Sei sulla pagina 1di 84

I

MOLLUSCHI
DEI TEREENI TERZIARII

DEL PIEMONTE E DELLA LIGURIA


DESCRITTI
DAL

Dott.

FEDERICO SACCO

PROF. DI PALEONTOLOGIA NELLA R. UNIVERSIT DI TORINO

PARTE
CCASSIDIDAE
(awnte),

X.
e

TEREBRIDAE

PUSIONELLTDAE)

(con flVf fl^nre)

TORINO

CARLO GLAUSEN
Libraio della K. Accademia delle Scienze.
"

Settembre 1891.

M(3LLUSCHI
DEI TEERENI TEEZIAEII

DEL PIEMONTE

DELLA LIGURIA

DESCRITTI
DAL

Dott.

FEDERICO SACCO

PKOF. DI PALEONTOLOGIA NELLA R. UNIVERSIT DI TORINO

PARTE
(CASSIDWAE
[aiunie],

X.
e

TEREBRIDAE

PUSIONELLIDAE)

(con l'Ut figure)

TORINO

CARLO GLAUSEN
Libraio della
i.

Accademia

delle Scienze.

Settembre 1891.

4'i9S - 1\\'.

Guadagnni

CaniicMero

Torino

APR 26

MOLLUSCHI
DEI TERRENI TERZIARll

DEL PIEMONTE

DELLA LIGURIA

PARTE
(

X.
e

CASSIDIDAE

(aggiunte),

TEREBRIDAE

PUSIONELLIDAEJ

Famiglia

CASSIDIDAE Adams

<"

Cassidea crumena Brug. var. atubercdlata Sacc.

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Tubercula suboblita. Superficies malleata.
Astiano: Astigiana, Val d'Andona (rara).

Galeodea proechinophora Sacc.


(Tav.
Il,

fl-.

78).

Testa subparva

depressissima. Anfractus convexi


et

ad suturam
,

fortiter

depressi;

transversim pernumerosis

appropinquatis

costicillis

ornati

costis crassis et elatis

muniti. Costae supernae 3 fortiter tuberculares, quarta et quinta subtuberculares, infera


simplex, cristi foi-mis. In regione basali costae, 1 vel
2,

perdepressae coispiciuntur.

Long. 15-20?
Osservazioni.
tialis.

Mm.

Lat. 13-20
(rara).
si

Mm.
avvicina alquanto alla G. echinophora var. iniprobabilmente,
in

Bartoniano?: Gassino

di

Questa forma

La
dal

forte schiacciatura dell'esemplare figurato deriva

almeno in
disse

parte,

modo

fossilizzazione,

giacch assai

meno accentuata

un esemplare
si ri-

piccolo della stessa localit. Riguardo al piano geologico consultisi quanto

guardo

alla Gr. tuberculatissima Sacc.

Galeodea mioceistata Sacc.


(1890.

SACCO, / Molluschi dei terreni terziari del Piemonte,

ecc., VII, p. 61, tav.

II, flg.

12).

(1)

Le Cassididae furono gi descritte

nella Parte VII.

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARH DEL PIEMONTE ECC.

G. MIOCRISTATA var. MULTICINGULATA SaCC.


(T;iv.
II,

flg.

79).

Distinguunt haiic var. a specie typica sequentes notae:


Testa gracils. Inter 2 elata cingula transversa supera, cingulum cristi/orme sat

elatum, prope cingulum. inferum situm, conspicitur.

Elveziano: Baldissero torinese (rara).


Osservazioni.

Raccolsi questo esemplare nella

marna grigia compatta

e quindi

esso assai schiacciato. Si avvicina alquanto alla G. echinophora var. Rovasendae.

Galeodea taueoglobosa Sacc.


(1890.

SACCO, / Moli, dei

terr. terz. del

Piemonte,

ecc., VII, p. 66, tav.

II,

flg.

23).

G. TAUR0GL0B0SA Var. GASSINENSIS SaCC.


(Tav.
II,

flg.

80).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Spira aliquantulum minus
rotundatiores, ad
elata.

Anfractus i^enultimi

laevius

suhangulati, sub-

suturam minus
Lat. 50
(rara).

depressi.

Long. 70

Mm.

Mm.
intermedia tra
la

Bartoniano? : Gassino
Osservazioni.

Questa forma quasi

G. tauroglobosa e la G.

tauropomum Sacc,

tanto che alcuni esemplari quasi farebbero credere trattarsi di

una

variet di quest'ultima specie.

Quanto all'orizzonte geologico devesi ripetere quanto


berculatissima.

si

disse riguardo alla G. tu-

G. TAUROGLOBOSA var. ornatulina Sacc. Distinguitur haec var. a specie typica sequente nota:
Testa afpnis var.
gassinensis. Anfractus

ultimus superne

inflatior. Inter

costas

transversas costicillae minores, inter regionem ventralem et suturam praecipue.

Long. 40

Mm.

Lat. 35

Mm.
si

Bartoniano'^ : Gassino (rara).

Osservazioni.

Devesi ripetere ci che

disse riguardo alla var. gassinensis.

G. TAUROGLOBOSA Var. SUBTUBERCULARIS SaCC.


(Tav.
II,

flg.

81).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Anfractus superne aliquantulum depressiores. Inter costas transversas majores
sticillae

co-

minores saepe conspiciuntur , in regione supera praesertim. Costa crassa, sv-

angulata, supera, undulato-subtubercularis, in anfractibus penultimis praecipue.

Long. 50

Mm.

Lat. 37

Mm.
di

Bartoniano?: Gassino
Osservazioni.
fatte sulla

(rara).

Riguardo all'orizzonte

rinvenimento leggansi

le

osservazioni

G. tuberculatissima.

Galeodea tuberculatissiia Sacc


(Tav.
II,

flg.

S,->).

Testa media, elongata; spira valde elata. Anfractus 5-6, ad

suturam

depressi, trans-

versim subtiliter

striati.

Anfractus ultimus 7 tuberculorum cingulis munitus. Tubercula

DESCRITTI DA

F.

SACCO

in 4 anfractibus supernis sat crassa, rotwndata, Inter se disjuncta; in caeteris (basim


versus) gradatim depressiora
,

inter se conjunctiora ; in cingulo

basali

(parum

elato,

suhcariniformi) suboblita. In anfractu ultimo cristulae


regione basali sat visibiles, suturani versios suboblitae,

longitudinales irregulares,

in

Cauda

sat elongata.

Long. 35

Mm.

Lat. 22

Mm.

Bartoniano f : Gassino
Osservazioni.

(rara).

Questa forma molto interessante pel gran numero di cingoli tusi

bercolari di cui munita, per cui

avvicina alla G. Nystii o G. depreesa von Bdch.


il

Quanto
presso

all'orizzonte geologico

da cui deriva

fossile solo

dubitativamente che indico


io stesso, sia

appartenere esso al Bartoniano, sia perch non ebbi a raccoglierlo


le

perch

marne eoceniche

di Gassino affiorano

pure manie mioceniche molto simili a

quelle in cui sta tuttora impiantata la conchiglia in esame.

Galeodea oblongocebana Sacc.


(1890.

SACCO, / MoU. dei

terr.

terz. del

Piemonte,

VII, p. 67, tav.

I,

fig.

26).

G. OBLONGOCEBANA var. Sacci (Eov.).


(Tav.
II,

fg.

83.1.

Distinguimi liane varietatem a specie typica sequentes notae:


Testa oblongior. Anfractus, in regione supera, costa transversa crassa, elata, undulato-tuber culifera, oriati; prope

suturam depresso-undulati, subtuberculati.

Elvesiano: Bussolino torinese (rara).


Osservazioni.

di G. oblongocebana

L'esame comparativo fatto di questa forma coll'esemplare tipico mi convinse ti'attarsi di una semplice variet, giacch gi nel tipo
;

appaiono

caratteri

che sono pi accentuati nella presente variet

a questa conservo
il

il

nome
L'.

Sacci, avendola cos battezzata in scliedis,

come nuova

specie,

mio amico Cav.

Rovasb^stda che

me

la volle

gentilmente dedicare.

Aggiunte e "Varianti

alla Fart "VII.

Nella sinonimia di Casnis poslmamillftrit, p. 16, aggiungasi: DOD., Giac. 1862 - Cassis lumnillaris Grat. var.

l.

m.,

p.

23

(S.

Agata).
p. 615.

di

di

di

mamillaris var. pedemontana, p. 14, si ggiunga: 1830 - Cassis cf. harpiformis Lk. BORSON, Cat. r. e. m. T., CasHdea cypraeiformis, p. 20, si aggiunga: BORSON, Cat. r. C. m. T., 1830 - Cassis cjpraeiformis Bors. Cassidea crumena var. pseiidocnimena, p. 21. si aggiunga: BORSON, Cat. r. C. m. Turin, 1830 - Cassis testiculus Linn
Cassis

p. 616.

p. 615.

di

Cassidea crumena subv. venusta,


1890 ?

p. 21,

mettasi:
Plioc. Borzoli, p. 18.

Cassis

crumena

CAMPANA,
p. 23,

di

Cassidea marginata var. inilialis,


1862
-

pongasi:
t.

Cassis

crumena
.5,

Briig. var.
si

di Sem/.cassis

miulaevigata, p. 26,

DOD., G. aggiunga:

m.,

p.

23

(S.

Agata).

1830

Cass'S 4 o

Buccinum

vel .ireola.

BORSON,

Catal. rais. Coli.


p. 615.

min. Turin,

di

di

Semicassis miolaevigata var. transiens, p. 31, agg.: DODERLEIN, G. t. m., 1862 - Cassis incrossata Grat. Semicassis miolaevigata var. subornata, p. 31, agg.:

p.

23

(S.

Agata).

1862

Cassis saburon L.

DODERL., Giac.

terr.

mioc,

p.

23

(S.

Agata).

MOLLUSCHI DEI TERRENI TErRZIARII DEL PIEMONTE ECC.

Nella sinonimia di Semicassis laevigata, p. 32, agg.: 1830 - Cassis 4", Buccinum vel Areola

1875 - Cassis saburon


1878 1888
-

Cassis

1890

BORSON, C. r. C. m. T., p. 615. SEQUENZA, Stiid. stratigr., p. 278. saburon Brug. PARONA, PZ. OZ/ceppau. p. 62(Volpe(lo). TRABUCCO, Fossili plioc. Orsecco, p. 18. Lk. CAMPANA, Plioc. Borzoli, p. 17.
Lh.

di Semicassis laevigala var. slriata, p. 33,

si

aggiunga:

1830 - Cassis 12, N 4

BORSON,
p. 40,

Cai. rais. Coli.

min. Tvrin,

p.

116.

1875 - Cassis sabtiron Lh. var. slriata

Bronn. SEGU., Sludi slrat.,


Terr.

p. 278.

di

Echinophoria aequinodosa,
1855
-

aggiungasi:

Cassis calantica Desk.

SlsMONDA,

numm.

sup., p. 6.

di

di

di

Echinophoria Rondelelii var. apenninica, p. 41, aggiungasi: 1855 - Cassis variabiUs Bell. Micht. SISM., Terr. numm. sup., p. 6. Echinopioria variabilis, p. 43, si aggiunga: 1830 - Cassis intermedia Broec. var. spatosa BORSON, Cai. rais. Coli. min. Turin, p. 615. Echinophoria intermedia, p. 46, agg.

1830 1862 1875


1877 1890

di

Cassis intertnedia Br.

Cassis intermedia Br.

Cassis variabiUs Bell, e


Cassis variabiUs Bell, e

BORSON, Cat. rais. Coli. m. T., p. 615. DODERL., Giac. t. w., p. 23 (S. Agata). Micht. SEQUENZA, Studi slrat., p. 278. Micht. ISSEL, Marne Genova, p. 22.

Cassis variabiUs Bell, e Micht.

CAMP.,

Plioc. Borzoli, p.

18.

Galeodea echinophora var. derlonensis,


1862
-

p. 56, indichisi:

Cassidaria echinoptora Lk.

e var.

DODERL., G.
aggiunga:
var.
Coli.

t.

m.,

p. 23.

di

Galeodea echinophora var. piacentina,


1830
-

p. 57, si

Dolium buccinum echinophorum Linn.

BORSON,

Cat. rais.

min. Turin, p. 6155. 1877 - Cassidaria echinophora Lk. ISSEL. Marne Genova, p. 23. SARTORIO, Foss. S.Colombano, Tp.\5. 1879

CAMPANA, Plioc. Borzoli, p. 18. 1890 Oniscidia cythara, p. 76, si aggiunga: BORSON, Cat. rais. Coli. m. T., p. 615. 1830 - Harpa cythara Brocch. di Oniscidia postcythara, p. 79, agg.: DODERL., Giac. t. m., p. 23 (S. Agata). 1861 - Oniscia cytiara Sow.?
di

A
A

pag. 39 nella serie di sviluppo, nel tempo, della Semicassis sulcosa (undulata), essa da indicarsi pure nel Pliocene, come risulta da ricerche fatte nel Pliocene di Sicilia.
pag. 60, trattando degli autori che citarono la Cassidaria tyrrhena Chemn. nel Pliocene piemontese, aggiungasi: SEQUENZA, Studi stratigr., p. 278 (Biellese).
allo sviluppo ftV Oniscidia verrucosa, p. 81, indichisi

Riguardo

anche: Tortoniano (variet)

Montegibbio (rarissima).

