Sei sulla pagina 1di 149

Storia dell'architettura

Il Settecento

PDF generated using the open source mwlib toolkit. See http://code.pediapress.com/ for more information. PDF generated at: Wed, 06 Jun 2012 13:56:10 UTC

Contents
Articles
Architettura del Settecento Rococ Architettura neoclassica Architettura neogreca Palladianesimo Architettura georgiana Architettura neogotica Sanssouci Versailles Filippo Juvara Luigi Vanvitelli Stupinigi tienne-Louis Boulle Claude-Nicolas Ledoux Cenotafio di Newton Marc-Antoine Laugier Stile Impero Ange-Jacques Gabriel Porta di Brandeburgo Christopher Wren Cattedrale di San Paolo (Londra) James Wyatt Palazzo di Westminster Tower Bridge Pantheon (Parigi) 1 2 12 38 43 54 55 64 66 72 76 81 84 85 91 92 93 96 98 100 105 118 119 129 132

References
Article Sources and Contributors Image Sources, Licenses and Contributors 139 140

Article Licenses
Licenza 147

Architettura del Settecento

Architettura del Settecento


L'Architettura del Settecento caratterizzata dalla coesistenza di pi stili, frutto di diverse tendenze culturali.

Periodizzazione e diffusione
Architettura rococ Architettura neoclassica Architettura neogreca Neopalladianesimo Architettura georgiana Architettura neogotica

Storia
La prima met del XVIII secolo coincise con l'affermazione della cultura Rococ, da alcuni considerata come l'ultima fase del Barocco [1]. Lo stile si svilupp in Francia come elemento decorativo caratterizzato da una forte luminosit cromatica, in opposizione all'oscurit barocca; fu proprio dalla Francia, e da Parigi in particolare, che la nuova moda si diffuse in gran parte d'Europa, ed in particolare in Germania ed Austria. Se il Barocco aveva la funzione di esaltare il ruolo della monarchia e della Chiesa, il Rococ apr un secolo nel quale si verificarono rivoluzioni culturali tali da mettere in discussione gli ideali ed i valori maturati sino ad allora. In architettura si accentu la differenziazione tra gli esterni e gli spazi interni, dove prevalsero ambienti riccamente arredati; le opere principali sono da ricercare ad esempio nelle realizzazioni di Johann Bernhard Fischer von Erlach, Johann Balthasar Neumann e Filippo Juvarra. La cultura neoclassica invece si afferm nella seconda met del secolo, in contrapposizione al Rococ; l'Illuminismo, la riscoperta dell'arte classica e l'avvio dei primi scavi archeologici a Pompei ed Ercolano, portarono alla rapida diffusione di nuovi ideali. Secondo alcuni studiosi, l'architettura neoclassica si form a Roma, dove alcuni studiosi francesi dell'Acadmie franaise progettarono numerosi edifici celebrativi ispirati alle strutture dell'antichit. Le opere maggiori sorsero per a Parigi e tra queste doveroso ricordare la chiesa di Ste-Genevive ed il Petit Trianon; invece in Inghilterra le tendenze classiche si fusero con quelle palladiane, dando vita a numerose residenze private. Sul finire del secolo, accanto al Neoclassicismo prese avvio il Neogotico, basato su un approccio storico; entrambi i movimenti, caratterizzati dalla passione per l'archeologia, non furono rilegati solo all'architettura, ma si estesero anche ad altri campi artistici e alla letteratura. Il Neogotico si svilupp in Inghilterra, inizialmente con la realizzazione dei giardini paesaggistici e di alcune eccentriche residenze, come Strawberry Hill; la sua diffusione in gran parte dell'Europa e nell'America settentrionale risale per al XIX secolo.

Palazzina di caccia di Stupinigi

Piazza Sant'Ignazio, Roma

Pantheon

Fonthill Abbey

Architettura del Settecento

Note
[1] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino 1981, voce Rococ.

Bibliografia
R. De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, Bari 1999. N. Pevsner, Storia dell'architettura europea, Bari 1998. N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino 1981.

Voci correlate
Storia dell'architettura

Rococ
Il rococ uno stile ornamentale sviluppatosi in Francia nella prima met del Settecento come evoluzione del tardo-barocco. Si distingue per la grande eleganza e la sfarzosit delle forme, caratterizzate da ondulazioni ramificate in riccioli e lievi arabeschi floreali. Sono espresse soprattutto nelle decorazioni, nell'arredamento, nella moda e nella produzione di oggetti. Il termine "rococ" deriva dal francese rocaille, parola usata per indicare un tipo di decorazione eseguita con pietre, rocce e conchiglie, utilizzate come abbellimento di padiglioni da giardino e grotte. Il rococ nasce in Francia nel secondo ventennio del XVIII secolo, sotto il regno di Luigi XV. Caratterizzato da delicatezza, grazia, eleganza, gioiosit e luminosit si poneva in netto contrasto con la pesantezza e i colori pi forti adottati dal precedente periodo barocco. I motivi Rococ cercano di riprodurre il sentimento tipico della vita aristocratica libera da preoccupazioni o del romanzo leggero piuttosto che le battaglie eroiche o le figure religiose. Verso la fine del XVIII secolo il rococ verr a sua volta rimpiazzato dallo stile neoclassico.

Palazzo Czartoryski, Puawy-Polonia

Castello di Sanssouci, Potsdam-Germania.

Rococ sembra essere una combinazione della parola francese rocaille (conchiglia, guscio) e della parola italiana barocco. Siccome questo stile ama le curve naturali come quelle presenti nelle conchiglie e si specializza nelle arti decorative, alcuni critici tendevano erroneamente a ritenerlo frivolo e legato alla moda. Il termine rococ fu accettato anche dagli storici dell'arte dalla met del XIX secolo e sebbene ci siano ancora pretestuose discussioni riguardo al significato storico di questo stile, il rococ ora largamente considerato come un importante periodo di sviluppo per l'arte e la cultura europea.

Rococ

Dal barocco al rococ


Dopo l'opulenza del barocco, che aveva prosperato per tutto il XVII secolo annoverando grandi artisti come Gian Lorenzo Bernini, Francesco Borromini e Pietro da Cortona, all'inizio del XVIII secolo, nasce in Francia lo stile rococ. Esso si sviluppa come una elaborazione estrema di motivi gi presenti nel barocco, soprattutto nella decorazione d'interni e nell'arredamento oltre che nei piccoli oggetti di ceramica.

La Basilica dei santi Alessandro e Teodoro ad Ottobeuren (Baviera): gli spazi architettonici confluiscono e si disperdono, come se prendessero vita

Storia del rococ


Lo stile rococ francese fu inizimente utilizzato nelle arti decorative e per il design degli interni. La successione di Luigi XV di Francia port un cambiamento tra gli artisti di corte e in generale nella moda del tempo. Verso la fine del precedente regno, i ricchi motivi tipici del barocco stavano dando gi spazio ad elementi pi leggeri, con pi curve e motivi pi naturali. Questi elementi erano gi evidenti e riscontrabili, ad esempio, nei progetti architettonici di Nicolas Pineau. Durante il regno di Luigi XV la vita di corte si allontan dal palazzo di Versailles portando il cambiamento artistico nel lo splendido Salone ovale dell'Htel de Soubise di Parigi. palazzo reale e poi permettendo il suo diffondersi in tutta l'alta societ francese. La delicatezza e la gioia dei motivi rococ sono stati spesso visti come reazione agli eccessi presenti nel regime di Luigi XIV. Il 1730 rappresent il periodo di maggior vitalit e sviluppo del Rococ in Francia. Lo stile si svilupp bene oltre l'architettura e invest anche l'arredamento, la scultura e la pittura (tra i lavori pi esemplificativi vi sono quelli degli artisti Jean-Antoine Watteau e Franois Boucher). Il rococ mantenne ancora il sapore tutto barocco delle forme complesse e intricate ma da quel momento inizi ad integrare diverse e originali caratteristiche quali l'inclusione di temi orientali o composizioni asimmetriche. Lo stile rococ si diffuse soprattutto grazie agli artisti francesi e alle pubblicazioni del tempo. Fu prontamente accolto nelle zone cattoliche della Germania, Boemia e Austria dove venne "fuso" con il barocco tedesco. In

Rococ particolare nel sud, il rococ tedesco fu applicato con entusiasmo nella costruzione di chiese e palazzi; gli architetti spesso addobbavano i loro interni con "nuvole" di stucco bianco. In Italia lo stile tardo Barocco di Francesco Borromini e Guarino Guarini si evoluto nel Rococ a Torino, Venezia, Napoli ed in Sicilia, mentre in Toscana ed a Roma l'arte rimase ancora fortemente legata al barocco. In Inghilterra il nuovo stile fu considerato come "il gusto francese per l'arte", gli architetti inglesi non seguirono l'esempio dei loro colleghi continentali, ci nonostante l'argenteria, la porcellana e le sete furono fortemente influenzate dal rococ. Thomas Chippendale trasform il design dell'arredamento inglese attraverso lo studio e l'adattamento del nuovo stile. William Hogarth contribu a creare una teoria sulla bellezza del rococ; senza riferirsi intenzionalmente al nuovo stile, egli afferm nella sua Analisi della bellezza (1753) che le curve a S presenti nel rococ erano la base della bellezza e della grazia presenti in arte e in natura. La fine del rococ inizia intorno al 1760 quando personaggi del calibro di Voltaire e Jacques-Franois Blondel muovono delle critiche sulla superficialit e la degenerazione dell'arte. Blondel, in particolare, si lament dell'incredibile miscuglio di conchiglie, dragoni, canne, palme e piante nell'arte contemporanea. Nel 1780 il rococ smette di essere di moda in Francia e viene rimpiazzato dall'ordine e dalla seriet dello stile Neoclassico il cui portabandiera Jacques-Louis David. Il rococ rimane popolare in provincia ed in Italia fino alla seconda fase del Neoclassicismo, il cosiddetto "stile Impero", quando grazie al governo napoleonico viene definitivamente spazzato via.

Un interno in stile rococ.

Un rinnovato interesse per il rococ si ha tra il 1820 e il 1870. L'Inghilterra la prima a rivalutare lo "stile Luigi XIV", cos come venne erroneamente chiamato all'inizio, e a pagare grosse cifre per comperare gli oggetti rococ di seconda mano che si potevano trovare a Parigi. Ma anche artisti importanti come Delacroix e mecenati quali l'imperatrice francese Eugnie riscoprono il valore della grazia e della leggerezza applicata all'arte e al design.

Il rococ applicato alle arti


Arredamenti e oggetti decorativi durante il periodo rococ
I temi leggeri ma intricati del design rococ si addicono meglio agli oggetti di scala ridotta piuttosto che imporsi (cos come invece nel barocco) nell'architettura e nella scultura. Non sorprende quindi che il rococ francese era usato soprattutto all'interno delle case. Figure di porcellana, argenteria e soprattutto l'arredamento, iniziarono ad applicare il rococ quando l'alta societ francese cercava di arredare le proprie case nel nuovo stile.
Divano in stile Rococ

Rococ

Una consolle di Juste-Aurle Meissonier del 1730

Il rococ ama il carattere esotico dell'arte cinese ed in Francia si sbizzarrisce nella produzione di porcellane e vasellame per la tavola, boiserie, paraventi. In Germania si creano grandiosi padiglioni e pagode nei giardini, come per esempio la bellissima Teehaus del Castello di Potsdam. Una dinastia di ebanisti parigini, alcuni dei quali nati in Germania, sviluppa uno stile di linee curve e sinuose in tre dimensioni, dove le superfici impiallacciate sono completate da intarsi in materiali preziosi come il bronzo, legni pregiati, tartaruga, marmo, avorio, madreperla. I maggiori autori di questi lavori rispondono ai nomi di Antoine Gaudreau, Charles Cressent, Jean-Pierre Latz, Franoise Oeben, Jean-Henri Riesener e Bernard II van Risenbergh. Disegnatori francesi come Franois Cuvillirs e Nicholas Pineau, esportano lo stile a Monaco di Baviera ed a San Pietroburgo, mentre il tedesco Juste-Aurle Meissonier, si trasferisce a Parigi. Il capostipite e precursore del rococ a Parigi stato per Simon-Philippe Poirier. In Francia lo stile rimase abbastanza sobrio e caratterizzata da un'estrema eleganza e raffinatezza, dato che gli ornamenti, principalmente in legno, furono meno massicci e apparivano come un misto di motivi floreali, scene, maschere grottesche, dipinti e intarsi di pietre dure. In Baviera e in generale nella Germania meridionale, invece, lo stile si fece veramente ricco e ridondante tanto da creare a vere meraviglie.

Particolare di mobile in stile Rococ

Il rococ inglese tende ad essere pi moderato, un po' per motivi puritanisti e un po' per quelli economici. Il disegnatore di mobili Thomas Chippendale mantiene le linee curve ma taglia corto con i costosissimi orpelli alla francese. Il maggior esponente del rococ inglese fu, probabilmente, Thomas Johnson, uno scultore e progettista di mobili attivo a Londra alla met del 1700.

Rococ

Architettura
Il Castello Solitude a Stoccarda, la chiesa bavarese di Wies, ed il Castello di Sanssouci a Potsdam sono alcuni esempi dell'architettura rococ in Europa. In questo contesto continentale, dove il rococ completamente sotto controllo, le sculture sono espresse sotto forma di ornamenti floreali, linee interrotte e scene fantastiche. Nelle decorazioni d'interni, il rococ sopprime le divisioni architettoniche di architrave, fregi e cornice, per il pittoresco, il curioso e il capriccioso, realizzato in materiali plastici come il legno scolpito e lo stucco. Pareti, soffitti, mobili e oggetti di metallo e porcellana si fondono in un insieme omogeneo. Le tinte del rococ sono di color pastello molto pi leggere dei colori sgargianti del barocco. L'intonaco rococ degli artisti italiani e svizzeri come Bagutti e Artari, una caratteristica delle costruzioni di James Gibbs e dei 'fratelli Franchini, operanti in Irlanda, che riproducevano qualsiasi cosa venisse realizzata in Inghilterra. Utilizzato per la prima volta in alcuni ambienti di Versailles, fu riproposto in alcuni palazzi parigini come l'Htel Soubise. In Germania, artisti francesi e tedeschi come Cuvillis, Johann Balthasar Neumann e Georg Wenzeslaus von Knobelsdorff, realizzarono l'allestimento del Padiglione di Amalienburg, nel Parco del castello di Nynphenburg a Monaco di Baviera, ed i castelli di Wrzburg, Sans-Souci a Potsdam, Charlottenburg a Berlino, Brhl in Westfalia, Bruchsal, Castello Solitude a Stoccarda e Schnbrunn a Vienna. In Inghilterra uno dei quadri di William Hogarth Marriage la Mode, dipinto nel 1745, mostra un insieme di stanze di un palazzo di Londra, dove lo stile rococ si trova solo sugli intonaci e sul soffitto. Viene poi prodotta una pletora di vasi cinesi in cui i Mandarini (dignitari imperiali cinesi) sono effigiati in modo satirico e rappresentati come piccole mostruosit.

Teehaus del Castello Sanssouci a Potsdam

il Castello Solitude a Stoccarda - un capolavoro di architettura rococ nella Germania del sud.

Residenza di Wrzburg-Baviera

Rococ

Castello Augustusburg a Brhl-Germania

Pittura
Sebbene il rococ ebbe origine puramente nelle arti decorative, lo stile stesso mostr la sua influenza anche nella pittura. I pittori usarono colori delicati e forme curvilinee, decorando le loro tele con cherubini e miti d'amore. Anche il ritratto fu popolare fra i pittori rococ. I loro panorami erano pastorali e spesso dipinsero i pranzi sull'erba di coppie aristocratiche. Con notevole successo in ambito aristocratico si afferm anche la scena galante, variante aristocratica della scena di genere, rappresentante donne impegnate nella toletta, in boudoirs, o in riti edonistici che si fanno simbolo di una visione pi smaliziata e mondana dell'arte. Il grande interesse verso un'indagine razionale della realt trov espressione nella pittura di vedute (vedutismo). Caratterizzata dalla fedele rappresentazione di luoghi e panorami, la vedutistica presenta finalit documetaristiche, nel rispetto degli indizi ottici ricavati da una diretta visione del reale. Tale genere si afferma soprattutto con il turismo culturale del Grand tour. Grande successo, nell'ambito vedutistico, ebbe il cosiddetto capriccio. Legato alla dimensione del fantastico, il capriccio ha come oggetto paesaggi di pura invenzione disseminati di rovine classiche in realt poste in siti differenti. Jean-Antoine Watteau (1684-1721) considerato il pi Marriage la Mode di William Hogarth, 1745, National importante pittore rococ. Egli ebbe una grande influenza Gallery, Londra. sui suoi successori, incluso Franois Boucher (1703 - 1770) e Jean-Honor Fragonard (1732-1806), due maestri del tardo periodo. Anche il tocco delicato e la sensibilit di Thomas Gainsborough (1727-1788), riflettono lo spirito rococ.

Jean-Antoine Watteau.

Rococ

Scultura
La scultura un'altra area nella quale gli artisti rococ hanno operato. tienne-Maurice Falconet (1716-1791) considerato uno dei migliori rappresentanti del rococ francese. In generale, questo stile fu espresso meglio attraverso la scultura di porcellana delicata piuttosto che statue marmoree ed imponenti. Falconet stesso era direttore di una famosa fabbrica di porcellana a Svres. I temi dell'amore e della gioia furono rappresentati nella scultura, cos come la natura e le linee curve e asimmetriche.

Lo scultore Edme-Edmond Bouchardon (1698-1762 o 1689-1762) rappresent Cupido occupato nell'intagliare i suoi dardi d'amore dalla clava di Ercole; questo rappresenta un simbolo eccellente dello stile rococ. Il semidio trasformato nel bambino tenero, la clava che fracassa le ossa si trasforma in frecce che colpiscono il cuore, nel momento in cui il marmo sostituito cos liberamente dallo stucco. In questo collegamento si possono menzionare gli scultori francesi, Robert le Lorrain, Michel Clodion e Pigalle.

L'imbarco per Citera di Jean-Antoine Watteau. Le frivolezze e le sinuosit della pittura rococ (1721, Louvre).

Musica
Lo stile galante fu l'equivalente del rococ nella storia della musica, cos come tra musica barocca e musica classica, e non facile definire questo concetto con le parole. La musica rococ si svilupp al di fuori della musica barocca, particolarmente in Francia. Pu essere considerata come una musica molto intimistica resa in forme estremamente raffinate. Fra i massimi esponenti di questa corrente si possono citare Jean Philippe Rameau e Carl Philipp Emanuel Bach.

Il Rococ in Italia
Anche in Italia il Rococ, sull'esempio francese, cre un notevole rinnovamento nel settore delle decorazioni d'interni e nella pittura. Questo avvenne soprattutto nelle regioni del nord (Liguria, Piemonte, Lombardia e Veneto), mentre nell'Italia centrale, forse per l'influenza della Chiesa, lo stile non si svilupp in maniera sensibile. Fa eccezione la cittadina marchigiana di Jesi che risent di un certo influsso austriaco grazie alle prese eroiche della famiglia dei marchesi Pianetti al servizio degli Asburgo nell'Assedio di Vienna contro i Turchi. Altro discorso ancora va fatto per la Sicilia; qui si svilupp una evoluzione del barocco ma di gusto pi spagnoleggiante e molto simile al plateresco.

Jesi (AN), Palazzo Balleani

Rococ

Architettura
I massimi interpreti del rococ nell'architettura sono Filippo Juvarra, che lavor molto a Torino come architetto di Casa Savoia e Luigi Vanvitelli, che lavoro' per i Borboni Le opere pi importanti di Guarino Guarini si possono elencare: la chiesa di San Filippo a Messina, la chiesa dei Padri Somaschi a Messina, la Casa dei padri Teatini a Messina, il Palazzo Carignano a Torino. Tra le pi importanti realizzazioni di Filippo Juvarra si ricordano: la cupola della Basilica di Sant'Andrea a Mantova, la cupola del Duomo di Como, il campanile della cattedrale di Belluno, la basilica di Superga vicino Torino, la Palazzina di caccia a Stupinigi, la Reggia di Venaria Reale e il Palazzo Madama a Torino.

Jesi (AN), Palazzo Pianetti, Galleria degli Stucchi

La reggia di Stupinigi.

Il salone centrale di Stupinigi.

Rococ

10

Pittura
Nel campo della pittura i maggiori interpreti del rococ si possono considerare gli artisti che operano a Venezia; tra di essi le figure pi importanti si possono considerare: Giambattista Tiepolo di cui si ricordano Ritratto di Antonio Riccobono, San Rocco e Ercole soffoca Anteo; Canaletto che realizz opere tra cui: Piazza San Marco, San Cristoforo San Michele e Murano, I cavalli di San Marco sulla piazzetta, Il campo di Rialto a Venezia e Paesaggio fluviale con colonna ed arco di trionfo; Francesco Guardi che dipinse circa ottocentosessanta opere fra le quali si ricordano Miracolo di un santo domenicano, Concerto di

Piazza San Marco, prima del 1723 dipinto dal Canaletto.

dame al Casino dei Filarmonici e La Carit.

Scultura
Nel settore della scultura, per la verit assai povero in questo periodo, si distingue Giacomo Serpotta che, soprattutto a Palermo, realizz opere per diverse chiese della citt fra le quali si possono citare gli Oratori di Santa Cita, di San Lorenzo e del Rosario a San Domenico e la Chiesa di San Francesco d'Assisi. Anche alcuni scultori che realizzarono fontane a Roma e nella Reggia di Caserta possono essere considerati ispirati allo stile rococ.

Il Rococ e la Chiesa cattolica


Una visione critica del rococ in contesti ecclesiastici fu sostenuta dall'Enciclopedia cattolica. Per la chiesa, si diceva, lo stile rococ pu essere assimilato alla musica profana, contrapposta alla musica sacra. La sua mancanza di semplicit, la sua esteriorit e la frivolezza hanno un effetto che distrae dal raccoglimento e dalla preghiera. La sua mollezza e la grazia non si addicono alla casa di Dio. A questa affermazione si contrappone oggi, quella di molti critici e quella ufficiosa della Chiesa, che vede nella raffinata espressione rococ lo stile pi vicino alla grazia e alla bellezza del paradiso.

La Basilica di Superga.

Nello sviluppo del rococ, sar trovata una decorazione compatibile con l'aspetto sacro delle chiese. In ogni caso molto diverso se lo stile usato in forma moderata come dai maestri francesi o estremizzato dall'opulenza delle forme degli artisti tedeschi. Gli artisti francesi sembra non abbiano mai considerato la bellezza della composizione l'oggetto principale, mentre i tedeschi fecero dell'imponenza delle linee il loro scopo pi importante.

Rococ

11

Nel caso di grandi oggetti, la scultura rococ bella (tra le sculture rococ il soggetto forse pi diffuso San Giovanni Nepomuceno), ma qualora questa graziosit venga elusa si riscontra una somiglianza con il barocco. Gli elementi fantasiosi di questo stile mal si confanno con le grandi pareti delle chiese. In ogni caso tutto deve essere uniformato alle situazioni locali ed alle circostanze. Ci sono alcuni calici rococ veramente belli da vedere, mentre ce ne sono altri che non rispondono a dei canoni tali da farli assimilare a degli oggetti sacri. Fra i materiali usati nello stile rococ figurano il legno intagliato, il ferro e il bronzo usati nella costruzione di balaustre e cancellate. Elemento distintivo la doratura che rende i freddi materiali metallici pi accettabili per l'inserimento in un ambiente non profano.

Duomo di Zwiefalten.

Bibliografia
A. Morassi, Tiepolo e la Villa Valmarana, Milano, 1945. A. Morassi, Giovan Battista Tiepolo, Londra, 1955. A. Pallucchini, L'opera completa di Giambattista Tiepolo, Milano 1968. A. Porcella, La giovinezza di Gianbattista Tiepolo, Roma 1973.

Capitello rococ a Steinhausen.

M. Gemin, F. Pedrocco, Giambattista Tiepolo. I dipinti. Opera completa, Venezia 1993. (EN) Pal Kelemen, 1967. Baroque and Rococo in Latin America. (EN) Fiske Kimball, 1943. Creation of the Rococo (Ristampato come The Creation of the Rococo Decorative Style, 1980). (EN) Michael Levey, 1980. Painting in Eighteenth-Century Venice. (EN) Arno Schnberger e Halldor Soehner, 1960. L'et del Rococo (Pubblicato originariamente in Germania, 1959). (DE) T. Hetzer, Die Fresken Tiepolos in der Wrzburger Residenz, Frankfurt, 1943.

Rococ

12

Voci correlate
Poesia anacreontica Storia dell'arredamento

Altri progetti
art Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Rococo

Collegamenti esterni
(EN) Esempi di rococ [1] (ES) Cattedrale di Murcia Rococ [2] sul Dizionario storico della Svizzera

References
[1] http:/ / www. bergerfoundation. ch/ Vertige/ english/ index. html [2] http:/ / www. hls-dhs-dss. ch/ textes/ i/ I11183. php

Architettura neoclassica
Per architettura neoclassica si intende lo stile architettonico che, in linea con la pi generale tendenza artistica del neoclassicismo, riprende ideali e apparato formale dell'architettura classica greca e romana. Nella storia dell'architettura, questo stile emerse successivamente al tardobarocco e al rococ, in anni in cui il Grand Tour segnava la formazione culturale di intere generazioni di nuovi artisti e di tutta la classe aristocratica e dell'alta borghesia. Il periodo di sviluppo di questo stile corrisponde a quello che gli storici dell'economia definiscono della rivoluzione industriale.[1] Sempre in questo periodo comincia il distacco dell'architettura dai problemi della pratica costruttiva.[2] Lo spirito dell'Illuminismo individua due principi fondamentali: la corrispondenza ai modelli dell'architettura greca e romana e la razionalit nelle forme stesse, assimilando gli elementi architettonici tradizionali a elementi costruttivi.[3] Il Neoclassicismo vero e proprio cominci dopo la met del XVIII secolo,[4] svillupandosi quindi in tutti i paesi occidentali e non mancando di influenzare la produzione architettonica in Russia, negli Stati Uniti e nell'America Latina. Pur trattandosi di un fenomeno internazionale, l'architettura del neoclassicismo fu caratterizzata da correnti diverse a seconda del periodo e delle diverse tradizioni stabilitesi in precedenza nei vari paesi. A questo proposito difficile stabilire una periodizzazione rigorosa: infatti, il Neoclassicismo, non solo pu essere inserito in una corrente pi ampia fondatata sullo studio dell'architettura classica (gi a partire dall'architettura cinquecentesca), ma rest in voga per tutto il XIX secolo, caratterizzandosi durante l'eclettismo e finendo per lasciare le sue tracce nell'architettura pi recente (si veda ad esempio il Monumentalismo).[5]

Architettura neoclassica

13

Illuminismo e Neoclassicismo
Nel periodo che va dal principio del Settecento alla fine della Rivoluzione francese, in Europa si diffuse una nuova cultura basata sull'esaltazione della ragione: l'Illuminismo.

glise de la Madeleine, Parigi

Stampa di G.B. Piranesi: Arco di Traiano a Benevento

tienne-Louis Boulle: progetto per una biblioteca pubblica

In architettura, razionalismo e funzionalismo portarono ad un mutamento degli ideali di bellezza: all'imitazione della natura, vista come un qualcosa di imperfetto e disarmonico, si prefer l'imitazione degli antichi e delle loro opere, frutto dell'inarrivabile mente umana. La riscoperta della storia greca e romana, l'interesse crescente per gli scavi archeologici a Roma, Ercolano e Pompei e la pubblicazione di importanti opere letterarie come la Storia dell'arte antica di Winckelmann, introdussero quell'ideale di quieta grandiosit in antitesi agli sfarzi del Barocco e del Rococ, considerate, da alcuni critici del periodo come Francesco Milizia, bugiarde espressioni dell'irrazionale

e dell'ingannevole.[6]

Architettura neoclassica

14

Gran parte della critica solita attribuire all'ambiente romano un ruolo di primo piano nella definizione dei nuovi gusti architettonici. Secondo lo storico David Watkin il linguaggio del Neoclassicismo internazionale fu fondato a Roma intorno al 1740 dai pensionnaires francesi dell'Accademia di Francia, che, rifiutando gli esuberanti ornamenti dell'architettura tardobarocca, si dedicarono alla progettazione di vasti edifici pubblici, ispirati a quelli dell'antica Roma.[7] All'affermazione del Neoclassicismo contribuirono notevolmente la diffusione di pubblicazioni che contenevano Chiesa di St-Philippe-du-Roule, Parigi riproduzioni raffiguranti le antichit greche e romane. Fra queste ebbero un grande impatto le Antiquities of Athens di James Stuart che, in parallelo con la progressiva pubblicazione, influenzarono la formazione del nuovo stile architettonico, soprattutto d'oltralpe,[8] e le numerose stampe di Giovanni Battista Piranesi raffiguranti le antichit romane.[9][10] Dal punto di vista ideologico, nel Neoclassicismo settecentesco possibile individuare sostanzialmente tre periodi:[11] un primo (1715-1740) nel quale emergono i caratteri dell'Illuminismo; un secondo di consolidamento (1740-1780), dove prevalgono aspetti filologici, archeologici e accademici; infine, un terzo (1780-1805) che fa riferimento all'architettura rivoluzionaria di tienne-Louis Boulle e Claude-Nicolas Ledoux, le cui opere, che si inseriscono perfettamente nel clima culturale dominato da personalit del calibro di Isaac Newton, Voltaire, Denis Diderot e Montesquieu, costituiscono l'emblema del Neoclassicismo legato all'Illuminismo e alla Rivoluzione francese; in particolare, i colossali progetti di Boulle per il Cenotafio di Newton e per una grandiosa biblioteca sono tra i punti pi alti dell'architettura, seppur solo teorica, del XVIII secolo.[12] Importante, anche se in via indiretta, fu l'opera del filosofo Jean-Jacques Rousseau che, affermando l'originaria libert dell'uomo ormai smarrita all'interno di una rigida societ, indirizz l'architettura neoclassica verso una maggiore libert formale (eclettismo).[13] Vicino al pensiero di Rousseau quello del gesuita e teorico dell'architettura Marc-Antoine Laugier, il quale, nel suo Essai sur l'architecture, sosteneva che la natura fosse il principio originario dell'architettura; il suo edificio ideale era impostato su colonne libere, senza pilastri, basamenti ed altri elementi della tradizione rinascimentale e post-rinasciementale. Inoltre, nel suo trattato espose una concezione razionale del classicismo, sostenendo il concetto della cosiddetta "capanna rustica" dell'uomo primitivo quale espressione veritiera del bisogno umano di riparo.[14] Il linguaggio del Neoclassicismo settecentesco si svilupp come reazione al Tardobarocco e al Rococ.[15] La maggiore differenza che si coglie al passaggio da una tendenza all'altra risiede nella forte prevalenza del "lineare" rispetto al "pittorico", intesa come il dominio della ragione sul sentimento: "quanto pi una linea racchiudeva pochi corpi semplici, disposti frontalmente come in un ideale bassorilievo, tanto pi essa, per l'artista neoclassico, poteva esaltare la funzione".[16] Secondo Argan, la vera tecnica dell'artista la tecnica del progettare, che porta ad un calcolo scrupoloso degli sforzi e delle resistenze dei materiali, esaltando la ricerca scientifica degli ingegneri.[17] La composizione architettonica era vista come una combinazione tra elementi derivati dal mondo greco e romano: l'uso degli ordini e di timpani, la simmetria di prospetti e piante, la corrispondenza tra interni ed esterni e il ricorso a volumi chiari e ben definiti nella definizione dei vari corpi di fabbrica. Notevoli innovazioni furono apportate soprattutto in urbanistica, negli interventi promossi dal Settecento all'Ottocento in Inghilterra, Francia e Russia, dove il principio quello per cui le strade non erano formate da un insieme di palazzi allineati, ma dalla ripetizione in serie di singole unit cellulari. In ogni caso, il maggior influsso esercitato dall'Illuminismo in campo architettonico non tanto riscontrabile nel linguaggio, ma nella tipologia, poich alcune tipologie edilizie, come i teatri, le biblioteche, gli ospedali ed altre architetture di pubblica utilit, si prestavano pi di altre ai mutamenti.[18]

Architettura neoclassica

15

Neoclassicismo tra Ottocento e Novecento


Il Neoclassicismo rest la maggiore corrente in Europa dal secondo decennio del Settecento alla fine dell'Ottocento.[19] Ad esso si affiancarono comunque nuove correnti culturali, espressione dei molteplici cambiamenti della societ, come il Neogotico, il Neorinascimento, il Neobarocco ed il Neoromanico. L'Ottocento infatti fu il secolo di Napoleone Bonaparte, della Restaurazione e dell'affermazione degli Stati nazionali; fu un secolo travolto dalla Rivoluzione industriale, che cambi gli scenari sociali e cre nuove Arco di Trionfo a Parigi, espressione dei fasti prospettive di sviluppo, soprattutto in Inghilterra. L'apparato formale napoleonici risent profondamente di questi cambiamenti cos alla severit e all'imponenza dell'architettura napoleonica (lo Stile Impero, databile al 1805-1814) fece seguito il cosiddetto Classicismo della Restaurazione (1814-1840), in cui i temi tipicamente classici si fusero con le forme dell'architettura quattrocentesca recuperata in chiave romantica. Nella seconda met del secolo il Neoclassicismo divenne poi lo stile degli Stati borghesi arricchitisi con l'industrializzazione, mentre nei primi decenni del Novecento sar presente in tutte le anacronistiche architetture ufficiali di numerosi Paesi, quali Stati Uniti, Italia e Germania, caricandosi ideologicamente e perdendo di fatto ogni rilevanza storica.[20] Dal punto di vista della composizione, l'architettura ottocentesca divenne pi rigorosa, prestando una maggiore attenzione filologica nell'utilizzo delle forme antiche e il linguaggio decorativo si fece pi ricco ed espressivo. Le invarianti del codice-stile, ereditate in parte da quelle del secolo precedente, sono: le piante bloccate, costituite da figure regolari; la ricerca della simmetria in pianta ed in alzato; la predilezione per edifici a sviluppo orizzontale. I materiali impiegati all'esterno furono la pietra, l'intonaco bianco o colorato, il marmo, che spesso occultavano gli elementi metallici atti a rinforzare le murature.[21]

Neoclassicismo in Europa
Francia
L'architettura civile francese volge al Neoclassicismo a partire dalla met del Settecento con la realizzazione di impianti lucidi e sobri come Place de la Concorde a Parigi e il Petit Trianon di Versailles, entrambi di Ange-Jacques Gabriel, che trovano comunque le premesse nel classicismo barocco francese.[22] I progetti per la Place de la Concorde, all'epoca Place Louis XV, risalgono al 1753: i disegni originari definivano uno spazio assai diverso da quello attuale, frutto di piani redatti in epoca napoleonica, con due palazzi che delimitavano uno Progetto per Place de la Concorde, Parigi spazio chiuso da una serie di balaustre. Gli edifici erano chiaramente ispirati al prospetto di Claude Perrault per la facciata del Louvre. Per l'architettura francese, l'opera di Perrault (1613-1688) per il completamento del celebre palazzo reale di Parigi era infatti un esempio di assoluta maestria: il suo disegno chiaro e ordinato, caratterizzato da un frontone centrale e da una teoria di colonne binate erette sopra un massiccio basamento, ebbe una notevole influenza nella

Architettura neoclassica definizione dei nuovi canoni estetici dell'architettura.[23] Di poco posteriore alla celebre piazza parigina appunto il Petit Trianon, costruito tra il 1761 ed il 1768, dove gli ambienti interni sono distribuiti in base alla loro funzione e non tanto ad esigenze estetiche di simmetria. L'esterno molto semplificato e privo di eccessive decorazioni, ma definito da un rigoroso ordine di grandi aperture vetrate. La successiva generazione si indirizz verso una concezione dell'architettura pi classica e severa. Di oltre trent'anni pi giovane di Petit Trianon, Versailles Gabriel, Marie-Joseph Peyre (1730-1785) si rec in Italia, dove vinse un concorso indetto dall'Accademia di San Luca per una cattedrale e due palazzi annessi. Rientrato in Francia, progett una villa per Mme Leprtre de Neubourg nei dintorni di Parigi, forse il primo edificio francese autenticamente classico.[24] La villa posta su uno stilobate ed costituita da volumi compatti, disadorni, con una pianta nella quale si attenua ogni enfasi: la disposizione delle stanze semplice, non vi sono ambienti di disimpegno e le scale non sono evidenziate, essendo chiuse all'interno di un vano. Nel 1763, Peyre si dedic alla casa per il principe di Cond, un impianto meno austero, il cui elemento pi interessante un colonnato che avvolge il cortile d'ingresso. Con l'amico Charles De Wailly progett il Teatro dell'Odeon di Parigi, innalzato tra il 1779 ed il 1782, ma ricostruito pi volte dopo essere andato distrutto in due incendi. L'aspetto del teatro sobrio e severo, con l'esterno rivestito in bugnato e la facciata principale schermata da un portico di colonne doriche. In questo clima di rinnovamento, numerosi teatri sorsero in tutta la Francia, anche nei centri minori, come Amiens e Besanon. A Bordeaux, negli anni settanta del Settecento, fu eretto il Grand Thtre, il pi bel teatro francese dell'epoca.[25] Progettato da Victor Louis, costituito da un blocco rettangolare, con una facciata preceduta da dodici grandi colonne corinzie. Se Peyre, De Wailly, Louis e, come vedremo in seguito, Jean Chalgrin, sono annoverati tra i principali esponenti dello stile classico del tardo Settecento, altrettanto importanti furono artisti quali Jacques Gondouin, tienne-Louis Boulle e Claude-Nicolas Ledoux. Il primo viene oggi ricordato per l'cole de Chirurgie di Parigi, costruita tra nel 1769-1775. Essa rappresenta un'opera paradigmatica per l'epoca, tanto vero che Quatremre de Quincy scriver: "Questa l'opera classica del tardo XVIII secolo".[26] La sua aula semicircolare, destinata ad ospitare l'anfiteatro di anatomia, presenta gradinate, pareti curve spoglie e una semicupola a cassettoni ispirata al Pantheon di Roma. Il successo di questa commissione, che influenzer persino lo statunitense Benjamin Latrobe[27], frutter all'autore molti altri incarichi fino allo scoppio della Rivoluzione e la sua opera servir da modello per diverse sale di riunioni.

16

Grand Thtre, Bordeaux

Claude-Nicolas Ledoux: progetto per la casa del direttore delle Saline Reali di Arc-et-Senans

Questa predilezione per le volumetrie pure trover in tienne-Louis Boulle e Claude-Nicolas Ledoux i due maggiori esponenti: le loro opere, soprattutto teoriche, rappresentano un capitolo importante nella storia dell'architettura. Boulle costru pochissimo, ma esercit un notevole influsso. Il suo progetto pi famoso, che si inserisce nella cosiddetta Architettura della Rivoluzione, quello per il Cenotafio di Newton, un'immensa sfera che avrebbe dovuto accogliere le spoglie del grande scienziato: tutto ha dimensioni colossali ed trattato con un'espressiva elementarit astratta.[28] In epoca napoleonica i concetti espressi da Boulle

Architettura neoclassica troveranno un fedele seguace in Jean-Nicolas-Louis Durand, insegnante alla cole polytechnique e precursore delle teorie sul funzionalismo, ovvero della stretta relazione che deve sussistere tra edificio e funzione.[29] Gli studi teorici di Boulle gettarono comunque le premesse per l'affermazione di Claude-Nicolas Ledoux, il cui lavoro, influenzato anche dal Piranesi, anch'esso caratterizzato da una estrema semplicit geometrica. Edific numerosi htel e nel 1775 inizi le Saline Reali di Arc-et-Senans, pensandole come una sorta di citt ideale dai connotati utopici. Il complesso, realizzato solo in parte, si muove attraverso un linguaggio fortemente simbolico, tipico dell'architettura di Ledoux; non un caso ad esempio che una delle sue pi originali soluzioni, ovvero quella per la Casa dei sorveglianti del fiume, sia stata immaginata come un cilindro cavo posto attorno al fiume. Negli anni prerivoluzionari Ledoux si occup della cinta daziaria di Parigi, offrendo un ampio repertorio di soluzioni nel disegno delle barriere doganali: tra queste sopravvive la Barrire de la Villette, formata da una croce greca sormontata da un cilindro. Nella trattazione delle principali opere neoclassiche del Settecento francese, vanno ricordati anche alcuni edifici sacri. Una delle prime manifestazioni di reazione al Rococ la facciata Saint Sulpice[30], edificata in stile classico dal fiorentino Giovanni Niccol Servandoni e pi volte alterata nel corso del tempo.

17

Progetto per la facciata di Saint Sulpice, Parigi

Il maggior esempio nel campo dell'architettura sacra resta comunque il Pantheon di Parigi[31], originariamente sorto come chiesa di Ste-Genevive e successivamente trasformato in mausoleo della Nazione. Dell'edificio, progettato da Jacques-Germain Soufflot e costruito tra il 1757 e il 1791, colpiscono la cupola ispirata a quella della cattedrale londinese di San Paolo e l'audace struttura interna che ricorda, per la sua leggerezza, quella delle antiche cattedrali gotiche. Infatti, durante la costruzione di Ste-Genevive, Soufflot ed i suoi collaboratori perlustrarono la Francia alla ricerca delle pietre pi adatte ed allestirono un laboratorio per analizzarne le caratteristiche di resistenza ed elasticit. Lo scopo era quello di rendere la struttura sempre pi raffinata, cos da ridurre gli elementi portanti, prendendo ad esempio le chiese medievali francesi, ma anche la Cappella della Sacra Sindone di Torino e Santa Maria della Salute a Venezia. Un'altra chiesa parigina, quella di Saint-Philippe-du-Roule (1772-1784), da rimarcare per la sua navata coperta da una volta a botte decorata a cassettoni e impostata su una trabeazione sorretta da Interno del Pantheon di Parigi una teoria di colonne ioniche. Il disegno si deve al citato Jean Chalgrin, ma l'edificio sar stravolto verso la met del secolo successivo con l'apertura di finestre lungo la volta e la costruzione di due cappelle. Malgrado ci, lo schema di Saint-Philippe esercit una certa influenza nell'architettura dell'epoca.[32] Tra le architetture neoclassiche del XIX secolo un posto di rilievo spetta invece alla chiesa della Maddalena, costruita tra all'inizio dell'Ottocento in una Parigi fulcro del nuovo Impero napoleonico (si parla infatti di Stile Impero).[31] Destinata inizialmente ad essere una chiesa a pianta basilicale, nel 1806 Napoleone volle farne un

Architettura neoclassica Tempio della Gloria, modificando radicalmente il progetto originario e rendendolo simile ad un colossale tempio romano. Se per l'esterno questa relazione evidentissima, per l'interno l'architetto si limit ad articolare lo spazio mediante una serie di volte a vela, ispirandosi vagamente alla modularit dell'architettura termale romana. In sintesi possibile affermare che, nell'architettura sacra di stampo neoclassico, il Pantheon parigino sta al Settecento come l'glise de la Madeleine sta all'Ottocento e ai fasti del suo Impero. Proprio l'ascesa di Napoleone coincise con la costruzione di altre imponenti opere pubbliche, destinate a mutare il volto di Parigi. Nel 1806 fu iniziato l'Arc de Triomphe, progettato da Jean Chalgrin; nei medesimi anni Franois-Joseph Blanger copr il cortile della Halle aux Bls con una cupola in ghisa; Alexandre-Thodore Brongniart disegn la sede della Borsa di Parigi e, tra il 1806 ed il 1810, fu innalzata la Colonna Vendme. Inoltre, doveroso citare il principale intervento urbanistico di matrice neoclassica nella Parigi d'inizio Ottocento. Si tratta della sistemazione di Rue de Rivoli, avviata nel 1801 ad Palazzo di Giustizia, Lione opera di Charles Percier e Pierre-Franois-Lonard Fontaine. I due progettisti realizzarono un lunghissimo rettilineo uniformato da prospetti continui degli edifici porticati; l'opera sar portata a termine solo sotto Napoleone III, modificando per i disegni originari con l'aggiunta di grandi coperture mansardate.[33] Con la fine dell'impero napoleonico, gli architetti francesi si ritrovarono senza una guida sicura. Le nuove tendenze furono pertanto individuate dall'Acadmie des beaux-arts e dal Conseil Gnral des Btiments Civils.[34] Figura di spicco di questa fase fu Antoine Chrysostome Quatremre de Quincy (1755-1849), segretario dell'Acadmie per ben ventitr anni e convinto sostenitore dell'arte classica. I limiti del suo gusto, dovuti all'eccessiva rigidezza dei suoi ideali dottrinari, emergono in numerosi edifici costruiti nella Francia dell'epoca, come nel Palazzo di Giustizia di Lione, iniziato nel 1835 da Louis-Pierre Baltard e caratterizzato da una severa facciata composta da ventiquattro colonne d'ordine corinzio.[35] Alcune innovazioni si registrano nell'opera di Jakob Ignaz Hittorff, sostenitore della teoria secondo la quale l'architettura greca doveva Chiesa di San Vincenzo de' Paoli, Parigi essere ricca di colore. Le sue opere principali, tutte a Parigi, sono la chiesa di San Vincenzo de' Paoli, la sistemazione di Place de la Concorde e la Gare de Paris Nord. Nella chiesa di San Vincenzo, alla cui costruzione subentr intorno al 1830, egli dimostr come l'architettura classica potesse essere variata senza allontanarsi dai modelli antichi. Esternamente la chiesa preceduta da un portico ionico sormontato da un frontone, affiancato da due torri quadrate, mentre l'interno, suddiviso in navate da due ordini di colonne, risulta policromo e riccamente decorato, con un'articolazione pi affine all'architettura paleocristiana che a quella neoclassica: le colonne sono color albicocca, il registro superiore affrescato e le capriate sono rosse e blu, dorate ad imitazione di quelle presenti nel Duomo di Monreale. Pochi anni dopo si occup del riassetto di Place de la Concorde, dove aggiunse statue, innalz l'obelisco e pose la fontana di ghisa. Nel 1859 progett la Gare de Paris Nord, la sua maggiore realizzazione, la cui facciata presenta per un miscuglio di motivi classici in scala sproporzionata.[36]

18

Architettura neoclassica

19

Gran Bretagna
L'Inghilterra conobbe l'architettura di Andrea Palladio all'inizio del XVII secolo, grazie all'opera di divulgazione di Inigo Jones.[37] Da allora la fortuna del palladianesimo fu tanta che domin l'architettura inglese fino a quando non fu modificato in maniera pi elegante da Robert Adam (1728-1792), la cui attivit oscilla tra Neoclassicismo pittoresco e un Neogotico in versione classicheggiante.[38] Per tutto il XVIII secolo si registra la costruzione di numerose residenze improntate proprio allo "stile italiano", come la Holkham Hall e la Chiswick House, disegnate da William Kent e Lord Burlington. Dalla collaborazione tra i due scatur la sala d'ingresso di Holkham Hall (1734 circa), definita come "uno dei pi spettacolari interni del XVIII secolo".[39] Al modello di base, derivato da un progetto non realizzato del Palladio, essi aggiunsero un'abside ancora una volta ispirata alle chiese veneziane dello stesso architetto italiano; diversi particolari, come l'incavo a cassettoni, sono ispirati alle ricostruzioni archeologiche pubblicate sul volume Edifices antiques de Rome sin dal 1682. L'effetto finale decisamente classico, per una sala che rivela una concezione drammatica d'ispirazione barocca.[35] Il primo interno neoclassico inglese comunque da ricercare nella sala che James Stuart esegu nella Spencer House di Londra nel 1758.[40] Stuart costru assai poco nel corso della sua carriera, ma noto soprattutto per aver riscoperto il gusto greco: il suo tempio nel parco di Hagley Hall il primo esempio di Neogreco dorico di tutta Europa.[41] Invece, in campo urbanistico sono significative le trasformazioni di tendenza classicheggiante promosse nella cittadina termale di Bath dove, a partire dalla prima met del Settecento, John Wood il Vecchio realizz una serie di interventi ispirandosi ai modelli del passato (come il Foro Romano); l'opera fu completata dal figlio John Wood il Giovane con l'aggiunta del Crescent, un corpo curvilineo caratterizzato da un prospetto continuo e definito da un ordine gigante di colonne. Le trasformazioni di Bath influenzeranno, come vedremo in seguito, numerosi interventi urbanistici in Inghilterra e negli Stati Uniti.[42]
Tempio della Virt Antica, Buckinghamshire

Parallelamente, a partire dal 1740, con l'affermazione del pittoresco, in architettura si diffuse la passione per le rovine, tanto che numerosi architetti incominciarono a ideare i loro edifici in decadenza, ridotti in rovina dall'azione del tempo. In questa corrente si inserisce il primo progetto inglese che rientra a pieno titolo nel Neoclassicismo, ovvero il mausoleo del Principe di Galles (1751), di William Chambers; eppure, i caratteri neoclassici di questo progetto si dissolvono nella concezione romantica del mausoleo, che fu presentato nella forma che esso avrebbe assunto una volta andato in rovina. Il pittoresco traeva origine dall'arte dei giardini pi che dall'architettura; il parco all'inglese derivava invece dai giardini rinascimentali italiani, lodati da Alexander Pope e il citato William Kent.[43] Il primo giardino all'inglese degno di nota fu proprio quello che Alexander Pope volle realizzare a Twickenham, iniziato nel 1719 e caratterizzato da una zona selvatica, da una grotta e da un tempietto a conchiglia. Successivamente, nei cosiddetti Elysian Field (Buckinghamshire), William Kent progett il tempio a pianta circolare della Virt Antica (1734), ispirandosi allo schema di Palladio per il Tempio di Vesta a Tivoli. Lo stesso Kent disegn il giardino di Rousham, nell'Oxfordshire, analogo al precedente, ma al contempo pi vario e unitario. Entrambe le opere di Kent costituiscono il termine di paragone del giardino realizzato tra il 1740 ed il 1760 a Stourhead, nel Wiltshire. Il parco, nato dalla fusione di architettura, archeologia, poesia, giardinaggio, topografia ed esoterismo, sorse a breve distanza da Salisbury e Glastonbury, in una vallata lacustre, dalla vegetazione
Sezione dell'anticamera di Syon House

Architettura neoclassica lussureggiante; qui furono incastonati numerosi tempietti di imitazione classica, come il Pantheon di Claudio e Virgilio, completato nel 1754 e ornato all'interno con statue raffiguranti Ercole, Flora e Livia Augusta nelle vesti di Cerere, quest'ultima proveniente proprio dagli scavi archeologici di Ercolano. A Robert Adam va il merito di aver compiuto una sintesi tra la tradizione inglese ed i gusti europei. Nato in Scozia nel 1728, visit la Francia e l'Italia, dove divenne amico di personalit del calibro di Piranesi. E proprio al Piranesi rimanda lo stile retorico con il quale riprodusse i propri edifici pubblici nel volume The Works in Architecture of Robert and James Adam. Il suo stile una combinazione che parte dall'arte classica fino ad arrivare al palladianesimo e al pittoresco. Nei suoi interni si ritrovano molti riferimenti alle terme romane, ma anche elementi di compromesso tra l'architettura greca e quella romana, come nell'anticamera di Syon House, dove Adam impieg decorazioni della trabeazione tratte dall'Eretteo, colonne provenienti direttamente da Roma e un soffitto di stampo palladiano: a ben vedere, Adam cre una sintesi non tanto di origine intellettuale, ma scenografica e pittoresca.[44] Sul finire del XVIII secolo si registra anche l'attivit di Joseph Bonomi il Vecchio, James Wyatt e Henry Holland. Il primo, nato in Italia, si era trasferito in Inghilterra nel 1767. Tra le sue opere, in cui confluiscono accurate reminescenze archeologiche, si ricorda la chiesa per il parco Packington, nel Warwickshire, che denuncia affinit con la coeva architettura rivoluzionaria di Ledoux in Francia e Gilly in Germania, ed unica nel panorama inglese.[45] Di forme austere e spoglie, l'esterno in puro laterizio ed alleggerito da grandi finestroni a lunetta semicircolare di derivazione termale; l'interno sembra ispirarsi al Tempio di Nettuno a Paestum, con colonne doriche che sostengono le volte di copertura. Probabilmente questa conformazione interna influenz diversi architetti, tra cui James Wyatt.[46]

20

Chiesa nel parco di Packington

Pantheon in Oxford Street, Londra (distrutto)

Wyatt era rivale di Adam e acquist fama con il Pantheon di Oxford Street in Londra (1770, distrutto), un edificio destinato ai divertimenti che costituiva una singolare versione neoclassica della basilica di Santa Sofia di Istanbul. Costru moltissimo, anche se ricordato soprattutto British Museum a Londra per i suoi contributi in campo neogotico e per i massicci restauri delle cattedrali inglesi; tuttavia edific diverse residenze di campagna in stile neoclassico, come quella di Dodington, nel Gloucestershire, in cui confluiscono particolari del mondo greco e romano. Strettamente legato al linguaggio di Wyatt e Adam Henry Holland, che nella sua prima commissione importante, il Brookss Club di Londra (1776) disegn, dietro una facciata palladiana, ambienti con sobrie e misurate decorazioni. Due anni dopo cominci a lavorare a una dimora nell'Herefordshire, alla quale fecero seguito le ampie trasformazioni di Carlton House, dove si riscontrano influenze francesi[47], come francesi erano gli artigiani che si occuparono della decorazione e del disegno del mobilio. Anche l'Ottocento produce risultati notevoli: esempi importanti sono il British Museum a Londra, la Saint George's Hall a Liverpool e alcune opere di John Soane.[48] Il British Museum un monumentale edificio costruito a partire dagli anni venti e schermato da una teoria di eleganti colonne ioniche: l'articolato complesso riprende il tema dei templi classici e concentra al suo interno un grande cupola in ghisa che sovrasta la sala di lettura.

