Sei sulla pagina 1di 15

S c o p r i a m o i l p a s sato con la tecnologia del futuro

Open Tchne
Tecnologie Open Source per i Beni Culturali

Master in Tecnologie Open Source per i Beni Culturali 2014 II Edizione

In collaborazione con

Fondazione Masaccio

Federazione italiana Club e Centri UNESCO

Partner didattici

Nota:
Allinterno della brochure troverete dei collegamenti ipertestuali che rimandano alle pagine web dei singoli argomenti. Per avere maggiori dettagli sui corsi cliccare sul simbolo Loghi, programma e qualifiche sono aggiornati a luglio 2013. Eventuali aggiornamenti sono disponibili al sito www.istitutoficlu.org
informazioni >> on-line

Master Open Tchne

Master inTecnologie Open Source per i Beni Culturali


Limmagine dellItalia come terra straordinariamente ricca di patrimonio culturale tutta nella presenza diffusa, capillare, viva di un patrimonio solo in piccola parte conservato nei Musei, e che incontriamo invece, anche senza volerlo e anche senza pensarci, nelle strade delle nostre citt, nei palazzi in cui hanno sede abitazioni, Cordinatore del Programma scuole e uffici, nelle chiese aperte al culto. Il patrimonio culturale il fulcro dellidentit del Paese, ne costiOpen Tchne tuisce la memoria storica, e i Beni Culturali sono le pi importanti tracce del nostro passato, ci raccontano di un dr. Giulio Bigliardi Tel. 0559119445 E-mail bigliardi@istitutoficlu.org Per maggiori dettagli visita il sito del master mondo che non c pi, ma dal quale proveniamo. Queste tracce devono essere assolutamente conservate, divulgate e valorizzate; ci vero soprattutto in un momento di profonda trasformazione di valori e di crisi di identit come quello che stiamo oggi attraversando. Mentre la crisi imperversa e un pezzo consistente delleconomia nazionale fatica e arretra, la cultura, al contrario, dimostra di essere uno dei motori primari della nostra crescita e il valore aggiunto prodotto dalla cultura tiene e guadagna terreno. Le imprese del sistema produttivo culturale sono quasi 460 mila, il 7,5% del totale, alle quali si deve il 5,4 per cento della ricchezza prodotta nel nostro Paese, equivalente a quasi 75,5 miliardi di euro, che diventano 80,8 miliardi se includiamo Pubblica Amministrazione e no-profit. Nel 2012, il sistema produttivo culturale ha visto Sede Istituto di Formazione e Ricerca della Federazione Italiana Club e Centri UNESCO presso Centro di GeoTecnologie Sono dati che non lasciano spazio a dubbi: la cultura non si tocca, perch la cultura a sostenere e far girare la dellUniversit degli Studi di Siena Via Vetri Vecchi 34, 52027 San Giovanni Valdarno, Arezzo rinnovato, oltre al potere di catalizzare energie, saperi e competenze diverse. Tel. +39 0559119445 +39 0559119479 Fax: +39 0559119439 E-mail info@istitutoficlu.org www. istitutoficlu.org Tuttavia, se gettiamo lo sguardo oltre i confini nazionali, notiamo che in Europa lItalia ancora relegata agli ultimi posti nella graduatoria degli occupati del comparto culturale (consulta il rapporto Eurostat 2011). Sarebbe logico pensare che occupazione culturale e consistenza del patrimonio siano in qualche misura direttamente proporzionali, ma evidentemente non cos. La produzione culturale non quindi semplicemente legata alle attivit di valorizzazione del patrimonio storico-artistico, quanto, pi in generale, alla capacit di creare, organizzare e promuovere attivit originali imperniate attorno ai Beni Culturali, creando forme nuove di comunicazione. Le nuove tecnologie ci offrono oggi gli strumenti pi efficaci per rinnovare, e innovare, la comunicazione ad ogni livello, facilitando la fruizione e la interattivit. Le moderne tecnologie digitali sono sempre pi strumenti dinnovazione indispensabili e costituiscono il valore aggiunto di qualsiasi progetto culturale. Basti pensare alle possibilit oggi offerte dalla rete intranet ultra-veloce nella diffusione delle informazioni, o alla parte pi innovativa, dinamica e reattiva del nostro sistema produttivo. Con un patrimonio straordinario, unico, che, nonostante non venga ancora valorizzato come merita, ha nellimmaginario mondiale un peso sempre crescere del 3,3% le proprie unit, con la nascita di 14.590 imprese, e con la crescita delle unit produttive c stata anche la crescita delloccupazione. Il settore impiega complessivamente 1 milione e 397.000 persone, con un aumento nel 2012 dello 0,5 per cento, valore che va in controtendenza rispetto al calo dello 0,3 per cento registrato negli altri settori (ricerca della Fondazione Symbola e Unioncamere: Io sono cultura lItalia della qualit e della bellezza sfida la crisi, 25 giugno 2013).