DESCRITTI DA

F.

SACCO

Fam. TEREBP.IDAE

Adam-:.

Genere

TEREBRA Adanson,

1753.

Sottog.

SUBULA

ScHUiiACHER 1817.
(Br.).
1

SuBULA FUSCATA
(Tav.
1814.
I,

fig.

I,

bis).

Buccinum fuscatum Br.


Terebra fuscata Br. e var.

1826. 1827.

BROCCHI, Conchiol. foss. subapp., p. 344. BONELLI, Cat. ms. Mus. Zool. Tor. N 248, 2074,
SAS^O, Saggio
geol. Bac. Albenga, p. 481.

2075, 2076.

DEFRANCE, BRONN, It.

Dici. Se. Nat. Voi. 58, p. a87. Tert. Geo., p. 20.


VI, p. 564, tav. XLII, flg. 5.

Lethaea geognostica.
1

SISMONDA, Syn. meth.,

ed., p. 41.

2' ed., p. 27. p. 214.

MtCHELOTTI, Fow. Mioc,

BRONN.

Ind. pai., p. 1226.

p. 78* 129. PAROMA, Plioc. Oltrep pavese, p. SARTORIO, Colle di S. Colombano, p. 11, 12. FONTANNES, MoUusques Gaster. Valle Rhne, p. 124. DELLA CAMPAN Cenni paleont. Plioc. Borzoli, p. 26. SACCO, Calai, paleont. Bac. terz. Piemonte, N 3875.
,55.
\,

D'ORRIGNY, Prodr. pai. str. Tom. Ili, p. 88. HCERNES, Foxs. Moli. tei-t. Bech. Wien., p. 128. PEREIRA DA COSTA, Gaster. dep. terc. Portugal, COCCONI. En. Moli. mioc. plioc. Parma, ecc., p.

Tortoniano:

(rara).
:

Piacemiano
Vezza d'Alba
,

Astigiana, Castelnuovo d'Asti, Cherasco, Cortandone, Bene-Vagienna,


,

Volpedo

Codevilla

Masserano

Lessona

Borzoli

Savona-Fornaci, Al-

benga, ecc. (frequente).

Astiano: Astigiaca, Monteu-Koero, Pocapaglia presso Bra, Sommariva-Pemo, Valle


Stura di Cuneo presso Cervere e Salmour (frequentissima).

Osservazioni.

Come

molto giustamente osserv gi

il

Brocchi, evvi una differenza

molto grande fra gli anfratti superiori (a solco trasversale profondo, a spiccate pieghettature longitudinali, ecc.) e quelli inferiori (quasi
lisci

o con leggero accenno del solco

ti'asversale, e colle pieghe longitudinali ridotte a semplici,

ma

numerosissime, strie d'ac-

crescimento). Naturalmente esistono in proposito differenze individuali abbastanza grandi,

grandissime naturalmente se
Il

si

confi-ontano individui giovani con individui adulti.

colore attuale della conchiglia generalmente giallastro, spesso per anche ros-

sastro o cinereo, ci che dipende specialmente dal

modo

di fossilizzazione.
sia

Questa forma, tanto comune nel Pliocene, venne confusa


con forme mioceniche
;

con forme viventi che


,

da ci

nomi

attribuitile,

secondo

diversi autori

di Terebra

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARII DEL PIEMONTE ECC.


T.

plicaria, T. dimidiata, T. Blainvillei,


plicata, T. modesta,
T. striolata, ecc.

ferruginea, T. senegalensis, T. cincia, T. du-

Dal Museo di Modena ebbi in comunicazione alcuni esemplari giovani di ;S^. fuscata coll'indicazione di provenienza Tortona ; ma dal materiale sabbioso che riempie i fossili
:

credo che

essi

derivino da qualche deposito pliocenico.


la S. senegalensis

Fra

le

forme viventi specialmente


,

Lk., colle sue diverse variet,


quella

specie {ferruginea Born.

striatala Lk.,

cingula

Kien.),

che parmi meglio

assomigli alla S. fuscata, che ne forse la forma progenitrice pi o


Il

meno

diretta.

canaletto o cingolo subsuturale generalmente viene a scomparire negli ultimi an-

fratti, di

rado

si

conserva sino all'apertura.

Nelle forme esaminate possonsi osservare queste vai'iazioni pi o

meno

importanti:

Subv. PSEUDOCARINATA Sacc. (Tav.


in anfractibus primis

I^

fig.

2).

Sulcus transversus prope suturam

parum

conspicuus, in ultimis a carina depressa substitutus.

Piacenziano: Volpedo (rara).


I caratteri di

questa forma ne farebbero quasi costituire una specie a parte ;

ma

credo trattisi invece di un semplice fenomeno individuale. Aufractus ad suturam superam laeviter subrotundi, Subv. PERSUTURATA Sacc.

inclinati, sutura sat

profunda subdisjuncti.
(rara).

Astiano: Astigiana

Subv. PERSULCATA Sacc.


ultimis aliquantulum

Sulcus transvcsus prope suturam etiam in anfractibus

visibilis.

Piacenziano: Astigiana, Volpedo (alquanto rara).


Astiano: Astigiana (non frequente).

Auom.? sTUDERiANA

(Cocc.)

(1873. CoccoNi,

En. Moli. mioc.

plioc.

Parma,

ecc.,

p. 132. Tav. Ili, flg. 21, 22).

Astiano: Moutagnano (rarissima).


II

CoccoNi indica questa forma come una specie a s; credo per che
forse della S. fuscata.

trattisi

di

una semplice anomalia,


S.

FUSCATA var. subasulcata Sacc

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Sulcus transversus prope suturam obsoletus vel suhoblitus, tantum in anfractibus

primis
1881.

subvisibilis.

Terebra fuscata Sr.

FONTANNES,

Moli. Gast.

Valle Rhne. Tav. VII,

fig. 18.

Tortoniano: Tortonese (rarissima).

Piacenziano: Astigiana, Liguria (alquanto rara). Astiano: Astigiana (non rara).

Questa forma devesi assolutamente scindere da quella del Brocchi, Osservazioni. giacch questo autore dice chiaramente che nella T. fuscata il solco subsuturale quasi profondo come quello suturale. D'altronde sonvi passaggi insensibili dal tipo sia alla var.
subasulcata sia alla subv. persulcata, quella perdendo presto
i

caratteri giovanili e questa

invece conservandoli un po' pi a lungo.


Nella collezione Gastaldi trovai un esemplare di questa
Tortonese
,

variet colla indicazione

dubito per

trattisi di

forma pliocenica, non gi tortoniana.


(Risso).
,

S. 1826. 1848.

FDSCATA var. striolata

Terebra striolaia Risso

RIS>0. Hisl. Nat. Europe mrid. Tom. IV, p. 241 BRuNN, Lid. pai., p. 1227.

tav. VI,

flg.

74.

DESCRITTI DA

F.

SACCO

Piacenziano:
Osservazioni.
S. fuscata,

Magnan (rara?). La forma sopra


breve descrizione e

indicata dal Risso forse solo


la figura imperfetta
,

una variet

della

ma

la

non permettono un sicuro giuindicata, forse solo poco

dizio in proposito; la linea

subsutui'ale

che non

affatto

appariscente,

come

si

osserva in alcuni esemplari del Pliocene piemontese.

S.

fuscata var. subscalaeata Sacc.


(Tav.
I,

fig.

3).

Distine/uint liane, var.

a specie typica

seqientes notae:

plerumque minor; costicillae longitudinales panini perspicuae. AnfrouAus planulati; primi et medil ad suturam superam abrupte truncati, scalarati.
Testa

Long. 30-45

Mm.

Lat. 6-10

Mm.

Piacenziano: Astigiana, Masserano (rara).


Astiano: Astigiana, Fossano al T. Veglia, Ponte dei Preti presso Ivrea (non rara).
Osservazioni.
parte
;

Questa forma parrebbe a primo tratto

dover costituire specie a


spesso solo di indi-

invece l'esame di numerosi esemplari mi fa credere

ti'attarsi

viduali caratteri giovanili pi o

meno

persistenti,

ed in

certi casi di

un semplice
;

feno-

meno

di

speciale

erosione

od

alterazione del calcare dei pi anticlii anfratti

infatti

osservasi esso specialmente negli esemplari pi alterati. Talvolta per la forma esaminata

rappresentata da esemplari ben conservati, per cui credetti indicarla almeno


riet della
*S^.

come

va-

fuscata.

S.

fuscata var. basicarinata Sacc.

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Regio circumbasalis (in anfractu ultimo tantum,
perspicua, munita.
visibilis)

carina depressa, sed sat

Piacenziano: Rio Stramonte nel Piacentino (rara).

Collez. Bagatta.

S.

FUSCATA var. suprainflata Sacc.


(Tav.
I.

fg.

4).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Sulcus transversus subsuturalis interdum
sid)oblitus.

Anfractus medio laeviter de-

pressi, superne et inferne laeviter subinflati; deinde spira subscalarata.

Long. 40-95

Mm.

Lat. 10-18

Mm.

Piacenziano: Astigiana, Albenga-Torsero (non rara).


Astiano: Astigiana (non rara).

Osservazioni.

Si avvicina

ad alcune mioceniche
(

l'esagerazione dei suoi caratteri

distintivi ci portano alla var.

cocconiana Sacc.

Terbra fuscata var.

Cocconi, Enum.

Moli. mioc. plioc. prov.

Parma

e Piacenza, p. 129, 1.30. Tav. Ili, fg. 19, 20).

S.

FUSCATA var. planoinflata Sacc.


(Tnv.
I,

flg.

5).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae: Anfractus plano-inflati, prope suturam superam inclinati;
Astiano: Astigiana (non rara).

testa fortiter scalarata.

Osservazione.

Questa variet collegasi insensibilmente colla var. suprainflata.

10

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARII DEL PIEMONTE ECC.

S.

FUSCATA

vai-,

PSEUDOCERITHOIDEA SACC.
I,

(Tav.

lig.

6).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa aliquantulum

minor

minus

regularter conica

medio siobulata

superne

acuto-conica, deimle subcerithifornis.

Long. 35-40 Min.

Lat. 9-10

Mm.

Astiano: Astigiana (alquanto rara).

S.

FDSCATA var. CONICOLAEVIS SaCC.


(Tav.
I,

flg.

7).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa magis conica, parvior. Sulcus transversus
tibus ultimis oblitae.
et

plicae longitudinales in anfrac-

Long. 44

Mm.

Lat. 11

Mm.

Astiano: Astigiana (rara).

Osservazioni.

Per

la

sua conicit questa forma ricorda alquanto la S. plicaria.

S.

FUSCATA var. pseudomodesta Sacc.


(Tav.
I,

flg.

8).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa longior,

minv^

conica. Anfractus laeviter inflati, in regione ventrali supera

praecipue.

Long. 83

Mm.

Lat. 17

Mm.
la S. sulcata alla T. modesta.

Piacemiano: Albenga
Osservazioni.

(rara).

Parrebbe qaasi collegare

S.

FUSCATA var. lanceolatissima Sacc.


(Tav.
1,

flg.

9).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa gracilis, perlongata, inferne -apide evoluta. Anfractus planulati, ultimi aeves.

Suturae sat profuidae.


Long. 60

Mm.

Lat. 10

Mm.
\'

Astiano: Astigiana (rara).

Osservazioni.

Ricorda alquanto, nel complesso,

Hastula lanceolata Lk.

S.

fuscata var. subulatissima Sacc.


(Tav.
I,

tg.

10).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa subulaiior ,

minus

conica. Anfractus inferi subinfiati, sulco transverso sub-

suturali destituii. Suturae profandiores.

Long. 60-75

Mm.
:

Lat. 12-13

Mm.

Piacemiano

Astigiana (rara).

Astiano: Astigiana, Colline di Castellamonte (alquanto rara).

Osservazione.

primo aspetto parrebbe quasi dover costituire specie a

s.

DESCRITTI DA

F.

SACCO

11

S.

Fuse ATA var. plioplicabia Sago.


(Tav.
I,

tg.

11).

Distinguunt hanc vai: a specie typica sequentes notae:


Testa sufusoidea
,

minus conica , minus


Lat. 16-18
(l'ara).

elongata. Anfractus laevissime subinflati.

Sulcas subsuturalis laevis, sed usque ad aperturam plerumque prodtictus.

Long. 60-75

Mm.

Mm.

Piacenziano : Volpedo

Astiano: Astigiana (alquanto rara).

Osservazioni.
S. plicaria,

interessante poich parrebbe quasi col legare la

*S'.

fuscata colla

ricordando cosi nel Pliocene una forma caratteristica del Miocene.

S.

FUSCATA var. praecedens Sacc.


(Tav.
I,

flg.

12).

Distinguunt ianc vai: a specie typica sequentes notae:


Testa plerumque laeviter magis minus planulati, ultimi plerumque
conica, paullulo subscalarata. Anfractus plerumqxie
laeves ; suturae paullulo

profundiores. Sulcus trans-

versus subsuturalis saepe suboblitus.

Long. 30-95
1842.

Mm.

Lat. 7-21

Mm.

Terebra fuscata

1847.
1847.

1852. 1856.
1890.

