Sei sulla pagina 1di 20

ANNO V - Numero 3

AGOSTO 2009

Foto: F. Mele
2

Gustosi itinerari casalini


estate09 AGOSTO 2009

Al turista che arriva a Trinita-


poli per visitare il Parco Archeo-
logico o la zona umida consigliamo
un itinerario integrativo che po-
trebbe convincerlo a rimanere più
giorni nella nostra città. Nubi all’orizzonte.
Seguiteci un po’ senza pre-
giudizi e con l’intento di godervi,
ora dopo ora, una giornata piace-
volmente atipica.
Ore 8: colazione al Bar Mil-
lennium, vicino alla stazione fer-
roviaria, per gustare uno dei cornetti
meno surgelati della zona. Atten-
zione, alle 9,30 non trovate più

Foto: F. Mele
niente.
Ore 9,30: lettura dei quotidiani
al Bar la Cattedrale, affacciato
sulla storica piazzetta del Comune.
Francesco, b&b, il barman balle-
rino, e Berto vi serviranno un ot-
timo caffè o un espressino freddo.
(Giornali con caffè e sigarette anche
al Bar Sport).
Ore 10: gita al mare, in bici.
Lasciate la macchina perché il
parcheggio è al cardiopalma.
Ore 13,30: vi aspetta uno stu-
pendo piatto di involtini di me- Maria Liuzzi al lavoro nella sua bottega di frutta e verdura con il suo cappello al Peperoncino Rosso.
lanzane e il semifreddo al torron-
cino preparati dalla sig.ra Carmela mirare i grappoli dorati di uva Italia Ore 23: chiacchierata presso i per non rinunciare al piacere della
de Il nido dell’Airone. e gli ulivi scultorei della zona. Vi- circoli familiari in strada dei casa- cucina tipica da asporto.
Ore 15: ssshhh!!! Controra. sita alla Cantina Sociale per acqui- lini o presso la sezione di Rifonda- I giovani non hanno bisogno di
Dormire o leggere un romanzo. stare un rosso Casaltrinità. zione comunista e Sinistra e Libertà suggerimenti perché dopo una pizza
Non arrischiarsi a girare sotto il Ore 21: ristorante Il Cenacolo in corso Trinità per ascoltare dal dai fratelli Martiradonna (Zio Tom
sole. Se proprio non prendete per un delizioso piatto di spaghetti vivo i racconti di Gigino, di Venan- o Vittorio) è “in” trascorrere la
sonno, andare al Bar Gardenia per allo scoglio confezionati in un cigno zio o di Savino, detto raciupp. Di- nottata, con drink e musica live di
rinfrescarvi con una granita di li- di carta stagnola da Salvatore. vertimento assicurato, soprattutto sottofondo, al Butterfly Cafè.
mone “vero” o al Chiosco della Ore 22: gelatone multigusto al se si affronta l’argomento P.S. gli esclusi al prossimo nu-
pineta di Viale Libertà. Bar Lux su viale Vittorio Veneto. “bollette”. mero.
Ore 18: giro in bici per la Provare per ripetere più volte Per chi vuole stare in spiaggia
campagna trinitapolese per am- l’esperienza alla faccia della dieta. tutto il dì, rivolgersi al Pepe Nero, ANTONIETTA D’INTRONO

Buone vacanze a tutti


dalla Redazione
Anno V - Numero 3 - AGOSTO 2009 del Peperoncino Rosso.
Direttore Responsabile Fotografie
Nico Lorusso Autori vari

Il Peperoncino Rosso
Vice Direttore Impaginazione grafica
Antonietta D’Introno Mario di Bitonto

è on-line
Segretaria di Redazione Stampa
Veronica Tarantino Grafiche Del Negro
Editore Via Cairoli, 35 - Tel. 0883.631097

per leggerlo digitare


Centro di Lettura “GlobeGlotter” Trinitapoli Fg
delnegrolina@virgilio.it
Registrazione

www.globeglotter.it
Iscr. Reg. Periodici Trib. Foggia Direzione e Redazione
n. 414 del 31/03/2006 Via Staffa, 4 - Trinitapoli Fg
Tel. 0883.634071 - Cell. 340.1206412
Distributore volontario info@globeglotter.it
Gigino Monopoli

Il Peperoncino Rosso si trova nelle seguenti edicole:


• BAR SPORT Via Vittorio Veneto • BAR GABRIELLA Via Vittorio Veneto
EDICOLA CAPODIVENTO Corso Trinità • EDICOLA RAGNO Via Papa Giovanni XXIII
• EDICOLA CAMPAGNA FRANCESCO Via XX Settembre • EDICOLA GORGOGLIONE Via Vitt. Emanuele
Per i numeri arretrati rivolgersi a: Circolo MPS Corso Trinità
Centro di Lettura GLOBEGLOTTER Via Staffa
società 3

Vincenzo Monterisi: il Cavaliere


AGOSTO 2009

di contrada Chiavicella
Il sociologo Corrado Barberis Ce ne sono ben undici, di diverse
osserva e studia da mezzo secolo razze e dal mantello di diverso co-
il mondo rurale e, in occasione dei lore, tutti bellissimi ed anche molto
cinquant'anni dell'Insor (Istituto di miti, sicuramente perché ben addo-
sociologia rurale), ha pubblicato mesticati.
un libro intitolato ‘La rivincita delle Osservando come Vincenzo ac-
campagne’ (Donzelli), in cui rac- carezza, parla, dedica attenzione e
conta una storia nuova: la storia cura ai suoi cavalli –che permette
degli italiani che prima hanno ab- di far cavalcare ai suoi amici ma
bandonato le campagne, fuggendo senza mai prendere nulla in cambio-
la miseria e rincorrendo i miraggi è impossibile non pensare al dia-
industriali, e che oggi, invece, sono logo tra il Piccolo Principe e la
protagonisti di un controesodo, con- volpe quando quest’ultima dice:
seguenza forse più che di una pre- “Tu per me, fino ad ora, non sei
cisa scelta di vita, della disintegra- che un ragazzino uguale a centomi-
zione delle città che invadono, in la ragazzini, e non ho bisogno di
maniera spesso scomposta, il terri- te. E neppure tu hai bisogno di me.
torio circostante. Io non sono per te che una volpe
Questa nuova forma di vita rurale, uguale a centomila volpi. Ma se tu
detta anche ‘riruralizzazione’ -che mi addomestichi, noi avremo biso-
nasce spesso dal desiderio di fuggire gno l’uno dell’altra. Tu sarai per
dallo stress quotidiano e dai rumori, me unico al mondo e io sarò per te
dal bisogno di riscoprire ritmi di vita unica al mondo”.
più idonei al proprio equilibrio e dalla Ed è proprio questo rapporto di
ricerca di un’alimentazione più sana- unicità che Vincenzo Monterisi ha
è però molto distante dalla vera vita instaurato con i suoi cavalli. Dalle
di campagna, di cui, fortunatamente, sue parole vengono fuori gli inse-
qui a Trinitapoli c’è ancora qualche gnamenti di una vita di lavoro, fatta
esempio. di sacrifici, di soddisfazioni deri-
Come quello di Vincenzo Mon- vanti dall’amore per gli animali.
terisi, un uomo dal volto segnato Vincenzo ha anche sottolineato
dal sole e dal vento, con le mani quanto sia importante il rapporto
‘sporche ‘ di terra. che l’uomo instaura con il cavallo:
Testimonianze, queste, di quan- “è il padrone che da il carattere al
to sia dura la vita in campagna: ci cavallo, addomesticandolo”, ha in-
si alza presto al mattino, si lavora fatti affermato.
sotto il sole e la pioggia, si dedica Belli anche i carri, alcuni dei
molto più tempo agli animali che quali decorati e colorati, che molto
a se stessi. spesso Vincenzo mette a disposi-
Vincenzo vive con la sua fami- zione, insieme ai cavalli, per rap-
glia appena fuori Trinitapoli, sulla presentazioni o sfilate.
strada verso Foggia, in località Ma la vera sorpresa è stato var-
Chiavicella. care la soglia di una stanza che
Un giorno della scorsa settima- sembra un vero e proprio museo,
na, con l’ospitalità tipica delle per- con attrezzi del mestiere, selle di
sone umili, ci ha aperto i cancelli ogni tipo (alcune con ricchi orna-
della sua campagna, facendoci en- menti), sottopancia, staffe e briglie
trare nella sua casa, nella sua terra, di ogni tipo.
nella sua vita. Un luogo che mantiene viva la
In un’abitazione circondata da memoria delle tradizioni e della
tanto spazio aperto, con rimesse, vita di altri tempi.
recinti ed una stalla per i cavalli. DANILA PARADISO

Durante l’estate, si sa, si registra un numero crescente di abban-


doni. A farne le spese sono gli amici a quattro zampe che, molto
spesso, diventano un ‘peso’ per i padroni pronti a partire per le
vacanze.
Ma se qualcuno si dimentica degli animali ci sarà sicuramente
qualcun altro che è disposto a prendersi cura di loro. Ed è per
questo che dedichiamo spazio ad un cane, di circa un anno, di
piccola taglia e meticcio.
Ha il pelo di colore nero con delle striature chiare sulle zampette
ed è molto vispo.
Chi fosse interessato ad adottarlo può rivolgersi al Centro di
Lettura GlobeGlotter.

Un pensiero affettuoso al randagio Birba, cane


bianco pezzato marrone, curato e amato da
molti cittadini e studenti trinitapolesi. Una
bestia uomo lo ha di recente avvelenato. Lo
hanno trovato sotto il ponte della stazione.
4 incomune