Seguici anche su:

Master Open Tchne

possibilit di raggiungere ovunque un pubblico sempre pi vasto offrendo contenuti di qualit e personalizzati sfruttando applicazioni e servizi per smartphone e tablet. Nellottica della condivisione e divulgazione della conoscenza e delle informazioni, le tecnologie Open Source rappresentano oggi gli strumenti tecnologici pi innovativi, in quanto nati e sviluppati proprio da una cultura di collaborazione e di scambio di know-how. Proprio questa la strada tracciata dalla recente modifica del Codice Cordinatore del Programma Open Tchne dr. Giulio Bigliardi Tel. 0559119445 E-mail bigliardi@istitutoficlu.org aziende che in teoria avrebbero tutto da perdere, hanno deciso di appoggiare la filosofia Open Source: tra le Per maggiori dettagli visita il sito del master pi famose HP, Microsoft ed Apple. La conoscenza e la valorizzazione del nostro patrimonio culturale deve quindi accompagnarsi alla formazione di nuove professionalit in grado di coniugare saperi tecnologici e conoscenza storica, capaci di esplorare tutto il potenziale delle nuove tecnologie, a partire dagli strumenti utili per una migliore conservazione e fruizione del patrimonio culturale. In questo senso la formazione in ambito culturale deve uscire dagli standard disciplinari e saper proporre una didattica dove saperi umanistici e tecnologie digitali costituiscano una miscela proporzionata Sede Istituto di Formazione e Ricerca della Federazione Italiana Club e Centri UNESCO presso Centro di GeoTecnologie dellUniversit degli Studi di Siena Via Vetri Vecchi 34, 52027 San Giovanni Valdarno, Arezzo Il Master si pone tre obiettivi fondamentali: Tel. +39 0559119445 +39 0559119479 Fax: +39 0559119439 E-mail info@istitutoficlu.org www. istitutoficlu.org formare professionisti nelluso di tecnologie moderne e innovative applicate allo studio e alla valorizzazione dei Beni Culturali: GIS, fotogrammetria, rilievo 2D e 3D, modellazione 3D, database, analisi spaziali, webGIS e realt virtuale; mostrare come non sia ormai pi necessario ricorrere a tecnologie commerciali, che spesso hanno costi di licenza insostenibili per chi opera nel settore culturale (basti pensare ai costi dei pacchetti software per il GIS, la fotogrammetria o la modellazione 3D), poich tali tecnologie sono oggi disponibili nel formato libero e gratuito Open Source, ormai di livello pari, se non in certi casi superiore, alle soluzioni commerciali; accompagnare il professionista ad introdurre le tecnologie Open Source nel proprio ambito lavorativo, attraverso il confronto con i professionisti del settore e attraverso un periodo di stage presso una societ, un Ente pubblico o un centro di ricerca in cui poter sviluppare e applicare le tecnologie apprese. ed equilibrata. Il Master Open Tchne nasce proprio con questo obiettivo: formare professionisti in possesso di competenze trasversali, che, partendo da una solida formazione universitaria tradizionale, siano capaci di sfruttare le opportunit offerte dalle nuove tecnologie e in grado di orientarsi, in modo competitivo, nelle evoluzioni del settore culturale. dellAmministrazione Digitale, dove si obbligano le Pubbliche Amministrazioni ad adottare soluzioni software Open Source in alternativa a software di tipo proprietario. Inoltre, una delle ultime previsioni della societ di analisi Gartner dedicata a questo mercato ha indicato che nel 2016 il 99% delle principali aziende utilizzer almeno un software Open Source, i quali, secondo una ricerca pubblicata nel giugno 2012 dalla societ di analisi software Coverity, hanno ormai anche meno difetti dei software con codice proprietario. Non certo un caso se

Obiettivi

Seguici anche su:

Introduzione

Open Source: Cos?


