Sei sulla pagina 1di 76

A AN NT TO ON NI IO OR RO OS SM MI IN NI I

La Societ degli Amici


A cura di G. Pusineri

I NDICE
LAmicizia cattolica piemontese .............................................................. 4 Invito del DAzeglio al Rosmini................................................................... 5 Giuseppe Battaggia stampatore a Venezia.................................................. 6 Societ tipografica veneta............................................................................. 6 Vis unita fortior ......................................................................................... 7 Gli Statuti della Societ................................................................................. 8 Il fine della Societ..................................................................................... 9 I membri della Societ................................................................................... 9 La perfezione dei Membri .......................................................................... 10 Osservazioni sulla natura della Societ..................................................... 10 Preparazione dei Soci alle cariche.............................................................. 11 Unione dei Soci............................................................................................ 11 Lopera di propaganda ............................................................................... 12 Aggregazione di nuovi Soci ....................................................................... 12 Delle relazioni interne dei Soci................................................................... 12 Norme per rinsaldare lunione................................................................... 13 La disciplina del segreto ............................................................................. 13 Le ragioni del segreto.................................................................................. 14 Gli Amici non sono Societ segreta........................................................ 14 Differenze tra gli Amici e le Societ segrete .......................................... 15 Relazioni degli Amici coi Poteri ecclesiastici e civili ................................ 15 Differenze quanto ai principi e al fine ....................................................... 16 Ragioni che giustificano la segretezza....................................................... 17 Azione della Societ sui propri membri .................................................... 17 Azione della Societ sopra gli estranei ...................................................... 18 Collaborazione di tutti ................................................................................ 18 Natura delle Societ particolari.................................................................. 18 Attivit Individuale dellUrbano ............................................................... 19 Ricchezze della Societ............................................................................ 20 Librerie, Galleria darte, Gabinetti di scienze............................................ 21 Tipografie della Societ............................................................................... 21 Gli Archivi e la Cassa dalla Societ............................................................ 22 Vita dalla Societ ......................................................................................... 23 La Societ degli Amici in Rovereto ............................................................ 23 Lattivit degli Amici in Rovereto.......................................................... 24

Societ degli Amici (Charitas 1931)

La domestica Accademia Tomistica........................................................... 24 Accademia di Sacra Eloquenza .................................................................. 25 Altri Amici di Rovereto e Trento............................................................ 25 Viaggio dispezione nellottobre 1820........................................................ 26 Gli Amici a Romans di Varmo ............................................................... 26 Rosmini a Udine e a Cividale..................................................................... 27 A Tricesimo e dintorni ................................................................................ 27 Gli ultimi tre giorni in Udine ..................................................................... 28 A Treviso, a Padova, a Venezia.................................................................. 28 La Societ degli Amici in Udine................................................................. 28 Le tre colonne della Societ in Udine......................................................... 29 Altra istruzioni si Soci Udinesi................................................................... 29 Altri Amici Udinesi ................................................................................. 30 Il Padre Gaetano Salomoni dellOratorio .................................................. 30 LAmico P. Tiraboschi............................................................................. 31 Il Segretario della Societ............................................................................ 31 Catalogo dei libri della Societ................................................................... 32 Per la vita spirituale dei Soci ...................................................................... 32 Il Principe Alessandro Hohenlohe............................................................. 32 Carlo Ludovico Haller ................................................................................ 33 Il De Apollonia a Trieste............................................................................. 34 Giuseppe Lugnani di Trieste...................................................................... 34 Altre attivit in Udine................................................................................. 35 Tra gli Amici Udinesi.................................................................................. 36 Una lettera di Don Sebastiano.................................................................... 36 Smercio di libri ............................................................................................ 37 Viaggio in terra tedesca .............................................................................. 38 Seguito dei viaggio...................................................................................... 38 Devozione degli Amici Udinesi per Rosmini............................................ 39 Altri lavori e altri progetti .......................................................................... 39 Desiderio reciproco di rivedersi................................................................. 40 Esortazioni pratiche del Rosmini ............................................................... 41 Difficolt risorgenti ..................................................................................... 41 Il De Apollonia a Rovereto ......................................................................... 42 Il Rosmini al Calvario di Domodossola..................................................... 42 Gli Amici in Venezia ............................................................................... 44 Mons. Antonio Traversi.............................................................................. 44 Altri Amici di Venezia ............................................................................ 45 Alessandro Paravia e Antonio Papadopoli ............................................... 46 La Societ Tipografica di S. Girolamo ....................................................... 47 Edizione Poliglotta della Bibbia ................................................................. 47 Lavori tipografici a Venezia ....................................................................... 48 Il tipografo della Societ ............................................................................. 49 Il Presidente della Societ Tipografica....................................................... 49 Gli Amici dei Liceo di S. Caterina a Venezia......................................... 50 Rosmini a Venezia nel marzo del 1823...................................................... 51 2

Societ degli Amici (Charitas 1931)

Viaggio a Roma col Patriarca di Venezia .................................................. 51 Lavori della Societ a Venezia................................................................ 52 Progetto di unedizione del Padri greci e latini ........................................ 53 Perch cominciare da S. Tommaso?........................................................... 53 Ancora sulledizione di S. Tommaso ......................................................... 54 Conclusione sugli Amici Veneziani........................................................... 54 Rosmini e i suoi Amici in Padova .............................................................. 55 Padre L. Minciotti........................................................................................ 55 Don Innocenzo Turrini ............................................................................... 56 Rosmini dottore e confessore ..................................................................... 56 Tra gli Amici di Padova, Vicenza e Verona .............................................. 57 Giuseppe Villardi, il cappel rotondo e i Sonetti........................................ 58 A Brescia: Giuseppe Brunatti ..................................................................... 59 Aggregazione dei Brunatti alla Societ...................................................... 60 Entusiasmi e dubbi del Brunatti................................................................. 60 Probabili futuri Amici proposti dal Brunatti............................................. 61 Difficolt per la disciplina dei segreto ....................................................... 62 Siamo zelanti, siamo cattolici! ............................................................... 62 Attivit dellamico Brunatti........................................................................ 63 Il Brunatti a Milano ..................................................................................... 63 Per la riforma delleducazione ................................................................... 64 Guai al cane muto! ...................................................................................... 65 La misera Italia ............................................................................................ 65 Viaggio di Rosmini a Milano...................................................................... 66 Una sosta a Brescia...................................................................................... 66 Breve soggiorno di Rosmini a Milano ....................................................... 67 Da Milano a Piacenza e Parma................................................................... 68 Gli Amici di Modena............................................................................... 68 Ritorno per Mantova e Verona a Rovereto................................................ 69 Il mancato Incontro del Rosmini coi marchese DAzeglio ....................... 70 Straordinaria operosit ............................................................................... 70 Disegni letterari........................................................................................... 71 Conforti amichevoli .................................................................................... 71 Per la buona causa....................................................................................... 71 Il Panegirico a Pio VII e, il 1 Saggio sulla Provvidenza .......................... 72 Difficolt e critiche al saggio Della Divina Provvidenza...................... 73 Lodi e applausi al Saggio Della Divina Provvidenza. .......................... 73 Maldicenze roveretane................................................................................ 74 Propositi di vita religiosa............................................................................ 74 Rosmini abbraccia la vita religiosa............................................................. 75 La nuova famiglia la pi vera Societ degli Amici ............................ 75

Leggendo la vita di Antonio Rosmini si trova qualche accenno, come ad un episodio notevole della sua fervida giovinezza, ad una Societ degli Amici, di cui egli si sarebbe occupato a varie riprese nel 1819, nel 1820, e nei seguenti anni fino al 1825. Ma nessuno dei biografi entrato nei particolari della cosa. Che cos questa Societ degli Amici? Un vano sogno del Rosmini, od una realt? Quale la sua natura, quali glintenti precisi, quali i mezzi per raggiungerli, quali le leggi che la reggevano? Era isolata, o in unione con altre Societ analoghe, una creazione geniale del Rosmini, od una copia di esse? Che sviluppo, che efficacia ebbe, e perch non pot avere vita pi duratura? Mi propongo di rispondere a queste domande, quanto possibile esaurientemente, collaiuto dei documenti che sono a noi pervenuti, e col riesaminare la corrispondenza del Rosmini ai suoi amici e di questi a Lui, alla luce dei nuovi documenti. Ne sar illuminata la vita del Rosmini negli anni che vanno dal 1819 al 1826: e ne guadagner la sua figura; ch vi apparir sempre pi piena quella fede che moveva e dirigeva tutte le sue parole ed operazioni, e ardente quello zelo della gloria di Cristo e della Chiesa, quella carit della salute delle anime, per trarle tutte a Cristo, unico suo amore, suo fine, sua ragione di essere e di vivere. Si noti che nel periodo suindicato corrono gli anni 22-29 della vita di Antonio Rosmini: e che nellottobre 1819 mancavano ancora quasi diciotto mesi alla sua ordinazione sacerdotale, avendo terminata appena luniversit, senza per laurearsi, ci che fece nel giugno 1822, dopo consacrato prete.

L L A Am miic ciiz ziia ac ca atttto olliic ca a p piie em mo on ntte es se e


Il Rosmini non prese lispirazione e lo spunto della sua Societ degli Amici dallAmicizia piemontese, bench questa sia anteriore alla sua di due anni, essendo nata nel 1817, specialmente per opera del Marchese Cesare Tapparelli DAzeglio, padre dei celebri Massimo, letterato e uomo di stato, Roberto, filantropo, Luigi, filosofo, della Compagnia di Ges. DellAmicizia piemontese facevano parte parecchi delle migliori famiglie torinesi: il conte Luigi Amedeo Gattinara di Zubiena, il marchese Giuseppe Massimino, il Conte Giuseppe De Maistre, il conte Troiano di Piobesi, il conte Giuseppe Tornielli, il marchese Gian Carlo Brignole, il conte Paolo Ferrari di Castelnuovo, il cav. Pico Pietro Pallavicino, e pi tardi il cav. Giacinto Rovasenda, il cav. Renato DAgliano, il conte Rodolfo De Maistre. Vi ebbe anche molta parte il Sac. Pio Brunone Lanteri, fondatore degli Oblati di Maria Vergine, morto il 5 agosto 1830, gi animatore di unamicizia sacerdotale, che precorse in qualche modo quella che ebbe propriamente inizio dopo la bufera della Rivoluzione francese e della Monarchia imperiale napoleonica. Ma lanima di ogni cosa fu, nel decennio che visse lAmicizia cattolica piemontese, il Marchese dAzeglio. Veramente neppure lunione di questo era del tutto nuova. Qualcosa di simile cera stato in Francia per opera del P. Niccol Giuseppe Alberto Diesbach, gi prima ufficiale bernese, poi convertitosi dal calvinismo al cattolicesimo, e fattosi gesuita (1732-1798), il quale propag lopera delle Amicizie anche fuori di Francia. Le Amicizie ideate dal Diesbach - scrive la Civilt Cattolica (Quaderno 1923, 2 agosto 1930) avevano nome e forma, secondo la diversit delle classi di persone alle quali erano destinate. Distrutte dal Terrore in Francia, erano sopravissute in Italia grazie al segreto che le circondava, ad onta di tutte le invenzioni della polizia rivoluzionaria, che vedeva tali associazioni da per tutto, e non riusciva a raggiungerle in nessun posto.

Societ degli Amici (Charitas 1931)

Ma lAmicizia cattolica nata nel 1817, come s detto, a Torino, differiva dalle precedenti, sia perch composta di soli laici, sia perch aboliva la disciplina del segreto, che prima era stata indispensabile. Essa tendeva specialmente a neutralizzare, secondo Giuseppe De Maistre, lo spirito dellenciclopedismo, servendosi degli stessi mezzi di cui questo si era servito: cio di libri specialmente popolari, brevi, chiari, sostanziosi, e concernenti questioni vive e moderne (Civ. Catt. ivi). Perci in seno ad essa vediamo maturare i germi della futura Azione Cattolica, principalmente sotto laspetto dellApostolato della buona stampa (Ivi). Una filiazione dellAmicizia Cattolica piemontese si ebbe poi a Roma nel 1820 per opera dellAbate Ostini, poi Cardinale,- presieduta dal Card. De Gregorio, con soci ecclesiastici e secolari: la quale cess nel 1839 colla morte del detto Cardinale. Pi attiva per lAmicizia piemontese, che in otto anni diffuse, secondo la relazione del DAzeglio stesso al Barbaroux, Ministro degli Interni, centinaia di migliaia di volumi. Uno dei desideri pi vivi del DAzeglio era anche la fondazione di un periodico; il che fu nel 1822 sotto il titolo di Amico dItalia. Il buon marchese vi sadoper in tutti i modi, chiedendo collaboratori a destra e a sinistra (al Manzoni e al Rosmini, tra gli altri). Ma il suo periodico era gi stato preceduto dalle Memorie di Religione di Modena del Baraldi, e dallEnciclopedia Ecclesiastica del Padre Gioacchino Ventura a Napoli: il che fu causa che lAmico si trovasse un po in condizioni dinferiorit, e, nonostante tutti gli sforzi del DAzeglio, riuscisse ad una vita stentata.

I In nv viitto od de ell D DA Az ze eg glliio oa all R Ro os sm miin nii


Il 9 giugno 1821 il DAzeglio scriveva al giovane Rosmini appena prete (ventiquattro anni), chera alle prime armi dellapostolato e della carriera di scrittore, una calorosa lettera. Con non minore calore gli rispondeva il Rosmini cos: Ella pu credere, Signor Marchese, quale consolazione sentisse lanimo mio alla prima scoperta, che io feci in Venezia [quando il R. vi fu di ritorno da Chioggia, dovera stato ordinato prete, e vi celebr la prima Santa Messa nella Cappella del Liceo-Convitto Santa Caterina, il 22 aprile 1821] dal Sig. Giuseppe Battaggia, dellesistenza duna societ di veri AMICI CATTOLICI rivolta a promuovere il vero bene delluomo, la santa Religione di Ges Cristo, per mezzo segnatamente della pubblicazione e spargimento dei buoni libri. Questa diffusione dei libri larma purtroppo degli increduli, e con essa fanno strage. Molte volte venni considerando con me stesso tal cosa: e il Signore sa quanti voti io feci per lerezione di una tal Societ. Osai anche dimmaginarla: ma la esecuzione la vedevo ben di gran lunga superiore alle mie forze, sebbene in queste non confidavo. Lintendere poi che ella gi esiste, e bene avviata in Torino e in Roma; e il vedere questo avvenirsi su quanto io meditavo, che persino nel nome saccorda con quella che io rimuginavo nellanimo; mi fu di grande e consolante sorpresa. Poi, accennato alla lettera inaspettatissima di lui, continua: Io ben volentieri accetto linvito; e solo mi rincresce di non avere da offrire a Lei e alla societ se non meschinissime forze, quantunque accompagnate da gran desiderio. E ringraziato dellinvito, d sfogo al suo cuore, esclamando: Oh ella pur bella questa santa amicizia! pur giovevole questa cristiana unione, questa lega di buoni, non solo pacifica fra di loro, ma energica altres contro ai malvagi, e per loro bene! Tuttaltro che le unioni umane! Ch fra membri loro non v mai pace, e cogli esteri v sempre guerra perniciosa. Io sento pertanto davere un vero obbligo con Lei e colla Societ per quanto nel veneratissimo suo foglio mi comunica. Conclude col pregarlo di fargli sapere, quante pi pu, notizie circa lAmicizia: perch veramente ogni cosa minteressa intorno ad opera cos bella. Anchio concorrer volentieri con qualche contribu5

Societ degli Amici (Charitas 1931)

zione o regolare o straordinaria, adattata bens alle mie forze ed alle mie circostanze (Lettera del 7 luglio 1821, da Rovereto).

G Giiu us se ep pp pe eB Ba atttta ag gg giia as stta am mp pa atto or re ea aV Ve en ne ez ziia a


A far conoscere il Rosmini al DAzeglio e a procurargli la sorpresa di una lettera gentilissima, piissima, in cui erano dette delle cose che non si adattano per modo alcuno alla mia persona [parole del Rosmini]; in cui si parla come se io fossi gi membro di quella societ, e si dicono delle cose che io arrossirei a ripeterle, era stato Giuseppe Battaggia, stampatore a Venezia. Il Rosmini era entrato in relazione con lui forse da un paio di anni, in occasione della sua prima andata a Venezia, e stretta pi cordiale amicizia nellaprile del 1821, quando vi fu a celebrarvi, come si detto, la sua prima Messa, di ritorno da Chioggia. Senza dubbio allora, se non anche prima, il Battaggia era stato chiamato a far parte della Societ degli Amici: doveva anzi essere il tipografo della Societ. Rosmini gli aveva parlato a voce, e poi il 20 maggio gli scriveva appunto per la stampa di un libricciuolo latino in uso degli ecclesiastici, intitolato Memoriale vitae sacerdotalis. E venendo ad un pin ampio ordine didee e di opere cos continuava: Sommamente mi rallegro nel vedere come ella ami sempre giovare alla religione e alla virt collarte intrapresa. Rivolte le cose a questo naturale loro fine, acquistano un pregio vero, e ci danno dei veri guadagni. Segua a nutrire e ampliare questi magnanimi sentimenti. Il pensiero della Societ Cattolica di Torino potrebbe essere, per lei, un bel campo da seminare grandi azioni e cogliere grandi frutti. Lo stesso disegno era venuto anche in capo a me, per lesperienza che avevo della forza chhanno i libri sugli uomini, se cattivi di nuocere, se buoni di giovare. Ai nostri tempi questa , per avventura, la forza maggiore e che abbia una attivit pi estesa. Lhanno veduto gli empi, e lhanno usata con un guasto orribile. Perch, dicevo fra me stesso, non potranno i fedeli cattolici opporre armi ad armi, e ci di che altri si serve a rovina, adoperare ad edificazione? Ci lasceremo noi, vincere in accortezza, in sagacit, in energia, dai nostri nemici? lasceremo che facciano essi pi per il demonio che noi per Iddio? E che lamore al vizio si mostri pi ingegnoso che lamore alla virt? - Quindi moltissime volte pensavo al modo di rivolgere contro ad essi quei mezzi, che essi recano contro di noi; e, fra questi, pi volte mi occorse al pensiero lidea di una stamperia, sostenuta da generosi amici, colla quale si divulgassero le pi salubri e cristiane dottrine (20 maggio 1821).

S So oc ciie ett ttiip po og gr ra af fiic ca av ve en ne etta a


Venendo poi al pratico, determina meglio il modo, la natura, lopera, la direzione della nuova societ. Lanima di questa Societ Tipografica dovrebbe essere il solo amore alla religione. Quindi in essa risplendere il disinteresse, lattivit, il buon gusto, la puntualit, lesattezza e la perfezione in tutte le cose. Ben costituita questa sacra unione, e dati di lei chiari argomenti, dovrebbe per fermo essere favorita dai Prelati, dal Governo, e da tutti i buoni cristiani. Questi, quando si sapesse farla conoscere, tutti quasi di loro natura dovrebbero essere cooperatori della medesima. Chi colle cure dello smercio e diffusione dei libri, chi collopera nella composizione, correzione, e ornamento dei medesimi, e tale ancora coi danari. La cosa, bene maneggiata, mi parrebbe sicura, essendo sicuro che non mancano persone rette neppure ai nostri tempi (lettera citata). Tutto sarebbe dipeso dal senno e avvedimento di chi da principio la governasse. Tale capo, conosciuta legregia persona, il suo nobile e religioso pensare, la sua attivit e le sue cognizioni, poteva, secondo il Rosmini, essere appunto il Battaggia. Avendo questi accennato, in una sua al Roveretano, alle societ tipografiche sorte a Torino e a 6

Societ degli Amici (Charitas 1931)

Roma cogli stessi intenti, il Rosmini cos lo eccitava ad emularne lesempio: Se ella intraprendesse la stessa cosa nel regno veneto, e se le altre due fossero solidamente fondate e prudentemente dirette, le tre potrebbero formare fra loro una siffatta federazione, che, come uno il fine che le stringe cos fosse una lamicizia e il consenso delloperare loro; sicch, quasi tre rami di una sola unione, ciascuno influisse e cooperasse alla prosperit degli, altri. La cosa acquisterebbe grandezza. Intervengono difficolt, e ci vorrebbe invero una direzione assai meditata, ad ogni modo ella ci pensi, e me ne scriva. Alle cose buone lodevole anche il solo pensare (Lettera del 20 maggio 1821). Il Battaggia aveva fatte dare, come s visto, spiegazioni intorno alle Societ di Torino e di Roma dal DAzeglio stesso, che nera lanima; e il Rosmini, ringraziatolo e ripetutogli il suo proposito di adoperarsi del suo meglio, tornava ad eccitare il Battaggia col solito suo fervore di quegli anni: Ringraziamenti e voti ed esortazioni per il passato e per il futuro. Sebbene a queste ultime ella non lascia luogo: perch lo vedo ardente di quellamore santo che opera le pi grandi cose. Ah s, mio caro signor Giuseppe, persona pi adatta di Lei non saprei rinvenire, n cost, n altrove, per lopera di cui parliamo. Lessere ella tipografo di professione, e lavere tutte le abilit necessarie, non vuol dire forse che le cose da Dio sono ben preparate in Venezia per la Societ di cui parliamo? (Lett. del 9 luglio 1821). Ma la Societ a cui accenna qui il Rosmini non solo una Societ tipografica per libri buoni, come non erano tali neppure quelle di Torino e di Roma. Bens la Societ degli Amici, di cui la tipografica non era che una delle numerose, certo tra le pi importanti, filiazioni. Bisogna dunque che noi ritorniamo ai principi della Societ degli Amici, per vedere tutta la grandiosit dei progetti e degli sforzi di questa vera anima di Apostolo del bene, che fu il giovane prete Rosmini.

V Viis su un niitta af fo or rttiio or r 111


Il progetto della Societ Tipografica Veneta, di cui abbiamo visto tanto infervorarsi il Rosmini, non stava a s: anzi non era, come s detto, che una prima manifestazione di quella molteplice attivit che avrebbe dovuto in seguito svolgere la Societ degli Amici. Questa era stata iniziata nel Settembre 1819 in Casa Rosmini a Rovereto. Non erano per intanto che tre Soci: il Rosmini, Sebastiano De Apollonia, Giuseppe Bartolomeo Stoffella Della Croce, gi compagni di studio allUniversit di Padova. Ivi avevano esercitato il cuore a larghi e nobili affetti, e lo spirito in un intenso studio delle scienze umane, e nella ricerca ansiosa dei beni eterni. Tre forti intelligenze, tre tempre adamantine; uguali in molte cose, e in molte altre diversi. Ma reciprocamente sentivano di completarsi, e di essere lun allaltro necessari. Alla fine degli studi universitari, e mentre stavano per mettersi ciascuno per la sua strada, quella assegnatagli dal Signore, non volevano per disunire i loro amori: bens governarsi secondo norme comuni, e mirare tutti, secondo ununica direttiva, alla maggior esplicazione possibile di attivit nel campo del bene. Naturalmente la mente organizzatrice, il centro motore, era il Rosmini. Nella sua giovinezza, a Rovereto e a Padova, dappertutto, si era sempre imposto, per la sola sua naturale superiorit, bench studiosamente occultata sotto la pi umile e compiacente modestia. Ma quanto pi nascosta, tanto pi sentita e ammessa, anzi amata da tutti. Allora, e un po sempre nella sua vita, il Rosmini esercitava sugli spiriti pi eletti una forza ammaliatrice. E di questo basti: perch sar oggetto di studio, altra volta, la fervida giovinezza del Rosmini studente. Nella tumultuosa sua attivit di studio, aveva il Rosmini, alla vista degli immensi mali operati
1. In Charitas. Bollettino mensile , febbraio 1931, p. 42-47.

Societ degli Amici (Charitas 1931)

nella societ civile dalle false filosofie e dalle scienze umane indirizzate contro la Chiesa di Cristo, concepito il pi ardito disegno: la compilazione di unEnciclopedia cristiana da opporre alla famosissima Enciclopedia francese di Diderot e DAlembert. A prezzo di sacrifici, gravi e continuati, si era provvisto di un magnifico esemplare delledizione veneta di tale Enciclopedia, immensa macchina di guerra contro la cattolica verit. I 237 volumi in folio, legati in pelle, erano l, allineati nelle sue librerie sotto la voce ENCICLOPEDIA, fatte fare da lui appositamente. Li aveva sempre sottocchi nella sua sala di studio. Sentiva fremiti dun santo sdegno ogni volta che sopra di essi cadeva lo sguardo. Di qui il proposito, appena credibile in un giovane ventenne o poco pi, di fare altrettanto, e meglio, in difesa della verit. Ne tracci un disegno che ci rimane, di una grandiosit e unit imponente. Sogni temerari! si dir. Ma et in magnis voluisse sat est: e poi non tanto temerari, se si pensa a chi, e perch e come, laveva concepito. Alla grande impresa occorrevano energie profonde ed agili. Intorno al Rosmini cerano. La Societ degli Amici le avrebbe inquadrate e dirette. Ne troveremo in seguito i nomi. Per ora, segno che si procedeva con ponderatezza e non per vani e momentanei entusiasmi, tre soli, ma ben provati, e sicuri delle loro forze. Passarono, il Rosmini, lo Stoffella, il De Apollonia, alcuni giorni nel ritiro e nella meditazione. In Dio ogni fiducia, e da Lui laiuto, come certo da Lui solo veniva il pensiero e lardire. Il 27 di settembre poi, dopo comunicatisi e fatte pi fervide preghiere, nella stanza di studio del Rosmini firmarono il patto, che doveva di loro tre, e degli altri che si sarebbero in seguito aggiunti, formare per sempre una sola vita, uno spirito solo. Sembravano tre congiurati (come vedremo, la Societ era gelosamente tenuta nascosta a tutti, una vera Societ Segreta): la fervida mente dipingeva loro roseo lavvenire. Che cosa non avrebbero potuto fare? Il cuore prometteva loro i pi grandi successi. E che poteva esservi di pi desiderabile, per quellanime ardenti, che richiamare tutto il mondo ai principi del Vangelo? Erano quasi tremanti per la commozione; inebriati di intenso gaudio, a suggello dei loro propositi si abbracciarono. Va ricordata una circostanza, che ci rivela le particolari condizioni dellanima del Rosmini, e ce lo mostra non incline davvero a lasciarsi trasportare dallentusiasmo del momento. Fattosi ad un tratto serio e pensieroso: Miei cari, dice, noi pensiamo tanto per gli altri; ma e per noi?. Di questo suo pensiero, che vuole il lavoro profondo e tenace nellinterno del proprio spirito, come garanzia di solidit nellopera esteriore, vedremo subito le tracce negli Statuti stessi della Societ degli Amici, bench questa sia essenzialmente una Societ di azione.

G Gllii S Stta attu uttii d de elllla aS So oc ciie ett


Gli Statuti della Societ degli Amici portano la data 27 settembre 1819; e sono quelli che s detto essere stati firmati, appunto in tale giorno, dai primi tre Amici. Il motto Vis unita fortior indica quanto si sarebbe potuto e dovuto aspettare dal confluire insieme di molte energie sapientemente dirette. La data poi ci mostra che non sul momento, ma da tempo, certo gi dallo studio a Padova, i tre Amici avevano meditato e discussa limpresa. Che siano opera del Rosmini ce lo dice lo stile e il contenuto. Nessuno avrebbe osato, precisamente tra quelli che meglio lo conoscevano, e neppure pensato, di sostituirsi a lui. Il manoscritto tutto di suo pugno. Li esporremo qui minutamente, appunto perch li crediamo di grande importanza; non solo considerati in s, ma specialmente come specchio dellanima del loro compilatore, e testimonio della sua maturit di mente e del suo cristiano ardimento. per da premettersi unosservazione intorno al nome stesso di questa santa lega. chiamata 8

Societ degli Amici (Charitas 1931)

di solito Societ degli Amici: ma essa propriamente dovrebbe chiamarsi col semplice nome di Societ: La Societ, senzaltra aggiunta. Amici poi il titolo proprio di quelli che ne fanno parte. Nelle lettere del tempo, sia del Rosmini ai Soci sia dei Soci a lui, si parla continuamente, come pure nei presenti Statuti, di Societ, di Amici, di Amicizia. Il vero significato di tali vocaboli lo si ha solamente riportandosi allorganismo stesso dellunione. Appartengono ad una specie di gergo proprio degli Affiliati. Per es., nell'esclamazione del Rosmini: Oh bellezza, oh sicurezza di questa. Amicizia! - e nel firmarsi gli Amici a lui Amico vero, Amico sincero etc., nel chiamarlo Amico dolcissimo, soavissimo, o semplicemente Amico; nelle frasi: il lavoro dovr essere fatto da dodici Amici, Gli Amici di qua vi salutano, Come va colla Societ? Bravo per la nostra Societ! Rosmini immerso nella gora delle cure, etc., modi che ricorrono assai di frequente nella corrispondenza di quegli anni.

I Ill f fiin ne ed de elllla a S So oc ciie ett


Ecco come il Rosmini nel capo primo degli Statuti indica il fine della Societ: Rendere tutti gli uomini amatori della religione cattolica, e desiderosi di promuoverla per mezzo di essa stessa Societ. Il fine pi semplice e pi nobile, e anche il pi concreto e pratico: fare dei buoni cattolici, zelanti, pieni di spirito dapostolato. La Societ non fine a se stessa: si proietta al di fuori nellimmenso; essa stessa non che un mezzo, che coordina le energie per un bene pi grande. Il fine Dio, la Chiesa, le anime: e perci anche la Societ ricerca quella perfezione, dei suoi membri, che in essa ottiene luomo con tutti i veri, giusti, equi e prudenti mezzi che si possono adoperare. Lo spirito di lei - commenta il Rosmini nella sua Istruzione prima a Giovan Pio Dalla Giacoma nellascriverlo alla Societ il 4 settembre 1820 - richiederebbe perci tutti i suoi membri perfetti, desiderando molto pi in se stessa quanto studia promuovere in altri. Il PERFETTO CATTOLICO poi quegli che tenta ogni cosa alla perfezione propria e altrui. Questa obbligazione speciale forma il membro della societ. Si noti: il PERFETTO CATTOLICO non solo si contenta di esser lui amatore di Cristo e zelatore della gloria della Chiesa, ma questo amore e zelo lo rende naturalmente apostolo, cio ricercatore della salute e della perfezione dei fratelli. Perci, spiega ancora il Rosmini, sotto un altro aspetto, lo scopo della Societ quello di riunir tutti gli uomini in se stessa, rendersegli tutti cooperatori energici; appunto per il proposito di estendere a tutti la maggior somma dei benefici della divina Redenzione. E poich tutti gli uomini sono chiamati a questa perfezione, si potrebbe anche, sotto questo rispetto, dire che la Societ viene ad essere fine a se stessa. Si noti che abbiamo gi qui il principio ascetico fondamentale del Rosmini: unico mezzo di dar gloria a Dio e di cooperare alla Redenzione di Cristo la propria emendazione, la santit individuale; questo lunum necessarium, il vero amore di Dio. Porr poi come base dellIstituto della Carit da lui fondato dieci anni circa dopo il tentativo della Societ degli Amici la seguente regola: Fine di questa Societ la salute e la perfezione delle proprie anime. Le circostanze, i mezzi, i luoghi, i compagni, il sistema di vita saranno mutati: ma immutato sar lanimo del Rosmini, identico il suo ideale di perfezione.

I Im me em mb br rii d de elllla aS So oc ciie ett


La Societ degli Amici doveva aver per principali caratteri lazione e luniversalit. Perci il titolo degli Amici, o membri della Societ, quello di Agenti, perch dice - sempre la Societ che opera per mezzo dei suoi membri, i quali sono tanti occhi e mani della medesima. 9

Societ degli Amici (Charitas 1931)

Gli Agenti poi possono essere Imperiali, Nazionali, Provinciali, Urbani, Ordinari. Ciascuno degli Agenti Imperiali avr sotto di s un certo numero di Agenti Nazionali, e questi di Provinciali, e cos via; senza che il numero delle persone che coprono ciascuna carica sia determinato, ma vario, secondo le circostanze, le opportunit e i bisogni. Ma gli stessi Membri ordinari non si debbono considerare come facenti soltanto numero, e quindi come soci inattivi. Essi anzi formano, collUrbano da cui dipendono, la particolar Societ della loro citt e dintorni, e avranno per compito di muovere tutti gli altri uomini fuori di societ, allo scopo della medesima. Dovranno anchessi, come tutti gli altri Soci di qualunque categoria, considerarsi come tanti Delegati della Societ per formare altri Soci. Ho detto che i membri debbono avere per loro caratteristica lazione, anzi una singolare operosit ed energia: debbono essere come tanti motori della intera umana societ. Tutti gli uomini infatti estranei alla Societ sono dal Rosmini chiamati col nome di macchine: macchine cio, a cui gli Agenti, cio tutti gli Amici, dovranno imprimere un moto e una vita. Macchine poi non soltanto i singoli, ma possono essere tutte le specie di Societ: religiose, scientifiche, civili da essi formate: Singoli-macchine e Societ-macchine. ne. Gli Agenti debbono tutto pervadere, tutto influenzare, tutto muovere energicamente all'azio-

L La ap pe er rf fe ez ziio on ne ed de eii M Me em mb br rii


Ognun vede quale virt si richieda per imprimere la propria azione e dar vita ad un complesso cos vasto e lento com lintero genere umano. Perci, se tutti possono essere Membri-macchine, materiale greggio di lavoro, a Membri ordinari invece dovranno essere. ammessi solo i veri cristiani e fidati; e i Membri-Urbani, dei quali tanta la dignit e lufficio nella Societ, dovranno essere forniti di forte ingegno, di soda piet, di prudente zelo, di autorit e stima presso il pubblico, di facile e persuasiva eloquenza. I Membri-Provinciali poi e le altre cariche, oltre ad avere queste stesse virt in grado tanto pi eminente, quanto pi alto il loro posto, dovranno essere inoltre forniti di dottrina sacra ed enciclopedica, dintraprendenza, fortezza, costanza; e sopratutto dovranno essere uomini di orazione, umilt, disinteressatezza . Quanto ai Segretari della Societ, o di Sezioni di Societ, dovranno possedere facilit di scrivere energicamente, buon intendimento, segretezza, e cognizione delle lingue viventi. Squisita dunque la virt ed elette le doti degli Amici. La Societ dovr mirare innanzi tutto a scegliersi e formarsi i capi, perch possano esigere dagli altri lo stesso studio di perfezione. Ma non giova ad ottenere questa squisitezza di perfezione nessuna opera esteriore: sono i singoli che dovranno, persuasi profondamente della loro alta missione, adoperarsi personalmente alla propria educazione e perfezione, e in particolare penetrar bene la natura della Societ.

O Os ss se er rv va az ziio on nii s su ulllla an na attu ur ra ad de elllla aS So oc ciie ett


Prima dunque che altri venisse aggregato alla Societ, occorreva educarlo spiritualmente: e sopratutto farlo persuaso di alcuni pochi principi fondamentali, che sono i seguenti: 1. La Societ nostra non gi una societ come le altre societ profane. sacra; e non sta gi celata [vedremo presto di questa disciplina del segreto], perch se ne arrossisca, ma per agire con minori ostacoli dalla parte dei malvagi. Quindi quel Socio che non mette la sua gloria nellessere e nel dichiararsi, ad un bisogno, seguace di Cristo, essa lo ributta da s col massimo aborrimento. 2. Perci la Societ non riguarda come suoi degni membri quelli che, nelloperare colla prudenza, trapassas10

Societ degli Amici (Charitas 1931)

sero minimamente in una dannosa callidit ed astuzia. Essa si dichiara che altra arma non ammette se non se la prudenza del serpente, congiunta colta semplicit della colomba. 3. Essendo la Societ fine a se stessa [in quel senso che fu spiegato], cio allora pensando essa di avere ottenuto compiutamente il suo fine, quando avr fatti gli uomini, non solo amatori della Religione Cattolica, ma di pi amatori di diffonderla come membri della stessa Societ, ha essa un fine bastevolmente nobile perch tutti i suoi membri lo preferiscano ai propri interessi particolari: ed alcuno che ci non facesse, essa il riguarderebbe a ragione s come un uomo da poco, ed indegno affatto di essere membro della medesima Societ. Siccome poi solo da Dio si possono avere i necessari aiuti per tale coraggiosa professione e pratica della santa religione, la Societ, per perfezionare i suoi membri, d loro il dolce incarico, se sono Sacerdoti, di pregare Iddio per essa Societ nel Santo Sacrificio della Messa, e se sono secolari, di recitare ogni giorno per lo stesso fine un Pater, Ave, Gloria.

P Pr re ep pa ar ra az ziio on ne ed de eii S So oc cii a alllle ec ca ar riic ch he e


evidente che importer moltissimo per avere dei buoni dirigenti, cio dei Membri scelti e adatti per le cariche pi alte (Imperiali, Nazionali, etc.), il venirli preparando allo scopo. Perci ciascuno che occupi uno di questi superiori uffici avr tosto cura di designarsi, tra i Soci dipendenti, uno che dovr, a suo tempo, succedergli nella carica (e non lo sapr che lui e il Superiore suo immediato); cos avr tempo di metterlo alla prova, specialmente esercitandolo in uffici minori. E giunto il momento di entrare in carica, il Superiore oltre che farlo riflettere sulla natura e sul fine della Societ, gli far prestare giuramento di fedelt, e gli annunzier i suoi doveri, consegnandogli in iscritto le necessarie istruzioni, e lo metter in possesso delle cose delle Societ possedute dal suo antecessore, spiegandogli specialmente la sua dipendenza dal Superiore, o Centro dunione. Nella mente del Rosmini la dipendenza dal Superiore assolutamente indispensabile, e sola essa pu garantire la buona attivit dellimpresa; anzi la stessa denominazione di Centro dunione data al Superiore, usata appunto perch dia tosto negli occhi [al Socio eletto alle cariche della Societ] la ragione e la necessit della sua dipendenza.