Riflessioni a margine di
AGOSTO 2009

un Consiglio Comunale
I have a dream, ho un sogno, è di essere nell’elenco nazionale dei zione, inoltre, si fa riferimento ad gli esponenti di qualsiasi forma-
la frase ormai famosa pronunciata comuni furbi che utilizzano le mul- “un gestore operativo”, un soggetto zione politica avrebbero dovuto
in uno degli ultimi discorsi in pub- te non per combattere unicamente terzo, di cui non si conoscono né i avere un unico interesse: il rispetto
blico di Martin Luther King. Anche l’abuso delle infrazioni al codice requisiti di idoneità morale e né di delle regole e dei cittadini. Le beghe
noi nel nostro piccolo, abbiamo un della strada bensì per “fare cassa”. affidabilità tecnico-economica e e gli odi personali attengono a
grande sogno, dopo tanti anni di Questo non è un mero appunto po- professionale. comportamenti isterici che fanno
attività politica, consumati sui ban- lemico di un gruppo di opposizione. La terza battaglia è stata ed è apparire assessori e consiglieri
chi sia del governo che È quanto è stato scritto in documenti
dell’opposizione. Desideriamo che ufficiali (pag. 21 della relazione al
il nostro comune venga annoverato bilancio preventivo). Il gruppo de Consiglio Comunale
del 21/07/09
tra i Comuni virtuosi, cioè tra i “L’Alternativa” sulla convenzione
comuni che si distinguono in Italia con l’ACI, ha fatto una triplice bat-
non solo per l’efficienza dei servizi taglia: la prima di merito, sollecitato
e per il rispetto di tutte le leggi dello da un largo numero di cittadini. La Il Consiglio Comunale del 21/07/09 è stato convocato su richiesta
stato, ma anche per i progetti inno- soluzione ACI è stata presa senza di 7 consiglieri (D’Introno, Tarantino, Miccoli, Di Benedetto, Elia,
vativi che contribuiscono a miglio- che agli atti ci fosse una discussione Izzillo e Lamacchia P.) in seguito alla notifica del parere espresso
rare la qualità della vita di tutti i di proposte alternative o studi dall’Antitrust che ha ritenuto illegittima la convenzione con l’ACI,
cittadini. Qualche anno fa si diffuse sull’andamento delle multe, sulla approvata nel Novembre 2008. Il contratto non è stato ancora
una pubblicazione della EMI edi- tipologia delle infrazioni, su aspetti firmato perché come dice il sindaco “la prudenza è di rigore” mentre
zione, dal titolo “In comune” che che riguardassero l’organizzazione come afferma il segretario comunale “l’ACI non chiama il Comune”.
conteneva molte esperienze sempli- del servizio, l’aggiornamento pro- Il Consiglio Comunale ha bocciato la proposta di annullamento
ci ed efficaci che facevano rispar- fessionale degli operatori del traffi- della convenzione con 11 voti espressi dai consiglieri di Gennaro,
miare denaro pubblico e nel con- co e l’assunzione di nuovo persona- Samarelli, Vitale, Giannattasio, Aquilino, Brandi, Lamacchia
tempo diffondevano concetti del le. Né tantomeno c’è stato un Saverio, Marcellino, Di Feo, Montuori e Buonarota. Hanno votato,
tipo “risparmio energetico”, quadro economico di costi e bene- invece, a favore dell’annullamento i consiglieri: D’Introno, Miccoli,
“prevenzione della salute”, fici con tavole comparative che con- Tarantino, Elia, Izzillo, Lamacchia Pasquale, Di Benedetto e
“solidarietà” “rispetto delle sentissero ai consiglieri di poter fare Triglione. Assenti: Ragno e Tedesco.
diversità”. Cito solo un progetto una scelta consapevole. Gli unici
del comune di Colorno che in se- grafici che esistono agli atti (su quella di contrastare una modalità bambini dispettosi. Ogni scelta po-
guito, ha avuto una visibilità nazio- tipologia di infrazioni e localizza- di far politica basata sulla crimina- litica deve essere una pietra miliare
nale al punto che è arrivato per zione delle stesse) sono stati richiesti lizzazione del dissenso. Non si di- nel difficile percorso della civiltà
qualche mese anche a Trinitapoli. dal gruppo “L’Alternativa” e rice- mentichi che l’interesse maggiore e della democrazia. Il gruppo
Mi riferisco a “Piedibus”, studenti vuti con grande difficoltà, solo di della maggioranza di governo del “L’Alternativa” con i consiglieri
in cammino verso la scuola accom- recente. La seconda battaglia è sul nostro paese è stato quello di avere Di Benedetto, Izzillo, Elia, Lamac-
pagnati a turno dai genitori. Ora rispetto delle leggi e regolamenti i nomi di coloro che hanno chia P. e Triglione hanno votato a
esiste una associazione nazionale comunali. Il servizio doveva essere “segnalato” la delibera all’Antitrust favore dell’annullamento della de-
dei comuni virtuosi con uno statuto affidato tramite gara pubblica, es- e non di discutere del merito. Per- libera n.38 del 29/11/2008 per evi-
ed una serie di idee progettuali che sendo l’ACI un ente senza scopo di sonalmente ho avuto in passato tare che il Comune e chi per lui
si va arricchendo di anno in anno. lucro che, però, offrendo beni e grandi dissensi con parte del gruppo rischi, al termine del contenzioso
È questo il grande sogno: abitare servizi, svolge un’attività economi- PD ed in particolare con l’ex sinda- in atto,Foto:
ulteriori danni.
Francesco Mele
in un comune “virtuoso” ed evitare ca a tutti gli effetti. Nella conven- co DS di Trinitapoli. In questa fase, ANTONIETTA D’INTRONO

È guerra
nel PD
Partecipazione, democrazia, democrazia?). È l’esercito
opinioni a confronto sono concetti dei nuovi politici “colti”
astrusi per coloro che si preparano, che avanza.
senza esclusione di colpi bassi, a Mercoledì 5 agosto,
dirigere il partito democratico. Gli alle ore 20, in corso
ex Margherita e gli ex DS sono ormai Trinità a Trinitapoli, ci
arrivati al “mors tua vita mea”. I sarà l’autoconvocazione
democratici dell’ultima ora, un tal dei 166 iscritti esclusi dal
Donato Piccinino, ex Udeur, insieme PD. Saranno in piazza i
a tanti altri ex strateghi di annata, si consiglieri comunali
sono domandati: perché perdere (“non allineati” con gli
tempo a discutere? Eliminiamo di- attuali padroni delle tes-
rettamente gli infedeli, quelli che sere): S. Elia, R. Izzillo,
hanno ancora un po’ di rogna co- P. Lamacchia ed inoltre
munista. Detto fatto. l’ex sindaco A. Bariscia-
I 166 iscritti al PD online, cioè no.
gli ex DS della sezione di corso
Trinità, sono stati cancellati per in-
Gli autentici democratici di ogni
schieramento devono stigmatizzare Anni ’60.
canto ed ora i margheritini corrono questi metodi di lotta politica che Corteo unitario dei braccianti
contro lo strapotere dei padroni
felici verso una assemblea congres- portano alla morte dei partiti come
suale dove si sfoglieranno margherite istituzioni democratiche. Che classe
e si inneggerà ad una strana parola
che finisce con la zia (mah, forse
dirigente verrà fuori da questo mer-
cato delle tessere? appoggiati dai fascisti dello MSI.
AGOSTO 2009 incomune 5

Sul Premio Riceviamo e volentieri


Cavalieri di Malta pubblichiamo un
articolo della
Non ci è stato consentito di esprimere opinioni e proposte in
nessuna commissione consiliare sia in relazione al piano finanziario
che al programma di attività del Premio Cavalieri di Malta (e redazione di
Batcomunica
della Notte Bianca degli Ipogei), evento a pagamento per 968
cittadini di Trinitapoli e gratuito per 300 autorità, oltre che per
un altro numero non precisato di posti laterali riservati a stampa
& varia. “Continua ad arricchirsi di particolari la vicenda legata al “Premio
Poiché rimarranno fuori i giovani fans del gruppo musicale Cavalieri di Malta” a Trinitapoli. Dopo le tante proteste giunte alla
in cartellone, chiediamo alle autorità in indirizzo di contribuire nostra redazione, abbiamo deciso di dar voce ai cittadini scontenti
economicamente a posizionare un maxi schermo in Viale Vittorio attraverso dei comunicati che sono stati inviati a tutte le autorità
Veneto per permettere ai ragazzi di seguire gratuitamente lo pugliesi e nazionali, oltre che alle redazioni dei giornali più autorevoli.
spettacolo musicale. Allo stesso tempo abbiamo pubblicato sui social network la nostra
Lo scorso anno, ci hanno riferito i giovani, lo schermo sistemato iniziativa, compresa la pagina che il Comune di Trinitapoli ha acquisito
all’ingresso della Villa di Via Papa Giovanni XXIII non aveva e condiviso con una parte dei cittadini e dei giovani su Facebook
l’audio per non disturbare, giustamente, con interferenze la (http://www.facebook.com/home.php#/pages/Trinitapoli/76279290168?ref=ts).
manifestazione. E’ necessario adottare questa soluzione per i Siamo rimasti sorpresi e a dir poco sconcertati da un commento
meno abbienti perché ci imbarazza quel 24% di gratuità in una sulla home page alla nostra protesta, firmato proprio da Trinitapoli,
manifestazione che, tra l’altro, premia associazioni benefiche. gestore del blog che ha come sito di riferimento il sito web ufficiale
Non ci è dato sapere, inoltre, se tutto o in parte l’incasso della del comune. “Ricordatevi che solo chi opera sbaglia. Sempre meglio
serata (20.900 euro meno quota riservata alla SIAE) sia finalizzato sbagliare che non operare. Non credete?”, è firmato così il post sotto
alla beneficenza. Non si evince, infatti, da nessuna delle delibere la nostra protesta. Una ammissione di colpa da parte di chi è
sull’oggetto ( G. C. n. 128 del 22/10/2008, G.C. n. 65 del all’interno della macchina organizzativa che per noi è sconcertante.
17/06/2009, G.C. n. 73 del 16/07/2009). Non trattandosi della prima edizione dell’evento, ci chiediamo come
Chiediamo l’autorizzazione a collocare il maxi schermo a spese si possa con tanta leggerezza ammettere di aver sbagliato dopo
del comune su Viale Vittorio Veneto. Nel caso non siano previsti avere utilizzato dei fondi pubblici. Poi ci chiediamo, altresì, se è
fondi per tale decisione, vi informiamo che i proponenti lo faranno possibile che si sbagli per tre anni consecutivi: errare è umano, ma
a spese proprie. Questa missiva vale anche come richiesta formale perseverare è diabolico… Ci chiediamo, inoltre, chi paga per questi
di autorizzazione. Si sollecita riscontro immediato per avere la sbagli? I cittadini? E a chi dovrà riferire il comune per porre rimedio
possibilità, in caso di diniego, di organizzare “l’evento giovani”. a tale valutazione sbagliata? Sono queste le domande che non
trovano risposta e che da giorni vengono ignorate. Nel ringraziarla
per l’attenzione prestata, Le auguriamo un buon lavoro e le rinno-
Trinitapoli 23/07/2009 viamo i nostri più cordiali saluti”.
Annamaria Tarantino, Luca Miccoli,
Giacinto di Benedetto, Pasquale Lamacchia, Silvestro Elia,
Rosanna Izzillo, Antonietta D’Introno

Il Montanaro pensiero
Consigliera, la domanda
scritta please!
Non abbiamo ricevuto nessuna risposta alla lettera stampata in
alto. Ci è stato detto a voce dall’Assessore Aquilino che si era
provveduto e che non toccava a noi decidere dove andava posizio-
nato il maxi schermo.
Ci è anche stato rimproverato aspramente che non si potevano
contare i posti perché andava presentata, per questa operazione,
una “domanda scritta”.
In parole povere: un consigliere comunale, per avere informa-
zioni dettagliate sul numero, sui costi, sulla posizione dei posti e

“Dentro sono
sulle gratuità di uno spettacolo pubblico, pagato dal Comune,
dovrebbe protocollare una domanda e sottoporla al vaglio
dell’eccellentissima dott.ssa Mariella Montanaro! Purtroppo, non
è una barzelletta.

tutti rossi”, parola


Da tempo insistiamo che ci vogliono più corsi di aggiornamento
per il personale del comune che considera i cittadini, i consiglieri
e gli stessi colleghi impiegati sudditi di sua maestà.
È il caso di dire che “una risata seppellirà” tutti questi vezzi

di Sisto detto Picietto


di grandezza.
Una piccola curiosità: la pianta dei teatri e degli spazi teatrali
è riportata sui siti dei comuni dov’è possibile prenotare on-line.
6 incomune AGOSTO 2009

Il vigliacco muore più volte al giorno, il coraggioso muore una volta sola. (Giovanni Falcone)

