Sei sulla pagina 1di 16

Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib.

Napoli 20/2008 del 28/02/2008

3 Seppelliteci allo Juventus Stadium; 4 Fatto di Napoli, Napoli assente, supremazia Juve; 5 Il Punto sulla Serie A, accaduto nella 12 giornata 8 Il Derby della Vergogna, Salernitana - Nocerina; 9 Un Occhio allestero, i principali campionati europei; 10 Fatto di Calciomercato, le ultime trattatIve;

11 Scommetiamoci su & Indovina Chi? 12 Mondiale per Club, tutto pronto; 13 Fatto di Pallanuoto; 15 Circoletto Rosso; Notte NBA & Scoviamo gli
Sport; 16 Sport e Cinema, avete mai visto Tifosi?

La Juventus stritola 3 a 0 il Napoli. Come un serpente, con la sua preda, la Vecchia Signora ha lentamente ucciso ogni speranza di ribaltare il risultato, ogni volont di vincere a Torino del Napoli. Niente da fare Napoli, a Torino, regna solo un Re o, meglio, solo una Regina. E lo Juventus Stadium, teatro di tante vittorie e di soddisfazioni, scenario di una grande rinascita, il primo ad accogliere le due squadre, a tenere uniti, nellunica fede, circa 40 mila tifosi, accorsi per godersi uno spettacolo assicurato, per poter cantare e incitare la propria squadra. Ovviamente, al seguito pi juventini, che napoletani, causa la limitata capienza del settore ospiti. E tutto pronto! Lo stadio, proprio, quello delle grandi occasioni. Ladrenalina sale. Al fischio dinizio, la concentrazione si fa massima. Tutti gli occhi puntati sulle casacche bianconere e, su quelle azzurre, per una semplice gufata. La Juve c. Primi minuti e, gi, una Juventus scoppiettante. Dal primo corner di serata, la Juve attua il suo solito schema. Uno schema, sicuramente, odiato da tanti tifosi, che a volte per niente fruttuoso. Sta volta, mai schema fu pi azzeccato. Quattro i tocchi; Pirlo, Asamoha, Isla, Tevez; zampata vincente, poi, dello spagnolo Fernando Llorente. Dj Nan, intona tre volte FERNANDO, lo Stadium risponde LLORENTE. Sul dualismo, di questa settimana, tra i due spagnoli; Llorente - Callejon, ad avere la meglio lex del Bilbao. Due minuti e la Juve gi in vantaggio. Posizione di off-side per Llorente, ma oramai, il dado tratto e, indietro mai pi si ritorna. Sempre e solo Juve, prima ci prova Bonucci, ma Reina non si fa sorprendere, poi il solito Llorente, ma i tiri troppo centrali, non creano problemi al portiere azzurro, che pu solo fare sua la sfera. Il primo tempo finisce e, per gli juventini lansia, al gol di Llorente, si affievolisce, si accennano dei sorrisi, ladrenalina stemperata. I napoletani guasconi per lintera giornata, invece, diventano teneri conigli. Inizia il secondo tempo, non bello, per la Juve che soffre e anche molto. Il Napoli attacca, tenta di agguantare il pareggio. La punizione di Insigne, gi velenosa contro il Borussia Dortmund, impensierisce gli juventini. Si trattiene il fiato, ma al tiro, parato da Buffon, scappa un grande sospiro di sollievo. E ancora un Napoli cattivo. Stavolta Hamsik che con la sua specialit, il tiro potente, colpisce lesterno della rete. Poche le occasioni per la Juve e, i suoi tifosi iniziano a preoccuparsi; tanta la paura di vedere sfumata una gara per la troppa calma e sicurezza dei giocatori in campo. Al 28 del secondo tempo, da un Pirlo che ti aspetti, arriva una punizione sontuosa, perfetta, magistrale. La palla, dal suo destro magico, lascia il punto di battuta, scavalca la difesa; la traiettoria che disegna, crea nellaria una scia di musica inebriante. Quella palla, si posa l dove non ci arriverebbe mai nessuno: langolino. Mozart, lo chiamano. Wolfgang Mozart Andrea Pirlo e, come il musicista di talento, lo juventino compone punizioni inimitabili, da lasciare senza fiato, tanta la bellezza e leleganza del suo tocco. LAndrea Nazionale sigla la sua 40esima punizione, altre tre per superare il record di Mihajlovic, fermo sulle 43 punizioni. Non sempre lestetica va di pari passo con le vittorie e, questo la Juve lo sa. Non conta giocare bene, dribblare, fare le arabone, i sobreri, per vincere, ma basta mettere la palla in rete, cos, semplicemente e, la Juve ci riesce, per la terza volta. Pogba, si alza la palla, aspetta che scende quanto basta per poterla calciare desterno. Palo, RETE. Goooooooooooooooooooooooooooooooooool! 3 a 0. Esplode lo stadio! Oi vita, oi vita mia, o icore e chistu core canta lo stadio. Napoletani assenti, inceneriti, rinchiusi nel loro guscio da guappi. Quei napoletani che da Agosto intonavano don din, intervengon da Torino ha segnato Higuain, avranno capito che non si dice gatto se non ce lhai nel sacco. Grande Juve, cuore, orgoglio e passione. E la vittoria della Juventus, la vittoria di un gruppo sempre pi compatto, assetato di vittorie. E la vittoria degli juventini, di quelli che si sgolano, di quelli che nellesultanza prendono le storte, di quelli che soffrono e, di quelli che piangono di gioia. La vittoria, questa vittoria della Juve e del popolo bianconero, ma soprattutto di quello campano. Quei juventini che ogni giorno sono costretti a sopportare gli sfott e, che pazientemente rispondono con i fatti. Annalisa Moccia

