Sei sulla pagina 1di 4

Pietre e Gemme

Pegno d'amore, emblema di sentimenti forti e coinvolgenti, suggello di tappe di vita percorse insieme: tutto
questo è racchiuso nel dono di un Gioiello.
La gemma concentra in sé bellezza e perfezione, passione e incorruttibilità: donarla o donarsela significa
imprigionare il germe della felicità e della fortuna; indossare Gioielli, da sempre, consente di appropriarsi
della loro essenza vitale, di percepire il Soprannaturale.

Si perde nella notte dei tempi la credenza che Gioielli e Pietre Preziose abbiano un'origine divina, e che
quindi siano dotati di misteriosi e prodigiosi poteri, trasformino la vita di chi li porta con sé, dispensando
gioie, salute, fortuna, oltre che eleganza e seduzione.
La tradizione vuole che le gemme e i gioielli siano dunque potenti talismani: essi contengono la forza della
natura, i sentimenti nobili di chi ha voluto farcene dono (l'affetto di un amico, il desiderio dell'amante, la
riconoscenza di un figlio) e l'anima dell'artista che ha saputo interpretare e raggiungere l'essenza delle
forme: è l'artista orafo che grazie alla sua capacità di abbinare creatività e rigore, ingegno e meticolosità, è in
grado di attivare e accrescere i poteri della materia e dei sentimenti, tanto che lo splendido oggetto si
trasforma, come per incanto, nella rappresentazione di chi lo indossa, della sua anima.

Lo splendore e lo stupefacente gioco di luce e di purezza hanno suggerito agli uomini dell'antichità il potere
soprannaturale delle Gemme, rendendole impareggiabili talismani dalle magiche virtù. Il bianco iridato della
perla, l'azzurro splendore dello zaffiro e gli altri luminescenti colori delle pietre preziose sono stati interpretati
come sublimi rappresentazioni dell'Acqua, del Fuoco, della Terra, e del Sole, da sempre adorati come
divinità dispensatrici di felicità, fortuna e salute. Ogni gemma sprigiona particolari virtù talismaniche.
Acquamarina: Talismano degli innamorati, dono ideale nel giorno delle nozze, assicura la felicità nel
matrimonio. In un antico testo del tredicesimo secolo, si legge che l'ACQUAMARINA porta felicità e buona
salute, allontana la discordia, ha virtù portentose per i bambini: tanto che nel Medioevo portavano al collo
piccoli frammenti di questa pietra trasparente come l'acqua.

Agata: Dona ricchezza, aiuta a trovare tesori nascosti, tiene lontani i fulmini e le tempeste, accresce il
coraggio di chi la indossa. Secondo gli antichi, l'uomo che si adorna con un'agata conquista il cuore della
donna amata ed è protetto dal favore divino. Plinio parla a lungo di questa pietra e ne descrive le diverse
tonalità di colore (dal verde, al giallo all'azzurro) e le diverse facoltà miracolose, tra le altre la considera
efficace contro il morso di ragni e scorpioni.

Ambra: Collega l'anima individuale all'energia universale. Potente portafortuna, viene apprezzata soprattutto
se lavorata in forma di sfera o per simboleggiare animali o parti di essi. Resina fossile di colore giallo, giallo-
bruno, bruciando profuma l'aria. Veniva utilizzata dagli Arabi per bocchini di pipe e narghilè, nella credenza
che prevenisse ogni contagio.

Ametista: O pietra benefica. Simbolo di temperanza e umanità, controlla i cattivi pensieri, acuisce
l'intelligenza, sviluppa il senso degli affari e rende sobri. E' Ametis, bellissima ninfa, inseguita da Bacco
ebbro di un'ardente passione, che viene salvata da Diana e trasformata in pietra lucente. Rafforza l'animo di
chi la indossa, aiuta a sconfiggere paura e fobie, dona uno spirito allegro e una bella carnagione. L'Ametista
appartiene alla famiglia dei quarzi. Le si attribuiscono dei poteri soprannaturali, é un talismano simbolo di
fortuna e forza, protegge dalla malasorte, dalla nostalgia verso il paese natale, e dalle ubriacature, come
indica il nome stesso (in greco "amuthustein" voleva dire "non essere ubriaco").Arigiò la utilizza in
sostituzione della iolite e dell'acqua marina, tutte di colore intenso, semplici, raffinate ed affascinanti.

Il Citrino: Citrino dal latino "citrus" che significa limone. Il colore naturale del citrino e' appunto quello del
limone, salvo trattamenti particolari che possono renderlo anche azzurro (Topazio azzurro).Arigiò lo utilizza
in sostituzione dell'ambra o dell'agata gialla quando c'è bisogno di un colore solare. Protegge dai dolori
dell'addome.

