Sei sulla pagina 1di 12

Ottimizzazione su Reti

Le reti sono presenti in diversi settori:

Reti trasporto

Reti di distribuzione

Reti logistiche

Reti di comunicazione

Reti di progetto

logistiche • Reti di comunicazione • Reti di progetto I problemi di ottimizzazione su rete sono

I problemi di ottimizzazione su rete sono particolari

problemi di PL aventi una struttura dati che agevola la loro risoluzione (su PC)

Rete (Grafo)

I grafi sono una struttura matematica fondamentale

I grafi rappresentano un # molto vasto di problemi di

tipo diverso

Grafo: struttura relazionale formata da un insieme finito di oggetti (nodi) ed un insieme finito di relazioni

tra coppie di oggetti (archi)

Nodi (vertici, siti)

Archi (relazioni tra coppie di nodi, collegamenti)

Grafo G = (V,E)

V = insieme dei nodiv 1 , v 2 ,

E = insieme degli archi e 1 , e 2 ,

, v n

, e m

Corso di Ricerca Operativa - A. Sciomachen

2

Grafi: modelli di reti

Esempio di rete reale e del modello di grafo

corrispondente

di reti • Esempio di rete reale e del modello di grafo corrispondente Corso di Ricerca

Cosa modellano i grafi

Reti e relativi problemi:

Stradale (nodi: luoghi, archi: strade)

Ferroviaria (nodi: stazioni, archi: linee)

Telefoniche e di computer (inclusa internet)

:

Problemi: connessione, percorsi, flusso, localizzazione

I grafi si utilizzano per rappresentare problemi in cui bisogna selezionare alcuni archi / nodi per ottimizzare

una data funzione obiettivo

Problema dei ponti di Königsberg

La città di Könisberg (città natale di Kant) è percorsa dal fiume Pregel e da suoi affluenti; ci sono 2 isole

connesse tra loro e con le 2 aree principali della città

da 7 ponti.

Questione: è possibile seguire un percorso che

attraversi ogni ponte una e una volta soltanto e

tornare al punto di partenza?

5
5

Nel 1736 Eulero dimostrò

che non era possibile

Corso di Ricerca Operativa - A. Sciomachen

Problema dei ponti di Königsberg

Problema dei ponti di Königsberg Eulero ha formulato il problema in termini di teoria dei grafi.

Eulero ha formulato il problema

in termini di teoria dei grafi. Rappresentando le aree urbane

con un punto (nodo o vertice) e

ogni ponte con un segmento di linea (arco o spigolo).

(nodo o vertice) e ogni ponte con un segmento di linea (arco o spigolo). Corso di

Corso di Ricerca Operativa - A. Sciomachen

6

Definizioni di base

I nodi di un grafo si rappresentano con punti o cerchi e

gli archi con una freccia o con una linea tra i nodi

Un grafo G = (V,E) è orientato se gli archi rappresentano coppie ordinate di nodi (è ammesso un solo verso di percorrenza)

1 2
1
2

Un grafo G = (V,E) è non orientato se gli archi

rappresentano coppie non ordinate di nodi (“doppio

senso” di percorrenza)

1
1
2
2

Il k-esimo arco si indica con la coppia di nodi (i,j) o con ij

Corso di Ricerca Operativa - A. Sciomachen

7

Definizioni

In un grafo orientato se (v i ,v j ) E:

v i è predecessore di v j

v j è successore di v i

In un grafo non orientato se (v i , v j ) E:

v i è adiacente a v j

v i è isolato se non ha nodi adiacenti

– l’arco (v i , v j ) è incidente su v i e su v j

Archi adiacenti: archi che hanno un nodo in comune

Grado di un nodo: # archi incidenti (# nodi adiacenti)

Grado max di un nodo: n-1 (grafo orientato), (n-1)/2 (grafo non orientato)

Densità di G: |E| / |V|

Corso di Ricerca Operativa - A. Sciomachen

8

Esempio

2 è predecessore di 4

2 è successore di 1 e 3

5 è predecessore di 4

2 5 1 3 4
2
5
1
3
4

2 è adiacente a 1, 3 e 4

5 è isolato

• L’arco (1,3) incide sui

nodi 1 e 3

5 2 1 3 4
5
2
1
3
4

Cammino

Cammino: sequenza di archi in cui il nodo finale di un

arco è il nodo iniziale dell’arco successivo

Nodi connessi: esiste almeno un camino che li unisce

Rete connessa: ogni coppia di nodi è collegata da almeno un cammino

Circuito (ciclo): cammino “chiuso” in cui il nodo iniziale coincide con quello finale

• Rete aciclica: rete priva di cicli Cammini da 1 a 3: 3 1 2
• Rete aciclica: rete priva di cicli
Cammini da 1 a 3:
3
1
2
5
•1, (1,2), 2, (2,3), 3
•1, (1,4), 4, (4,5), (5,3), 3
•1, (1,4), 4, (4,2), 2, (2,3)
•1, (1,4), 4, (4,5), 5, (5,2), 2, (2,3), 3
10
4
Corso di Ricerca Operativa - A. Sciomachen

Tipi di grafi

Grafo nullo: G = (V, ): insieme di nodi isolati privi di

connessioni (insieme di luoghi indipendenti)

Grafo lineare: 2 o più nodi collegati tra loro (scambio

territoriale)

Grafo ad albero: ogni grafo connesso privo di cicli. I

nodi sono collegati tra loro da un unico cammino (nodi

interni e periferici)

Grafo bipartito: V è partizionato in 2 sottoinsiemi V1 e

V2 tali che

V1 V2 = V

e V1 V2 =

Grafo completo: esiste un arco tra ogni coppia di nodi

11

Corso di Ricerca Operativa - A. Sciomachen

Tipi di grafi

Grafo planare: è possibile rappresentarlo su un piano senza intersezione degli archi (definizione di rotte)

senza intersezione degli archi ( definizione di rotte) (spostando all’esterno un arco diagonale) Grafi planari
(spostando all’esterno un arco diagonale)
(spostando
all’esterno
un arco
diagonale)

Grafi planari

(spostando all’esterno un arco diagonale) Grafi planari Grafi non planari Grafo completo di 5 nodi Grafo
(spostando all’esterno un arco diagonale) Grafi planari Grafi non planari Grafo completo di 5 nodi Grafo

Grafi non planari

un arco diagonale) Grafi planari Grafi non planari Grafo completo di 5 nodi Grafo bipartito completo

Grafo completo di 5 nodi

Grafo bipartito completo di 3+3 nodi

12

Corso di Ricerca Operativa - A. Sciomachen