Il termine inglese open source significa sorgente aperta ed indica un software i cui autori ne permettono e ne favoriscono il libero utilizzo, senza alcun costo di licenza. Linux, Firefox, Chrome, WordPress e Android sono tra gli esempi pi noti. Nella maggior parte dei casi questi software hanno alle spalle una folta community di programmatori che contribuisce al loro aggiornamento, sviluppo e diffusione. La comunit Open Source molto attiva, al momento comprende decine di migliaia di progetti e il numero costantemente in crescita. Questo consente ai software Open Source di essere nella realt ad un livello paragonabile, se non superiore, al software commerciale. Una ricerca pubblicata nel giugno 2012 dalla societ di analisi software Coverity, ha mostrato che ormai i software Open Source anche meno difetti di quelli commerciali. Abbracciare la filosofia Open Source significa passare da una cultura aziendale/personale protezionistica e difensiva, ad un approccio aperto, in cui tutti danno quello che sanno fare meglio e tutti si arricchiscono imparando dal meglio. Una cultura del dare gratuito in cui ciascuno condivide il meglio di s e ha a disposizione la possibilit di beneficiare del meglio messo in comune da altri. E quando questi altri sono veramente tanti (cos come oramai accade nella comunit Open Source), larricchimento culturale di tutti garantito, senza che nessuno si impoverisca, i problemi vengono risolti in modo pi rapido e brillante, e la competizione si sposta dal livello personale ed aziendale, a quello di risoluzione congiunta di problemi e necessit che diventano comuni. Un tipico caso in cui il totale maggiore della somma delle parti.

Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno. Ma se tu hai unidea, ed io ho unidea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee. G. B. Shaw

Open Source: Perch?


Perch non avendo costi di licenza abbatte i costi di un progetto o di un lavoro Perch senza alcun investimento economico inziale permette di essere subito competitivi nella professione Perch esiste una community mondiale di decine di migliaia di persone che pu fornire indicazioni e suggerimenti su come usarlo al meglio Perch promuove una cultura di collaborazione ed interscambio di know-how che ne favorisce un efficace sviluppo Perch le amministrazioni pubbliche e le imprese italiane si stanno spostando verso lOpen Source. Perch lOpen Source la tecnologia del futuro Perch provare non costa nulla!

Master Open Tchne

A chi si rivolge
Neo-laureati che vogliono arricchire le proprie competenze con corsi che non rientrano nella tradizionale formazione universitaria e che desiderano un approccio diretto con il mondo delle professioni culturali; Professionisti che operano in contesti di archeologia preventiva e di emergenza, di rilievo e recupero architettonico, di catalogazione e censimento di Beni Culturali, di valorizzazione e promozione turistica che vogliono apprendere tecnologie e metodologie in grado di migliorare il proprio lavoro; Dipendenti di societ o enti che operano nel settore dei Beni Culturali che vogliono sviluppare il proprio background tecnologico; Ricercatori universitari che vogliono supportare ed ampliare le proprie ricerche con tecnologie innovative; Dipendenti delle Soprintendenze che vogliono apprendere tecnologie moderne di documentazione e gestione dei dati archeologici e storico-artistici.

Abilit conferite e sbocchi professionali


Al termine del Master ogni partecipante sar in grado di: elaborare database per la gestione dei dati; effettuare rilievi 2D e 3D con metodologie diverse: strumentale (stazione totale e GPS), fotogrammetrica, Computer Vision; creare e gestire Sistemi Informativi Geografici (GIS); elaborare cartografia tematica di tipo archeologico e storico-artistico (piante di scavo, piante e prospetti architettonici, carte archeologiche, carte di distribuzione, carte cronologiche); elaborare analisi spaziali; elaborare modelli 3D di oggetti e strutture; elaborare sistemi webGIS per la divulgazione e pubblicazione online di dati e contenuti; pubblicare modelli 3D in internet elaborando sistemi navigabili di realt virtuale. Al termine del Master lo studente sar in grado di utilizzare i seguenti software Open Source: PostgreSQL, PostGIS, SpatiaLite, Python Photogrammetry Toolbox, MicMac, Inkscape, GIMP, QuantumGIS, pyArchInit, GRASS, Blender, MeshLab, CloudCompare, OpenSceneGraph, MapServer, Geoserver.