SISMONDA, Syn. meih., V ed., p. 41. 3" ed., p. 27. MICHELOTTI, Foss. Moli., p. 214. Bro7m D'ORBIGNY. Prodr. Pai. Strat. Tom. p. 88. Brocch. HffiRNES, Foss. rnioc. tert. Beck. Wien., p. 128. var. SACCO, Calai, paleont. Bac. lerz. Piemonte, N
Br.

Ili,

3875.

Elveziano:

Colli torinesi, Sciolze (assai frequente).

Osservazioni.

Alquanto incerta rimane


;

la

diagnosi di questa fonna in causa della


si

notevole variabilit dei suoi caratteri

a seconda degli esemplari che

esaminano

spic-

cano ora uno ed

oi'a

un

altro fra

suoi caratteri distintivi;

ad ogni modo quasi sempre


,

queste forme lioceniche sono ben distinguibili dal tipo pliocenico

a cui per passano

gradualmente

in complesso poi
le

si

vede che
;S'.

le

variet mioceniche di S. fuscata gene-

ralmente tendono verso

forme di
si

plicaria.
le

Alla variet descritta

avvicinano molto

forme figurate dal Grateloup

Atlas

de Conchyl.,
(fig.

tav.

35

cio le var. burdigalensis

Grat.

(flg.

28

6) e

sublaevigata Grat.
(fig.

28

a),

che per hanno gli anfratti pi


,

rigonfi, la var.

subsubulata
,

29) {T. svh-

svulata D'Orb.)
della fig. 21 b
,

che per pi allungata e pi scalarata

ma

specialmente la forma
fig.

che essendo indicata come var. italica Jan assieme alla

21 a (che

rappresenta invece una tipica S. plicaria), non pu conservare detto nome.

S.

FUSCATA?

var.

subsubulata (D'Orb.).
fig.

(1840. (1852.

GRATELOUP, Alias DORBIGNY, Prodr.

Conchyl. bass. Adour. Tav. 35,


Pai. strat.

29).

Tom.

Ili,

p. 87).

Elveziano: Colli torinesi (non rara).


Osservazioni.

Alcuni esemplari

di&W' Elveziano

piemontese paiono assimilabili alla


piuttosto che

T. subsubulata D'Orb. (che dalla figura del

Grateloup,

una Terebra, paril

rebbe una variet della

S. fuscata),

quantunque non ne presentino generalmente


ofire diversi caratteri

grande

allungamento longitudinale. Questa forma

che la fenno avvicinare

alla S. plicaria, a cui altri potrebbe riferirla.


g

F. Sacco.

1847.

DESCRITTI DA F. SACCO

13

S.

PLICARIA var. FUSCATOIDES SaCC.


(Tav.
I,

flg.

16).

DisUnguunt

liane var. a specie typica sequentes notae:

Testa sai fortiter scalarata, gracilior, elongatior,

minus

conica.

Long. 40-80-95
Osservazioni.

Mm.

Lat. 11-18-20

Mm.
sia

Elveziano: Colli torinesi (non rara).

Si collega

gradatamente

colla S. fuscata var. praecedens, sia


anelli di passaggio fra queste

colla S. plicaria var. scalariolonga , costituendo

uno degli

due specie

forse si potrebbe

anche considerarla come una variet della S. fuscata.

La forma

rappresentata dal

Grateloup

Atlas Concliyl. bassin Adovu"

a tav. 35,

flg. 21 h, forse identificabile alla variet in esame.

S.

PLiCAKiA? var. scalariolonga Sacc.


(Tav.
I,

tg.

17).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa elongatior, magis turrita,

minus

conica, sat fortiter scalarata.

Long. 50-90

Mm.

Lat. 15-21

Mm.
la S. fu-

Elveziano: Colli torinesi, Sciolze (non rara).


Osservazioni.

Questa forma col suo allungarsi tende gi alquanto verso

scata, tanto che rimasi alquanto in

dubbio a quale delle due specie doveva attribuirla;

essa

si

avvicina assai alle var. burdigalensis Grat. e sublaevigata Grat. (Grateloup,


.35,

Atlas Couchyl., tav.


piani,

flg.

28

e),

ma

distinguesi da entrambe per avere gli anfratti pi

meno

rigonfl

esistono per esemplari che paiono collegare la var. scalariolonga

alle sovraccennate variet del

bacino dell'Adour.

S.
1,1810.

plicaria? var. burdigalensis Grat.


Atlas Omchyl. terr.
(rara).
tert.

GRATELOUP,

Adour. Tom. 35,

tg.

28 a,

6).

Elveziano: Colli torinesi


Osservazioni.

Alcuni pochi esemplari

eW Elveziano

piemontese

si

avvicinano

alquanto alla indicata forma del bacino dell'Adour. In causa delle forme transitorie non
sono certo se questa forma, appunto di transizione, debba considerarsi come variet della
S. plicaria,

oppure della 8. fuscata.


S.

PUCARLV.? var. vermicularis Sacc.


(Tav.
I,

flg.

18).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa valde longior
,

valde magis turrita, magis scalarata. Anfractus subconvexi.


Lat. 12-19

Long. 50-90

Mm.

Mm.

Elveziano: Colli torinesi (rara).


Osservazioni.

Per

il

suo grande allungamento questa forma parrebbe quasi pi per l'esame dei suoi caratteri credo doverla piuttosto con-

accostarsi alla S. fuscata,

ma

siderare

come una

variet, forse

una semplice anomalia,

della

*S'.

plicaria; essa

si

avvi-

cina alquanto alla var. burdigalensis, solo che assai


fra questa

meno

conica.

Vi pure soniglianza

forma ed

il

Terebrum cacellense

var. transylvanica.

Subv. CARiNATELLA Sacc.


svcarinae formi substitutus.

Sulcus subsuturalis in anfractibus ultimis costicilla

Elveziano: Colli torinesi

(rara).

14

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIAHXI DEL PIEMONTE ECC.

S.

PLiCAEiA var. subHochstetteri Sago.


(Tav.
I,

fig.

19).

Distinguunt hanc var. a specie

typic.a sequentes

notae:

Sulcus transversus subsuturalis minus profmidus, in anfractibus ultimis suboblitus.


Anfractus, primis exceptis, sulculo ventrali transversim ornati.

LoBg. 50 Mni.
Elveziano:

Lat. 11

Mm.

Colli torinesi (rarissima).

Osservazioni.

Questa forma parmi possa ancora collegarsi specificamente colla Hcern.


et

8. plicaria; avvicinasi per assai alla 8. Hoclxstetteri E.

Hauixg.

la

quale d'al-

tronde potrebbe forse essere solo

una variet
lavoro

di 8. plicaria.
la

Credo poi debbasi distinguere

con nome speciale, var. perstriatula Sacc,

forma indicata da E. Hcernes ed Attinger


Gasterop.
I u.

a tav. XII,

flg.

19, del loro classico

II mioc. Mediterr.

st.

S.

plicaria? var. cerithinoidea Sacc.


(Tav.
I,

flg.

20).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa scalarata, subcerithiformis. Salci longitudinales
parvuliores. 8ulcus subsuturalis aliquantulum

minus profundi, numerosiores,

minus profundus.

Long. 45 Mra.
Elveziano:
Osservazioni.

Lat. 11

Mm.

Colli torinesi (rarissima").

Questa forma presenta caratteri di somiglianza con alcune variet

mioceniche di

Terebrum acuminatum,
la

ma

lo stato

incompleto di conservazione dell'unico

esemplare posseduto ne impedisce

determinazione completamente esatta.

S.

plicaria? var. fusco-modesta Sacc.


(Tav.
1,

fig.

21).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa

minus

conica, elongata, laeviter subfusiformis. Anfractus aliquantulum sub-

inflati, sublaeves,

ultimi fere laeves, sine sulco subsuturali. 8uturae profundiores.


Lat. 17

Long. 70

Mm.

Mm.
alla var. laevicolligens ; anch'essa

Elveziano: Colli
Osservazioni.
solo

torittesi (rara).

io

Questa forma alquanto simile

con incertezza

pongo

fra le 8. plicaria,

presentando specialmente grandissima

affinit colla 8.

modesta, e ricordando pure qualche variet (ad esempio la var. pseudo8. fuscata.

modesta) della

Sembrami che anche

in questo caso noi

abbiamo una forma

di passaggio tra la 8. plicaria e la 8. modesta.

S.

plicaria var. laevicolligens Sago.


(Tav.
I,

flg.

22).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:

minus conica, subfusiformis, subscalarata. Anfractus sai ultimi omnino laeves, sine sulco subsuturali. 8iiturae sat profundae.
Testa

infiali, sublaeves,

Long. 70

Mm.

Lat. 20

Mm.
(rara).
,

Elveziano: Baldissero, Scioze


Osservazioni.

Questa forma rappresenta

a mio parere

uno stupendo anello

di

passaggio della 8. plicaria alla 8. modesta, tanto ehe rimasi quasi incerto a quale specie
dovessi
attribuirla

od anche se dovessi costituirne una specie a parte. Forme alquanto

DESCRITTI DA
simili

F.

SACCO

15

a quella ora descritta,

ma

che probabilmente sono gi attribuibili a vere S. mo-

desta, incontransi nel bacino viennese e nel terziario del Portogallo,

come

rilevasi spe

cialmente dalla

fig.

1 di tav.

XIII del lavoro

di

Da Costa
infletti;

Moli. foss. de Portugal

Subv. transitoria Sacc.

Anfractus minus

etiam ultimi sulco subsutuLat. 20

rali laevissimo, suhoblito, muniti.

Long. 45

Mm.

Mm.

Elveziano:

Colli torinesi (rara).

Osservazioni.

Questa forma, che sembra quasi collegare la variet sovraccennata

colla S. plica-ia, fu

uno

dei motivi che

mi spinsero a

costituire della laevicolligens

una

variet della S. plicaria.

SUB0LA CONICOPLICARIA SaCC.


(Tav.
1,

flg.

23).

Testa crassa, conico-turrita,

non

scalarata. Suturae svbsuperflciales. Anfractus com-

planati. Pliculae undulatae, longitudinales, in anfractibus primis perspicuae, in ultimi

minus perspicuae. Sulcus transversus


1890.

sat pi-ofundus,

usque ad aperturam produ^tus.


terz.

Terebra plicaria Basi.

SACCO, Calai, paleont. Bac.

Piem. N" 3878

e 5400.

Long. 70

Mm.

Lat. 19

Mm.
la S. plicaria dell' Elveziano,
le

Tortoniano: Stazzano
Osservazioni.

(rara).

Ricorda alquanto

ma

se

ne distingue
profonde.

specialmente per la forma pi conica, non scalarata, e per

suture

meno

SUBULA MODESTA (TrISTAn).


(Tav.
(1829.
I,

flg.

24).

DEFRANCE,

Dici. Se. Nal. Voi. 58, pag. 288).


p. 28.

1847.

Terebra plicaria

1862.
1873.

Basi. SISMONDA. Sj/n. meth., 2 ed., evar. liOliERLKlN, Giac. terr. mioc. modesta Defr.f FISCflER et TOURNOUER, Inv.

sup.. p. 23.
foss.

M. Leberon,^.

125.

Tortoniano: Stazzano,
Osservazioni.
teristica del

S.

Agata, Montegibbio (frequente).

assai interessante osservare

come questa

specie sia quasi caratesiste

Tortoniano in quasi tutta l'Europa. Siccome essa assai variabile, n

alcuna figura della forma tipica del Tristan, cos riferisco a tale specie gli esemplari
di

forma intermedia fra


pi

le

diverse variet, e che meglio corrispondono alla breve dia-

gnosi data dal

forma
tipo del

Defkance e dal Dujardin (che l'indic come T. favai):, d'altronde tale comune ed qufndi probabile che corrisponda in gran parte al tipo. Ad ogni modo do la figura della forma piemontese, affinch nel caso si trovasse il
la

Tristan

e differisse

da

essa, si possa riconoscere tale differenza.


,

Nel bacino di Vienna e nel Portogallo esiste pure questa forma


le figure

come
fig.
i

lo

indicano

15 e 17 della tav. II del noto lavoro del M. Hcernes, e la

14 di tav.

XII

del lavoro di

Da Costa

Mol.

fos.

de Port.
le

tanto detti autori

come

paleontologi

piemontesi posero finora questa forma fra

T. fuscata,

da cui credo giusto di staccarla

specificamente. Riguardo agli individui giovani riesce sovente diffcile distinguere quelli
della forma tipica da quelli delle sue variet ; in generale essi sono assai sovente scalai'ati.

Subv. dertogigantea Sacc.


Lat. 25-25

Testa major, crassior, fusiformis. Long.

11-12

Mm.

Mm.

Tortoniano: Stazzano (rara).

16

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARU DEL PIEMONTE ECC.

S.

MODESTA

var.
(Tav.

PLANO-CLAVATA SaCC.
I,

lg.

25).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae: Testa miiius turrita, suhclavata ; superne suhscalarata, inferne fusoidea. Anfractus
svplanati. Suturae

parum

incavatae.

Long. 40-85 Min.


Osservazioni.
la fgui'a 1 di tav.

Lat. 12-20
S.

Mm.
rara).
esistere

Tortoniaao: Stazzano,

Agata (non
simili

Forme

sembrano

anche

fuori del

Piemonte,
foss.

infatti

XX

del lavoro di

Fischer

Tournoner
il

Moli.

M. Leberon

rappresenta appunto una forma di passaggio fra


S.

tipo e la variet in esame.

MODESTA

var.
I,

PERINFLATA SaOC.
flg.