Stesso stadio, stessa storia. Stesse squadre, stesso odio. Cos allo Juventus Stadium allentrata degli azzurri in campo per il riscaldamento, partono i soliti cori di carattere discriminatorio come O Vesuvio lavali col fuoco e noi non siamo napoletani.La Juve si aggiudica il secondo posto in classifica approfittando del pareggio della Roma con il Sassuolo per accorciare le distanze dalla capolista. Rocchi non fa in tempo a fischiare il calcio dinizio che Reina si trova a salvare la rete da Pogba ma poco dopo Llorente lo punisce da una posizione molto dubbia,fuorigioco netto. Nella ripresa gli azzurri pi agguerriti ma Pirlo su punizione non sbaglia al 74 e Pogba con un gran gol all80stendono letteralmente il Napoli che deve accontentarsi, per il momento, del terzo posto in classifica. Bene solo Reina e Insigne, lestremo difensore pi volte miracoloso mentre lattaccante lunico a provarci e quasi riuscirci per ben due volte. Male molto male Marek Hamsik. Sfortunati i napoletani che tornano a casa con la seconda sconfitta stagionale. KARINA ORNELLA PALOMBA

Atalanta Bologna 2-1 Partita tra 2 squadre che si equivalgono per le rose, ma in situazione di classifica differenti. I padroni di casa si presentano con molte defezioni (squalifiche o infortuni) e senza Denis. I bergamaschi riescono a portare a casa i 3 punti in una partita lottata fino alla fine, che ha visto nel tabellino dei marcatori un ex come Bianchi. I padroni di casa si erano portati in vantaggio conBrivio, per essere ripresi subito da Bianchi, e quando sembrava che il pareggio avesse la meglio ecco il gol di Livaja al 93.

Cagliari Torino 2-1 Partita da 3 punti pesanti per 2 squadre, che sono vicine in classifica e con obiettivi simili. Il ritorno a casa al SantElia ha fatto bene ai sardi, che trovano una vittoria importante. Capitan Conti segna 2 reti su altrettante punizioni dal limite e fa respirare una formazione, che in affanno questanno. Il vantaggio siglato da Conti su punizione, ma nei primi minuti di secondo tempo ecco Immobile, che pareggia. Le emozioni non finiscono qui, infatti Conti al minuto 88 si ripete ancora su punizione e regala questa vittoria alla propria squadra.
Parma Lazio 1-1 La Lazio cerca una conferma dopo la vittoria di Europa League, mentre il Parma cerca di scappare dalle zone calde. Ne viene fuori un pareggio dove ha vinto la paura e la stanchezza. Succede tutto in un quarto dora, infatti al minuto 50 gli ospiti passano in vantaggio con la prima rete di Keita in campionato per essere raggiunti al 64 da Lucarelli. La Lazio passa in vantaggio con una grande azione solitaria di Candreva, che tenta il dribbling, e il rimpallo favorisce Keita, che dopo aver superato Mirante deposita in rete. I padroni di casa pareggiano su azione da calcio dangolo con Lucarelli, che stacca di testa e batte Marchetti. Roma Sassuolo 1-1 La capolista deve affrontare una squadra, che sulla carta destinata a perdere, per nelle battute finali si fa riprendere e finisce 1-1. La Roma passa in vantaggio con un autogol di Longhi, che in modo molto particolare trafigge il proprio portiere vanificando lintervento di questultimo. La partita sembra dover finire in goleada per i giallorossi, che perdono Borriello(infortunio) e perdono attacco. Il Sassuolo tenta di rispondere e ripartire in velocit, ma non riesce a segnare, fino allultimo minuto. 4 minuti di recupero ed ecco la beffa per la capolista, che si fa riacciuffare da Berardi nelle battute conclusive. Stefano Limongelli

CATANIA UDINESE 1-0 Gli uomini di Guidolin perdono altri tre punti per il cammino verso lEuropa League nellanticipo della 12 giornata al Massimino. De Canio raccoglie i primi tre punti della sua gestione, nonostante lassenza di nove uomini, portandosi a quota 9 in classifica. La partita subito vivace con continui capovolgimenti ed un palo colpito da Pereyra. Alla mezzora Domizzi abbraccia Legrottaglie, rigore e Maxy Lopez alla 100 in serie A sigla il vantaggio dal dischetto. Finale di primo tempo molto acceso con lUdinese che reclama un calcio di rigore per un tocco di mano in area diTachtsidis. Ripresa che si apre sullo stesso ritmo del primo, lUdinese alza il baricentro alla ricerca del pareggio ed il Catania punge sulle ripartenze. Al 66 Pinzi prende il palo e la squadra diGuidolin sbatte di continuo contro il muro di Di Canio rispondendo presente alla lotta salvezza. INTER LIVORNO 2-0 Uno striscione dedicato a Massimo Moratti sulla curva nord dello stadio S.Siro, per ricordare i suoi 18 anni di gestione, apre lanticipo serale della 12 giornata. La banda Mazzarri trova tre punti preziosi avvicinandosi a Juve e Napoli contro un Livorno sornione. La partita equilibrata fino al 30 fin quando Bardi, su cross di Jonathan, la respinge nella propria porta e porta in vantaggio i nerazzurri. Il primo tempo si chiude in vantaggio con un Handanovic spettatore e ripresa che si apre con la squadra di casa alla ricerca del raddoppio, sfiorandolo pi volte. Mazzarri butta dentroKovacic, Belfodil ed all80 ritorna in campo luomo bionico Javier Zanetti, dopo 195 giorni dallintervento, e subito entra in partita dando il via al gol del raddoppio firmato da Nagatomo. 2 a 0 e S.Siro che festeggia il ritorno in campo del suo capitano dando un arrivederci a Moratti. GENOA VERONA 2-0 Nellanticipo delle 12:30 la squadra di Gasperini guadagna posizioni in classifica trovando la terzavittoria consecutiva in campionato contro un Verona giusto a Genoa in grande forma forte di aver ottenuti 5 vittorie nelle ultime 6 partite. I Grifoni partono ben organizzati riuscendo a contenere i giallobl ed al 29 Portanova porta i suoi in vantaggio incornando un cross dal calcio dangolo e sei minuti dopo Matuzalem pesca in area Kucka che di testa brucia Rafael siglando la rete del raddoppio. Il primo tempo si chiude sotto il segno di Perin confermando lottimo momento di forma e la buona prestazione di Toni. Nella ripresa il Verona ci prova proponendo un calcio spettacolare ma sbatte pi volte contro Perin. A dieci minuti dalla fine Toni colpisce un palo ponendo fine alle chance di rimonta. La squadra di Gasperini vola al settimo posto e centra la terza vittoria consecutiva, cosa che non succedeva da tre anni e mezzo.