Architettura neoclassica

21 Di poco posteriore la St. George's Hall di Liverpool, severa costruzione destinata ad ospitare la vita civica della citt. Questa sorta di basilica civile altro non che un insieme di volumi diversi accostati tra loro e uniti da una trabeazione che corre su tutte le facciate dell'edificio. Il complesso fu progettato da Harvey Lonsdale Elmes, ma alla sua morte i lavori furono continuati da Charles Robert Cockerell, che vi aggiunse il volume della Concert Hall, la cui ricca decorazione classica contrasta con la sobriet dell'esterno.

Invece, tra le creazioni di Soane alcune annotazioni merita la casa che l'architetto progett per se stesso a Londra (ora Sir John Soane's Museum): il disegno originario, non eseguito integralmente, era impostato alla massima semplicit, con grandi archi aperti in facciata, avvicinandosi quindi alle architetture rivoluzionarie di Claude-Nicolas Ledoux.[49] Di contro, l'interno, assai congestionato e claustrofobico, annulla il classicismo dell'esterno, rivelando un linguaggio Sir John Soane's Museum a Londra estremamente personale e pi affine alla tradizione pittoresca: numerosi specchi (oltre 90 in una delle stanze pi piccole) simulano vani pi ampi, l'illuminazione proviene dall'alto, mentre archi goticizzanti distaccano i soffitti dalle pareti. Tra le trasformazioni urbanistiche occorre ricordare Regent's Park e Regent Street a Londra, opera di John Nash. L'architetto, influenzato dalle citate sistemazioni intraprese a Bath, realizz una serie di snodi all'interno del tessuto urbano della citt, progettando abitazioni con colonne, trabeazioni e timpani, in linea con i dettami del Neoclassicismo; tuttavia il sinuoso percorso abbandona la staticit vista nelle trasformazioni parigine e, offrendo scorci prospettici sempre nuovi, riesce a coniugare in s anche il gusto romantico per la continua scoperta e per il pittoresco.[50] In ogni caso, i migliori progettisti inglesi dell'epoca subirono il fascino del Neogotico, spesso associato ad una tradizione religiosa, architettonica e intellettuale che si afferm nei centri di Oxford, Cambridge e Londra. Invece, dalla met dell'Ottocento, in Scozia e nel nord del Paese fior un'intensa stagione neoclassica, riscontrabile ad esempio nella Town Hall di Leeds (1853), nella Picton Reading Room di Liverpool (1875) o nelle chiese che Alexander Thomson edific a Glasgow sotto l'influenza di Schinkel e Cockerell.

Saint George's Hall, Liverpool

Town Hall, Leeds

Picton Reading Room, Liverpool

Architettura neoclassica

22

Germania
L'architettura che introduce con vigore il Neoclassicismo in Germania la Porta di Brandeburgo[51], innalzata a Berlino da Carl Gotthard Langhans tra il 1789 ed il 1793: si tratta di un severo monumento in stile dorico, il primo nel suo genere basato sulle ricostruzioni, pubblicate a met del Settecento, dei Propilei di Atene.[46] Siamo davanti ad un caso particolare di arco di trionfo, che prevede per una rinuncia agli elementi architettonici di origine romana per privilegiare quelli dorici, nonostante i basamenti delle colonne siano tipicamente romani.
La Porta di Brandeburgo

Altre opere da prendere in considerazione sono gli studi di Friedrich Gilly.[52] Il giovane architetto costru poco nella sua breve vita e non visit mai l'Italia, tuttavia dopo il 1790 appront alcuni progetti indubbiamente significativi: il disegno per il Teatro Nazionale di Berlino e il monumento a Federico il Grande. In particolare, nel Teatro si avverte lo stretto legame con la coeva architettura francese di Ledoux: Gilly rinuncia a gran parte delle decorazioni e rafforza i volumi, quest'ultimi definiti nella loro conformazione dalla specifica funzione che avrebbero dovuto assolvere. Cos come Ledoux in Francia e John Soane in Inghilterra, Gilly sembr preannunciare un'architettura totalmente nuova, che per non trover spazio nella societ ottocentesca, dominata dalle committenze di proprietari di industrie e di miniere: uomini dotati di grandi ricchezze, ma generalmente di scarsa cultura.[53] Allievo di Gilly fu Karl Friedrich Schinkel, che dopo un esordio neogotico, si avvicin al Neoclassicismo di matrice greca, stile che ebbe molta fortuna in Germania. In generale, l'opera di Schinkel, con i suoi elementi gotici, classici e pittoreschi, si avvicina pi all'Inghilterra che alla Francia o all'Italia, ma la sua interpretazione funzionale del Classicismo, che torner ancora in auge tra il 1910 ed il 1940, venne identificata come uno stile profondamente nazionale. Nei primi anni dell'Ottocento realizz la Neue Wache e altri edifici a Berlino, dalle forme chiare ed eleganti che influenzeranno persino l'architettura di Berliner Schauspielhaus paesi pi lontani, come la Finlandia.[54] Altri capolavori di Schinkel sono il Berliner Schauspielhaus e l'Altes Museum di Berlino. Nel teatro berlinese l'architetto esalt la funzionalit delle varie parti, conferendo all'edificio e alle sue marcate volumetrie, una straordinaria tridimensionalit: l'elemento pi vicino alla tradizione il colonnato esastilo sormontato da un frontone riccamente decorato. Al funzionalismo del Berliner Schauspielhaus si contrappone il pi classicheggiante Altes Museum, che unisce il tema del lungo porticato della sto dell'antica Grecia, alla rotonda del Pantheon posta all'interno: il risultato un prospetto fortemente dilatato, che affida la propria carica comunicativa ad una teoria di ben diciotto colonne ioniche. Rivale di Schinkel fu Leo von Klenze,[55] la cui fama legata soprattutto al progetto del Walhalla presso Ratisbona e della Gliptoteca di Monaco; si tratta di due complessi neogreci, innalzati nei primi decenni dell'Ottocento. Tra i due, sorprendente per imponenza certamente il Walhalla, tempio nel quale, secondo la mitologia, si

Gliptoteca di Monaco

Architettura neoclassica riunivano le anime degli eroi caduti in battaglia: si tratta di un tempio periptero in stile dorico, posto su un possente basamento al quale si accede mediante ampie scalinate. La costruzione richiama in maniera straordinaria il citato monumento ideato da Gilly per Federico il Grande, ma von Klenze conferisce all'opera un'impronta pi romantica: il Walhalla infatti ripropone al suo interno i busti delle pi importanti personalit tedesche, con un bassorilievo che illustra la storia della Germania.

23

Altes Museum a Berlino

Propilei di Monaco di Baviera (1854-1862)

Walhalla

Italia
A partire dalla seconda met del Settecento anche in Italia si registra la costruzione di alcuni edifici classicheggianti. Il Neoclassicismo tuttavia non si afferm in modo unitario su tutto il territorio, all'epoca ancora suddiviso in molti piccoli stati, spesso sotto il diretto controllo di governi stranieri. A Roma, ad esempio, si erano realizzati straordinari monumenti che risentivano ancora della cultura barocca e rococ (come Piazza di Spagna e la Fontana di Trevi); in Piemonte erano attivi Filippo Juvarra e Bernardo Antonio Vittone; nel Regno di Napoli, dove furono chiamati Ferdinando Fuga e Luigi Vanvitelli, si andavano costruendo il Real Albergo dei Poveri e la Reggia di Caserta; il Veneto invece era ancora legato alle influenze palladiane[56]. In altri territori sotto la dominazione austriaca si assiste ad un'eccezionale stagione artistica, come Trieste e Milano, dove il Piermarini prima e il Cagnola pi tardi dirigono il rinnovamento della citt. Non mancano importanti edifici religiosi costruiti o ristrutturati in stile neoclassico, tra cui la Cattedrale di Santa Croce a Forl ed il Duomo di Novara. Veneto
Atrio del Caff Pedrocchi a Padova Per fu proprio in Veneto, ed in particolare a Venezia, che si inizi a delineare un nuovo gusto architettonico, pi vicino alle nuove tendenze europee. Una certa coerenza si riscontra gi a partire dal portico della chiesa di San Nicola da Tolentino (1706-1714) di Andrea Tirali, al quale fecero seguito le chiese di San Simone Piccolo di Giovanni Antonio Scalfarotto, maestro di Giovanni Battista Piranesi, e della Maddalena (1780) di Tommaso Temanza. Al contempo, Venezia ebbe anche un ruolo nell'elaborazione teorica dei principi neoclassici con la presenza di Carlo Lodoli e Francesco Algarotti, sostenitori di idee funzionaliste e antibarocche.

Tempio Canoviano a Possagno

Tuttavia, il principale artefice di questo rinnovamento fu Giannantonio Selva.[57] Suo il progetto per il Teatro La Fenice di Venezia (1790-1792), rimaneggiato successivamente e ricostruito dopo il disastroso incendio del 1996. A Selva stato anche attribuito, non senza incertezze, il Tempio Canoviano a Possagno (1819-1833), perfetta fusione tra i modelli del Partenone e del Pantheon.

Architettura neoclassica Dopo l'intervallo napoleonico, che non produsse risultati particolarmente interessanti[58], si afferm Giuseppe Jappelli (1785-1852); allievo di Selva, egli deve la sua fama al Caff Pedrocchi e al Pedrocchino di Padova, eclettico edificio in cui si unisco pure forme neogotiche. Lavor anche in numerose ville venete, mostrando uno stile deciso e competente, degno del Neoclassicismo internazionale.[35] Roma A Roma il Neoclassicismo giunse solo con l'inizio delle trasformazioni presso i Musei Vaticani decise da Giovanni Battista Visconti[59], Commissario dei Musei e Soprintendente alle Antichit, succeduto a Winckelmann dopo il 1768; su progetto di Michelangelo Simonetti e Pietro Camporese furono aggiunte imponenti sale come quella delle Muse, mentre, tra il 1817 e il 1822, Raffaele Stern realizz il cosiddetto Braccio Nuovo. Nel loro insieme, questi ambienti costituiscono una sequenza di spazi diversi, tutti caratterizzati da una insolita correttezza archeologica, che per risulter difficilmente applicabile ad opere minori.[35]

24

Villa Torlonia a Roma

L'arrivo dei francesi coincise con l'affermazione di Giuseppe Valadier, autore dei restauri del Colosseo e dell'Arco di Tito, nonch dei progetti di Villa Torlonia, del famoso Caff del Pincio (noto come Casina Valadier), della facciata di San Rocco e della sistemazione di Piazza del Popolo. Quest'ultima in particolare rappresenta un capolavoro del Neoclassicismo italiano. Fino ad allora la celebre piazza romana appariva come uno spazio caotico, dominato solo dalle chiese di Carlo Rainaldi e delimitato su un lato dalla Porta del Popolo; l'intervento di Valadier, che faceva seguito ad una prima sistemazione eseguita dai francesi, fece assumere alla piazza una forma ellittica, con l'inserimento di due muraglioni monumentali ai lati delle chiese gemelle del Rainaldi. Di conseguenza, nella realizzazione di Piazza del Popolo, il Neoclassicismo non appare come l'elemento dominante, ma contribuisce alla perfetta coesistenza tra le diverse emergenze architettoniche.[60] Negli anni postunitari il Neoclassicismo non produsse risultati di rilievo; simbolo di questa deriva pu essere ricercato nel Monumento a Vittorio Emanuele II a Roma (noto come Vittoriano), terminato solo nel 1911, nell'anno dell'Esposizione Universale. In questo caso gli intenti celebrativi fin troppo pomposi dell'opera, volti ad osannare lo Stato monarchico, confluirono in una mera ed inutile retorica di stato.[61]

Tempietto di Esculapio in Villa Borghese, Roma (1786)

Propilei di Villa Borghese, Roma, di Luigi Canina (1827)

Elementi neoclassici in Piazza del Popolo a Roma

Architettura neoclassica Napoli A Napoli gli elementi di rottura con la tradizione barocca, gi in parte riscontrabili in vari ambienti della monolitica Reggia di Caserta di Luigi Vanvitelli, vanno ricercati nella produzione architettonica operata durante il decennio francese (1806-1815), in particolar modo in due importanti architetture: la facciata del Teatro San Carlo e la Basilica di San Francesco di Paola, inserita nell'emiciclo di Piazza del Plebiscito.[62]
Teatro San Carlo, Napoli

25

La prima, iniziata nel 1810 dal toscano Antonio Niccolini, strettamente francese e fiorentina, con un leggero colonnato ionico aperto al di sopra di un alto basamento porticato che si pone a margine del Palazzo Reale; Niccolini fu infatti notevolmente influenzato dal prospetto della Villa di Poggio Imperiale di Firenze, progettato in buona parte da Pasquale Poccianti solo pochi anni prima.[63] Negli anni seguenti l'attivit di Niccolini fu intensa: disegn il complesso della Villa Floridiana al Vomero, al cui interno costru la Villa Lucia, ide la nuova facciata del Palazzo Partanna in piazza dei Martiri e si dedic anche a numerosi progetti, non eseguiti, per il riassetto del Palazzo Reale, in cui viva la sensibilit al giardino all'inglese.

La basilica di San Francesco di Paola a Napoli

La chiesa di San Francesco di Paola, di Pietro Bianchi, si colloca invece tra le pi importanti architetture sacre del periodo, tanto che viene annoverata dalla critica come "la pi ricca e accurata delle nuove chiese italiane".[64] La sua costruzione, legata alle complesse vicende politiche del Regno di Napoli, fu intrapresa per realizzare il Foro murattiano, ma nel 1817 fu convertita in chiesa come ex voto da parte di Ferdinando per la restaurazione al potere dei Borbone di Napoli. Il suo architetto, dopo un concorso che vide coinvolti i principali artisti del tempo, realizz un tempio fortemente ispirato al Pantheon di Roma, differenziandolo solo nelle proporzioni e nella presenza di due cupole minori ai lati della calotta principale.[65] Altre figure di rilievo dell'architettura neoclassica del primo Ottocento furono Stefano Gasse (impegnato in numerose opere pubbliche durante il periodo francese e durante la Restaurazione, come l'Osservatorio astronomico di Capodimonte e il Palazzo San Giacomo) e Gaetano Genovese (lavori nella Reggia vanvitelliana). Sicilia Collegata all'attivit di Napoli, ma distinta da essa, quella siciliana.[66] Generalmente si ritiene che in Sicilia il superamento del fastoso Barocco locale si avviasse con la presenza del francese Lon Dufourny[67], studioso degli antichi templi presenti nella regione, che a partire dal 1789 progett l'edificio principale del nuovo Orto botanico di Palermo, con un pronao in stile dorico. Tuttavia, gi nel 1750 era stato completato Palazzo Isnello, la cui facciata principale, opera di architetto ignoto, presenta elementi stilistici che precorrono il Neoclassicismo nella regione.[68]

Orto botanico di Palermo

Architettura neoclassica

26

Successivamente, l'architettura palermitana volse al Neoclassicismo grazie all'opera di un allievo del Vanvitelli e amico di Duforny, Giuseppe Venanzio Marvuglia, il quale realizz numerose costruzioni ascrivibili al nuovo stile. Tra il 1799 ed il 1802 Marvuglia edific anche la cosiddetta Palazzina Cinese; in questa curiosa costruzione convivono elementi classici e altri desunti dall'architettura orientale, che manifestano la vocazione eclettica del Neoclassicismo siciliano, mentre nel giardino si trova ancora una fontana avente la forma di una grande colonna dorica sormontata dalla figura di Ercole.

Palazzina Cinese di Palermo

La Sicilia dette, inoltre, un contributo indiretto all'affermazione del Neoclassicismo grazie alla presenza di molte testimonianze dell'arte greca, per visitare e studiare le quali soggiornarono sull'isola molti artisti che furono protagonisti del dibattito architettonico tra fine XVIII secolo ed inizio XIX secolo, come Schinkel (nel 1804),[69] Hittorff, von Klenze, Labrouste, ed altri. Molto pi tarda ed ascrivibile piuttosto all'eclettismo ottocentesco, invece la costruzione, su progetto di Giovan Battista Filippo Basile e del figlio Ernesto, del Teatro Massimo di Palermo (1875-1897), impreziosito da un imponente apparato decorativo in antitesi allo stretto funzionalismo auspicato all'inizio del XIX secolo da Jean-Nicolas-Louis Durand. Toscana In Toscana il clima particolarmente interessante. Sotto Pietro Leopoldo e nei primi decenni del dominio lorenese, cominci un graduale avvicinamento ai temi neoclassici in contrapposizione alla moda tardobarocca. I principali esponenti di questo rinnovamento, che si concentr soprattutto su opere di pubblica utilit, furono Gaspare Paoletti, Giuseppe Manetti[70], Giuseppe Salvetti, Grato e Giocondo Albertolli, Bernardo Fallani, Giuseppe Valentini e Giovan Battista Ciardi.[71] Con la Restaurazione i modelli classici furono filtrati attraverso l'architettura rinascimentale, in quello che la critica ha identificato come "Classicismo Romantico". Uno degli architetti pi significativi dell'epoca fu Pasquale Poccianti[72], allievo di Gaspare Paoletti e che, all'inizio della sua carriera, aveva collaborato con Giuseppe Cacialli per la sistemazione della Villa di Poggio Imperiale, a Firenze. La fama di Poccianti legata soprattutto al completamento dell'Acquedotto Leopoldino di Livorno: qui realizz opere straordinariamente vicine a quelle dell'architettura di Claude-Nicolas Ledoux[73], come il Cisternone (1829-1842), il serbatoio posto al termine del percorso delle condotte e caratterizzato da una originale semicupola decorata a cassettoni. Per l'acquedotto progett inoltre altre due cisterne, ovvero il serbatoio di Pian di Rota e il cosiddetto Cisternino di citt, sempre a Livorno. Si tratta in entrambi i casi di edifici dalle volumetrie chiare e contrastanti, dove alle influenze francesi si somma l'evidente conoscenza delle architetture termali romane e della tradizione toscana del XIV secolo (quest'ultima riscontrabile nelle strette finestre a feritoia aperte lungo i massicci corpi di fabbrica dei serbatoi). Poccianti fu impegnato anche a Firenze, dove, ai lavori per Palazzo Pitti e per la Biblioteca Medicea Laurenziana, si aggiunsero i progetti non realizzati per la facciata di San Lorenzo, immaginata come una rigorosa sovrapposizione di due porticati classicheggianti.
Il Cisternone di Livorno

Ma la Toscana del primo Ottocento presenta un panorama architettonico assai vivace (forse a causa degli intensi scambi culturali con l'estero e la Francia in particolare), con molte figure di rilievo[74]: Luigi de Cambray Digny, le cui opere subirono l'influenza dal Neoclassicismo francese dell'et napoleonica; Lorenzo Nottolini che, negli stessi anni in cui Poccianti portava a termine l'acquedotto di Livorno, lavor all'imponente sistema di approvvigionamento

Architettura neoclassica idrico della citt di Lucca, realizzando un condotto sopraelevato, perfettamente rettilineo, lungo tre chilometri e sostenuto da oltre 400 arcate (il cosiddetto Acquedotto del Nottolini); Alessandro Manetti che realizz la cinta daziaria di Livorno, alcuni ponti sospesi ed altre opere d'ingegneria; Carlo Reishammer, autore di sorprendenti progetti che ebbero per protagonista la ghisa, come la chiesa di San Leopoldo a Follonica e la Porta San Marco a Livorno, in cui sembra richiamare, anch'esso, alcuni stilemi dell'architettura di Ledoux; Agostino Fantastici, autore di numerosi interventi nell'architettura civile e religiosa del territorio senese.[75] Trieste Anche Trieste riveste un ruolo di primo piano nel Neoclassicismo italiano. Come citt multietnica e porto dell'Impero Austro-Ungarico, Trieste tende a differenziarsi, in questo periodo, dalle altre maggiori realt italiane. Le sue particolarit storiche influenzano l'aspetto urbanistico della citt fino al giorno d'oggi.[76] L'influsso germanico si riscontra nel Teatro Verdi (iniziato nel 1798), opera di Matteo Pertsch, che si avvicina ai canoni del Neoclassicismo milanese. Sempre di Pertsch il Palazzo Carciotti, schermato da un portico esastilo leggermente aggettante che sorregge una balaustra monumentale dietro la quale si apre una cupola emisferica.

27

Chiesa di Sant'Antonio a Trieste, sullo sfondo del Canal Grande

L'architettura pi emblematica per la chiesa di Sant'Antonio, progettata nel 1808 da Pietro Nobile e innalzata solo a partire dagli anni venti dello stesso secolo. La conformazione del lotto, lungo e stretto, indusse l'architetto ticinese a variare il tema del Pantheon, disegnando un corpo di fabbrica a pianta rettangolare con una cupola al centro. La particolarit pi evidente della chiesa la sua posizione scenografica, alla fine del Canal Grande, cos spettacolare tanto da farne uno dei simboli della citt triestina. Lombardia A Milano la scena inizialmente dominata da Giuseppe Piermarini[77], autore del Palazzo Belgioioso (1772-1781), della Villa Reale di Monza (dal 1776), del Teatro alla Scala (1776-1778, dove confluiscono anche elementi neorinascimentali) e della Villa Tittoni Traversi a Desio (con interventi anche, in seguito, di Pelagio Palagi). Rivale del Piermarini fu Simone Cantoni, che aveva lavorato anche per Vanvitelli e si era formato all'Accademia di Parma, sotto Ennemond Alexandre Petitot[78], e a Genova. A Milano si dedic alla progettazione del Palazzo Serbelloni, che presenta un corpo centrale con colonne che sorreggono un frontone, mentre a Como, verso la fine

Chiesa di Ghisalba

del Settecento, costru la Villa Olmo. A Leopoldo Pollack e Luigi Canonica, allievi del Piermarini, va il merito di aver affermato le nuove tendenze architettoniche. Del primo ricordiamo la Villa Belgioioso (poi Reale, ora Villa Comunale), la Villa Casati a Muggi e la Rotonda di via Borgovico, a Como, opere che per non presentano piante particolarmente interessanti[79]; del secondo doveroso citare il progetto per l'Arena, frutto di un disegno pi vasto, promosso anche da Giovanni Antonio Antolini, per la sistemazione delle aree attorno al Castello Sforzesco. A questi fece seguito Luigi Cagnola, che nelle sue creazioni cerc ispirazione esclusivamente nelle opere della tradizione italiana: questi progett la Rotonda di Inverigo una massiccia e vistosa villa e la chiesa di Ghisalba (1822), ancora una volta cimentandosi sul tema della rotonda. Suo l'Arco della Pace di Milano, ennesima trasposizione del

Architettura neoclassica modello dell'arco trionfale romano. Degno di nota pure l'Arco di Porta Nuova, realizzato nel 1813 su progetto dell'architetto Giuseppe Zanoia che fu preferito al disegno del Cagnola. L'edificio che chiude il Neoclassicismo milanese, e pi in generale quello italiano, la chiesa di San Carlo al Corso, di Carlo Amati, ritenuta tuttavia troppo imponente nelle sue dimensioni.[35] Genova Altra personalit di rilievo nella storia del Neoclassicismo italiano Carlo Barabino, il pi importante architetto genovese del XIX secolo[63]: tra le sue creazioni vanno ricordate il Teatro Carlo Felice e il Cimitero di Staglieno a Genova. Del Carlo Felice, inaugurato nel 1828 oggi resta solo la facciata, arricchita da un grande porticato esastilo: il corpo del teatro fu inesorabilmente colpito dai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Nel Cimitero di Staglieno, completato dall'allievo Giovanni Battista Resasco, si inseriscono invece molti elementi della tradizione classica, come una copia del Pantheon romano, posta in posizione sopraelevata rispetto alla base del cimitero.

28

Pantheon nel Cimitero di Staglieno, Genova

A Genova lavor pure il citato Simone Cantoni, che prese parte ai lavori per la ricostruzione del Palazzo Ducale; qui progett il sontuoso salone del primo piano, lodato persino da Milizia, che ebbe modo di visitare il cantiere ancor prima della fine dei lavori. Piemonte Il Piemonte conobbe una vivace fase di transizione al Neoclassicismo tra Sette ed Ottocento, con personalit attive anche teoricamente sul versante classicista, spesso in rapporto stretto con le societ di studiosi subalpini impegnati nel confronto con la nuova circolazione di cultura, in direzione romana e parigina; ricordiamo Giuseppe Battista Piacenza, Carlo Randoni, ed alcune precoci realizzazioni di Filippo Castelli. Il Neoclassicismo piemontese ebbe un notevole sviluppo grazie all'urbanistica e alle trasformazioni che, sotto l'influenza diretta dei francesi, interessarono Torino nei primi anni dell'Ottocento. Fulcro dei nuovi ampliamenti fu la chiesa della Gran Madre di Dio (1814-1831), un edificio a pianta circolare, preceduto da pronao su modello del Pantheon di Roma, che fu innalzato da Ferdinando Bonsignore a margine della coeva piazza Vittorio Veneto.[80] L'insegnamento di Bonsignore, all'universit ed all'accademia torinesi cre pi generazioni di abili architetti, i quali diffusero per tutto il Piemonte ed anche nel genovesato e nel nizzardo i risultati di una scuola di grande validit e spessore culturale. Si ricordano, tra gli altri, il colto Giuseppe Maria Talucchi, braccio destro di Bonsignore all'universit ed autore dell'imponente chiesa di Santa Maria del Borgo a Vigone (1835 sgg.), Benedetto Brunati, Luigi Canina, Ernesto Melano, quest'ultimo attivo anche nei cantieri carloalbertini di corte, lo svizzero Giuseppe Leoni, Giuseppe Formento, l'eporediese Pessatti, Michelangelo Bossi, ecc. Nei cantieri di corte, a partire dagli anni di Carlo Alberto di Savoia-Carignano, a Palazzo Reale di Torino, nella tenuta di Pollenzo, al castello di Racconigi, oper come direttore artistico Pelagio Palagi, coadiuvato per le architetture, anche con realizzazioni autonome, da Carlo Sada. Nella seconda met dell'Ottocento da segnalare Alessandro Antonelli, allievo di Bonsignore e Talucchi, autore del Duomo di Novara, che rivest di elementi classici gli enormi edifici della Mole Antonelliana di Torino e della cupola di San Gaudenzio nella stessa Novara, forzando le proporzioni canoniche verso una nuova idea di architettura, fortemente segnata da sperimentazioni strutturali.

Architettura neoclassica

29

La Mole Antonelliana a Torino

Chiesa della Gran Madre di Dio, a Torino (1814-1831)

Duomo di Novara (1863 - 1869)

Russia
In Russia, le contaminazioni del mondo occidentale ebbero molta fortuna, in particolar modo a San Pietroburgo.[81] Qui, fino a circa il 1760, trovavano ancora spazio i gusti rococ dell'italiano Bartolomeo Rastrelli (vedi il Palazzo d'Inverno); fu Caterina la Grande ad introdurre il Neoclassico nella capitale, commissionando ad un architetto francese, Jean-Baptiste Michel Vallin de La Mothe, alcuni palazzi, come l'Accademia delle Belle Arti. Nel 1779 Giacomo Quarenghi (1744-1812) accett l'invito di recarsi a San Pietroburgo[82], ove rimase per il resto della sua vita, divenendo l'architetto ufficiale di Caterina II[83]; egli tra il 1780 ed il 1785 trasform Pietroburgo in una citt classica.[84] Realizz numerosi palazzi e port in auge un originale stile monumentale, d'ispirazione palladiana, riscontrabile, ad esempio, sia nel sobrio e severo palazzo inglese del parco di Peterhof (1781-1789, distrutto) che nel pi ricco Teatro dellErmitage (1782-1785).[85]
Ammiragliato di San Pietroburgo

Nello stesso periodo fu attivo anche lo scozzese Charles Cameron (1743-1812), autore della Galleria Cameron nel Palazzo di Caterina a Tsarskoye Selo, dove riprese lo stile dell'inglese Adam[35], ed il Palazzo del Granduca Paolo a Pavlovsk, costruito dal 1781 al 1796. Nel parco del palazzo di Pavlovsk, Cameron fece erigere il primo tempietto dorico di tutta la Russia.[86] I primi edifici del XIX secolo appaiono in stretti rapporti con le architetture di tienne-Louis Boulle e Claude-Nicolas Ledoux: il caso della Borsa di San Pietroburgo, disegnata proprio da un francese e risalente al 1804. Alla Borsa, sorta mentre Andrey Voronikhin innalzava la Cattedrale di Kazan, seguirono quindi l'immenso Ammiragliato (di Andrejan Zacharov, 1806-1815, dove riecheggiano le proporzioni in grande scala di Boulle), la Cattedrale di Sant'Isacco (il cui disegno si basa sul Pantheon parigino) e le architetture italianeggianti di Carlo Rossi (ad esempio il Palazzo del Senato e il Palazzo Michajlovskij), che resero San Pietroburgo, con le sue facciate in stucco colorato e dettagli emergenti in bianco, una delle citt pi coerentemente neoclassiche d'Europa.[87] Anche Mosca fu investita dal gusto neoclassico e, pur evidenziando episodi interessanti, non raggiunse mai i risultati di San Pietroburgo.[85] Il nome legato a molte architetture classicheggianti di Mosca quello di Matvi Kazakov (1738-1812), al quale si deve il Palazzo del Senato al Cremlino. Invece, sul finire del Settecento, un certo numero di edifici classicheggianti di Mosca sono riconducibili al suddetto Giacomo Quarenghi, al quale, sulla scia di Kazakov, fecero seguito architetti quali Domenico Gilardi (che si rif allo stile imperiale) e Osip Beauvais (attivo durante la ricostruzione della citt dopo il disastroso incendio del 1812).

Architettura neoclassica

30

Il tempio rotondo a Pavlovsk, in Russia

Cattedrale di Sant'Isacco

Palazzo Michajlovskij

Scandinavia
L'Europa del Nord offre un ricco repertorio di opere neoclassiche, generalmente di matrice tedesca o francese.[35] In Danimarca il Neoclassicismo comparve gi verso gli anni sessanta del Settecento.[88] Infatti, la sala da pranzo disegnata in da Nicolas-Henri Jardin nel Palazzo di Amalienborg (1755-1757) viene ricordata come "la pi antica stanza ancora esistente decorata in stile neoclassico da un architetto francese".[89] Allievo di Jardin fu Caspar Frederik Harsdorff, che ad esempio lavor nella Cattedrale di Roskilde, dove esegu la cappella di funebre di Federico IV. In seguito, con l'affermarsi dello Cattedrale di Copenaghen stile neogreco, la figura pi interessante fu Christian Frederik Hansen (1756-1845)[90], che esegu il disegno della Cattedrale di Copenaghen, con la grande volta a botte sostenuta da colonnati dorici che si richiama al progetto di Boulle per l'interno di una biblioteca. Agli inizi dell'Ottocento si registra anche la pianificazione di Helsinki, granducato russo dal 1809. I maggiori edifici pubblici della citt si devono a Carl Ludwig Engel, che fu impegnato nella piazza del Senato, dominata dalla classicheggiante cattedrale, dal Palazzo del Senato (1818-1822) e dall'Universit. Il progetto iniziale della cattedrale risale al 1818, ma i lavori, avviati nel 1830, si conclusero solo nel 1851. La pianta rigorosamente centrale, essendo costituita da una croce greca schermata da quattro portici esterni: al centro della composizione si innalza una svettante cupola, affiancata da quattro calotte minori aggiunte successivamente. Invece, per l'Universit Engel costru una biblioteca con sale di lettura colonnate, collegate con imponenti scalinate doriche, che trovano affinit con quelle presenti nel Palazzo del Senato: nel primo caso, due ordini di colonne sostengono i piani d'arrivo delle rampe, mentre nel secondo, sulle colonne di tipo dorico gravano le volte a crociera della copertura.

Architettura neoclassica

31

Altre nazioni dell'Europa


La diffusione del revival classico fu pressoch uniforme in tutta Europa, anche se con alcune eccezioni: la Spagna ad esempio non port nessun contributo significativo al Neoclassicismo.[91] A Vienna alcune influenze neoclassiche si registrano, sin dai primi decenni del XVIII secolo, nella Karlskirche di Johann Bernhard Fischer von Erlach, capolavoro del Rococ austriaco: l'edificio infatti schermato da un pronao esastilo, al quale si affiancano due colonne ritorte ispirate alla Colonna Traiana di Roma. Un classicismo pi rigoroso si avverte nell'Ottocento, con il Theseustempel e il Burgtor, due complessi neogreci del citato Pietro Nobile.[92]

Cattedrale di Vilnius, Lituania

In Polonia, gi verso la fine del Settecento, si diffuse un'architettura derivata dai modelli rivoluzionari di Ledoux, ma un monumento precoce del primo Neoclassicismo si ritrova nella Cattedrale di Vilnius (oggi in Lituania, che all'epoca era unita alla Polonia nella Confederazione Polacco-Lituana).[93] Nel secolo successivo Antonio Corazzi fu protagonista della costruzione di diversi palazzi di Varsavia, mentre la nobilt polacca commission a Karl Friedrich Schinkel alcune residenze di campagna. Se a Praga il Neoclassicismo fu accolto in ritardo rispetto al resto d'Europa[94], in Ungheria la rottura con il linguaggio barocco avvenne gi negli anni settanta del Settecento[95]: la Cattedrale di Vc, con il suo portico sormontato da un massiccio attico, risale al 1763-1777. Nell'Ottocento questo stile culmina nella Cattedrale di Esztergom (a pianta centrale, dotata di cupola) e nel neogreco Museo Nazionale di Budapest. Paradossalmente lo stile neoclassico si sviluppa in Grecia solo verso la met del XIX secolo, quando fu introdotto per i piani di rinnovamento di Atene.[96] Intervennero pertanto progettisti da diverse localit d'Europa, in particolare tedeschi, danesi e francesi. Tra le opere pi originali occorre segnalare la corte rotonda dello Zappeion, iniziata solo nel 1874 secondo i piani di Theophil Hansen.

Accademia di Atene

Zappeion, Atene

Cattedrale di Vc

Architettura neoclassica

32

Neoclassicismo negli Stati Uniti


Il Settecento e l'Ottocento
Le origini del Neoclassicismo statunitense vanno ricercate nella intensa diffusione che qui ebbe il Palladianesimo; inoltre a partire dalla fine del Settecento grande fu pure il successo del revival greco. Gli architetti pi interessanti dell'epoca furono Thomas Jefferson e Benjamin Latrobe.[97] Il primo, a partire dal 1771, aveva cominciato a lavorare alla sua casa di Monticello, in Virginia, opera non particolarmente innovativa se confrontata con le contemporanee costruzioni inglesi.[35] Ispirandosi alla Maison Carre di Nmes, tra il 1785 ed il 1789, esegu il poco originale progetto per il Virginia State Rotonda dell'Universit della Virginia Capitol. La sua opera pi celebre resta comunque il campus dell'Universit della Virginia, i cui disegni definitivi risalgono al 1817: elemento dominante del nuovo complesso certamente la Rotonda, destinata ad ospitare la biblioteca e che, al porticato vagamente palladiano, unisce un corpo circolare, ispirato al Pantheon. Altra caratteristica dell'edificio, ricostruito a seguito di un grave incendio che si svilupp sul finire dell'Ottocento, sono le sale che si aprono all'interno, di forma ellittica. Fu proprio Benjamin Latrobe a suggerire a Jefferson la soluzione della Rotonda.[98] I primi lavori importanti di Latrobe sono il penitenziario di Richmond e la Banca di Pennsylvania, oggi purtroppo scomparsa. Nei primi anni dell'Ottocento riceve la commissione per il completamento del Campidoglio di Washington, il grande palazzo al quale avevano collaborarono molti architetti dell'epoca e con un risultato assai discutibile. Successivamente, sotto la ricostruita ala del Senato, inser la Supreme Court Chamber, dove il gusto della geometria e i dettagli forti suggeriscono una stretta affinit con i modelli del francese Ledoux e dell'inglese Soane. Tra il 1809 ed il Campidoglio dell'Ohio 1818 realizz la Cattedrale di Baltimora, sottoposta in seguito a modifiche ed ampliamenti, ma che rester la sua costruzione pi felice.[99] Lo stile classico viene poi consolidato dalle opere di Robert Mills e William Strickland, allievi proprio di Latrobe.[100] Del primo si ricordano alcune chiese a pianta centrale di Filadelfia e Richmond, l'enorme Colonna di Washington a Baltimora e numerosi edifici nella capitale federale della nazione, caratterizzati da severi porticati. Al secondo invece, dopo la fama ottenuta con il disegno della Second Bank of the United States, si devono i progetti per l'originale Borsa di Filadelfia e del Campidoglio di Nashville (1845-1849), dotati di lanterne ispirate al Monumento coragico di Lisicrate. La prima met dell'XIX secolo si conclude con la costruzione di alcuni edifici decisamente classicheggianti: il Campidoglio di New Haven, opera di Ithiel Town, il Campidoglio dell'Ohio a Columbus (1838) e il Girard College di Filadelfia, di Thomas Walter. Il Neoclassicismo si impone sulla scena americana sostanzialmente fino alla seconda met dell'Ottocento. Le ultime opere degne di nota sono alcuni progetti di stampo accademico degli associati William Rutherford Mead, Stanford White e Charles Follen McKim, come la Biblioteca della Columbia University a New York, del 1893, imponente costruzione in cui si riflettono i fasti dell'architettura civile romana secondo i modelli del Neoclassicismo francese.[101]

Architettura neoclassica

33

Borsa di Filadelfia

Biblioteca della Columbia University

Supreme Court Chamber, Washington

Il Novecento
Verso la fine dell'Ottocento la pura classicit diviene il fulcro teorico e culturale per la realizzazione di intere citt come Washington: nella citt, concepita come una "scacchiera", trovarono posto freddi edifici classicheggianti. A New York invece furono concepite intere porzioni di nuove urbanizzazioni, che coinvolsero le aree disposte lungo la Wall Street. In questo spirito urbanistico si collocano diverse importanti costruzioni in stile antico. Nel Novecento infatti il Neoclassicismo divenne lo stile preferito per le architetture governative: si tratta di edifici realizzati in chiave anti-moderna, in cui si riflettono quei gigantismi volti a enfatizzare il ruolo e il prestigio internazionale della Nazione.[102]

Palazzo della Corte Suprema

Numerosi sono gli esempi, i pi celebri concentrati prevalentemente nell'area di Washington. Ad esempio il Lincoln Memorial di Washington uno degli edifici che tentano di imprimere alla citt un'impronta tesa a ricalcare quella della Roma imperiale. Progettato come un monumento in memoria del Presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln, celebre per le sue battaglie contro l'abolizione della schiavit, il memoriale era stato concepito a livello ideale nel 1867, ma l'inizio dei lavori risale al primo decennio del Novecento. All'interno Lincoln Memorial dell'edificio, disegnato da Henry Bacon, furono poste sculture e statue ideate su modello delle celebri "copie romane" (statue realizzate in epoca romana che ricalcano i bronzi perduti della Grecia classica), come nel caso della grande statua di Lincoln, posta proprio al centro dello stesso memoriale. Sempre nella capitale statunitense, negli anni trenta del secolo, fu innalzato il maestoso Palazzo della Corte Suprema, completato nel 1935. L'edificio, che nella facciata anteriore mostra un pronao in stile corinzio, fu progettato da Cass Gilbert, che allora era gi noto a tutta la critica d'arte internazionale per il suo Woolworth Building di New York, all'epoca uno dei grattacieli pi alti del mondo. Malgrado i fasti impressi dai marmi fatti giungere direttamente dall'Italia e l'imponenza del monumentale edificio, il risultato che ne deriv fu anacronistico se confrontato ad altre architetture dell'epoca, come la coeva Casa sulla

Jefferson Memorial

cascata di Frank Lloyd Wright.

Architettura neoclassica L'ultimo edificio di questo sterile filone il Jefferson Memorial, inaugurato a Washington solo nel 1943. Ideato nel 1939 da John Russell Pope ad imitazione delle ville palladiane e dei templi romani e greci, l'edificio si dipana lungo una rotonda di colonne in stile ionico che culmina in un grande pronao, affacciato al fiume Potomac. Il monumento riprende a modello anche la Rotonda che l'architetto e Presidente Thomas Jefferson, al quale dedicato lo stesso memoriale, aveva realizzato per l'Universit della Virginia. Si tratta per di un revival assai distante dalle nuove tendenze dell'architettura del Novecento, che gi da tempo aveva visto aprirsi nuove strade, in completa rottura col passato e le sue imposizioni stilistiche.

34

Neoclassicismo in America Latina


In Brasile le prime reazioni al Barocco si ebbero dopo il 1815 grazie all'apporto di alcuni architetti francesi. Una delle opere di maggiore importanza, sebbene realizzata verso la met del secolo, il Teatro di Santa Isabella a Recife, cui fece seguito il Teatro di Nostra Signora da Paz, a Belm, dove per prevalse lo stile coloniale americano.[103] Dopo le guerre d'indipendenza ispanoamericana il Neoclassicismo divenne lo stile ufficiale di importanti architetture di rappresentanza dell'America Latina: a titolo d'esempio si ricorda il Campidoglio di Bogot.

Influenze neoclassiche nell'architettura del Novecento


Come si potuto osservare, lo stile neoclassico caratterizza un'epoca assai lunga, spingendosi fino ai primi decenni del Novecento con le sue opere pi eclettiche e, a dire il vero, discutibili. Se nel caso degli Stati Uniti, il classicismo che matura in alcuni monumenti di Washington pu essere considerato espressione dell'ultima e retriva fase del Neoclassicismo, in altri Paesi l'architettura ufficiale tenta di seguire strade sensibilmente diverse. In Italia, dopo i fasti retorici del gi citato Monumento di Vittorio Emanuele II, assistiamo ad una semplificazione del lessico Eduskuntatalo a Helsinki (1927 - 1931) architettonico, che per, durante il Fascismo, rimane sostanzialmente di stampo classicista; i nuovi modelli proposti in quell'epoca sono, con alcune eccezioni (vedi la Stazione di Firenze Santa Maria Novella), ancora legati alla simmetria e ad una decorazione all'antico ridotta ai suoi elementi essenziali. I risultati, sono annoverarsi in quel Neoclassicismo semplificato tipico di Marcello Piacentini e che da inquadrare nella corrente architettonica definita pi propriamente monumentalista. Tali esempi, sebbene in parte rivalutati dalla critica pi recente, spesso furono grotteschi ed espressione di un provincialismo spesso lontano dalle correnti architettoniche e di pensiero pi evolute ed internazionali del Movimento Moderno: ne un esempio il Palazzo della Civilt Italiana, che riprende il modello del Colosseo, spogliandolo di ogni decoro (viene infatti chiamato anche Colosseo quadrato).[104] Anche in Germania i piani di Adolf Hitler avrebbero dovuto cambiare il volto della capitale, trasformandola in una citt monumentale. Autore dei progetti, che per non saranno mai concretizzati, fu Albert Speer, amico personale del Fhrer. Una poderosa cupola a cassettoni, basata sul modello del Pantheon di Roma, avrebbe rappresentato, con i suoi oltre 200 metri di diametro, il fulcro della nuova Berlino; all'esterno, i disegni mostrano un poderoso colonnato classicheggiante aperto su una vasta piazza per le adunate, il tutto in scala colossale. Esempi analoghi si ritrovano anche in Russia e nei paesi direttamente influenzati dall'Unione Sovietica, quali Polonia e Cina.

AT&T Building a New York

Architettura neoclassica L'avvento del Movimento Moderno e delle successive tendenze architettoniche porteranno ad un mutamento degli scenari. Il repertorio classico trover per un periodo di intensa fortuna a partire dalla fine degli anni settanta, nell'ambito del Postmoderno, movimento che esprime una libert stilistica sgombra dai vincoli modernisti.[105] Frontoni, colonne ed altri elementi della tradizione torneranno quindi in auge: un celebre esempio viene offerto dal frontone classicheggiante del grattacielo AT&T Building (ora Sony Building), che Philip Johnson costruir a New York nel 1984.

