Sei sulla pagina 1di 53

METODI MATEMATICI DELLA FISICA

A.A. 2003 - 2004


Prof. A. Degasperis
Esercitazioni a cura del Dr. F. Zamponi
21 settembre 2005
Argomenti trattati nel corso
1. Funzioni di una variabile complessa
2. Trasformata di Fourier
Contenuto di queste note
1. Programma
2. Riferimenti bibliograci
3. Formule utili
4. Breve riassunto delle lezioni e delle esercitazioni
5. Raccolta degli esercizi distribuiti e dei compiti di esonero
1
PROGRAMMA
FUNZIONI DI UNA VARIABILE COMPLESSA
Linsieme dei numeri complessi: completezza algebrica ed analitica. Rappresentazione Carte-
siana e polare. Polidromia di Argz. Punto allinnito e compatticazione del piano comples-
so. Sfera di Riemann. Domini e loro frontiera. Funzioni di variabile complessa e trasforma-
zioni di coordinate del piano. Polinomi e Teorema Fondamentale dellAlgebra. Denizione
di analiticit`a attraverso la rappresentazione in serie di potenze. Propriet`a della serie di Tay-
lor. Denizione di singolarit`a. Prolungamento analitico secondo Wiestrass. Monodromia
e polidromia (algebrica e trascendente). Analiticit`a ed equazioni dierenziali di Cauchy-
Riemann. Esistenza della derivata rispetto ad una variabile complessa. Funzioni intere,
razionali e meromorfe. Analiticit`a e trasformazioni conformi. Integrali curvilinei di forme
dierenziali complesse e disuguaglianza di Darboux. Forme dierenziali esatte. Teorema di
Cauchy. Analiticita`a e deformazione dei cammini dintegrazione. Teorema di Morera (senza
dimostrazione). Esistenza ed analiticit`a della primitiva di una funzione analitica. Rappre-
sentazione integrale di Cauchy di una funzione analitica e di tutte le sue derivate. Teorema
di Liouville, Teorema Fondamentale dellAlgebra e Teorema del Massimo e Minimo Modu-
lo. La rappresentazione in serie di Laurent e sue propriet`a. Singolarit`a polari ed essenziali.
Analisi nellintorno del punto allinnito. Residuo e sua relazione con lintegrale su una cur-
va chiusa. Teorema dei Residui e sua applicazione al calcolo di integrali sulla retta reale.
Residuo nel punto allinnito. Propriet`a dei residui di funzioni razionali. Relazione tra le
funzioni reali armoniche nel piano e le funzioni analitiche di variabile complessa. Polinomi
armonici. Polidromia della primitiva di una funzione f(z) nellintorno di un polo di f(z).
Punti di diramazione algebrici e trascendenti. Il logaritmo nel piano complesso. Analiticit`a
della potenza di z con esponente reale. Uso della polidromia e del Teorema dei Residui per
il calcolo di integrali sulla retta reale.
SERIE DI FOURIER
Polinomio di z sulla circonferenza e polinomi trigonometrici. Denizione di serie di Fourier.
Esempio di serie di Fourier come riduzione della serie di Laurent. Espansione di Fourier in
seni e coseni ed in esponenziali. Propriet`a di realt`a e di parit`a dei coecienti di Fourier di
funzioni reali e pari o dispari. Serie di Fourier di funzioni di modulo quadrato integrabile e
disuguaglianza di Bessel. Teorema di Completezza (senza dimostrazione). Convergenza in
media della serie di Fourier. Disuguaglianza di Schwartz. Teorema di Parseval. Teorema di
Riemann-Lebesgue (senza dimostrazione). Calcolo approssimato di integrali tipo Fourier per
grandi valori della variabile duale. Approssimazione uniforme con polinomi trigonometrici.
Teorema di Fejer (senza dimostrazione) e convergenza secondo Cesaro.
2
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
TESTI CONSIGLIATI
Funzioni di una variabile complessa
1. Bernardini C., Ragnisco O., Santini P.M. Metodi Matematici della Fisica La
Nuova Italia Scientica, Roma 1993
2. Calogero F. Metodi Matematici della Fisica Lezioni ciclostilate, Ucio Dispense
del Dipartimento, 1974
3. Dennery P., Krzywicki A. Mathematics for Physicists Harper & Row 1967
4. Rossetti C. Metodi Matematici per la Fisica Libreria Ed.Univ. Levrotto & Bella
1978
Serie di Fourier
1. D.V.Widder, Advanced Calculus (second edition), Prentice-Hall
2. E.T.Whittaker, G.N.Watson, A course of Moder Analysis, Cambridge Univer-
sity Press
MANUALI DA CONSULTARE
1. Abramowitz M., Stegun I.A. Handbook of Mathematical Functions Dover Publ., New
York 1968
2. Gradshteyn I.S., Ryzhik I.M. Table of Integrals, Series and Products Academic Press,
New York 1965
3
FORMULE UTILI
z = x +iy = (cos +i sin ) = exp(i)
_
< x < +
< y < +
_
0 = |z| <
< = argz
Argz = argz + 2n , n = 0, 1, 2, ...
_
x = cos
y = sin
_
= (x
2
+y
2
)
1/2
= |z|
= Arctg(y/x) = Argz
exp(2in) = 1 , n = 0, 1, 2, ...
| exp(i)| = 1, se e reale
Formula di Eulero: cos z +i sin z = exp(iz)
Formula di De Moivre: (cos z +i sin z)
N
= cos Nz +i sin Nz
P(z) =
N

n=0
c
n
z
n
= c
N
z
N
+c
N1
z
N1
+..... +c
1
z +c
0
P(z) = c
N
M

k=1
(z z
k
)
m
k
= c
N
(z z
1
)
m
1
(z z
2
)
m
2
.....(z z
M
)
m
M
.
In questa rappresentazione del polinomio P(z), z
k
= z
h
se k = h , z
k
e radice di P(z) :
P(z
k
) = 0 , M N e m
k
e la molteplicita della radice z
k
m
1
+m
2
+... +m
M
=
M

k=1
m
k
= N .
Si dice che z
k
e uno zero semplice, doppio, triplo etc. di P(z) se, rispettivamente, m
k
=
1, m
k
= 2, m
k
= 3 etc.
Radici N-esime dellunita :
P(z) = z
N
1 =
N

k=1
(z
(N)
k
) ,
(N)
k
= exp(2ik/N)
N

k=1

(N)
k
= 0.
Radici di un polinomio di secondo grado:
P
2
(z) = z
2
+c
1
z +c
0
= (z z
1
)(z z
2
)
4
z
1
=
1
2
c
1
+
_
c
2
1
4
c
0
, z
2
=
1
2
c
1

_
c
2
1
4
c
0
Radici di un polinomio di terzo grado (formule di Cardano):
P
3
(z) = z
3
+c
2
z
2
+c
1
z +c
0
= (z z
1
)(z z
2
)(z z
3
)
z
1
=
1
3
c
2
+( +

)
1/3
+
2
(

)
1/3
z
2
=
1
3
c
2
+
2
( +

)
1/3
+(

)
1/3
z
3
=
1
3
c
2
+ ( +

)
1/3
+ (

)
1/3
= exp(2i/3) , =
1
2
c
0
+
1
6
c
1
c
2

1
27
c
3
2
=
1
4
c
2
0

1
108
c
2
1
c
2
2

1
6
c
0
c
1
c
2
+
1
27
c
0
c
3
2
+
1
27
c
3
1
Somme notevoli:
(a +b)
N
=
N

n=0
_
N
n
_
a
n
b
Nn
,
_
N
n
_
=
N!
n!(N n)!
N

n=0
_
N
n
_
= 2
N
,
_
N
n
_
=
_
N 1
n
_
+
_
N 1
n 1
_
N

n=0
z
n
=
1 z
N+1
1 z
,
N

n=0
(1 +z)
n
=
N

n=0
_
N + 1
n + 1
_
z
n
,
N

n=1
n =
1
2
N(N + 1) ,
N

n=1
n
2
=
1
6
N(N + 1)(2N + 1) .
Se f(z) e analitica in z
0
, allora f(z) =

n=0
f
n
(z z
0
)
n
converge uniformemente e assolu-
tamente per |z z
0
| < R dove R = lim
n
|f
n
|
1/n
, R = lim
n
|f
n
/f
n+1
|
f
n
=
1
n!
d
n
dz
n
f(z)|
z=z
0
Prodotto di due serie di potenze:
f(z) =

n=0
f
n
(z z
0
)
n
, g(z) =

n=0
g
n
(z z
0
)
n
, h(z) = f(z)g(z) =

n=0
h
n
(z z
0
)
n
5
h
n
=
n

k=0
f
k
g
nk
=
n

k=0
f
nk
g
k
, (prodotto di convoluzione)
Se

n=0
f
n
(zz
0
)
n
=

n=0
g
n
(zz
0
)
n
per |zz
0
| < R = 0, allora f
n
= g
n
per n = 0, 1, 2, ...
e
z
= exp z =

n=0
1
n!
z
n
=

n=0
e
z
0
n!
(z z
0
)
n
, R =
sinh z =
1
2
(e
z
e
z
) =

n=0
1
(2n + 1)!
z
2n+1
cosh z =
1
2
(e
z
+e
z
) =

n=0
1
(2n)!
z
2n
e
z
= cosh z + sinh z
e
z
= e
x
e
iy
= e
x
cos y +ie
x
sin y
cosh(iz) = cos z , sinh(iz) = i sin z
e
iz
= cos z +i sin z , cos z =
1
2
(e
iz
+e
iz
) , sin z =
1
2i
(e
iz
e
iz
)
sinh z = sinh x cos y +i cosh x sin y
cosh z = cosh x cos y +i sinh x sin y
sinh(z + 2ni) = sinh z n = 0, 1, 2, ...
cosh(z + 2ni) = cosh z n = 0, 1, 2, ....
csc z =
1
sin z
, sec z =
1
cos z
cschz =
1
sinh z
, sechz =
1
cosh z
tan z =
sin z
cos z
, cot z =
cos z
sin z
tanh z =
sinh z
cosh z
, coth z =
cosh z
sinh z
Serie geometrica:
6
1
1 z
=

n=0
z
n
, |z| < 1
1
1 z
=

n=1
(
1
z
)
n
, |z| > 1
1
z z
1
=

n=0
(z
1
z
0
)
n1
(z z
0
)
n
, R = |z
1
z
0
|
1
(z z
1
)(z z
2
)....(z z
N
)
=
N

n=1
1
(z z
n
)
=
N

n=1
C
(N)
n
z z
n
dove C
(N)
n
=

N
k=1,k=n
1
(znz
k
)
(1 +z)
a
= 1 +az +
a(a 1)
2!
z
2
+
a(a 1)(a 2)
3!
z
3
+....
(1 +z)
a
=

n=0
(a + 1)
n!(a n + 1)
z
n
, R = 1
(1 +z)
1/2
= 1 +
1
2
z
1
8
z
2
+
1
16
z
3

5
128
z
4
+...
(1 +z)
1/2
= 1
1
2
z +
3
8
z
2

5
16
z
3
+
35
128
z
4
+...
(z) =
_

0
dt t
z1
e
t
, Rez > 0
(z) =

n=0
()
n
n!(n +z)
+
_

1
dt t
z1
e
t
, z = 0, 1, 2...
(n + 1) = n! , Res[(z)]
z=n
=
()
n
n!
, n = 0, 1, 2, ...,
(z + 1) = z(z)
(z)(1 z) = z(z)(z) =

sin(z)
.
Lemma di Gauss: sia C una curva chiusa, continua con tangente continua, orientata in senso
antiorario e sia S
c
la porzione nita del piano interna a C:
_
C
[a(x, y)dx +b(x, y)dy] =
_ _
Sc
dxdy[b
x
(x, y) a
y
(x, y)]
7
Se z
0
C
1
2i
_
C
dz
1
(z z
0
)
=
_
0 se z
0
S
c
1 se z
0
S
c
1
2i
_
C
dz(z z
0
)
n
= 0 se n = 0, 1, 2, 3, ....
Se z
0
non e un punto di diramazione di f(z), allora
f(z) =
+

