Sei sulla pagina 1di 30

A Giorgio e Sara

Il confronto con gli altri Ansia e insicurezza Cambiare prospettiva Il tuo futuro il presente

Il confronto con gli altri

Un giorno una persona mi disse che ogni mattina si svegliava, si alzava dal letto e osservava il paesaggio

attraverso le vetrate. Oltre quelle finestre cerano distese di grano, fronde di alberi ondeggianti e vigneti. Quello era sempre stato il suo mondo, lo stesso che da quarantanni aveva osservato coi medesimi occhi e che improvvisamente gli era sembrato

meraviglioso,

semplicemente

perch

aveva cominciato a guardarlo in modo nuovo. Molte persone si chiedono:

"Perch sono insicuro?" e soprattutto: "Riuscir a superare le mie insicurezze?" Le nostre domande nascono dal fatto che spesso ci concentriamo sulle reazioni degli altri rispetto ai nostri comportamenti. Il pi delle volte pensiamo che il nostro modo di agire possa essere oggetto di valutazioni negative da parte degli altri o peggio ancora prendiamo come riferimento il giudizio negativo che abbiamo di noi stessi.

Eppure possediamo tutto quello che ci occorre per vivere pienamente ed efficacemente la nostra vita. Il primo passo per sentirti pi sicuro quello di cominciare a modificare le idee che hai su di te e le tue aspettative verso gli altri. Probabilmente stai cercando di metterti in discussione e quindi sei gi in cammino per cambiare il tuo modo di vedere le cose. Mettersi in discussione una cosa molto importante, specie se quando ci relazioniamo agli altri tendiamo ad

assumere un atteggiamento passivo o peggio ancora diventiamo aggressivi. Lessere passivi o aggressivi sono due modi opposti di una specifica

tendenza a interpretare il mondo e il rapporto con le persone che ci

circondano. Se adotti uno stile passivo di

probabilmente

sarai

incapace

esprimere le tue opinioni, penserai Le mie opinioni non contano. Magari

dipenderai dal giudizio altrui o tenderai ad avere un immagine negativa di te stesso. Questo modo di vedere le cose genera un impoverimento dellautostima, puoi sentirti impotente, provi malessere perch sei pieno di rabbia inespressa. Di contro potresti assumere un atteggiamento aggressivo, potresti cio usare il tuo potere per mettere le persone sotto controllo o per intimorirli, per colpevolizzarle ritenendole la causa della

tua infelicit o per scaricare sugli altri la responsabilit di un tuo fallimento. E facile essere tentati dallimposizione del potere. Non imporre il tuo volere agli altri. Rifletti sul fatto che a lungo andare mostrarsi forti a tutti i costi non affatto appagante, potresti diventare pi fragile e solo. Decidi di avere rispetto per gli altri, presta attenzione ai loro bisogni, prova a entrare in sintonia con le persone, ti chiedono semplicemente di essere capite ed ascoltate. Cos facendo tutti avranno pi fiducia in te e tu ti sentirai pi appagato e soddisfatto per questo nuovo modo di relazionarti.

Pi

ti

fiderai

degli

altri

pi

diventerai sicuro di te. Paradossalmente accetterai lidea che puoi commettere errori e sarai pi consapevole dei tuoi difetti e del fatto che non sei assolutamente perfetto: sei sulla strada giusta! Rifletti personali. significa proprio sulle tue limitazioni sicure del

Diventare infatti avere e

persone

coscienza

valore

soprattutto

sapere

accettare i propri limiti e le proprie debolezze. Con un atteggiamento pi

costruttivo tenderemo naturalmente a non giudicare gli altri e ad astenerci dalle critiche.

Spesso

criticare

gli

altri

rappresenta semplicemente limmagine riflessa delle nostre debolezze e della nostra insicurezza. Le critiche derivano sempre da un atteggiamento negativo e dallintolleranza, la quale ci impedisce di osservare il mondo con gli occhi liberi dai pregiudizi. Se ti astieni dalle critiche non significa per che non puoi esprimere la tua opinione. Il cammino che stai facendo ti porta ad affermare con forza le tue opinioni e il tuo vissuto emotivo. Comunica agli altri con chiarezza, in modo diretto e sii coerente nellesprimere i tuoi sentimenti. Se vuoi

ottenere qualcosa affronta un problema in modo chiaro piuttosto che rifugiarti dietro mezze verit. Non pensare che gli altri possano comprendere subito i tuoi bisogni,

semplicemente falli partecipi delle tue richieste. Se non sei daccordo sei obbligato dillo a

apertamente,

non

conformarti necessariamente allopinione altrui. Le persone apprezzeranno il fatto che tu sia franco, darai la sensazione che di te ci si pu fidare, che puoi essere un punto di riferimento. Il giudizio positivo che gli altri formuleranno nei tuoi riguardi non

cambier, anche se manifesterai loro disaccordo. Ricordati che hai il diritto di dire no senza per questo avere sensi di colpa, ricordati che rifiutare una richiesta sempre nelle tue possibilit. Se vuoi diventare pi sicuro tieni conto di tutte queste cose. Se vuoi raggiungere il tuo

obiettivo allenati ogni giorno a mettere in pratica queste semplici regole (

importante darsi delle regole). Impegnati per raggiungerlo ma non dare mai nulla per certo. Ti accorgerai cos di essere pi capace di adattarti alle situazioni

problematiche e forse a questo punto della tua lettura avrai cominciato a porti

10

queste semplici domande: Quale lidea che avevo di me e degli altri?, Come cambiata?, Come mi vedo adesso e come interpreto il mio comportamento?