35

Note
[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] Leonardo Benevolo, Storia dell'architettura moderna, Bari, Laterza, 1973, p. 59. Sigfried Giedion, Spazio, tempo, architettura, Milano, 1984, p. 203. L. Benevolo, cit., p. 59. N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino, Einaudi, 1981, voce Neoclassicismo. Ibidem. R. De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, Bari 1999, pp. 416-417. D. Watkin, Storia dell'architettura occidentale, Bologna, 1990, p. 337. L. Beschi, Architettura:Una disputa tra Roma e Atene, in Memoria dell'antico nell'arte italiana, vol. III, "Dalla tradizione all'archeologia", Einaudi, Torino, 1986, p. 355. [9] Ibidem; Nikolaus Pevsner, John Fleming, Hugh Honour, Dizionario di architettura, cit., voce Piranesi, Giovanni Battista. [10] G. Piranesi, Antichit Romane de' tempo della prima Repubblica e dei primi imperatori, 1784 e Differents vues de Pesto, completate e pubblicate dal figlio Francesco nel 1778. [11] R. De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, cit, p. 483. [12] Ibidem, p. 461. [13] Ibidem, p. 418. [14] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit., voce Laugier, Marc-Antonie. [15] Ibidem, voce Neoclassicismo. [16] C. Maltese, Storia dell'arte italiana 1785-1943, Torino, Einaudi, 1960, pp. 11-12. [17] G.C. Argan, L'arte italiana 1770-1970, Firenze, Sansoni, 1970, p. 19. [18] J. Summerson, Architettura del Settecento, Milano, Rusconi, 1990, pp.105-106. [19] R. De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, Bari 1999, p. 483. [20] Ibidem, pp. 483-484. [21] Ibidem, pp. 497-498. [22] Ibidem, p. 454. [23] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, Martellago (Venezia), Electa, 2001, p. 5. [24] Ibidem, p. 114. [25] Ibidem, p. 126. [26] Quatremre de Quincy, Recueil de notices historiques, 1834, p. 201. [27] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit., voce Gondouin, Jacques. [28] Ibidem, voce Boulle, tienne-Louis. [29] Ibidem, voce Durand, Jean-Nicolas-Louis. [30] Ibidem, voce Servandoni, Giovanni Niccol. [31] R. De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, cit, p. 454. [32] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit., voce Chalgrin, Jean. [33] Ibidem, p. 521. [34] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, cit. p. 211. [35] Ibidem. [36] Ibidem, p. 218. [37] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit., voce Jones, Inigo. [38] Ibidem, voce Adam, Robert. [39] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, cit. p. 81. [40] Ibidem, p. 84. [41] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit., voce Stuart, James. [42] R. De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, cit., p. 477. [43] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, cit. p. 34. [44] [45] [46] [47] Ibidem, p. 158. N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit., voce Bonomi, Joseph. R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, cit. p. 89. Ibidem, pp. 171-172.

Architettura neoclassica
[48] R. De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, cit., p. 519. [49] N. Pevsner, Storia dell'architettura europea, Bari, 1998, p. 248. [50] R. De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, cit., pp. 521-524. [51] H.R. Hitchcock, L'architettura dell'Ottocento e del Novecento, Torino, Einaudi, 1971, pp. 35-36. [52] N. Pevsner, Storia dell'architettura europea, cit., pp. 249-250. [53] Ibidem, p. 251. [54] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit., voce Schinkel, Karl Friedrich. [55] Ibidem, voce Germania. [56] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, cit. p. 282 [57] Ibidem, pp. 282-285. [58] Ibidem, p. 285. [59] Ibidem, p. 288. [60] R. De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, cit., p. 528. [61] D'Aquino, Niccol (Feb. 2001). "Capitals: Rome". Europe (403): 36-38. Retrieved on 2007-02-26. [62] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, cit., pp. 291-292. [63] Ibidem, p. 291. [64] Ibidem, p. 292. [65] R. De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, cit., p. 505. [66] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, cit., p. 292 [67] L. Dufour, G. Pagnano, La Sicilia del '700 nell'opera di Lon Dufourny: l'Orto Botanico di Palermo, 1996. [68] Rita Cedrini, Giovanni Tortorici Monteaperto, Repertorio delle dimore nobili e notabili nella Sicilia del XVIII secolo, Palermo, Regione Siciliana, BBCCAA, 2003, p. 186. [69] Maria Giuffr, Schinkel e la Sicilia in "The time of Schinkel and the age of Neoclassicism between Palermo and Berlin", 2006, ISBN 8887669481 [70] Giuseppe Manetti progett il Giardino Corsi Annalena, ritenuto il primo parco "romantico" di Firenze. [71] Architettura del classicismo illuministico in Toscana (http:/ / www. itinerarilorenesi. it/ ?sezione=13& dettaglio=14).URL consultato in data 03-07-2009. [72] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, cit., p. 291. [73] D. Matteoni, Pasquale Poccianti e l'acquedotto di Livorno, Roma - Bari 1992. [74] C. Cresti, L. Zangheri, Architetti e ingegneri nella Toscana dellOttocento, Firenze 1978. [75] Architettura del classicismo della Restaurazione in Toscana (http:/ / www. itinerarilorenesi. it/ ?sezione=13& dettaglio=13).URL consultato in data 30-06-2009. [76] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, cit. pp. 288-291. [77] Ibidem, p. 295. [78] Petitot fu chiamato alla guida dell'Accademia nel 1753 e introdusse a Parma i gusti francesi derivati dallo stile di Ange-Jacques Gabriel. Nella sua scia si inserisce l'attivit di Nicola Bettoli, la cui maggiore creazione il Teatro Regio di Parma (1821-1829). [79] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, cit., p. 298. [80] E. Olivero, L'architettura in Torino durante la prima met dell'Ottocento, in "Torino", 1935, n. 6. [81] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, cit. pp. 272-279. [82] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit., voce "Quarenghi, Giacomo" [83] Treccani. Quarnghi, Giacomo (http:/ / www. treccani. it/ enciclopedia/ giacomo-quarenghi/ ).URL consultato in data 05-03-2012. [84] Mario Praz, Gusto neoclassico, Milano, 1974-2003, p. 208. [85] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, cit. p. 273. [86] Ibidem, p. 275. [87] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit., voce Unione Sovietica. [88] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit., voce Scandinavia. [89] S. Eriksen, Early Neoclassicism in France, 1974, p. 57. [90] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit., voce Hansen, Christian Frederik. [91] Ibidem, voce Spagna. [92] Ibidem, voce Austria. [93] Ibidem, voce Polonia. [94] Ibidem, voce Cecoslovacchia. [95] Ibidem, voce Ungheria. [96] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, cit., pp. 302-304. [97] Ibidem, p. 305. [98] Ibidem, p. 306. [99] Ibidem, p. 308. [100] Ibidem, pp. 308-309. [101] Ibidem, p 310.

36

Architettura neoclassica
[102] R. De Fusco, Mille anni di architettura in Europa, cit., p. 484. Si vedano anche i giudizi espressi, contro la dittatura della linea retta e l'involuzione dell'architettura, da Bruno Zevi, Il Linguaggio Moderno dell'Architettura, Torino, 1973. [103] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit., voce Brasile.</ [104] B. Zevi, Il Linguaggio Moderno dell'Architettura, cit., p. 34. [105] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, cit., voce Post-Modernism.

37

Bibliografia
Giulio Carlo Argan, L'arte italiana 1770-1970, Firenze, Sansoni, 1970. Carlo Cresti (a cura di), Agostino Fantastici architetto senese 1782 - 1845. In occasione della mostra tenutasi a Siena nei magazzini del sale di Palazzo Pubblico 25 settembre 15 novembre 1992, Torino, Allemandi, 1992. Renato De Fusco, L'architettura dell'Ottocento, Torino, Garzanti, 1980. ISBN 9786001500565 Renato De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, Bari, Laterza, 1999. ISBN 9788842042952 M. Giuffr, P. Barbera, G. Cianciolo Cosentino (a cura di), The time of Schinkel and the age of Neoclassicism between Palermo and Berlin, 2006. ISBN 8887669481 H. R. Hitchcock, L'architettura dell'Ottocento e del Novecento, Torino, Einaudi, 1971. H. Honour, Federici (traduttore), Neoclassicismo, Torino, Einaudi, 1980. E. Kaufmann, Architecture in the Age of Reason. Baroque e Post Baroque in England, Italy, France, Cambridge, 1955; L'architettura dell'illuminismo, trad. it., Torino, 1966. Emilio Lavagnino, L'arte moderna dai neoclassicisti ai contemporanei, Torino, UTET, 1956. P. Lavedan, L'Histoire de l'urbanisme: Renaissance et temps modernes, Parigi, 1941. Corrado Maltese, Storia dell'arte italiana 1785-1943, Torino, Einaudi, 1960. C. Meeks, Italian Architecture 1750 - 1914, New Haven - London, 1966. Robin Middleton, David Watkin, Architettura dell'Ottocento, Martellago (Venezia), Electa, 2001. ISBN 88-435-2465-8 Werner Muller, Gunter Vogel, Atlante d'architettura. Storia dell'architettura dalle origini all'et contemporanea. Tavole e testi, Rozzano (Milano), Hoepli, 1997. ISBN 88-203-1977-2 Luciano Patetta, L'architettura dell'Eclettismo. Fonti, teorie, modelli 1750 - 1900, Milano, Magotta 1975. Nikolaus Pevsner, Storia dell'architettura europea, Bari, Laterza, 1998. ISBN 88-420-3930-6 Nikolaus Pevsner, John Fleming, Hugh Honour, Dizionario di architettura, Torino, Einaudi, 2005. ISBN 9788806180553 Mario Praz, Gusto neoclassico, Milano, 1974-2003. ISBN 88-17-10058-7 The Age of Neoclassicism, catalogo della mostra, Londra, 1972. J. Summerson, Architettura del Settecento, Milano, Rusconi, 1990. N. Tarchiani, L'architettura italiana dell'Ottocento, Firenze, 1937. V. Vercelloni, Dizionario enciclopedico di architettura e urbanistica, Roma, 1969. D. Watkin, Storia dell'architettura occidentale, Bologna, 1990.

Voci correlate
Neoclassicismo Palladianesimo Stile Impero Architettura neogreca Architettura greca Architettura romana Architettura del Settecento

Architettura dell'Ottocento American Renaissance

Architettura neoclassica

38

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/ Category:Neoclassical architecture

Collegamenti esterni
Altervista, informazioni generali (http://maspo.altervista.org/index.htm) Romecity (http://www.romecity.it/Neoclassicismo.htm) Bramarte (http://www.bramarte.it/Neo classicismo/index.htm) Visibilmente (http://www.visibilmente.com/02arti/storia_dell_arte/3/neoclassicismo.html) Il Classicismo Tardobarocco (http://icar.poliba.it/storiacontemporanea/seminari/sorbo/SORBO01.HTM) a cura di E. Sorbo (Politecnico di Bari)

Architettura neogreca
L'architettura neogreca una corrente che si svilupp all'interno del neoclassicismo, riprendendo l'apparato formale dell'architettura greca. Tale stile fece parte di un pi generale fenomeno culturale di riscoperta della cultura ellenica del periodo classico e che coinvolse anche la scultura e le arti decorative.

La riscoperta dell'architettura greca


La conoscenza dell'architettura greca si diffuse in Europa in modo decisivo solo intorno al 1750, grazie all'intensificarsi di scavi archeologici, alla riscoperta dei monumenti della Magna Grecia ed alla pubblicazione di alcuni libri come il primo volume Porta di Brandeburgo, a Berlino delle Antiquities of Athens (1762).[1] Cos nella seconda met del XVIII secolo l'architettura greca, fino ad allora considerata primitiva rispetto a quella romana, trov la definitiva consacrazione, grazie anche ai progetti di Claude-Nicolas Ledoux ed altri che utilizzarono elementi stilistici ripresi dall'architettura greca.[2] Il revival greco si afferm a partire dal 1780 soprattutto in Francia, Gran Bretagna e Germania, anche se il periodo in cui la tendenza sembr prevalere su altri stili furono i primi decenni del XIX secolo, quando tra l'altro, si impose negli Stati Uniti.

Caratteri
Il riferimento dell'architettura neogreca fu ad una sola parte dell'arte classica, escludendo non solo i modelli della tradizione classica rinascimentale e post-rinasciimentale, ma anche quelli desunti dall'arte romana come archi, sovrapposizione degli ordini, volte, cupole, pilastri, esedre, edicole. In genere le opere della tendenza neogreca presentano la facciata risolta complessivamente con il fronte di un tempio con un ordine gigante, o quantomeno con un pronao con frontone pi o meno aggettante dal fronte murario a bugne lisce, privo di altri elementi decorativi. Per risolvere la progettazione di edifici di carattere seriale si ricorse anche alla tipologia della sto. Nello stile neogreco predominavano quindi i sistemi trilitici e le linee orizzontali, sottolineate da fitti colonnati architravati.

Architettura neogreca A volte l'adesione ai modelli dell'architettura dell'antica Grecia fu archeologizzante e puntigliosa, sia per l'uso degli ordini che per le planimetrie, riportate allo schema del tempio. Altre volte tale adesione fu pi libera e combinatoria, tanto da far diventare la tendenza neogreca uno dei tanti revivals dell'eclettismo ottocentesco. Nonostante la diffusa aspirazione alla semplicit e purezza dell'architettura greca, relativamente poche sono le opere che seguono coerentemente i suoi principi compositivi, rifiutando invece le possibilit combinatorie e spaziali offerte dalll'architettura romana o anche dal palladianesimo.

39

Le elaborazioni teoriche
L'affermarsi dell'architettura neogreca fu preceduto ed accompagnato da elaborazioni teoriche e da dibattiti culturali. Particolarmente cruciale per tutto il neoclassicismo fu il differenziarsi tra coloro che difendevano il primato dell'architettura romana come Giovanni Battista Piranesi e coloro che aspiravano ad un purismo d'ispirazione greca come Johann Joachim Winckelmann. Da tale posizione matur l'architettura neogreca come una delle due anime del neoclassicismo ed anche la coscienza della discontinuit che il neoclassicismo stava creando nella tradizione classicista. La riscoperta dellarte greca da mettere in relazione a fenomeni pi generali della cultura settecentesca. Le opere greche apparivano severe ed essenziali, auliche e rappresentative in forza delle loro proporzioni, lontane dal decorativismo barocco, adatte a rappresentare il rinnovamento culturale dell'Illuminismo e la volont, presente soprattutto nella cultura francese di rinnovare la disciplina architettonica su basi scientifiche, razionali e funzionaliste.[3]

Opere paradigmatiche in Europa


La prima opera ad introdurre il Neogreco nel mondo occidentale da individuare in un tempio in stile dorico realizzato nel parco di Hagley Hall nel 1758.[4] Il tempietto fu progettato da James Stuart, il quale nel 1764 ricevette l'incarico per la sistemazione di un giardino nello Staffordshire, dove innalz numerosi edifici ispirati all'architettura ateniese. Tra il 1789 ed il 1793, in Germania venne realizzato il primo edificio ispirato ai Propilei di Atene: la Porta di Brandeburgo, a Berlino, realizzata da Carl Gotthard Langhans. L'opera di Langhans, che tuttavia presenta colonne con basamenti tipici dell'architettura romana, ebbe notevoli ripercussioni nel resto d'Europa: nel 1806 William Wilkins present un progetto per l'ingresso al Downing College di Cambridge, al quale fece seguito, nel 1810, la costruzione dei propilei di Chester Castle. Pi tardi il tema fu ripreso nei Propylen di Monaco di Baviera, i cui primi disegni furono presentati da Leo von Klenze negli anni dieci del XIX secolo.
Royal High School, ad Edimburgo, di Thomas Hamilton

Lo stile neogreco trov in von Klenze e Karl Friedrich Schinkel due dei principali esponenti e la loro influenza fu tanta che si diffuse anche nelle altre regioni dell'Europa settentrionale, come la Danimarca, la Polonia e la Finlandia. Del primo, oltre ai Propylen, doveroso ricordare il maestoso progetto del Walhalla, un tempio classico ispirato al Partenone, posto alla sommit di un vasto basamento e dedicato agli eroi della Germania; a Schinkel si devono invece opere quali la Neue Wache, l'Altes Museum e la Schauspielhaus di Berlino, che caratterizzarono fortemente il volto della capitale tedesca. A Londra una delle opere pi significative derivate dall'architettura greca il grande colonnato ionico del British Museum; parallelamente, l'interesse per l'archeologia port alla realizzazione di composizioni molto particolari come

Architettura neogreca la chiesa di San Pacrazio (St Pancras New Church, 1818-1822), dove si segnala la presenza di un colonnato con cariatidi basato su quello dell'Eretteo dell'Acropoli di Atene. Sempre nel Regno Unito, Edimburgo divenne epicentro dell'affermazione neogreca nelle regioni settentrionali dell'isola; la Royal Scottish Academy, iniziata intorno agli anni venti dell'Ottocento e la coeva Royal High School rappresentano alcuni dei contributi pi importanti. A Glasgow invece, intorno alla met del medesimo secolo, Alexander Thomson riport in auge il neogreco con la costruzione di alcuni singolari edifici come la Caledonia Free Church (1856, ora semidistrutta), pur senza esercitare particolare influenza nei suoi contemporanei. Tendenze analoghe al resto d'Europa si manifestarono anche in Italia, dove, nei primi decenni dell'Ottocento, oper l'eclettico Giuseppe Jappelli; egli, dopo aver inserito elementi classici nel Caff Pedrocchi, volse a temi pi marcatamente attinenti all'architettura neogreca con la costruzione del mattatoio pubblico di Padova. Un'altra architettura notevole il Tempio Canoviano, di Possagno, al cui disegno collabor Giannantonio Selva: il tempio, innalzato a partire dal 1819, propone una fusione tra il modello del Partenone e la rotonda del Pantheon di Roma.

40

Walhalla, presso Ratisbona

Neue Wache

Caledonia Road Free Church, a Glasgow

Accademia di Atene, di Theophil Hansen

Il Greek revival negli Stati Uniti


In Nordamerica le premesse al successo del greek revival vanno ricercate nelle opere di Thomas Jefferson[5], interessato alla cultura ed all'architettura greca, soprattutto sulle orme della tradizione palladiana della madrepatria. Il revival greco, si afferm e trov importanti applicazioni a partire dal secondo decennio del XIX secolo con Benjamin Latrobe, Thomas Ustick Walter (Girard College a Philadelfia), William Nichols, William Strickland, Robert Mills. La duratura affermazione del greek revival negli Stati Uniti fu dovuto anche alla volont di associare gli ideali democratici della giovane nazione con la storia greca, culla della democrazia. Lo stile neogreco fu utilizzato per un gran numero di edifici pubblici che si andavano edificando in un periodo di grande crescita urbana. Coerentemente con i principi di Winckelmann furono imitati e spesso letteralmente citati gli edifici pi rappresentativi della Grecia. Strickland, per esempio nel prospetto della Second Bank of the United States si richiamava esplicitamente al disegno del Partenone. Lo stesso Strickland, intorno agli anni trenta dell'Ottocento realizz la Borsa di Filadelfia, caratterizzata da un'abside ispirata al Monumento Coragico di Lisicrate.

Second Bank of the United States, Philadelphia, 1824

Girard College, Philadelphia, 1833-1848

Sinagoga a Charleston

Borsa di Filadelfia

Architettura neogreca

41

Neodorico
L'architettura neogreca (ed in genere tutta l'architettura neoclassica) caratterizzata da un certo distacco dall'architettura romana antica e dai sistemi costruttivi archivoltati e dall'imitazione di modelli provenienti dall'architettura greca. In questa logica trov un particolare interesse l'ordine dorico arcaico, ritenuto l'origine di tutta l'architettura greca. Tale riscoperta matura lentamente dalla fine del XVII, fino a manifestarsi nella seconda met del XVIII secolo ed ebbe il suo elemento centrale nell'interesse degli architetti, studiosi ed artisti europei per i templi greci nell'Italia meridionale, quasi tutti dorici, che furono "riscoperti" dopo essere stati completamente assenti, per tanti secoli, dal panorama culturale. Tale interesse invest inizialmente Paestum[6] i cui monumenti furono studiati per la prima volta da Jacques Germain Soufflot e la cui fama si diffuse in tutta Europa grazie alle incisioni di Giovanni Battista Piranesi. Successivamente cominciarono a diffondersi, grazie anche agli scritti di Johann Joachim Winckelmann[7], anche la fama e le immagini dei templi siciliani. Cos, dalla Francia, dalla Germania e dall'Inghilterra, un gran numero di architetti e viaggiatori giunse Teatro di Spilsby, 1824 a visitare Paestum, Selinunte e Agrigento che divennero tappe importanti del Grand Tour. Pertanto, arrivarono in Sicilia, limitandosi agli architetti, Lon Dufourny, Jakob Ignaz Hittorff, Leo von Klenze, Karl Friedrich Schinkel[8], Friedrich Wilhelm Ludwig Stier. Invece la conoscenza diretta delle architetture dell'Ellade procedette pi lentamente, nonostante il grande interesse manifestato dalla cultura europea per il Partenone. Questo in quanto la Grecia era, nel XVIII secolo, ancora un possesso ottomano e quindi difficilmente raggiungibile. La possente immagine del dorico arcaico, senza base, con il fusto delle colonne scalanato, rastremato e gonfiato dall'entasis ed il primitivo capitello, cominci ad affermarsi, con grande variet e libert di interpretazione,[9] nei progetti e nelle realizzazioni di diversi architetti tra XVIII e XIX secolo e nelle teorizzazioni degli intellettuali, superando la generale avversione dei secoli precedenti. In particolare Marc-Antoine Laugier riconobbe nel dorico arcaico le tracce dell'origine lignea dell'ordine e quindi principio di tutta l'architettura.[10] Piranesi, sbagliando, ne ricondusse l'origine all'ordine tuscanico degli etruschi, attribuendogli comunque una grande importanza. Claude-Nicolas Ledoux[11] e John Soane, videro nella semplificazione e nella severit del dorico lo strumento per attuare un'architettura di volumi, slegata dalle regole accademiche, facendolo diventare, forse inconsapevolmente, una tappa verso un'architettura senza ordini. Tale accezione del dorico, come massima semplificazione del sistema degli ordini, ebbe applicazioni anche dopo il periodo neoclassico: per esempio nell'opera di Adolf Loos, nell'architettura del nazional-socialismo ed in alcune opere del post modernismo di fine XX secolo.

Architettura neogreca

42

Orto botanico di Palermo, uno dei primi esempi di neodorico in Italia

Cinergy Building a Cincinnati

Il dibattito sulla policromia


Lo studio accurato dei resti monumentali lasciati degli antichi greci, provoc la scoperta che le membrature non erano originariamente di pietra lasciata a vista, ma ricoperte da stucchi vivacemente colorati di ocra, rosso, blu, verde e oro. Tale scoperta fu la causa di un vivace dibattito all'interno soprattutto della cultura architettonica francese. Tra i primi in tale scoperta furono, all'inizio del XIX secolo, Charles Robert Cockerell e Otto Magnus von Stackelberg che indagarono i frontoni di Egina. Uno dei protagonisti di tale scoperta fu comunque Jakob Ignaz Hittorff che sulle orme di Lon Dufourny, scopr a Selinunte tracce di stucco colorato su elementi architettonici e scultorei e fu tra i primi a dare evidenza alla policromia dell'architettura greca, tentando di ricostruirne il reale aspetto in alcuni acquarelli, che fecero un certo scalpore, segnando la crisi delle candide visioni di Johann Joachim Winckelmann o di Antonio Canova.[12] Hittorff dedic alla policromia anche i suoi studi teorici (Architecture polychrome chez les Grecs, 1830) e tent anche di applicarla nell'interno della chiesa di San Vincenzo de' Paoli a Parigi. Relativamente all'applicazione della policromia nell'architettura neogreca le sperimentazioni furono invece poche e limitate generalmente agli interni. Da citare alcune sale interne della Gipsoteca di Monaco di von Klenze. In effetti il polocromismo metteva in dubbio i principi stessi dello stile, basato su una concezione purista di forme semplici e perfette, risalente a Winckelmann, che non tollerava l'idea di un cromatismo cos invadente ed acceso.

Note
[1] L'opera completa in quattro volumi, di James Stuart e Nicholas Revett, fu lo strumento essenziale attraverso il quale gli architetti europei conobbero l'architettura greca, attraverso disegni precisi e scrupolosi. [2] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino 1981, voce "Neogreco". [3] G. Simoncini, Il ritorno allarchitettura greca, in "La fortuna di Paestum e la memoria moderna del dorico (1750-1830)", Centro DI, Firenze 1986. [4] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, op. cit., voce "Neogreco". [5] R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, Martellago 2001, p. 305. [6] Giorgio Simoncini, Ritorni al passato nell'architettura francese: fra Seicento e primo Ottocento, 2001, pag. 166-170, ISBN 8816405600. [7] J.J. Winckelmann, Osservazioni sull'architettura degli antichi templi di Girgenti in Sicilia, 1759. (http:/ / books. google. it/ books?id=_zFGAAAAYAAJ& pg=PA263& lpg=PA263& dq=Winckelmann+ osservazioni+ girgenti& source=bl& ots=LOph_jOURl& sig=YMpjJQfOfdgeLGQETCvhG6lmZCQ& hl=it#v=onepage& q=Winckelmann osservazioni girgenti& f=false) [8] Schinkel fu in Sicilia nel 1804: vd. Maria Giuffr, Schinkel e la Sicilia, in "The time of Schinkel and the age of Neoclassicism between Palermo and Berlin", 2006, ISBN 8887669481. [9] Giorgio Simoncini, op. cit, 2001, pag. 176-177. [10] Giorgio Simoncini, op. cit, 2001, pag. 186-187. [11] Giorgio Simoncini, op. cit, 2001, pag.183

Architettura neogreca
[12] M. Cometa, L'architettura italiana tra policromia e storicismo, in "Italia e Italie. Fra Rivoluzione e Restaurazione, Atti del Convegno di Studi", 1999.

43

Bibliografia
R. De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, Bari 1999. R. Middleton, D. Watkin, Architettura. Ottocento, Martellago (Venezia) 2001. N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino 1981.

Voci correlate
Architettura neoclassica Architettura greca

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Greek Revival architecture

Palladianesimo
Il palladianesimo o architettura palladiana uno stile architettonico ispirato alle opere e ai disegni dell'architetto veneto Andrea Palladio (15081580). Sebbene il termine palladiano si riferisca sia all'opera del maestro veneto che agli stili da questo derivati, il palladianesimo (o pi propriamente neopalladianesimo) un'evoluzione delle idee originali di Palladio. Lo sviluppo del palladianesimo come stile autonomo inizi nel XVI secolo e continu fino alla fine del XVIII secolo, durante il quale influ notevolmente sull'architettura neoclassica. In breve tempo, il palladianesimo si estese dal Veneto a tutta l'Europa e ad altre parti del mondo.

Progetto di villa con portico sovrapposto, dal libro IV de I quattro libri dell'architettura di Andrea Palladio, in un'edizione economica pubblicata a Londra nel 1736

Nel Regno Unito il neopalladianesimo inizi ad essere molto popolare a met del XVII secolo, dove arriv con le opere di Inigo Jones. In Gran Bretagna rimpiazz il barocco come formula di rinnovamento del lessico architettonico utilizzato nell'antichit. All'inizio del secolo successivo questo stile divent di moda, non solo in ambito britannico, ma anche nella maggioranza dei paesi nordeuropei. Pi tardi, quando inizi il suo declino in Europa, lo stile riscosse un grande successo nell'America settentrionale, con esempi di altissimo livello negli edifici disegnati da Thomas Jefferson.

Palladianesimo

44

Architettura di Andrea Palladio


Per comprendere lo sviluppo del Palladianesimo necessario analizzare l'opera di Palladio e i suoi fondamenti costruttivi.

Caratteristiche principali
La quasi totalit dell'opera di Andrea Palladio si trova nel Veneto: fra queste, vanno segnalate alcune ville di Vicenza (tra le quali Villa Almerico Capra detta la Rotonda, uno dei suoi capolavori), Villa Badoer e la Chiesa del Redentore di Venezia. Tanto nei suoi trattati quanto negli edifici che progett, Palladio segu i principi dell'opera dell'architetto romano Vitruvio, sviluppati da Leon Battista Alberti nel XV secolo: fondamentale il rispetto delle proporzioni matematiche e della ricchezza degli ornamenti che caratterizzano l'architettura romana e che successivamente, nel XVI secolo, furono ripresi dall'architettura rinascimentale[1].

Lo stile palladiano originale a Villa Godi: progetto di Palladio, pubblicato nei Quattro libri dell'architettura (1570). Le ali dell'edificio sono strutture agricole che non fanno parte della villa. La variazione di questi elementi, nel XVIII secolo, divent una delle caratteristiche fondamentali del neopalladianesimo.

Palladio combin liberamente molti degli elementi del linguaggio classico, rispettando le esigenze derivanti dalla posizione dell'edificio e dalle sue necessit funzionali. Da questo punto di vista, in particolare, lo si pu considerare un architetto manierista, anche se allo stesso tempo Palladio rispett la ricerca rinascimentale delle proporzioni armoniche, conservando nelle facciate che disegn un'eccezionale eleganza basata sulla semplicit anche austera e sulla serenit compositiva. Palladio progettava sempre le sue ville in funzione dell'ubicazione. Se l'edificio doveva sorgere su una collina, come ad esempio nel caso di villa Almerico Capra, le facciate venivano disegnate in modo da permettere a chi vi risiede di godere di un buon panorama da qualunque angolo della casa. Allo stesso tempo, per, in questi casi nelle sue opere veniva spesso moltiplicato l'uso del pronao, utilizzato a villa Almerico Capra su tutte le quattro facciate, per permettere agli occupanti di guardare il paesaggio restando al riparo dal sole, come succede ancora con alcuni portici utilizzati nell'architettura contemporanea nordamericana. In alcuni altri casi, Palladio usava la loggia aperta in sostituzione dei portici. La loggia palladiana pu essere descritta come un portico incassato, una stanza autonoma le cui pareti sono aperte verso gli altri elementi e si concludono sul frontone. In alcuni casi un'altra tribuna veniva posta su un secondo piano, sopra la loggia d'ingresso, creando cos l'elemento noto come doppia loggia. In certi casi le logge o le tribune trovavano posto sulla facciata per mezzo di un basamento. Nell'edificio centrale di Villa Godi la loggia usata come punto focale al posto del portico, che talvolta in altre situazioni si chiude con due arcate simmetriche ai lati[2].

Palladianesimo

45

Palladio era solito usare come modello per le sue ville il prospetto dei templi romani. Ma l'influenza di questo tipo di edificio classico non si limita unicamente a questo: la pianta cruciforme, utilizzata ad esempio a Villa Almerico Capra, era ricavata dall'architettura romana e successivamente stata considerata un marchio di fabbrica del maestro veneto. Le ville palladiane, in genere, erano costruite su tre livelli: un basamento rustico che conteneva le stanze della servit e gli appartamenti secondari al livello inferiore; un piano nobile al quale si arrivava passando attraverso il La pianta cruciforme di Villa Capra, con un portico su ciascuna facciata. portico, con scale esterne che davano accesso all'atrio e agli appartamenti principali; un mezzanino con camere secondarie e il resto delle camere da letto. Le dimensioni interne delle ville erano studiate su semplici proporzioni matematiche come 3:4 o 4:5, alle quali si adeguavano i rapporti di tutte le stanze. In precedenza altri architetti avevano utilizzato queste formule matematiche per dotare gli edifici di equilibrio interno e per raggiungere la simmetria nelle facciate, ma Palladio, nei suoi progetti, utilizz per primo questa formula per la struttura dell'intero edificio, per evitare che gli elementi stridessero e che le ville, generalmente quadrate, mancassero di armonia[3]. Le proporzioni non erano insomma solo un mezzo per risolvere un problema architettonico, ma anche la base per un sistema organizzato di disposizione delle strutture delle abitazioni private. Queste strutture simmetriche e modellate sulla forma di un tempio presentavano inoltre due ali laterali ugualmente simmetriche, ma pi basse, che partivano dall'edificio centrale: le barchesse, che venivano utilizzate per alloggiare cavalli o altri animali e per conservare i prodotti in magazzini o granai. Palladio infatti credeva fermamente nella doppia finalit delle ville, che al tempo stesso dovevano assolvere alla funzione di struttura agricola e a quella di abitazione dell'alta borghesia e dell'aristocrazia, dunque anche con funzioni di rappresentanza. Le barchesse tuttavia, spesso staccate e collegate alle ville da colonnati, non erano concepite solo come complementi funzionali: nei progetti di Palladio queste strutture erano studiate anche per fungere da elemento decorativo, di accentuazione della villa, anche se in nessun caso venivano considerate parte integrante dell'edificio principale. Questa tendenza fu sviluppata in seguito dai seguaci di Palladio, che fecero diventare le barchesse uno degli elementi del corpo centrale[4].

Trattati di Palladio
Non c' dubbio che lo studio degli edifici di Palladio sia stato fondamentale per la successiva evoluzione del palladianesimo. I suoi scritti hanno evidentemente influito sulla rapidit della diffusione delle sue L'Ospedale di Greenwich, esempio del palladianesimo inglese teorie nel resto d'Europa e in Nordamerica. Gli architetti palladiani che non avevano visitato l'Italia avevano in tal modo a disposizione uno strumento di lavoro originale sul quale modellare le proprie concezioni. Le due opere fondamentali di Andrea Palladio sono: Le antichit di Roma (Venezia 1554): studio sulla struttura urbana dell'Antica Roma.

Palladianesimo I quattro libri dell'architettura (Venezia 1570): trattato che ottenne un notevole successo e fu diffuso in numerose ristampe e traduzioni nei due secoli successivi. L'opera cos suddivisa: I libro: tratta la scelta dei materiali, il modo di costruire, le forme degli ordini architettonici in tutte le loro parti II libro: riporta i disegni delle costruzioni realizzate da Palladio. Tali raffigurazioni talvolta si discostano dall'edificio costruito, perch risentono di un processo di idealizzazione e adeguamento al linguaggio maturo del maestro III libro: descrive la maniera di costruire strade, ponti, piazze e basiliche IV libro: contiene i rilievi di un gran numero di edifici antichi. Una rilevante influenza nella diffusione dello stile palladiano tra gli architetti nordeuropei[5] la ebbe anche il trattato L'idea dell'architettura universale (1615) di Vincenzo Scamozzi, allievo di Palladio e figura pi importante dell'architettura nell'area veneziana dopo la morte del maestro.

46

Le finestre palladiane
Le finestre palladiane, serliane o veneziane furono utilizzate ampiamente nelle opere giovanili di Palladio. Consistono in una grande finestra centrale sovrastata da un arco semicircolare retta da piccoli capitelli che fanno da base a una trabeazione e si trovano sopra i pilastri, che racchiudono a loro volta altre due finestre pi piccole. Nella Biblioteca Marciana di Venezia, una variante di Jacopo Sansovino rimpiazza i pilastri con due colonne. In realt, per, definire palladiane o veneziane queste finestre non corretto: la prima traccia di questo elemento nell'architettura risale a Donato Bramante e successivamente Sebastiano Serlio (14751554) le cit nel suo trattato in sette tomi Tutte l'opere d'architettura et prospetiva, nel quale studia gli ideali stilistici di Vitruvio e dell'architettura romana e ne valuta l'applicabilit all'architettura rinascimentale. L'uso che ne consiglia Serlio una galleria di grandi finestre affiancate da aperture minori rettangolari, un motivo apparso per la prima volta negli archi trionfali dell'Antica Roma.

La finestra palladiana, o serliana, nell'opera di Andrea Palladio. Dettaglio di un disegno del Palazzo della Ragione di Vicenza, da I quattro libri dell'architettura, in un'edizione economica pubblicata a Londra nel 1736

Palladio us questo elemento in numerosi edifici, fra i quali va segnalato il caso della Basilica Palladiana (nome con cui oggi noto il Palazzo della Ragione di Vicenza). Le finestre palladiane caratterizzano anche gli ingressi di Villa Godi e Villa Forni Cerato, e si deve probabilmente all'uso estensivo di questo elemento nel Veneto l'uso del termine finestra veneziana, o pi semplicemente veneziana. Ad ogni modo, questo motivo probabilmente diventato la caratteristica dell'architettura palladiana pi frequentemente ripresa dagli stili architettonici successivi derivati dal palladianesimo.[6]

Palladianesimo

47

Una finestra palladiana della fine del XVIII secolo, secondo una rilettura neoclassica di Robert Adam.

Diffusione del palladianesimo


L'influenza di Palladio nell'architettura occidentale stata enorme. In particolare, il palladianesimo stato determinante nella tradizione anglosassone, con la conseguenza che tanto nell'architettura coloniale nordamericana che in quella inglese, in territori ai quattro angoli del mondo come India, Cina e Australia, si possono trovare progetti derivati da quelli dell'architetto veneto. Dopo la pubblicazione nel 1570 de I quattro libri dell'architettura, durante il XVI secolo molti architetti di tutta Europa visitarono l'Italia per analizzare in situ l'opera di Palladio. Quest'influenza si tradusse in opere quando questi architetti tornarono nei propri Paesi di origine, adattando lo stile palladiano alle differenti condizioni climatiche e topografiche e alle richieste dei committenti. Cos l'ideale palladiano si diffuse in ogni parte d'Europa, raggiungendo l'apice della popolarit nel XVIII secolo, prima in Inghilterra e in Irlanda e successivamente negli Stati Uniti[7]. Allo stesso tempo, serv da base per il neoclassicismo della fine del XVIII secolo e dell'inizio del XIX.

Il Palladianesimo inglese: la Queen's House, a Greenwich, la prima villa neopalladiana in Inghilterra. La costruzione dell'edificio, basato su un progetto di Inigo Jones, inizi nel 1616.

Origini

Uno di questi studiosi era l'architetto inglese Inigo Jones, che fu direttamente responsabile dell'importazione dell'influenza palladiana in Gran Bretagna[8]. Il palladianesimo di Jones e dei suoi contemporanei, come quello dei suoi allievi, uno stile che ricerca principalmente l'estetica della facciata: di conseguenza le formule matematiche di distribuzione interna degli edifici non furono mai applicate rigidamente. Numerose ville di campagna in questo stile furono realizzate in Inghilterra fra il 1640 e 1680, come, per citare un esempio, la Wilton House: si tratta di edifici che seguono il modello dei progetti palladiani realizzati da Jones per la Queen's House di Greenwich, la Banqueting House di Whitehall e il palazzo reale, mai completato, voluto a Londra da Re Carlo I[9].

Palladianesimo Ad ogni modo, i progetti palladiani basati sulle opere di Inigo Jones venivano accostati troppo al regno di Carlo I per sopravvivere alla guerra civile. Con la restaurazione degli Stuart il palladianesimo di Jones fu rimpiazzato dai progetti barocchi di architetti come William Talman, John Vanbrugh e Nicholas Hawksmoor, ma anche da quelli del suo allievo John Webb[10].

48

Neopalladianesimo
Lo stile barocco, popolare nell'Europa continentale, non ottenne mai grande successo presso il pubblico britannico. Quando, nei primi trent'anni del XVIII secolo, furono pubblicati quattro libri sulla semplicit e sulla purezza dell'architettura classica, il barocco fu quasi definitivamente abbandonato. I quattro libri sono: 1. Vitruvius Britannicus, pubblicato da Colen Campbell, 1715 (ma alcuni volumi successivi fecero la loro comparsa pi tardi, nel corso del XVIII secolo) 2. The Architecture of Palladio in Four Books, una versione de I quattro libri dell'architettura curata da Giacomo Leoni, 1715 3. De re aedificatoria, una versione del libro di Leon Battista Alberti curata da Giacomo Leoni, 1726 4. The Designs of Inigo Jones... with Some Additional Designs, pubblicato in due volumi da William Kent, 1727 Il pi popolare di questi libri fra l'alta borghesia e l'aristocrazia inglese fu Vitruvius Britannicus di Colen Campbell, a sua volta architetto. Il libro conteneva essenzialmente studi sugli edifici inglesi ispirati ai grandi architetti, da Vitruvio a Palladio: il primo tomo riportava principalmente opere di Inigo Jones, ma nei volumi successivi furono introdotti disegni e progetti dello stesso Campbell e di altri architetti del XVIII secolo. Gli autori di questi quattro libri, che diedero una spinta decisiva alla rinascita del palladianesimo in Inghilterra, divennero ben presto di moda, ottenendo un discreto seguito fra gli architetti dell'epoca. Per la notoriet procuratagli dal suo libro, Colen Campbell fu scelto come architetto dal banchiere Henry Hoare I, che gli commission la Stourhead House, un capolavoro che ispir decine di edifici simili in tutta l'Inghilterra. A capo della nuova scuola architettonica vi era l'aristocratico Richard Boyle, III conte di Burlington - noto nei paesi anglofoni come l'architect earl, l'"architetto conte" - che vedeva nel barocco un simbolo dell'assolutismo dei paesi stranieri. Nel 1729 Burlington progett con William Kent la Chiswick House, una rivisitazione di Villa Almerico Capra dalla quale per erano stati esclusi gli elementi e gli ornamenti del XVI secolo. La scarsa presenza di ornamenti sarebbe diventata una delle caratteristiche del neopalladianesimo.
Il Neopalladianesimo: la facciata sud della Stourhead House, progettata da Colen Campbell e completata nel 1720. Il progetto si basava su quello di Villa Emo, una delle ville palladiane.

Nel 1734 Kent e Burlington disegnarono uno degli esempi pi raffinati di villa neopalladiana, Holkham Hall, a Norfolk. Il corpo principale della villa seguiva quasi interamente i dettami di Palladio, ma le ali basse e separate nell'opera del maestro veneto - acquistarono un ruolo pi importante. Kent le fece diventare una parte annessa all'edificio principale, ne escluse l'uso come ricovero di animali domestici e le elev a un'importanza quasi identica a quella del corpo principale. Il differente uso delle ali, che spesso erano adornate con portici e frontoni, fece s che il palladianesimo inglese fosse considerato uno stile a s stante, e non solo un'imitazione delle opere palladiane.

Il neopalladianesimo: la facciata est della Stourhead House. Entrambe le immagini sono tratte da Vitruvius Britannicus

Palladianesimo

49

Gli stili architettonici tuttavia si evolvono di continuo, cambiando per adeguarsi alle richieste dei committenti. Quando nel 1746 John Russell, duca di Bedford, decise di ricostruire Woburn Abbey, scelse lo stile palladiano, il pi popolare in quell'epoca. L'incarico fu affidato a Henry Flitcroft, un allievo di Burlington. I progetti di Flitcroft, di natura palladiana, probabilmente non sarebbero stati riconosciuti come tali dallo stesso Palladio: il corpo centrale piccolo e il portico a tre vani solo abbozzato e chiuso, Il Palladianesimo inglese: Woburn Abbey, progettata da Henry Flitcroft, allievo di a differenza delle logge palladiane. Le due Burlington, nel 1746. La struttura centrale non pi a s stante: le ali adesso sono grandi ali, che ospitano numerosi elevate ad una rilevanza quasi pari ad essa, e le strutture per il bestiame che concludevano l'edificio nei progetti di Palladio adesso fanno evidentemente parte appartamenti, rimpiazzano i muri o i della facciata. colonnati che in un progetto di Palladio avrebbero portato alle strutture per il lavoro agricolo; queste ultime, inoltre, sono alte quanto il corpo centrale e sono dotate di finestre palladiane, per evocare il tocco originale del maestro veneto. Questa evoluzione dello stile era destinata ad essere ripetuta in innumerevoli ville e municipi in Gran Bretagna per pi di un secolo a venire, prima del declino che si verific durante l'et vittoriana e del ritorno nelle mode architettoniche all'inizio del XX secolo, quando fu scelta da Edward Blore per la ristrutturazione di Buckingham Palace (1913). Nelle strutture in questo stile, spesso le ali erano a loro volta dotate di portici ciechi e pilastri, quasi in competizione per importanza col corpo centrale, o comunque in una forma di suo complemento. Un'evoluzione assolutamente lontana dai progetti di Palladio, a quel punto vecchi di due secoli. In questa fase dell'evoluzione del neopalladianesimo, le case palladiane all'inglese non erano pi i piccoli e raffinati rifugi per i fine settimana dell'opera originale di Palladio: non pi villette, ma centri di potere da dove i whig controllavano la Gran Bretagna. Man mano che lo stile andava evolvendosi, le proporzioni matematiche del tocco originale del maestro veneto venivano abbandonate, passando da una struttura quadrata, per lo pi cruciforme, con ali di supporto, ad una concezione in cui la lunghezza della facciata era l'elemento di maggior prestigio: il risultato era la nascita di ville che, per dare un'impressione di grandezza, e dunque di potere, avevano facciate sterminate, ma erano costituite da una sola stanza in profondit.

Palladianesimo

50

Palladianesimo irlandese
Durante il periodo neopalladiano, in Irlanda si utilizzava questo stile anche per abitazioni pi modeste. L'architettura palladiana irlandese, d'altro canto, ha alcune piccole differenze da quella inglese. Come negli altri Paesi, anche la versione irlandese del palladianesimo si discosta dagli ideali di Palladio per essere adattata ai tempi e ai committenti, ma qui lo stile si avvicina di pi a quello del maestro veneto. Un'aderenza maggiore all'opera originale, questa, dovuta forse alle caratteristiche degli architetti, che si ispiravano pi agli edifici presenti in Italia che all'evoluzione del palladianesimo in corso in Inghilterra, o forse al pi lento progredire dei gusti e delle mode in Irlanda, una realt meno cosmopolita di quella inglese. Ad ogni modo, anche qui lo stile palladiano sub un adattamento a causa delle condizioni meteorologiche, evidentemente pi umide e fredde di quelle

Il palladianesimo irlandese: la Russborough House, realizzata in Irlanda nel 1826. Progettata dall'architetto tedesco Richard Cassels intorno al 1750, si avvicina di pi allo stile originale di Palladio di quanto facciano i modelli di ville costruite nello stesso periodo in Inghilterra, come ad esempio Woburn Abbey

italiane. Uno dei primissimi architetti palladiani in Irlanda fu Edward Lovett Pearce (16991733), che divent rapidamente uno dei leader del nuovo movimento architettonico nel suo paese. Cugino e in una prima fase allievo di John Vanbrugh, si allontan dallo stile barocco nel periodo di tre anni trascorso in Francia e in Italia per studiare architettura. Tornato in Irlanda, realizz alcuni fra i primi esempi del palladianesimo irlandese, a partire dal Palazzo del Parlamento di Dublino. Pearce fu un architetto molto prolifico e fra gli altri progetti firm la facciata sud della Drumcondra House (1727) e Cashel Palace (1728). L'esempio forse pi alto del palladianesimo irlandese, per, giunse ancora una volta da un italiano, Alessandro Galilei (16911737), che per realizzare la Castletown House, nei pressi di Dublino, utilizz le proporzioni matematiche impiegate da Palladio, ispirando con il proprio progetto quello della Casa Bianca a Washington. Altri esempi da segnalare sono la Russborough House, progettata da Richard Cassels, un architetto di origini tedesche che firm anche i L'ingresso del Palazzo del Parlamento irlandese, progetti originali del Rotunda Hospital di Dublino e della Florence costruito a Dublino a partire dal 1729 Court, nella contea di Fermanagh. Le ville di campagna irlandesi in stile palladiano sono spesso decorate con stucchi rococ, in molti casi opera dei fratelli Lafranchini, che li rendono pi appariscenti dei castigati interni realizzati nello stesso periodo in Inghilterra. Nel XVIII secolo fu ristrutturata o costruita ex novo una larga porzione di Dublino, tanto che l'impronta georgiana impressa sulla citt, a dispetto delle pretese dei nazionalisti irlandesi, tuttora enorme; fino a tempi recenti Dublino era una delle poche citt del mondo nelle quali si potevano trovare eleganti villette georgiane tardosettecentesche in pessime condizioni. Altrove in Irlanda, in particolare dal 1922, il piombo fu rimosso dai tetti delle ville palladiane per essere rivenduto. Nella provincia irlandese si possono incontrare tuttora molte case palladiane senza tetto.