n=
f
n
(z z
0
)
n
= +
f
2
(z z
0
)
2
+
f
1
z z
0
+f
0
+f
1
(z z
0
) +
0 < |z z
0
| < R , R = lim
n+
|f
n
|
1/n
Res[f(z)]
z
0
= f
1
Se z
0
e un polo dordine N (f
N
= 0 , f
n
= 0 per n N 1)
Res[f(z)]
z
0
= lim
zz
0
{
1
(N 1)!
d
N1
dz
N1
[(z z
0
)
N
f(z)]}
Se f(z) ha un polo dordine N in z
0
f(z) =
f
N
(z z
0
)
N
+
f
N+1
(z z
0
)
N1
+ +
f
1
z z
0
+

n=0
f
n
(z z
0
)
n
e g(z) e analitica in z
0
g(z) =

n=0
g
n
(z z
0
)
n
,
allora
Res[g(z)f(z)]
z
0
= f
N
g
N1
+f
N+1
g
N2
+ +f
1
g
0
=
N1

n=0
g
n
f
n1
Res [e
z
/(z z
0
)
N
]
z
0
= e
z
0
/(N 1)! , N = 1, 2, 3,
8
FUNZIONI DI UNA VARIABILE COMPLESSA
Ulteriori riferimenti bibliograci
1. Ahlfors L.V. Complex Analysis McGraw-Hill 1966
2. Krasnov M., Kiselev A., Makarenko G. Funzioni di una variabile complessa MIR, Mosca
1987
3. Markushevic A.I. Elementi di Teoria delle Funzioni Analitiche Editori Riuniti 1988
4. Markushevic A.I. Theory of Functions of a Complex Variable (3 volumi) Prentice-Hall,
1965
5. Rudin W. Real and Complex Analysis McGraw-Hill 1966
6. Spiegel M.R. Variabili Complesse Etas 1976
7. Sveshnikov A., Tikhonov A. The Theory of Funcyions of a Complex Variable MIR,
Mosca 1982
13 GENNAIO LEZIONE
Estensione algebrica dai numeri interi a quelli razionali, irrazionali ed algebrici complessi
(con esempi). Insieme astratto normato, denizione di distanza ed il problema dellesi-
stenza del limite di una successione. Successioni di Cauchy e completezza di un insieme
normato (con esempi). Completezza dellinsieme dei numeri complessi. Il piano complesso,
rappresentazione cartesiana e polare di un numero complesso e trasformazione dalluna al-
laltra rappresentazione. Formule di Eulero e di De Moivre. Rappresentazione di un numero
complesso come matrice reale 2X2.
15 GENNAIO LEZIONE
Operazione di coniugazione complessa, z z

. Denizione di |z| e di argz e Argz. Discus-


sione del limite per |z| . Trasformazione stereograca tra la sfera di Riemann ed il
piano complesso. Piano complesso compatto e introduzione del punto . Intorni circolari
nel piano complesso. Insiemi aperti e loro frontiera. Insiemi semplicemente connessi. Domini
e loro frontiera. Degenerazione di frontiere a tagli e punti. Introduzione di funzioni f(z) di
una variabile complessa a valori complessi come trasformazioni del piano complesso in se:
z w = f(z). Identicazione di una funzione w = f(z) della variabile indipendente z,
come coppia di due funzioni reali di due variabili reali u(x, y) e v(x, y) attraverso la rappre-
sentazione cartesiana della variabile indipendente, z = x + iy e della variabile dipendente
w = u+iv. Funzione complessa di una variabile complessa come trasformazione di coordina-
te del piano. Polinomi di grado arbitrario. Teorema fondamentale dellalgebra. Derivazione
della rappresentazione di un polinomio come prodotto di monomi. Molteplicita delle radici.
Espressione dei coecienti di un polinomio in funzione delle sue radici.
9
16 GENNAIO LEZIONE
Cenni alle radici del polinomio P
N
(z) = z
N
1 : radici ennesime dellunita. Richiami di
analiticita di funzioni reali di una variabile reale. Rappresentazione di una funzione reale
analitica come serie di potenze. Intervallo di convergenza della serie di Taylor. Richiami
sulla convernza uniforme ed assoluta.
22 GENNAIO LEZIONE
La serie di potenze nel campo complesso come estensione della serie di potenze nel campo
reale. Denizione di analiticita di una funzione di una variabile complessa f(z) in un punto z
0
attraverso la sua rappresentazione in serie di potenze, f(z) =

n=0
f
n
(zz
0
)
n
. Convergenza
uniforme ed assoluta della serie di potenze, alias serie di Taylor, in un cerchio di centro z
0
e raggio R = 0, |z z
0
| < R. La rappresentazione in serie di potenze di una funzione
analitica f(z) come trasformazione biunivoca tra la funzione ed i coecienti della serie,
f(z) {f
n
}

0
. I coecienti f
n
come funzione a valori complessi denita sul reticolo degli
interi non negativi. Calcolo del raggio R di convergenza di una serie di Taylor attraverso i suoi
coecienti f
n
. Cenni alla convergenza della serie di potenze sulla circonferenza |z z
0
| = R
del suo cerchio di convergenza ed alle funzioni con frontiera naturale. La serie di potenze

n=2
z
n
n(n1)
come esempio di serie che converge in tutti i punti di frontiera, |z| = 1, del
suo cerchio di convergenza. Zero di una funzione analitica, f(z
0
) = 0, sua molteplicitaM e
rappresentazione in serie di potenze nello zero, f(z) = (z z
0
)
M
(z) dove (z) e analitica
in z
0
e (z
0
) = 0. Denizione di punto singolare, o singolarita, di una funzione di variabile
complessa. Calcolo del raggio di convergenza R di una serie di potenze in z
0
come distanza
di z
0
dalla piu vicina singolarita della funzione f(z) rappresentata dalla serie. Cenni al
prolungamento analitico alla Weierstrass di una funzione f(z) fuori dal cerchio di convergenza
della serie di Taylor che la rappresenta. Cenni alla monodromia e polidromia (algebrica e
trascendente) di una funzione di variabile complessa.
23 GENNAIO LEZIONE
Dierenziabilita di una funzione analitica nel cerchio di convergenza della sua rappresenta-
zione in serie di Taylor. Uso formale delle variabili z e z

, e della loro trasformazione nelle


coordinate cartesiane x e y, nel calcolo delle derivate parziali di funzioni denite nel piano
complesso:
/x = /z + /z

, /y = i /z i /z

/z =
1
2
/x i
1
2
/y , /z

=
1
2
/x +i
1
2
/y
Deduzione, dalla rappresentazione in serie di potenze di una funzione analitica f(z) =
u(x, y) + iv(x, y), dellequazione dierenziale alle derivate parziali del primo ordine lineare
omogenea a coecienti costanti f
x
(z) + if
y
(z) = 0, sua equivalenza alla equazione dieren-
ziale f
z
= 0 ed alle condizioni di Cauchy-Riemann u
x
(x, y) = v
y
(x, y) e u
y
(x, y) = v
x
(x, y)
. Seconda denizione di analiticita: una funzione complessa f(z) = u(x, y) + iv(x, y) e
analitica in un dominio del piano complesso se in ogni punto del dominio la sua parte reale
10
u(x, y) e la sua parte immaginaria v(x, y) soddisfano le condizioni di Cauchy-Riemann. Di-
mostrazione che le condizioni di Cauchy-Riemann sono necessarie e sucienti per lesistenza
della derivata rispetto a z, df(z)/dz, di una funzione f(z) come limite lim
z0
f(z+z)f(z)
z
.
Terza denizione di analiticita: una funzione complessa f(z) = u(x, y) +iv(x, y) e analitica
in un dominio del piano complesso se in ogni punto del dominio esiste la sua derivata rispetto
alla variabile z .
29 GENNAIO LEZIONE
Derivate di funzioni elementari: dz
n
/dz = nz
n1
, d sin(z)/dz = cos(z), etc. Dimostrazione
esplicita, fatta usando lo sviluppo in serie di Taylor, che, se la funzione f(z) e analitica in
un punto, allora anche la sua derivata df(z)/dz e analitica in quel punto. Dimostrazione
esplicita, fatta usando le condizioni di CauchyRiemann, che, se la funzione f(z) = u(x, y) +
iv(x, y) e analitica in un dominio, allora la sua derivata df(z)/dz = U(x, y) + iV (x, y)
e analitica nello stesso dominio. Analiticitadelle derivate d
n
f(z)/dz
n
di ogni ordine n di
una funzione analitica f(z). Derivazione della formula di Taylor f
n
=
1
n!
d
n
f(z)/dz
n
|
z=z
0
per i coecienti f
n
dello sviluppo in serie f(z) =

n=0
f
n
(z z
0
)
n
. Classi di funzioni
analitiche nel piano complesso: polinomi e funzioni intere. Funzioni razionali e funzioni
meromorfe. Trasformazioni del piano z = x + iy nel piano w = u + iv e denizione di
trasformazione conforme. Dimostrazione, fatta usando le condizioni di CauchyRiemann,
che la trasformazione w = f(z) e conforme se e solo se la funzione complessa f(z) e
analitica. Richiami sulle forme dierenziali A(x, y)dx +B(x, y)dy nel piano (x, y). Integrale
di una forma dierenziale su una curva del piano come integrale di una funzione reale di
una variabile reale t su un intervallo, mediante luso di una parametrizzazione x = a(t), y =
b(t) della curva. Curve chiuse orientate e lemma di Gauss:
_
C
A(x, y)dx + B(x, y)dy =
_ _
S
C
[B
x
(x, y) A
y
(x, y)]dxdy. Forme dierenziali esatte: A
y
(x, y) = B
x
(x, y) ed esistenza
della primitiva F(x, y) =
_
(x,y)
(x
0
,y
0
)
A(x, y)dx +B(x, y)dy.
30 GENNAIO LEZIONE
Forme dierenziali complesse e loro integrazione su una curva del piano complesso. Parte
reale e parte immaginaria dellintegrale di una forma dierenziale complessa. Dimostrazione
della disuguaglianza di Darboux: |
_
C
f(z)dz| ML, essendo |f(z)| M per z C ed
essendo L la lunghezza della curva C. Dimostrazione che condizione necessaria e suciente
anche la forma dierenziale complessa f(z)dz sia esatta eche la funzione f(z) sia analitica.
Dimostrazione del Teorema di Cauchy: se f(z) e analitica allora
_
C
f(z)dz = 0. Metodo
di deformazione dei cammini lungo cui si integra una funzione analitica con applicazione a
curve aperte e chiuse.
6 FEBBRAIO LEZIONE
Teorema di Morera ed ipotesi di questo teorema come IV denizione di analiticita. Deni-
zione e costruzione della funzione primitiva di una funzione analitica. Costruzione esplicita
11
della funzione primitiva come integrale lungo una poligonale. Espressione della parte rea-
le e della parte immaginaria della funzione primitiva. Dimostrazione che la funzione F(z)
primitiva di una funzione analitica f(z) e essa stessa analitica e tale che dF(z)/dz = f(z).
12 FEBBRAIO LEZIONE
Uso delle relazioni di Cauchy-Riemann per costruire, mediante lintegrazione di una forma
dierenziale esatta, la parte reale (immaginaria) di una funzione analitica supponendo nota la
sua parte immaginaria (reale) (a meno di una costante additiva arbitraria). Calcolo esplicito
degli integrali I
n
=
1
2i
_
dz(z z
0
)
n
lungo una curva chiusa C orientata in senso antiorario,
dove z
0
non appartiene alla curva ed e interno alla regione nita del piano delimitata da
C e n e un intero relativo, n = 0, 1, 2, . . . . Derivazione della rappresentazione integrale
di Cauchy di una funzione analitica f(z) e delle sue derivate di ogni ordine d
n
f(z)/dz
n
mediante la sua rappresentazione in serie di Taylor e la tecnica di deformazione dei cammini
di integrazione. Dimostrazione del Teorema di Liouville (una funzione analitica e di modulo
limitato in tutto il piano complesso (compatticato) e costante). Dimostrazione del Teorema
Fondamentale dellAlgebra. Dimostrazione del Teorema del Massimo e Minimo Modulo.
13 FEBBRAIO LEZIONE
Introduzione alla rappresentazione in serie di Laurent di una funzione analitica nellintorno
di punti di singolarita. Due esercizi preliminari alla derivazione della serie di Laurent :
i) derivazione della rappresentazione integrale di Cauchy di una funzione analitica in un
dominio anulare con una lacuna contenente punti di singolarita; ii) espansione come serie
geometrica della funzione 1/(z