CHIEVO VERONA MILAN 0-0 Uno spettacolo mediocre tra sbadigli ed errori andato in scena al Bentegodi. La squadra di Allegri non riesce a riproporre la giusta voglia vista al Camp nou ed inciampa nuovamente sul campo del Chievo scivolando sempre pi gi in classifica. I rossoneri, orfani di un Balotelli squalificato, scendono in campo con lo stesso sistema di gioco visto contro il Barcellona ma i meccanismi non girano. Per la prima palla gol bisogna attendere il 42 del primo tempo ed il resto noia, lunico a salvarsi Kak. Ripresa che dovrebbe aprirsi con un Milan pi agguerrito ed un Chievo alla ricerca di punti salvezza ma non cosi. La partita ricomincia a basso ritmo e dopo 7 minuti Rigoni sbagliaclamorosamente a porta vuota e da questo sbaglio i rossoneri tentano una reazione senza riuscirci. Allegri cambia modulo passando a 4-3-3 favorendo lingresso di Robinho che all80 prende il palo a tu per tu con Puggioni. Match che si carica di nervosismo nel finale con Montolivo prima ePellissier poi cacciati fuori dal campo ed il risultato finale del Bentegodi un triste 0 a 0 con un espulso per parte ed un spettacolo mediocre.
Ferruccio Montesarchio

Con una doppietta Pepito Rossi regala i tre punti alla Fiorentina e festeggiare la convocazione in nazionale. I viola dominano per circa 70 minuti passando in vantaggio con un calcio di rigore trasformato dallitalo-americano per una trattenuta in area su Alberto Aquilani. Al 17 sale in cattedra sempre Giuseppe Rossi che fa esplodere in Franchi: tiro a giro dai venti metri e palla in rete. La Fiorentina domina nel possesso palla ma nella ripresa Gabbiadini riapre il match al minuto 74. Rossi (Delio) prova ad agguantare un clamoroso pareggio e getta nella mischia prima Gavazzi e poi un elettrico Pozzi. Nel finale i Blucerchiati sfiorano il gol del pareggio con il neo entrato Wszolek e con un colpo di testa che sfiora il palo di Mustafi. Una vittoria che proietta i viola a ridosso della zona champions e un super Pepito Rossi che manda k.o. la Samp, ora in zona retrocessione. VALERIO CASTORELLI

Era iniziato tutto nel migliore dei modi, un presidente pi che compiaciuto della sua scelta e un ex calciatore, Fabrizio Ravanelli, a sedersi su una panchina,quella dell'Ajaccio, che, a quando pare, sognava gi da bambino. Ora dopo pochi mesi giunta l'ora di un brusco risveglio, l'avventura giunta al capolino con un esonero e ci nonostante in Francia non si fa altro che parlare di lui. A parlare per primo stato un suo ormai ex calciatore, Cedric Hengbart, che lo ha accusato di voler far usare a tutti i calciatori prodotti come creatina, proteine e amminoacidi. Il giocatore ha rivelato che ci sono state tantissime discussioni in merito e lui, a 33anni, si rifiutato categoricamente di seguire le direttive. Sotto la lente d'ingrandimento sta passando anche il preparatore atletico Giampiero Ventrone, il quale gi al centro del caso doping, cos proprio come Ravanelli, che colpi la Juventus negli anni 90. Per entrambi adesso sembrano essre tornati i fantasmi del passato. Il tecnico italiano si dice allibito al suono di certe parole e non riesce proprio a capire come siano saltate fuori. Una tesi per indica che sia una rivalsa il motore di queste frasi."L'ho messo fuori squadra appena arrivato, perch non rientrava nei miei piani. Lui avrebbe potuto prendere anche 50 chili di prodotti, ma con me non avrebbe giocato mai. Per non penso a ripicche personali, io appartenevo a una squadra corsa e sono italiano, non capisco il motivo di un tale accanimento. Sono davvero amareggiato" queste sono state le parole che hanno partecipato all'arringa difensiva di Ravanelli. Come in Italia per anche in Francia adesso torna di moda il passato. Se da noi per le accuse fu assolto, oltre le Alpi, anche se non stato mai provato, si riteneva che avrebbe fatto uso di cocaina ai tempi del Marsiglia. Antonio Greco