U Un niio on ne ed de eii S So oc cii222


Continuando lesposizione degli Statuti della Societ degli Amici - e ognuno pu vedere quanto giovi a sempre meglio conoscere il Rosmini - si deve prima vedere quali vincoli unissero i Soci tra di loro, per passare poi a dire della disciplina del segreto. Gli Amici sono una Societ di azione individuale. Ciascuno deve sviluppare il massimo di attivit, come fosse solo ad operare, con piena responsabilit. Ma se il Rosmini vuole loperazione individuale, vuole anche larmonia delle forze operanti tra di loro: perch, vis unita fortior. Perci i Soci saranno uniti gli uni gli altri coi vincoli della pi squisita carit. Ognuno da tale comune fraterno affetto si sentir aiutato a volere e a fare alacremente. Mezzo per fomentare questa unione degli Amici voleva fosse la corrispondenza fra di essi: lettere, visite e adunanze. Quelle e queste, il pi che sia possibile frequenti: e siano distinte le visite e le lettere delle Autorit e per affari da quelle puramente amichevoli. Queste saranno il vero fomento
2. In Charitas. Bollettino mensile , marzo 1931, p. 76-79.

11

Societ degli Amici (Charitas 1931)

dell'Amicizia. Che se i mezzi indicati di unione tra i Soci servono a stringerli sempre pi tra di loro e coi loro Gerarchi, non dovranno per trascurare lunione con gli estranei, i Membri-Macchine; anzi adoperarsi per avvicinarli, allo scopo di propagare e diffondere sempre pi la Societ, chiamando a farne parte tutti quelli che ne avessero le attitudini. Insiste sul concetto, che il diffondersi il maggior conato di questa Societ; anzi lunico semplicissimo suo fine; e quindi tutti i suoi membri altro non sono che altrettanti MISSIONARI della medesima.

L Lo op pe er ra ad dii p pr ro op pa ag ga an nd da a
Ecco alcune osservazioni che il Rosmini voleva sottoposte da questi Missionari alle persone capaci di diventare proseliti: 1. Conviene pugnare per la religione, e amare di divulgarla; 2. la forza unita pi forte [vis unita fortior]; 3. i nemici della fede si servono dellarma delle leghe per abbattere la religione: dunque, a pi buona ragione, dovrebbero fare il medesimo i Cattolici per abbatterli colle stesse loro armi. Raccomanda loro il Rosmini di, spargere questi ed altri simili semi ; ed inoltre di tutto coprire dun velo misterioso (poich il mistero ha forza incredibile sopra luomo): il qual velo si verr innalzando a poco a poco loro innanzi agli occhi, secondo il calore e linteresse che prendono essi per questa lega dipinta loro come ideale. E si ricordino, dice, che ogni mezzo atto a cattivare gli animi a s, cio ad una santa lega, si dovr porre in opera: popolarit, confidenza, stima, giovialit; comunicare le cognizioni, i libri; lamore ispira principi di unione, di difesa contro le occulte societ antireligiose, di generosit, di cordialit, ecc. ecc.; e sopratutto eccitare ed infiammare a grandi imprese con esempi, con esortazioni, in ogni guisa.

A Ag gg gr re eg ga az ziio on ne ed dii n nu uo ov vii S So oc cii


Ad ottenere meglio e pi largamente lo scopo di aumentare il nucleo dei Soci, ossia di tirare il maggior numero possibile di cristiani ad unaperta e coraggiosa pratica e difesa della cattolica religione, ogni Socio avr la potest di aggregare altri membri, essendo a ci segnatamente dalla Societ delegato. Ma questa potest non deve alcuno esercitarla, se non per incombenza particolare avuta dalla Societ sopra persone da lei determinate, e comunemente scelte dalla lista presentata dal Sozio che a tale uffizio si elegge. Come pegno di questa sua aggregazione alla Societ, il candidato stender una breve Memoria, sopra un tema assegnatogli dal Socio Aggregatore: tema vario, ma che, ad ogni modo, dovr sempre riguardare il modo di giovare la religione, o le scienze, ma in rapporto alla religione. Questa Memoria deve venir trasmessa alle superiori Gerarchie; che indicheranno allAggregatore la risposta da farsi, e le indicazioni da darsi al Socio novellamente aggregato. Talora, ove sia possibile, giover che si faccia 1accessione in pubblica Accademia, ove il Candidato esporr i suoi pensieri e sentimenti e propositi di lavoro. N nel discorso del candidato; n nella risposta deve essere nominata o fatta travedere menomamente la Societ, ma solo i fini e propositi buoni di operare per il bene; e ci sia nel caso di unaggregazione privata, sia in caso di funzione pubblica. La risposta poi sar assai grave, calda e gravissima.

D De elllle er re ella az ziio on nii iin ntte er rn ne ed de eii S So oc cii


Tutta la Societ basata, come su condizione indispensabile per la sua vita, la sua propagazione, lefficacia della sua attivit, sulla dipendenza e soggezione dei singoli membri dai loro Su12

Societ degli Amici (Charitas 1931)

periori, sulla cordialit e il rispetto reciproco, sulla prudenza e la bont paterna dei Capi. Prima norma quindi, la libert di pensare nelle cose indifferenti, cio in quelle che n offendono le leggi della Religione n quelle della Societ. La soggezione poi dei membri ai loro Capi deve essere dolce; in maniera che appaia una eguaglianza fra il Superiore e linferiore, e non si trovi differenza altro che per necessit del buon ordine e per il vantaggio della Societ: vuole cio che sia piuttosto una corrispondenza amichevole, quale potrebbe essere fra padre e figli. Questa corrispondenza affettuosa deve manifestarsi sopratutto nel lavoro, che tutti avranno a svolgere allunico grande intento: ove alcuno dei membri veda di non poter da solo accingersi ad unimpresa che egli giudica, nella sua prudenza, da non tralasciarsi, ricorra fiduciosamente ai Superiori. Ai quali poi dovranno i subordinati dare ogni tre mesi, inderogabilmente informazioni delle cose pi notevoli della loro particolare Societ, e specialmente dei bisogni di essa, perch i Superiori possano seguirne i movimenti, ed alluopo fornire consigli ed aiuti.

N No or rm me ep pe er rr riin ns sa alld da ar re e llu un niio on ne e


Ognuno dei membri abbia ben presenti queste norme, allo scopo di ottenere quellarmonia di intenti e di indirizzi in cui sta la forza della Societ: 1. Sottoporsi, com ragionevole e indispensabile, ai primi passi rigorosamente determinati con cui la Societ procede: confidare nella sapienza di lei, comessa confida nello Spirito Santo, nelle cui mani posta dalle orazioni dei membri: non oltrepassare le incombenze e le facolt ricevute dalla Societ: conservare una segretezza oltre ogni limite scrupolosa. 2. Ogni membro deve prestare il giuramento di fedelt, segretezza, ed estremo attaccamento alla medesima: deve considerare la causa di lei come la causa di Cristo: prepararsi a soffrire per tal causa. Senza questa risoluzione nessuno degno n di Cristo n della Societ. 3. Ognuno dei membri, per mezzo del suo Capo od Aggregatore, ha il diritto e il dovere di comunicare alla Societ tutte le cognizioni chegli potesse credere vantaggiose al noto fine. 4. Finalmente, dovendosi tutti i Soci considerare come un tutto unico, sacro dovere dogni membro sostenere e promuovere qualunque altro membro conosciuto, colla massima energia. Ed invero leffetto utile della Societ, cio il trionfo della religione, non pu raggiungersi se i membri stessi di essa non hanno la prevalenza su coloro che invece osteggiano e insidiano la cristiana religione. Questo reciproco sostenersi e aiutarsi, beninteso, deve non mai, assolutamente, ledere i diritti sacrosanti del giusto e dellonesto: se si tradisse la Moralit, la Societ stessa, che ha per fine appunto la moralit, tradita. Con queste norme, sacrificate tutte le accidentali differenze al vincolo universale, fra i Membri della Societ si avr ununione fortissima.

L La ad diis sc ciip plliin na ad de ell s se eg gr re etto o


Vi abbiamo gi accennato di passaggio: ora un po pi diffusamente, a vederne lestensione e lapplicazione, e a indicare i motivi, che rendevano del tutto necessaria la pi grande segretezza. Prima di tutto da ritenersi, secondo il Rosmini, di capitale importanza per lesistenza, e loperazione della Societ. Il segreto poi vuol essere tanto stretto, che il Membro-Ordinario non dovr conoscere altro Superiore che lUrbano da cui dipende, e lUrbano non conoscere altro che il suo Provinciale, e questo il suo Nazionale, e questo finalmente il suo Imperiale, e nessun altro.

13

Societ degli Amici (Charitas 1931)

Gli estranei poi alla Societ, cio la materia greggia su cui essa ha da svolgere la stia azione, la massa dei cristiani, quelli che il Rosmini chiama Macchine, cio macchine inerti a cui deve imprimersi il moto dai Motori, o Soci, o Membri effettivi, non ne devono sapere minimamente lesistenza. Quindi conservino tutti religiosamente il loro sigillo: anzi allo scopo di tener la Societ pi gelosamente celata, si raccomanda che nessuno debba tener nessuna carta presso di s, in cui si nomini la Societ, ma deve tutto conservare in mente; la corrispondenza poi di cose importanti dovr essere, quanto si pu, di persona, non risparmiando n glincomodi, n la spesa dei viaggi. E ove occorresse mettere le cose per iscritto, le cose tutte che si possono scrivere senza che, lette da un terzo, sia svelata, od almeno congetturata, una Societ, si scrivano lberamente: le altre cose con un GERGO tale, che leggendo neppure alcuno saccorga dellesistenza dun gergo. Le unioni parimenti siano fatte cos cautamente, che non diano sospetto di occulta societ.

L Le er ra ag giio on nii d de ell s se eg gr re etto o


Secondo il Rosmini le ragioni del segreto si riassumono in una prudenza, che quella stessa colla quale si debbono dirigere tutti gli uomini secondo lo spirito dellEvangelo: e perci molto pi qualunque Congregazione di uomini, che deve esser retta da norme generali, alla diversit dei suoi membri accomodate. Prudenza eccessiva, troppo umana? No. Si pensi ai tempi chi erano allora, ai luoghi dove la Societ avrebbe avuto a costituirsi e a operare, alla perfidia dei nemici della religione. Scoprire troppo leggermente le proprie batterie, un darsi in preda al nemico. Siamo in tempi - scriveva il Rosmini all'Amico Giovanni Stefani nell'affidargli l'incarico di aggregare il Brunatti di Brescia - in cui il demonio si muta in angelo di luce. Ed ancora: Il nascondersi ai cattivi per loro giovare come fa la nostra Societ, ben diverso dal nascondersi ai buoni per loro nuocere, come fanno le Societ segrete. No: segreta non la Societ, ma solo prudente . Questa gelosa segretezza voluta dal Rosmini per la Societ degli Amici fa in vero un singolare contrasto con ci che avveniva in Piemonte, dove lAmicizia Cattolica operava svelatamente, cercando anzi di chiamare su di s lattenzione delle genti, e vantandosi della protezione del Sovrano. E si capisce: tirava unaria diversa. Del resto il Rosmini se voleva il segreto con tutti, faceva per uneccezione: i Vescovi, e le stesse Podest civili, a cui pensava che la Societ sarebbe stata bene accetta. Certo silludeva, almeno quanto ai Poteri civili: gli occhi lincei, diffidenti della imperiale Polizia non potevano credere ad intenti cos puri e disinteressati, come quelli del Rosmini e della sua Societ. Per questo non cessarono di vedere in lui un settario, e di trattarlo come un carbonaro, e peggio. Ma egli, assicurato da sua coscienza, - La buona compagnia che luom francheggia, Sotto lusbergo del sentirsi pura, - sdegnosamente ad ognuno ripeter: No, segreta non la Societ, ma solo prudente!.

G Gllii A Am miic cii n no on ns so on no oS So oc ciie ett s se eg gr re etta a333


Abbiamo detto che quella del segreto era per la Societ una questione grossa. Il Rosmini ne vedeva lassoluta necessit: altri, pure molto zelanti e benevoli a lei, arricciavano il naso, non per la cosa in s, ma per gli ostacoli che sarebbero sorti contro la Societ, causa la diffidenza a cui avrebbe dato occasione, a ragione o no, la disciplina del geloso segreto. Non si pu dar torto a questi: il solo sospetto, la sola parola di Societ segreta puzzava le mille
3. In Charitas. Bollettino mensile , aprile 1931, p. 100-104.

14

Societ degli Amici (Charitas 1931)

miglia lontano, per buoni cattolici e fedeli sudditi come loro. Ma non si pu dar torto neppure al Rosmini: perch in vista appunto dei tristissimi tempi la pi prudente riservatezza, e quindi, naturalmente, il segreto pi geloso, erano imposti, se non si voleva stroncare lopera gi pure in sul nascere. Ad ogni modo il Rosmini, come abbiamo visto, negava recisamente che la Societ degli Amici si meritasse lappellativo di Societ segreta: perch; da buon ragionatore quale era, studiando la natura di quella e di queste, vi riscontrava delle essenziali e profonde differenze, che esponeva con gran calore nella Istruzione II a Giovanni Stefani, datata da Rovereto il 21 settembre 1820. Esponiamole qui, servendoci per lo pi delle sue precise parole.

D Diif ff fe er re en nz ze e ttr ra ag gllii A Am miic cii e e lle eS So oc ciie ett s se eg gr re ette e


La prima differenza, secondo il Rosmini, questa: che le Societ segrete fanno agire i loro membri alla cieca, mentre principio della Societ degli Amici di farli agire in pieno lume. Nessun membro - cos egli - pu essere obbligato a fare un passo senza che a lui sia resa la ragione del medesimo: pu proporre tutti i suoi dubbi se mai navesse, prima di operare, e tutti gli vengono sciolti. E se dopo ci egli ancora avesse difficolt, basta che ne avverta la Societ, che ella non lo costringe menomamente . E commenta: Chi non ha un tale energico spirito e fervore, che arda per servir Cristo e la Societ, dopo vista la luce, questi un membro indegno di s virtuosi offici. E lo stesso si dica di quelli che fossero pigri e inerti, o per la fatica dellopera, o per lamore al denaro, o per altri bassi e vili sentimenti, da cui si deve aborrire. Poich, soggiunge insistendo su questo suo prediletto tema della generosit e del sacrificio, Tutto si vuol sacrificare quando si vede di farlo per la vera virt, per la carit di Dio, per la carit delluomo. E chi non ha tale generoso spirito se ne stia fuori. Ma una seconda e pi grave divergenza nei riguardi delle Autorit ecclesiastiche e civili. Le Societ segrete si celano in ogni pi astuta maniera alla Chiesa e al Governo: alla Chiesa, essendo la Chiesa fortezza che tendono di prendere; alla Podest civile, essendo loro scopo di sovvertire qualunque Superiore che alle loro passioni metta freno. Tutto lopposto avviene per la Societ degli Amici. Figlio devotissimo della Chiesa, nel cui governo vedeva e venerava presente la Sapienza di Dio, poteva neppur lontanamente cadergli nellanimo di fare cosa che non fosse in tutto e per tutto sottoposto alle direttive di quelli che Dio mise Dottori e Rettori della universale Societ dei credenti. E che voleva infatti il Rosmini coi suoi Amici, se non appunto servire la Chiesa con un manipolo di persone pi sinceramente e pi profondamente ripiene dello spirito di Ges Cristo? Quanto ai poteri civili da sapere che se pi tardi il Rosmini, con pi ponderato esame delle ragioni dei popoli, inclin alla pi ampia libert come ad una sacrosanta giustizia e mezzo ad un pi vero progresso, da giovane, cresciuto in un ambiente quanto mai legittimista e reazionario, aveva tutti i pi bei sentimenti di un fedelissimo suddito dellImpero. Ricordo, a conferma di questo, lelogio che proprio in quel tempo. dando mano a scriver di politica, faceva della Santa Alleanza, e delle sante intenzioni di quei Principi che vi presero parte.

R Re ella az ziio on nii d de eg gllii A Am miic cii c co oii P Po otte er rii e ec cc clle es siia as sttiic cii e ec ciiv viillii
Ecco dunque colle parole stesse del Rosmini le relazioni che avrebbero stretto gli Amici coi Poteri ecclesiastici e civili. Quanto ai primi, principio di questa Societ di svelarsi, col dovuto ordine per, alla Chiesa. I pi santi e i pi dotti Vescovi devono essere i GIUDICI della Societ stessa: debbono decidere se il suo spirito retto, se la sua condotta della vera o falsa prudenza. E non solo ai Vescovi, ma la Societ si appella anche 15

Societ degli Amici (Charitas 1931)

ai Sacerdoti della pi specchiata virt, quando congiungano lumi di dottrina. Per riguardo poi alla coscienza dei Soci ogni membro potr nel Confessionale discorrere e discutere sulla sicurezza della medesima Societ col proprio Direttore spirituale, non per fuori. I Vescovi possono, volendo, far parte della Societ: e con essi si dovr usare un procedimento speciale: cio presentando loro chiaramente il progetto della Societ, e richiedendo il loro consiglio e i loro lumi. Entrerebbero nella Societ non come inferiori da guidarsi, ma come Guide e Maestri delle anime, quali sono per divino mandato. Anzi tanta la riverenza verso di essi prescrittasi dalla Societ, che Se i Pastori della Chiesa e gli uomini di maggiore spirito giudicassero la Societ stessa sospetta o pericolosa, essa si discioglierebbe sul punto. Insomma - conclude il Rosmini - questo lo spirito della Societ, di sottomettersi, in tutto e per tutto, non solo alle decisioni e ai comandi, ma ben anche ai consigli degli uomini pi risplendenti nella vera piet e dottrina, da cui deve esser formata. Questo linguaggio di umilt e di fede. Quanto poi ai poteri civili, ecco come ne scriveva il Rosmini sempre nella citata Istruzione II a Giovanni Stefani: La Societ, avendo uno scopo direttamente opposto a quello dei sovvertitori dellordine, ha per suo principio di manifestarsi al Governo. Sa di certo di essere da lui protetta, come quella che sottomessa a tutte le sue leggi, essendo questa sottomissione anche dovere di religione, e come quella che altro non desidera se non di conservare il perfetto ordine non fattosi colla sua testa, ma fatto dai legittimi superiori: insomma dinstillare nel popolo la cristiana ubbidienza e amore al proprio Sovrano. Non c proprio nulla di rivoluzionario o di insidioso nella mente del Rosmini. Nessuno poteva parlare con pi convinzione e fedelt: e diciamolo pure, con una maggior dose di santa ingenuit. Sapeva di certo di esser protetto dal Governo! Lodevoli, senza dubbio, i propositi del Rosmini, e sinceri: ma i Governi sono per natura diffidenti, e il Rosmini ne doveva far lesperienza personale. Per, bench sapesse di certo che la Societ avrebbe avuto, cio dovuto avere, dati i suoi scopi cos giusti e utili, la protezione dei Governo, continuando il Rosmini chiosa: Che se il nostro Sovrano proibisse questa Societ, il che sembra possa essere, essa punto non resiste; ma immediatamente si annulla. Vedi quello che successe pi tardi, nel 1832 - 36, collIstituto della Carit in Trento. E soggiunge: Questa Societ non fu ancora manifestata al Sovrano nostro: ma questo si far quanto prima si potr, e sarebbe stato fatto se si avesse potuto mettere in pratica il piano di lei, e si avesse trovata una persona, che di tale ambasciata si fosse incaricata.

D Diif ff fe er re en nz ze eq qu ua an ntto oa aii p pr riin nc ciip pii e ea all f fiin ne e


Finalmente differisce, ed in maniera assoluta, irreconciliabile, la Societ degli Amici dalle Societ segrete quanto ai principi e al fine, che ne costituiscono il fondamenta e lo scopo. Quanto ai principi: poich norma delle Societ segrete di tenere nascosti i loro principi di morale, diversi, non v dubbio, da quelli della religione cattolica: la nostra Societ invece ha i principi del Vangelo. Quindi ella incombe ai suoi membri di predicare sui tetti tutto quello che Ges Cristo comand di predicare veramente sui tetti, cio il suo Vangelo. Che se un membro si vergogna di Cristo, egli traditore della nostra cristiana societ. Quanto al fine della Societ degli Amici quale mai fuori di quello di rendere buoni i cattivi, e perci mettere luce dove era tenebre? Quale il suo desiderio fuori che mettere, se fosse possibile, luce in tutto il mondo, affinch da tutto il mondo potesse esser veduta?. Non occorre dire che ben altro il fine delle Societ segrete. Che se la nostra Societ, che pure vuol fuggire le tenebre e cercare la luce , quanto al suo modo di agire cerca di sottrarsi agli occhi dei cattivi, che ne potrebbero ostacolare in ogni modo 16

Societ degli Amici (Charitas 1931)

lazione, non deve far meraviglia o destare sospetti e diffidenze, perch il nascondersi ai cattivi per loro giovare, come fa la nostra Societ, ben diverso dal nascondersi ai buoni per loro nuocere, come fanno le Societ segrete. E dunque segreta non la nostra Societ, ma solo prudente!

R Ra ag giio on nii c ch he eg giiu us sttiif fiic ca an no o lla as se eg gr re ette ez zz za a


Ed ecco esempi solenni che giustificano tale prudenza. 1. Cristo comanda appunto - scrive il Rosmini - questa prudenza di serpente, che si nasconde fra lerba per non essere veduto, e che intromette la sua testa fra i sassi per non essere ucciso. Cristo evitava la persecuzione nascondendosi. Il Vangelo stesso, che pure deve predicarsi sui tetti, fu da Cristo prima detto IN TENEBRIS, cio in privato, e nel segreto della sua stanza va bene che il predicatore del Vangelo mediti ed prepari quel discorso che deve a tutti far sentire. 2. La Chiesa Santissima e prudentissima insegn luso di questa santa segretezza colla scienza dellArcano, che usava nei primi secoli, perch i Misteri di Ges Cristo non fossero profanati e impugnati dai gentili, e si avesse come indegno ed infame quegli che li svelasse loro. 3 La saggezza dei Principi, che danno molte volte il giuramento di segretezza ai loro Ministri, insegna lo stesso: e il nostro venerabile Pontefice usa questo atto di religione per garantire dalle chiacchiere popolari e da tutti i disordini che dallessere a tutti note certe cose avvengono, mettendo un sigillo di segretezza infrangibile alle discussioni e trattati che si fanno nei diversi suoi tribunali. 4. Tutti gli uomini prudenti sono riservatissimi nel parlare, e segreti: e cos da farsi col mondo. Poich nolite proiicere margaritas ante porcos, disse Cristo. Per noi la disciplina del segreto e le giustificazioni che il Rosmini ne dava, non hanno pi che un valore storico e psicologico: ma il calore e linsistenza con cui ne scrisse ci debbono convincere sia della persuasione che egli ne aveva come di cosa assolutamente necessaria, sia della chiara visione non meno delle difficolt che prevedeva dover riscontrare presso molti che della tristezza delle circostanze, poich, concludeva, siamo in tempi in cui il demonio si muta in angelo di luce. Onde si sono riputate bisognose queste s chiare ed evidenti ragioni che giustificano la condotta della Santa Societ nostra, per toglier via dallanimo dei prudenti ogni ombra di sospetto.

A Az ziio on ne ed de elllla aS So oc ciie ett s su uii p pr ro op pr rii m me em mb br rii


Trattenutici lungamente, e abbiamo detto il perch, su un punto essenziale della disciplina interna ed esterna della Societ, passiamo a completare lesposizione di ci che il suo organismo e la sua attivit. Come s visto, per glIniziati la Societ degli Amici esclusivamente una Societ dazione cattolica, possiamo dire addirittura una Societ religiosa composta di ogni specie di membri. E questo perch desume la sua natura dal fine sacro ed essenzialmente religioso, il servizio della Chiesa e la gloria di Dio. Ma a Cristo e alla Chiesa tutto subordinato, tutto deve quindi servire ad essi: il sapere, la politica, le ricchezze, le lettere, le scienze etc. La Societ ha di mira tutte queste cose, per tutte indirizzarle a Cristo e alla Chiesa. E perci, nella sua configurazione esteriore, la Societ si pu mostrare in diversi aspetti, ed apparenze e forme, come vedremo: ma tutte queste forme devono essere vere, cio avere per fondamento, norma, fine la verit. una Societ PROTEIFORME: ma per i membri effettivi, a cominciare dai membri Ordinari, o dallultima classe, fino alle pi alte gerarchie, i membri Imperiali, essa unicamente e sempre si rap17

Societ degli Amici (Charitas 1931)

presenta nella sua forma essenziale di societ sacra; nella qual forma esistono tutte le altre sue forme possibili come accidenti.

A Az ziio on ne ed de elllla aS So oc ciie ett s so op pr ra ag gllii e es sttr ra an ne eii


A contatto cogli estranei, - ma propriamente, come s detto, la Societ non considera nessuno come a s estraneo, ma tutti gli uomini come membri in potenza, come membri da conquistare, come materiale da lavorare, - non saranno mai le alte Gerarchie della Societ, bens solo ed esclusivamente i Membri Urbani e i Membri Ordinari. Membri Urbani e Membri Ordinari costituiscono, per dirla col Rosmini, le estremit di cui si serve la grande Societ per agire al di fuori, le mani e i piedi della Societ. La loro relazione coi Superiori nascosta a tutti, un loro segreto: per altri, che non siano i loro Superiori, formano, ciascun Urbano coi suoi affiliati, come tante Societ a s stanti, e come tali svolgono, operando collettivamente, la loro azione esteriore. Varie le Societ che potrebbero, a seconda delle circostanze di tempo, di luogo, di persone, costituire tra di loro. In un luogo potrebbero essere semplicemente una Societ amichevole, - amichevole nel senso ordinario, diverso da quando si riferisce lepiteto di amichevole alla Societ madre, - senza una stabilit e pattuita unione. Altrove potrebbero presentarsi sotto forma di Societ civile, che si propone di ben dirigere gli affari di una citt, o altro civile interesse. Qui potrebbero costituire una Societ politica, che si prefiggesse di dare una peculiare assistenza al proprio Sovrano, ovvero di vigilare nei debiti modi sopra il benessere della repubblica; e dove finalmente come una Societ scientifica, allo scopo di promuovere il rinnovamento delle scienze, lettere ed arti.

C Co olllla ab bo or ra az ziio on ne ed dii ttu uttttii


evidente che a una Societ di tale o consimile natura potranno cooperare non solo i Membri effettivi, Urbano e Ordinari, ma ogni qualit di persone: cio quelli che abbiamo detto chiamarsi Membri-Macchine. Anzi da attirarveli, e da far s che vi prendano vivo interesse. Star poi nellavvedutezza, nella sapienza e nel buono spirito dellUrbano e dei Membri Ordinari, che debbono sempre aver di mira il vero e supremo scopo della Societ, limprontare, la vita e lopera di queste particolari associazioni, di sani e religiosi principi, e di indirizzarle al bene superiore della Chiesa di Cristo. Preparato cos lambiente, e create buone disposizioni di animo, si potr prender quota, ridestare lamore e lo zelo della religione, e a questo o quel membro-macchina, secondo lopportunit, e il desiderio e la prontezza loro di unirsi maggiormente allopera, svelare il vero essere della Societ, presentandola come Societ religiosa di azione e vita cattolica. E cos la cortina misteriosa si leva intieramente davanti agli occhi di questa tal macchina, che cessa desser macchina, per ci appunto, e diventa membro veramente della Societ, mediante laggregazione.

N Na attu ur ra ad de elllle eS So oc ciie ett p pa ar rttiic co olla ar rii444


La Societ degli Amici, abbiamo visto, PROTEIFORME: pu prendere, davanti agli occhi dei profani, le forme pi diverse, dalla politica alla letteraria e tipografica, e come tale svolgere la sua attivit. Ma tali Societ particolari, nate e cresciute e operanti nel seno della Societ degli A4. In Charitas. Bollettino mensile , maggio 1931, p. 141-145.

18

Societ degli Amici (Charitas 1931)

mici sotto la direzione del Membro Urbano e dei suoi diretti dipendenti, non a credere siano concepite dal Rosmini in maniera meschina. Anzi, avranno il pi ampio respiro, e gran libert dazione, e la pi larga estensione, in modo che si potranno, a loro volta, unire ad altre Associazioni analoghe di altre citt, e formare un tutto imponente. Queste Societ accidentali - dice il Rosmini - non sintendono gi ristrette ad una sola citt: ma anzi ciascuna di esse diffusa per tutto il mondo, e cos unita e compaginata in s, che ciascuna una grande Societ, di egual forma e grandezza come la religiosa. La quale, teniamo presente, tiene occulto solo ad tempus il suo vero essere, cio aspettando il tempo propizio per palesarsi a tutti indistintamente e operare in piena luce, e intanto manifestandosi come tale solo ai veri suoi Membri, fidati; ma, pur cos occulta e ignorata dai non affiliati, a tutte le Societ presiede, e tutte le dirige, vivificandole interiormente del suo spirito. Esse poi hanno come loro scopo supremo di giovare alla Societ religiosa. Il Rosmini ci dichiara meglio il suo pensiero, prendendo ad esempio una Societ scientifica. Una tale Societ comunemente fondata per puro amore del sapere, senza alcun scopo superiore a se stessa: essa fine a se stessa. Ma non sar cos, ove siano gli Amici a promuoverla: per questi la Societ scientifica sar propriamente un mezzo, certo nobilissimo ed efficacissimo, ma solo mezzo ad un fine superiore. Tutto sta nellabilit di chi se ne far promotore, cio del Membro Urbano. Per innalzare subito gli animi alle sfere superiori, egli dovr gettare dei principi ben saldi: e sar suo dovere di trarre tutti gli uomini a pensare a fare quelle cose che sono vere, modeste, giuste, sante, amabili, lodevoli, a norma del precetto dellApostolo, e per questi e su questi alti principi fondare la Societ letteraria o scientifica. Bisogna che ne sia persuaso lui profondamente, se vuol comunicare ad altri la stessa persuasione, per averli collaboratori. Avviata una Societ particolare qualunque, poniamo la Societ letteraria di cui si parlato, e ben organizzata e rinsaldata, potr stabilire delle relazioni con altre societ analoghe avviate da altri Membri Urbani. Queste poi potranno riconoscere un capo o presidente comune, il Provinciale; e pi societ sparse in molte provincie potranno a loro volta dipendere da un Presidente Nazionale, e pi Societ nazionali riconoscere un capo unico in un Presidente Imperiale. Cos si viene a formare tutta una catena di Societ, dipendenti le une dalle altre, e tutte culminanti in una sola, tutte sottoposte ad ununica Autorit suprema, che colle sue direttive giunge fino agli ultimi strati mediante una ben congegnata gerarchia. Una Societ letteraria, o daltra indole, cos impostata verr ad avere la stessa estensione che la madre Societ degli Amici, in cui nata e da cui invisibilmente diretta, e a cui alla fine ogni Societ subordinata. Anzi per i dirigenti capi le due Societ coincideranno, non saranno che una Societ sola, cio religiosa: per i membri pi lontani invece, per gli estranei, per le cos dette Macchine, sar sempre nulla pi che una comune Societ letteraria, avente uno scopo immediato ben preciso: come sarebbe unedizione di Classici, la compilazione di unEnciclopedia, etc. Cos per qualunque altro tipo di Societ.

A Attttiiv viitt I In nd diiv viid du ua alle ed de ellllU Ur rb ba an no o


Abbiamo accennato pi volte alle funzioni del Membro Urbano della Societ degli Amici. Evidentemente gli Urbani hanno, nello sviluppo dellopera benefica della Societ, unimportanza grandissima. In una citt la Societ ha assicurato il successo se vi una persona intelligente, attiva, prudente, zelante. luomo che si richiede dal Rosmini: i migliori ordinamenti, senza luomo, non 19

Societ degli Amici (Charitas 1931)

valgono, praticamente, nulla. Oltre quindi a lavorare nella Societ eventualmente stabilita, letteraria, scientifica, civile, etc., cogli altri Membri Ordinari ed estranei, lUrbano dovr svolgere una grande attivit individuale, indirizzata a questi due scopi: 1. Erigere delle Societ particolari, senza patto, e fuori affatto della nostra; 2.. Servirsi di quelle che trova gi istituite, alla propaganda e difesa degli ideali religiosi propostigli dalla Societ degli Amici. La prima cosa dipende tutta dalla prudenza e destrezza dellUrbano: una persona che sa e vuole fortemente pu assai. Anche la seconda sta tutta nellautorit che colla sua saggezza avr saputo acquistarsi. Nelluno e nellaltro caso, ecco quanto il Rosmini caldissimamente gli raccomanda: 1. Essendo Ges Cristo il nostro Modello, lApostolo dovr farsi tutto a tutti, non vivendo minimamente per se stesso, ma per i bisogni degli altri. 2. La dottrina che egli dovr spargere dovr essere sicurissima, e studiata continuamente, specialmente in SantAgostino e San Tommaso. 3. Quanto poi alla piet, dovr studiare i vari spiriti dei Santi, e adattarli con una discrezione illuminata alle varie persone. 4. Spirito prediletto e caratteristico della nostra Societ sar la SERENIT DELLA MENTE E QUIETE DEL ottenuto per un continuo esercizio di mortificazione interiore. Questo lo spirito di San Francesco di Sales, lo studio delle opere del quale si promuover in particolar modo.
CUORE,

Si noti la sapienza di queste quattro semplicissime massime. La carit pi disinteressata, e l'esercizio di essa spinto fino allestremo sacrificio: carit, che non conoscendo limiti, potr attuarsi specialmente o col dissipare errori, prevenzioni, difficolt dalle menti degli erranti e sostituirvi sane e provate dottrine, o col guidare le anime allacquisto di una maggior perfezione: e tutto questo in serenit di mente e quiete del cuore. Bel programma, attuato effettivamente dal Rosmini per conto suo, come pu rilevarsi dal seguito di tutta la Sua vita. Un rilievo speciale merita lavvertenza che la dottrina da spargersi dovr essere sicurissima, e studiata di continuo specialmente su S. Agostino e S. Tommaso. Anche nellIstruzione del 13 ottobre 1820 ai Soci Udinesi torner a ripetere che per gli studi si studier di erigere SantAgostino e San Tommaso COME DUE COLONNE SU CUI INCOMBA LEDIFICIO SCIENTIFICO. Se si pensa al tempo che sera, quando gli studi teologici erano cos inclinati a teorie pericolose (giansenistiche), non si potr negare che Rosmini aveva buon fiuto nellindicare i due supremi Maestri della teologia cattolica. Si avverta anche che, forse per aiutare i Soci Amici allo studio dei due Santi Dottori, il Rosmini intraprendeva in quellanno stesso una traduzione della Somma Teologica di S. Tommaso, e due anni dopo (1823) un trattato di introduzione alla filosofia dellAquinate, progettando nel contempo un analogo trattato per la filosofia di S. Agostino. Questi erano i Maestri in teologia e filosofia: per l'ascetica, il Maestro era S. Francesco di Sales, col quale Rosmini ha pi punti di contatto, e nella vita e nelle dottrine spirituali. Specialmente hanno in comune, singolare caratteristica del Savoiardo e del Roveretano, lo spirito di una grande serenit di mente e quiete del cuore ottenuto per un continuo esercizio di mortificazione interiore.

R Riic cc ch he ez zz ze ed de elllla a S So oc ciie ett


Data lampiezza di cui doveva esser capace la Societ degli Amici, molti e grandi dovevano essere anche i mezzi di cui disporre. Tuttavia il Rosmini reputava che vera ricchezza per la Societ, 20

Societ degli Amici (Charitas 1931)

anzi che il cumulo di un capitale-moneta pi o meno ingente, sarebbe stata la dotazione, la maggiore possibile, delle cose necessarie o vantaggiose alla medesima: librerie, gallerie di quadri e oggetti vari di arte, gabinetti di fisica, astronomia e Scienze Naturali, archivi, tipografie: anche la Cassa finalmente, o denaro liquido, in quanto indispensabile per le varie imprese delle Societ stessa.

L Liib br re er riie e,, G Ga alllle er riia ad da ar rtte e,, G Ga ab biin ne ettttii d dii s sc ciie en nz ze e
Quello che si dice delle Librerie varr anche per le Gallerie e i Gabinetti. Ognuno dunque dei Dirigenti della Societ - Membri Imperiali, Nazionali, Provinciali, Urbani - avr una libreria adeguata alle necessit della Societ, in quanto vive, si sviluppa, opera intorno a lui e sotto la sua direzione. Alla formazione di tale libreria (Urbana, Provinciale, Nazionale, Imperiale) dovr attendere in primo luogo il Dirigente stesso coi suoi mezzi, e poi i Soci da lui dipendenti con denaro, con donativi, con opere proprie, etc.; poich la libreria dovr servire appunto agli Amici tutti della circoscrizione. Raccogliere una Biblioteca, anzi una o pi grandi Biblioteche, non impresa da poco e poco costosa: il Rosmini suggerisce un sistema, che non so se sia molto pratico, ma certo ingegnoso, e vale la pena di conoscerlo (Istruzione per i Soci di Udine, loro comunicata dallAggregatore e Urbano Don Carlo Filoferro, in data 13 ottobre 1820). Nellatto dellaggregazione ciascun Socio dovr consegnare il catalogo della sua particolare biblioteca al suo Aggregatore, il quale avr cos, mediante tali cataloghi, piena conoscenza di tutti i libri che sono nelle mani dei Soci da lui dipendenti: e ne potr fare un Catalogo Generale. Il Rosmini prescrive minutamente come debbono esser fatti i Cataloghi particolari: ogni libro notato in una particolare scheda (di cui indica la grandezza), e vuole che sia notato molto diligentemente, sia per la chiarezza della scrittura, come per le qualit dellopera, trascrivendo di ciascuna il frontespizio collAutore, stampatore, anno di stampa, formato, numero dei tomi, i difetti dei singoli esemplari. Ogni scheda deve portare in fronte a carattere romano il numero che porta il Socio nellElenco dei Soci che giace presso lAggregatore, perch si sappia dove e presso chi si trovano i volumi. Ordinate le schede di ciascuna biblioteca alfabeticamente, e disposte in cassette (il Rosmini le vuole tutte identiche, senza orli o sporti di sorte alcuna), si consegneranno allAggregatore, il quale proceder alla cernita e al confronto di tutte le schede, disponendole in un unico ordine alfabetico, lasciando da parte i doppi (indicando per dove e presso chi si potranno eventualmente avere), e formando cos quel Catalogo generale, che deve essere uno dei mezzi di lavoro per i Soci. Poich questi, abbisognando di un libro che non hanno nella loro Biblioteca particolare, ricorrono allAggregatore; e se c nel Catalogo, si sapr a chi rivolgersi per averlo. Il Socio poi che possiede un libro godr molto di poterlo prestare, mandandolo anche lontano, fosse pure con pericolo di smarrirlo. Per il semplice fatto dellaggregazione, tutti i libri di tutti i Soci debbono essere di piena comunanza: e cos ciascuno di noi viene ad avere una grandissima biblioteca, tanto necessaria per gli studi.

