Sei sulla pagina 1di 0

CORSO DI FORMAZIONE

PER CACCIATORI
IN MATERIA DI IGIENE E SANITA
Enrico Groppi, 1911-1972
Natura morta con selvaggina, 1939
3 C
MANIPOLAZIONE
CINGHIALE ABBATTUTO
AI SOLI FINI DI AUTOCONSUMO
a cura di
A. Brunori
3
M. Frri
1
C. Fiora!an"i
2
A. Mar#iani
2
G. Po$#a%n
5
M.L. Zanni
4
con #a co##a&ora'ion di L. B""ucci
1
( A. G#a"i
1
( A. I)*ria#
1
1
AUSL di Modna +
2
Au,# di Bo#o$na +
3
RER Sr!i'io -"rinario .
4
RER Piani/./auni,"ica
5
Uni!. Bo#o$na
- Vers. 24.!.29
ARGOMENTO 0 CE
di,*o,i'ioni #$i,#a"i!
d a))ini,"ra"i!
ARGOMENTO 0 CE
nor) i$inico.,ani"ari
"cnic1 ad$ua"
ARGOMENTO 0 CE
co)*or"a)n"i ano)a#i
)odi/ica'ioni *a"o#o$ic1
ARGOMENTO 0 CE
nor)a# 2uadro ana"o)ico
/i,io#o$ico co)*or"a)n"a#
d##a ,#!a$$ina ,#!a"ica
INTRODUZIONE
SEL-AGGINA GROSSA TAGLIA
-di Cor,o 0 R$o# R$. 34567889
3: or di #'ion d ,a)i
Fi#
7;COMPORTAMENTI.*d/
Fi#,
3A MANIPOLAZIONI.*d/
3B MANIPOLAZIONI;CAPRIO.LO.*d/
3C MANIPOLAZIONI;CINGHIALE.*d/
3D MANIPOLAZIONI;LETTURE.*d/ < /i#, ,c1
Fi#
=;DISPOSIZIONI.*d/
*ro$ra))a d# *acc1""o /or)a"i!o> in ro,,o( ar$o)n"o d##a #'ion
Fi#
5;INTRO.*d/
3
Mac##a'ion di un cin$1ia# *r
#au"ocon,u)o
PREMESSA

Questa sequenza relativa ad un capo abbattuto nelle


immediate vicinanze del Pun"o di racco#"a con"ro##o
di ca*i a&&a""u"i che ha ospitato la dimostrazione.

Pertanto da tenere in debito conto che le varie fasi


cos come proposte non corri,*ondono a##a
,ucc,,ion #o$ica i)*o,"a nella gestione di un
capo abbattuto lontano da un siffatto Centro.

In particolare qui la spellatura precede per praticit! la


eviscerazione che di norma va effettuata "il pi# presto
possibile$
%
Mac##a'ion di un cin$1ia# *r
#au"ocon,u)o

&rasportare il capo in un con"ni"or *u#i"o(


rigido o floscio

I !i,cri accompagnano l'animale in un analogo


contenitore (e).* sacco monouso+.

,nche se il cacciatore ha valutato positivamente


lo stato di salute dell'animale prima del tiro
terr! conto anche dell'esito della fase che segue
e cio dell'esame dello stato dell'animale e dei
suoi organi
-
Mac##a'ion di un cin$1ia# ai
/ini ,c#u,i!i di au"ocon,u)o

.o scuoiamento ed il sezionamento della carcassa


rispettano la sequenza descritta nella #'ion n. 3
r#a"i!a a## NORME SANITARIE E TECNICHE
ADEGUATE PER LA MANIPOLAZIONE e
fotograficamente di seguito proposta.

