Sei sulla pagina 1di 144
PROGRAMMA DI MATEMATICA, FISICA, ELETTRONICA ‘rio Ageno, Element di fica Tea, ApostlCateoto ‘Yo. 2 Geomeria Vol. 3 nals 2 Michiel Bers, Zstitacion i matematia Skipfone Bobbio e Emilio Gall, Etetromarneiomo Otte Max Bora, Flea womice Francesco Botacn © iuseppe Zampier, Anolis 2 Stefano Cap, Massimo Piardlio'e Olorglo Tale, Anolis matematca e cokoaton ‘Vito Cappel, Elaborctone numerics dee maint Franson Carat, Comunicosioneletiche Sergio cara, Temadimamica: expert recent application al chimiceeallngegneria iro cierto, Algeone finer Etauiio Cini, Ano matenatice 2 auiio Cent, Anat matematica 2 ua. ira, {princi della mesconia guontstice Dien Einstln, I sten(earo dea rl ‘Antnio Fasano «Sictano Marni, Mfeccaica anaes con element mercanice ‘Stone de continu Earieo Feri, Trmodineiea Brune Feet, Le radii elsiche dale meceanica quantice ‘Giorgio Frnetsonet, Campi eletromagrete Srovana! Gallavot, Mescania elementare Graziano Gea, Fabio Podesiée beostdo Vesela Lecion di geometia diferencia Trio Gian, Aalst memati 1 Evi Glas, Anais matomarisa 2 Enrico Ofas, Bereta ecomplemond di anaist matomaric (a. 1) Trico Glare «complement di ana matematica (0.2) ‘Anusto uerragglo, Materaica generale ‘Heraaua Haken Hans C. Wolf, Fes atonioae quence Werner Heicabers, J princi fie dla tora det quant Gerard Hersbeep Spit atomic e stare sfomice David'A. Hodges © Horace Jeckton, rat « progetto crit integra digital ‘Ghares Kiel, trodectone eile fia allo stato Solio hares kite e Herbert Kroenei, Tenmadinamica watstice ‘Serte Lang, Algebra lineze ‘Gloreio Lats, Teoria elmontere delntgracione P-F- Mantes, Piero Marans Tiana Tacch, L'amplfeatore ozeracionole cob Milan, Cee stem! mcroeetonil Jacob Millaan eC.C. Hala, Mieroeletronica RS: Mules e T- Kamins, Dipasiin letironic net crult integrat Aisanssios Papo, Probab. vara afetone e proces soca Wolleene Pau, Teoria delta refoia CGlovannt Prodi, Analisi matemalca ‘Autonlo Rubert¢ Albeo sido, Teoria det sistem? Water Rodin, na renee compiece BFL Schafer, Invodisione al cota sptirale [Edoardo Sermai, Geomatia ! Edoardo Seroet, Ceametnt 2 EM: Slager eJ-A. Thomne, Lion’ i tpologia elementae edt geomeiia W.¥, smith e BP. Sorokin, Hf laer Giovanni Son, Teenoloie mcrotetironicke (Gud Tartava, Tort det scent ut comunicaione Bano Toustek e Olancarlo Ross, Meceaniv satiation ENRICO GIUSTI ANALISI MATEMATICA 1 SECONDA EDIZIONE PIANO DELLA PRESENTE OPERA VOLUME PRIMO: ANALISE MATEMATICA L VOLUME SECONDO: ANALISE MATEMATICA 2 ba BOLLATI BORINGHIER! Prima ellsione 1985, Sezonda eisione rvedutn 1989 bam ara 1996 © 1988 olla Bornghierieitore sr, Torino, corso Vier Eemamicle 86 Tair i memorizrtion sletroniza, di prociion edi adatamento totale © bara eon quslias mez (compres merofim le eopts fotos) Lreditore pots conceere a pagamento Vautoisisione rprogere ana por- “one on supers a un dena del presetevoume” Lz chest i Hosa. ‘Sone vanno notte el ASsocedone faaon per Dr produce dele pete Stampa (azonos), vis dalle Erbe 2, 20121 Mllano, te 22/86465091, fs 02/49010883, Stampsto in Ia eC Thess) dale Stempatre di Torino ISBN #8239 5430°9 i 2 Indice Prefazione, 7 I sistema dei numesi reali, 9 west ea Propretclementas Hiyloreatohuta Liatsioma di Dedekind Fstremo superior» infriore lun inser di numer reli 1a topolopa dela Yetta: ine spertt slut {nwmer! inet come sttolneme dR ‘Un modell ds umes reall, Generaita sat numer comple Succession e serie mumeriche, $3 1 Succession 2 Limite a una succesione 3 Limite ai una suecessone (sontinuszions) 4 Operariont con tiimi 5 Setie mumeriche § Limit dt successions monotdne; se a trminl posite 7 Due mumeri petticoat een Potenze con exponent seule numer sell forma decimale Mimassumo e minim limite Sucootsion! etopeloga Moriteno di Cauay | numeri rai come completamente dei razionali (titer di convergeasa po le wre termini postivt Alt rte a eonvergenza Riordlnamento del termini di una serie