E troppo facile scagliarsi contro i sostenitori della Nocerina, rei di aver minacciato propri calciatori prima del match contro la Salernitana. Gi la maschera, il giro si allarga alle istituzioni, alla Lega calcio e a chi crede che la tessera del tifoso abbia ancora un senso. La Nocerina ultima in un campionato in cui non ci saranno retrocessioni, ovvero nel campionato pi falsato della storia, con una rosa( non allaltezza) piena zeppa di diciottenni gettati nella mischia ogni domenica per due lire. Ultimo posto meritatissimo. Minaccia di morte o meno, i tifosi hanno chiesto ai propri calciatori di scioperare e di non scendere in campo per evitare una probabile figuraccia contro i cugini granata in un derby che mancava dal lontano 1984. Unesagerazione, certo, ma era lunico modo dei supporters rossoneri di intervenire dopo che il prefetto aveva negato loro la trasferta nella vicina Salerno. Perch le autorit a pochi giorni dal derby hanno deciso di vietare lingresso allArechi ai soli residenti delle due Nocera? La situazione probabilmente si sarebbe risolta con una gara a porta chiuse o a campo neutro. Arrivati allArechi i giocatori rossoneri hanno comunicato al club di non voler scendere in campo. In seguito interviene il Questore di Salerno Antonio De Iesu: i dirigenti della Nocerina si sono impegnati per convincere i propri giocatori a scendere in campo, dopo le intimidazioni ricevute davanti al quartier generale della squadra, in un hotel a Mercato San Severino, alla partenza del pullman, da circa 200 presunti ultras. La parte malata della tifoseria rossonera ha inscenato forme di minacce che prefigurano reati penali. Ma lordine pubblico garantito, il derby si pu giocare in condizioni di massima sicurezza. Pronti via e ha inizio la pagliacciata del secolo: la Nocerina effettua tre sostituzioni nel primo minuto di gioco e al 21 larbitro costretto a decretare la fine dopo che ben 5 rossoneri avevano simulato un malore in campo. Il resto storia. Il ds molossoPavarese a termine della farsa comunicher le dimissioni dellintera dirigenza a cui sono seguite quelle di tutto lo staff tecnico. Infine la risposta di De Iesu: Con le porte aperte sarebbe stata una guerriglia. Nel frattempo abbiamo acquisito filmati e testimonianze di quanto accaduto a Mercato San Severino ed avvieremo le opportune indagini. Tonnellate di fango sulla citt di Nocera, tante sono le dinamiche ancora da chiarire nel derby della vergogna, tanti sono i perch. Perch i calciatori rossoneri sono scesi in campo con una t-shirt con su scritto rispetto per Nocera per ricevere delle fantomatiche minacce di morte da parte degli stessi tifosi? Perch Nocerina e Salernitana ad inizio stagione sono state inserite nello stesso girone? A cosa serve la tessera del tifoso? Perch societ e staff tecnico rossonero scappano via quando a dieci giorni dal derby viene rinnovato il contratto al tecnico Gaetano Fontana? Valerio Castorelli

Premier league
Undicesima giornata di Premier League all'insegna del Liverpool. I Reds vincono facilmente sul Fulham, e si rifanno sotto, un autorete di Amorebieta, poi Skrtel e doppio Suarez fissano il punteggio sul 4-0. Chelsea bloccato sul pari dal West Bromwich. Blues in vantaggio con Eto'o, poi sorpasso ospite con le reti di Long e Sessegnon, pari su rigore concesso e trasformato da Hazard solo al 96'.Gli altri incontri del sabato hanno visto la bella vittoria del Shouthampton sul Hull City per 4-1, la squadra di Pochettino riesce a mantenersi stabilmente nelle zone alte della classifica. Ottima vittoria del Aston Villa sul Cardiff per 2-0, che allontana la squadra del West Midland dalle zone basse della classifica. Domenica sar di scena il big match tra Manchester United ed Arsenal, con la squadra di Wenger, decisa a rispondere all'offensiva lanciata dal Liverpool, e continuare ad allungaresulle inseguitrici. L'altra squadra di Manchester, il City, ospite di un Sunderland sempre pi in crisi di gioco e risultato.Chiudono la giornata Tottenham Newcastle e Swansea Stoke City.

Liga BBVA
C' la tripletta di Cristiano Ronaldo, uno su rigore, nel pokerissimo alla Real Sociedad. Completano Benzema e Khedira. Blancos che si portano momentaneamente a - 3 in classifica dal Barcellona capolista. Rimonta Bilbao, che riesce ad avere la meglio sul Levante grazie alle reti di Rico e Anduriz. Bella vittoria dell' Almeria, grazie ad una rete di Rodri al 18' riesce a battere l' Osasuna, portandosi avanti in classifica ed allontanandosi dalle zone basse. Ennesima sconfitta per il Celta Vigo di Luis Enrique, battuto in casa per 2-0 da Rayo Vallecano, l'ex allenatore giallorosso rischia seriamente l'esonero. Le prime due della classe saranno impegnate domenica, il Barcellona sar di scena a Siviglia contro il Betis, nel pi classico dei testa coda, sulla carta match senza storia. L'Atletico Madrid invece avr un compito molto pi arduo giocher infatti in casa di un Villareal sempre pi lanciato in classifica. Chiudono la giornata Valencia Valladolid, con i padroni di casa in netta ripresa sia in classifica sia nel gioco, ed Espanyol Siviglia.

BUNDESLIGA
Grazie alle reti di Boateng, Ribery, e Muller il Bayer di Guardiola stravince sull' augusta e allunga in vetta. Scivolone del Dortmund per 2-1 sul campo del Wolfsburg, la squadra di Kloop era passata in vantaggio grazie alla rete di Reus, ma padroni di casa che recuperano prima con Rodriguez e poi con Olic fissando il punteggio finale sul 2-1. Ne approfitta il Bayer Leverkusen, con un pirotecnico 5-3 riesce a battere l'Amburgo, raggiungendo in classifica proprio il Dortmund, entrambe appaiate a 28 punti e distanti dalla corazzata bavarese di 4 punti. Importante vittoria dell' Herta Berlino sull' Hoffenheim in chiave Europa League. Vince anche lo Schalke 04 di Boateng, 3-1 sul Werder Brema. Vittoria casalinga per 3-1 del Borussia M' gladback sul Norimeberga. Chiudono gli incontri domenicali, Magonza Eintracht Francoforte, e Frigurbo Stoccarda.

Ligue 1
Tris di Ibrahimovic, il secondo su rigore, e il Psg continua a correre, tutto facile per gli uomini di Blanc che superano agevolmente il Nizza per 3-1. Il Lilla non va oltre lo 0-0 a Guingamp, continua la crisi del Monaco, la squadra di Ranieri impatta in casa pr 1-1 contro l' Evian. Monegaschi distanti Pari del Reims a Lorient. Finiscono 1-1 anche Tolosa Ajaccio e Valencienes Montpellier. Domenica il Bordeaux ospiter il Nantes, il Marsiglia il Sochaux, mente il Lione sar di scena sul campo del Saint Etienne.

Lino Iorio

Inter, occhio alla bomba- Pato!