z) in potenze di (z

z
0
) in modo che sia covergente sia
nel caso |z

z
0
| < |z z
0
| che nel caso |z

z
0
| > |z z
0
|.
20 FEBBRAIO LEZIONE
Costruzione esplicita della seria di potenze di Laurent nellintorno di lacune del dominio
di analiticita. Derivazione esplicita dellespressione dei coecienti della serie di Laurent
mediante integrali su curve chiuse. Parte principale e parte analitica di una serie di Laurent.
Riduzione della serie di Laurent alla serie di Taylor nellipotesi di una funzione priva di punti
di singolarita nella lacuna. Caso particolare della serie di Laurent come rappresentazione in
serie di potenze di una funzione analitica nellintorno di una sua singolarita isolata z
0
e sua
convergenza in un cerchio di centro z
0
, raggio R e privo del suo centro. Criteri di calcolo del
raggio di convergenza R.
26 FEBBRAIO LEZIONE
Denizione di singolarita polare e di singolarita essenziale. Denizione di molteplicita di
un polo. Analisi di una funzione f(z) nellintorno del punto z
0
= mediante la trasforma-
zione del piano complesso z nel piano complesso w: z = z
0
+
1
w
ovvero w =
1
zz
0
, dove z
0
e
un numero complesso arbitrario. Rappresentazione in serie di Taylor di una funzione f(z)
12
analitica in z
0
= nellintorno di z
0
= e dominio di convergenza della serie. Rappresen-
tazione in serie di Laurent nellintorno di z
0
= di una funzione f(z) che ha in z
0
= un
polo od una singolarita essenziale. Dominio di convergenza di questa serie di Laurent, sua
parte analitica e sua parte principale. Esempi di funzioni analitiche in z
0
= e di funzioni
che hanno in z
0
= un polo od una singolarita essenziale. Importanza dellespressione del
coeciente f
1
, f
1
=
1
2i
_
dzf(z), per il cacolo dellintegrale di una funzione f(z) su una
curva chiusa. Denizione di residuo Res[f(z)]
z
0
di una funzione f(z) che ha in z
0
un polo od
una singolarita essenziale. Formula per il calcolo del residuo di una funzione in z
0
se z
0
e
un polo semplice. Dimostrazione della formula per il calcolo del residuo in z
0
di una funzione
che ha in z
0
un polo di ordine N. Dimostrazione del teorema dei residui. Uso del teorema dei
residui per il calcolo di integrali del tipo
_
2
0
dR(cos , sin ) e del tipo
_
+

dx exp(ikx)R(x)
dove R(x, y) e una funzione razionale di due variabili, R(x) e una funzione razionale di una
variabile e k e un parametro reale.
27 FEBBRAIO LEZIONE
Denizione di residuo in z
0
= , Res[f(z)]

, di una funzione f(z). Dimostrazione che se


f(z) e razionale e zf(z) 0 per z , allora la somma dei residui in tutte le singolarita
z
k
di f(z) e nulla,

k
Res[f(z)]
z
k
= 0. Denizione di funzione u(x, y) reale armonica in un
dominio del piano (x, y). Uso delle equazioni di Cauchy-Riemann per mostrare che la parte
reale u(x, y) e la parte immaginaria v(x, y) di una funzione f(z) = u(x, y) +iv(x, y) analitica
in un dominio del piano complesso z = x+iy sono armoniche in quel dominio. Denizione e
costruzione dei polinomi armonici P
N
(x, y) = Re[z
N
] e Q
N
(x, y) = Im[z
N
] sia in coordinate
cartesiane (x, y) che in coordinate polari (, ). Costruzione della funzione F(z) primitiva
di una funzione f(z) in un dominio del piano complesso in cui f(z) e monodroma con una
singolarita isolata in z
0
(polo o singolarita essenziale). Dimostrazione che la primitiva F(z)
e polidroma con inniti rami se e solo se Res[f(z)]
z
0
= 0. Denizione di polidromia algebrica
e trascendente.
4 MARZO LEZIONE
Uso della serie di Laurent per la costruzione della primitiva F(z) di una funzione f(z) nellin-
torno di una singolarita isolata z
0
che sia un polo od una singolarita essenziale. Importanza
della primitiva della funzione
1
z
. Denizione della funzione logaritmo ln(z) e sue proprie-
ta di analiticita nel piano complesso. Punti di diramazione trascendenti del logaritmo in
z = 0 e z = . Rami del logaritmo, Ln(z) = ln(z) + 2in con n = 0, 1, 2, .... Richia-
mi delle proprieta del logaritmo estese al piano complesso come conseguenza della formula
Ln(z
1
z
2
) =Lnz
1
+Lnz
2
. Denizione di ramo principale e suo legame con la determinazione
0 < 2 della fase di z = exp(i). Altra denizione di ramo principale del logaritmo
legata alla determinazione < della fase di z.Denizione di discontinuita di
una funzione polidroma. Calcolo della discontinuita del logaritmo. Analisi della funzione
f(z) = z
a
e delle sue singolarita nel caso in cui a e reale intero, razionale e irrazionale.
Studio della polidromia di f(z) = z
a
nel caso in cui a e reale razionale e irrazionale.
13
5 MARZO LEZIONE
Analiticita della funzione f(z) = z
a
per z diverso da z = 0 e da z = . Rami della funzione
f(z) = z
a
. Ramo principale di f(z) = z
a
legato alla determinazione 0 < 2 della
fase di z = exp(i). Calcolo della discontinuita di della funzione f(z) = z
a
lungo la
semiretta positiva reale 0 x < +. Uso del teorma dei residui per il calcolo di integrali
del tipo
_
+
0
dxx
a
R(x) dove R(x) e una funzione razionale. Dimostrazione della formula
per il calcolo di integrali di questo tipo.
SERIE DI FOURIER
11 MARZO LEZIONE (FZ)
Serie di Fourier per funzioni analitiche denite in [0, 2] come serie di Laurent sulla circon-
ferenza di raggio 1. Espressione per i coecienti della serie di Fourier in forma esponenziale,
f() =

n=
f
n
e
in
. Simmetria dei coecienti f
n
per funzioni reali (f

n
= f
n
). Serie
di Fourier in funzione di seni e coseni: f() = f
0
+

n=1
a
n
cos n + b
n
sin n. Espressione
dei coecienti a
n
e b
n
. Simmetrie dei coecienti f
n
per funzioni pari e dispari in [, ],
e corrispondenti relazioni per i coecienti a
n
e b
n
. Calcolo dei coecienti di Fourier per la
funzione f() = 1/(2 + cos ).
12 MARZO LEZIONE (FZ)
Serie di Fourier per funzioni f(x) denite in x [0, L]. Prodotto scalare di funzioni f()
L
2
[0, 2] denito da f g =
1
2
_
2
0
df()g(). Ortogonalit`a delle funzioni [1, cos n, sin n]
e loro normalizzazione. Serie di Fourier come decomposizione della funzione f su una base
completa costituita da seni e coseni. Cenni alle propriet`a di convergenza della serie di
Fourier: convergenza uniforme per funzioni C

, convergenza non uniforme intorno a una


discontinuit`a. Il caso della funzione gradino.
16 MARZO LEZIONE
Uso della funzione ln(z) per il calcolo di integrali: in particolare calcolo, con il teorema dei
residui, dellintegrale
_
+
0
dxR(x) e dellintegrale
_
+
0
dxln(x)R(x) dove R(x) e una funzio-
ne razionale di x. Espressione di un polinomio P(z) della variabile complessa z = exp(i)
sulla circonferenza |z| = = 1 come funzione della variabile angolare . Denizione di
polinomi trigonometrici e di serie trigonometrica. Espressione di polinomi trigonometrici
e di serie trigonometriche tramite le funzioni seno e coseno,

[c
n
cos(n) + s
n
sin(n)], e
tramite la funzione esponenziale,

a
n
exp(in), e trasformazione da una forma allaltra.
Denizione di serie di Fourier nellintervallo ed espressione integrale dei suoi
coecienti, sia nella sua rappresentazione in seni e coseni che nella sua rappresentazione
con esponenziali. Esempio di serie di Fourier convergente: sviluppo in serie di Laurent sulla
circonferenza z = exp(i) di una funzione f(z) monodroma e analitica in un dominio conte-
nente la circonferenza |z| = 1. Dimostrazione che una serie trigonometrica uniformemente
14
convergente nellintervallo e di Fourier. Denizione del simbolo di Kronecker

nm
e suo uso nelle relazioni integrali
_
+

d exp[i(n m)]. Dimostrazione della disugua-


glianza di Bessel
_
+

d
2
|f()|
2


n
k=n
|a
n
|
2
se la funzione f(), associata alla serie di
Fourier

a
n
exp(in), ha il modulo quadrato integrabile,
_
+

d|f()|
2
< .
18 MARZO LEZIONE
Dimostrazione che, se la funzione f() associata alla serie di Fourier

a
n
exp(in) e di modulo quadrato integrabile, allora la serie numerica

|a
n
|
2
e
convergente. Teorema di completezza (senza dimostrazione) nella versione
_
+

d
2
|f()|
2
=

|a
n
|
2
e nella versione lim
n
_
+

|f()

n
k=n
a
n
exp(in)|
2
= 0. Denizione di con-
vergenza in media (o convergenza forte) della serie di Fourier. Dimostrazione della disugua-
glianza di Schwartz nel caso di funzioni reali di quadrato integrabile e sua interpretazione
geometrica. Estensione (senza dimostrazione) della disuguaglianza di Schwartz al caso di
funzioni a valori complessi. Dimostrazione del teorema di Parseval per funzioni di modulo
quadrato integrabile nellintervallo . Dimostrazione che, se a
n
sono i coecienti
di Fourier associati ad una funzione di modulo quadrato integrabile, allora lim
n
a
n
= 0.
Teorema (senza dimostrazione) di Riemann-Lebesgue. Calcolo approssimato (mediante inte-
grazione per parti) di integrali del tipo
_
b
a
dx cos(tx+)f(x) quando il parametro t e molto
grande. Approssimazione uniforme di una funzione continua in un intervallo nito mediante
polinomi (teorema di Weiestrass). Approssimazione uniforme di una funzione f() continua
e periodica con periodo 2 nellintervallo + mediante polinomi trigonometrici.
Convergenza puntuale della serie di Fourier: teorema di Fejer. Convergenza della serie di
Fourier agli estremi dellintervallo +. Denizione di convergenza di una succes-
sione secondo Cesaro. Osservazione che la convergenza della serie di Fourier nel teorema di
Fejer e denita secondo Cesaro.
19 MARZO LEZIONE
Calcolo diretto dellintegrale della Gaussiana G =
_
+

dx exp(x
2
). Dimostrazione che
lintegrale
_
C
dz exp(z
2
) = G dove la curva C e la retta parallela allasse reale {zC : z =
x + iy, x +, y = a} e dove a e un numero reale nito arbitrario. Uso di questo
risultato per calcolare lintegrale I(u, k) =
_
+

dx exp(ux
2
+ikx) con u reale positivo e k
reale arbitrario.
15
ESERCITAZIONE I (20/01/2004)
A. Numeri complessi
Esercizio 1 - Calcolare la parte reale e la parte immaginaria di 5
3i
,
1+i
2i
, i
n
(per n intero
positivo).
Esercizio 2 - Disegnare le seguenti regioni del piano complesso:
|zi+5| = 3 |3z+i| 1 Rez Imz |z1||z+1| = 2 |z1|+|z+i| = 0
Esercizio 3 - Trovare la condizione necessaria e suciente per avere |z +w| = |z| +|w|
Esercizio 4 - Dimostrare per induzione che
|z
1
+ +z
n
| |z
1
| + +|z
n
|
Esercizio 5 - Dimostrare per induzione che
|z
1
z
n
| = |z
1
| |z
n
|
Esercizio 6 - Dimostrare per induzione che
z
1
z
n
= z
1
z
n
Esercizio 7 - Calcolare la parte reale e la parte immaginaria di cos z e di tanh z.
Esercizio 8 - Dimostrare che cos( +) = cos cos sin sin .
Esercizio 9 - Dimostrare che, per = 0,
1 + cos + cos 2 + + cos n =
sin[(n + 1)/2]
sin(/2)
cos(n/2)
Mostrare che la relazione `e vericata anche per 0.
16
B. Polinomi
Notazione: Ogni matrice A complessa nxn ha n autovalori complessi, soluzioni di P(z) =
det(A zI) = 0, che indichiamo con {
1
,
2
, ,
n
}. P(z) `e detto polinomio caratteristico
della matrice A.
Se gli autovalori sono tutti diversi tra loro e se D = diag(
1
,
2
, ,
n
), esiste una matrice
B tale che A = BDB
1
. Si ha quindi:
det A = det D =
n