i Prodott innit Succession! ¢ seri complete 3. Funtiont ¢ toro limit; funzioni continue, 119 Genera Gatice duos anions FFunrione composts fansions inverse ‘ini af fanztont $Resuaion. Limi destroesnist> & Limitiat fenton! monotone SF Massimo ¢ mininotn 3 Tension! continue 9 Punt di dscontnuits 13 T orem! fondamentl poe I funcion! conte LL Lvniforme conti 12 Funzion! continue iver Notizie stone 4 Le idee fondamentali del caleoloinfinitesimale, 165 1 Laren det sopmento di parabola 2 Interae dele fonsion semplich 3 integra di Rismann 4 Integrasione dele fuori continue Intra esteso aun interac & Caderivatasoduatone 5 dervta: definzione e prime propeett 4 Massinie murim! inte. teorema del valor medio 9 eoretna fondamentle del alcolo ntegr 10 Integanione e primitive 5 Derivazione ¢ integrazione delle funzioni elementari, 196 Aloane repo di desimaione Una tabla deviate Integriione dalle fenton ional Integracione das fenafont aonal (contnuzzione) integazione pe pat, Cantegazione For ssttulone ‘loune sosttaion! special {Le fsione logaritmo ‘Ancora sul namere ¢ 6 Sviluppi del calcolo infintesimate, 226 alent de tint eoremi di de Hpi Derivate succesive Fonsion comes e concave Studio del grafion una funzione (a formula dt Taylor ‘Shiuppl dele fanion elements La sete di Taylor (cena) ‘Cintoeale in penso generalizato iter cl convergent per icepalimpro Lespanenzas nel capo compleso Notintestarche Nota bibliograica, 285 Indice dei simboli, 287 Indice analivico, 292 Prefazione Lo scopo principale di quest’opera é di fornire allo sradente un testo sul quate ap- prendere i primi elementi di anolisi matematica, quali vengono insegnati nel primo bbiennio dei corsi di laurea delle Facolté di Scienze e di Ingegneria. ‘Si tratta tutto sommato di una exposizione di tipo tradizionale, anche se nom man cena diversi dt impostazione rispetto ad anaioghi test attualmnente in uso. Tra queste sono da segnalare, per quel che riguarda il primo volume, la trettazione unificata delle iccessioni e delle serie, come pure lo sviluppo paraltelo del calcolo differensiale & integrate, Per le prime si trata di una semplice glustapposizione, e difattié possibile separare nuovamente } due argomenti posponendo la seconda parte del capitolo 2 (§§ 1417). Al contrario, lunificarione della trattazione del ealcoto differenciale e integrale mi sembra risponda a una necessita didattca effettva e renda possibile una certa semplificarione della materia, Per il secondo volume, la maggior differenza rispetto ad altri testi dello stesso tipo consiste nelVitustrazione della teoria dellintegrazione di Lebesgue, che usualmente viene lasciata @ corsi succestiv, quando (come aceade in alcuni corsi di laurea} non viene completamente tralescata, Mi sembra invece che Vimportanza dell integrate di Lebesgue sia tale da consigliarne la trattazione, anche sein forma elementare, fin dat primo biennio di analist Mt volume & diviso in capitol, ulteriormente suddivisi in paregrafi Di quest, sono segnati con un asterisco quelli che possono essere omessi senza pregiidicare la com- rensione di quanto segue. ‘Alla fine di ogni paragrafo sono riportatiun certo mumero di esercizt, il cui swolg- mento é necessario per una soddisfacente comprensione delta materia. Infne, al ter- mine di ogni capitolo, 0 gruppo di capitoli si possono trovare brevi notizie sroriche BG, 4 | 4 binges Capitolo 1 Il sistema dei numeri reali 1 Proprietd elementari dei numeri reali | numeri reali sono un jnsieme R con le seguenti strutture: (A) Un ordinamento totale, cok una seazions < (a legga minoce 0 uguale) tra copoie Ai clement di, che goa delle seguentiproprita (Ax) Per ogni coppia a,b di numeri cealisiha a* 2 Mvalore assoluto Sia @€R. Si definisce salore assofuto (0 modulo) dia il massimo trai due numesk Si deduce immediatameste dalla definizigne che |2l%0, e che [a|=0 se ¢ solo se 40. Sia inolte [al lal, 2 aSjal:, sale Siano