Pietà per i poveri cristi


All’inizio di luglio è stato mi ripugna; in secondo luogo Il vile autore non ha gradito una Anna Maria Tarantino.
diffuso in vari locali pubblici, bar, perché ritengo che i bari non nota della consigliera comunale Insomma una mistura micidiale
tabaccherie e giornalai, traendo in possano partecipare alla vita Anna Maria Tarantino apparsa nella di arroganza, presunzione,
inganno gli esercenti, un volantino politica e sociale. A nessun tavolo scorsa puntata in cui si denunciava vigliaccheria, invidia e ipocrisia,
privo delle indicazioni richieste da gioco, anche nel violento far il trasformismo di alcuni uomini che superato l’iniziale moto di
dalla legge per risalire all’autore. west, si ammette chi adopera dell’UDC, Capodivento e di Feo, sdegno, induce ad una grave pietà
Non è ritenuta, infatti, trucchi e carte truccate. ampiamente manifestatosi ancora per l’anonimo povero cristo.
indicazione sufficiente la semplice Da sempre e in tutte le società una volta in Consiglio Comunale Agli esercenti di bar,
indicazione in calce “il direttivo i bari vengono disprezzati e e durante la campagna elettorale. tabaccherie, edicole, un consiglio:
sezionale Unione di Centro”. scacciati. Ciò deve valere anche in Una nota di normale polemica quando verrà con il solito pacco
Ho, quindi, esposto denuncia politica. politica che all’esaltato autore è delle lettere anonime non
all’autorità giudiziaria per il reato I cittadini hanno il diritto di apparsa talmente insopportabile cacciatelo, trattenetelo con le buone
di stampa clandestina contro gli partecipare e di assistere ad una che, nascondendosi vigliaccamente e chiamate il 118. Per la sua salute
anonimi autori perché fossero competizione trasparente di cui si dietro l’anonimato, e mentale.
individuati e puniti come per legge. conoscano, in primo luogo, i volti nell’impossibilità di contestare fatti
Perché l’ho fatto? dei protagonisti. incontrovertibili è trasceso in ARCANGELO
In primo luogo perché la Ma perché lo scudo attacchi volgari alla vita privata e SANNICANDRO
vigliaccheria è un sentimento che dell’anonimato? professionale della Consigliera

Ripubblichiamo l’articolo che ha suscitato l’isterismo dell’anonimo diffamatore. Chi vuole, può controllare dai
resoconti stenografici dei Consigli Comunali che quanto riferito dalla consigliera Tarantino risponde a verità.

Va’ dove ti porta …la poltrona


All’ultimo consiglio comunale ab- Al potere per il potere fine a se stes- tre tre persone: vicepresidenza del Gal degli assessori, senza delegare alcuna
biamo salutato l’ingresso di un nuovo so. a Maria Montuori, delega all’agricoltura attività, serve esclusivamente a riequili-
consigliere eletto nella lista di opposi- Come nell’ultima campagna eletto- a Geremia Buonarota e delega all’attività brare la distribuzione delle poltrone e
zione della Casa delle Libertà, trasmi- rale. Il figlio del nostro vicesindaco viene produttive a Piero Samarelli. non a riorganizzare i servizi per ottenere
grato di recente nelle fila dell’Unione eletto consigliere provinciale, con una Tre al posto di uno, una trovata ge- economie di scala.
di Centro. lunga serie di comizi (padre e figlio niale per accontentare tutti! Negli ultimi cinque anni abbiamo
Quindi ci è apparso naturale toglierci insieme sui palchi) in cui hanno criticato L’ultimo atto incredibile e parados- percepito oltre € 700.000,00 di contributi
ogni dubbio ed al nuovo consigliere aspramente l’amministrazione comunale. sale è stato consumato in consiglio co- dello stato per il suo funzionamento,
comunale Ruggiero Capodivento, per Il giorno dopo l’elezione del figlio, il munale il 15 giugno scorso con tutta la denaro con il quale si è finanziata una
quanto transitorio, abbiamo chiesto una vicesindaco, con totale nonchalance, nostra veemente disapprovazione: un scatola vuota. Con il nuovo statuto avre-
dichiarazione di appartenenza alla rinnova la piena fiducia al sindaco e alla aumento del numero degli assessori mo, così, 9 assessori da dividersi tra
maggioranza o all’opposizione. giunta approvando il bilancio di previ- nell’unione dei comuni Tavoliere Meri- Trinitapoli, Margherita di Savoia, che
La sua risposta ha superato ogni sione e il consuntivo. dionale. ha ritirato l’unica delega esistente (la
nostra ragionevole aspettativa. In verità ci saremo aspettati una Una unione di due comuni Trinita- Polizia Municipale) e San Ferdinando
In sintesi ci è stato comunicato, giusta e indignata reazione da parte del poli e Margherita di Savoia che non ha di Puglia che non ha ancora aderito.
guardandoci dritto negli occhi e con un sindaco di Gennaro. Invece? Niente di funzioni o servizi delegati, eccetto quello E il risparmio e la maggiore efficien-
sorriso beffardo, che non eravamo ti- niente! Quisquiglie se i partner di giunta della polizia municipale che Margherita za nei servizi che fine hanno fatto?
Foto
tolati Francesco
a conoscere Mele
la sua collocazione parlano male in pubblico di Savoia ha revocato da tempo, Tutto serve per la sopravvivenza
in consiglio comunale per la motiva- dell’amministrazione e del sindaco in all’interno della quale già gli assessori della attuale casta politica. E il caso di
zione autorevole che lui è stato eletto particolare. È più importante concentrare presenti non hanno nulla da fare. Appare dire: va’ dove ti porta …la poltrona.
dal popolo e basta. Di più non ha ritenuto il potere, richiamando nuove forze, ma- chiaro quindi che aumentare il numero ANNA MARIA TARANTINO
di dover spiegare. gari distri-
Non possiamo dargli torto. Abbiamo buendo inca-
chiaramente compreso con tutti i recenti richi e
trasformismi dei consiglieri comunali moltiplican-
che essere eletto in una lista di destra o doli e spez-
di sinistra non è determinante. Di sicuro, zettandoli fra
comunque, non è più un problema di vari consi-
coerenza. glieri. Come è
Ma il carro dei vincitori ha delle successo con
sirene dal canto così irresistibile… che l’assessorato
è bastata la richiesta di sospensione di della sig.ra
10 minuti del consiglio comunale da Rosanna Iz-
parte del sindaco per una riunione della zillo (dimes-
maggioranza per far svanire tutti i dubbi: s a s i
il consigliere Capodivento, come un dall’incarico
fulmine, ha raggiunto per primo la stanza di assessore
dell’incontro! con nemmeno
Insomma assistiamo ogni giorno a una nota di
migrazioni da una coalizione all’altra ringraziamen-
che alterano i risultati di elezioni de- to) diventato
mocratiche. buono per al-

Museo del Louvre, Georges


de La Tour (1593-1652):
Foto: F. Mele

Il Baro.
AGOSTO 2009 notizieinbreve 7

IN BREVE
Meno male che ci sono
i Consiglieri dell’Alternativa
E meno male che ci stanno i consiglieri di opposizione. È la
riflessione ad alta voce di alcuni genitori mentre i loro bambini
si divertivano alle giostre dietro la villa comunale e loro si
rifocillavano con un panino di Mac Thomas con il furgone-
rosticceria parcheggiato nei pressi.
Dove si sarebbero sistemate le giostre e, aggiungiamo noi,
dove si sarebbero svolti le cerimonie e gli spettacoli del Premio
Cavalieri di Malta se l’ineffabile Sindaco e i suoi consiglieri
avessero assecondato la richiesta di Don Gabriele, che voleva
costruire una seconda chiesa nella Villa Comunale e un centro
benessere nell’area a verde della retrostante lottizzazione?

Colta al volo al mercato


Un forestiero ad un casalino: “Giovanò” che amministrazione
c’è in questo paese?” Il casalino: “nu’ misch, come quando
la domenica compri le nocelline!”

I cittadini pagano
per essere disinformati Il GlobeGlotter vi augura,
per quest’estate, buona lettura
Non bastava il giornalista Gaetano Samele a disinformare con
soldi pubblici i trinitapolesi i quali, se non ci fosse il Peperoncino
rosso, dell’attività comunale conoscerebbero soltanto gli aspetti con Madame Bovary
ricreativi e festaioli. Ora si è aggiunto anche un altro giornale, di Gustave Flaubert, il romanzo che
sia cartaceo che on-line, il Corriere dell’Ofanto che riceve
dall’Unione dei Comuni (leggere = Trinitapoli) 7.000 euro. il nostro reading club
Ovviamente sono contributi concessi senza gara, perché l’editore sta leggendo per l’incontro
è un’associazione benefica, senza scopo di lucro. Idem come
sopra: solo applausi all’amministrazione di Gennaro con una di fine settembre.
particolare preferenza: l’Assessore Giustino Tedesco. Il 3 ottobre, dopo ben 153 anni,
Flaubert e la sua storia verranno ri-processati
in un vero Tribunale,
Il sottoscala del sindaco con Magistrato,
“Siamo al sottoscala della politica”, ha affermato il sindaco P.M. e Avvocato Difensore.
Di Gennaro dopo essere stato “costretto” da sette consiglieri
a discutere nel mese di luglio di Autovelox, soste a pagamento
Si cercano lettori-testimoni
e gare pubbliche. per l’accusa
L’immagine scelta dal primo cittadino per umiliare i consiglieri e per la difesa.
è in linea sia con l’ubicazione della sede PD (ex Margherita)
in un sottoscala di Corso Trinità che con le rumorosissime Chi era Emma Bovary?
sceneggiate pubbliche, da marciapiede, di recente scoppiate È consigliabile leggere ancora
sul tesseramento del partito democratico.
È vero che, come afferma un famoso glottodidatta, le migliori un simil romanzo?
metafore nascono osservando attentamente la realtà circostante. Questa storia, nonostante
Nel caso del sindaco “il sottoscala della politica” viene fuori
con naturalezza dalla sede del proprio partito “underground” il secolo trascorso,
e dalle parolacce da trivio dei “gentlemen” che occupano il offende ancora la morale pubblica?
sottoscala di Corso Trinità.
P.S. A proposito, tutti cattolici osservanti.
Se vuoi esprimere la tua opinione,
scrivici a: libriamo.trinitapoli@libero.it
Carestia post premio
Molti cittadini hanno lamentato oltre che l’abbondanza di
E ricordate che
immondizia per le strade anche la mancanza di comodi volantini “trovare il tempo per leggere,
che riportano il programma delle manifestazioni e degli è un grave problema.
spettacoli estivi con date e orari. Facciamo una colletta?
Che non esiste.”(D. Pennac)
8 storiediemigranti

Un casalino DOC della Lega Nord


AGOSTO 2009

Non condivido del suo paese? Per questi motivi ho assunto un stinare quelle risorse per migliorare
neanche una parola Vengo quattro o cinque volte ruolo attivo all’interno del partito, la viabilità, curare lo spazio pub-
di quanto affermi all’anno. Le mie radici sono queste, diventando capogruppo della Lega blico, il verde.
e non le lascio. Qui ho gli altri fra- Nord di Bollate e segretario di Bol- Cosa ne pensa dell’ultima pro-
ma mi batterò affinché telli, i nipoti. late e Baranzate. posta della Lega Nord, secondo
tu lo possa dire. Noto però che il paese è peggiorato Cosa pensa del Movimento per il cui nella selezione degli insegnanti
Voltaire dal punto di vista sociale, non ci Sud? le scuole dovranno tenere pre-
sono regole, non c’è assolutamente Penso che questo movimento stia sente non solo i titoli di studio ma
senso civico. E poi non c’è rispetto cercando di copiare quello che fa anche la conoscenza di dialetto,
verso i turisti, ad esempio al mercato la Lega al Nord. Però l’errore è che storia e tradizioni regionali, che
Volto abbronzato, al polso non ci sono i prezzi sulla merce in qui si resta ancorati sta facendo molto discutere in
un braccialetto verde della Lega vendita. all’assistenzialismo. Noi della Lega questi giorni?
Nord, forte accento milanese. In questo modo allontaniamo i vi- crediamo, invece, che questo debba Credo sia una iniziativa utile per
È Francesco Matera, sitatori e non aiutiamo il territorio finire. salvaguardare le tradizioni dei
classe’46, originario di Trinita- a crescere. Ha mai pensato di tornare qui a luoghi. Ed è anche giusto che quelli
poli ed emigrato al nord negli Come è nato il suo rapporto con Trinitapoli, di mettersi in politica nel nord vogliano i professori del
anni ’60 per motivi di lavoro.
Dopo aver vissuto per circa ven-
ticinque anni a Milano, nel 1985
si trasferisce a Bollate.
Si interessa alla politica dal
’92 ed attualmente è capogruppo
della Lega Nord di Bollate e se-
gretario, sempre della Lega
Nord, di Bollate e Baranzate.
Lo abbiamo incontrato per
un’intervista presso la sede del
Centro di Lettura GlobeGlotter.