(Tav.

26).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa crassior, major, valde inflatior, magis fusoidea. Anfractus

minus

convexi.

Long. 75

Mm.

Lat. 23

Mm.
solo

Tortoniano: Stazzano (rara).


Osservazioni.

Si potrebbe quasi

considerare

come una

esagerazione, direi,
ri-

od una subvariet della var. planoclavata, da cui distinguesi per per essere pi
gonfia, pi fusiforme,

meno
S.

conica, con anfratti


var.
(Tav.

meno

piani^

con suture pi profonde, ecc.

MODESTA

dertofusulata Sacc.
I, flg.

27).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa magis fusoidea,

minus

conica,

aliquantulum

crassior.

Anfractus convexiores;

suturae profundiores.

Long. 70-120
Osservazioni.

Mm.

Lat. 20-27

Mm.
si

Tortoniano: Stazzano (non rara).

Assai ben distinta dal tipo, a cui


S.

collega con forme transitorie,

modesta

var.

ovulata Sacc.
flg.

(Tav. 1,

28).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa fusulata, fere ovuloides. Anfractus valde convexiores ; suturae profundiores.

Long. 65

Mm.

Lat. 21

Mm.
direi, della

Tortoniano: Stazzano (rara).


Osservazioni.
var. dertofusulata.

Parrebbe quasi solo rappresentare una esagerazione,

S.

modesta??

var.

infernelata Sacc.

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Anfractus ultimi magnitudine rapide crescentes, deinde
Long. 45
testa inferne periata.

Mm.

Lat. 15.

Mm.
attribuibili alla S.

Elveziano: Colli torinesi (rara).


Osservazioni.
vasi

Fra

le

forme elveziane che credo


i

modesta

tro-

un esemplare incompleto che presenta

caratteri sopraindicati.

Anche

nel bacino

viennese incontransi forme simili, cos quella di Voslau, indicata a tav.

II, fig.

18 del

DESCRITTI DA
noto lavoro di M. Hcernes
fos.

F.

SACCO

17
Mol.

una forma pure alquanto simile vediamo nel Da Costa

de Portugal

, tav. XIII, fig. 2.

Dal solo esemplare incompleto che ebbi ad esaminare non posso giudicare con certezza se esso debba veramente attribuirsi alla S. modesta, oppure alla S. plicaria.

Dal complesso dell'esame delle forme

fossili

piemontesi appartenenti

al

sottogenere

Subula possiamo dedurre che

in linea generale, dal Miocene al Pliocene, alle forme con

anfratti leggermente rigoni e con forma spiccatamente conica o subfusiforme, successero forme meno coniche, con anfratti quasi piani, ecc. La Subula fuscata apparve gi certa-

mente ^QW'Elveziano,
vole

ma

in

S. plicaria (caratteristica

AqW Elveziano),

generale presenta in questa epoca una tendenza verso la a cui pare si colleghi gradualmente. note-

come

nel

sostituite quasi
le

periodo tortoniano tanto la 8. fuscata, come la 8. plicaria, siano state completamente dalla tipica 8. mpdesta. poi interessante osservare

come

forme viventi di

8ubtila

siano

abitatrici dei

mari

tropicali, fatto

che

ci indica la

grande differenza
oggi.

di clima

avvenuta nel Piemonte anche

la

solo dall'epoca pliocenica

ad

La

senegalensis Lk.

specie che

con numerose variet, sembra meglio


^S-.

rappresenti al giorno d'oggi le derivazioni della 8. plicaria e della

fuscata.

Forme

viventi, che paiono pure derivare pi o


.S'.

menzionate, sono la

micscaria Lk. delle

meno direttamente dalle fossili sopra Filippine, la dimoiata Linn. dell'Oceania,


;S'.

la 8. duplicata Linn. che vive nei

mari della China, delle Molucche,

sulle coste del


la 8.

Mati-

dagascar, ecc. Alquanto pi ingrossata e quindi pi simile alla 8. plicaria grina Gmel. dell'Oceano indiano.
8. ferruginea 8. cingula 8. striatula, ecc.

Att.

8. senegalensis

8.

muscaria

S.

tigrina

Ast.

8. fuscata e var.

pseudocerithoidea lanceolatissima subasulcata subscalariata subulatissima suprainflata cocconiana planoinflata


conicolaevis

pliopUcaria
striolata

subasulcata subscalarata
Pise.

8, fuscata e var.

pseudomodesta
suprainflata subulatissima

perinflata P^o^noclavata dertofusulata

pliopUcaria
basicarinata

Tort.

8. fuscata var.

8. conicoplicaria

8.

modesta e var.

'

EiT.

Svula fuscata var.

| (

praecedens subsubulata
taurolaevis

cerithinoidea laevisulcata conicogigantea scalariolonga burdigalensis sublaevigata

ovulata

fuscomodesta
laevicolligens

var. e 8. plicaria e var.


'

subHochstett.

8. Hochstett. e var. perstriat.

'

vermicularis
fuscatoides

Ift

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARII DEL PIEMONTE ECC.

Sottog.

TEREBEUM

Montfort, 1810.

Terebrum acumenatum
(Tav.
I,

(Bors.)

(1).

flg.

29).

1820.
1827. 1827. 1830. 1842.
1847.

Terebra acuminata

Bors.

flammea Lh. acuminata Bors. Lk. flammea


BORSON, Oritt. Pieni., p. 45 (224), tav. I, 17. Saggio geol. Bac. fere. Albenga, p. 481. BONELLI, Cat. ms. Museo zool. di Torino. N" 2079. BORSON, Catal. rais. Coli. min. Turin, p. 614.
flg.

1848.
1852. 1856.

acuminata Bors.
subflanmea

SISMONDA, Syn. meth.,


12''

ed., p. 41.
ed., p. 27.

BRONN,

Ind. paleont., pag. 1225.


Ili,

acuminala

D'Orb. Bors.

1867.
1872.

1873.
1878.

1881.
1890. 1890.

D'ORBIGNY, Prodr. Pai. Slrat. T. p. 177. HCERNES, Foss. Moli. tert. Bech. V/ien, p. 130. PEREIRA DA COSTA, Moli. fo^s. Porliigal, p. 79. KOENEN, Mioc. N. Deutsch. Moli, fauna, p. 187, 188. COC:0'S\, En. Moli. mioc. plioc. Parma e Piac.f'^.iO. PARONA, Plioc. Oltrep pavese, p. 56. FONTANNES, Gaster. Valle Rhne, p. 127.
Ca/aZ. iJflZeon^. N" 3871.

(?) SACCO,
Lh.

flammea
S.

N" 3874.

Tortoniano:

Agata

fossili

(rara).

Piacenziano: Astigiana, Rocca d'Arezzo, Vezza d'Alba, Volpedo, Colle Brizzone, Al-

benga, Savona-Fornaci (non rara).


Astiano: Astigiana, Pocapaglia presso Bra, Cervere e Salmour (Valle Stura di Cuneo)

(non rara).
Osservazioni.

Notevoli e numerose sono

le
,

divergenze d'opinione che troviamo


per cui necessario fare alcune os-

nei diversi autori die trattarono di questa specie

servazioni in proposito.
Il

tipo pliocenico, dell'Astigiana

presenta accentuatissime
il

le

subgranulazioni presso

la sutura

ed assai profondo

il

solco trasverso che divide


il

cingolo granuliforme (almeno

nei primi anfratti) subsuturale. Per


nelle colline di Torino
riet,
,

dove

infatti

il

Borson dice come questa forma si trovi pui'e T. acuminatum rappresentato da diverse vaBorson abbia trovato in una di cui uno solo elveziano
,

ma non

dalla forma tipica, quale figurata dal Borson.

Debbo

inoltre notare

come

nella collezione tipica del

stessa scatola coll'indicazione di T.

acuminata

7 esemplari

e gli altri astiani;

uno

di questi ultimi fu quello figm-ato dal

Borson.

Generalmente

il

calcare della conchiglia di color giallo-biancastro, di rado rossiccio.

Lo Speyer
tosto allo S.

figura

neglectum; credo poterle dare


tert. Bild., p.

come Terebra acuminata Bors. una forma che si avvicina piutT. eoacuminata Sacc. (Speyer, il nome di
128. Tav.

Conchyl. Cass.

XX,
si

fig.

15).
ci

L'esame di numerosissimi esemplari della specie in esame


riazioni principali,

mostra

le

seguenti var

che per generalmente

collegano gradualmente colla forma tipica.

(1) U Reeve nella sua Monogr. del genere Terebra pubblic nel 1860 una T. acuminata m. s. del Gray. Credo che tale nome debba sopprimersi (quantunque trattisi di un^Hastula e non di un vero Te'ebrum); propongo invece il nome di Hastula exacmninala Sacc.

DESCRITTI DA

F.

SACCO

19

T. ACUMINATICI Var. ASCALARATA SaCC.


(Tav.
I,

fg.

30).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae: Anfractus subplanati, saepe sublaeves. Testa subascalarata.
Piacenziano : Astigiana, Vezza d'Alba, R. Torsero presso Cariale
Astiano: Astigiana (non rara).
Subv. CANALISUTURATA Sacc.
(rara).

Anfractus sutura perprofunda disjuncti.

Piacenziano: Vezza d'Alba (rarissima).


T. ACUMINATUM var. SUBAGRANULATA SaCC.
(1881.

FONTANNES,

Moli, plioc.

Vallee Rhne, etc, p. 127. Tav. VII,

tg.

20).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Granulationes subsuturales subblitae vel.nullae; sulcus subsuturalis

parum

pro-

fundus;

testa plerurtique

magis elongato-turrita.
Lat. 12-17

Long. 60-115

Mm.

Mm.
(rara).

Piacenziano: Volpedo al M. Brizzone (non rara).


Astiano: Astigiana, Salmoar in Val Stura, Ponte dei Preti presso Ivi'ea
Osservazioni.

notevole osservare

come

spesso questa forma


il

si

presenti forte-

mente

turrita, allungata, assai


il

meno

conica che non

tipo,

da cui per non pare cosa

conveniente

distinguerla specificamente.

T.

ACUMINATUM

var.
I ,

PERGRANULARIS SaCC.
flg. 31).

(Tav.

DistingvAint hanc var. a specie typica sequentes notae:

Granulationes subsuturales

supra

et

subtus cingulum subsuturalem

permagnae,

usque ad aperturam productae.


Tortoniano:
S.

Agata

fossili

(non rara).
(rara).

Piacenziano: Astigiana, Vezza d'Alba

Astiano: Astigiana, Pocapaglia presso Bra ^non rara).


Osservazioni.

Rappresenta quasi una esagerazione dei caratteri distintivi del


T. ACUMINATUM var. GRANULATOPARVA SaCC.
(Tav.
1,

tipo.

(ig.

32).

Distinguunt hanc var. a specie tyjnca sequentes notae:


Testa aliquantulum minor, magis longo-turrita. Cingulum, granuUferum, subsuturale elatius, subrotundatius, elegantius.

Deinde regio ventralis sulciformis.

Long.

.30

Mm.

Lat. 7

Mm.

Tortoniano: Stazzano

(rara).

T.

ACUMINATUM
(Tav.

Var.
I.

INFLATELLA SaCC.
lg.

33).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:

Anfractus ultimi subinflati. Testa saepe perlonga, subcolumnaris, non scalarata.


Piacenziano: Volpedo presso Voghera, R. Stramonte presso Castellarquato (non rara).
3

F. Sacco.

20

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARI: DEL PIEMONTE ECC.

1847.

DESCRITTI DA

F.

SACCO

21

T. ACUMINATUM Var. ASULC0ELE6ANS SACC.


(Tav.
1,
flg.

37).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa minor. Sulcus subsuturalis in anfractibiis ultimis nullus,
turale granulare, usque ad aperturam produtum.

Cingulum subsu-

Long. 50

Mm.

Lat. 11

Mm.
si

Elveziano: Colli torinesi


Osservazioni.

(rara).

questa forma

avvicina alquanto quella di Bujutub indicata

dai sigg. M. HcERNES ed

Auinger

nel loro lavoro

Gasterop. I u. II mioc. Medit.

stuf.

Tav. XII,

fig.

13

e che io ai^pellerei var. asulcoornata Sagc, distinguendosi da quella


le

sopra descritta per avere molto pi spiccate e distinte

pieghettature longitudinali.

T. ACUMINATUM Var. MAGNOPLICATA SaCC.


(Tav.
I,

flg.

38).

Distiiguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Testa crassior. Plicae longitudinales latiores, crassiores.

Cingulum

svJbsuturale

minus

elatum.

Elveziano: Colli
Osservazioni.

torinesi, Sciolze

(non rara).
al

Serve quasi di transizione

T.

neglectum var. expertusa.

T. ACUMINATUM Var. SUBCACELLENSIS SaCC.


(Tav.
I,

flg.

39).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa crassior, magis conica. Cingula subtuhercularia
inflatiora; deinde anfractus superne inflatiores
et testa

minus granularla,

elatiora,

uagis fortiter scalarata.

Long. 40-95

Mm.

Lat. 11-24

Mm.
(non rara).
vai',

Elveziano: Colli
Osservazioni.
ricorda alquanto
il

torinesi, Sciolze, Baldissero

Questa forma

collegata strettissimamente colla

taurocrassa

T. cacellense

Da

Costa.

Terebrum suiplicodepressuji Sacc.