Lo sbocco professionale naturale dei partecipanti al Master Open Tchne sono le societ private, gli Enti pubblici e i centri di Ricerca che operano nel settore culturale attraverso attivit di ricerca, tutela, conservazione, valorizzazione dei Beni Culturali e promozione turistica. Ogni partecipante porter nel contesto lavorativo, oltre alle conoscenze tecnologiche teoriche e tecnico-pratiche apprese durante le lezioni, anche il valore aggiunto costituto dai software Open Source, i quali, senza alcun investimento economico, consentono di essere immediatamente operativi e competitivi nellambito lavorativo.

Master Open Tchne

Programma formativo
Corsi propedeutici: I. II. Introduzione a Linux Introduzione ai Sistemi Informativi Geografici per i Beni Culturali

Il GIS per i Beni Culturali: III. Database spaziali Open Source: PostgreSQL e SpatiaLite per i Beni Culturali IV. QuantumGIS e pyArchInit: strumenti innovativi per la gestione dei dati archeologici e storico-artistici V. Analisi territoriali con GRASS

VI. WebGIS e cartografia interattiva online Rilievo 2D/3D e modellazione 3D per i Beni Culturali: VII. Esercitazioni pratiche sulluso di stazione totale e GPS VIII. Il rilievo 2D per i Beni Culturali con software Open Source IX. Rilievo 3D per i Beni Culturali con software Open Source X. Modelli digitali 3D di oggetti reali per i Beni Culturali: acquisizione, processing e utilizzo

XI. Modellazione 3D per i Beni Culturali con Blender XII. Software Open Source per la creazione di mondi virtuali navigabili on-line Lattivit didattica prevede 440 ore di lezioni frontali, di esercitazioni pratiche e di laboratorio, e 300 ore di stage e preparazione dellelaborato finale. Lezioni ed esami: 9 Gennaio 25 Luglio 2014 Stage: Agosto Novembre 2014 Discussione finale: Dicembre 2014 La frequenza alle lezioni non obbligatoria, ma al termine di ogni corso sono previste prove di valutazione (orale, scritta o project work), il superamento delle quali indispensabile per il conseguimento del titolo finale.

Stage
Al termine delle lezioni frontali previsto un periodo di stage, della durata di 300 ore, presso aziende, enti, centri di ricerca tra quelli proposti oppure a scelta dello studente. Lo stage un importante valore aggiunto del Master in quanto permette di continuare la propria formazione in un ambiente lavorativo e rappresenta un accesso privilegiato al mondo del lavoro reso possibile dal network di contatti dellIstituto FICLU. Le attivit svolte durante lo stage saranno oggetto dellelaborato finale. Le strutture che hanno dato disponibilit ad ospitare gli studenti nel 2013 sono 33, per un totale di 49 posti di stage: 3DResearch, 3D Survey Group, adArte, Area Archeologica di Veleia, Caspur 3D Lab, Centro di GeoTecnologie Univ. di Siena, ComoNExT, Comune di Volterra, CultourActive, Fondazione Bruno Kessler, GeoSolutions, Geographike, Ichnos, Imagogeo, INERA, Ingloba360, IPLAB, IPSOFT, IPTSAT, Laboratorio di Archeologia Digitale, Laboratorio MAPPA Univ. di Pisa, Liberologico, MIDA Informatica, NoReal, Not Only, Open Source Accademy, SACI, SPACE, TerreLogiche, VirutalGEO, Vitual Heritage Lab CNR ITABC.

Master Open Tchne

Docenti
I nostri docenti sono professionisti con esperienza pluriennale nel settore culturale, che ogni giorno si confrontano con i problemi del settore e con i principali protagonisti dellOpen Source italiano e internazionale. I nostri corsi diventano cos luoghi dincontro e occasioni per ampliare il proprio network professionale.