ora a e due numeri reali, Dalle proprieté (AB) dalla rl segue che &F pS a+ [01 htt. 23) Siang orax,yER. Si definisce dstnza trax ei] mero reals dG, = bayh bal ‘Si verificano fasilmente le seguenti proprieti: Gs) dG, 9P0; atx,y)=0 seesolowe xy. (as) a, Y=4O,9). (a) Per ogni zER, atx, y)Ix-21 fe) x#|x=1/>3 (a) xix F1I>3 () [el+he4 2121 () -1 0, sha : . fa 2ab 0}, B eER:x<0} 1 seguente assioma caratteriza il sistema dei numen real (D) (Assioms di Dedekind) Per ogni sezione (A, B) in R esiste ur untco numero reale tale che SLB perogni aGA e per ogni BEB. Bay Tmumero L si chiama elemento separatore dele classi A e B. Si & soliti enunciare Ia proprieta (D) dicendo che i numeri reali sono continu, 0 ‘che non hanno lacune; non cosi i numes razionall, che invece non soddisfano all'ss: soma di continuita (D). Consideriamo infatti in Qe classi: A2 {GE O:q<0}U (GEQ:9>0, 47 <2 B= (q@ea.g>0,9 22). Si vede facilmente che AUB=Q.e AN. Ne segue che (A, B) ¢ una sezione di Q. Facciamo vedsre che on c'8 un elemento separatore in Q. Infati, se wn tale ele- mento E esistesse dovrebbe appartenere ad A o a B. Supponiamo che appartenga ad A. Poiché non pud espore Z <0, si dovea avere 1? <2. D'altra parte non pud essere, 12 =2, 4 causa della proposizione 3.1, ¢ dungue L? <2. Sia ora NV un numero intero maggiore di (2L+1)/(2—L7) (vedi pit oltre, proposi- ione 4:3); si ha me (+x) per cul L+ HINEA. Ma queso & impossibie, prché contaddice Is [3.3]. Analog Tene si exclude i caso LEB, cose Vinee © non hala propre di Dedekind a0, inolire se aA © BEB sihaaa Le propreid che caratterizano L sone dungue: PSEGHHIGEA dhe a oma # um mageiornte di A dcolae non esstgmo magaloranti Al A che sian pip In aire parole il massimo di A, se existe, il pi plecolo dei maggioranti di A. Ans Yoguinente i inno di, se este, & il pid grande dei minorantl di A. Si sotiche'non tutti gi inser hanno massimo; ad esempio un intervello aperto (@,b)= ER:ah. Dimostratione. Sapponinwe per aslo dhe esistawo ve resi posit, tli che nah per gal intera positive » ve limitato saperiormente Finsiome 1 d= (een nen} Ano che esse annette come mapginnante. Sa Lap A. Sila per ei EM ortnast, perogni men, a allora La sarebhe um shaggiorante di A, pit piccolo di sup A; che & assurdo, # Una conseguenza della poposicione 4.3 # che insleme del uuner azionali Q 8 densa in R. Proposizione 4.4 Dati comunque due numer relia b, con a tot apt wrk ap-k apna WH Rh e dunque wagte, vente si ha fa disugualianza opposta. 7 Captots prime 1a proposizione 4.4 lice che & possibile appcossinare con precsione abitearia wn numero seule per siecao Jel numeri razional; & su questo nisultatoehe si basa, s ben redete, 1 possiiltd di wn ualsi umetica, clo di effetinate ealeult wumetic (che bovvianientesiguatdauo sole rsinerirxzkali). Yedinmo ora come dall'ssiomsa di Dedekind sia possibile deduce Vesistenea deta adie sinus di un auinero veale, Per questo, cominciamo col dimostrae una mage sioraziowe ce satd iil ance nel seguito. emma 4 Sino x, 9 € Recon bx—x91 <1. Sih, per opt n EN! Isbin at evel fan Dimesiazione. Si pate dlls wots Tocula APoXB abe OE Rag hha oon Bari! war sand ta disoguaghianzatiangolates oti: xnxod if sional teat Drala parte, dato che [x ~g1<1 si ha fal 0, allra site un intorno Hog. 1) die, lle che, per opnix Ells, 1) ris PCA) >0, Dinoswarone. Valasun dapprine \(a)~ Pre) Sta: 160) —reval=1 Eaten 8 eat Dalla [4.1 equ in ee -Fee)tSbe-val Badd toghf!