LInter per il mercato di gennaio alla ricerca di un attaccante, visto i continui infortuni di Milito e la non fiducia di Mazzarri inBelfodil e Icardi (anche questultimo ai box). Il club neroazzurro avrebbe messo gli occhi su niente meno cheAlexandre Pato! Lex rossonero in rotta con il Corinthians e a gennaio potrebbe cambiare aria. Con lavvento di Thohir, determinato a regalare tanti top players, Pato farebbe al caso dellInter sia per let che per il costo del cartellino (intorno ai 15 milioni, stessa cifra sborsata nel gennaio 2013 dal club brasiliano). LInter, quindi, si messa in prima fila per il brasiliano, che ricordiamolo, ha solo 24 anni. Ma su di lui anche Tottenham e Arsenal.

Juventus su Konoplyanka, il gioiello ucraino.


La Juventus del futuro, si sa, giocher con il 4-3-3. Modulo che permette di esprimere di pi il proprio potenziale offensivo, visto soprattutto contro il Real Madrid. E cos partita la caccia allesterno che faccia al caso di Antonio Conte, ed il nome nuovo corrisponde a quello di Evgen Konoplyanka, stellina ucraina del Dnipro che in questa stagione ha segnato 2 gol e 3 assist solo in Europa League in 5 partite. Grande capacit di inserimento, grande corsa e facilit nel saltare luomo: questo il biglietto da visita dellucraino classe 89. La sua valutazione si aggira intorno ai 16/18 milioni di euro e su di lui si sono fatte vive parecchie squadre di Premier League.

Milan, Burdisso idea per la difesa.


Non solo Rami per la difesa rossonera. Sembra infatti ad un passo il trasferimento del difensore argentino Nicolas Burdisso, visto anche la scarsa garanzia della coppia Mexes-Zapata e i continui infortuni di Silvestre. Stando a ci che riporta la Gazzetta dello Soprt, Burdisso vorrebbe cambiare aria, anche perch Rudi Garcia, allenatore della Roma, si affida agli insostituibili Benatia e Castan, lasciando poco spazio al difensore ex Inter. Il contratto di Burdisso scade a giugno 2014 ecco perch potrebbe essere un vero e proprio affare il suo ingaggio a gennaio.

Giuseppe Memoli

10

Manca davvero poco, presto scopriremo il nome di tutte e trentadue nazionali che ci faranno vivere il sogno mondiale della prossima estate. Da sempre molto tirati i play-off europei dove spicca un' affascinante Portogallo-Svezia che vuol dire soprattutto C.Ronaldo versus Ibrahimovic. Questa forse la partita pi equilibrata in calendario e magari solo il fattore casa nella gara d'andata dar un leggero vantaggio ai portoghesi. Molto equilibrio ci sar di sicuro in Grecia-Romania e anche i bookmakers concordano sul fatto che l'importante sia non subire goal. Chi potrebbe ipotecare gi il passaggio del turno sulla carta sono la Croazia e il Messico attese a sfide tutt'altro che impossibili. La Francia nettamente superiore all'Ucraina ma il match d'andata in trasferta potrebbe nascondere qualche insidia, optiamo per un pari. Per quando riguarda le gare extraeuropee in Africa nonostante un pari a reti bianche nella prima partita il Camerun sembrato molto pi squadra della Tunisia e in questa seconda partita potrebbe non avere problemi a vincere. Giordania-Uruguay, purtroppo per gli arabi, sembra senza storia. Questi saranno non solo giorni di qualificazione mondiale ma anche di importanti test match per chi gi con il biglietto per Rio in mano. Italia-Germania, basta fermarsi qui per dire gi tutto, rivalit, spettacolo, mito. Dal lato tecnico i teutonici sono pi in palla degli azzurri ma, l'orgoglio e la cattiveria giusta potrebbero regalare un buon pari. Altra bellissima amichevole sar quella tra Belgio e Colombia due delle nazionali pi giovani e pi in ascesa del panorama calcistico. La beata giovent e la freschezza non ci lasceranno a bocca asciutta, i gol sono assicurati. Le nostre proposte: Portogallo - Svezia 1(1,68) Islanda - Croazia 2(1,95) Ucraina - Francia X(3,20) Grecia - Romania Under(1,44) Messico - Nuova Zelanda 1Hand(-2)(2,60) Con 5euro se ne potrebbero vincere 196,24 Italia -Germania X(3,40) Belgio - Colombia Gol(1,70) Olanda - Giappone 1(1,55) Giordania - Uruguay 2hand(1,55) Camerun - Tunisia 1(1,85) Con 5euro se ne potrebbero vincere 128,44 Antonio Greco

Indovina chi una rubrica che mette alla prova la conoscenza calcistica dei nostri lettori. Come si gioca? Verranno scelte delle figurine di calciatori e allenatori che hanno militato nel nostro campionato, alle quali verr cancellato il nome. Saranno cos bravi i nostri cari lettori ad indovinarli lo stesso? Naturalmente saranno dati dei piccoli suggerimenti, non siamo poi cos cattivi.

Indizi:

La soluzione dello scorso numero -Giulio Falcone, ex difensore italiano, ha


giocato nella sua lunga carriera sempre in Italia, con Torino, Fiorentina, Bologna, Sampdoria e Parma. Conta anche una presenza in nazionale maggiore, scese in campo, infatti, nellamichevole post mondiale, vinto dagli azzurri (2006), contro la Croazia. Oggi difende lambiente, si occupa infatti di energie rinnovabili. - Carlo Nervo, ex jolly del centrocampo, ha giocato in carriera con Bassano, Cittadella, Mantova, Catanzaro e Bologna. Si ritirato nel 2009, conta 6 presenze nella nazionale maggiore, e da anni il sindaco di Solagna, comune di 1915 anime nel vicentino.