Corallo: Per la natura, la forma e il colore, sembra ricongiungere prodigiosamente i tre regni, animale,
vegetale, e minerale. Gli sono state attribuite virtù di potentissimo amuleto. Valido talismano contro il
malocchio, esprime la sua forza contro ogni tipo di incantesimo se indossandolo spicca al massimo il suo
colore rosso fuoco. E' l'amuleto ideale per le donne che aspettano un bimbo e per i fanciulli. Diagnostica, al
solo contatto, malattie e avvelenamenti.
Corniola: amuleto amato ed usato in tutti i tempi. Nel Medioevo chi la sceglieva come ornamento era
protetto dai pensieri impuri, stregoneria, fulmini e nevralgie. In Cina si pensava che trasformasse le persone
timide e impacciate in eccellenti oratori. Secondo la medicina ayurvedica, la corniola è tra i sette cristalli che
emettono vibrazioni benefiche.

Cristallo di Rocca: simboleggia la limpidezza, la divinazione, la saggezza e tutti quei poteri misteriosi che
sono stati donati all'uomo. Pur essendo materiale, può essere attraversato dallo sguardo come se non
avesse materialità: rappresenta il piano intermedio tra il visibile e l'invisibile. Tagliato a forma di sfera aiuta gli
indovini a leggervi presente, passato e futuro. Protegge dalle tempeste e dai pericoli che si corrono andando
per mare, tiene lontane molte malattie.

Il Diamante: simbolo di forza, purezza e immutabilità, è sempre stato il talismano dei vincitori.Dal greco
"Adamai, in Greco non domabile" = forza indomabile, il Diamante è la gemma per eccellenza, quella che
spacca l'incudine, quella che, più magica di tutte, dona incredibile forza e fortuna. Riconcilia i coniugi e
rinsalda il loro amore, aiuta a conservare il buonumore e allontana tristezza e discordie. Secondo la
tradizione popolare dell'Europa occidentale tiene lontani gli animali selvaggi, i fantasmi, le streghe e tutte le
terrificanti presenze della notte. E' un prodigioso antidoto per tutti i veleni. Applicato al settimo chakra, dona
fiducia in se stessi e conferisce energia.

Giada: Emblema della perfezione dell'immortalità e della regalità. Per i cinesi era una panacea in grado di
guarire tutti i mali se frantumata, mescolata con loro e miscelata a bevande, era in grado di prolungare la vita
stessa. formidabile per avere successo in amore.

Granato: è una pietra che protegge gli audaci,li salvaguarda e ne accresce il coraggio. Protegge dall'invidia i
fanciulli, le belle ragazze e i giovani animali domestici. Gli antichi gli attribuivano poteri medicamentosi contro
il morso del serpente e come protettore della vista.

Iolite: Eccellente amuleto per proteggere il proprio amore, lo fa accrescere e dona agli amanti la facoltà di
prevedere che cosa il futuro ha in serbo per loro. Risolve dubbi ed ansie con arcana saggezza.
Indispensabile per prendere una giusta decisione.

Lapislazzuli: bella pietra di colore blu cosparsa di venature color oro, ha il potere di riaccendere le forze
vitali, rinsaldare le amicizie, garantire la fedeltà nel matrimonio e apportare allegria e purezza di spirito. E'
utile indossare un oggetto in lapislazzuli per preservarsi dalle malattie della pelle, dall'anemia e persino
dall'epilessia. I medici un tempo la consigliavano ai pazienti per rinforzare la vita e dormire sonni tranquilli.

Opale: portafortuna dei deboli e degli infedeli. Protegge dal male alle ossa, scaccia la tristezza e rallegra i
cuori. Nel Medioevo si riteneva che rendesse invisibile chi la indossava. In medicina era ritenuta efficace per
l'insonnia. Chi se ne adorna, acquisisce la facoltà di predire il futuro.

Peridoto: Per il suo colore verde delicato è stata considerata l'emblema della speranza. Come la Turchese
protegge chi la indossa dai pericoli della guerra e del viandare. Concede salute, successo e fortuna nel
commercio e nel gioco dei dadi. Lenisce le pene d'amore.

Perla: nata dalle acque e dalla Luna, racchiusa in una conchiglia, rappresenta la femminilità crescente.
Forza germinatrice di virtù magiche, la sua ricerca evoca l'essenza profonda dell'uomo. Rappresenta la
sublimazione degli istinti, il positivo compimento dell'evoluzione.
La Perla dona amore e salute, è elisir di lunga vita, potente afrodisiaco. I medici orientali del Milleduecento
la consigliavano per curare gli occhi e come salutare ricostituente.

Rubino: Il rubino è la pietra della passione bruciante, del sangue che scorre…chi lo possiede vivrà in pace
con tutti gli uomini, non perderà le sue ricchezze, sarà al sicuro da ogni pericolo. La pietra proteggerà anche
la sua casa, i suoi frutti e le sue vigne, che non saranno mai devastate delle tempeste. Considerato
emblema di felicità, il rubino porta gioia, fa riconciliare coloro che hanno litigato, protegge dai pericoli
dell'acqua, potenzia la memoria. Nella medicina ayurvedica è collegato al primo chakra.