-Ote~xel per opul e€ Mey, have sd = E flat tot" (sivoti che @ non dipende daa) Siem tel mer els a LP) si ottiene, per nix €Z(c0, 13 rg) + Pla) -Pla) > Pls)“ 1P()~PE%a)I> Plea)“ Or> 0. Pos In woo del tutto Wentica si dimosta che se P(g) <0, allo esis un intorao dt xp in cui PO)0, Allom esste un yER, con St, tle che P(y)=0. Dincourarione, Sia B Vinseme deglix compres tia s © Fal he P(e) <0: eERISSEEH; PO)9, ‘Supponire dunque perassurdo che P(x) <0. M punto » non pu essere i econo extreme 1, dato che per ipotesi B(1)> 0, Per il Tema 4. esiste un interne £0%,29 ia cm Px) <0: i sonsaguenza esisteredbers dei punth al & che dungue polsbbe escte Pesteme superiore ‘vow dutta, si exclude i ease P(y)>0, In questo easy sister ae 1.2) diy in eu PCA)> Dye siecome yom pub coineidere on il primo estremo + petelé P(s) <0, spud supporce (prendende il eaggio r dein. tocne abbastanza picevla) che anche y~rsia magglore di, Dalia parte y 2 wn mag slorsote 41 E, ¢ dunque non ei sono elementi di B maggion’ diy. Non ci sono nem eno elementi di & compresi tra yr ey’ dato ce in quel interval siha P(x) >0. Ma allow anche y'-F suche va maygiorante dt, Hehe & impossbile daw che y=sup &¢ aninine dei maggioran Resta dungue soko be possbilila 70, e i teorem 8 imostrato. ‘timostrando rimpossitiicd delle relazont Come coreg race m-esina dh wea del teoremns 4,1 dimostriamo Vesistenza & unieita in della sumero postvo, Teorema 4.2 Sie WER, a0 8 sin MEN, Bente uno oun solo mamero real positivo yale che y" =a Dimostratione. ©: hia POO) ieriamo i polinainio PCe)=3" ace Mu)=d"-a>0 (se 1. Si ~a>0e i cagionamento & a Copitota prima ‘dentico). Peril teorerma 4.1. eslste an ye R, comprese tea 0 Resta da far vedere che tale 8 unico. poniamo che sia ¥f =y$ =a, con yy © ¥2 >0. Dalla [4.2] segue atale dhe "0 detyiein dB sth ii adendi della somma a secondo membro soa Hutt postivie quid dow es sere yy “ya "Oe cio’ yy =p. 1 numero y, Ja cui esistenca @ garantits dal tearena precedente, sic esi aritmetica (a semplicemvente ead mesa) df a end ama race Lo stesso teorern 4.1 ci die come fare per trvaee valeriapprosinat deg zh ‘ism potiromio, e dungue dels raice sina di un namevo. Si P(x) un potinamio, €supponiaro ad exmpio che sis P(0)0. er i feorema 4.1 esterd un punto §, O0; allora, sempre pes 0.3 © 08, che dungue dar condo pe eccesto.Progeguendo Ia sudviione «i oltengon via via valor pid ecurati aie Da notare i teoreins 4.1, Psi annlies8 a lun secondo valore approssimata per difett el un se: . bench metodo sa piutlosto semplicee dis buon rsultati specie con T'vso di ealeolator, a esso in genete si prefeiscon altri metodi derivatl dal eat colo differenziale, che danno approssimazion pit rapide Esercith 4.1 Celeolace sup e int del guns insiom @) kent <2 wy G) wo (er neh aden) (a 11,3) i fe) (eRixbi>e 3} co feemxe22, 921,2,3,.)um 0 4.2 Si enunci "analogs della propesizione 4.2 per Mestiemo inferior, 4.3 Sinn # ed Fee insieml ai nuove reali lal che per ogni GH « FEF sl ahha eS Simei che sup Bint F. Sita del mr rake a 4.4 Si dinosts che 14, B) 8 une seione in , alors feehe V2quatione tex the berd hia senupe (alneno) sa calor veae ersiczare it riultalo precedente allequrzione PED=0, dore PE) Ew indi grade diepat 4.7 Sina R, St dimontr che Ve 4.8. Dimostrare che ogni inieme A CZ lrltato meron to finito di element) 4.9. Dimostiare che ops inseme finite (e cit con wn n dna miassinnoe minini, 5 1a topelogia della retts: sion apes e ehivs Definirione 5.1 Un insiemne AC R siliowapertosepercjgn vA estenn informe User eontenste in Beemplo 5.1 Litnsieme (a, 4o¥)= (eR - x0) & apes. Infatti se 9, i pa =a, Lintorno U(x, 7) &contenute in (a. +2) dal momento che se yEN(e,7) sibs Ly-a1s7x-3) yer bynes) ‘Analogainente, si mostra ce Finsieme (cob) (rer eup A 1 punto {=sup Ain © uw punto Hi accummalarione por &, Pee vedere quest, cconsiderivnn un arbitzaro intoro 7(f, 7) tf € facciamn vedere che ess eontiene inti pu di F. Poiché £ 8 conternta i clascino dep interzall fay. Dy 58 vee an inten i ad fae ee 2°°> (her Vantaa fg [ah conte in F009. Onn xg ce lowly hy foe qin nse 18.09, conte in ne $€ vn punto dace iH, cos owe. Definiione 5.5 5 un punto eh frontiers di A sein pl incorno dip ewlone pra di A e punt de EA, L'insieme det punt di frontiers eA sichiama fronticra di A (0 bord di Aye si tadica con 9A in ACR, Direma che to “Sepue faclnente Walla definizione che aAsAnGA isa ic evideate