ "ia. 'ei "ari triangoli "engono oi inseriti esci o lucertole c!e rim iccioliscono senza fine, suggerendo "isi"amente l)incessante e incom letabile rocesso al limite.

3igura (1 -aurits +ornelis Esc!er, 'empre piV piccolo.

1*4

3igura (2 -aurits +ornelis Esc!er, Quadrato limite.

3igura (* -aurits +ornelis Esc!er, 6i%isione regolare del piano 9I.


1*8

Fine della corsa

9enc!J abbiamo ormai considerato le metamorfosi iK s"ariate del aradosso di 0c!ille e la tartaruga, non dobbiamo dimenticare c!e esso fu conce ito da @enone er mostrare una su osta assurdit7 del mondo fisico. Sembra dun6ue a ro riato concludere la storia con un ritorno alle origini, arlando dell)effetto Genone ;uantistico1*8. Tutto si basa sul fatto c!e le robabilit7 degli e"enti 6uantistici sono ro orzionali al 6uadrato del tem o di osser"azione. Poic!J &, cio5 2 al 6uadrato, 5 di"erso da 2, cio5 due "olte 1 al 6uadrato, c)5 una differenza tra fare una osser"azione do o un certo inter"allo di tem o, o due osser"azioni do o met7 di 6uell)inter"allo. O 6uattro osser"azioni do o un 6uarto. E cosQ "ia. +ol crescere del numero di osser"azioni in uno stesso inter"allo di tem o, la differenza uL di"entare talmente grande da im edire c!e accada un fenomeno c!e sarebbe in"ece accaduto in condizioni non osser"ate. L)effetto 5 stato effetti"amente osser"ato nel 1848 mediante un es erimento con ioni di berillio intra olati da un cam o magnetico, c!e "eni"ano eccitati dal assaggio di un)onda radio. 2na misura do o 2(# secondi ri"elL c!e tutti gli ioni erano stati eccitati. +on due misure, a inter"alli di 124 secondi, solo met7 degli ioni si erano com lessi"amente eccitati. +on 6uattro misure, ad inter"alli di #& secondi, solo un terzo. E cosQ "ia. +on sessanta6uattro misure, a inter"alli di & secondi, nessuno ione si era eccitatoI il rocesso era stato com letamente inibito da tro e osser"azioni. Ad un passo dal traguardo

E con 6uesto ulteriore aradosso finisce la nostra storia del regresso infinito. Partita da un)ingenua fa"ola su un eroe greco e una tartaruga, essa ci !a fatto indietreggiare asso do o asso $il lettore giudic!er7 se ai ritmi dell)uno o dell)altra% "erso un)analisi critica dei fondamenti stessi del ensiero. S azio, tem o, causalit7, definibilit7, dimostrabilit7, deducibilit7... sono stati tutti rosi da un insistente tarlo, c!e alla fine non !a ris armiato nessuna ro riet7 e relazione, e !a coin"olto addirittura le nozioni stesse di mondo e di autocoscienza. G:itoccare il nostro concetto dell)uni"erso, er 6uel ezzettino di tenebra greca.H, si domanda"a 9orges, annunciando la sua affermati"a scelta. G:inunciare a 6uel ezzettino di luce greca, er il nostro concetto dell)uni"erso.H, otremmo ribattere noi.
9. -isra e G. Sudars!an, The Geno.s paradox in ;uantum theor0, Eournal of -at!ematical P!;sics, 14 $18,,%I ,(#B,#*. $!.d.A.%
1*8

1&0

+a itolo settimo

I para3doxa della democra(ia

Rinston +!urc!ill dice"a c!e la democrazia 5 la eggior forma di go"erno, a arte tutte le altre c!e sono state ro"ate. -a sa e"a c!e il miglior argomento contro la democrazia sono cin6ue minuti di con"ersazione con un elettore $o con un olitico% medio. George 9ernard S!aD defini"a la democrazia come l)assicurazione di non essere go"ernati meglio di 6uanto ci meritiamo. E aggiunge"a c!e l)a""ento della democrazia a"e"a sostituito la nomina di oc!i corrotti con l)elezione di molti incom etenti. Gusta"e 3laubert identifica"a il sogno della democrazia nell)ele"azione del roletariato allo stesso li"ello di stu idit7 raggiunto dalla borg!esia. 9ertrand :ussell recisa"a c!e gli eletti non ossono mai essere iK stu idi dei loro elettori. Sembra dun6ue c!e la democrazia abbia i suoi roblemi, er risol"ere i 6uali sono state a"anzate alcune aradossali ro oste letterarie. 0d esem io, Il parlamento di Eorge Luis 9orges suggerisce c!e, er ottenere una ra resentanza "eramente ra resentati"a, un)elezione debba eleggere tutti gli elettori. 0ll)estremo o osto, 6iritto di %oto di Isaac 0simo" ritiene sufficiente c!e alle elezioni "enga inter ellato un solo "otante, urc!J sufficientemente ra resentati"o. Infine, !oi di E"geniZ @amZatin ro one c!e si considerino come "eramente democratic!e soltanto le "otazioni alesi ed unanimi. =ueste ro"ocazioni letterarie si ossono facilmente accantonare con un sorriso. 'on cosQ 6uelle logic!e e matematic!e, la cui rimozione 5 meno age"ole. I aradossi della democrazia sono infatti s"ariati e subdoli, come sa e"ano gi7 gli antic!i1&0. 0d esem io, si uL instaurare una dittatura in maniera legale. Se sQ, la libert7 otrebbe a"ere i giorni contatiW se no, 5 limitata gi7 ora1&1. O ure, si uL eliminare l)articolo c!e ermette le re"isioni costituzionali. Se sQ, il otere di re"isione 5 in ericoloW se no, 5 incom leto1&2. 3orse il iK o""io dei aradossi della democrazia 5 una sem lice "ariazione sul tema del sorite, sul 6uale torneremo in seguitoI oic!J nelle elezioni con molti elettori non succede mai c!e il "incitore "inca er un solo "oto di differenza, nessun singolo "oto 5 determinante. /un6ue, tanto "ale non andare a "otare. Gli ulteriori aradossi c!e andiamo ad enunciare riguardano in"ece la ratica della "ita democratica, una "olta c!e si sia deciso di andare comun6ue a "otare. 'on 5 infatti er niente c!iaro come $o addirittura se% si ossano determinare gli eletti, o distribuire i seggi, in maniera logicamente soddisfacente.
1&0 1&1

/. /aube, Greek and $oman reflections on impossible laws, 'atural LaD 3orum, 12 $18#,%I 1B4&. $!.d.A.% I. Tammelo, The antinom0 of parliamentar0 so%ereignt0, 0rc!i" fXr :ec!tsB und Sozial !iloso !ie, && $18(4%I &8(B (1*. $!.d.A.% 1&2 0. :oss, -n self3reference and a pu((le in 2onstitutional Law, -ind, ,4 $18#8%I 1B2&. $!.d.A.%

1&1

La %ota(ione a maggioran(a

G/emocraziaH 5 un termine iuttosto "ago, c!e in Grecia significa"a soltanto Ggo"erno del o oloH. 'ell)inconscio colletti"o occidentale esso !a oggi ac6uistato il significato, iK reciso, di Ggo"erno della maggioranzaH. E infatti, in genere, la "otazione a maggioranza "iene considerata come il mezzo attra"erso cui il o olo go"erna. Sia direttamente, scegliendo fra alternati"e in un referendum, c!e indirettamente, scegliendo fra candidati in una elezione. +!e le cose non siano cosQ sem lici 5 dimostrato dal aradosso delle elezioni del 2000, nelle 6uali un aese come gli Stati 2niti, c!e si ritiene il iK democratico del mondo, !a eletto alla residenza un candidato come George R. 9us!, c!e a"e"a ottenuto un numero di "oti minore del suo o ositore 0l Gore. Il rimo roblema da affrontare 5, dun6ue, se la riduzione del go"erno del o olo a 6uello della maggioranza sia giustificata. O almeno giustificabile. In fin dei conti, il concetto di democrazia contiene im licitamente tutta una serie di as etti, c!e forse sono meglio es ressi da altri metodi di go"erno in generale e di "otazione in articolare. Si otrebbe ensare c!e le unic!e giustificazioni ossibili, in 6uesto cam o, siano inconcludenti discussioni di filosofia olitica. 'el 18(2 l)economista ?ennet! -a; !a in"ece dimostrato matematicamente1&* c!e la "otazione a maggioranza 5 l.unico rocedimento di scelta fra due candidati c!e soddisfi le seguenti condizioniI 1%Libert di sceltaI ciascuno 5 libero di "otare er il candidato c!e referisce. 2%6ipenden(a dal %otoI il risultato di una "otazione 5 determinato unicamente dai "oti dati ai candidati. *%7onotonicit I se un candidato "ince in una "otazione rendendo un certo numero di "oti, "ince anc!e in ogni "otazione in cui renda iK "oti. &%AnonimatoI non ci sono "otanti ri"ilegiati. Poic!J le assunzioni recedenti sono contenute im licitamente nel concetto di democrazia, il teorema di -a; dimostra c!e non ci sono alternati"e democratic!e alla "otazione a maggioranza, nel caso di due soli candidati. E mostra anc!e come una discussione olitica, 6uando sia basata $come raramente accade% su argomenti concreti, ossa essere sem lice e recisa. Per i lettori curiosi, diamo ora la bre"e dimostrazione di -a; $c!i non 5 interessato uL andare direttamente senza erdita, ma anc!e senza guadagno, alla rossima sezione%. +!iamiamo i due candidati 0 e 9. Per la di endenza dal "oto, il risultato di ende soltanto da come si ri artiscono i "otantiI 6uelli c!e referiscono 0 a 9, e 6uelli c!e referiscono 9 ad 0. Per l)anonimato, ogni "oto conta nello stesso modoI dun6ue, il risultato di ende soltanto da 6uanti "otanti "otano er 0 e 6uanti er 9.
1&*

?. -a;, A set of independent, necessar0 and sufficient conditions for simple ma@orit0 decisions, Econometrica, 20 $18(2%I #40B#4&. $!.d.A.%

1&2

Su oniamo ora c!e 0 renda la maggioranza dei "oti, ma c!e sia 9 a "incere. Per la libert7 di scelta, si uL immaginare una situazione in cui tutti i "otanti scambino i loro "otiI cio5, c!e "otino er 0 se rima "ota"ano er 9 e er 9 se rima "ota"ano er 0. In 6uesto caso la situazione sarebbe simmetrica alla recedente, con i ruoli di 0 e 9 scambiati. Ora 0 rende lo stesso numero di "oti c!e rima rende"a 9, e c!e basta"ano al secondo er "incereI er la di endenza dal "oto, 6uesta "olta do"rebbe "incere 0. -a 9 rende lo stesso numero di "oti c!e rima rende"a 0, e dun6ue iK di 6uelli c!e gli erano gi7 bastati er "incereI er la monotonicit7, 9 do"rebbe continuare a "incere anc!e ora. La contraddizione dimostra c!e non 5 ossibile c!e 0 renda la maggioranza dei "oti, ma c!e sia 9 a "incere. /un6ue 5 0 a "incere, cio5 la maggioranza determina la "ittoria. 0 scanso di e6ui"oci, er ora non c)5 nessun aradosso. Se non, forse, il fatto c!e la dimostrazione dell)ine"itabilit7 del "oto a maggioranza sia stata data negli Stati 2niti da -a;, c!e era membro del Partito +omunista. Il paradosso di 2ondorcet

Per tro"are un "ero aradosso dobbiamo risalire a -arie Eean 0ntoine 'icolas de +aritat, meglio noto come marc!ese di +ondorcet $1,&*B1,8&%. 1issuto al tem o della :i"oluzione 3rancese, il marc!ese era stato da rima enciclo edista e oi girondino. +on l)arri"o al otere dei giacobini, si nascose er "ari mesi. =uando finalmente si decise a sca are tra"estito er le cam agne, si tradQ ordinando, da buon aristocratico, un)omelette con un numero s ro ositato di uo"a. -orQ in cella tre giorni do oW forse suicida, "isto c!e orta"a sem re del "eleno con sJ. 'el 1,4(, oc!i anni rima c!e la ri"oluzione retendesse aradossalmente di instaurare un sistema democratico con la g!igliottina, il marc!ese a"e"a sco erto il seguente roblema1&&. Egli sa e"a, anc!e senza la dimostrazione di -a;, c!e la "otazione a maggioranza era un efficiente metodo di scelta fra due alternati"e. In resenza di iK alternati"e, un)idea o""ia era "otarle due a due, e scegliere 6uella c!e a"esse ri ortato la maggioranza contro tutte le rimanenti. +ondorcet mostrL c!e, urtro o, non 5 detto c!e una tale alternati"a ci siaI anc!e se le referenze dei singoli "otanti ris etto alle "arie alternati"e sono ordinate linearmente, la "otazione uL infatti rodurre un ordine sociale circolare1&(. Per illustrare il aradosso, consideriamo un)altra delle elezioni residenziali statunitensiI 6uella del 18,#. 0llora Eimm; +arter "inse su Gerald 3ord, c!e a"e"a ottenuto la nomination re ubblicana "incendo su :onald :eagan. -a i sondaggi dice"ano c!e :eagan a"rebbe "into su +arter $come oi successe effetti"amente, benc!J con un di"erso elettorato, nel 1840%.
1&&

-. de +ondorcet, )ssai sur l.application de l.anal0se la probabilit# des d#cisions rendues la pluralit# des %oix, Parigi, 1,4(. $!.d.A.% 1&( La ro riet7 matematica 6ui in 6uestione 5 detta transiti"it7I se x recede 0 e 0 recede (, allora x recede (. 'ell)esem io seguente le referenze indi"iduali sono transiti"e, ma non cosQ 6uelle sociali. $!.d.A.%

1&*

2na situazione circolare, in cui tre candidati sono in grado di "incere uno sull)altro, 5 o""iamente imbarazzante er un sistema in cui i candidati "engono selezionati in elezioni successi"e, due a due. Il "incitore di ende infatti soltanto dall)ordine in cui "engono effettuate le "otazioni. 0d esem io, er far "incere 3ord nel 18,# sarebbe bastato far rima la "otazione tra +arter e :eagan, e oi la "otazione tra il "incitore $:eagan% e 3ord. Il aradosso di +ondorcet non lascia scelta. O si "otano tutte le alternati"e una contro l)altra, e allora uL o""iamente succedere c!e nessuna ottenga la maggioranza. O ure si "otano le "arie alternati"e in un certo ordine, e allora la "incitrice di ende dall)ordine scelto. +ome se ciL non bastasse, un articolare ordine di "otazioni uL ermettere ad un)alternati"a di "incere anc!e 6uando ne esista un)altra c!e le 5 unanimemente referita. Poic!J la "otazione a maggioranza su iK di due alternati"e 5 un sistema largamente a licato in assisi locali, nazionali e so"ranazionali, l)interesse del aradosso 5 e"idente. 3ra l)altro, esso s iega le cosiddette battaglie rocedurali, a "olte furiose, sull)ordine delle "otazioni. Lungi dall)essere bizantinismi, come otrebbero a arire, esse sono in realt7 essenziali er ilotare il risultato finale nella direzione "oluta, relegando le "otazioni al ruolo di co ertura democratica di "eri e ro ri col i di mano. 1ale la ena sottolineare c!e, affinc!J il aradosso di +ondorcet sia ossibile, non uL esserci un)alternati"a c!e nessuno considera la eggiore. Infatti, se 0 "ince su 9 er maggioranza, almeno la met7 iK uno dei "otanti referisce 0 a 9. Se 9 "ince su + er maggioranza, almeno la met7 iK uno dei "otanti referisce 9 a +. /un6ue, almeno uno dei "otanti referisce 0 a 9 e 9 a +, e + 5 considerata l)alternati"a eggiore da 6ualcuno. Per simmetria, lo stesso "ale er 0 e 9. 0ffinc!J l)ordine sociale generato dalla "otazione er maggioranza ossa essere circolare, 5 dun6ue necessario c!e ogni alternati"a sia considerata la eggiore da 6ualcuno. =uesto es one un)incom atibilit7 fra libert7 indi"iduale, c!e ermette a ciascuno di scegliere un 6ualun6ue ordine di referenze, e armonia sociale, c!e ric!iede in"ece una certa uniformit7 fra gli ordini indi"iduali. E s iega anc!e sia l)adeguatezza della "otazione a maggioranza nei momenti di stabilit7 olitica, c!e la sua im otenza nei momenti di ri"olgimento. 'ei rimi esistono alternati"e c!e nessuno considera le eggioriI 6uelle di centro. 'ei secondi la radicalizzazione delle referenze crea in"ece le condizioni er il aradosso. ,roblemi di peso

La "otazione a maggioranza ro osta nel aragrafo recedente non 5, o""iamente, l)unica soluzione ossibile alla scelta fra iK alternati"e. 2n)altra 5 la %ota(ione a pluralit I si resentano tutte le alternati"e simultaneamente, ciascun "otante ne sceglie una, e "ince 6uella c!e rice"e il maggior numero di "oti.