I !i,cri ,car"a"i assieme alla *## ed alle *ar"i non


co)),"i&i#i sono smaltibili dal cacciatore
rispettando la normale procedura localmente stabilita
per lo smaltimento dei ri/iu"i do),"ici( salvo norme
specifiche diverse
/
0
alterazioni del mantello
0 danni inferti dal proiettile
0 ferite fresche e1o cicatrizzate
0 parassiti
Controllare attentamente
l'aspetto dell'animale
For" in/,"a'ion da 'cc1 d##a ,*ci
"ermacentor varia#ilis
I# "ra,*or"o di carnir ,n'a con"ni"ori
,ani/ica&i#i o u,a $""a ?!a,c1( ,acc1i in
*#a,"ica ro&u,"a@ *uA /a!orir #in/,"a'ion
di au"o *r"inn' do),"ic1 2uindi di
*r,on( cani $a""i. In ca,i ,i)i#i *r,"ar
*ar"ico#ar a""n'ion #a!orar n##a
)a,,i)a *u#i'ia ra*idi"B *r ,)a#"ir #a
*##( &n c1iu,a in un ro&u,"o ,acco
2
3pportuno usare un
contenitore di raccolta
dei reflui

Fro##a"ura
in questa modalit!
durante la stagione
fredda pu4 avvenire
all'esterno
Carca,,a a**,a
5na pratica opzione per un
lavoro rapido e pulito anche
per il meno esperto
6
A PORTATA DI MANO
0 acqua potabile
0 arnesi da taglio igienizzati
0 affilacoltelli
0 seghetto igienizzato
0 guanti monouso
0 sacchi e sacchetti monuso
0 contenitori chiudibili
0 cordino
con #Cini'io d##a ,*##a"ura i#
ca*o D d,"ina"o a# ,o#o
AUTOCONSUMO
7
DEPILAZIONE
, 83.&9 8I9:9 P;,&IC,&, .,
<9PI.,=I3:9 &3&,.9 3
P,;=I,.9 <9. CI:>?I,.9 P9;
3&&9:9;9 P,;&I P;9>I,&9
(9@. P;3@CI5&&3+. @3.3 I:
Q59@&3 C,@3 P3@@3:3
;I@5.&,;9 98I<9:&I
,.&9;,=I3:I <9.., P9..9
@I:&3A,&IC?9 <I IAP3;&,:&I
A,.,&&I9
IL MALROSSINO
L "i*ic1 #,ioni Ea )a""on##aF
in ri#i!o ,ono i)*or"an"i n#
dia$no,"icar 2u,"a )a#a""ia
in/""i!a c1 co,"i"ui,c un
ri,c1io *ro/,,iona# *r
)ac##a"ori( !"rinari ...
I $uan"i )onou,o *r #i$in d## carni
*r #a *ro"'ion *r,ona#
BC
Incidere la pelle sui
zampetti
tenendone un lembo
teso con la punta del
coltello staccarla dal
piano sottostante
e procedere
progressivamente e
ordinatamente verso il
basso
.avare bene le mani e
sanificare il coltello ogni
volta che si passa da parti
sporche (pelo ferita
imbrattata D+ a quelle che
devono restare pulite
SPELLATURA
BB
SPELLATURA
Continuare verso spalle
collo e testa
;ovesciando la pelle
possibile controllare meglio
gli effetti del tiro sull'animale
e prepararsi alla eventualit!
che il proiettile abbia colpito
l'apparato digerente e
causato una contaminazione
dei visceri.
colpo alla punta della
spalla in zona cardiaca
entrata del proiettile
TOELETTARE BENE GG
#a 'ona di "ran,i"o d# *roi""i# d##a ,ua
/ra))n"a'ion d! ,,r accura"a)n" ri/i#a"a
*r #i)inar i )icro/ra))n"i # "racc di *io)&o
BE
*#i( "racc di ,cr)n"i( )o,c1 'cc1
,u##a carn G
B3
NON LA-ARE LA
CARCASSA G
PER NON SPALMARE
GERMI E CONTAMINANTI
TOELETTARE A SECCO
USANDO
0
COLTELLO
0
CARTA USA E GETTA

