Sei sulla pagina 1di 4

LEQUILIBRIO MACROECONOMICO Il modello usato nel libro il modello di base di concorrenza.

. In questo modello si assume che un vasto numero di famiglie e imprese interagiscano sui mercati dei prodotti, del lavoro e dei capitali. In questo modello: - tutti i mercati sono interrelati : ci che accade in un mercato ha affetti negli altri - i salari, i saggi di interesse, i prezzi si modificano in modo da adeguare la domanda e lofferta. Assumiamo che i mercati si puliscono da eccessi di domanda e offerta (per fini espositivi). In Macroeconomia ci concentriamo sugli aggregati, sulloutput totale piuttosto che sul livello di produzione di una singola impresa, come fa la microeconomia. IL MERCATO DEL LAVORO Nel modello di base di concorrenza i mercati tendono sempre allequilibrio. Nel mercato del lavoro se la domanda eguaglia lofferta vale la condizione del pieno impiego. Nessun lavoratore che desidera trovar lavoro ed disposto ad accettare il salario di mercato rimane disoccupato. Tuttavia esiste sempre un livello minimo di disoccupazione, ed la disoccupazione frizionale. Il salario lo indichiamo con W (wage). Livello generale dei prezzi uguale a P. Il salario reale uguale al salario nominale corretto per tener conto delle variazioni del livello generale dei prezzi. Per calcolare il salario reale si divide il salario nominare per il livello generale dei prezzi (W/p). Se prezzi e salari nominali crescono nella stessa direzione e nella stessa proporzione, il salario reale rimane invariato

Nella figura, rappresentato il mercato del lavoro aggregato. Sullasse verticale si misura il salario reale (W/p). Sullasse orizzontale si misura la quantit di lavoro (L). Curva di domanda aggregata di lavoro Dati la tecnica e gli impianti produttivi disponibili, la domanda di lavoro dipende: - dal salario che le imprese devono pagare - dal prezzo del bene che esse producono e vendono - dal prezzo degli altri input, inclusi i macchinari e le materie prime Tenendo costanti i prezzi dei beni e degli input, la curva di domanda aggregata di lavoro indica la quantit di lavoro domandata ad ogni livello del salario. Al diminuire del salario aumenta la quantit di lavoro domandata. E succede per 2 motivi: - quando i salari diminuiscono rispetto al prezzo dei macchinari, per le imprese sar conveniente utilizzare pi lavoro e meno macchinari. - quando i salari diminuiscono, il lavoro diventa meno costoso rispetto al prezzo dei beni prodotti con esso e quindi le imprese assumeranno pi lavoratori La curva di domanda di lavoro ha un andamento decrescente. Curva di offerta aggregata di lavoro Per semplificare lesposizione, consideriamo lofferta di lavoro perfettamente anelastica (verticale, in questo caso lofferta di lavoro insensibile alle variazioni del salario reale). Questo significa che gli individui non entrano ed escono dalla forza lavoro in corrispondenza di aumenti o diminuzioni del salario reale, n aumentano o diminuiscono il numero di ore lavorative in conseguenza di quei cambiamenti. In questo modo sullasse X possiamo misurare indifferentemente il numero di ore lavorate o il numero di lavoratori assunti. Lequilibrio di mercato si realizza in corrispondenza dellintersezione della curva di domanda e di offerta nel punto E. Se il salario fosse a un livello W2/P, superiore a quello di equilibrio, la domanda di lavoro sarebbe L2 e sarebbe minore dellofferta L1 e si genera un eccesso di offerta di lavoro. A questo punto, i lavoratori disoccupati alla ricerca di un posto saranno disposti a lavorare per un salario minore di quello corrente, spingendo verso il basso il salario dei lavoratori gi occupati. Questo processo continua fino a che la domanda di lavoro non sar uguale allofferta. Nel caso in cui il salario reale fosse a un livello W1/P, ad esempio W3/P, le imprese tenderebbero a domandare pi lavoro di quanto non ne sia disponibile nelleconomia. A questo punto, le imprese si fanno concorrenza per ottenere pi lavoro, e questo processo porter a un aumento del salario fino al livello W1/P.

Spostamenti della curva di offerta di lavoro Gli spostamenti della curva di offerta possono essere dovuti a: - un aumento costante del flusso migratorio - un aumento nel numero di donne che entrano a far parte della forza lavoro - quando in un certo periodo, vi sono pi giovani che entrano a far parte della forza lavoro rispetto agli anziani che ne escono

Uno spostamento verso destra dellofferta di lavoro provoca una diminuzione del salario reale. Spostamenti della curva di domanda di lavoro Gli spostamenti della curva di domanda possono essere dovuti a: - una diminuzione degli investimenti che porta a una diminuzione della quantit di macchine disponibili utilizzabili dai lavoratori; e questo porta a una diminuzione della produttivit del lavoro e le imprese vorranno assumere meno lavoratori rispetto a prima. () - un nuovo progresso tecnologico che porta a un aumento della produttivit ()

Pu succedere che la domanda di certi di tipi di lavoro diminuisca quando ci sono nuovi investimenti in macchine e innovazioni tecnologiche, mentre aumenta soltanto la domanda di lavoro specializzato. IL MERCATO DEI PRODOTTI La relazione tra occupazione e produzione totale chiamata funzione di produzione di breve periodo.