1&&

'el 1,41 EeanB+!arles de 9orda $1,**B1,88% sco rQ c!e si im one"a erL una scelta fra i due metodi, "isto c!e luralit7 e maggioranza sono fra loro incom atibili1&#. 0d esem io, si considerino 6uindici "otanti, c!e debbano scegliere ris etto alle alternati"e 0, 9 e +. Su oniamo c!e gli ordini di referenze indi"iduali siano i seguentiI [ # "otanti referiscono 0 a 9, e 9 a +W [ & "otanti referiscono 9 a +, e + ad 0W [ ( "otanti referiscono + a 9, e 9 ad 0. =uando si ongano in "otazione le alternati"e a luralit7, 0 "ince su + er # a (, e + "ince su 9 er ( a &. =uando in"ece si ongano in "otazione le alternati"e a maggioranza, allora 9 "ince su + er 10 a (, e + "ince su 0 er 8 a #. I due sistemi di "otazione roducono dun6ue ordini sociali contra osti. 9orda non si accorse c!e la "otazione a maggioranza ote"a non essere transiti"a, anc!e erc!J nell)esem io recedente lo 5I 9 "ince su 0 er 8 a #. Egli indi"iduL in"ece un roblema nel fatto c!e nella "otazione a luralit7 si considera soltanto una arte dell)informazione contenuta nei "ari ordini di referenza indi"idualiI recisamente, la rima alternati"a. La cosa si uL rimediare con sistemi di %oto pesato, in cui i "otanti associano, direttamente od indirettamente, dei esi numerici alle "arie alternati"e. 0d esem io, nell)assegnamento canonico si danno n unti alla rima di n alternati"e, n[1 unti alla seconda, e "ia scalando. La costruzione dell)ordine sociale si effettua, in 6uesto caso, sommando i esi delle alternati"e nei "ari ordini indi"iduali. -a, come gi7 nel caso della "otazione a maggioranza, anc!e i sistemi di "oto esato resentano situazioni aradossali. Stabilire l)assegnamento dei esi resenta immediatamente "arie difficolt7. In rimo luogo, sicologic!eI come misurare le intensit7 delle referenze er ciascun indi"iduo. In secondo luogo, sociologic!eI come aragonare fra loro i "ari sistemi di misura indi"iduali. In terzo luogo, e so rattutto, logic!eI il risultato uL infatti di endere dall)assegnazione dei esi. 0d esem io, si considerino cin6ue "otanti, c!e debbano scegliere ris etto alle alternati"e 0, 9 e +. Su oniamo c!e gli ordini di referenze indi"iduali siano i seguentiI [ * "otanti referiscono 0 a 9, e 9 a +W [ 2 "otanti referiscono 9 a +, e + ad 0. Se si assegna un unto alla rima di ogni lista e nessuno alle altre, come nella "otazione a luralit7, 0 "ince su 9 er * a 2. Se in"ece si assegnano due unti alla rima, uno alla seconda e nessuno alla terza di ogni lista, allora 9 "ince su 0 er , a #. +omun6ue, 6uand)anc!e si siano fissati l)assegnamento dei esi e gli ordinamenti indi"iduali, l)ordine sociale fra due alternati"e di ende dalla resenza o meno di altre alternati"e in gara.
1&#

E.B+, de 9orda, 7#moire sur les #lections au scrutin, -Jmoires de l)0cadJmie :o;aledes Sciences $1,41%I #(,B##(. $!.d.A.%

1&(

0d esem io, se l)assegnamento 5 6uello canonico e gli ordini indi"iduali sono 6uelli dell)esem io recedente, allora 0 erde su 9 er 11 a 12. Poic!J l)alternati"a + non solo 5 l)ultima in assoluto, con , unti, ma non 5 referita da nessun "otante a 9, c!e, 5 la rima in assoluto, si otrebbe ensare c!e la resenza di + sia irrile"ante er la "ittoria di 9. Essa risulta in"ece determinante. Se infatti l)alternati"a + "iene eliminata, allora si rimane con tre "otanti c!e referiscono 0 a 9 e due c!e referiscono 9 ad 0. =uesta "olta, dun6ue, 0 "ince su 9 er 4 a ,. Problemi di 6uesto genere !anno reso i sistemi di "oto esato, c!e in ogni caso sono iK com licati di 6uelli a maggioranza, oco raticabili. Oggi essi sono usati 6uasi esclusi"amente in multicom etizioni s orti"e, 6uali il decatlon. In 6uesto caso le alternati"e sono gli atleti in gara, i "otanti le "arie com etizioni, le referenze gli ordini di arri"o, e i esi i unteggi assegnati. Il teorema di Arrow

I aradossi di +ondorcet e 9orda es osero alcune difficolt7 dei sistemi di "otazione allora noti, senza eraltro fermare la storia. La g!igliottina era infatti un argomento ben iK tagliente dei aradossi, e la democrazia si dimostrL storicamente ineluttabile, benc!J logicamente inconsistente. L)argomento di +ondorcet cadde nell)oblio, "enne risco erto eriodicamente, da LeDis +arroll nel 14,# a /uncan 9lac> nel 18&4, e fu untualmente ridimenticato. Esso fu infine ritro"ato nel 18(1 da ?ennet! 0rroD1&,, un gio"ane economista c!e a"e"a studiato logica matematica con 0lfred Tars>i. La sua formazione lo stimolL a non fermarsi al aradosso e ad andare oltre, facendogli domandare se esso fosse frutto del caso o della necessit7. In altre arole, 0rroD si ose il roblema se si ossa tro"are almeno un sistema di "otazione c!e ermetta di estendere la transiti"it7 dalle referenze indi"iduali a 6uelle sociali. 3ino ad allora, sia gli idealisti alla ?ant c!e i razionalisti alla 9ent!am a"e"ano supposto c!e l)ordine sociale esistesse, e differi"ano soltanto nel credere c!e esso fosse, ris etti"amente, indi endente o deducibile dagli ordini indi"iduali. Il realista 0rroD scoprD in"ece c!e entrambi a"e"ano torto, erc!J l)ordine sociale non esiste. PiK recisamente, egli dimostrL c!e nessun sistema di "otazione c!e soddisfi le seguenti condizioni reser"a la transiti"it7 delle referenzeI 1%Libert di sceltaI ogni ordine transiti"o di referenze indi"iduale 5 accettabile. 2%6ipenden(a dal %otoI il risultato della "otazione fra due alternati"e 5 determinato uni"ocamente dai "oti dati a esse. *%7onotonicit I se un)alternati"a "ince in una "otazione, continua a "incere in ogni "otazione in cui renda iK "oti.

1&,

?. 0rroD, 'ocial choice and indi%idual %alues, Uale 2ni"ersit; Press, 18(1. $!.d.A.%

1&#

&%$ifiuto della dittaturaI non esiste nessuno le cui referenze indi"iduali dettino il risultato di ogni "otazione, indi endentemente dalle referenze degli altri "otanti. L)analogia con le condizioni di -a; salta agli occ!i. In articolare, oic!J l)anonimato im lica il rifiuto della dittatura, il teorema di 0rroD mostra c!e il teorema di -a; non si uL estendere a iK di due alternati"e. 9enc!J 6uesto risultato sia a unto un teorema, er esorcizzarlo lo si c!iama s esso paradosso. In inglese la cosa suona bene, erc!J Arrow.s paradox si traduce come G aradosso della 3recciaH, e ne ric!iama un altro omonimoI 6uello di @enone c!e dice c!e una freccia in "olo non uL muo"ersi, erc!J in ogni istante 5 ferma. +iL non !a im edito c!e il teorema di 0rroD fosse oggetto di studi a rofonditi, c!e ora formano la cosiddetta teoria delle scelte sociali. 'J !a distratto il comitato di Stoccolma, c!e nel 18,2 assegnL ad 0rroD il remio 'obel er l)economia $ aradossalmente, con una "otazione%. Il fatto c!e un teorema di scienze olitic!e come 6uello di 0rroD, sull)im ossibilit7 di un sistema democratico di "otazione, gli abbia fruttato un remio 'obel er l)economia, non de"e stu ire. 0 arte le di er sJ o""ie, e oggi lam anti, connessioni e collusioni fra economia e olitica, er la sua natura astratta il risultato si a lica a 6ualun6ue situazione in cui sia necessaria una scelta colletti"a fra un insieme limitato di alternati"e. 0d esem ioI di rodotti in un mercato, di olitic!e aziendali in un consiglio di amministrazione, di ra resentanti in un)assemblea di azionisti... Il teorema di 0rroD rende dun6ue manifesta una difficolt7 nel assaggio dalla microeconomia dei soggetti indi"iduali, 6uali roduttori e consumatori, alla macroeconomia dei gru i, 6uali i mercati. PiK in generale, ric!iama alla mente tutta una serie di situazioni analog!e, in cui risulta difficile, o im ossibile, giustificare il com ortamento globale di un sistema sulla base dei com ortamenti indi"iduali delle sue com onenti. =uanto alle conseguenze filosofic!e del teorema di 0rroD, non si ossono enunciare meglio di 6uanto abbia fatto Paul Samuelson1&4, remio 'obel er l)economia nel 18,0. In rimo luogo, egli ammette candidamente c!e Gla ricerca della democrazia erfetta da arte delle grandi menti della storia si 5 ri"elata la ricerca di una c!imera, di un)autocontraddizione logicaH. +on buona ace di 6uei olitici e di 6uei mezzi di informazione mondiali c!e oggi non fanno c!e cantare incessantemente il mantra del su osto trionfo di 6uella c!imera. In secondo luogo, Samuelson traccia un arallelo c!e er noi 5 estremamente significati"oI GLa de"astante sco erta di 0rroD 5, er la olitica, ciL c!e il teorema di G<del 5 er la matematicaH. In articolare, entrambi i risultati mostrano limitazioni intrinsec!e dei ris etti"i cam i in maniera sem lice ed ine6ui"ocabile, distruggendo cosQ ingenue illusioni. 'e ure il teorema di 0rroD 5, comun6ue, l)ultima arola in termini di limitazioni della democrazia. 2n risultato altrettanto scon"olgente, se non di iK, 5 stato ottenuto nel 18,0 da 0mart;a Sen1&8, remio 'obel er l)economia nel 1884. Partendo da
1&4 1&8

In 'cientific American, ottobre 18,&, . 120. $!.d.A.%

0. Sen, 2olletti%e choice and social welfare, AoldenB/a;, 18,0. $!.d.A.%


1&,

i otesi analog!e a 6uelle di 0rroD, Sen !a infatti dimostrato c!e in una societ7 al massimo un indi"iduo uL a"ere dei dirittiF Il paradosso dell.Alabama

Il teorema di 0rroD !a reso es licite alcune condizioni minimali im licite nel concetto di democrazia e !a dimostrato c!e non esiste nessun sistema di "otazione c!e le soddisfi contem oraneamente. Il c!e s iega la roliferazione delle leggi elettorali nei "ari aesi e la dis arit7 di "edute su di esse da arte dei artiti oliticiI oic!J non ci sono sistemi ottimali er tutti, ciascuno cerca di far re"alere 6uello c!e sul momento gli sembra il iK con"eniente er sJ. Il ti o di "otazione er la scelta fra i "ari candidati 5, comun6ue, soltanto uno dei roblemi c!e una legge elettorale de"e risol"ere, benc!J certamente il iK a ariscente er gli elettori. Prima di "otare, bisogna infatti distribuire i seggi fra i collegi elettorali sulla base della loro o olazione. E do o il "oto, bisogna distribuire i seggi fra i artiti sulla base dei "oti da loro ottenuti. Poic!J il numero dei seggi 5 o""iamente molto inferiore al numero di elettori o di "otanti, la di"isione non dar7 in genere come risultato un numero intero. Per moti"i di e6uit7, si do"rebbe a licare un principio di propor(ionalit I il numero di seggi assegnato ad un collegio o ad un artito do"r7 essere una delle due a rossimazioni intere, er difetto o er eccesso, del numero razionale c!e si ottiene dalla di"isione. 0d esem io, se i seggi da distribuire sono 10 e un collegio !a un terzo della o olazione, i seggi ad esso assegnati do"ranno essere * o &. La ro orzionalit7 riguarda la consistenza dei collegi o dei artiti resi singolarmente. L)ulteriore principio di monotonicit riguarda la loro consistenza relati"aI i collegi con iK elettori non do"rebbero rice"ere meno seggi dei collegi con meno elettori, e la stessa cosa do"rebbe "alere er i artiti con iK "oti nei confronti di 6uelli con meno "oti. Inoltre, 6uesto do"rebbe "alere sia er le situazioni sincronic!e relati"e ad una singola elezione, misurate dalle ercentuali, c!e er le situazioni diacronic!e relati"e ad elezioni in tem i di"ersi, misurate dai ra orti fra le ercentuali. +ome ormai ossiamo as ettarci, 6ueste condizioni sono difficili da soddisfare. Lo si sco rQ la rima "olta nel 1440, 6uando gli Stati 2niti decisero di aumentare il numero dei de utati del +ongresso da 288 a *00. +i si as etta"a c!e uno stato a"rebbe ottenuto un de utato in iK. Si sco rQ in"ece c!e due stati ac6uista"ano un de utato, mentre l)0labama ne erde"a unoF Il roblema sta"a nel sistema di distribuzione dei seggi allora in "igore. Pro osto nel 1,81 da 0leCander Aamilton $1,((B140&%, ministro del Tesoro di George Ras!ington, esso rocede"a nel seguente modo. 0nzitutto, calcola"a le 6uote s ettanti a ciascuno Stato. Poi le arrotonda"a er difetto, assegnando a ciascuno Stato il minimo numero di seggi a cui a"e"a diritto. Infine distribui"a i seggi rimanenti agli Stati c!e a"e"ano erso di iK nell)arrotondamento. =uello c!e di"enne noto come il paradosso dell.Alabama mostrL c!e 6uesto sistema, er 6uanto razionale, a"e"a
1&4

conseguenze aradossali, do"ute al fatto c!e l)aggiunta di nuo"i seggi face"a o""iamente salire la 6uota di ciascuno Stato, ma non con la stessa ercentuale. 'el 180, si resentL un nuo"o roblema, do"uto all)entrata dell)O>la!oma negli Stati 2niti. 0l nuo"o stato "ennero assegnati cin6ue nuo"i seggi, ma si sco rQ c!e l)assegnazione dei rimanenti $e in"ariati% seggi agli altri Stati "eni"a comun6ue modificataI lo stato di 'eD Uor> do"ette cedere uno dei suoi seggi al -aine. =uesta "olta si arlL di paradosso del nuo%o stato. Le olemic!e seguite a 6uesti imbarazzi ro"ocarono una s asmodica ricerca di un sistema immune da aradossi. Purtro o, nel 1842 -ic!el 9alins>; e Pe;ton Uoung !anno dimostrato1(0 c!e non esiste nessun metodo di distribuzione dei seggi c!e soddisfi i rincQ i di ro orzionalit7 e di monotonicit7. 9asta infatti c!e ci siano almeno , seggi da distribuire fra almeno & collegi, erc!J ossano "erificarsi roblemi. 0nzitutto, al momento di una rima elezione la ercentuale della o olazione ris etto al numero dei seggi uL infatti essere distribuita nel modo seguenteI [ (,01 nel collegio 0W [ 0,#, nel collegio 9W [ 0,#, nel collegio +W [ 0,#( nel collegio /. L)unica distribuzione di seggi com atibile con le condizioni di ro orzionalit7 e monotonicit7 5I cin6ue seggi al collegio 0, un seggio a ciascuno dei collegi 9 e +, e nessun seggio al collegio /. 0l momento di una seconda elezione, la ercentuale della o olazione uL essere ridistribuita nel modo seguenteI [ *,88 nel collegio 0W [ 2,00 nel collegio 9W [ 0,(0 nel collegio +W [ 0,(1 nel collegio /. =uesta "olta, le unic!e distribuzioni di seggi com atibili con le condizioni di ro orzionalit7 e monotonicit7 sonoI tre o 6uattro seggi al collegio 0, due seggi al collegio 9, uno o nessun seggio al collegio +, e un seggio al collegio /. 'el assaggio dalla rima alla seconda elezione il collegio 0 !a dun6ue erso almeno un seggio, e il collegio / ne !a guadagnato uno. -a 6uesto 5 in contrasto con il rinci io di monotonicit7, erc!J 0 5 cresciuto ris etto a / da circa ,,( "olte a circa 4 "olte. ,ropor(ionale o maggioritario?

I teoremi di 0rroD e di 9alins>; e Uoung !anno inferto col i mortali al rinci io di ro orzionalit7. -olte democrazie l)!anno 6uindi abbandonato, iK o meno s udoratamente. 0nc!e la nostra, a col i di referendum e mattarellum, er 6ualc!e
1(0

-. 9alins>i e P. Uoung, Fair representation, Uale 2ni"ersit; Press, 1842. $!.d.A.%

1&8

anno !a ensato c!e la soluzione dei guai della democrazia stesse nell)adozione di una 6ualc!e forma di sistema maggioritario. Purtro o er loro, i sistemi maggioritari non stanno meglio di 6uelli ro orzionali. 0d esem io, nel maggioritario secco 5 ossibile c!e un artito con 6uasi il (0 er cento dei "oti nazionali non renda ne ure un seggio, e c!e ogni seggio "ada in"ece a artiti locali con una minima ra resentanza. 9asta infatti c!e in ciascun collegio uno stesso artito nazionale ottenga il (0 er cento dei "oti meno uno, e c!e un artito locale ottenga il (0 er cento dei "oti iK uno, affinc!J il seggio "ada al secondo. 2n altro aradosso dei sistemi c!e, come il maggioritario, resentano la scelta fra due soli candidati o oli, uL essere efficacemente illustrato in termini di gelatai $senza intenti denigratori nei confronti di nessuno%. Su oniamo dun6ue di tro"arci su una s iaggia assolata lunga un c!ilometro, stracolma di bagnanti accaldati, e c!e arri"ino due gelatai a "endere i loro rodotti. Per i bagnanti, la loro collocazione iK sensata sarebbe c!e entrambi si onessero a duecentocin6uanta metri dagli estremi della s iaggia, cio5 a un 6uarto e tre 6uarti. In tal modo, infatti, nessun bagnante do"rebbe fare iK di duecentocin6uanta metri er raggiungere il iK "icino dei gelatai. -a i gelatai ragionano di"ersamenteI a loro con"iene orsi il iK ossibile "icini fra loro er contendersi i bagnanti della zona intermedia, "isto c!e 6uelli agli estremi andranno in ogni caso a com rare il gelato dal iK "icino. /al unto di "ista dei gelatai, la sistemazione iK razionale 5 dun6ue c!e entrambi si situino al centro della s iaggia. Il c!e 5 ciL c!e s esso accade er i candidati o i oli dei sistemi maggioritari consolidati, c!e finiscono er risultare indistinguibili nei loro rogrammi olitici. Il aradosso sta, o""iamente, nel fatto c!e allora non !a senso scomodarsi a scegliere fra due candidati c!e ro ongono lo stesso rogramma. Siamo cosQ ritornati al unto di artenzaI c!e le ersone razionali non a"rebbero moti"i er andare a "otare. -a se solo gli irrazionali "otano, non ossiamo oi stu irci nJ dei risultati delle "otazioni, nJ della conseguente serie di a rezzamenti sulla democrazia con la 6uale abbiamo iniziato il discorso. Per finirlo con una arola buona dobbiamo ammettere c!e almeno un "antaggio la democrazia ce l)!aI ora si contano tutti i "oti, mentre una "olta solo i +onti "ota"ano.

1(0

+a itolo otta"o

'guardo paradossale al futuro

9orges !a fatto notare c!e la memoria non 5 meno rodigiosa della di"inazioneI ricordare il assato 5 tanto taumaturgico 6uanto re"edere il futuro1(1. L)essere miracolati in un senso non ci im edisce erL di "olerlo essere anc!e nell)altro. La $fanta%scienza si 5 dun6ue s esso lanciata in s eculazioni sulla ossibilit7 di "iaggi nel futuro, alla sco erta re"enti"a di ciL c!e a""err7. Poic!J la logica non "uole essere da meno, ci ro oniamo di esaminare le otenzialit7 di re"eggenza del uro ragionamento, nella s eranza o di imbatterci effetti"amente in miracoli futuristi, o di dimostrare c!e essi sono im ossibili. +asi estremi c!e, er moti"i contra osti, ci soddisferebbero comun6ue entrambi. 2ose da non credere

2na affermazione 5 "era se descri"e uno stato di cose, giustificata se ci sono moti"i razionali er crederla, e creduta se 6ualcuno la crede. Poic!J le tre ro riet7 collegano es ressioni linguistic!e a cose fra loro di"erse 6uali il mondo, la logica e la coscienza, esse sono mutuamente indi endenti, e roducono 6uindi otto ossibili combinazioni. 0d esem io, le affermazioni scientific!e sono giustificate, altrimenti non sarebbero scientific!e. 'aturalmente ossono essere "ere o, meno robabilmente, false. In ogni caso, le ersone razionali le credono e 6uelle irrazionali no. Il c!e roduce 6uattro ossibilit7. 0nalogamente, le su erstizioni non sono giustificate, altrimenti non sarebbero su erstizioni. 0nc!)esse ossono essere "ere o, iK robabilmente, false. In ogni caso, le ersone irrazionali le credono e 6uelle razionali no. Il c!e roduce le altre 6uattro ossibilit7. 2n esem io interessante di afferma(ioni %ere, giustificate e non credute si !a 6uando si nega l)e"idenza, come nel caso del paradosso di 7oore1(2I GIl gatto 5 sul ta eto, ma non ci credoH. Il aradosso nasce dal fatto c!e la giustificazione ercetti"a si resume essere, in condizioni normali, tanto robante da forzare la credenza. /o"rebbe dun6ue essere im ossibile affermareI GLo "edo, ma non ci credoH.
1(1

Simmetricamente, 9orges ritene"a incongruente reoccu arsi molto di ciL c!e ci otrebbe ca itare do o la morte, e oco di ciL c!e ci 5 successo rima della nascita. $!.d.A.% 1(2 G. -oore, A repl0 to m0 critics, in The philosoph0 of G. ). 7oore, a cura di P. Sc!il , 18&2, .(**B#,,. $!.d.A.%