T Tiip po og gr ra af fiie ed de elllla aS So oc ciie ett


Naturalmente, avendo la Societ per scopo di far conoscere ed amare la religione di Ges Cristo, avrebbe dovuto servirsi largamente di uno dei mezzi pi facili ed efficaci per la santa propaganda: la stampa. Nel piano del Rosmini disegnata tutta unampia rete di stamperie appartenenti 21

Societ degli Amici (Charitas 1931)

alla Societ. Doveva essercene una o pi presso ciascuno dei Membri imperiali, nazionali, e provinciali: sintende non stamperie di questa o quella persona, ma stamperie della Societ. Quindi tante Societ tipografiche, od una sola Societ con tante tipografie in ogni centro dunione. Ognuno poi degli Amici si obblighi a far stampare i suoi lavori presso tali tipografie. Sar cura dellUrbano il sollecitare ed indirizzare ad esse i Soci. In quei luoghi dove lUrbano anche Provinciale, i Soci Ordinari conosceranno le tipografie della Societ come tipografie presso lUrbano, perch per essi lUrbano solo tale, e non deve essere neppur conosciuto come Provinciale. Parlando di quanto fece il Rosmini per iniziare almeno lattuazione del suo grandioso progetto della Societ degli Amici, vedremo anche quanto abbia insistito specialmente per lavviamento di una Societ Tipografica nel Veneto.

G Gllii A Ar rc ch hiiv vii e e lla aC Ca as ss sa ad da alllla aS So oc ciie ett 555


Ancora un cenno, per compiere la lunga e minuta esposizione che abbiamo fatto dell'organismo della Societ degli Amici, sugli Archivi e la Cassa della Societ stessa. S detto che era prevista negli Statuti una libreria o biblioteca e una tipografia presso l'Urbano, il Provinciale, il Nazionale, lImperiale. Presso i medesimi doveva esserci anche un Archivio, nel quale conservare le notizie mandate dai corrispondenti ed utili a conservarsi, la corrispondenza di almeno tre anni, il catalogo, e le qualit dei Soci, gli Indici delle librerie, tipografie, etc., della Societ. Quindi Archivio urbano, Archivio provinciale, etc. Presso lImperiale poi lArchivio generale di tutta la Societ. Dove fosse lArchivio, solo il Segretario doveva saperlo. Anzi per occultare meglio lesistenza della Societ, quando uno dei membri fosse entrato nellufficio di Segretario, gli si sarebbe rilasciata per scritto una dichiarazione testificante che tutto lArchivio era non di una Societ, ma propriet personale del Segretario stesso. Si noti il grande valore di questo provvedimento. Alla morte di un Dirigente, per es., dell'Urbano, la vita della Societ non avrebbe subito nessun arresto n le propriet corso alcun pericolo: il Segretario figurava come proprietario legale, il tutto era nelle mani sue, da trasmettersi al nuovo Gerarca. Quanto alla Cassa, abbiamo detto che essa era lultima, bench indispensabile, delle ricchezze della Societ. Si sarebbe dovuta formare con questi cespiti: a) il contributo annuo di cinque o sei lire italiane da parte di ciascun Socio, che ne avesse la possibilit b) i lavori tipografici; c) la vendita di buoni libri, che doveva stare a cuore di tutti i Soci; d) quelle speculazioni particolari che si fossero ritenute opportune o necessarie ai bisogni della Societ. Anche le Casse sarebbero state presso i singoli Capi della Societ, nel luogo stesso degli Archivi: dovendo passare, in caso di morte del Gerarca, insieme con questi nelle mani del Segretario, e poi del nuovo Capo. inutile dire che il Rosmini, con quella cura dei particolari che gli era cos propria, esige una perfetta tenuta di avere e di dare, annotandosi per quello le offerte, il nome degli offerenti, la data e il quanto delloblazione o del provento, e per questo il quanto, il quando, il come, il perch della spesa, e la lettera colla quale il Cassiere stato dallAggregatore o Gerarca il quale solo pu disporre del denaro della Societ, autorizzato a distrarre qualche somma.
5. In Charitas. Bollettino mensile , giugno 1931, p. 170-175.

22

Societ degli Amici (Charitas 1931)

V Viitta ad da alllla aS So oc ciie ett


Questo il piano della Societ, desunto da documenti tutti di pugno del Rosmini, e il pi delle volte usando le proprie parole di lui. Ognuno pu vedere quanto vi sia di buono, cio di generoso e di nobile: altri potr rilevarne i difetti. Per giudicarne rettamente, bisogna riportarsi alle stesse precise condizioni di ambiente, di uomini, di cultura, di atmosfera politica e religiosa, in cui si trovava il Rosmini. Altrimenti si prendono delle cantonate. Quello che si vuole osservare si che si tratta di un progetto assolutamente originale, perch scritto gi prima del 27 settembre 1819, cio parecchio tempo prima di aver sentore di societ analoghe a Torino e a Roma; piano di azione e di battaglia sgorgato tutto dalla sua gran mente, e pi dal suo cuore, e ispirato unicamente a quellamore della religione di Cristo e a quello zelo della salute delle anime, che glinfiammavano il giovane e puro cuore. Per parte sua il Rosmini si adoper di vivere la vita della Societ, e di farla vivere in vari centri, Rovereto, Verona, Brescia, Padova, Udine, Venezia; e vedremo come.

L La aS So oc ciie ett d de eg gllii A Am miic cii iin nR Ro ov ve er re etto o


Viene da s che le prime manifestazioni di vita della Societ si abbiano in Rovereto e nella vicina Trento. Bench gli Statuti della Societ siano stati scritti dal Rosmini nel massimo segreto, e il Patto dalleanza non unisse che tre soli Soci, cio Rosmini stesso, Giuseppe Bartolomeo Stoffella Della Croce, e Sebastiano De Apollonia, non improbabile che qualcosa ne sia trapelato anche ad altri. Lascio che i pi puri e santi affetti sono fioriti per il Rosmini nella sua citt natale in quel candore di una giovinezza tutta abbellita dallinnocenza e dalla religione: ma gi possiamo considerare come prodromi e preparativi alla Societ degli Amici le piccole Societ letterarie imbastite anni prima: e specialmente lAccademia Vannettiana. Ma della giovinezza roveretana dei Rosmini credo ci siano pi cose a dire, che non cadano propriamente qui, e che potranno dare argomento ad unutile ricerca in avvenire. Per attenerci dunque alla Societ degli Amici, possiamo annoverare con tutta sicurezza tra i Soci effettivi, Don Francesco Guareschi (gi pedagogo del Rosmini fanciullo, che rimase sempre un bravo e rispettoso discepolo, e gi celebrato per tutta Europa, continu ad usare verso il buon prete da tutti ignorato il titolo di Signor Maestro), Don Luigi Sonn, Don Simone Tevini, Don Pietro e Don Paolo Orsi, Francesco Marsilli, Padre Giovampio Dalla Giacoma dei Minori Riformati, oltre al gi citato Stoffella, uno dei tre fondatori. Altri che con ogni probabilit vi presero parte sono: Don Giampietro Beltrame, Don Carlo Tranquillini, e Don Bartolomeo Oliari. Il Beltrame era tutto di Casa Rosmini, buon letterato, intermediario tra il Nostro e il celebrato P. Antonio Cesari, Professore e Accademico Agiato. Scrivendo a lui nellaprile 1821 il Rosmini si firma lAmico. Il Tranquillini, parimenti Professore e Accademico, fu di quelli che meglio videro intorno al Rosmini ancor giovane studente ginnasiale, e ne predissero la grandezza. Ricorreva con tutta confidenza a lui, quando cera qualche poverello da soccorrere. LOliari era Arciprete di Santa Maria del Carmine in Rovereto, studioso di questioni pedagogiche: in una lettera del 2 settembre 1825 il Rosmini lo ecciter a studiare limportante problema se, e quanto giovi alleducazione della giovent il fomento dellonore e della gloria. Un po pi tardi vi 23

Societ degli Amici (Charitas 1931)

entrarono anche Giulio dei Baroni Todeschi e Maurizio Moschini. Altri probabilmente vi appartennero, ma, a quanto possibile saperne, non vi ebbero una parte molto significativa.

L La attttiiv viitt d de eg gllii A Am miic cii iin nR Ro ov ve er re etto o


Particolarmente attivi, com facile pensare, furono col Rosmini lo Stoffella, il Sonn, il Tevini, uniti al Rosmini dalla prima adolescenza. La corrispondenza con questi ultimi che stettero per lo pi a Trento fu, quasi sempre, assai frequente e piena di vita. Non cera segreto tra di loro. Rosmini aveva nel Tevini e nel Sonn due validi collaboratori in ogni suo progetto: spoglio dei Classici per il Vocabolario Italiano, studi preparatori a nuove edizioni, collazione di Codici, acquisto di libri, e infine nella collaborazione alla Enciclopedia Cristiana. Quanto allacquisto di nuovi libri, dapprima per rifornire la Biblioteca domestica, e poi, allargate le idee ed entrato nel progetto della Societ degli Amici, per costituire il nucleo centrale della grande Biblioteca della Societ stessa, bisogna proprio dire che questo era il peccato pi grosso di Rosmini: lunica mia grande passione, diceva egli stesso. Ricorder che forse questa sua grande passione valse, presso alcuni del clero a Trento, gi fin dallora, cio nel 1819-20, a metterlo in cattiva luce: a farlo ritenere poco meno che un eretico, o un mago, o un matto. Nellaprile 1820, avendo Don Simone Tevini provvisto le opere del Nicole per il suo Don Antonio, che lo aveva incaricato, - e sempre per la progettata Biblioteca e per lo scopo santo di prepararsi, con vera cognizione di causa, alla difesa della verit cattolica, - il roveretano Freinadimetz, potente in Curia e poi Vicario Generale e Capitolare quando Rosmini nel 1832 fond una casa del suo Istituto in Trento, che vedeva male quel chierico concittadino fuori di Seminario e immerso in un mondo di cure e nei pi intensi e ardui studi, disse chiaro che molto temeva che Rosmini fosse senzaltro un giansenista, e che lo avrebbe valuto veder lungi dalle speculazioni metafisiche. Non si va errati, se gran parte delle ostilit incontrate pi tardi dal Rosmini in Trento, e altrove, si vogliono far risalire a quelle dicerie, a quei pregiudizi, a quei fraintendimenti: nonch alla nessuna cura che si diede il Rosmini di toglierli, o di combatterli, lasciando che tutti pensassero e dicessero a loro posta, sicurissimo della sua buona coscienza.

L La ad do om me es sttiic ca aA Ac cc ca ad de em miia aT To om miis sttiic ca a..


I Soci di Rovereto, in attesa di mettersi, e per prepararsi, a un lavoro che riguardasse pi direttamente la difesa della religione, istituirono unAccademia Tomistica, cio una Scuola per lo studio e linterpretazione della Somma Teologica di San Tommaso dAquino. Si ricordi che San Tommaso, con SantAgostino, era lAutore di teologia inculcato, anzi comandato, ai Soci. Convenivano presso il Rosmini, nella sua biblioteca privata che si mostra ancor oggi ai visitatori riverenti, alcuni chierici, e sacerdoti, e forse qualche pi intimo dei laici, quasi ogni giorno, ed egli li veniva armando di buone armi filosofiche e teologiche per la verit. Non per mero caso che questa riunione per lo studio di San Tommaso avesse il suo inizio subito dopo il Patto di Societ del 27 settembre 1819: nessuno ha mai rilevato che ne il primo frutto, perch appunto gli Statuti della Societ contemplano e prescrivono listituzione di simili Accademie. Come non casuale che precisamente allora il Rosmini imprendesse la traduzione di alcune Questioni della Somma, sotto la data del 20 novembre 1819. Intendeva, come anche con lo studio disegnato pi tardi e a cui ho gi accennato, facilitare lo studio ai suoi discepoli, cio ai Soci Roveretani della Societ degli Amici.

24

Societ degli Amici (Charitas 1931)

A Ac cc ca ad de em miia ad dii S Sa ac cr ra aE Ello oq qu ue en nz za a


LAccademia non era meramente filosofica e teologica, ma anche di Sacra Eloquenza: e molti brevi discorsi del Rosmini, alcuni dei quali si conservano ancora manoscritti, sono lezioni tenute nellaccademia domestica. Ce lo dice egli stesso in lettera del 22 agosto 1820 al Paravia, indicandoci ad un tempo con quanta sollecitudine e minuziosit quasi scrupolosa vi attendesse: Molto tempo mi va ora nello scrivere case sacre, ove mi beo. Apparecchiai sopra a trenta ragionamenti, e molti altri ne delineai, di cui nessuno ancora ne produssi, ma ne feci produrre ai miei amici, studiando insieme il gesto: arte quanto efficace, altrettanto malagevole oltre misura. E un mese dopo, al medesimo descrive cos la chiusura dellanno accademico: Della mia accademietta di sacra eloquenza pi cose vavrei a dire. Oh se vedeste come bene fino ad ora procede! propriamente una consolazione grande! Facemmo la conclusione solenne, per questanno, il giorno di San Gennaro, e fu rallegrata con pratici componimenti. Ci fu assai del bello. Lo Stoffella fece unode, io un sermone. Ma la lietezza, lamicizia santa, e la sodezza della conversazione fu mirabile. Lordine della festa fu questo. - Parata la mia cappelletta domestica a solennit, esposto il ritratto di Filippo nostro, protettore della Societ: la mattina fu detta Messa da un membro nostro, che fu Don Orsi: il dopo pranzo fu recitato il solito discorso, poi una prosa del Segretario, poi le poesie da ciascuno arrecate: venne il Tedeum, e chiuse una merenda. Vavrei desiderato anche voi, che, sebbene fra neri vestito a colori, ci state non male.

A Allttr rii A Am miic cii d dii R Ro ov ve er re etto oe eT Tr re en ntto o


Tra gli Amici roveretano-trentini vanno ancora ricordati lAb. Leonardo Carpentari, che a Padova aveva ospitato il Rosmini per tre anni, e poi ritiratosi a Trento. Questo degno sacerdote venerava nel gi suo inquilino e il genio e la virt: nelle sue lettere a lui questa venerazione pare quasi eccessiva: e sempre lo chiama stimatissimo, amatissimo Amico; pregiatissimo, incomparabile Amico. Altro degli Amici fu il grande e bizzarro Niccol Tommaseo. Non qui il luogo neppur di riassumere brevissimamente le relazioni del Rosmini col bollente Dalmata. Dir solo che il Tommaseo nulla ignorava di quanto pensasse o facesse il suo cortese ospite e che il Rosmini sperava molto molto per lEnciclopedia Cristiana dal Tommaseo. Ma per la smania, anzi per la mania del criticare, cos propria di lui, e per altre sue stranezze, il Rosmini ebbe a soffrire parecchio: senza per cessare di conservargli il suo pi candido affetto e di aiutarlo in tutti i modi. Una volta, certo in uno dei tanto frequenti momenti di bizza, il Tommaseo scrivendo al Turrini (che troveremo presto) parl in tono beffardo dei ventosi progetti del suo Rosmini. Senza dubbio un dardo velenoso contro il progetto della Societ degli Amici ormai avviata, con tutte le opere che ne dipendevano. Ma il Rosmini non era uomo da smettere unimpresa per una sassata e proprio allora, accingendosi a entrare in un pelago sempre pi grande di cure, scriveva cos: Le cose dIddio sono occupazioni pi nobili che non quelle di uno scettro, e pi dolci che non tutti gli spassi del mondo, e pi vantaggiose alluomo che non tutti i tesori della terra. Dunque poniamo tutte le nostre forze a fare la sua Volont come fanno i Santi, e nulla pi (1 ottobre 1820). Non lasciava tuttavia di muoverne dolce rimprovero allAmico, cos: Mi rincresciuta quellespressione che avete scritta al Turrini ; perch, o io minganno, poco amichevolmente entrate giudice in cose che profondamente non conoscete. Pur con me dite quel che volete, che io vamer sempre e stimer . da Padova nellottobre 1820, e precisamente dalla casa stessa del Turrini che il Rosmini scriveva il suo dolce rimprovero. Non vi si trovava a caso: bens di ritorno da un giro dispezione fatto a vari centri, dove ormai cera un certo nucleo di Amici.

25

Societ degli Amici (Charitas 1931)

V Viia ag gg giio od diis sp pe ez ziio on ne en ne ellllo otttto ob br re e1 18 82 20 0


Era partito da Rovereto il 29 settembre 1820, alle sei del mattino, colla sua vettura verde, e con cavalli parimenti suoi. Aveva un solo compagno: Giuseppe Bartolomeo Stoffella Della Croce, accolito (Rosmini non era ancora prete, bens diacono). Li seguiremo passo, passo, per fare anche noi con i due pellegrini una buona conoscenza di luoghi e di persone. Fino a Trento ebbero la compagnia dei chierici Luigi Anderlini e Antonio Gasperini, due Amici e Tomisti (dellAccademia Tomistica). In Trento molte feste presso lAmico Ab. Leonardo Carpentari, che gi conosciamo. Il resto del viaggio si fa con cavalli di posta, ma sempre colla sua vettura verde. Entrati in Valsugana, sono accolti a Pergine dal cugino Gentili, e poi nella sera del giorno stesso dal parroco Antonio Frigo a Borgo. Questi li vuole ad ogni costo presso di s a pernottare, ci che fanno, congedandosi dalla locanda Pickler, ove si erano fermati. Il programma del 30 settembre fu questo: Messa a Borgo, arrivo a Bassano alle due pomeridiane, fermata alla Locanda S. Antonio, ricerca di certo Signor Giuseppe Bombardini riuscita vana perch assente, visita alla citt. Il mattino dopo, 1 ottobre, festa della Madonna del Rosario, sentita la Messa, fanno una punta fino a Possagno a visitare il Pantheon del Canova, che il Rosmini descrive minutamente, dandone uno schizzo. Tornati a Bassano, ne partono verso le sette di sera. Giunti a Treviso in piena notte, ne partono diretti ad Udine verso le dieci del mattino, e passando per Conegliano Veneto dove trovano lAmico Prof. Fendanella, vi giungono alle dieci di sera, fermandosi alla Croce di Malta. Il mattino seguente, 3 ottobre, vanno in Seminario a cercare Don Sebastiano De Apollonia: ve lo trovano; e si unisce con loro per il restante del viaggio. Da questo punto - scrive il Rosmini nel suo Diario - sono innumerevoli le cose fatte e vedute nel Friuli. Faccio solo un breve cenno delle pi importanti, e solo a fine di non lasciarmi svanire dalla poco tenace memoria molti nomi di tante care anime che col conoscemmo. Raccogliamo diligentemente le poche notizie dateci, mentre ne lamentiamo la troppa brevit e avarizia.

G Gllii A Am miic cii a aR Ro om ma an ns sd dii V Va ar rm mo o666


Da una lettera del De Apollonia in data 10 agosto (1820) sappiamo che la visita del Rosmini ad Udine era attesissima, e da lui e da altri entrati nelle loro viste. Non si pu quindi dire la festa che gli Udinesi fecero al visitatore, n la gioia provata dal Rosmini nel vedersi circondato da tanta affettuosit. Stoffella e Rosmini erano ancora nella stanzetta del De Apollonia, che appena avuto sentore dellarrivo dei Roveretani, vi corsero subito Don Andrea Tonchia, Professore di Teologia Morale, ed altri. Vi fecero molti discorsi amichevoli insieme, e alla fine, sfogata la piena del cuore, si concert che Rosmini e Stoffella lasciassero la Croce di Malta e trasportassero i loro bagagli in Seminario (era vuoto, essendo tempo di vacanza), e poi tutti insieme si sarebbero portati a Romans di Varmo, distante da Udine un diciassette miglia, in una casa di campagna del De Apollonia stesso. Vi si fermarono tre giorni, dal quattro al sei ottobre, mercoled, gioved, e venerd, occupati nel visitare i dintorni, oltre che nello stringere nuove amicizie. Gi nel viaggio da Udine a Romans si erano fermati, il Rosmini non dice la localit, dallAbate Pellegrini. I giorni quattro e cinque furono a Campoformido, Bassagliapenta, Rivolto, Passeriano, Museletto. Qui, oltre al Vicario Parrocchiale, Don Osvaldo Capellaris, da cui ricevettero molti tratti gentili, i nostri gitanti conobbero il
6. In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , luglio 1931, p. 197-200.

26

Societ degli Amici (Charitas 1931)

conte Filippo Colloredo, e i suoi giovani figli Cesare, Giuseppe e Bernardino, ai quali, nota con compiacenza il Rosmini, d buona educazione mandandoli a studiare in Seminario. In casa del Colloredo venne a visitarli Don Bernardino Piluti da Resignano, cappellano di Ligugnana. Fecero anche una punta per Revignano fino a Teor a trovare lAmico Don Mazzarola, professore di matematica in Seminario, il quale li tratt assai nobilmente con rosogli e caff, etc., e quindi li accompagn buona parte di strada, staccandosi a malincuore dai Soci carissimi.

R Ro os sm miin nii a aU Ud diin ne ee ea aC Ciiv viid da alle e


La sera del sei (venerd) erano di ritorno in Seminario a Udine, dopo di aver visitato di passaggio a Passeriano il principesco palazzo di Casa Manin. Vi si fermarono sabato e domenica. E non in ozio: perch parecchie persone vennero da loro, tra cui Don Giambattista Spargaro, Economo del Seminario, il Prof. G. B. Serafini, Don Pietro Peruzzi, Prof. di Umanit, senza dire del P. Carlo Filoferro, che fu poi uno dei maggiori promotori degli Amici in Udine, come vedremo. Il Filoferro condusse il Rosmini a far conoscenza col Signor Niccol Cassano, e col Commendator dellOrdine di San Giovanni di Gerusalemme, conte Antonio Bartolini. La conoscenza anzi lamicizia col Bartolini era quanto mai preziosa, possedendo egli una ricchissima Biblioteca: e si sa cosa volesse dire per Rosmini, e per la Societ, una buona Biblioteca, sia pure privata. Luned nove ottobre gli Amici partirono per Cividale e si pu dire che vi passarono una giornata ben laboriosa. Furono dapprima dal Canonico Dalla Torre con una lettera dellAmico conte Giullari di Verona. Il Canonico era cultore di archeologia, e. fece vedere tutte le scoperte di romane antichit da lui fatte assai sagacemente: che sarebbero poi passate tra le ricchezze della Societ. Trovandosi presente anche il fratello conte Antonio, ed entrato nellordine di idee degli Amici, invitava i1 Rosmini al suo ritorno in Udine a visitar una cappella ricca di superbe sculture, gi Manin, ora di sua propriet. La persona che cercavano in Cividale era specialmente lAmico Don Giovanni Portis, Canonico Vicario della Collegiata. Non trovatolo, vollero recarsi a Buttrio dove si era portato; ma eccoli fermati da un buon Canonico (Rosmini non ne dice il nome), che volle ad ogni costo, tanto si era interessato alle ricerche dei nostri pellegrini, condurli da certe monache a vedere unantichissima cappella di longobardica struttura. Ma incontr loro male: perch, avvenutisi nella Signora Aurora Guazzo, certo unamica di casa o una parente del De Apollonia, questa fece loro sentire una cos magnifica eloquenza femminile, che non avendo io - dice il Rosmini - sentita mai leguale, mi pare degna dessere qui ricordata. Ma lottima donna non ottenne il suo intento, fermarli ospiti presso di s; e la sera stessa furono a Buttrio tra le braccia dellAmico, presso il quale si trattennero parecchie ore, e la notte alta furono di nuovo nel Seminario Udinese.

A AT Tr riic ce es siim mo oe ed diin ntto or rn nii


Il giorno dopo visita a Tricesimo, a Collalto, e a Tarcento nellumile casa dellottimo Tonchia, uno dei quattro, come abbiamo visto, e a sera fitta alla parrocchia del Pievano Risolini, gi Professore di filosofia in Seminario. Dal Pievano cenarono e dormirono. Lundici ottobre il Risolini li accompagn buon tratto di strada verso Artegna, dove andarono a veder Gemma (non meglio specificato). Quivi visitarono anche il signor Cristoforo Ragnolini e lOestermann, che fu poi uno dei pi caldi tra gli Amici. Fatta una punta alla fortezza di Osoppo, furono di nuovo a Collalto, sempre i quattro compagni indicati, in casa Anfil, dove trovarono Don Vincenzo cugino del De Apollonia, e alla sera di nuovo a Udine. 27

Societ degli Amici (Charitas 1931)

G Gllii u ullttiim mii ttr re eg giio or rn nii iin nU Ud diin ne e


Il dodici ottobre fu speso a vedere la fortezza di Palma, e quindi Lonzacco, Santo Stefano, Santa Maria alla Longa, e Meretto. Pernottamento nella villa del Seminario a Santa Maria. Il tredici di nuovo a Meretto di Palma dallAmico Angelo Zoratti, dove conobbe anche il giovarne Francesco Tenabi. Di nuovo a Santa, Maria, e di l per Tissano e Risano, dove il Pievano Giovanni Paoli, grossone, ci diede un grosso pranzo. Trattenutisi, oltre che col buono e lauto Pievano, anche collAmico Signor Casacco, la sera furono a Udine, sempre al Seminario. Ecco il programma del quattordici ottobre: visita al Bartolini, al conte Dalla Torre, al Canonico Colloredo; visita in Vescovado, visite per la citt. Finalmente il quindici si parte da Udine. Accompagna Don Sebastiano i due visitatori roveretani fino a Codroipo: l si separano tra molte promesse di lavoro e proteste di santa amicizia.

A AT Tr re ev viis so o,, a aP Pa ad do ov va a,, a aV Ve en ne ez ziia a


A Treviso breve visita allAmico De Faveri. Il conte Amalteo non fu trovato in casa. Un'occhiata al Duomo, e via per Padova. A Padova i nostri si trattennero pi che altrove, dal sedici al ventinove ottobre: ma il Rosmini non ci d notizia di ci che vi fece. Ricorda solo i nomi del conte Antonio Papadopoli, di Nicoletto (Tommaseo) venuto allora dalla Dalmazia, del P. Cornet, aggiungendo un eccetera, che pu voler dire chiss quante cose. A Padova cera stato tre anni: moltissimi lo conoscevano, lo stimavano, lo amavano, allUniversit, in Seminario, nei Conventi. Era ospite presso il Turrini, come abbiamo visto. Il ventinove Rosmini ed altri della brigata fecero una corsa a Venezia, ove tra gli altri videro gli Amici Luigi Carrer, il noto letterato e poeta, il Paravia (Pier Alessandro, poi Professore di lettere italiane allUniversit di Torino), Don Bembo (non meglio indicato che cos, o col vezzeggiativo Betti), il Provveditore del Liceo Santa Caterina Mons. Antonio Traversi, che diverr il direttore nelle cose di spirito del Rosmini, il Valerio Giason Fontana di Pomarolo presso Rovereto, ed altri. Luigi Carrer volle riaccompagnare Rosmini fino a Padova, dove si fermarono fino a sera. Alle nove se ne partirono, benedetti e desiderati dagli Amici: allalba del trentuno erano a Verona, dove non pare si siano fermati, e alla sera erano a casa. Laus Deo semper! scrive il Rosmini, terminando queste brevi note. E aveva ben ragione di lodarne Dio, come vedremo.

L La aS So oc ciie ett d de eg gllii A Am miic cii iin nU Ud diin ne e


Non senza motivo, possiamo ben pensarlo, aveva il Rosmini scelto il Friuli, come meta principale della sua gita autunnale, che non era una gita di piacere. Senza contare che ivi si trovava Sebastiano De Apollonia, Udine era altres il luogo dove, per merito certamente del De Apollonia, il progetto della Societ degli Amici, bench esposto solo nelle sue linee generali, aveva incontrato il pi grande favore. Il viaggio del Rosmini aveva, com certissimo, per scopo principale, se non unico, di stringere le fila e di venir al concreto di qualcosa. E deve aver avuto parole piene di persuasione, perch poco dopo De Apollonia gli faceva sapere che gli Amici sono tutto anima, e la cosa d buone speranze; e ancora anni dopo, il 21 aprile del 1825: Gli Amici di qui La riveriscono tanto tanto. Il fuoco da Lei qua messo anni fa ha preso piede, e forse in nessun altro luogo cos. I Friulani, in unione al fuoco hanno pure una non comune costanza: ed io spero, che, a non molto, la Compagnia qui potr diffondere buoni libri e giovar molto nella morale: sono dietro adesso ad aprir bottega, e ad estendere in scritto il progetto che hanno di lavo28

Societ degli Amici (Charitas 1931)

rare tutto a giovamento altrui. A Lei pure ne mander copia . Ma nel 1825 la Societ stava per aver stroncate, sia in Piemonte che nel Veneto, le speranze e la vita.

L Le e ttr re ec co ollo on nn ne ed de elllla aS So oc ciie ett iin nU Ud diin ne e


Le speranze erano state molte in Udine, dove la vita della Societ doveva impostarsi sui tre che abbiamo visto: Don Carlo Filoferro, che era lAggregatore, cio Membro Urbano o Presidente locale della Societ, il quale doveva essere il centro dunit ed il tramite di comunicazione dei Soci Udinesi colla rimanente Societ; Don Sebastiano De Apollonia, Relatore o Segretario dellUrbano; Don Andrea Tonchia, Cassiere. Il tredici ottobre 1820 nel Seminario di Udine, come stato detto, il Rosmini faceva comunicare dal Filoferro ai Soci unIstruzione per iscritto, ove sono esposti i loro doveri, e unidea dellorganismo della Societ. Gi conosciamo quali siano quelli e questo. Notevole appare in questa Istruzione linsistenza per lavviamento di unAccademia Ecclesiastica, e specialmente per lunione e lintesa col Vescovo. massima della Societ - vi si legge - che il Clero stia pi unito che pu al suo Vescovo, come i diversi Vescovi fra loro e col Pontefice. Lunione di tutti in Dio certo lunico scopo di tale Societ. Quindi sar dovere dei Signori Membri di Udine di frequentare pi spesso che possono la conversazione del loro Vescovo, facendo a tal fine qualunque sacrificio. In essa conversazione: 1. Parleranno con tutta libert e forza, sempre per rispettosa, le massime della Societ. Introdotti continuamente discorsi ecclesiastici, verr campo di dire bellamente qualunque cosa col proprio Ve scovo, e risvegliargli in mente molte cose giovevoli. Questa familiarit col Vescovo produrr molti vantaggi. 2. I Membri stessi impareranno molto dal proprio Vescovo, prenderanno idee pi grandi delle cose, tanto circa le dottrine, come, specialmente, circa il trattare nel mondo in grande, l'intraprendere, leseguire. Lo scopo di tutto ci sar lunione dei Vescovi fra loro, che si predicher continuamente. Si noti quanto il Rosmini, giovane di ventitre anni, vedesse chiaramente la grande piaga della disunione dei Vescovi; dovuta specialmente alle ingerenze politiche nella loro elezione. Tenuto presente questo non far meraviglia se lo vediamo soggiungere che altra massima da predicare al Vescovo sar la formazione dei Sinodi e la cura dei Seminari.

A Allttr ra a iis sttr ru uz ziio on nii s sii S So oc cii U Ud diin ne es sii777


Necessaria lunione dei fedeli partecipanti alla vita cattolica coi loro Vescovi, essenziale, per i1 maggior bene della Chiesa, lunione e larmonia dei Vescovi tra di loro, e la soggezione di tutti al Vicario di Cristo. E abbiamo visto come il Rosmini nelle sue Istruzioni agli Amici di Udine insistesse su questi punti. Unaltra raccomandazione fatta con molto calore ai Soci Udinesi: leducazione della giovent. Questa - dice i1 Rosmini - il germe del mondo futuro. Rinnovata questa, rinnovato il mondo. Quindi ogni Sozio dovr promuovere quanto pu la correzione dei Collegi, Seminari, Scuole pubbliche, e Istituzioni dirette a questo fine. Ed ancora: Guerra implacabile ha la Societ cogli increduli, e colle Societ nefande; a cui la nostra cos opposta come opposto Ges Cristo a Satana. E perci contro di queste si cauteleranno specialmente i giovani; come pure i libri pestiferi tender la Societ a distruggerli del tutto ed anzi la Cassa sar specialmente adoperata in comperare tali seminatori diniquit, per estirparli; e al contrario si procurer in tutti i modi la diffusione dei libri buoni. In questa maniera quel Chierico roveretano si rivelava esperto Maestro non meno nel discernere i mali del tempo e i pi urgenti bisogni della Religione, che nellindicarne i rimedi pi pronti e sicuri. Ed mirabile la stima che dell'inge7. In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , agosto 1931, p. 226-229.

29

Societ degli Amici (Charitas 1931)

gno e dellanimo di lui ne concepirono i buoni Amici del Friuli.

A Allttr rii A Am miic cii U Ud diin ne es sii


Abbiamo gi avuto occasione, descrivendo il viaggio ai Rosmini nel Friuli, di fare alcuni nomi. Possiamo per buona fortuna indicarne, con tanta sicurezza, parecchi altri. Gi il quattro novembre 1819, cio pochissimo tempo dopo stretto il Patto di Rovereto, lAmico Bastian Romanovanate del Friuli, cio il De Apollonia, segnalava al Rosmini un Professore del Seminario di un carattere amabile, e gentile, Sacerdote, eccitandolo a scrivergli personalmente per ottenere un maggiore ascendente sul cuore di lui. Era questi lOestermann, del quale viene fatto parecchie volte il nome nella corrispondenza tra il Rosmini e il De Apollonia: ma, se, com probabile, lOestermann e il Rosmini si scambiarono delle lettere, non ci fu finora dato di trovarle. Altri due Professori furono membri molto attivi della Societ in Udine, il Mazzaroli e il Gortani, questultimo specialmente: che vedremo compagno al De Apollonia in un viaggio per la propaganda della Societ nel Comelico e a Trieste. Nelle lettere di quel tempo scambiate tra il Rosmini e gli Amici ricorrono frequentemente i nomi del Sentini, del Benedetti, del Bartolini (gi visto), di Don G. B. Bensi, ed accenni ad altri Amici, genericamente, senza che ce ne si dicano i nomi. Il conte Antonio Brazz uno di quelli a cui il Rosmini avrebbe dovuto scrivere dietro l'indicazione e per eccitamento del De Apollonia, onde trarlo alla Societ; ma parecchie lettere di quel periodo tumultuoso della vita del Rosmini debbono esser andate smarrite, e con altre la probabile corrispondenza col Brazz.

I Ill P Pa ad dr re eG Ga ae etta an no oS Sa allo om mo on nii d de ellllO Or ra atto or riio o


Avevano gi aderito di gran cuore al movimento cattolico giovanile degli Amici, dietro invito del De Apollonia, fin dal Novembre 1819, anche il P. Gaetano Salomoni dellOratorio di Udine, e Paolo Tiraboschi, Professore in Seminario. Il Salomoni che, scrivendo al Rosmini, si firma affezionatissimo e devotissimo Amico, appena questi, reduce dal narrato viaggio nel Friuli fu rientrato in Rovereto, cos gli manifestava la sua cordiale adesione, e santamente lo eccitava (13 novembre 1819): Ella continui a perseverare nellottimo divisamento; e poich il Signore le ha dato il velle, le dar anche il posse e il perficere. Le grandi imprese per il servizio di Dio e per lutilit spirituale del prossimo sono sempre frastornate da grandi impedimenti e difficolt, affinch luomo conosca praticamente che egli da s non buono da niente, essendo sempre un inutile strumento; ma maneggiato dallOnnipotente diverr atto a far cose mirabili e portentose, in maniera da poter dire con San Paolo: Omnia possum in Eo qui me confortat. Si consoli che giovane, e con quella maturit di senno che le diede il Signore, e gli altri doni di natura, e di sostanza, e di grazia, di che le fu largitore liberalissimo pu fare del bene e del bene assai . Lettera, come si vede, piena di buon senso e di benevolenza, e improntata a quei sodi principi cristiani, che il Rosmini seppe tanto bene far suoi. Pi importante ancora la chiusa, dove troviamo per la prima volta la frase scritturale: IN SILENTIO ET IN SPE. ERIT FORTITUDO VESTRA! In altra lettera di un anno dopo, il Salomoni; rinnovato il suo compiacimento e eccitato di nuovo il Rosmini ad insistere nellopera, concludeva: BONUM EST PRIESTOLARI CUM SILENTIO SALUTARE DEI! Chi sa che cosa significhino queste due sentenze nella dottrina spirituale, e nella vita, del Rosmini, non pu credere che a caso siano cadute dalla penna del venerando Padre Salomoni. Certo 30

Societ degli Amici (Charitas 1931)

non dovette crederlo il Rosmini. Anzi parvero a Lui essere la voce di Dio stesso, che gli si facesse per quel mezzo sentire: quasi volesse da Lui una maggiore interiorit, e un fondamento pi saldo alle sue opere nello spirito di ,preghiera, di attesa paziente, di rinuncia, di abbandono pieno nelle mani di Dio, tutto e solo inteso a togliere di mezzo il proprio io, per fare, unicamente e assolutamente, la volont di Dio. Non le dimentic mai queste massime: Nel silenzio e nella speranza sar la vostra forza; Buona cosa attendere con silenzio la salute di Dio! - e le fece scrivere sulle povere cellette da Lui occupate, la prima a Stresa, laltra al Calvario di Domodossola.