Palladianesimo

51

Palladianesimo nordamericano
L'influenza di Palladio nel Nordamerica evidente pi o meno dai primi tempi dell'architettura coloniale statunitense. La prima traccia perfettamente identificabile risale al 1749, quando Peter Harrison ricav il suo progetto per la biblioteca Redwood a Newport, nel Rhode Island, elaborando i disegni contenuti ne I quattro libri dell'architettura di Palladio; circa un decennio dopo, ancora Harrison si ispir a Palladio per il progetto del Brick Market, anche in questo caso a Newport. L'architetto dilettante Thomas Jefferson (17431826), che pi tardi sarebbe diventato il terzo presidente degli Stati Uniti d'America, disse che I quattro libri di Palladio erano la sua Bibbia. Jefferson apprezzava Il Palladianesimo negli Stati Uniti: la Rotunda molto gli ideali stilistici di Palladio, e i suoi progetti per la tenuta dell'universit della Virginia, progettata in stile Monticello e per l'universit della Virginia erano basati su disegni tratti palladiano da Thomas Jefferson. dai libri di Palladio. Comprendendo il significato di potere politico contenuto nell'imponenza dei palazzi dell'Antica Roma, Jefferson progett molti edifici pubblici utilizzando lo stile palladiano. Il progetto di Monticello (ristrutturato fra il 1796 e il 1808) basato abbastanza evidentemente su quello di Palladio per Villa Almerico Capra, ma pu essere definito un esempio di architettura georgiana coloniale. La Rotunda dell'universit della Virginia, che si ispira direttamente al Pantheon di Roma e ne prende il nome in alcuni casi, evidentemente palladiano sia dal punto di vista stilistico che concettuale[11] In Virginia e nella Carolina del Nord e del Sud, gli stabili annessi a molte piantagioni sono palladiani: tra gli esempi si possono citare la Stratford Hall Plantation, la Westover Plantation e la Drayton Hall, tutte e tre nei pressi di Charleston, nella Carolina del Sud. Si tratta di esempi di architettura coloniale statunitense classica: il tocco palladiano di questi progetti fu possibile grazie alla diffusione di incisioni dell'opera del maestro veneto e dei suoi seguaci, che permisero alle maestranze, agli architetti e ai committenti di avere un riferimento di prima mano, se volevano ispirarsi all'architettura europea. Caratteristica del palladianesimo in America fu il ritorno del portico d'ingresso, che negli Stati Uniti come era stato in Italia nel XVI secolo rispondeva all'esigenza di proteggere l'ingresso dal sole; il portico di varie forme e dimensioni divent un elemento caratterizzante dell'architettura coloniale statunitense. Se il portico, spesso chiuso, nell'Europa settentrionale era diventato un mero simbolo (a volte semplicemente suggerito per mezzo di pilastri, altre soprattutto negli esempi della fase terminale del palladianesimo inglese addirittura adattato ad ingresso secondario per le carrozze), negli Stati Uniti questo elemento architettonico riacquis il ruolo che gli era stato attribuito nei progetti palladiani originali. A Thomas Jefferson l'essere stato il secondo inquilino della Casa Bianca, realizzata da James Hoban in stile palladiano, deve aver fatto un piacere particolare. Hoban, che firm il progetto esecutivo dell'edificio poi costruito fra il 1792 e il 1800, si ispir dichiaratamente a Castletown e alla Leinster House di Richard Cassels. Hoban, nato a Callan, nella contea di Kilkenny, nel 1762, aveva studiato architettura a Dublino, dove la Leinster House, costruita nel 1747, veniva allora considerata uno degli esempi pi riusciti dell'architettura locale. Lo La Casa Bianca, progettata da James Hoban, che stile palladiano della Casa Bianca interessante per il suo essere quasi aveva studiato lo stile palladiano in Irlanda una forma precoce di neoclassicismo, in particolare nella facciata meridionale, che ricorda molto da vicino il progetto che James Wyatt firm nel 1790 per Castle Coole, anche in

Palladianesimo questo caso in Irlanda. Per ironia, la facciata sud ha un piano in meno della Leinster House, mentre la facciata sud ne ha uno in pi di Castle Coole. Ancora nella facciata sud vi una scala esterna, che rende l'edificio ancora pi palladiano. Castle Coole, secondo il critico architettonico Gervase Jackson-Stops, il culmine della tradizione palladiana, non ancora neoclassico in senso stretto per le sue decorazioni sobrie e la sua elegante austerit"[12]. Lo stesso si pu dire di molti degli edifici realizzati in stile palladiano negli Stati Uniti. Uno degli adattamenti del palladianesimo che fu condotto in Nord America lo spostamento del piano nobile: nei progetti statunitensi fu trasferito al pianterreno, mentre in Europa si trovava sopra un piano di servizio, destinato insomma a stanze minori. Il piano di servizio, nei casi in cui veniva realizzato, era adesso seminterrato: questo elimin l'esigenza di realizzare una scalinata esterna che conducesse all'ingresso principale, come succedeva nei progetti originali di Andrea Palladio. Questo spostamento era destinato a diventare una delle caratteristiche degli stili neoclassici che rimpiazzarono il palladianesimo. Gli unici due edifici realizzati negli Stati Uniti nel periodo coloniale (1607-1776) che richiamano con certezza i disegni de I quattro libri sono la Hammond-Harwood House, realizzata ad Annapolis nel 1774 su un progetto di William Buckland, e la prima versione del Monticello di Thomas Jefferson (1770). Nel primo caso, la fonte d'ispirazione Villa Pisani a Montagnana[13], mentre il progetto del secondo edificio si ispira a Villa Cornaro di Piombino Dese[13]. In un secondo tempo Thomas Jefferson copr la facciata con altri elementi, e dunque oggi il progetto di Buckland l'unico a riprodurre in tutto e per tutto l'architettura di Palladio.

52

Palladianesimo russo
Il neoclassicismo in Russia che nella sua prima fase aveva attinto dalle idee dell'architettura francese della met del XVIII secolo, negli anni '70 e '80 del XIX secolo l'attenzione fu incentrata su varie interpretazioni del palladianesimo specialmente dall'Inghilterra e dall'Italia[14]. Uno dei primi esempi di villa palladiana costruite in Russia fu la reggia di Paolo I a Pavlovsk, nella sua versione originaria[15], opera dello scozzese Charles Cameron. Il contributo principale fu tuttavia quello di Giacomo Quarenghi, Giacomo Quarenghi. architetto attivo in Russia, principalmente a San Pietroburgo, fra gli anni ottanta del XVIII secolo e gli anni dieci del XIX. Questi realizz numerosi palazzi, fra i quali il Teatro dell'Ermitage (1782-1785) il cui interno ispirato al Teatro Olimpico di Vicenza, e port in auge un originale stile monumentale, d'ispirazione palladiana, che fu di riferimento per molti architetti che operavano in Russia. Fra questi Ivan Starov che realizz il Palazzo di Tauride (1783 -1789), che in perfetta adesione alla tipologia della villa palladiana divenne riferimento per molte altre costruzioni patrizie. Nel 1798 Nikolaj Lvov aveva pubblicato in russo una versione ridotta de I quattro libri dell'architettura.
Istituto Smol'nyj in un disegno del 1806 di

Declino
A partire dagli anni settanta del XVIII secolo architetti come Robert Adam e William Chambers furono molto popolari, ma dal momento che traevano ispirazione da un grande numero di fonti classiche, comprese quelle dell'Antica Grecia, il loro stile fu definito neoclassico piuttosto che palladiano. In Europa il Palladianesimo sopravvisse fino alla fine del XVIII secolo, mentre in Nord America dur un po' di pi. Successivamente il termine palladiano fu usato spesso a sproposito: in alcuni casi, ancora oggi, viene utilizzato per definire un edificio con pretese classiche di qualsiasi natura.

Palladianesimo

53

Palladianesimo postmoderno
I motivi palladiani, e in particolare le finestre, tornarono di moda nell'architettura dell'epoca postmoderna. L'architetto Philip Johnson le usava di frequente come porte-finestre, ad esempio nei progetti per l'edificio che ospita la Scuola di Architettura dell'Universit di Houston (1985), per l'edificio di Boston noto con l'indirizzo 500 Boylston Street (1989) e il Museo della televisione e della radio, a New York (1991). Ieoh Ming Pei us questo stile per l'ingresso principale della Torre della Banca di Cina, a Hong Kong (1985).

Note
[1] Copplestone, p. 250 [2] Copplestone, p.2 51 [3] Copplestone, p. 251 [4] Copplestone, p. 251-252 [5] Mostra Scamozzi - Museo Palladio - Vicenza (http:/ / www. cisapalladio. org/ scamozzi/ scamozzi1. htm) [6] (EN) Andrea Palladio, Caroline Constant. The Palladio Guide. Princeton Architectural Press, 1993. Pagina 42. [7] Copplestone, p. 252 [8] Hanno-Walter Kruft. A History of Architectural Theory: From Vitruvius to the Present. Princeton Architectural Press, 1994. Pagina 230. [9] Copplestone, p. 280 [10] Copplestone, p. 281 [11] Joseph C. Farber, Henry Hope Reed, Palladio's Architecture and Its Influence: A Photographic Guide, Dover Publications, 1980, ISBN 0-486-23922-5, p. 107 [12] Jackson-Stops, pagina 106. [13] Illustrazione tratta dal secondo libro, al capitolo XIV [14] [[Dmitry Shvidkovsky (http:/ / books. google. it/ books?id=LQy9TJ2yOQEC& pg=PA289& lpg=PA289& dq=Neoclassicism+ first+ drew+ on+ French+ ,+ then+ absorbed+ various+ interpretation+ of+ palladianism,& source=bl& ots=0fDd4-OgKM& sig=NUbTGwdnA_LwVByhkzO9tEuQbFk& hl=it& sa=X& ei=D0uYT6fXOoGD-waolpXxBg& ved=0CCIQ6AEwAA#v=onepage& q=Neoclassicism first drew on French , then absorbed various interpretation of palladianism,& f=false)], Russian Architecture and the West, Yale University Press, New Haven, 2007, p. 289] [15] D. Shvidkovsky, cit., p. 260. (http:/ / books. google. it/ books?id=LQy9TJ2yOQEC& pg=PR5& lpg=PR5& dq=Ivan+ Starov+ Russian+ Architecture+ and+ the+ West& source=bl& ots=0fDa5VXcKT& sig=VVbzoL3565X-uk5aiB84UaC6fxk& hl=it& sa=X& ei=L0JrT8CSFuuQ4gTq9LjfBQ& ved=0CCQQ6AEwAA#v=onepage& q=Ivan Starov Russian Architecture and the West& f=false)

Bibliografia
Ackermann, James S. (1994). Palladio (serie "Architect and Society") Copplestone, Trewin; World Architecture; Hamlyn, 1963 Dal Lago, Adalbert; Ville Antiche; Milano: Fratelli Fabbri, 1966 Halliday, E. E.; Cultural History of England: Londra: Thames and Hudson, 1967 Jackson-Stops, Gervase; The Country House in Perspective; Pavilion Books Ltd., 1990 Kostof, Spiro; A History of Architecture; New York: Oxford University Press Lewis, Hilary, e John O'Connor, (1994). Philip Johnson: The architect in His Own Words, Rizzoli International Publications, New York Marten, Paolo; Palladio; Colonia: Benedikt Taschen Verlag GmbH, 1993 Ramrez, Juan Antonio; Historia del Arte: La Edad Moderna; Madrid: Alianza, 1997 Reed, Henry Hope, e Joseph C. Ferber, (1980) Palladio's Architecture and Its Influence, Dover Publications Inc., New York Tavernor, Robert, (1979).Palladio and Palladianism (serie "World of Art") Watkin, David, (1979), English Architecture; Londra: Thames and Hudson, 1979 Wittkower, Rudolf, Architectural Principles in the Age of Humanism

Federica Rossi, Palladio in Russia. Nikolaj L'vov architetto e intellettuale russo al tramonto dei Lumi, Marsilio, Padova, 2010

Palladianesimo

54

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http:// commons.wikimedia.org/wiki/Category:Palladian architecture

Collegamenti esterni
Palladianesimo inglese Il Neoclassicismo in Inghilterra (http://icar.poliba.it/ storiacontemporanea/seminari/sorbo/SORBO02.HTM) a cura di E. Sorbo (Politecnico di Bari) (EN) Palladianesimo in Inghilterra (http://www.britainexpress. com/architecture/palladian.htm)
Monticello, edificio disegnato da Thomas Jefferson

(EN) Pagina ufficiale della Banqueting House di Whitehall (http://hrp.org.uk/banquet) (EN) Pagina ufficiale di Holkham Hall (http://www.holkham.co.uk/) (EN) Pagina ufficiale della Woburn Abbey (http://www.woburnestates.com/) (EN) Pagina ufficiale della Chiswick House (http://www.english-heritage.org.uk/filestore/visitsevents/asp/ visits/Details.asp?Property_Id=100) Palladianesimo statunitense (EN) Architettura di Thomas Jefferson (http://www.iath.virginia.edu/wilson/home.html) (EN) Pagina ufficiale di Monticello (http://www.monticello.org/)

Architettura georgiana
Architettura georgiana il nome dato nei paesi anglofoni agli stili architettonici che si sono susseguiti fra il 1720 e il 1840, che prendono il nome dai quattro monarchi inglesi chiamati George. Rimpiazzando il Barocco di Christopher Wren, John Vanbrugh e Nicholas Hawksmoor per effetto della pubblicazione del Vitruvius Britannicus di Colen Campbell e dell'opera di Richard Boyle di Burlington, del suo allievo William Kent, di Thomas Archer e di Giacomo Leoni, si pu definire georgiano il Palladianesimo, lo stile gotico e il Rococ inglese. A partire dalla met degli anni Sessanta del XVIII secolo, un'ampia gamma di stili neoclassici ottenne successo in Inghilterra: fra gli architetti che utilizzarono questi stili si possono citare Robert Adam, James Gibbs, William Chambers, James Wyatt, Henry Holland e John Soane.
Una casa georgiana a Salisbury

Architettura georgiana

55 L'architettura georgiana caratterizzata dalle proporzioni matematiche utilizzate per determinare, ad esempio, l'altezza di una finestra in funzione della larghezza o la forma di una stanza. "Regolarit", che implica simmetria, era la parola d'ordine, ad esempio, della facciata nei confronti della strada. I progetti georgiani usavano spesso elementi classici e un lessico decorativo derivato dall'Antica Roma o dall'Antica Grecia. Caratteristiche dello stile erano l'uso di pietre o mattoni e l'impiego di portici per rendere pi enfatici gli ingressi.

Un esempio di architettura georgiana: il Royal Crescent di Bath.

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Sydney Architecture

Architettura neogotica
L'architettura neogotica fu, nella storia dell'arte occidentale, uno stile che intorno al XIX secolo reintrodusse le forme dell'architettura gotica. Queste ultime erano cadute in disuso dopo l'affermazione del Rinascimento e degli stili sviluppatisi in seguito. Il neogotico si afferm principalmente in Europa e in America settentrionale, sviluppandosi accanto ad altre correnti come il neoclassicismo.

Romanticismo e architettura
Il neogotico l'espressione diretta della cultura romantica che si diffuse in Europa a partire dalla fine del Settecento in contrapposizione all'Illuminismo. L'affermazione del sentimento in antitesi alla ragione e l'esaltazione, da parte del movimento tedesco Sturm und Drang, della libert del genio, indusse i romantici al rifiuto delle regole e dei modelli classici. Dapprima il neogotico si svilupp in letteratura per poi affermarsi anche in campo architettonico.

Fonthill Abbey

La conseguente riscoperta del Medioevo, inteso come periodo di intensa spiritualit e di battaglie per l'affermazione dei popoli, port ad una rivalutazione dell'architettura gotica, termine che fino ad allora aveva implicato un significato negativo, quello cio di arte dei barbari. In Inghilterra, caso unico in Europa, l'architettura medioevale aveva continuato a svolgere la propria influenza nei secoli, superando persino le contaminazioni palladiane introdotte da Inigo Jones a partire dal Seicento; ad esempio Christopher Wren (1632 - 1723) non aveva esitato a collocare robusti archi rampanti lungo la navata della Cattedrale di San Paolo a Londra, iniziata nella seconda met del XVII secolo. Quindi fu proprio oltremanica che l'architettura neogotica trov l'humus culturale dal quale trarre vigore.

Architettura neogotica

56

Neogotico inglese
L'Inghilterra adott il Neogotico come stile nazionale col nome di Gothic Revival: infatti, come detto, non si trattava tanto di una rinascita quanto di un risveglio. La data di riferimento comunemente scelta per la nascita di questo stile in Inghilterra quella della costruzione della villa di Strawberry Hill, ubicata presso Londra. La villa frutto di un ampliamento, realizzato nel 1750, di una struttura originaria con l'aggiunta di elementi della tradizione gotica, come la torre merlata e le volte a ventaglio realizzate all'interno. L'aspetto pi interessante della villa per da ricercare nell'arredamento, eseguito da Horace Walpole e fortemente goticizzante nel disegno delle varie decorazioni, ma che risulta assai distante dall'autentico stile medioevale. L'eco di Strawberry Hill si diffuse comunque in tutta Europa, portando ad una rapida affermazione del Neogotico anche in altri paesi, come la Francia e la Germania. Interpretato come elemento di tradizione e continuit, questo stile divenne per gli inglesi motivo di orgoglio nazionale, tanto da essere scelto per la Strawberry Hill ricostruzione dello stesso Palazzo del Parlamento, distrutto da un incendio nel 1834. Il progetto, avviato solo nel 1840 riprende il tema del Gotico perpendicolare, caratterizzato cio da un forte rigore geometrico; sorprende per la simmetria decisamente classicheggiante del complesso che uniforma tutti i prospetti, in particolar modo quello posto lungo le sponde del Tamigi, sottolineando la formazione classica del suo progettista, l'architetto Charles Barry. Un ulteriore capitolo del Neogotico anglosassone si apre con la creazione dei giardini all'inglese, dove pi chiaramente si riflette la cultura e il gusto romantico dell'epoca.

Architetture neogotiche in Inghilterra


Fonthill Abbey, la casa - abbazia progettata da James Wyatt alla fine del Settecento. L'eccentrica residenza, che in origine avrebbe dovuto essere una rovina, con tanto di resti di un chiostro, fu ampliata con la costruzione di una grande torre a pianta ottagonale, alta circa 85 metri, che per croll nel 1825, adempiendo quindi al bizzarro disegno originale del suo committente; Palazzo del Parlamento, progettato da Charles Barry, con l'ausilio, per la parte gotica, dei disegni di August Pugin; l'imponente costruzione inglob anche la Westminster Hall, costruzione effettivamente gotica dell'XI secolo;

Fonthill Abbey

Museo dell'Universit di Oxford, progettato e costruito a partire dal 1850 da Thomas Deane e Benjamin Woodward; elemento di spicco dell'intera costruzione il salone interno, simile ad una navata di una cattedrale gotica, ma realizzato quasi completamente in metallo; All Saints in Margaret Street a Londra di William Butterfield, edificata a partire dal 1849;

Architettura neogotica Tower Bridge di Horace Jones e John Wolfe-Barry, dove le strutture portanti del ponte vengono ricoperte da torri in stile neogotico - vittoriano; Stazione di London St Pancras, di George Gilbert Scott e William Henry Barlow, a Londra; l'edificio, austero e solenne, reinterpreta i temi dell'architettura medioevale (come l'alta torre dell'orologio coperta da una svettante cuspide), ma vi abbina una particolare policromia riconducibile all'architettura italiana.

57

Neogotico francese
In Francia il Neogotico si afferma in epoca romantica, quindi dopo Napoleone, dagli anni venti dell'Ottocento. Tuttavia la produzione architettonica risulta assai limitata, relegando questo stile soprattutto alla costruzione di chiese. I risultati pi importanti invece si registrano nell'intensa opera di restauro dei grandi edifici gotici di Francia, di cui il principale artefice fu Viollet-Le-Duc. Egli interviene ad esempio sulla celebre Cattedrale di Notre-Dame a Parigi, realizzando numerose statue per la facciata ed innalzando la svettante guglia al centro della chiesa; Viollet-Le-Duc infatti esegue i suoi interventi con l'intento di completare l'opera secondo il pensiero dei progettisti originari. Altri restauri importanti di Le-Duc sono quelli per la Sainte-Chapelle a Parigi, per la Basilica di Vzelay, per la cittadella medioevale di Carcassonne e per la Basilica di Saint-Denis, luogo di sepoltura dei regnanti francesi. Importante anche il completamento della Cattedrale Notre-Dame di Rouen: per il tetto si sceglie di costruire una grande torre neogotica La guglia centrale della Cattedrale parigina di in metallo nonostante la tenace resistenza di Viollet-Le-Duc, fautore Notre-Dame invece di un intervento teso a completare la cattedrale seguendo gli intenti dei costruttori medioevali. La scelta annuncia in qualche modo gli albori dell'architettura del ferro, produzione artistica che si affermer in Francia proprio in questo periodo.

Architetture neogotiche in Francia


Chiesa di Santa Clotilde a Parigi, alla quale l'architetto Christian Gau, nato a Colonia, dette una forma pi vicina al Gotico tedesco che a quello francese; Sacrestia della Cattedrale di Notre-Dame a Parigi, di Viollet-Le-Duc e Jean-Baptiste-Antoine Lassus; Chiesa del Sacr-Coeur a Moulins, costruita su progetto di Jean-Baptiste-Antoine Lassus a partire dalla met dell'Ottocento su modello della Cattedrale di Chartres.

Architettura neogotica

58

Neogotico tedesco ed austriaco


Nonostante il fatto che l'arte gotica si sia sviluppata in Francia, soprattutto in Germania che si concep il revival delle forme gotiche come espressione di arte nazionale. Ci accadde perch i paesi di lingua tedesca vantavano una tradizione gotica plurisecolare. quindi normale che il Neogotico ebbe in Germania un grado di espansione abbastanza alto. In Germania, i pi celebri fautori del Neogotico furono Karl Friedrich Schinkel e Friedrich Zwirner. I risultati pi significativi del Il duomo di Colonia nel 1824, poco prima della ripresa dei lavori Neogotico tedesco consistono nella costruzione di alcuni municipi (Rathaus) e nel completamento di diverse grandi chiese che i comuni medievali non avevano portato a termine. L'esempio pi spettacolare senza dubbio quello del Duomo di Colonia, sorto sul modello francese della cattedrale di Beauvais (sia a Beauvais che a Colonia, i lavori erano stati sospesi nel Cinquecento dopo l'erezione del coro e di pochi altri frammenti). Il progetto venne ripreso nel 1842 dopo il ritrovamento, avvenuto tra il 1814 e il 1816, di alcuni disegni originali. Peculiarit della Cattedrale di Colonia, oltre al forte verticalismo della struttura, l'uso del ferro in alcune strutture portanti allo scopo di assicurare maggiore stabilit al grandioso edificio. In concorrenza con il completamento della chiesa di Colonia venne costruita ex novo la Votivkirche di Vienna. Completata verso la fine del XIX secolo, segue con estrema esattezza i canoni del gotico germanico. La costruzione coerente e senza contraddizioni, a tal punto che proprio la sua omogeneit stilistica a renderla tipica dell'et moderna: nel Medioevo, un progetto simile sarebbe inesorabilmente andato incontro ad interruzioni e ripensamenti. Un altro edificio famoso dell'Impero Austro-Ungarico il Parlamento di Budapest: dopo il 1867 il governo ungherese, raggiunta l'autonomia dall'Austria, fece costruire il famoso palazzo lungo le rive del Danubio. L'edificio, unico nel suo genere, integra una enorme cupola alla maniera di Brunelleschi in un apparato di forme prettamente gotiche, con archi rampanti e pinnacoli.

La Votivkirche di Vienna in costruzione

Architetture neogotiche tedesche ed austriache


Neues Rathaus a Monaco di Baviera (1867 - 1909) di Georg von Hauberrisser; Chiesa di St. Nikolai ad Amburgo, di George Gilbert Scott, completata nella seconda met dell'Ottocento e, all'epoca della costruzione, l'edificio pi alto del mondo; Castello Neuschwanstein in Baviera, famosissimo maniero della fine del XIX secolo, con citazioni medioevali e gotiche; Votivkirche di Vienna; Rathaus di Vienna, di Friedrich von Schmidt, costruito tra il 1872 ed il 1883; Parlamento di Budapest.

Architettura neogotica

59

Neogotico spagnolo
Nel corso dell'Ottocento il Neogotico in Spagna non produce risultati particolarmente significativi con un'unica eccezione: le opere del catalano Antoni Gaud. Tra queste la pi significativa dal punto di vista del nostro studio senza dubbio la Sagrada Famlia di Barcellona, una chiesa che riprende l'architettura gotica reinterpretandola nell'ottica della nuova corrente modernista. Inizialmente la chiesa avrebbe dovuto essere uno dei tanti edifici goticizzanti dell'epoca e fu cominciata da Francesc de Paula del Villar nel 1882. Gaud intervenne nel progetto solo alla fine del 1883, modificando sostanzialmente il progetto originario: accentu la verticalit del tempio con l'inserimento di altissime torri e, come un maestro di un cantiere medioevale, disegn navate dalle forme totalmente innovative, con leggerissime colonne a sostegno di volte dalla geometria complicatissima.

Architetture neogotiche in Spagna

Il Palazzo Episcopale di Astorga

Sagrada Famlia di Barcellona, di Antoni Gaud la cui particolarit, peraltro tipica delle grandi fabbriche gotiche medioevali, di essere ancora in costruzione; in realt Gaud fu un architetto del tutto originale e, per molti aspetti (sia costruttivi che di purezza nelle linee architettoniche), innovativo rispetto ai tempi. Palazzo episcopale di Astorga, fantasiosa costruzione progettata da Gaud e realizzata sul finire dell'Ottocento.

Neogotico italiano
Il Neogotico italiano segue quello francese. Tra i primi suoi esempi doveroso ricordare il Castello di Pollenzo, nella omonima tenuta sabauda. Qui, in una iniziale residenza trecentesca, il re Carlo Alberto impiant una moderna azienda agricola, ampliando l'originaria costruzione. Il risultato fu un castello in cui si assommano gli stili pi svariati, dal neoromanico al neogotico, combinati tra loro nel rifacimento ottocentesco diretto da Pelagio Palagi ed Ernesto Melano: neogotica pure la chiesa di San Vittore ad esso collegata. Altri importanti cantieri si aprono per il completamento delle maggiori chiese gotiche italiane, come quelli Il Caff Pedrocchi di Padova per la costruzione delle fredde facciate delle chiese fiorentine di Santa Croce (1857 - 1863) e Santa Maria del Fiore (1866 - 1887), disegnate rispettivamente da Niccol Matas ed Emilio De Fabris. Ancora sul finire del secolo si completa la facciata della Cattedrale di Napoli, su progetto di Errico Alvino, mentre ai primissimi anni del Novecento risale la facciata gotica del Duomo di Arezzo. Caso singolare quello del Duomo di Milano, la cui costruzione, avviata nel 1386, fu completata solo nell'Ottocento: gran parte delle guglie e

Architettura neogotica

60

delle decorazioni architettoniche risalgono al periodo a cavallo tra il XVIII secolo e il XIX secolo e riprendono, solo per coerenza con l'impianto originario, lo stile gotico. Tuttavia, la facciata della cattedrale milanese, pur essendo costruita in piena epoca napoleonica, l'elemento che pi di ogni altro si distacca dalla tradizione gotica. In Italia, per tutto il secolo, il Neogotico sopravvive sino all'epoca del Liberty come stile pi eclettico: il caso ad esempio del Castello Mackenzie, la sontuosa dimora costruita su progetto di Gino Copped tra il 1893 e il 1905. Il Castello si presenta come uno stravagante miscuglio di stili e citazioni dell'architettura del passato: significativi sono i rimandi ai palazzi gotici della Toscana medioevale, come il Palazzo Comunale di Siena e il Palazzo Vecchio di Firenze.

Basilischi neogotici della Galleria Parmeggiani, Reggio Emilia

Architetture neogotiche in Italia


Caff Pedrocchi (e annesso Pedrocchino) di Padova, dove parti gotiche convivono con altre classicheggianti;[1] Bigattiera di villa Roncioni a San Giuliano Terme, presso Pisa, un edificio a carattere industriale realizzato da Alessandro Gherardesca sotto forma di un'abbazia e che riprende i temi pi squisitamente anglosassoni del Neogotico;[2] Castello di Pollenzo, presso Bra, realizzato a partire dal 1844;
Facciata di Santa Croce, Firenze

Complesso delle Cascine dette Margarie (Pelagio Palagi XIX sec.) e Serre (C. Sada, XIX sec.) nel parco del Castello Reale di Racconigi; Borgo Medioevale di Torino, su progetto di Alfredo d'Andrade, sorto in occasione dell'Esposizione Universale di Torino del 1884; Molino Stucky, a Venezia, esempio di architettura gotica applicata ad un edificio industriale; Municipio di Cagliari, con influenze catalane e liberty (1899); Palazzo Aldobrandeschi a Grosseto, realizzato su progetto dell'architetto Lorenzo Porciatti (1903); facciata di Santa Croce: progettata da Niccol Matas nel 1837 e realizzata in seguito;[3] facciata di Santa Maria del Fiore: progettata da Emilio de Fabris intorno al 1870 e costruita a partire dal 1880;[4] chiesa del Sacro Cuore del Suffragio, a Roma, comunemente detta il Piccolo duomo di Milano per il suo pronunciato verticalismo: opera fortemente eclettica fu progettata dall'ingegnere Giuseppe Gualandi ed inaugurata nel 1917. Mausoleo Visconti di Modrone a Cassago Brianza (LC) Il neogotico diviene inoltre lo stile delle chiese protestanti realizzate in Italia nell'Ottocento, dopo la concessione della libert di culto; lo stile gotico infatti, austero e minimalista, ben si confaceva alle liturgie delle chiese riformate. Tra queste occorre ricordare: la chiesa anglicana di Napoli, realizzata tra il 1861 e il 1865 nelle forme del Gotico inglese e caratterizzata da una grande vetrata ogivale in facciata; la Chiesa Anglicana Episcopale di San Paolo entro le Mura, a Roma, costruita nel 1873; la Chiesa di Ognissanti (chiesa anglicana di Roma), a Roma, costruita nel 1882; la Chiesa Luterana di Napoli, del 1864. la Chiesa luterana, a Trieste, 1871-74.

Architettura neogotica la Chiesa Notre Dame de Sion, a Trieste, costruita a cavallo tra '800 e '900; la chiesa protestante di Genova, in via Goito; il Tempio Valdese, a Torino, realizzato tra il 1851 e il 1853; la chiesa Valdese di Firenze; la chiesa Episcopale Americana di Saint James a Firenze, opera dei primi del Novecento e che rimanda al citato tempio anglicano di Napoli; il Tempio della Congregazione Olandese Alemanna di Livorno, costruito tra il 1862 ed il 1864; la chiesa anglicana All Saints Church di Bordighera (Imperia), luogo di riunione della colonia di residenti britannici nella zona tra il 1870 e la seconda guerra mondiale; la chiesa anglicana di Palermo (1875), fatta costruire dagli Whitaker e dagli Ingham, industriali inglesi stabilitisi in Sicilia nellOttocento; la chiesa di Santo Spirito e Concezione (1873), chiesa parrocchiale di Zinola/Savona dalla tipica colorazione ligure a strisce bianche e grigie. la chiesa di San Paolo dentro le Mura a Roma la Chiesa del Sacro Cuore di Ges a Roma Duomo di Furci Siculo dedicato alla Madonna del Rosario, opera dei primi del XX secolo.

61

Architetture neogotiche extraeuropee


Come colonie o ex-colonie degli Stati europei, diversi Paesi d'oltreoceano finiscono per assorbire l'influenza gotiche in voga nel Vecchio Continente, soprattutto per l'edificazione di chiese. Tra le architetture neogotiche extraeuropee si ricordano: Cattedrale di San Patrizio a New York, costruita tra il 1853 e il 1878 in uno stile influenzato fortemente dal Gotico francese (la pianta), inglese (le volte molto elaborate) e tedesco (le torri della facciata); il suo verticalismo, all'epoca molto accentuato, oggi assai mitigato dalla presenza dei numerosi grattacieli che la circondano sulla Fifht Avenue; Cattedrale di St. John the Divine a New York, imponente chiesa protestante i cui lavori di costruzione non sono mai giunti al termine e attualmente risulta ancora incompleta; National Cathedral, a Washington, eretta all'inizio del XX secolo su modello delle cattedrali inglesi; Stazione ferroviaria Chhatrapati Shivaji a Bombay, in stile neogotico-vittoriano, denominata in passato Victoria-Station; Basilica di Notre Dame a Montral, inaugurata nel 1830; Cattedrale di St. James a Toronto, caratterizzata da un torrione in facciata di evidente scuola germanica. Chiaramente ispirati all'architettura gotica sono alcuni grattacieli americani, tra cui il Woolworth Building di New York e la Tribune Tower, a Chicago; in fondo, nelle prime architetture in metallo possibile leggere il concretizzarsi delle aspirazioni verticali del gotico. In anni pi recenti, il celebre architetto americano Philip Johnson, ha ripreso i temi del Gotico inglese per la costruzione del PPG Place a Pittsburgh.
PPG Place a Pittsburg

Architettura neogotica

62

Esempi
Europa

Il Palazzo del Parlamento a Londra

Rathaus di Vienna

Chiesa dei SS. Pietro e Paolo, Ostenda

L'eclettico Castello di Neuschwanstein in Baviera

Palazzo del Parlamento a Budapest

La Sagrada Famlia di Barcellona intrisa di riferimenti gotici

Il Castello di Pollenzo con la chiesa di San Vittore

Galleria Parmeggiani a Reggio Emilia

Facciata ottocentesca di Santa Maria del Fiore a Firenze

Il Molino Stucky di Venezia

Mausoleo Visconti di Modrone a Cassago Brianza

Chiesa di Santa Maria, Police (Polonia)

Architettura neogotica

63

Reposoir della regina, presso le Margarie del Castello di Racconigi

America

Cattedrale di San Patrizio

Ponte in ferro con elementi gotici a Central Park, New York

Note
[1] [2] [3] [4] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino 1981, voce Neogotico. G. Morolli (a cura di), Alessandro Gherardesca. Architetto toscano del Romanticismo (Pisa 1777-1852), Pisa 2002. N. Pevsner, cit., voce Neogotico. Ibidem.

Bibliografia
R. De Fusco Mille anni d'architettura in Europa, Bari 1999 R. Middleton, D. Watkin Architettura. Ottocento, Martellago (Venezia) 2001 N. Pevsner Storia dell'architettura europea, Bari 1998 N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino 1981

Architettura neogotica

64

Voci correlate
Revivalismo Architettura dell'Ottocento Architettura gotica Arte romantica

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Gothic revival

Sanssouci
Coordinate geografiche: 522412N 13219E52.40333N 13.03861E
[1]

Sanssouci (che in francese significa "senza preoccupazioni") era il Palazzo d'Estate di Federico il Grande, re di Prussia, a Potsdam, appena fuori Berlino. solitamente considerato il rivale tedesco di Versailles. Sanssouci pur essendo pi piccolo della controparte francese, comunque di La facciata meridionale (o del Giardino) e il corpo principale di Sanssouci notevole rilievo per i numerosi templi e per i capricci situati nel parco di Sanssouci. Progettato da Georg Wenzeslaus von Knobelsdorff tra il 1745 e il 1747, come luogo di svago per il re, lontano dai cerimoniali e dalla pompa di Berlino, ha la struttura di una grande villa ad un solo piano. L'influenza di Federico fu cos grande sul progetto che si parla di Rococ fedriciano.

Sanssouci

65

Il parco
Seguendo il terrazzamento della vigna ed il completamento del palazzo, Federico volse la sua attenzione al panorama delle immediate vicinanze del palazzo e quindi diede inizio alla creazione del Parco di Sanssouci. Nella sua organizzazione del parco, Federico continu ci che aveva iniziato a Neuruppin ed a Rheinsberg.[2] Fu preparata una via principale diritta, lunga 2 chilometri e mezzo, che iniziava da est all'obelisco del 1748 ed che ora si estende al Neuer Palast, che ne segna la sua estremit occidentale. Proseguendo il tema dell'Orticoltura dei giardini a terrazzo, furono piantati 3.000 alberi da frutto, realizzata una serra che produceva arance, meloni, Il Tempio dell'amicizia, costruito tra il 1768 e il 1770 da Carl von pesche e banane. Furono poi erette statue ed obelischi, Gontard in memoria della sorella pi amata da Federico il Grande, la che rappresentavano le divinit Flora e Pomona. Margravia Wilhelmine di Bayreuth. Federico fece erigere numerosi templi ed edifici stravaganti nello stesso stile rococ del palazzo. Alcuni erano piccole case che compensavano la scarsa quantit di stanze per gli ospiti del palazzo stesso. Federico invest copiosamente nel vano tentativo di realizzare nel parco un sistema di fontane che emulasse i grandi giardini barocchi dell'Europa di allora. La scienza dell'idraulica era allora ancora al suo stadio infantile e nonostante i dispositivi di pompaggio ed i bacini, le fontane di Sanssouci rimasero silenti per ancora un secolo. L'invenzione del motore a vapore risolse infatti i problemi nel secolo successivo ed i bacini finalmente raggiunsero il loro scopo. [3] Da circa il 1842 la famiglia reale prussiana fu finalmente in grado di meravigliarsi alla La Casa cinese del t, progettata dall'architetto Johann Gottfried Bring tra il 1755 vista della Grande Fontana posta ai piedi del e il 1764. terrazzamento di vigne, che mandava getti d'acqua ad un'altezza di 38 metri. La stazione di pompaggio divenne essa stessa un altro padiglione del giardino, mascherata da moschea turca con il suo camino simile ad un minareto. Il parco fu ampliato da Federico Guglielmo III e successivamente dal figlio Federico Guglielmo IV.

Sanssouci

66

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/ Category:Sanssouci

Collegamenti esterni
Immagini da Sanssouci [4]

Note
[1] http:/ / toolserver. org/ ~geohack/ geohack. php?pagename=Sanssouci& language=it& params=52_24_12_N_13_2_19_E_region:ID_type:landmark [2] (EN) Gardenvisit.com: Gardens in Middle Germany (http:/ / www. gardenvisit. com/ got/ 13/ 16. htm) [3] (DE) Stiftung Preussische Schlsser und Grten Berlin - Brandenburg, Sanssouci Park (http:/ / www. spsg. de/ index_148_en. html) [4] http:/ / www. reise-photografie. de/ potsdam

Versailles
Versailles comune

(dettagli)

Dati amministrativi Stato Regione Dipartimento Francia le-de-France Yvelines

Arrondissement Versailles Cantone Versailles-Nord Versailles-Nord-Ovest Versailles-Sud Territorio Coordinate Altitudine 484800N 20700E48.8N 2.133333E 132 m s.l.m. [1]

Coordinate: 484800N 20700E48.8N 2.133333E [1]

Versailles

67
Superficie Abitanti Densit 26.18 km 88519 [2] (2009)

3381.17 ab./km Altre informazioni

Cod. postale Fuso orario Codice INSEE

78000

78646 Localizzazione

Versailles
Sito istituzionale [3]

Versailles un comune francese di 88.519 abitanti, capoluogo del dipartimento degli Yvelines, nella regione dell'le-de-France. La citt inoltre capoluogo dell'Arrondissement di Versailles e dei cantoni di Versailles-Nord, Versailles-Nord-Ovest e di Versailles-Sud. Il nome Versailles viene probabilmente dal latino, versare, rivoltare. Il termine, risalente all'XI secolo, avrebbe designato in origine delle terre lavorate (rivoltate). Gli abitanti si chiamano Versaillais.

Versailles

68

Geografia
La citt, capoluogo del dipartimento delle Yvelines, situata a 19 km a sud-ovest di Parigi. Servita da cinque stazioni (Versailles-Chantiers, Versailles-Rive-Droite, Versailles-Rive-gauche, Montreuil e Porchefontaine), si trova in prossimit dell'A13 e dell'A86.

Storia
All'inizio del XVII secolo, Versailles non era che un modesto edificio costruito sotto Luigi XIII al limite delle foreste, il suo luogo di caccia preferito. Nel 1661, suo figlio Luigi XIV decise di ingrandirlo e trasformarlo nel prestigioso castello circondato da un grande parco alberato simbolo dell'assolutismo. Fino al regno di Luigi Filippo, il castello di Versailles e il suo parco furono ristrutturati pi volte. Durante la guerra franco-prussiana del 1870, la citt fu occupata dai Prussiani che vi stabilirono il loro quartier generale dal 18 L'Htel de Ville, costruito nel 1900 sul luogo dell'antico Htel de Conti settembre 1870 al 12 marzo 1871. Nel 1871, durante l'insurrezione della Comune di Parigi, il governo e il parlamento francesi si installarono a Bordeaux . La grande tempesta del 26 dicembre 1999 distrusse le piante del parco e permise finalmente di predisporre un grande programma di reimpianto delle essenze originali nel loro allineamento dell'epoca.

Denominazioni precedenti
In italiano desueto prendeva anche il nome di Versaglia.[4]

Evoluzione demografica
Abitanti censiti

Versailles

69

Cultura
Personaggi celebri
Luigi XIV (1638-1715) Luigi XV (1710-1774) Luigi XVI (1754-1793) Luigi XVII (1785-1795) Luigi XVIII (1755-1824) Carlo X (1757-1836) Cardinale Pierre Gerlier (1880-1965), arcivescovo di Lione (1937-1965). Generale Lazare Hoche (1768-1797) Louis Emmanuel Jadin (1768-1853), compositore Generale d'Empire Gaspard Gourgaud (1783-1852) Maresciallo Louis-Alexandre Berthier (1753-1815) capo di stato maggiore della Grande Arme di Napoleone. Ali, Louis Etienne Saint-Denis, detto il Mamelucco di Napoleone (1788-1856). Franois Achille Bazaine (1811-1864) maresciallo di Napoleone III (1864) Jean-Antoine Houdon, scultore Ferdinand de Lesseps Jean-Pierre Desthuilliers, (1939- ) scrittore e poeta Arnaud Bonnamy, (1972- ) chimico Michel Gondry, (1963- ) regista Nicolas Anelka, (1979- ) calciatore Maria Antonietta d'Asburgo-Lorena (17551793) Bruno Silvy superman stupido

Versailles

70

Personaggi celebri morti a Versailles


Luigi XIV, per cancrena il 1 settembre 1715 Luigi XV, per vaiolo il 10 maggio 1774 Thodore Cogniard il 13 maggio 1872

Monumenti
La Reggia di Versailles, sede dei re di Francia Luigi XIV, Luigi XV e Luigi XVI. L'Inghilterra vi riconobbe il trattato d'indipendenza degli Stati Uniti nel 1783, l'unificazione del Secondo Reich nel 1871, vi fu proclamata la pace e firmato il trattato di Versailles del 1919. Il castello anche luogo di riunione del Parlamento francese per le modifiche alla costituzione. Il Grande Trianon dove tra l'altro venne firmato il Trattato del Trianon. Il Petit Trianon La Sala della pallacorda Le Scuderie della Regina Il Potager du Roi La chiesa di Notre-Dame La cattedrale di San Luigi La chiesa di San Sinforiano Il chiostro delle Recollette Il lyce Hoche, antico convento della Regina

il Grand Trianon nel 1700

la stazione di Versailles-Rive-Gauche, edificio in pietra, ghisa e vetro inaugurato nel 1840 e terminale della RER C.

Musei
Museo Lambinet Museo delle carrozze Museo del Parlamento L'osmoteca, la memoria vivente dei profumi

Educazione
Universit di Versailles Saint Quentin en Yvelines

Versailles

71

Gemellaggi
Versailles gemellata con: Nara

Note
[1] http:/ / toolserver. org/ ~geohack/ geohack. php?pagename=Versailles& language=it& params=48. 8_N_2. 133333_E_type:landmark& title=Versailles [2] INSEE popolazione legale totale 2009 (http:/ / www. insee. fr/ fr/ ppp/ bases-de-donnees/ recensement/ populations-legales/ commune. asp?annee=2009& depcom=78646) [3] http:/ / www. mairie-versailles. fr/ [4] DOP (http:/ / www. dizionario. rai. it/ poplemma. aspx?lid=2484& r=409133)

Voci correlate
Reggia di Versailles Grande Trianon Petit Trianon

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Versailles

Collegamenti esterni
Ufficio del turismo di Versailles (http://www.versailles-tourisme.com/index.html) Immagini satellitari di Versailles (http://maps.google.com/maps?q=versailles,+france&ll=48.805733,2. 118409&spn=0.015757,0.019855&t=k&hl=en)

Filippo Juvara

72

Filippo Juvara
Filippo Juvara o Juvarra (Messina, 7 marzo 1678 Madrid, 31 gennaio 1736) fu un architetto e scenografo italiano, uno dei massimi esponenti del Barocco, che oper per lunghi anni a Torino come architetto di casa Savoia. La formazione del giovane Juvarra avvenne nella citt natale, dove studi architettura sui trattati, e lavor come scenografo e argentiere. La sua prima opera architettonica fu il completamento, nel 1703, della Chiesa di San Gregorio, oggi scomparsa per la quale progett la sistemazione interna comprendente la realizzazione del coro e dell'altare maggiore[1].

Roma, Lucca, Lisbona, Lombardia


Si trasfer a Roma nel 1704, dove fu allievo di Carlo Fontana e Francesco Fontana. Nel 1705, dopo solo otto mesi di permanenza a Roma, ottenne un clamoroso successo al concorso di disegno architettonico dell'Accademia di San Luca, che segn l'inizio della sua attivit indipendente. Impiegato all'inizio come architetto teatrale dal cardinale Pietro Ottoboni (nipote di Alessandro VIII e uno dei pi importanti mecenati dell'epoca), Juvarra fatic a trovarsi grandi commissioni a Roma; ai primi anni romani databile infatti solo la piccola cappella Antamori a San Gerolamo della Carit (1708-1710), ornata da una statua di San Filippo Neri di Pierre Legros. A Roma, dove ebbe anche modo di conoscere l'architetto Giuseppe Merenda, si dedic con perseveranza allo studio delle architetture antiche ma anche quelle di Michelangelo, Bernini, Borromini, Pietro da Cortona e Andrea Pozzo. Il frutto di tale studio decennale un ampio corpus di disegni. Agli anni successivi risalgono alcuni edifici progettati per Lucca, come il Palazzo della Repubblica e alcune ville del contado (villa Garzoni a Collodi e villa Mansi a Segromigno).

Juvara

La facciata juvarriana di Palazzo Madama a Torino

Nel 1715 Juvarra partecip, insieme a Nicola Michetti, Antonio Canevari e ad altri al concorso per la sacrestia della Basilica di San Pietro. Il successo fu unanime, ma il progetto Cupola di Sant'Andrea a Mantova (di cui resta un modello, in cattive condizioni, nei depositi della Basilica) non fu mai posto in opera per i costi troppo elevati (la sacrestia attuale pi tarda e fu progettata sotto Pio VI da Carlo Marchionni).

Filippo Juvara

73

Altrettanto avaro di soddisfazioni fu un altro soggiorno romano, quello del 1735. La facciata di San Giovanni in Laterano, per cui Juvarra aveva preparato alcuni "schizzi" e disegni a mano libera, fu infatti costruita da Alessandro Galilei (1735), dopo un concorso che lo vide primeggiare, per essere conterraneo del papa fiorentino Clemente XII, su Luigi Vanvitelli, Nicola Salvi, autore della Fontana di Trevi, Ferdinando Fuga, e Ludovico Rusconi Sassi, e dopo che Juvarra fu invitato a partecipare al confronto solo come giudice. Altri suoi grandiosi progetti per un grandioso palazzo dei conclavi non ebbero esito. Alcuni anni pi tardi, quando era gi al servizio dei Savoia, Juvarra fu chiamato a Lisbona da Giovanni V del Portogallo per disegnare un nuovo palazzo reale annesso ad una grandiosa basilica patriarcale, ma anche questo progetto non fu realizzato. datato al 1732 il progetto della cupola della Basilica di Sant'Andrea a Mantova, a completamento di una delle opere pi importanti di Leon Battista Alberti, uno dei massimi architetti ed umanisti del Rinascimento. La cupola riprende, nei quattro piloni diagonali a Croce di Sant'Andrea, l'impianto di quella di Sant'Andrea delle Fratte di Borromini, riportato in forme molto pi grandiose. Un'altra cupola lombarda di Juvarra quella del Duomo di Como. In Lombardia Juvarra progett anche un monumentale altare maggiore per il Santuario di Caravaggio (non eseguito e sostituito da un progetto pi dimesso del milanese Carlo Giuseppe Merlo) e l'altare dei Ss. Fermo, Rustico e Procolo nel Duomo di Bergamo; in Veneto la pi mirabile opera di Juvarra senza dubbio il superbo campanile della cattedrale di Belluno.

La reggia di Stupinigi

La basilica di Superga

Torino
Gi nel 1714 Juvarra era divenuto l'architetto di fiducia di Vittorio Amedeo II di Savoia, che per un breve periodo aveva ottenuto anche la corona del re di Sicilia e che lo richiam a Messina per progetti non eseguiti.
La fronte posteriore del palazzo della Granja (1735-36)

Scambiata la corona di Sicilia con quella di Sardegna, il re si stabil nuovamente a Torino e impieg Juvarra in un grandioso progetto di riqualificazione urbana per la capitale del nuovo regno. Moltissime furono le opere di quegli anni;

Filippo Juvara

74

tra quelle di architettura religiosa si segnalano la facciata della chiesa di S. Cristina in piazza San Carlo (ispirata alla romana S. Marcello al Corso, di Carlo Fontana; 1715), la Basilica di Superga, uno dei suoi capolavori, costruita per un voto del re tra il 1716 e il 1731, le chiese di S. Filippo Neri e del Carmine (quarto decennio del secolo), Sant'Andrea a Chieri (1728, distrutta) e una serie di grandiosi progetti, a pianta centrale e longitudinale, per una nuova cattedrale di Torino. Tra gli edifici civili vanno ricordati i grandiosi disegni per una vera e propria corona di regge che circonda la capitale, tra cui il castello di Rivoli (1718; incompiuto), che avrebbe dovuto dominare un imponente giardino fatto di terrazze su pi livelli, la Palazzina di caccia di Stupinigi (1727), dall'originalissimo impianto ovale che si espande a "X" verso i giardini, e la reggia di Venaria Reale, con l'aerea Grande Galleria e la chiesa di Sant'Uberto. Risale al 1718 invece la facciata di Palazzo Madama in piazza Castello a Torino, ispirata alla fronte posteriore di Versailles, frammento di un ambizioso programma di rinnovamento monumentale del centro antico della citt. Nel corso del primo ventennio del '700 Juvarra lavora all'ampliamento del Borgo Castello nel parco de La Mandria.

