Sei sulla pagina 1di 1

tutto gratis (o quasi)

Il sapere condiviso universalmente, questa la vera democrazia del web


- Patrizia Kopsch -

Quando si accede alla home page di Facebook, a destra immediatamente sotto le caselle del login si legge: Facebook gratis e lo sar sempre. Inserita per fugare le voci che periodicamente si rincorrono su un possibile, futuro costo per registrarsi al popolare social network, questa dichiarazione casca a fagiolo per introdurre questarticolo sul quale, per la verit, sto riflettendo da parecchi giorni. In effetti, la gratuit della Rete qualcosa di eccezionale, un accesso incondizionato a risorse e a conoscenze del quale usufruisco a piene mani, si fa per dire, quotidianamente. Ed semplicemente fantastico. La faccio breve e vado ad elencare alcune delle risorse gratuite e delle dritte che ho trovato nel mio quotidiano girovagare nella Rete. In primo luogo, desidero segnalarvi http://www.scribd.com, una sorta di libreria digitale che consente di caricare contenuti in modo praticamente illimitato. Lho scoperta grazie a un blogger: cercavo un modo per caricare sul mio blo g (www.migrazionedigitale.blogspot.it) gli articoli che scrivo per questa rubrica in formato pdf, per renderli pi leggibili. Quelli che avevo inserito erano in formato jpg, in sostanza una sorta di fotografia che non era possibile ingrandire, pertanto i testi risultavano essere troppo piccoli, in una parola: illeggibili. Asterix (http://dixdipcpervoi.blogspot.it) il blogger che con un post mi ha inse-

gnato come fare. Mille grazie Mr. Asterix! Una volta caricati gli articoli in formato pdf su Scribd, ho copia/incollato il collegamento alla pagina da inserire nel mio blog e il gioco stato fatto. E tutto completamente gratis. Per inciso: anche la creazione dei miei blog, sulla piattaforma www.blogspot.com, stata completamente gratuita, cos come lo sarebbe stato se avessi scelto invece www.wordpress.com. Se vi occorrono immagini, vi segnalo

www.flickr.it oppure anche www.sxc.hu , la registrazione gratuita e la scelta abbastanza ampia. Certo per alcuni temi ci si deve accontentare, ma questi siti sono una bella soluzione se non avete grandi budget da spendere e non volete incappare in guai con il copyright delle immagini che utilizzate per rendere pi gradevoli e attraenti i vostri blog, le slide o le vostre presentazioni cartacee. Lutilizzo gratuito delle foto soggetto ad alcune limitazioni, naturalmente se

IL PINOCCHIO
tel 0331 375299

Edicola Cartoleria Giocattoli Articoli regalo


via dei Patrioti, 49 Solbiate Olona

desiderate sfruttarle commercialmente o inserirle in loghi o marchi dovrete acquistarne i diritti, ma la spesa c o munque sempre molto contenuta. Recentemente ho scaricato un e.book, naturalmente gratuito, dal titolo Come fare una rassegna stampa usando Internet a firma Valerio Quatrano. Gli e.book gratuiti sono unottima variante digitale di marketing poich da un lato conferiscono grande visibilit allautore (il sinonimo gratis sempre molto gradito e gettonato), dallaltro consentono di crearsi una bella mailing list di potenziali clienti che, per poter scaricare il testo sul proprio pc, devono obbligatoriamente compilare un form con i propri dati e lindirizzo e.mail. Da notare che la mailing list sar naturalmente profilata, come si suol dire: si tratta di persone sicuramente interessate allargomento e a tutto quanto gira intorno ad esso. Come nelle scatole cinesi, nella risorsa gratuita e.book sopra citata ho trovato m o l t e altre scorciatoie gratis come www.diigo.com, uno strumento che consente di sottolineare le parti importanti di alcuni articoli che si trovano on-line. Chiaramente questo un suggerimento utile per chi deve confezionare una rassegna stampa, ma emblematico di quanto sia versatile e ricca di possibilit per tutti limmensa miniera della Rete. Il programma PDF24 Editor che si trova a questo link http://it.pdf24.org/ molto utile per convertire i file dal formato doc o jpg in formato pdf. gratis naturalmente, cos come gratis sono numerosissime altre risorse che consentono di compiere la medesima operazione in rete: www.pdfonline.com/convert-pdf/. E cosa dire dei cosiddetti programmi open source (letteralmente risorsa aperta) come www.openoffice.org una suite per ufficio completa rilasciata con una licenza libera che ne consente la distribuzione gratuita, cito letteralmente dalla home page del sito. Installando Open Office sul proprio pc - io lho fatto con il mini pc che utilizzo come device