(Tav.
I,

fig.

40).

Testa conico-turrita vel


subplanati.

minima scalarata. Suturae parum profundae. Anfractus Cingulum subsuturale depressum, non granulare. Sulcus subsuturalis vix

visibilis vel suboblitus. Salci et plicae longitudiiuiles suhnullae.

Long. 40-75

Mm.

Lat. 11-17

Mm.

Per la sinonimia vedi quella del T. subtessellatum,.


Elveziano: Colli torinesi (non
OssERVAZIO^^.
i"ara).

Per presentare
T.

cai'atteri differenziali

ben

spiccati credo che questa

forma debba distinguersi dal

acuminatum, a

cui

si

collega per assai strettamente.

notevole la poca altezza degli anfratti in confronto alla loro larghezza; per cui essi

appaiono quasi schiacciati d'alto in basso.

Terebrum cacellense (Da


(1867.

Costa).
flg.

DA COSTA,

Gaster. dep. fere. Portugal, p. 81. Tav. XIII,

3,

4,

5, 6'.

Elveziano: Colli torinesi (alquanto rara).


Osservazioni.

Questa forma, che

trebbe forse considerare solo

sibilmente a questa specie

il Da Costa indic come specie a parte, si pocome una variet del T. acuminatum, collegandosi insenper mezzo della var. siCbcacllensis.

22

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARH DEL PIEMONTE ECC.

Nel lavoro di Hcernes ed Auinger


indicata una foi'ma alquanto simile
T. transylvanica ; essa

Gaster., I u. II mioc.

Med. stufe d

il

1880

{p. 110, tav. XII, flg. 14) a cui si

nome

di

pu

solo essere

considerata

come una

variet della specie in

esame. Notisi che

sigg.

Hcernes ed Auinger nel lavoro sopracitato dicono, a pag. Ili,

che della

T.

transylvanica esistono, nell'Hof-Mineralien Cabinet di Vienna, 2 esemplari

provenienti da Asti. Nella copiosa raccolta di Terebre plioceniche piemontesi da

me

esa-

minate non vidi alcun esemplare ascrivibile a questa forma. Quindi indico con qualche

dubbio

tale riferimento.
le

Fra

forme viventi evvi

il

T.

oculatum Lk.
il

T. laeve

Gray)

delle isole della So-

ciet e di

Anuan che

ricordano alquanto

T. cacellense.

T. cacellense var.
(Tav.
1,

dertoparva Sacc.
tg.

41).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Testa parvior, conico-acuminatior, scalaratior.

Cingulum subsuturale

inferite

minus

delimitatum.

Long. 25

Mm.

Lat. 6

Mm.
alla var.

Tortoniano: Stazzano

(rara).

Osservazione.

Si

avvicina assai

transylvanica (che probabilmente


anft'atti superiori)
;

pure tortoniana) di Lapugy, ed alquanto alla var. dertonensis (negli


probabilmente
si

tratta di

una forma giovane,

ma

di

forma

affine alla var. transylvanica.

Le

si

avvicina pure alquanto la var. minor Fisch. e Tourn.


T. cacellense? var. dertonensis Sacc.
(Tmv.
I,

flg.

42).
:

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae


Testa magis elongatoturrita,
rotundati.

minus

conica. Anfractus

ad suturam minus

inflato-

Long. 53-65

Mm.

Lat. 10-16

Mm.
si

Piacenziano: Stazzano (alquanto rara).


Osservazioni.

Questa forma

distingue assai fortemente dal tipo, tanto che

ri-

mane

incerto se debbasi

attribuire al T. cacellense o piuttosto al T.

acuminatum

av-

vicinandosi alquanto alla sua var. suhagranulata.

Terebrum taurostrangulatum
(Tav.
I, flg.

Sacc.

43).
,

Testa subparva

elongatocolumnaris.

Anfractus perconvexi

in

regione

ventrali

supera praesertim, ad suturam depresso-strangulati, laeves vel tantum longitudinaliter


additamenti
constricta.
striolis et transversim,

perraro

costicillis subdepressis ornati.

Apertura sub-

Labium externum

gracile.
'/^

Long. 30

Mm.

Lat. 6

Mm.

Elvezia no: Colli torinesi (rara).


Osservazioni.

Questa forma, a caratteri spiccatissimi e che parrebbe quasi una


il

anomalia, ricorda alquanto

T. cacellense,

specialmente la var. transylvanica,

ma

se

ne distingue a primo

tratto per la forte strangolatura suturale.

Terebrum subulocacellense
(Tav.
I,

Sacc.

flg.

44).

Testa crassa, turrita, elongata. Anfractus laeves, convexi, in regione ventrali supera

praesertim, in regione ventrali infera (in anfraciu ultimo tantum

visibili) subdepressi,

DESCRITTI DA F. SACCO
in regione basali swbplamdat ; sulcus subsuturalis in anfractibus primis visibilis
ultimis oblitus.
,

23
in

Suturae profuidae. Apertura constricta. Labium externum gracile. Co-

lumella contorta.

Long. 100

Mm.

Lat. 20 llm.
(rara).

Elveziano: Baldisscro torinese


Osservazioni.

Questa forma, che ricorda alquanto quella che indicai dubbiosamente come var. vermicularis di Subiila pUcaria pare si colleghi meglio con alcune
,

variet di T. cacellense, specialmente colla var. transylvanica.

TEREBRmi SUBULATOIDEUM
(Tav.
I,
flg.

SaCC.

45).

Testa longoturrita. Sulci mediocriter profundi. Anfractus planulati, laeves vel ad-

ditamenti lineis flexuosis ornati, basi fortiter revoluti. Apertura subrectangularis. Labiun externum, simplex.

Long. 30-60

Mm.

Lat. 7-13.

Mm.
la

Elveziano: Colli torinesi (non rara).


Osservazioni.

Questa

forma per
si

sua spira sembra doversi porre fra

Terbrum,

mentre
quanto

che per gli altri caratteri

avvicina assai alla Subula fuscata, specialmente ad


le

alcuni esemplari della var. praecedeiis ; fra


il

forme viventi quella in esame ricorda

al-

T.

subulatum Linn.
T. suBULATOiDEtM var. repressa Sacc.
(Tav.
I,

flg.

46).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Anfractus longitudine breviores.

Long. 35-85

Mm.

Lat. 8-17

Mm.
l'ara).
;

Elveziano: Colli torinesi (non

OssERVAzioM.
pare
si

Gli anfratti apjjaiouo quasi repressi d'alto in basso

questa forma

colleghi col T. simpUcodepressum,.

Terebrum tubero dliferum


(1862.
(1869.

(Dod.).
II.

DODERLEIN {Terebra nodulosa)

Giacit. terr. mioc.

centr., p. 23).
I,

MANZONI, Fauna mar. due lembi mioc. Alta


;

Italia, p. 485. Tav.

flg. 7).

Su questa forma dobbiamo fare due ossei-vazioni anzitutto che il Manzoni iigur a tipo della specie un esemplare a doppia serie di tubercoli subsuturali mentre (come
,

gi osserv

il

Coppi

Paleont. mod., 1881, p. 40) gli esemplari pi


sola serie (var. exnodtilosa)\ quindi

comuni e
si

tutti quelli

da

me

osservati ne

hanno una

ora obbligati a

ritenere

come tipo ci che in realt una variet rarissima. Doderlein aveva dato il nome di T. nodulosa; fti in seguito per lapsus calami suo o di Doderlein classific in diverse
,

Inoltre a questa
il

forma

il

Miohelotti che,

forse

raccolte questi esemplari

come

T.

tuberculifera Dod.; cos originossi la determinazione del Manzoni.

T. TUBEBCULIFERUM var. EXNODULOSA SaCC.


(Tav.
I, tg.

47).

Testa crassa

conica-turrita, scalarata. Anfractus transversim in regione ventrali

linea subalbida cincti,

ad

suturarti fortiter incrassati, inflati, corrugato-nodulosi, in an-

fractibus ultimis praeclpue ; longitudinaliter additamenti striolis ondulatis ornati. Aper-

tura subconstricta.

Long. 35-55

Mm.

Lat. 8-14 Jlm.

24

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARH DEL PIEMONTE ECC.

Forma
(Tav.

juvenilis.
I, flg.

48).
,

Testa minor. Anfractus ad suturam non nodulosi (inferne sulculo parvillimo limitato) ornati.

cingulo

subsuturali subcrasso

Tortoniano: Montegibbio,

S.

Agata

fossili,

Stazzano (alquanto frequente).

Osservazioni. vivente Subula crenulata Linn., invece assai pi prossima al T. acuminatum ed al T. cacellense , di cui forse potrebbe essere una modificazione, sempre in rapporto con
quello speciale incrassamento sutui-ale che
gli
si

Questa forma, che a primo tratto parrebbe doversi avvicinare alla

osserva in molte Terebre tortoniane. Infatti

esemplari giovani, che non presentano

noduli subtubercolari, ricordano molto alcune


il

forme delle due sovraccennate specie. Nelle forme giovani


molto quello del T. cingulatum var. sublaevigata.

cingolo subsuturale ricorda

probabilmente questa

la

forma che Doderledj appell Terehra nodulosa

ma

la

pubblicazione del Manzoni rese impossibile l'uso di tale

nome

di semplice catalogo.

T. TUBEECCTLIFEEDM var. PEKTUBERCULIFEEA SaCC.


(Tav.
I,

fi-.

49).

Distinguunt liane var. a var.


Long. 52

exnodulosa sequentes notae:


et elatiores.

Testa crassior, magis conica, magis scalarata. Noduli crassiores

Mm.

Lat. 22

Mm.

Tortoniano: Montegibbio (non rara).


T. TUBERCULIFERUM Var. SDBANODULOSA SaCC.
(Tav.
I,
lig. 50).

Distinguunt liane var. a var. exnodulosa sequentes notae: Noduli obliti vel subobliti; tantum in regione supera anfractuum plicae laeves
Tortoniano: Montegibbio,
Osservazioni.
di T.

et

depressae conspiciuntur. Sulculus subsuturalis perlaevis, usque ad aperturam produetus.


S.

Agata (non
alti'O

rara).

Questa forma, che a primo tratto ricorda alcune variet mioceniche


rappi'esenta

acuminatum, non

che una continuazione

direi

sino allo stato


fatta

adulto della forma giovanile

della var. exnodulosa; l'attribuzione che

ho

non mi

lascia alcun dubbio, poich vidi esemplari di questa variet che negli ultimi due anfratti, dopo una frattm'a longitudinale della conchiglia, assumevano di tratto i caratteri della

specie tipica. Forse

si

riferiva

ad una forma simile

il

Doderlein quando

nel

lavoro

sovraccennato indica della forma tipica una var. T. maj. sublevi.

TeREBRUM StnBTESSELLATDM
(Tav.
1,

(D'OrB.).

fig.

51).

Testa turrita

subulata

exerta; anfractibus planulatis; linea penes


,

pressa; plicis longitudinalibus minutis


nidiS (MlCHELOTTl).
1820.

frequentibus

undulatis ,

suturam impenes suturam eva-

Terebra strigliata Linn. var.


tessellata

1847.

Michl.

BORSON, Oritt. Piem., p. 43-44 (222-223) (pars). MlCHELOTTl, Foss. Mioc, p. 215. Tav. 17, SISMONDA, Syn. meth., 2' ed., p. 28.
flg.

13.

sublessellata

D'Or.
Bors.

acuminala

T.

D'ORBIGNY, Prodr. Pai. Strat., tom. Ili, p. 88. HCERNES, Foss. Moli. tert. Bech. TCee, p. 130, 131. MlCHELOTTl, Et. Mioe. inf., p. 131. PEREIRA DA COSTA, Moli. foss. Portugal, p. 79. sublessellata D'Or). SACCO, Calai, paleont. N" 3871.

DESCRITTI DA

F.

SACCO

25

Long. 20-70

Mm.

Lat. 4-12

Mm.

Tongriano: Dego, Mornese


Elveziano: Colli
Osservazioni.

(fide Michelotii).

torinesi, Sciolze (frequentissima).

Rimasi dapprima alquanto incerto se dovessi considerare questa

forma come ima variet del T. acuminatiim o come una specie a parte; mi tenni poscia a questa seconda opinione, perch, pur essendovi numerosi punti di contatto e di eguaglianza fra la suddetta forma pliocenica e quella miocenica ora in esame, generalmente

questa
turale

si

distingue per essere pi piccola e


elevato e

meno
si

scalarata, per avere


il

il

cingolo subsu-

meno

meno spiccatamente
per esistono solo se

granuloso,

solco subsuturale pi profondo,

ecc., ecc. Tali differenze


le

prendono come tipo della forma in esame

figure del Michelotti, giacch nel Miocene le Terebre di questo

gruppo sono som-

mamente variabili. Il nome di T.


dal 1834 pubblicata

tessellatum Micht. non pu essere conservato, avendo

il

Gray

sin

una

T. tessellata,

forma assai diversa, di Sumatra.

tav.

La Terebra Speyeri Fcchs (Fuchs Kennt. Conch. Fauna Viant. tert. Geb., p. 49, X, fig. 1 2) non forse altro che una variet del T. suhtessellatum. Appartiene
,

pure a questa specie od

al

pi ne costituisce una var. detmoldeisis Sacc. la T. fuscata


Tert. Geb. Detmold., p. 13, tav. I, fig. 7), mentre invece
si

Brocch.
la fig.

sec.