La torre campanaria di Belluno

Continuatori dell'architettura di Juvarra a Torino furono Bernardo Antonio Vittone, che ne continu la linea barocca, contaminandone lo stile con quello di Guarino Guarini, e Benedetto Alfieri, zio di Vittorio, che ne segu le istanze classicistiche.

Madrid
Nel 1735 il re di Spagna Filippo V richiese un progetto di Juvarra per il nuovo palazzo reale di Madrid. L'architetto siciliano si trasfer quindi nella capitale spagnola, dove progett un monumentale e grandioso edificio ispirato ancora una volta alla reggia di Versailles. Anche questa volta il progetto juvarriano, troppo dispendioso, non fu realizzato; solo dopo la morte dell'architetto, il suo assistente Giovanni Battista Sacchetti costru un edificio che ne riprendeva alcune caratteristiche stilistiche ma ne modificava radicalmente l'impianto, riducendolo ad un palazzo di pianta quasi quadrata, privo delle vastissime ali laterali che avrebbero dovuto dilatarsi espandendosi nell'area dei giardini. In Spagna Juvarra aveva anche fornito numerosi disegni per la costruzione del palazzo reale della Granja de San Ildefonso, sempre nei pressi di Madrid.

Filippo Juvara

75

Belluno
A Belluno si trova uno dei pi eleganti campanili d'Italia, quello della cattedrale. Fu progettato dallo Juvarra e realizzato fra il 1732 e il 1743: misura 71,98 metri e cost complessivamente 150000 lire venete. Sulla guglia a cipolla svetta un angelo ligneo alto 4,63 metri (gi incluso nell'altezza del campanile).

Note
[1] F. Lenzo, Filippo Juvarra a Messina: La chiesa di san Gregorio, in "Annali di architettura" n.15, 2003

Bibliografia
J. Gritella, Filippo Juvarra, l'architettura, Modena 1992 F. Lenzo, Filippo Juvarra a Messina: la chiesa di San Gregorio in Annali di Architettura n 15, Vicenza 2003 articolo in pdf (http://www.cisapalladio.org/annali/pdf/a15_12_lenzo.pdf) R. Pommer, Architettura del Settecento in Piemonte: le strutture aperte di Juvarra, Alfieri e Vittone, Torino 2003 Laura Orsini, Il progetto di Filippo Juvarra per la chiesa reale di Venaria. Proposte per una storia in Annali di Architettura n 17, Vicenza 2005 articolo in pdf (http://www.cisapalladio.org/annali/pdf/a17_11_orsini.pdf)

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Filippo Juvarra

Collegamenti esterni
Incisioni, tratte da Juvarra, dalle Raccolta di varie targhe fatte da professori primarii di Roma (http:// romeartlover.tripod.com/Juvarra.html) Il sito della basilica di Superga (http://www.parrocchie.it/torino/basilicasuperga) Il sito della reggia di Venaria (http://www.lavenaria.it/ita/index.htm)

Luigi Vanvitelli

76

Luigi Vanvitelli
Luigi Vanvitelli, nato Lodewijk van Wittel (Napoli, 12 maggio 1700 Caserta, 1 marzo 1773), stato un pittore e architetto italiano.

Biografia
Formazione
Nato da una famiglia di artisti originaria di Amersfoort (Olanda), il suo cognome originario (van Wittel) fu italianizzato in Vanvitelli dal padre Gaspar (Gaspare Vanvitelli), che, emigrato a Roma nel 1674, vi svolse attivit di pittore fino al 1736, divenendo l'iniziatore del vedutismo. Luigi Vanvitelli inizi la propria attivit come pittore, seguendo l'esempio del padre, per poi dedicarsi all'architettura e divenire uno dei pi importanti architetti italiani del periodo fra il Barocco e il Neoclassicismo.

Luigi Vanvitelli

Allievo del poco noto Antonio Valeri, Vanvitelli si ispir all'opera di alcuni grandi architetti del Barocco, come Gian Lorenzo Bernini, Francesco Borromini, Carlo Fontana, Filippo Juvarra e studi a fondo i trattati e le opere degli architetti dell'antichit e del Rinascimento. Negli anni della formazione strinse una duratura amicizia e collaborazione con Nicola Salvi e si affili all'Accademia dell'Arcadia. Si segnal come architetto partecipando ai concorsi per la facciata principale di San Giovanni in Laterano e per la Fontana di Trevi, concorsi che avrebbero segnato la rinascita artistica dello Stato della Chiesa sotto il governo illuminato di papa Clemente XII; i progetti vanvitelliani, che andavano incontro alle nuove tendenze neoclassiche[1], furono molto apprezzati negli ambienti pi colti, ma la giuria ritenne opportuno premiare progetti che assecondavano il gusto barocco, a Roma ancora pienamente imperante.

Opere ad Ancona e nelle Marche


Dopo la partecipazione ai concorsi romani, il nome di Vanvitelli era comunque diventato noto e ci gli valse l'incarico, da parte di papa Clemente XII, di riprogettare il porto di Ancona per renderlo adatto a svolgere la funzione di scalo romano verso oriente. Nell'ambito dei progetti anconetani, si ricorda in particolare il Lazzaretto (1733 - 1738), costruito su una grande isola artificiale a forma di pentagono, realizzata all'interno del porto dallo stesso Vanvitelli che, da buon olandese, sapeva bene come strappare terre al mare.

Il Lazzaretto di Ancona (1733-1738)

Oltre al Lazzaretto, ad Ancona Vanvitelli realizz anche il Molo Nuovo, il suo ingresso monumentale (l'Arco Clementino) e la Chiesa del Ges, che con la sua facciata concava ed alta sul mare, riassume la curvatura dell'intero arco portuale. Con queste opere il nostro artista ridisegn e reinterpret personalmente la forma del porto e della citt che su di esso si affaccia. Diede cos un anticipo della sua grande

Luigi Vanvitelli

77

abilit come paesaggista, la stessa che svilupper in seguito nella celebre Reggia di Caserta[2]. Negli stessi anni l'artista progett, sempre nelle Marche, il caratteristico campanile per il Santuario della Santa Casa a Loreto. La presenza di Vanvitelli e le sue opere influirono profondamente sull'architettura di Ancona e delle Marche dove lasci uno stuolo di seguaci. Durante la permanenza in Ancona per le opere portuali venne interpellato dal Comune di Ascoli Piceno per un parere sul progetto per la nuova sala teatrale da realizzare nel Palazzo Arringo; pur giudicando la struttura lignea di carattere bibienesco concepita dall'intagliatore ascolano Giuseppe Gualtieri ben adattata al grande vano destinato allo scopo nel palazzo, Vanvitelli biasim la moda alquanto diffusa di imitare le bizzarre sale di spettacolo dei Bibiena.
La facciata concava della chiesa del Ges

Attivit a Roma
A Roma ottenne la carica di architetto della Basilica di San Pietro in Vaticano, che mantenne per tutta la vita. Sua anche la riprogettazione (1750) della chiesa di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri, costruita da Michelangelo Buonarroti nelle Terme di Diocleziano. Nel 1911 la facciata vanvitelliana fu demolita, ma l'interno ancora quello progettato da Vanvitelli.

Reggia di Caserta
Nel 1750 il re di Napoli Carlo di Borbone richiese al Vanvitelli il progetto di una nuova reggia che aveva pensato per la citt di Caserta, facilmente raggiungibile dalla capitale, ma discosta da essa, come lo era Versailles da Parigi. La reggia, che avrebbe dovuto sorgere nei pressi di una nuova citt (che fu poi realizzata in tempi successivi, in modo caotico e senza tener conto delle idee di Vanvitelli), fu rifornita d'acqua dal monumentale Acquedotto Carolino, progettato da Vanvitelli sul modello delle opere idrauliche dell'antica Roma.
La Reggia di Caserta vista dai giardini

Lo scalone d'onore della Reggia di Caserta

La Reggia di Caserta, definita come l'ultima grande realizzazione del Barocco italiano,[3] sicuramente la sua opera pi importante. Curatissima nei dettagli ed articolata su quattro monumentali cortili, la costruzione fronteggiata da uno scenografico parco, che sfrutta la pendenza naturale del terreno per articolarsi in una gigantesca cascata artificiale, scandita da una serie di fontane con statue marmoree. Le parti pi scenografiche sono l'insieme dell'atrio e del monumentale scalone d'onore e la cappella. Notevole il teatro di corte, la cui sala a ferro di cavallo piuttosto arrotondato resa solenne dall'ordine gigante di colonne, che dissimula la tipica gracile struttura lignea a palchetti. Privo delle quattro torri angolari e della cupola centrale, che avrebbero dovuto movimentarne la mole, il palazzo una sorta di sintesi originalissima tra Reggia di Versailles e l'Escorial.

Dopo la sua morte[4] i lavori alla reggia furono proseguiti dal figlio Carlo (Napoli, 1739-1821).

Luigi Vanvitelli

78

Attivit in Lombardia
Negli anni napoletani, Vanvitelli ottenne anche alcune commissioni in Lombardia. A Brescia progett un nuovo attico per la Loggia, mentre a Milano tent invano di ottenere la commissione per la nuova facciata del Duomo e propose anche un disegno per un nuovo palazzo ducale, non eseguito, che fu per l'occasione per raccomandare alla corte asburgica il suo allievo Giuseppe Piermarini.

Altre opere
Abacuc e l'angelo e Daniele nella fossa dei leoni: affresco presbiterio chiesa del Suffragio, Viterbo (1730) Basilica della Santissima Annunziata Maggiore a Napoli Decorazione della Basilica di Santa Maria degli Angeli alle Terme di Diocleziano a Roma Caserma di Cavalleria Borbonica Chiesa degli Olivetani di Perugia Chiesa della Missione ai Vergini a Napoli Villa Giulia (Napoli) Facciata della chiesa della Santissima Annunziata di Airola Chiesa di Sant'Agostino a Siena Facciata della chiesa gesuitica di San Vito a Recanati (attribuzione incerta) Chiesa in stile neoclassico del 1775 annessa all'Abbazia Santa Maria del Bosco tra i comuni di Contessa Entellina e Bisacquino Ciborio della cappella del SS. Sacramento nel Duomo di Siracusa, realizzato nel 1752. Convento di Sant'Agostino a Roma (in particolare il salone della Biblioteca Angelica ultimato nel 1765) Fontana al centro della frazione di Vermicino, fatta costruire nel 1731 da papa Clemente XII Fontana dei pesci a Largo Campo nel centro storico di Salerno
Interno della basilica della Santissima Annunziata Maggiore, Napoli

Fontana del Vanvitelli del 1740 al centro delle mura di papa Urbano VIII nel porto storico di Civitavecchia fatta costruire da papa Benedetto XIV Foro Carolino (odierna piazza Dante) a Napoli

Foro Carolino, oggi Convitto Nazionale, Napoli

Molo Nuovo (ora parte centrale del Molo Nord), il Lazzaretto, l'Arco Clementino e la chiesa del Ges di Ancona Lavori all'annesso Palazzo Apostolico di Loreto Facciata del Palazzo Odescalchi a Roma Palazzo de Gemmis a Terlizzi Palazzo del Liceo Classico "Agostino Nifo" di Sessa Aurunca Palazzo Doria d'Angri a Napoli

Luigi Vanvitelli Palazzo Sforza-Fogliani del Ducato di Montebello a Castelnuovo Fogliani nel comune di Alseno. Madonna della Misericordia a Macerata Palazzo Torri a Macerata (tradizionale attribuzione) Palazzo Vallelonga (oggi sede della Banca di Credito Popolare di Torre del Greco) in perfetto Rococ, a Torre del Greco, in provincia di Napoli Sagrestia del santuario di Santa Maria di Pozzano (1754) Villa Campolieto a Ercolano, dove Vanvitelli fu impegnato dal 1763; i lavori furono portati avanti dal figlio Carlo dopo la morte del padre Villa Giulia (o De Gregorio di Santelia), a Barra, quartiere di Napoli, terminata nel 1761.[5] Ampliamento e facciata di Villa Tuscolana a Frascati

79

Note
[1] Il Lazzaretto di Ancona di Mezzetti - Bucciarelli - Pugnaloni. [2] Il Lazzaretto di Ancona di Mezzetti - Bucciarelli - Pugnaloni. [3] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino, Einaudi, 1981, voce Vanvitelli, Luigi. [4] Il Vanvitelli venne tumulato nella chiesa di San Francesco di Paola a Caserta, in una tomba la cui epigrafe fu composta da Angelo Antonio Scotti. Cfr. G.M. Melchiorri, Vita dell'architetto Luigi Vanvitelli e descrizione delle reali delizie di Caserta, in Effemeridi letterarie di Roma, tomo XII, De Romanis, Roma 1823, p. 65 (http:/ / books. google. it/ books?id=etADAAAAYAAJ& pg=PA65) [5] Romano Marino, Cari paesani, edizione 2007, stampa in proprio. L'autore assegna tale costruzione a Vanvitelli, traendo conferma dalle lettere che l'architetto inviava a Roma a suo fratello Urbano. Le lettere in tutto sei sono riportate nell'opera citata di Franco Strazzullo, alle pagine 528-706. La statua a Luigi Vanvitelli nell'omonima piazza di Caserta

La Fontana di Civitavecchia (1740)

Bibliografia
Il Lazzaretto di Luigi Vanvitelli. Indagine su un'opera, Catalogo della mostra di Ancona, Palazzo Bosdari, gennaio-marzo 1980, in collaborazione con l'Archivio di Stato di Ancona e la Biblioteca Comunale Luciano Benincasa di Ancona, con il patrocinio del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, Recanati, Tecnostampa, 1980. L'attivita architettonica di Luigi Vanvitelli nelle Marche e i suoi epigoni, Convegno Vanvitelliano, Ancona 27-28 aprile 1974, Atti e memorie, serie VIII, vol. VIII, 1974, Ancona, Presso la Deputazione di Storia Patria per le Marche, 1975. L'esercizio del disegno. I Vanvitelli, 2 voll., Ancona, Il lavoro editoriale, s.a. [1993]: vol. I, catalogo della mostra di Ancona, Mole Vanvitelliana, 25 settembre-23 ottobre 1993; vol. II, atti del convegno di Ancona, 9 ottobre 1993. ISBN 88-7663-115-1.

Luigi Vanvitelli AA.VV., Luigi Vanvitelli e il '700 europeo, Atti del congresso internazionale di studi, Napoli-Caserta, 5-10 novembre 1973, Napoli, Universit degli Studi di Napoli, Istituto di Storia dell'Architettura, 1979 ("Celebrazioni vanvitelliane, 1973"). Pietro Carreras, Studi su Luigi Vanvitelli, Firenze, La Nuova Italia, 1977 (supplemento alla rivista Storia dell'arte). Giuseppe Centonze, Luigi Vanvitelli e Castellammare, in G. Centonze, Stabiana. Castellammare di Stabia e dintorni nella storia, nella letteratura, nell'arte, Castellammare, N. Longobardi Editore, 2006, pp. 79-98. ISBN 88-8090-223-7 Pier Luigi Ciapparelli, Luigi Vanvitelli e il teatro di corte di Caserta, Napoli, Electa Napoli, s.a. [1995]. ISBN 88-435-5227-9. Renato De Fusco et al., Luigi Vanvitelli, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1973. Cesare De Seta (con testi di AA.VV.), Luigi Vanvitelli, Napoli, Electa Napoli, 1998. ISBN 88-435-8748-X Cesare De Seta (a cura di), Comitato Nazionale per le celebrazioni del III centenario della nascita di Luigi Vanvitelli (1700-2000), Luigi Vanvitelli e la sua cerchia, catalogo della mostra di Caserta, Napoli, Electa Napoli, s.a. 2000. ISBN 88-435-8530-4. Francesco Fichera, Luigi Vanvitelli, Roma, Reale Accademia d'Italia, 1937 ("Architettura", 2). Alfonso Gambardella (a cura di), Luigi Vanvitelli: 1700-2000, atti del convegno internazionale di studi "Luigi Vanvitelli 1700-2000", Caserta, 2000, San Nicola la Strada, Edizioni Saccone, 2005. ISBN 88-902142-0-1. Jorg Garms (a cura di), Disegni di Luigi Vanvitelli nelle collezioni pubbliche di Napoli e Caserta, catalogo della mostra di Napoli, Palazzo Reale, 5 novembre 1973-13 gennaio 1974, Napoli, AGEA, s.a. 1973. Antonio Gianfrotta (a cura di), Soprintendenza per i beni ambientali architettonici artistici e storici per le province di Caserta e Benevento, Manoscritti di Luigi Vanvitelli nell'archivio della Reggia di Caserta, 1752-1773, Roma, Ministero per i Beni e le Attivita Culturali, Ufficio Centrale per i Beni Archivistici, 2000 ("Pubblicazioni degli Archivi di Stato. Fonti", 30). ISBN 88-7125-174-1 Floriano Grimaldi, Luigi Vanvitelli a Loreto. La costruzione del campanile e del Palazzo Apostolico dai documenti dell'Archivio Segreto Vaticano e dell'Archivio Storico della Santa Casa, Loreto, Centro di storia e cultura, 1975. Fausta Gualdi Sabatini, Attivit inedita di Luigi Vanvitelli a Foligno con documenti sulla chiesa di S. Salvatore, Quaderni dell'Istituto di Storia dell'Architettura, 1982, 27, fasc. 169-174. Cristiano Marchegiani, I teatri neoclassici e il rebus dellacustica. Riflessi nelle Marche di esperienze europee (con un estratto dal trattato di Chladni, e qualche nota di attualit), Quaderni Musicali Marchigiani, 2004, 11, a cura di Riccardo Graciotti, Pubblicazione dellA.Ri.M., Associazione Marchigiana per la Ricerca e Valorizzazione delle Fonti Musicali, Urbino, Edizioni QuattroVenti, 2007, pp. 23-68, a pp. 32-33, 47. ISBN 978-88-392-0806-4 Franco Strazzullo, I primi anni di Luigi Vanvitelli a Caserta, Napoli, Tipografia Laurenziana, 1964; estratto da Archivio storico di Terra di Lavoro, vol. 3. Franco Strazzullo (a cura di), Le lettere di Luigi Vanvitelli della Biblioteca Palatina di Caserta, 3 voll., Galatina, Congedo, 1976-1977. Luigi Vanvitelli (junior), Vita dell'architetto Luigi Vanvitelli, Napoli, Co' tipi di Angelo Trani, 1823. Franca Varallo, Luigi Vanvitelli, Milano, Skira, s.a. 2000. ISBN 88-8118-845-7

80

Luigi Vanvitelli

81

Voci correlate
Architettura del Settecento Architettura barocca Architettura neoclassica

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Luigi Vanvitelli

Collegamenti esterni
Sito ufficiale della Reggia di Caserta (http://www.reggiadicaserta.beniculturali.it/) Sito istituzionale della Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri (Roma) (http://www. santamariadegliangeliroma.it) Sito istituzionale della Basilica dell'Annunziata Maggiore (Napoli) (http://www.annunziatamaggiore.it) Vanvitelli e Castellammare di Stabia (http://www.stabiana.it/vanvitelli.htm)

Stupinigi
Stupinigi frazione

Dati amministrativi Stato Regione Provincia Torino Comune Nichelino Territorio Coordinate Abitanti 445941N 073613E44.99472N 7.60361E 200 [2] Altre informazioni Cod. postale 10040 Prefisso Fuso orario 011 [1] Italia Piemonte

Coordinate: 445941N 073613E44.99472N 7.60361E [1]

Stupinigi

82
Localizzazione

Stupinigi

Stupinigi (Stupinis in piemontese) una frazione di circa 200 abitanti del comune di Nichelino (TO). A Stupinigi collocata la celebre Palazzina di caccia, capolavoro di Filippo Juvarra, e il parco naturale omonimo che ospita anche il Castelvecchio di Stupinigi, un castello medioevale che fu la residenza dei marchesi Pallavicino. Confina con i territori dei comuni di Candiolo e Orbassano, alla periferia sudoccidentale di Torino.

Storia
Il castello, chiamato Castelvecchio, fu abitato dai Savoia-Acaia che nel 1439 lo vendettero al marchese Rolando Pallavicino. Nel 1563 la propriet fu ceduta a Emanuele Filiberto, quando questi trasfer la capitale del ducato di Savoia da Chambry a Torino. In seguito Emanuele Filiberto don il territorio di Stupinigi all'Ordine dei santi Maurizio e Lazzaro, noto oggi come Ordine Mauriziano. Nel 1729 Vittorio Amedeo II, nella sua veste di Generale Gran Maestro dell'Ordine, decise la costruzione dell'attuale Palazzina come residenza della famiglia reale e della nobilt torinese durante le battute di caccia. Nel 1832 la Palazzina pass alla famiglia reale, nel 1919 fu ceduta al Demanio statale, e nel 1925 ritorn all'Ordine, cos come le propriet circostanti. La frazione fu separata dal territorio comunale di Vinovo e aggregata a quello di Nichelino il 26 luglio 1868.[3] La Palazzina di Caccia in restauro dal 1987. Su di essa e sull'adeguamento museale lavorano gli architetti Roberto Gabetti (1925-2000), Aimaro Oreglia d'Isola e Maurizio Momo.

Il Parco
Il Parco naturale di Stupinigi stato istituito nel 1991 e si estende per 1732 ettari, comprendenti zone agricole e boschive. Oltre al territorio di Nichelino interessa anche parte di quelli dei comuni confinanti di Candiolo e Orbassano. I cervi sono scomparsi da pi di un secolo, ma l'area ancora popolata da scoiattoli, moscardini, volpi, donnole, faine, lepri, e varie specie di volatili, tra i quali la cicogna bianca. collegato al Parco fluviale del Po di Torino Sud e a Pinerolo da due piste ciclabili.

Stupinigi

83

Note
[1] http:/ / toolserver. org/ ~geohack/ geohack. php?pagename=Stupinigi& language=it& params=44_59_41_N_07_36_13_E_type:landmark& title=Stupinigi [2] Approssimativamente [3] Regio Decreto n 4528

Bibliografia
Roberto Baffert e Francesco Fenoglio, Castelvecchio di Stupinigi: storia e trasformazioni, Cavallermaggiore, Centro Stampa, 1998, ISBN 88-86637-10-1 Carlo Balma Mion, "Lodovico B (1721-1800). Misuratore, soprastante, architetto", Trento, UNI Service, 2007, ISBN 978-88-6178-060-6

Voci correlate
Parco naturale di Stupinigi Palazzina di caccia di Stupinigi

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Stupinigi

Collegamenti esterni
Legge regionale di istituzione del Parco Naturale di Stupinigi, 1992 (http://arianna.consiglioregionale. piemonte.it/base/leggi/l1992001.html) Sito del Parco di Stupinigi (http://www.parks.it/parco.stupinigi/index.html)

tienne-Louis Boulle

84

tienne-Louis Boulle
tienne-Louis Boulle (Parigi, 12 febbraio 1728 Parigi, 6 febbraio 1799) stato un architetto e teorico dell'architettura francese del periodo neoclassico, le cui opere hanno profondamente influenzato gli architetti contemporanei. L'architetto nei suoi progetti utilizz volumi elementari, monolitici e di scala colossale, in modo da creare edifici con un valore simbolico accentuato e drammatizzato dal gioco delle luci e ombre.

Biografia
Etienne-Louis Boulle nacque da Claude Louis, architetto del re, e da Marie-Louise Boucher. Dopo aver iniziato gli studi di pittura, presso Jean-Baptiste Marie Pierre, fu costretto dal padre ad intraprendere la professione di architetto. Dopo avere studiato con Jacques-Franois Blondel, nel 1746 inizi a lavorare con Germain Boffrand, poi con Jean Laurent Legeay. Nel 1746 divenne insegnante alla parigina cole Nationale des Ponts et Chausses. Nel 1762 fu candidato allAcadmie Royale d'Architecture, dove fu ammesso nellagosto dello stesso anno, come membro di seconda classe, e nel 1777 fu candidato come membro di prima classe. Tra il 1766-1768 costru lHtel Alexandre.

Progetto per una biblioteca pubblica, veduta dell'interno

Progetto di cenotafio di Newton, veduta dall'esterno

A partire dagli anni ottanta progett le sue invenzioni pi spettacolari, del 1784-1785 il progetto della Biblioteca reale, da realizzarsi sull'area del convento dei cappuccini a Parigi, costruita su una linee di fuga costituite da innumerevoli libri che conducono ad un orizzonte luminoso, un monumento al sapere piuttosto che un luogo funzionale allo studio. Sempre di quegli anni anche il progetto per il Cenotafio da dedicare a Newton, studiato a forma di sfera, di cui scrisse Boulle: "O Newton, come con la vastit della tua sapienza e la sublimit del tuo genio hai determinato la forma della terra, cos ho concepito lidea di racchiuderti nella tua stessa scoperta". Al periodo post-rivoluzionario risalgono i disegni per una fortezza, dalle massicce proporzioni, e per l'ingresso a un cimitero.

Influenza culturale
Boulle stato citato da Peter Greenaway nel film Il ventre dell'architetto, il cui protagonista ne ossessionato al punto da diventarne un emulatore, nellarte come nella morte. Il progetto per una biblioteca pubblica stato realizzato grazie alle tecniche digitali per il film Al di l dei sogni.

Voci correlate
Architettura neoclassica Cenotafio di Newton

tienne-Louis Boulle

85

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/ Category:tienne-Louis Boulle Wikiquote contiene citazioni: http://it.wikiquote.org/wiki/tienne-Louis Boulle

Collegamenti esterni
Biografia [1] (FR) Biografia [2]

References
[1] http:/ / www. vitruvio. ch/ arc/ masters/ boullee. php [2] http:/ / gallica. bnf. fr/ themes/ imaXVIII4. htm

Claude-Nicolas Ledoux
Claude-Nicolas Ledoux (Dormans, 21 marzo 1736 Parigi, 18 novembre 1806) stato un architetto e urbanista francese. Ledoux stato uno degli esponenti pi importanti dell'architettura neoclassica. La sua straordinaria ricerca architettonica, simile in certi versi a quella di tienne-Louis Boulle, giunse ad un linguaggio semplificato ed innovatore, indirizzato verso forme pure: piramidi, sfere e cubi, che aspira a creare un'architettura "parlante", cio simbolica, in grado di comunicare la propria funzione civile.

Biografia
Figlio di un modesto mercante, grazie ad una borsa di studio frequent a Parigi il collegio di Beauvais (1749-1753). Inizialmente fu interessato alla grafica e si guadagn da vivere incidendo scene di Claude-Nicolas Ledoux battaglia[1]. Ma poco dopo si dedic all'architettura, al cui studio fu iniziato dal maestro pi autorevole della Parigi di quel tempo, Jacques-Franois Blondel. Tuttavia Ledoux non sub gli influssi del maestro, non segu la via del classicismo francese e non fece il viaggio a Roma, come la maggior parte degli architetti parigini[2]. Entr nel 1758 nello studio di Louis-Franois Trouard e per mezzo di questi, ritornato da Roma nel 1757, Ledoux scopr l'architettura antica ed in particolare i templi di Paestum, che dovevano esercitare una grande influenza sulla sua estetica.

La carriera
Entr in contatto con Pierre Contant d'Ivry e Jean-Michel Chevotet, due affermati architetti che lo introdussero nell'ambiente della loro ricca clientela presso la quale stava passando di moda lo stile Luigi XV. Inizi cos un'attivit professionale di successo progettando residenze cittadine e padiglioni di campagna per la nobilt e l'alta borghesia, in uno stile nuovo che diventer presto di moda. Dal 1770 in poi cominci ad avere incarichi dalla pubblica amministrazione, e la sua fama crebbe notevolmente da quando cominci a lavorare nella capitale e nel Louveciennes per conto della contessa Madame du Barry[3]. Dal 1771 al 1793 fu ispettore delle saline statali in Franca Contea, alle dipendenze di Jean-Rodolphe Perronet, celebre primo direttore dell'cole des Ponts et des Chausses[4]. In questo periodo elaborer alcuni dei suoi progetti pi significativi, fra i quali realizz la costruzione

Claude-Nicolas Ledoux ad Arc-et-Senans degli edifici destinati all'estrazione del sale ed il teatro di Besancon. Nel 1773 fu ammesso come membro dell'Accademia Reale di Architettura e la fama dell'architetto si diffuse ben presto anche all'estero. Il Langravio di Assia-Kassel gli commission il progetto di una biblioteca; per l'allora Prussiana Neuchatel gli fu conferito l'incarico di progettare un municipio[5]. Quando Giuseppe II e Paolo I soggiornarono a Parigi, l'incisore Johann Georg Wille gli fece conoscere ed apprezzare le doti dell'architetto francese. In seguito l'imperatore Paolo I si fece recapitare numerosi disegni di Ledoux a Pietroburgo[6]. Nel 1784 gli fu commissionato dagli appaltatori statali il progetto della cinta daziaria intorno a Parigi. Durante la Rivoluzione nel 1793 l'artista, in quanto seguace del Luigi XVI, fu imprigionato e liberato dopo diversi mesi grazie all'intervento della sorella. Una volta libero, l'architetto si ritir dalla professione e, nonostante la situazione a lui ostile, durante il suo ozio involontario si dedic a scrivere il suo trattato, "L'architecture considre sous le rapport de l'art, des moeurs et de la lgislation", pubblic a sue spese il primo volume nel 1804[7].

86

Opere
Opere giovanili
Di questo primo periodo sono: lo Chteau dEaubonne (1762-63), l'Htel dHallwyl (1764-66), con la facciata risolta in un possente bugnato rustico, l'Htel dUzs (1764-67), lo Chteau de Benouville (1768-77) e l'Htel de Montmorency (1770-72), quest'ultimo impostato planimetricamente su un asse diagonale, con ambienti circolari ed ovali, in modo da ottenere una migliore distribuzione degli interni e risolvere il problema della disposizione ad angolo: al piano terra si susseguono: l'ingresso, il vestibolo e lo scalone, mentre al piano nobile: l'anticamera, la sala da pranzo e il Hotel d'Hallwyll, 1764-66 salotto rotondo, con su entrambi i lati dell'asse diagonale una camera da letto, fornita di camerino, spogliatoio e guardaroba. Nel 1771 complet il Pavillon de Louveciennes, commissionato dal re di Francia per la sua protetta Madame du Barry, interamente decorato e arredato in stile neoclassico, con pilastri lisci, bassorilievi classici e controsoffitti a nido dape (lacunari).

Le saline
Dal 1771 al 1793 fu ispettore delle saline statali in Franche-Compt. In questo periodo elabor progetti per l'ampliamento degli edifici delle saline di Chaux, presso il villaggio di Arc-et-Senans, vicino Besanon. Ledoux progett un'intera citt impostata su un anello ellittico il cui perimetro era formato da due serie concentriche di edifici: l'interno riservato agli uffici amministrativi, l'esterno ad edifici per attrezzature, residenze di vario tipo, tra cui un ospizio, un mercato e un cimitero; e strutture a carattere pubblico: il Palazzo della Concordia, la Casa

Arc-et-Senan, residenza del direttore

dell'Unione,

il

Tempio

della

Claude-Nicolas Ledoux

87

Memoria, la Casa della Vita Comune, la Casa dell'Educazione. Infine l'asse sul diametro minore veniva a coincidere con la casa del direttore e con le officine. I lavori iniziati nel 1775, per questa moderna "citt ideale", non vennero mai portati a termine, interrompendosi nel 1779. I pochi edifici realizzati mostrano l'impiego di forme semplici ma imponenti, mentre la decorazione si ispira a motivi arcaici come nel portico di accesso, scavato in modo tale da emulare la roccia naturale.
Claude-Nicolas Ledoux, Teatro di Besanon, 1784

Altre opere della maturit


Tra il 1775 e il 1784 realizz il teatro di Besanon, con un portico ionico senza frontone e, allinterno, un emiciclo sormontato da un colonnato dorico. In questo teatro, oltre a importanti novit nei caratteri distributivi nella sala[8], egli introdusse per la prima volta nella storia dell'architettura, la buca d'orchestra[9], elemento poi ripreso e sviluppato un secolo pi tardi da Gottfried Semper per la costruzione del Festspielhaus di Bayreuth[10]. Nel 1776 inizi i lavori per l'Htel Thlusson, la residenza di una vedova di un ricco banchiere, considerata come una delle maggiori attrazioni di Parigi, costruita con geometrica semplicit, cui si accedeva attraverso un arco trionfale che portava a un giardino all'inglese. Nel 1783 costru a Compigne un magazzino del sale, di cui resta solo la facciata porticata e nel 1786 progett le carceri ed il Palais de Justice ad Aix-en-Provence la cui costruzione fu interrotta dalla rivoluzione. Nel 1792 edific un gruppo di quindici case dalle chiare forme geometriche, inserite liberamente entro un giardino all'inglese.

La cinta daziaria
Nel 1784 gli fu commissionato dalla Ferme gnrale (concessionaria della riscossione del dazio), forse per interessamento di Charles-Alexandre Calonne, amico di studi, il progetto della cinta daziaria intorno a Parigi utilizzata per riscuotere la tassa dell'octroi, una tassa da pagare sulle merci trasportate in citt dal contado, ostacolando il contrabbando sorto dopo la demolizione dell'antica cinta muraria. La costruzione del muro alto quasi 3,50 m e lungo pi di 22 km e delle porte daziarie, iniziata nel tra il 1785, in gran fretta e segretezza, rese molto conosciuto l'architetto, anche a causa Barrire de la Villette delle polemiche e del malcontento che accompagnarono la realizzazione di tale impopolare infrastrutture. Nel 1789 furono temporaneamente sospesi e lavori e gli fu tolto l'incarico, forse per la forte spesa necessaria per realizzare le grandiose strutture che Ledoux aveva immaginato al posto delle semplici strutture utilitaristiche immaginate dai committenti. Roventi furono anche le critiche per il linguaggio architettonico, ritenuto eccessivamente moderno, basato sull'uso del bugnato, del

Claude-Nicolas Ledoux

88 dorico, di forme geometriche semplici e di prototipi antichi e rinascimentali, dando vita ad un sistema combinatorio apparentemente infinito. Tuttavia i lavori furono conclusi e nel 1790 la cinta daziaria entr in funzione. Dopo le distruzioni rivoluzionarie, e la demolizione del muro nel 1860, oggi rimangono solo quattro dei caselli che segnavano l'ingresso in Parigi delle principali strade di accesso alla citt attraverso la cinta daziaria. Barrire de la Villette

Barrire de Chartres

In particolare la pi famosa la Barrire de la Villette, che, insieme ad altre quarantacinque barrires, segnava il perimetro della citt e ne costituiva un ingresso monumentale. In quest'opera un due forme elementari, una croce greca e un cilindro contenente la cupola, in modo da sovrapporre ad una forma cubica, con un imponente porticato formato da pilastri tuscanici con semplici capitelli, una forma sferica. Inoltre l'effetto di grande imponenza viene accentuato dal chiaroscuro dato dall'alternanza di pieni e vuoti e dal contrasto generato dalle finestre quadrate dellattico e dagli archi semicircolari al di sotto di esse. Barrire de Chartres la Barrire de Chartres, oggi rotonda all'ingresso del parc Monceau la letterale riproposizione del Tempietto di San Pietro in Montorio del Bramante. La piccola opera conferma alcune caratteristiche dell'opera di Ledoux come il gusto archeologico, l'uso di forme geometrice semplici, l'interesse quasi esclusivo per l'ordine dorico, quasi come unico strumento linguistico del suo nuovo classicismo semplificato, geometrico e massiccio.

Barrire du Trne

Barrire du Trne Posta in corrispondeza dell'attuale Place de la Nation, sulla strada per Vincennes, consisteva di due padiglioni e di due colonne isolate di 28 metri di altezza, sormontate da statue poste nel 1845, che inquadrano uno dei viali d'ingresso in citt. Le due enormi colonne doriche richiamano l'archetipo della Colonna Traiana, ma anche l'opera di Fisher von Erlach e precedenti progetti di Ledoux, tra cui uno per il Castello di Bourneville[11]. Ledoux aveva anche progettato di arricchire di bassorilievi le colonne ad imitazione del modello romano, ma rinunci a favore di insolite striature piatte, derivate dal testo vitruviano.

Barrire d'Enfer

Claude-Nicolas Ledoux Nei pressi di questa barriera fu innalzata una ghigliottina nel periodo del Terrore. Barrire d'Orlans La Barrire d'Orlans o Barrire d'Enfer, dal nome della piazza sul cui margine si trovava, era costituita essenzialmente da due padiglioni cubici che si sono conservati. Si tratta di edifici caratterizzati da arcate con grandi bugne e da un frezio a bassorilievo. Da uno dei due edifici si accede ad un grande complesso ipogeo di gallerie, formato dall'estrazione di gesso e calcare (le cosiddette Catacombes).

89

Eredit culturale
Ledoux in tarda et si dedic a scrivere il suo trattato, "L'architecture considre sous le rapport de l'art, des moeurs et de la lgislation", che venne pubblicato nel 1804. Sul frontespizio del suo trattato, con consapevole superbia, fece imprimere le parole di Orazio "Exegi monumentum"[12] Ledoux pass gli ultimi anni della sua vita raccogliendo ed approntando i suoi progetti, portando alle estreme conseguenze la sua architettura "parlante", elaborando un nuovo tipo di darchitettura che, sacrificando la funzionalit dell'edificio, potenziasse la comunicazione Claude-Nicolas Ledoux, Progetto per una casa delle guardie campestri, 1790 circa, Parigi, Bibliothque Nationale simbolica, progettando strutture formate di pure sfere, cubi, cilindri e piramidi, che egli collocava in un paesaggio ideale, assolutamente impraticabili; ad esempio, se per un bordello si poteva dare in pianta la forma di fallo, alla casa dei sorveglianti del fiume si poteva dare la forma di un ponte sopra una cascata, mentre per un bottaio era adatta la forma di cerchio di botte. I suoi disegni, tradotti in incisioni, furono lo strumento con cui l'architettura di Ledoux e di tienne-Louis Boulle, l'altro grande architetto di quella che viene detta "architettura della Rivoluzione", venne conosciuta in tutta Europa, influenzando un'intera generazione di architetti del Neoclassicismo.

Note
[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] Emil Kaufmann, Da Ledoux a Le Corbusier, Milano, 1973, p. 11 Emil Kaufmann, cit., p. 11 E. Kaufmann, cit., p. 12 A.Widler Claude Nicolas Ledoux. 1736 1806, 2008 E. Kaufmann, cit., p. 13 E. Kaufmann, cit., p. 13 E. Kaufmann, cit., p. 18 Donald C. Mullin, The development of the playhouse: a survey of theatre architecture from the Renaissance to the present, University of California press, 1970, pp. 103-104. [9] http:/ / theatreledouxbesancon. blogspot. com/ [10] Patrick Carnegy, Wagner and the art of the theatre, Yale University Press publications, 2006, p. 71. [11] Giorgio Simoncini, Ritorni al passato nell'architettura francese: fra Seicento e primo Ottocento, 2001. [12] Emil Kaufmann, Da Ledoux a Le Corbusier, Milano, 1973, p. 24. Le parole tratte dal III libro delle Odi ed esattamente dall'Ode n. XXX, dove l'autore si autocelebrava, cominciando con il verso Exegi monumentum aere perennius (trad. it.:Ho compiuto un monumento pi perenne del bronzo)

Claude-Nicolas Ledoux

90

Bibliografia
Daniel Rabreau, Claude Nicolas-Ledoux 1736-1806: l'architecture et les fastes du temps, Bordeaux, 2000. ISBN 2-85822-846-9 Emil Kaufmann, Da Ledoux a Le Corbusier, Mazzotta, Milano, 1973. Marco Pogacnik, Sulla nozione di spazio in Claude-Nicolas Ledoux. La colonna, la luce e la sostruzione (http:// www.cisapalladio.org/annali/pdf/a16_07_pogacnik.pdf), in "Annali di Architettura", n. 16, Vicenza 2004 (in pdf).

Voci correlate
Architettura neoclassica

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Claude Nicolas Ledoux

Collegamenti esterni
Breve filmato (in francese) sulle Saline d'Arc-et-Senans realizzato e messo in rete da CRDP Franche-Comt (http://www.youtube.com/watch?v=o64XH8ZsRms&feature=related) Breve filmato (in francese) sulla Cit idale realizzato e messo in rete da CRDP Franche-Comt (http://www. youtube.com/watch?v=wQOhCabLQ_Q&feature=related) Breve filmato (in francese) sul Teatro di Besanon realizzato e messo in rete da CRDP Franche-Comt (http:// www.youtube.com/watch?v=5Yqj81ii1pQ&feature=related)

Cenotafio di Newton

91

Cenotafio di Newton
Nel progetto di un cenotafio per Newton, centrato su un enorme sfera circondata da tre file di cipressi su alti basamenti,
Boulle celebrava la scienza sperimentale attribuendo all'eroe della nuova cosmologia un mausoleo che presuppone e moltiplica quelli di Augusto e di Adriano (Salvatore Settis, 2004
[1]

Il Cenotafio di Newton (noto anche come Mausoleo di Newton[2]) un celebre progetto dai connotati utopici redatto da tienne-Louis Boulle. Il progetto era costituito da un'immensa sfera alta oltre 150 metri, all'interno della quale doveva essere collocata una sfera armillare. All'esterno erano previsti tre alti basamenti su cui erano collocate file di cipressi. Il disegno, con il suo gigantismo e le sue forme geometriche elementari in cui confluiscono gli ideali dell'Illuminismo, rappresenta l'opera pi celebre dell'architetto francese ed un caposaldo della cosiddetta architettura rivoluzionaria. Il progetto, non realizzato, risale al 1784 ed esprime la sintesi degli ideali di Boulle: O Newton! Se con l'estensione dei tuoi lumi e il sublime tuo genio hai definito la figura della terra, io ho concepito il progetto di avvolgerti nella tua stessa scoperta.[3] Lo scopo del progetto era quindi quello di generare nell'osservatore sensazioni cosmiche davanti ad uno spazio che doveva riprodurre l'immensit dell'universo. La sfera adagiata su una base cilindrica a gradoni fiancheggiata da cipressi, mentre l'interno illuminato dagli astri mediante alcune aperture ricavate sulla superficie; il mausoleo vero e proprio viene collocato alla base della sfera.

Prospetto

Sezione

Note
[1] Salvatore Settis, Il futuro del 'classico', Einaudi, Torino, 2004, p.50, ISBN: 88-06-14380-8 [2] Renato De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, Bari, Laterza, 1999, p. 461. [3] Architecture. Essai sur l'art, a cura di Montclos, p. 137.

Bibliografia
Renato De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, Bari, Laterza, 1999. Robin Middleton, David Watkin, Architettura dell'Ottocento, Martellago (Venezia), Electa, 2001. Nikolaus Pevsner, John Fleming, Hugh Honour, Dizionario di architettura, Torino, Einaudi, 2005.

Cenotafio di Newton

92

Voci correlate
Architettura neoclassica Isaac Newton

Marc-Antoine Laugier
Marc-Antoine Laugier (Manosque, 1713 Parigi, 1769) stato un teorico dell'architettura francese, che con la sua opera contribu al dibattito teorico all'interno del neoclassicismo europeo. Allievo dei gesuiti, entr nell'ordine e, lasciata la natia Provenza, visse in diverse citt, maturando una grande cultura in vasti campi del sapere e dimostrando capacit come predicatore, tanto da leggere i propri sermoni anche a corte, dopo il suo trasferimento a Parigi. Spirito originale e vivace, fu apprezzato anche dagli enciclopedisti ed i filosofi illuministi. Nel 1755 lascia il suo ordine in seguito a sermoni eccessivamente critici pronunciati a Versailles ed entra nell'ordine benedettino.

Essai sur l'architecture


Nel 1753 pubblic la prima edizione dell'Essai sur l'architecture a cui segu nel 1755 la seconda edizione revisionata e firmata, subito tradotta in varie lingue.[1] Il trattato rielabora temi di Jean-Louis de Cordemoy[2], un teorico dell'architettura francese del primo XVIII secolo.[3] La tesi principale del saggio la convinzione che la natura Frontespizio dell'Essai sur l'architecture ed 1755 sia il principio originario dell'architettura e della teoria dell'architettura. Una visione peraltro vicina al pensiero di Jean-Jacques Rousseau. A tale principio Laugier unisce la convinzione che l'architettura possa essere interamente determinata dalla ragione, secondo gli esiti dell'illuminismo. Questa doppia radice del suo pensiero si concretizza nell'assunto che l'architettura, per essere razionale, deve essere naturale. Il saggio influenz notevolmente la cultura architettonica neoclassica, che cominciava ad affermarsi in opposizione al barocco et al rococ. La sua influenza giunse fino a tienne-Louis Boulle. Laugier fu anche tra i primi a svalutare l'architettura romana e riscoprire l'architettura greca [4] e l'ordine dorico, come fonte originaria del classicismo ed a rivalutare l'architettura gotica.[5] In alcuni passi del trattato si ipotizza addirittura la possibilit di un'architettura senza ordine.[6] L'immagine che pi caratterizzer la conoscenza del suo trattato in tutta Europa tuttavia il concetto della cosiddetta "capanna primitiva", derivata da Vitruvio come archetipo in legno delle costruzioni umane e degli ordini architettonici, efficace esemplificazione del pensiero architettonico di Laugier che trova una singolare coincidenza con i temi propri del veneziano Carlo Lodoli.[7]

Marc-Antoine Laugier

93

Opere
(FR) Essai sur l'architecture, Paris, 1753 Observations sur l'architectureLa Haye, 1765 Testo in francese [8] Histoire de la Rpublique de Venise, 1759-1768

Note
[1] In Italia ebbe una gran diffusione tra gli architetti e gli studiosi, in lingua originale.Vittorio Ugo(a cura di) Laugier e la dimensione teorica dell'architettura, 1990 [2] Robert A. Stern, "Classicismo moderno", Baio Editore 1990, pag. 15 [3] M.L. Scalvini, Da Codemoy a Laugier, in "Laugier e la dimensione teorica dell'architettura", a cura di Vittorio Ugo, 1990. [4] Giorgio Simoncini, Ritorni al passato nell'architettura francese: fra Seicento e primo Ottocento,pag.156, 2001 [5] Giorgio Simoncini, Op. cit.,pag.52, 2001. [6] Giorgio Simoncini, Op. cit.,pag.182, 2001. [7] M.L. Scalvini, Da Codemoy a Laugier, in "Laugier e la dimensione teorica dell'architettura", a cura di Vittorio Ugo, 1990. [8] http:/ / books. google. fr/ books?id=baw5AAAAcAAJ& client=firefox-a& pg=PR3#v=onepage& q& f=false

Stile Impero
Lo stile Impero fu l'esaltazione della decorazione pompeiana
(Mario Praz)

Lo stile Impero una corrente del Neoclassicismo che interess l'architettura, l'arredamento, le arti decorative e le arti visive del XIX secolo. Si svilupp durante l'et napoleonica, al fine di celebrare l'ascesa al potere di Napoleone Bonaparte e si diffuse in gran parte dell'Europa.

Architettura
Nell'architettura, lo stile Impero si afferm tra il 1805 ed il 1814, ma rimase in auge anche nei decenni successivi. Dal punto di vista formale fu influenzato fortemente dalle costruzioni della Roma imperiale ed in parte, dopo la campagna d'Egitto, anche dalle architetture egiziane; i principali architetti che affermarono le nuove tendenze furono Charles Percier e Pierre-Franois-Lonard Fontaine, nominati da Napoleone "Architectes des Palais du Premier et Deuxime Consuls". I due collaborarono ad esempio nella costruzione dell'Arco di Trionfo del Carrousel a Parigi (1806-1808), voluto dallo stesso Napoleone per commemorare le sue vittorie militari e realizzato su modello degli archi di Settimio Severo e di Costantino a Roma; un altro arco di trionfo, di forme ancora pi imponenti, fu innalzato al termine degli Champs-lyses ad opera dell'architetto Jean Chalgrin.

Arco di Trionfo del Carrousel, a Parigi

Sempre nella capitale francese, Napoleone ordin la costruzione del Tempio della Gloria (successivamente

Stile Impero

94

trasformato nella chiesa della Madeleine), un maestoso edificio nel quale vennero riprese le forme della Maison Carre di Nmes, ma che storici alcuni hanno giudicato come "una parafrasi senza vita di un antico tempio romano".[1] Sul fronte opposto alla facciata della Madeleine, oltre la Senna, nel 1808 fu aggiunto un grande, quanto superficialmente formale[2], portico al preesistente Palazzo Bourbon. L'impronta napoleonica port anche alla trasformazione, tra il 1806 ed il 1810, di Place Vendme, al centro della quale fu eretta una colonna in bronzo ad imitazione della Colonna Traiana di Roma: sulla cima fu collocata la statua (distrutta nel 1814) dello stesso imperatore francese nelle sembianze di Cesare.

Parigi: la chiesa della Madeleine

In Italia, negli anni dell'ascesa di Bonaparte, si registra ad esempio la costruzione dell'Arco della Pace a Milano, di Luigi Cagnola (1807), il progetto di Giovanni Antonio Antolini per il Foro Bonaparte, la realizzazione della piazza del Plebiscito a Napoli, iniziata sotto Gioacchino Murat, ed infine la sistemazione di piazza del Popolo a Roma, avviata da Giuseppe Valadier.[3] Successivamente, lo stile Impero caratterizz gli anni postunitari del Regno d'Italia.