Ci parli della sua vita, quando e


perché ha deciso di emigrare?
Ho lasciato Trinitapoli, la mia città
nativa, per trasferirmi a Milano il
26 agosto del 1960, come molti, per
motivi di lavoro. Infatti, preceden-
temente, anche un mio fratello ed
una mia sorella erano andati a Mi-
lano, mentre i miei genitori e gli
altri tre fratelli,in tutto siamo sei
figli, sono rimasti a Trinitapoli.
Come si è inserito nel mondo la-
vorativo milanese?
Mi sono trovato benissimo. Ho la-
vorato prima come dipendente e poi
mi sono messo in proprio nel settore
delle autoriparazioni. Ho continuato
a lavorare fino al 1995.
Dal punto di vista sociale, invece,
cosa ha significato vivere in una
città come Milano?
Credo di essermi inserito abbastanza
bene. Nel ’70 mi sono sposato con
una calabrese e mi sono sempre
dedicato a tanti interessi: ho fatto
l’arbitro di calcio per 15 anni e per
ben 27 anni ho fatto parte dell’Aias
(associazione italiana assistenza
spastici), anche perché ho un figlio Francesco Matera durante l’intervista nella Sala delle Arti della GlobeGlotter.
disabile. Poi ho costituito un con-
sorzio di autoriparatori ed ho anche
collaborato con diverse riviste, tra la politica? nel suo paese di origine? nord.
cui ‘Il Carrozziere’ ed un inserto Non avevo mai fatto politica prima, Ho pensato più volte di tornare e Cosa farebbe la Lega Nord al
de ‘La Gazzetta di Parma’. finchè nel ’92 a Bollate, per caso, anche di mettermi in politica, ma sud?
Che legame ha con Trinitapoli? ho ascoltato i discorsi di Bossi e Trinitapoli è un paese difficile da Prima di tutto cercherebbe di riva-
Mi interesso alla vita di Trinitapoli. della Lega. Parlavano del Federali- governare, anche perché non c’è lorizzare i prodotti tipici pugliesi,
Pur stando lontano sono attento ai smo e questa cosa mi ha incuriosito. mai stata un’alternanza. Qui se qual- che sono i migliori in Europa; poi
problemi della città. Questo perché Mi sono piaciute le idee, le persone cuno vuole esprimere il proprio garantirebbe il controllo del territo-
amo il mio paese, amo la Puglia e della Lega che volevano cambiare pensiero viene subito attaccato. rio, che qui non esiste. Infine valo-
ne sono orgoglioso. Vorrei che mi- le regole. Condivido con loro l’idea E poi servirebbe più ordine, più rizzerebbe il mare ed il turismo,
gliorassero le condizioni di vita di di lasciare sul territorio più risorse pulizia. Le strade, soprattutto in cercando di migliorare
questa regione e di questa popola- per avere più servizi. Ammiro il periferia, sono sporche. l’accoglienza.
zione, che, purtroppo, trovo non comportamento del sindaco di Tre- E, come sempre accade al sud, an- Fondamentale poi sarebbe fare im-
siano molto cambiate rispetto a cin- viso, che è riuscito a risollevare la che a Trinitapoli si bada più presa insieme, creare sinergie, con-
quanta anni fa. città, assicurando l’ordine, la puli- all’esteriorità: si spendono soldi sorziarsi. E qui questo modo di fare
Quante volte viene a Trinitapoli zia, e facendo integrare gli immi- inutilmente per sostenere certe ini- non è molto diffuso.
durante l’anno e cosa le sembra grati. ziative mentre sarebbe meglio de- DANILA PARADISO
matrimoni 9

Più rispetto per i matrimoni civili


AGOSTO 2009

15.6.2009 – Riunione del Con- in quanto cattolici non potevano gestite dai comuni per conto dello trimonio proprio dello Stato italia-
siglio Comunale tollerare che altro tipo di matrimo- stato. Costoro, insomma, ignorano no. È dovere del sindaco, pertanto,
Si discute del “Regolamento nio fosse dignitosamente celebrato perché i sindaci indossano la fascia celebrare con la massima solennità
per l’uso dell’auditorium e comunque era inammissibile che tricolore. Costoro ignorano che il il matrimonio civile così come un
dell’Assunta”. si potesse consentire un matrimonio matrimonio celebrato in Chiesa, sacerdote si comporta con il matri-
Intervengono, come al solito, i laddove in passato si celebrava la cosiddetto matrimonio concordata- monio religioso.
consiglieri del gruppo di opposizio- liturgia. Ridicola fu poi rio, istituito con il concordato del Non a caso quasi tutti i comuni,
ne “L’Alternativa” in un dibattito, l’argomentazione che essendo il 1929 con la firma del cavaliere B. consapevoli delle loro essenziali
tutto sommato, di routine. matrimonio civile roba da poveri Mussolini e il cardinale Gasparri, funzioni, sono dotati di un regola-
Ad un certo punto, la consigliera non valeva la pena interessarsene. addirittura non ha effetto se il cele- mento per la celebrazione dei ma-
Antonietta D’Introno, memore della Nella professione di fede si di- brante non dia lettura degli articoli trimoni civili e le più importanti
sua esperienza di vice-sindaco, rac- stingueva, ovviamente, suor Giudit- del codice civile o se non viene città italiane (per esempio Roma,
comanda di consentire l’uso ta Giannattasio che confondeva trascritto nei registri dello stato Milano, Venezia) destinano a tale
dell’Auditorium anche per la cele- l’aula consiliare con il pur civile di cui il sindaco è, appunto, servizio pubblico gli edifici pubblici
brazione dei matrimoni civili, in rispettabile oratorio di un convento. il depositario. più sontuosi.
modo da esaltarne, anche con il Cronaca di un piccolo episodio Questi ignorano, insomma, che Nella vicina Margheerita di Sa-
decoro dell’ambiente, l’importante di vita amministrativa? Può darsi, il matrimonio religioso celebrato voia ci si sposa nell’antico torrione
funzione sociale. ma molto significativo della incul- esclusivamente secondo la liturgia e a Barletta se lo si desidera ci si
Si scatena il finimondo che di tura che ispira la guida amministra- cattolica per lo stato italiano è può sposare nella suggestiva sala
solito segue ad ogni proposta dei tiva della nostra cittadina. inesistente e irrilevante. Gli sposi rossa del castello.
consiglieri di opposizione e su cui Da questo piccolo episodio, non sarebbero dei semplici conviventi. Altra civiltà? No, semplicemen-
è utile qualche riflessione. solo si intravede la assoluta igno- Questi ignorano che pure i culti te altra qualità di amministratori.
Non sono gli strepiti, le invettive ranza dei doveri istituzionali sia del acattolici possono celebrare matri- Per la cronaca: la raccomanda-
e le villanie che caratterizzano da sindaco che della sua maggioranza moni presso le loro sedi e con le zione della consigliera D’Introno
sempre gli interventi del sindaco, ma anche l’assenza di qualunque loro modalità ma in quel caso il ha avuto il voto favorevole dei col-
degli assessori e dei consiglieri di ispirazione liberale e democratica celebrante (accreditato) riveste il leghi di opposizione ed il voto con-
maggioranza su cui intendiamo sof- del loro agire. ruolo di ufficiale di stato civile. trario del sindaco e della sua mag-
fermarci ma sulle assurde e faziose Costoro ignorano, appunto, che Insomma, costoro ignorano che gioranza.
affermazioni con cui il sindaco e la celebrazione dei matrimoni civili il nostro ordinamento riconosce Vanno ricordati il voto contrario
alcuni consiglieri invitavano costituisce un servizio istituzionale diversi istituti matrimoniali, tutti del consigliere Brandi che, pure
l’assemblea a respingere la racco- per il comune, previsto dal codice rispettabili e dotati di pari dignità aveva parlato a favore e quello della
mandazione. civile e rientrante tra le competenze pur restando il matrimonio discipli- consigliera Michela Montuori che
In sintesi si opponevano perché relative ai servizi di interesse statale nato dal codice civile l’unico ma- si era sposata con il rito civile.

12/06/1974. Sala del Consiglio. 20/01/1985. Foto ricordo del matrimonio civile
Nozze del sindaco Arcangelo Sannicandro con degli sposi Loreta Pagano e Gerardo
Antonietta D’Introno, con l’Assessore Nardino Orfeo, D’Emiliano, celebrante
celebrante e l’invitato Padre Pierino Angarano. il sindaco Arcangelo Sannicandro.
10 matrimoni AGOSTO 2009

19/09/1999.
Nozze evangeliche:
Maria Michela Santoro
e Francesco Ragone.
Celebrante: Pastore
Mosè Baldoni.

Chiesa Cristiana
Evangelica delle
Assemblee di Dio,
Via Roma, 125 -
Trinitapoli.
Nozze
Santoro-Ragone.

20/01/1985.
Sala del Consiglio
Comunale (Aula
Magna della Scuola
Elementare
L. Radice).
Matrimonio civile:
sposi Loreta Pagano
e Gerardo D’Emiliano,
celebrante il sindaco
Arcangelo
Sannicandro.
AGOSTO 2009 matrimoni 11

12/06/1974. Gli sposi A. D’Introno e A. Sannicandro 30/12/1974. Matrimonio civile:


all’uscita dalla Sala Comunale con i vigili, Agostino Antonietta Lacoppola e Ciccillo De Mastro,
Lattanzio, Michele Canaletti e Francesco Polito. consigliere comunale socialista dell’epoca

Gli sposi A. D’Introno e A. Sannicandro ricevono un omaggio floreale dai compagni del PCI e del sindacato.
Da sinistra: don Pierino Angarano, Peppino D’Ambrosio, C. Tedeschi,
Venanzio Bombino, Orazioantonio Sarcina, Savino Russo.
12 matrimoni AGOSTO 2009

24 aprile 1974. Chiesa dei Cappuccini, matrimonio concordatario.