Speyer (Ob-Olig.
dello
stesso

8a,b

lavoro

avvicina forse meglio alla Subula plicaria, di cui

costituirebbe

una

var. fuscatina Sacc.

T. scbtessellatum var. pertureita Sacc.


(Tav.
I,

tg.

52).
:

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae


Testa magis longo-turrita.

Long. 27-55

Mm.

Lat. 4 '/g-lO

Mm.
T. subtessellatum.

Per

la sinonimia vedi quella del

Tongriano: Carcare, Momese


Elveziano: Colli
Osservazioni.
servazione che
il

(rara).

torinesi, (assai frequente).

Due

soli

esemplari osservai nel Tongriano, ed in tale stato di con-

loro riferimento alla variet in

esame riesce alquanto


,

incerto. Il

RiCH

Die Conchylien Kord-Tert., 1853

indica e figura (tav. 6


T.

fig.

17)

Betuna forma

molto simile alla presente,

ma

l'indic

come

acuminata Bors.; credo poterla appel-

lare T. subtessellatura var. perturritoides Sacc.

T. SDBTESSELLATUII Var.
(Tav.
I,

TORQUATA SaCC.
53).

tig.

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Sulcus subsuturalis profundior; deinde cingulum svbsuturale valde distinctum.
Sulci longitudinales saepe etiam aliquantulum profuidiores.

Long. 20-60

Mm.

Lat. 5-11

Mm.
(non rara).
al T.

Elveziano: Colli
Osservazioni.

torinesi, Sciolze

Costituisce quasi anello di transizione


(Tav.
I,

neglectum var. expertusa.

T. subtessellatum var. procixgulata Sago.


fig.

54).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:

Cingulum subsuturale
Elveziano:

crassius, elatius, suhrotundatum.

Colli torinesi

(non rara).

26

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARII DEL PIEMONTE ECC.

Osservazioni.

Tende gi notevolmente verso

il

T.

cingulatum del Tortoniano;

per diversi caratteri mostra collegarsi pure col T. neglectum e col T. postneglectum.
T. SUBTESSELLATUM Var. NEGLECTOCINGULATA SaOC.
(Tav.
I,

tg.

55).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:

Cingulum subsuturale crassius, quantulum crassores et elatores,


Elveziano: Colli
Osservazioni.

elatius, subrotundatum. Plicae longitudinales ali-

torinesi, Sciolze (non rara).

le

Questa forma pel suo cingolo tende a collegarsi col T. cingulatum,


sue pieghe
longitudinali

mentre che per


glectum; essa
si

forma un bellissimo passaggio

al

T. ne-

collega insensibilmente colla var. procingulata.

T. SUBTESSELLATUM Var. STEIOTEREBROIDES SaCC.


(Tav.
I,

flg.

56).

Distinguunt liane var, a specie typica sequentes notae:

Transversim

costicillae

parvulae, clepressae, evanescentes , in regione ventrali con-

spiciuntur. Interdum sulcus subsuturalis

parum

profunus.
indicare

Elveziano: Colli
Osservazioni.

torinesi, Sciolze (alquanto rara).

Questa forma interessante, poich parrebbe quasi

un

passaggio agli StHoterbrum.


T. SUBTESSELLATUM Var. COLUMNOSTRIOLATA SaCC.
(Tav.
I,

tg.

57).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Testa

minus

conica, recto-columnaris. Costae longitudinales pernumerosae, perpar-

vulae. Sulcus subsuturalis

minus profundus. Anfractus

transversim, striis pernumerosis,

perappropinquatis, perparvulis, ornati.

Elveziano: Colli torinesi (rarissima).


Osservazioni.

Nella forma molto simile alla variet indicata dall'HcERNES M.

colla fig. 24", tav. II, del suo noto lavoro. Essa, ancor pi della var. strioterbroides, rap-

presenta una delle tante forme di passaggio fra

Terebrum, ed

Strioterebrum.

T. SUBTESSELLATUM Var. PSEUDASULCATA SaCC.


(Tiiv.
I,

fig.

58).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Sulcus subsuturalis suboblitus vel vix
1847.
visibilis.

Terebra tessellata Micht.

MICHELOTTI,

Foss. M/oc. Tav. XVII,

fig.

(afflnis).

Elveziano: Colli torinesi, Sciolze (poco comune).


Osservazioni.
ci

Una

foi'ma simile osservasi pure nel bacino viennese, per quanto

mostra

la fig. 2i^ di tav. 11 del noto lavoro di

M. Hcernes.

T. SUBTESSELLATUM var. ASULCOSA SaCC.


(Tav.
1,

fig.

60).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Sulcus subsuturalis in anfractibus ultimis nullus. Plicae longitudinales usque ad

suturam regulariter productae.


Elveziano: Colli
torinesi, Sciolze, Baldissero

(non rara).

DESCRITTI DA

F.

SACCO

27

T.

SUBTESSELLATUM
(Tav.
I,

Var.

TUBULOSA SaCC.

ag. 59).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Testa magis turrita
,

subtubulosa

fortiter scalarata.

Sulcus subsuturalis
et

parum

profundus, ad suturam appropinquatus. Plicae longitudinales sat crassae

perspicuae.

Long. 40

Mm.

Lat. 6

Mm.
(La Morra) (rara).
al

Elueziano:

Colli torinesi

Osservazioni.

Questa rara forma costituisce passaggio

T.

neglectum var. ex-

pertusa per la crassezza delle pieghe lougitudinali.

Terebrum? Fuchsi R. Hcernes.


(1875. R.

HCERNES, Die Fauna dea Sohliers von OUnag.


HlERiVES ed .AUIN >ER, Gast. I
u. II

p.

348

(16).

Tav. XII,

flg.

2).

(188U. R.

Mioc Med.

stufe, p. 108, Tav. XII,

flg. 12).

T. Fuchsi var. pedemontana Sacc.


(Tav.
1,

tg.

61).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa minor,

minus

conica, magis turrita. Plicae longitudinales

minus numerosae,

elatiores. Ciigulum subsuturale aliquantuluni eminentius.

Elveziano: Colli torinesi


Osserv.azioni.

(rara). la

Ricorda alquanto

Terbra costellata Sow. del Miocene del Chili,


,

e la T. Iloernesi Betr. del Miocene d'Europa

ma
,

parmi specialmente accordarsi colla


a
cui quindi credo poterla meglio

Terbra Fuchsi R. Hcernes del Jliocene viennese


attribuire,

pur facendone notare


di caratteri

le

numerose

differenze.

Le forme

in questione presentano

un insieme

che lasciano qualche dubbio sulla collocazione subgenerica.

Terebruii? Hcernesi (Beyr.).


(1854. Die Conchyl. d. Norddeulsch. Tert. Geb.,
p.

115.

Tav.

6,

fl;,'.

14).

Elveziano: Colli torinesi (non frequente).


Osservazioni.

Questa forma sembra collegarsi per diversi caratteri cogli Strioft'a


i

terbrum,

ma

per mancanza di vere strie tras verse pare doversi porre


si

Terebrum,
Il
ti-

tanto pi che

avvicina ad alcune variet di T. neglectum e di T. subtessellatum.


(fig.

Beyrich, fondando questa specie, ne d 2 figure


pica la
flg.

13, 14)
;

ed indica anche come


tali

30 di tav. 11 del classico lavoro di M. Hoernes

siccome

figure paionmi

rappresentare forme alquanto diverse, cosi prendo a tipo la figura 14 del Be'rich, constituisco della sua fig. 13

Sacc, e do il nome di var. excostellata Sacc. alla forma rappresentata da M. Hoernes come Terbra costellata Sow. (Foss. Moli. tert. Beck. "Wien, Tav. 11, flg. 30); le forme flgurate dal Beyrich ricordano per
una
var. pseudoplicata

assai la

Subula plicaria Bast., quindi maggiori riescono

le

incertezze sulla collocazione

subgenerica della Terbra Hcernesi.


T. Hoernesi var. striatellata Sacc.
(Tav.
I,

lg.

62).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Sulcus subsuturalis

parum profundus, interdum

suboblitus.

Transversim, striolae

pernumerosae, perappropinquatae, parvillim,ae, interdum, subblitae, conspiciuntur.


Elveziano: Colli torinesi (non frequente).
Osservazioni.

La presenza

delle

indicate
,

stride

trasverse parrebbe dover far

collocare queste forme fra gli Strioterebrum


4

ma

a notarsi anzitutto che queste strie

F. Sacco.

1847.

DESCRITTI DA

F.

SACCO
al

29

esame uou ha
Nella
di questa

alti'e strio trasverse che il solco subsuturale. Quanto Defr. ms. non credo possa essere assolutamente accettato, per quanto

nome

T.

undatum

sia di origine antica.

lista

sinonimica indicai pm-e alcuni autori che non accennarono alla presenza
per lasciare
il

forma nel Miocene piemontese

meno incompleta
port sinora.

la

sinonimia di

detta forma che credo debba abbandonare

nome che

Quanto

alla

somiglianza della forma in esame colla vivente T. pertusa Born

mi

pare che essa sia molto grossolana, poich la T. pertusa presenta ben visibili strie trasversali che invece

mancano

nella

forma

fossile in

esame, come pure in quelle ad essa

somiglianti.

Subv. LAEVisuLCOSA Sacc.

Sulcus subsutitralis minus profundus

in anfractu

ultimo suboblitus.
Elveziano: Colli torinesi
Osservazioni.
(rara).

Questa forma ricorda altre simili che furono indicate come variet
il

del T. subtessellatum, ci che ci pi'ova sempre pi

rapporto stretto esistente fra queste

due specie mioceniche.


T. NEGLECTtm var. cardjatoides Sacc.
(Tav.
I,

tg.

65).

Distiiguimt hanc var. a var. expertusa Sacc. sequentes notae:

minus elatae, ondulatiores, basim versus evoCingulum subsuturale depressius. Sulcus subsuturalis valde minus profundus, subevanescens. Sub laeve sulco subsuturali carinula depressa, serie plicarum ibi tiberculiformium constituta, conspicitur. Transoersim passim costicillae depressae.
Costulae long itudinales aliquantulum
nescentes.

Elveziano: Colli torinesi

(rara).

Terebrum postneglectxm Sacc.


(Tav.
1,

11-.

66).

Testa subparva, elongato-acuta, apice acutissima, scalarata. Anfractus subplanati,


szilcis

longitudiMlibus

undulatis, parvulis, pernumerosis, ornati.

Sulcus subsuturalis

profundus, usque ad aperturam productus. Cingulum subsuturale perplicatum, sat perspicuum. Apertura rectangularis. Labium externum simplex. Columella revoluta.
Long. 20-50 Jlm.
1814. 1820.
1825.

Lat. 5-9

'/j

I*Im.
foss. subap.,
p. 347-348-349.

Buccinimi slrigilatum Linn. \-&v.B BROCCHI, Conchiol. Terebra slrigilala Linn. v;ir. BORSON, Orili. Pieni.,

II,

p. 43 (222).

var. B BASTER!, Descr.gol. Bass. ieri. S. 0. Franca, p.53. Bast.var.B BONELLI, Cat. ms. Museo Zool. Torino. N 2664. MARCEL DE SERllES, Gng. ierr. t. Midi Fr., p. 124. Bas. Linn. var. BORSON, Cat. rais. Colt. min. Twin, p. 614. ya.v.B)Bast. BRONN, It. Ieri. Geb., p. 20.

var.
var.

B
B


)>

SISiMONDA, Sgn. melh.. ed., p. 41. NYST, Descript. Coqu. Polyp. foss. Belgique, p. 581. SIS.MOXUA, Sijn. melh., 2' ed., p. 28. BRONN, Ind. paleont., p. 1226.
l'

HCERNES;, Foss. Moli.

Ieri.

Beck. Wien,

p. 131, 132.

Moli. foss. Portugal, p. 80. COCCO'!:i\, En. Moli, niioc.plioc. Parmae Piac.,^.\3\.

DA COSTA,

LOCARD, Faune Ierr. tert. Corse, p. 52. PARONA, Piioc. Oltrep pavese, p. 56. SARTORIO, Colle S. Colombano, p. 12.
SACCO,
Calai, paleont. Bac. terz. Piem.,

N 3877.

30

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARII DEL PIEMONTE ECC.

Piacenziano: Astigiana, Vezza d'Alba, Villalvernia, Volpedo (M. Brizzone), SavonaFornaci, R. Torsero (non raro).

Astiano: Astigiana, Colli braidesi, Piacentino (frequentissimo).

che colla figura della

Avendo potuto confrontare numerosi esem]jlari sia col T. neglectum, tipica var. exj'ertusa di Saucats, mi convinsi non potersi essi affatto unire sotto uno stesso nome; ed anzi, per quanto esistano forme intermedie di collegamento, credo poter attribuire alla forma pliocenica in esame un nuovo nome specifico,
Osservazioni.
distinguendosi essa assai

bene dalle forme sovi'accennate,


piccolezza ed
il

sia per la

forma del cingolo

subsuturale, sia specialmente per la


longitudinali
,

numero

straordinario di pieghettature

per cui essa

si

avvicina moltissimo invece al T. subtessellatuv. D'altronde


stretto, tant'

credo che queste varie specie siano tra loro collegate da un nesso assai
attribuibilq a questa forma, tra
il

che

troviamo diverse forme transitorie. Nella raccolta Michelotti del Museo di

Roma

trovai

un esemplare, che pare


il

fossili

elvesiani di Torino,

ma

materiale marnoso involgente

fossile e lo stato della

conchiglia mi fa dubitare mol-

tissimo che

non

si

tratti di fossile elveziano.

