Sei sulla pagina 1di 22

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI BERGAMO

Thermal Physics Laboratory

Mare !o Research Gro"# MRG

25 Marzo, 2013

O"tloo$
Chi siamo?

MarengoResearchGroup

Cosa sono le superfici superidrofobiche Applicabilit industriale SHS: durabilit Sviluppo di superfici metalliche superidrofobiche La durabilit delle nostre superfici Obiettivi
2

%hi siamo&

MarengoResearchGroup

MRG un gruppo di ricerca e consulenza che lavora nei settori della termo'(l"i)o)i amica, della trasmissio e )el calore, delle er!ia e delle s"#er(ici s"#eri)ro(obiche. Nato nel *++, allinterno del iparti!ento di "ngegneria dell#niversit$ di %erga!o. &o!posto da 1' colla(oratori) 3 *ost+doc , ottorandi 2 -ssegnisti 1 *ro.ect Manager 1 docente esterno 1 segretaria e 1/ 0esisti

%om#ete /e

MRG
I ter(acce li-"i)e e S#ray
Im#atto )i !occe Sistemi a ti'!hiaccio Trattame to )i s"#er(ici

MarengoResearchGroup

TermofluidoTermo(l"i)o' dinamica )i amica bi(ase bifase


Sistemi Sistemi bi(ase 12eat bifase Pi#es3

.isica )e!li e)i(ici


Im#ia ti termici Ris#armio e er!etico Sim"la/io e )i amica )i e)i(ici

.lo0' boili !

%o trollo termico

%o s"le /a I )"striale e Tras(erime to Tec olo!ico 4

%osa so o le s"#er(ici s"#eri)ro(obiche 143 MarengoResearchGroup


1e super2ici superidro2o(iche 34546 sono super2ici caratterizzate da " 5ele6ata i)rore#elle /a e da una bassa a)esio e )ell5ac-"a. *er caratterizzare il grado di (agna(ilit$ di una super2icie si utilizzano tipica!ente gli angoli di contatto) la !olo )i co tatto )i a)6a ci ! 37-68 la !olo )i rece)i ! 37R6.

%osa so o le s"#er(ici s"#eri)ro(obiche 1*3 MarengoResearchGroup


Misura dellangolo di contatto A advancing (drop inflation) R receding (drop deflation)

Receding Advancing
1a di22erenza tra 7- e 7R d$ unindicazione della !o(ilit$ della goccia. 0ale di22erenza prende il no!e di isteresi, 97: 7- + 7R. 1e s"#er(ici s"#eri)ro(obiche sono de2inite aventi) 7A 849+: 3135;6 and ;7 <4+:.

'

I)ro(obicit= i

at"ra
.o!lie )i Loto

MarengoResearchGroup

Pi"me )>a atra


http://www.treehugger.com/

Ali )i (ar(alla
!hoto: "laria #ernago$$i

http://www. iomachinations.com

<

A##licabilit= i )"striale

MarengoResearchGroup

-ttenuazione della 2or!azione di ghiaccio 3aeronautica, piatta2or!e o22+shore, linee elettriche , tur(ine eoliche6 Resistenza alla crescita di !icrorganis!i 3propriet$ antivegetative6 = applicazione co!e rivesti!enti protettivi su vasi !arini, sotto!arini e piatta2or!e petroli2ere *revenzione di conta!inazione e ossidazione = corrosione e incrostazioni Repulsione di ac>ua, polvere e sporcizia = super2ici 2acili da pulire Riduzione attriti e perdite di carico in tu(azioni
UNTREATED ALUMINUM SUPERHYDR PH !I" " ATIN#

Esempio di accumulo di ghiaccio durante le prove nellicing wind tunnel (IWT). Solo la parte centrale del bordo anteriore riscaldata. Con la S S ridu!ione dell"#$ della poten!a termica richiesta per evitare laccrescimento di ghiaccio. ,

S2S? )"rabilit=

MarengoResearchGroup

&o!e produrre 454 dallelevata dura(ilit$? "l successo delle 454 dipende dalla loro a(ilit$ di durare nel te!po e dalla loro capacit$ di resistere a diversi a!(ienti. @ino ad ora le 454 tipica!ente so22rono di pro(le!i di dura(ilit$ 3la loro superidro2o(icit$ non persiste per lungo te!po eAo in particolari condizioni6.