-Si tratta di due centrocampisti, entrambi italiani, uno piemontese, laltro laziale; -Uno si chiama Giuliano, laltro Diego; - Giuliano, stato lanciato nel calcio che conta dal Sora, dopo 3 anni di grandi prestazioni, fu adocchiato dallUdinese, che lo tesser immediatamente. Con i bianconeri pass la bellezza di 6 anni. Nellestate del 2001 pass alla Lazio, 4 anni con i biancocelesti prima del passaggio alla Juventus. Con i bianconeri trov poco spazio, motivo che lo spinse a rescindere il contratto nel 2007 per approdare al Livorno; nel 2008 il ritiro; - Diego si scoperto calciatore con la maglia del Torino, con i granata gioc 4 anni, fu acquistato dal Milan, con i rossoneri gioc 2 stagioni, divise per da un anno alla Fiorentina. Dal 92 al 98 la sua carrier si spost nella capitale, con la Lazio sicuramente Diego dimostr il meglio di se. Poi 3 anni al Parma, 1 alla Roma e ancora 1 anno al Torino, si ritirato nel 2012; -Giuliano conta 3 presenze nella nazionale maggiore, Diego invece 25; - Giuliano in carriera oltre ad un campionato di B vinto con la Juventus, ha conquistato anche una Coppa Italia con la Lazio, e una Coppa Intertoto con lUdinese; - Pi ricca la bacheca di Diego, 1 Scudetto, 2 Coppe Italia, 1 Supercoppa Italiana, 1 Coppa Intercontinentale, 1 Coppa dei Campioni (Champions League), 1 Coppa Uefa e 1 Supercoppa Europea;

11

La soluzione verr svelata solamente nel prossimo numero, intanto prova a giocare sulla nostra pagina Facebook FATTO DI SPORT

Dal giorno 11 al 21 Dicembre 2013 andr in scena in Marocco la decima edizione della Coppa del Mondo per club FIFA; ufficiali i 7 club che prendereanno parte alla competizione:

1. Monterrey, qualificato il 1 Maggio 2013, dopo la vittoria della CONCACAF Champions League 2012-13 nella doppia finale tutta messicana con il Santos Laguna (0 - 0; 4 - 2). I messicani sono alla loro terza partecipazione consecutiva. 2. Auckland City, qualificato il 19 Maggio 2013, dopo la vittoria della OFC Champions League 2012-13 con il 2 a 1 in finale contro i connazionali del Waitakere United. Neozelandesi ormai veterani, che timbrano la quinta qualificazione. 3. Bayern Monaco, qualificato il 25 Maggio 2013, dopo la vittoria della UEFA Champions League 2012-13 a discapito del Borussia Dortmund, sconfitto per 2 a 1 nella finale tutta tedesca. I Bavaresi sono alla loro prima partecipazione , ma sono gi favoriti alla vittoria finale. 4. Raja Casablanca, qualificato il 26 Maggio 2013, dopo la vittoria del campionato marocchino 2012-13. Seconda partecipazione per i padroni di casa dopo quella della prima edizione del 2000. 5. Atltico Mineiro, qualificato il 24 Luglio 2013, dopo la vittoria della CONMEBOL Champions League 2013 grazie ai tiri dal dischetto nella finale doppia (2 - 0; 2 - 0; 4 - 3) contro i Paraguaiani dellOlimpia. Esordienti i brasiliani che, guidati da Ronaldinho, si candidano come anti-Bayern. 6. Guangzhou Evergrande, qualificato il 9 Novembre 2013, dopo la vittoria della AFC Champions League 2013, ottenuta con due pareggi (2 - 2; 1 - 1) nella doppia finale con i coreanidel Seul (decisivi i gol in trasferta). I cinesi di Marcello Lippi sono alla loro prima qualificazione. 7. Al-Ahly, qualificato il 10 Novembre 2013, dopo la vittoria della CAF Champions League 2013 contro i sudafricani dellOrlado Pirates (1 - 1; 2 - 0). Anche per gli egiziani la quinta partecipazione, la seconda consecutiva. Francesco Perfetto

12

30 ottobre 2003. E questa la data in cui c stato lultimo scontro tra i titani partenopei prima del tanto atteso derby tra i cugini giallorossi e rossoverdi. Poco pi di dieci anni per assistere ad uno spettacolo unico e ad unaltrettanta unica tifoseria. I risultati smentiscono per la maggior parte del match dove a condurre il gioco sono stati i giovani del Molosiglio, conquistando peraltro anche il vantaggio nel secondo quarto. Ma analizziamo la partita punto per punto. La prima a toccare palla e a metterla in rete la neopromossa in A1, con goal di Velotto, che trova subito risposta dagli avversari che vanno in goal grazie a Mattiello. Ma in questo primo tempo molto combattuto trova spazio anche il capitano Fof che riporta il vantaggio, smozzato da Radovic quasi al termine di questo primo quarto, terminando cos con una parit di 2-2. Dopo il primo minuto di gioco del secondo tempo, adesso il capitano dei rossoverdi ad andare a rete portando la squadra in un vantaggio abbastanza provvisorio, visto che il secondo quarto si conclude con un 5-4 per i giallorossi. Infatti dopo la tripletta messa appunto da Baraldi, Primorac e Brguljan anche la seconda rete del capitano Gallo non pu cambiare il temporaneo risultato. Ma la Canottieri Napoli raggiunge il massimo vantaggio dopo circa due minuti del terzo quarto, con unaltra rete di Baraldi che porta la squadra ad un pi due fittizio. Fittizio in quanto da quel momento in poi la squadra di Cufino a prendere in mano il gioco, chiudendosi in difesa per non concedere altro spazio ai ragazzi di Mr.Zizza e puntando sulle individualit pi che su un gioco di squadra, come invece messo in pratica dai giallorossi nei vari schemi di gioco. Si chiude cos il terzo parziale con le reti di Klikovac e Gallo ritornando in una parit persa nel quarto precedente.

