Sei sulla pagina 1di 4

26 | bit.

ly/mudam

27 | bit.ly/mudam

MUDAM.
LUXEMBOURG.

Enrico Lunghi, direttore del Mudam, Museo darte contemporanea dal 2009, ha vinto una scommessa personale: riuscito a trasformarlo in un centro culturale , vitalissimo e a vincere lostilit dei lussemburghesi per larte del presente, puntando sullintegrazione con il territorio, mostre site-specific di artisti internazionali e comunicazione con i cittadini e globale.

Quali sono le caratteristiche del Mudam, perch si differenzia dagli altri musei di arte contemporanea e come si finanzia?
Innanzitutto, il Mudam inaugurato nel 2006 il primo museo costruito specificamente a questo scopo nel Lussemburgo. Ledificio una bellissima opera tardiva di Ieoh Ming Pei, lautore della Piramide davanti al Louvre a Parigi, e il sito in cui si trova, il Park Dri Eechelen (Parco delle Tre Ghiande), ammirevole. un esempio di integrazione tra architettura e territorio. Il Mudam ospita una collezione che stata iniziata nel 1998, dunque coprendo solamente larte della fine del XX secolo e dellinizio del secolo XXI: non abbiamo arte moderna e lavoriamo per cos dire in diretta con larte del presente.

Jacqueline Ceresoli / www.kritikaonline.com kmeron / Ingwar_H / Albert / Mark Weston / Gilles Francois / Marc Whatieu

29 | bit.ly/mudam

Il Museo finanziato dallo Stato e ovviamente abbiamo entrate nostre (mecenati, sponsor e biglietteria) che raggiungono il 10% del budget.

Quale criterio espositivo stato addottato ?


Presentiamo mostre monografiche e tematiche che portano, attraverso larte di oggi, uno sguardo distanziato, spesso critico o poetico, sul nostro mondo. Non siamo formalisti. Ci interessiamo a unarte senza frontiere e attuale, nella quale cerchiamo pertanto valori perenni.

Come viene recepita larte contemporanea nel Lussemburgo?


Con la creazione del Casino Luxembourg - Forum dart contemporain nel 1996, la citt si dotata di un istituzione molto innovativa e attiva nel campo dellarte contemporanea: per il pubblico stato uno shock, ma il suo programma artistico senza concessioni e la dimensione cosmopolita della popolazione ha fatto accettare il Mudam ai lussemburghesi inizialmente poco interessati allarte contemporanea.

31 | bit.ly/mudam

Perch espone poco gli artisti italiani?


Nel primo anno della mia programmazione ho invitato Raffaella Spagna e Andrea Caretto a fare una grande installazione nella mostra Sketches of Space: gli italiani non sono dunque per niente esclusi e prima, al Casino Luxembourg, avevo gi fatto mostre di Grazia Toderi (1997) e Luca Vitone (2006). Al Mudam mostriamo artisti che ci fanno guardare il mondo un po diversamente, larte transnazionale, importante lopera, non la nazionalit. Tutte le mostre sono una grande avventura e unoccasione di crescita umana e professionale.

Ci racconta chi sono gli artisti della mostra in corso e come nata lidea di accoppiare artisti cos diversi?
Abbiamo Thea Djordjadze che ha fatto un bel lavoro allultima Documenta e alla Biennale di Venezia, dove ha contribuito alleffimero padiglione della Georgia e Lutz & Guggisberg, una coppia di giovani artisti svizzeri che perpetuano, in qualche modo, lo spirito di Fischli & Weiss. Queste due mostre sono assai rappresentative della programmazione del Mudam: non difendiamo unestetica particolare, piuttosto unidea aperta dellarte, che pu utilizzare qualunque materiale ed espressione, ma sempre con un contenuto che parla dellessere in vita, sulla terra, oggi. Tutto questo si vedr in parallelo alla grande mostra tematica Limage Papillon, costituita da sedici stanze di artisti messi a confronto con lopera letteraria di W.G. Sebald.

Oggi la situazione molto cambiata: larte contemporanea si radicata con il territorio e rappresenta una punta di eccellenza nel panorama internazionale. Penso che ci siano poche citt di 100.000 abitanti nel mondo che abbiano due istituzioni darte contemporanea come il Mudam e il Casino, dove si espongono mostre temporanee di emergenti o artisti locali. Larte di casa e i lussemburghesi la vivono con una grande partecipazione, forse pi che altrove.

Lei quali scelte innovative ha introdotto al Mudam?


Da una parte ho evidenziato la presenza della collezione con la mostra Brave New World nel 2010, fatta esclusivamente di opere nostre e anche riservando interamente il primo piano, per tre anni consecutivi, a mostre tematiche con le opere della nostra collezione. Dallaltra, abbiamo ripensato interamente la programmazione e comunicazione degli eventi, concentrandola sulle realt del nostro pubblico, con molte visite guidate, workshop e corsi sulla storia dellarte recente, anche per adulti. Questo andato di pari passo con il rinnovo dellestetica e della funzione della comunicazione, che si adattata alla diversit dei nostri pubblici: locale e nazionale, regionale (includendo le regioni limitrofe della Francia, del Belgio e della Germania), e internazionale. Il risultato che, per tre anni consecutivi, la frequentazione aumentata in modo considerevole rispetto alla dimensione della citt: da 50.000 nel 2009 siamo arrivati a poco meno di 80.000 nel 2012.

Quali sono le mostre che hanno riscosso maggiore successo di critica e pubblico?
La critica nazionale ha molto apprezzato mostre come Brave New World e The Venice projects 1988-2011 che ripresentava tutti i progetti del Lussemburgo alla Biennale di Venezia. La critica internazionale ha evidenziato mostre tematiche come The Space of Words o le monografie di Attila Csrg e Sanja Ivekovic. Il pubblico ha molto amato queste mostre, ed anche Mondes Invents, Mondes Habits che mostrava la fantasia ingegneristica e tecnologica di molti artisti contemporanei, tra cui Panamarenko, Chris Burden, Conrad Shawcross e David Altmejd.

Quante mostre pianifica allanno e cosa prevede per la prossima stagione?


Usiamo gli spazi del Mudam in maniera molto dinamica, non dunque il numero di mostre che conta facciamo tra dieci e quindici progetti allanno ma la loro dimensione rispettiva: una mostra pu occupare uno o due piani, i progetti possono essere due o tre per piano. Ogni quattro o cinque anni vorremmo fare una mostra in tutto il museo, cio i tre piani. Per questautunno organizziamo una grande mostra personale di Lee Bul: penso che sar eccezionale e spettacolare.