L L A Am miic co o P P.. T Tiir ra ab bo os sc ch hii


Non meno piena di santo entusiasmo la lettera dellAmico Paolo Tiraboschi (4 novembre 1819), nella quale istituisce un confronto tra s e il Rosmini: Questo sarebbe per me lavventurato incontro di ritrovare quel prezioso tesoro di cui parla la Sacra Scrittura: Beatus qui invenit AMICUM verum! Sincerit, non umilt, mi spinge ad assicurarla non essere in me alcun pregio che inviti ad amarmi vicino, non che sconosciuto e lontano Ella tutto fuoco per la gloria di Dio e della Chiesa, io tutto ghiaccio: Ella colla mente sempre occupata negli studi di filosofia, teologia, matematica, ecc., io dal fastidioso e per me dannoso insegnamento dei principi grammaticali: Ella fornito di tutti i mezzi opportuni ai progressi dello spirito, io di tutti affatto privo. Non ci resta di comune che lamore agli studi, ma in Lei fervente, in me languente e moribondo . E concludeva dicendosi indegno, come faceva anche il buon P. Salomoni, di chiamarsi Amico, onorato bens di dirsi suo Servitore. Anche il Salomoni e il Tiraboschi, candide anime, furono tra gli Amici radunatisi in Udine alla visita del Rosmini, pi sopra narrata. Ed evidente che se grande era il concetto fattosi di lui per le parole del De Apollonia, una stima anche pi grande ne concepirono dopo di aver avvicinato e trattato con famigliarit unanima cos esuberante e squisita.

I Ill S Se eg gr re etta ar riio od de elllla aS So oc ciie ett


A Udine dunque cera in tutti una gran buona volont. La Societ aveva incontrato il massimo favore: i Soci erano in buon numero, e vogliosi di fare. Com naturale, la corrispondenza era pi frequente tra il Rosmini e De Apollonia che, del resto, nominato Segretario o Relatore degli Amici Udinesi, scriveva per s e per gli altri. Ricorrono infatti di continuo nelle sue lettere i nomi gi noti del Filoferro, del Salomoni, del Tonchia, del Gortani, del Oestermann, del Sentini, del Bartolini etc. In una lettera del 25 giugno 1821, dopo raccomandata al Rosmini, le opere spirituali dei PP. Rodriguez e Scaramelli, delle quali si voleva, con ogni probabilit, procurare una nuova edizione, notevole laccenno al famoso Saggio sull'Indifferenza del Lamennais, di cui era nel 1819 stato pubblicato, reso in lingua italiana, il primo volume presso leditore Giacomo Pirola in Milano ( noto linteresse che vi prese, tra gli altri, il Manzoni). Promette anche di restituire la visita al Rosmini in Rovereto, se ci convenisse alloggetto nostro; cio alla Societ degli Amici. La visita non ci fu: e il Rosmini gli scriveva, movendogliene dolce rimprovero. A voi non sarebbe dispiaciuto conoscere molti AMICI, che da varie parti mi vennero a ritrovare. Gli manda alcuni libri fatti da lui stampare, promettendogliene altri. E continua: Quello che dalla vendita dei tre libri si raccoglie tutto disposto per lacquisto o la ristampa di altri, atti a spargere sante massime in un tempo cos oscuro. La SOCIET DEGLI AMICI CATTOLICI di Torino ha mandati gi molti libri anche in America, e, sebbene recente, fiorisce meravigliosamente. Rendiamo lode a Dio e sospiriamo che anche presso di noi sorgano cos belle anime come l si rinvengono presso i Grandi e nella Corte stessa! QUANDO VOI MI DARETE UNA RISPOSTA FAVOREVOLE, IO VI DIR COSE ANCOR PI CONSOLANTI.

31

Societ degli Amici (Charitas 1931)

C Ca atta allo og go od de eii lliib br rii d de elllla aS So oc ciie ett


Non sappiamo di preciso a che alluda qui il Rosmini, perch deve mancare pi di una lettera del carteggio Rosmini - De Apollonia. Intanto da questa stessa abbiamo che il Rosmini aveva gi fatto stampare un primo Catalogo dei libri fino ad allora scelti dalla Societ: non glielo manda perch non ne aveva ormai tra le mani pi che due sole copie (disgraziatamente non giunto neppure a noi). Abbiamo anche quali fossero i primi libri messi in vendita a beneficio della Societ. E sono: lAgostino, ossia loperetta di SantAgostino De catechizandis rudibus: Del modo di catechizzare glidioti; il Filippo, ossia Le lodi di San Filippo Neri; e Canzoni dello Stoffella. Ne ,mandava a Udine tredici copie di ciascuna delle due prime operette, per un importo complessivo di Lire 27; e dodici copie delle Canzoni a L. 0,60 la copia, totale L. 7,20. I denari ricavati da questi e altri il De Apollonia doveva farli avere al Fontana in Venezia, perch a Udine non si doveva per allora fare alcun fondo per la Societ.

P Pe er r lla av viitta as sp piir riittu ua alle ed de eii S So oc cii888


Che se grande era in Rosmini linteressamento per la vita e lo sviluppo intellettuale e scientifico della Societ in Udine, maggiore era quello per la vita e lazione spirituale, sia a riguardo dei Soci stessi sia a riguardo degli estranei. Ne viene quindi a chieder premurosamente notizie: Si fatto niente cost? Avete procurato di radunarvi in Conferenze e Letture spirituali, secondo il paragrafo 5 dellIstruzione? Se ancora non avete fatto, non vi scada lanimo e il pensiero per questo. C tempo: fate adesso. Quellidea di Ecclesiastica Accademia vi sar certo utilissima. Ma merita che la facciate con quella maggiore gravit, regolarit, e fervore che v possibile: poich, JUVAT NON PARUM, il dir colle parole di Tommaso da Kempis, JUVAT NON PARUM AD PROFECTUM SPIRITUALEM DEVOTA SPIRITUALIUM RERUM COLLATIO, MAXIME UBI PARES ANIMO ET SPIRITU IN DEO SIBI SOCIANTUR. Vedete dunque di tener fra voi queste, non so se pi profittevoli o pi dolci conversazioni. Le altre cose se non si possono far subito cost, non importa: SON GI BEN COMINCIATE ALTROVE. Voleva dire a Rovereto, a Venezia, a Brescia, forse, e non saprei se anche in altri luoghi. E dopo un accenno ad un progetto comunicatogli dalla Marchesa di Canossa (quello, cio, come si ha nella Vita del Rosmini, di una Congregazione religiosa, che fu poi lIstituto della Carit), quasi esaltandosi in spirito nella visione di un radioso avvenire: Avete letto sul Giornale di Parigi larticolo Sulla Societ nei Paesi Bassi? Oh Dio faccia compirsi quanto sembra che Egli abbia cominciato ai giorni nostri! Il NOSTRO Principe Hohenlohe, l Haller, il Concordato di Prussia (per il quale vedi Storia Ecclesiastica del Card. Hergenrter, vol. VII, pag. 491), e tanti altri indizi, nascosti e manifesti, fanno sperare i pi bei giorni per la perseguitata religione. S, mio caro, non parlo senza fondamento: so come la cosa in molti luoghi. Il Signore far delle meraviglie anche ai nostri tempi come ha fatto ancora, in pro dei suoi Servi! A Dio: vabbraccio IN OSCULO SANCTO. Siamo fervorosi e costanti: NOVIT DOMINUS QUI SUNT EIUS. Questa lettera inedita del 18 ottobre 1821: e va dilucidata negli accenni che vi si fanno a due grandi personaggi, uno dei quali dal Rosmini chiamato, con. evidente compiacimento, NOSTRO.

I Ill P Pr riin nc ciip pe eA Alle es ss sa an nd dr ro oH Ho oh he en nllo oh he e


Lo chiamava nostro, perch tale era veramente il Principe Alessandro Hohenlohe, sacerdote
8. In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , settembre 1931, p. 260-264.

32

Societ degli Amici (Charitas 1931)

di santa vita, dotato mirabilmente di lumi e grazie cedesti, e del dono dei miracoli, per i1 quale, rendendo la guarigione a molti infermi, era ovunque celebrato, e molto bene ne veniva alle anime e gloria a Dio. Non altri erano i sentimenti dellHohenlohe, Principe germanico, da quelli del patrizio roveretano, sacerdote anche lui da non molti mesi. Non si pu dire a parole quanto il Rosmini si compiacesse internamente di tutto quel bene che alla religione veniva per mezzo dellHohenlohe. Vi riconosceva il dito di Dio: e lanimo ne tripudiava. Ma ecco una assai brutta notizia ad amareggiarlo. Il Principe con una sua lettera ai Parroci fa sapere agli infermi di non portarsi pi da lui, perch, per ragioni di ufficio e di salute, non avrebbe pi potuto riceverli. Il Rosmini non seppe tenersi. Prende la penna: ed ecco una sua lunga lettera, in bellissimo latino, per aprire al suo fratello in Cristo, con liberissima e sincerissima carit, lanimo pieno di vivo dolore per tale determinazione di lui. Riportiamo qualche brano dei pi vivi della lettera: Questa tua deliberazione, e ne chiedo di cuore perdono se parlo da stolto, questa tua deliberazione non accresce forse laudacia degli uomini scellerati, e contrista la fedelt e costanza dei buoni, nei quali fa nascere dubbi intorno alla gloria che Dio volle risplendesse a Lui, per mezzo dei doni a te concessi? Lempiet dei primi si vanta che tu, dai presenti ostacoli, hai preso occasione di porre fine a miracoli non reali, ma simulati: la ragione non solo, ma la piet stessa dei buoni non potrebbe pi ritenere che venga da Dio una potest che gli uomini valgono a toglier di mezzo o a distruggere. Poi lo conforta a superare tutti gli umani ostacoli: Se Dio, e non luomo che fa i miracoli, chi mai ne mover biasimo a Dio? Che se gli uomini continuano a muover rimproveri, facciano pure. Tu - continua il Rosmini - porti come scusa la cattiva salute, la quale pure non ti impedisce dallattendere ai tuoi uffici Ma non forse ufficio della tua vocazione di glorificare Dio, di mostrare la divinit del Signor Nostro Ges Cristo, di comprovare la verit della cattolica fede, a quelli specialmente che sono lontani da Dio e dalla Chiesa, mentre appunto a questo scopo Iddio stesso ti concesse di operare dei miracoli? Potrai forse senza colpa nascondere sotterra un cos prezioso talento, quale il dono dei miracoli? Che se la tua salute ti vieta di prodigarti ai malati quanto vorrebbe la tua carit, tuttavia non credo proprio che possa ricorrere a quella s fredda parola: PROIBITO A TUTTI! . Infine si scusa di tanta santa libert: Perdonami, o uomo eccellentissimo, se allAltezza tua ho osato scrivere tali cose. Poich dalla carit di Cristo, e da una stima grandissima della tua virt sono stato mosso a tale ardimento: n penso ti possa la mia libert essere sgradita. Raccomandami a Dio: poich io sono linfimo, il pi miserabile, dei suoi servi. Questa lettera porta la data del 5 novembre 1821. Gi anche Giuseppa Margarita Rosmini, sorella e anima gemella ad Antonio, aveva scritto allHohenlohe per una certa Volania (probabilmente non nome di persona, ma = donna di Volano, paese a pochi chilometri da Rovereto), la quale era ammalata e, pare, vessata di spirito, e quindi necessariamente tenuta lontana dei Sacramenti. Non ho trovato lettera di risposta a questa del Rosmini: ma da ritenersi che una risposta, e certamente amichevole, ci sia stata, ma senza che il carteggio avesse un seguito. E questo lo deduco dal ricorrere che il Rosmini fece al Principe per consiglio nel settembre del 1827, sottoponendogli il progetto della istituzione religiosa che veniva da anni maturando; nella quale lettera tuttavia si dice a lui vel penitus ignotus, vel vix notus nomine.

C Ca ar rllo oL Lu ud do ov viic co oH Ha alllle er r


Personaggio in un certo senso anche pi significativo nella storia della cultura cattolica del tempo lautore della Restaurazione della scienza politica, Carlo Ludovico Haller. Il Rosmini ebbe notizia di tale scritto appena fu pubblicato, lebbe tra mani nelloriginale tede33

Societ degli Amici (Charitas 1931)

sco la primavera del 1822, ne fece tradurre e leggere dallo Stoffella allAccademia degli Agiati la parte pi notevole dellIntroduzione: e non vedeva lora che qualche coraggioso Editore, magari la stessa Societ degli Amici, lo facesse noto ai lettori italiani. Non dubitava di annoverarlo, bench trattasse solo di materie politiche, fra gli Apologisti della nostra religione. e dei pi grandi, e dei pi opportuni pei tempi nostri. In quella - scrive allAmico Lugnani di Trieste - vedr assai bene usate tutte le sue sagge avvertenze intorno al modo di ragionare cogli increduli. opera meravigliosa. Chi parla congiunse la speculazione allesperienza, la finezza alla solidit del raziocinio, e la umanit ed eleganza dei filosofi antichi colla rapidit e prontezza dei moderni . Gli stessi elogi ripete entusiasticamente in pi lettere. Per conto suo il Rosmini vi si dovette ispirare, se non per lavviamento, certo per la prosecuzione dei suoi scritti politici giovanili. Per giovanili intendo gli scritti di politica stesi dal Rosmini tra il 1821 e la primavera del 1827: un complesso notevole, in gran parte inediti, e molti rifusi negli scritti posteriori della maturit; scritti che dovevano, secondo un amplissimo disegno, far parte di quellimmensa Enciclopedia cristiana a cui ho gi accennato. Pu farsene unidea, chi pensi che il suo Saggio sulla felicit, che una bella operetta apologetica, non che una parte dellIntroduzione allopera politica. Della quale, bisogna dirlo esplicitamente, il progetto, il piano, la sostanza del pensiero tutta cosa personale del Rosmini. Nel 1823 il Rosmini si rallegra con lHaller dellabiura del protestantesimo, e dellessere entrato nel seno della Cattolica Chiesa, mandandogli in segno di omaggio il suo Saggio sulla felicit.

I Ill D De eA Ap po ollllo on niia aa aT Tr riie es stte e


Abbiamo divagato un poco, ma era necessario, per non lasciar punti oscuri nella nostra breve storia della Societ degli Amici, e perch meglio risaltasse la larga sfera daffetti e dazione che abbracciava allora, nel suo fervore giovanile, lanima esuberante del Rosmini. Per tornare alla Vita degli Amici Udinesi, se il De Apollonia non pot recarsi a Rovereto, fece invece nellottobre-novembre del 1821 un importante viaggio fino a Trieste, nella Carnia, nel Comelico, nel Cadore. Quante cognizioni ricavate - scriveva dandone relazione al Rosmini il 6 novembre - e quanto parlare potemmo fare, e quanti consigli prendere opportunissimi, e tutti relativi alloggetto comune e proprio degli Amici Cattolici!. Gli era compagno lAmico Don Giuseppe Gortani, e a Trieste anche i1 P. Carlo Filoferro. La conquista pi grande fatta a Trieste fu il nobile Signor Giuseppe Lugnani, Bibliotecario della Pubblica Libreria e Prefetto delle Scuole Reali. Il De Apollonia fa al Rosmini lelogio del Lugnani, esaltandone la virt, la dottrina, lo zelo. Il Lugnani - gli diceva - sar tutto nostro.

G Giiu us se ep pp pe eL Lu ug gn na an nii d dii T Tr riie es stte e


Il Rosmini scrisse difatti una prima volta (lettera forse perduta per noi) e nebbe risposta entusiastica dal Lugnani. Gli riscrisse in data 2 maggio 1822. Esalta in primo luogo lamicizia: Non c pi dolce n pi solida amicizia di quella che nasce, si nutre, si perfeziona, si santifica dalla religione. Oh quanto dovrebbe sentirsi questa verit dai cristiani! Quanto non dovrebbero essere mossi anche dalla dolcezza di questo purissimo sentimento a collegarsi insieme con indisgiungibili nodi di una santa corrispondenza ed amicizia vicendevole! Questa gioverebbe ad ogni cristiano per crescere in virt: questa sarebbe anche fatale agli increduli, che non farebbero gi tanti guasti, se trovassero pi unite le forze che combattono. Cos molte volte io pensavo, invidiando quei primi tempi del cristianesimo, in cui i fratelli, come si chiamavano, erano un solo cuore ed unanima sola . 34

Societ degli Amici (Charitas 1931)

Il Lugnani aveva nella sua al Rosmini esposto un piano di confutazione dei medesimi increduli in unopera in tre libri: il Rosmini lo anima: Non dubiti di mettersi allimpresa; io me ne tengo scuro. Poi venendo a concetti pi generali, cos scrive: Io sono persuaso che vi siano molte classi diverse di uomini, che lincredulit stessa sia proteiforme, e che perci si renda necessaria variet di libri e di modi di oppugnare salutarmente la moderna incredulit. A me stesso, per quella poca conoscenza che ho del mondo, pare aver trovati degli avversari totalmente opposti di caratteri, di errori, e di modi di pensare. Per esempio, un tedesco si dovrebbe oppugnare diversamente da un francese; un seguace di Kant e un seguace di Voltaire sono contrari nel loro pensare, come la terra e la luna. A cui perci giovano dei libirccioli brevi, ma calzanti ed eloquenti: a cui sono pi utili delle opere grandi e sistematiche Tutti i caratteri che ella stabilisce dellet nostra, la necessit di un ragionare - ed io aggiunger, di un ragionare non troppo speculativo e arido, ma facile, chiaro, fornito di morali argomenti, e vestito duno stile succinto, rapido e filosofico -, il bisogno duna certa imparzialit, discrezione e generosit danimo, e ancora dolcezza, e una cotale amicizia: queste cose ed altre sono necessarie, io credo, in tutte le opere che dirizzare si vogliono non ad irritare maggiormente, ma a piegare e persuadere glincreduli. E non una certa carit, una certa civilt congiunta allaccortezza, quella che ci suggerita dallo stesso spirito del cristianesimo?. Come si vede, sono norme savie e buone anche ai giorni nostri: che Rosmini, quanto seppe, seguir nelle sue numerose opere polemiche.

A Allttr re ea attttiiv viitt iin nU Ud diin ne e


Non sappiamo se e quanto il Lugnani abbia poi lavorato per la Societ: sappiamo bens che a Udine facevano, o almeno erano decisi, e tentavano di fare qualche cosa sul serio. Il De Apollonia dal canto. suo insisteva sempre presso il Rosmini per aver notizie della Societ a Rovereto e altrove, che le sue lettere giovavano allo scopo tornando di sprone a tutti: vorrebbe essergli al fianco; grandi cose avrebbe a dirgli! Loda il suo procedere con lHaller, e il Saggio sulla Felicit. Sono persuaso - gli scrive - che questa materia non sia stata neppure summis labiis toccata da altri!; gode delle notizie comunicategli circa lopera del Card. De Gregorio in Roma per lAmicizia Cattolica, lopera della Marchesa di Canossa e gli altri progetti per una Congregazione maschile, e gli espone il piano degli Esercizi Spirituali da lui dettati in Seminario. (Lettere del 15 aprile 1821, del 3 febbraio e 6 aprile 1822). In altra lettera del maggio riferisce di aver scritto anche lui al Lugnani: Ah Trieste, Trieste, esclama nel suo acceso ingenuo zelo, tu sei una fogna di orgoglio e di volutt! Ah se col una mano di Gesuiti potesse andarvi a proteggere la vigna di Cristo da tanti lupi infestata!. E il buon Don Sebastiano tanto persuaso che solo il lavoro coordinato di una Congregazione religiosa possa ottenere qualche risultato, che ingenuamente confessa allAmico di sentirsi quasi quasi tentato a farsi gesuita Oh, che matto! Me lo dica a piena bocca: per glielo dico, Signor Antonio, che ormai sempre mi sento in petto un bisogno di lavorare in altra situazione dalla presente: n cotale bisogno tutte le volte il posso dire risultato di immaginazione!. Il De Apollonia non si fece gesuita, e neppure segu il Rosmini al Calvario di Domodossola, quando questi assillato dallo stesso bisogno spirituale vi si rec nel 1828: non seppe mai risolversi energicamente, ma tutta la vita gli dur il santo desiderio, e scriver sempre al suo lontano Eremita con un rimpianto ;profondo e con una santa invidia. Ma lasciamo queste malinconie: perch nelle lettere dei due Amici non mancano le lepidezze, permesse alla loro santa intimit. Don Sebastiano vuol da Rosmini unarciletterona in caratteri piccini e linee spesse, e non in un mezzo foglio!; e Rosmini di ripicco rileva la scrittura di lui, tutta a geroglifici quasi come quella del Nicoletto (Tommaseo): abbia piet dei suoi occhi! 35

Societ degli Amici (Charitas 1931)

T Tr ra ag gllii A Am miic cii U Ud diin ne es sii999


La corrispondenza degli Udinesi, e specialmente del De Apollonia, col loro Maestro di Rovereto, labbiamo visto, era quanto mai frequente e piena di amichevole confidenza. Stoffella si laureato. E Don Sebastiano: Sudi la zazzera quel Sansone, e non stia a guardare indifferente la genia dei Filistei. Ella, Signor Antonio, gli faccia per me un inchino, dicendogli con accento umile: Signor Dottore! - Ma quello che est mihi curae si che si leghi allo stato ecclesiastico, per poi pi terribili menare i colpi della mascella dasino sullanche degli incirconcisi nemici di Domeneddio. Poffar il mondo!. LAmico Stoffella non si fece prete: e fu questo altro dei crucci del buon De Apollonia, che fa il paio colla sua ansia di farsi gesuita o rosminiano ogni modo quello che importava allora era di lavorare: e a Udine si lavorava. Avevano iniziato la stampa del Salazar, e progettavano per altre operette spirituali: e tutto questo per lavorare conforme al piano in parte della Sacra Lega conosciuta e cost modellata. E per risparmiare a tale scopo, si priver delle vacanze, di cui sentiva pur una gran voglia: Pazienza! tuttavia non star colle mani in mano: far come i matti furiosi, che stretti di catene sputacchiano, digrignano i denti, e contorcono il muso. Alla stampa dellopera accennata lavoravano da valenti il Benedetti, il Filoferro, e Don G. B. Beanzi (qui nominato per la prima volta): mentre il Gortani lavorava indefesso alla direzione spirituale della giovent: Serafini poi terribilis est, Tonchia admirabilis, Mazzaroli spectabilis. Ed io? - conclude Don Sebastiano - ed io? io raglio, cattivo!. Peccato che proprio in tanto fervore di lavoro venisse a mancare il Salomoni. Ma trasferito a Padova dai Superiori - e fortunata Padova, che acquista un apostolo! - il Salomoni potrebbe giovare al progetto suo, Signor Don Antonio, di erigere col un luogo che desse guardia, alloggio e vitto a degli alunni dellUniversit. Perfino un Pensionato Universitario avevano almanaccato! Il buon Don Sebastiano si dava dellasino: perch? Perch non aveva esitato pi di 15 copie dei libri ricevuti da Rosmini: in compenso tutti glieli portavano via per leggerli avidamente. Ma nessuno pagava! Non era capace di esigere danaro. Si dia quindi dora innanzi lincarico dei libri, come gi della cassa, al Filoferro: Egli ha un certo non so che in affari economici, che persuade senza minimamente offendere quei riguardi .

U Un na a lle etttte er ra ad dii D Do on nS Se eb ba as sttiia an no o


Una lettera del 24 agosto 1822, che il De Apollonia data dalla mia cella in Udine, vien riprodotta qui quasi per intero. Essa ci dar agio di conoscer meglio questo egregio Amico del Rosmini: Questanno scolastico mi convenuto lavorare molto, ed in cose cos svariate, di modo che, quando volevo passare da una ad altra, dovevo durare molta fatica a richiamar le idee. Ora predicare dal pulpito, ora catechizzare a scuola i ginnasiali, ora processare i discoli, ora con parole di fuoco far tremare i caparbi, ora con noci incoraggiare i principianti e sorreggere glinfermi, ora smascherare glinsidiosi panegiristi della umana ragione, ora mostrare i fasti sovrumani della nostra Religione, ora con lEbreo ostinato e ora col male Riformato venir alle prese, ora trattare la Pedagogia e ora decifrare la Metodica, ora delineare la Catechistica summis labiis ai Teologi. Insomma, se io non divento labito dellArlecchino, si deve cantar a miracolo! Chi sa poi innanzi a Dio questo mio fare come sen vada? Quando io torno su questo pensando, per il poco spirito di orazione che io mho, in verit che confusione e tristezza mi prendono a gara! Ah, Don Antonio mio, non si dimentichi di supplicare a Dio per me una scintilla di quello spirito! Ne sento
9. In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , ottobre 1931, p. 288-292.

36

Societ degli Amici (Charitas 1931)

ben io la necessit: e pi,volte venni a delle determinazioni; ma il pregare in me come il mangiare che si fanno glinfermi: non digiunano essi, no, ma neppure mangian bene. Tonchia e Filoferro mi sono in vero di stimolo a pregare, e di alta confusione. Ah, che anime son quelle! La citt in Filoferro, il Seminario in Tonchia hanno, decisamente, due Angeli tutelari. Cortani pure, e Serafini, mi servono di confusione per lo spirito che essi si hanno di pregare. Poi viene il buon De Apollonia a parlare delle cose della Societ, a cui prendeva cos vivo interesse: Oh, una cosona qui le voglio raccontare! Si ricorda ella quante volte ci disse a noi Friulani qui in Udine il molto bene che si caverebbe a far stampare e a diffondere buoni libri? Ebbene sappia, che fatto fondo di Cassa, in sei di noi, di 1.200 franchi, si riprodotto alla luce il famoso libro Il ritorno del cuore umano del P. Francesco Salazar, in fogli diciannove in sedicesimo, aggiuntovi un esempio per ogni articolo . Ne avevano tirate 1600 copie, vendute subito 800 al prezzo di lire due e soldi quattro, le comuni, e quelle in carta fine, a lire tre. Bravi Udinesi! Ledizione veneta, molto pi scadente, costava ben quattro lire. Un miracolo di buon prezzo dunque; una impresona dei torpescenti Friulanacci. E per giunta, tutto sera fatto in meno di due mesi e mezzo, con la rapidit, direi, con cui vengono su i funghi. I nostri Friulanacci torpescenti osavano anche cose maggiori: la ristampa della Manna dell'Anima del famoso P. Segneri; e questo, con molto buon senso, in formato tascabile e a prezzo bassissimo. Intanto avevano ristampato lopuscolo di S. Alfonso de Liguori Visita al SS. Sacramento. Siccome poi lappetito viene mangiando, avevano pensato di metter su stamperia e farvi lavorare degli orfanelli. Gli Amici Filoferro e Benedetti erano tutto fiamma per il bel progetto. Che se la cosa succedesse, questo cantone dItalia alzerebbe sua fronte rugosa: ed alzata, forse di s non farebbe arrossire la Patria. Altri propositi degli Udinesi: tener conferenze spirituali in casa del Signor Costacco (un giovinetto suo figlio, che era tanto piaciuto al Rosmini nella sua dimora in Udine, sera fatto chierico in Seminario); comporre un testo di dottrina cristiana, per renderne uniforme in tutto il Friuli l'insegnamento. Questa avrebbe dovuto essere fatica del De Apollonia, in qualit di catechista del Seminario. Avevano anche organizzate due Accademie, una in Seminario, laltra al Liceo pubblico; della prima era stato anima Don Francesco Moser, dellaltra il Prof. Pirena, che dobbiamo annoverare tra gli Amici. Insomma, a Udine si lavorava, e con entusiasmo. Avevano una vera buona volont di lavorare secondo quel sistema che si era pensato e sottoscritto in casa del Rosmini; che se le cose non corrispondono (in tutto) a quel sistema, la vigliaccheria di questi paesi, che marciscono nellinazione, il nessun esempio che metta animo, e Satana imbroglione non avevano ad avervi la loro parte .

S Sm me er rc ciio od dii lliib br rii


Anche lo smercio librario procedeva bene, almeno quanto al SantAgostino (traduzione del De catechizandis rudibus): non cos per lElogio di San Filippo. Ma perch, signor poltrone? mi dir ella (cos De Apollonia al Rosmini). Perch tutti gli chiedevano la sua copia, che passava di mano in mano: e tutti ne facevano lodi, e il buon Don Sebastiano, come abbiamo visto, non aveva fegato per esigere che, se lo volevano leggere, comprassero. A loro volta gli Udinesi chiedevano che nel Trentino si smerciasse il Salazar. E chiedevano anche di pi: che si affrettasse la traduzione della politica dellHaller. Era fatica questa dello Stoffella, quel zazzeruto, quellimmaginoso, quel semplice, quel gioviale, quel Dottor cocciuto! Inoltre che si confutasse la Storia dellInquisizione che si stava allora dando alla luce, colla benevola complicit, della Censura, in Milano. Ah, signor Antonio - scrive accorato il De Apollonia - per lamor di Dio, o ella o 37

Societ degli Amici (Charitas 1931)

Haller, o qualche altro, confuti quella storia dannosissima! Voleva anche scrivere di ci ai Gesuiti di Torino, suoi amici. In altra del 7 settembre 1822 De Apollonia al Rosmini: Il mio genio di farla da missionario sempre mi si fa sentire: ed io intanto tiro avanti. Qui tutti fecero plauso gli Amici, conoscendo comella sia in sullo stampare in casa un opuscolo: concludendo noi chella abbia torchi e il necessario per stampare da s . Era questo un antico sogno del Rosmini: e rimarr tale per tutta la vita; ma non trovo nessuna lettera del Rosmini al De Apollonia che vi accenni: perch evidentemente pi duna di quel periodo se nand smarrita. Smarrita senza dubbio anche una lettera, a cui il De Apollonia rispondeva, in data 8 dicembre sempre dello stesso anno 1822, cos: Ho piacere chella abbia calcato della terra tedesca, e vi abbia raccolta preziosa perla. Tal ritrovamento pu giovare moltissimo a quella volta: ed io anche lo spero. In Parigi o pochi o nessuno avrebbe ideato n lunione del Saverio col Loyola, n tanto meno la conversione della gente indiana per opera del medesimo. Mi saluti tanto tanto questo Signore, e gli dica che un Friulano aspira alla di lui amicizia sotto gli auspici dello zelo di cattolico.

V Viia ag gg giio o iin n tte er rr ra a tte ed de es sc ca a


Il Rosmini era stato. verso la fine dottobre in terra tedesca con Don Pietro Orsi per condurre in Rovereto da Innsbruck il Signor Giuseppe Grasser, che certamente lAmico per il quale De Apollonia mostra tanto entusiasmo. Ma molte altre degne persone aveva allora avvicinato il Rosmini: il consigliere Lusching, i professori Habtmann, Stapf, Schritzer, Bertoldi, Mersi, Albertini, il prelato Regla di Wiltan, il direttore della casa di correzione Gerer. In questa casa di correzione il Rosmini ebbe occasione di esercitare il suo zelo e la sua carit. Ho tenuto un discorso - annota egli stesso nel suo Diario dei viaggi - a quei poveri condannati oggi 27 ottobre, consolatorio, proponendomi nellesordio di insegnare loro larte di alleggerire le miserie, a cui sono soggetti gli uomini, anzi di cambiarle in altrettante dolcezze. Di poi, fissando di pi largomento ho ristretto tutto a due proposizioni; la prima delle quali fu che luomo nemico di Dio infelice e malcontento, anche possedendo tutti i beni del mondo: laltra, che luomo amico di Dio pago e contento anche in mezzo a tutti i mali del mondo. Questa annotazione ci testifica che il Rosmini ha preso vivo interesse per i poveri reclusi, e che il suo cuore deve essersi sentito profondamente commosso. Soggiunge: Lordine e la carit che si trova in questa Casa di correzione ha consolato la mestizia che cagionava in me la vista di tanti afflitti: e merita ogni osservazione.

S Se eg gu uiitto od de eii v viia ag gg giio o


Giacch abbiamo toccato di questo viaggio, riferiamone quanto altro ci lasci scritto di esso nel suo Diario il Rosmini: che servir a metterci sempre pi a contatto col suo ambiente. Visit in Innsbruck la Biblioteca, trovandovi una Biblia Pauperum, e un Codice da lui ritenuto del secolo IX, il Codice della S. Scrittura di Canterbury, ed altri. Nel ritorno da Innsbruck con Monsignor Grasser rivide a Bressanone il Signor Don Valentino Forer, prefetto di quel Ginnasio, e lamico Don Feichler; e venuti a Bolzano fecero conoscenza col Signor Giovanelli (quello forse, che fu poi Podest di Trento, e che incepp con astuzia massonica lopera dellIstituto della Carit in detta citt negli anni 1832 - 35), e la madre di lui. Il Giovanelli anzi lo volle a cena presso di s (anche a Trento finse per certo tempo di essergli amico). Il giorno dei Santi celebr presso i Padri Francescani Riformati, dove conobbe il P. Tismas prefetto del Ginnasio: e fatta colazione dal 38

Societ degli Amici (Charitas 1931)

Giovanelli, partirono, e senzaltra sosta furono, la sera dello stesso giorno, a Rovereto. Volemmo essere a casa s presto dice il Rosmini stesso - per recitare la sera dei Santi lUfficio pei Defunti della casa, al solito, insieme collaltra famiglia Rosmini; come facemmo, assistendovi il Grasser, e fu la radunata in casa nostra lanno 95 dalla istituzione. Poich, soggiunge, dopo la divisione di casa nostra fatta nellanno 1727 vebbe sempre questa domestica religione: ma forse anche prima fu in uso. Era dunque il Grasser il nuovo acquisto fatto dalla Societ degli Amici: acquisto veramente prezioso e per le doti delluomo, e per la dignit a cui doveva tosto essere elevato di Vescovo di Treviso. Ci accadr quindi di incontrarlo in seguito. Per tornare ai nostri Udinesi, come godevano essi ad ogni incremento della Societ! - Oh che bravi giovani abbiamo reclutato per la chiesa! - scriveva tutto pieno di gioia De Apollonia - se Iddio continua a benedire molto da sperare. Ma non sanno perdonare la scarsezza delle lettere del loro Rosmini. Est summi amoris negare veniam brevibus epistolis amicorum, gli ripetono colle parole di Plinio. Intanto avevano avviata la stampa di un Opuscolo per gli Ecclesiastici buonissimo [quale sia, non trovo]: e pi cose si vanno macchinando.

D De ev vo oz ziio on ne ed de eg gllii A Am miic cii U Ud diin ne es sii p pe er rR Ro os sm miin nii111000


Abbiamo condotto la storia delle relazioni del Rosmini cogli Amici di Udine, e, per loro, col De Apollonia, fino al 1823. Anche in seguito, e cio fino a quando il Rosmini prender un indirizzo totalmente nuovo di vita colla sua andata a Milano, i buoni Udinesi guardarono a Rosmini come a loro maestro e guida, e Rosmini non mancava, bench le sue lettere non fossero molto frequenti, di eccitarli alle opere di bene intraprese o progettate. Quanto fossero desiderati gli scritti di Rosmini appare sempre dalle lettere dellAmico Romanovarnense, il De Apollonia, Segretario della Societ in Udine, Mi scriva, mi scriva, la prego, a nome del Signore, e cose molte! (13 gennaio 1823). Non si dimentichi di noi! Mi scriva dunque, mi scriva, il mio caro Don Antonio. Si ricordi di me, che io lei non dimentico mai, mai (4 gennaio 1824). Bisogna dire essere lei in grandi cose occupato, o chella sia di persuasione che qui si sia tanto virtuosi da misurar il presente tutto tutto dal passato tra noi in cose della santa Religione nostra. Sappia che qui ardentemente si attendono i suoi scritti (4 marzo 1824). Rosmini di quando in quando scriveva, e allora era una festa per tutti. Le sue lettere se le rubano per bearsene rileggendole: Ho letto tutte le sue lettere da cinque anni in qua, ed oh quanti e quali PENSIERI MI VENNERO ALLA MENTE, E DA QUALI AFFETTI REST PRESO IL MIO CUORE! - scriveva di s il De Apollonia. Che se tardava pi del consueto, ecco il buon Don Sebastiano tornare ai lamenti: E perch tanto silenzio? - Oh le occupazioni che son tante e tante, e lamor che ci portiamo nel Signore, ci giustificano tutti e due di questo. - Che pare a lei, Signor Antonio, di questo tipo di spiegazione? Quanto a me gi non mi soddisfa abbastanza (30 ottobre 1824).

A Allttr rii lla av vo or rii e ea allttr rii p pr ro og ge ettttii


Rosmini veniva informato minutamente e di quanto essi facevano, e di quanto dicevano essi o da altri si diceva di lui: Qui laltro d un Cappuccino ebbe a raccontare di lei cose che sentimmo con piacere. Ah! lavori, che la seminagione non potrebbe che con somma difficolt ad altri cader pi a destro Tutti ringraziano e lodano il Saggio sulla Felicit . Nel settembre del 1823 Stoffella fece un viaggio per Vicenza, Padova, Treviso, Venezia, Udine, Monfalcone, Trieste, trovandovi parecchi amici, ai quali portava le novelle e i saluti del loro Ro10. In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , novembre 1931, p. 319-224.