che Ae in patticole, ele I feantions lA & un insfeme chs Eserciti 5.1 Dite sei segvent fa) (ER: 1<[e= 213} HG) FER x= Minn, 23, fe) (ERs b3z41-0) (8) (ER ax? thet hee taro}, 6b, c4ER, (Sisleora i Iowme 4.2) {@) Gil insem dell'esercizo 45 () Cinsiome del esrerie 1), 3 ui sf apgngs i manta «=O, jemi sono apertio ehiusi(@ m8 apert né chins) #5.2 Dimostrare che se 4 # imitate superiosmente sup A A, allora sup A # Un punto di accumalazione dA (e donque in ogni caso sup AG A). jormcate ba messine (ved 5.3. Dimostrare che ogni insieme chins efieitaco sop ererciio precedente), 5.4 Date Yoremplo di un insieme Infinite seas punt di accumezione 10 ba massimo € minim. 5.5. Dimoitrare che ogni insieme chinso li ‘546 Dinwostate che tn inscme 4 & chien gee solo se contiene Uv ana frontiers Capncts ms 5.7 Diwosttace formate [3.3 5.8 Dimostrare che insieme finico 8 es, 5.9 Sia ACR. Un punto x si dice interno a el ai ‘404 Seesisteun iutocae dt x contenito che A apesto see soto opal we punto 8 Jaterno. S.10 Anslogamente x si dee es sea di =B) Prov Herma ai 36 csiste un intorno fix che non inter: EA ® chiivo se « solo se ogni punto che non appartine a A @ esterno, 5.11 Dimostisre che se ACR, 3.4 = 5.12 Si 8 osscrato che i R che sono apes: a complenentare del'altro, risultano anche chiusi, See eee Tie Piwosteure che Re sono gli unich J allors 042 o4=R, 'nsiemi contemporaneamente apert chiusi 76 1 oumeri inter’ come sottoinsieme di R 3:4 pute cid dy 1,6 96 com suecessine Somme: 2611, $2414 p HLT, eeu vi 1 prot via, che Aumeron ches! Wolk appunt define, Fe tego ali vvn st bon nn Ee Pe pun ‘mpendine 7, “ee cou, isda ease cre tee sna secesvanene ano tine per dette nner nga ae (6h moa pain anche 10") mee era sa WIAliti. Alle seopu, sara invece neces callin Aly scone, 10 on posed pi ane » Pefivicione 6.1. Un nsieme fC WW tee C) veserniea Fo, conte pre Fins ewe 1, 10). ae f° BY dei mes eal positivi a Siem deb muerte Inqitivainente, Pusieane N det monies natura & un nsieme induttive, Ifa ess ‘cantiene if msnero 1, ese 0 2 us nuery naturale Wo anche #1, Inolce Ne pi piccolo insieme induttivo;infati wn quasissi insieme induntvo, dovendo contencie iid, contertd anche 2=14+1, 3©24 1, ¢ cos via (Questa ida incutiva ala base della deinizione rigorosa di nuntero mature Definiione 6,2 Si dice iasieme dei momeri natural interzenione di tutti sotto 7 seen indivi dP Ae Mh Linsime doi rumen natura indica ow BH, E30 non @ oto, in quanto cow neno Fast che & pe dfiniions com aut gh ss nae [Aone numero 2: inf contenende 1, ogni inieme indutivo dove conte 1 per ropriets 2 All stesso modo si dimosra chet conten re anche 2 numeri 3,4, ., 52 Proposizione 6.1 N 2 un inrieme indutive, Dimostrazione. Abbiamo git osterto che N contlene 1. Sit oraxEM. Poicbé M | oc.-45 ® costituito da ttt € soli gli element comuni ad gga insieme induttivo fH nu ‘mero x appanterra ad ogni tale. D'altra pate af ® induttive, dungue anche x $-1y ovtd apparteuere ad of. Ne sopue che +1 appurtiene a ogui insisme nuttin, © ‘avn suche 9 M, N Junque vetifies le doe propriet® della definizione 6. ed & per- tanto un insigwe indtivo, Linsieme 1 & pit plocoloinsieme induttivo;infati per la stessadefinizione esso 1 (e clok senza fae riferimento a sottoinsiem di A) come un inslerae W nel quale sa defini un'spplic ne a :N-FN con le seguenti propretd fay ven, 7 Pest cae cer {1 senmement ( » LQ) wena o(yeath, 4 pan vee rox i \ A) 4,DEN,oG@)=0)a=0 (inaltee parolee #inietiva), |) SesONE ile che Leaf 206 f= oe) Ee, allora a | i nsions (1)() son stint matematicoKaano Glsepe Pa, che dont coeds ts pus devas tat Taritea teeta { Vannaione o@ ela ce ash ad oi numero atte uo suena” Con ras ap 2 i ts ie © & urappicaalne dan Wend « a Copitos prime questa convenvione, gi 2siom si poss tha 0 a ein Hingis conrente 1 & Hn numero (naturale, H soccessvo di vn numero & un numero, 25}. | non 8 successive di ness atmero, (8°). Sei suecessv