Sei sulla pagina 1di 5

Sommario

Introduzione Capitolo 1 Capire il mezzo


1.1 Che coshanno di speciale i siti web Sono pi faticosi da leggere Non sono tangibili e valutabili nelle dimensioni Non sono oggetti stabili e finiti Non sono lineari Hanno struttura modulare Sono interattivi Possono essere multimediali (quindi ipermediali) 1.2 Come leggono gli utenti del Web Scorrono la pagina Concentrano lo sguardo in alto e a sinistra, seguendo un percorso a F Cercano informazioni, risposte, soluzioni Sono impazienti e pronti ad andarsene 1.3 Quali implicazioni per chi scrive

viii 1 1 1 2 3 3 5 5 7 8 8 10 11 12 13 15 15 20 25 28 29 30 32 32 33 35 36 37 38 41 43 44 46 47

Capitolo 2 Strutturare il testo


2.1 La piramide rovesciata 2.2 La frammentazione del testo 2.3 Titoli e sottotitoli Titoli riassuntivi del contenuto Sottotitoli Titoli concisi ...ma senza esagerare Titoli concreti e precisi Parole salienti allinizio del titolo Titoli espliciti, non (troppo) brillanti Il principio del parallelismo La forma interrogativa Aspetti grafici 2.4 Un breve riassunto: labstract 2.5 Parole chiave evidenziate 2.6 Le liste verticali Numeri o simboli? Liste coese

vi

Sommario Il principio del parallelismo Eliminare la ridondanza La lunghezza Le maiuscole e la punteggiatura Accorgimenti grafici Liste a pi livelli 2.7 Le tabelle Uno strumento versatile Liste o tabelle? Lordine delle colonne Lordine dei dati Eliminare la ridondanza Larghezza e lunghezza La struttura Lallineamento 48 49 51 53 54 57 59 59 64 66 67 68 69 69 72 73 74 74 75 76 77 79 79 81 82 83 84 85 89 90 91 92 93 93 95 95 95 98 98 101 103 104 125 141 153 153 155

Capitolo 3 Creare link efficaci


3.1 Riconoscibilit 3.2 Link gi visitati 3.3 Testo del link su una riga sola 3.4 Link grafici 3.5 Apertura dei link in una nuova finestra 3.6 Link a file scaricabili 3.7 Link che nascondono indirizzi email 3.8 Link interni alla pagina 3.9 Link a pagine interne (deep linking) 3.10 La giusta lunghezza 3.11 Eliminare la ridondanza 3.12 Link significativi 3.13 Link comprensibili 3.14 Il titolo del link 3.15 Un verbo nei link che fanno compiere unazione 3.16 Testo del link=titolo della pagina di destinazione 3.17 Lurl della pagina di destinazione 3.18 Link errati

Capitolo 4 Essere chiari


4.1 Definire la chiarezza Una qualit relazionale Un concetto probabilistico Dalla parte dellutente I nemici della chiarezza 4.2 Linee guida per scrivere chiaro Le parole Le frasi Un tono conversazionale 4.3 La revisione del testo Lautorevisione Il feedback degli utenti

Le formule di leggibilit

Sommario

vii 156 159 159 159 160 161 162 163 164 170 181 186 193 194 194 195 197 199 199 201 201 204 207 209 210 210 212 213 215 215 216 218 219 221 229 231 231 232 232 233 233 235 243 251

Capitolo 5 Essere concisi


5.1 La concisione, virt decantata ma spesso negletta Una qualit apprezzata La concisione nel Web Concisione vs. brevit Le cause della verbosit 5.2 Tecniche di scrittura concisa Selezionare le informazioni Scegliere le parole Non asserire lovvio Costruire le frasi

Capitolo 6 Favorire la leggibilit


6.1 Due principi generali Trasparenza Coerenza 6.2 Lo spazio 6.3 I caratteri Serif e sans serif Le dimensioni Forme di enfasi 6.4 Lallineamento 6.5 La lunghezza delle righe 6.6 Il colore 6.7 Le immagini Immagini informative e funzionali La banner blindness Il testo alternativo

Capitolo 7 Scrivere per i motori di ricerca


7.1 Lera di Google 7.2 Come funzionano i motori di ricerca 7.3 Ottimizzare un sito per i motori di ricerca I fattori esterni: link e social network Le parole chiave I metadati I link in uscita I link interni Titoli e sottotitoli La mappa del sito Aggiornamento frequente 7.4 In conclusione: scrivere per gli esseri umani

Appendice 1 Scrivere una pagina di FAQ Appendice 2 Realizzare una guida di stile Bibliografia