MarengoResearchGroup

Di cosa ci occ"#iamo
10

S6il"##o )i s"#er(ici metalliche s"#eri)ro(obiche 143 MarengoResearchGroup


%a#acit= )i s6il"##are s"#er(ici metalliche s"#eri)ro(obiche di diversi !etalli tra!ite tecniche di gra2ting con una b"o a )"rata )el trattame to.

All"mi io s"#eri)ro(obico Otto e s"#eri)ro(obico Rame i)ro(obico St")io )ella s"#eri)ro(obicit= s"ll5acciaio

11

S6il"##o )i s"#er(ici metalliche s"#eri)ro(obiche 1*3 MarengoResearchGroup


Rugosit$ C !odi2icazione della chi!ica super2iciale gra2ting su allu!inio 3stro ! bo )6
%tching &rafting '('

*R"MD ME0D D) Al)aline etching * $luorosilanes

&a!pioni di allu!ino trattati con NaD5 e @-4

alto &-, (assa isteresi. 12

S6il"##o )i s"#er(ici metalliche s"#eri)ro(obiche 1@3 MarengoResearchGroup


4E&DN D ME0D D)

Al

'olu$ione per imprimere alla superficie le giuste caratteristiche

Al

risciac%uo

risciac%uo

Al superidrofo ico

PR T " LL !RE&ETTA!ILE'
'olu$ione per dare la superidrofo icit+

N UTILI(( DI $LU RURATI'

13

La )"rabilit= )elle ostre s"#er(ici 143


PROTO%OLLO DI DURABILIT: 8 test

MarengoResearchGroup

AM!IENTE A"ID IMMERSI NE IN A")UA IMMERSI NE IN ETAN L

AM!IENTE !ASI"

PR T " LL DI DURA!ILIT* SHS

AM!IENTE SALIN

RESISTEN(A U& RESISTEN(A TERMI"A

IMMERSI NE IN T LUENE

1/

La )"rabilit= )elle ostre s"#er(ici 1*3


PROTO%OLLO IMMERSI NE IN A")UA AM!IENTE !ASI" RESISTEN(A U& RESISTEN(A TERMI"A *er ogni test 5 cicli. *er ogni test 5 ca!pioni. AM!IENTE A"ID PR T " LL DI DURA!ILIT* SHS

MarengoResearchGroup

IMMERSI NE IN ETAN L AM!IENTE SALIN IMMERSI NE IN T LUENE

*er de2inire se una super2icie ha perso le sue caratteristiche di superidro2oicit$, alla 2ine di ogni ciclo valutazione dellangolo di contatto di advancing e dellisteresi. 1a di22erenza in 7- e in 97 tra due cicli successivi indica un ca!(ia!ento del co!porta!ento della super2icie) se si presenta una riduzione di 7- eAo un au!ento di 97 :F perdita di superidro2o(icit$.

15

La )"rabilit= )elle ostre s"#er(ici 1@3


TEST DEL PROTO%OLLO?

MarengoResearchGroup

"MM%R'",-% "- A./0A


0est per !ostrare la resistenza del ca!pione alli!!ersione in ac>ua. &iclo) ca!pione i!!erso in ac>ua deionizzata a p5:<, a te!peratura a!(iente 320;&6, per 5 ore8 poi asciugatura allaria. 0est a te!peratura a!(iente per evitare la co!(inazione di e22etti !ultipli 3esposizione allac>ua e al calore6.

AM#"%-1% A."2,
0est per !isurare la resistenza del ca!pione in a!(iente acido) soluzione di acido cloridrico in ac>ua, p5:'31 !l di acido al 3<G diluito a 200 !l6, il p5 ' il p5 della pioggia co!une 3la pioggia acida ha un p5H56. &iclo) i!!ersione del ca!pione in soluzione per 2 ore, poi lavaggio con ac>ua e asciugatura in aria. 4i scelto lacido idrocloridrico perch un acido 2orte di co!une uso in ogni la(oratorio di ricerca e non causa ossidazione.