1(1

In realt7, non 5 cosQ. 0nzitutto, come "edremo, 6uesta fu ro rio la reazione c!e +antor manifestL, do o a"er dimostrato uno dei suoi famosi teoremi. Inoltre, e in maniera iK aneddottica, si narra c!e 'iels 9o!r, remio 'obel er la fisica nel 1822, tenesse un ferro di ca"allo sulla orta di casa. 0d un "isitatore c!e un giorno gli domandL scandalizzato se crede"a da""ero c!e il ferro ortasse fortuna, 9o!r ris oseI G'on ci credo, ma dicono c!e funzioni lo stessoH. Sulla scorta delle ro riet7 considerate, "errebbe naturale dire c!e una conoscenza 5 una credenza giustificata di una "erit7. Il paradosso di Gettier1(* mostra in"ece c!e esistono creden(e %ere e giustificate che non si possono considerare conoscen(e. T infatti ossibile c!e una giustificazione corretta orti a una "erit7 er i moti"i sbagliati, ro"ocando situazioni c!e si ossono descri"ere come Ga"er ragione ur a"endo tortoH o Ga"er torto ur a"endo ragioneH, a seconda c!e si onga l)accento sulla "erit7 o sulla giustificazione. +ome disse in Assassinio nella cattedrale T!omas EliotI This is the greatest treason, to do the right thing for the wrong reason , G=uesta 5 la eggior "igliaccata, far le cose giuste er la ragione sbagliataH. Il rimo esem io del aradosso di Gettier risale, in realt7, addirittura a Platone. 'el Teeteto $201% si fa infatti notare c!e un giudice uL credere all)innocenza di un im utato innocente sulla base di una difesa fatta da un a""ocato cosQ bra"o, c!e sarebbe riuscito a con"incere dell)innocenza anc!e di un im utato col e"ole. PiK sem licemente, c!iun6ue uL credere alle tre del omeriggio c!e sono le tre sulla base del res onso di un orologio c!e in genere 5 affidabile, ma in 6uel momento 5 er caso fermo alle tre, o indietro di dodici ore. 'el caso iK s ecifico del futuro, : possibile fare pre%isioni %eritiere e giustificate ma fuor%ianti. 0d esem io, si uL re"edere c!e domani si "edr7 una ersona a cui si 5 dato un a untamento e il giorno do o recarsi effetti"amente a "ederla all)obitorio, do o un incidente di cui 5 stata "ittima. 'orprese annunciate

2na limitazione iK inas ettata e interessante delle tre ro riet7 considerate sta nel fatto c!e esistono %erit che non possono essere creden(e giustificate. =ueste "erit7 descri"ono stati di cose c!e sono inaccessibili alla ura logica, e costituiscono un analogo delle ro osizioni di G<del c!e mostrano l)incom letezza dei sistemi formali. Per illustrare la ossibilit7 nel caso del futuro, consideriamo un e"ento effetti"amente a""enuto nel assato. 'el 18&*, durante la Seconda Guerra -ondiale, la radio s"edese annunciL c!e in una certa settimana a"rebbe a"uto luogo una esercitazione di difesa ci"ile. Per "erificare la re arazione effetti"a delle unit7, l)esercitazione sarebbe erL stata a sor resa. Il rofessor Lennart E>bom fece immediatamente notare ai suoi allie"i c!e l)annuncio era aradossale, a causa del seguente ragionamento. O""iamente l)esercitazione non uL a"er luogo l)ultimo giorno dell)annunciata settimana, erc!J
1(*

E. Gettier, Is @ustified true belief knowledge?, 0nal;sis, 2* $18#*%I 121B12*. $!.d.A.%

1(2

a 6uel unto non sarebbe iK a sor resa. Per lo stesso moti"o si esclude anc!e il enultimo giorno della settimana, erc!J do o il ragionamento recedente esso 5 l)ultimo in cui l)esercitazione uL a"er luogo. E cosQ "ia. /un6ue, l)esercitazione 5 im ossibile. -a tale conclusione la rende inas ettata ogni giorno. 9asta 6uindi c!e essa "enga tenuta un giorno 6ualsiasi, com reso l)ultimo, er farla risultare effetti"amente a sor resa. Il fatto c!e l)esercitazione sia stata annunciata er un giorno non s ecificato di una intera settimana non 5 comun6ue essenzialeI il aradosso rimane anc!e se essa "iene annunciata er un reciso giorno. In 6uesto caso non si uL credere simultaneamente c!e l)esercitazione a"r7 effetti"amente luogo 6uel giorno, e c!e essa sar7 a sor resaI se si crede c!e essa a"r7 luogo, non sar7 a sor resaW se si crede c!e essa non a"r7 luogo, sar7 a sor resa. 'on si uL dun6ue credere c!e 6uel giorno ci sar7 un)esercitazione a sor resa, ma basta c!e essa si tenga effetti"amente erc!J risulti a sor resa. Il aradosso 5 stato in seguito riformulato nei termini iK s"ariati, dagli esami scolastici alle esecuzioni ca itali er im iccagione. /a 6ueste formulazioni !a reso il nome di paradosso dell.esame o paradosso dell.impiccato. La sua essenza 5 comun6ue in"ariata, e si uL isolare nella reannunciata tensione fra la %erit dell)affermazione c!e un certo e"ento accadr7 e sar7 inas ettato, ed una re"enti"a creden(a giustificata di 6uesta affermazione, basata sulla ura logica. Soltanto do o c!e l)e"ento 5 a unto accaduto inas ettato, si uL credere all)affermazione. In altre arole, : impossibile credere a tutte le pre%isioni %eritiere. 'celte determinate

'el 18#8 il filosofo :obert 'ozic> !a di"ulgato il cosiddetto paradosso di !ewcomb, c!e rende il nome dal fisico c!e l)!a sco erto1(&. Su oniamo di arteci are ad un gioco in cui ci sono due buste c!iuseI nella rima c)5 un milione, e nella seconda o non c)5 niente o c)5 un miliardo. Il gioco consiste nello scegliere o entrambe le buste, o solo la seconda. La decisione su c!e cosa ci debba essere nella seconda busta "iene resa da un "eggente, c!e ci mette il miliardo se e solo se re"ede c!e noi renderemo soltanto 6uella. +!e cosa con"iene fare razionalmente. La ris osta di ende dal ti o di strategia c!e si decide di seguire. Il aradosso nasce dal fatto c!e ci sono due strategie, entrambe erfettamente razionali all)a arenza, c!e suggeriscono di tenere com ortamenti o osti. 'el rimo caso si uL seguire il rinci io di utilit , c!e suggerisce il com ortamento c!e roduce il maggior utile. =uesto 5 a unto il caso della scelta della sola seconda busta. Poic!J infatti il "eggente re"ede esattamente il com ortamento, se si rendono entrambe le buste si guadagner7 un milione, mentre se si rende solo la seconda si guadagna un miliardo.
1(&

:. 'ozic>, !ewcomb.s problem and two principles of choice, in )ssa0s in honor of 2arl G. *empel, a cura di 'ic!olas :esc!er, :eidel, 18#8, . 11&B1&#. $!.d.A.%

1(*

'el secondo caso si uL in"ece seguire il rinci io di dominanza, c!e suggerisce il com ortamento consistentemente migliore. T il caso della scelta di entrambe le busteI se infatti il "eggente non !a messo niente nella seconda busta, rendendo solo 6uella non si ottiene niente, mentre rendendole entrambe si ottiene un milioneW se in"ece il "eggente !a messo il miliardo nella seconda busta, rendendo solo 6uella si ottiene un miliardo, mentre rendendole entrambe si ottiene un milione in iK. I due ragionamenti si basano su assunzioni di"erse. Il rimo accetta l)i otesi c!e il "eggente re"eda il futuro, e dun6ue c!e la nostra decisione di rendere o no entrambe le buste determini retroatti"amente la sua scelta di mettere o no il miliardo. Il secondo ragionamento si basa in"ece sul fatto c!e il contenuto delle buste 5 ormai stato fissato sulla base delle re"isioni del "eggente, e 6uindi non uL essere influenzato dalla nostra decisione di rendere o no entrambe le buste. Poic!J la contraddizione rimane comun6ue, er risol"erla sembrano ossibili tre sole stradeI o uno dei due rincQ i non 5 razionale, o il gioco stesso 5 im ossibile. E si ossono effetti"amente tro"are argomenti a fa"ore di ciascuna delle tre ossibilit7I 1% Il principio di utilit riduce l)*omo sapiens all)*omo economicus, e sembra 6uindi iK animalesco c!e razionale. Il mercato 5, infatti, la continuazione della lotta er la so ra""i"enza con altri mezzi. E l)economia 5 una riformulazione della legge della giungla con gli stessi fini. 2% Il principio di dominan(a, benc!J sia uno degli assunti fondamentali della teoria dei gioc!i, orta a conclusioni analogamente aradossali anc!e nel dilemma del rigioniero, dalla cui analisi 'eDcomb !a fra l)altro rica"ato il suo aradosso. 0nc!)esso uL 6uindi essere guardato con sos etto. *% 6ire infine che il gioco : impossibile, significa sem licemente negare la re"eggenza. Il c!e 5 in accordo con una "isione non deterministica $o almeno non calcolabile% del mondo, c!e lasci s azio al libero arbitrio. 0 scanso di e6ui"oci, 5 comun6ue bene notare c!e non 5 necessaria un)assunzione di re"eggenza totale. 9asta c!e il "eggente sa ia re"edere il futuro con robabilit7 di oco su eriore al (0 er cento, erc!J il aradosso continui a "alere1((. Pensare c!e la soluzione del aradosso stia nel fatto c!e il gioco 5 im ossibile, significa allora sostenere c!e : impossibile pre%edere il futuro non solo con certe((a, ma anche con una probabilit di poco superiore al ZO per cento. Per smorzare gli entusiasmi, ossiamo erL anc!e dire c!e, su onendo c!e il "eggente ossa sbagliare re"isione, nessun com ortamento 5 dominante $benc!J si ossa anc!e dire il contrario, in base al ragionamento recedente%. Se infatti la re"isione 5 stata corretta, rendendo solo la seconda busta si ottiene un miliardo e rendendole entrambe si ottiene un milione. Se in"ece la re"isione 5 stata sbagliata, rendendo solo la seconda busta non si ottiene niente e rendendole entrambe si
1((

=uando la robabilit7 di re"isione corretta 5 p, se si rendono entrambe le buste si guadagna mediamente $in milioni%I pi1h$1[p%i1.001, mentre se si rende solo la seconda si guadagna mediamente pi1.000h$1[p%i0. 0ffinc!J si guadagni mediamente di iK rendendo solo la seconda busta, 5 dun6ue sufficiente c!e p sia maggiore di 1.001V2.000P(0,0( er cento $o, iK in generale, di m1hm2V2m2 se nelle due buste ci ossono ris etti"amente essere m1 e m2 milioni%. $!.d.A.%

1(&

ottiene un milione. 'el rimo caso 5 dun6ue meglio rendere solo la seconda busta, mentre nel secondo caso con"iene renderle entrambe. -nniscien(a impotente

Il aradosso di 'eDcomb mostra c!e se i rincQ i di utilit7 e dominanza sono corretti, come ensa a unto la teoria dei gioc!i, la pre%eggen(a : impossibile. Possiamo comun6ue c!iederci se, in ogni caso, sarebbe necessariamente utile od aus icabile sa er re"edere il futuro. La ris osta 5, sor rendentemente, negati"a. +onsideriamo infatti la cosiddetta corsa del coniglio, "ariazione sul tema del film Gio%entV bruciata1(#I due auto si dirigono a tutta "elocit7 una contro l)altra, e "ince il guidatore c!e "ira er ultimo $c!i "ira er rimo 5, a unto, un GconiglioH%. In 6uesto GgiocoH non si uL a licare il rinci io di dominanzaI se l)altro guidatore non "ira, 5 infatti meglio "irare comun6ueW mentre se l)altro "ira, 5 meglio non "irare. Si uL erL a licare un rinci io iK debole, di dominanza ris etto al risc!io, c!e ric!iede di seguire il com ortamento migliore 6uando l)altro fa il eggio. Poic!J il eggio c!e l)altro ossa fare 5 di non "irare, 5 meglio non risc!iare e "irareI se non lo si fa, nel caso eggiore ci si sc!ianta sicuramente. Ora su oniamo, erL, c!e uno dei due sia re"eggente e l)altro lo sa ia. =uesti uL allora sfruttare la situazione, e decidere di non "irare a nessun costo. Poic!J l)altro lo re"ede, 5 costretto a "irare, se non "uole sc!iantarsi. In altre arole, la pre%eggen(a puW essere s%antaggiosa. Il c!e uL essere un buon moti"o er e"itare, anzitutto, di affannarsi nel assatem o referito di olitici e fattucc!iereI la re"isione del futuro. Inoltre, la conclusione recedente uL forse s iegare l)umano istinto di com ortarsi in modo da sfidare /io stessoI il 6uale, sembra, la re"eggenza c)5 l)!a di natura. !on pensare troppo per la tua intelligen(a

Le s eranze c!e la logica ossa essere di aiuto nel re"edere il futuro sono dun6ue s"anite. 0nzitutto, le sue ris oste sono condannate ad a"ere una affidabilit7 oco iK c!e casuale. Inoltre, le ris oste corrette non si ossono in generale riconoscere come tali. Infine, le ris oste c!e sono dimostrabilmente corrette, otrebbero esserlo in maniera inas ettata. +ome se non bastasse, abbiamo oi sco erto c!e la logica, oltre a non essere utile, uL addirittura risultare dannosa. Sa ere tro o, o "oler essere tro o furbi, uL infatti risultare s"antaggioso e aralizzare l)azione. O""iamente, 6ueste conclusioni sono state antici ate da fior di ensatori. 0ristotele afferma, nella 7etafisica $I1, 100#a%, c!e 5 segno di ignoranza non sa ere 6uando si de"e smettere di ragionare. La
1(#

'ell)originale, c!e si intitola"a $ebel without a cause, G:ibelle senza causaH, il gioco si c!iama"a chickie run, Gcorsa del olloHI er gli anglosassoni i conigli sono dun6ue dei olli. Il rotagonista del film era Eames /ean, c!e oco do o si sc!iantL "eramente e morQ, uscendo di $auto%strada a 1#0 all)ora. $!.d.A.%

1((

parabola dell.asino di &uridano, gi7 citata da /ante nel ,aradiso $I1, 1B*%, mostra come la ragione ossa creare dei nodi gordiani c!e si ossono tagliare soltanto in modo arbitrario. S!a>es eare critica, nell)Amleto $I1, &%, l)agire tro o meditato, erc!J nel ensiero ci sono tre arti di follia ed una sola di saggezza. 1oltaire conclude il 2andide con unI GLa"orare senza ragionare 5 il solo modo di rendere la "ita so ortabileH. /ostoe"s>iZ inizia le 7emorie dal sottosuolo sostenendo c!e l)intelligenza 5 una "era e ro ria malattia, e c!e si uL essere uomini di azione soltanto se si 5 imbecilli. Rittgenstein ribadisce, nelle -sser%a(ioni sopra i fondamenti della matematica $III, (#%, c!e attra"erso i aradossi gli d5i ci !anno ammonito c!e bisogna agire senza riflettere. +arlo Emilio Gadda osser"a, in ,er fa%ore, mi lasci nell.ombra, c!e Gnon tutti sono condannati ad essere intelligentiH... -entre, erL, filosofia e letteratura ossono mostrare le limitazioni della logica soltanto metaforicamente, 6uest)ultima 5 riuscita a far meglio e a dimostrarle tecnicamente, tramutando cosQ in unti di forza ro rio 6uei aradossi e teoremi c!e mostrano le sue debolezze.

1(#

+a itolo nono

7ucchi, smeraldi e cor%i

-atematica e scienza sono im rese intellettuali com lementari ma contra oste, c!e si distinguono er la direzione del loro sguardo. La rima rocede in a"anti, dalle i otesi alle conclusioniI cio5, dagli assiomi ai teoremi c!e ne deri"ano. La seconda risale all)indietro, dalle conclusioni alle remesseI cio5, dai dati s erimentali alle leggi fisic!e da cui essi ossono essere deri"ati. +rea dun6ue confusione il fatto c!e il rinci io basilare della matematica "enga c!iamato nello stesso modo di 6uello della scienzaI in entrambi i casi si usa infatti il termine indu(ione. In realt7, i due rincQ i sono com letamente di"ersi, e ossono "enire enunciati nel modo seguenteI [ L.indu(ione matematica stabilisce c!e se una ro riet7 "ale er il numero zero, e se 6uando "ale er il numero n continua a "alere er il numero nh1, allora essa "ale er tutti i numeri. [ L.indu(ione scientifica stabilisce c!e se una ro riet7 5 confermata da tutti i fatti conosciuti, e non 5 falsificata da nessun fatto conosciuto, allora essa 5 "era in generale. +iL c!e accomuna, erL, i due rincQ i dal unto di "ista della logica 5 c!e entrambi godono, come si dice in gergo, di ro riet7 aradossali. T a unto a causa di 6uesta loro godereccia similitudine c!e "engono 6ui accomunati. L.indu(ione matematica

Il rimo aradosso dell)induzione matematica risale al 1 secolo a.+. ed 5 do"uto a @enone di Elea, nella forma del sorite1(,I se un granello di miglio non fa rumore cadendo, allora non uL nemmeno far rumore un mucc!io. E6ui"alentementeI oic!J un mucc!io fa rumore cadendo, allora do"rebbe far rumore anc!e un granello. In realt7, l)i otesi es licita $c!e il rumore di un granello di miglio non si erce isca% 5 "era, ma 6uella im licita $c!e se non si erce isce il rumore di n granelli, allora non si erce isce ne ure 6uello di nh1% 5 falsa. Esiste infatti un li"ello di soglia sotto il 6uale non erce iamo rumore e so ra il 6uale sQ.
1(,

In greco soros significa Gmucc!ioH. GSoriteH 5 un mucc!io di sillogismi, in cui la conclusione di ciascuno 5 la remessa del successi"o. $!.d.A.%

1(,

La cosa 5 ancora iK e"idente in altri casi. 0d esem io, come il detto o olare insegna, esiste una Ggoccia c!e fa traboccare il "asoHI essa im edisce di dedurre, dal fatto c!e una goccia sola non lo fa traboccare, c!e il "aso non trabocc!er7 mai. O, come insegna in"ece una agina nera della storia scientifica, esiste una Gmassa criticaHI essa im edisce di dedurre, dal fatto c!e un atomo di uranio o lutonio non es lode, c!e nessuna concentrazione di atomi es loder7. 'el I1 secolo a.+. Eubulide di -ileto mostrL c!e il ragionamento di @enone si uL a licare anc!e in altre situazioni, in cui non sembra esserci una "ia d)uscita cosQ age"ole. 9asta, ad esem io, sfrondare la "ersione del mucc!io dalla distrazione del rumore e c!iedersi 6uand)5 c!e i granelli di"entano un mucc!io. 2n solo granello non 5 un mucc!io. E se n non sono un mucc!io, allora ne ure nh1 do"rebbero esserlo. Il roblema sembra 6ui essere il fatto c!e la nozione di Gmucc!ioH 5 "aga, ed una ossibile soluzione 5 c!e l)induzione matematica non si ossa a licare a nozioni "ag!e. Effetti"amente, "ersioni del aradosso si ossono costruire er arecc!ie nozioni "ag!e o relati"eI ad esem io, GaltoH e GbassoH $un millimetro in iK o in meno non fa di"entare alti o bassi%, GlungoH e GcortoH, GriccoH e G o"eroH, Gca ellutoH e Gcal"oH... 2na "ersione articolarmente accatti"ante 5 stata ro osta nel 18#8 da Eames +argile1(4. Poic!J un girino di"enta una rana, se il tem o 5 discreto allora de"e esserci un istante in cui il girino 5 ancora girino, ma all)istante successi"o 5 gi7 rana. In articolare, oic!J un film ro"oca una discretizzazione del tem o, filmando la crescita del girino si do"rebbero ottenere due fotogrammi successi"i, nel rimo dei 6uali si "ede ancora il girino, mentre nel secondo si "ede gi7 la rana. 0nc!e le nozioni matematic!e non sono immuni dal aradosso dell)induzione. 0d esem io, zero 5 un numero iccolo, e se n 5 iccolo allora anc!e nh1 5 iccolo. =uindi, er induzione, ogni numero : piccolo1(8. Il aradosso di"enta erL articolarmente rile"ante, e non una ura curiosit7, nelle s"ariate situazioni della "ita reale in cui sono coin"olte ro riet7 c!e non sono resenti a li"ello delle costituenti di un sistema, ma sembrano emergere in modo sconosciuto dalla com lessit7 del sistema stesso. 0d esem ioI la erdita di re"ersibilit7 tem orale nel assaggio dal microsco ico al macrosco ico $seconda legge della termodinamica%, la erdita di realt7 nel assaggio in"erso $teorema di 9ell%, la erdita di transiti"it7 delle referenze nel assaggio dall)indi"iduale al sociale $teorema di 0rroD%, la erdita di determinismo nel assaggio dal locale al globale $teorema della fermata di Turing%, l)ac6uisto di una massa critica er l)a arizione della "ita e della coscienza in organismi su eriori, eccetera. Si uL forse dire c!e il aradosso dell)induzione mostra c!e i sistemi com lessi, in cui il tutto 5 maggiore della somma delle arti, si differenziano dai uri aggregati, in cui il tutto 5 uguale alla somma delle arti, non tanto er il numero degli elementi, 6uanto er la struttura. 0d esem io, 6uattro mele affiancate non sono un mucc!ietto, ma tre a triangolo con una so ra sQ.
1(4 1(8