B%
incidere lungo la
linea mediana
addominale
partendo dal pube
badando bene di
non danneggiare i
visceri
E-ISCERAZIONE
B-
Infilando le mani in
addome
accompagnare il
pacco addominale in
avanti e stabilizzarlo in
questa posizione
con una pressione
della mano verso il
basso
E-ISCERAZIONE
B/
spaccare o segare
il pube e mettere a
scoperto il canale
uro0rettale.
,fferrandola bene
asportare la
vescica tagliando a
valle dell'uretra per
non spargere urina
E-ISCERAZIONE
5na fuoriuscita di urina
contamina e altera
velocemente odori e sapori
delle carni
Che ora F
B2
staccare il retto dopo
averlo legato per
prevenire una
contaminazione fecale
della carcassa e dei
visceri
E-ISCERAZIONE
B6
. $ro,,o in","ino
. in","ino "nu
E-ISCERAZIONE
Contaminazione fecale causa taglio
del retto
Procedere velocemente toelettare
.avarsi le mani prima di continuare
B7
proseguendo
nell'apertura
dell'addome si
espongono bene
anche milza
fegato e stomaco
i reni aderiscono
alla parete dorsale
dell'addome
E-ISCERAZIONE
milza
fegato
stomaco
Intestini
reni
EC
controllare l'omento
questa struttura
composta da una rete
grassa e connettivale
con ampie zone
trasparenti.
In caso di *ri"oni"i>
aspetto
rosso1giallastro e da
valutare unitamente
allo stato delle pareti
addominali
E-ISCERAZIONE
EB
la milza di colore
ro,,o cara""ri,"ico e
ro,,o ,curo in caso
di rottura (traumi+ o
malattie
bordi sottili e
unifomi
E-ISCERAZIONE
EE
, lato della milza
appare il fegato
colore caratteristico
con la mano
controllarne i bordi
E-ISCERAZIONE
fegato
milza
E3
reni ancora aderenti
alla volta addominale
nella loro capsula
trasparente
afferrare e staccare i
reni
incidere le capsule
(vedi* capriolo+
controllare ogni rene
co#or caratteristico
a,*""o regolare
E-ISCERAZIONE
reni
E%
ISPEZIONE
DELLA CA-ITA
TORACICA
asportata la corata
apertura dello sterno
controllo della parete
interna divaricando con le
mani
#a *#ura "oracica
a**ar c1iara *u#i"a
E-
,iutandosi con le mani
divaricare le due parti
controllare che la
parete addominale e la
parete toracica siano
chiare.
@egni di infiammazione
acuta o cronica*
co#ora'ioni sanguigne
giallastre adrn'
E-ISCERAZIONE
E/
.'intestino tenue
collegato ad un grande
legamento
(mesentere+
semitrasparente sul
quale si trovano
numerosi linfonodi.
I linfonodi devono essere
normali.
Inciderli serve ad
escludere stati reattivi
E-ISCERAZIONE
linfonodo
E2
Incisione di linfonodi mesenterici
E6
dopo l'asportazione
dell'intestino
accesso al
diaframma che
separa la cavit!
addominale da
quella toracica
diaframma
fegato
E7
CORATA
#in,i) di cuor(
*o#)oni /$a"o *ron"o
*r una i,*'ion
a**ro/ondi"a
a,*or"a'ion d##a cora"a
"a$#io d# dia/ra))a
diaframma
polmoni
cuore
D da# dia/ra))a c1 ,i
*r#!a un ca)*ion *r #a
ricrca d##a "ric1in##a
3C
linfonodi
lato diaframmatico lato viscerale
&3.9&&,;9 G9:9
danno provocato dal proiettile
Prevenzione contaminazione da Piombo (micro
frammenti+ f
3B
I:CI@I3:9 <9.
H9>,&3
,@@9:=, <I
CI@&I ,@C9@@I
linfonodi normali
E-ISCERAZIONE
3E
CORATA
IL CUORE
PRI-ATO DEL
PERICARDIO
ASPETTO
ESTERIORE
REGOLARE
&3.9&&,;9 G9:9
danno provocato dal proiettile
Prevenzione contaminazione da Piombo (micro
frammenti+ f
33
Incisione completa del
setto senza evidenza
di cisti
nel setto e nelle cavit!
assenza di parassiti
(cisti o adulti+ (
CORATA
sito preferenziale per il il
prelievo di coagulo per
ricerche sierologiche
coagulo
intracardiaco
3%
I pi# esperti
staccano il
complesso
lingua0laringe0
faringe0trachea
CORATA
ASPORTARE LE TONSILLE
evitare le tonsille durante lo
stacco della lingua
&onsille
mal asportate
3-
ISPEZIONE DEI
POLMONI
,u*r/ici in"rno
di *o#)oni
L *#ur d!ono ,,r
*u#i" a##a inci,ion i
*o#)oni non ri!#ano
nodu#i( ci,"i o a,c,,i
aspirazione di sangue ed emorragia
(effetto del proiettile+
3/
ISPEZIONE
DELLA
TRACHEA
con taglio
longitudinale
parete interna
chiara assenza
di segni
patologici
32
DURANTE
LE-ISCERAZIONE
RIPETUTI
DANNEGGIAMENTI
DA TAGLIO A
INTESTINI E
STOMACO CON
CONSEGUENTE
CONTAMINAZIONE
DELLA CA-ITA
ADDOMINALE
36
FEGATO> CISTE DA PARASSITA
a,*""o ,"rno inci,ion
NON CONSUMARE G
In ca,o di /$a"i *ara,,i""a"i ,car"ar anc1 "u""i i !i,cri
addo)ina#i
NON DESTINARE NEANCHE AL CONSUMO DEI CANI E DEI GATTI
37
FEGATO> CISTI DA PARASSITA
in"rn d ,"rn
NON CONSUMARE G
In ca,o di /$a"i *ara,,i""a"i ,car"ar anc1 "u""i I !i,cri
addo)ina#i
NON DESTINARE NEANCHE AL CONSUMO DEI CANI E DEI GATTI
%C
FEGATO> CICATRICI DA LAR-E MIGRANTI DI ASCARIDI "i*ic1
#,ioni &ianca,"r *un"i/or)i
NON CONSUMARE G
In ca,o di /$a"i *ara,,i""a"i ,car"ar anc1 "u""i I !i,cri
addo)ina#i
NON DESTINARE NEANCHE AL CONSUMO DEI CANI E DEI GATTI
%B
TAGLI H RITAGLI
La /ro##a"ura di un ca*o ,ano d
i$inica)n" ,'iona"o( *r)""ono
un u,o di!r,i/ica"o d## ,u carni
#a ra#i''a'ion di ric"" ca*aci
di !a#ori''ar # cara""ri,"ic1
&ro)a"o#o$ic1 d##a ,#!a$$ina