1'

La )"rabilit= )elle ostre s"#er(ici 1A3


AM#"%-1% #A'".,

MarengoResearchGroup

0est per !isurare la resistenza del ca!pione in a!(iente (asico) soluzione di idrossido di sodio in ac>ua, p5:,.5 : !assi!o p5 del !are 31 !l sol 0.1 M diluito a 200 !l6. &iclo) ca!pione i!!erso in soluzione per 2 ore, poi lavaggio con ac>ua e aciugatura in aria. 1idrossido di sodio una (ase 2orte, di co!une uso in ogni la(oratorio di ricerca e non causa ossidazione.

AM#"%-1% 'A3"-,
*er testare il ca!pione in a!(iente ionico) soluzione di cloruro di sodio e ac>ua, 3.5G in peso 3concentrazione salina !arina !edia6. 1ac>ua ha un p5 di < per evitare e22etti co!(inati di sale e p5. &iclo) ca!pione i!!erso in soluzione per 2 ore, poi lavato con ac>ua ed in2ine asciugato in aria.

1<

La )"rabilit= )elle ostre s"#er(ici 193


R%'"'1%-4A 1%RM".A

MarengoResearchGroup

0est usato per !isurare la resistenza del ca!pione ad un lungo stress ter!ico. &iclo) ca!pione posto in 2orno, a 100;&, per 2 ore, poi lasciato ra22reddare sino a te!peratura a!(iente attraverso sca!(io ter!ico naturale con la!(iente.

R%'"'1%-4A 05
&iclo) radiazione #I per 1' ore, per valutare il danno causato dalla radiazione ultravioletta8 lunghezza di picco 253.< n!.

1,

La )"rabilit= )elle ostre s"#er(ici 1B3

MarengoResearchGroup

',35%-1% ,R&A-".,: A3.,(,3 *er valutare il co!porta!ento in a!(iente organico) e22etto di un solvente polare, l5alcohol etilico 1eta olo3. &iclo) i!!ersione del ca!pione in etanolo 3JBB.,G.6 per 30 !inuti a te!peratura a!(iente, senza agitazione, cosK da dissociare lLe22etto della erosione del 2luido dalla dissoluzione pura.

',35%-1% ,R&A-".,: "2R,.AR#0R"


*er valutare il co!porta!ento in a!(iente organico) e22etto di un solvente apolare, il tol"e e. &iclo) i!!ersione del ca!pione in toluene anidro, BB.,G, per 30 !inuti a te!peratura a!(iente, senza agitazione, cosK da dissociare lLe22etto della erosione del 2luido dalla dissoluzione pura.

1B

La )"rabilit= )elle ostre s"#er(ici 1,3


&aratteristiche iniziali ca!pione) 7-:15<;M/; and 97H/;M /;. Risultati dei vari test collezionati in ta(ella. @4 cam#io i resisto o a A+ cicliC
Ti#o )i test

MarengoResearchGroup

PROTO%OLLO? RISULTATI SU ALLUMINIO TRATTATO %OL METODO BREVETTABILEC

N: cam#io i o )e!ra)ati IMMERSIONE IN A%DUA AMBIENTE A%IDO AMBIENTE BASI%O AMBIENTE SALINO 5 / 1 / 5 3 / 5 31 5 5 5 5 5 5 5 5 /0 N: cicli

N: cam#io i o )e!ra)ati il nu!ero di ca!pioni, per ogni test, sopravvissuto, cio ancora superidro2o(ico dopo ogni test. N: cicli il nu!ero di cicli a cui i ca!pioni sono sopravvissuti.

RESISTENEA TERMI%A RESISTENEA UV ETANOLO TOLUENE totale

20

Obietti6i Bre6etto

MarengoResearchGroup

S6il"##are S2S "tili//a )o altri metalli %ollaborare co a/ie )e

21

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI BERGAMO MarengoResearchGroup

GR-N"E *ER 1-00ENN"DNEO


%o tatti? Marco Marengo Iiale Marconi 5, 2/0// al!ine 3%G6 + "talP marcoCmare !oF" ib!Cit C3B 035 205 2002