mobile che porto sempre con me alle conferenze stampa o alle riunioni - significa attivare i medesimi programmi di Microsoft: word, excel, power point e cos via Un bel risparmio, non vi pare? www.sapere.it invece un bel sito per consultare il dizionario in lingua italiana, ma anche per tradurre vocaboli dallitaliano allinglese, francese, spagnolo, tedesco, portoghese, turco, polacco, albanese, filippino e viceversa. Se per navigare utilizzate Chrome come browser, avrete notato che in alto, sotto la barra di navigazione, quando approdate su siti stranieri, vi offerta la possibilit di visualizzare la pagina in lingua italiana grazie a Google Traduttore. Naturalmente la traduzione va sempre un po interpretata, insomma dovete metterci anche del vostro, come si suol dire, poich attuata da un software che non considera le regole grammaticali n il senso che deve essere attribuito ad alcuni termini polivalenti. Infine, se desiderate approfondire la vostra conoscenza su particolari tematiche, nelle vostre ricerche sulla Rete potreste imbattervi in webinar gratuiti. Il vocabolo nasce dalla fusione di due termini: web e seminar. In sintesi, si tratta di un seminario, una conferenza trasmessa in rete. Iscrivendosi a questi eventi formativi on line, si ricever una e.mail con un link al quale collegarsi nel giorno e nellora prestabilita dellevento e, seguendo poche e semplici istruzioni, ci si trover in una sorta di sala convegni virtuale. I contributi del relatore si potranno ascoltare dal sistema audio del pc, mentre le slide saranno visibili direttamente sul nostro schermo. Generalmente ai partecipanti riservato un momento finale durante il quale consentito porre domande tramite una sorta di chat che, in tempo reale, letta dal docente che fornisce le risposte a
- 41 -

voce. Ho assistito a diversi webinar e devo dire che sono sempre molto utili. Recentemente poi ho assistito via streaming (una sorta di diretta televisiva trasmessa on line) a eventi che si sono svolti un po ovunque, lultimo dei quali era stato organizzato presso lUniversit Bicocca di Milano dal titolo Nel cuore del TG1 online. Alma Grandin, capo servizio della redazione del TG1 online, ha condotto un brillante incontro con gli studenti della facolt milanese approfondendo gli aspetti del giornalismo web 2.0. Naturalmente stato molto interessante anche per me, comodamente seduta nel mio studio a Varese. Certo, occorre sapersi muovere nella grande Rete per evitare di incappare in bufale clamorose. Tuttavia il mio entusiasmo nei confronti di questo sapere condiviso cos democraticamente e universalmente si rafforza ogni qualvolta riesco ad approfondire ulteriormente la mia conoscenza del mezzo. In professioni che, come la mia, esigono la formazione continua, tenuto conto della vertiginosa velocit con cui mutano gli scenari, Internet costituisce davvero una risorsa inarrivabile. Senza spostarsi dalla propria scrivania, senza dover affrontare traffico, itinerari incerti, navigatori inaffidabili, evitando consumo di tempo e di risorse non rinnovabili, possibile aggiornarsi e apprendere quantit enormi dinformazioni come se ci si trovasse in Universit, nella sala convegni, a migliaia di chilometri di distanza.. per senza la fatica e la stanchezza di un viaggio sulle spalle. Tutto questo soltanto una decina di anni fa era impensabile. Tutto questo, rende veramente accessibile la conoscenza in modo universale. What else? @patriziakopsch migrazione digitale.blogspot.it; bluedichina.blogspot.it

- 40 -