Arredamento e arti visive


Cos come per l'architettura (che riprende le sembianze del tempio romano), anche nell'arredamento prevalgono i temi derivati dal passato. Al gusto dell'equilibrio e delle proporzioni si aggiunsero decorazioni con motivi greci, romani, egiziani ed inoltre colonne, fregi, pilastri. Nella pittura, i principali artisti furono Jacques-Louis David e Jean Auguste Dominique Ingres. David, fin dal suo primo incontro con Napoleone, divenne un suo grande ammiratore e nel 1797 inizi a preparare degli studi per un suo ritratto commissionatogli. Le opere di David celebrarono i momenti pi importanti della carriera politica di Bonaparte: Napoleone al passo del Gran San Bernardo (1800), L'incoronazione di Napoleone e Giuseppina (1805-1807) e Napoleone nel suo studio (1812) rivelano toni fortemente propagandistici, esaltando Napoleone come un eroe per la patria (soggetto poi ripreso nella corrente culturale in contrapposizione, il Romanticismo), tanto che, dopo la sconfitta di Napoleone a Waterloo (1815), David fu costretto a rifugiarsi in Svizzera ed in seguito a Bruxelles.

Napoleone I attraversa il Passo del San Bernardo, di David

Ingres ebbe anche lui un ruolo fondamentale nell'arte di quegli anni: rispolver l'arte del ritratto, che, dalla seconda met del Settecento, divenne di dominio pubblico: tutti i nobili e i cittadini facoltosi infatti, se non possedevano un loro ritratto, venivano considerati "retrogradi", un po' come ai tempi di Luigi XVI. Tra le sue opere pi celebri di quel periodo troviamo Napoleone sul trono imperiale e L'apoteosi di Omero. Nella scultura doveroso ricordare il nome di Antonio Canova, ritrattista ufficiale del Bonaparte: suo il Monumento a Napoleone I, collocato a Milano presso la Pinacoteca di Brera e realizzato tra il 1807 ed il 1808. Canova ritrasse pure Paolina Bonaparte, sorella di Napoleone, seminuda, semisdraiata su un triclinio romano, con

Stile Impero una mela in mano, nell'allegoria di "Venere vincitrice".

95

Napoleone sul trono imperiale, di Ingres

Monumento a Napoleone I, di Canova

Tavolo in stile Impero

Trono di Napoleone

Eugenio Brusa, calice del Mistero Eucaristico, 1823

Note
[1] R. Middleton, D. Watkin, Architettura. Ottocento, Martellago (Venezia) 2001, p.203. [2] R. Middleton, D. Watkin, Architettura. Ottocento, cit. p.206. [3] Il primo progetto di Valadier per la piazza del Popolo risale al 1793; il disegno definitivo fu approntato nel 1816 e teneva conto di alcuni interventi effettuati in precedenza da architetti francesi.

Bibliografia
R. De Fusco, Mille anni d'architettura in Europa, Bari 1999. R. Middleton, D. Watkin, Architettura. Ottocento, Martellago (Venezia) 2001. N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino, 1981. M. Praz, Gusto neoclassico, Milano, 2003 ISBN 88-17-10058-7

Stile Impero

96

Voci correlate
Neoclassicismo Architettura neoclassica Napoleone Bonaparte Et napoleonica Architettura francese

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Empire (style)

Ange-Jacques Gabriel
Ange-Jacques Gabriel (23 ottobre 1698 4 gennaio 1782) stato un architetto francese. Fu il maggior architetto francese del XVIII secolo. Il suo stile, che sotto certi aspetti anticipa il Neoclassicismo, riprende i canoni del Classicismo francese di Franois Mansart, senza confluire nel Rococ.

Ange-Jacques Gabriel

Biografia
Si form a Parigi sotto il padre, non visit mai l'Italia e divenne premier architecte, incarico che lo port a lavorare per Luigi XV e Madame de Pompadour. Per il sovrano fu impegnato nell'ampliamento di alcune residenze reali a Fontainebleau, Compigne e Versailles (dove costru l'elegante Teatro dell'Opera della Reggia). A Parigi, nel 1752, inizi la costruzione della cole Militaire, mentre nel 1755 fu approvato il suo progetto per la vasta Place de la Concorde, all'epoca nota come Place Louis XV: i disegni originari della piazza definivano uno spazio assai diverso da quello attuale,

Progetto per Place de la Concorde, Parigi

Ange-Jacques Gabriel frutto di piani redatti in epoca napoleonica, con due palazzi che delimitavano uno spazio chiuso da una serie di balaustre. Gli edifici erano chiaramente ispirati al prospetto di Claude Perrault per la facciata del Louvre, con un leggero colonnato eretto sopra un basamento porticato. Di poco posteriore alla celebre piazza parigina il Petit Trianon, considerato dalla critica il capolavoro di Gabriel.[1] L'edificio, costruito tra il 1761 ed il 1768, deve qualcosa al Palladianesimo inglese, ma nella composizione elegante e proporzionata assolutamente francese. All'interno gli ambienti sono distribuiti in base alla loro funzione e non tanto ad esigenze estetiche di simmetria, mentre l'esterno molto semplificato e privo di eccessive decorazioni, essendo definito da un rigoroso ordine di grandi aperture vetrate.

97

Note
[1] N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino, Einaudi, 1981, voce Gabriel, Ange-Jacques.

Petit Trianon, Versailles

Bibliografia
R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, Martellago (Venezia), Electa, 2001. N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino, Einaudi, 1981.

Voci correlate
Architettura neoclassica

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/ Category:Ange-Jacques Gabriel

Porta di Brandeburgo

98

Porta di Brandeburgo
Coordinate geografiche: 523059N 132240E52.5163N 13.3777E
[1]

La Porta di Brandeburgo (in tedesco Brandenburger Tor) una porta neoclassica di Berlino. Si trova fra i quartieri di Mitte e Tiergarten. il monumento pi conosciuto della citt, e simbolo dellunit tedesca.

Storia
Venne costruita a partire dal 1788 ed aperta al traffico il 6 agosto del 1791 da Carl Gotthard Langhans che prese spunto dalla ricostruzione dei Propilei di Atene La Porta di Brandeburgo pubblicata da Leroy nel "Ruines des plus beaux Monuments de la Grce" nel 1758. Lo stile utilizzato da Langhans definibile come dorico-romano semplificato, infatti alla base delle colonne sono presenti delle basi e alla fine del fregio compaiono mezze metope, in contrasto con lo stile dorico che prevede colonne senza basi e la parte terminale del fregio risolta con un triglifo. Essa costituisce il punto finale occidentale del viale Unter den Linden presso la Pariser Platz. La porta alta 26 metri e larga 65. Le colonne doriche in pietra, che a terra hanno un diametro di 1,75 metri, creano 5 punti di passaggio. Dopo l'abbattimento delle mura cittadine, Johann Heinrich Strack aggiunse nel 1868 ai lati della costruzione centrale due basse costruzioni. La quadriga sulla sua sommit fu creata nel 1794 da Johann Gottfried Schadow. Napoleone I la trasport nel 1807 a Parigi, come bottino di guerra. Nel 1814 i prussiani la riportarono indietro, ed aggiunsero la croce di ferro alla corona che sormonta lasta in mano alla dea della pace. Durante la Guerra Fredda si trovava a Berlino Est vicino al muro che divise Berlino dal 1961 al 1989. La costruzione e la quadriga vennero seriamente danneggiate durante la seconda guerra mondiale e restaurate tra il 1956 ed il 1958. Gli stampi originali della quadriga si trovavano fortunatamente ancora nel deposito della fonderia Noack a Berlino ovest.

La quadriga, vista notturna

I resti del Muro di Berlino e dei vari sbarramenti nelle vicinanze della porta vennero a mano a mano completamente demoliti. La notte di capodanno del 1989 la quadriga venne di nuovo danneggiata, ma gi nel 1991 vennero terminati i lavori di restauro.

Porta di Brandeburgo

99

Attualmente raffigurata su alcune monete (10, 20 e 50 cent di euro) emesse dalla zecca tedesca.

Significato politico della porta


Nel 1963, quando il presidente degli Stati Uniti d'America John Fitzgerald Kennedy visit la porta di Brandenburgo, i sovietici appesero grandi striscioni rossi su di essa per impedirgli di guardare ad Est. Negli anni ottanta, denunciando l'esistenza di due Stati tedeschi, il sindaco di Berlino Ovest Richard von Weizscker disse: La questione tedesca aperta fino a quando la porta di Brandenburgo rester chiusa.[2]

1988: la porta vista da Berlino Ovest, dietro al muro che divideva la citt

Il 12 giugno 1987, il presidente americano Ronald Reagan parl alla popolazione di Berlino Ovest dalla porta di Brandenburgo, chiedendo che il Muro di Berlino fosse abbattuto. Rivolgendosi al segretario generale del PCUS Michail Gorbav, Reagan disse: segretario generale Gorbav, se si cerca la pace, se si cerca la prosperit per l'Unione Sovietica e per l'Europa Orientale, se cercate la liberalizzazione: vieni qui ad aprire questa porta! Mr. Gorbav, apra questa porta! Mr. Gorbav, abbatta questo muro!

Note
[1] http:/ / toolserver. org/ ~geohack/ geohack. php?pagename=Porta_di_Brandeburgo& language=it& params=52. 5163_N_13. 3777_E_type:landmark [2] http:/ / www. reaganlibrary. com/ reagan/ speeches/ wall. asp

Voci correlate
Architettura neoclassica Architettura neogreca Muro di Berlino Guerra Fredda Brandenburger Tor (metropolitana di Berlino)

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Brandenburger Tor

Collegamenti esterni
Stiftung Denkmalschutz Berlin (Berlin Monument Conservation Foundation) (http://www. stiftung-denkmalschutz-berlin.de/projekte/brandenburger-tor) Brandenburg Gate described in its historic context. (http://www.stadtentwicklung.berlin.de/denkmal/ denkmale_in_berlin/en/unter_den_linden/brandenburger_tor.shtml) Panorama Brandenburg Gate (http://www.stadtpanoramen.de/en/berlin/brandenburg_gate.html) - Panoramic view from the Pariser Platz Webcam: Live-View of the Street "Unter den Linden" with Brandenburg Gate in Berlin, Germany (http://www. dhm.de/lindencam/) Ronald Reagan's Tear this Wall speech (http://www.reaganfoundation.org/reagan/speeches/wall.asp)

Porta di Brandeburgo Complete text, audio and video of Ronald Reagan's Brandenburg Gate Address (http://www.americanrhetoric. com/speeches/ronaldreaganbrandenburggate.htm) from AmericanRhetoric.com Bill Clinton's Berlin is free speech (http://usa.usembassy.de/etexts/ga6-940712.htm) Video News report of the Brandenburg Gate re-opening (http://www.bbc.co.uk/mediaselector/check/media/ video/otdvideo/89/12/22/6734_22-12-89?size=4x3&bgc=6699CC&nbram=1&nbram=1&bbram=1& news=1) - Real Player needed Germany, Berlin, Brandenburger Tor (http://www.arounder.eu/berlin/brandemburg.html) Virtual tour with map and compass effect by Tolomeus Panorama Brandenburg Gate 1945 (http://www.lorenzochiara.com/berlin1945) - Panoramic view into the past, 60 years after WWII Celebrating 20 years after tearing down the Berlin wall, 1989 (http://www.dailymail.co.uk/news/worldnews/ article-1226305/Berlin-Wall-Twenty-years-Germany-prepares-remember-day-wall-came-down.html) - Pictures at Brandenburg Gate on November 9, 2009 Three-dimensional view (http://sight3d.com/index.php?type=sights&id=18) of Brandenburger Gate (without plugin English, German, Spanish)

100

Christopher Wren
Sir Christopher Wren (East Knoyle, 20 ottobre 1632 Londra, 25 febbraio 1723) stato un architetto e scienziato inglesedel XVII secolo. Celebre soprattutto per il suo ruolo capitale nella ricostruzione di Londra dopo il grande incendio del 1666.

Christopher Wren

Christopher Wren

101

La vita e i suoi tempi


Wren soprattutto conosciuto per aver progettato la Cattedrale di Saint Paul, una delle pochissime cattedrali inglesi costruite dopo il medioevo, unica cattedrale in stile rinascimentale in tutto il paese. Nonostante forti opposizioni, ispirandosi alla Basilica di San Pietro a Roma riusc a costruire un edificio di valore assoluto, la seconda chiesa del mondo per dimensioni. Nato nel 1632 a East Knoyle nella contea di Wiltshire, Wren era figlio del Decano di Windsor, un incarico di nomina reale che caus La Cattedrale di Saint Paul privazioni e persecuzioni alla famiglia durante il Commonwealth, il governo puritano di Oliver Cromwell (1649 - 1660). Durante l'adolescenza conobbe il Principe Carlo, che pi tardi sal al trono come Carlo II e lo impieg come architetto di fiducia. Studi alla Westminster School, (dove Richard Busby, il Preside, ospitava copertamente giovani rampolli di famiglie realiste in difficolt) poi al Wadham College, ad Oxford, e infine fu ammesso al collegio All Souls. Nel 1657, divenne professore di astronomia al Gresham College e quattro anni dopo ottenne la cattedra in astronomia della fondazione Savile ad Oxford fino alle sue dimissioni nel 1673. Isaac Newton, raramente disposto a lodare i suoi colleghi, lo riconobbe come un brillante scienziato. Wren fu tra i membri fondatori della Royal Society, che presiedette dal 1680 al 1682. La sua prima vera prova come architetto fu lo Sheldonian Theatre, che pu ancora essere visto ad Oxford, poi progett svariati edifici universitari sia ad Oxford che a Cambridge, tra cui le cappelle del Pembroke College e dell'Emmanuel College, a Cambridge. Dopo il grande incendio di Londra, fu scelto come architetto per la nuova Cattedrale di Saint Paul, che doveva sorgere sulle ceneri della chiesa medioevale, e Wren di conseguenza si dedic totalmente all'architettura. Il progetto e la costruzione della nuova cattedrale richiesero 35 anni, dal 1675 al 1710, e contemporaneamente Wren, insieme ai suoi colleghi Robert Hooke e Nicholas Hawksmoor, progett numerosi altri edifici, tra cui 51 chiese a Londra che rimpiazzarono le 87 distrutte nell'incendio. Molte fra queste chiese sono ancora in piedi. Tra queste St Bride's, St Mary le Bow, St Clement Danes, St Benet Paul's Wharf, e St Stephen Walbrook. Inoltre collabor al progetto del Monumento al grande incendio di Londra, l'osservatorio di Greenwich, il Chelsea Hospital, l'ospedale di Greenwich, Marlborough House, l'Ashmolean Museum di Oxford, la Wren Library nel Trinity College di Cambridge, ed altri rimarchevoli edifici. Christopher Wren fu nominato Cavaliere nel 1673 e fu membro del Parlamento negli anni 1685-1688 e 1702-1705. John Aubrey riferisce che Wren entr nella massoneria nel 1691, ed stato lungamente supposto che ne fosse il Gran maestro prima del revival del 1717, ma mancano le prove di questa asserzione. Wren mor nel 1723 ed sepolto in Saint Paul. L'iscrizione a lui dedicata all'interno del grande edificio recita
(LA) (IT)

Lector, si monumentum requiris, circumspice O tu che leggi, se cerchi il (suo) monumento, guardati attorno

Christopher Wren

102

Opere maggiori
Cappelle
Pembroke College Cappella, Cambridge Emmanuel College Cappella, Cambridge Cappella Cattolica, Whitehall Palace

Chiese
Ancora esistenti St Andrew by the Wardrobe, Londra St Andrew, Holborn, Londra St Anne and St Agnes, Gresham Street, Londra St Benet Fink, Threadneedle Street, Londra St Benet Paul's Wharf, Queen Victoria Street, Londra St Bride, Fleet Street, Londra St Clement Danes, Strand, Westminster St Clement Eastcheap, Londra St Dunstan in the East, Londra St Edmund the King, Lombard Street, Londra St James Garlickhythe, Garlick Hill, Londra St James's Piccadilly, Westminster St Lawrence Jewry, Londra St Magnus Martyr, Lower Thames Street, Londra St Margaret Pattens, Londra St Margaret, Lothbury, Londra St Martin Ludgate, Londra St Mary Abchurch, Londra St Mary Aldermary, Bow Lane, Londra St Mary-at-Hill, Thames Street, Londra St Mary-le-Bow, Cheapside, Londra St Michael Paternoster Royal, College Hill, Londra St Michael, Cornhill, Londra (torre campanaria e parte superiore dell'elevato) St Nicholas Cole Abbey, Londra St Paul's Cathedral St Peter upon Cornhill, Cornhill, Londra St Stephen Walbrook, Londra St Vedast alias Foster, Foster Lane, Londra Ingrandiimento della cappella protestante dell'Hotel Savoy, Londra Chiesa di Ingestre, Staffordshire
St Mary-le-Bow, costruita negli anni 1670-80, una delle "chiese urbane" di Wren costruita dopo il Grande incendio di Londra

Scomparse All Hallows the Great, Lombard Street, Londra All Hallows, Bread Street, Londra All Hallows, Lombard Street, Londra Christ Church Newgate, Newgate Street, Londra

Christopher Wren St Alban, Wood Street, Londra St Anne's Church, Soho, Londra St Antholin, Watling Street, Londra St Augustine with St Faith, Watling Street, Londra St Bartholomew-by-the-Exchange, Exchange, Londra St Benet, Gracechurch Street, Londra St Christopher-le-Stocks, Threadneedle Street, Londra St Dionis Backchurch, Fenchurch Street, Londra St George, Botolph Lane, Londra St Mary Aldermanbury, Londra St Mary Magdalene, Old Fish Street, Londra St Mary Somerset, Thames Street, Londra St Matthew, Friday Street, Londra St Michael Queenhithe, Upper Thames Street, Londra St Michael, Crooked Lane, Londra St Michael, Wood Street, Londra St Mildred, Bread Street, Londra St Mildred, Poultry, Londra St Olave Old Jewry, Londra St Stephen Coleman, Coleman Street, Londra St Swithin London Stone, Cannon Street, Londra

103

Edifici residenziali nei Colleges


Garden Quadrangle, Trinity College, Oxford Williamson Building, The Queen's College, Oxford

Tribunali
Court House, Windsor

Ingressi monumentali, Porte


Temple Bar, Londra Tom Tower, Christ Church, Oxford

Uffici governativi
The Custom House (Palazzo delle Dogane), Londra The Navy Office (Palazzo della Marina Militare), Seething Lane, Londra

Corpi di guardia
Guard House, Windsor Castle

Ospedali
The Royal Hospital, Chelsea Royal Naval Hospital, Greenwich Morden College, Blackheath, London ( Al pari dell'Ospedale di Greenwich una casa di riposo, ma per mercanti piuttosto che marinai)

Christopher Wren

104

Palazzi
Tring Manor House, Hertfordshire Thoresby House, Nottinghamshire Bridgewater Square Development, Londra Winslow Hall, Buckinghamshire Marlborough House, St James's, Londra

Biblioteche
Lincoln Cathedral Library, Lincoln Trinity College Library, Cambridge

Monumenti
Monumento al grande incendio di Londra, Fish Street Hill, Londra

Osservatori e edifici scientifici


The Royal Observatory, Greenwich Repository, Royal Society, Crane Court, Fleet Street, Londra

Palazzi ufficiali
Winchester Palace, Winchester Cappella Cattolica, Camera di Consiglio and Galleria degli Intimi, Whitehall Appartamento della Regina e Giardino a Terrazze, Whitehall Ala Sud e Ala Est, Palazzo di Hampton Court Ricostruzione di Kensington Palace

Scuole e collegi
Upper School, Eton College, Buckinghamshire Writing School, Christ's Hospital, Londra St John Moore's School, Appleby, Leicestershire Il Wren Building nel College of William and Mary, Williamsburg, Virginia, USA

Teatri
Sheldonian Theatre, Oxford (non per rappresentazioni ma per cerimonie universitarie) Drury Lane (teatro) Londra

Christopher Wren

105

Bibliografia
On a Grander Scale: The Outstanding Career of Sir Christopher Wren. ISBN 0007107757 hardback, ISBN 0007107765 paperback His Invention So Fertile: A Life of Christopher Wren. ISBN 0195149890

Voci correlate
Professore di astronomia (Gresham College)

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/ Category:Christopher Wren

Cattedrale di San Paolo (Londra)


Coordinate geografiche: 513050N 00553W51.514N -0.098E
Cattedrale di San Paolo Saint Paul's Cathedral [1]

Facciata Paese Regione Localit Religione Diocesi Regno Unito Grande Londra Londra Cristiana anglicana Diocesi di Londra

Anno consacrazione 1708 Stile architettonico Inizio costruzione Completamento Sito web Classicismo barocco 1675 1708 (EN) sito ufficiale [2]

Saint Paul una delle due cattedrali anglicane di Londra (l'altra quella di Southwark), ubicata in Ludgate Hill, nella City. Chiesa madre della Diocesi Anglicana di Londra, l'imponente edificio considerato il capolavoro dell'architetto Christopher Wren. il secondo edificio religioso per dimensione dopo la Basilica di San Pietro in Vaticano.

Cattedrale di San Paolo (Londra)

106

La recensione
La Cattedrale di San Paolo (in inglese St Paul's Cathedral) si pone come una delle pi interessanti architetture del barocco inglese. La grande opportunit viene offerta a Christopher Wren in seguito al grande incendio del 1666 che distrusse buona parte di Londra. Da ci la citt ricevette un parziale riscatto: la scoperta della personalit empirica di Wren espressa nella ricostruzione di San Paolo e delle cinquantuno chiese cittadine. Questo compito ne rivel la freschezza dinvenzione e fantasia avventurosa, da non confondere con una mera imitazione. Non esistevano in Inghilterra precedenti di chiese classiche, se si eccettua l'opera di Inigo Jones. Proprio su questo occorre aprire una piccola parentesi per capire quelle che sono state le influenze subite dal nostro architetto, poich fu proprio Jones che agli inizi del XVII secolo, in un ambiente nordico, ancora per met goticizzante, import il classicismo italiano, conducendo a subitanea maturit larchitettura del rinascimento inglese. Infatti non esistevano qui precedenti di chiese classiche, se si eccettua lopera di Jones per la vecchia San Paolo in cui tra il 1630 e il 1640 progetta e realizza il grande portico corinzio che trasforma la cattedrale medioevale nella costruzione pi "romana" del paese. Quindi da attribuire al Jones il compito di promulgatore delle esperienze rivoluzionarie italiane a cui Wren guarda sempre con un particolare interesse. Le sue chiese urbane vennero realizzate tutte tra il 1660 e 1686. Ed qui che sperimenta piante estremamente varie e spesso assai ardite e originali: St. Stephen a Walbrook (1672-1687) che prefigura San Paolo per via della presenza di una doppia galleria sovrapposta con navata e navatelle coperte a volta.
La cupola

Il suo un capolavoro nato da riferimenti colti e raffinati risultano essere i dettagli. La pianta una chiara reinterpretazione e combinazione dell'ultimo San Pietro in Vaticano a Roma, senza trascurare tutti i progetti che ne hanno caratterizzato la storia. Qui Wren nell'impianto longitudinale, pi consono per le esigenze di culto, effettua una chiara sovrapposizione e messa in evidenza della pianta centrale attraverso l'espediente della cupola posta all'incrocio delle navate con il transetto. La cupola per alcuni tra le pi maestose che esistano, sebbene C. Norberg - Schulz la definisca "una espressione piuttosto banale degli ideali dell'architettura inglese"[3]: in stile classico nella forma, ma non nella realizzazione. Formalmente si rif chiaramente al San Pietro in Montorio del Bramante a cui lo stesso maestro italiano si rifar per il progetto della cupola della basilica di San Pietro, ma nella realizzazione opta per degli espedienti (cupola a calotta separata) pi prettamente tardo-rinascimentali e barocchi (vedi Santa Maria della Salute del Longhena). Ciononostante per la sua classica semplicit sar il riferimento di alcune delle maggiori opere neoclassiche, una su tutte Sainte Genevieve di Soufflout a Parigi (1757). Ma la fecondit inventiva e loriginalit di Wren si colgono ancor meglio nelle guglie delle torri ovest dei campanili che vanno da una matrice neogotica alla fantasia borrominiana, riproponendone la drammaticit barocca. Dunque sono evidenti le influenze barocche, oltre che nelle torri, anche nella facciata principale (chiaro il riferimento al progetto non realizzato del Gian Lorenzo Bernini) e in elementi illusionistici come nelle nicchie a falsa prospettiva delle finestre e il piano superiore falso nei prospetti laterali, destinato a nascondere i contrafforti della facciata. Facciata in cui non compaiono riferimenti riscontrabili nei disegni di progetto per San Pietro bens, per via del portico a doppio ordine di colonne binate coronate da timpano triangolare, al progetto del Della Porta per la Chiesa del Ges a Roma (1568).

Cattedrale di San Paolo (Londra) Gli interni risultano classici, pur con diversi movimenti barocchi. Nel complesso lopera ha un forte debito nei confronti dellarchitettura italiana (e in particolar modo ai progetti per San Pietro) filtrati dal Wren con intelligenza e senza mai ricadere nella mera imitazione, ma allo stesso tempo risulta essere un importante tassello per quelli che saranno i successivi sviluppi del neoclassicismo (la cupola del Wren far da modello oltre che per Sainte Genevieve anche per il Campidoglio di Washington).

107

Storia
La chiesa pre-normanna Fu costruita in epoca tardo romana in legno, probabilmente da Mellitus o da un altro missionario Augustiano. Venne ricostruita nel 604 in Ludgate Hill, dove si trova attualmente. La posizione della chiesa si trovava nella parte ovest della Londra Romana e nella parte est di Lundenwic. La tradizione vuole che sotto la cattedrale si trovavano dei megaliti oppure comunque delle pietre in circolo, in epoca romana venne edificato un tempio alla dea Diana, opposto a quello del dio Apollo sotto Westminster; Wren non tenne mai conto di questo durante la sua progettazione. La nuova chiesa fu ricostruita in pietra nel 685 dal Re o da San Sebbi di Essex. Venne saccheggiata dai vichinghi nel 961, come citato nelle cronache anglo-sassoni. La terza cattedrale venne riedificata sempre in pietra, l'anno successivo al saccheggio. Il ricostruttore fu il re Ethelred the Unready. La vecchia cattedrale La quarta chiesa, conosciuta con il nome di vecchia San Paolo (in inglese Old St. Paul's), venne iniziata dai Normanni dopo l'incendio del 1087. I lavori proseguirono per oltre 200 anni, con un incendio nel 1136 che distrusse parte dei lavori. La chiesa venne consacrata nel 1240, ma le celebrazioni iniziarono solo nel 1256. I lavori finirono nel 1314, e venne consacrata definitivamente nel 1300. la terza chiesa per tempo di costruzione d'Europa. Degli Old St. Paul's scavi eseguiti nel 1878 da Francis Penrose mostrarono le vecchie dimensioni della cattedrale, 178m x 30m (585 x 100 piedi), con un campanile alto 149 metri. Durante il XVI secolo l'edificio and in decadenza, sotto Enrico VIII ed Edoardo VI, l'abolizione dei monasteri provoc la distruzione degli interni della cattedrale: cripte, cappelle, spazi per il coro, sacrari e tutto quello dentro la chiesa. Molti dei paramenti religiosi furono confiscati e rivenduti dalla Corona. I fedeli venivano riuniti nell'angolo nord-est del sagrato in cui si predicava e denominato "la Croce di San Paolo". Fu in questo luogo nel 1549, che un predicatore protestante radicale inizi a sollecitare le persone per distruggere le decorazioni interne della cattedrale. Nel 1561 la guglia venne distrutta da un fulmine e fu deciso di non riedificarla; questo evento fu interpretato dai Protestanti e dai Cattolici come un segno del dispiacere di Dio per le azioni compiute dalle varie fazioni. Un architetto del classicismo inglese, Sir Inigo Jones, aggiunse la facciata ovest della cattedrale nel 1630, ma i lavori si interruppero a causa dello scoppio della guerra civile; gli incartamenti e i progetti vennero persi o distrutti. La cattedrale venne distrutta nel 1666 durante il grande incendio di Londra. Ne rimase solo lo scheletro in pietra. Dopo varie discussioni sulla modalit di ricostruzione se in stile antico o moderno, si opt per quest'ultimo.

Cattedrale di San Paolo (Londra)

108

La cattedrale di Wren
Progetto e costruzione I lavori per la costruzione della nuova cattedrale vennero affidati a Sir Christopher Wren nel 1668. Il suo primo progetto fu quello di basarsi sulle fondamenta della vecchia cattedrale, ma venne rifiutato. Il secondo progetto era una chiesa a croce greca con dei quarti di cerchio negli angoli, ma anche questa venne rifiutata. In quest'occasione, Wren, per presentare al meglio i suoi progetti costru un plastico in scala 1:24, chiamato Great Model, ancora conservato nella cripta della cattedrale. Il progetto definitivo venne accettato nel 1675. I lavori cominciarono in giugno; la prima pietra venne posata nel 1677 da Thomas Strong, il capo-mastro di Wren. Il progetto prevedeva una piccola cupola con una guglia in cima, ma il re Carlo II diede la libert a Wren di modificare il progetto come avesse voluto. Wren riprogett la cattedrale, che comprendeva una grande cupola centrale e due campanili nella parte ovest. La cattedrale venne completata il 20 ottobre del 1708, il giorno in cui Sir Christopher Wren comp 76 anni. Un gioved, il 2 dicembre 1697, dopo 32 anni e 3 mesi, un focolaio nato in una panetteria, port Londra di nuovo nelle fiamme. L'evento venne usato per poter aprire le porte della cattedrale. La domenica successiva c'era una folla immensa ad attendere di poter entrare nella cattedrale. Alla cerimonia erano presenti il re Guglielmo III e il vescovo di Londra, Henry Compton. Il reverendo recit il salmo 122: Entriamo nella casa del signore. La folla era divisa tra chi l'amava e chi l'odiava, anche se la maggior parte delle persone erano meravigliate e stupite dalla grande opera.
Il progetto definitivo di Wren per St. Paul

Cattedrale di San Paolo (Londra)

109

Descrizione
La cattedrale costruita con pietra Portland, in quello che pu essere definito classicismo barocco.

La cupola
La cupola, che in realt una "falsa cupola", impressionante ed stata ispirata dalla Basilica di San Pietro a Roma per quanto riguarda la complessit del progetto; mentre il linguaggio sembra guardare al tempietto di San Pietro in Montorio di Bramante. La croce sulla sommit raggiunge i 108 metri di altezza, dandogli un record di altezza di Londra. Wren progett una grossa cupola, formata da tre cupole sovrapposte. La pi alta non ha una funzione strutturale ma impressiona la vista; La pi bassa ha una funzione di decorare l'interno; La falsa cupola in mezzo ha solo la funzione strutturale. Tutte e tre le cupole sono degli archi di catenaria, l'utilizzo di tre archi di catenaria fu un'intuizione di Robert Hooke, che collabor al progetto, partecipando alla ricostruzione di Londra dopo un grande incendio.

Interno della Cattedrale

La navata
La navata ha tre cappelle: La nord dedicata a Tutte le anime e a San Dunstan; La sud dedicata agli ordini di San Michele e San Giorgio; La terza, quella pi importante, sotto la cupola.

Organi a canne
Organo Maggiore L'organo maggiore della cattedrale stato costruito nel 1977 dalla londinese Mander Organs. Le canne sono suddivise in tre sezioni: due lungo le due pareti del coro (dette Chancel Organ) e la terza nel matroneo, nei pressi della cupola; tuttee tre sono comandate da una stessa consolle, che ha cinque tastiere e pedaliera. Di seguito la disposizione fonica dello strumento[4]:

Cattedrale di San Paolo (Londra)

110

Prima tastiera - Chancel Great Organ Double Open Diapason 16' Open Diapason I Open Diapason II Stopt Diapason Claribel Flute Quint Principal Flute Twelfth Fifteenth Mixture Mixture Fourniture Trombone Trumpet Clarion 8' 8' 8' 8' 5.1/3' 4' 4' 2.2/3' 2' III III IV 16' 8' 4'

Seconda tastiera - Chancel Swell Organ Contra Gamba Open Diapason Lieblich Gedact Salicional Vox Angelica Principal Fifteenth Cornet Contra Posaune Cornopean Hautboy Vox Humana Clarion Tremulant 16' 8' 8' 8' 8' 4' 2' III 16' 8' 8' 8' 4'

Cattedrale di San Paolo (Londra)

111

Terza tastiera - Chancel North Choir Organ Chimney Flute Principal Nason Flute Nazard Fifteenth Blockflute Tierce Larigot Sharp Mixture Trumpet Tremulant 8' 4' 4' 2.2/3' 2' 2' 1.3/5' 1.1/3' IV 8'

Terza tastiera - Chancel South Choir Organ Contra Viola Bourdon Open Diapason Violoncello Dulciana Claribel Flute Principal Gemshorn Flute Harmonique Lieblich Gedact Flageolet Sesquialtera Corno di Bassetto Tremulant 16' 16' 8' 8' 8' 8' 4' 4' 4' 4' 2' II 8'

Quarta tastiera - Chancel Solo Organ Espressivo Open Diapason Viola Viola Celeste Flte Harmonique Concert Flute Piccolo Corno di Bassetto Cor Anglais 8' 8' 8' 8' 4' 2' 8' 8'

Cattedrale di San Paolo (Londra)

112
French Horn Tremulant Aperto Tuba Tuba Clarion 8' 4' 8

Quinta tastiera - Dome Section Manual East Section Double Open Diapason 16' Open Diapason I Open Diapason II Octave Super Octave Quartane Mixture Mixture Contra Posaune Trumpet Double Tuba Tuba Clarion Trompette Militaire West section Open Diapason Octave Super Octave Mixture Royal Trumpet Royal Trumpet Royal Trumpet 8' 4' 2' IV 16' 8' 4' 8' 8' 4' 2' II-III IV III 16' 8' 16' 8' 4' 8'

Cattedrale di San Paolo (Londra)

113

Pedaliera - Chancel Pedal Organ Open Metal Open Diapason Viola Bourdon Principal Flute Fifteenth Flute Mixture 16' 16' 16' 16' 8' 8' 4' 4' IV

Contra Posaune 32' Ophicleide Posaune Clarion 16' 8' 4'

Pedaliera - Dome Section Pedal Organ Double Open Wood 32' Contra Violone Open Wood Open Diapason Contra Bass Principal Super Octave Fourniture Contra Bombarde Bombarde Posaune Clarion 32' 16' 16' 16' 8' 4' IV 32' 16' 16' 8'

Cattedrale di San Paolo (Londra) Organo positivo Nella navata laterale sinistra della cattedrale si trova un organo positivo, costruito nel 1881 da Henry Willis[5] e, nel corso dei decenni, ampliato e modificato. L'ultima grande modifica risale al 1970, quando l'organo stato restaurato e, fra le altre cose stato aggiunto il registro Mixture. Attualmente (2011), lo strumento ha 2 tastiere di 56 note e una pedaliera di 30. La sua disposizione fonica la seguente:

114

Prima tastiera - Great Organ Open Diapason 8' Lieblich Gedact 8' Principal Fifteenth Mixture 4' 2' II

Seconda tastiera - Swell Open Diapason 8' Gemshorn Cornopean 4' 8'

Pedal Bourdon 16'

Tickell Chamber Organ Il Tickell Chamber Organ un organo da continuo costruito per la cattedrale da Kenneth Tickell nel 1997[6]. Esso a trasmissione integralmente meccanica ed ha una sola tastiera di 51 note senza pedaliera. La sua disposizione fonica la seguente:
Manuale Stopped Diapason 8' Principal Chimney Flute Fifteenth Tierce Larigot Sesquialtera 4' 4' 2' 1.3/5' Bass 1.1/3' II Treble

Cattedrale di San Paolo (Londra) Organo della OBE Chapel Nella cappella riservata ai membri dell'Ordine dell'Impero Britannico (OBE Chapel) si trova un organo a canne costruito nel 2011 da William Drake[7]. A trasmissione mista, composto da due tastiere e una pedaliera. La sua disposizione fonica la seguente:

115

Prima tastiera - Great Organ Open Diapason 8' Stopt Diapason 8' Dulciana Principal Flute Twelfth Fifteenth Tierce Forniture Trumpet Trumpet 8' 4' 4' 2.2/3' 2' 1.3/5' IV 8' Bass 8' Treble

Seconda tastiera - Swell Open Diapason 8' Stopt Diapason 8' Principal Fifteenth Cornet Trumpet Hautboy 4' 2' II 8' 8'

Pedal Stopt Diapason 16' Principal Bassoon 8' 16'

Organo della Cripta Nella cripta della cattedrale si trova un piccolo organo da studio a trasmissione meccanica con due tastiere di 58 note ciascuna e una pedaliera di 30[8]. Esso stato costruito nel 2001 dall'organaro Robin Jennings e dallo stesso ampliato nel 2002 con l'aggiunta del registro di Bourdon 16' al pedale. Di seguito, la disposizione fonica dello strumento:

Prima tastiera Chimney Flute 8' Principal 4'

Seconda tastiera Stopped Diapason 8' Flute 4'

Pedale Bourdon 16'

Le gallerie
La cupola crea tre spazi distinti, chiamati gallerie, e rispettivamente sono: La galleria dei bisbigli o Whispering Gallery, quella pi bassa, quella interna. alta 30,2m dal pavimento e ci vogliono 259 gradini per arrivarci. Deve il suo nome al fatto che pronunciando una parola vicino al muro, si pu ascoltare da qualsiasi punto vicino alla galleria. La galleria di pietra o stone gallery, cio quella tra la cupola bassa e quella di mezzo. La galleria d'oro o gold gallery, che quella pi esterna.

Cattedrale di San Paolo (Londra)

116

I campanili
La cattedrale ha due campanili. La torre nord contiene 13 campane e quella a sud ne contiene 4, e include Grande Paolo e Grande Tom, messe nel 1881 quando vennero tolte dal vecchio palazzo di Westminster.

Il dopo Wren
La chiesa sopravvissuta anche durante i bombardamenti di Londra della seconda guerra mondiale. Una bomba caduta all'interno della cattedrale, il 12 settembre 1940 non esplose. Venne successivamente I due campanili della Cattedrale visti dalla cupola tolta da una squadra di artificeri, il cui comandante era Robert Davies. Quando questa bomba fu portata in un luogo sicuro e fu fatta brillare cre un cratere di oltre 30 metri di diametro; se fosse esplosa avrebbe sicuramente distrutto la cattedrale. Per questo Davies ricevette la George cross insieme a un commilitone, lo Zappatore George Cameron Wylie.

Commemorazioni
La cattedrale possiede una cripta con oltre 200 memoriali e le cappelle dell'Ordine dell'Impero Britannico e del tesoro. La cattedrale possiede un tesoro veramente povero, molto stato perso e molto rubato. Christopher Wren fu il primo a essere sepolto nella cattedrale, sulla sua lapide c' una scritta latina: "Lector, si monumentum requiris, circumspice" (Lettore, se tu vuoi vedere il mio monumento, guardati attorno) La chiesa ospita lapidi commemorative e tombe di molte personaggi britannici famosi: General Sir Isaac Brock Sir Edwin Lutyens John Donne Lord Kitchener Il Duca di Wellington Lord Nelson Henry Moore Sir Winston Churchill T.E. Lawrence Sir Alexander Fleming Sir Arthur Sullivan Florence Nightingale J.M.W. Turner Sir Joshua Reynolds

Note
[1] http:/ / toolserver. org/ ~geohack/ geohack. php?pagename=Cattedrale_di_San_Paolo_%28Londra%29& language=it& params=51. 514_N_-0. 098_E_type:landmark Il monumento a John Donne

[2] http:/ / www. stpauls. co. uk/ page. aspx?theLang=001lngdef& pointerid=169345dwprEOVViTRLd8xXbHBDHGbzge

Cattedrale di San Paolo (Londra)


[3] [4] [5] [6] [7] [8] C. Norberg - Schulz, Architettura Barocca, cit., p. 194. Fonte (http:/ / www. npor. org. uk/ cgi-bin/ Rsearch. cgi?Fn=Rsearch& rec_index=A00752) Fonte (http:/ / www. npor. org. uk/ cgi-bin/ Rsearch. cgi?Fn=Rsearch& rec_index=N13153) Fonte (http:/ / www. npor. org. uk/ cgi-bin/ Rsearch. cgi?Fn=Rsearch& rec_index=R00472) Fonte (http:/ / www. btinternet. com/ ~william. drake/ st_pauls. htm) Fonte (http:/ / www. npor. org. uk/ cgi-bin/ Rsearch. cgi?Fn=Rsearch& rec_index=R00473)

117

Bibliografia
Frank Atkinson, St Pauls and the City, London 1985 ISBN 0-7181-2629-7 Marion Gibbs, Early charters of the cathedral church of St. Paul, London, edited for the Royal Historical Society, London 1939 St Paul's. The Cathedral Church of London 604-2004, ed. Keene, Burn & Saint, Yale University Press 2004 ISBN 0-300-09276-8 English cathedrals, text by Peter Meyer, Thames and Hudson, London 1950

Voci correlate
Londra City of London Christopher Wren Old St Paul's Cathedral St. Paul's Survives

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:St.Paul's Cathedral

James Wyatt

118

James Wyatt
James Wyatt (3 agosto 1746 4 settembre 1813) stato un architetto britannico. Nel 1762 giunse in Italia, dove soggiorn per sei anni, studiando a Venezia con Antonio Visentini. Rientrato a Londra acquist fama con il Pantheon di Oxford Street (1770, distrutto), un edificio destinato ai divertimenti che costituiva una singolare versione neoclassica della basilica di Santa Sofia di Istanbul. In breve realizz moltissime opere e divenne rivale dei fratelli Adam. Oltre che per i suoi contributi all'architettura neoclassica, noto per le opere di stampo neogotico e per i restauri delle cattedrali inglesi. La sua Fonthill Abbey (1796-1807, oggi distrutta), una residenza di campagna simile ad una abbazia, fu commissionata dall'eccentrico William Beckford: la dimora, che in origine avrebbe dovuto essere realizzata sotto forma di rovina, con tanto di resti di un chiostro, fu ampliata con la costruzione di una grande torre a pianta ottagonale, alta circa 85 metri, che per croll nel 1825, pare a causa delle esili fondamenta che questa aveva. Sempre di gusto medievale la Broadway Tower (1797), una torre di 17 metri costruita a forma di castello. Lavor ai restauri della cattedrali di Salisbury, Durham e Hereford, con interventi assai consistenti che gli conferirono il soprannome di Wyatt il distruttore. Nel 1796 successe a William Chambers come Surveyor-General.

Pantheon in Oxford Street, distrutto

Fonthill Abbey, distrutta

Bibliografia
R. Middleton, D. Watkin, Architettura dell'Ottocento, Martellago (Venezia), Electa, 2001. N. Pevsner, J. Fleming, H. Honour, Dizionario di architettura, Torino, Einaudi, 1981.

Voci correlate
Architettura neoclassica Architettura neogotica

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:James Wyatt

Palazzo di Westminster

119

Palazzo di Westminster
Coordinate geografiche: 513000N 00730W51.5N 0.125O
Bene protetto dall'UNESCO Patrimonio dell'umanit Palazzo ed Abbazia di Westminster, con la chiesa di Santa Margherita (EN) Palace of Westminster, Westminster Abbey and Saint Margaret's Church [1]

Tipo Criterio Pericolo Riconosciuto dal Scheda UNESCO

Culturali (i) (ii) (iv) Non in pericolo 1987 [2] (EN) Scheda [3] (FR) Scheda

Il Palazzo di Westminster, (conosciuto anche come Houses of Parliament) l'edificio di Londra in cui hanno sede le due camere del Parlamento del Regno Unito (la Camera dei lord e la Camera dei comuni). Si trova sulla riva settentrionale del Tamigi, nella City of Westminster, vicino agli altri edifici governativi di Whitehall. La parte pi antica del palazzo ancora esistente, Westminster Hall, risale al 1097. La finalit originaria del palazzo era quella di residenza reale, ma nessun monarca vi ha pi vissuto dal sedicesimo secolo. La maggior parte della struttura attuale risale al Un'altra vista del palazzo, con il ponte di Westminster diciannovesimo secolo, quando il palazzo fu ricostruito dopo essere stato interamente distrutto da un incendio nel 1834. Gli architetti responsabili della ricostruzione del palazzo furono sir Charles Barry e Augustus Welby Northmore Pugin, e il palazzo un esempio di neogotico. Una delle caratteristiche pi famose del palazzo le torre dell'orologio (la St Stephen's Tower), una notevole attrazione turistica che ospita il famosissimo Big Ben. Il palazzo comprende pi di 1000 stanze, delle quali le pi importanti sono senz'altro la Camera dei lord e la Camera dei comuni. Il palazzo include anche stanze di comitati, biblioteche, camere da pranzo, corridoi (lobbies), bar e

Palazzo di Westminster palestre. il luogo di importanti cerimonie di Stato: notevole ad esempio la cerimonia di apertura del Parlamento. Il palazzo spesso usato come simbolo delle due Camere: molto spesso il termine Westminster viene usato come sinonimo di Parlamento. Gli uffici parlamentari spesso sconfinano negli edifici pi vicini, come la Portcullis House. Il palazzo di Westminster fu strategicamente importante durante il Medioevo, poich collocato sulle rive del Tamigi. La costruzione occupa il sito almeno dalle et anglosassoni. Conosciuto all'epoca come Thorney Island, il sito sarebbe stato usato per la prima volta da Canuto il Grande (regno dal 1016 al 1035). Il penultimo re Sassone d'Inghilterra, Edoardo il Confessore, costru un palazzo reale a Thorney Island poco a occidente della citt di Londra all'incirca nella stessa epoca in cui fu costruita l'Abbazia di Westminster (fra il 1045 e il 1050). Thorney Island e l'area circostante diventarono presto conosciute come Westminster (una contrazione delle parole West Monastery, monastero occidentale). Dopo la conquista normanna (1066), re Guglielmo I si stabili nella Torre di Londra, ma in seguito si trasfer a Westminster. Tuttavia, n i palazzi usati dai Sassoni n quelli usati da Guglielmo I sopravvissero. Le parti pi antiche del Palazzo odierno (Westminster Hall e la Great Hall) risalgono al regno del successore di Guglielmo I, Guglielmo II. Il palazzo di Westminster fu la residenza principale del monarca nel tardo periodo medievale. Con l'evoluzione delle forme di governo in Inghilterra, molte istituzioni pubbliche hanno avuto luogo a Westminster. Per esempio, il predecessore del Parlamento, la Curia Regis, si riuniva a Westminster Hall (sebbene seguisse il Re quando questi si trasferiva in altri palazzi). Il Model Parliament, primo Parlamento ufficiale d'Inghilterra, si riun nel palazzo nel 1295. Da allora, quasi tutti i Parlamenti si sono riuniti a Westminster (ad eccezioni di alcuni che per vari motivi si sono riuniti in altri luoghi). Westminster rimase cos la residenza principale del monarca a Londra, finch un incendio non la distrusse nel 1529. Nell'anno successivo, Enrico VIII acquis il Palazzo di York dal cardinale Thomas Wolsey, un potente ministro che aveva perso i favori del re. Rinominandolo palazzo di Whitehall, Enrico VIII lo us come sua principale residenza. Sebbene Westminster rimanesse ufficialmente il palazzo reale, era usato dalle due Camere del Parlamento e come tribunale. Data la destinazione originaria di residenza reale, il palazzo non includeva alcuna stanza apposita destinata alle due Camere. Le cerimonie di stato importanti, come la cerimonia di apertura del Parlamento, si tenevano nella Painted Chamber (stanza dipinta). La Camera dei lord si riuniva abitualmente nella White Chamber (stanza bianca). La Camera dei comuni non disponeva invece di una stanza tutta per s; i dibattiti a volte erano tenuti nella Chapter House dell'Abbazia di Westminster. I Comuni acquisirono in seguito una dimora permanente nel palazzo, la cappella di Santo Stefano, in precedenza una cappella reale, ma solo durante il regno del successore di Enrico VIII, Edoardo VI. Il Chantries Act del 1547 (all'interno della Riforma Protestante) dissolse l'ordine religioso dei canonici di Santo Stefano (oltre a altre istituzioni) cosicch la cappella venne lasciata a libera disposizione dei Comuni. Vennero effettuate delle modifiche alla cappella per renderla pi adatta al nuovo uso. Il 16 ottobre 1834, la maggior parte del palazzo viene distrutta in un incendio. Solo Westminster Hall, la Jewel Tower, la cripta della cappella di Santo Stefano e il chiostro sopravvissero al rogo. Una Commissione Reale fu istituita allo scopo di studiare la ricostruzione del palazzo. La Commissione decise che il palazzo avrebbe dovuto essere stato ricostruito nello stesso luogo, e che lo stile architettonico avrebbe dovuto essere uno fra gotico e classico. Immediatamente si apr un dibattito pubblico molto acceso. Coloro che preferivano lo stile classico sostenevano che lo stile gotico sarebbe stato troppo crudo, e quindi inappropriato per il Parlamento. Al contrario, altri (incluso Augustus Welby Northmore Pugin) affermavano che l'autentico stile architettonico cristiano era quello gotico, collegando invece il classicismo agli antichi Greci o agli antichi Romani. Oltretutto, molti sostenevano che l'architettura gotica fosse lo stile nazionale britannico, associando il classicismo alla Francia. Nel 1836, dopo aver studiato 97 proposte rivali, la Commissione scelse il progetto di Charles Barry per un palazzo in stile gotico. La prima pietra fu posata nel 1840; la Camera dei lord fu completata nel 1847 e quella dei Comuni nel 1852 (Barry ricever per questo il titolo di cavaliere). Sebbene la gran parte dei lavori fosse stata eseguita entro il 1860, la costruzione non giunse al termine che una decina di anni dopo.