di due numeri sono ugusli anche i due nuneri sono tai, (5°) Se un insieme SCN contione Munitd, ¢ if success di ogni so elemento, al bore WEN, sservazione 6,1 In moti cesti i numerl natural sone defiitiincladendov’ anche lo revo. La diferenza & porantente formate, e non 8 dlificileappovtare ei opps uni ceamia yeni per passare dalle nose definition alle site: basterd infaltserivere 0 al posto di | nei Iuoghi opportuni, ad eseimpio nella relavione (1) del (uauaraimen lefinizione 6.1 nom neta (2}). La Yelta tra Pana @ Falta alternativa ® puramente wa questione di opportuni; noi sbbiame preferito di cominciare a contate da Von tanto perch si tratta di una scelta natorale, quanto perché rsslterd pit comodo nel seguito; ad esempia nella definizione di successone e nei relatviexempi, ogliano ora far vedere che Tinsieme N initodotto nella dafinizione 6.2 veifica ai asiom (1)4(5). Per questo, ozcorre in primo Juogo definire 'applicazione 0. Coie © naturale, dtinirego oe) "a-F1. H primo assioma evidente; del secondo abbiamo si osservato che 2 Pleonastico. Per dimosteare (3) dobbiama far vedere che now c nessua numero natucsle a fale che @ + 1=1, owera che 0 non appartenga a N. Questo ® ovvin, appena si assert che essendo AY ui insite inuttvo, tutti nn secon essere posit a Ni quarto assioma & anche evidente, mentre il quinto now dice altro che Nit pi piccolo insieme inditivo, ‘Quest'ultimo assioma, che prende il nome di principio di indusione,#di notevols impostanza nolle dlmostrazioni, ‘ver usato molto spesso ne! seguito Una forma equivalente del principio di induzione 81 seguente: (5°) Se@EN EG Late che: @) rea at (bo) best vbcero@esty allots In parole, se un insieme of contione il nubiero 1, ed & tale da contener i succes vo di un numero quando contiene il numero stesso ¢ tut quell che lo precedona, alles deve exzere SI-N. La parte in.coetvn dla difforanca tre (5") «il principio dk induione ($). E° chiara che i (5") & verificato, lo sard anche il principio di indu- aione (5),dato che letpotes di (5) implicano quelle di (5 * vie nal ite wore sno 3 (ose) eW (per og. ” Sarma dei mame cal Vale pert anche i vicevers Jnlattt, saponin be sin veriiexte af pip AVndarinne, ¢ sin CA wn insieme che were fe potest di (5" j. Vogliann fe ve deve che B= Coosiderinnin per questo Vinsiome of cost defini: se eVhSo siha DER ene ad .0f se ¢ so 56 ese appattiene + $B asieme a parole, an puniera @ app Loti nmert che tn precedon, Risula evidentemencte 1E.af, Se ora w€.af, per opp —1, i ttene (CA RUIN Fag Hort Dieta 3104+ Ih ossia La Pet Ht principio Aunque ti [6-1]¢ dimostrate. © indurione la propositione P, & vera pec ogai n, ¢ Ossersuzioe 6.2. Uipoiesi (a) del teorema 6.1 si pud sostivize con Gy Evite intro K per eu Py & vera, In questo caso st poted concladere che 7, 8 ver per ogni wk. Allo scopo, sara Suificienis applicave i ceoteina precedente alla famiglia di proposizion Face Teteawlo poi coma della (5°), spud sosttaire Pipates (b) com fa (W°) SoM, Evora per ogni Sn, allo si he B, Osservazione 6.3. Una tun () de to ia di proposteiont (P, st dice induttva se soddiea la Famiglia induttva si pos (1) Fr t sempre fas (questo wt esempio i caso della fnigha By sn'>n4 1) (2) peecqatte itera £ ln proposizions My & veraealloa P, 2 vers per opal nk ® Esempiv 6.2 Ua faite wpositioni® Polat Set tduttiva Si ha inftt POF 224 1-2 "adic ono prot det pi mined o 12-3 iam fire, ee nen Jira. Pet eomrention i one bale Uk «.sssumendo pe ver, Mat 2G tn, slr pare, per cg ines sla Kee ke-1 (bE snk kit + HED a Bl kn eo) PPLE in particolace, segliendo k=n+ 1, si ottene (003) pontane ntapte at feverena AHL) (5 ein deni PNM No en HY, per cui palese che Py implicw Py oy Imente che P, Py, Ps, Pa €P, sone False, mentre Py &vers Sihisallona *) (62) per ogni nie. = Bsemplo 6.3 Sia $(~) la somuna del prin w nusnet tt Shoe 1+ 24. tn Vogliane far vedere che n(n) Saye (63) Si eatta pertgato di