39

Societ degli Amici (Charitas 1931)

smini. A Trieste non manc di restarne scandalizzato: Paese di mercanti! In tutta la giornata non ho veduto cinque preti, almeno che si riconoscessero per tali!. Il De Apollonia non si trov in Udine al passaggio dello Stoffella: Oh, quanto mi ha doluto di non poter vederlo e abbracciare!. Lo zelo per il bene li faceva accorti nel trovarsi dei buoni collaboratori. Voglio dirle cosa bellissima - scrive De Apollonia il gennaio 1824 - Per la produzione alle stampe si occupa qui con noi un giovane di famiglia milionaria, di talenti sufficienti, di cognizioni filosofiche e letterarie non comuni, di unanima illibata e di zelo ardente. bens minorenne, tuttavia di grandissimo aiuto, e spero in Dio che sar colonna del Friuli cristiano. cosa questa bella s o no?. - Il giovane tanto decantato Pietro Cernazai, al quale il Rosmini scrisse qualche lettera. I lavori procedevano. Si era gi al 3 volumetto della Manna dellanima. Duecento copie erano spedite a Torino, dove i Gesuiti avevano procurato corrispondenti; nel Seminario di Udine pure duecento; tra qua e l, altre duecento. Ella dunque vede qui appiccatasi quella fiamma di carit di cui ella avvampa, e cui procur svegliare nei petti friulani. Dio li mantenga e dilati!. Desidera che anche lui si occupi nel Trentino di questa opera. A queste buone notizie il Rosmini rispondeva: Oh quanto mi recano di spirituale consolazione le nuove che voi mi mandate di cost! Vedo chiaro che quel seme che Iddio ci sparse, prese ed attecch mirabilmente, come quello che cadde in buon terreno Salutino caramente il Cernazai, dicendogli che una persona, che lama senza conoscerlo, lo conforta quanto pu allopera, di cui ogni buon frutto o merito si pu aspettare da Dio, e accendetelo voi con quellaltre ragioni che ben sapete, perch prosegua e sinfervori sempre pi in queste sante occupazioni. Gli promette di occuparsi della Manna, che loda per la correttezza e per il formato: gli d notizie dellAmico di Torino, e consiglia per lo smercio dei libri lo scambio tra le varie Societ. Poi continua: Alcun tempo dopo la Santa Pasqua (1824) mi reco a Milano, se mai voleste alcuna cosa col. Vedr di fendere il terreno duro, quanto potr, col nostro sarchiello. Il Brunatti a Brescia fa bene, e si vedono uscire di l buone opere. Oggi ho avuto la visita del Battaggia. Anchegli tutto nellopera nostra. Dio benedica. Dobbiamo caldamente pregarlo tutti con un cuor solo, e con una sola intenzione. Vi prego di farlo con pi caldo del solito per i miei bisogni, e per quello di queste CARISSIME E SANTISSIME NOSTRE SOCIET. Abbracciate in nome mio tutti i nostri buoni fratelli, e confortateli a lavorare con perseveranza per il nostro fine, non qui in terra ma in cielo (10 aprile 1824).

D De es siid de er riio or re ec ciip pr ro oc co od dii r riiv ve ed de er rs sii


I due Amici desideravano vivamente di rivedersi. Oh quanto bella cosa sarebbe, scriveva il Rosmini al De Apollonia, se voi veniste! Fate di tutto per fare una scorsa qui: sarebbe utilissima. A voce si possono dire molte cose: e spero che sareste contento desserci venuto. Son tanti anni che non ci vediamo!. Don Sebastiano, non pot, come sera proposto andare a Rovereto per Pasqua, avendo dei malati in casa. Non pot neppure nelle vacanze autunnali di quellanno. Nel marzo del 1825 scriveva: Questi giorni di esami, non mi prendendo come il solito il peso della scuola, Padova, Rovereto, Amicizia Cristiana, Antonio Rosmini, idee consimili, e cos forti nella mia anima che mi sarebbe parso di peccare se non avessi loro atteso, e tanto pi quanto pi forti Dio mio! Quali cose non avrei io a dirle e ridirle se le fossi vicino! Ah come si va alla Patria beata! Quanti andirivieni, quante ombre, quante insidie, quante opposizioni, ci si trovano per via, e che con la grazia di Dio qual neve si squagliano con tornare a re incoraggiamento! Pi che penso e provo, mi riconfermo nel dire dono di Dio preziosissimo quello della fede. Ah, Evangelo, Evangelo! se tu fossi abbracciato, il mondo splenderebbe per virt, e si vivrebbe anche quaggi contenti. 40

Societ degli Amici (Charitas 1931)

E Es so or rtta az ziio on nii p pr ra attiic ch he ed de ell R Ro os sm miin nii


Questa lettera del marzo 1825. Il Rosmini non diede risposta che il 1 luglio dello stesso anno e per la sua importanza voglio qui riferirla quasi per intero. Scusatosi argutamente del suo lungo silenzio, cos scrive: Siate certo e voi e tutti i nostri carissimi Amici di Udine, che penso e amo gli Amici Udinesi, fra il cui consorzio avanti alcuni anni con cos squisito diletto mi ritrovavo. Godo delle loro fatiche grate al Signore, tendenti alla comune unit. godo della permanenza, come voi mi scrivete, negli antichi concetti. Assicurateli dellamor mio, dello stesso calore dei miei sentimenti, che essi conobbero quandio fui presso di loro, dello stesso scopo delle mie fatiche e cure e desideri. Poi passando a dare utili norme: Quanto pi presso di voi potrete essere raggiunti e organizzati nella societ fin dallora progettata di una Accademia Ecclesiastica, tanto pi lazione giovevole sul miglioramento degli uomini e della societ riuscir efficace agli altri, a voi meritoria. Vorrei solamente vedervi radunati intorno a un centro, perch dove non unit, ivi non ordine. A questo nessuno sarebbe migliore che o Monsignor Vescovo o qualche altro distinto personaggio. Nelle riunioni o conversazioni che metodicamente si tenessero da voi altri, niente di pi fecondo e di vera utilit, che proporre e discutere insieme i progetti per il miglioramento della religione e dei costumi, e insieme per la propria emendazione. Dove regni lo spirito di carit, la concordia dei fini, nulla pi utile che lavere raccolti in simili conversazioni, quasi in unico fuoco, i lumi di molti. Gi voi altri, come mi avete scritto, consapevoli del bisogno che nei nostri tempi siano diffusi buoni libri in opposizione a quella gramigna dei cattivi che sabbarbica per ogni viri, navete procurato la stampa di alcuni. In questo modo si resa famosa la Societ del Belgio, e vanno acquistandosi tanti meriti le pie persone che a questo incombono, per tacere della Francia, a Roma, a Firenze e a Torino. Ai nostri giorni sono molto utili i giornali ecclesiastici, e per noi altri direi quasi necessari. In Italia si distinguono quelli di Torino e di Modena; in Germania quelli di Landshut e di Strasburgo; in Francia il Memoriale Cattolico e LAmico della Religione e del Re. La dilettevole lettura di questi scritti periodici potrebbe continuamente nutrire di utilissimi pensieri e ragionamenti la vostra conversazione ecclesiastica. Ma, come dicevo, desidero fra voi un capo: qualcuno che colla dignit e fermezza dellanimo e con tutti gli altri onesti mezzi quasi vabbranchi, e fortemente vi tiri e stringa a s, e non vi lasci da s dividere. Capitanati e diretti, le vostre volont che son buone ma deboli, si renderebbero forti e conseguirebbero grandi cose e gran meriti. Coraggio, Amici, perch noi militiamo sotto lo stendardo del Valorosissimo e dellInvincibile. Non dunque ad essere di poco animo e di vili e miseri affetti: ma gettando da s ogni peso e ingombro dinutile fardello, lanciarsi disperatamente sul nemico, sicuri che la sconfitta pienissima. Voi ne avete il cuore: ma n manca leccitamento, loccasione, e pi di tutto la direzione. Pensate a questo, pensate di radunarvi ad un capo. Leggete la presente a tutti (1 luglio 1825).

D Diif ff fiic co olltt r riis so or rg ge en nttii


La presente lettera ci rivela le difficolt risorgenti un po da per tutto contro la Societ degli Amici, e in particolare quelle di Udine, confermateci dalla risposta del De Apollonia: Gli Amici di qui le ricambiano cordialissimi saluti; comprendono il vantaggio che verrebbe loro dallessere da uomo di opinione e senno capitanati: ma qui non c. Non diffidano per rinforzarsi sempre pi col tempo. Per ora, fatta di necessit virt, fanno quello che permettono LE CIRCOSTANZE POLITICHE E CIVILI di questo cantone ora non dominato affatto dalle questioni di spirito, incrudito dalla durezza di non pochi, ingombrato di molti tenebrosi bestioni, e che molto inselvatichisce per il libertinaggio e per la lussuria, a cui le veglianti leggi sono tarde ad allontana da questi cuori troppo facili al fuoco delle sue passioni. Caro il mio Don Antonio, sappia che questi contorni son tutti dominati da castelli di feudatari: e ancora risuonano le violenze e le volutt loro. Se fosse conosciuta la storia del Friuli, sarebbe chiamato la tana dei delitti! Si andava disboscando: ma la scu41

Societ degli Amici (Charitas 1931)

re si arrest. E noi ancora per ci non siamo che canne. Del resto io spero che sempre le cose vorranno piegare al meglio: solo mi dispiace che siamo lontani (25 luglio 1825). Siamo in quel periodo in cui parecchie Amicizie Cristiane (persino quella di Torino) sono state troncate dalle prevenzioni politiche: e anche la Societ degli Amici iniziata dal Rosmini dovr seguire la sorte comune. Il suo Panegirico a Pio VII lo aveva messo in pessima luce. Le molte peripezie di quel Discorso costituiscono una pagina eloquente dei sospetti polizieschi. Gli si dava biasimo di parlar male di Napoleone Bonaparte! Ma lamico Stoffella portatosi a Vienna nellottobre 1825, tanto disse e fece presso tutti quelli che ne potevano sapere qualcosa, dal Nunzio Pontificio al Censore Capo, che ne ebbe alla fine il vero motivo: ROSMINI ERA ACCUSATO DI ESSERE IN STRETTA RELAZIONE CON ROMA. E la cosa era tanto gelosa che da Vienna Stoffella indirizzava la sua lettera non al Rosmini stesso, ma a Maurizio Moschini firmandosi collo pseudonimo di Angenlio. Intanto per il proposito di lavorar per la causa del bene durava. Gli scritti del Rosmini erano per gli Udinesi una manna del cielo: linteresse per il Saggio sulla Felicit, e poi per i libri Delleducazione cristiana straordinario. A loro volta essi, dietro i suggerimenti del Rosmini, si proponevano la ristampa dei Morali di San Gregorio.

I Ill D De eA Ap po ollllo on niia aa aR Ro ov ve er re etto o


Per attingere conforto nel settembre del 1825 De Apollonia pot passare - finalmente, - parecchi giorni , a Rovereto, portandosene con s una sempre maggiore ammirazione, non meno della dottrina che della virt e della amichevole generosit con cui gli prometteva, come fece, di aiutare suo fratello Luigi a completare gli studi di medicina in Padova. Ai ringraziamenti del caro Don Sebastiano il Rosmini rispondeva: Vi raccomando caldamente tutte le buone imprese, nelle quali nutrite la nobilt e grandezza del pensare, e particolarmente lo eccitava a raccogliersi tutto nello studio delle Istituzioni religiose, lavoro apologetico che De Apollonia si era proposto di condurre a termine. Anche in seguito ricorse al Rosmini, che gi si trovava a Milano, per questo lavoro. Da Milano, marzo 1826 - febbraio 1828, il Rosmini non mancher di aiutare e consigliare gli Amici Udinesi, specialmente intorno alla disegnata pubblicazione della Storia del Cristianesimo del Bercastel.

I Ill R Ro os sm miin nii a all C Ca allv va ar riio od dii D Do om mo od do os ss so olla a


Lautunno del 1827 Rosmini insisteva perch De Apollonia si recasse da lui. Questi non pot: e Rosmini gli scriveva (25 settembre 1827): Incerti del futuro sempre tutti, pi incerto mi trovo io, e di presente: e non so se verr un altro autunno nel quale vi abbracci in casa mia. Egli aveva gi presa, nel giugno, leroica decisione di tutto abbandonare per la solitudine del Calvario. Di l gli scriveva il 5 marzo 1828: Ma vi un passo della vostra lettera, che pare scritto da un luogo recondito, nel quale nulla si sappia di quanto accade sulla terra; vi un passo quasi fatidico, ed quello ove dite: e porter Lei in qualche sito, dove soli soletti riprenderemo in esame le forme degli antichi. Voi non mi porterete, ma io vi preceder in questo luogo: anzi vi ho gi preceduto. Leggete la data di questa lettera, e poi negate che io non sia luomo stesso del 27 settembre 1819. In quel giorno, dopo che abbiamo sottoscritto ci che di tre doveva formare per sempre una sola vita, uno spirito solo, io dissi ai miei due compagni queste parole: Miei cari, noi pensiamo tanto per gli altri: ma e per noi stessi? - Quelle parole parvero raffreddare il fuoco che si accendeva: ma poich erano vere, cos io non le ho mai pi dimenticate; forse che, tardi, ma forse ora quel seme, dopo nove anni, marcisce, forse ora il Signore lo feconda. Forse il patto, che abbiamo stretto allora, di pregare ogni giorno scambievolmente, stato pi efficace che tutti i nostri ingegnosi 42

Societ degli Amici (Charitas 1931)

provvedimenti, non scevri, pu essere, di vanit. Insomma, io sono su questo Monte della salute fino dal principio di questa Quaresima, fatta anche dal Signore innanzi alla sua predicazione, per partecipare della misericordia che esce da quel digiuno del Signore. Ah nesca in copia, e ne empia il mondo, ed io non la rigetti da me! pur questo, che ora vi rammento, il nostro patto, di pregare cio unanimemente, perch ora pi che mai ne ho bisogno. Da quel punto la vita dei due Amici prende una diversa direzione. De Apollonia non seppe mai prendere la deliberazione di lasciare tutto per darsi alla nuova vita del Rosmini, il quale riprendeva le vie delle ascensioni spirituali che dovevano portarlo a tanta squisita virt. Lontani, furono per sempre vicini col cuore e uniti negli identici propositi di bene. Continu il De Apollonia a insegnare nel Seminario di Udine la grammatica, poi la filosofia e la scienza della religione, e dal Seminario pass Canonico alla Collegiata di Cividale. Costante nellamicizia del Rosmini, mantenne con lui frequente scambio di lettere, per comunicargli ora i suoi disegni scientifici, ora le sue tribolazioni e i bisogni del cuore. Studiando nelle opere filosofiche di lui, ne abbracci le dottrine e se ne fece propagatore; tent lavori di vario genere, e avrebbe potuto giovare alle scienze, ove fosse riuscito a correggere i suoi difetti in apparenza opposti che il Rosmini aveva notati in lui sin dal primo conoscerlo, luno di sprofondarsi nella riflessione, laltro di sovente smarrirsi per limmaginazione troppo attiva. Il De Apollonia sopravvisse pi anni al Rosmini, conservando sempre, come tutti i cari Amici Udinesi, venerazione e direzione sincera al grande Uomo che aveva segnato nella loro via un solco cos profondo.

43

Societ degli Amici (Charitas 1932)

G Gllii A Am miic cii iin nV Ve en ne ez ziia a111111


Da Udine passiamo a Venezia, dove la Societ ebbe parimenti un importante suo centro, e oper attivamente, o almeno si agit per fare qualche cosa, parecchi anni. Questo principalmente per opera di alcuni buoni Amici, gi prima dellavviamento della Societ, legati di stretta e tenera consuetudine al Rosmini, come Valerio Giason Fontana, Mons. Antonio Traversi, Pier Alessandro Paravia, ed altri che verremo incontrando di mano in mano. Il Fontana era quasi compatriota del Rosmini: di Pomarolo, a pochi chilometri da Rovereto, nipote dei celebri fisici e matematici Gregorio e Felice, e fratello di Francesco, che nelladolescenza era stato amico al Rosmini e socio della domestica Accademia Vannettiana, nonch di un Luigi, che il Rosmini, ad alleviare la famiglia di lui la quale non avrebbe potuto dargli educazione conveniente, si era tenuto in casa, un po per compagnia un ,po come lettore e amanuense, per tre anni e che poi, non potendo pi tenerlo con s per la sua vivacit ed irrequietezza, si adoper per mantenerlo a sue spese nel Liceo Santa Caterina di Venezia e nel Seminario di Trento, diventando alla fine studente di legge e avvocato. Valerio Giason era tuttaltro carattere dal Luigi: in Venezia stava nel Liceo sopra ricordato di Santa Caterina, attendendo agli studi ecclesiastici (fu ordinato prete nel settembre 1823), e faceva da segretario del Liceo stesso. Riconoscentissimo al Rosmini per tutto ci che aveva fatto a pro della sua famiglia, buon ingegno, laboriosisimo, animato da gran desiderio di bene, entrava perfettamente nei disegni di lui. Lo vedremo designato quale Cassiere della Societ Tipografica di San Girolamo. Tutto il tempo che fu a Venezia (fino al 1827) prest ottimi servigi al Rosmini, non solo per linteresse che prese alle cose della Societ, ma specialmente stando in vedetta per fargli buone compere di libri. Chi volesse studiare il formarsi della biblioteca personale di Rosmini, pu farlo agevolmente collo spoglio delle lettere del Fontana. Scherzosamente si chiamava procuratore di casa Rosmini a Venezia. Col 1827-28 fu nominato Professore al Ginnasio roveretano; ma gi il Rosmini, come sappiamo, ne era definitivamente lontano. Il Fontana fu rapito agli studi e agli amici nella giovane et di trentasette anni. Nelle lettere del Fontana gli accenni alla Societ degli Amici sono frequentissimi: Come va colla Societ? Bravo per la nostra Societ! E non nomina mai il Rosmini senza i termini della pi affettuosa amicizia: Rosmini mio amatissimo Amico, Soavissimo Don Antonio mio, Mio dolcissimo Don Antonio, Columba mea, Amicone!. Gli sfoghi poi dellanimo sono ad ogni pagina, versando il Fontana tutta. la piena del cuore lieto e dolorante nel cuore che sapeva perfettamente capirlo: Io non posso che ripetere - scriveva - le cose che gi mille volte vi dissi, n mai mi stancher di replicare, cio che vi amo, ma quanto si pu amare un Amico come voi siete e che,lAmicizia che vi porto tale, che nemmeno oltre la tomba potr finire, se vero che i buoni e santi sentimenti non si dimenticheranno nemmeno di l. Ed ancora: Il vostro cuore, le vostre qualit, il vostro sapere non possono non attirarvi stima e affetto da qualsivoglia e massime da me (25 febbraio 1823).

M Mo on ns s.. A An ntto on niio oT Tr ra av ve er rs sii


Fu senza dubbio il Fontana che fece conoscere il Rosmini, se non a Mons. Traversi, Provveditore degli studi al Liceo di Santa Caterina di Venezia, ad altri del Liceo stesso, e fuori. Dico non a Mons. Traversi, perch la consuetudine con questo valentuomo devessere stata di parecchio anteriore: sebbene non abbiamo modo di determinare esattamente il quando e il come. Ma probabil11. In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , febbraio 1932, p. 40-44.

44

Societ degli Amici (Charitas 1932)

mente a Rovereto, dove il Traversi deve essere stato ospite pi volte ancor vivente Pier Modesto Rosmini. E consuetudine la pi intima e delicata: poich il Traversi dirigeva il Rosmini nello spirito, come possiamo desumere da lettera di lui al P. Antonio Cesari, in data marzo 1821, cio di un mese circa prima della sua ordinazione sacerdotale. Nel grande fervore di spirito, in prossimit del sacerdozio e nel vivo desiderio di perfezione, il Rosmini aveva deliberato di farsi Filippino, come era il Cesari stesso. Ve lo distolse il Traversi. Gi pressoch tutte le cose erano ordinate - scriveva il Rosmini - perch io mi dovessi approfittare della sua dolcissima e utilissima compagnia, anzi PRENDERE LA VITA FILIPPINA, a cui ladito mera aperto dalla loro singolar bont: quando nuove considerazioni mi rimossero da tale proposito Queste considerazioni furono principalmente i consigli del Provveditore Traversi, CHE IN TUTTE LE COSE DI SPIRITO MI DIRIGE E MI HA SEMPRE DIRETTO . La corrispondenza che ci rimasta tra il Traversi e il Rosmini quanto mai scialba e insignificante. Non vi si trova mai un cenno di intimit spirituale. Daltra parte la direzione di cui parla il Rosmini non pot avvenire, in via di massima, che per scritto. Dunque? Bisogna concludere che, oltre allo scambio epistolare rimastoci, ci devono essere state pi altre lettere, che la delicata coscienza del Rosmini e del Traversi ha sottratto alla nostra curiosit e, sapendo chi il Rosmini, possiamo dirlo, alla nostra ammirazione.

A Allttr rii A Am miic cii d dii V Ve en ne ez ziia a


Col Fontana e col Traversi si trov il Rosmini nel viaggio dellottobre 1820, che abbiamo gi descritto, a Udine, Venezia, Padova; ma nel suo Diario dei Viaggi non specifica precisamente in quali e per quanti giorni. Sappiamo anche che in questa breve visita si incontr pure con Luigi Carrer, il noto letterato e poeta, con certo Don Bembo soprannominato il Betti, col conte Antonio Papadopoli, con Pier Alessandro Paravia (non a Venezia, ma a Mira di passaggio), e genericamente con altri. Il Rosmini ebbe occasione di portarsi a Venezia qualche altra volta negli anni seguenti; ed allora, gi avviate, abbastanza prosperamente, le cose della Societ, pot conoscere parecchie altre egregie persone, le quali tutte entrarono, qual pi qual meno, nellordine delle sue idee e nella sua sfera dazione. Quando ci fu nellaprile 1821, di ritorno da Chioggia dopo lordinazione sacerdotale, e vi celebr presso i suoi Amici del Liceo Santa Caterina la prima Messa, sono ricordate tra le persone allora conosciute il Cav. Ippolito Pindemonte, il gentile poeta e traduttore dellOdissea, certo chierico Filiasi (poi Segretario del Patriarca), un certo Bianchini, un abate Carnielo, ed altri. Altre conoscenze pot fare nel luglio 1822, quando fu ospitato, come sempre del resto, al Liceo presso Mons. Traversi, dopo di essersi laureato in teologia a Padova: e cio, il Prof. Innocente, il Prof. Marini, il Patriarca di Venezia Ladislao Pyrker, il Montan, Censore della Stampa, il Moschini, Prefetto degli studi in Seminario, i pittori Lattanzio e Astolfoni. Da notarsi per che il Rosmini, anche in queste sue visite, era quanto mai riservato, come gliene muoveva lamento il Paravia appunto nel luglio del 1822: Qui a Venezia avete lasciato un grande desiderio di voi: siete stato cos poco a Venezia, e anche quel poco cos chiuso fra quattro mura, che come se foste rimasto nel vostro tranquillo Rovereto. Unaltra volta, o fate a meno di venire tra noi, o cercatevi una casa da abitare, o un monastero da far penitenza. Nella stessa occasione un altro Amico, certo Angelo M. Gerardini, ringraziandolo dellOrazione in morte del parroco Bartolomeo Scrinzi, gli iscriveva: E quando torner ella qui a farci lieti del suo aspetto giocondissimo? Non indugi troppo, la prego, a secon45

Societ degli Amici (Charitas 1932)

dare le vive brame delle persone che ladorano Si conservi a gloria di Dio, a onor delle lettere, a consolazione dei suoi veri estimatori. Aggiunse qualche nuova conoscenza e rinnov e rinsald le antiche il marzo seguente 1823, quando fu a Venezia, come abbiamo visto, con Mons. Giuseppe Grasser, intimo amico del giovane Rosmini, gi Prefetto degli Studi in Tirolo e allora nominato Vescovo di Treviso. Tra gli altri fece una gran festa al Roveretano il Conte Corniani, Conservatore della Galleria dellAccademia, conosciuto in conversazione presso il Patriarca, dove conobbe pure il traduttore del Gessner, il poeta Andrea Maffei. Tra le carte riguardanti gli Statuti della Societ degli Amici trovo anche un elenco di nomi, che certamente erano o membri o da chiamarsi a diventar membri della Societ, e mi par qui il luogo di ricordarli. Essi sono: Conte Ferdinando Pellegrini, Iacopo Crescini da Padova, Antonio Zanadio da Venezia, Antonio Romenati da Mantova, Teodorico Tessari da Montebelluna, Conte Giuseppe Pasquale De Besenghi degli Ughi di Isola, Conte Ferdinando Mozzi da Bergamo, Guido Tommaso Donatelli da Venezia, Nicol Vergottini da Parenzo, Antonio Baffonini da Rovigo, Giovan Battista Ponciesa da Padova, Filippo Marinelli da Verona, Benedetto Osti da Legnago, Filippo Nani da Venezia. Tutte queste egregie persone ed altre, delle quali non si hanno che i nomi o non si fa che una rapida rara menzione nella corrispondenza del Rosmini agli Amici o in quella degli Amici al Rosmini, entrano cos nellorbita di questanima che colle sue robuste energie e col suo entusiasmo giovanile tutte voleva spingerle ad una grande opera di rinnovazione cristiana.

A Alle es ss sa an nd dr ro oP Pa ar ra av viia ae eA An ntto on niio oP Pa ap pa ad do op po ollii


La pi grande familiarit correva tra di essi.. Rosmini colla matura assennatezza condita dalla pi amabile modestia era veramente una calamita dei cuori. Lo chiama cos il Fontana, mentre il Papadopoli in lettera del 1821, dove sfoga tutta la sua anima sensibilissima allamico del cuore, lo dice Dimidium animae meae! Era stato il Paravia a unire il Papadopoli al Rosmini. Il Paravia trattava Rosmini intimamente: condiscepolo a Padova, ospite suo a Rovereto, ammiratore e amico sincero per tutta la vita. Non era stato dei primissimi a far parte della Societ, perch il Rosmini non lo aveva allora presso di s, vivendo il Paravia a Venezia. Ma gi il 22 agosto 1820, prima del viaggio nel Friuli, gli scriveva: Avrei un piano a proporvi, arduo e vastissimo; ma non per questo tale che ci debba smarrire, e penso, anzi che voi dobbiate con animo entrarvi. E il Paravia a sua volta, incuriosito: Qual questopera in cui voi mi volete per compagno?. Nel viaggio a Venezia il Rosmini pot vedere il Paravia, alla Mira: una prima volta il 19 ottobre, ma solo per pochi momenti, non certamente bastevoli per il mio desiderio - gli scriveva il giorno dopo - dalla bottega di libri che fu di Giuseppe Comino - in Padova - e per il bisogno di stare e parlar con voi diverse cose. Lo rivide qualche giorno dopo un po pi a lungo, ma sempre troppo poco per entrare nel cuore dellargomento tanto importante e delicato. Quindi il lungo parlare amichevole che si erano ripromessi, rimase un pio desiderio. Certo che si parl della Societ tipografica presentandola forse ancora come cosa stante a s, e senza rivelare gli occulti nessi con unaltra Societ pi generale e totalmente religiosa; parl invece della Societ degli Amici, col Paravia e col Papadopoli, il Fontana che, avendo forse trovato qualche difficolt, spingeva il Rosmini a scriverne loro esplicitamente (9 febbraio 1821). Poterono parlare in seguito liberamente; ma nella corrispondenza del Rosmini non trovo questa lettera di 46

Societ degli Amici (Charitas 1932)

spiegazione, come pure non si trova quella al Papadopoli; erano lettere riservate, e abbiamo la certezza che molte di queste, che sarebbero state per noi preziosissime, sono andate smarrite, o distrutte dal Rosmini stesso.

L La aS So oc ciie ett T Tiip po og gr ra af fiic ca ad dii S S.. G Giir ro olla am mo o


La cosa che parve proprio dovesse aver seguito, e che certo stava in cima a tutti i pensieri del Rosmini, come una prima forma concreta e pratica della Societ degli Amici, che avrebbe dovuto attuarsi in Venezia, ma abbracciare e conglobare in s tutte le societ analoghe di Brescia, di Rovereto, di Udine, e quelle altre che fossero in seguito sorte nel Veneto e altrove, era la Societ tipografica detta di San Girolamo. Di questa discorre unIstruzione, la III, allAmico Don Giovanni Stefani datata da Rovereto al 20 Novembre 1820, cio pochissimo dopo il viaggio pi volte ricordato. Sede della Societ Tipografica, Venezia; fine unico, stampare e spander buoni libri; stretto obbligo a tutti gli Amici di generosamente assistere questa tipografica impresa. Ne sarebbe stato cassiere lamico Don Valerio Fontana, Censori probabilmente Don Carlo Tranquillini e il Rosmini; stampatore Giuseppe Battaggia; Segretario Pier Alessandro Paravia, e Assistenti probabilmente Antonio Papadopoli e Luigi Carrer. Quelli che intendevano concorrere a formare il fondo di questa Societ dovevano sottoscrivere un minimo di L. 200. Avevano gi data la loro parola come Soci fondatori, Rosmini e Papadopoli per L. 1000 cadauno, Don Simone Tevini per almeno L. 400, Don Luigi Sonn, Don Francesco Guareschi, Giuseppe B. Stoffella, Don Orsi, Francesco Marsili per L. 200 cadauno. Altri si sarebbero certamente associati a costituire il fondo: Don Giuseppe Brunatti, Amico di Brescia per L. 600, Don Giovanni Stefani, etc. Bench la sola generosit e lamore alla Religione e alle lettere dovessero muovere i Soci a tale opera, tuttavia i Soci Fondatori avrebbero avuto questi vantaggi: l. Far stampare colla Cassa le proprie opere; 2. Acquistare tanti libri ogni anno quanto importerebbe il frutto del denaro al 5%; 3. Rendersi benemerito della Societ, e quindi essere avuto in vista prima di ogni altro, quanto ai vantaggi che la Societ avesse potuto conseguire. Per altro - soggiunge il Rosmini - tutti i vantaggi, fuori che quelli dello spirito, che ridondano ai Soci sono meri accidenti, che non si debbono dai Soci riputare. La sola cosa da stimarsi il fine unico e semplicissimo della nostra Amicizia, cio la difesa della santa religione e dei buoni principi, e il bene delle anime. Anche intorno a questa Societ tipografica si doveva osservare il silenzio tanto rigorosamente prescritto per lorganismo superiore della Societ degli Amici; essendo il segreto in queste cose - scrive il Rosmini - ci che nelle mine il turaccio.

E Ed diiz ziio on ne eP Po olliig gllo otttta ad de elllla aB Biib bb biia a111222


La Societ pensata dal Rosmini e avviata fin dal suo primo viaggio a Venezia nel 1820 doveva chiamarsi Societ di San Girolamo: e ci per molte ragioni - scriveva nella ricordata Istruzione allo Stefani - fra le altre perch questa ha il lontano fine duna EDIZIONE POLIGLOTTA DELLA SACRA SCRITTURA, nei quali studi San Girolamo principe. A chi appena sa che cosa significhi unimpresa di questo genere vien voglia di sorridere di un ardimento, che poco chiamar temerario. Ma con Rosmini non si pu. Se era un entusiasta, un ardimentoso, non era n cieco n pazzo: e se mirava ad unimpresa grandiosa, segno che ne prevedeva le difficolt e che sperava di trovare i mezzi per vincerle. Ledizione poliglotta trovava una

12.

In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , aprile 1932, p. 111-114.

47

Societ degli Amici (Charitas 1932)

persona preparata in Giuseppe Brunatti, dotto sacerdote bresciano, esperto di lingue orientali, studiosissimo delle Sacre Scritture, e di esse Professore nel Seminario di Brescia. Unitosi di amicizia al Rosmini nel 1820, entr subito a parte dei pi intimi suoi pensieri, abbracciandoli con entusiasmo. La corrispondenza epistolare dei due Amici, specie del Brunatti, fino al 1828 frequentissima. Dopo, ciascuno prese la propria strada, e divenne molto rara, bench sempre cordiale. Al Rosmini parve che il Brunatti gli fosse mandato da Dio, e gli diede subito lincombenza di stendere un progetto per la Poliglotta, e di trovarsi dei cooperatori. Fin dal dicembre 1820 il progetto era steso, e mandato a Rosmini. Sono molte lettere nelle quali si parla di questo progetto: mentre il Rosmini, deciso a favorirlo ad ogni costo, faceva ricercare libri che potessero giovare allo scopo e dal Brunatti stesso e dal Fontana, a Venezia, tra gli altri una Poliglotta che si poteva avere doccasione a Venezia, e una Poliglotta in Parigi. Non paia strano questo interessamento del Rosmini per gli studi biblici, poich in Germania essi rifiorivano, n voleva, luomo sapiente e zelante della cattolica religione, che lItalia fosse da meno nel difendere la verit di quanto erano gli studiosi doltralpe nel propagare lerrore. Tra gli autori consultati per gli studi biblici era quello che allora pareva principe degli esegeti protestanti, il Rosenmller, del quale scriveva il Brunatti in data 10 marzo 1822:Mio Dio, che strazio del libro di Dio! una nave senza timone, senza bussola, senza direzione: commenta, castra, rinnega la fede a Mos, come si farebbe della Teogonia di Esiodo!. Anche il Rosmini port il suo contributo, poich il suo giudizio era richiesto e apprezzato in ogni ramo del sapere: fece le osservazioni al Progetto del Brunatti per la Poliglotta, promise lIntroduzione a qualche libro (non abbiamo n le osservazioni n le introduzioni), trascrisse o fece trascrivere i passi pi notevoli e controversi del Rosenmller, apponendovi qualche nota, e prepar materiali per uno studio pi accurato. Tra i suoi Manoscritti abbiamo queste trascrizioni del Rosenmller, e molte note, che dovevano servire appunto a questo o ad altri progettati lavori sulle Sacre Scritture. Da parte sua il Brunatti ci diede pregevoli studi biblici; e pi ancora avrebbe fatto, se il Rosmini gli fosse sempre stato a fianco per stimolarlo e guidarlo.

L La av vo or rii ttiip po og gr ra af fiic cii a aV Ve en ne ez ziia a


Intanto che si facevano i lunghi e faticosi preparativi per la futura Poliglotta si cercava a Venezia di concretare qualcosa di pi modesto colla stampa di libri buoni, una Raccolta di Canzoni a Maria, il San Filippo del Rosmini, e il De catechizandis rudibus di SantAgostino, con Introduzione del Rosmini e Traduzione del buon secolo. Il San Filippo era stato dedicato al conte Papadopoli, che ne ringrazi con effusione il carissimo Autore. Anima delicata e bella, il Papadopoli, una volta conosciuto il Rosmini, lo am con trasporto, e gli scriveva le pi segrete cose del suo cuore, per averne parole di incoraggiamento e di conforto. Abbiamo da lamentare anche qui la perdita di varie lettere del Rosmini: di una delle quali il Papadopoli cos lo ringraziava il 22 febbraio 1822: I vostri sentimenti soavi inebriano lanima mia, e acquetano i miei lamenti. Il Signore Iddio vi benedica, e vi sia cortese di quella pace che sola pu farvi gustare la vita. Caro Amico: nel primo incontro voi mi siete andato a sangue, e ipso facto conobbi in voi quelle delizie della vita cristiana che rendono gioiose le amicizie Voi, caro Amico, quando mi scrivete mi recate un piacere virtuoso s che alleggerite ogni mia pena, e mettete modo ad ogni mia gravezza. Ogni d pi vi amo e sento ogni d pi la puntura del desiderio di rivedervi Addio, mio dolce Amico!. Un altro dei primi volumi pubblicati a Venezia fu il Thesaurus Sacerdotum o Memoriale vitae sacerdotalis. A proposito del quale cos scriveva il Rosmini allo stampatore Battaggia il 20 maggio 48

Societ degli Amici (Charitas 1932)

1821: Io per me credo che sia un libro eccellente, e che avr smercio, un po pi conosciuto che sia; per altro le suggerirei di stamparlo in latino, che agevolmente sintende. E poi questa la lingua degli ecclesiastici, fin quando la Chiesa ladopera nelle sacre funzioni e nei Decreti. Noi dobbiamo cercare di sostenerla quanto pi si possa secondo lintenzione del Concilio Trentino, che a chi non lo sa nega persino gli Ordini Minori [QUESTA VA PER QUELLI CHE HANNO FANTASTICATO E SFACCIATAMENTE DETTO E SCRITTO CHE IL ROSMINI FAVORISSE LA LITURGIA IN VOLGARE!] Oltre di che, assuefatti come siamo a sentire le espressioni della Sacra Scrittura e delle pubbliche preghiere, di cui per poco composto il libro, e che hanno tanto dunzione e di forza, ci parrebbe, se lavessimo in italiano, per quanto ben tradotto, daverlo assai raffreddato e illanguidito. Io ci vorrei poi mettere innanzi una piccola lettera, colla quale sindirizzasse ledizione al Clero nostro, e ne prenderei almeno un quaranta copie.