E. +argile, The sorite paradox, 9ritis! Eournalfor t!e P!iloso !; of Science, 20 $18#8%I 18*B202. $!.d.A.% 'el caso della matematica 6ueste ro riet7 si ossono sfruttare ositi"amente, costruendo ad esem io modelli non standard dell)aritmetica in cui esistono numeri infiniti O-EG0 tali c!e ndO-EG0, er ogni n finito. $!.d.A.%

1(4

L.indu(ione scientifica

Secondo 0ristotele $7etafisica, SIII, &% 5 stato Socrate a sco rire l)induzione, come metodo di assaggio dal articolare al generale. Sem re secondo 0ristotele $Topici, I, 12%, l)induzione 5 uno dei due metodi della dialettica insieme alla deduzione, c!e 5 in"ece un assaggio dal generale al articolare. Stoici ed E icurei iniziarono una dis uta su 6uale dei due metodi fosse 6uello corretto di ragionamento. In articolare, gli Stoici obietta"ano c!e l)indu(ione incompleta, c!e generalizza a artire da un insieme arziale dei ossibili dati, non otr7 mai dare conclusioni certe. In"ece l)indu(ione completa, c!e generalizza a artire dall)intero insieme dei dati ossibili, non 5 altro c!e una forma $in genere im raticabile% di deduzione. La dis uta tra Stoici ed E icurei fu ri resa secoli do o da razionalisti ed em iricisti, in un eriodo in cui i successi dell)induzione nella scienza ne rende"ano ormai necessaria una giustificazione teoretica. 0 6uesto ro osito, Aume suggerQ c!e i ra orti causali e le generalizzazioni indutti"e non sono relazioni fra e"enti fisici ma costruzioni mentali. ?ant recisL c!e i rincQ i di causalit7 e di induzione sono degli a riori c!e determinano la nostra "isione del mondo. 'el frattem o Leibniz a"e"a sco erto, nel 1,0*, il rimo aradosso dell)induzione1#0I come ci sono infinite cur%e che passano per un numero finito di punti, cosQ ogni insieme finito di dati 5 com atibile con un numero infinito di generalizzazioni indutti"e. =uesta osser"azione, 6uasi banale, 5 stata ri ro osta nel 'o"ecento, con grande fracasso, da "ari filosofi. 'elson Goodman $180#B1884% !a anzitutto illustrato il aradosso di Leibniz con una efficace immagine1#1, notando c!e il fatto c!e tutti gli smeraldi sco erti finora sono "erdi ermette di indurre due generalizzazioni contra oste. La rima, iK o""ia, 5 c!e tutti gli smeraldi sono "erdi. La seconda, iK balzana, 5 c!e tutti gli smeraldi scoperti finora sono %erdi, e ;uelli che saranno scoperti d.ora in poi sono blu. 'aturalmente, il roblema 5 ca ire come mai la rima sembra iK sensata della seconda. La soluzione non sta sem licemente nel fatto c!e essa non di ende dal tem o, erc!J basta sostituire la seconda affermazione con 6uella c!e tutti gli smeraldi sono "erdi, eccetto uno c!e 5 blu, er riottenere il roblema. LudDig Rittgenstein $1448B18(1% !a in"ece a licato il aradosso di Leibniz al roblema dell)a rendimento1#2, notando c!e non : possibile imparare una regola generale sulla base di un numero finito di esempi. /al fatto e"idente c!e comun6ue si im ara, Rittgenstein trae la conclusione c!e seguire una regola costituisce una rassi c!e si a rende sulla base del com ortamento colletti"o della societ7. In articolare, un com ortamento non uL essere corretto indi"idualmente, e un linguaggio ri"ato 5 im ossibile.

1#0 1#1

Lettera di Gottfried Leibniz a Ea>ob 9ernoulli, del * dicembre 1,0*. $!.d.A.% '. Goodman, Fact, fiction and forecast, 188&. $!.d.A.% 1#2 L. Rittgenstein, ,hilosophische =ntersuchungen, 18(*. $!.d.A.%

1(8

Rillard =uine $1804B2000% !a infine adattato il aradosso di Leibniz alla teoria naturalistica della conoscenza, riformulandolo in uno stesso saggio in "ari modi 1#*. 0d esem io, nella tesi dell.indeterminate((a delle tradu(ioniI la 6uantit7 di es ressioni linguistic!e finora formulate in una lingua 5 limitata, e non uL determinare un manuale di traduzione c!e de"e essere, er sua natura, di illimitata a licazione. E oi nella tesi della sottodetermina(ione delle teorie/ le ro"e s erimentali a fa"ore di una teoria sono limitate, e non ossono determinare uni"ocamente una teoria c!e sia in grado di effettuare un numero illimitato di re"isioni. =uesti s"ilu i sono osteriori a un dibattito sulla natura e gli sco i dell)induzione, tenutosi negli anni Trenta. In articolare, i ositi"isti logici del circolo di 1ienna a"e"ano da rima ro osto una teoria della %erificabilit , basata su un)idea di RittgensteinI il significato di un)affermazione sta nelle condizioni er "erificarla, e 6uindi solo affermazioni "erificabili sono sensate. +ome conseguenza, nessuna generalizzazione c!e ric!ieda un numero otenzialmente infinito di dati er la ro ria "erifica 5 sensataF 'e ure 6uesta conclusione sembra"a erL essere tro o sensata, erc!J risol"e"a il roblema dell)induzione facendo iazza ulita di tutte le leggi scientific!e c!e a"rebbe do"uto giustificare. ?arl Po er $1802B188&% a"e"a ribattuto con una teoria della falsificabilit 1#&I benc!J, come a"e"a notato Leibniz, un numero finito di e"enti in accordo non uL mai "erificare una generalizzazione infinita, un solo e"ento in disaccordo basta a falsificarla. 'on si tratta 6uindi di giustificare una generalizzazione corretta sulla base dei dati dis onibili, ma soltanto di scegliere fra le i otesi c!e essi non contraddicono. In ratica, la scelta cadr7 oi sulle i otesi iK sem lici, erc!J esse sono le iK facili da falsificare. :udolf +arna $1481B18,0% a"e"a infine accettato in arte le critic!e di Po er, indebolendo la teoria della "erificabilit7 in una teoria della confermabilit 1#(I dalle osser"azioni si ottiene non una "era e ro ria "erifica, ma solo una conferma delle i otesi scientific!e. 0nc!e 6ui, non si tratta 6uindi di giustificare una generalizzazione corretta sulla base dei dati dis onibili, ma soltanto di scegliere fra le i otesi c!e essi confermano. T ro rio nella teoria della conferma c!e sorgono erL i aradossi iK noti dell)induzione, 6uand)essa "enga acco iata ai metodi usuali di deduzione. 2n aradosso de"astante 5 stato tro"ato nel 18,& da -ar; Aesse1##I ;ualun;ue proposi(ione ne conferma ;ualun;ue altraC 0d esem io, il fatto c!e oggi io"a a Londra 5 una conferma dell)affermazione c!e oggi io"e a Londra e c!e c)5 sole a Ta!iti $ iK in generale, un congiunto conferma una congiunzione%. -a se 6ualcosa conferma c!e oggi io"e a Londra e c)5 sole a Ta!iti, do"rebbe confermare in articolare c!e c)5 sole a Ta!iti $ iK in generale, la conferma di una congiunzione conferma ciascun congiunto%. /un6ue, il fatto che pio%a a Londra conferma che c.: sole a Tahiti.
1#* 1#&

R. =uine, -n the reasons for the indeterminac0 of translation, Eournal of P!iloso !;, #, $18,0%I 1,8B14*. $!.d.A.% ?. Po er, The logic of scientific disco%er0, 18*&. $!.d.A.% 1#( :. +arna , Testabilit0 and meaning, P!iloso!ical Science, * $18*#%I &18&,1, e & $18*,%I 1B&0. $!.d.A.% 1## -. Aesse, The strutture of scientific inferente, 18,&. $!.d.A.%

1#0

2n aradosso meno generale, ma non meno fastidioso, era stato formulato da +arl Aem el $180(B188,% nel 18&(1#,. +onsideriamo l)affermazione c!e tutti i cor"i sono neriI essa e6ui"ale all)affermazione c!e tutto ciL c!e non 5 nero non 5 un cor"o, e 6uindi do"rebbe essere confermata da ogni conferma di 6uest)ultima. -a 6uesta 5 confermata ogni "olta c!e tro"iamo 6ualcosa c!e non sia nero e non sia un cor"o. =uindi, ogni cigno bianco conferma che ogni cor%o : nero1#4. 6edu(ioni sull.indu(ione

Lo s"ilu o di strumenti formali er lo studio del ragionamento e del mondo assa er una stretta obbligataI la concentrazione su as etti drasticamente sem lificati, c!e ne ermettano un trattamento matematico. 0nc!e nell)i otesi migliore, c!e 6uesti as etti siano cio5 significati"i, essi forniscono comun6ue soltanto una ra resentazione arziale dei fenomeni c!e "engono descritti. E"identi agli inizi della teorizzazione, 6ueste limitazioni tendono erL col tem o a essere dimenticate nell)inerzia dello s"ilu o. I aradossi ric!iamano allora salutarmente all)ordine, ricordando al ensiero formale c!e esso 5 immune da contraddizioni soltanto all)interno di ben delimitati confini. =uesti confini "engono, in articolare, su erati nelle a licazioni dell)induzione. Esse mostrano a sufficienza c!e, 6uando il linguaggio scientifico si illude di oter curare le im recisioni e le ambiguit7 di 6uello naturale, risc!ia in"ece di risultarne a sua "olta contaminato.

1#, 1#4

+. Aem el, 'tudies in the logic of confirmation, -ind, (& $18&(% 1B1# e 8,B121. $!.d.A.% In termini tecnici, la differenza fra i due aradossi recedenti sta nel fatto c!e il rimo coin"olge soltanto la logica ro osizionale $in articolare, soltanto congiunzione e im licazione%, mentre il secondo coin"olge anc!e la logica del rim)ordine $in articolare il 6uantificatore uni"ersale, oltre a negazione ed e6ui"alenza logica%. $!.d.A.%

1#1

+a itolo decimo

6ai paradossi ai teoremi

Per tre "olte, nella storia, i aradossi sono stati al centro dell)attenzioneI nel eriodo greco, nel -edioe"o e a ca"allo fra Ottocento e 'o"ecento. I di"ersi nomi con cui "ennero c!iamati nei tre eriodi riflettono i di"ersi atteggiamenti c!e si ebbero "erso di essi. Per i Greci erano paralogismi, Goltre la logicaHW er i medioe"ali insolubilia, G roblemi insolubiliHW er i moderni antinomie, Gcontro le regoleH, o, a unto, paradossi, Goltre l)o inione correnteH. +i fu dun6ue un rogressi"o cambiamento di ros etti"a. /a uri e sem lici errori di ragionamento, i aradossi "ennero da rima ri"alutati come dilemmi ins iegabili, e oi "alorizzati come indizi di roblemi del senso comune. Oggi i aradossi sono a unto descritti come "erit7 c!e stanno a testa in giK e gambe all)aria er attirare l)attenzione, e mostrano una discre anza tra le credenze c!e rendono un)affermazione im ossibile, e la logica c!e rende un argomento in loro difesa corretto. L)unica soluzione ossibile, non indolore, ric!iede una re"isione radicale delle credenze, della logica o di entrambe. In matematica, la re"isione ro"oca a "olte una singolare reincarnazione. 0lla luce dei nuo"i concetti introdotti er risol"erli, i "ecc!i aradossi non solo cessano di essere tali, ma si trasformano addirittura in nuo"i teoremi o definizioni, e a aiono finalmente come ure e sem lici "erit7, coi iedi er terra e la testa sul collo. ,itagora

Pitagora $(4(B(00 a.+.% considera"a l)aritmetica come base dell)ordine del creato, o almeno della conoscenza di esso, e sintetizza"a la sua filosofia nel motto Gtutto 5 numero $razionale%H. I numeri descri"e"ano la natura, dalle forme geometric!e agli inter"alli musicali. Le leggi dei numeri riflette"ano le leggi della natura. L)antitesi ariBdis ari s"olge"a un ruolo di aradigma degli o osti, analogo a 6uello del contem oraneo aradigma cinese 0ang[0in. E la contem lazione mistica si raggiunge"a attra"erso la meditazione sui numeri, cio5 facendo matematica. La "isione itagorica fu messa in crisi dal rimo aradosso della storiaI l)incommensurabilit7 della diagonale del 6uadrato ris etto al lato, ossia l)im ossibilit7 di ridurre ad un numero razionale una sem lice arte della natura. La sco erta fu effetti"amente traumatica, al unto c!e la sua ri"elazione ubblica da arte di I aso di -eta onto gli rocurL la radiazione dall)ordine, un mafioso
1#2

a""ertimento nella forma dell)erezione di una tomba in "ita, e la morte er naufragio dietro inter"ento di Gio"e. I Greci non risolsero il aradosso, e decisero in"ece di ribaltare l)a roccio di PitagoraI se la geometria non era riducibile all)aritmetica, si sarebbe ridotta l)aritmetica alla geometria. Per ironia della sorte, essi a"e"ano erL il mezzo tecnico er la soluzioneI la teoria delle ro orzioni di Eudosso $&04B*(( a.+.%, c!e e"itando di trattare direttamente con gli incommensurabili, li riduce"a all)insieme delle loro a rossimazioni razionali. 3u soltanto nel 14,2 c!e, con un ulteriore ribaltone, :ic!ard /ede>ind1#8 $14*1B 181#% definQ come numeri reali gli insiemi delle loro a rossimazioni. PiK recisamente, egli definQ come numero reale una sezione, ottenuta di"idendo i numeri razionali in due insiemi disgiunti, esausti"i e c!iusi $ris etti"amente, uno all)insK e l)altro all)ingiK%. 'el momento dell)introduzione della nozione di numero reale, l)argomento dei itagorici cessa di essere un aradosso e di"enta la dimostrazione del teorema c!e radice ;uadrata di N : irra(ionale, do"e radice 6uadrata di 2 5 la sezione costituita dai razionali il cui 6uadrato 5 ris etti"amente minore o maggiore di 2. -a l)eco del aradosso rimane ancora oggi nelle arole GirrazionaleH e GassurdoH. La rima deri"a da ratio, cio5 Gra ortoH, e significa letteralmente Gnon es rimibile mediante una frazioneH. La seconda deri"a da surdus, c!e 5 il nome con cui si c!iamano le radici 6uadrate di interi non 6uadrati, e significa Gderi"abile dall)irrazionaleH. Genone

0c!ille e la tartaruga contendono al mentitore la alma di rotagonisti del aradosso iK famoso e "enerabile. Poic!J ai due ersonaggi abbiamo gi7 dedicato un intero ca itolo, ci limiteremo 6ui a ricordare la trasformazione del loro aradosso in un teorema matematico. Sostanzialmente, i roblemi degli eleatici, cosQ come 6uelli dei itagorici, si riconduce"ano tutti all)infinito. /a un lato, un segmento finito 6uale la diagonale di un 6uadrato risulta"a scom onibile all)infinito er di"isione ris etto al lato. /all)altro lato, un segmento finito arbitrario risulta"a scom onibile all)infinito er bisezione. In entrambi i casi, il aradosso nasce"a dall)a arente im ossibile coesistenza di finito e infinito in uno stesso ente. In"ece di affrontare il roblema, i Greci referirono rimuo"erlo. Lo stesso 0rc!imede $24,B212 a.+.%, c!e ur do"ette calcolare direttamente somme di serie anc!e com licate 6uali

1+

1 1 1 & + 2 + * + ... = & & & *

1#8

:. /ede>ind, 'tetigkeit und irrationade Gahlen, 14,2. $!.d.A.%


1#*

er determinare aree e "olumi $nel caso s ecifico, l)area di un segmento arabolico%, referQ sem re riformulare a posteriori i suoi argomenti in termini di indirette dimostrazioni er assurdo. +ome abbiamo gi7 "isto, fu soltanto nel 1#&, c!e Gregorio di San 1incenzo $1(4&B1##,% legittimL, nell)-pus geometricum, il concetto di con"ergenza di una serie infinita. L)argomento del aradosso di @enone di"enne, da allora, la dimostrazione di con"ergenza di una serie geometrica, cio5 del teorema

1 1 1 + 2 + * + ... = 1 2 2 2
)ubulide

0nc!e al aradosso del mentitore abbiamo dedicato un intero ca itolo. +ome nel caso recedente, ci limiteremo 6uindi a ricordarne ora la trasformazione in un teorema matematico. Si ricorder7 c!e, fra tutte le innumere"oli ro oste di soluzione del aradosso, c)erano 6uelle c!e sostene"ano c!e affermazioni come G6uesta frase 5 falsaH non !anno sem licemente senso, erc!J coin"olgono una confusione fra uso e menzione. /i 6ueste ro oste !a fatto giustizia nel 18*1 ?urt G<del1,0 $180#B18,4%, mostrando come costruire "ersioni erfettamente sensate di tali affermazioni anc!e all)interno del linguaggio formale della matematica. PiK recisamente, data una 6ualun6ue ro riet7 , es rimibile nel linguaggio, la frase
G!a la ro riet7 , se receduta dalla sua menzioneH !a la ro riet7 , se receduta dalla sua menzione,

in cui la menzione 5 es licitamente indicata dalla resenza delle "irgolette e l)uso dalla sua mancanza, affermaI Gio !o la ro riet7 ,H. L)argomento del aradosso del mentitore mostra allora c!e se la ro riet7 di essere falsa fosse es rimibile nel linguaggio, la frase recedente, c!e direbbe a unto Gio sono falsaH, sarebbe contradditoria. Per i sistemi formali matematici basati sulla logica si uL dun6ue dedurre c!e o essi sono contradditori, o ure la falsit7 $e 6uindi anc!e la "erit7, c!e 5 la sua negazione% non 5 es rimibile nel sistema stesso. In termini iK tecnici, in un sistema formale sufficientemente espressi%o e consistente, la %erit non : definibile. Simmetricamente, in un sistema in cui la $non% dimostrabilit7 sia definibile, 5 ossibile rodurre una frase c!e diceI GIo non sono dimostrabileH. Se il sistema dimostra soltanto affermazioni "ere, esso non uL allora dimostrare tale frase. La

1,0

?. G<del, Mber formal unentscheidbare 'at(e der ,rincDpia 7athematica und %erwandter '0steme I , -onats!efte fXr -at!emati> und P!;si>, *4 $18*1%I 1,*B184. $!.d.A.%

1#&

6uale, essendo a unto non dimostrabile, 5 allora "era. In altre arole, ci sono "erit7 indimostrabili. Si ottiene cosQ una formulazione del famoso teorema di G<del, secondo cui un sistema formale in cui la $non% dimostrabilit7 sia definibile, e c!e dimostri soltanto affermazioni "ere, non uL dimostrarle tutte. In termini iK tecnici, un sistema formale sufficientemente espressi%o e corretto : incompleto. 6uns 'coto

L)atteggiamento greco di non considerare l)infinito attuale come esistente incominciL a essere gradualmente ri"isto a artire dal medioe"o, non senza tenaci resistenze. 2n esem io di 6ueste fu l)argomento del Gdottor sottileH Gio"anni /uns Scoto $12##B1*04%, ri"olto a dimostrare c!e le cur"e geometric!e non si ossono considerare com oste di unti infinitesimi. Se cosQ fosse, infatti, due 6ualun6ue circonferenze $ad esem io, una minuscola ed una gigantesca% do"rebbero a"ere lo stesso numero di unti. Lo si "ede muo"endole da rima in modo da far so"ra orre i loro centri, e oi mettendo in corris ondenza i unti c!e stanno sugli stessi raggi $figura (&%.