Nellultimo quarto ancora il capitano Gallo ad essere protagonista e va a rete ottenendo il primo vantaggio, annullato per dopo pochi secondi dalla rete di Brguljan che porta per lultima volta la squadra in pareggio con un 7-7. Da quel momento in poi la squadra di Zizza si fa sopraffare dallinesperienza, e dopo Gallo, a dominare la porta avversaria, Klikovac che, oltre alle altre tre reti messe a punto, diventa protagonista anche in difesa insieme allesperto difensore estremo Negri. Alla tripletta di Klikovac e la doppietta di Radovic, la Canottieri, pur lottando fino alla fine andando a rete ancora una volta con Primorac e Brguljan, deve comunque arrendersi alla amara sorte di questa quinta giornata di campionato che premia la professionalit di una delle pi eccellenti squadre dellA1.
E cos il Circolo Canottieri Napoli si trova ad assaporare la prima sconfitta di questo campionato che dopo quattro vittorie si rivelato una sfida possibile per i giovani giallorossi, nonostante siano declinati al secondo posto in classifica a seguito del Brescia, squadra pi quotata. Il Posillipo invece resta ancora a tre punti di distanza dalla Canottieri e anche dellAcquachiara. Adesso tutti attendono il prossimo scontro tra le compagini; un ritorno di assoluta vendetta a detta del capitano giallorosso Buonocore che entra in sfida con il capitano rossoverde Gallo gi alla presentazione della squadra e addirittura due giorni prima al di fuori della vasca. La soddisfazione pi grande per quella di poter assistere ad un grande spettacolo, non solo nella vasca dove tutti hanno dato il massimo con determinazione e voglia di vincere, ma soprattutto fuori dove, dopo essersi trascinati gli uni con gli altri in acqua con espulsioni varie, si sono in seguito trascinati in grandi e sentiti abbracci! Circolo Canottieri Napoli: Turiello, Buonocore 1, Campopiano, Borrelli, Brguljan 3(1R), Morelli, Ronga, Primorac 2, Parisi, Velotto 1, Baraldi 2, Esposito, Vassallo Allenatore Paolo Zizza; DOOA Posillipo: Cappuccio, Dolce, Rossi, Foglio, Mattiello 1, Radovic 3, Renzuto Iodice, Gallo 4 (1R), Klikovac 4, Bertoli, Mandolini, Saccoia, Negri Allenatore Bruno Cufino Arbitri: Filippo Gomez di Napoli e Alberto Rovida di Cairo Montenotte (SV)

13

Ed vittoria facile per i partenopei che si scontrano con lultima in classifica restando tale con zero punti insieme allAlbaro Nervi, mentre lAcquachiara raggiunge con i suoi dodici punti la Canottieri insieme al Pro Recco. Nonostante un primo parziale di parit con un 3-3 per le due reti di Petkovic e la rete di Scotti Galletta per gli ospiti biancoazzurri e quelle di Bini, Sindone e Gitto, i successivi due parziali si sono conclusi con zero reti da parte della Florentia. Nel secondo quarto infatti lAcquachiara va a segno ben cinque volte chiudendo un parziale di 0-5 grazie alle reti di Di Costanzo, Sadovyy e Luongo con ancora una doppietta di Petkovic. Terzo quarto ha quasi lo stesso destino del secondo terminando a 0-2 per le reti dei due biancoazzurri Scotti e Luongo. La Carpisa Yamamay chiude cos il match, dominando anche lultimo quarto con ben quattro reti di Petkovic, Luongo, Di Costanzo e Sadovyy che si ripetono, concedendo ai padroni di casa due reti allultimo minuto ad opera di Cecere e Lapo. Carpisa Yamamay Acquachiara: Kacic, Perez, Mattiello, Luongo 3, Scotti Galletta 2, Petkovic (1 rig.), Gambacorta, Ferrone, Saviano, Postiglione, Di Costanzo 2 (1 rig.), Sadovyy 2, Belnome. All. De Crescenzo Florentia: Mugelli, Sindone 1, Borella, Martini, Cecere 1, Eskert, Brancatello, Dani 1, Gitto M. 1, Gobbi, Bini 1, Di Fulvio A., Cicali. All. Vannini Arbitri: Castagnola e Savarese

14

Nel tanto sentito derby campano di Lega Pro tra Salernitana e Nocerina di questa mattina accaduto l'inverosimile. Uno degli episodi pi scandalosi e raccapriccianti delle pagine del calcio nostrano. Ai tifosi della Nocerina era stata vietata la trasferta di Salerno per ragioni d'ordine pubblico, difatti tra le due tifoserie non corre buon sangue. Divieto che ha scatenato la reazione dei sostenitori della squadra ospite, i quali avevano preventivamente chiesto ai calciatori del club di Nocera di non scendere in campo, in caso contrario ne sarebbero scaturite "spiacevoli conseguenze" per gli atleti e i propri familiari. Ed ecco che va in scena la "non-partita". Dopo quaranta secondi circa, Fontana, allenatore della squadra rossonera, effettua tre sostituzioni. Seguono cinque fasulli infortuni e la Nocerina resta in sei uomini quando si appena al 20' del primo tempo; a questo punto il giudice di gara costretto a sospendere la partita per l'impossibilit di proseguire l'incontro quando una delle due squadre non in grado di schierare in campo il numero minimo di giocatori, pari a sette uomini. La Lega Pro dichiara che prender severi provvedimenti nei confronti del club di Nocera, intanto si sono gi dimessi Fontana e tutti i direttori dello stesso team. Iniziano le polemiche sul fattaccio mentre gli ultr rossoneri espongono uno striscione con scritto: "Tutti in piazza a festeggiare... ha vinto il popolo nocerino".