I Ill ttiip po og gr ra af fo od de elllla aS So oc ciie ett


Abbiamo visto fin da principio di questi nostri appunti sulla Societ degli Amici che il Battaggia, gi in relazione col marchese Cesare DAzeglio di Torino, era destinato ad essere il tipografo della Societ di San Girolamo. Il Rosmini lo anima allimpresa: Da bravo, si faccia conto dun merito presso Dio, che tanto pi grande quanto pi esteso e permanente. Il beneficare una persona pur meritevole azione, ma lo stabilire una fonte perenne di benefici spirituali, io lo credo merito, di cui Dio solo pu calcolarne lampiezza Ah, pur bello fare delle cose grate al Signore, e prepararsi un tesoro sicuro nella casa di lui! Ed ella ben la sente questa bellezza, e sente quant dolce anche per i frutti della sua istituzione dei cento giovanetti, che ella maccenna [un Oratorio festivo istituito e governato dal pio Battaggia]. Quanto a s il Rosmini prometteva di essergli debolissimo s, ma fido collaboratore. E Dio sa aggiungeva - Dio sa quanto sia vivo il mio desiderio per la gloria sua, e per il bene delle anime!. Il Battaggia si appoggi tutto al Rosmini, e pi volte ne fece il suo confidente, e a lui ricorse, come vedremo, per aiuti finanziari. Anima piissima, trovava nella parola del Rosmini nuovi incitamenti al bene. Ecco come questi gli scriveva, quando ebbe ad aprirgli le sue angustie circa landamento del suo Oratorio per giovinetti: Sono tali i piaceri che nascono dalle opere cristiane, che n pur si possono immaginare, nonch gustare, dai figlioli del mondo! Io so bene che talora anche, come mi scrive, ella prover delle angustie e dei timori di non contenersi bene nella condotta di quelle anime, e. il dispiacere di veder qualche ragazzo che non risponde con profitto alle assidue premure. Ma questo, a dir vero, il solito della carit, che di rado si contenta di se stessa; e non da negare che anche non sia difficile ladempirne gli offici con tutto laccorgimento e la perfezione. Di questo si lament anche spesso SantAgostino; un dono che Dio concede di solito gradatamente, come suole fare di tutte le altre virt, e lo concede a quelli che glielo domandano con umilt. E quelli glielo domandano, che facendo bene, vorrebbero far meglio: e non si accontentano mai, e par loro un gran difetto non poter toccare la perfezione. A questi Iddio illumina sempre pi gli occhi del cuore, e, come si vede nei Santi, essi giungono ad una prudenza, mansuetudine e destrezza incredibile nellinnescare le anime e a Dio soavemente condurle . La citazione non paia fuor di proposito, facendoci vedere, come del resto si pu provare con molti altri esempi, che con Rosmini, anche trattandosi di affari tipografici, laffare vero era uno solo, la causa del bene: e che egli, come era lincitatore di ogni attivit esteriore, cos era la guida spirituale e il maestro della vita interiore a tutti i soci.

I Ill P Pr re es siid de en ntte ed de elllla aS So oc ciie ett T Tiip po og gr ra af fiic ca a


Per tornare alla Societ Tipografica, bisognava darle un capo, e comera naturale, il Rosmini pens subito al Traversi. Certo sarebbe stato bene alla Presidenza, come a Torino e a Roma, persona di posto luminoso, cio che il Patriarca stesso se ne fosse fatto capo e protettore. Ma era cosa for49

Societ degli Amici (Charitas 1932)

se da neppure pensarci. Il Traversi sarebbe andato a Rovereto in casa Rosmini nelle vacanze autunnali di quellanno, 1821; e sebbene qui fossimo tutti - scriveva poi il Rosmini al Battaggia il 2 maggio 1822 - a quel tempo in mezzo a molta dissipazione, tuttavia io non mancai di cogliere un momento per parlargliene. Gli parve prevenuto: poich il Traversi gli rispose tosto che non credeva essere il caso di tentare listituzione di simile societ nei nostri paesi, sotto questo Governo, reso sospettosissimo dai pericoli giornalieri. Veramente - dice il Rosmini a me parve forse in quel punto la stessa cosa; n io replicai parola al detto del Provveditore [Traversi]. Si ricordi che siamo nel 1821. Ma non era uomo il Rosmini da lasciar unimpresa per motivi non gravissimi. Ci ripens: e ripensarci era un persuadersi sempre pi dei voleri divini. Laverla - scrive - tante volte e tentata e deposta quasi dallanimo anche prima chio conoscessi i Torinesi, e laver mi sentito un interiore incoraggiamento al tutto meraviglioso, nei momenti di maggior sconforto, mi ha persuaso che Dio la voglia da noi una tal cosa, o voglia almeno che con buona intenzione la tentiamo. Con buona intenzione tentare: qui il merito. Lesito Dio lo concede secondo i suoi nascosti sapientissimi disegni. Io sarei davviso - continua quel giovane Sacerdote (25 anni) di singolare prudenza - di non darle nessuna formalit n esteriore apparenza, ma operare intanto fra noi con certo metodo di consenso, e quasi a tenore dei consigli dei buoni signori di Torino. Per altro, qualunque cosa tentiamo, sar certamente bene che lo zelo sia FERVENTE, COSTANTE e SAGGIO. Senza il FERVORE, non faremo mai nulla di molto pregio ed, utilit. Non condurremo niente al suo fine, se una COSTANTE FORTEZZA non ci fa superiori agli ostacoli, senza dubbio grandissimi, che ci attraverseranno dalla parte e dei cattivi e degli ignoranti, e dal mondo e dal demonio. Che se infine questa carit non fosse SECONDO LA SCIENZA, non sarebbe n a Dio gradevole, n utile agli uomini; n infine sarebbe carit, ma presunzione, un vano nome, un inganno del nemico. Conclusione: quella che si deve aspettare sempre dal Rosmini. Se noi matureremo la cosa con la preghiera, e a seconda dei lumi che Dio si degner di manifestarci, sia per mezzo dei buoni sensi che a noi stessi ispiri, sia per i suggerimenti di savie persone; se noi verremo assecondando, non prevenendo, i divini disegni, e colla giusta umilt saremo indifferenti a tutto, fuorch a fare la volont di Dia, senza cercare quelle cose che giovano ai nostri particolari interessi, anzich alla sua gloria: allora io confido che tanto faremo quanto baster per renderci alla fine consolati.

G Gllii A Am miic cii d de eii L Liic ce eo od dii S S.. C Ca atte er riin na aa aV Ve en ne ez ziia a111333
Dopo la preghiera e la meditazione, avrebbe scritto al Traversi esponendo bene la cosa; e sentiremo qual consiglio ed aiuto sia per darci quelluomo pio ed illuminato. Naturalmente nelle poche lettere che ci rimangono del Rosmini al Traversi non abbiamo nessun cenno su di una questione tanto importante: e questo, come pure il mancare di ogni lettera del Traversi al Rosmini, una grave lacuna nellEpistolario rosminiano. Lautunno del 1822 il Traversi non fu a Rovereto: ma fu invece il Rosmini a Venezia nel marzo del 1823 per accompagnarvi lAmico Monsignor Giuseppe Grasser, eletto Vescovo di Treviso. Il Fontana in tale occasione, 25 febbraio 1823, scriveva al Rosmini: Per incombenza del Signor Provveditore Traversi vi debbo dire che vi ricordiate quello chegli vi scrisse prima dora; che dovete venire a smontare in Liceo, che la VOSTRA CASA QUI, e gli fareste un gravissimo torto e offendereste lAMICIZIA, cio i Soci della Societ degli Amici che erano nel Liceo. Gi prima, del resto, il Rosmini aveva scritto al
13. In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , maggio 1932, p. 149-153.

50

Societ degli Amici (Charitas 1932)

Traversi, ad un suo invito anteriore, in previsione della stessa circostanza: Veder Lei e tanti buoni Amici che ho cost, e in una cos lieta occasione, ah sono stimoli e lusinghe ben forti! Il Rosmini nel Liceo di Santa Caterina, come gli scriveva Don Valerio Fontana, era veramente a casa sua. Oltre al Traversi e al Fontana, vi trovava un certo Don Bembo detto Betti, Filiasi, Bianchini, Zaccaria, Cappello, Carnielo, Mezzan, Gritti, Bedoschi, Don Lorenzo Gallo, Giacomino, e Gerolamo, detto Momolo, Momolone, o Momolon grassoccio. Era questo un cameriere del Liceo che aveva preso una straordinaria affezione al Rosmini: perch, avendo avuto lonore di servirlo, credeva che a buon diritto gli appartenesse. Era la macchietta della compagnia. Non c lettera proveniente dal Liceo che non contenga i saluti di Momolo. Una volta Rosmini accluse un biglietto tutto per lui, e la consolazione - gliene scriveva Don Valerio - e lallegrezza che nebbe e nha tanta, che pare un matto. Ricorder anche, tra le persone conosciute in un precedente soggiorno al Liceo di Venezia, la Signora Albrizzi e figlio, e la Signora Enrichetta Treves (ebrea), di cui il Paravia scriveva al Rosmini fin dal 9 luglio 1822: La signora Enrichetta mi scrive di voi cento cose belle. Che bellacquisto per la fede, se si rendesse cristiana!

R Ro os sm miin nii a aV Ve en ne ez ziia an ne ell m ma ar rz zo od de ell 1 18 82 23 3


Rosmini part da Rovereto con Monsignor Grasser e Don Pietro Orsi il giorno 8 di marzo, e giunti a Venezia fu ospite, come poi sempre, presso il Traversi; mentre gli altri due furono ospiti del Patriarca. Appena in Venezia, il Rosmini cur la stampa, in latino e in italiano, della Lettera Pastorale, del Grasser alla sua Diocesi (la Lettera stessa per del Rosmini, non del Grasser), e assistette alla consacrazione dellamico, il giorno 16, compiuta, oltre che dal Patriarca, da Mons. Farina di Padova e da Mons. Ravasi di Adria e Rovigo. Quel giorno poi partecip ad un banchetto di 31 coperti in onore del nuovo Vescovo offerto dal Patriarca; l il Rosmini pot far nuove conoscenze, tra cui il Conte Cornani e Andrea Maffei, gi ricordati. Nel Liceo poi conobbe anche il Nobile Grimani di Treviso. Partirono il 19 da Venezia per Treviso, dove il Grasser ricevette tali onori, che, scrive il suo compagno di viaggio, simile ingresso non memoria che avvenisse a nessun Sovrano. Altre persone conosciute dal Rosmini in questo viaggio: Mons. De Rossi Vicario Capitolare di Treviso, il Podest Dottor Montanari e il conte Arnigo Vice Delegato, il maestro Michelangelo Codemo, labate Gianni Prefetto del Ginnasio, il Delegato Grller, il conte Cav. Avogadro, il Dottor Gottardi, Don Tommaso Fontebasso, Don Zara.

V Viia ag gg giio oa aR Ro om ma ac co oll P Pa attr riia ar rc ca ad dii V Ve en ne ez ziia a


Da Treviso per Valsugana Rosmini e Don Pietro Orsi vennero a Trento la sera della Domenica delle Palme, e il giorno dopo, 24 di marzo, erano a Rovereto. Qui si fermava due soli giorni, poich il Gioved Santo, 27 marzo, ripartiva per Venezia, dove giungeva il Sabato Santo, e celebrata la Pasqua, marted 1 aprile in compagnia del Patriarca Ladislao Pyrker partiva alla volta di Roma. Dire del viaggio a Roma non il qui posto: solo va ricordato che Rosmini non and a Roma di propria volont, ma per le insistenze del Pyrker, il quale, ammirato del giovane prete roveretano al primo conoscerlo, lo aveva voluto ad ogni costo con s in un tale viaggio. Gli giov tuttavia assai quellandata, perch gli diede modo di conoscere molti dotti e santi personaggi, e avvicinare quel grande Pontefice che fu Pio VII. Non a dire se tutti quelli che trattarono allora il Rosmini restarono edificati della sua mode51

Societ degli Amici (Charitas 1932)

stia ed entusiasti del suo sapere. Basti accennare che tutti gli furono da allora in poi sinceri amici ed ammiratori: tanto che a stento pot sottrarsi alle vive istanze che Papa e Cardinali gli fecero di trattenerlo in Curia, nominandolo subito Uditore di Rota, e dicendogli che quello non sarebbe stato che un primo passo. Part il Rosmini da Roma col Pyrker ai primi di maggio, lasciando gran desiderio di s. Di passaggio a Firenze vi conobbe il conte Fossombroni Segretario di Stato e Ministro degli Esteri del Ducato, Don Neri Corsini, e Mons. Fortunato Zamboni, dellAccademia della Crusca, presso il quale vede, con sua grande sorpresa, le bozze di una ristampa del Saggio sulla Felicit, fatta a sua insaputa. A Bologna conobbe il celebre linguista, poi Card. Mezzofanti. Il 16 maggio per Treviso e Valsugana giunge a Rovereto. Fu forse in questoccasione che, venuti da Rovereto Don Pietro Orsi e da Venezia il Fontana e il Traversi per salutarlo, tutti insieme si spinsero fino a Vicenza, dove pranzarono presso il Vescovo Mons. Peruzzi, e fecero conoscenza collAbate Dattor Savi, bibliotecario, e coi due fratelli Caldagno, uno Vicario Generale, e laltro Arciprete del Duomo.

L La av vo or rii d de elllla a S So oc ciie ett a aV Ve en ne ez ziia a


Il Rosmini dunque, nel suo soggiorno a Venezia, ebbe pi volte a trovarsi col Traversi; e certamente parlarono, e a lungo, della progettata Societ. molto probabile che il Traversi si lasciasse vincere dalle ragioni del Rosmini, poich vedo che mentre prima lo chiamava solo Pregiatissimo, Veneratissimo Signore, dopo lo chiama Amico: ma documenti non ne abbiamo. Ben inteso, che al di fuori nulla avrebbe dovuto comparire, e che lesecuzione del progetto era da attuarsi poco alla volta: ci che non si pot mai pienamente, per le ragioni pi volte accennate. Il Battaggia quindi continu a lavorare in proprio, ma sempre secondo lindirizzo e lo spirito dellAmico di Rovereto e nel santo intento di preparare il terreno alla Societ. Pubblic difatti, senza contare cose minori, il De catechizandis rudibus, i tre libri dellEducazione Cristiana del Rosmini, la Storia Ecclesiastica dellOrsi, della quale usc nel luglio del 1822 il Manifesto con capolista degli associati il Rosmini, e nel 1823 si accingeva alla stampa del Butler. Questopera, una volta molto famosa e in voga nel campo dellagiografia, bisognava pensare a tradurla dall'originale inglese o dalla traduzione francese: opera molto lunga e faticosa, come molto lunga e dispendiosa ne era la stampa. Il Fontana e il Rosmini specialmente animavano il tentennante Battaggia. Anche il Brunatti da Brescia cooperava forte. Aveva preparata una lunga Introduzione, e trovato un aiuto alla traduzione nellAbate Gargnani. Scriveva il 2 gennaio del 1823: Non troviamo chi lo traduca? il faremo tra di noi Il Signore che protegge lItalia avvivi, secondi, e compia i miei voti, e quelli di tutti i saggi e buoni che concorrono a questopera. Da parte sua non mancava il Rosmini di eccitare persino i Vescovi a raccomandar questopera al loro clero: come appunto fecero il Patriarca Pyrker a Venezia, e i Vescovi Mons. Nava di Brescia, Mons. Grasser di Treviso, e forse altri. Dopo il Butler il Brunatti avrebbe voluto subito si intraprendesse la traduzione integrale dellHaller, Restaurazione della scienza politica, con annotazioni del Rosmini: mentre il Battaggia si accingeva a pubblicare la Storia Universale provata con Monumenti del Bianchini, in diciotto quaderni, regalando poi ai sottoscrittori copia dellincisione del San Pietro di Tiziano. (LHaller si poi stamp poi a Torino, tradotto dal Padre Fisher, che invitava lo Stoffella a tradurgli il 3 tomo). Rosmini non si accontentava di eccitare il Battaggia, e di ottenergli raccomandazioni dai Ve52

Societ degli Amici (Charitas 1932)

scovi: ma al bisogno, sacrificava di tasca. Ricordatevi - gli scriveva il Fontana il 29 luglio 1823 - che come i cavalli senza fieno non corrono, cos il Battaggia senza denaro non lavora . Aveva il tipografo veneziano quaranta buoni corrispondenti con venti associati ciascuno; e il resto con assai pochi, se si eccettua Brescia, Bergamo, Roma e Bologna. Occorreva denaro per arginare il torrente; e Rosmini gli faceva un prestito di L. 4000. Gliene scriveva poi il Battaggia: Larga ricompensa ella avr dal Signore, che vedr per mano di lei soccorsa unimpresa, che, per lo meno, correva pericolo di restare sospesa . Il buon Battaggia dal canto suo non risparmiava fatiche: e fece un viaggio per riscuotere dai librai morosi i suoi crediti, circa L. 40.000, e diffondere le sue pubblicazioni, presentandosi perfino al Papa, al Re di Napoli, al Duca di Toscana, a Cardinali, etc. Stette in giro, si pu dire, dal maggio alla fine dellanno (1824), senza per concludere gran che.

P Pr ro og ge etttto od dii u un ne ed diiz ziio on ne ed de ell P Pa ad dr rii g gr re ec cii e e lla attiin nii
Nellautunno del 1824 il Fontana voleva far stampare dal Battaggia il noto Panegirico a Pio VII, ma il Rosmini perdeva la pazienza. Voi altri a Venezia - gli rispondeva - pare non abbiate occhi in capo, o siate loschi perch la farragine di schifosissimi errori, di cui sono piene le nitidissime edizioni di questo Battaggia, trascendono ogni misura; ed un vero pantano la Storia dellOrsi, una morta gora il Butler, una pozzanghera tutto il resto in fatto di correzioni della stampa. Scemi il lusso delle edizioni, lasci da parte i gentilissimi ramettini, ma paghi degli abili correttori Questo che vi scrivo vorrei che lo metteste sottocchio allo stesso Battaggia, e gli diceste: Cos scrive un che vama! (19 novembre 1824). A parte gli errori di stampa, il Rosmini non pot, anche se avesse voluto, affidare il Pio VII al Battaggia per ben altri motivi: cio per le singolari vicende toccate a quel Panegirico in cui egli professava cos apertamente la sua incondizionata devozione e ammirazione al Romano Pontificato, e il suo ardente amore alla vera libert e allItalia. Ma unimpresa ben maggiore si stava per cominciare a suggerimento e per impulso dello stesso Rosmini. Cos ne scriveva il 27 febbraio 1825 allAmico Brunatti di Brescia: Sapete che si va ruminando in Italia, et quidem in Venezia, itemque dal Battaggia nostro? Ledizione di tutti i Padri Greci e Latini. Oh, voi mi direte, saranno di quei nuvoloni che si mostrano destate, che promettono mari e diluvi, e poi, dati alcuni spruzzi, si dileguano ai venti Non so io di questo, ma vedremo. Una alla volta, diceva quel che ferrava le oche: ed un Padre alla volta non sia la torre di Babele. Ma unaltra migliore ve nho a dire. Volete che dica lautore chio ho consigliato a stampare in principio di tutti? Stupite il goffo chio sono: lo scolastico SAN TOMMASO! S, lo scolastico SAN TOMMASO! E pazienza chio fossi frate Domenicano; ma pur, prete senza cappuccio, sono di tal grossezza, e senza aver giurato in alcuna dottrina, ma solo per aver annusato alcun poco ne fui subito preso per la dolcezza del mio cervello. Ma usciamo di celia: cingetevi i fianchi e fatevi robusto come Atlante, perch anche a questumile impresa, se mai sar, come a tutte le altre, diate alcun giovamento. Non lanimo fiacchiamo per i pesi,: ma a ogni nuovo premere che sentiamo sulle spalle, usiamo di quella grandezza dello spirito immenso datoci da Dio, cui non termina o frena confine di mare, di terra, di cielo. In voi sfavilla questanima; e la luce sua, nulla cosa di quaggi, spero, appanner, e nessun travaglio scemer dei suoi raggi. Amatemi, e stiamo nel Signore come una cosa sola: la sola unione della nostra ineffabile carit ci far trionfare dellinferno!.

P Pe er rc ch h c co om miin nc ciia ar re ed da aS S.. T To om mm ma as so o? ?


Si capisce che Rosmini fosse caldo per San Tommaso. Bisogna rimandare il lettore alla sua Vita, dove si parla dellAccademia Tomistica, durata parecchi anni, e della quale scriveva poco dopo 53

Societ degli Amici (Charitas 1932)

la citata lettera allAmico canonico Silvestro Belli a Roma (16 maggio 1825): Fra gli studi che pi mi dilettano tiene certamente uno dei primi posti quellesercizio che, insieme con alcuni ottimi sacerdoti, da gran tempo facciamo quasi ogni giorno, nel quale leggiamo quel PORTENTOSO TOMMASO DAQUINO, CHE SOPRA GLI ALTRI COMAQUILA VOLA. Limpresa progettata di unEdizione dei Padri greci e latini era cosa tanto ardua, che Brunatti, facendone rilevare le difficolt, se ne mostrava sfiduciato: Cos piacesse al Signore, scriveva il giorno 8 marzo del 1825, che sotto il cielo italiano vedesse la luce una nuova edizione delle opere di quegli illustri scrittori antichi, di cuti la Chiesa si vanta ed onora. Io vorrei baciare le orme di chi a tantimpresa desse mano ed esecuzione. Ma state certo, certissimo: di questi miracoli ai tempi nostri non si faranno in Italia. Il cominciare poi da San Tommaso, il quale se fra i Padri non annoverato, pure di essi contiene la mente e la dottrina stillata, e avanza forse di tutti i singoli (sia fatto onore ad Agostino!) la mente elevata, non mi dispiace. Ma, ma, ma! Tommaso osso duro, a mascelle che non sieno robuste. Chi mai si pasce oggi di tal pane? E se c taluno di tali portenti tra gli Ecclesiastici, questi possiede lopera di San Tommaso, o sa trovarla ad assai buon mercato. Per la qual cosa io vi sono contrario circa il cominciar da San Tommaso. Vorrei invece cominciare dai Padri Apostolici Ma e le braccia e i danari?! Antonio carissimo; mancano le corporazioni religiose! I Mecenati erano persone vive, ora non sono che nomi. Oltre a ci lItalia nemica di studi profondi. Fosse altrimenti! .

A An nc co or ra as su ulllle ed diiz ziio on ne ed dii S S.. T To om mm ma as so o111444


Se il Brunatti trovava tanto difficile, e poco opportuna, unedizione di san Tommaso, il bellissimo pensiero sorrideva invece assai al Battaggia e al Fontana: il quale se potr venire incarnato scriveva questultimo in data 22 febbraio del 1825 - vuol senza dubbio tornare a grande vantaggio per la religione, e a non minor fonte di meriti per coloro che lo fecero e che prestarono lopera loro. Intanto si sarebbe dato attorno per sapere di edizioni e di manoscritti di san Tom maso, che qualche merito voleva avercelo anche lui. Quanto al Rosmini poi pareva troppo bella, anche se assai ardua, limpresa delledizione dei Padri greci e latini: e specialmente ci teneva, e ne abbiamo detto i1 perch accennando allAccademia Tomistica, a san Tommaso. Scriveva a Roma al Prof. Luigi Bonelli per aver notizie dei Codici, pregando dellincombenza il chiarissimo Prefetto della Vaticana, poi Cardinale ANGELO MAI, certamente conosciuto nel soggiorno romano del 1823. La cosa non pot aver seguito, a causa degli avvenimenti: troppe altre cose si accumulavano, e la vita del Rosmini si avviava gradatamente ad una nuova, e definitiva, direzione.

C Co on nc cllu us siio on ne es su ug gllii A Am miic cii V Ve en ne ez ziia an nii


Ma negli anni 1825-27 continuarono ancora cordiali e frequenti le relazioni tra il Rosmini e gli Amici Veneziani, a cui vanno aggiunte altre persone conosciute quando nel luglio-agosto del 1825 fu alla Battaglia e a Recoaro per ragioni di salute. Ricorderemo il Marchese Gavotti di Genova, il conte Capredoni di Milano, il marchese Paolucci di Modena, il conte Brisa di Brescia, il professor, Giulio Bellardi-Granelli di Pavia; vi conobbe anche il Finzi gioielliere a Firenze, il Calabi di Verona, il Cohen di Vienna (ebrei), etc. Trovandosi alla Battaglia fu invitato calorosamente a Venezia: tanto pi - gli scriveva il Fontana - che il 25 luglio sar qui il Vescovo di Treviso, e vi risparmiereste di portarvi in quella citt, ove tutte
14. In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , luglio 1932, p. 214-217.

54

Societ degli Amici (Charitas 1932)

le cose, le strade le case le teste, sono storte poi il 25 ci sar lImperatore: e ben avrete veduto pi dun solenne ingresso in qualche citt di terraferma, ma chi non vede quelli che susano qua, non vede cosa che veramente unica al mondo, come unica Venezia. Questultimo era proprio un motivo assolutamente negativo per il Rosmini: e a Venezia non ci and. Volle piuttosto che il Fontana e il Carnielo (diventato nevrastenico e triste), non potendo n il Tra versi n altri, si recassero a Rovereto da lui: e negli anni seguenti ripet lo stesso invito a parecchi, durante le brevi vacanze chegli stesso si prese dalla lontana Milano. Nellestate del 1826 fu a Rovereto tra una frotta di letterati anche il Paravia, il quale da Venezia il 10 ottobre gli scriveva: Oh i beati giorni che mi avete fatto passare! Oh i cari diletti che mi avete procurato! Vi giuro che io ve ne avr un obbligo infinito. Subito che arrivi a Venezia cercher di ordinar la faccenda del nuovo Giornale [era uno dei molti suggerimenti di questo genere venuti dal Rosmini, perch fosse dato allItalia un periodico letterario degno, e libero]: che se avr effetto, ricordatevi che voi dovete esserne il sostegno principale. Ricordatevi pure che, partito Fontana da Venezia, io intendo di succedergli in tutto ci che vi potesse bisognare da quelle parti. Cos fu; e non meno del Paravia gli altri tutti sopra nominati, a cui sono da aggiungersi parecchi altri, tra cui meritano speciale menzione Mons. Iacopo Monico, Vescovo di Ceneda poi Patriarca di Venezia e Cardinale, Mons. Giuseppe Monico, arciprete di Postioma, e il conte Clemente Brandis, Consigliere di Governo, rimasero, finch bast loro la vita, fedeli Amici ed estimatori del Prete Roveretano.

R Ro os sm miin nii e e ii s su uo oii A Am miic cii iin nP Pa ad do ov va a


Oltre che a Udine e a Venezia la Societ degli Amici aveva suoi adepti in Padova e in Verona: e di questi faremo qui breve cenno. A Padova Rosmini ci fu parecchio tempo, e cio dallautunno del 1816 al luglio del 1819, e ci ritorn pi volte in seguito sempre accolto dagli Amici che vi fece presto e molti. Negli anni di Universit dimor a pigione presso labate Leonardo Carpentari zio di Leonardo Rosmini, e la casa era sulla Piazza del Santo segnata col N. 3430. Le altre volte che fu di passaggio a Padova, ospitava presso lamico Turrini. Da quanto ne sappiamo la sua vita universitaria fu, se possibile, anche pi rigida, pi laboriosa, pi pia, di quella che aveva condotto fino allora in Rovereto. Una bella cerchia di condiscepoli, ecclesiastici e laici, gli troviamo intorno, che si specchiavano in lui come in un modello perfetto di studioso e di chierico: e tutti gli professavano la pi schietta e fervida amicizia.

P Pa ad dr re eL L.. M Miin nc ciio ottttii


Ricorderemo i suoi due cugini Leonardo Rosmini e Antonio Fedrigotti, gi inseparabili carissimi compagni suoi a Rovereto, Giuseppe Bartolomeo Stoffella della Croce (ricordato sopra come uno dei tre fondatori della Societ, che il Rosmini chiamava, forse per la pazienza nella fatica e la taciturnit, il bue), Niccol Tommaseo (soprannominato il villan che sinurba, e tutti sanno perch), Demetrio Leonardi di Cavalese, Innocenzo Turrini prete dellOratorio, Luigi Minciotti dei Minori Conventuali, Giovanni Stefani di Val Vestina, i pi volte ricordati Pier Alessandro Paravia e Sebastiano De Apollonia, il conte Angelo Ridolfi di Padova, ed altri; e tra questi altri vanno annoverati i professori del giovane studente, che presero tosto a ben volerlo e ad altamente stimarlo, mentre Rosmini dal canto suo ne aveva la pi grande venerazione. A ragione quindi il Rosmini scriveva al fratello Giuseppe fin dal marzo 1817 di poter rallegrarsi, che anche sotto il cielo padovano gli sorridesse benigna la virtuosa amicizia.

55

Societ degli Amici (Charitas 1932)

Molto familiarmente tratt col P. Luigi Minciotti dei Conventuali, presso il Santo, dove molte volte Rosmini si recava per le sue devozioni, e dove si confidava anche col buon Padre Peruzzi, alle cui orazioni vivamente si raccomandava. Allamico Minciotti fin dallottobre 1817, da Rovereto, pregandolo di trovar qualche lezione privata presso i conti Cittadella allamico Stoffella, cos apriva la sua bellanima: Io ve ne supplico quanto so maggiormente, e per lamicizia nostra non solo, che presso di voi - quanto m dolce! - ha s gran peso, ma per lamore di quel Signore che tutti amandoci egualmente, tutti ci ha fatti figli di uno stesso Padre cha nei cieli. O soavissima fratellanza! e di quali nodi strettissimi non essa vincolata e stretta, e per tal modo in modo miracoloso fortificata! Quanto siamo fortunati noi discepoli di Cristo, di cuti lindissolubile unione si appoggia sopra un cos immobile fondamento, ed cos grande fonte da cui abbiamo dove attingere conforto e aiuto nelle pi aspre disavventure! - Voi non avete bisogno di sprone: ma mi dolce sempre favellare damore e di carit, balsamo al cuor mio e ambrosia soavissima.

D Do on nI In nn no oc ce en nz zo oT Tu ur rr riin nii
Ancora pi intima lamicizia col Turrini, col quale ebbe per parecchi anni uno scambio continuo di lettere per sfogo del cuore e per i comuni interessi. In una delle prime gli scrive: Cos mi fu grata la vostra lettera, come son quelle che scrivono gli amanti alle loro amate . E prosegue: Siate pure certissimo chio vamo e vi stimo pi che non pensiate e fra le varie forme damore con cui io vi amo, tiene uno dei primi luoghi quella che nasce dalla somiglianza dellinclinazione religiosa per san Filippo, per cui io vho gi confratello dellOratorio, o pi veramente voi dovete aver me per tale, per conto del desiderio. Del resto Dio provveder. Sappiamo dunque che Rosmini fin dal settembre 1818 aveva stabilito di farsi Oratoriano, cio della Congregazione di san Filippo (e quesito ci dice le ragioni del suo ragionamento sulle lodi di san Filippo): ma che per allora non poteva a causa, evidentemente, delle opposizioni della famiglia e in specie di Pier Modesto suo padre; sappiamo poi che quando sarebbe stato libero di seguire una tal vocazione, e tutto era stabilito, non ne fece nulla perch vi si oppose Mons. Antonio Traversi, suo direttore di spirito da parecchi anni. Ma il Turrini non aveva meno calda amicizia per il Rosmini che questi per lui. Non gli scrive mai se non chiamandolo Amico dolcissimo e firmandosi Amico sincerissimo. Messo a parte tra i primi della Societ stabilitasi a Rovereto, e dei suoi inizi, e delle imprese a cui poneva mano, se ne mostr zelantissimo e procur al Rosmini il suffragio e il plauso dei venerati Padri Cornet e Bigoni, dellOratorio, i quali, conosciuta la cosa e i santi intenti propostisi dagli Amici pienamente approvarono.

R Ro os sm miin nii d do otttto or re ee ec co on nf fe es ss so or re e


Turrini serv al Rosmini, come il Fontana a Venezia, per la ricerca di libri occorrenti alla biblioteca sua e della Societ. Ogni circostanza della vita dellamico lo aveva pronto e gioioso: cos per la I Messa, cos per il dottorato. Impaziente che si portasse a Padova per coronare i suoi studi, gli scriveva il 9 giugno del 1821; ma lamico fu sordo perch non pens ad addottorarsi che un anno dopo, quasi rubando il tempo prezioso ad occupazioni pi pressanti ed utili. Il 13 giugno 1822 era ancora a Venezia, dove ho trovato delle catene amorose - scriveva al Turrini - che io non seppi spezzare. Avrebbe quasi voluto ritornar diritto a Rovereto: ma pensai che il momento non si vuol perdere. Avvertisse perci i Professori che marted vorrei fare gli ultimi esami, e gioved lultima funzione: venisse quindi a prenderlo a Mestre colla vettura. In questa occasione il Rosmini conobbe in Padova la famiglia di Giovanni Rosmini che veniva dallo stesso ceppo che la sua, il Dele56

Societ degli Amici (Charitas 1932)

gato Stratic, il Vescovo Mons. Modesto Farina, il conte Alessandro Papafava, il Prof. Caldani. Il dottorato del Rosmini fu nellambiente universitario padovano, come si dice, un avvenimento per due motivi. Prima di tutto per i rallegramenti che vi ebbe: e baster dire che il Traversi gli scrisse che con lui era onorata la laurea nel laureato, il celebre cugino Carlo Rosmini da Milano gli mand un sonetto a stampa, un altro sonetto gli mand il Paravia scrivendogli Meritereste un poema!; cos il Tommaseo ed altri. In secondo luogo perch il Rosmini, subito dopo la laurea, part precipitoso da Padova senza pagare un rinfresco agli amici e far visite di ringraziamento e congedo ai Professori. Per il rinfresco gli Amici rimasero a becco asciutto: per i Professori il Rosmini suppl scrivendo lettere piene verso di loro di molta stima, e incaricando il Padre Minciotti di portarsi a far loro omaggio di opuscoli suoi, di che, come pure i Professori del celebre Seminario Patavino tutti amici del giovane roveretano, gli furono gratissimi (lett. del Turrini, 26 giugno 1822, ecc.). Alla notizia poi che Rosmini aveva preso anche ad esercitare il ministero delle Confessioni, lamico Turrini cos gli scriveva (10 luglio 1822): Siete fatto confessore: mi congratulo con voi; e di cuore, poich vi vedo a ci maturo pi che altri non sarebbe a pi tarda et. Io vi desidero tanta prosperit in questo sacro ministero, quanta nebbe san Filippo, il quale poich si vide crescer tra mani cos esuberante la messe di spirituali manipoli pens a chiamare a parte delle sue fatiche ben altri non pochi esperti agricoltori, per cui si resero copiosi e poi ridondanti i granai della Chiesa. Gi voi mintendete abbastanza. Coraggio, adunque! Gi voi mintendete abbastanza. Quel vedere in Santa Maria (di Rovereto) una Casa canonica adatta ad una Congregazione di Preti secolari dellOratorio non posso a meno di non sentirmi nascere in cuore mille speranze di voi e di non vederle anche del tutto, e dagli uomini e da Dio, prosperate e benedette. Solo che nelle opere di Lui, io lo ripeto, ci vuol GRAN CORAGGIO e SPIRITUALE VIGORE. E questo come non averlo noi, se tutto lappoggiamo e il fondiamo in quel Dio che onnipotente?.

T Tr ra ag gllii A Am miic cii d dii P Pa ad do ov va a,, V Viic ce en nz za ae eV Ve er ro on na a111555


Il buon Turrini non vide avverati i suoi pronostici in quel preciso modo che pensava: ma ben ava intuito, prevedendo che il Rosmini non sarebbe rimasto, non poteva rimanere, da solo nel lavorare per il Signore, e che una famiglia di amici, di figli, di imitatori, gli si sarebbe formata intorno alla maggior gloria di Dio. Gran festa fu per il Rosmini non meno che per il Turrini laver potuto questi passare un po di giorni a Rovereto nellautunno del 1823: e il 1 novembre lo ringraziava della cortesia e carit usatagli. E a sua volta il Rosmini: Al Tommaseo nostro dategli un bacio [Anche da lontano Rosmini lo seguiva questo prediletto amico, affidandone al Turrini la direzione spirituale, e raccomandandogli caldamente che non perdesse tempo al teatro, per il quale il Tom:nasco andava pazzo]. Salutatemi tutti i buoni e ottimi Amici, e ricordatemi caldamente al Santo. Della vita mia vi dir che se ne va tranquilla e soave, come desidererei che sempre andasse; fuorch vorrei migliorarmi per lanima mia. I miei studi sono vari e disparati per necessit: le mie ricreazioni semplici come sempre furono. Una brigatella di scelti Amici che saduna da me la sera, dove fra laltre cose si legge un articolo di San Tommaso, forma la mia maggior delizia e sollievo: n voglio di pi (marzo 1824). Ma intanto il P. Minciotti passava a Venezia come professore debraico, e il Turrini veniva balestrato a San Vito e gli toccava cadere vicino a un Convento di monache come direttore spirituale: e da allora in poi tutto assorbito nel ministero che Rosmini santamente glinvidiava (facile cura di anime innocenti e devote alla piet, che suole riuscire di sprone alla virt per quegli stessi che la coltivano e di santa
15. In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , agosto 1932, p. 244-247.