11

Ansia e insicurezza

Lidea di essere in pericolo, di essere soggetti a generiche minacce un aspetto fondamentale su cui si basano le risposte ansiogene. Una situazione generica viene in questo caso interpretata come minacciosa. Lansia quindi una risposta inappropriata basata proprio su una stima eccessiva del grado di pericolo.

12

Le attacco

persone di panico

che ad

hanno

un

esempio

estrapolano dall'esperienza una serie di stimoli che giudicano erroneamente come pericolosi. L'ansia viene quindi innescata da questa errata interpretazione e a partire da questa esperienza si attivano circoli viziosi che culminano facilmente con lattacco di panico vero e proprio. L'escalation che porta agli

attacchi di panico caratterizzata da una serie di risposte somatiche e cognitive. Chi ha avuto un attacco di panico descrive ricorrenti tremori,

palpitazioni,

capogiri,

conseguenti

sensazioni di soffocamento ma anche veri e propri pensieri associati a paure

13

specifiche, quali quella di morire, di soffocare o di diventare pazzo. Sono le reazioni emotive quindi che danno vita alle sensazioni corporee oggetto poi dei nostri pensieri negativi, i quali a loro volta innescano emozioni e comportamenti che contribuiscono al mantenimento dell'ansia: un vero e proprio circolo vizioso. Consideriamo anche un altro aspetto: ogni volta che proviamo una sensazione dansia in risposta a un determinato evento o situazione

tendiamo naturalmente a evitare ci che lha provocata. Questo avviene perch associamo quella situazione alla nostra risposta dansia.

14

Evitare ci che ci fa paura e che ci procura ansia molto facile ed un comportamento comodo ma altrettanto pericoloso, in quanto non ci aiuta a risolvere il problema. Automaticamente pensiamo: Se lo eviter non star male e se quella situazione mi reca disagio evidentemente realmente pericolosa. Se hai paura dell'ascensore

semplicemente eviterai di prenderlo. Utilizzerai le scale, ma di certo non risolverai il tuo problema. Sottrarsi alla situazione rafforza la nostra idea per cui le conseguenze temute non si sono verificate perch le abbiamo evitate, sostenendo cos i nostri convincimenti errati.

15

Evitare ci che ci fa paura e che ci rende ansiosi contribuisce dellansia al in mantenimento stesso

quanto ci impedisce di confutare le nostre convinzioni errate. Spesso pensiamo che non

affrontando il problema sia possibile vivere bene. In realt rimandiamo

semplicemente la soluzione ai nostri guai, scaricando su altre motivazioni quello di cui dovremmo occuparci in prima persona. Per affrontare ci che ci fa paura analizziamo attentamente una

situazione problematica suddividendola in piccole parti, e poi affrontiamo levento un po per volta. Compilare elenchi di situazioni che procurano

16

ansia pu essere daiuto per iniziare ad affrontarle. Potrai ad esempio compilare un elenco di situazioni ansiogene ordinate secondo un ordine di ansia crescente (assegnando ad esempio un punteggio da 0 a 100). Una volta compiuta tale operazione ti sar pi facile provare ad affrontare prima le situazioni pi facili da gestire e poi gradualmente quelle che ti procurano maggiore ansia.

17

Cambiare prospettiva

Abbiamo compreso adesso che per diventare pi sicuri ci che ci occorre realmente cambiare il modo di

interpretare la realt, cambiare il modo di pensare agli altri e le aspettative che abbiamo verso noi stessi. Ogni quindi differenti. nostro e pensiero genera

emozioni

comportamenti

18

E di fondamentale importanza che tu colga la relazione tra i tuoi pensieri e i tuoi comportamenti. Affinch questo diventi evidente puoi allenarti compilando un diario dei tuoi comportamenti. Annota ci che

riguarda una specifica situazione, quali sono i tuoi pensieri in quel momento, le emozioni che provi, cosa fai e come ti comporti alla luce di ci che hai

sperimentato. Prova a rispondere alle domande: Cosa sto facendo?, Come mi venuto in mente?, Quali emozioni ho provato?, Cosa ho fatto? Utilizzando questo metodo ad

esempio puoi ripensare a certe situazioni che in passato ti hanno fatto provare

19

emozioni

negative.

Puoi

anche

impegnarti direttamente in situazioni che pensi possano metterti a disagio. Se sei timido puoi impegnarti in attivit nuove di o di ove sia pi con alta la

probabilit sconosciuti

parlare

degli persone

conoscere

dellaltro sesso. Quando farai tutte queste cose presta attenzione alle tue emozioni e cerca sempre di esprimerle con

naturalezza. Hai mai pensato che

probabilmente le cose migliori le hai ottenute proprio quando meno te lo aspettavi, quando sei stato spontaneo o capace di improvvisare?