3igura (& /ue cerc!i concentrici.

2na confutazione dell)argomento fu tentata nel 1#*4 da Galileo Galilei $1(#&B 1#&2%, nella Prima Giornata dei 6iscorsi e dimostra(ioni matematiche. Egli sostenne, in "erit7 in maniera assai oco con"incente, c!e unti a"enti le stesse dimensioni e in ugual numero ossono costituire circonferenze Gminori della luce dell)occ!io di una ulce, o maggiori dell)e6uinoziale del rimo mobileH, a seconda c!e essi siano iK o meno ra""icinati.

1#(

In maniera matematicamente iK interessante, la frittata fu ri"oltata nel 14(1 da 9ern!ard 9olzano1,1 $1,41B14&4%, seguito nel 14,4 da Georg +antor1,2 $14&(B1814%. I due resero la ossibilit7 di mettere in corris ondenza biuni"oca due insiemi come una definizione del fatto c!e essi abbiano lo stesso numero di elementi. L)argomento di Scoto di"enta allora la dimostrazione del teorema c!e, effetti"amente, due circonferen(e hanno lo stesso numero di punti. La definizione di 9olzano e +antor 5 un esem io di soluzione di un aradosso er accettazione. Essa non elimina la sensazione di fastidio c!e si ro"a nel considerare due grandezze intuiti"amente di"erse come matematicamente uguali, almeno fino a 6uando l)intuizione non "enga sostanzialmente rieducata dalla ratica. 0d esem io, lo stesso +antor dimostrL c!e, secondo la sua definizione, un segmento ed un 6uadrato !anno lo stesso numero di unti. E oic!J non otJ fare a meno di ammettereI GLo "edo, ma non ci credoH, cadde ina""ertitamente dalla adella nella brace. +io5 nel aradosso di -oore, di cui abbiamo arlato in un ca itolo recedente. 2ardano

La soluzione dell)e6uazione generale di terzo e 6uarto grado mediante radicali fu la grande sceneggiata ma tematica del secolo S1I, e coin"olse Sci ione del 3erro $1&#(B1(2#%, 'iccolL 3ontana $1&88B1((,%, detto Tartaglia a causa dei ostumi di una ferita infantile c!e l)a"e"a lasciato balbuziente, Gerolamo +ardano $1(01B1(,#% e Ludo"ico 3errari $1(22B1(#(%. I rimi due risolsero indi endentemente un caso s eciale dell)e6uazione di terzo grado, in cui manca il termine di secondo grado. Il terzo ridusse il caso generale a 6uello s eciale. L)ultimo ridusse il 6uarto grado al terzo. La sceneggiata consistette nel fatto c!e Tartaglia a"e"a comunicato il suo risultato a +ardano a condizione c!e egli lo tenesse segreto, il c!e im edQ er anni la di"ulgazione dei successi"i risultati sia di +ardano c!e di 3errari. =uando +ardano "enne a sa ere della soluzione di Sci ione egli ubblicL il tutto nell)Ars magna $1(&(%, scatenando una reazione furibonda di Tartaglia. 2n aradosso sta"a comun6ue nascosto dietro la formula er la risoluzione della cubica. Essa face"a inter"enire radicali 6uadratici e cubici, c!e a "olte ote"ano coin"olgere numeri negati"i. Ora, i numeri negati"i erano gi7 roblematici di er sJ. 0d esem io, tre ca itoli successi"i del libro di +ardano erano dedicati alla soluzione dei tre Gdi"ersiH ti i di e6uazione

x * + mx = n

x * = mx + n

x * + n = mx

con i coefficienti m e n sem re ositi"i1,*. 'on arliamo dun6ue delle radici di numeri negati"iF
1,1 1,2

9. 9olzano, ,aradoxien des =nendlichen, 14(1. $!.d.A.% G. +antor, )in &eitrag (ur 7annigfaltigkeitslehre, Eournal fXr die reine und angeDandte -at!emati>, 4& $14,4%I 2&2B 2(4. $!.d.A.%

1##

'aturalmente, anc!e la soluzione dell)e6uazione di secondo grado face"a inter"enire radici 6uadrate di numeri c!e ote"ano essere negati"i. -a 6uesto significa"a sem licemente c!e non c)erano soluzioni $reali%. 'el caso dell)e6uazione cubica, in"ece, almeno una soluzione reale esiste sem re. =uindi il roblema non ote"a essere rimosso facilmente. 0d esem io, l)e6uazione x * 1( x & = 0 !a solo radici realiI recisamente, & e 2 3 . -a la formula d7 come soluzione
x = * 2 + 121 * \ 2 + 121

+ardano menzionL la ossibilit7 di considerare numeri complessi, ma la scartL erc!J essi erano Gsottili ed inutiliH. :affaele 9ombelli $1(2#B1(,*% fu il rimo a "edere tali es ressioni come un onte immaginario fra le e6uazioni cubic!e a coefficienti reali e le loro soluzioni reali. 'ell)Algebra del 1(,2 egli notL c!e ele"ando al cubo j2 h k[ 1 si ottene"a j2 h k[ 121. =uindi l)es ressione recedente in realt7 e6ui"ale"a a

x = 2 + 1 2 + 1 = &
+ome gi7 nel caso dell)irrazionalit7 di k2, anc!e la formula er la soluzione dell)e6uazione cubica ortL dun6ue all)introduzione di un nuo"o ti o di numeri. /a un lato, essi si ri"elarono fondamentali er lo s"ilu o della matematica. /all)altro lato, erL, continuarono a ortare nel loro nome di GimmaginariH il ricordo dei roblemi c!e a"e"ano generato in origine. Fermat

) (

'el 1#28 Pierre de 3ermat introdusse un metodo er tro"are tangenti e risol"ere roblemi di massimo e minimo, c!e nel giro di due secoli si sarebbe oi ienamente s"ilu ato nel calcolo differenziale. Il metodo si basa"a sull)uso di 6uantit7 e"anescenti dette infinitesimi, c!e si su one"ano essere non nulle ma iccole a iacere. +io5 maggiori di zero ma minori di 1Vn, er ogni n. 2n esem io dell)uso aradossale c!e "eni"a fatto degli infinitesimi 5 illustrato dal modo in cui 3ermat calcolL la deri"ata di x2, come ra orto incrementaleI
dx 2 ( x + dx ) x 2 2 xdx + ( dx ) = = = 2 x + dx = 2 x dx dx dx
2 2
1,*

Si ricordi, a ro osito di numeri negati"i e aradossi, c!e ancora nel secolo S1II Eo!n Rallis $1#1#B1,0*% si c!iede"a come otesse una 6uantit7 essere meno c!e niente. E dimostra"a c!e i numeri negati"i sono maggiori di infinito, erc!J se a 5 ositi"o allora aV0 P infinito, e 6uando il denominatore di una frazione diminuisce il 6uoziente aumenta.. /al canto suo, 0ntoine 0rnauld $1#12B1#8&% "ede"a un roblema nell)uguaglianza 1V[1 P [1V1, erc!J il ra orto di una 6uantit7 iK grande con una iK iccola non uL essere uguale al ra orto di una 6uantit7 iK iccola con una iK grande. $!.d.A.%

1#,

=ui dx "iene considerato di"erso da zero 6uando lo si sem lifica come di"isore, ma uguale a zero 6uando oi lo si elimina alla fineF =uesto rocedimento solle"L seri dubbi sulla consistenza del calcolo stesso, so rattutto nel eriodo di crescita im etuosa in cui l)atti"it7 dei matematici si concentrL iK sull)edificio c!e sui fondamenti. La critica iK s ietata "enne dal "esco"o George 9er>ele; $1#4(B1,(*%, c!e non si lasciL sca are l)occasione di tirar ac6ua al suo mulino, e ubblicL nel 1,*& un)o era di cui almeno il titolo 5 un ca ola"oroI L.analista, o%%ero discorso indiri((ato ad un matematico infedele, do%e si esamina se l.oggetto, i princDpi e le conclusioni dell.Analisi moderna siano piV chiaramente concepiti, o dedotti in modo piV e%idente, dei misteri della religione e degli articoli di fede. Q,rima estrai la tra%e dal tuo occhio, e poi ci %edrai chiaramente per estrarre la pagliu((a dall.occhio del tuo fratelloR. 9er>ele; arla"a degli infinitesimi come di Gfantasmi di 6uantit7 deceduteH, e del rocedimento so ra descritto come di Gun do io errore c!e genera forse una "erit7, ma certo non una scienzaH. L)ultima osser"azione ris onde"a alla debole difesa dei matematici, c!e ote"ano solo limitarsi a notare c!e il calcolo da"a risultati corretti e utili. Il secolo SIS "ide una rimozione degli infinitesimi da arte di 0ugustin Louis +auc!; $1,48B14(,%. 'el 1421, nel suo +orso di analisi algebrica, egli definQ i ra orti incrementali in termini non di infinitesimi, ma di limiti di 6uantit7 finite. 'el caso dell)esem io recedente si ottene"a cosQI
dx 2 ( x + l) x2 2 xl + l 2 = limite con l 0 = limite con l 0 = limite con l 0( 2 x + l ) = 2 x dx l l
2

In tal modo la sem lificazione di dx "iene sostituita con 6uella di l, c!e 5 effetti"amente una 6uantit7 di"ersa da zero. E la eliminazione di dx "iene sostituita con un limite er l tendente a zero, senza mai ric!iedere di considerarlo uguale a zero. 0 coloro c!e ote"ano ensare c!e la soluzione di +auc!; s ostasse soltanto il roblema dagli infinitesimi ai limiti, ris ose ?arl Reierstrass $141(B148,% a met7 del secolo SIS con la sua famosa definizione di limite in termini di e silon e delta. La soluzione era erL amara er la memoria dei adri fondatori del calcolo, c!e "ede"ano ri"endicati i ro ri risultati, ma non i ro ri metodi. La riabilitazione dei metodi "enne soltanto nel 18#(, da arte di 0bra!am :obinson $1814B18,&%. 'el suo libro Analisi non standard egli mostrL c!e la logica matematica, in articolare il cosiddetto teorema di com attezza, ermette di tro"are una classe di numeri iperreali c!e, ur contenendo oltre ai numeri reali soliti anc!e le loro "arianti infinitesime $in modo analogo a 6uello in cui i numeri reali contengono oltre ai numeri interi anc!e le loro "arianti decimali%, !a le stesse ro riet7 dei numeri reali. 'ell)ambito dei numeri i erreali il calcolo di 3ermat della deri"ata di x2, cosQ come i rocedimenti degli analisti stigmatizzati da 9er>ele;, di"entano erfettamente
1#4

corretti. 0d esem io, dx 5 effetti"amente di"erso da zero, e si uL 6uindi di"idere er esso. E benc!J 2x h dx e 2x siano numeri i erreali di"ersi, !anno la stessa arte reale $cosQ come due numeri decimali ossono essere di"ersi, ma a"ere la stessa arte intera%. Essi sono 6uindi uguali dal unto di "ista dei numeri reali. Galileo

'ella gi7 citata Prima Giornata dei 6iscorsi e dimostra(ioni matematiche, Galileo affronta un articolato discorso sull)infinito. In articolare, egli enuncia c!iaramente il aradosso secondo cui, nell)infinito, il tutto non 5 necessariamente maggiore della arte. 0d esem io, i 6uadrati sono tanti 6uanti i numeri interi, erc!J basta mettere in corris ondenza ciascun numero n col suo 6uadrato n2. Galileo rese la sua sco erta tro o seriamente, sostenendo ad esem io c!e essa mostra"a c!e non !a senso dire di due insiemi infiniti c!e uno 5 maggiore dell)altro. -a egli si era comun6ue imbattuto in una ro riet7 fondamentale degli insiemi infiniti. =uella di contenere, cio5, una arte ro ria con lo stesso numero di elementi del tutto. In seguito, negli anni Ottanta del secolo SIS, +!arles Peirce 1,& $14*8B181&% e :ic!ard /ede>ind1,( ro osero indi endentemente di considerare tale ro riet7 come caratteristica degli insiemi infiniti, rendendola come definizione. =uesta definizione 5 e6ui"alente a 6uella solita, secondo la 6uale un insieme 5 infinito se il numero dei suoi elementi non 5 finito. +io5, se esso non !a n elementi, er nessun intero n. -a la dimostrazione dell)e6ui"alenza ric!iede il cosiddetto assioma della scelta, c!e ermette di effettuare scelte arbitrarie. In mancanza di tale assioma i due concetti sono in"ece distinti. Possono, cio5, esistere insiemi c!e non !anno n elementi, er nessun n, ma non contengono ne ure una arte ro ria con lo stesso numero di elementi del tutto. Essi sono infiniti nel senso solito, ma finiti in 6uello di Peirce e /ede>ind, e a artengono dun6ue ad una s ecie intermedia. Torricelli

'el 1#&& E"angelista Torricelli $1#04B1#&,% ubblicL il suo unico libro, l)-pera geometrica. 2no dei risultati in esso contenuti, c!e fece scal ore fra i suoi contem oranei, fu il calcolo del "olume del solido ottenuto ruotando un ramo di i erbole attorno al suo asse $figura ((%. Torricelli lo c!iamL Gsolido acuto i erbolicoH, ma oggi si usano nomi iK fantasiosi, da Ganfora di @eusH a Gtromba di GabrieleH.
1,&

+. Peirce, -n the algebra of logic, a contribution to the philosoph0 of notation , 0merican Eournal of -at!ematics, , $144(%I 140B202. $!.d.A.% 1,( :. /ede>ind, Has sind und was sollen die Gahlen?, 1444. $!.d.A.%

1#8

3igura (( I erboloide di rotazione, detto GTromba di GabrieleH.

Il risultato era "eramente inas ettato. Il solido !a infatti un "olume finito, ma una su erficie esterna e una sezione interna infinite. Il c!e significa, ensandolo come un reci iente, c!e si uL riem ire l)interno di "ernice, ma non si uL itturare l)esternoF O, ensandolo come una torta, c!e si uL mangiarla intera, ma non a fetteF La dimostrazione di Torricelli, c!e +a"alieri descrisse come G"eramente di"inaH, costitui"a un analogo geometrico di risultati aritmetici sulle serie. PiK recisamente, l)infinitezza della sezione dell)i erboloide !a come conseguenza la non con"ergenza della serie

1+

1 1 + + ... , 2 *

dimostrata nel 1*(0 da 'icola Oresme $1*2*B1*42%, e risco erta nel secolo S1II da Pietro -engoli $1#2(B1#4#% e Eo!ann 9ernoulli $1##,B1,&4%. La finitezza del "olume dell)i erboloide 5 in"ece una conseguenza della con"ergenza della serie

1+

1 1 + + .... , 2 2 *2

dimostrata da Ea>ob 9ernoulli $1#(&B1,0(% nel Trattato sulle serie infinite del 1#48. Il sor rendente "alore della somma di 6uesta serie 5 c2V#, e fu calcolato da Leon!ard Euler $1,0,B1,4*% nel 1,*&. La aradossalit7 di 6uesti risultati, in realt7, deri"a"a soltanto da una "isione ingenua dell)infinito. /all)idea, cio5, c!e una serie infinita od un integrale illimitato do"essero necessariamente essere infiniti. I risultati di $non% con"ergenza mostrarono c!e il roblema era iK sottile. 2na serie o un integrale illimitato ossono con"ergere, se i termini o i "alori della funzione di"entano sem re iK iccoli. -a la condizione 5 soltanto necessaria, e non sufficiente. E buona arte dello s"ilu o successi"o dell)analisi consistette a unto nel cercare di determinare condizioni sem re iK restritti"e e recise er la con"ergenza.
1,0

Grandi

Grazie all)a roccio di 'eDton al calcolo infinitesimale, c!e consiste"a nell)es andere funzioni in serie, e oi differenziarle od integrarle termine a termine, la nozione di somma infinita cessL oco a oco di essere considerata aradossale, e gradualmente si accettL l)idea c!e otesse corris onderle un "alore finito. 'on senza discussioni, erL. Le iK accese delle 6uali furono generate dalla serie alternata 1 [ 1 h 1 [ 1 h ... :idis onendo le arentesi, essa ro"oca infatti l)indis onente aradosso 0 P $1 [ 1% h $1 [ 1% h ... P 1 h $[1 h 1% h $[1 h 1% h ... P 1. Guido Grandi $1#,1B1,&2% accettL di buon grado il risultato e sostenne, nel Quadratura circuli et h0perbolae $1,0*%, c!e 6uesta era una s iegazione del modo in cui /io a"e"a creato il mondo dal nulla $l)affermazione a"rebbe do"uto suonare blasfema, "isto c!e riduce"a la creazione ad un fatto arentetico%. Il buon Guido andL comun6ue oltre, e dalla formula er la somma delle rogressioni geometric!e 1 = 1 + x + x 2 + x * + ... 1 x dedusse, onendo x P [ 1, c!e

1 = 1 1 + 1 1 + ... 2
Leibniz sostenne c!e 6uesto era effetti"amente il "ero "alore della serie, sulla base del fatto c!e le somme arziali alternano 1 e 0, e il "alore iK robabile 5 dun6ue la loro media aritmetica. 2n ragionamento c!e, giustamente, egli ammise essere iK metafisico c!e matematico. 0ggiungendo, erL, c!e la matematica era comun6ue iK metafisica di 6uanto si ammettesse. Euler concordL sul fatto c!e 1V2 fosse il "ero "alore della serie, con la di"ersa moti"azione c!e il ragionamento di Grandi riduce"a la serie infinita ad una formula finita, e c!e 6uesto era il modo corretto di dar senso alle serie infinite. Egli si lasciL erL rendere la mano dall)entusiasmo e notL c!e, onendo xP2 nella formula recedente, si ottiene l)ancora iK eccitante [ 1 P 1 h 2 h & h 4 h ... in cui infiniti numeri ositi"i !anno una somma negati"a.