57

Societ degli Amici (Charitas 1932)

allegrezza), e la loro corrispondenza, come anche quegli aiuti che si potevano da loro sperare per lattivit e lo zelo del Rosmini, viene a cessare. Tra gli amici di Rosmini nel Veneto ricorderemo ancora Donna Teresa Rosa a Padova, alla quale addetta a pia opera, il Rosmini nel 1825, augurava di viver lieta colle sue fanciulline, formando loro i cuori alla virt, e piantando i germi della felicit a cui nacquero. Ebbe pure qualche relazione col padovano Professor Don Angelo conte Ridolfi. Di Vicenza trovo tra gli amici di Rosmini certo Riva. A Vicenza il Rosmini fu solo di passaggio: nel 1823, e ne d notizia nel suo Diario cos: Sono stato a Vicenza in compagnia del Traversi, Orsi, Fontana, per vedere il Vescovo di Treviso (Mons. Giuseppe Grasser, che abbiamo visto intimo del Rosmini). Albergammo nel Cappel Rosso, ma a pranzo andammo in Vescovado, presso il Vescovo Mons. Peruzzi. Ho conosciuto il Signor Abate Dott. Savi, bibliotecario, Mons. Vicario Generale e Mons. Arciprete che sono due fratelli Caldagno. A Verona troviamo tra gli amici di Rosmini; ma forse non a parte della Societ, il Dott. Giuseppe Pontalti, a cui il Rosmini scrisse parecchie volte, e ancora nel 1825, per suscitare la vecchia buona amicizia, che nata a Padova nei tempi dei giovanili studi, desidero che non termini se non collaltra vita. In altra lettera lo chiama buono e fedele Amico: Non dubito che starete bene, e veronescamente. O voi beato in quellaria presso quei colli, e con quegli uomini! Io vivo nulla pi che roveretanamente, cio come coloro a cui mostra minor fianco il Baldo che ci divide. Il Pontalti aveva fatto parte della brigatella degli Amici universitari, col Leonardo Rosmini, Bernardino Candelpergher, Stoffella, De Apollonia, ecc., e tra di loro facevano a confidenza. Ma ancor pi confidentemente, a Verona, trattava col Prof. Giovanni Ragno, carattere molto gioviale, ma uomo squisitissimo. Abbiamo poche lettere, ma ci mostrano che si parlavano col cuore in mano. Sempre il Rosmini qua a picchiare e sussurrare allo stanzino del Professor Ragno? Oh che vuol egli? Che altro se non recare suoi incomodi e noie, con raccomandare il tale e il cotale? - No, no, mio caro Amico, so che avete un cuore pi paziente e amorevole di quello che io sapessi essere molesto e importuno. E a sua volta lAmico veronese: Ragno piccinino scrivere allomaccion di Rosmini? Ragno scuro e confinato in un guscio appressarsi a Rosmini, gran letterato, e uomo di gran fama e valore, e chiaro cotanto per opere cos fini? Mio dolce Antonio! . Dobbiamo annoverare tra gli Amici veronesi anche Don Gaetano Bostati, Mons. Guarienti, labate Castori, labate Pinalli, Provveditore del Liceo Veronese, il Professor Don Giuseppe Monterossi, Don Bernardo Carboni, i quali tutti, pi o meno, risentirono della benefica influenza intorno a s esercitata dal Rosmini, e ne conobbero e condivisero glideali generosi.

G Giiu us se ep pp pe eV Viilllla ar rd dii,, iill c ca ap pp pe ell r ro otto on nd do oe e ii S So on ne ettttii


Prima di lasciare il Veneto, faremo anche i nomi degli abati Leonardo e Giambattista Carpentari; di Don Soini di Ala, che fu in corrispondenza epistolare con Alessandro Manzoni; dellabate Pederzani di Villalagarina, che scriveva al Rosmini: Continui per carit, intanto che giovane, e ha il vento in poppa; e specialmente quello dellabate Giuseppe Villardi, che dedic al Rosmini una collana di otto Sermoni, e questi invece di un dono, mand al Villardi sedici Napoleoni, che gli furono pi graditi di qualunque altro regalo. Questo valentuomo, vanitoso la parte sua, nelle vacanze del 1821 era comparso a Rovereto con un cappello rotondo: il che dest non poca meraviglia, un piccolo scandalo, nel vedere un prete acconciarsi alla moda. Egli se ne scus col Rosmini, alla stima del quale, pi che di ogni altro, ci teneva molto: e il giovane prete roveretano gli scriveva giudiziosamente, rassicurandolo, cos: Co58

Societ degli Amici (Charitas 1932)

me mai, o mio caro, volete che io vapponga a colpa una tal cosa, dautunno e in viaggio come eravate? Non dico mica che a me non piaccia la disciplina ecclesiastica, ma non ne peserei mai gli scrupoli. E poi, queste cose tali van bene, mi pare, osservate sopra se stesso, ma quanto agli altri io non ci f o mai conto. Meno di un anno dopo siamo da capo, ma non pi col cappello rotondo, bens con dei sonetti profani anzi che no, indirizzati alla Contessa Saibanti di Verona: e di nuovo a scusarsi presso il Rosmini, che non gliene muova rimprovero, n si scandalizzi: Sono mere bizzarrie poetiche, dice, e non ci sono n amori n affetti meno che onestissimi. E dice che glieli perdon anche il Cesari, facendogli per anche una predichetta: e, quanto al valore poetico, lodandoli, come cosa assai bella, e che travalica di gran lunga ogni valore di poeta vivente e forse di molti morti famosi; a parte per, la modestia e lumilt. Ma bench un po singolare, e non poco vanitoso, il Villardi era buono, e si ritir tra i frati (credo Cappuccini) di Locarno. Al sentirne la nuova, Rosmini scriveva al cugino Carlo a Milano: Mi fece meravigliare alcun poco la nuova dellAb. Villardi: e chi sa che la Provvidenza non labbia condotto in porto! - E poi al Villardi stesso: Voi siete ora in vero porto, dove, ancorch si metta alcun poco di fortuna, non sar mai come quel continuo agitamento dalto mare che nel mondo lo vedo e lesperimento, mio dolce Amico, che il trambusto delle umane cose rapisce noi a noi stessi, e il nobile diletto delle lettere per mille passioni ci avvelena. Ma la quiete e la disciplina ci da agio ad usare di questi beni non solo con diletto, ma con vero profitto nostro ed altrui Amatemi, e fate servire le molte lettere che avete alla Religione e alla Virt (14 gennaio 1824).

A AB Br re es sc ciia a:: G Giiu us se ep pp pe eB Br ru un na attttii


Superiore a tutti quelli che abbiamo ricordato fin qui in questa nostra Storia della Societ degli Amici per versatilit dingegno, per ardimento, e santo fuoco dellanima fu Giuseppe Brunatti professore di Sacra Scrittura nel Seminario di Brescia, del quale ci gi occorso di far cenno pi volte. Fu avvicinato al Rosmini da Don Giovanni Stefani (lett. del Brunatti in data 6 gennaio 1820), che abbiamo visto a questi condiscepolo nellUniversit di Padova, nel 1820; e Rosmini, donandogli se stesso, ne prese subito da parte sua un pieno possesso: Mabbia ella dora innanzi per amicissimo e tutto suo, e mi comandi ed usi di me a suo grado. Io parimenti, perch son fatto cos alla buona e danimo aperto, non star molto a pigliare il possesso dellamicizia chella mi dona, e saspetti pure, quando richiesta di consigli, quando altro carico di simil fatta. Intanto, oh bel triunvirato sar pure il nostro! Ma non vogliamo esser solo di nome: conviene, Amico, guadagnarci qualche repubblica. Ella mintende: parlo di comunione di studi e di larghezza di opere. Ma ce lintenderemo meglio queste vacanze (senza data, 1820). Il triunvirato inteso qui dal Rosmini era evidentemente dato dallo scrivente, dal destinatario, dallo Stefani, ma il Brunatti ne aveva un altro in sede, cio a Brescia, composto dallo Stefani, dal Cattarina, da lui. Don Giacomo Cattarina, bresciano, appena avvicinato al Rosmini; sempre per mezzo dello Stefani, ne concep una stima altissima. In occasione della morte del padre, consolato dal Rosmini ed animato, gli risponde applicandogli i versi di Dante: Quel Sol che sana ogni vista turbata - e che mi disse: Vien dietro a me e lassa dir le genti; quindi che potevo io ridir, se non i vegno? - Dissilo alquanto di color cosperso . Altra volta avendo asserito, in una conversazione col Brunatti e collo Stefani, che la Germania fu pi in l [pi progredita] dell'Italia in filosofia e teologia, a difendersi contro gli assalti degli amici, e specie del Brunatti, ricorre al Rosmini cos: Tu se' lo mio Signore e lo mio Duca - Aiutami da Lui (Brunatti), famoso Saggio, - ch'Egli mi fa tremar le vene e i polsi (23 marzo 1821). Ma del Rosmini al Cattarina non c' rimasta neppure una lettera! 59

Societ degli Amici (Charitas 1932)

A Ag gg gr re eg ga az ziio on ne ed de eii B Br ru un na attttii a alllla aS So oc ciie ett


Non pare che Brunatti sia stato a Rovereto nelle vacanze del 1820, perch vedo sempre trattate le cose, specialmente il grande disegno della Bibbia Poliglotta, di cui fu detto sopra, per lettera: e infine vedo lincarico allo Stefani di manifestare la Societ al Brunatti, e di aggregarvelo, in data 21 settembre 1820. Gli farete dunque sottoscrivere - cos il Rosmini - la solita formula in una carta di egual formato di questa, del quale formato vi servirete ogni volta che scriviate per la Societ. Gli direte che nessun membro ha diritto di fare un solo passo, una sola parola, prima che dalla Societ stessa gliene sia dato lincarico. Che intanto deve mandare entro un mese alla Societ, per mezzo vostro, una lettera in cui esponga: 1 la lista dei Soci che crederebbe atti ad essere aggregati, le loro nature diverse, e i modi con cui egli, nel caso che gli fosse dato questufficio, si accosterebbe a loro; 2 tutti i suoi pensieri sui mezzi con cui crederebbe che si potesse facilitare il fine di tal religiosa Societ, nonch tutti i suoi dubbi che gli potessero insorgere sulla medesima, i quali gli varranno subito sciolti Gli direte che non deve tener nessuna carta presso di s in cui si nomina la Societ, ma deve tutto conservare in mente Stare tutto con Dio e con la Societ!. Nel frattempo era avvenuto il viaggio nel Friuli narrato minutamente a principio della nostra storia; del quale viaggio, in altra lettera ove si continuava lesposizione che lo Stefani avrebbe dovuto comunicare al Brunatti, due mesi giusti dopo la prima lettera, il Rosmini scriveva. Facemmo dei grandi acquisti. Nel Friuli fioriscono le cose nostre: a Venezia e a Padova lasciammo dei semi di sommo sviluppo. Espostogli poi il piano della Societ Tipografica, concludeva esortando lo Stefani a far s che Brunatti vi concorresse con almeno Lire 600: Abbiamo coraggio, Amico, e consoliamoci che Dio mostra di benedire le nostre intenzioni. Vi raccomando di raddoppiare il fervore, lorazione e luniversale Amicizia. A Dio, mio caro. Viva GES CRISTO e la Societ!

E En nttu us siia as sm mii e ed du ub bb bii d de ell B Br ru un na attttii111666


Il Brunatti, al primo sentore della Societ, ne fu preso dentusiasmo, e ne pass parola a certo chierico Zambelli: di che fu disapprovato dal Rosmini e dallo Stefani, come appare da lettera di questo al Rosmini datata da Armo, 19 novembre 1820: Sono stato a Sal dal nostro Brunatti, e venendo con lui a stretto consiglio gli ho fatto considerare punto per punto tutte le cose Conobbe di aver sospinto alcun poco il pi in fallo, ed io con rigorosa esattezza gli misi avanti il danno che potrebbe recare il voler accelerare troppo i passi senza avere alcun riguardo alla sicurezza dei medesimi. Gli ho fatta sottoscrivere la formula di aggregazione, dopo di avergli tolti quei dubbi, che, fra il s e il no tirandolo, lo tenevano irresoluto, e non mancai di accrescere in lui quel santo entusiasmo che deve esser la molla, anzi la motrice, di tutta la grande macchina. Sappiamo dunque che Brunatti aveva dei dubbi: e, come vedremo, riguardavano la stretta segretezza da osservarsi nelle cose della Societ. Ecco quanto rie scrive egli stesso al Rosmini: Al Zambelli non dissi cosa che sia, dopo averne gi voi fatto motto pi volte: credetti doverlo fare, e di non farlo contro i canoni della Societ; lo feci colle dovute precauzioni. Sa, e non sa nulla. Non vincresca per del fatto Le cose nostre per debbono essere chiarite maggiormente, e fondate e stabilite meglio (ne ho parlato a lungo collo Stefani): altrimenti, vassicuro, perdimus oleum et operam . Passa poi a comunicargli, secondo che nera stato pregato, una nota di persone distinte per piet e sapere che con utile si sarebbero potute chiamare a far parte della societ. Accertatevi per,

16.

In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , ottobre 1932, p. 310-314.

60

Societ degli Amici (Charitas 1932)

dice, che questa mia Provincia un terrena sterile di queste frutta fatte per noi. Caro Amico, OREMUS!.

P Pr ro ob ba ab biillii f fu uttu ur rii A Am miic cii p pr ro op po os sttii d da all B Br ru un na attttii


La nota comprendeva i seguenti nominativi: l. Prete Giovambattista Passerini: direttore della Scuola di Ermeneutica Sacra nel Palazzo Vescovile. Ogni scienza sacra e profana oggetto di studio per lui: non buona memoria, ottimo metodo di studio. Non saprei segli sia amante di lavorare in comune. Ricco di famiglia. I mezzi di farcelo amico non si possono stabilire se prima non sia chiarito meglio lordine dei nostri progetti. Amante degli amici studiosi, tuttoch di ruvido e secco naturale. 2. Pietro Zambelli, chierico. Erudizione ecclesiastica, buona memoria, retto criterio, ricco e nobile di famiglia, fregiato dottimi costumi. Sente assai il vantaggio della religione, e nutre un odio secondo la scienza per il Giansenismo, di cui fu non piccolo covo la nostra Provincia. Sa schermirsi bene assai riguardo ai fatti di questa setta. Buone speranze per i suoi studi: amante dunione. 3. Prete Pietro Gaggia, Professore di lingua greca ed ebraica nel nostro Seminario: si occupa quasi unicamente di greco. Ottimo criterio: molti amici di riguardo a Bologna, tra cui Mezzofanti e Schiazzi. assai amatore dei buoni giovani studiosi. 4. Bozzoni, Prevosto di Gambara, primeggia in eloquenza: gi Professore in Seminario. Temperamento piacevole: amante di amici dati agli studi. 5. Prete Niccolini, Professore di Religione al Ginnasio Superiore. Buona metafisica; studia assai: un bue che resiste alla fatica. Ama leloquenza e la fatica. Famiglia povera son persuaso perci chegli non ci potr giovare gran fatto. Deve lavorare per guadagnare. 6. Musesti, maestro (futuro) di grammatica nello stesso ginnasio. un Cornelio Nepote in lingua latina. Assai strano di temperamento; ci potr giovare in fatto della detta lingua; sa giovare volentieri. 7. Padre Federico Chiaramonti, ex. benedettino: ci potr esser scala al Vescovo. Vasta erudizione in scienze sacre e storia naturale Rifiut posti assai onorevoli: mi amicissimo. Cara amicizia di uomini rari quaggi. Assai gli importa del bene della religione. Adorno delle pi gentili maniere: amantissimo della giovent data alla scienza. Corrispondente con molti uomini che fanno onore allItalia. 8. Girolamo Bertozzi, Chierico Minorista: buona memoria, ottimo criterio, dolcezza di temperamento, amabile di costumi: d speranze di s. Il miglior chierico del Seminario di Brescia: di famiglia onorata. 9. Bianchini, Chierico Minorista. la delizia del nostro Vescovo, lonore del nostro Seminario, lamore dei suoi Professori. La chiarezza della sua mente, la rettitudine del suo ragionare lo fanno un assai buon matematico. Peccato che egli non sia nato sotto altro cielo! Il nostro Seminario non fatto per tali studi. Riesce assai anche negli studi metafisici. Costumi intemerati, sicuro, e povero di lignaggio. 10. Cabrus, Maestro di Retorica nel Collegio Santa Chiara in Brescia. Ottimo gusto in fatto di lingua e poesia: bene le matematiche. Potrebbe essere Professore con onore; famiglia povera; giovane. 11. Bianchi, Professore supplente di Filologia classica nel Liceo di Brescia. Ci potr giovare coi vasti suoi lumi in fatto di bella letteratura. Di famiglia bisognevole, stenter a lavorare senza guadagni. 12. Giuseppe Venturi: pu giovare assai in fatto di erudizione di lingue e letteratura antiquaria. Egli per vuol parlare e lavorare sub diu. Nonostante dunque la sterilit della provincia di Brescia, cerano almeno dodici valenti uomi61

Societ degli Amici (Charitas 1932)

ni, i quali, associati, avrebbero potuto partecipare a quella lotta serrata contro il vizio e lerrore che Rosmini intendeva condurre con un ben agguerrito esercito.

D Diif ff fiic co olltt p pe er r lla ad diis sc ciip plliin na ad de eii s se eg gr re etto o


Ma cera lo scoglio del segreto, per il quale Rosmini aveva le sue buone ragioni, con quei temperamenti che s detto parlando di tale disciplina; mentre altri non la vedevano precisamente come lui. Tra questi specialmente il Venturi; e non manc il Brunatti, evidentemente per incombenza espressa del Rosmini - bench non ci rimanga documento ma, come si detto pi volte, le deficienze nellEpistolario rosminiano sono parecchie - di far tentativi per dissipare ogni timore. Ecco dunque una lettera del Brunatti su tale questione, difficile invero e pericolosa: Riguardo al Venturi, non mancai di usare la maggiore destrezza per farcelo compagno: ma vidi che nulla affatto si sente incline per Societ segrete, quantunque santissimo ne sia il fine, come quelle che sono vietate dal Governo; anzitutto disse per persuadere a far s che la nostra unione abbia a farsi palese, mostrandomi come il Governo ne godr assai, scorgendo le nostre sante intenzioni. Vorrei tuttavia esser con voi per consigliarmi su ci . E dopo altre notizie: Non mi sento di finire senza tornare sulla nostra Societ. Voi vi sapete quali pene gravissime nel Codice siano minacciate a coloro che si diano a qualunque segreta Societ. Sicch guai sella venisse scoperta, tuttoch ella non avesse in vista che il bene della Religione e dello Stato! Sicch, Amico, vediamo di predicare sui tetti, secondo il precetto di GES CRISTO, ricordando che la Chiesa appiattata la Chiesa falsa. Aggiungete ci che vi dissi di sopra, che il Governo non disapprover, anzi confermer la Societ nostra, e unita e dispersa, sella si far pubblica, vedutone il prezioso fine a cui ella mira. Vorrei che deste serio pensiero a questo mio consiglio: e vi piaccia avvertire come noi siamo in tempi in cui, pi che mai, riescono sospette tutte le Societ, mentre non vi ha testa nel mondo che non tenti innalzarsi al pari delle altre, tutta rigonfia chella di idee che, malamente per, pretendono di chiamarsi liberali. Io non mancai di fare delle gravi riflessioni sulle nostre macchine; ma io mavvedo che non condurranno a santit, n mai faranno che noi possiamo giungere a muovere uomini di intera saggezza, tra i quali il nostro Vescovo, che troppo sospetta di Societ segrete, se pur ci vedesse tra mezzo GES STESSO, sapendo che non vi potrebbe essere un Monte, come Egli , che non si mostri in tutto il suo chiarore a tutta la terra. - Rispondetemi presto su di ci. Del resto tenetevi certissimo di segretezza da parte mia. Torno a dire che io vorrei parlare tuttavia con voi.

S Siia am mo oz ze ella an nttii,, s siia am mo oc ca atttto olliic cii!!


Non sappiamo come sia rimasto, e cosa abbia risposto il Rosmini a queste difficolt, di cui il Brunatti si faceva eco cos viva, perch certo da lui condivise: anche qui, una grave lacuna. Ma dal fatto che lAmico Bresciano continu a intendersela col Rosmini e a lavorare con lui alacremente, condividendone la grande passione di bene, possiamo a ragione ritenere che nabbia avuto risposta tale da capacitarlo a pieno. Amico dolcissimo - gli scriveva tra laltro il Rosmini il 18 ottobre 1821 - sapete che la Societ Cattolica sparge dei libri buoni, e nha gi mandati anche molti in America. Essa ha fatto un catalogo di eccellenti libri di piet. Io vorrei che vi adoperaste perch ne fossero venduti a Brescia e a Sal. Vi mander un catalogo stampato. Se crederete voi di comperarne un dato numero, comincerete a beneficare siffatta istituzione. Questo denaro si d in mano di savi Amministratori incaricati della stampa dei libri. Presso a poco, la cosa sul piano che avete avuto. SIAMO ZELANTI, Amico; PENSIAMO CHE SIAMO CATTOLICI, CHE ABBIAMO DEGLI AMICI DAPPERTUTTO. Se contribuirete poi una somma come fan molti altri, io vi render conto delluso della medesima. Quanto i Governi debbono amare e proteggere i nostri principi, specialmente in questi tempi! De62

Societ degli Amici (Charitas 1932)

ve brillare la gioia sopra tutti i buoni, allorch entrano nella santit delle nostre mire . Per curiosit bibliografica ecco alcuni dei libretti ormai approntati dalla Societ Cattolica, e raccomandati al Brunatti: 1. Il nuovo Pensateci bene! (ovvero LAnima penitente del P. Bartolomeo Baudrand S. I., Considerazioni sui Novissimi, di cui la Civilt Cattolica annunciava il 4 luglio del 1931 lottava edizione!); 2. Il Direttore che insegna la pratica delle virt cristiane; 3. Il Cuor contrito del Pinamonti; 4. Lamante di Ges Cristo; 5. Riflessioni sullo zelo della salute dellanime adattate ad ogni maniera di persone. Come si vede, erano le prime pubblicazioni degli Amici Friulani, capitanati dal De Apollonia e dal P. Filoferro: alla quale bisognava aggiungere il Discorso sulle lodi di san Filippo del Rosmini, il libro Del catechizzare gli Idioti di santAgostino per cura del Rosmini, opere delle quali egli aveva donate alla Societ tutte le copie.

A Attttiiv viitt d de elllla am miic co oB Br ru un na attttii


Il Brunatti dunque pare abbia superate tutte le difficolt e i dubbi, se lo rivediamo farsi apostolo della Societ scrivendo a Trento al Tevini, per esporgli la cosa raccomandandogli in pari tempo il segreto; e continu a lavorare, aiutato dal Zambelli e da altri, per i grandiosi progetti rosminiani. Era tutto specialmente nella Poliglotta, per cui voleva persino una tipografia ebraica in Brescia, e andava raccogliendo grandi materiali: Progetti e pesi da Cristofori - scriveva nel luglio del 1821 al Rosmini - riesca almeno la Poliglotta!. A questa infatti lo zelante Brunatti si diede a lavorare a tuttuomo, e specialmente per la Poliglotta, credo, si mosse parecchie volte da Brescia, prendendo loccasione, naturalmente, di far nuove conoscenze e stringere nuove amicizie per il santo ideale che sorrideva a questi giovani apostoli: conoscenze e amicizie a cui partecipava ipso facto il Rosmini, al quale veniva data sempre minuta relazione di tutto. Nellottobre del 1821 fu a Belluno a vedere i Mss. del dotto Canonico Doglioni: ma fu una delusione, perch gente sciocca se nera servita per i bachi da seta, e altri erano stati portati a Milano dallabate Ticozzi. Il Brunatti trov tuttavia qualcosa di buono presso il Dottor Alberti e vi strinse anche amicizia col P. Armeno Ancher. Nel novembre noi lo troviamo a Milano, dove forse gli sorse lidea, e ne parl anche con un grande libraio, della traduzione del Butler: ci che fu poi mandato ad effetto per opera della Societ degli Amici e specie del Brunatti, dallAmico Battaggia di Venezia, come abbiamo visto (lett. a Rosmini 7 nov. 1821, 22 nov. 1822, 2 gennaio 1823, ecc.). Intanto aveva stampato (21 luglio 1822) una Dissertazione-stroncatura Sullora della Crocifissione di Cristo; ed eccitava lo Stoffella a tradurre lHaller: o sta mostrandosi, in tale impresa, aver la gotta o la tarantola? Tutta Brescia, - dovio ho suonato la tromba in sua lode! - se ne sta in attesa . Ma in tutta la sua multiforme attivit di quegli anni il Brunatti, si pu dire, non moveva dito senza dipendere dal Rosmini, o senza dargliene conto, e chiedergli consiglio e aiuto. Se il Roveretano lo lasciava un po a lungo, aggravato comera di tante cure, privo dei suoi conforti e delle sue notizie: Scriviamoci se ne lamentava amichevolmente - scriviamoci, carissimo Don Antonio: il fuoco vuol legna!

I Ill B Br ru un na attttii a aM Miilla an no o111777


Il 10 giugno del 1823 il buon Brunatti si sfoga col suo carissimo Rosmini contro la Biblioteca
17. In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , novembre 1932, p. 340-343.

63

Societ degli Amici (Charitas 1932)

storica di Milano: Che lo si voglia, o no scrive - non pi che un ammasso e una sentina, al bene della Societ e allonore di Dio e della sua religione e alla stabilit dei governi, ingiuriosissima Per carit, o Antonio, vediamo di trovarci via da porre qualche riparo a un torrente cos impetuoso. Io, per me, conto di fare a suo tempo qualche viaggio appositamente a Milano e a Torino . Avrebbe voluto aver lui, Rosmini, a compagno: ma prevede che, purtroppo, non potr. Frattanto aveva gi fatto giungere i suoi lamenti, sulledizione del IX Tomo del Gibbon, al Censore Ecclesiastico, e furono ascoltati con frutto [almeno cos credeva il Brunatti]; e ci stia fra noi, come tutto il resto. Ma le correzioni apposte a quel Tomo sono inette, e perci peggiori dellopera confutata, almeno per uno che ragioni! I maschi errori del Gibbon per lo pi vi si passano quasi verit, senza dirne motto . E poi continua: Antonio, in tale affare ci vuol consiglio, opera, e non remora molta La religione ne geme, e la societ pure sordamente si lagna, che vede senza pi rinnovarsi e accrescersi i suoi danni - Per carit, Antonio mio, vive ut vivas, stude ut studeas: Voi mi addolorate di troppo col farmi sapere che vi si logora la salute, di cui siete per lunghi anni debitore a Dio! Brunatti dunque fu realmente a Milano nellestate dello stesso anno, 1823, e poi a Torino, e a Venezia (lett. del 6 settembre): ma il 1 ottobre, dandogli notizia di aver preparato un lungo articolo sul Gibbon da pubblicarsi nelle Memorie di Modena dirette da Mons. Giuseppe Baraldi, o nell'Amico di Torino diretto dal DAzeglio, aggiunge: Voi a Milano potreste far pi che io non feci.

P Pe er r lla ar riif fo or rm ma ad de elllle ed du uc ca az ziio on ne e


Milano stava molto a cuore al Brunatti; e non meno al Rosmini, come vedremo. Ors, o soavissimo - cos il Brunatti al Rosmini in data 8 novembre - date un serio pensiero ai libri di cui Milano infetta lItalia, che stampa quel Bettoni a danno della pace pubblica e della religione che il fondamento dei troni e la felicit degli uomini sulla terra, sotto un Sovrano che ha tanto a cuore la religione medesima e il benessere dei suoi Stati, e che opportunamente ha stabilito i Censori della stampa. Che mai quella Biblioteca Storica in gran parte, fuorch una collezione di storie, che con fallaci racconti e narrazioni scaltre e menzognere sovverte i dogmi pi salutari e indebolisce gli obblighi pi santi? Ho sentito che si tenti far ristampare in buona traduzione italiana i sette celebri moralisti francesi, che ora escono di nuovo a Parigi in collezione E i giornali che entrano con tanta facilit: la Biblioteca di Ginevra detta Universale, la Revue Encyclopdique Che vi pare delleducazione dei Licei e delle Universit? In un mese perduto il frutto delleducazione degli anni anteriori. I parroci oggi piangono quando sanno che uno dei figlioli della Parrocchia si deve a recare ai Licei e alle Universit, mentre sanno che i pi tornandone vi portano la peste alla popolazione, peste di vizio e di incredulit Per carit, o Carissimo, intavoliamo progetti su questi due gran mali, STAMPA e SCUOLE PUBBLICHE, giacch un Sovrano cos religioso ci seconder. Ci vuole CORAGGIO e COSTANZA, dite voi Che massima santissima! Voi vi recherete questanno a Milano. Se poteste alluopo inoltrare qualche petizione al Vice-Re vi fareste gran merito. Crederei che doveste mettere insieme due Opuscoli sui due detti argomenti CENSURA ed EDUCAZIONE PUBBLICA. Vi vorrebbe in principio una raccolta dei Decreti e Regolamenti santissimi emanati da Duchi e Sovrani nellImpero su questi due punti. Poi, lesame Ma un ferre noctuas Athenas. Era davvero un portar nottole ad Atene il suggerire a Rosmini se non sulla Censura - della quale fu pi di una volta linnocente vittima -, di scrivere sullEducazione, pubblica o privata che sia, perch abbiamo un breve ma notevole scritto di lui sullargomento fin dal 1813, quando non 64

Societ degli Amici (Charitas 1932)

contava che 16 anni! E precisamente sul modo di ordinare gli studi dei pubblici ginnasi. Baster poi soltanto accennare che oltre gli eccitamenti dati ad altri per un nuovo indirizzo nelleducazione, ne stava scrivendo appunto allora, pubblicando quellanno stesso, 1823, il volume Delleducazione cristiana. Lopera ebbe i pi grandi elogi. Baster dire che il Manzoni, alla prima lettura, ebbe a dire di sentirvi tutto lo spirito dei Padri della Chiesa e faceva dire allAutore un mondo di gentilezze; e che il Paravia non faceva che ripetere il pensiero di tutti quando scriveva al Rosmini: Siate mille volte benedetto, che adoperate lingegno in opere di tanta utilit per la religione e per la morale, in tempi in cui si rompe una cos feroce guerra contro luna e laltra. Io lho gi cominciata a leggere, e vi trovo per entro una tale conoscenza della Scrittura e dei Padri, una tale, propriet e unzione di stile, che io non so se pi ne sia istruito o compunto. Due anni dopo il Rosmini pubblicava quel geniale Saggio sullunit delleducazione, che a giudizio di tutti i migliori studiosi inizia il nuovo indirizzo moderno della pedagogia; e in seguito pubblicava non pochi altri scritti: in modo che il Rosmini viene giustamente annoverato fra i pi grandi pedagogisti italiani e i pi benemeriti riformatori delleducazione sulle basi di una vera filosofia cristiana.

G Gu ua aii a all c ca an ne em mu utto o!!


Il Brunatti dunque era pieno di zelo: Io, a dir il vero, non mi so patire il silenzio del clero in questi mali desolatori, memore del GUAI AL CAN MUTO! Non tacevano, no, gli Amici; ma a Udine, a Venezia, a Rovereto, a Trento, a Brescia lavoravano attivamente, in direzione parallela a quanto veniva facendo il marchese Cesare Tapparelli dAzeglio a Torino con la sua Amicizia Cattolica, e altra societ analoga a Roma, e un po dappertutto buoni e zelanti difensori della religione. Difatti, per aiutare lamico Rosmini a condurre in porto il celebre Panegirico a Pio VII, il Piissimo tra i Pii, recitato in san Marco di Rovereto il settembre 1823, e le cui edificanti vicende furono accennate pi sopra, gli mandava lApologia del Passoni, mentre Turrini da Padova per il suo Amico dolcissimo ricercava notizie dallo Scardua, e il Fontana da Venezia gli procurava copia del Panegirico allo stesso Pontefice delleloquente Padre Gioacchino Ventura e la Storia delle sventure di Pio VII stampate a Torino, avuta da Don Basilio Mesaglio segretario del Patriarca. Nello stesso tempo il Brunatti pubblicava, intitolandola ai Signori Abati Rosmini, Stoffella, Fontana la lettera di Fnelon al Vescovo di Arras Sulla lettura della Bibbia in lingua volgare con annotazioni non disadatte ai tempi nostri.

L La am miis se er ra aI Itta alliia a


Ma quel che pi coceva al Brunatti era sempre ci che avveniva a Milano: Avete visto come le mie parole per il Gibbon sono andate gettate? Mi fu fallita la promessa: che ho io a dirne se non che si preparano allItalia sempre pi tristi sventure da quegli stessi a cui ne affidata la salute e la vita? Cos si deludono le intenzioni e le leggi santissime che sono poste alla stampa dallo zelo del religioso nostro Sovrano O buon Antonio, confortatemi con una delle vostre affettuosissime! (27 gennaio 1824). A cui il Rosmini, dopo ringraziato dei materiali per il suo Panegirico (il mio non sar un elogio storico: che sar? non so neppur io), e della dedica della lettera del Fnelon: Purtroppo LA MISERA ITALIA HA DA TEMERE! ELLA SVANISCE NELLA SUA SAPIENZA. Quanti libri nefandi e pieni dun gelo mortale per la religione non si stampano impunemente! Non parlo della impunit civile. Lottimo nostro Sovrano frustrato delle sue pi belle intenzioni. Parlo dellimpunit ecclesiastica: nessuno scrive contro. S: 65

Societ degli Amici (Charitas 1932)


NOI, NOI SIAMO I COLPEVOLI, I VILI, CHE, POTENDO METTERLA IN APERTO, TENIAMO PRIGIONIERA LA VERI-

T.

N basta scrivere: ma bisogna nominarli, inseguirli, segnarli a dito. Troppi riguardi ci impediscono dal prenderli di fronte. Prudenza falsa! non seguita mai dai Padri della Chiesa. Oh se ci fosse un san Girolamo, quanti dormienti sarebbero cambiati in vigilanti! (febbraio, 1824).

V Viia ag gg giio od dii R Ro os sm miin nii a aM Miilla an no o


Con tali sentimenti Rosmini si decideva di muoversi anche lui da Rovereto, e portarsi a Milano e altrove, allo scopo di conoscervi uomini e cose, estendere la trama della sua Societ degli Amici e lattiva unanime cooperazione, a difesa della verit e della religione. Non aveva potuto andarvi lanno innanzi col Brunatti, perch non aveva ancora ultimata la sua opera. Questopera non alcuno dei lavori accennati nel corso di questa storia della Societ degli Amici, bens un grandioso lavoro politico-religioso di cui gli era sorto il desiderio e aveva concepito limmenso disegno fin dal 1820, venendo poi confermato nel suo proposito dalla lettura della Restaurazione della scienza politica di C. L. Haller, di cui alla prima lettura era rimasto entusiasta. Ma neanche nel giugno del 1824 lopera era compiuta: e neppure nel marzo del 1826, quando stabilitosi a Milano riprese a rifare tutto il gi fatto, senza tuttavia mandarla mai a compimento, per motivi vari che forse accenneremo altrove: ne lasci nondimeno dei cos ampi frammenti, che dopo essersene servito largamente per le sue grandi opere della maturit Filosofia della Politica, e Filosofia del Diritto, non, poco materiale giace tuttavia inedito. Non era dunque lopera politica che lo spingeva a Milano, ma pur non escludendo questa, i motivi pi sopra ricordati della Societ degli Amici. Or s che mi muovo - scriveva il 26 giugno 1824 al Brunatti -; la mattina del 10 luglio io conto essere a Sal e sabato ancora verr ad abbracciarvi carissimamente a Brescia, per stare con voi e godervi la domenica tutta, ed il luned immilanarmi. Vimmilanerete anche voi? Oh bello sarebbe! s, me lo prometteste. Fatene avvisato quel buon Don Giovanni che si sta tacito cos che mi pare un novizio dei Cappuccini

U Un na as so os stta aa aB Br re es sc ciia a
La sera dunque del 10 luglio, sabato, era a Brescia, tra le braccia degli Amici carissimi Brunatti e Stefani: e ognuno pu immaginare la gran festa che i tre si fecero. Laccompagnava un altro della bella schiera degli Amici, Maurizio Moschini di Brentonico, che egli si teneva in casa come segretario: ingegno vivacissimo, costumi angelici, ardente cuore, degno in tutto del Rosmini. Da Rovereto a Brescia litinerario era stato il seguente: sosta a Sannazzaro vicino a Riva nella casa di campagna dei Salvadori (il cugino conte Francesco Salvadori stava in casa Rosmini come amministratore, e vi stette fino alla sua morte), sosta a Riva presso lo zio conte Giambattista Formenti, fratello di sua madre. Nella notte sopra il 10, alle 2, partenza in barca per Gargnano; di qui, per terra, a Sal e a Brescia. Domenica 11 luglio il Rosmini celebr Messa nella Chiesa dei SS. Faustino e Giovita, dove prendeva il cioccolatte da Don Giovanni Nanti, e passavano, tutti insieme il gruppo degli Amici, la giornata facendo visita al Prevosto dei Santi Nazaro e Celso, alla Chiesa dei Domenicani, alla Pace dei Filippini, alle Gallerie Brugnoli, Vantini, Averoldi, Lecchi. Fecero anche visita a Mons. Pinzoni, Arciprete del Capitolo, e furono la sera dal Vescovo, Mons. Nava.