A. Bezzi ArcTeam

L. Bezzi ArcTeam

G. Bigliardi CGT Univ. Siena

M. Callieri CNR ISTI

S. Cappelli CGT Univ. Siena

M. Dellepiane CNR ISTI

E. Demetrescu CNR ITABC

B. Fanini CNR ITABC

R. Gietl ArcTeam

L. Mandolesi adArte

G. Naponiello ArcTeam

F. Pugnaghi CGT Univ. Siena

G. Ranzuglia CNR ISTI

R. Scopigno CNR ISTI

Programma

I MODULO

16 ORE

Introduzione a Linux
Docente: F. Pugnaghi
Lobiettivo del corso di introdurre i partecipanti alluniverso Linux, attraverso la definizione dei concetti teorici ed operativi di base e le procedure per installare, configurare ed utilizzare una qualsiasi distribuzione del sistema operativo.

informazioni >> on-line

II MODULO

8 ORE

Introduzione ai Sistemi Informativi Geografici per i Beni Culturali


Docente: G. Bigliardi
Lobiettivo del corso di introdurre alcuni concetti essenziali sui sistemi di riferimento, sui sistemi cartografici, GPS e sui modelli di rappresentazione dei dati spaziali. Tali argomenti verranno approfonditi durante i corsi successivi con applicazioni pratiche e casi di studio.

informazioni >> on-line

III MODULO

72 ORE

Database spaziali Open Source: PostgreSQL e SpatiaLite per i Beni Culturali


Docente: G. Naponiello
Lobiettivo del corso introdurre i partecipanti alluso dei database spaziali SpatiaLite e PostgreSQL con estensione PostGis. Al termine del corso i partecipanti saranno in grado di creare, interrogare e gestire database spaziali.

informazioni >> on-line

Programma

IV MODULO

56 ORE

QuantumGIS e pyArchInit: strumenti innovativi per la gestione dei dati archeologici e storico-artistici Docente: L. Mandolesi
Lobiettivo del corso di illustrare le funzioni principali del software QuantumGIs mostrando come gestire la cartografia vettoriale e raster, come lavorare nei diversi sistemi di proiezioni, come modificare o creare mappe vettoriali e produrre nuovi strati cartografici. Il corso, inoltre, si prefigge lo scopo di illustrare le componenti base di pyArchInit, dalla comprensione del modello dati, alla loro gestione e fruizione.

informazioni >> on-line V MODULO 24 ORE

Analisi territoriali con GRASS


Docente: R. Gietl
I partecipanti verranno introdotti alluso del software GRASS e al termine del corso saranno in grado di eseguire le principali operazioni di analisi tra dati raster, tra le quali analisi della visibilit, delle pendenze, dellirraggiamento.

informazioni >> on-line VI MODULO 48 ORE

WebGIS e cartografia interattiva online


Docente: G. Naponiello F Pugnaghi

Attraverso il corso i partecipanti apprenderanno i concetti fondamentali per inserire funzioni di cartografia interattiva allinterno di siti web. Si alterneranno sessioni di lezioni teoriche a esercitazioni pratiche che porteranno alla realizzazione di un piccolo e semplice web mapping.

informazioni >> on-line

Programma

VII MODULO

8 ORE

Esercitazioni pratiche nelluso di stazione totale e GPS


Docente: S. Cappelli
Lobiettivo del corso introdurre i partecipanti alle principali nozioni teoriche del rilievo strumentale con stazione totale e GPS, e al loro utilizzo pratico.

informazioni >> on-line

VIII MODULO

40 ORE

Il rilievo 2D per i Beni Culturali con software Open Source


Docente: L. Bezzi
Al termine del corso i partecipanti saranno in grado di realizzare fotomosaici georeferenziati di piani, sezioni, prospetti e facciate.

informazioni >> on-line

IX MODULO

40 ORE

Il rilievo 3D per i Beni Culturali con tecniche di Image-Based Modeling


Docente: A. Bezzi
Al termine del corso i partecipanti saranno in grado di realizzare rilievi tridimensionali di oggetti ed edifici utilizzando esclusivamente immagini digitali, di scalare e georeferenziare il rilievo ottenuto e di elaborare il modello 3D.

informazioni >> on-line

Programma

X MODULO

24 ORE

Modelli digitali 3D di oggetti reali per i Beni Culturali: acquisizione, processing e utilizzo
Docente: R. Scopigno
Lobiettivo del corso di mostrare le tecnologie utilizzate per la digitalizzazione di oggetti e siti di interesse storico-artistico, trattare le problematiche e gli strumenti di elaborazione dei dati tridimensionali ed esplorarne le possibilit di utilizzo.