T. postneglectum var. subtessellatoides Sacc.


(Tav.
1,

lig.

67).

Distinguunt liane vai: a specie typica sequentes notae:


Testa magis turrita
,

suhtubulosa. Plicae

longitudinales evidentior^s. Sulcus

siib-

suturais

minus profimdtis.

Long. 45

Mm.

Lat. 8

Mm.
si

Piacenziano: Vezza d'Alba (rarissima).


Osservazioni.

non

Questa forma, che probabilmente rappresenta solo un'anomalia,


al

avvicina molto ad un'altra, pure probabilmente anomala, cio

T.

subtessetlatum var.
al

tubulosa; d'altronde diversi caratteri fimno avvicinare


sellatuni pi che
al

la

forma in esame

T. subtes-

T. neglectum.

T. postneglectum var. cingulatoides Sacc.


(Tav.
I.
tiif.

G8j.
:

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae

Cingulum subsuturale
Tortoniano:
S.

elatius,
fossili,

subrotundatum.

Agata

Stazzano (rara).

Piacenziano: Astigiana, Vezza d'Alba (non rara).


Astiano: Astigiana (frequente).
Osservazioni.
ci
si

Questa forma mostra qualche tendenza verso


tale carattere di
le specie di

il

T.

cingulatum;
rilevato
ele-

non ha per grande importanza, poich


al

un cingolo alquanto
che
il

osserva in qualche esemplare di quasi tutte

Terebrum, e se credetti
fatto

vare

grado di specie

il

T.

cingulatum

ci fu solo

pel

carattere in que-

stione raggiunse nel

Tortoniano un'importanza straordinaria, notevolissima.


T. postneglectum var. subexpertusa Sacc.
(Tav.
I,

fig.

69).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Plicae longitudinales crassiores, distantiores,

numero minores.

Tortoniano: Stazzano (rarissima).

Piacenziano: Astigiana (rarissima).


Astiano: Astigiana
(rara).

DESCRITTI DA

F.

SACCO
del
T.

31

Osservazioni.

forse

una forma atavica

negledum, specialmente della

sua var. expertusa, tanto che rimani' alquanto incerta la sua collocazione specifica.

Terebrum cingulatum
(1882.

(Foe.).
p. 15.

FORESTI, Conirib. Conchiol.

lerz.

il.,

Tav.

II,

flg.

5,

6).

Tortoniano: Montegibbio, Stazzano (non raro).

Piacenziano : Bene-Vagienna
Osservazioni.

(raro).
il

cos notevole

cai'attere distintivo di questa forma,

che credo
esemplari

doverla erigere a specie, tanto pi che

l'osservai

assai frequentemente. Gli

che esaminai finora non raggiungono


quasi tutti hanno

le

dimensioni di quelli figurati dal Foresti, inoltre

solchi longitudinali

meno

accentuati, passando alla variet seguente.

In alcuni esemplari del Tortonese osservasi la conchiglia colorata in rossiccio od in roseo.

(S.

forse questa la

forma indicata dal Doderlein nel suo catalogo come

T.

murina
5402).

Agata

e Montegibbio) (1890, T.

murina Bast.

var.

Sacco, Catal. paleont.,

Parrebbe anche doversi attribuire ad una forma simile

alla descrittala Terebra

pertusa

var. crlspata Segu. (Seguenza, Formaz. terz. prov. Eeggio, 1880, p. 107) del

Tortoniano

di Calabria. Anzi se tale identificazione fosse sicura, la forma in esame dovrebbe considerarsi

come

T. crispatum (Segu.). Nel dubbio adotto per ora

il

nome

fondato sopra

esemplari figurati.

Anche
cos
il

nel Miocene fuori d'Italia riscontransi forme alquanto simili a quella in esame,

T. subplicatulum (D'Ore.) (Terebra pilicatiila Lk., secondo


.35,

Grateloup
T. histrio

Atlas

conchyl. PI.
fossile,

fg.
il

32

6).

Tra

le

forme viventi,

che meglio

si

avvicinano a questo
il

notiamo

T.

puldiellwm Desh. dei mari della China ed


T. cingulatum var. perlaevigata Sacc.
(T.iv.
I,

Desh.

flg.

70).

Distinguunt liane var. a


Testa

sjjecie tijpica

sequentes notae:
subobliti.

aliquantulum minor.

Sulci longitudinales nulli vel

Anfractus

laeviores et cingiilnm subsuturale etiam laevius.

Long. 25-35

Mm.

Lat. '^-l

Mm.

Tortoniano: Montegibbio (non rara).

Terebrum
T.

del

Piemonte

si

possono raggruppare in due serie principali, una atT.

torno al
al

subtessellatum ed una attorno al

acumnatum:
China,
del
T.

quest'ultima

si

continua

giorno
col

d'oggi
T.

col

T.

flammeuvi Lk.

della

Giappone e dell'Australia,
di

nonch

suhulatum L.
i

delle Isole Filippine e col

formosum Desh.

Panama.

Presento in via provvisoria

seguenti quadri d'assieme delle forme sopraccennate.

32

3
a. e

o a a e

_ S -2

'S '

DESCRITTI DA

F.

SACCO

33

Sottog.

STKIOTEREBRUM
longitudinaliter

Sacco, 1891.
,

Testa

turrita.

Anfractus

costulati

transversim striolati

sulco

transverso subsuturale (sat profundo) ornati.

Quantunque riconosca

esistere

numerose forme di passaggio fra


tali strie, tuttavia
il

le

Terebre solcate

da

strie trasversali e le

Terebre senza

carattere delle striature tra-

sembrami tanto importante che, considerando nel complesso questo distintivo, credo di cui costituisco come tipo lo S. Basteroti Ntst. In potervi fondare un sottogenere questo sottogenere vengono a collocarsi numerosissime forme viventi cos lo S. undusverse
,

latum Gray,

lo S.

nebulosum Sow.,
flavum Gray,

lo S.
lo S.

columellare Hind.,

lo 8.

affine

Gray

lo S.

dislocatum Sat,

lo S.

petyverianum Desh.,

ecc. ecc.

Strioterebrum Basteroti (Nyst).


(Tav.
1801.
II,

flg.

I).

Buccinimi duplicalum Linn. {Strombiles, II) BORSON,



Ad

Oryct. Ped.Aucf., p. 175.


II,

1814. 1820. 1825. 1827. 1829. 1829.

Terebra duplicata

Xa?w/i. v;ir.

De Bast.
Linn.

BROCCHI, Conchiol.

foss. strbapp.,

p.

347?

1830.
1831.

Bronn
Bast.

1831. 1836.
1840.

BORSON, Oriti, pieni., p. 44 (223). hk^l^KOT, Descript. gol.B.tert.S.O. Franca, Tp.?>'. BONELLI, Ca/. 7HS. iUmwo20oZ. Torino. N 2077, 2078. DE SERRES, Geogn. terr. tert., p. 124. DEFRANCE, Dici. Se Nat. Tom. 58, p. 287. BORSON, Cat. rais. Coli. min. Twin, p. 614. DUBOIS DE MONTPREUX, Cowe/i. /bss. W.Pod., p. 25. BRONN, It. tert. Geb., p. 21.
PHILII'PI, En. Moli. Sic, p. 227.

Lam.

1841.
1842.
1843. 1847. 1847.

GRATELOUP, Ali. Conch. terr. te7-t. Adotcr.F. 35, CALCARA, Conch. foss. Altavilla, p. 64.
SISMONDA, Si/n. meth., \' ed., p. 41. NYST, Bescr. Coqu. polyp. foss. Belg., p. 582. SISMONDA, Syn. meth., 2' ed, p. 27. MICHELOTTi, Foss. Mioc, p. 214. BRONN, Ind. Pai., p. 1225. D'ORBIGNY, Prodr. Pai. str., III, p. 88. HCERNES, Foss. Moli. tert. Bech. Wien, p. 32, DA COSTA. Gaster. dep. fere. Portugal, p. 80.

t\2i.

Basteroti

Nyst.
Lh.

duplicata

1818. 1852. 1856. 1867. 1877.

Basteroti

Xyst.

1879.
1881.

1890.

duplicata Lk. var.

33. COCCOLI, En. Moli. mioc. plioc. Parma e Piac.,'p.\3\. SARTORIO, Colle di S. Colombano, p. 12, 13. FONTANNES, Moli, plioc. Valle Rhne, p. 125. SACCO, Calai, paleont. Bac. terz. Piem. N" 3872.
il

N. B.
il

Gli autori citati in questa sinonimia (eccetto

Tontannes) non distinsero

tipo elueziano dallo 8. pliocenicum,.

Elveziano: Colli
Osservazioni.
lissima.

torinesi, Sciolze,

Baldissero (frequente).
i

Si

trova in quasi tutti


il

piani del Miocene, e


.fatto di

si

mostra variabi-

certamente da abbandonarsi

riferimento
il

questa specie alla T. dupli;

cata L., che assai diversa. Giustamente

Nyst

corresse questa determinazione errata

notiamo
fond
la

solo

come

egli,

quantunque indicasse

citazioni di

forme mioceniche e plioceniche,


il

sua

specie

su frammenti di Bolderberg, quindi


le

tipo dello 8. Bastei-oti

miocenico; d'altronde
esemplari miocenici

prime figure che furono date di questa specie rappresentano


Foss. Moli.

Hoernes,

Wien. Beck. Tav.

11, fig. 27,

28

.
il

causa della grande variabilit dello 8. Basteroti riesce alquanto incerto

pre-

cisarne la forma tipica.

Nel Miocene piemontese sono specialmente frequenti

le

forme

34
molto
strette

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIAEII DEL PIEMONTE ECC.


le

ed allungate e

forme fusoidi
I,

(simili

ca

quelle
il

figurate

dal Dubois

de

MoNTPEEEUx

Conch.

foss.
il

Wolliin. Tav.

fig.
,

41

).

Per

Ntst, istituendo

la specie,
,

nella sinonimia

non

cita

lavoro del Dubois

quantunque pubblicato nel 1831


e del

ma

bens quelli del Brocchi, del Broxn, del


solo
PI.
il

Basterot

Gratelodp;

di questi autori

Grateloup pubblic una


,

figura della specie in esame

Conchyl. bass. Adour.


,

35

fig.

24

Orbene detta figura rappresenta un esemplare subconico


fig.

come subio adotto

conico pure quello della

27 dell'HoERNES
,

quindi per tipo della specie


flg.

una forma

di

media grandezza

subconica, simile a quella della

27 (tav.

XI,

delri-

l'HoERXEs, essendo

la figura del

Grateloup

troppo infelice per essere presa a tipo

guardo all'ornamentazione.
S.

Basteroti var. taueofusoidea Sacc.


(Tav.
II.

tig.

2).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa plerumque minor, subfusoidea,

minus

conica. Flicae longitudinales

plerumque

propinquiores

et costicillae transversae

magis perspicuae.

Long. 9-22

Mm.

Lat, 3-6

Mm.
il

Elveziano:

Colli torinesi, Sciolze, Baldissero (frequentissima).

Osservazioni.
tipo; ci pare
si

Questa forma comune tanto quanto

tipo e forse

anche pi del
ci

verifichi

anche altrove, poich


I, fig.

il

Dubois de Montpreux

d una
,

figura (Conchiol. foss.

Wolh., tav.

41) che incorda molto questa variet

e che

fu dal D'Orbignv denominata Terebra volhynia D'Orb.

La

variet in esame
S.

si

collega gradatamente alla forma tipica.

Basteroti var. parvonassoides Sacc.


(Tav.
II,

ag.

3).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Testa valile minor, fusoidea, subnassoides. Costae longitudinales valde depressiores;
sulci transversi sat profundi. Anfractus laeviter subinflati.

Long. 8

Mm.

Lat. 3

Mm.

Elveziano:

Colli torinesi (rarissima).

Osservazioni.

Questa forma, che parrebbe quasi doversi considerare come specie

a parte, potrebbe forse rappresentare solo un individuo giovane della var. tauro fusoidea, motivo per cui la tenni solo al grado di variet.
S.

Basteroti var. longissima Sacc.


(Tav.
Il,

fig.

4).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Testa gracilior,

minus conica; anfractus


Lat. 3-5

laeviter svhconvexi.

Long. 15-30

Mm.

Mm.
collegasi gradatamente sia colla specie tipica

Elveziano: Colli torinesi (frequente).


Osservazioni.

Anche questa forma

sia colla var. taurofusoidea.


S.

Una

variet simile trovasi pure fra le forme plioceniche.

Basteroti var. densecostata Sacc.


(Tav.
li,

tig.

5).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae: Testa plerumque aliquantulum minor. Costae longitudinales propinquiores, deinde
sulculi transversi

minus

visibiles.

Sulcus susuturalis interdum minus profUulus.

DESCRITTI DA

F.

SACCO

35

Long. 11-20

Mm.

Lat. 3-5 Min.

Elveziano:

Colli torinesi (frequente).

Osservazioni.

Questa t'orma ricorda alquanto


6, fig.

la

Terebra Hoernesi Beyr. (Conch.


la

Norddeutsch., p. 115, tav.