Nel posticipo Nba non c storia tra i NY Knights contro i San Antonio Spurs che volano con un netto 120-89 (+31) che fa infuriare il pubblico di casa. Questa gara vede anche il primo derby italiano tra Belinelli(9 punti Spurs) eBargnani(16 punti NY9 vinto nettamente dal primo,gli altri protagonisti della gara sono Tony Parker con 17 punti(Spurs) Leonard 18 punti(Spurs) e Green 24 punti(Spurs). Con questa vittoria i San Antonio si portano primi in classifica,mentre i NY restano ultimi. Lunica nota positiva per i padroni di casa sono i 16 punti di Carmelo Anthony che ha dato il massimo giocando al 50% della forma. Luigi Bruno

Il tchoukball uno sport di squadra nato in Svizzera negli anni sessanta. Si gioca con due squadre da 7 giocatori, un pallone simile a quello di pallamano e due speciali pannelli collocati alle estremit del campo. Le particolarit nel tchoukball sono tante e lo rendono uno sport molto veloce, tecnico se giocato a buon livello, ma anche immediato, divertente ed accessibile gi al primo approccio. Il gioco inizia con la rimessa da fondo campo, a fianco di uno dei pannelli, e la squadra in possesso di palla ha a disposizione tre passaggi per costruire un'azione, prima di attaccare, lanciandola contro il pannello. Avendo questo una rete elastica, invece di trattenerla come tutte le normali porte, la fa tornare indietro velocissima. E.Brangi

Benvenuti allappuntamento con Sport & Cinema. Oggi parleremo di calcio, ma non quello giocato. La pellicola odierna dedicata alle vicende di tutti quei tifosi che la domenica rinunciano a tutto e a tutti solo per poter sostenere la loro squadra del cuore, lunica capace di regalarti gioie e dolori, pianti e sorrisi. Il titolo del film infatti proprio Tifosi dei fratelli Vanzina del 1999.

In questa commedia recitano grandi attori italiani come Boldi, De Sica, Abatantuono, Iacchetti, DAngelo, Mattioli e il grande Diego Armando Maradona nei panni di se stesso. Il film racconta le vicende di alcuni supporter particolari attraverso 4 diverse partite. Il primo match Atalanta-Napoli e la scena si apre con Gennaro Scognamiglio(Nino DAngelo), un ladro, che viene appena scarcerato (ironica la scena in cui appena uscito dal carcere abbracci i suoi 4 figli tutti chiamati in onore del suo idolo: Diego, Armando, Mara e Dona). Gennaro purtroppo sommerso dai debiti, cos appena scontata la pena decide di rimettersi a lavoro e insieme allamico Ferdinando si introduce in un attico per svaligiarlo. Appena entrati trovano un decoder e decidono cos di mettersi comodi e godersi la partita del Napoli. In men che non si dica la voce si sparge e mezza Napoli si ritrova in quel salotto a godersi la partita della squadra del cuore. Alla fine dellincontro il Napoli vince in trasferta per 1-0 a Bergamo e cos Gennaro e Ferdinando riprendono il loro lavoro. Proprio per mentre stanno uscendo con la refurtiva Gennaro viene investito da un auto. Dalla vettura scende nientepopodimeno che Diego Maradona, il padrone dellattico. Con una scusa i 2 distraggono il pibe e rimettono a posto il bottino. Maradona sar ospite a casa Scognamiglio dove cener con Gennaro, la sua famiglia e gli amici; e sar proprio grazie a Maradona che Gennaro riuscir a ripianare i propri debiti. Il secondo episodio vede Massimo Boldi nei panni di un tassista milanese, Silvio Galliani (evidente fusione tra Silvio Berlusconi e Adriano Galliani), di chiara fede rossonera che gioca una schedina del totocalcio. Quando ormai tardi per modificarla scopre che al posticipo Milan-Roma ha messo il segno 2. Come se non bastasse si imbatte in 2 ultras romanisti (Angelo Bernabucci e Maurizio Mattioli), venuti nel capoluogo lombardo per seguire la magica, che gliene faranno passare delle belle. Arrivata lora della partita Silvio si accorge di aver fatto 12 e quindi estremamente combattuto se tifare per il suo amato Milan e sperare in un 12 o sperare in una vittoria della Roma per ottenere una vincita milionaria.
Alla fine la squadra della capitale trionfer con il risultato di 3-1 sui rossoneri ma Silvio perder la schedina. Il terzo incontro Lazio-Inter e la vicenda si basa su 2 giovani ragazzi che organizzano un pranzo con i rispettivi padri per annunciare il loro amore. Purtroppo i 2 consuoceri sono separati dalla loro fede calcistica: Cesare Proietti (Christian De Sica), chirurgo e tifoso laziale, e Carlo Colombo (Enzo Iacchetti), pilota dellAlitalia e sfegatato interista. Quello stesso giorno va di scena allOlimpico il match Lazio-Inter e i 2 si rincontrano allo stadio causando addirittura una rissa. I loro figli decidono cos di scappare da casa e i pap saranno costretti a farsi perdonare. Lultimo episodio vede il capo ultras juventinoZebrone (Diego Abatantuono) che minaccia di suicidarsi dopo la sconfitta dei suoi beniamini tra le mura amiche contro gli odiati rivali della Fiorentina. Il tifoso bianconero viene fermato ma per i vari danni che ha combinato bandito dagli stadi per 3 anni. In un modo o nellaltro per Zebrone riesce lo stesso ad arrivare a Parma per assistere alla trasferta tra i ducali e la Juventus. Durante il viaggio in treno incontra una donna che si invaghisce di lui e che ha lappartamento che affaccia proprio sul Tardini Cos fingendo di provare amore verso di lei, Zebrone si fa ospitare per assistere al match. Purtroppo la donna vicina dei fratelli Culatello, 3 ultras del Parma e anchessi banditi dagli stadi. I 3 fratelli appena riconoscono Zebrone, lo rapiscono, lo portano nella loro sede e gli rubano la sciarpa di Platini per farne un trofeo di guerra. Come se non bastasse lo costringono davanti a una telecamera a pronunciare frasi contro la Vecchia Signora, ma allimprovviso scoppia un incendio. Zebrone prima di scappare cerca di recuperare la sua sciarpa e involontariamente finisce per salvare un dei fratelli Culatello rimasto intrappolato. Ora non vi resta che mettervi comodi e godervi 119 minuti di risate! Vincenzo Vitale

Direttore: Cristiana Barone Editore: Antonella Castaldo Capo Redattore: Luigi Liguori Editing Grafica: Giuseppe Vecchione e Silvana Ventriglia Redazione: Corso di Giornalismo Sportivo 2013 - Universit Parthenope di Napoli - Facolt di Scienze Motorie Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008 del 28/02/2008 Seguici anche su Facebook sulla nostra pagina FATTO DI SPORT per rimanere sempre aggiornato.

16