Sposi: Michele Di Biase (sindaco di Trinitapoli dal 1978 al 1980) e Rosetta Sarcina.

Lo sposo Ciccillo De Mastro Aula Consiliare. Da sinistra: Ruggero Capodivento, Giacomo Meo,
con il testimone Antonio Zingrillo. Tonino Zingrillo, Arcangelo Sannicandro,
Dietro si intravedono gli invitati Antonietta Lacoppola, Ciccillo De Mastro,
Gianni Lupo, Maria Barisciano Pinuccio Barbarisi e Salvatore Giannella.
e Gerardo Lotito.
storiediemigranti 13
Dal sud al nord con Dora Ungaro
AGOSTO 2009

“C’è una musica in quel treno, granti, per ricongiungersi alle fami-
che si muove e va lontano, musica glie, per trascorrere le vacanze al
di terza classe, in partenza per mare, forse un po’ anche per non
Milano…”. perdere le proprie radici.
Sono le parole di ‘Grande Sud’ Il Peperoncino Rosso ha incon-
di Eugenio Bennato -cantautore alla trato alcune persone, originarie di
continua riscoperta di tradizioni Trinitapoli ma trasferitesi al nord,
popolari radicate nel meridione che hanno gentilmente raccontato le
d’Italia - che nelle sue canzoni non loro storie.
‘ritrae’ solo il passato e gli antichi Come, ad esempio, Dora Ungaro,
sentimenti ma anche il ‘sentire’ delle figlia di Ungaro Vincenzo e Basanisi
nuove emigrazioni. Giulia, a sua volta figlia del carbonaio
Infatti il fenomeno migratorio, detto ‘Ciccillo’.
pur cambiando modalità nel tempo, Dal modo di parlare, con un ac-
non si è mai arrestato. In poco più cento spiccatamente lombardo,si ca-
di dieci anni, infatti, tra il 1997 e il pisce subito che Dora è un’emigrante
2008, circa settecento mila persone di seconda generazione, in quanto è
hanno abbandonato il Mezzogiorno nata e vive a Lecco, cittadina lombar-
(è quanto segnala il rapporto da in cui si erano trasferiti, in cerca
sull’economia del Mezzogiorno 2009 di lavoro, dapprima gli zii, poi i nonni
dello Svimez, associazione per lo ed infine i genitori.
sviluppo dell’industria nel Mezzo- Lecco ha dato ospitalità e lavoro
giorno). non solo alla sua famiglia -il papà babysitter, dedicandosi alla sua fami- a Trinitapoli con i genitori e, anche
Un'area, dunque, il sud da cui si lavorava in una fonderia- ma anche glia. se all’epoca c’era un legame più forte
continua ad emigrare, dove crescono a lei, che infatti ha sempre fatto la Da cinque anni a questa parte, con gli altri parenti residenti nel pa-
gli anziani, dove esistono realtà babysitter. Poi si è sposata con un durante le vacanze estive Dora torna ese, ha un ricordo di una città chiusa,
economiche eccellenti che però non napoletano, anche lui emigrato a Lec- a Trinitapoli con la famiglia, dove in cui aveva paura ad andare in giro
si trasformano in sistema, dove il co per lavoro. Quando sono arrivati trascorre circa tre mesi. “Il mare fa sola.
lavoro è sempre una conquista per i figli, ne sono quattro – rispettiva- bene ai bambini”, afferma Dora, Un segno di come i tempi cambi-
pochi. mente di 16, 14, 5 e 2 anni (la più “anche se per il resto Trinitapoli non no e con essi anche i legami con le
Ed è proprio durante il periodo piccola è Giorgia, in fotografia con offre molto, soprattutto per i ragazzi”. persone e, soprattutto, con le radici.
estivo che al sud ritornano gli emi- la madre)- Dora ha smesso di fare la Anche da piccola Dora tornava DANILA PARADISO

Tocca al Sud avere


una “botta” di orgoglio
famiglie, difendere mente “deboli” non hanno nessuna da terzo mondo e così in tutte le altre
l’indifendibile non fiducia né nella scuola né tanto meno strade. Proposta: una classe a settima-
permette di ricono- negli insegnanti. na di ogni scuola di ogni ordine e
scere lacune ed er- Senza nulla togliere alla verità che grado pulisce, usando pinze e guanti
Riesplode un antimeridionalismo rori, ma fa cadere il problema verso anche nella scuola trevigiana ci sono monouso, una strada. Le parole non
diffuso nelle province padane. “…Il sponde infrequentabili ponendosi allo insegnanti degni della “correttezza servono, servono i fatti che partono
consiglio provinciale di Vicenza ha stesso livello della Lega più becera ed sociale” di Gentilini e che nessuno dalla base. Non è colpa del bambino
appena deliberato di non assegnare inaccettabile. Ho insegnato nella scuo- più di me condanna, devo dire che napoletano se non conosce le regole
più posti di dirigente scolastico ai la elementare trevigiana proprio nel questa scuola ha una percentuale al- del vivere scolastico, ma troppo spesso
presidi provenienti dal Sud” (Giuseppe periodo delle grandi immigrazioni tissima di insegnanti meridionali che nessuno gliele ha insegnate con la
Giacovazzo – Gazzetta del Mezzo- prima dal Nord Africa, poi dagli stati hanno lavorato con i veneti per por- forza o il modo dovuto. Se i ragazzi
giorno 25/07/09); da questa frase e dell’ex URSS, poi dall’ex Iugoslavia, tarla ai primi posti nella scala di valore trevigiani di quella scuola sono di
dalla notizia del bambino napoletano poi dalla Cina, infine dall’Argentina, nazionale e che si arrabbiano moltis- sicuro razzisti e incivili, noi meridio-
cacciato da una scuola di Treviso nasce e mi offende molto sentir definire la simo quando arrivano bambini del sud nali dobbiamo sentirci responsabili
una discussione in una calda serata scuola trevigiana come razzista. Queste o pieni di sé e con valutazioni ecces- del disagio che un bambino del sud
estiva tra amici con esperienze diverse. affermazioni pongono noi meridionali sivamente benevoli o frustrati, abban- si porta dietro nel suo trasferimento
In questi provvedimenti c’è tutta la sullo stesso piano di quel signor Gen- donati a se stessi. Questo non vuol al nord e spesso lo rende debole di
scuola, dai dirigenti agli alunni. Uno tilini ancora prosindaco di Treviso dire che tutta la scuola meridionale fronte a chi conosce e applica le regole.
degli interlocutori si schiera dalla parte (quello dei leprotti per intenderci), non funziona, come dice la nostra Il divario ambientale, educativo
degli insegnanti che sono costretti ad quello che voleva eliminare i cigni dai onorevole ministra Gelmini, che chissà c’è sempre stato e le manifestazioni
“aver a che fare” con famiglie disagiate meravigliosi fiumi trevigiani perché perché ha percorso tutta l’Italia per razziste al nord hanno lunghissima
che solo chi sta qui può conoscere, un “non autoctoni”, e questa la dice tutta. andare a “superare” l’esame di stato storia, solo che prima erano “dette
altro ritiene che comunque un “nuovo” La scuola meridionale dovrebbe a Reggio Calabria, ma certamente è sottovoce”, la Lega le ha ufficializzate,
alunno proveniente da luoghi così chiedersi perché al nord i suoi alunni una situazione che chiede un’attenta le ha rese leggi provinciali, comunali,
diversi ha bisogno di essere “accolto”, vengono accettati con “cautela” (si fa riflessione da parte dei protagonisti. ora però tocca al sud avere una “botta”
non di certo con insulti e sberleffi, e per dire), perché un insegnante che li Cominciamo da noi. Piccole domande: di orgoglio e cominciando dal basso.
poi giustamente valutato. Giacovazzo riceve, dopo varie esperienze deluden- perché a Trinitapoli un’altissima per- Trinitapoli potrebbe cominciare dalla
fa un’attenta analisi della incapacità ti, si trova a non tenere assolutamente centuale di alunni della scuola prima- prima istituzione educativa: una scuola
politica ed intellettuale meridionale conto delle valutazioni espresse nei ria ha bisogno di ripetizioni pomeri- senza favoritismi, senza boria, ma con
di rispondere agli “attacchi” della documenti ufficiali, perché le prove diane? Perché non si insegna con i l’umiltà di voler dare ai suoi alunni
Lega. La stessa analisi può essere INVALSI non danno risultati credibili, fatti a tenere pulito quindi a rispettare una preparazione di competenze e
trasferita nella scuola, che non di- perché quando le famiglie apparten- il proprio paese? Basta percorrere la educativa che non li metta a disagio
mostra di essere in grado di riflettere gono ad una certa borghesia tentano strada che va dai Monaci al liceo per nel confronto con il nord.
su se stessa per riqualificarsi e ripartire di superare i “paletti” necessari tra rilevare che i ragazzi lasciano una scia
in modo adeguato. Colpevolizzare le scuola e famiglia, e le famiglie social- di immondizia degna di una discarica LUCIA DI FIDIO
14 cultura AGOSTO 2009

Questo articolo fu pubblicato nel 1989 sulla rivista scolastica “Educazione e


territorio”, Parola di donna, un numero monografico sulla questione femminile.
La scrittrice Angela Sarcina, morta a Roma il 19 febbraio scorso, invitata a scrivere
un saggio su un testo di Scipione Staffa “La donna al cospetto dei secoli” (1882),
inviò anche il pezzo “Ricordando” che costituisce la prima bozza del romanzo
storico “Emilia e gli altri – cronache familiari fra 800 e 900” (Lacaita 1993).
L’opera, completamente esaurita, prese il via dalla richiesta del centro di Lettura
Globeglotter di elaborare un ricordo delle interessanti vicende familiari della
famiglia Sarcina, legate strettamente alla storia della Puglia di fine 800.

