Sei sulla pagina 1di 3

Lezione 70 (EBR) Le vocali ebraiche: lo shev

Nota Con questa lezione terminiamo lapprendimento delle vocali ebraiche. Ci siamo inoltrati lentamente in modo che tutto fosse acquisito bene e senza difficolt. Questa lezione potrebbe apparire alquanto ostica. Affrontatela con calma. Nella lezione (63 EBR), lo ricordiamo nuovamente, avevamo classificato le vocali ebraiche in: Vocali brevissime. Vocali brevi. Vocali medie. Vocali lunghe. Finora abbiamo trattato delle vocali brevi, medie e lunghe. Avevamo accantonano le brevissime per una ragione: raggruppano vocali indistinte, appena accennate e perfino lassenza di vocale. LO SHEV: ASSENZA DI VOCALE O SEMIVOCALE. Osservate questa parola:


Sappiamo gi che si legge shulchn e che significa tavolo. Se fate caso, sotto la lettera sono presenti due puntini verticali:


Se avete fatto caso bene, quei due puntini non hanno trascrizione, infatti abbiamo trascritto shulchn, e dopo la l non compare alcuna vocale. Ecco, quei due puntini sotto la lmed si chiamano shev quiescente ( ); la lettera e della parola shev, posta come apice (e) sta a indicare che potrebbe essere muta o appena pronunciata (come la e francese); in questo caso (shulchn) si tratta di shev quiescente e la e muta. Laltro tipo di shev, che stavolta si legge come e appena accennata (come la e francese), si chiama shev semplice. Si osservi questa parola:


I due puntini posti sotto la prima lettera ( ) sostituiscono il diacritico per lo shev semplice e si leggono come la e francese, appena accennata. Cos, questa parola la prima della Bibbia, che significa in principio si legge beresht e non bresht. Tutti e due questi tipi di shev hanno come segno diacritico due puntini posti sotto la consonante cui si riferiscono, cos: Volendo essere pignoli, nella trascrizione con le nostre lettere lo shev quiescente (essendo muto) non si trascrive, come gi visto nella parola shulchn. Lo shev semplice, invece, potrebbe essere trascritto come una e posta allapice, come nella parola beresht ( ); potremmo per trovare questa parola trascritta anche beresht oppure b(e)resht o semplicemente beresht. Fissiamo bene, come ripasso, questo tipo di shev, scritto sempre con due punti verticali sotto la consonante: Shev quiescente. Muto: i due punti non si leggono n si trascrivono. Shev semplice. I due punti si leggono come una e appena accennata, come la e francese. Come si fa a distinguerli? Lo shev quiescente (muto) si trova sotto la consonante preceduta da vocale breve o da vocale media tonica. il caso di memorizzare bene questa regola. Ecco tre esempi:

La prima parola - che abbiamo gi vista e che significa tavolo - si legge shulchn; la seconda si legge chokmh e significa sapienza; la terza, Abraamo, si legge Avrahm. Questo shev, che muto (quiescente), non si trova mai in fine di parola, tranne che sotto la finale della consonante kaf (). Esempio: ( ylech), and. Anche se ora sembra alquanto complicato, con la pratica sar pi semplice. Lo shev semplice (e appena accennata) si trova allinizio di parola (esempio: , lech, andate), sotto una e consonante doppia ovvero con un daghsh al centro (esempio: , att , tu), dopo un altro shev (esempio: , Yoptel, Iocteel), dopo una vocale lunga o media atona (esempio: , soferm, scribi).

TUTTE LE FORME DELLO SHEV MOBILE. Come abbiamo appena esaminato, a parte lo shev quiescente o muto, abbiamo lo shev semplice, da pronunciarsi come la e francese, appena accennata. In verit, questo shev semplice fa parte della suddivisione dello shev mobile. Lo shev mobile si suddivide nello shev semplice (e appena accennata), che abbiamo gi visto, e nello shev composto. Come dice il nome, i due puntini verticali (shev) si compongono nello shev composto con altri segni. Tutte queste forme di shev mobile costituiscono le vocali brevissime. Ecco i diacritici dello shev composto: Nome del diacritico Chatf ptach Chatf segl Chatf qmetz Forma e posizione Pronuncia e trascrizione a e o Note Pronuncia rapida, come nelle finali delle parole Roma, sole e dito, pronunciate rapidamente in alcune regioni italiane

Difficile? Complicato? Forse. Riepiloghiamo, per chiarezza. Ecco tutte le forme dello shev: Tipo di shev Shev quiescente * M o b i l e * Shev semplice Shev composto Chatf ptach Chatf segl Chatf qmetz Shev quiescente Shev semplice Forma e posizione Tulle le forme dello shev Pronuncia e trascrizione Note Muto; non si pronuncia n si trascrive E appena accennata (= e francese) Pronuncia rapida, come nelle finali delle parole Roma, sole e dito, pronunciate rapidamente in alcune regioni italiane

VOCALI BREVISSIME
e e (e) a e o

Si trova sotto la consonante preceduta da vocale breve o da vocale media tonica; non si trova mai in fine di parola, tranne che sotto la finale della consonante kaf () Si trova allinizio di parola, sotto una consonante doppia ovvero con un daghsh al centro, dopo un altro shev, dopo una vocale lunga o media atona

Vediamo degli esempi di shev mobile:

La prima parola ketl, uccidere; in rosso lo shev semplice (letto come la e francese). La seconda parola rachamm, viscere; in rosso lo shev composto chiamato chatf ptach. La terza parola ekl, mangia!; in rosso lo shev composto chiamato chatf segl. Lultima parola chli, malattia; in rosso lo shev composto chiamato chatf qmetz. Nella prossima lezione forniremo una tavola riassuntiva di tutto il sistema vocalico ebraico, cercando di dare suggerimenti pratici per unagevole lettura del testo biblico.

ESERCIZIO Di seguito, 1Cron 3:1 in cui sono stati evidenziati gli shev semplici/quiescenti e gli shev composti:


Pi precisamente:

- shev semplice, perch allinizio della parola - shev semplice, perch allinizio della parola - shev semplice, perch allinizio della parola; shev quiescente, perch preceduto la vocale breve - shev quiescente, perch preceduto la vocale breve - shev quiescente, perch preceduto da vocale breve - shev semplice, perch si trova dopo una vocale media atona; shev semplice, perch si trova dopo
un altro shev

- shev quiescente, perch preceduto la vocale breve; shev semplice, perch si trova dopo un altro
shev

si tratta di un chatf patch - shev composto da leggersi a con pronuncia molto breve.

Potrebbero piacerti anche