k=1

k
, TrA = TrD =
n

k=1

k
.
Se A `e Hermitiana (A
+
= A) gli autovalori sono reali e la matrice B `e unitaria (B
+
= B
1
).
Esercizio 1 - Dimostrare col calcolo diretto che, se A `e una generica matrice complessa 2x2,
e I `e la matrice unit`a 2x2, si ha
P(z) = det(A zI) = det A TrA z +z
2
.
Esercizio 2 (generalizzazione dellesercizio precedente) - Dimostrare che, se A `e una matrice
complessa nxn, si ha
P(z) = det(A zI) =
n

k=0
(1)
nk
a
k
z
nk
a
k
=
_
(i
1
, ,i
k
)

i
1

i
k
k = 0
1 k = 0
Il simbolo (i
1
, , i
k
) indica tutti i possibili insiemi ordinati di k numeri interi distinti com-
presi tra 1 ed n, cio`e tali che 1 i
1
< i
2
< < i
k
n: ad esempio, per k = 2 si hanno
tutte le possibili coppie (i, j) con 1 i < j n.
Esercizio 3 - Nel caso precedente vericare che a
n
= det A e a
1
= TrA per cui
P(z) = det A + + TrA (1)
n1
z
n1
+ (1)
n
z
n
.
Vericare che per n = 2 si riottiene il caso dellesercizio 1.
Esercizio 4 - Utilizzando i risultati precedenti, dimostrare che, dette {
1
, ,
n
} le solu-
zioni dellequazione z
n
= 1 (radici n-esime dellunit`a), si ha:
n

k=1

k
= 0 ,
n

k=1

k
= (1)
n1
.
17
Esercizio 5 - Riottenere il risultato dellesercizio precedente a partire dalla forma esplicita
dei
k
:

k
= exp
_
2i
k
n
_
,
ricordando che:
n

k=1
z
k
= z
1 z
n
1 z
,
n

k=1
k =
1
2
n(n + 1) .
Esercizio 6 - Disegnare nel piano complesso i
k
e dare una interpretazione geometrica di

n
k=1

k
= 0.
18
SOLUZIONI ESERCITAZIONE I
A. Numeri complessi
Esercizio 1:
5
3i
= e
3i log 5
= cos(3 log 5) + i sin(3 log 5)
1 +i
2 i
=
(1 +i)(2 + i)
(2 i)(2 + i)
=
1 + 3i
5
i
n
= e
in/2
= cos(n/2) +i sin(n/2) =
_
(1)
p
se n = 2p
i(1)
p
se n = 2p + 1
Esercizio 2:
|z i + 5| = 3 `e una circonferenza di centro i 5 e raggio 3
|3z +i| 1 `e la parte di piano esterna alla circonferenza di centro i/3 e raggio 1/3
Rez Imz `e la parte di piano al di sopra della retta y = x
|z 1| |z + 1| = 2 `e lasse x per x 1
|z 1| +|z +i| = 0 `e linsieme vuoto
Esercizio 3:
La condizione `e che w = az, con a numero reale positivo, ovvero che w e z abbiano la stessa
fase in rappresentazione polare, arg w = arg z.
Esercizio 7: Usiamo la notazione z = x +iy. Allora:
cos z = cosh y cos x i sinh y sin x
tanh z =
sinh(2x) +i sin(2y)
cosh(2x) + cos(2y)
Esercizio 8:
cos( +) =
1
2
_
e
i(+)
+e
i(+)
_
cos cos sin sin =
1
4
_
(e
i
+e
i
)(e
i
+e
i
) + (e
i
e
i
)(e
i
e
i
)

Sviluppando la seconda espressione si vede subito che `e uguale alla prima.


19
Esercizio 9:
Si riscrive la somma come (z = exp i)
n

k=0
cos(k) =Re
n

k=0
e
ik
= Re
n

k=0
z
k
= Re
1 z
n+1
1 z
= Re
1 e
i(n+1)
1 e
i
=Re
e
i(n+1)/2
(e
i(n+1)/2
e
i(n+1)/2
)
e
i/2
(e
i/2
e
i/2
)
= Re
_
e
in/2
sin(n + 1)/2
sin /2
_
da cui si ottiene il risultato.
20
ESERCITAZIONE II (27/01/2004)
A. Serie e serie di potenze
Nota: Ricordate la formula di Stirling: n! n
n
e
n

2n per n , e le formule
per il raggio di convergenza della serie di Taylor

n=0
a
n
z
n
: R = lim
n
|a
n
|
1/n
, R =
lim
n
|a
n
/a
n+1
|.
Esercizio 1 - Discutere la convergenza delle seguenti serie numeriche:

n=1
a
n
n!
n
n
, a R

n=1
1
n
2
+ 1

n=1
1
(log n)
n

n=1
sin
1
n
Esercizio 2 - Calcolare il raggio di convergenza delle seguenti serie di potenze:

n=1
z
n
(n!)
a
, a > 0

n=1
n
n
n!
z
n

n=1
(2n)!
(n!)
2
z
n

n=1
e

n
z
n

n=1
n!e
n
a
z
n
, a > 0

n=1
c
n
2
z
n
, c C

n=1
(log n)
2
z
n

n=1
z
n!
Esercizio 3 - Dimostrare che le due serie di potenze

n=1
a
n
z
n

n=1
n
b
a
n
z
n
, b R
hanno lo stesso raggio di convergenza.
Esercizio 4 - Se

n=0
a
n
z
n
ha raggio di convergenza R, qual `e il raggio di convergenza di

n=0
(a
n
)
2
z
n
?
Esercizio 5 - Calcolare lo sviluppo di Taylor di centro z = 0 delle seguenti funzioni e il suo
raggio di convergenza:
1
z
2
+ 1
1
z
2
+z 2
cosh z
1
z c
, c C
Esercizio 6 - Calcolare lo sviluppo di Taylor di centro z
0
= 2 di f(z) = 1/(z 2) e il suo
raggio di convergenza al variare di z
0
. Vi viene in mente una interpretazione del risultato?
21
B. Integrazione delloscillatore armonico
Questo esercizio guidato serve a presentare una applicazione sica elementare della teoria
dei numeri complessi. Il quesito 3) richiede la conoscenza della teoria dei sistemi dinamici
Hamiltoniani isegnata nel corso di Meccanica analitica e relativistica.
Consideriamo loscillatore armonico la cui coordinata q(t) soddisfa lequazione dierenziale
del secondo ordine q(t) +
2
q(t) = 0.
1) Scrivere le equazioni del moto nella forma di Hamilton usando la Hamiltoniana H(p, q) =
p
2
2
+

2
q
2
2
. Denire la variabile complessa z(t) = p(t) +iq(t) e mostrare che le equazioni del
moto per la variabile z sono date da ununica equazione dierenziale del primo ordine.
2) Risolvere le equazioni del moto per z. Mostrare che, esprimendo z in rappresentazione
polare (z = |z|e
i
), si identicano la quantit`a conservata A = |z|
2
/2 e la variabile angolare
= arg z. Quale signicato sico ha la quantit`a conservata A?
Facoltativo: Ricordiamo che un sistema Hamiltoniano (p, q) `e detto integrabile se esiste
una coppia di variabili (variabili azione-angolo) A(p, q) e (p, q) tali che:
1) La trasformazione (p, q) (A, ) `e canonica; una condizione suciente `e che esista una
funzione S(q, ) tale che p = S/q e A = S/.
2) Nelle nuove variabili si ha H(A, ) = A, dove `e la frequenza propria del sistema.
La variabile A `e una quantit`a conservata, mentre la variabile evolve linearmente nel tempo:
(t) =
0
+t.
3) Mostrare che la coppia di variabili (A, ) `e una coppia di variabili azione-angolo (sug-
gerimento: considerare la funzione generatrice S(q, ) =
q
2
2 tan
). Mostrare che nelle nuove
variabili H = A.
22
SOLUZIONI ESERCITAZIONE II
A. Serie e serie di potenze
Esercizio 1:
I) Usando il criterio del rapporto si ha (ponendo a
n
=
a
n
n!
n
n
)
lim
n

a
n+1
a
n

= lim
n

a
n+1
(n + 1)!n
n
a
n
n!(n + 1)
n+1

= lim
n

an
n
(n + 1)
n

= lim
n

a
(1 +
1
n
)
n

=
|a|
e
quindi per |a| < e la serie converge, per |a| > e diverge. Se |a| = e il criterio non `e applicabile
perch`e il limite `e 1. Tuttavia in questo caso, usando la formula di Stirling, si ha, per n ,
|a
n
| = e
n
n!
n
n
e
n
e
n

2n =

2n
e quindi la serie diverge perch`e il suo termine n-esimo diverge in modulo. Riassumendo, la
serie converge per |a| < e e diverge per |a| e.
II) Osservando che
1
n
2
+ 1
<
1
n
2
e che la serie

1/n
2
`e convergente, si ottiene la convergenza della serie considerata.
III) Usando il criterio della radice si ha (ponendo a
n
= (log n)
n
)
lim
n
|a
n
|
1
n
= lim
n
1
log n
= 0 < 1
per cui la serie converge.
IV) Per discutere la convergenza osserviamo che per n grande, 1/n `e molto piccolo e quindi
si pu`o sviluppare il seno in serie di Taylor:
sin
1
n

1
n

1
6n
3
+o(
1
n
5
)
e quindi si ha
lim
n
sin
1
n
1
n
= lim
n
nsin
1
n
= lim
n
1
1
6n
2
+o(
1
n
4
) = 1
per cui la serie considerata ha lo stesso comportamento asintotico di

1
n
, ed `e quindi
divergente.
23
Esercizio 2:
I) R = lim
n

a
n
a
n+1

= lim
n
[(n + 1)!]
a
[n!]
a
= lim
n
(n + 1)
a
=
II) R = lim
n

a
n
a
n+1

= lim
n
n
n
(n + 1)!
n!(n + 1)
n+1
= lim
n
n
n
(n + 1)
n
=
1
e
III) R = lim
n

a
n
a
n+1

= lim
n
(2n)![(n + 1)!]
2
(n!)
2
(2n + 2)!
= lim
n
(n + 1)
2
(2n + 2)(2n + 1)
=
1
4
IV) R = lim
n
|a
n
|

1
n
= lim
n
(e

n
)
1
n
= lim
n
e
1

n
= 1
V) R = lim
n
|a
n
|

1
n
= lim
n
(n!e
n
a
)

1
n
= lim
n
(n
n
e
nn
a

2n)

1
n
= lim
n
n
1
e
1+n
a1
exp
_

1
2n
log(2n)
_
=
_
per a > 1
0 per a 1
VI) R = lim
n
|a
n
|

1
n
= lim
n
|c|
n
=
_

_
per |c| < 1
0 per |c| > 1
1 per |c| = 1
VII) R = lim
n

a
n
a
n+1

= lim
n
_
log n
log(n + 1)
_
2
= 1
La discussione dellultima serie `e pi` u complicata. Osserviamo che
S
k
=
k

n=1
|z
n!
|
k!