Smeraldo: è la pietra della conoscenza segreta, ha il potere di rivelare il futuro, è potente nemico contro
incantesimi e sortilegi. Aiuta gli innamorati, svelando la verità o la falsità dei giuramenti d'amore. Grazie al
suo colore verde, secondo Plinio, è sufficiente fissare uno smeraldo perché gli occhi affaticati tornino freschi
e riposati. Nella terapia ayurvedica , è applicato al quarto chakra, all'altezza del cuore, sede dell'amore e
delle emozioni.

Topazio: Il Topazio nel passato tutte le pietre preziose gialle o di un marrone dorato erano chiamate "topazi".
Per alcune fonti il nome deriva da un'isola nel mare Rosso (Topazos), per altri deriva dal sanscrito "tupaz"
che significa "fuoco".Il topazio scelto da Arigiò e' il topazio Madera, simbolo di originalità e nobiltà d'animo.
Affinché sviluppi al meglio i suoi poteri, la pietra deve essere incastonata nell'oro. Così chi la indossa diventa
saggio, immune da paure e fantasmi. Secondo le tradizioni medioevali, un topazio in un bracciale portato al
braccio sinistro protegge dal malocchio. Questa pietra gialla d'origine leggendaria, non ha perso le sue
proprietà terapeutiche secondo i cultori della medicina ayurvedica che l'applicano al terzo chakra, sede del
benessere e della personalità.

Tormalina: emblema di dualità e perfezione: corpo e anima, cielo e terra. Ha il potere di alleviare qualsiasi
dolore purché sia indossato con l'oro e mai tolto. Dà salute e bellezza.

Turchese: talismano per eccellenza degli Egizi e di tutto il mondo arabo, cambia colore quando è a contatto
della pelle. Protegge dalle cadute, e i cavalieri di ogni tempo lo portavano con sé e lo incastonavano in un
anello. Per gli Aztechi era collegato al sole, per gli Indiani d'America era indispensabile alla magia degli
stregoni. Gli viene attribuita una virtù miracolosa: il cambiamento repentino di colore mette in guardia da
pericoli imminenti.

Zaffiro: Nel passato il nome zaffiro (in greco "blu") indicava diversi tipi di pietre blu. Oggi il nome si riferisce
al corindone blu. Il ferro e il titanio donano il caratteristico colore blu alla pietra. La sua luminosità varia in
base al colore e al luogo d'origine. Da sempre, lo zaffiro dona classe ed eleganza.
Simbolo di purezza e forza luminosa, questa gemma deve essere indossata da una persona fedele in
amore, e per questo viene donata spesso come anello di fidanzamento. Favorisce la devozione e il
raccoglimento, eleva l'animo, porta fortuna, protegge dall'invidia e attira il favore divino. La sua forza
magnetica aiuta a conservare a lungo una buona vista. La medicina ayurvedica lo applica al quinto chakra
che corrisponde alla creatività.

Ad ognuno di noi la sua pietra

Una pietra per ogni stato d'animo


Pietre e pianeti Ad ogni pianeta corrisponde una pietra preziosa.

Sole: Berillo, Diamante,


Luna: Pietra di Luna, Perla, Cristallo di Rocca
Marte: Granato, Tormalina Rossa, Rubino
Mercurio: Zaffiro Giallo, Topazio
Nettuno: Corallo, Ambra, Turchese
Plutone: Corniola, Agata, Opale
Giove: Ametista, Lapislazzuli, Zaffiro Blu
Saturno: Acqua Marina, Spinello
Venere: Smeraldo e Peridoto.

Le Pietre del proprio Segno


Ad ogni mese corrisponde una pietra preziosa.

Acquario: 21.01 al 18.02 Occhio di Falco, Turchese, Ambra


Pesci:19.02 al 20.03 Ametista, Quarzo Rosa, Spinello
Ariete: 21.03 al 20.04 Diaspro Rosso, Tormalina Rossa, Rodocrosite
Toro: 21.04 al 20.05 Carniola Arancio, Malachite, Smeraldo
Gemelli: 21.05 al 20.06 Citrino, Occhio di Tigre, Acquamarina
Cancro: 21.06 al 20.07 Avventurina, Crisoberillo, Giada
Leone: 21-07 al 22.08 Cristallo di rocca, Rubino, Diamante
Vergine: 23.08 al 22.09 Agata Gialla, Verde e Blu, Perla
Bilancia: 23.09 al 22.10 Iolite, Labradorite, Diaspro Verde Maculato
Scorpione: 23.10 al 22.11 Cromotormalina, Granato, Topazio, Zaffiro Rosso
Sagittario 23.11 al 21.12 Quarzo Azzurro, Calcedonio, Zaffiro Blu
Capricorno: 22.12 al 20.01 Onice, Occhio di Gatto, Zaffiro Giallo
Pietra del mese
Ad ogni mese corrisponde una pietra preziosa.

Gennaio Granato
Febbraio Ametista
Marzo Acqua Marina
Aprile Diamante
Maggio Smeraldo
Giugno Perla
Luglio Rubino
Agosto Peridoto
Settembre Zaffiro
Ottobre Opale
Novembre Topazio
Dicembre Agata Azzurra