20

Se pensi in modo differente allora puoi essere sicuro che il tuo

cambiamento iniziato! Man mano che ragioniamo sui pensieri che non vanno e sul modo in cui questi influenzano le nostre emozioni e la nostra vita lavoriamo sul nostro stile attribuzionale. Spesso adottiamo degli stili che ci fanno stare sempre in continua tensione e allerta, come se ci aspettassimo da un momento allaltro una minaccia o un pericolo incombente. Questo pu avvenire quando

siamo molto ansiosi proprio perch, come abbiamo visto a proposito dellansia, codifichiamo la realt in funzione di ipotetici pericoli.

21

questo

punto,

una

volta

considerato in modo diverso il nostro rapporto con gli altri e le conseguenze di questo su di noi e sul nostro Ho possiamo decido di dire:

comportamento, compreso prospettiva. e

cambiare

Prova ad affrontare ogni giornata con un sorriso. Se ti guardi allo specchio osservati con soddisfazione, ridi di te. Questo perch non devi mai prenderti troppo sul serio. Tu sei fatto cos. Ma sei in cammino, stai migliorando perch adesso guardi le cose in modo differente. Adesso stai cambiando perch hai compreso che non serve a nulla

concentrarsi unicamente sui tuoi aspetti

22

negativi o peggio ancora su quelli degli altri. Trasforma i Non ci riuscir mai, Non sono allaltezza, Non ne sono capace in Da oggi sono in cammino, mi sento pi forte e sicuro perch ho imparato ad accettare me stesso, a rispettare gli altri, a cambiare le mie interpretazioni. Quando decidiamo di cambiare prospettiva siamo capaci di lamentarci meno perch comprendiamo che questo modo di fare non serve a nulla e che ci arreca solo danno. Una volta compresi questi

semplici aspetti abbiamo una visione delle cose pi chiara, maggiore lucidit,

23

siamo capaci di comprendere e accettare i nostri errori. Il sentirsi non a proprio agio, lumore negativo, lansia non dipendono quasi mai realmente dagli eventi esterni quanto piuttosto da come noi vediamo il mondo e da quanto siamo incapaci di modificarci e di adattarci. Adesso abbiano una diversa

prospettiva di riferimento e siamo in possesso di un nuovo strumento per il nostro benessere: la consapevolezza di noi stessi e la nostra nuova capacit di essere flessibili.

24

Il tuo futuro il presente

Ricorda

alcune

delle

semplici

regole che hai scoperto in questo breve viaggio: quando sei con gli altri prova a sospendere ogni forma di giudizio e sii fiducioso, se lo ritieni giusto non avere timore di chiedere aiuto Non assumere un atteggiamento passivo o aggressivo e quando interagisci con gli altri usa la parola Io,

25

guardando interlocutore.

sempre

il

volto

del

tuo

Allenati ad esercitare i tuoi diritti, anche quando questo comporta il dover assumere un parere contrario a quello di un'altra persona. Trai piacere dallimparare cose nuove, provando a essere spontaneo o magari a improvvisare, non limitare le tue amicizie e accetta ugualmente i

complimenti e le critiche che ti potranno essere rivolte. Allenati a vedere sempre le cose da pi punti di vista e a elaborare pensieri alternativi. Sii riconoscente e grato per ci che hai ricevuto, per il tuo valore personale e quando puoi concediti ci

26

che desideri: ogni tanto ti meriti un premio! Durante questo breve viaggio hai scoperto che le persone che ti circondano sono molto importanti, hai imparato ad apprezzare gli altri perch hai accettato il fardello colmo dei tuoi limiti. Per questo hai compreso che meglio costruire ponti tra te e le persone e cos ti sei sentito pi sicuro di te. Hai scoperto che il successo, in fin dei conti, lessere soddisfatti per quello che si ha gi. Una verit che magari avrai gi sentito tante volte ma pensaci, anche solo per un attimo, fai un profondo respiro, semplice, adesso puoi coglierne la nitida essenza. E tutto vero.

27

Hai compreso che i risultati che desideri sono gi a portata di mano, i tuoi obiettivi possono essere raggiunti, devi solo allenarti a sviluppare e mantenere le tue nuove competenze. Sei diventato pi sicuro semplicemente perch hai

cambiato il tuo modo di vedere le cose, questo il segreto, hai appreso un modo nuovo di pensare agli altri, alle tue emozioni, ai tuoi comportamenti. Non perdere labitudine di mettere in pratica queste cose ogni giorno della tua vita. Sii felice.

28

In copertina: Lillian Wells, Halloween


La foto in copertina stata tratta dal sito internet: http://www.flickr.com/photos/pierre_tourigny/5067353464/in/set72157602326123652 ossia dalla pagina Flickr dellutente Pierre Tourigny, manitou 2121 e ad essa stata attribuita la licenza Creative Commons 2.0 che prevede di poter riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre nonch modificare quest'opera e di usarla per fini commerciali.

29