n=1
|z
n
| = T
k
(provate a scriverlo esplicitamente per k = 1, 2, 3 e osservate che a sinistra mancano alcuni
termini positivi presenti a destra). Daltronde la successione T
k
converge a un limite nito
per k se |z| < 1 (`e la serie geometrica). Allora, per |z| < 1, S
k
`e una successione
a termini positivi limitata e quindi converge. Daltronde, per |z| > 1 il termine n-esimo
della serie considerata diverge, e quindi la serie non pu`o convergere. Quindi il raggio di
convergenza `e R = 1.
Esercizio 3: Si ha
R
2
= lim
n

n
b
a
n
(n + 1)
b
a
n+1

= lim
n
_
n
n + 1
_
b

a
n
a
n+1

= lim
n

a
n
a
n+1

= R
1
Esercizio 4:
Supponiamo che esista il limite (eventualmente innito)
lim
n

a
n
a
n+1

= R
1
24
Allora R
1
`e il raggio di convergenza di

a
n
z
n
. Il raggio di convergenza di

(a
n
)
2
z
n
`e dato
da
R
2
= lim
n

(a
n
)
2
(a
n+1
)
2

= lim
n

a
n
a
n+1

2
= R
2
1
dalla continuit`a della funzione x
2
per ogni x reale.
Esercizio 5:
Ricordiamo che
1
1 z
=

n=0
z
n
per |z| < 1.
I) Ponendo w = z
2
si ha
1
z
2
+ 1
=
1
1 w
=

n=0
w
n
=

n=0
(1)
n
z
2n
La serie converge per |w| = |z|
2
< 1, ovvero |z| < 1.
II) Scomponiamo il polinomio di secondo grado:
1
z
2
+z 2
=
1
(z + 2)(z 1)
=
A
z + 2
+
B
z 1
I coecienti A e B si determinano richiedendo luguaglianza con lespressione di partenza e
si ottiene A = 1/3, B = 1/3 da cui
1
z
2
+z 2
=
1
3
_

1
z + 2
+
1
z 1
_
=
1
3
_

1
2
1
1
_

z
2
_
1
1 z
_
=
1
3
_

1
2

n=0
_

z
2
_
n

n=0
z
n
_
=

n=0
1
3
_
(1)
n+1
2
n+1
1
_
z
n
La serie converge per |z| < 1, come si pu`o mostrare nei tre modi seguenti:
a) La singolarit`a pi` u vicina a 0 nella funzione di partenza `e in z = 1.
b) Calcolando R = lim
n
|a
n
/a
n+1
| = 1.
c) Osservando che le due serie in cui abbiamo scomposto la funzione convergono per |z| < 1
(la seconda) e per |z| < 2 (la prima), per cui il raggio di convergenza della loro somma `e il
minore dei due (e quindi |z| < 1).
III) Dal momento che
d
n
dz
n
e
z
= e
z
n N
si ottiene lo sviluppo di Taylor della funzione esponenziale:
e
z
=

n=0
z
n
n!
25
da cui
cosh z =
e
z
+e
z
2
=
1
2
_

n=0
z
n
n!
+

n=0
(z)
n
n!
_
=

n=0
1 + (1)
n
2
z
n
n!
Il coeciente di z
n
/n! `e zero per n dispari e uno per n pari, per cui i termini dispari sono
assenti. La serie pu`o essere riscritta, ponendo n = 2k, come
cosh z =

k=0
z
2k
(2k)!
(per visualizzare meglio il procedimento potete scrivere i primi quattro-cinque termini dello
sviluppo di e
z
e di e
z
e poi sommare). Lo sviluppo converge in tutto il piano complesso dal
momento che la funzione cosh z `e analitica z C (potete vericarlo calcolando il raggio di
convergenza).
IV) Supponendo c = 0 (altrimenti la funzione ha un polo in z = 0 e non pu`o essere sviluppata
in serie di Taylor)
1
z c
=
1
c
1
1
z
c
=
1
c

n=0
_
z
c
_
n
Lo sviluppo converge per |z/c| < 1, ovvero |z| < |c|.
Esercizio 6:
Si riscrive
f(z) =
1
z 2
=
1
z z
0
+z
0
2
=
1
z
0
2
1
1
zz
0
2z
0
=
1
z
0
2

n=0
_
z z
0
2 z
0
_
n
Lo sviluppo converge per

z z
0
2 z
0

< 1
ovvero |z z
0
| < |2 z
0
|. Si vede quindi che la serie converge se la distanza di z da z
0
`e
minore della distanza di 2 da z
0
, cio`e il cerchio di convergenza arriva no alla singolarit`a di
f(z).
26
METODI MATEMATICI DELLA FISICA
I COMPITO DESONERO 3/02/04 - COMPITO A
A.A. 2003-04 Prof. A. DEGASPERIS
ATTENZIONE:
scrivere su ciascun foglio il cognome ed indicare chiaramente linizio e la ne di ogni esercizio.
1. Calcolare la funzione A(x, y) = |z sin(z)|
2
nel piano complesso z = x +iy..[ 6 ]
2. Trovare i valori di z per i quali cos(z) = 2 e riportarli nel piano complesso z ...[ 8 ]
3. Sia f(z) =

n=0
f
n
(z z
0
)
n
lo sviluppo in serie di Taylor della funzione f(z) =
z1
z+1
in
z
0
= 1. Calcolare i coecienti f
n
ed il raggio di convergenza R...[ 7 ]
4. Disegnare il dominio |e
z
2
| 1 nel piano complesso z = x +iy .....[ 5 ]
5. Trovare le 3 radici del polinomio P(z) = z
3
8i..[ 6 ]
6. Sia P
N
(z) un polinomio di grado N e siano z
k
le sue N radici, k = 1, 2, ..., N. Dimo-
strare che, se P
N
(z) e pari , cioe P
N
(z) = P
N
(z), allora

N
k=1
z
k
= 0
......[ 8 ]
IL NUMERO RIPORTATO ALLA FINE DI CIASCUN ESERCIZIO E IL VOTO MAS-
SIMO. IL VOTO TOTALE E LA SOMMA DEI 6 VOTI PARZIALI (con riserva di una
eventuale rinormalizzazione).
27
METODI MATEMATICI DELLA FISICA
I COMPITO DESONERO 3/02/04 - COMPITO B
A.A. 2003-04 Prof. A. DEGASPERIS
ATTENZIONE:
scrivere su ciascun foglio il cognome ed indicare chiaramente linizio e la ne di ogni esercizio.
1. Calcolare la funzione A(x, y) = |z
2
e
z
2
| nel piano complesso z = x +iy...[ 6 ]
2. Trovare i valori di z per i quali cosh(z) = 2 e riportarli nel piano complesso z...[ 8 ]
3. Sia f(z) =

n=0
f
n
(z z
0
)
n
lo sviluppo in serie di Taylor della funzione f(z) =
(z+2)
2
z1
in z
0
= 2. Calcolare i coecienti f
n
ed il raggio di convergenza R...[ 7 ]
4. Disegnare il dominio Im(sinh z) 0 nel piano complesso z = x +iy...[ 5 ]
5. Trovare le 4 radici del polinomio P(z) = z
4
+ 16...[ 6 ]
6. Sia P
N
(z) un polinomio di grado N e siano z
k
le sue N radici, k = 1, 2, ..., N. Dimo-
strare che, se P
N
(z) e pari , cioe P
N
(z) = P
N
(z), allora

N
k=1
z
k
= 0
...[ 8 ]
IL NUMERO RIPORTATO ALLA FINE DI CIASCUN ESERCIZIO E IL VOTO MAS-
SIMO. IL VOTO TOTALE E LA SOMMA DEI 6 VOTI PARZIALI (con riserva di una
eventuale rinormalizzazione).
28
METODI MATEMATICI DELLA FISICA
I COMPITO DESONERO 3/02/04 - COMPITO C
A.A. 2003-04 Prof. A. DEGASPERIS
ATTENZIONE:
scrivere su ciascun foglio il cognome ed indicare chiaramente linizio e la ne di ogni esercizio.
1. Calcolare la funzione A(x, y) = |
sinh(z)
z
|
2
nel piano complesso z = x +iy...[ 6 ]
2. Trovare i valori di z per i quali sin(z) = 2 e riportarli nel piano complesso z...[ 8 ]
3. Sia f(z) =

n=0
f
n
(z z
0
)
n
lo sviluppo in serie di Taylor della funzione f(z) =
z
z
2
+2
in z
0
= 0. Calcolare i coecienti f
n
ed il raggio di convergenza R...[ 7 ]
4. Disegnare il dominio |e
z+z
2
|
1
4

e
nel piano complesso z = x +iy...[ 5 ]
5. Trovare le 3 radici del polinomio P(z) = z
3
+ 27...[ 6 ]
6. Sia P
N
(z) un polinomio di grado N e siano z
k
le sue N radici, k = 1, 2, ..., N. Dimo-
strare che, se P
N
(z) e pari , cioe P
N
(z) = P
N
(z), allora

N
k=1
z
k
= 0
...[ 8 ]
IL NUMERO RIPORTATO ALLA FINE DI CIASCUN ESERCIZIO E IL VOTO MAS-
SIMO. IL VOTO TOTALE E LA SOMMA DEI 6 VOTI PARZIALI (con riserva di una
eventuale rinormalizzazione).
29
SOLUZIONI I COMPITO DESONERO (03/02/2004)
Compito A:
1) A(x, y) = (x
2
+y
2
)(sin
2
x + sinh
2
y).
2) z = z

n
= i log(2 +

3) + 2n, n = 0, 1, 2, . . .
Re z
Im z
3) f
0
= 0, f
n
=
(1)
n+1
2
n
per n 1; R = 2.
4) x
2
y
2
.
Re z
Im z
5) z
3
8i = (z z
1
)(z z
2
)(z z
3
); z
1
=

3 +i, z
2
=

3 +i, z
3
= 2i.
30
Compito B:
1) A(x, y) = (x
2
+y
2
)e
x
2
y
2
.
2) z = z

n
= log(2 +

3) + 2in, n = 0, 1, 2, . . .
Im z
Re z
3) f
0
= f
1
= 0, f
n
=
1
3
n1
per n 2; R = 3.
4) Im(sinh z) = cosh x sin y 0 sin y 0 < x < ,
2n y + 2n , n = 0, 1, 2, . . .
Re z
Im z
5) z
4
+ 16 = (z z
1
)(z z
2
)(z z
3
)(z z
4
); z
1
=

2(1 + i), z
2
=

2(1 + i),
z
3
=

2(1 i), z
4
=

2(1 i).
31
Compito C:
1) A(x, y) =
sinh
2
x+sin
2
y
x
2
+y
2
.
2) z = z

n
= i log(2 +

3) +

2
+ 2n, n = 0, 1, 2, . . .
Re z
Im z
/2
3) f
n
= 0 per n = 2p, f
n
=
(1)
(n1)/2
2
(n+1)/2
per n = 2p + 1; R =

2.
4)
_
x +
1
2
_
2
y
2
.
Re z
Im z
1/2
5) z
3
+ 27 = (z z
1
)(z z
2
)(z z
3
); z
1
=
3
2
+i
3

3
2
, z
2
=
3
2
i
3

3
2
, z
3
= 3.
32
6) (comune ai tre compiti):
I) Si scrive
P
n
(z) = c
n
z
n
+c
n1
z
n1
+ +c
1
z +c
0
(1)
Se P
n
(z) = P
n
(z), allora n `e pari e c
n1
= c
n3
= = c
1
= 0 (tutti i coecienti delle
potenze dispari sono nulli). Scrivendo
P
n
(z) = c
n
(z z
1
) (z z
n
) (2)
si ha
c
n1
= c
n
n

k=1
z
k
= 0 (3)
come volevasi dimostrare.
II) Si osserva che se z
1
`e soluzione di P
n
(z
1
) = 0, anche z
1
lo `e. Allora
P
n
(z) = (z z
1
)(z +z
1
)P
n2
(z) = (z
2
z
2
1
)P
n2
(z) (4)
e anche il polinomio P
n2
(z) `e pari essendo il rapporto di due funzioni pari. Quindi se z
2
`e
soluzione di P
n2
(z) = 0 (eventualmente coincidente con z
1
) anche z
2
`e soluzione. E quindi
P
n2
(z) = (z z
2
)(z +z
2
)P
n4
(z) = (z
2
z
2
2
)P
n4
(z)
P
n
(z) = (z z
1
)(z +z
1
)(z z
2
)(z +z
2
)P
n4
(z)
(5)
Iterando questa costruzione si vede che per ogni radice z
p
esiste la corrispondente radice z
p
e che la loro molteplicit`a `e la stessa, e quindi
n

k=1
z
k
=
P

p=1
m
p
z
p
+
P

p=1
m
p
(z
p
) = 0 (6)
come volevasi dimostrare.
33
ESERCITAZIONE III (10/02/2004)
Esercizio 1 - Calcolare tutti i possibili valori di z = i
1
3
e di w = log(