RICORDANDO…
L’invito a scrivere del Iibro,
che Scipione Staffa ha dedicato
nel 1882 alla condizione fem-
minile,ha evocato, immediata-
mente, un lontano ricordo:
l’immagine di un volume dal
titolo altisonante, “La donna al
cospetto dei secoli”, che, unico
in un gruppo di vecchi libri in-
gialliti, mi sembra testi giuridici,
attirò la mia curiosità di bambina
avida di letture, oltre cinquant’
anni fa.
A me, nata a Roma da geni-
tori trinitapolesi, quel libro,
precocemente e faticosamente
letto, ha aperto uno spiraglio
sulle mie origini perchè mio
padre, vedendolo fra le mani, si
lasciò sfuggire che era stato
scritto dal fratello della mia bi-
snonna.
Orfana di madre a tre anni,
ho ignorato, fino all’adolescenza,
le vicende di famiglia.
Nel 1930, credo, si stabili-
rono a Roma lo zio paterno di
mio padre, Vincenzo, sua moglie
Angela Staffa ed i figli Concetta Da sinistra: Antonietta D’Introno, Luisa Cafiero, Annamaria Sarcina, la scrittrice Angela Sarcina e il rettore
e Scipione, i primi parenti che Giuseppe Parlato, presidente della Fondazione Ugo Spirito. La foto è stata scattata al termine della presentazione
conobbi e cominciai a vedere dell’ultimo romanzo dell’autrice “Autunno della memoria” presentato a Trinitapoli nel 1999.
regolarmente. Fino ad allora la
famiglia era stata per me casa di zio Vincenzo? chiesi teresse sempre più vivo per le Nelle successive permanenze,
un’entità nebulosa ; due fratelli emozionata e stupita. Gli adulti storie di zia Titina che, lusingata, ormai adulta, ho frequentato più
in collegio che vedevo una volta non vanno a dormire quando in tornava sull’argomento allargan- liberamente luoghi e persone rac-
al mese, una vecchia domestica casa c’è una Salma, replicò mio do il racconto ad altre persone, cogliendo e verificando cronache
in casa e mio padre, funzionario padre, ma ai bambini è consenti- di cui mi spiegava le parentele, di varia natura.
statale, in ufficio tutte le mattine to. Anche io venni ammessa, per ed altri fatti di cui precisava Oltre a zia Titina, la mia fonte
e tutti i pomeriggi. Nella mia vita un momento, a rendere omaggio l’epoca. Tutto si incentrava su principale sulla storia locale e
monotona, scuola e passeggiate alla Signora composta sul letto un luogo, Trinitapoli, che volevo familiare, è stata mia zia Isabella
domenicali con mio padre, la e circondata da fiori e candele. visitare. Riuscii ad andarvi, sedi- De Fidio. Colgo qui l’occasione
frequentazione di questi parenti Poi rimasi in un’altra stanza, fra cenne, nell’estate del 1941, il per ricordare, con gratitudine,
è stata una novità rimasta im- persone che andavano e veniva- primo di diversi soggiorni alla queste mie parenti che hanno
pressa nella memoria. no, parlottando sommessamente, ricerca delle radici. avuto una così spiccata vocazione
Rivedo Angelina Staffa se- fino a quando venni accompa- Mi ospitò, allora, nella casa di custodi di memorie, e che mi
duta in poltrona, vestita di scuro gnata in cucina, dove mi si fece dove mio padre era nato, su Cor- hanno trasmesso tanto materiale
con i capelli candidi. Ma inde- mangiare e poi in una stanza dove so Trinità, la zia Isabella Sarcina. utile per comprendere di
lebile rimane per me l’evento mi era stato preparato un letto. Durante la controra dedicata al un’epoca e di un luogo gli aspetti
doloroso e solenne della sua Era il dicembre del 1932 ed riposo, girellavo nelle grandi sociali, culturali e di costume.
morte. Un giorno d’inverno mio io avevo otto anni. Di Trinitapoli, stanze in penombra, dal soffitto Notizie, tengo a precisare, non
padre, tornato a casa ad un’ora dei parenti e delle storie familiari a volta, arredate con antichi mas- soltanto orali ma confermate da
insolita, mi spiegò gravemente ho avuto, in seguito, molte noti- sicci mobili, in attesa del vespro, documenti certi, ufficiali e di
che zia Angelina era trapassata zie da Concetta Sarcina, la mia quando si usciva per la passeg- natura privata conservati con
e che dovevamo recarci subito carissima zia Titina, alla quale giata o si facevano o ricevevano scrupolo quasi religioso. Oggi,
a casa dell’Estinta dove saremmo mi ha legato fino alla sua morte, visite. Debitamente presentata a mia volta matura zia, sono io
rimasti fino a dopo i funerali, avvenuta a Roma nel 1972, un cominciai così a conoscere pa- a conservarli e mi chiedo, ogni
fissati per l’indomani. profondo reciproco affetto. renti ed amici di cui avevo sentito tanto, se susciteranno un giorno
Avremmo perciò dormito in Crescendo acquistavo un in- parlare. l’interesse dei miei nipoti.
AGOSTO 2009 cultura 15
Intanto i vecchi documenti
seguitano ad affascinarmi: at-
tualmente ne sto esaminando
alcuni, messi recentemente a mia
disposizione dallo zio Scipione
Sarcina Staffa, che appaiono di
notevole interesse.
Fra i più antichi un leggiadro
opuscolo “per le nozze di D.
Beniamino Sarcina e D.a Isa-
bella Staffa” che “Agli sposi con
lieto animo i fratelli offrivano”
stampato per i tipi di G. Nobile,
purtroppo senza data. Un altro
elegante opuscolo “ln morte di
Celestina Cautano Staffa. Prose
e versi” è stato stampato a Na-
poli, per i tipi di Gaetano Nobile,
nel 1855.
Da questo materiale com-
posito, tessere di mosaico da
ricomporre, emergono cause ed
effetti, interrelazioni tra persone
e vicende.
Come erano, come vivevano
questi trinitapolesi delle passate
generazioni?
Intanto non si può definirli
in generale perchè, nel ceto Presentazione del volume “Emilia e gli altri. Cronache familiari fra ottocento e novecento” nel giardino di Palazzo
Staffa, 12 giugno 1993. Da sinistra: Antonietta D’Introno, Angela Sarcina, l’editore Lacaita, l’Onorevole Maria
medio alto, inclinazioni e ca- Vittoria Mezza e il preside Carmine Gissi.
ratteri erano ben diversificati.
Studiosi ed eruditi, profes-
sionisti ed amministratori pub- Con motivazioni meno ono- ogni bucato con la cenere durava differivano per indole e stile.
blici, ma anche proprietari ter- revoli altri grandi patrimoni sono diversi giorni) e richiedevano Austere dame che mai dismisero
rieri dediti alla caccia e al gioco svaniti al tavolo da gioco o a parecchia servitù meticolosa- le vedovili gramaglie non pote-
d’azzardo, pii religiosi e fieri causa di voraci sciantose. mente diretta da solerti padrone vano certo apprezzare una ele-
anticlericali, conservatori e Liti giudiziarie per eredità di casa. gantissima signora che, per anni,
progressisti in campo sociale ed contese si sono trascinate per I salotti costituivano il luogo tenne pronta la toilette per
economico, accese militanze anni. Morti precoci sono state privilegiato d’incontro delle fa- l’estremo viaggio, rinnovandola
politiche di segno opposto. causate dalla guerra e sfide ca- miglie bene. Il più noto è quello spesso, non volendo finire dentro
Alle attività pubbliche cor- valleresche si sono svolte per musical-letterario della famiglia la bara con un abito démodé.
risponde una sfera del privato motivi di onore. Staffa. Negli altri tre o quattro Altri personaggi si affollano
altrettanto varia. Fortune ingenti E, naturalmente, ci sono stati si conversava, si combinavano nella memoria scriverò, forse, di
accresciute attraverso lasciti e molti amori: leciti e non, sereni, fidanzamenti e, ovviamente, si loro in altra occasione.
doti cospicue. Altre invece dis- tempestosi, romantici, passionali, criticava. Perchè anche le donne ANGELA SARCINA
sipate, ad es. dalla Grande Be- contrastati, a finale lieto o tragi-
nefattrice Rosa Sarcina, sorella co.
nubile di mio nonno, con mu- Le faccende domestiche era- Donna Titina
nifiche elargizioni; vero è che no molto complesse nelle ampie Sarcina, figlia di
ai congiunti è rimasto il conforto case signorili (per ogni pasto si Angelina Staffa.
dei suoi imponenti funerali con cominciava dalle materie prime
massiccia partecipazione della provenienti dalla campagna e
cittadinanza grata. conservate nelle capaci dispense,

SONETTO
Se intesso alla virtù fregi d’affetti,
Se disadorni accenti, o nuovi canti.
Se pensieri d’amor, grati concetti:
L’opra è tua, Imenèo, tuoi doni i vanti.
Debito, ragion, desio in un ristretti
Son intorno al mio core, e sì parlanti,
Che la mente è vil,rozza l’arte, e i detti
Mancano tutti al gran soggetto innanti.
Oh! come lieto di madre di sposa
L’eco intrecciando i bei nomi venia!
Oh! com’erompe la gioia nascosa!
Schiera di prodi allo spirto apparia!
Muta mia lingua: pingere non osa
La speranza, il piacer, la fè qual sia!!