informazioni >> on-line

XI MODULO

64 ORE

Modellazione 3D per i Beni Culturali con Blender


Docente: E. Demetrescu
Lobiettivo del corso di mettere in grado i partecipanti di ampliare le proprie conoscenze nel campo della ricostruzione e comunicazione dei Beni Culturali e fornire le basi teoriche e pratiche per la realizzazione di modelli 3D, texture, rendering statici e prodotti filmici.

informazioni >> on-line XII MODULO 40 ORE

Software Open Source per la creazione di mondi virtuali navigabili on-line


Docente: B. Fanini
Lobiettivo del corso di guidare i partecipanti a creare e pubblicare una Realt Virtuale online con strumenti Open Source rendendola navigabile agli utenti..

informazioni >> on-line

Master Open Tchne

Ammissione al Master e Iscrizioni


Scadenza iscrizione: 11 dicembre 2013

Quota di partecipazione: 2.900 + IVA 21%

Requisiti di ammissione: per liscrizione al Master necessaria una laurea di primo o secondo livello, o laurea vecchio ordinamento di una delle seguenti Facolt: Lettere e Filosofia, Scienze Matematiche Fisiche e Naturali, Facolt di Ingegneria, Architettura. LIstituto si riserva la possibilit di ammettere anche candidati in possesso di un titolo differente da quelli elencati (per maggiori dettagli si veda il Bando, art. 2). Il percorso compatibile con liscrizione a un corso di laurea, scuola di specializzazione e dottorato di ricerca.

Modalit di iscrizione: la domanda di ammissione, redatta in carta semplice secondo i fac-simile (allegati A e B), dovr essere indirizzata al Direttore dellIstituto di Formazione e Ricerca della Federazione Italiana Club e Centri UNESCO e dovr essere presentata o spedita entro il termine perentorio del 11 dicembre 2013 con una delle seguenti modalit: consegna a mano alla Segreteria dellIstituto; spedizione tramite raccomandata con avviso di ricevimento al seguente indirizzo: Direttore dellIstituto di Formazione e Ricerca della Federazione Italiana Club e Centri UNESCO Via Vetri Vecchi, 34 52027 San Giovanni Valdarno (AR) (sulla busta dovr essere apposta la seguente dicitura: Domanda di ammissione al Master UNESCO in Tecnologie Open Source per lArcheologia). In tal caso la domanda di ammissione e tutta la documentazione dovr essere anticipata entro la data sopracitata alla Segreteria dellIstituto tramite fax 0559119439 o e-mail opentechne@istitutoficlu.org.

Per le domande presentate direttamente far fede la ricevuta rilasciata dalla Segreteria dellIstituto, mentre per quelle inviate per posta far fede il timbro e la data dellUfficio Postale accettante. Per essere certi della effettiva ricezione e della correttezza della propria domanda, gli interessati potranno rivolgersi direttamente alla Segreteria dellIstituto.

informazioni >> on-line

Master Open Tchne

Borse
E previsto il conferimento di n. 2 borse di studio a copertura del 50% della quota di partecipazione, messe a disposizione dallIstituto FICLU e dalla Fondazione Masaccio.

informazioni >> on-line

Finanziamenti
Al fine di sostenere i partecipanti nella copertura della quota di partecipazione del Master, lIstituto FICLU ha stipulato una convenzione con la Banca del Valdarno Credito Cooperativo, che permette la concessione di un prestito donore per liscrizione al Master.

informazioni >> on-line

Alloggio
Tutti i partecipanti al Master Open Tchne avranno la possibilit di alloggiare presso il Collegio Universitario del Centro di GeoTecnologie dellUniversit degli Studi di Siena. La proposta del Collegio Universitario consente ai partecipanti di avere uno spazio di incontro e condivisione anche al di fuori dei momenti di lezione in aula. LIstituto FICLU, in collaborazione con il Centro di GeoTecnologie, offre lalloggio gratuito nel Collegio Universitario a coloro che accedono ai Master con una votazione di laurea maggiore di 107/110.

informazioni >> on-line

www.istitutoficlu.org