120

Palazzo di Westminster Il palazzo di Westminster continu a funzionare normalmente fino al 1941, quando la Camera dei comuni fu distrutta dalle bombe tedesche nel corso della seconda guerra mondiale. Giles Gilbert Scott fu scelto come architetto e scelse di preservare le caratteristiche essenziali del progetto di Sir Charles Barry. I lavori della Camera dei comuni furono terminati nel 1950.

121

Storia
Il palazzo di Westminster fu strategicamente importante durante il Medioevo, poich collocato sulle rive del Tamigi. La costruzione occupa il sito almeno dalle et anglosassoni. Conosciuto all'epoca come Thorney Island, il sito sarebbe stato usato per la prima volta da Canuto il Grande (regno dal 1016 al 1035). Il penultimo re Sassone d'Inghilterra, Edoardo il Confessore, costru un palazzo reale a Thorney Island poco a occidente della citt di Londra all'incirca nella stessa epoca in cui fu costruita l'Abbazia di Westminster (fra il 1045 e il 1050). Thorney Island e l'area circostante diventarono presto conosciute come Westminster (una contrazione delle parole West Monastery, monastero occidentale). Dopo la conquista normanna (1066), re Guglielmo I si stabili nella Torre di Londra, ma in seguito si trasfer a Westminster. Tuttavia, n i palazzi usati dai Sassoni n quelli usati da Guglielmo I sopravvissero. Le parti pi antiche del Palazzo odierno (Westminster Hall e la Great Hall) risalgono al regno del successore di Guglielmo I, Guglielmo II. Il palazzo di Westminster fu la residenza principale del monarca nel tardo periodo medievale. Con l'evoluzione delle forme di governo in Inghilterra, molte istituzioni pubbliche hanno avuto luogo a Westminster. Per esempio, il predecessore del Parlamento, la Curia Regis, si riuniva a Westminster Hall (sebbene seguisse il Re quando questi si trasferiva in altri palazzi). Il Model Parliament, primo Parlamento ufficiale d'Inghilterra, si riun nel palazzo nel 1295. Da allora, quasi tutti i Parlamenti si sono riuniti a Westminster (ad eccezioni di alcuni che per vari motivi si sono riuniti in altri luoghi). Westminster rimase cos la residenza principale del monarca a Londra, finch un incendio non la distrusse nel 1529. Nell'anno successivo, Enrico VIII acquis il Palazzo di York dal cardinale Thomas Wolsey, un potente ministro che aveva perso i favori del re. Rinominandolo palazzo di Whitehall, Enrico VIII lo us come sua principale residenza. Sebbene Westminster rimanesse ufficialmente il palazzo reale, era usato dalle due Camere del Parlamento e come tribunale. Data la destinazione originaria di residenza reale, il palazzo non includeva alcuna stanza apposita destinata alle due Camere. Le cerimonie di stato importanti, come la cerimonia di apertura del Parlamento, si tenevano nella Painted Chamber (stanza dipinta). La Camera dei lord si riuniva abitualmente nella White Chamber (stanza bianca). La Camera dei comuni non

Un dettaglio dalla mappa di Londra del 1746 di John Roque.

disponeva

invece

di

una

stanza

tutta

per

s;

Palazzo di Westminster

122

dibattiti a volte erano tenuti nella Chapter House dell'Abbazia di Westminster. I Comuni acquisirono in seguito una dimora permanente nel palazzo, la cappella di Santo Stefano, in precedenza una cappella reale, ma solo durante il regno del successore di Enrico VIII, Edoardo VI. Il Chantries Act del 1547 (all'interno della Riforma Protestante) dissolse l'ordine religioso dei canonici di Santo Stefano (oltre a altre istituzioni) cosicch la cappella venne lasciata a libera disposizione dei Comuni. Vennero effettuate delle modifiche alla cappella per renderla pi adatta al nuovo uso.

J. M. W. Turner assistette all'incendio del 1834 e lo raffigur in diversi dipinti, fra cui The Burning of the Houses of Lords and Commons (1835).

Il 16 ottobre 1834, la maggior parte del palazzo viene distrutta in un incendio. Solo Westminster Hall, la Jewel Tower, la cripta della cappella di Santo Stefano e il chiostro sopravvissero al rogo. Una Commissione Reale fu istituita allo scopo di studiare la ricostruzione del palazzo. La Commissione decise che il palazzo avrebbe dovuto essere stato ricostruito nello stesso luogo, e che lo stile architettonico avrebbe dovuto essere uno fra gotico e classico. Immediatamente si apr un dibattito pubblico molto acceso. Coloro che preferivano lo stile classico sostenevano che lo stile gotico sarebbe stato troppo crudo, e quindi inappropriato per il Parlamento. Al contrario, altri (incluso Augustus Welby Northmore Pugin) affermavano che l'autentico stile architettonico cristiano era quello gotico, collegando invece il classicismo agli antichi Greci o agli antichi Romani. Oltretutto, molti sostenevano che l'architettura gotica fosse lo stile nazionale britannico, associando il classicismo alla Francia. Nel 1836, dopo aver studiato 97 proposte rivali, la Commissione scelse il progetto di Charles Barry per un palazzo in stile gotico. La prima pietra fu posata nel 1840; la Camera dei lord fu completata nel 1847 e quella dei Comuni nel 1852 (Barry ricever per questo il titolo di cavaliere). Sebbene la gran parte dei lavori fosse stata eseguita entro il 1860, la costruzione non giunse al termine che una decina di anni dopo. Il palazzo di Westminster continu a funzionare normalmente fino al 1941, quando la Camera dei comuni fu distrutta dalle bombe tedesche nel corso della seconda guerra mondiale. George Gilbert Scott fu scelto come architetto e scelse di preservare le caratteristiche essenziali del progetto di Sir Charles Barry. I lavori della Camera dei comuni furono terminati nel 1950.

Palazzo di Westminster

123

Interni
Il palazzo di Westminster include approssimativamente 1100 stanze, 100 scalinate e 5km di corridoi. Il palazzo ha quattro piani. Il piano terra include uffici, sale da pranzo e bar. Il primo piano ospite le stanze principali del palazzo fra cui le camere, le lobbies e le biblioteche. La Robing Room, la Royal Gallery, la Prince's Chamber, la Camera dei lord, la Peers' Lobby, la Central Lobby, la Members' Lobby e la Camera dei comuni sono allineate lungo una linea che va da sud a nord, in La pianta del palazzo di Westminster. quest'ordine. Westminster Hall invece collocata su un lato, alla stessa estremit del Palazzo in cui sono collocati i Comuni. Gli ultimi due piani sono invece occupati da stanze per commissioni e uffici. In origine, il Palazzo era controllato dal Lord Great Chamberlain. Nel 1965, tuttavia, fu deciso che ogni Camera avrebbe dovuto controllare le stanze assegnate ad essa. Lo Speaker e il Lord Chancellor esercitano il controllo per conto delle rispettive camere. Al Lord Great Chamberlain rimane la custodia di alcune stanze cerimoniali.

La Camera dei lord


La Camera dei lord collocata sul lato sud del Palazzo di Westminster. La stanza misura 14 metri per 24. I banchi della Camera, cos come altri mobili nel lato Lord del palazzo, sono di colore rosso. La parte superiore della Camera decorata da finestre in vetro colorato e da sei affreschi allegorici rappresentanti la religione, la cavalleria e la legge. Sempre nella parte superiore, in corrispondenza della galleria per il pubblico, presente una piccola tenda, alta poco meno di trenta centimetri. Fu innalzata negli anni '20 per nascondere le gambe delle spettatrici dal ginocchio in gi; la moda stava diventando sempre pi provocatoria, si diceva al tempo, e la vista delle gambe nude era considerata inadatta ai Lord. Ad un'estremit della Camera si trovano il Trono e il Baldacchino ornato d'oro; sebbene il Sovrano possa occupare il Trono teoricamente durante qualsiasi seduta, questo accade in realt soltanto durante la cerimonia di apertura del Parlamento. Altri membri della Famiglia Reale presenti alla cerimonia usano sedie ufficiali accanto al Trono. Di fronte al trono si trova il Woolsack (sacco della lana), un cuscino rosso senza schienale n braccioli, l collocato a rappresentare l'importanza storica del commercio della lana, di cui imbottito. Il Woolsack viene usato dall'ufficiale che presiede la seduta (Lord Chancellor o un deputato). Il mace (bastone) della Camera, rappresentante l'autorit reale, collocato sul retro del Woolsack. Di fronte al Woolsack c' il Judges' Woolsack (un cuscino rosso pi grande del precedente, occupato da alcuni Lord durante la cerimonia di apertura del Parlamento) e il Tavolo della Camera (a cui siedono i funzionari). I membri della Camera occupano i banchi rossi posti su tre lati della stessa. I banchi alla destra di Lord Chancellor formano lo Spiritual Side (lato spirituale), quelli alla sua sinistra il Temporal Side (lato temporale). La divisione dei seggi fra i Lord la seguente: tutti i Lord spirituali (vescovi e arcivescovi della Chiesa d'Inghilterra) siedono nello Spiritual Side; i Lord Temporali (nobili) siedono invece in parti diverse a seconda del partito politico a cui sono affiliati: coloro che sono affiliati alla maggioranza siedono nello Spiritual Side, mentre i componenti dell'opposizione siedono nel Temporal Side. Alcuni pari, che non si collocano in nessuno dei due schieramenti, vanno ad occupare dei seggi situati alla parte opposta della Camera rispetto al Woolsack, cio fra i due sides: questi pari sono anche conosciuti come cross-benchers.

Palazzo di Westminster La Camera dei lord la sede di importanti cerimonie ufficiali, fra cui la gi citata cerimonia di apertura del Parlamento, all'inizio di ogni sessione parlamentare annuale. Il Sovrano, seduto sul Trono, pronuncia un discorso, descrivendo a grandi linee l'agenda legislativa del Governo per la sessione parlamentare a venire. I rappresentanti dei Comuni non entrano nella Camera; assistono invece ai lavori dal Bar all'entrata della stessa. Una cerimonia simile tenuta alla fine della sessione parlamentare; a tale cerimonia, comunque, il Sovrano non partecipa, facendosi invece sostituire da alcuni Lord (Lords Commissioners).

124

La Camera dei comuni


La Camera dei comuni collocata all'estremit nord del Palazzo di Westminster. La stanza misura 14 metri per 21 ed molto pi austera della Camera dei lord. I banchi come molti altri mobili del lato del Palazzo occupato dai Comuni, sono di colore verde. Altri Parlamenti delle nazioni del Commonwealth hanno ricalcato questo schema per cui la Camera bassa del parlamento associata al verde e la Camera alta al rosso. Ad un'estremit della Camera si trova la Speaker's Chair, un dono dal Parlamento australiano. Di fronte alla Speaker's Chair si Il Palazzo di Westminster visto dal ponte di Westminster. trova il Tavolo della Camera, a cui siedono i funzionari e su cui posto il bastone cerimoniale dei Comuni. I banchi verdi sono occupati dai deputati secondo una suddivisione simile a quella usata nella Camera dei lord: i membri della maggioranza siedono alla destra dello Speaker, l'opposizione alla sua sinistra; non ci sono cross-benches. La Camera relativamente piccola e c' spazio solo per 427 dei 646 Membri del Parlamento. Durante le interrogazioni al primo ministro e nei dibattiti maggiori i Membri del Parlamento restano in piedi ad un'estremit dell'aula. Per tradizione, il Sovrano britannico non entra nella Camera dei comuni. L'ultimo monarca ad entrare nella stanza fu re Carlo I, nel 1642, tentando di arrestare cinque Membri del Parlamento accusati di alto tradimento. Quando chiese allo Speaker, William Lenthall, se avesse alcuna conoscenza del luogo in cui questi si trovassero, Lenthall rispose: "Sua Maest non se ne dispiaccia, ma al momento non ho occhi per vedere, n lingua per parlare, a meno che la Camera, di cui io sono il servitore, non me lo permetta." Le due linee rosse sul pavimento della Camera sono lunghe, per tradizione, due lunghezze di spada e distanti fra loro circa trenta centimetri; per tradizione, non possono essere attraversate dai Membri del Parlamento.

Palazzo di Westminster

125

Westminster Hall
Westminster Hall, la parte pi antica del palazzo di Westiminster attualmente esistente, fu eretta nel 1097. In origine il tetto era sorretto da pilastri, ma durante il regno di Riccardo II, su sostituito da un tetto con travi a coppia d'archi, disegnato da Henry Yevele e Hugh Herland. Westminster Hall uno dei pi grandi saloni d'Europa con un soffitto non supportato da pilastri; le sue misure sono di 21 metri per 73. Nella storia, Westminster Hall ha avuto numerose funzioni. In primo luogo stata usata a scopi giudiziari; ha ospitato tre delle pi importanti corti del regno: la Court King's Bench, la Court of Common Pleas e la Chancery Court, poi unite nel 1873 a formare l'Alta Corte di Giustizia, che continu a riunirsi a Westminster Hall fino al suo spostamento, nel 1882, alla Corte Reale di Giustizia. Oltre alle corti regolari, Westminster Hall ha anche ospitato importanti processi di stato, inclusi processi per impeachment e il processo a re Carlo I alla fine della Guerra civile inglese.

Westminster Hall all'inizio del diciottesimo secolo.

Westminster Hall ha anche avuto funzione cerimoniale. Dal dodicesimo al diciannovesimo secolo i banchetti di incoronazione in onore dei nuovi monarchi furono tenuti qui. L'ultimo banchetto di incoronazione tenuto nella sala fu quello di re Giorgio IV nel 1821; il suo successore, Guglielmo IV, abbandon l'idea perch considerata troppo costosa. Il salone stato anche usato come camera ardente nel corso dei funerali di stato. Un tale onore solitamente riservato ai Sovrani e ai/alle loro consorti; gli unici non reali ad approfittarne nel ventesimo secolo sono stati Frederick Sleigh Roberts, primo conte di Roberts, nel 1914 e Sir Winston Churchill nel 1965. La camera ardente pi recente stata quella, nel 2002, della Regina Madre.

Il banchetto di incoronazione di Giorgio IV, nel 1821, fu l'ultimo ad essere tenuto a Westminster Hall.

A Westminster Hall si tengono inoltre i discorsi cerimoniali alla Corona da parte delle due Camere in occasioni particolarmente importanti: il venticinquesimo e il cinquantesimo anniversario del regno della regina Elisabetta II, rispettivamente nel 1977 e nel 2002; il trecentesimo anniversario della Gloriosa Rivoluzione nel 1988; il cinquantesimo anniversario della fine della seconda guerra mondiale nel 1995. Con le riforme del 1999, la Camera dei comuni usa una stanza accanto a Westminster Hall come camera addizionale per i dibattimenti. La stanza ha la forma di un ferro di cavallo allungato; si pone cos in contrasto con la Camera principale, dove i seggi delle due coalizioni sono opposti gli uni agli altri. Questo schema volto a riflettere la natura

Palazzo di Westminster bipartisan dei dibattiti tenuti a Westminster Hall. Nel corso di tali dibattiti, tenuti tre volte a settimana, non sono inoltre tipicamente discussi temi particolarmente importanti o controversi.

126

Altre stanze
Il primo piano del palazzo ospita anche altre stanze importanti. All'estremit meridionale del Palazzo si trova la Robing Room, la stanza in cui il Sovrano si prepara per la cerimonia di apertura del Parlamento indossando abiti ufficiali e la Corona Imperiale. I dipinti di William Dyce nella Robing Room raffigurano scene dalla leggenda di Re Art. Subito a lato si trova la Il Palazzo di Westminster, fotografato dalla sponda meridionale del Tamigi. Royal Gallery, a volte usata da dignitari stranieri che vogliono parlare ad entrambe le Camere. Le pareti sono impreziosite da due enormi dipinti di Daniel Maclise: La morte di Nelson (raffigurante il decesso di lord Nelson alla battaglia di Trafalgar) e L'incontro di Wellington e Blcher (raffigurante l'incontro tra il duca di Wellington e Gebhard Leberecht von Blcher alla battaglia di Waterloo). Immediatamente a sud della Camera dei lord si trova la Camera del Principe, una piccola anticamera usata dai Pari. La stanza contiene dipinti raffiguranti i membri della dinastia Tudor. Immediatamente a nord della Camera dei lord si trova la Peers' Lobby, spesso usata dai Lord per discutere in modo informale degli argomenti delle sedute. Il fulcro del palazzo l'ottagonale Central Lobby, a lato della Peers' Lobby e appena sotto la Central Tower, arricchita da statue raffiguranti uomini di stato e da mosaici che rappresentano i santi patroni delle nazioni costituenti il Regno Unito: san Giorgio per l'Inghilterra, sant'Andrea per la Scozia, san David per il Galles e san Patrizio per l'Irlanda del Nord. Sempre nella Central Lobby gli elettori possono incontrare i rispettivi membri del Parlamento. Oltre la stanza, a lato della Camera dei comuni, si trova la Members' Lobby, in cui si tengono discussioni o negoziazioni dei membri del Parlamento. Vi si trovano inoltre anche statue di molti dei passati primi ministri, inclusi David Lloyd George, sir Winston Churchill e Clement Attlee. Il palazzo include anche gli appartamenti di stato per le figure ufficiali presiedenti le due Camere. Gli appartamenti dello Speaker si trova all'estremit nord del palazzo, quello di Lord Chancellor all'estremit sud. Ogni giorno, lo speaker e lord chancellor prendono parte ai cortei formali dai loro appartamenti alla rispettiva Camera.

Palazzo di Westminster

127

Sicurezza
Le figure ufficiali preposte alla sicurezza delle due Camere sono il Gentleman Usher of the Black Rod e il Serjeant-at-Arms: il primo per i Lord, il secondo per i Comuni. Il ruolo delle due figure tuttavia solo cerimoniale: la sicurezza del palazzo affidata alla Divisione del Palazzo di Westminster della Polizia Metropolitana, la forza di polizia per l'area della "Grande Londra. Il tentativo pi famoso di forzare la sicurezza del palazzo senz'altro quello della Congiura delle polveri del 1605: un L'assassinio di Spencer Percival, avvenuto nel 1812 nella Camera dei comuni. tentativo, da parte degli estremisti cattolici, di causare un'esplosione nel palazzo durante la cerimonia di apertura del Parlamento, in modo da uccidere il re protestante Giacomo I, la sua famiglia e gran parte dell'aristocrazia. La congiura, comunque, fu scoperta quando un nobile cattolico, William Parker, ricevette una lettera anonima che lo avvisava di non andare alla cerimonia. Le autorit condussero un'indagine all'interno del palazzo, nel corso della quale si trov la polvere da sparo, oltre a uno degli attentatori, Guy Fawkes. I cospiratori furono quindi accusati di alto tradimento a Westminster Hall, e quindi impiccati e squartati. Da allora, per tradizione, la Guardia del Corpo Reale conduce un controllo nelle cantine del palazzo prima di ogni cerimonia di apertura del Parlamento. Il palazzo di Westminster originario fu anche teatro, nel 1812, di quello che, finora, stato l'unico omicidio ai danni di un primo ministro: qui, infatti, Spencer Percival venne colpito e ucciso da John Bellingham mentre si stava recando ad un'udienza parlamentare. Il 17 giugno 1974 una bomba da 9 chilogrammi posizionata dalla Provisional IRA, esplose a Westminster Hall. Nel 1979, Airey Neave, un importante uomo politico conservatore, fu ucciso da un'auto bomba mentre stava uscendo dal nuovo parcheggio del palazzo. L'attentato venne rivendicato sia dall'Irish National Liberation Army, sia dalla Provisional IRA; gli inquirenti ritennero che la responsabilit fosse da attribuire ai primi. Con l'aumento delle possibilit che un automezzo carico di esplosivi fosse condotto all'interno del palazzo (nonostante la cessazione, nel frattempo, dell'attivit terroristica nordirlandese), una serie di barriere fu posizionata sulla via d'accesso nel 2003. Il palazzo anche stato il sito di numerose azioni di protesta. Nel 1970, per esempio, vennero lanciata dei gas lacrimogeni all'interno della Camera dei comuni per protestare contro le condizioni di vita in Irlanda del Nord e per la stessa causa, nel 1978, fu lanciato del letame ad opera di alcuni manifestanti, tra cui la figlia di Dom Mintoff, leader del partito laburista maltese all'epoca dei fatti. All'inizio del 2004, per il timore di attacchi del genere e la possibilit di attentati chimici o biologici, venne costruita una protezione in vetro lungo la Strangers' Gallery. La nuova barriera non proteggeva per le tre righe frontali dell'assemblea, zona detta Distinguished Strangers' Gallery, e proprio nel maggio di quell'anno alcuni manifestanti dell'associazione Fathers 4 Justice attaccarono il primo ministro inglese Tony Blair mentre si trovava in quella zona. In settembre, cinque manifestanti contro la messa al bando della caccia alla volpe interruppero i lavori della Camera dei comuni entrando nella stanza. Nonostante tutto ci, i membri del pubblico continuano ad avere libero accesso alle gallerie. Dal 1 agosto 2005, in seguito ad una delibera parlamentare, non pi possibile tenere manifestazioni di protesta nel raggio di un chilometro dal palazzo, a meno di non avere un'autorizzazione della polizia metropolitana.

Palazzo di Westminster

128

Cultura e turismo
L'esterno del palazzo di Westminster la torre dell'orologio in modo particolare una delle attrazioni turistiche pi visitate di Londra. L'Unesco classifica il palazzo come patrimonio dell'umanit. Non ci sono ingressi casuali all'interno, ma possibile visitare il palazzo in vari modi: assistendo ai dibattiti delle due camere dalle public galleries: i cittadini del Regno Unito possono avrere dei biglietti in anticipo rivolgendosi al rispettivo Membro del Parlamento. anche possibile, per cittadini del Regno Unito e non, provare a fare la coda per ottenere l'ammissione lo stesso giorno del dibattito, ma la disponibilit limitata e non c' alcuna garanzia di entrare. Solo una piccolissima parte del palazzo pu essere visitata. Entrambe le camere possono escludere i visitatori nel caso in cui vogliano tenere il dibattito in privato. partecipando a un tour del Parlamento durante le sessioni parlamentari: per i cittadini del Regno Unito possibile rivolgersi al rispettivo Membro del Parlamento o a un pari. Sempre tramite un MP, i tour possono essere organizzati da associazioni educative britanniche. Al momento questo servizio temporaneamente sospeso per i cittadini esteri. approfittando dell'apertura estiva del palazzo, nei due mesi in cui il parlamento non in sessione: questa opzione disponibile sia per i cittadini inglesi che per quelli esteri, ma sempre meglio prenotare in anticipo. Per informazioni, vedere qui [4]. guardando il canale della BBC BBC Parliament, che trasmette in diretta tutte le sessioni parlamentari.

Curiosit
Nel film V per Vendetta, l'intero palazzo viene distrutto dal personaggio "V" con un treno pieno di fertilizzante inglese, per completare l'opera di Guy Fawkes del 1605 con la Congiura delle polveri.

Voci correlate
Big Ben Neogotico Modello Westminster

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Palace of Westminster

Collegamenti esterni
Sito ufficiale [5] Scheda UNESCO [2]

References
[1] http:/ / toolserver. org/ ~geohack/ geohack. php?pagename=Palazzo_di_Westminster& language=it& params=51. 5_N_-0. 125_E_type:landmark [2] http:/ / whc. unesco. org/ en/ list/ 426 [3] http:/ / whc. unesco. org/ fr/ list/ 426 [4] http:/ / www. parliament. uk/ visiting/ summer_opening. cfm [5] http:/ / www. parliament. uk/ works/ palace. cfm

Tower Bridge

129

Tower Bridge
Tower Bridge

Paese Citt Tipologia Materiale Lunghezza Costruzione

Regno Unito Londra ponte levatoio composito 244 m 1886-1894

Il Tower Bridge un ponte levatoio di Londra situato sul fiume Tamigi.

Storia
Terminata nel 1894, quest'opera di ingegneria vittoriana divenne in breve uno dei simboli della capitale britannica. Le sue torri, con le guglie e le passerelle di collegamento, sostengono il meccanismo che solleva il ponte durante il passaggio di grandi navi e in occasioni speciali. Il ponte ospita The Tower Bridge Exhibition, un museo che ne illustra la storia attraverso percorsi interattivi; si pu vedere da vicino anche il motore a vapore che costitu la fonte di energia del meccanismo fino al 1976, quando il sistema venne elettrificato. Il passaggio coperto, aperto al pubblico, offre una notevole vista sul fiume Tamigi. Quando fu eretto, il ponte era alto 40 m e largo 60. Nel suo periodo di massimo splendore veniva aperto fino a cinque volte al giorno. Ci sono quasi 300 gradini per raggiungere la cima delle torri anche se vi si pu giungere per mezzo di un ascensore.

Tower Bridge

130

Galleria
Il Tower Bridge si apre

Foto

Il Tower Bridge.

Il Tower Bridge durante la sua costruzione.

Un'altra foto durante la costruzione del Tower Bridge.

Il Tower Bridge in una foto d'epoca.

L'invito per assistere all'apertura del Tower Bridge.

Il Tower Bridge di giorno ...

... e di notte

Un'altra foto del Tower Bridge di notte.

Visto dal Tamigi.

Il Tower Bridge durante il crepuscolo.

Durante il crepuscolo.

Visto dal basso.

Tower Bridge

131

La torre meridionale al livello del Tamigi.

Voci correlate
Ponti di Londra

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Tower Bridge

Collegamenti esterni
Sito ufficiale [1]
Coordinate geografiche: 513020N 00432W51.50556N 0.07556O
[2]

References
[1] http:/ / www. towerbridge. org. uk/ TBE/ IT/ index. htm [2] http:/ / toolserver. org/ ~geohack/ geohack. php?pagename=Tower_Bridge& language=it& params=51_30_20_N_0_04_32_W_region:GB_type:landmark

Pantheon (Parigi)

132

Pantheon (Parigi)
Coordinate geografiche: 485046N 22045E48.84611N 2.34583E
Pantheon di Parigi [1]

Facciata Paese Localit Religione Francia Parigi Cristiana cattolica di rito romano

Stile architettonico Neoclassico Inizio costruzione Completamento 1756 1821

Il Pantheon di Parigi (in francese Panthon de Paris) un monumento situato nella capitale francese nel cuore del Quartiere latino (V arrondissement), in cima al colle di Sainte-Genevive. circondato dalla chiesa Saint-tienne-du-Mont, dalla biblioteca Sainte-Genevive, dalla Sorbona e da altri edifici monumentali. Particolarmente suggestiva la vista da rue Soufflot, vicino ai Giardini del Lussemburgo. Fu dapprima una semplice chiesa, ma nel corso del tempo si trasform in una sorta di mausoleo dei resti mortali dei personaggi che hanno segnato la storia francese. Progettata da Jacques Germain Soufflot il primo grande monumento neoclassico[2].

Il Pantheon visto dai Giardini del Lussemburgo

Architettura
Il monumento attuale una chiesa a cupola, con pianta a croce greca (navata e transetto della stessa lunghezza, una scelta all'epoca inedita su cos grande scala in Francia), che prevedeva un ampio portico con un colonnato in stile corinzio a sostenere una costruzione lunga circa 110 metri, larga 84 e alta 83. Con il peristilio a sei colonne e il frontone triangolare (unico all'epoca), le colonne corinzie, viene

Pantheon (Parigi)

133

generalmente definita un'opera in stile neoclassico, ma la navata a volta proviene dall'architettura gotica, mentre la cupola a tamburo con il peristilio esterno richiama lo stile classico del XVII e XVIII secolo francese e l'uso delle cupole di copertura evoca lo stile bizantino. La cupola, il cui aspetto richiama quello della cattedrale di Saint Paul a Londra (1675-1710), costituita da tre cupole, di cui una sola visibile dall'esterno, incastrate le une nelle altre. La cripta copre tutta la superficie dell'edificio, con quattro gallerie sotto ciascuno dei bracci della navata. Dopo Riproduzione del Pendolo di Foucault al Pantheon essere entrato in una sala decorata da colonne doriche, il visitatore scopre al centro delledificio la vasta sala a volta di forma circolare. Una cripta incredibilmente vasta, che sembrava gi predestinare l'edificio a diventare il tempio degli uomini illustri. Nel suo insieme, il progetto rompe con gli stili classico e barocco dei secoli precedenti grazie alla perfetta simmetria, l'originale altezza delle colonne -che lo distinguono, ad esempio, da Saint-Louis des Invalides- e il rifiuto di qualsiasi eccesso decorativo. [3]

Storia
Il sovrano francese Luigi XV fece un voto nel 1744 in base al quale, se si fosse ripreso da una grave malattia, avrebbe fatto edificare sulle rovine della chiesa di Santa Genoveffa una nuova costruzione degna della santa patrona di Parigi. Al Marchese de Marigny venne commissionata la sovrintendenza per la costruzione del nuovo edificio, della cui progettazione venne incaricato l'architetto Jacques-Germain Soufflot. Nonostante le fondamenta venissero gettate nel 1758, a causa di gravi problemi economici, il completamento della costruzione venne eseguito solo dopo la morte di Soufflot, per opera di un suo pupillo, Jean-Baptiste Rondelet, nel 1789, proprio in coincidenza con lo scoppio della Rivoluzione francese, al seguito della quale la destinazione dell'edificio venne commutata dal governo rivoluzionario da santuario a mausoleo per le importanti personalit nazionali. E tale rimase fino al 1821 quando il re Luigi XVIII decise di riconsegnare il Pantheon a quella che avrebbe dovuto essere la sua destinazione originaria e cio una chiesa cattolica consacrata al culto di Santa Genoveffa, patrona di Parigi. Tuttavia il 15 agosto 1830 la Monarchia di luglio toglie il monumento al culto religioso e ne ripristina la destinazione laica. Questo stato di cose perdurer sino al 1851 quando la Seconda repubblica francese fa ridiventare chiesa l'edificio. Durante tutto questo periodo nessuna personalit viene sepolta nel Pantheon (ad eccezione di Jacques-Germain Soufflot, architetto del monumento stesso, inumato nel 1829).

Interno nel Pantheon

Pantheon (Parigi) Soltanto nel 1885 con la solenne sepoltura di Victor Hugo, viene decisa la definitiva soppressione della chiesa di Sainte Genevive e la perenne destinazione laica del Pantheon. Parallela a tutti questi cambiamenti la storia dei vari simboli che sono stati via via posti sulla sommit dell'edificio. Si comincia nel 1790 con una croce provvisoria, tolta l'anno dopo in occasione dei funerali di Mirabeau e la destinazione laica del monumento. Al suo posto viene collocata una statua di Claude Dejoux rappresentante una donna che d fiato ad una tromba. La scultura sar per rimossa il 3 gennaio 1822 con l'inaugurazione ufficiale della chiesa di Santa Genoveffa e rimpiazzata con una croce di bronzo dorata. Nel 1830, nuova laicizzazione e sostituzione della croce con la bandiera tricolore francese. Nel 1851 fa ritorno la croce dorata. Tuttavia, il 2 aprile 1871 i Comunardi ne tagliano i bracci laterali e l'utilizzano come asta per la bandiera, questa volta, rossa. Finalmente, nel luglio 1873, viene piazzato il simbolo attuale e cio una croce di pietra alta 4 metri e pesante 1500 kg e che, da allora, nessuno ha pi ritenuto necessario rimuovere, nonostante la definitiva destinazione laica del monumento. Nel 1851 il fisico francese Lon Foucault scelse il Pantheon per realizzare una sua dimostrazione scientifica della rotazione della Terra installando nella cupola centrale della costruzione un pendolo della lunghezza di circa 67 metri. Nel 1995 la sfera metallica originale che serv per l'esperimento stata donata al Pantheon dal Conservatoire National des Arts et Mtiers.

134

Lista completa delle personalit sepolte


Anno di sepoltura nel Panthon 1791 Nome Note

Honor Mirabeau

Fu il primo uomo a cui venne concesso l'onore di essere sepolto al Pantheon, il che avvenne la sera stessa del 2 aprile 1791, giorno della sua morte, al termine di un grandioso funerale attraverso le vie di Parigi, accompagnato da musiche, canti ed elogi. Tuttavia la scoperta dell'armoire de fer avvenuta nel novembre 1792, rivel che Mirabeau aveva mantenuto contatti segreti con il re Luigi XVI. Per questo motivo fu considerato un traditore e ne fu disposta la riesumazione che avvenne il giorno 21 settembre 1794. Seguendo la rega di un cerimoniale diretto dal pittore Jacques Louis David, nello stesso momento in cui la sua bara veniva fatta uscire da una porta laterale, dall'ingresso principale, simultaneamente, veniva fatta entrare con grandissimi e solenni onori, quella di Marat (a cui peraltro, pi tardi, toccher una sorte quasi identica). I resti mortali di Mirabeau vennero dispersi e gettati nelle fogne di Parigi. I resti di Voltaire (morto tredici anni prima) vennero trasferiti al Pantheon e qui sepolti l'11 luglio 1791 al termine di un funerale di proporzioni straordinarie per grandiosit e teatralit, tanto che rimasto memorabile persino il catafalco allestito per il trasporto della sua salma. Nel 1821 rischi la riesumazione perch erano molti coloro che ritenevano intollerabile la sua presenza all'interno di una chiesa. Tuttavia il re Luigi XVIII non la consider necessaria perch "..il est bien assez puni d'avoir entendre la messe tous les jours." (".. gi punito abbastanza bene dal dover ascoltare la messa tutti i giorni"). In realt fu soltanto votata e disposta la sua inumazione al Pantheon, che tuttavia non pot essere eseguita perch la sua salma non fu pi trovata. Successivamente riesumato dal Pantheon. Il suo corpo stato rimosso dalla famiglia il 14 febbraio 1795. Scomparso.

1791

Voltaire

1792

Nicolas-Joseph Beaurepaire

1793

Louis-Michel Lepeletier de Saint-Fargeau Auguste Marie Henri Picot de Dampierre

1793

Pantheon (Parigi)

135
Il 5 settembre 1794 venne deciso di trasferire la salma di Marat dal cimitero del Convento dei Cordeliers, al Pantheon. L'inumazione ebbe luogo il 21 settembre 1794 (vedi nota per Mirabeau). Ma nel 1795 anche Marat venne considerato un traditore e l'8 febbraio 1795 la sua bara fu riesumata e, secondo una tradizione ripresa anche da Victor Hugo, almeno una parte dei suoi resti mortali venne dispersa e gettata nelle fogne di Parigi. Quello che rimase fu sepolto nel cimitero di Sainte-Genevive (andato distrutto nell'Ottocento) presso la chiesa Saint-tienne-du-Mont. La salma di Rousseau (morto sedici anni prima) venne trasferita al Pantheon e qui sepolta, l'11 ottobre 1794 al termine di una veglia funebre durata una notte intera. Per ironia della sorte, la sua tomba si trova proprio accanto a quella del suo nemico Voltaire.

1794

Jean-Paul Marat

1794

Jean-Jacques Rousseau

1806 1806 1807 1807 1807

Claude-Louis Petiet Franois Denis Tronchet Jean-tienne-Marie Portalis Louis-Pierre-Pantalon Resnier Louis-Joseph-Charles-Amable d'Albert de Luynes Jean-Baptiste-Pierre Bevire Franois Barthlemy Beguinot Pierre Jean Georges Cabanis Gabriel Louis de Caulaincourt Jean-Frdric Perregaux Antoine-Csar de Choiseul-Praslin Jean-Pierre Firmin Malher Jean-Baptiste Papin Joseph-Marie Vien Pierre Garnier de Laboissire Jean-Pierre Sers Girolamo Luigi Durazzo Urna con il suo cuore. Urna con il suo cuore. Girolamo Durazzo stato l'unico Doge della Repubblica Ligure (succeduta alla Repubblica di Genova) e poi Prefetto del Dipartimento di Genova del Primo impero francese, senatore dell'Impero, ufficiale della Legion d'onore e Conte dell'Impero. Viene spesso erroneamente indicato come l'Ultimo Doge della Repubblica di Genova, ma ci inesatto. Egli stato invece Doge della Repubblica Ligure, peraltro l'unico. Urna con il suo cuore. Urna con il suo cuore. Riesumato dal Panthon.

1807 1808 1808 1808 1808 1808

1808 1809 1809 1809 1809 1809

1809

Justin Bonaventure Morard de Galles Emmanuel Crtet Giovanni Battista Caprara Montecuccoli, cardinale Louis Charles Vincent Le Blond de Saint-Hilaire Jean-Baptiste Treilhard Jean Lannes, duca di Montebello Charles Pierre Claret de Fleurieu Louis Antoine de Bougainville

1809 1810

Il suo cuore invece sepolto nel Duomo di Milano.

1810

1810 1810

1810

1811

Il suo cuore invece sepolto nel Cimetire du Calvaire a Montmartre.

Pantheon (Parigi)

136

1811 1811

Charles Erskine de Kellie Alexandre-Antoine Hureau de Snarmont Ippolito Antonio Vincenti Mareri, cardinale Nicolas Marie Songis des Courbons Michel Ordener Jean Marie Pierre Dorsenne Jan Willem de Winter Hyacinthe-Hughes Timolon de Coss-Brissac Jean-Ignace Jacqueminot Joseph-Louis Lagrange Jean Rousseau Justin de Viry Jean-Nicolas Dmeunier Jean-Louis-Ebenezer, conte Reynier Claude Ambroise Rgnier, duca di Massa e Carrara Antoine-Jean-Marie Thvenard Claude Juste Alexandre Legrand Jacques-Germain Soufflot Victor Hugo Lazare Carnot Thophile-Malo de La Tour d'Auvergne-Corret Jean-Baptiste Baudin Franois-Sverin Marceau Sepolto per la celebrazione del centenario della Rivoluzione Francese. Sepolto per la celebrazione del centenario della Rivoluzione Francese. Il nome di Joseph-Louis Lagrange fra i 72 incisi sulla Torre Eiffel. Urna con il suo cuore.

1811

1811

1811 1812 1812 1813

1813 1813 1813 1813 1814 1814

1814

1815 1815

1829 1885 1889 1889

1889 1889

Sepolto per la celebrazione del centenario della Rivoluzione Francese. Sepolto per la celebrazione del centenario della Rivoluzione Francese; sono sepolte solo le sue ceneri. Sepolto immediatamente dopo il suo assassinio. Berthelot aveva pi volte dichiarato che non sarebbe riuscito a sopravvivere all'amata moglie, Sophie Niaudet, gravemente malata. Per quanto possa sembrare incredibile, un'ora dopo la morte della donna, Berthelot fu colpito da un attacco cardiaco e mor. Il governo francese, desideroso di rendere omaggio al grande scienziato, ne dispose la sepoltura al Pantheon, ma ritenne impietoso separare la sua salma da quella della moglie. Per questo motivo, Sophie Niaudet stata la prima donna ad essere inumata al Pantheon. D'altro canto a Berthelot (che, in vita, era stato pure un ambizioso uomo politico mai sazio di incarichi), non venne risparmiata una feroce battuta da parte dell'allora capo di governo Georges Clemenceau che propose per lui questo irriverente epitaffio: Ci-gt Marcellin Berthelot. C'est la seule place qu'il n'ait jamais sollicite (Qui giace Marcellin Berthelot. Questo l'unico posto che non ha mai sollecitato).

1894 1907

Marie Franois Sadi Carnot Marcellin Berthelot

1908

mile Zola

Pantheon (Parigi)

137
Non ritrovate le sue spoglie mortali, l'aviatore Guynemer venne collocato al Pantheon per decreto del parlamento francese con la motivazione che "solo quella cupola era abbastanza grande per ospitare le sue ali". Urna con il suo cuore. Sepolto dieci anni dopo il suo assassinio.

1917

Georges Guynemer

1920 1924 1933 1948 1948 1949 1952

Lon Gambetta Jean Jaurs Paul Painlev Paul Langevin Jean Perrin Victor Schoelcher Louis Braille

Sepolto lo stesso giorno (17 novembre) di Jean Perrin. Sepolto lo stesso giorno (17 novembre) di Paul Langevin. Nel Panthon vi anche suo padre Marc, con il quale ha voluto essere sepolto. Trasferito al Pantheon il 22 giugno 1952 in occasione del centenario della sua morte. In un'urna collocata nella sua tomba di Coupvray sono rimaste le sue mani. Ceneri trasferite dal cimitero di Pre Lachaise il 19 dicembre 1964. Traslato nel Pantheon nel centenario della nascita. Traslato nel Pantheon nel centenario della nascita. Sepolto per la celebrazione del bicentenario della Rivoluzione Francese. Sepolto per la celebrazione del bicentenario della Rivoluzione Francese. Il nome di Gaspard Monge fra i 72 incisi sulla Torre Eiffel. Sepolto per la celebrazione del bicentenario della Rivoluzione francese. Sia Pierre che Marie sono stati traslati nella cripta il 20 aprile 1995 provenienti dal cimitero di Sceaux. stata la prima donna ad essere sepolta (per meriti propri) nel Pantheon. Per il timore di contaminazioni radioattive, la sua bara stata avvolta in una camicia di piombo. I suoi resti mortali, provenienti dal cimitero di Verrires-le-Buisson, sono stati inumati nel Pantheon il 23 novembre 1996, in occasione del ventesimo anniversario della sua morte. I suoi resti mortali, provenienti dal cimitero di Villers-Cotterts, sono stati inumati nel Pantheon il 30 novembre 2002, in occasione del bicentenario della sua nascita.

