Sei sulla pagina 1di 2

SOMMA DEGLI ANGOLI INTERNI

La somma degli angoli interni di un poligono :

180 ( n 2 )
dove n il numero di lati del poligono. In un triangolo n uguale 3 e la somma degli angoli interni 180 ( 3 2 ) = 180 In un quadrilatero n uguale 4 e la somma degli angoli interni 180 ( 4 2 ) = 360

TRIANGOLI
Definizione: Un triangolo la parte di piano comune a tre angoli aventi due a due un lato in comune.

CRITERI DI CONGRUENZA DEI TRIANGOLI Primo criterio di congruenza fra triangoli


Due triangoli sono congruenti se hanno congruenti due lati e l'angolo compreso.

Secondo criterio di congruenza fra triangoli


Due triangoli sono congruenti se hanno congruenti due angoli e il lato compreso.

Terzo criterio di congruenza fra triangoli


Due triangoli sono congruenti se hanno tutti e tre i lati congruenti.

PUNTI NOTEVOLI DI UN TRIANGOLO


Altezza: segmento che parte da un vertice e arriva perpendicolarmente al lato opposto. Le altezze possono anche essere esterne e arrivano sul prolungamento del lato considerato. Il punto di incontro delle altezze si chiama ortocentro. L'ortocentro interno nei triangoli acutangoli, esterno nei triangoli ottusangoli e coincide col vertice dell'angolo retto nei triangoli rettangoli.

Mediana: segmento che parte da un vertice e arriva al punto medio del lato opposto. Il punto medio il punto che divide in due met uguali un segmento. Il punto di incontro delle mediane si chiama baricentro. Il baricentro il punto di equilibrio di un triangolo ed sempre interno ad esso. Bisettrice: segmento che parte da un vertice e divide l'angolo in due angoli uguali. Il punto di incontro delle bisettrici si chiama incentro ed sempre interno al triangolo. L'incentro equidistante da tutti i lati del triangolo.

Asse: la retta perpendicolare ad un lato e passante per il suo punto medio. Il punto di incontro degli assi di un triangolo si chiama circocentro. Il circocentro equidistante da tutti i vertici del triangolo.

CLASSIFICAZIONE DEI TRIANGOLI


Un triangolo si dice isoscele se ha due lati congruenti. Il terzo lato non congruente a gli altri due si chiama base. Gli angoli alla base di un triangolo isoscele sono uguali. La mediana, l'asse, la bisettrice e l'altezza relative alla base in un triangolo isoscele sono coincidenti. Un triangolo si dice equilatero se ha tutti e tre i lati congruenti. Un triangolo equilatero anche equiangolo. La mediana, l'asse, la bisettrice e l'altezza relative a tutti i lati di un triangolo equilatero sono coincidenti. Un triangolo si dice rettangolo se ha un angolo di 90 (angolo retto). Il lato opposto all'angolo di 90 si chiama ipotenusa. Gli altri due lati, che formano l'angolo retto, si chiamano cateti.

Triangolo 90-45-45 (triangolo rettangolo isoscele): Ha i due cateti uguali (per definizione). Ha gli angoli relativi all'ipotenusa entrambi di 45 (per definizione). Mediana, altezza e bisettrice relative al vertice che presenta l'angolo retto coincidono e toccano l'ipotenusa nel suo punto medio, dividendola in due lati uguali della stessa lunghezza del segmento (mediana/bisettrice/altezza) tracciato.