dimostate che la propasiztone not yy Patt atte Eveea per ogni > F evdente che P, 2 vera: sed donque auffisiente vnostare ebe Py inplca ?, cossia che, supponeudo vera fl si pud dedirre Py) Sih Sut =Sy0) at 7 alla no) (ut eet2) SUn t= SS tat 2 Ovestultina refacione now @altry cue IP ye daage fe [6.3] dimostea. ” Capita prima Una volta identfiate in Ril sotteinsieme NY dei mwinerimatueli @ ammedato ri canoseere gi inti celatvi Ze i razionali @. Per primi, si osserviche per T2ssioma (1) ogn monnero rate (¢ dane in pact colar, ogni numero naturale) possiede un opposto. L'insieme castituite dai sueners natural, dai foro opposti « dalla zero si indica con ZA difereura di quanto acca deva per N, Z verifica gli assiomi (B) dels soma; in partcolac, la sottarione & sempre possibile in 2° a. Fer quanto riuards i numeri razional, si osseri che per 'assioma (Cx) ogi ov ‘exo infero non nvllo possede un inverso, Un numero teale@ si dra allots razionale se esistono due interi pe @ ali che eco qf numero ge esulta iter, fa ovvero, in alte parole, per quale in ' evidente che se a 2 razionale, lx sua espressione come rapporto di intel (ecioe come frazione) non & unica; ad esempio sea p/q sulla snchea= 2p/2¢ =3p/3. E immediato verifcare che dve frazioni pja ris rappresentanc lo stesso numero, ‘tionale se @ solo ee xia pr=r. Si pud vedere faclmente che © verfica tuti gl asions del paragati L, eccetto quello di continviti *7 Un modello dei numeri reli 1 punto di vista adottato ne parngrfi precedents consste nella definizione del sistema dei sivmesi veal imédiante gi asslomi dl paragrafo | e Fasioma (D) e elto studio di alcune delle foro proprieta, in pasticolare quee connesse con fa continvits 41 R. Inolt abbiamo, per cosl dic, exttatto da R slew sui solt lareionpostanza, N, 2, 0, elizbbiamo-sudiat in quanta sottoinsiemi di R, deducendo ot le foro proprietd da quelle dei sumer reall in cui sono contenuti In lite parole | nostra posizione consste nel considerare come pimitvailconcetto di nuirero real, lasciando quindi in un certo senso alintueione i compito di abbrecciare il continoo dei numeri rea, € nellindviduare in tale continuo altre classi di numeri (gi inte ‘arionali) ad ess0 appartenenti. Questo punto di vista cli senza dubbiorichiede i almente un eesto sforzo di int AelVanalisi, che & lcm di partico: i pid aderente ale exigenze ‘isuta pid che alVenume- Lo scope di questo paragrao & di presentate la posirione opposta, mostrar cio? come sia possibile, a partite dalle proprietd dei numeri naturali N, costruire prima gli interie (raztonali poi da questi un modello dei aumer eal, ossia un inseine R do- tato delle te struture del paraprafo 1 ¢ verifcante gi assiomi che caraterizzano i ssumeri reali. In questo procedimento il dato fondamentale zona dunque i numeri na satche neces dlmosta eke sep ¢@ soo Ine oe soma +4 hi pn € wn suinero rene) um nero. Aan vite lets dinastato pet gee Met ‘hes pd fare pes induinae even lect pes eee hon i dilanghereino qui a stllavltesiore possiblila di costeuive an modelo i N aula base dela fcoria ep insiem (cost rvziane che poratieo € wnoltn sotte & inal i ynesta a senpfificaiand ce spesen aascondons le principal dilticuta)né te tereimo aa descrzione assinnatica det sistema dei numeri natural, x casa dele fo tain ce ocencreno per passare da on sistema di asso eelaivamentescmpice fo remo tssfowa di Peau) ale comnin) operazioni ¢ mawipolviont 8 mnmert paseaglo che, per le nuimstosesottglici2e,esulesehhe certsareot di ii int tun corse dé anal Supponsiamo dunque che i Jetvore sbbia per sw como mies del sistem 1 csi one rst seri wm gt dl os stem eethe ts home (sce ee sla oma Pe ve titeneorgenoete ied dove a chet me pereo de pa) atu ve an i edu tnteie eniona Soe eta or tvilare questa sovrabhondanza si converri che le frazionl (77. q) & (rm, am) aes nt nnetm.yqnatepn= quate 26 (.a)emn) J, come svete Facitente, La elarione ~ & ana