66

Societ degli Amici (Charitas 1932)

B Br re ev ve es so og gg giio or rn no od dii R Ro os sm miin nii a aM Miilla an no o111888


Partendo da Brescia alle tre di notte, dopo di essersi fermati a Palazzolo sullOglio preso il caff presso Don Tedoldi, maestro di retorica ivi, alle 11 del giorno 12 furono a Bergamo sostando allAlbergo dItalia. Visitarono le Chiese, qualche libraio, e poi, in Bergamo Alta, il conte Vailetti, la celebre Cappella Colleoni, la Chiesa Principale, Santa Maria Maggiore. Partiti da Bergamo parimenti alle tre di notte, e fermatisi a Gorgonzola per la celebrazione della Santa Messa, verso le 11 i nostri viaggiatori erano a Milano, dove scesero allalbergo Croce di Malta presso la Chiesa di San Sepolcro. La prima visita del Rosmini fu, comera di dovere, al cugino Cav. Carlo, poi al Canonico Nava, fratello del Vescovo di Brescia: il resto della giornata, per dir tutto in breve - cos il Rosmini nel suo Diario - pranzammo, riposammo, uscimmo, tornammo. A Milano Rosmini e compagno fecero la sosta pi lunga del loro viaggio, cio dal 13 al 22 luglio, salvo il giorno 19 che fu speso a Pavia, dove celebr alla Certosa, deserta allora dei suoi ospiti naturali dopo le spogliazioni e i soprusi napoleonici. Alla vista di quella meraviglia, non animata dalla vita dei canti sacri e della preghiera ardente dei pii contemplanti, gli escono queste esasperate parole: COS LAVIDIT PRIVATA LASCIA DA PER TUTTO SEGNI DELLA SUA STOLTEZZA!. AllUniversit di Pavia, non saprei dire per quali relazioni, Rosmini fu accolto dal Rettore Magnifico della stessa, il Prof. Lanfranchi. Visita poi il Collegio Borromeo, e vi trova il Prof. Giuseppe Zuradelli. Visita anche la splendida basilica del Carmine e, andato ad ossequiare il Vescovo, questi, pur essendo a letto per incomodi, benignamente lo accoglie. A Milano il Rosmini celebr qualche giorno a San Sepolcro e poi, con ogni probabilit, in alcuna delle seguenti Chiese: SantAmbrogio, Santa Maria presso San Celso, San Nazaro, San Satiro, Santa Maria Beltrade. Certo le visit, e possiamo ben dire che ne vide senza dubbio altre parecchie comprese nelleccetera che aggiunge alla numerazione; e non furono visite di mera curiosit, se facciamo ragione della stima che manifest in seguito per la religiosit e piet dei Milanesi. Il 14 luglio dunque Rosmini fu di nuovo dal cugino Carlo, poi allAmbrosiana e nel pomeriggio dai marchesi Trivulzio. La mattinata del 15 fu da Don Samuelli Rettore del Collegio CalchiTaeggi, e presso di lui conobbe anche il Casarotti: ma il pomeriggio fu di nuovo allAmbrosiana, dove trovava il Mazzucchelli, e visitava anche la Galleria. Tra le cose ammirate in Milano, oltre alle Chiese, abbiamo ricordate dal Rosmini il Palazzo del Vicer (specialmente sorpreso per lApoteosi di Napoleone dellAppiani), il Campo di Marte, i Giardini Pubblici, la Biblioteca Trivulzio, etc., etc.. Andato a visitar Brera, esclama: E che stabilimento veramente grande vi pu essere, di cui si pavoneggiano i laici, che non abbia avuto origine dagli ecclesiastici? Ai quali poi tolto ingratamente dai pi forti, diviene oggetto di superbia del nostro secolo, che sa bens rapire, ma non fare. Secolo ingrato! Secolo parassita!. Piuttosto poche dovettero essere invece le persone conosciute. Egli non ci ricorda, oltre ai sopra menzionati, se non Donna Ghita sorella del marchese Giacomo Trivulzio, il signor Francesco degli Orefici e il canonico Callegari. LOrefice era Vice-presidente di tribunale, e cugino al Rosmini. Il giorno 16, in onore del compatriotta, convennero a banchetto presso dellOrefice i Consiglieri Roveretani viventi in Milano, cio: Pizzini, Scopoli, Zandonati, Rosmini, Dordi. Mancava il Presidente signor Antonio Mazzetti, col quale era e fu poi sempre in cordiale corrispondenza epistolare. Mi rester sempre in mente - scriveva il 3 agosto da Rovereto il Rosmini allOrefice - fra laltre molte obbligazioni, quel convito patriottico che godetti presso di Lei: quella fu per me la pi bella giornata del mio soggiorno in Milano. vero che qui centra anche un poco di quel naturale affetto che noi tirolesi abbiamo
18. In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , dicembre 1932, p. 365-368.

67

Societ degli Amici (Charitas 1932)

per la nostra patria: ma pi ancora ci aveva luogo la stima di tante rispettabili persone, e i legami di sangue che avevo con alcune di esse. Col canonico Mons. Callegari il Rosmini fu a ossequiare lArcivescovo di Milano. Il mese di luglio era poco propizio per trovar personaggi di qualit in Milano: e quindi mi pare di dover escludere assolutamente che in questa occasione Rosmini abbia conosciuto altri, tanto meno il Manzoni, il Mellerio: se s, non avrebbe mancato certo di farne menzione nel suo Diario dei viaggi, da cui desumiamo queste notizie. Ecco come ne scriveva al cugino Carlo il 2 agosto: Sebbene cost siano mancati molti chiari personaggi che a voi pareva chio dovessi conoscere, tuttavia, vassicuro che per tutti a me valse laver veduto e conosciuto voi, a cui il legame della stima e dellaffetto penso che pi ancora mi stringer che quello del sangue . Cos pure mi sembra assolutamente da escludersi che si sia adoprato presso la Censura contro la Biblioteca storica: informatosi dal cugino Cav. Carlo e dallOrefice, si doveva facilmente persuadere che non valeva la pena di perdere ranno e sapone.

D Da aM Miilla an no oa aP Piia ac ce en nz za ae eP Pa ar rm ma a
La mezzanotte del 22 parte, sempre col Moschini, per Parma: cera sulla vettura postale, dice il Rosmini nel Diario, un soldato, una donna, un giovane laico, e noi: chersi, chelidre, iaculi e faree. Passando per Piacenza fecero breve sosta presso labate Giuseppe Taverna, che era in Casa Landi a collezionare un Codice di Dante del quale disse mirabilia ai due roveretani. Il Taverna era buon letterato, e scrittore elegante di Idilli, sul tipo di quelli del Gessner: a lui il Rosmini aveva mandato in omaggio, fin dal gennaio 1823, due Opuscoli, che non possono essere altri che il Saggio sulla felicit e il ragionamento Delle laudi di San Filippo Neri; e col Taverna avr in seguito qualche corrispondenza sul concetto e lo spirito della nuova letteratura italiana. Nella pubblica Biblioteca vide il bibliotecario Gervasi. La sera per tempo furono a Parma. Il giorno seguente, 23 luglio, furono per tempo alla Villa Ducale di Colorno: specialmente furono per me - scrive il nostro viaggiatore - cosa d sommo diletto e meraviglia i Coreggi, che col unicamente si vedono e che desideravo di vedere da tanto tempo. Essi avrebbero superato la mia attesa, se non fosse stata gi tanta che avesse potuto essere superata: ma certo lhanno eguagliata. Si recarono poi a visitare il Prof. Giovanni Bernardo De Rossi, che trovammo gi invecchiato, ad esempio della nostra vanit! In Biblioteca videro il signor Pezzana, e la sera furono dai Benedettini a trovar labate Crescini, quelluomo virtuoso, che poco fa ha ringraziato il Papa Pio VII delloffertogli cardinalato.

G Gllii A Am miic cii d dii M Mo od de en na a


Nel viaggio da Parma a Modena fecero breve sosta a Reggio, presso i Gesuiti: e appena giunti a Modena, e collocatisi alla locanda San Marco, furono dal Baraldi. Era il Baraldi direttore di un periodico, che ebbe vita onorata ed utile nel campo cattolico col titolo Memorie di religione, di morale e di letteratura, dove il Rosmini stampava fin dal 1824 le sue Osservazioni su alcune Opinioni di Melchiorre Gioia intorno alla moda, e poi in seguito altre cose. Il Baraldi dunque accolse i nostri colle pi grandi feste, mostr subito ad essi la Biblioteca, presentandoli al bibliotecario Lombardi, e poi al circolo dei suoi valorosi collaboratori: il Fabriani, il Cavedoni (Don Celestino), il Bianchi astronomo, il Parenti. Conoscersi fu subito, per anime cos belle, amarsi di un sincerissimo amore e partecipare i propositi e gli ideali gli uni degli altri. E non a dire se i Modenesi fecero a gara a prestarsi come guide ai due Roveretani nella visita dei Gabinetti dellUniversit, nella ricerca di Codici della Estense, della raccolta delle Medaglie del Duca. Altre conoscenze fatte in Modena sono quelle dello scultore Pissani, e dellastronomo Prof. Amici. 68

Societ degli Amici (Charitas 1932)

Sei giorni parvero un baleno in cos dolce amicizia, e il 30 luglio il Rosmini non si stacc senza grande dolore da quegli ottimi Veramente ottimi! - cos nel Diario citato - perch della scienza loro fanno ossequio alla religione, e perch la religione rende in loro soave e perfetta la scienza. Non li divide linvidia, ma li lega lamicizia. Sia consacrata questa memoria allunione dei loro cuori!

R Riitto or rn no op pe er rM Ma an ntto ov va ae eV Ve er ro on na aa aR Ro ov ve er re etto o


Tutta la gioia spirituale provata nel vedere a Modena una cos bella accolta di zelanti e dotte persone guidate da un unico altissimo intento, lo abbiamo effusa dal Rosmini in una lettera al Baraldi, datata da Rovereto il 3 agosto 1824: Presso di lei fu che ho conosciuto quella rara societ di personaggi e dotti i pi gentili e congiunti per la pi soave amicizia: perch a me parve un consesso di ottimi e un santuario. N da Modena si pu partire senza amarezza, dopo aver conosciuto e il Baraldi, e il Parenti, e il Fabriani, e il Bianchi, e il Cavedoni: ed essere stato ammesso fra di loro, e aver gustato a lungo della loro cortesia e affabilit e, direi quasi, dimestichezza . E poi passando a concetti pi generali: Oh quanto preziosa, massimamente nei nostri tempi, lunione fra i buoni, il consenso degli animi, ed anche il solo conoscersi! Perch basta veramente che i buoni si conoscano fra di loro, perch si amino. E come poi senza conoscersi ed amarsi possono scambievolmente aiutarsi, e far comunione di lumi e di mezzi e di forze, e ad uno scopo ordinare le fatiche dei molti, lavorando di consenso a qualche grande edificio? Oggi, se c un mezzo perch non sia oppressa la virt, altrove non si pu sperare in altro che nel consociamento delle buone volont, nellaccomunamento delle ottime intenzioni e delle forze dei singoli. Purtroppo i cattivi, sempre in dissenso fra di loro, sono sempre, comella diceva, uniti contro i buoni. La ragione intrinseca: tutto quello che fuori della virt, a cui spetta lunit in sommo grado, molteplice, e per fra s diviso, ma essenzialmente contrario alla virt, perch essenzialmente si oppone il molteplice allunico. Non vi pu essere cuore cristiano che non senta il bisogno che hanno i cristiani di unirsi in tutti i modi e di fare causa comune: senza di questo ognuno basta a se stesso, ma non basta a pieno agli altri. Mi avvenuto pi volte di scontrarmi nelle stesse idee con uomini savi, e di rallegrarmi vedendo come nel loro segreto i cristiani, anche di terre lontanissime, svolgono gli stessi pensieri e gli stessi affetti: e questa occulto, ma verissimo consenso di animo fra me ed infiniti altri, che ancor non conosco, sparsi per tutta la terra, oh quante volte non mi ha dato conforto e speranza di pi bei giorni per la santa Chiesa! - Le quali cose confido nellanimo suo, come in sicuro luogo e fidatissimo: e mi pare di sentirmi corrispondere dai pii affetti di quei virtuosi che fanno una cosa con Lei . Part dunque il Rosmini da Modena con dolore per staccarsi da quelle anime virtuose, e venuto a Mantova si ferm breve tempo per una visita al famoso Palazzo del Te e alla Chiesa di santAndrea; a Verona vide il Cesari, e poi rientr in patria, nella sua Rovereto la cui aria, al primo sentirla, mi parve impinguata di rose e di gigli; e l si ricoverava, come in un romitorio, nella sua cara famigliola, che mi sembr odorosa cos come un unguento prezioso.

69

I Ill m ma an nc ca atto oI In nc co on nttr ro od de ell R Ro os sm miin nii c co oii m ma ar rc ch he es se eD DA Az ze eg glliio o111999


La gita ciel Rosmini era stata rapida e fugace come un baleno; ma se aveva riempito alcuni amici di ammirazione e di un santo affetto per lui e i suoi ideali (lett. del Baraldi, 6 agosto 1824, 29 gene. 1825, ecc.), un altro ne aveva lasciato pieno di dolore, il marchese Cesare Tapparelli D'Azeglio. Noi lo conosciamo gi per la corrispondenza letteraria tra lui e il Rosmini, attendendo il Tapparelli in Piemonte ad unopera che si pu dir identica a quella svolta dal Roveretano nel Veneto e in Lombardia, bench con diversi criteri. Il buon marchese desiderava tanto di bearsi della vista del suo giovane zelantissimo amico, ed ecco loccasione facile e vicina e gli sfugge. La pena da me provata - gli scriveva nellagosto di quellanno 1824 - maggiore assai assai chio non gliela posso dire Ed ecco: ella viene a Milano e questa sua venuta desta in me la lusinga che o qui (a Torino) o l (a Milano) ci abbiamo a vedere: ella condivideva il mio desiderio, e coi sensi suoi religiosi son certo che non avrebbe stimato perduto il tempo impiegato in questa nostra citt: vi avrebbe trovato dei Cristiani veri, zelanti. Ma sono anni e anni che taluno mi disse: non speri pi di aver contento appieno sulla terra; ed il detto si avvera continuamente . Anche a Venezia aspettavano il Rosmini: A Milano! - gli scriveva di l il Fontana - e non potreste mo nel vostro ritorno, quando sarete a Verona, divergere un poco e venire a Venezia? Oh, questa sarebbe ottima cosa: e non essendovi il Patriarca che vi rubasse, noi potremmo a tuttagio godervi nel nostro Convento [il Liceo di Santa Caterina]. Ci vuol poi tanto? La vostra sola volont e nullaltro. Dunque vedete che ella risponda pienamente al nostro desiderio, e non vi dolga di accontentare gli Amici che s ardentemente vi bramano.

S Sttr ra ao or rd diin na ar riia ao op pe er ro os siitt


Ridottosi in Rovereto possiamo immaginare con quale impeto il Rosmini si sia messo al lavoro, colla dolce certezza di avere molti egregi uomini consenzienti con lui alla grande impresa di diffondere lo spirito di Cristo nella societ. Io vivo la vita mia, mi pare, molto scioperatamente - almeno verso il mio desiderio di non essere ozioso - e nulladimeno ogni giorno vedo che si aggiunge al monticello, quasi quello di una formica, scriveva al Brunatti il 30 ottobre. E al cugino Carlo a Milano (27 febbraio 1825): Queste mie stanze sono come officine, dove si travaglia coi ferri nostri, non vi posso io dire quanto, il d ed anche la notte . Difatti mandava tosto al Baraldi a Modena le Osservazioni su alcune opinioni di Melchiorre Gioia intorno alla moda, opuscolo con cui cominciava la sua lotta accanita contro il sensismo, allora trionfante indisturbato anche in molte scuole ecclesiastiche, nonch nelle laiche, affrontandolo nelle applicazioni pratiche morali; e metteva mano, subito dopo, alla Breve esposizione della filosofia di M. Gioia, al Saggio sullUnit dellEducazione nella sua prima redazione, al Saggio Della divina Provvidenza nel governo dei beni e dei mali temporali, al Saggio SullIdillio e la nuova letteratura italiana, oltre a cose minori come le note critiche al Volgarizzamento della vita di san Girolamo, il Dialogo La carta di scusa, molte lettere, la scuola e lopera su san Tommaso, ecc. e oltre il lavoro grande che aveva tra le mani cio lopera politica, per la cui continuazione specialmente si recher a Milano nei primi mesi del 1826.

19.

In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , marzo 1933, p. 76-79.

70

D Diis se eg gn nii lle etttte er ra ar rii


Intanto lAmico Brunatti da Brescia mandava a termine due suoi scritti (lett. di Rosmini, 30 ott. 1824), e si preparava ad unaltra grave impresa, cio alledizione della Storia ecclesiastica del Fleury. Ma non gli mancavano le noie. Sto preparando - scriveva al Rosmini che laveva invitato invano a passar qualche giorno con lui a Rovereto - il Fleury con note, ed ecco la tipografia Bettoniana di Brescia pubblicare un Manifesto che verr ristampato senza note! Ed io proseguir dunque il mio lavoro? Vi confesso che il Manifesto Bettoniano mi ha scoraggiato e sviato assai. Pur pure il Signore mi aiuti, e mi dia un compagno bresciano che ora a Roma, tutto mio, e che ho richiesto al Vescovo. - Voi, Don Antonio, mettete allordine, per merc, codeste vostre osservazioni riguardanti il modo tenuto da alcuni Papi coi Principi riguardo alla loro deposizione, da porsi a pi di faccia nei luoghi relativi del Fleury. Il De Maistre tocca questo argomento, ma voi saprete ravvalorarla e ridurre le molte parole a pi adatte e a tale esposizione da non raccogliere un veto. E non pago del Fleury e degli altri lavori, come il Butler e la Poliglotta, di cui dicemmo parlando degli Amici di Venezia, il buono ed attivissimo Brunatti stendeva lanimo ad unedizione dei Concili della Chiesa.

C Co on nf fo or rttii a am miic ch he ev vo ollii


E il Rosmini (27 febbraio 1825) a confortarlo che vincesse quei signori editori, e facesse ingoiare anche a loro marcio dispetto, cio gentilmente senza che pure se naccorgano, il contravveleno, cio le note progettate al Fleury, per le quali, come appare da lettera sopracitata del Brunatti, era in causa lo stesso Rosmini. E quanto ai Concili, al Mansi, non cosa lieve: e in questi tempi! Dio ne ringrazio, e quelli che ci danno mano. Ma egli stesso poi, a sua volta, proponeva nella stessa lettera ledizione di Tutti i Padri greci e latini, e in primo luogo di san Tommaso; propositi di cui dicemmo sopra. In questa gara di santa operosit, il Rosmini trovava modo di umiliarsi in confronto dell'amico bresciano: Vedo dove siate con tutto voi, cio nelle solite opere che fruttano al Signore gloria, a voi merito, profitto a molti: cio nelle pi belle e pi care cose in cui uomo si possa occupare. Felice voi! felice, anche nella gravezza della maggiore fatica, e negli affievolimenti delle forze, nei quali pi si sente salutarmente il bisogno della grazia di Dio. Poich ogni nostro maggior vantaggio labbiamo certo da questo, che sentiamo noi la-forza di questa grazia, e, sentendola vivamente, ne celebriamo la gloria. E venendo allopera delle note al Fleury: Lopera vostra di necessit torna lunga: perch lunghissima lopera, e moltissimi i luoghi bisognosi di note. Gli suggerisce di fare sui luoghi pi notevoli delle dissertazioni: ma che sopratutto: non lasci passato luogo che putisca, senza almeno avvisarlo o marcarlo di un Vedi, perch il lettore non vada gabbato mai, se non vuole: che se vuole, gettato ranno e sapone. E di nuovo, tornando ad umiliarsi davanti alla instancabile operosit dellAmico: Godo della dissertazione per lAmico dItalia [il periodico di Cesare DAzeglio]: e vi invidio al tutto di quella tempra vostra che non sinfrange a nulla; io per poco me ne vado lacero, e volevo dire infistolito, quando aguzzo, un po pi addentro del solito, la punta negli studi. Ma di ci non me ne smarrisco per, perch poco altro lo star bene o male del corpo, che esser volta la banderuola del campanile a levante o a ponente: di qua e di l, tutto un girare. Fui stasera su un mio monticello, e mi sono assai ricreato. Lass, quasi fuor della terra e pi vicino alle stelle, ho preparato un tabernacolo anche per voi; e se vorrete, vi dir assai volentieri il Domine bonum est nos hic esse (5 aprile 1825).

P Pe er r lla ab bu uo on na ac ca au us sa a
Fino a1 1828 la corrispondenza fra i due Amici quanto mai viva ed affettuosa: ora per scam71

bio di libri, ora per provvista e ricerca di nuovi o rari, ora per comunicarsi impressioni e notizie, molte volte per sfogare il cuore: Oh quanto bello e desiderabile cosa affaticare alla buona causa! - scriveva il Rosmini il 24 settembre 1825 - servire alla Chiesa di Dio, alla gloria di Cristo! Grande e consolante parola! dir di pi, animosamente, mentre parlo con voi, farsi vittima devota a morte, e libera, e incontaminata!. Parlandogli di un suo scritto pedagogico - quello poi pubblicato col titolo Dellunit dell'educazione - mandato allamico Stefani a Parigi, prima smarrito, poi aperto e lordo, Non posso credere scrive - che simili molestie date ai galantuomini vengano daltro che dalla petulanza, di mezze camicie: in Tirolo non si fa cos: c pi buona fede, e meno gente che vogliono far scomparire il Governo. Santa ingenuit! mentre stavano appunto mandandogli da Erode a Pilato il suo Panegirico a Pio VII, e torturandoglielo in maniera pietosa, e segnandone lautore nel libro nero della polizia! Gliene scriveva il Brunatti: Per quel vostro libretto sulleducazione letteraria o sul modo degli studi, io vi ridico quanto vi dissi gi presso al letto nelle passate vacanze: isthmum fodis. Pur pure il leggerei volentieri Godo che lopera nota [Politica, giovanile] ingigantisca: Dio la faccia crescere come i cedri del Libano. per ledificio e il decoro del tempio santo! (Bru. 1 nov. 1825).

I Ill P Pa an ne eg giir riic co oa aP Piio oV VI II Ie e,, iill 1 1 S Sa ag gg giio os su ulllla aP Pr ro ov vv viid de en nz za a


Di nuovo il Rosmini in data 15 nov. 1825: il Panegirico , ancora in mare: n so se dai bianchi cavalloni sar gettato, o vivo o morto, a qualche riva. Voi sarete tornato alle fatiche vostre: ragguagliatemi degli utili studi e dei consigli. Mi scandalizza il vedere come i Censori veneti sieno ciechi a tante scellerataggini che si stampano nella Biografia, - perch in tutto orbo, chi non vede il sole. - Vorrei perdonar loro, se non penetrano nellastuto e chiuso parlare dei malignatori: non posso perdonar loro che non vedano le aperte iniquit, delle quali ho in animo di scrivere alcuna cosa a Venezia. E dopo questo, quella Censura trov i peccati mortali nel Panegirico di Pio VII! Intendo perci, sempre pi, che non bisogna tacere, ma rispettosamente e prudentemente richiamarsene ai Superiori, e in questo modo si pu far del bene. Le mie cure ed occupazioni sono sempre le medesime: se non che lopera a voi nota (la Politica) mi giganteggia innanzi, e quasi mi atterrisce. Iddio, da cui trasse il principio, - ne ho ferma speranza nel mio seno, - ne coroner il fine: e anche a dispetto degli uomini e degli dei! Amiamoci, o mio caro, e soccorriamoci colle vicendevoli orazioni: attesi a fare la volont del nostro supremo Signore, e Dispositore di tutte le cose al bene dei semplici, che Lo invocano con rettitudine di cuore e con fede. Intanto mandava allamico bresciano da leggere manoscritto il Saggio Della Divina Provvidenza [libro 2 della Teodicea nella edizione definitiva, ripubblicato quasi per intero nella Piccola Collana di Charitas nel 1932], che avrebbe dovuto uscire in Appendice allultimo volume del Butler. Ma che , che non , il bravo Brunatti vi scorge un tale mucchio di inesattezze teologiche, che gli scrive francamente di non poterlo stampare come daccordo (lett. del 21 febbraio 1826). Non pare che il Rosmini si sia punto offeso, poich continu pi affettuosamente che mai la sua corrispondenza con lui, presso il quale fece piccola sosta nel portarsi a Milano. Rosmini di nuovo a Milano. Alla notizia che il cugino si sarebbe trasferito nella capitale lombarda, e non pi solo per una visita frettolosa, come nel luglio 1824, Carlo Rosmini gli scriveva (15 febbraio 1826): Io gongolai tutto nellintendere la vostra risoluzione di passar qualche mese a Milano. Bravo, bravissimo! Non ve ne pentirete sicuramente, anche avendo riguardo allo scopo per cui ci venite, che sono i vostri, studi [di politica, principalmente]. Qualunque pi raro libro di cui avete bisogno, qui lo troverete e troverete pi abbondanza di libri che di uomini, COI QUALI ULTIMI VI SAR NECESSARIO DI PROCEDERE CON CAUTELA. Ma su ci ce la intenderemo meglio a voce. Anche il marchese DAzeglio concep di nuovo viva speranza di 72

poter finalmente conoscere di persona quello che amava e venerava tanto. Nulla diremo del soggiorno di Rosmini a Milano: tutti ne sanno qualcosa, quello che si legge nella Vita di lui: ma i particolari andranno studiati minutamente a parte.

D Diif ff fiic co olltt e ec cr riittiic ch he ea all s sa ag gg giio o D De elllla aD Diiv viin na aP Pr ro ov vv viid de en nz za a 222000
Ritorniamo piuttosto al Brunatti e al Saggio Della Divina Provvidenza. Non poteva dunque credere ai suoi occhi, di averci scoperte tante eresie, o quasi, e desider riavere - mosso forse dalla breve conversazione avuta col Rosmini nel suo passaggio da Brescia, e dalla meraviglia di qualche amico, che era al corrente della cosa - il manoscritto da rileggere sperando di persuadersi essersi ingannato nello scorgervi tanti errori; ma non pot averlo, bench il Fontana insistesse presso il Rosmini che glielo rimandasse, perch rileggendolo si tragga dal capo quei suoi dubbi, o almeno lo mandasse a lui, Fontana, da unirsi alla sua traduzione del De mortibus Persecutorum di Lattanzio. Quel manoscritto faceva ormai il suo corso, era cio nelle mani della Censura milanese. Premuroso il Rosmini di riaverlo per procedere alla stampa, ne sollecitava personalmente e anche per mezzo di Ferdinando Bellisomi, uno dei Censori, lesame, perch sembrava incagliarsi sugli scogli della censura, come altrove andava facendo il Panegirico a Pio VII; ma il Capo Ufficio gli fa rispondere di averlo mandato alla Curia: si rivolgesse a Mons. Branca, teologo della Metropolitana. Nel darne notizia al Brunatti, il Rosmini cos scrive: Non posso far altro che mandarvene copia, quando sar stampato Io non ho mancato per di prendere in veduta le vostre osservazioni, e troverete nella stampa che spero di potervi mandare fra poco uno o due luoghi corretti. Del rimanente maffido alla discrezione dei lettori, i quali non debbono mai giudicare dei sentimenti duno scrittore da qualche passo staccato, ma da tutto il contesto del libro: altrimenti porteremo lo scrupolo allestremo, ci renderemmo minuziosi, e con tali pastoie useremmo mai sempre la lingua dei bamboli. In questa non sono gi scritte le divine Scritture, n le opere dei Santi Padri; e sebbene gli eretici si sono sempre giovati della loro autorit per sostenere i loro errori, tuttavia quelli sono gli esemplari di tutti che nella Chiesa vogliono scrivere con chiaro e profondo e libero stile (7 marzo 1826; cfr. lettera dell11 giugno). Ma il Brunatti era troppo inferiore al Rosmini nella larghezza del pensiero, e nella santa e vigorosa libert dello spirito; avuto tra mani il libretto dellAmico non seppe tenersi dal farne quattro fitte pagine di osservazioni e appunti, che confidentemente - tanto era sicuro della bont e umilt del suo Rosmini! - gli mandava (23 giugno 1826). E il Rosmini da Milano: Delle vostre osservazioni vi ringrazio; mi pare per, a dirvi aperto quanto ne sento, che se aveste la pazienza di tornar sopra il mio libretto, considerando la forza degli argomenti interi, senza fermarvi alle singole particelle degli argomenti stessi, vi si schiarirebbero molte oscurit. Vedete bene che il soggetto alquanto metafisico, e che non bisogna sdegnare di meditarlo. Se potr stampare il secondo libro [quello che sar poi il libro 1 della Teodicea], nel quale prover le stesse cose colla Sacra Scrittura [ma in realt ne uscito un lavoro ben diverso, e di ben altro valore, cio uno studio sulle limitazioni della mente umana e sua incapacit di giudicare la sapienza delle opere divine, colle prime chiare linee di tutto il suo pensiero filosofico] avr campo di ampliare e distendere maggiormente delle verit, che non ho potuto nel primo che toccare alla sfuggita (2 luglio 1826).

L Lo od dii e ea ap pp plla au us sii a all S Sa ag gg giio o D De elllla aD Diiv viin na aP Pr ro ov vv viid de en nz za a ..


Ma se si eccettua il Brunatti, Amico, e la Biblioteca Italiana di Milano, incredula, astiosa, aper20. In Charitas. Bollettino rosminiano mensile , aprile 1933, p. 108-112.

73

tamente nemica al Rosmini, i giudizi sul Saggio Della Divina Provvidenza furono un coro di plausi e di ammirazione per la vigorosa apologia che il Rosmini faceva della verit cattolica. Ne riferir uno solo, quello di Don Antonio Soini, di Ala, valente studioso, e corrispondente del Manzoni, e amico di Rosmini: Io sono stato favorito di un suo libretto. Dico libretto per la mole, perch per il contenuto un librone. Le rendo tutte le grazie che posso maggiori. Io non lo leggo, ma lo studio. Sono edificato non solo dal profondo sapere che ella dimostra con quellopera, ma eziandio da quel metodo stringente, con cui mette al lettore il coltello alla gola. Difendasi chi pu. Questo libretto deve certamente riuscire di non piccolo conforto anche a quei buoni credenti che tenevano per ferme quelle norme per pia persuasione, senza cercare pi in l, vedendole ora cos sottilmente e sodamente provate con tanta filosofia. Bravissimo Don Antonio! LItalia far a Lei certamente quel plauso che merita: e suggerisce poi di metterne la materia in Dialoghi popolari.

M Ma alld diic ce en nz ze er ro ov ve er re etta an ne e


Per curiosit aggiunger che a Rovereto, tornato di nuovo il Rosmini, dopo brevissimo riposo in patria, a Milano, e ingolfatosi nello studio, certi Roveretani lingue malefiche! andavano malignando che lui era caduto malato per il troppo studio e per lafflizione provata alle critiche fatte alla sua PROVVIDENZA. Sciocchezze! - aggiungeva Don Paolo Orsi riferendogli tali dicerie (19 gennaio 1827) non conoscono la vostra mente, lanimo vostro! . E il Fontana, pure da Rovereto in data 25 gennaio: Vi dir esservi stato qui un bello spirito - e se lo conoscessi ci darei un paio di pugni sul muso! - il quale volle far credere che voi siete diventato pazzo. Ridete finch vi durano i fianchi, che ne avete ben donde. Siete moribondo, e poi matto!!!!!!. E riferendosi ad un articolo della ricordata Biblioteca Italiana: Chi fu quella bestia che schiccher quellarticolo contro di voi? Io non lo saprei appellare con altro nome. Per lui quasi eresia il dire non essere il male che privazione di bene. Buh! . Anche lamico Don Paolo Orsi (28 gennaio 1827) inveisce contro la balordissima critica della Biblioteca Italiana Ma gli strani effetti che ella cagion in queste teste losche, per la riverenza che hanno alla sentenza dei fogli letterari, suscitarono in me una rabbia maledetta, e vorrei farlo sentire da altre accreditate gazzette qual giudizio si debba fare di codesti giudici e dellopera che giudicarono.

P Pr ro op po os siittii d dii v viitta ar re elliig giio os sa a


Intanto il Brunatti nellottobre 1826 invece che a Rovereto, dove ve laveva invitato il Rosmini, era stato per istruzione a Firenze, a Venezia, a Parma, a Modena, dove rivedeva i comuni Amici suoi e del Rosmini, al quale inviavano caldi saluti, ricordandolo tutti caramente e vivendo nel desiderio di lui (lett. del Brunatti, 6 ottobre 1826). Ma non di sola istruzione era il viaggio del Brunatti: si sentiva attratto alla vita religiosa, e se ne confidava al Rosmini, il quale cos gli rispondeva: La vostra lettera m apportatrice di cosa non gi sorprendente, ma carissima. E che sorpresa darmi poteva a la vostra risoluzione, quando mera gi noto il vostro cuore ardente damor di Dio e fatto per Lui? A me non torna pi meraviglioso il veder luomo di tali sentimenti fornito esser tirato alla Religione, di quello che vedere il pesce attratto dallesca, o luccello dalla pastura. Confortare, dunque, et esto robustus calde! perch il Signore tanto vama che vi crea nel cuore cos santi desideri. S, s, nulla pi bello, nulla pi caro che fuggire di questo mondo e ripararsi dalle procellose onde che tutto lo sommergono, nel sicurissimo porto della Religione; nulla pi desiderabile che fare in essa una consacrazione solenne di noi stessi al Signore. Allora siamo entrati nel nostro talamo. Oh quanto sono dolci le caste rose, di 74

cui tutto cosparso! Oh quanto magnifico questo talamo agli occhi fedeli, e come perde al suo confronto la magnificenza di quello di Salomone! Beato dunque io vi credo di tale sposalizio, a cui il Signore vi vuole elevato. Dopo esaltata cos la bellezza della consacrazione a Dio nella vita religiosa, risponde confidenza a confidenza, aprendogli il proposito che da non pochi anni coltivava egli stesso nel cuore: Ma vi potr tacere continua - o mio caro amico, vi potr tacere quello che serbo da molto tempo gelosamente chiuso nel cuore? Non pi, dopo la vostra amorevole confidenza. E bene, sappiate, che anchio ho fatto una consimile risoluzione; ho deciso cio di fuggire da questo secolo, e di entrare nella Religione. Ma voi mi domanderete impaziente, se penso anchio di vestire lignaziane divise? Infinitamente amo queste divise che sono pur quelle, se mi lecito tanto dire, dei Pretoriani di Cristo. Tuttavia Iddio mi chiama ad altro; e sapete quanto si debbano attentamente ascoltarne le voci, e seguirle con fedelt. Sono chiamato ad altro, come dicevo, ma sono pur chiamato alla Religione. Essendo voi dIgnazio, non cessate dessere di GES, di cui sar anchio, lo spero, e perci saremo al servizio dello stesso Capitano: e ci ameremo in Lui, come commilitoni, sotto alle stesse bandiere. Ci mi basta davervi detto; s perch voi sappiate quanto mi riuscita soave e preziosa la nuova che voi mi date, che io guardo come grande avventura di grande amico; e s perch voi pure sappiate la sorte mia. Forse vi piacerebbe sapere di pi: e io tutto vi dir, quando potr vedervi ed abbracciarvi; ma per ora vi basti il cenno che nho fatto lanno passato, quando eravate alcuni giorni qui con me a Milano. Non per chio sappia il tempo stabilito dal Signore alleffetto di tale decisione, come neppure voi lo sapete. Preghiamo dunque insieme, preghiamo incessantemente, perch da Lui solo deve venir ogni cosa (3 aprile 1827).

R Ro os sm miin nii a ab bb br ra ac cc ciia a lla av viitta ar re elliig giio os sa a


Il tempo stabilito dal Signore per il Rosmini era pi vicino chegli stesso non osasse pensare. Due mesi dopo la data di quella lettera, per bocca di un sacerdote straniero, sconosciuto, incontrato allora la prima volta, venerd 8 giugno, in casa Mellerio, il Signore gli esprimeva chiaramente la sua volont. E il Rosmini, docile ad essa, come sempre, con gesto umile, ma reciso ed energico, troncava relazioni, amicizie, progetti di studio e di opere, abbandonava Milano con gli agi e le comodit che poteva dargli per la salute malferma e per i suoi lavori, e solo, ma con una gran fiducia in cuore, si appartava dal mondo, ritirandosi a preghiera e penitenza sul Monte Calvario di Domodossola, essendo pieno inverno, in un ambiente privo di tutto il pi stretto necessario. Lamico Brunatti non si fece gesuita; e il Rosmini lo confortava, in momento di qualche incertezza spirituale, conducendolo e riflettere alla dolcezza della divina volont: Oh quanto dolce questa divina volont! quanto dolce il volerla, lamarla, sola, e piena, e con tutto noi stessi; il non aggiungere ad essa nessun altro dei nostri affetti, ma dimenticarli tutti, dimenticare noi stessi per essa! (28 novembre 1827). E di nuovo in seguito gli scriveva parole di molta saviezza, animandolo nelle vie del bene, e a combattere generosamente le battaglie del Signore.

L La an nu uo ov va af fa am miig glliia a lla ap pii v ve er ra a S So oc ciie ett d de eg gllii A Am miic cii


Intanto venivano raccogliendosi intorno al Rosmini prima uno, poi un secondo e terzo compagno, e formandosi una famigliola, alla quale, condotto comera stato da evidente volont divina, consacrer dora innanzi tutto se stesso: vedendo attuarsi, in una maniera pi modesta ma pi concreta e pratica, quella Societ degli Amici, a cui aveva dato tutto lentusiasmo giovanile. Ma non diremo che la sua grande attivit e la spinta data a tante anime venute a contatto colla 75

sua ardente anima in quel periodo, sia stata inutile: no, molto bene s fatto allora, e sotto quella spinta si fece dopo, che senza di essa non si sarebbe fatto. Rimane poi, ad onor del Rosmini, la generosit dellimpresa, laltezza dei pensieri, il sacrificio dellopera; rimase, a vantaggio del suo avvenire, lesperienza fatta nellorganizzazione e nella lotta, la conoscenza degli spiriti, il grande amore a Ges Cristo. E questo ci fa pensare che lanalisi fatta, su documenti in gran parte inediti o non bene finora valutati, di quel periodo della vita di lui, non sia stato solo una ricerca erudita, ma una luce nuova por tata su quegli anni giovanili e su quella esuberante e travolgente attivit, che contiene in germe tutti gli svolgimenti posteriori pi maturi, pi pensati, pi efficaci. E inquadrati nella storia di quellattivit e di quella sua gran passione per il bene, di quella carit che spingeva i molti suoi amici a formare un esercito per la causa di Cristo, molti avvenimenti degli anni 1819-1827 cessano di essere frammentari e disordinati, per prendere invece unintonazione e un colore unico, acquistando nuovo valore e una nuova bellezza spirituale.

76

Potrebbero piacerti anche