L’affettuoso fratello
SCIPIONE STAFFA
16 cultura AGOSTO 2009

Ricordi sotto il solleone

Conigli sgozzati e antifascismo


È il giorno più caldo dell’anno. quegli sguardi ammiccanti. I conigli co alla volta, ma inesorabilmente. filare un coltello nella gola del co-
Tutti gli anni arriva e spossa. Il – benché più deboli e predestinati Era debole e soffriva. Per questo, niglio provoca la sua morte e si
primo è arrivato circa venticinque al tegame – mostravano tanta più sapendo di non avere il tempo di dice scannare. Mi teneva accanto
anni fa, mentre mio nonno accen- saggezza degli esseri umani, i quali educarmi, decise di affidarmi dei a sé, testimone dei puri fatti, senza
deva la brace nel piccolo cortile di tendono a scambiare le occhiate ricordi, delle immagini. Parlava con darmi troppe spiegazioni, le quali
dietro. La carcassa sanguinolenta profonde del possesso erotico per me tranquillamente, dispensando avrebbero rischiato di trasformare
di un coniglio appena sgozzato visive anticipazioni di candide ed delicatezza più che consigli. “Non l’esecuzione del coniglio in un col-
pendeva dalle travi di ferro della affettuose passioni. Loro, invece, guardare”, diceva, “Stai con me”. pevole biasimo per le sue coniglie-
tettoia. Le gocce di sangue pic- sapevano bene che quegli sguardi Riteneva che la conclusione così sche debolezze. Nonno non voleva
che io crescessi convinto che
quell’essere, per il sol fatto di muo-
versi come un coniglio, di sgranoc-
chiare come un coniglio, di saltel-
lare come un coniglio, di possedere
pelliccia e orecchie da coniglio, di
somigliare insomma in tutto e per
tutto ad un coniglio, dovesse solo
per questo essere trattato e morire
effettivamente da coniglio.
Dopo molto tempo ho capito
che nonno si comportava così per
motivi, di fatto, politici. E’ evidente
che avendo vissuto il fascismo da
socialista non avrebbe mai consen-
tito interpretazioni razziste dello
scannamento. Se avesse posto
l’accento sulla natura dimessa di
un animale dotato di un organo, le
orecchie, concepito apposta per
allungargli il collo, avrebbe legitti-
mato l’idea aberrante che aveva
condotto l’Europa alle soglie
dell’autodistruzione. Per questo si
soffermava maggiormente sugli
aspetti positivi dell’orecchiuto ro-
ditore - i cui manici eliminava ed
occultava immediatamente fra gli
scarti, sul fondo della bacinella in
cui raccoglieva le inservibili inte-
Settembre 2005. LibriAmo in camper. Tappa di San Ferdinando di Puglia. Nella foto lo staff con il presidente riora – lodandone piuttosto la bontà
dell’ANCI Puglia, dott. Michele Lamacchia. delle carni, la parsimonia nel cibar-
si, la mitezza dell’indole,
chiettavano sui quotidiani che il preconizzavano solo il fatto che banale di quel trastullo sanguino- l’incapacità di emettere versi ani-
vecchio aveva posizionato sotto il sarebbero finiti arrosto. Nonno mi lento dovesse essermi risparmiata. maleschi invisi ai vicini anche nel
cadavere per non imbrattare il pa- lasciava giocare con il pranzo per Forse lo faceva per evitare che, momento della morte. Al contrario
vimento di cemento. Riconosco in più di mezz’ora, il tempo di capire giunta la fine, io giocassi a nascon- delle galline, che un tempo ingras-
alcuni miei quadri i percorsi che le lunghe orecchie del coniglio dino nel corridoio mentre il suo sava sul terrazzo ma che poi furono
smaltati di quel sangue sui giornali. non erano che il manico cadavere giaceva in camera da letto sterminate (ma questo non me lo
Teneva sul terrazzo una decina di dell’animale. Poi mi diceva fra decine di parenti in lacrime, raccontò mai, sempre per motivi
gabbie per conigli. Si attraversa- “Basta.” e mi privava del noiosis- come poi è successo. Forse lo face- politici).
vano le scale pregne dell’odore del simo e non ricambiato privilegio va perché non pensassi che la morte Asciugato dal gran caldo, il mio
pecorino lasciato a stagionare ed di fraternizzare con una pelliccia di una nonna fosse come la morte ex compagno di giochi veniva po-
una volta aperta la pesante porta semovente, peraltro riluttante alle di un coniglio, perché non sperassi sizionato in un tegame capiente per
di ferro che dava sul tetto si af- carezze. Recitavo la mia parte di di tornare sul terrazzo a scegliere essere infornato, circondato di otti-
frontava l’odore dolciastro degli bravo bambino perché in fondo in un’altra nonna. Qualunque fossero me patate. L’operazione era con-
escrementi dei teneri roditori. Erano fondo ero ubbidiente. In realtà at- le intenzioni che l’animavano poco dotta sempre dal mio anziano ed
bianchi, chiazzati, marroni e grigi. tendevo con ansia la parte più inte- conta. Io seguivo nonno e guardavo adorato pedagogo. La mia povera
Nonno mi invitava a sceglierne uno. ressante della vicenda. Nonno trat- tutto e chiedevo spiegazioni e mi nonna, cui di diritto sarebbe spettato
A me piacevano quelli bianchi e tava il coniglio molto garbatamente. meravigliavo che gli animali fosse- occuparsi delle faccende culinarie,
piccoli, preferibilmente quelli con Non lo maltrattava affatto, lo irre- ro in realtà dei contenitori di polti- da tempo aveva abdicato. La fottu-
gli occhi rossi. I bianchi li prendeva, tiva con carezze che avrebbero fatto glie immonde e che quello stupido tissima consunzione cui il male
i piccoli – ora capisco perché – li felici molte glabre schiene umane. quadrupede scegliesse di svuotare l’aveva condannata le impediva di
scartava. Era gentile, non imponeva Poi, tenendolo per il manico, gli gli intestini proprio mentre moriva. affaticarsi anche minimamente.
la sua volontà, semplicemente mi infilava di traverso nella gola un E ridevo della sua goffaggine e All’ora di pranzo, grazie alla bontà
offriva di meglio. Se i miei occhi coltellaccio da cucina venuto fuori della sua impotenza. Nonostante delle carni e delle patate al forno,
cadevano su un piccolo e teneris- da chissà dove, e lasciava che il tutte le mie curiosità, nonno non alla gustosa serenità che esse dona-
simo coniglietto simpaticamente sangue sgorgasse a fiotti fino alla era prodigo di spiegazioni. Lui era vano ai convitati, al silenzioso sma-
zompettante fra i suoi simili più fine, stando bene attento a non mac- un puro di cuore, non indulgeva scellare cui mio padre, deglutitore
paffuti, nonno mi invitava con chiarsi le scarpe degli escrementi nelle delicate raffinatezze di sua generalmente ciarliero, era una vol-
delicatezza a focalizzare del moribondo, copiosamente moglie. Preferiva un inconsapevole ta tanto costretto, all’apparente tre-
l’attenzione su un mastodontico espulsi dall’educatissima vittima ed efficace approccio pratico alle gua che la malattia concedeva a
mucchio di morbido pelo lì accanto, pochi istanti prima di arrendersi al cose della vita, del tipo: oggi è nonna, mi sentivo felice.
magari seminascosto perché av- suo destino. domenica e mangeremo coniglio,
vezzo alle conseguenze nefaste di La malattia divorava nonna po- i conigli vanno mangiati morti, in- RAFFAELE di BIASE
ilfatto 17

Vogliono colpire i diritti delle donne


AGOSTO 2009

E se si fosse trattato di un è stato vietato in Italia proprio la politica entra nel merito delle informative e pubblicitarie.
farmaco innovativo per la cura per veti della politica di stampo cure o delle terapie, normalmente Certo, se poi c'è chi si oppone
della prostata anziché della più clericale, quella che si arroga nel tentativo di svuotarne i con- anche a questo, compresa la pil-
RU486, avremmo avuto tutto il diritto per esempio di stabilire tenuti e comunque di limitare la lola del giorno dopo, allora la
questo fuoco di sbarramento? se si possono e devono impian- libertà di scelta delle persone e strada diventa tutta in salita.
Credo proprio di no. Ma quando tare 3 o 5 ovociti, se idratazione delle donne in particolare. Insomma ogni giorno peggio,
si tratta della donna, allora pre- e alimentazione forzata siano un Il risultato di tante interferen- scomunica compresa. Bisogna
domina ancora una cultura che intervento sanitario omeno… In ze politiche, e non, è che il via quindi reagire riprendendo con
impone per noi dolore e sofferen- questo caso, per condizionare libera alla RU486 arriva in Italia forza le battaglie laiche (e per
za fisica. Come nel caso l’Agenzia del farmaco si è risorti con venti anni di ritardo rispetto questo profondamente religiose)
dell’aborto, nonostante la legge pure ad una discutibile contabilità a Francia, Svezia e Regno Unito, per la libertà di scelta delle per-
194 già prevedesse per gli enti dei morti, la cui “presunta con dieci rispetto agli Usa. sone compresa quella di cura edi
ospedalieri di tener conto del connessione” con la RU486 sem- L’EMEA, l’Agenzia europea del terapia. Apartire dall’imminente
progresso tecnologico e delle bra valere solo in Italia. In nessun farmaco, ha approvato già nel passaggio alla Camera
nuove tecniche meno intrusive e altro paese questo ha rappresen- 2007 la nuova scheda tecnica dell’incredibile testo “etico” va-
violente. tato un ostacolo alla registrazione della RU486: a questo punto la rato dal Senato. O si appresta il
L’Italia è davvero un paese del farmaco e il dossier completo decisione dell’Aifa è al limite un PD a ripetere le contorsioni già
bizzarro. La politica entra in set- è noto da tempo. atto dovuto. viste in base all’“opinione
tori che non dovrebbero riguar- Insomma invece di limitarsi Se si vuole ridurre davvero il prevalente” delegando ai radicali
darla. Ed infatti questo farmaco a stabilire il quadro normativo, ricorso all’aborto allora la strada un’appassionata e netta battaglia
maestra è quella di promuovere parlamentare?
la contraccezione e i metodi per
la procreazione responsabile, EMMA BONINO
realizzando specifiche campagne da L’Unità, 31 luglio ’09

RU486: finalmente allineati con l’Europa


“La decisione dell’AIFA di menta così la deliberazione del L’aborto farmacologico sarà tere i rischi per le donne che deci-
registrare l’RU486 in Italia ci alli- CdA dell’AIFA, sottolineando “la possibile infatti solo nelle strutture dono di abortire, perché sottraiamo
nea con i paesi europei, recuperan- correttezza e l’equilibrio di un sanitarie autorizzate, all’interno spazio all’area della clandestinità
do un ritardo che ha penalizzato organismo scientifico che è al di del quadro legislativo dettato dalla o agli aborti indotti ricorrendo a
le donne italiane, precludendo loro sopra delle parti e che ha preso legge 194 e secondo protocolli pericolosissime pratiche fai-da-te,
una valida alternativa una decisione con pieno senso di guida severissimi, che vanno in- frequenti sopratutto tra le donne
all’intervento chirurgico, peraltro responsabilità scientifica, in base contro alla piena tutela della salute extracomunitarie. E’ giusto che
riconosciuta sicura dall’OMS e ai dati oggettivi e alle valutazioni e della sicurezza della donna. nel 2009 le donne italiane abbiano
praticata in Europa e negli USA epidemiologiche oggi largamente “Incrementando le possibilità la possibilità di scegliere libera-
secondo rigorosi protocolli pre- a disposizione della comunità me- di ricorrere con serenità alle strut- mente tra l’intervento chirurgico
scritti dalla comunità scientifica dica internazionale, senza lasciarsi ture sanitarie pubbliche – aggiunge e l’aborto farmacologico, una pra-
internazionale”. L’AIED, influenzare da fattori esterni e da il direttore sanitario dei consultori tica tranquilla e non invasiva, così
l’Associazione italiana per pressioni ideologiche, che con la AIED di Roma, dott. Vincenzo come avviene in tutti i paesi
l’educazione demografica, com- scienza nulla hanno a che fare”. Spinelli – contribuiamo ad abbat- europei”.
18 losport