un /r""o#o,o ,*o#*a)n"o
con$#a)n"o *r#udono a## ,o#i"
)ono"on ric"" Ein u)idoF(
un u,o in $nr ada""o *r
carni di )inor 2ua#i"B
ARGOMENTO 0 CE
di,*o,i'ioni #$i,#a"i!
d a))ini,"ra"i!
ARGOMENTO 0 CE
nor) i$inico.,ani"ari
"cnic1 ad$ua"
ARGOMENTO 0 CE
co)*or"a)n"i ano)a#i
)odi/ica'ioni *a"o#o$ic1
ARGOMENTO 0 CE
nor)a# 2uadro ana"o)ico
/i,io#o$ico co)*or"a)n"a#
d##a ,#!a$$ina ,#!a"ica
INTRODUZIONE
SEL-AGGINA GROSSA TAGLIA
-di Cor,o 0 R$o# R$. 34567889
3: or di #'ion d ,a)i
Fi#
7;COMPORTAMENTI.*d/
Fi#,
3A MANIPOLAZIONI.*d/
3B MANIPOLAZIONI;CAPRIO.LO.*d/
3C MANIPOLAZIONI;CINGHIALE.*d/
3D MANIPOLAZIONI;LETTURE.*d/ < /i#, ,c1
Fi#
=;DISPOSIZIONI.*d/
Fi#
5;INTRO.*d/
*ro,,i)a #'ion> in ro,,o
%3
A#D$1r( A""i#a G ..ED" !D," I
Sa *o, )a$nDr#a )( !a#a &Din
anca *r " G
SLURP G
GRAZIE PER
LATTENZIONE