2 +

2i).
Risultato: z
1
= exp
i
6
, z
2
= exp
5i
6
, z
3
= exp
3i
6
= i; w
n
= log 2 + i
_

4
+ 2n
_
, n =
0, 1, 2, . . ..
Esercizio 2 - Calcolare le soluzioni dellequazione
e
1
z
=
dove `e un numero complesso assegnato. Mostrare che se || = 0 il numero di soluzioni
appartenenti al cerchio |z| `e innito per qualunque .
Risultato: z
n
= 1/(log + 2in) , n = 0, 1, 2, . . .
Esercizio 3 - Dimostrare che la funzione f(z) = z tanh(log z)
2
non `e analitica.
Suggerimento: usare la non-analiticit`a della funzione z z = |z|
2
.
Esercizio 4 - Sia f(z) = u(x, y) + iv(x, y) analitica. Trovare la parte immaginaria v(x, y)
sapendo che:
a) u(x, y) = x
3
+ 3x(1 y
2
) ;
b) u(x, y) = cos y cosh x ;
c) u(x, y) = e
x
[(1 +x) cos y +y sin y] .
Risultato: a) v(x, y) = y
3
+ 3y(1 + x
2
) + c; b) v(x, y) = sinh x sin y + c; c) v(x, y) =
e
x
[(1 +x) sin y +y cos y] + c, dove c `e un numero reale arbitrario.
Esercizio 5 - Scrivere esplicitamente
_

f(z)dz in termini di una parametrizzazione della


curva , se `e:
a) il triangolo di vertici [0, 1, i] percorso in senso orario;
b) la circonferenza di centro i e raggio R percorsa due volte in senso antiorario;
c) il quadrato di centro 0 e lato 2 percorso in senso antiorario.
Esercizio 6 - Calcolare i seguenti integrali:
a) I
a
=
_

(z + 1)
2
dz ; `e il triangolo di vertici [1, 1, i] orientato in senso antiorario.
b) I
b
=
_

zz dz ; `e la circonferenza di centro z = 0 e raggio R = 5 orientata in senso


orario.
c) I
c
=
_

e
z
dz ; `e il quadrato di vertici [0, 1, 1 +i, i] orientato in senso antiorario.
d) I
d
=
_

cosh z dz ; `e il quadrato di vertici [0, 1, 1 +i, i] orientato in senso antiorario.


Risultato: I
a
= 0; I
b
= 0; I
c
= 2(e 1)(1 e
i
); I
d
= 0.
34
ESERCITAZIONE IV (17/02/2004)
Esercizio 1 - Calcolare lintegrale I

=
_

z dz dove `e una qualsiasi curva chiusa percorsa


in senso antiorario.
Risultato: usare il teorema di Gauss. I

= 2iA

, dove A

`e larea della porzione di piano


interna a .
Esercizio 2 - Sia f(z) = u(x, y) + iv(x, y) analitica. Trovare f(z) sapendo che f(0) = 0 e
che:
a) u(x, y) = e
x
[(x
2
y
2
) cos y 2xy sin y] ;
b) v(x, y) = 3x
2
y y
3
;
c) v(x, y) =
y
(x1)
2
+y
2
.
Risultato: a) f(z) = z
2
e
z
; b) f(z) = z
3
; c) f(z) =
z
1z
.
Esercizio 3 - Calcolare i seguenti integrali:
a)
_

e
z1
z1
dz ; `e la circonferenza di centro z = 1 e raggio R = 1 orientata in senso antiorario.
b)
_

1
|z|
2
dz ; `e la curva denita da z(t) = cosh t + i sinh t, t (, ). Disegnare la
curva .
c)
_

1
2zi1
dz ; `e il quadrato di vertici [0, 1, 1 +i, i] orientato in senso antiorario.
d)
_

1
z
dz ; `e lellisse di fuochi z = 1 e z = 1 e asse principale 3.
Risultato: a) 2i; b) i/

2; c) i; d) 2i.
Esercizio 4 - Calcolare il massimo del modulo della funzione f(z) nel dominio D, dove:
a) f(z) = z
2
; D `e il quadrato di vertici [0, 1, 1 +i, i].
b) f(z) = sinh
2
z ; D `e il quadrato di vertici [1/2, 1/2, 1/2 + 2i, 1/2 + 2i].
c) f(z) = z
2
+z ; D `e il triangolo di vertici [1, 1, i].
d) f(z) =
1
z3
; D `e il cerchio di centro z = 0 e raggio R = 2.
Risultato: a) 2; b) cosh
2 1
2
; c) 1; d) 1.
Esercizio 5 - Sviluppare in serie di Laurent di centro z
0
le seguenti funzioni:
a) f(z) =
1
(z2)(z+3)
; z
0
= 2.
b) f(z) =
1
z
3
z
2
z+1
; z
0
= 1.
c) f(z) =
e
z
(zz
0
)
5
; z
0
.
d) f(z) = e
z
+e
1
z
1 ; z
0
= 0.
35
Esercizi di preparazione per il II esonero (27/02/2004)
1 - Scrivere i coecienti f
n
della serie di Laurent:
f(z) =
z
2
z 2
sin
_
z
2z 4
_
=

n=
f
n
(z 2)
n
f(z) =
1
z(z
2
+ 4)
+
z
z
2
+ 1
=

n=
f
n
z
n
f(z) =
sin z
(z 1)
2
+
z
z
2
+ 2z 3
=

n=
f
n
(z 1)
n
f(z) =
1
z
2
iz + 2
=

n=
f
n
z
n
in uno dei possibili domini di convergenza.
2 - Determinare un polinomio armonico P(x, y) tale che P(1, 0) = 0 e P(0, 1) = 1.
3 - Sia f(z) = u(x, y) +iv(x, y) analitica. Determinare f(z) sapendo che:
a) u(x, y) = 3x
2
(1 2y) +y
2
(2y 3) e v(1, 0) = 2.
b) u(x, y) = (x
2
y
2
) cos x cosh y + 2xy sin x sinh y e f(0) = 0.
c) v(x, y) = 3x
3
+ (1 y)(9xy 1) e f(0) = 0.
Trovare i punti in cui f(z) = 0.
4 - Calcolare i seguenti integrali:
I
1
=
_
2
0
d
1 + cos
2

1 + sin
2

; I
2
=
_
2
0
d
e
2i
sin
2 + sin
; I
3
=
_

dx
1 +x
2
(x
2
2x + 2)(x
2
3ix 2)
;
I
4
=
_
2
0
d
1
2 + cos
; I
5
=
_

0
dx
cos x
1 + 4x
2
; I
6
=
_

0
dx
1 + cos x
x
2
+ 1
.
36
5 - Calcolare i seguenti integrali (tutte le curve sono orientate in senso antiorario):
I
1
=
_

dz zz ; `e il triangolo di vertici [0, 1, i].


I
2
=
_

dz (z 1)
2
; `e lunione della semicirconferenza |z 1| = 1/2, Imz > 0
e del segmento di asse reale da essa sotteso.
I
3
=
_

dz (z +z) ; `e il quadrato di vertici [0, 1, i + 1, i].


6 - Calcolare i seguenti integrali (tutte le curve sono orientate in senso antiorario):
I
1
=
_

dz
sin z
(z
2
4)(z 2)
2
; `e la circonferenza |z 1 i| = 2.
I
2
(n) =
1
2i
_

dz
1 +z
z
n
(z
2
+ 4)
; `e la circonferenza |z| = 1, n Z.
I
3
=
_

dz
z
4
sinh
2
z
; `e la circonferenza |z 5i| = 3.
I
4
=
_

dz
z
3
6z
(z
4
+ 4)(z + 2i)
; `e il quadrato con centro nellorigine, lati paralleli agli assi e lato 3.
I
5
=
_

dz
3z
4
+ 5
z
5
+ 2
; `e la circonferenza |z| = 2.
I
6
=
_

dz
z
3
(z
2
+ 1)
5
; `e la circonferenza |z 1| = 2.
7 - Calcolare i seguenti integrali per k R:
f
1
(k) =
_

dx e
ikx
x
(x
2
+ 1)
2
; f
2
(k) =
_

dx
cos kx
x
2
2x + 2
; f
3
(k) =
_

0
dx
cos kx
(x
2
+ 1)
;
f
4
(k) =
_

0
dx
x
2
cos kx
(x
2
+ 1)
2
; f
5
(k) =
_

dx e
ikx
sin x
1 +x
2
; f
6
(k) =
_

dx
cos 2kx
x
4
+ 5x
2
+ 4
.
37
METODI MATEMATICI DELLA FISICA
II COMPITO DESONERO 2/03/04
A.A. 2003-04 Prof. A. DEGASPERIS
COMPITO A
ATTENZIONE:
scrivere su ciascun foglio il cognome ed indicare chiaramente linizio e la ne di ogni esercizio.
1. Calcolare lintegrale I =
_
C
dz(1 +2z

)
2
dove C e la circonferenza |z| = 1 orientata in
senso antiorario ..................[ 5 ]
2. Sia f(z) = u(x, y) + iv(x, y) una funzione intera tale che f(0) = 0, e sia v(x, y) =
4xy + 3y + 1 exp(y) cos(x) la sua parte immaginaria. Calcolare la sua parte reale
u(x, y).................................[ 6 ]
3. Sia C la circonferenza |z| = 1 orientata in senso antiorario, calcolare lintegrale A =
_
C
dz
z
(z
2
+4)(4z
2
+1)
.........................[ 7 ]
4. Calcolare il residuo in z = i della funzione
h(z) = exp(4z)/(z
2
+ 1)
2
.......................................... .........[ 6 ]
5. Calcolare lintegrale B =
_
+

dxx
2
/[(x +i)(x
2
2ix 2)
2
]..[ 6 ]
6. Dimostrare che, se f(z) ha un polo od una singolarita
essenziale in z
0
, allora il residuo di g(z) = df(z)/dz in z
0
e
nullo........................................................ ......................[ 7 ]
IL NUMERO RIPORTATO ALLA FINE DI CIASCUN ESERCIZIO E IL VOTO MAS-
SIMO. IL VOTO TOTALE E LA SOMMA DEI 6 VOTI PARZIALI (con riserva di una
eventuale rinormalizzazione).
38
METODI MATEMATICI DELLA FISICA
II COMPITO DESONERO 2/03/04
A.A. 2003-04 Prof. A. DEGASPERIS
COMPITO B
ATTENZIONE:
scrivere su ciascun foglio il cognome ed indicare chiaramente linizio e la ne di ogni esercizio.
1. Calcolare lintegrale I =
_
C
dz(3z z
2
)
2
dove C e la circonferenza |z| = 1 orientata
in senso antiorario ..................[ 5 ]
2. Sia f(z) = u(x, y) + iv(x, y) una funzione intera tale che f(0) = i, e sia u(x, y) =
4xy + x + exp(x) sin(y) la sua parte reale. Calcolare la sua parte immaginaria
v(x, y).....................................[ 6 ]
3. Sia C la circonferenza |z 1| = 1 orientata in senso antiorario, calcolare lintegrale
A =
_
C
dz
1
(4z
2
1)(4z
2
8z+5)
...................[ 7 ]
4. Calcolare il residuo in z = 1 della funzione h(z) = z cos(
z
2
)/(z 1)
3
.............[ 6 ]
5. Calcolare lintegrale B =
_
2
0
d1/[3 cos()]....................[ 6 ]
6. Dimostrare che, se f(z) e dispari, f(z) = f(z), ed ha un polo od una singolarita
essenziale in z = 0, allora il residuo di g(z) = f(z)
2
in z = 0 e nullo...............[ 7 ]
IL NUMERO RIPORTATO ALLA FINE DI CIASCUN ESERCIZIO E IL VOTO MAS-
SIMO. IL VOTO TOTALE E LA SOMMA DEI 6 VOTI PARZIALI (con riserva di una
eventuale rinormalizzazione).
39
METODI MATEMATICI DELLA FISICA
II COMPITO DESONERO 2/03/04
A.A. 2003-04 Prof. A. DEGASPERIS
COMPITO C
ATTENZIONE:
scrivere su ciascun foglio il cognome ed indicare chiaramente linizio e la ne di ogni esercizio.
1. Calcolare lintegrale I =
_
C
dz(z +z