1,1

Eean +!arles +allet $1,&&B1,88% mostrL c!e l)idea di Euler, di ridurre le serie infinite a formule finite, era ambigua. 2na stessa serie ote"a infatti corris ondere a iK formule differenti, come mostra"a

1 = 1 x + x * x & + x # ... 2 1+ x + x
da cui si ote"a dedurre il "alore 1V* er la solita serie alternata. =uesti argomenti, oggi incredibili, sono naturalmente da "alutare in ros etti"a. I aradossi da essi generati ermisero di arri"are in seguito alla definizione recisa di somma di una serie, come limite delle somme arziali, ed alla realizzazione c!e le ambiguit7 recedenti deri"ano a unto dal "oler assegnare una somma definita a serie di"ergenti. PiK in generale, i termini delle serie non assolutamente con"ergenti, di cui 6uella di Grandi 5 un esem io, ossono essere ridis osti in modo da ottenere come somma 6ualun6ue "alore arbitrario. =uesta 5 una "ersione aritmetica del aradosso geometrico di 9anac! e Tars>i, sul 6uale torneremo in seguito, e nel 6uale la misurabilit7 rende il ruolo della con"ergenza assoluta. La arola GfineH alla storia della serie alternata fu osta nel 1424 da 'iels Aenri> 0bel $1402B1428%. Tornando alla teologia, da cui Grandi era artito, egli dic!iarL c!e le serie di"ergenti erano in realt7 un)in"enzione del dia"olo e come tali anda"ano 6uindi trattate. Leibni( e 8ohann &ernoulli

/iscutendo di roblemi legati all)integrazione di funzioni razionali, nel 1,12 Leibniz e Eo!ann 9ernoulli diedero "ita ad una dis uta e istolare sul significato del logaritmo di numeri negati"i, in articolare del logaritmo di [1. 9ernoulli dimostrL c!e esso do"e"a essere reale, e in articolare uguale a zero. Infatti, un numero x e il suo o osto [x !anno lo stesso 6uadrato. /un6ue, essi !anno lo stesso $do io% logaritmo. Il logaritmo di [1 5 allora uguale al logaritmo di 1, c!e 5 a unto zero. Leibniz dimostrL in"ece c!e il logaritmo di [1 non uL essere un numero reale. 0ltrimenti, oic!J il 6uadrato del numero immaginario i 5 uguale a [1, anc!e il logaritmo di i do"rebbe essere reale. -a allora lo sarebbe anc!e il numero i, c!e si ottiene ele"ando la base $reale% al logaritmo $reale%. 0 tro"are l)inas ettata soluzione della contraddizione fu Euler1,#, nel 1,&8. /alla sua famosa formula lic P [1 si !a c!e il logaritmo naturale di [1 5 ic, 6uindi immaginario. -a oic!J in generale li $c h 2 cn% P [1, tutti i numeri i$ch2cn% sono "alori del logaritmo di [1. In altre arole, il logaritmo : una fun(ione a piV %aloriF PiK recisamente, ad infiniti "alori com lessi.
1,#

L. Euler, 6e la contro%erse entre 7essrs Leibni( et &ernoulli sur les logarithmes n#gatifs et imaginaires, Aistoire de l)0cadJmie :o;ale de 9erlin, ( $1,&8%I 1*8B1,8. $!.d.A.%

1,2

8akob &ernoulli

Si dice c!e a San Pietroburgo esistesse, al tem o degli zar, un casinL c!e ermette"a di giocare 6ualun6ue gioco d)azzardo, in cambio di un rezzo. 0d esem io, il casinL era dis osto a agare 2n rubli se, 6uando il giocatore tira"a una moneta, usci"a testa er la rima "olta all)nBesimo tiro1,,. =uanto a"rebbe do"uto essere dis osto a agare un giocatore er oter arteci are al gioco. /a un lato, la robabilit7 c!e esca testa all)nBesimo tiro 5 1V2 n, erc!J a ogni tiro la robabilit7 5 1V2, e le robabilit7 si molti licano. 2na misura di 6uanto il giocatore uL guadagnare in tal caso 5 data dal rodotto di 6uanto guadagnerebbe er la robabilit7 di guadagnarlo, cio5

2n

1 =1 2n

2na misura di 6uanto il giocatore uL guadagnare nell)intero gioco si ottiene sommando 6uanto egli uL guadagnare in ciascuna ossibilit7. Poic!J ci sono infinite ossibilit7, cio5 una er ciascun n, si ottiene in tal caso

1 1 1 2 + 2 2 2 + 2 * * + ... = 1 + 1 + 1 + ... = 2 2 2
Il giocatore do"rebbe dun6ue essere dis osto a agare tutto 6uello c!e !a, ur di oter arteci are al gioco. /all)altro lato, su oniamo c!e il giocatore abbia un ca itale di I rubli, e consideriamo l)unico a tale c!e 2a[1 I d 2a. Il giocatore uL "incere una somma maggiore di I all)nBesimo tiro solo se I d 2n, cio5 se n a, e la robabilit7 c!e 6uesto a""enga 5 1V2n. La robabilit7 c!e egli "inca una somma maggiore di I 5 dun6ue

1 1 1 1 1 1 2 1 + + + ... = 1 + + + ... = 2 < 2 a 2 a 2 a+1 2 a+2 2a I 2 2 2


In altre arole, iK si gioca e meno ci si uL as ettare di guadagnare. La soluzione del roblema ro osta da Ea>ob 9ernoulli nell)Ars con@ectandi, ubblicata ostuma nel 1,1*, fu di assegnare al denaro una misura decrescente di utilit , sulla base del rinci io secondo cui il "alore del denaro non 5 assoluto, ma di ende da 6uanto se ne !a. 2na stessa somma "ale infatti di iK er c!i !a oco, e di meno er c!i !a tanto1,4.

1,,

Il gioco 5 stato ri ro osto negli stessi termini da Tom Sto ard, da rima nella pi:ce teatrale $osencrant( e Guilderstern sono morti, del 18##, e oi nell)omonimo film, del 1880. Esso "iene in mente ad uno dei rotagonisti, do o c!e 5 uscita croce er 88 "olte di seguito. $!.d.A.% 1,4 In altre arole, costa di iK accontentare un ricco c!e molti o"eri. =uesta 5 un)ottima giustificazione er distribuire la ricc!ezza in basso, in"ece c!e in altoI con la stessa cifra, si accontenta iK gente. $!.d.A.%

1,*

0d esem io, assegnando una funzione di utilit7 logaritmica $in base 2% si !a c!e l)utilit7 di una somma di 2n rubli 5 solo n, e 6uindi il giocatore uL as ettarsi di guadagnare soltanto

1 1 1 + 2 2 + * * + ... = 2 . 2 2 2

Poic!J 2 5 l)utilit7 c!e si assegna alla somma di &P22 rubli, il giocatore non do"rebbe essere dis osto a agare iK di & rubli er oter arteci are al gioco. Il aradosso di San Pietroburgo, come esso "iene c!iamato, !a dun6ue stimolato l)introduzione della nozione di utilit7, c!e 5 di"enuta comune nell)economia. Il roblema 5, naturalmente, c!e la articolare misura ro osta da 9ernoulli !a il solo sco o tecnico di rendere con"ergente la serie considerata. La ricerca si 5 6uindi concentrata sul iK difficile roblema di definire una misura di utilit7 c!e sia adeguata. 2na metamorfosi del aradosso di San Pietroburgo 5 il cosiddetto paradosso di -lbers, sco erto nel 1#10 da Eo!annes ?e ler $1(,1B1#&4% e o olarizzato nel 142* da Aeinric! Olbers $1,(4B14&0%. Su oniamo c!e l)uni"erso, euclideo e infinito, contenga una distribuzione uniforme di stelle identic!e. Le stelle dis oste su uno strato sferico di raggio r attorno alla terra sono in numero ro orzionale alla su erficie dello strato, cio5 a r2. -a la loro luminosit7 decresce in modo ro orzionale a r2, e 6uindi ogni strato contribuisce una 6uantit7 fissa non nulla alla luminosit7 totale del cielo. =uesto do"rebbe dun6ue a arire infinitamente luminoso la notte, ed in"ece a are buioF La soluzione del aradosso di Olbers data dalla teoria dell)es ansione dell)uni"erso1,8 5 simile a 6uella di 9ernoulli. La luminosit7 a arente 5 in"ersamente ro orzionale al 6uadrato della distanza er le stelle fisse. -a 5 inferiore er le stelle c!e si allontanano da noi, con un fattore corretti"o c!e ermette alla serie in 6uestione di con"ergere. 1ant

'el 1,41 Immanuel ?ant $1,2&B140&% ubblicL la 2ritica della ragion pura, la cui tesi rinci ale era c!e le retese di com letezza della ragione sfociano necessariamente nell)inconsistenza. In articolare, il 6uarto degli argomenti >antiani a sostegno di 6uesta tesi assa"a attra"erso l)antinomia della causa rima, definita dall)affermazione Gio sono la mia causaH. /a un lato, senza una causa rima la catena delle cause sarebbe infinita. /all)altro lato, la nozione di causalit7 ric!iede c!e la causa e l)effetto siano distinti, e Gcausa rimaH 5 dun6ue un ossimoro.
1,8

La solu(ione originale di -lbers, oggi scartata, imputa%a l.effetto alla pol%ere interstellare. Altre solu(ioni in%ocano la finite((a del numero di stelle o dell.et dell.uni%erso. Ad esempio, se il &ig &ang : a%%enuto n anni fa, possiamo %edere soltanto le stelle che non distano piV di n anni luce da noi. 4!.d.A.5

1,&

Le due arti dell)antinomia >antiana si fondano, ris etti"amente, su concezioni dell)infinito e dell)autoreferenzialit7 c!e gli s"ilu i della matematica !anno mostrato essere inadeguate. -a sia l)assunto c!e il rinci io di dimostrazione di ?ant sono stati annessi dalla moderna logica matematica. 0nzitutto, l)affermazione c!e la com letezza im lica l)inconsistenza e6ui"ale, er contra osizione, all)enunciato del teorema di G<delI la consisten(a implica l.incomplete((a. E la dimostrazione di G<del si basa, in modo analogo a 6uella di ?ant, sulla costruzione di una affermazione autoreferenziale del ti o Gio non sono dimostrabileH, la dimostrabilit7 della 6uale 5 autocontradditoria in sistemi c!e dimostrino soltanto affermazioni "ere. Inoltre, nel 18&2 Aas>ell +urr;140 $1800B1842% !a costruito una forma logicamente corretta dell)antinomia della causa rima, intesa come una formula 0 c!e e6ui"ale a 0 tendente a 9, er 6ualc!e formula falsa 9. /a una arte, di una tale formula si uL dimostrare c!e 5 "era. Essendo essa e6ui"alente ad 0 tendente a 9, baster7 dimostrare c!e 9 segue da 0. 0ssumiamo dun6ue 0, er i otesi. /a essa discende 0 tendente a 9, "isto c!e le due sono e6ui"alenti. E da entrambe discende 9, er modus ponens. /all)altra arte, 0 non uL essere "era. 0ltrimenti lo sarebbero anc!e 0 tendente a 9, ad essa e6ui"alente, e 9, c!e segue da entrambe. -a 9 5 falsa er i otesi. L)argomento di +urr; mostra c!e la logica : incompatibile con l.assun(ione di una causa prima. PiK recisamente, consideriamo un sistema come il Lambda +alcolo, discusso iK oltre, in cui ogni o eratore ammette un unto fisso. 0llora una formula 0 e6ui"alente ad 0 tendente a 9 esiste er ogni 9, in articolare er 6ualc!e 9 falsa. Il sistema 5 dun6ue incom atibile con la logica. 0nzi, lo 5 gi7 con le oc!e ro riet7 dell)im licazione usate nell)argomento di +urr;. Fourier

9enc!J i Greci conoscessero, o""iamente, alcune cur"e s ecific!e, 6uali le sezioni conic!e e le s irali, essi non ebbero mai la necessit7 di considerare la nozione di funzione in modo sistematico. =uesta necessit7 sorse in"ece con la nascita della scienza moderna. Lo studio del moto ric!iede"a infatti di considerare una "asta classe di cur"e, com rendente in modo naturale la arabola, l)ellisse e la cicloide, ris etti"amente come traiettorie di un roiettile, di un ianeta e di un unto su una ruota c!e scorre. Per un lungo eriodo l)unico modo ermesso di definire funzioni fu attra"erso formule, anc!e se la classe di 6ueste si arricc!Q costantemente con lo s"ilu o della matematica. 'el secolo S1II +artesio ric!iede"a di limitarsi ad e6uazioni algebric!e, cio5 a olinomi di grado arbitrario in x ed 0. 'el secolo S1III Euler, moti"ato dallo studio della corda "ibrante, ermise la considerazione di es ressioni analitic!e com rendenti funzioni trigonometric!e, es onenziali e logaritmic!e, c!e egli "ede"a come "ersioni infinitarie di funzioni algebric!e, attra"erso es ansioni in serie di
140

*. 2urr0, The inconsistenc0 of certain formal logics, 8ournal of '0mbolic Logic, ] 4PFUN5/ PPZ3PP]. 4!.d.A.5

1,(

otenze. 'el secolo SIS Eose ! 3ourier $1,#4B14*0%, moti"ato a sua "olta dallo studio della ro agazione del calore, incluse infine anc!e le serie trigonometric!e. 3u in una memorabile sessione dell)0ccademia delle Scienze, tenuta il 21 dicembre 140, a Parigi, c!e 3ourier ro ose una tesi c!e fece scal oreI ogni fun(ione periodica si puW esprimere come una somma infinita di seni e coseni. Gli accademici manifestarono a ertamente il loro scetticismo, erc!J seni e coseni sono funzioni altamente regolari $cio5, infinitamente differenziabili%, mentre le funzioni eriodic!e ossono essere altamente irregolari $ad esem io, discontinue o non differenziabili%. Il la"oro di 3ourier "enne rifiutato dal comitato dell)0ccademia, c!e include"a matematici del calibro di Giuse e Lagrange $1,*#B141*%, Pierre Simon de La lace $1,&8B142,% ed 0drien Legendre $1,(2B14**%. 3ourier lo ri resentL, in "ersione ri"eduta e corretta, nel 1411. =uesta "olta esso fu giudicato dallo stesso comitato degno di un remio, ma non ancora di ubblicazione, er mancanza di rigore. Il la"oro fu stam ato soltanto nel 142&, 6uando ormai 3ourier era di"entato segretario dell)0ccademia. +ol tem o la tesi a arentemente aradossale di 3ourier fu confermata er classi di funzioni "ia "ia iK am ie, e una buona arte della matematica moderna $gli integrali di :iemann e di Lebesgue, la teoria degli insiemi di +antor, gli s azi di Ailbert, l)analisi armonica generalizzata di Riener, la teoria delle distribuzioni di Sc!Dartz% 5 nata o si 5 s"ilu ata attorno a roblemi connessi con la ra resentazione delle funzioni in serie di 3ourier. La teoria di 3ourier rice"ette anc!e un)inas ettata conferma in acustica. /a un lato, l)analisi matematica di un suono in termini di funzioni trigonometric!e risultL corris ondere erfettamente all)analisi musicale in termini di armonic!e. /all)altro lato, l)orecc!io risultL essere un "ero e ro rio analizzatore di 3ourier, in grado di effettuare automaticamente la decom osizione dei suoni e di erce irne se aratamente le "arie armonic!e. 'on meno sor rendenti risultarono le a licazioni allo studio del mondo fisico. La decom osizione di funzioni discrete in serie di funzioni trigonometric!e costituisce infatti un analogo matematico della decom osizione della realt7 macrosco ica in termini di articelle elementari, il cui com ortamento "iene a unto descritto mediante funzioni d)onda c!e soddisfano l)e6uazione di Sc!r<dinger. 6irichlet

3u ro rio nel tentati"o di dimostrare la tesi fondamentale di 3ourier, c!e cio5 ogni funzione $ eriodica% si otesse ra resentare in un inter"allo mediante una serie trigonometrica, c!e Peter /iric!let $140(B14(8% tro"L nel 1428 un famoso esem io di funzione non ra resentabileI

1,#

1 se C 5 razionale

f$C% =

0 altrimenti

=uesta funzione totalmente discontinua era aradossale, a unto erc!J non definita mediante formule di nessun genere. 'el 14*, /iric!let 141 fece di necessit7 "irtK e ro ose la definizione moderna di fun(ione, come corris ondenza c!e assegna a ciascun x uno ed un solo "alore della 0, indi endentemente dal modo in cui 6uesta corris ondenza "iene definita. Il assaggio dalle funzioni definibili a 6uelle arbitrarie 5, in un certo senso, analogo al assaggio dai numeri reali algebrici a 6uelli arbitrari. In entrambi i casi si ro"oca un incremento es onenziale del numero di elementi, la maggior arte dei 6uali sar7 comun6ue inaccessibile alle descrizioni, ro rio a causa della limitatezza numerica di 6ueste. In ratica, erL, le funzioni e i numeri di uso comune tendono a essere definibili in 6ualc!e modo es licito. E la stessa funzione di /iric!let non fa eccezioneF :enJ 9aire $14,&B18*2% e Giuse e Peano $14(4B18*2% dimostrarono infatti c!e essa 5 ra resentabile analiticamente come
f$x% P limite con m c!e tende ad infinito del limite con n c!e tende ad infinito er $coseno mF cx% n.

Se infatti xPaVb 5 razionale, e m 5 sufficientemente grande, allora b si sem lifica con mF e mFcx risulta essere un multi lo ari di c, il cui coseno 5 1. Se in"ece x 5 irrazionale, il coseno di mFcx 5 minore di 1, e le sue otenze tendono a zero. Ancora 6irichlet

La teoria dei numeri 5 la :egina della -atematica, dice"a +arl Gauss $1,,,B14((%, c!e a sua "olta "eni"a c!iamato il Princi e dei -atematici. Se il :e della -atematica 5 il metodo di generalizzazione, la famiglia reale non ote"a c!e conce ire una generalizzazione della teoria dei numeri a o era di Gauss stesso. Infatti, nella seconda decade del secolo SIS il Princi e introdusse gli interi com lessi del ti o m h ni, con m e n interi ositi"i o negati"i. E ro"L c!e gli interi com lessi soddisfano ro riet7 analog!e a 6uelle degli interi soliti, com reso il teorema di decom osizione unica in fattori rimi. 'aturalmente, le nozioni della teoria degli interi com lessi de"ono essere a ro riatamente generalizzate. 0d esem io, le unit7 sono ora, oltre a 1 e [1, anc!e i e [i. E i numeri rimi sono 6uelli c!e non si ossono decom orre in rodotti i cui fattori siano di"ersi da loro stessi e dalle unit7. In articolare, molti numeri c!e sono rimi come interi soliti, cessano di esserlo come interi com lessi. 0d esem io, 2 P 1 h 1 P $1hi% er $1 [ i%
141

P. 6irichlet, -ber die 6arstellung gan( willk 7icher Functionen durch 'inus3und 2osinusreihen, :e ertorium der P!;si>, 1 $14*,%I 1(2B1,&. $!.d.A.%

1,,

Le idee di Gauss furono ri rese da Ernst ?ummer $1410B148*%. Egli estese la teoria dai numeri del ti o m h ni a 6uelli del ti o m h nm, con m algebricoI soluzione, cio5, di olinomi a coefficienti interi. E nel 14&* usL la decom osizione unica in fattori rimi di tali numeri, e di alcune loro estensioni, er dimostrare l)ultimo teorema di 3ermat. Purtro o er ?ummer, /iric!let notL c!e la fattorizzazione non era sem re unica. 0d esem io, nel caso di a P k[(, # = 2 * = 1+ ( 1 (

)(

e tutti e 6uattro i fattori sono rimi. L)osser"azione era tanto inas ettata da a arire aradossale. Lo ro"a il fatto c!e anc!e altri, fra cui +auc!;, erano in recedenza cascati nello stesso errore di ?ummer. =uesti intra"ide erL una sca atoia. 'el caso recedente, basta considerare come rimi i numeri 2 er ottenere
#= 2 2 1+ ( 1 ( 2 2
1+ ( 2 1 ( 2

6uesta "olta in maniera unica142. L)unico roblema 5 c!e i tre nuo"i rimi non sono iK del ti o m h n k[(. ?ummer, c!e rima di di"entare matematico era stato un teologo, li c!iamL 6uindi numeri ideali $ris etto al dominio dato%. 2sandoli, fu comun6ue in grado di dimostrare il teorema di 3ermat in "ari casi articolari, com rendenti tutti gli es onenti fino a 100. Il caso generale rimase in"ece a erto fino al 188(, 6uando fu dimostrato da 0ndreD Riles. La teoria di ?ummer fu sistematizzata da /ede>ind nel 14,1, in un)a endice al libro di /iric!let Teoria dei !umeri. In modo analogo a 6uello con cui a"e"a definito i reali come insiemi di razionali, 6uesta "olta /ede>ind definQ gli ideali di un anello come insiemi di suoi elementi. In"ece di arlare di nuo"i di"isori ideali, come ?ummer, egli considerL cio5 insiemi di ossibili multi li, caratterizzati dal fatto di essere c!iusi ris etto a combinazioni lineari14*. 0d esem io, in"ece di considerare un intero n, egli considerL l)ideale rinci ale $n% costituito da tutti i suoi multi li. E definQ il rodotto di ideali in modo tale c!e

142

Si noti c!e i recedenti 6uattro rimi di"entano ora fattorizzabiliI # P radice 6uadrata di 2 er radice 6uadrata di 2W * P #V2 P $1 h radice 6uadrata di [ ('radice 6uadrata di 2% er $1 [ radice 6uadrata di [ (Vradice 6uadrata di 2%W e 1 er $1 h [ radice 6uadrata di [ (Vradice 6uadrata di 2%. $!.d.A.% L)idea 5 c!e se un numero ideale di"ide un elemento, di"ide anc!e ogni suo multi lo. E se di"ide due elementi, di"ide anc!e la loro somma. $!.d.A.%
14*

radice 6uadrata di [ ( P radice 6uadrata di 2

1,4

$n%n$m% P $nnm%, cosQ c!e l)ideale $n% di"ide l)ideale $nnm%, benc!J come insieme esso sia iK grande $ erc!J ogni multi lo di nnm 5 un multi lo di n%. Sostituendo i numeri con ideali e i numeri rimi con ideali rimi, definiti originariamente a unto come ideali indi"isibili, /ede>ind otJ dimostrare un analogo del teorema fondamentale dell)aritmetica. Sotto certe condizioni generali, ogni ideale di un anello si uL infatti decom orre in maniera unica come rodotto di ideali rimi. Le conseguenze sul aradosso di /iric!let furono du lici. /a un lato, esso "eni"a risolto mediante un)estensione dagli elementi di un dominio ai suoi ideali. /all)altro lato, era situato in ros etti"a dall)osser"azione c!e la decom osizione unica "ale"a gi7 nel dominio di artenza, se ogni ideale rimo 5 rinci ale. In 6uesto caso l)introduzione degli ideali di"enta su erflua, e si uL e"itare. 7Abius

Se si rende una striscia di carta rettangolare e si congiungono fra loro i due lati lung!i, si ottiene un cilindro a due facce, una esterna ed una interna, e due bordi costituiti di due cerc!i $figura (#%.