L’A.D. Basket Trinitapoli


AGOSTO 2009

prepara la nuova stagione


meritato, a suon di prestazioni esal- rotazioni, in tal senso si sta muo- ling delle passate stagioni e l’osmosi
tanti (basti solo pensare alla vittoria vendo l'”uomo mercato” Luca La- di tecnici e dirigenti delle due asso-
esterna sul campo della fortissima bianca. ciazioni si è deciso di procedere
Juve Trani), la riconferma e la In questo contesto la società è con la creazione della “società
fiducia della società. alla ricerca di una sola pedina che satellite” per sfruttare al massimo
Per quello che riguarda il possa completare il gruppo che tan- le deroghe previste dalla vigente
“roster” certe le riconferme del to bene si è comportato al suo esor- normativa federale. Di certo il duo
totem Matteo Totaro e del play dio in C2, le ricerche si rivolgono San Ferdinando/Trinitapoli sarà ai
barese Marcellino Loprieno, en- verso un giocatore che possa gio- nastri di partenza dei campionati
trambi svincolati. Non dovrebbero care da 3 e da 4 pericoloso sia in Under 17, 15 e 13 oltre alla 1° divi-
esserci sorprese neppure per quanto aerea che dal perimetro: nei prossi- sione. Dunque il cantiere è aperto,
L'ottima stagione del Trinita- concerne la presenza di Stefano Di mi giorni si saprà qualcosa in più. si lavora per una nuova ed esaltante
poli, la prima nel massimo cam- Lauro, guardia fortemente voluta Per quanto riguarda il settore stagione cestistica sull’asse Trini-
pionato regionale, che ha regalato da coach Losito nella passata sta- giovanile, scontata la proficua col- tapoli/San Ferdinando.
tante soddisfazioni ai supporters e gione, si stanno mettendo a punto laborazione con i cugini FABRIZIO di BIASE
lustro alla cittadina, conclusasi con gli ultimi dettagli. Stessa situazione dell’Olimpia San Ferdinando di Ufficio stampa
il sorprendente, comunque meritato, anche per il capitano Piero Arbore, Puglia. In considerazione del fee- A. D. Basket Trinitapoli
ingresso nei play-off, è ormai alle
spalle. La dirigenza, primi fra tutti
il presidente Tommaso Carano e
il dinamicissimo patron Luca
Labianca, è già impegnata per
allestire un organico competitivo
per la prossima stagione che si
prevede ancor più impegnativa e
combattuta.
L'impegno sella società è quello
di non stravolgere la squadra che
ha ben figurato nella scorsa stagione
in ossequio al detto per cui
“squadra che vince non si cambia”!
La programmazione ed il
mercato passano inevitabilmente
dalla soluzione della questione
legata al main sponsor. Tutti si
augurano che l'Alidaunia, presti-
giosa azienda foggiana, possa
rinnovare il suo sostegno al basket
trinitapolese e contribuire in ma-
niera determinante allo sviluppo
del movimento cestistico locale
così come è accaduto, in modo assai
proficuo, nella passata stagione. In ormai alla sua terza stagione a Tri-
tal senso contatti tra la dirigenza nitapoli e per Ubaldo Piarulli, pi-
trinitapolese e l'avv. Roberto Pu- vot coratino, che ha sorpreso tutti
cillo, presidente della società fog- con una stagione condotta oltre le
giana, ci sono già stati, si attendono aspettative: il rinnovo del prestito
novità positive nelle prossime con il Basket Corato va definito ma
settimane. In ogni caso la società non si prevedono intoppi. In odore
alcuni contatti sono stati avviati di riconferma anche il “pivottone”
con altri imprenditori che lusingati Ciccio Ricco, protagonista nel fi-
dai brillanti risultati ottenuti negli nale di stagione con prestazioni che
ultimi quattro anni dalla società si sono rivelate decisive per il rag-
ofantina, hanno manifestato la loro giungimento dei play-off.
disponibilità a supportare econo- Sicuro partente, invece, Vin-
micamente il basket trinitapolese. cenzo Lovino, dinamica guardia
Infine c'è da registrare il fonda- che dopo essere stato protagonista
mentale ingresso di nuovi soci nella della promozione in C regionale si
compagine sociale, in grado di dare è visto costretto a saltare gran parte
ulteriore slancio, alla sfida del della stagione a causa di un infor-
basket trinitapolese; a tal proposito tunio al ginocchio; il giocatore torna
si avverte che se ci fossero persone nella sua Ruvo per fine prestito, a
interessate a vivere l'esperienza lui i migliori auguri della società
della pallacanestro ancor più da oltre che i più sentiti ringraziamenti
vicino le porte della società sono per quanto ha fatto nelle stagioni
sempre aperte! passate.
Sul versante più squisitamete Fine prestito senza rinnovo an-
sportivo va registrata innanzitutto che per l'under Castro. Sul fronte
la riconferma del tecnico Vito under certe le riconferme dei
Losito e del suo “vice” Felice “locali” Gianluca Barbaro e Ni-
Carano, quest'ultimo anche nelle cola Curci si è alla ricerca di un
vesti di preparatore atletico. Il duo paio di elementi che possano assi-
alla guida tecnica del team si è curare maggiore profondità alle
premiocavalieridimalta 19

Un bello spettacolo in
AGOSTO 2009

un contenitore fasullo
Intitolare un Premio ai Cava-
lieri di Malta, lascia intendere che,
Foto: Michel

da parte degli organizzatori, si


voglia contribuire, in qualche ma-
niera, alla diffusione dello spirito
e della attività di questo importan-
te ordine cavalleresco.
La conclusione della terza edi-
zione svoltasi il 25 luglio scorso
ci convince sempre di più che
l’intitolazione al sovrano ordine
ospedaliero è una etichetta postic-
cia ad uno spettacolo musicale,
spesso anche pregevole, con cui
ormai da anni le amministrazioni
locali allietano le serate estive dei
concittadini. I mutamenti sociali,
il maggiore benessere, una visione
più gaudente del tempo libero
hanno reso inappaganti i concerti
che accompagnano la tradizionale
festa patronale.
Le amministrazioni comunali,
soprattutto quelle più spensierate,
assecondano questa tendenza al-
lestendo cartelloni estivi sempre
più ricchi, non disdegnando di
investire anche in altre stagioni
dell’anno: estati trinitapolesi, di- Un momento della raffinata performance della concittadina Rosanna Brandi.
cembre casalino, concerti di pri-
mavera, ecc.. stesso, al massimo serve ad allie- È ormai del tutto evidente che provisato. Negli archivi della
Inutile attendersi un adeguato tare le serate dei residenti, a di- tra contenuto e contenitore non vi Giunta e del Consiglio non vi è
ritorno economico da questi inve- strarli da gravi preoccupazioni è alcuna relazione. Bravi gli artisti, traccia di un atto, di un documento
stimenti come alcuni auspicano quotidiane o a costruire una co- di grande livello l’orchestra, im- o di un verbale da cui rilevare una
quando il territorio ha poco da stosa passerella per i politici locali. preparati gli attori e patetico lo qualche riflessione e una qualche
offrire. L’investimento è fine a se Questo accade anche da noi. spot pubblicitario su Trinitapoli. finalità per le quali è stato istituito
Bravissima, invece, la nostra questo premio.
concittadina Rosanna Brandi, una Insomma ci ritroviamo il Pre-
Che cos’è l’Ordine di Malta? grande voce jazz che meritava mio Cavalieri di Malta ma pote-
Il Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di uno spazio ed una attrezzatura vamo indifferentemente ritrovarci
Gerusalemme di Rodi e di Malta, conosciuto come Sovrano Militare tecnica più consoni allo spessore con il Premio della Congregazione
Ordine di Malta, ha una duplice natura. È uno dei più antichi Ordini
religiosi cattolici, essendo stato fondato a Gerusalemme intorno della performance. di San Rocco, del Carciofo d’oro
all’anno 1048. Allo stesso tempo è sempre stato riconosciuto dalle In gamba anche la presenta- o del Sedano d’argento.
Nazioni come ente primario di diritto internazionale. La missione trice che ha saputo ovviare a vi- Qualche amministratore ha
dell’Ordine è sintetizzata nel binomio “Tuitio Fidei et Obsequium stosi problemi organizzativi con sussurato, senza vergogna, che il
Pauperum” che significa difesa della fede e servizio ai sofferenti. competenza e garbo. Del tutto premio è stato inventato per ricor-
inutile, invece, il contenitore. Lo dare al mondo che siamo stati una
Di che cosa si occupa? spettacolo poteva fare a meno, proprietà dei Cavalieri di Malta.
L’Ordine di Malta opera principalmente nell’ambito dell’assistenza senza alcun danno, di intervalli È vero, lo insegna il professore
medico sociale e degli interventi umanitari. Oggi l’Ordine svolge la per la distribuzione di targhe e Pietro di Biase, ma non vedo di
propria attività medica e umanitaria in oltre 120 paesi, aiutato in cimeli. Le scelte erano del tutto che cosa vantarci. È come se in
questo dai rapporti diplomatici instaurati attualmente con 103 Stati. scoordinate. America si sostituissero i festeg-
Gestisce ospedali, centri medici, ambulatori, istituti per anziani e Non ha nessun senso mettere giamenti per l’abolizione della
disabili, centri per i malati terminali. In diversi paesi l’Ordine dirige insieme, per esempio, il premio schiavitù con quelli per l’avvento
reparti di volontari che prestano servizi di pronto soccorso, servizi a Lina Wertmuller, grande regista, della tratta degli schiavi! Un bel
sociali, di prima emergenza e di aiuto. e quello di Signorini, grande salto all’indietro! Non si sa, infine,
giornalista del pettegolezzo. Così se esiste una commissione per la
come né l’uno né l’altro hanno selezione dei destinatari dei premi
alcuna relazione con l’Ordine dei e come vengono scelti. Crediamo,
Quanto ci costa la serata? Cavalieri di Malta e con la sua in verità, che parlare di selezione
missione, che lo ricordiamo è sia un po’ ardito: se non si conosce
Al momento in cui scriviamo abbiamo solo sintetizzata nel motto latino Tuitio la ragione del premio come si può
questi dati rilevabili dalla delibera n. 73 di Giunta Fidei et Obsequium Pauperum, effettuare una selezione?
Comunale del 16/07/2009: 110.000,00 Euro e cioè difesa della fede (cattolica) Insomma, egregi signori, la-
all’Agenzia di Spettacolo, a parte tutto il resto. e servizio ai sofferenti. sciate in pace i Cavalieri di Malta
Pubblicheremo il rendiconto dettagliato quando Tutto ciò succede perché e fateci godere senza distrazioni
sarà reso pubblico. l’istituzione di tale premio è av- lo spettacolo!
venuta in un modo del tutto im- ANTONIETTA D’INTRONO
20

È tempo d’amare
lettorid’agosto AGOSTO 2009

D: Ciao Maria sto facendo un pic- avere tempo per amare? Non ho post-laurea di Joanne Kathleen Rowling, ed
colo sondaggio sulle letture prefe- mai avuto tempo di leggere, eppure - La fattoria degli animali di Geor- Salani
rite dei “casalini”. nulla, mai, ha potuto impedirmi di ge Orwell, ed. Oscar Mondadori Grazia Basanisi, 71 anni casalinga
Tu, ad esempio, cosa stai leggendo finire un romanzo che mi piace- • La Mennulara di Simonetta
in questi giorni? C’è un romanzo va.(D. Pennac) Sabina Elia, 11 anni studentessa Agnello Hornby, ed. Feltrinelli
che senti di consigliare ai lettori Qui di seguito i 15, tra piccoli, - Matilde di Roald Dahl, ed. Salani
del Peperoncino per quest’estate? adolescenti e adulti, innamorati, Anastasia Riganti, 15 anni studen-
R: romanzo? Chi ha il tempo per che ci hanno detto cosa stanno leg- Sebastian Luca D’Addario, 17 tessa
leggere? gendo in queste vacanze estive o anni studente • Il ritratto di Dorian Gray di Oscar
D: ?????? cosa consigliano: - Al crepuscolo di Stephen King, Wilde, ed. Il Battello a vapore
R: …sai, io lavoro tutto il giorno… ed. Sperling&Kupfer
D. ma ora sei in vacanza… Agata Diakoviez, 38 anni libraia Ruggiero di Gennaro, 52 anni
R: sì, si fa per dire vacanza e ..la di Bisceglie Maria Laura Palmisciano, 9 anni Sindaco
casa…i bambini…il fidanzato…il - Le lacrime dell’assassino di Anne- - Una granita di mosche per il conte • Via Montenapoleone di Gaetano
cane…la suocera…i reumatismi…- Laure Bondoux, ed. San Paolo (per di Geronimo Stilton, ed. Piemme Signoriello, ed. Sperling&Kupfer
la parmigiana… il callo al piede… ragazzi) Junior
È già tanto la vita mia un roman- - La linea d’ombra di Joseph Con- Alessandro Sarcina, 33 anni tec-
zo! rad, ed. Einaudi (per adulti) Don Peppino Pavone, 59 anni nico commerciale
Monsignore • Un uomo di Oriana Fallaci, ed.
* * * * * Ingrid Ungaro, 29 anni studentes- - Il pane di ieri di Enzo Bianchi, Bur
sa-lavoratrice ed. Einaudi
Un grande autore e professore fran- - Jane Eyre di Charlotte Brontë, Rossella Filacaro, 35 anni avvoca-
cese ci dice che un lettore è come ed. Oscar Mondadori Ruggero Signoriello, 14 anni stu- to
un innamorato, un modo di essere. dente • L’arte della gioia di Goliarda
Si è mai visto un innamorato non Giuseppe Piccoli, 27 anni studente • Harry Potter e i doni della morte Sapienza, ed. Einaudi