laze dieguitofenza;essa i (4) sifessivas (9. )~(0- 0% () sinmetsicn: (pea) Cnen) se eselo se (on, )~ (0.0 (0) anstivas se (ea)~ Eni (a IN~(F.,allora (P-4~ 8) cesta Sees nait 9 “en eon weet ae “td al mc la ee ie heen ‘tepid tego it on ee et ae oS aatemasoe (pa ee nel os Watsone sare Nga eevee clo lum numer Home a ee | ate prime In taf mado, te brszbn posse ragyruppace in classi di Isazioni tr hoo equiva Jeni op ease essend custiuita da tutte w sul fe fasion Ogiana di questeelisi definise ua numero eazionale. Lins ‘onal (e viot Finsieme de squvalealiw une di esse, ne Q deb numeri sx J las di equivalena delle fuzion) & il quoziente dell ty alla relazione di equivalenaa ~ definite sopra. Una classe dh equivalenca, ossia un sumero razionsle, sid individuata univocamente ds ‘una delle Facioni deli elasse; se si indica cow {(p, @)} ta elase di tutte le feazioai eqquivalati 2 (p, @), {(P,q)}8 an mumera raeionale e (p,q) si dice reppresentante di Mp. ail EY evidente che anche (2p, 24) é wn rappresentamne deo stessa numero scale sieme F delle faziont anv (2, 9)» pla tnvece di (a, q)hsad esempio dk 1rd tacivnte 2/3" inv ‘he (2/3), con Paveerienza weviamente Ui considers ugvall fain che indiviluiny Io stesio numero eszionale, Si sexverd dnp, a esempi NNefinsieme dei numer ional i postno definite (A) un entinannente < LiL} © ers (18) a sen tl els) io oe oa Velemente {0/1} € come eppusto di (afb) I'vlemento {a/b}; (il (he) ePinversoui (fo) 2 {bfa) se4> Ve (-Bf-a} seu <0. ito wetficone chee relseioi (A). (18) (C) sito b tai definite; a ese via! pm Pom mw aoa Fracioni soos per appa stipe dalle "ucts tests ee ee 1 cquirtence & escuela vudks he Sineme dei mer elt 7 Fguatmente semplice 4 verifea delle proprield del paragrafo 1, che viene lsciats pet esercizio Finaloente @ possiede la proprieté di Archimede: dati due nu ‘lq mf esiste wn intra Gn Q gl interi sono ¢ numeri (M/1)) tale che i razjonali posiivi aa Basterd jf prendere N=ina. ‘A partve dal numeri azionali i pub costeuite un modetlo det numeri reall Gi ele went! base di quesio modelo sano Te sezioni dQ; came nel caso delle definizi seziunc in Ble ezioai in Q sono coppie (4, 8) di sottoinsiem ANB=8 wh VOEB sista ) 4 oF te tasionieqtent $6 5, soutine Requvtenwa 2 Seu non denise wspetarone sa rome szienalh as Ceptate wine UFK & Piosieme di totte Le possbill somme di un elemento di H con ano dt &). sh pred definite ntA=A4C. B+D) pay {Lo zero sat la sezlone definitaial numero eazionale 0; ¢ Vopposio di wn pwner reale ysl numero 7 e=(-8,-A), way love oH (r€0; r=-h, WEH) !Vinsieme degli opposti dea element dH. La definivione del prodotto di due numeri reali & pil complicate caven delle re gle dct sega; cionordimeno essa & naturale: ad exempio 36 a (A, B) 6 (C.D) sono positivi (che significa che tuti fumes in Be in O sno posit, lore pro dolla & dato dalla sezione che ha, come secondo insieme, quelle costtuito dn tnt possbili prodotti di un elemento di B con uno di D, e, come primo iseme, Il com plementare di questo (¢ non Finsieme dei possibill prodotti di un elementa di 4 con 10 di C, che contiene numeri postive grandissimt: (—p):(~4)=pa). Infine, Vinsieme Fverifica Vassioms (D), Sia infatti (X, ¥) una sexione di F (gli clement te ¥ sone a loro volta serio di Q). Si pong Moz UA, unex aoe 1B: amex (Ao, fa) 8 una sezione di, ¢ dungue wn numero gale, che &elemente separatore (X,Y). ‘Comins cot dimostrare che (Aa, Hg) ® una serkone di (0) Ao Uy =O. tnfatti se rEy, exsterd una sexione (4, DYEX, com 74H, Ne segue che FA e dunquerE Ay, (2) Ao By =O. Se Ay, r doved appartenete ad almeno uno desl iasiemi A € “danejve non poted appartenere al corrspandente & e a maggioreagione, 3 Be (3) Siano pEAq GEL; 7 doved appartenere ad slinene we degh insiemi A di ‘cui & composto Ap, menize ¢ dovri appartenere a uti gli inwieni ls eui interse. lone di Bp. Ne segue che esisle una sezione (4. BEX, con pEA egEB, cosiché p