3igura (# +ilindro.

Se oi si congiungono fra loro gli estremi del cilindro, cio5 i lati corti della striscia, ora iegati a formare un cerc!io, si ottiene un cosiddetto toro a un esterno e un interno, ma senza nessun bordo $figura (,%.

1,8

3igura (, Toro.

'el 14(4 0ugustus -<bius $1,80B14#4% sco rQ c!e, congiungendo fra loro i due lati corti della striscia, do o a"erle erL fatto fare mezzo giro, si ottiene una su erficie aradossale, nota a unto come striscia di 7Abius $figura (4%. Essa !a, sor rendentemente, una sola faccia e un solo bordo, e la si uL ercorrere interamente senza do"erne mai attra"ersare il bordo.

3igura (4 Striscia di -<bius.

Inoltre, se si fa scorrere su di essa un cerc!io c!e ruota arallelamente alla su erficie in senso orario, alla fine di un ercorso com leto il cerc!io ruoter7 in senso antiorario, e sar7 necessario un altro ercorso com leto er farlo ritornare a ruotare in senso orario. O, se si referisce, do o un giro un guanto er la mano destra 5 di"entato un guanto er la mano sinistra e "ice"ersa. Infine, se si taglia la su erficie a met7, arallelamente ai lati, se ne ottengono non due dello stesso genere, come nel caso di una striscia rettangolare, ma una sola di lung!ezza do iaI c!e non 5 iK dello stesso genere, erc!J !a due facce. 'el 1442 3eliC ?lein $14&8B182(% immaginL un)altra su erficie aradossale, oggi nota come bottiglia di 1lein $figura (8%. Essa 5 l)analogo del toro, nello stesso modo in cui la striscia di -<bius lo 5 del cilindro. E !a una sola faccia e nessun bordo. In articolare, non !a esterno nJ interno.

140

3igura (8 9ottiglia di ?lein.

La bottiglia 5 difficile da "isualizzare, anc!e erc!J la sua costruzione non si uL fare nello s azio a tre dimensioni. Si do"rebbero, infatti, congiungere fra loro gli estremi di un cilindro, do o a"er erL in"ertito l)orientamento di uno di essi. 'ello s azio tridimensionale la cosa si uL fare solo enetrando all)interno del cilindro, mentre in"ece la su erficie non de"e a"ere autointersezioni. Si uL, erL, usare un metodo di "isualizzazione indiretto, rogrammando il com uter in modo tale c!e 6uando il cursore arri"a a un lato dello sc!ermo, ria aia sul lato o osto. Se la ria arizione a""iene sem re nella osizione corris ondente a 6uella di uscita, lo sc!ermo 5 e6ui"alente a un toro. Se in"ece 6uesto a""iene su due lati o osti, ma sugli altri due il cursore ria are in"ece in osizione simmetrica a 6uella di uscita $ad esem io, in alto se usci"a in basso, e "ice"ersa%, lo sc!ermo 5 e6ui"alente ad una bottiglia di ?lein. Lo studio delle ro riet7 delle su erfici aradossali ortL allo s"ilu o della topologia da arte di -<bius stesso14&, ed alla caratterizzazione com leta delle su erfici c!iuse. La cosa interessante 5 c!e la striscia aradossale di -<bius 5 risultata essere cruciale er la caratterizzazione, c!e dice a unto c!e ci sono soltanto i seguenti ti i di su erfici c!iuse, oltre alla sferaI [ la sfera con n manici aggiuntiW [ la sfera con n cerc!i su di essa sostituiti da strisce di -<bius. 'el rimo caso, aggiungere un manico significa sostituire due cerc!i sulla sfera mediante un cilindro c!e li congiunge. 'el secondo caso, sostituire un cerc!io con una striscia di -<bius significa far combaciare la circonferenza del rimo con l)unico bordo della seconda. Il toro 5 un esem io di sfera a un manico. La bottiglia di ?lein 5 un esem io di sfera con due cerc!i sostituiti da due strisce di -<bius. La su erficie c!e si ottiene dalla sfera sostituendo un solo cerc!io con una striscia di -<bius si c!iama in"ece piano proietti%o $figura #0%, e si uL ra resentare sullo sc!ermo facendo sQ c!e il
14&

0. -<bius, Theorie der elementaren 9erwandschaft, ?<niglic! SIcbsisc!en Gesellsc!aft der Rissensc!aften zu Lei zig, 1( $14#*%I 14B(,. $!.d.A.%

141

cursore ria aia sem re, dal lato o 6uella di uscita.

osto dal 6uale esce, in osizione simmetrica a

3igura #0 Piano roietti"o.

,eano

9enc!J la nozione di cur"a $nel iano% sia fondamentale in matematica, in articolare in geometria ed analisi, la sua rima "era definizione sembra essere stata data solo nel 144,, nel 2ours d.anal0se di +amille Eordan. Precisamente, una cur"a 5 l)insieme dei unti le cui coordinate sono immagini di due funzioni reali continue di un arametro in un certo inter"allo. 0d esem io,

{ ( f ( t ) , g ( t ) ) I o t 1}
3orte della sua definizione, Eordan otJ enunciare il teorema c!e oggi "a sotto il suo nomeI una cur"a c!iusa e non autointersecantesi di"ide il iano in due arti connesse, una interna ed una esterna. 'el 1480 Peano14( sco rQ erL c!e la definizione di Eordan 5 aradossale, nel senso c!e una cur"a uL riem ire un intero 6uadrato. Il aradosso sta nel fatto c!e il 6uadrato 5 bidimensionale, mentre 5 im licito nella nozione di cur"a c!e essa debba in 6ualc!e modo essere un ente unidimensionale $gi7 Euclide arla"a, al ro osito, di Glung!ezza senza am iezzaH%. 2n esem io iK sem lice di una cur"a analoga a 6uella di Peano fu dato nel 1481 da /a"id Ailbert14# $14#2B18&*%. Si di"ide anzitutto il 6uadrato in 6uattro arti, c!e "engono numerateI esse corris ondono ciascuna ad un 6uarto del segmento di artenza. Si ri ete oi il rocedimento er ciascun 6uarto, e si numerano i sedici
14( 14#

G. Peano, 'ur une curbe, ;ui remplit toute une aire plane, -at!ematisc!e 0nnaten, *# $1480%I 1(,B1#0. $!.d.A.% /. Ailbert, Mber die stetige Abbildung einer Linie auf ein Fl<chenst<ck , -at!ematisc!e0nnaten, *4 $1481%I &(8B&#0. $!.d.A.%

142

6uadratini cosQ ottenuti. Poic!J ciascuno corris onde a un sedicesimo del segmento di artenza, la numerazione do"r7 essere consecuti"a, nel senso c!e si uL solo assare da un 6uadratino a uno adiacente a esso. Si ri ete oi il rocesso, all)infinito. Se a ogni asso si congiungono i centri dei "ari 6uadratini con una oligonale, si ottengono a rossimazioni di 6uella c!e sar7 la cur"a finale $figura #1%.

3igura #1 +ur"a di Peano.

Le cur"e di Peano e Ailbert, cosQ come il risultato di +antor citato in recedenza, secondo cui un segmento e un 6uadrato !anno lo stesso numero di unti, reclamano una definizione di dimensione. =uesta fu data in modo soddisfacente negli anni 1enti da ?arl -enger14, $1802B184(% e Paul 2r;so!n144 $1484B182&%. Precisamente, uno s azio to ologico !a dimensione n, se n 5 il iK iccolo numero intero tale c!e esiste una base di a erti la cui frontiera !a dimensione n[1. 0d esem io, er dimostrare c!e il iano $o un 6uadrato% !a dimensione 2, si uL considerare la solita base data dai cerc!i a erti, e ci si riduce a dimostrare c!e le loro frontiere, cio5 le circonferenze, !anno dimensione 1. Per dimostrare c!e una circonferenza !a dimensione 1, si uL considerare la solita base data dai segmenti di circonferenza a erti, e ci si riduce a dimostrare c!e le loro frontiere, cio5 le co ie di unti isolati, !anno dimensione zero. Per dimostrare c!e una co ia di unti isolati !a dimensione zero, ci si riduce a dimostrare c!e la sua frontiera, cio5 l)insieme "uoto, !a dimensione [1, e 6uesto si assume er definizione148. 2na "olta definita la dimensione, si uL definire una cur"a come un insieme c!iuso e connesso di dimensione 1. Il aradosso di Peano di"enta allora il teorema c!e la sua corris ondenza tra il segmento unitario e il 6uadrato non definisce una cur"a in 6uesto senso.

14,

?. -enger, Mber die 6imensionalit t %on ,unktmengen, -onats!efte fXr -at!emati> und P!;si>, ** $182*%I 1&4B 1#0. $!.d.A.% 144 P. 2r;so!n, 7#moire sur les multiplicit#s 2antoriennes, 3undamenta -at!ematicae, , $182(%I *0B1*,. $!.d.A.% 148 La dimostrazione del fatto c!e il iano non !a dimensione 1, e 6uindi !a esattamente dimensione 2, 5 iK com licata. $!.d.A.%

14*

*ea%iside

'el 148* Oli"er Aea"iside $14(0B182(% introdusse, in )lectromagnetic theor0, una funzione oggi nota come la delta di /irac, c!e 5 definita dalle seguenti due ro riet7I [ I suoi "alori sono sem re zero, eccetto nell)origine, in cui il "alore 5 infinito. [ L)area determinata dalla cur"a !a "alore 1. Presa di er sJ, la o 5 o""iamente aradossale. Essa differisce soltanto in un unto dalla funzione costante zero, c!e determina un)area nulla. =ualun6ue "alore assegnato in 6uel unto non do"rebbe, dun6ue, far cambiare il "alore dell)area. 2n solo "alore, er giunta in$de%finito, roduce in"ece un)area finita. 3unzioni im ro rie come la o ermettono, erL, di es rimere deri"ate di funzioni discontinue. 0d esem io, la o stessa uL essere considerata la deri"ata della funzione A di Aea"iside, c!e descri"e un im ulso istantaneo unitario, e "ale zero er argomenti minori di zero, e 1 altrimenti. La giustificazione di tale affermazione si ottiene mediante un rocedimento al limite. La o 5 a rossimata da una funzione c!e "ale zero 6uasi sem re, eccetto in un inter"allo attorno all)origine, in cui il "alore 5 determinato dalla condizione c!e l)area totale sia a unto 1. La * 5 in"ece a rossimata dalle aree determinate delle a rossimazioni della o, c!e "algono a unto zero rima dell)inter"allo e 1 do o, ma c!e nell)inter"allo collegano 6uesti due "alori in maniera continua $figura #2%.

3igura #2 0 rossimazioni delle funzioni * e ^.

Le nozioni ed i rocedimenti euristici usati da Aea"iside solle"arono un grande scandalo fra i ben ensanti ma tematici, ed egli fu addirittura es ulso dalla $o0al 'ociet0 of London er indegnit7 teorica. Il risultato fu c!e oggi, come abbiamo reannunciato, la o "iene associata non al suo nome, ma a 6uello di Paul /irac $1802B 184&%, c!e la usL nel suo classico I principi della meccanica ;uantistica.
14&

0nc!e /irac rice"ette comun6ue la sua dose di se"ere critic!e. In articolare, da Eo!n "on 'eumann $180*B18(,%, autore di una formulazione matematica alternati"a della meccanica 6uantistica. Grazie alla re utazione di /irac, la o attecc!Q comun6ue immediatamente fra i fisici, ed in seguito anc!e fra i matematici. L)idea di considerare funzioni im ro rie come ossibili deri"ate di funzioni ro rie fu sistematizzata negli anni =uaranta da Laurent Sc!Dartz, mediante la teoria delle distribu(ioni. In articolare, 5 stato ossibile dimostrare c!e ogni funzione continua in senso classico !a una distribuzione come deri"ata. =uesto include anc!e casi atologici come la cur"a di ?oc!, della 6uale arleremo tra oco, c!e classicamente non !a in"ece deri"ata in alcun untoF $o0ce

0bbiamo gi7 arlato del aradosso della ma a, introdotto da Eosia! :o;ce nel 1488. Il suo roblema era, in realt7, l)immagine mentale c!e un indi"iduo !a della ro ria mente. L)immagine de"e infatti contenere un)immagine dell)immagine, la 6uale de"e contenere un)immagine dell)immagine dell)immagine, e cosQ "ia. :o;ce tradusse il roblema nella metafora della ma a, c!e fu immediatamente inter retata come una dimostrazione er assurdo dell)im ossibilit7 di costruire una ma a erfetta. 0d esem io, da 0lfred ?orz;bs>i180 $14,8B18(0%, c!e coniL anc!e il noto aforismaI GLa ma a non 5 il territorio, e non ra resenta tutto il territorioH. /al unto di "ista matematico, in realt7, una ma a c!e ra resenti tutto il territorio non 5 affatto una contraddizione, bensQ una contra(ione. PiK recisamente, definisce una funzione f $su uno s azio metrico com leto% tale c!e f $ x% f $ 0 % c x 0 er 6ualc!e costante c maggiore di zero e minore di 1. 'el 1822 Stefan 9anac!181 $1482B18&(% !a dimostrato c!e ogni contrazione !a un unico unto fisso, c!e "iene lasciato in"ariato. 'el caso della ma a erfetta, 6uesto significa c!e ci de")essere un unto del territorio c!e coincide con la sua immagine sulla ma a. Sar7 dun6ue anc!e "ero c!e la ma a non 5 il territorio in generale, ma esiste certamente un unto articolare in cui essa coincide con il territorio.

180

0. ?orz;bs>i, General semantics, ps0chiatr0, ps0chotherap0 and pre%ention, 0merican Eournal of Ps;c!iatr;, 84 $18&1%I 20*B21&. $!.d.A.% 181 S. 9anac!, 'ur les operations dans les ensembles abstraits et leurs applications aux e;uations integrales, 3undamenta -at!ematicae, * $1822%I ,B**. $!.d.A.%

14(

$ussell

0bbiamo gi7 arlato anc!e del aradosso c!e 9ertrand :ussell $14,2B18,0% comunicL a Gottlob 3rege $14&4B182(% nel 1802182, e c!e minL la teoria degli insiemi intuiti"a c!e nelle loro intenzioni a"rebbe do"uto ser"ire da fondamento er l)intera matematica. Il ragionamento di :ussell di"ide gli insiemi in due classi, a seconda c!e essi a artengano o no a se stessi, e considera l)insieme $ di tutti gli insiemi c!e non a artengono a se stessi. Se $ a artenesse a se stesso, do"rebbe essere uno degli insiemi c!e non a artengono a se stessi. E se esso fosse un insieme c!e non a artiene a se stesso, do"rebbe a artenere a $, e dun6ue a se stesso. In simboli, $ 5 definito dalla ro riet7 seguenteI x$ x x 0llora $$ $$ Il aradosso di :ussell, er la sua sem licit7 e er l)o era di incessante ro aganda fattane dal suo stesso autore, di"enne il simbolo della crisi dei fondamenti della matematica di inizio secolo. In articolare, stimolL la formulazione del sistema assiomatico er la teoria degli insiemi ancora oggi in "oga. 'egli anni Trenta 0lonzo +!urc! $180*B188(% tentL un a roccio alternati"o ai fondamenti della matematica, c!iamato Lambda +alcolo, e basato 6uesta "olta non sul concetto di insieme, ma su 6uello di funzione. I concetti basilari della teoria di +!urc! erano analog!i a 6uelli della teoria di +antor e 3rege, secondo il seguente sc!emaI [ una funzione corris onde a un insiemeW [ un argomento di una funzione corris onde a un elemento di un insiemeW [ l)a licazione di una funzione a un argomento corris onde all)a artenenza di un elemento a un insiemeW [ la definizione di una funzione mediante una descrizione dei "alori corris onde alla definizione di un insieme mediante una descrizione degli elementi, cio5 mediante una ro riet7. Se ci fosse un o eratore n corris ondente alla negazione, si otrebbe 6uindi ri rodurre l)argomento di :ussell nel modo seguente. /efiniamo r come la funzione r$x% P n$x$x%%. 0llora
182

9. :ussell, Letter to Frege, in From Frege to GAdel, a cura di E. 1an AeiZenoort, Aar"ard 2ni"ersit; Press, 18#,, 12&B12(. $!.d.A.%

14#

r$r% P n $r$r%%. In 6uesto caso, erL, l)argomento di :ussell cessa di essere contradditorio, e di"enta sem licemente la dimostrazione del fatto c!e nella teoria di +!urc! tutte le funzioni n !anno un unto fisso. =uesto fatto uL essere inter retato negati"amente, come l)im ossibilit7 di inglobare la logica nel Lambda +alcolo. :isulta infatti gi7 im ossibile tro"are un analogo della negazione, c!e 5 o""iamente un o eratore senza unti fissiI la negazione del "ero 5 falsa, e la negazione del falso 5 "era. -a 5 iK interessante inter retare il fatto ositi"amente, come la ossibilit7 di sal"aguardare le idee fondamentali della teoria intuiti"a degli insiemi, sem licemente traducendole in una teoria delle funzioni c!e non retenda di inglobare la logica. In tal modo il Lambda +alcolo di"enta il fondamento, benc!J non dell)intera matematica, almeno della teoria delle funzioni astratte, e come tale della moderna informatica. E il aradosso di :ussell, nella forma del teorema del unto fisso, ne di"enta uno dei unti di forza essenziali. $ichard