)
2
/z

dove C e la circonferenza |z| = 1 orientata


in senso antiorario ..................[ 5 ]
2. Sia f(z) = u(x, y) + iv(x, y) una funzione intera tale che f(0) = 1, e sia u(x, y) =
4x + x
2
y
2
+ exp(2x) cos(2y) la sua parte reale. Calcolare la sua parte immaginaria
v(x, y).........................[ 6 ]
3. Sia C la circonferenza |z| = 1 orientata in senso antiorario, calcolare lintegrale A =
_
C
dz
z
(z
2
+3)(2z
2
+3z2)
.......................[ 7 ]
4. Calcolare il residuo in z = 3 della funzione
h(z) = (z + 1) sin(
z
2
)/(z 3)
3
.............................. ...............[ 6 ]
5. Calcolare lintegrale B =
_
2
0
d 1/[9 8 sin
2
].....................[ 6 ]
6. Dimostrare che, se f(z) ha un polo od una singolarita
essenziale in z
0
, allora il residuo di g(z) = df(z)/dz in z
0
e
nullo........................................................ ......................[ 7 ]
IL NUMERO RIPORTATO ALLA FINE DI CIASCUN ESERCIZIO E IL VOTO MAS-
SIMO. IL VOTO TOTALE E LA SOMMA DEI 6 VOTI PARZIALI (con riserva di una
eventuale rinormalizzazione).
40
SOLUZIONI II COMPITO DESONERO (02/03/2004)
Esercizio 1
Si pone z = e
i
da cui z

= e
i
e dz = ie
i
d. Sostituendo negli integrali e ricordando che
_
2
0
d e
im
= 2
m0
si ottiene:
A) I = 8i B) I = 12i C) I = 2i
Esercizio 2
A) u(x, y) = 2(x
2
y
2
) + 3x +e
y
sin x, f(z) = 2z
2
+ 3z +i ie
iz
.
B) v(x, y) = 2(x
2
y
2
) +y e
x
cos y + 2, f(z) = 2iz
2
+z ie
z
+ 2i.
C) v(x, y) = 4y + 2xy +e
2x
sin(2y), f(z) = 4z +z
2
+e
2z
.
Esercizio 3
A) A = 2i
_
Res
_
z
(z
2
+4)(4z
2
+1)
_
i
2
+Res
_
z
(z
2
+4)(4z
2
+1)
_

i
2
_
=
2i
15
.
B) A = 2iRes
_
1
(4z
2
8z+5)(4z
2
1)
_

1
2
=
i
20
.
C) A = 2iRes
_
z
(2z
2
+3z2)(z
2
+3)
_
1
2
=
4i
65
.
Esercizio 4
A) Res[h(z)]
i
=
_
1 +
i
4
_
e
4i
.
B) Res[h(z)]
1
=

2
.
C) Res[h(z)]
3
=

2
2
.
Esercizio 5
A) Si chiude il cammino di integrazione su una semicirconferenza allinnito nel semipiano
inferiore (dove c`e un solo polo in z = i) e quindi B = 2iRes
_
z
2
(z+i)(z
2
2iz2)
2
_
i
=
2i
25
.
Per i compiti B e C si riscrive cos = (z +z
1
)/2, sin = (z z
1
)/2i e d = dz/iz, dove z
varia sulla circonferenza goniometrica C e quindi
B) B = 2i
_
C
dz
1
z
2
6z+1
= 4Res
_
1
z
2
6z+1
_
3

8
=

2
.
C) B = i
_
C
dz
z
2z
4
+5z
2
+2
= 2
_
Res
_
z
2z
4
+5z
2
+2
_
i

2
+Res
_
z
2z
4
+5z
2
+2
_

2
_
=
2
3
41
Esercizio 6
Compiti A e C:
Per 0 < |z z
0
| < R, f(z) = +
f
n
(zz
0
)
n
+ +
f
1
(zz
0
)
+f
0
+f
1
(z z
0
) + , quindi
g(z) =
nf
n
(zz
0
)
n+1
+
f
1
(zz
0
)
2
+f
1
+2f
2
(z z
0
) + e questa serie di Laurent mostra
che Res[g(z)]
z
0
= g
1
= 0.
Compito B:
Se f(z) = f(z) allora g(z) = g(z) e quindi la serie di Laurent di g(z) contiene solo i
termini pari: g(z) = +
g
2n
z
2n
+
g
2n+2
z
2n2
+ +
g
2
z
2
+g
0
+g
2
z
2
+ +g
2m
z
2m
+ e quindi
Res[g(z)]
0
= g
1
= 0.
42
ESERCITAZIONE V (9/3/2004)
1 - Determinare un polinomio armonico P(x, y) tale che:
a) P(0, 0) = 0, P(0, 1) = 1 e P(1, 1) = 2.
b) P(0, 1) = 1, P(1, 2) = 2.
c) P(x, x) = x(3 2x
2
).
d) P(x, x
2
) = x
4
x
2
+ 1.
e) P(0, 0) = 3,
P
x
(1, 0) = 2.
f) P(1, 1) = 1,
P
x
(0, 0) = 1,
P
y
(0, 1) = 0.
2 - Calcolare i seguenti integrali:
I
1
=
_

0
dx

x
x
2
+ 5x + 4
; I
2
=
_

0
dx
x
2/3
x
2
+ 4
; I
3
=
_

0
dx
1
x
2
+

x
;
I
4
=
_
0

dx
3

x
(1 x)
2
; I
5
=
_
0

dx
x
2/3
8 x
; I
6
=
_

0
dx
4

x
x
2
+ 5x + 4
.
3 - Calcolare il residuo allinnito delle seguenti funzioni:
f(z) =
z
2
+ 1
z
4
2
; f(z) = e
1/z
; f(z) = e
1/z
2
; f(z) =
z
5
2
z
6
+z
5
+ 4
; f(z) =
z
4
+ 4
z
4
+ 3z
3
4 - Calcolare la trasformata di Fourier,

f(k) =
_

dx e
ikx
f(x), dove f(x) `e data da:
f(x) = exp
_
3x
2
_
; f(x) = exp
_

(x 1)
2
3
_
; f(x) = e
x
2
sin 4x ;
f(x) =
sin 4x
x
2
+ 1
; f(x) = exp
_
|x|
_
; f(x) = exp
_
|x + 5|
_
Se possibile, vericare che f(x) =
_

dk
2
e
ikx

f(k).
Suggerimento: Ricordate che potete completare il quadrato, nel senso che
_

dx e
Ax
2
+Bx
=
_

dx e
A(x
B
2A
)
2
e
B
2
4A
A questo punto, se A `e reale e positivo, mostrate che, C,
_

dx e
A(x+)
2
=
_

A
.
43
Simulazione del III esonero (16/03/2004)
1 - Calcolare lintegrale
I =
_
0

dx
x
4/5
x
2
3x + 2
2 - Calcolare lintegrale

f(k) =
_

dx e
ikx
x
2
cos 6x
x
4
+ 16
3 - Calcolare lintegrale

f(k) =
_

dx e
ikx
e
3(x1)
2
sin 2(x 1)
4 - Trovare una soluzione f(x, y) dellequazione di Laplace tale che, sulla circonferenza di
centro (1, 1) e raggio 1/2, si abbia f = 8x
3
12x
2
6x + 4.
5 - Calcolare il residuo allinnito di f(z) =
z
4
z
3
+9z
+ cos
1
z
3
.
6 - Sviluppare in serie di Fourier la funzione f() =
1
3+cos
2

nellintervallo .
7 - Sviluppare in serie di Fourier nellintervallo la funzione
f() =
_

+ 1 [, 0)
1 [0, )
44
1 Serie e trasformata di Fourier. 1
Il teorema di Fourier rappresenta non soltanto uno dei pi` u bei risultati dellanalisi moderna, ma
fornisce anche uno strumento indispensabile per lo studio di quasi tutti i principali problemi
della sica moderna.
W. Thomson e P. G. Tait, Philosophie Naturelle (1867).
(1) Sviluppare in serie trigonometrica di Fourier nellintervallo [, ] le funzioni
(a) f(x) =

1 per x (0, ]
1 per x [, 0)
(b) f(x) = |x|.
(2) Sviluppare in serie trigonometrica di Fourier nellintervallo [, ] la funzione
f(x) = e
x
.
Suggerimento: utilizzare la forma complessa della serie di Fourier.
(3) Utilizzare il risultato dellesercizio precedente per dimostrare che

n=1
(1)
n
1 + n
2
=
1
2


sinh
1

.
(4) Sviluppare in serie trigonometrica di Fourier nellintervallo [1, 1] la funzione
f(x) = x
2
,
ed utilizzare il risultato per dimostrare che

n=1
(1)
n+1
n
2
=

2
12
.
45
METODI MATEMATICI DELLA FISICA
III COMPITO DESONERO 22/03/04
A.A. 2003-04 Prof. A. DEGASPERIS
COMPITO A
ATTENZIONE:
scrivere su ciascun foglio il cognome ed indicare chiaramente linizio e la ne di ogni esercizio.
1. Calcolare lintegrale I =
_
+
0
dx
x
x
3
+1
..................................[ 6 ]
2. Calcolare, per ogni k reale, lintegrale di Fourier
F(k) =
_
+

dx
xexp(ikx)
(x
2
+1)
2
........................................................[ 6 ]
3. Calcolare il residuo in z
0
= della funzione
f(z) =
z
2
1+4z
2
sin(2/z) .......................... ...............................[ 5 ]
4. Calcolare la serie di Fourier g(x) =

n=1
(1)
n
2
n
sin(2nx) nellintervallo < x <
............................. .........................................[ 6 ]
5. Sia, nellintervallo < x < , 1/[4 + cos(x)] =

+
n=
c
n
exp(inx). Calcolare i
coecienti di Fourier c
n
per ogni intero n.....[ 6 ]
6. Se la funzione A(z) e analitica in z = 0 ed e dispari, A(z) = A(z), mostrare che
la funzione B(z) =

zA(

z) e analitica in z = 0........................................................
.......................[ 6 ]
IL NUMERO RIPORTATO ALLA FINE DI CIASCUN ESERCIZIO E IL VOTO MAS-
SIMO. IL VOTO TOTALE E LA SOMMA DEI 6 VOTI PARZIALI (con riserva di una
eventuale rinormalizzazione).
46
METODI MATEMATICI DELLA FISICA
III COMPITO DESONERO 22/03/04
A.A. 2003-04 Prof. A. DEGASPERIS
COMPITO B
ATTENZIONE:
scrivere su ciascun foglio il cognome ed indicare chiaramente linizio e la ne di ogni esercizio.
1. Calcolare lintegrale I =
_
+
0
dx
x
1/2
x
3
+1
..................................[ 6 ]
2. Calcolare, per ogni k reale, lintegrale di Fourier
F(k) =
_
+

dx
x
2
exp(ikx)
(4x
2
+1)
2
........................................................[ 6 ]
3. Calcolare il residuo in z
0
= della funzione
f(z) = (
4
z
+z) cosh(2z
2
) ...................... ...............................[ 5 ]
4. Calcolare la serie di Fourier g(x) =

+
n=
1
3
|n|
exp(inx) nellintervallo < x <
............................. .........................................[ 6 ]
5. Sia, nellintervallo < x < , 1/[3 sin(x)] =