1964 1987 1988 1989 1989

Jean Moulin Ren Cassin Jean Monnet Henri Grgoire Gaspard Monge

1989 1995

Marquis de Condorcet Pierre Curie

1995

Marie Sklodowska-Curie

1996

Andr Malraux

2002

Alexander Dumas padre

Nel Pantheon

Pantheon (Parigi)

138

Note
[1] http:/ / toolserver. org/ ~geohack/ geohack. php?pagename=Pantheon_%28Parigi%29& language=it& params=48_50_46_N_2_20_45_E_region:FR_type:landmark [2] John Summerson, Il linguaggio classico dell'architettura, Torino, 1970, tav.57 [3] http:/ / www. france. fr/ visiter/ decouvrir/ monuments-et-patrimoine/ article/ le-pantheon-histoire-d-un-temple-republicain

Voci correlate
Storia di Parigi Architettura neoclassica

Altri progetti
Wikimedia Commons contiene file multimediali: http://commons.wikimedia.org/wiki/Panthon de Paris

Collegamenti esterni
(FR) Sito ufficiale del Panthon di Paris (http://www.monum.fr/visitez/decouvrir/indexd.dml?id=73& lang=fr)

Article Sources and Contributors

139

Article Sources and Contributors


Architettura del Settecento Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=26698170 Contributors: Civv, Enne, Etienne (Li), Karotte, Marcok, Myrabella, Rosco, Sailko, Twice25, Ylak, 4 anonymous edits Rococ Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49698607 Contributors: Aedo89, Andreakrap, Azrael555, Buggia, Cemg, Cloj, Cokoins, Dannat, Enne, Erlkoenig, Etienne (Li), Eumolpo, Fabio.gastone, Fpittui, Franz Liszt, Frigotoni, Gato5, Georgius LXXXIX, Giapet, Gliu, Grazianoleni, Grigio60, Guidomac, Helios, Ignlig, Ines, Intgr, Joaqun Martnez Rosado, Kibira, Kimi95, Kubul, LaPizia, Lo Scaligero, Lp, Lucio Di Madaura, Luisa, M7, MaEr, Maquesta, Marcobuccione, Marcok, Mark91, Microsoikos, Midnight bird, Moloch981, No2, Nyo, Orion21, Orric, Osk, Parsifall, Phantomas, Sailko, Salvatore Ingala, Salvo da Palermo, Silenski, Squattaturi, SuperSecret, Superchilum, Teodoro Amad, Ticket 2010081310004741, Torsolo, Triquetra, Winged Zephiro, WinstonSmith, 104 anonymous edits Architettura neoclassica Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49729638 Contributors: %Pier%, .anaconda, .snoopy., AAB, Al Pereira, AleR, Angeloxg1, Antoniop82, AttoRenato, Avemundi, Baku, Calabash, Caulfield, ClaudioArch, Controllore Fiscale, Davide-, Davide21, Delasale, Delfinosilenzioso, Dreamaker, Enterprise, Enterprise NX-01, Etienne (Li), Eumolpo, Formica rufa, Fpittui, Franz Liszt, Freepenguin, Ggg, GioCIM, Giovannigobbin, Gregorovius, Gvnn, Ibn Battuta, Ita01, Jacopo, Jaqen, Kal-El, Kamata, Kibira, Klaudio, Laurentius, Leoman3000, Lillolollo, Loofy, LucaLuca, Lucas, Luisa, M.moriconi, Marcel Bergeret, Marcok, Mark91, Matgio, Melancholia, Melos, Moongateclimber, Nettuno, Oct326, Paolo da Reggio, PersOnLine, Phantomas, Pracchia-78, Pusk, Quoniam, Rago, Rdocb, Riccardov, Rojelio, Sailko, Salvatore Ingala, Salvatore gioitta, Saruman87, Simo82, Squattaturi, Tancred, Tenebroso, Triquetra, Trixt, Turgon, USS Andromeda, USS Federation, USS Galaxy, USS Nautilus, USS Voyager, Viipuri, Xander89, Zanzalo, 80 anonymous edits Architettura neogreca Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=46942056 Contributors: Delasale, Etienne (Li), Fpittui, GBG, Leopold, Sailko, Salvatore gioitta Palladianesimo Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49123245 Contributors: %Pier%, .snoopy., Castagna, Caulfield, Davide21, Felyx, Fpittui, Gregorovius, LucaLuca, LukeWiller, Marcok, Panairjdde, Rago, Sir marek, Squattaturi, Ticket OTRS 2011102410007641, Tommaso Ferrara, Viipuri, Vvirgola, 15 anonymous edits Architettura georgiana Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=45564503 Contributors: AleMogliani, Etienne (Li), Francisco83pv, Moongateclimber, Rago, Sailko, 3 anonymous edits Architettura neogotica Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49738128 Contributors: Alecobbe, AttoRenato, Carnby, Etienne (Li), Eumolpo, Fpittui, Francisco83pv, Franco56, Gigi er Gigliola, Giova81, Gliu, Joaovieirapinto, Leopold, LucaLuca, Luigi.Vampa, Marcok, Netmemes, Orion21, Paolo Steffan, Paolo da Reggio, Paolopiglione, Pequod76, Petitverdot, Pinotto92, Sailko, Silenski, Svello89, Tenebroso, Ticket 2010081310004741, Tirinto, Tremendino, Twice25, Vermondo, Viipuri, Vipera, Wiwi1, 65 anonymous edits Sanssouci Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=48292745 Contributors: Calabash, Eumolpo, Fpittui, Iklaoo, K.Weise, Lo Scaligero, Luckyz, Parsifall, Pequod76, Qbert88, Ramatteo, Sir marek, 6 , anonymous edits Versailles Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49433647 Contributors: Ary29, AttoRenato, Avemundi, Balabiot, Borbone-Guglielmo, Cotton, DispAcc01, Elfie, Ermanon, Ernesto Sattaneo, F l a n k e r, Fluctuat, Gac, Giacomo Augusto, Groucho85, Guidomac, Jalo, Joe123, Johnlong, Lalupa, LukeWiller, MapiVanPelt, Marcok, Massimop, Mauriziotani, Mauro742, Paginazero, Panapp, Pedrinho, Pil56, Quindicidodici, Rdelre, Retaggio, Shivanarayana, TierrayLibertad, Valepert, Viscontino, 51 anonymous edits Filippo Juvara Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49280741 Contributors: Aedo89, Andrea.gf, Antonio Caruso, Armandoria, B3t, Codas, Emmeu, Enne, FCom T 65, Fabio.gastone, FeltriaUrbsPicta, Fidech, Fluctuat, Franco56, Georgius LXXXIX, Gian-, Ginosal, Gregorovius, Guidomac, Jacobus, L736E, Lombardo46, Maria.martelli, Marko86, Markos90, Medan, Moloch981, Moroboshi, Mulella, Nadina, Nadiolina, Nick UA, Nick1915, OTILLAF, Pequod76, Pietrodn, Pifoyde, Pracchia-78, Retaggio, Rollopack, Sailko, Salvatore gioitta, Seby, Sibode1, Sicilarch, Silas Flannery, Sucarcoa, Ulisse0, WinstonSmith, 108 anonymous edits Luigi Vanvitelli Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49843278 Contributors: Accurimbono, Al Pereira, Antonio Caruso, Archenzo, Baku, Beta16, Bileo, Casertano74, Chrysochloa, Denghi, Elwood, Etienne (Li), Evangelista Campagnuolo, F.chiodo, Fabio.gastone, Ferdinando Scala, Flentum, Gep, Grafen, History198, Ignlig, IlSistemone, Imperialista, Ines, Lalupa, Lavegliadellamorte, Lou Crazy, Marcok, Maria.martelli, Marius, Massimo Macconi, Maxperot, Mentnafunangann, Moloch981, Musso, Parsifall, Phantomas, Polytropos, Rago, Retaggio, Rojelio, Romanomarino, Roque1988, S.P. Amato, Saxlover, Shapiro1983, Sicilarch, Sitireali, Snowdog, SpeDIt, Taueres, Twice25, Xavier121, Zio Illy, 74 anonymous edits Stupinigi Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49589817 Contributors: AleR, Andrea.gf, Designed88, Gian-, Gianco941, Gspinoza, Massic80, Michele-sama, Nandorum, No2, Odejea, Patafisik, Rago, Tinkic, Zabert, 9 anonymous edits tienne-Louis Boulle Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=48030894 Contributors: Aku, Angebe, Archenzo, AttoRenato, Ecosimi, Enne, Etienne (Li), Fpittui, Frieda, Gacio, Gawain78, Kortschi, Marcok, Moloch981, Salvatore gioitta, Sicilarch, Snowdog, TierrayLibertad, Twice25, 12 anonymous edits Claude-Nicolas Ledoux Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49189934 Contributors: Ary29, Enne, Etienne (Li), Fpittui, Joana, Lalupa, Moloch981, Nadira, Nikozw, Sailko, Salvatore gioitta, Sesquipedale, Sicilarch, Sifalda, 18 anonymous edits Cenotafio di Newton Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=48008311 Contributors: Etienne (Li), Fpittui, Parsifall, Tenebroso, Whatnwas, 2 anonymous edits Marc-Antoine Laugier Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49427555 Contributors: Dispe, Etienne (Li), Fpittui, No2, Salvatore gioitta, 5 anonymous edits Stile Impero Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49373689 Contributors: Etienne (Li), Fpittui, LucaLuca, RobyBS89, Turgon, Viipuri, 4 anonymous edits Ange-Jacques Gabriel Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=45959979 Contributors: Etienne (Li), Eumolpo Porta di Brandeburgo Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49532965 Contributors: ArtAttack, Barbaking, Basilicofresco, Bramfab, Buggia, DaP, Danyele, Desyman, Dr Zimbu, Etienne (Li), Fpittui, Frieda, Friedrichstrasse, Guidomac, Hashar, Hellis, Iskander, Klauswiki, Larry Yuma, Lukius, MM, Marco Plassio, Marcok, Mess, Pap3rinik, Phantomas, Pigr8, Retaggio, Ricce, Sabaku The Berserk, Sailko, Sanremofilo, Simone Rusci, Stan Shebs, Suisui, Tenebroso, Vid395, 64 anonymous edits Christopher Wren Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=46430987 Contributors: Adalinda, Al Pereira, Benjen, Beta16, Buggia, Civv, Eumolpo, Mikils, Moloch981, Sche, Sir marek, Tenebroso, TierrayLibertad, Tommaso Ferrara, 7 anonymous edits Cattedrale di San Paolo (Londra) Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=50105238 Contributors: .snoopy., 0ne, Two, Three, Aldo Iannotti, AttoRenato, Avemundi, Awd, Barnux, Bartleby08, Brownout, Christianpppp, DarkAp, DoppioM, Duroy, Dylan--86, Etienne (Li), Eumolpo, Formica rufa, Franz Liszt, Giacomo Augusto, Giova81, Guidomac, Hasanisawi, Hellis, Ico-Neko, K.Weise, Karplus, KraMer, Lingtft, Luca Antonelli, Lucas, MaiDireChiara, Mambrucco, Marco Daniele, No2, Oliverkroll, P tasso, Panairjdde, Pracchia-78, Pufui Pc Pifpef I, Rabanus Flavus, Raiko, RaminusFalcon, Roberto sernicola, Sailko, Senpai, Shivanarayana, Sir marek, Tenebroso, Walsinghamf, Wikipedia Express, YukioSanjo, Zpp84, 56 anonymous edits James Wyatt Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=41438612 Contributors: Etienne (Li), SirVent Palazzo di Westminster Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=47582396 Contributors: Alberto di Cristina, Aldo Iannotti, AmonSl, BRussell, Derfel74, Duroy, EnzoArtech, Etienne (Li), Eumolpo, Exorcist Z, Fpittui, Garretgian, Giacomo Augusto, Giangi91, Jalo, Johnnyrotten, Lilja, LucaLuca, Lucio Di Madaura, Lulo, Moroboshi, Nicola Romani, OrAcLe, Paobac, Pracchia-78, Sardur, SimoneMLK, Superchilum, Superfranz83, Taueres, Ticket OTRS 2011102410007641, Zetazeti, 34 anonymous edits Tower Bridge Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49942454 Contributors: 0ne, Two, Three, Benjen, Dindo, Fabio Matteo, Fpittui, Francisco83pv, Gab.pr, Gnumarcoo, Gpx, Guidomac, Guidoz, IlPasseggero, Kanchelskis, Klaudio, MM, Madaki, MapiVanPelt, Marcok, Melos, Mvkulkarni23, Myrabella, Nubifer, Phantomas, Retaggio, Sailko, Sir marek, SoloTitano, Triquetra, 45 anonymous edits Pantheon (Parigi) Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=49426353 Contributors: ANGELUS, Agnellino, Andrea Cioffi, Andrea biffi, AttoRenato, Avemundi, Basilero, Buggia, DaiFh, Erinaceus, Etienne (Li), Fgarganese, Fpittui, Francisco83pv, Gabriele85, Kadellar, Lingtft, M7, Marcok, Nakata79, No2, Piffy, Pil56, Sailko, Saru-bobo, Sunflower, Superzen, Tenebroso, Vermillo, Wiki4ever, 22 anonymous edits

Image Sources, Licenses and Contributors

140

Image Sources, Licenses and Contributors


Image:Stupinigi.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Stupinigi.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: 92Miche, Akela3, Kaganer, PodracerHH, 1 anonymous edits Image:Piazza sant Ignazio Rome.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Piazza_sant_Ignazio_Rome.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0,2.5,2.0,1.0 Contributors: Myrabella Image:Panton (Francia).jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Panton_(Francia).jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Coyau, Ecemaml, LBE, Olivier2, Paris 16, Triboulet Image:Fonthill South Front edited.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Fonthill_South_Front_edited.jpg License: Public Domain Contributors: Merchbow Immagine:Pulawy palac czartoryskich.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Pulawy_palac_czartoryskich.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Grzegorz Haa, Ghalas Immagine:Potsdam - Schloss Sanssouci.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Potsdam_-_Schloss_Sanssouci.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: AnRo0002, Bukk, Diligent, Fetchcomms, Olivier2, Raymond, Schaengel89, Xenophon, 1 anonymous edits Immagine:Ottobeuren-basilika.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Ottobeuren-basilika.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: AndreasPraefcke, Boenj, Greudin, Hic et nunc, Mattis, Thomas Springer, TomAlt, 2 anonymous edits File:Parigi, Htel de Soubise (23).JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Parigi,_Htel_de_Soubise_(23).JPG License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: Parsifall Immagine:Gau1878.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Gau1878.jpg License: Public Domain Contributors: Art-top, Ghirlandajo, Kaganer, Quibik Immagine:Fransk rokokosoffa, Nordisk familjebok.png Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Fransk_rokokosoffa,_Nordisk_familjebok.png License: Public Domain Contributors: Lokal Profil, Mattis, Skipjack Immagine:JAMeissonnierTable.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:JAMeissonnierTable.jpg License: Public Domain Contributors: Juste-Aurele Meissonnier Immagine:Birnau Beichtstuhl Detail.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Birnau_Beichtstuhl_Detail.jpg License: unknown Contributors: User:Fb78 immagine:Teehaus1.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Teehaus1.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Marian Szengel File:Castle Solitude.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Castle_Solitude.jpg License: Public Domain Contributors: BuzzWoof File:Wuerzburger Residenz vom Hofgarten.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Wuerzburger_Residenz_vom_Hofgarten.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Wolfram Esser File:Schloss Augustusburg.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Schloss_Augustusburg.jpg License: Creative Commons Attribution-Share Alike Contributors: Tohma (talk) Immagine:Antoine Watteau 014.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Antoine_Watteau_014.jpg License: Public Domain Contributors: Dmitry Rozhkov, EDUCA33E, Ecummenic, Mattes, Njal, Santosga, Zolo, 2 anonymous edits Immagine:HogarthMarriage.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:HogarthMarriage.jpg License: Public Domain Contributors: Foroa, Frank Schulenburg, Ham, Lar, Mattes, Millevache, Olivier2, 1 anonymous edits Immagine:Antoine_Watteau_035.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Antoine_Watteau_035.jpg License: Public Domain Contributors: Bukk, EDUCA33E, Emijrp, Martin H., Sts, Thorvaldsson, Zolo, 2 anonymous edits File:Jesi, Palazzo Balleani (1).JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Jesi,_Palazzo_Balleani_(1).JPG License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0,2.5,2.0,1.0 Contributors: Parsifall File:Jesi, Palazzo Pianetti (2).JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Jesi,_Palazzo_Pianetti_(2).JPG License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: Parsifall Immagine:Stupinigi.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Stupinigi.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: 92Miche, Akela3, Kaganer, PodracerHH, 1 anonymous edits Immagine:Stupinigi_centrale_hal_boven.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Stupinigi_centrale_hal_boven.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Original uploader was Danielm at nl.wikipedia Immagine:Canaletto (II) 023.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Canaletto_(II)_023.jpg License: Public Domain Contributors: AndreasPraefcke, Balbo, Bukk, EDUCA33E, Fczarnowski, G.dallorto, Mattes, Zaqarbal, Zolo, 1 anonymous edits Immagine:Mg-k Basilica Superga2.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Mg-k_Basilica_Superga2.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Chphe, Clematis, G.dallorto, Mac9, Mg-k, 1 anonymous edits Immagine:Zwiefalten Muenster.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Zwiefalten_Muenster.jpg License: Creative Commons Attribution 3.0 Contributors: Paintings: Stucco: Photo: Andreas Praefcke Immagine:Steinhausen_Kapitell-1.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Steinhausen_Kapitell-1.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Fb78 Immagine:Commons-logo.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Commons-logo.svg License: logo Contributors: SVG version was created by User:Grunt and cleaned up by 3247, based on the earlier PNG version, created by Reidab. File:glise de la Madeleine 3753x3156.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:glise_de_la_Madeleine_3753x3156.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Contributors: wagner51 File:PiranesiArchTrajanBenevento.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:PiranesiArchTrajanBenevento.jpg License: Public Domain Contributors: DenghiComm, Digigalos, Fb78, G.dallorto, JoJan, Olivier2, 1 anonymous edits File:tienne-Louis Boulle Nationalbibliothek.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:tienne-Louis_Boulle_Nationalbibliothek.jpg License: Public Domain Contributors: tienne-Louis Boulle File:Eglise St Philippe du Roule - Intrieur.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Eglise_St_Philippe_du_Roule_-_Intrieur.jpg License: Public Domain Contributors: Anne97432, Benchaum, Coyau, Justelipse File:Paris-Triumph-Bogenh.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Paris-Triumph-Bogenh.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 1.0 Generic Contributors: Badzil, EugeneZelenko, Ger1axg, Olivier2, Para File:Place Louis XV - Projet de Gabriel.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Place_Louis_XV_-_Projet_de_Gabriel.JPG License: Public Domain Contributors: Bohme, Julien Demade, Justelipse, Paris 16, Tangopaso File:Chateau de versailles40.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Chateau_de_versailles40.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0,2.5,2.0,1.0 Contributors: Simdaperce File:Bordeaux - Grand Thtre 4.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Bordeaux_-_Grand_Thtre_4.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Contributors: Christophe.Finot File:Arc-et-Senans - Pavillon du directeur (projet).jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Arc-et-Senans_-_Pavillon_du_directeur_(projet).jpg License: Public Domain Contributors: Bibi Saint-Pol, Cyberugo, Justelipse, Olivier2 File:Servandoni - Faade de Saint-Sulpice.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Servandoni_-_Faade_de_Saint-Sulpice.jpg License: Public Domain Contributors: Coyau, Justelipse, Kilom691, Paris 16 File:Intrieur du Panthon.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Intrieur_du_Panthon.jpg License: Public Domain Contributors: Bohme, Coyau, Inocybe, Paris 16, Triboulet, Xenophon File:Palais justice Lyon5 fr.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Palais_justice_Lyon5_fr.JPG License: Public Domain Contributors: Alorange File:Saint-Vincent-de-Paul-Paris.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Saint-Vincent-de-Paul-Paris.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: Klaus Grnberg

Image Sources, Licenses and Contributors


File:Stowe Temple of Ancient Virtue.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Stowe_Temple_of_Ancient_Virtue.jpg License: Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic Contributors: mym File:AdamBrothersHallatSyon1778.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:AdamBrothersHallatSyon1778.jpg License: Public Domain Contributors: Bhoeble File:Church of St James -Great Packington from NW 3a2008.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Church_of_St_James_-Great_Packington_from_NW_3a2008.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Contributors: Amanda Slater File:Pantheon painting, probably by William Hodges with figures by Zoffany edited.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Pantheon_painting,_probably_by_William_Hodges_with_figures_by_Zoffany_edited.jpg License: Public Domain Contributors: Man vyi, Merchbow File:British Museum from NE.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:British_Museum_from_NE.JPG License: Public Domain Contributors: Ham, Shizhao File:Soane Museum 1.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Soane_Museum_1.jpg License: Public Domain Contributors: User:Edward File:St George's Hall, Liverpool2.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:St_George's_Hall,_Liverpool2.jpg License: Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic Contributors: Martin Clark File:Leeds Rathaus.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Leeds_Rathaus.jpg License: Public Domain Contributors: AndreyPutilov, Chemical Engineer, Jungpionier, Jza84, Man vyi, Mtaylor848, Oneblackline, 3 anonymous edits File:International-library.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:International-library.jpg License: Creative Commons Attribution 2.0 Contributors: FlickrLickr, FlickreviewR, Irate, Para, Vsk File:Brandenburger Tor Blaue Stunde.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Brandenburger_Tor_Blaue_Stunde.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: BLueFiSH.as, Carschten, Morio, Wst File:Konzerths 3a.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Konzerths_3a.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: AnRo0002, ArthurMcGill, BLueFiSH.as, Interpretix, Jcornelius, Kresspahl, Marku1988, Mazbln, Norro, TomAlt, Warburg File:Glyptothek in Mnchen.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Glyptothek_in_Mnchen.jpg License: Creative Commons Attribution 2.0 Contributors: Bibi Saint-Pol, FlickreviewR, Kurmis, Labant, Olivier2 File:AltMuseum 1a.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:AltMuseum_1a.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: AndreasPraefcke, Bibi Saint-Pol, Eisenacher, Jcornelius, Mogelzahn, Norro, Umherirrender File:Koenigsplatz.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Koenigsplatz.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Tk File:Walhalla Panorama.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Walhalla_Panorama.jpg License: Creative Commons Attribution 3.0 Contributors: Michael J. Zirbes (Mijozi) File:Possagno Canova-Tempel.png Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Possagno_Canova-Tempel.png License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Philip Schfer File:Caff Pedrocchi - Atrio - Padova.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Caff_Pedrocchi_-_Atrio_-_Padova.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Contributors: fabiola from genova, italia File:Villa Torlonia 01304.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Villa_Torlonia_01304.JPG License: GNU Free Documentation License Contributors: G.dallorto, Lalupa File:Villa Borghese tempietto sul lago.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Villa_Borghese_tempietto_sul_lago.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Alberto Luccaroni User:Luccaro File:Villa Borghese - entrata 2669.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Villa_Borghese_-_entrata_2669.JPG License: Public Domain Contributors: Common Good, Friedrichstrasse, Ian Spackman, Lalupa File:099Pincio.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:099Pincio.JPG License: Public Domain Contributors: MarkusMark File:Teatr San Carlo Neapol.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Teatr_San_Carlo_Neapol.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: User:Radomil File:Napoli piazza plebiscito.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Napoli_piazza_plebiscito.JPG License: Public Domain Contributors: User:Lalupa File:Orto botanico palermo.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Orto_botanico_palermo.jpg License: Creative Commons Attribution 3.0 Contributors: Dedda71 File:Palazzina cinese 0001.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Palazzina_cinese_0001.JPG License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: tato grasso File:Cisternone Livorno.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Cisternone_Livorno.jpg License: Public Domain Contributors: AnRo0002, DenghiComm, Etienne (Li), G.dallorto, Infrogmation, Lucarelli, 1 anonymous edits File:Sant Antonio Nuovo Trieste.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Sant_Antonio_Nuovo_Trieste.jpg License: Public Domain Contributors: Triestino File:Ghisalba parrocchia.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Ghisalba_parrocchia.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Ago76 File:Genova - Cimitero di Staglieno - Pantheon-2.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Genova_-_Cimitero_di_Staglieno_-_Pantheon-2.JPG License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Twice25 e Rinina25 File:Torino Mole Antonelliana.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Torino_Mole_Antonelliana.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: Luigi Chiesa File:19TorinoGranMadreDio.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:19TorinoGranMadreDio.JPG License: Public Domain Contributors: MarkusMark File:Novara duomo pronao.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Novara_duomo_pronao.jpg License: Public Domain Contributors: Paolo da Reggio File:Admiralty.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Admiralty.jpg License: unknown Contributors: Ghirlandajo, Kaganer, Peterburg23, Sergey kudryavtsev, TomAlt File:PavlovskPalace temple.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:PavlovskPalace_temple.jpg License: unknown Contributors: Sergey Nemanov (Photocity) File:St Isaacs SPb.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:St_Isaacs_SPb.jpg License: Public Domain Contributors: Smack (talk) File:Mikhailovsky.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Mikhailovsky.jpg License: unknown Contributors: Alexei Troshin ( -) File:Vor Frue Kirke Copenhagen entrance.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Vor_Frue_Kirke_Copenhagen_entrance.jpg License: Public Domain Contributors: Ib Rasmussen File:Vilnius Cathedral Facade.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Vilnius_Cathedral_Facade.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Juliux File:The Academy of Athens.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:The_Academy_of_Athens.jpg License: Creative Commons Attribution 2.0 Contributors: FlickrLickr, Greco22 File:Zappeion atrium.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Zappeion_atrium.JPG License: GNU Free Documentation License Contributors: Badseed File:Vacidom3.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Vacidom3.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Uzo19 File:University of Virginia Rotunda 2006.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:University_of_Virginia_Rotunda_2006.jpg License: Public Domain Contributors: Aaron Josephson; cropped by Ibn Battuta File:Ohio Statehouse columbus.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Ohio_Statehouse_columbus.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Conscious, EurekaLott, Jareha, Kralizec!, Urban File:Philadelpia-merchant exchange.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Philadelpia-merchant_exchange.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: Beyond My Ken, BoringHistoryGuy, Eoghanacht, Evrik, FlickreviewR, J Milburn, Kurpfalzbilder.de, Leoboudv, Mac9, Urban File:Low Memorial Library Columbia University NYC.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Low_Memorial_Library_Columbia_University_NYC.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Daniel Case, Fb78, Juhanson, Quasipalm, Urban File:Old supreme court c 3.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Old_supreme_court_c_3.jpg License: Public Domain Contributors: Clindberg, Gryffindor, Jorfer, Southgeist, 1 anonymous edits File:Supreme Court (USA).jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Supreme_Court_(USA).jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Davide-, Trixt File:Lincoln memorial reflecting pool.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Lincoln_memorial_reflecting_pool.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Chensiyuan

141

Image Sources, Licenses and Contributors


File:Jefferson Memorial (cropped).jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Jefferson_Memorial_(cropped).jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Contributors: User:Rdsmith4 File:Parliament House of Finland.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Parliament_House_of_Finland.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Original uploader was Miraceti at cs.wikipedia File:Sony Gebaeude.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Sony_Gebaeude.JPG License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Contributors: Martin Drrschnabel File:Brandenburgertor SN.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Brandenburgertor_SN.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: ger1axg File:Royal High School Edinburgh.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Royal_High_School_Edinburgh.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Taken by User:Supergolden Image:Walhalla aussen.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Walhalla_aussen.jpg License: Public Domain Contributors: Tebdi Immagine:Neue Wache Frontansicht.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Neue_Wache_Frontansicht.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Falkue at lb.wikipedia Image:Caledonia Road.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Caledonia_Road.jpg License: Public Domain Contributors: Zeddy (Zeddy) Image:The Academy of Athens.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:The_Academy_of_Athens.jpg License: Creative Commons Attribution 2.0 Contributors: FlickrLickr, Greco22 Image:2ndBankofUSSouthFacade.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:2ndBankofUSSouthFacade.JPG License: GNU Free Documentation License Contributors: Original uploader was Absecon 59 at en.wikipedia Immagine:Girard College.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Girard_College.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: evrik Image:Kahal Kadosh Beth Elohim Synagogue.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Kahal_Kadosh_Beth_Elohim_Synagogue.jpg License: unknown Contributors: John P. O'Neill File:Spilsby Theatre - geograph.org.uk - 65305.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Spilsby_Theatre_-_geograph.org.uk_-_65305.jpg License: Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic Contributors: Image:Orto botanico palermo2.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Orto_botanico_palermo2.jpg License: Public Domain Contributors: Esculapio, Memorato, Samuele Piazza, TECHNIQUE Image:Cincinnati-cinergy-building-detail.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Cincinnati-cinergy-building-detail.jpg License: Public Domain Contributors: User:Tysto File:Andrea palladio fourth book image.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Andrea_palladio_fourth_book_image.jpg License: Public Domain Contributors: Cohesion, Dogears, Fred J, Mac9, Marcok, Rex, Warburg File:Palladio Villa Godi.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Palladio_Villa_Godi.jpg License: Public Domain Contributors: Alexbrewer, Dogears, Pko, Warburg File:Palladio Rotonda planta Scamozzi 1778.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Palladio_Rotonda_planta_Scamozzi_1778.jpg License: Public Domain Contributors: Antur, Dogears, Mac9, Marcok, Rilegator, TomAlt, Warburg File:Greenwich Hospital. Vit Brit.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Greenwich_Hospital._Vit_Brit.jpg License: Public Domain Contributors: Merchbow File:Palazzo della Ragione.gif Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Palazzo_della_Ragione.gif License: Public Domain Contributors: Dogears, Marcok, Pko, Warburg File:Palladian window.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Palladian_window.jpg License: Public Domain Contributors: Robert Adam (en: died more than 70 years ago; it: morto oltre 70 anni fa) File:Queens House 2006.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Queens_House_2006.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Contributors: Kurpfalzbilder.de, Martin H., Pixel8 File:Stourhead 2.gif Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Stourhead_2.gif License: Public Domain Contributors: Colen Campbell File:Stourhead 1.gif Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Stourhead_1.gif License: Public Domain Contributors: Colen Campbell File:Woburn Abbey.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Woburn_Abbey.jpg License: Public domain Contributors: User:Imoen File:Russborough, Ireland.gif Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Russborough,_Ireland.gif License: Public Domain Contributors: J P Neale File:Hofcent1-crop.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Hofcent1-crop.jpg License: Public Domain Contributors: User:Jtdirl File:UVa Rotunda.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:UVa_Rotunda.jpg License: Public Domain Contributors: Geofrog, Ibn Battuta, Petri Krohn, Urban, Uris File:TheWhiteHouse.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:TheWhiteHouse.jpg License: Public Domain Contributors: Conscious, Darwinek, David Vasquez, Rimshot, TCY File:Quarenghi smolny.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Quarenghi_smolny.jpg License: Public Domain Contributors: Giacomo Quarenghi (17441817) File:Thomas Jefferson's Monticello Estate.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Thomas_Jefferson's_Monticello_Estate.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Christopher Hollis for Wdwic Pictures File:57 The Close, Salisbury.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:57_The_Close,_Salisbury.jpg License: Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic Contributors: Bhoeble, Kneiphof, Kurpfalzbilder.de, Look2See1, Mahlum, Man vyi, Robert EA Harvey, Ronaldino, Solipsist File:royal.crescent.aerial.bath.arp.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Royal.crescent.aerial.bath.arp.jpg License: Public Domain Contributors: Arpingstone, Christophe.Finot, Kurpfalzbilder.de, Mahlum, Oneblackline, Ratarsed, Yarl File:Fonthill hall edited.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Fonthill_hall_edited.jpg License: Public Domain Contributors: user:Merchbow File:Strawberry Hill 2.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Strawberry_Hill_2.jpg License: Public Domain Contributors: Jonathan Cardy, Maire, Sir Gawain File:Fonthill West and North Fronts edited.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Fonthill_West_and_North_Fronts_edited.jpg License: Public Domain Contributors: Merchbow File:Notre-dame-paris-top-facing-east.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Notre-dame-paris-top-facing-east.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Contributors: User:Nitot File:Hasak - Der Dom zu Kln - Bild 22 1824.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Hasak_-_Der_Dom_zu_Kln_-_Bild_22_1824.jpg License: unknown Contributors: Raymond, 1 anonymous edits File:Votivkirche 1866.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Votivkirche_1866.jpg License: Public Domain Contributors: Amand Helm (* um/about 1831; ?) File:Astorga Palacio 01 Jmm.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Astorga_Palacio_01_Jmm.JPG License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Contributors: Ardfern, Balbo, Fransvannes, Josemanuel, Rodelar, Zarateman File:Caff Pedrocchi.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Caff_Pedrocchi.JPG License: Public Domain Contributors: Kalibos, Sailko File:Reggio emilia mostri parmeggiani.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Reggio_emilia_mostri_parmeggiani.jpg License: Public Domain Contributors: Paolo da Reggio File:Santa croce facciata.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Santa_croce_facciata.JPG License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: G.dallorto, Mac9, Sailko File:Pittsburgh-pennsylvania-ppg-place-2007.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Pittsburgh-pennsylvania-ppg-place-2007.jpg License: Public Domain Contributors: Derek Jensen (Tysto) Immagine:Westminster palace.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Westminster_palace.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Andre Engels, Apalsola, Dbenbenn, Docu, Gmaxwell, Iltever, Karrackoo, Saperaud, Str4nd, 6 anonymous edits Immagine:Rathaus Vienna June 2006 166.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Rathaus_Vienna_June_2006_166.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Gryffindor Immagine:PPkerk(01).jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:PPkerk(01).jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: JoJan, LimoWreck Immagine:Castle Neuschwanstein 2.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Castle_Neuschwanstein_2.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: AnRo0002, Duh Svemira, Softeis

142

Image Sources, Licenses and Contributors


Immagine:Budapest Parliament 4604.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Budapest_Parliament_4604.JPG License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Dirk Beyer Immagine:Barcelona-gm2.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Barcelona-gm2.jpg License: Creative Commons Attribution 2.0 Contributors: FlickrLickr, FlickreviewR, Ronaldino Immagine:PollenzoTowerAndChurch.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:PollenzoTowerAndChurch.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: AnRo0002, Elekhh, G.dallorto, Haros, Ianezz Immagine:Galleria parmeggiani reggio emilia 1.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Galleria_parmeggiani_reggio_emilia_1.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: G.dallorto, Paolo da Reggio Immagine:Florentine Duomo Santa Maria del Fiore1 RB.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Florentine_Duomo_Santa_Maria_del_Fiore1_RB.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: User:Radomil Immagine:Molino Stucky2.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Molino_Stucky2.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: G.dallorto, Lucarelli Immagine:Mausoleo_Visconti.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Mausoleo_Visconti.JPG License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Tremendino File:0904K NPNMP Police 5.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:0904K_NPNMP_Police_5.JPG License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0,2.5,2.0,1.0 Contributors: Mateusz War. File:Reposoir della regina-margarie di racconigi.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Reposoir_della_regina-margarie_di_racconigi.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: Paolopiglione Immagine:St Patrick's cathedral NY.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:St_Patrick's_cathedral_NY.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Hu Totya, Maire Image:Central Park New York City New York 4.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Central_Park_New_York_City_New_York_4.jpg License: unknown Contributors: BanyanTree, Dcoetzee, Dogears, Eoghanacht, FSII, Martin H., Patricia.fidi, Quasipalm, Ronaldino, Tano4595 File:Potsdam - Schloss Sanssouci.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Potsdam_-_Schloss_Sanssouci.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: AnRo0002, Bukk, Diligent, Fetchcomms, Olivier2, Raymond, Schaengel89, Xenophon, 1 anonymous edits File:Potsdam freundschaftstempel.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Potsdam_freundschaftstempel.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: BLueFiSH.as, Diligent, Gryffindor, Inge-Lyubov, Look2See1, Mutter Erde, Ulf Heinsohn, Wst File:Potsdam chinesisches haus 1.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Potsdam_chinesisches_haus_1.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Diligent, Gryffindor, Samuel Blanning File:Blason ville fr Versailles (Yvelines).svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Blason_ville_fr_Versailles_(Yvelines).svg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: User:Spedona File:Prefecture yvelines versailles.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Prefecture_yvelines_versailles.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Contributors: BenP, Bohme, EmmanuelFrance, Henrysalome, Para, Pre Igor, 1 anonymous edits Immagine:Flag of France.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Flag_of_France.svg License: Public Domain Contributors: (lingua tedescaDE) (lingua ingleseEN) (lingua spagnolaES) File:France moderne.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:France_moderne.svg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0,2.5,2.0,1.0 Contributors: Adelbrecht File:Blason dpartement fr Yvelines.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Blason_dpartement_fr_Yvelines.svg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: User:Spedona File:France location map-Regions and departements.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:France_location_map-Regions_and_departements.svg License: Creative Commons Attribution-Share Alike Contributors: Eric Gaba (Sting - fr:Sting) File:Red pog.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Red_pog.svg License: Public Domain Contributors: Andux File:Versailles mairie.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Versailles_mairie.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Moonik, Ori~, Para, TCY File:Grand-Trianon1700.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Grand-Trianon1700.jpg License: Public Domain Contributors: Bohme, Louis le Grand File:Flag of Japan.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Flag_of_Japan.svg License: Public Domain Contributors: Various Immagine:JuvarraPortrait.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:JuvarraPortrait.jpg License: Public Domain Contributors: G.dallorto, Maria lo sposo Immagine:Torino - Palazzo Madama.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Torino_-_Palazzo_Madama.jpg License: GNU General Public License Contributors: Filnik, Flominator, G.dallorto, Georgius LXXXIX, JohnnyB, Mac9, Pequod76 Immagine:Cupola Della Basilica di Sant'Andrea, Mantova.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Cupola_Della_Basilica_di_Sant'Andrea,_Mantova.jpg License: Public Domain Contributors: Marinomn Immagine:La Granja Palacio.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:La_Granja_Palacio.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Balbo, I.Sek, senior, JKT-c, Pequod76, PodracerHH, Rufus46, Valdavia, Xenophon, Zaqarbal, 1 anonymous edits Immagine:Juvara Ingrandito.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Juvara_Ingrandito.JPG License: Creative Commons Attribution-Share Alike Contributors: Sibode1 File:Luigi Vanvitelli.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Luigi_Vanvitelli.jpg License: Public Domain Contributors: Diwas, Ecummenic, G.dallorto, Luigi Chiesa, Marcok, Mattes, Shakko, Sir Gawain, Tango7174 File:Ancona Mole Vanvitelliana.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Ancona_Mole_Vanvitelliana.JPG License: Public Domain Contributors: Beta16, Frumpy, Mac9, Mungany, Samuele Piazza, Samulili, 1 anonymous edits File:Chiesa Ges-Ancona.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Chiesa_Ges-Ancona.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Contributors: Beta16 File:Der bourbonische Knigspalast in Caserta.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Der_bourbonische_Knigspalast_in_Caserta.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: User Stanley-goodspeed on de.wikipedia File:Caserta-reggia-15-4-05 106.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Caserta-reggia-15-4-05_106.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Twice25 & Rinina25 File:Napoli Annunziata interno 1040525.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Napoli_Annunziata_interno_1040525.JPG License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: Lalupa File:Napoli - ForoCarlino.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Napoli_-_ForoCarlino.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Contributors: Armando Mancini File:Statua Vanvitelli Caserta f01.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Statua_Vanvitelli_Caserta_f01.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Marcok / it.wikipedia.org File:Fontana-Civitavecchia.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Fontana-Civitavecchia.JPG License: Public domain Contributors: Cotton, Flentum File:Palazzina di caccia di Stupinigi1.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Palazzina_di_caccia_di_Stupinigi1.JPG License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Daniel Ventura Immagine:Flag of Italy.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Flag_of_Italy.svg License: Public Domain Contributors: see below File:Regione-Piemonte-Stemma.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Regione-Piemonte-Stemma.svg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: F l a n k e r File:Provincia di Torino-Stemma.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Provincia_di_Torino-Stemma.svg License: Public Domain Contributors: F l a n k e r File:Nichelino-Stemma.png Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Nichelino-Stemma.png License: unknown Contributors: Feddar, GJo File:Italy location map.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Italy_location_map.svg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: NordNordWest File:Bibliotheque nationale boul.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Bibliotheque_nationale_boul.jpg License: Public Domain Contributors: AndreasPraefcke, Coyau, Erasoft24, Mats Halldin, Olivier2, Paris 16, TomAlt

143

Image Sources, Licenses and Contributors


File:Newton memorial boullee.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Newton_memorial_boullee.jpg License: Public Domain Contributors: Coyau, Mats Halldin, Mattes, Menchi, Olivier2 Immagine:Wikiquote-logo.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Wikiquote-logo.svg License: Public Domain Contributors: -xfi-, Dbc334, Doodledoo, Elian, Guillom, Jeffq, Krinkle, Maderibeyza, Majorly, Nishkid64, RedCoat, Rei-artur, Rocket000, 11 anonymous edits File:Ledoux portrait.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Ledoux_portrait.jpg License: Public Domain Contributors: Beria, Bohme, DVD R W, Ecummenic, Kilom691, Mel22, Shakko, Siren-Com File:Claude-Nicolas Ledoux - Hotel d'Hallwyll - Paris.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Claude-Nicolas_Ledoux_-_Hotel_d'Hallwyll_-_Paris.jpg License: Public Domain Contributors: AnRo0002, Julien Demade, Justelipse, Mu, Poulpy, Ronaldino, TomAlt File:Arc-et-Senans - Pavillon du directeur et atelier.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Arc-et-Senans_-_Pavillon_du_directeur_et_atelier.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Contributors: Bibi Saint-Pol, Cyberugo, Justelipse, Olivier2 File:Besanon_-_Thtre_-_Elevation.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Besanon_-_Thtre_-_Elevation.jpg License: Public Domain Contributors: Justelipse, Kilom691, Markus3, Millevache File:Paris Rotonde de la Villette 2004.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Paris_Rotonde_de_la_Villette_2004.jpg License: Public Domain Contributors: Original photo taken by fr:Utilisateur:Pol. Sligthly edited, renamed and uploaded to Commons by User:AndreasPraefcke. File:Parc Monceau - La Rotonde 02-03-06.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Parc_Monceau_-_La_Rotonde_02-03-06.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Contributors: Gregory Deryckre File:Colonnesdutrone.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Colonnesdutrone.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Benchaum, Coyau, Rothbald, ~Pyb, 1 anonymous edits File:ParisXIVEntreeCatacombe.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:ParisXIVEntreeCatacombe.JPG License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Bibi Saint-Pol, Coyau, DurandMatthieu, Olivier2, Ordifana75, Para, 1 anonymous edits File:Ledoux_-_Projet_de_maison_de_gardes_agricoles.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Ledoux_-_Projet_de_maison_de_gardes_agricoles.jpg License: Public Domain Contributors: Bibi Saint-Pol, Cyberugo, Justelipse, Mel22, Olivier2, WhiteWriter, 2 anonymous edits File:tienne-Louis Boulle Memorial Newton Night.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:tienne-Louis_Boulle_Memorial_Newton_Night.jpg License: Public Domain Contributors: tienne-Louis Boulle File:Boulle - Cnotaphe Newton - Coupe.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Boulle_-_Cnotaphe__Newton_-_Coupe.jpg License: Public Domain Contributors: Etienne-Louis Boulle File:Essai sur l'Architecture - Frontispiece.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Essai_sur_l'Architecture_-_Frontispiece.jpg License: Public Domain Contributors: Charles Eisen Immagine:Arc de triomphe du carrousel-paris.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Arc_de_triomphe_du_carrousel-paris.jpg License: Public Domain Contributors: User:Greudin Immagine:La Madeleine de Pars.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:La_Madeleine_de_Pars.JPG License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Contributors: Chosovi, Coyau, Para, Paris 16 Immagine:Jacques-Louis_David_007.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Jacques-Louis_David_007.jpg License: Public Domain Contributors: Bukk, CommonsDelinker, Diligent, Emijrp, Ibn Battuta, Kersti Nebelsiek, Kirtap, MarcusBritish, Mogelzahn, Sir Gawain, Xhienne, , 7 anonymous edits Image:Ingres, Napoleon on his Imperial throne.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Ingres,_Napoleon_on_his_Imperial_throne.jpg License: Public Domain Contributors: Bohme, BrokenSphere, DIREKTOR, Docu, Ecummenic, Fastfission, Gdr, Gryffindor, Jimmy44, Juanpdp, Kirtap, Kuerschner, Krschner, Mattes, Olivier2, Orlodrim, Shakko, Skipjack, Thorvaldsson, Tpbradbury, Traeb, Xenophon, Xhienne, 19 anonymous edits Immagine:IMG 3972 - Canova - Napoleone Bonaparte - Milano, Cortile del Palazzo di Brera - Foto Giovanni Dall'Orto 19-jan 2007.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:IMG_3972_-_Canova_-_Napoleone_Bonaparte_-_Milano,_Cortile_del_Palazzo_di_Brera_-_Foto_Giovanni_Dall'Orto_19-jan_2007.jpg License: Attribution Contributors: Giovanni Dall'Orto Image:Table Empire.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Table_Empire.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Anna reg, Carolus, Wst, 4 anonymous edits Image:Napoleon-Throne.480.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Napoleon-Throne.480.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Contributors: User:Frank Schulenburg Image:Calice di san faustino.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Calice_di_san_faustino.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:RobyBS89 File:Ange Jacques Gabriel door Jean-Baptiste Greuze Louvre.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Ange_Jacques_Gabriel_door_Jean-Baptiste_Greuze_Louvre.jpg License: Public Domain Contributors: Beria, Ecummenic, Miniwark, Mogelzahn, Mu, Robert Prummel, Sir Gawain, TomAlt, 1 anonymous edits Immagine:Place Louis XV - Projet de Gabriel.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Place_Louis_XV_-_Projet_de_Gabriel.JPG License: Public Domain Contributors: Bohme, Julien Demade, Justelipse, Paris 16, Tangopaso Immagine:Chateau de versailles40.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Chateau_de_versailles40.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0,2.5,2.0,1.0 Contributors: Simdaperce File:Brandenburger Tor abends.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Brandenburger_Tor_abends.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: Thomas Wolf (Der Wolf im Wald) File:Brandenburg Gate Quadriga at Night.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Brandenburg_Gate_Quadriga_at_Night.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Contributors: (Aleph) Creator: Johann Gottfried Schadow File:Bundesarchiv B 145 Bild-F079009-0032, Berlin, Brandenburger Tor mit Berliner Mauer.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Bundesarchiv_B_145_Bild-F079009-0032,_Berlin,_Brandenburger_Tor_mit_Berliner_Mauer.jpg License: Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Germany Contributors: Beek100, YMS File:Christopher Wren by Godfrey Kneller 1711.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Christopher_Wren_by_Godfrey_Kneller_1711.jpg License: Public Domain Contributors: Andreagrossmann, Iustinus, Kilom691, Kjetil r, P. S. Burton, TomAlt, Wmpearl Immagine:St Paul's - the final design.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:St_Paul's_-_the_final_design.jpg License: Public Domain Contributors: Deadstar, JaT, Kurpfalzbilder.de, SirAlec Immagine:StMaryLeBowChurch.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:StMaryLeBowChurch.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Ctac, Kurpfalzbilder.de, Werckmeister File:St Pauls Cathedral from West.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:St_Pauls_Cathedral_from_West.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.0 Contributors: Steve Cadman from London, U.K. Immagine:Flag of the United Kingdom.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Flag_of_the_United_Kingdom.svg License: Public Domain Contributors: Original flag by James I of England/James VI of ScotlandSVG recreation by User:Zscout370 File:Arms of the Greater London Council.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Arms_of_the_Greater_London_Council.svg License: Public Domain Contributors: Greentubing File:City of London logo.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:City_of_London_logo.svg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: WikiLaurent File:Cathdrale St-Paul - coupole.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Cathdrale_St-Paul_-_coupole.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0,2.5,2.0,1.0 Contributors: Bernard Gagnon File:St Paul's old. From Francis Bond, Early Christian Architecture. Last book 1913..jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:St_Paul's_old._From_Francis_Bond,_Early_Christian_Architecture._Last_book_1913..jpg License: Public Domain Contributors: Bhoeble, Bob Castle, Kurpfalzbilder.de, Palamde File:Christopher Wren, Saint Paul's Cathedral, London (plan and section).JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Christopher_Wren,_Saint_Paul's_Cathedral,_London_(plan_and_section).JPG License: Public Domain Contributors: Andreagrossmann,

144

Image Sources, Licenses and Contributors


Kurpfalzbilder.de, Mahlum, 2 anonymous edits File:St Paul's Cathedral London02-2.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:St_Paul's_Cathedral_London02-2.jpg License: Creative Commons Attribution 2.0 Contributors: St_Paul's_Cathedral_London02.jpg: Peter Morgan derivative work: Rabanus Flavus (talk) File:View from St Pauls Cathedral London.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:View_from_St_Pauls_Cathedral_London.jpg License: Creative Commons Attribution 2.0 Contributors: FlickrLickr, FlickreviewR, Lumijaguaari, 1 anonymous edits File:Wenceslas Hollar - John Donne (monument).jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Wenceslas_Hollar_-_John_Donne_(monument).jpg License: unknown Contributors: Dcoetzee, Micione File:Fonthill Abbey from the southwest William Turner 1799.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Fonthill_Abbey_from_the_southwest_William_Turner_1799.JPG License: Public Domain Contributors: Fb78, Man vyi, Merchbow, 2 anonymous edits File:Flag of UNESCO.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Flag_of_UNESCO.svg License: Trademarked Contributors: Mouagip File:UNESCO World Heritage Site logo.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:UNESCO_World_Heritage_Site_logo.svg License: unknown Contributors: Blackcat File:PalaceOfWestminsterAtNight.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:PalaceOfWestminsterAtNight.jpg License: Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic Contributors: BaldBoris, Berrucomons, Docu, Edward, Gmaxwell, Joolz, Lateiner, Man vyi, OldakQuill, Para, Paris 16, Rocket000, Ronaldino, Saperaud, Solipsist, Stevenfruitsmaak, , 1 anonymous edits File:houses.of.parliament.overall.arp.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Houses.of.parliament.overall.arp.jpg License: Public Domain Contributors: Arpingstone, Bhoeble, Common Good, Nichtbesserwisser, 1 anonymous edits File:Palace of Westminster from Roque's map (1745).jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Palace_of_Westminster_from_Roque's_map_(1745).jpg License: Public Domain Contributors: Conscious, Manchot sanguinaire, NotFromUtrecht, Ronaldino, Saperaud File:Turner-The Burning of the Houses of Lords and Commons.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Turner-The_Burning_of_the_Houses_of_Lords_and_Commons.jpg License: Public Domain Contributors: AKeen, Anna reg, BoringHistoryGuy, Concord, EurekaLott, Ham, Man vyi, Mattes, Oneblackline, Saperaud, The Duke of Waltham, Wst, 3 anonymous edits File:Palace of Westminster plan Crace.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Palace_of_Westminster_plan_Crace.jpg License: Public Domain Contributors: Bhoeble, Charlie fong, GeorgHH, Merchbow, Sdrtirs, The Duke of Waltham, TomAlt, Voyager File:Houses of Parliament.JPG Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Houses_of_Parliament.JPG License: Public domain Contributors: Fantasma, OrAcLe File:Westminster Hall edited.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Westminster_Hall_edited.jpg License: Public Domain Contributors: Thomas Rowlandson (1756-1827) and Augustus Pugin (1768-1832) File:George IV coronation banquet.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:George_IV_coronation_banquet.jpg License: Public Domain Contributors: AnRo0002, AndreasPraefcke, Giorgiomonteforti, Kurpfalzbilder.de, Man vyi, Manchot sanguinaire, Saperaud, Sir Gawain, The Duke of Waltham, Thuresson, Verica Atrebatum, Wst, 1 anonymous edits File:Palace of Westminster, London - Feb 2007.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Palace_of_Westminster,_London_-_Feb_2007.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 2.5 Contributors: Diliff File:Assassination of Spencer Perceval.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Assassination_of_Spencer_Perceval.jpg License: Public Domain Contributors: AndreasPraefcke, Gryffindor, Madmedea, Man vyi, Manchot sanguinaire, 2 anonymous edits File:London 2010 Tower Bridge.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:London_2010_Tower_Bridge.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: Myrabella File:Tower_Bridge,London_Getting_Opened_1.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower_Bridge,London_Getting_Opened_1.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Mvkulkarni23 File:Tower_Bridge,London_Getting_Opened_2.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower_Bridge,London_Getting_Opened_2.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Mvkulkarni23 File:Tower_Bridge,London_Getting_Opened_3.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower_Bridge,London_Getting_Opened_3.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Mvkulkarni23 File:Tower_Bridge,London_Getting_Opened_4.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower_Bridge,London_Getting_Opened_4.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Mvkulkarni23 File:Tower_Bridge,London_Getting_Opened_5.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower_Bridge,London_Getting_Opened_5.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Mvkulkarni23 File:Tower_Bridge,London_Getting_Opened_6.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower_Bridge,London_Getting_Opened_6.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Mvkulkarni23 File:The Tower Bridge, London completely opened.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:The_Tower_Bridge,_London_completely_opened.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Mvkulkarni23 File:Tower Bridge London Dusk Feb 2006.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower_Bridge_London_Dusk_Feb_2006.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: Diliff File:Tower_Bridge,London_Construction_photo_1.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower_Bridge,London_Construction_photo_1.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Mvkulkarni23 File:Tower_Bridge,London_Construction_photo_2.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower_Bridge,London_Construction_photo_2.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Mvkulkarni23 File:Tower Bridge, London Old photo.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower_Bridge,_London_Old_photo.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Mvkulkarni23 File:The invitation of opening of Tower Bridge, London.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:The_invitation_of_opening_of_Tower_Bridge,_London.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Mvkulkarni23 File:The Tower Bridge, London.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:The_Tower_Bridge,_London.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Mvkulkarni23 File:The Tower Bridge, London in the night 1.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:The_Tower_Bridge,_London_in_the_night_1.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: User:Mvkulkarni23 Image:Tower Bridge London Feb 2006.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower_Bridge_London_Feb_2006.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: Diliff Image:London 2010 Tower Bridge.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:London_2010_Tower_Bridge.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: Myrabella Image:Tower-bridge-south-view.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower-bridge-south-view.jpg License: GNU Free Documentation License Contributors: Original uploader was Bpa at en.wikipedia Image:TowerBridge SvG2.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:TowerBridge_SvG2.jpg License: Public Domain Contributors: SvG Image:tower.bridge.7.basculecloseup.london.arp.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower.bridge.7.basculecloseup.london.arp.jpg License: Public Domain Contributors: Arpingstone, Docu, PeterJewell, Ronaldino, Yarl Image:Tower Bridge 2007 3.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Tower_Bridge_2007_3.jpg License: Public domain Contributors: Misterweiss at en.wikipedia File:Panthon de Paris - 02.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Panthon_de_Paris_-_02.jpg License: Creative Commons Attribution-Sharealike 3.0 Contributors: Kadellar File:Flag of France.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Flag_of_France.svg License: Public Domain Contributors: (lingua tedescaDE) (lingua ingleseEN) (lingua spagnolaES) File:Flag of Paris.svg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Flag_of_Paris.svg License: Public Domain Contributors: Invitatious (me) File:AlleLuxembourg.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:AlleLuxembourg.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: User:PRA

145

Image Sources, Licenses and Contributors


File:Pendule de Foucault.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Pendule_de_Foucault.jpg License: Public Domain Contributors: Arnaud 25 File:Paris-Pantheon-Interieur.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Paris-Pantheon-Interieur.jpg License: Creative Commons Attribution 3.0 Contributors: Jean-Christophe BENOIST File:Pantheon_wider_centered.jpg Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Pantheon_wider_centered.jpg License: Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported Contributors: Jean-Pierre Lavoie (Jplavoie) File:Magnify-clip.png Source: http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=File:Magnify-clip.png License: Public Domain Contributors: User:Erasoft24

146

Licenza

147

Licenza
Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported //creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/

Interessi correlati