'el 180( Eules :ic!ard18* $14#2B181*% riformulL in forma aradossale l)argomento diagonale c!e +antor18& a"e"a usato nel 14,& er dimostrare c!e l)insieme dei numeri reali non !a lo stesso numero di elementi dell)insieme dei numeri interi. :ic!ard considerL le ossibili definizioni finite dei numeri reali fra zero e 1, le enumerL mediante i numeri interi n. IndicL oi con rn il numero definito dall)nBesima definizione. E definQ un nuo"o numero reale r, rendendo come sua nBesima cifra decimale una cifra di"ersa dall)nBesima cifra decimale del numero rn . /a un lato, r 5 di"erso da ogni rn , erc!J i loro s"ilu i decimali differiscono all)nBesima cifra. /all)altro lato, r do"rebbe essere uguale a 6ualc!e rn , erc!J la sua definizione 5 finita. Lo stesso :ic!ard ro ose immediatamente una soluzione del suo aradosso, sostenendo c!e la definizione di r 5 solo a arentemente finita. Essa coin"olge in realt7 tutte le ossibili definizioni finite, ed 5 dun6ue sostanzialmente infinita. 'el 180# Peano18( sentenziL, nel suo colorito linguaggioI GECem lo de :ic!ard non ertine ad mat!ematica, sed ad linguisticaH. In sostanza, la nozione di Gdefinizione finitaH era er Peano soltanto una "uota es ressione linguistica e non un reciso concetto matematico. Egli ro one"a, drasticamente, di di"idere i aradossi in logicoBmatematici da una arte e linguisticoB sicologici dall)altra, e di disinteressarsi di 6uesti ultimi.
18*

E. :ic!ard, Les principes des math#mati;ues et le probl:me des ensembles, :e"ue gJnJrale des sciences ures et li6uJes, 1# $180(%I (&1. $!.d.A.% 18& G. +antor, -ber eine )igenschaft des Inbegriffes aller reellen algebraischen Gahlen, Eournal fXr die reine und angeDandte -at!emati>, ,, $14,&%I 2(4B2#2. $!.d.A.% 18( G. Peano, Additione a 'uper theorema de 2antor3&ernstein, :e"ista de mat!ematica, 4 $180#%I 1&*B1(,. $!.d.A.% a

14,

9enc!J la ro osta di Peano tro"asse i fa"ori di molti, essa era in realt7 affrettata. Il aradosso di :ic!ard, infatti, G ertine ad mat!ematicaH eccomeF Il rimo ad accorgersene fu G<del. 'ell)introduzione al suo famoso articolo del 18*1, egli notL es licitamente c!e l)analogia dei suoi argomenti con 6uelli di :ic!ard $e del mentitore% Gsalta"a agli occ!iH. L)uso iK es licito e con"incente del aradosso di :ic!ard fu fatto nel 18*# da 0lan Turing18# $1812B18(&%. In termini moderni, egli considerL 6uesta "olta non iK le ossibili definizioni finite nel linguaggio naturale, ma i ossibili rogrammi $ad un solo argomento numerico% di un linguaggio di rogrammazione uni"ersale fissato. Li enumerL mediante i numeri interi n. IndicL con pn l)nBesimo rogramma. E definQ il rogramma p c!e sull)argomento n calcola il "alore del rogramma pn sullo stesso argomento, e oi restituisce un out ut di"erso da 6uel "alore. =uesta "olta il rogramma p 5 certamente uno dei rogrammi pn, erc!J il linguaggio di rogrammazione 5 uni"ersale. E l)argomento di :ic!ard di"enta la dimostrazione c!e p non uL a"ere un "alore er l)argomento n. In altre arole, er difendersi dal aradosso di :ic!ard la rogrammazione de"e abbandonare le funzioni sem re definite, di uso corrente nella matematica, e introdurre fun(ioni par(iali, c!e ossono anc!e essere indefinite sui loro argomenti. 1och

Le definizioni di dimensione e di cur"a date da -enger e 2r;so!n, ur soddisfacenti sotto molti as etti, non escludono comun6ue cur"e aradossali in un senso iK debole di 6uello di Peano, come mostrL nel 180# Aelge "on ?oc!18, $14,0B 182&%. 9asta considerare un triangolo e6uilatero, e di"idere ciascun lato in tre arti uguali. Poi si considera il terzo centrale di ciascuno come la base di un nuo"o triangolo e6uilatero e si ri ete il rocesso all)infinito $figura #*%. Il risultato finale 5 una figura a forma di fiocco di ne"e, c!e !a un)area finita ma un bordo infinito. Infatti, a ogni asso la lung!ezza del bordo si molti lica er &V*. Il aradosso, 6uesta "olta, sta nel fatto c!e 5 im licito nella nozione di cur"a c!iusa c!e essa debba a"ere una lung!ezza finita. PiK recisamente, se si attribuisce dimensione 1 ad un insieme di unti limitato 6uando esso !a una lung!ezza finita non nulla, e dimensione 2 6uando esso !a area finita non nulla, la cur"a di ?oc! sembra definire un insieme con dimensione maggiore di 1 ma minore di 2. Il c!e sembra contraddire la nozione stessa di dimensione.

18#

0. Turing, -n computable numbers with an application to the )ntscheidungs problem , Proceedings of t!e London -at!ematical Societ;, &2 $18*#%I 2*0B2#(. $!.d.A.% 18, A. "on ?oc!, =ne m#thode g#om#tri;ue #l#mentaire pour l.#tude de certaines ;uestions de la th#orie des courbes planes, 0cta -at!ematica, *0 $180#%I 1&(B1,#. $!.d.A.%

144

3igura #* +ur"a di ?oc!.

0 causa della simmetrica ri etiti"it7 del rocedimento c!e lo definisce, il bordo della figura di ?oc! !a la ro riet7 di essere autosimile. Se si trasformano due 6ualun6ue dei segmenti delle "arie a rossimazioni, er esem io un lato del triangolo di artenza e un lato dei triangolini ottenuti al rimo asso, si ottiene sem re la stessa cur"a al limite, soltanto in scala di"ersa. In articolare, 5 infinita non soltanto la cur"a stessa, ma anc!e ogni sua orzione fra due suoi unti 6ualun6ue. Poic!J cur"e come la recedente non si ossono misurare nel modo solito, a"endo a unto lung!ezza infinita, nel 1814 3eliC Aaussdorff184 $14#4B18&2% ro ose di misurarne almeno il grado di autosomiglianza, estendendo la nozione di dimensione nel modo seguente. 2n segmento 5 una figura autosimile unidimensionale, c!e si uL ottenere onendo insieme due arti di grandezza un mezzo. 0nalogamente, un 6uadrato 5 una figura autosimile bidimensionale, c!e si uL ottenere onendo insieme 6uattro arti di grandezza un mezzo. E un cubo 5 una figura autosimile tridimensionale, c!e si uL ottenere onendo insieme otto arti di grandezza un mezzo $figura #&%.

3igura #& Il segmento, il 6uadrato e il cubo come figure autosimili.

184

3. Aaussdorff, 6imension und auseres 7as, -at!ematisc!en 0nnalen, ,8 $1814%I 1(,B1,8. $!.d.A.%

148

In generale, si uL allora dire c!e una figura autosimile di dimensione d 5 ciL c!e si uL ottenere onendo insieme nd arti di grandezza 1Vn. La cur"a di ?oc! si ottiene onendo insieme & arti di grandezza 1V*, oic!J si di"ide un segmento in * arti e si sostituisce 6uella centrale con due uguali. =uesto significa c!e la sua dimensione d 5 tale c!e & P * d, cio5

d P log & V log * 1,2#


In modo analogo al aradosso itagorico dell)irrazionalit7 di k2, c!e "enne risolto introducendo un nuo"o ti o di numero, cio5 a unto gli irrazionali, il aradosso di ?oc! "enne risolto introducendo un nuo"o ti o di cur"e, dette frattali. Si tratta a unto delle cur"e la cui dimensione di Aaussdorff 5 maggiore di 1, e ce ne sono a bizzeffe. 0d esem io, er ogni reale d tale c!e 1 d d d2, c)5 una cur"a frattale con dimensione di Aaussdorff uguale a d. Per inciso, in fisica esistono almeno due analog!i dell)a arente aradosso matematico di una dimensione frazionaria. Precisamente, la carica frazionaria dei ;uark e lo spin frazionario dei fermioni. &err0

'el 1804 9ertrand :ussell188 ubblicL il seguente aradosso, c!e gli era stato riferito dal bibliotecario G.G. 9err;. Se definiamo un numero come Gil iK iccolo intero non definibile in meno di trenta sillabeH, lo abbiamo a unto a ena definito in meno di trenta sillabe. :ussell rimosse il aradosso con facilit7, o faciloneria. La definizione recedente coin"olge infatti la totalit7 delle definizioni, c!e contiene in articolare 6uella a ena data. In termini tecnici, la definizione 5 im redicati"a. Se si decide di fare a meno di definizioni impredicati%e, o di considerarle insensate, il aradosso s"anisce. Sfortunatamente, con esso s"anisce erL anc!e una buona arte della matematica. 0d esem io, non sarebbe iK ossibile definire l)estremo su eriore di un insieme di numeri come Gil iK iccolo dei maggiorantiH, erc!J uno dei maggioranti 5 a unto l)estremo su eriore. +on altrettanta faciloneria, i logici si accontentarono di notare c!e anc!e il aradosso di 9err;, come gi7 6uello di :ic!ard, non G ertine ad mat!ematicaH. Essi se ne disinteressarono dun6ue fino al 18,&, 6uando Gregor; +!aitin200 ne recu erL le idee in termini uramente formali. +!aitin artQ dalla seguente riformulazione del aradosso. Se definiamo un numero come Gil iK iccolo intero non definibile in meno di n caratteriH, abbiamo dato una definizione c!e usa chil "alore assoluto di n caratteri,, cio5 c _ `n`, do"e c 5 una costante $ iK recisamente (8, contando anc!e gli s azi% e "alore assoluto di n 5 la
188

9. :ussell, 7athematical logic as based on the theor0 of t0pes, 0merican Eournal of -at!ematics, *0 $1804%I 222B 2#2. $!.d.A.% 200 @.G. +!aitin, Information3theoretic limitations of formal s0stems, Eournal of t!e 0ssociation for +om uting -ac!iner;, 21 $18,&%I &0*B&2&. $!.d.A.%

180

lung!ezza della ra resentazione decimale di n. La definizione 5 aradossale er ogni n tale c!e ch`n` p n, cio5 6uasi sem re. +!aitin roseguQ definendo la complessit di un numero come la osizione del rimo rogramma c!e ne stam a la ra resentazione decimale, in un ordinamento di tutti i rogrammi scritti in un linguaggio di rogrammazione uni"ersale 201, intendendo sia il linguaggio c!e l)ordine arbitrari ma fissati. 2n numero la cui com lessit7 non sia minore del numero stesso, si c!iama casuale. Il ragionamento del aradosso di 9err; di"enta ora la dimostrazione del teorema c!e ci sono infiniti numeri casuali. /ato un numero n, si considerino infatti i numeri stam ati dai rimi nh1 rogrammi, cio5 6uelli nelle osizioni da zero a n com rese. Se x 5 di"erso da tali numeri, la sua com lessit7 de"e essere almeno nh1. Se inoltre x 5 il minimo di tale numeri, esso 5 minore o uguale di nh1, erc!J abbiamo considerato nh1 rogrammi, c!e nel caso eggiore stam ano esattamente tutti i numeri da zero fino ad n. 0llora tale x 5 minore o uguale di nh1, ma la sua com lessit7 5 maggiore o uguale di nh1. /un6ue, x 5 casuale. Poic!J abbiamo dimostrato c!e c)5 un numero casuale di com lessit7 almeno nh1, er 6ualun6ue n, ci de"ono essere infiniti numeri casuali. 'kolem

'el 182* T!oralf S>olem202 $144,B18#*% ro"L c!e ogni teoria matematica usuale c!e sia consistente ammette un modello numerabile, cio5 con tanti elementi 6uanti sono i numeri interi. Il risultato segue sostanzialmente da due osser"azioni. /a un lato, ciL di cui una teoria uL arlare de"e essere es resso nel suo linguaggio. /all)altro lato, i linguaggi usuali, basati cio5 su un numero finito di simboli, dis ongono soltanto di una 6uantit7 numerabile di nomi. Il risultato "ale, in articolare, anc!e er la teoria degli insiemi. Se essa 5 consistente, esiste dun6ue un suo modello numerabile. -a 6uesta conclusione, come notL es licitamente lo stesso S>olem, 5 aradossale. La teoria dimostra, infatti, l)esistenza di insiemi non numerabili, c!e do"rebbero far arte del modello numerabile. La s iegazione formale del aradosso non 5 difficile. /ire c!e un insieme 5 non numerabile, significa dire c!e non esiste un modo er metterlo in corris ondenza biuni"oca coi numeri interi. E dire c!e un insieme 5 non numerabile in un modello, significa dire c!e non esiste nel modello un modo er metterlo in corris ondenza biuni"oca coi numeri interi del modello. T dun6ue ossibile c!e un insieme sia, allo stesso tem o, numerabile in assoluto, erc!J contenuto in un modello numerabile, ma non numerabile relati"amente al modello stesso. In altre arole, c!e esistano corris ondenze biuni"oc!e coi numeri
201

L)ordine dei rogrammi uL essere stabilito in modo da riflettere una 6ualun6ue misura di com lessit7, ad esem io la lung!ezza. La terminologia astrae dal caso s ecifico, e definisce la com lessit7 in base all)ordine. $!.d.A.% 202 '.T. S>olem, )inige &emerkungen (ur axiomarischen &egr<ndung der 7engenlehre, -atemati>er>ongressen i Aelsingfors den &B, Euli 1822, 182*, . 21,B2*2. $!.d.A.%

181

interi, ma c!e nessuna di 6ueste corris ondenze stia nel modello. Il aradosso scom are, dun6ue, e lascia il osto a una sottigliezza. Le conseguenze filosofic!e della sottigliezza sono erL inattese. 0nzitutto, la teoria degli insiemi di +antor, c!e a rima "ista sembra"a introdurre nella matematica una metafisica cornuco ia di infiniti, in realt7 non ric!iede altro c!e una sola nozione di infinito $numerabile%. Inoltre, i risultati di esistenza di infiniti sem re maggiori, sono in realt7 risultati di inesistenza di corris ondenze biuni"oc!e. Essi mostrano, cio5, non tanto la ricc!ezza dell)uni"erso matematico, 6uanto iuttosto l)intrinseca limitatezza della nostra ossibilit7 di conoscerlo. &anach e Tarski

2no dei rincQ i iK discussi della formalizzazione della teoria degli insiemi 5 il cosiddetto assioma della scelta. /ata una collezione arbitraria di insiemi, esso ermette di scegliere in un sol col o un elemento da ciascun insieme non "uoto della collezione. L)assioma 5 risultato essere e6ui"alente a un numero enorme di altre ro osizioni, tra le 6ualiI a5il teorema di @ermelo in teoria degli insiemi $ogni insieme uL essere ordinato in modo tale c!e ogni sottoinsieme dell)ordinamento abbia un rimo elemento%W b5il lemma di @orn in algebra $ogni insieme arzialmente ordinato in cui ogni catena 5 limitata, !a un elemento massimale%W c5il teorema di T;c!onoff in to ologia $ogni com atto%. rodotto di s azi com atti 5

Sfortunatamente, dall)assioma di scelta non deri"ano soltanto risultati ositi"i. 0d esem io, esso ermise a Giuse e 1itali $14,(B18*2% di dimostrare, nel 180(, l)esistenza di su erfici e solidi non misurabiliI c!e non !anno, cio5, un)area o un "olume ben definito. Si sco rQ oi c!e con 6uesti insiemi non misurabili si ossono fare cose c!e non 5 ossibile fare con 6uelli misurabili. 0l unto c!e, a causa dell)abitudine a trattare con insiemi misurabili, gli insiemi non misurabili ossono a arire aradossali. 0d esem io, nel 181& Aaussdorff20* dimostrL c!e, data una sfera, 5 ossibile suddi"idere la sua su erficie in un numero finito di ezzi c!e ossono essere ricom osti in modo tale da costituire due sfere, ciascuna con la stessa su erficie di 6uella iniziale. E nel 182& Stefan 9anac! e 0lfred Tars>i20& $1802B184*% dimostrarono un risultato analogo er i "olumi.
20* 20&

3. Aaussdorff, Grund(<ge der 7engenlehre, 181&. $!.d.A.% S. 9anac! e 0. Tars>i, 'ur la d#composition des ensembles de points en parties respecti%ement congruentes , 3undamenta -at!ematicae, # $182&%I 2&&B2,,. $!.d.A.%

182

'aturalmente, il taglio della sfera non si uL fare nel modo solito. I rocedimenti di Aaussdorff e di 9anac! e Tars>i usano a unto l)assioma della scelta er isolare unti in ordine s arso, senza c!e 6uesti debbano $o ossano% essere connessi fra loro. In termini iK recisi, i ezzi non sono misurabili. -a anc!e cosQ s ecificato, il risultato rimane oco intuiti"o, tanto c!e esso "iene s esso descritto come una "ersione matematica dell)e"angelico miracolo della molti licazione dei ani e dei esci. 0nc!e se, in realt7, non 5 molto iK sor rendente del fatto c!e un insieme infinito si ossa di"idere in due insiemi a"enti lo stesso numero di elementi di 6uello di artenza. O i termini di una serie non assolutamente con"ergente si ossano ridis orre in modo da ottenere come somma 6ualun6ue "alore arbitrario. 'on molto iK sor rendente, abbiamo detto, ma un o) di iK sQ. 'egli esem i recedenti, infatti, gli elementi dell)insieme o i termini della serie "engono scelti e risistemati. 'ei aradossi di Aaussdorff e di 9anac! e Tars>i, in"ece, i unti della su erficie o del "olume rimangono nella stessa osizione in cui erano. In altre arole, i "ari ezzi "engono usati nell)identica maniera in cui sono stati tagliati. Per e"itare le s iace"oli conseguenze, iK o meno aradossali, dell)assioma di scelta, in anni recenti una arte degli insiemisti !a concentrato l)attenzione su assiomi alternati"i. 3ra 6uesti il iK interessante sembra essere l)assioma di determinate((a20(W c!e asserisce l)esistenza di strategie "incenti er una "asta classe di gioc!i matematici. Oltre ad offrire una ricca e coerente immagine del continuo, 6uesto assioma ermette anc!e di dimostrare c!e ogni insieme 5 misurabile, e dun6ue di risol"ere drasticamente il aradosso di 9anac! e Tars>i. 9i%ano i paradossiC

Secondo T!omas ?u!n, la storia della scienza 5 simile a 6uella olitica. 0 eriodi di Gscienza istituzionale, o normaleH, in cui si la"ora all)interno di aradigmi stabiliti e accettati, seguono eriodi di Gri"oluzione scientificaH, ro"ocati da crisi dei aradigmi stessi, dai 6uali emergono nuo"i aradigmi e nuo"i eriodi di stabilit7 tem oranea. Gli esem i c!e abbiamo "isto in 6uesto ca itolo mostrano c!e, benc!J di"ersa dalla scienza in altri as etti, la matematica non ne differisce comun6ue in 6uesto. 0nzi, s esso le crisi dei aradigmi e le scintille er le ri"oluzioni matematic!e sono a unto stimolate e innescate dai aradossi. 0l loro a arire essi ro"ocano tragedie ersonali e colletti"e. -a col assare del tem o, magari do o millenni, i aradossi finiscono er essere integrati nel cor o della matematica, occu andone non dirado un osto d)onore. =uesta conclusione ci sembra aradigmatica del ruolo dei aradossi in generale, non soltanto nella matematica. Possiamo dun6ue considerarla come un "iatico a ro riato er la nostra storia.
20(

E. -;ciels>i e A. Stein!aus, A mathematical axiom contradicting the axiom of choice, 9ulletin of t!e Polis! 0cadem; of Science, 10 $18#2%I 1B*. $!.d.A.%

18*

Interessi correlati