+
n=
c
n
exp(inx). Calcolare i
coecienti di Fourier c
n
per ogni intero n.....[ 6 ]
6. Sia P(z) un polinomio della variabile z = x +iy e siano i polinomi a(x, y) = Re[P(z)]
e b(x, y) = Im[P(z)]. Mostrare che il polinomio q(x, y) = a(x, y)b(x, y) e armoni-
co......................[ 6 ]
IL NUMERO RIPORTATO ALLA FINE DI CIASCUN ESERCIZIO E IL VOTO MAS-
SIMO. IL VOTO TOTALE E LA SOMMA DEI 6 VOTI PARZIALI (con riserva di una
eventuale rinormalizzazione).
47
METODI MATEMATICI DELLA FISICA
III COMPITO DESONERO 22/03/04
A.A. 2003-04 Prof. A. DEGASPERIS
COMPITO C
ATTENZIONE:
scrivere su ciascun foglio il cognome ed indicare chiaramente linizio e la ne di ogni esercizio.
1. Calcolare lintegrale I =
_
+
0
dx
x
1/3
x
3
+1
..................................[ 6 ]
2. Calcolare, per ogni k reale, lintegrale di Fourier
F(k) =
_
+

dx
exp(ikx)
(x
2
+4)
2
..........................................................[ 6 ]
3. Calcolare il residuo in z
0
= della funzione
f(z) = (1 +z)
4
sin
2
(1/z
2
) .......................... .........................[ 5 ]
4. Calcolare la serie di Fourier g(x) =

n=0
1
n!
cos(nx) nellintervallo < x < .....[ 6 ]
5. Sia, nellintervallo < x < , sin(x)/[2 + cos(x)] =

+
n=
c
n
exp(inx). Calcolare i
coecienti di Fourier c
n
per ogni intero n.....[ 6 ]
6. Mostrare che la serie di Fourier A(x) =

=
n=0
(1/3
n
) cos(nx) converge uniformemente
nellintervallo < x < ............[ 6 ]
IL NUMERO RIPORTATO ALLA FINE DI CIASCUN ESERCIZIO E IL VOTO MAS-
SIMO. IL VOTO TOTALE E LA SOMMA DEI 6 VOTI PARZIALI (con riserva di una
eventuale rinormalizzazione).
48
SOLUZIONI III COMPITO DESONERO (22/03/2004)
Esercizio 1
A) I =
_

0
dx
x
x
3
+ 1
=

Res
_
z log z
1 +z
3
_
=

k
log z
k
3z
k
=
2
3

3
B) I =
_

0
dx
x
1/2
1 +x
3
= i

Res
_
z
1/2
1 +z
3
_
= i

k
z
1/2
k
3z
2
k
=

3
C) I =
_

0
dx
x
1/3
1 +x
3
=
2i
1 e
2i/3

Res
_
z
1/3
1 +z
3
_
=
e
2i/3
sin(/3)

k
z
1/3
k
3z
2
k
=
2
3

3
_
2 cos

9
1
_
dove z
k
=
_
e
i/3
, e
i
, e
5i/3
_
e la penultima uguaglianza `e ottenuta usando la formula di De
LHopital,
lim
zz
i
z z
i
1 +z
3
=
1
3z
2
i
Esercizio 2
Si deve calcolare un integrale tipo F(k) =
_

dxe
ikx
f(x).
A) Per k > 0 si chiude il cammino di integrazione nel semipiano superiore e
F
+
(k) = 2iRes
_
e
ikz
z
(z
2
+ 1)
2
_
z=i
= 2i lim
zi
d
dz
e
ikz
z(z i)
2
(z
2
+ 1)
2
=

2
ike
k
Dal momento che la funzione f(x) `e dispari, si ha F(k) = F(k) e quindi per k < 0 si ha
F

(k) = F
+
(k) =

2
ike
k
e inne, k R, F(k) =

2
ike
|k|
. Alternativamente, si pu`o calcolare F

(k) chiudendo il
cammino nel semipiano inferiore.
B) Come nel caso precedente per k > 0
F
+
(k) = 2iRes
_
e
ikz
z
2
(4z
2
+ 1)
2
_
z=i/2
= 2i lim
zi/2
d
dz
e
ikz
z
2
(z i/2)
2
(4z
2
+ 1)
2
=

32
(2 k)e
k/2
Stavolta la funzione f(x) `e pari, quindi F(k) = F(k) e per k < 0 si ha
F

(k) = F
+
(k) =

32
(2 +k)e
k/2
e inne, k R, F(k) =

32
(2 |k|)e
|k|/2
.
C) Come nel caso precedente per k > 0
F
+
(k) = 2iRes
_
e
ikz
1
(z
2
+ 4)
2
_
z=2i
= 2i lim
z2i
d
dz
e
ikz
(z 2i)
2
(z
2
+ 4)
2
=

16
(1 + 2k)e
2k
49
e F(k) = F(k) per cui F(k) =

16
(1 + 2|k|)e
2|k|
.
Esercizio 3
A) f
_
1
w
_
=
1
4 +w
2
sin 2w =
_
1
4

w
2
16
+o(w
4
)
_
[2w +o(w
3
)] =
w
2
+o(w
2
) Resf

=
1
2
B) f(z) =
_
4
z
+z
__
1 + 2z
4
+
2
3
z
8
+
_
=
4
z
+z + 8z
3
+ 2z
5
+ Resf

= 4
C) f(z) = (z
4
+ 4z
3
+ 6z
2
+ 4z + 1)
_
1
z
4

1
3z
8
+
_
= 1 +
4
z
+ Resf

= 4
Esercizio 4
A) g(x) = Im

n=1
_

1
2
_
n
e
2nxi
= Im
_
1
1 +
1
2
e
2xi
1
_
=
2 sin 2x
5 + 4 cos 2x
B) g(x) = 1 +

n=1
e
inx
3
n
+

n=1
e
inx
3
n
= 1 + 2Re

n=1
e
inx
3
n
= 1 + 2Re
_
1
1 e
ix
/3
1
_
=
4
5 3 cos x
C) g(x) = Re

n=0
(e
ix
)
n
n!
= Re e
e
ix
= e
cos x
cos sin x
Esercizio 5
A) Dalle formule per i coecienti di Fourier si ha
c
n
=
1
2
_

dx
e
inx
4 + cos x
=
1
i
_
dz
z
n
z
2
+ 8z + 1
dove lintegrale `e fatto sulla circonferenza di raggio 1. Per n 0 la funzione va a zero pi` u
velocemente di 1/z
2
allinnito quindi conviene sommare i residui esterni alla circonferenza.
Lunico polo esterno `e in z = 4

15 e
c
n
= 2Res
_
z
n
z
2
+ 8z + 1
_
4

15
=
(1)
n
(4 +

15)
n

15
Dal momento che la funzione `e pari si ha c
n
= c
n
e quindi per n < 0
c
n
=
(1)
n
(4 +

15)
n

15
=
(1)
n
(4

15)
n

15
B) Come nel caso precedente
c
n
=
1
2
_

dx
e
inx
3 sin x
=
1

_
dz
z
n
z
2
+ 6iz + 1
50
In questo caso la funzione non ha parit`a denita per cui bisogna considerare separatamente
n > 0 e n 0. Consideriamo prima il caso n 0: la funzione ha un solo polo interno alla
circonferenza di raggio 1 in z = (3 2

2)i e
c
n
= 2iRes
_
z
n
z
2
+ 6iz + 1
_
(32

2)i
=
1
i
n
(3 2

2)
n
2

2
Per n > 0 invece come nel caso precedente si considera il residuo esterno in z = (3 +2

2)i e
c
n
= 2iRes
_
z
n
z
2
+ 6iz + 1
_
(3+2

2)i
=
1
i
n
(3 + 2

2)
n
2

2
C) Come nel caso precedente
c
n
=
1
2
_

dx
sin x e
inx
2 + sin x
=
1
2
_
dz
(z
2
+ 1) z
n1
(z z
+
)(z z

)
con z

= 2

3. Si ottiene come nel caso precedente


c
n
=
_

_
iz
n
+
n 1
0 n = 0
iz
n
+
n 1
ovvero c
n
= i sgnn (

3 2)
|n|
.
Esercizio 6
A) A(z) =

n=0
a
n
z
2n+1
A(

z) =

n=0
a
n
z
n+1/2
B(z) =

zA(

z) =

n=0
a
n
z
n+1
,
e quindi `e analitica in z = 0 per denizione.
B) P(z) = a + ib P
2
(z) = a
2
b
2
+ 2iab ab = ImP
2
(z)/2 e quindi `e un polinomio
armonico.
C) |

n=0
(1/3
n
) cos(nx)|

n=0
|(1/3
n
) cos(nx)|

n=0
(1/3
n
) = 3/2. Il termine n-esimo
della serie `e stimato uniformemente dal termine n-esimo di una serie convergente, quindi la
serie converge uniformemente.
oppure si somma la serie A(x) = Re

n=0
_
e
ix
3
_
n
=
3(3cos x)
106 cos x
e poiche A(x) `e continua in
x e periodica, A(x + 2) = A(x), per il teorema di Fejer la serie di Fourier
converge uniformemente.
51
METODI MATEMATICI DELLA FISICA
COMPITO DESAME 29/03/04
A.A. 2003-04 Prof. A. DEGASPERIS
ATTENZIONE:
scrivere su ciascun foglio il cognome ed indicare chiaramente linizio e la ne di ogni esercizio.
1. Sia f(z) =

+
n=0
f
n
(z 1)
n
lo sviluppo in serie di Taylor della funzione f(z) = (2z
2

z 1)/(4z
2
4z 3) in z
0
= 1. Calcolare i coecienti f
n
ed il raggio di convergenza
R. ..................[ 5 ]
2. Trovare le 4 radici del polinomio P(z) = 9z
4
+ 4................[ 5 ]
3. Sia g(z) = (z
2
4)/[(z
2
+1)(z
2
+7z +10)], calcolare lintegrale G =
_
dzg(z) esteso alla
cinconferenza |z| = 3 orientata in senso antiorario . ..................................................
..................[ 5 ]
4. Sia A(z) = u(x, y) + iv(x, y) una funzione intera tale che A(0) = 0, e sia u(x, y) =
2xy sinh x sin y la sua parte reale. Calcolare la sua parte immaginaria v(x, y).
.........................................[ 5 ]
5. Calcolare lintegrale I =
_
+
0
dx1/[

x(3x
2
+ 10x + 3)] .........[ 5 ]
6. Sia |x| =

n=0
c
n
cos(nx)+

n=1
s
n
sin(nx) per x , calcolare i coecienti
di Fourier c
n
e s
n
..........................[ 5 ]
7. Sia P(z) un polinomio di grado N e sia F(z) = dlnP(z)/dz = dP(z)/dz/P(z).
Dimostrare che Res

F(z) = N...............[ 5 ]
IL NUMERO RIPORTATO ALLA FINE DI CIASCUN ESERCIZIO E IL VOTO MASSI-
MO. IL VOTO TOTALE E LA SOMMA DEI 7 VOTI PARZIALI .
GLI STUDENTI CHE VOGLIONO RECUPERARE UN ESONERO SCRITTO, I O II O
III E/O LA DOMANDA TEORICA, SI LIMITANO A SVOLGERE RISPETTIVAMENTE
GLI ESERCIZI O (1,2) O (3,4) O (5,6) E/O (7).
52
SOLUZIONI PROVA DESAME DEL 29/03/04
Esercizio 1: f(z) = (1 z)

n=0
2
n
(z 1)
n
; f
0
= 0, f
n
= 2
n1
per n 1; il raggio di
convergenza `e |z 1| < R = 1/2.
Esercizio 2: z
n
=
_
2
3
e
i

4
+
ni
2
, n = 0, 1, 2, 3.
Esercizio 3: G =
i
13
. Nota: la funzione g(z) ha tre poli allinterno della circonferenza e un
polo allesterno. Ricordando che

Resg(z) = 0 perche g(z) va a zero pi` u velocemente di


1/z allinnito, lintegrale si calcola facilmente usando il solo residuo esterno.
Esercizio 4: v(x, y) = x
2
+y
2
+ cosh x cos y 1; A(z) = iz
2
+i cosh z i.
Esercizio 5: I =

3
4
.
Esercizio 6: I coecienti s
n
sono nulli perche la funzione `e pari. Si ha c
0
= /2 e c
n
=
4
n
2
per n dispari, c
n
= 0 per n pari.
Esercizio 7: Si ha P(z) = C
0
z
N
_
1 +
C
1
z
+
C
2
z
2
+
_
. Quindi log P(z) = N log z + log C
0
+
log
_
1 +
C
1
z
+
C
2
z
2
+
_
e
d log P(z)
dz
=
N
z

(
C
1
z
2
+
2C
2
z
3
+ )
(1+
C
1
z
+
C
2
z
2
+ )
=
N
z
+ O
_
1
z
2
_
da cui segue che il
residuo allinnito di
d log P(z)
dz
`e N.
53