14

1854),

ma

se

ne distingue per

presenza, quan-

tunque poco marcata, di solchi trasversi che appaiono fra


poi

le coste longitudinali.

Quando

mancano

affatto le strie trasverse l'identit colla

T.

Hoernesi quasi

{perfetta, e le

forme parrebbero dovetesi attribuire a qualche variet di T. neglectum o di T. subtessellatum. Alcuni esemplari di questa variet sono forse individui giovanili.

Subv. LONGiusctJLA Sacc.

Testa perlongata,
'j^

minus

conica, gracilis, subturnta.

Long. 15-28

Mm.

Lat. 3-5

Mm.

Elveziano: Colli torinesi (frequente).

Tortoniano: Stazzano (rarissima).


S.

Basteroti var. astriolata Sacc.


(Tav.
Il,

tg. 6).

Distinguunt hanc var, a specie typica seqiientes notae:


Testa plerumque minor. Costae longitudiiales propinquiores
,

saepe subcontiguae.

Sulcus subsuturalis minus profundus


transversae ion visibiles.

Inter costas longiticdinales punctiformis. Striae

Long. 18-20
Elveziano:

Mm.

Lat. 4-5

Mm.

Colli torinesi (alquanto rara).

Osservazioni.
1

Questa forma rappresenta un passaggio fra


ultimo sottogenere che
si

gli

Strioterebrum ed
,

Terebrum

anzi in questo
suoi

dovrebbe collocare

se

non

si

accordasse in tutti

caratteri collo S. Basteroti e se


il

non

si

osservassero forme di

collegamento fra questa variet ed

tipo.

Alquanto
p.

affine

sembra essere

la

Terebra foveolata Beyr. (Conch. Norddeutsch.,


S. Basteroti.

118, tav. 6, fig. 15

1854), che probabilmente solo una variet di

S.

Basteroti? var. terebrocingdlata Sacc


(Tav.
II,

nn. 7).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Costae longitudiiales aliquantulum dejiressiores. Sulcus subsuturalis a sutura distantior, deinde

cingulum subsuturale valde

latius et regio visibilis

anfractuum minar.

Costicillae et sulci trans versi subobliti vel nulli.

Long. 24

Mm.

Lat. 6

Mm.

Elveziano: Colli torinesi (rarissima).


Osservazioni.

Questa forma per alcuni caratteri ricorda variet di


a variet

Terebrum,

duplicatum

L., per altri avvicinasi


il

(p. es. var. neglectocingulata) di T. sub-

tessellatum, per

suo assieme invece pare accordarsi specialmente colla S. Basteroti

(in

modo

particolare colla sua var. pseudoterebrum e cingulocrassa), solo le


le costicille trasverse.

mancano quasi
le

assolutamente

quindi con incertezza che pongo questa forma fra

gli Strioterebrum, e la

pongo

sia

perch ebbi ad osservare come gradualmente


il

forme

di questo sottogenere possano perdere


essa
si

carattere della striatura trasversale, sia perch


;S'.

collega

con alcune variet di


trattisi

Basteroti

sia

perch

il

possederne un solo
Altri forse po-

esemplare mi fa supporre che

soltanto di

una forma anomala.

trebbe farne una specie, in causa dei suoi caratteri cos spiccatamente distintivi.
:;

F. Sacco.

36

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARII DEL PIEMONTE ECC.

S.

Basteroti var. sdbneglectoides Sacc.


(Tav.
II,

(g.

8).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Costae longitudinnles crassiores, 7iumv.ro minores, distantiores. Costicillae transversae

parvillimae, perdepressae, passim suhoblitae.

Elveziano:

Colli toinesi

(non rara).

Osservazioni.

notevole

come

le

forme a coste longitudinali distanti presentino

generalmente

la solcatura trasversale assai

nelle variet a poche coste dello S.

poco marcata; questo fatto osservasi anche pUocenicum. Quindi queste forme costituiscono quasi

un passaggio

al

T.

neglectum, specialmente alla sua var. expertusa.

Subv. cristulata Sacc.

Costae longitudinales valde elatae, subcristatae.

Elveziano: Colli torinesi (non rara).


S.

Basteroti var. pseudoteeebrum Sacc.


(Tav.
II,

fig.

bis).

Distinguitur haec var. a var. subneglectoides sequente nota:


iSulcali et costicillae transversae nullae.

Elveziano:

Colli torinesi, Sciolze (non rara).

Osservazioni.

Questa forma, che

ci

rappresenta esagerati, direi,


i

caratteri della

var. subneglectoides, parrebbe quasi doversi porre fra

TerehriLni, se la

massima parte

dei suoi caratteri non la collegasse allo S. Basteroti.


S.

Basteroti var. asulcoterebra Sacc.


(Tav.
II,

flg.

9).

Distinguunt haic var. a var. subneglectoides sequentes notae:


Costae longitudinales aliquantuluni depressiores
nullae. Sulcus subsuturalis
et distantiores.

Strias transversae

parum profundus, passim


(rara).

sidjoblitus.

Elveziano: Colli torinesi


S.

Basteroti var. asdlcodertonensis Sago.


(Tav.
II,

flg.

10).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa

non

scalarata. Costae longitudinales latiores, depressiores, suhcontiguae. Cin-

gulum

subsuturale latius sed depressius, magis depresse plicatum. Sulcus subsuturalis


,

parvulus, suboblitus
suhobliti,

interruptus

inter costas punctiformis. Sulculi transversi nulli,

passim

subvisbiles.

Long. 28

Mm.

Lat. 8

Mm.
si

Tortoniano: Stazzano (rara).


Osservazioni.

Questa forma

collega colle var. subneglectoides, asulcoterebrum,

ecc., costituendo cos anello di passaggio ai veri

Terebrum.

S.

Basteroti var. cingulocrassa Sacc


(Tav.
I[,

flg.

il).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa aliquantulum
elatius,

minus conica

magis turrita. Cingulum subsuturale crassius,

subrotundatum. Sulcus subsuturalis sat profundus.

Long. 30

Mm.

Lat. 5

Mm.
Stazzano (rara).

Tortoniano: S. Agata

fossili,

DESCRITTI DA

F.

SACCO
lo
^S".

37
Basteroti

Osservazioni.

Nel complesso vapprcseuta quasi un passaggio fra

e lo 8. pliocenicum.
nelle

notevole

come l'ingrossamento

del cingolo

si

incontri specialmente

forme tortoniane di diverse specie (ricordisi particolarmente il Terbrum cingulatum FoR.), ci che deve essere in rapporto con speciali condizioni di vita verificatesi
il

in certe regioni durante

periodo tortoniano.

Quando questo

carattere del cingolo in-

grossato diventa pi accentuato la forma in esame tende a col legarsi allo 8. ScarabelU.

Strioterebrum exbistriatum Sacc.


(1856.

M. HCERNES {Terebra bistriata Ghat.) Moli. Foss. Wien. Bech.,

p. 134, tiiv. 11, ty. 29).

Osservazioni.

Credetti dover cangiare

nome a questa

forma, poich essa molto

diversa dalla tipica Terebra bistriata Grat.; se ne distingue infatti a primo tratto per
la presenza del solco subsuturale e per le grosse coste longitudinali. Forse rappresenta

una forte variazione dello S. Basteroti. Questa specie trovasi nel bacino viennese sia neWElveziano, sia, e specialmente, nel Tortoniano. Noto poi come la forma indicata dai sigg. R. Hoernes ed Auinger nel 1880 come Terebra bistriata Grat. non ha pi che fare col tipo scalarato di M. Hoernes e sembra solo una variet di S. Basteroti.
solo
S.

exbistriatum var. parvolina Sacc.


(T^iv.
II,

tg.

12).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa minor,

minus

elongata, magis conica.

Elveziano: Colli torinesi (rarissima).


Osservazioni.

L'esame di questa forma mi convinse sempre pi che


che una derivazione dello
S. Basteroti.

lo

<S'.

exbi-

striatum non

rappresenta altro

Strioterebrum Scarabelli (Dod.).


(Tav.
(1862.
(187(5.
Il,

Ilg.

13).

DODERLEIN, Cenni
COPPI,

giac. terr. mi<ic. Italia centr., p. 23).


p. 6).

Framm.

palcont. inoden..

Testa subparva, conica-turrita, Costae Longitiidinales crassae, elatae, subrotundatae,


inter se sat distantes, in anfractu ultimo (interdum laevissime subanguloso) 10-12 circiter.

Cingulum subsuturale percrassum, elatum,


Apertura subconstricta.

crasse plicatum. Sulcus subsuturalis

parvulus sed sat profundus. Sulci transversi numerosi, plus minusve profundi, super
costas subobliti.

Long. 20-26
187G.

Mm.
Agata

Lat. 6-7

'/j

Mm.
lerz.

Terebra Scarabelli Dod.


S.

SACCO, fa fai. paleont. Bac.


Montegibbio,
si

Piem. N" 5403.

Tortoniano:

fossili,

S.

Maria (non

rara).

Osservazioni.

Questa forma

collega collo 8. Basteroti, di cui rappresenta cer-

tamente una variazione assai notevole e quindi degna di essere considerata come specie pare caratteristica del Tortoniano in tutta l'Italia. Anche in questo caso osa parte
-,

serviamo

ci

che

gi osservammo altre volte,

come

nelle Terebre ed in altri fossili

tortoniani esista una grande crassezza della conchiglia in generale e del cingolo subsuturale in

modo

speciale.

Anche

lo 8.

cwneanum

in stretti

rapporti

colla specie in

esame, collegandosi specialmente colla sua var. sub 8car abelli. Lo 8. Scarabelli passa gra-

datamente

allo 8. Basteroti

per mezzo della var. cingulocrassa di quest'ultima specie.

Feci figurare un esemplare tipico della collezione Doderlein, inviatomi gentilmente


dal Prof. Pantanelli.
Il

Coppi pare abbia preso per tipo di questa specie forme che
Il

si

collegano specialmente collo 8. cuneanum.

Coppi nel citato lavoro

istituisce

pure una

38

MOLLUSCHI DEI TERREXI TERZIARII DEL PIEMONTE ECC.


,

Terebra bellardiana

che dice essere somigliante

alla

T. Scarabelli;

non

riescii

di

comprendere dalla descrizione a quale forma egli accenni.


Testa magis turrito-elongata ; Subv. TURHicuLATA Sacc. terdum propinquiores. Long. 25 Mm. Lat. 6 V2 Mm.

costae longitudinales in-

Tortoniano:

S.

Agata,

S.

Maria, Moutegibbio (rara).

Strioterebhum cuneanum (Da Costa).


(1867.

PEREIRA DA COSTA.
S.

Gaster. dos depox. terc de Portugal, p. 85, tav. XIII,


S.

flg.

13a,6).

Tortoniano:
rebra cuneana

Agata,

Maria

(rara).

Osservazioni.

interessante trovare in Italia Da Costa del Miocene del Portogallo.


S.

esemplari quasi identici alla Te-

CUNEANUM

var.

subScaeabelli Sacc.
II,
fljr.

(Tav.

14).

Distinguimi liane var. a specie typica sequentes notae:


trali infera

Cingulum subsuturale aliquantulum crassius et elatius. Anfractus in regione venminus angulosi, plicis nodulosis aliquantulum crassioribus ornati.
Tortoniano:
S.

Maria

(rara).
la base,

Osservazioni.
costituisce

Questa forma, per avere gli anfratti meno angolosi verso


allo S.

un passaggio

Scarabelli.

Strioterebrum pliocenicum (Font.).


(Tav.
(1881.
il,

lg.

15).

FONTANNES,

Gaster. plioc Valle Rhne, p. 125,


L. {Sirombites,

126, tav. VII, flg.

19).

1801.
1814. 18^0. 1825.

Buccinum duplicaltim

Terebra dvplicata

11) BORSON, Onjct. Perf. p. 175 (pr parte). BROCCHI, Conch. foss. subapp., II, p. 347.

BORSON, Oria.

Pieni., p. 44 (223) (pr parte).

1826. 1827. 1829. 1829. 1830. 1831.

BASTEROT, i)e.w.(7eoZ.. .9.0. Fmwce, p. 53 (pr parte). Bast. BONELLI, Cai. ms. Museo zool. di Torino. N 300. Lh. var. N" 2077. DE SERRES, Geogn. terr. lert., p. 124.

De

Bast.

Linn.

De Bast.
Bast.

1831.

1836.
1840.
1842. 1843. 1847.
1847.

Lk.

Basteroli Nysl.

duplicata

Lh.

1848.
1852.

Basteroli

Nyst.

astezana
Basteroli

D'Orb.
Nyst.

1856. 1867. 1872. 1873.


1877. 1878. 1879.

duplicata Bast. Basteroli Nyst.

PHILIPPI, En. Moli. Sic, p. 227. QRATELOUP, Alias Conchyl. Adoitr. Pi. 3 (pTOTpa.Tte). SISMONDA, Si/n. mrth., ed., p. 41. NYST, Besc. Coqu. rolijp. foss. Belg., p. 582 (pr parte). SISWONDA, Sijn. meth., 2- ed., p. 27. MICHELOTTI, Foss. Mioc, p. 214. BRONN, Ind. pai., p. 1225 (pr parte). D'ORBIGNY, Prodr. Pai. Slrat. T. p. 176 HCERNES, Foss. Moli. Ieri. Becli. Wien., p. 132, 133. DA COSTA, Gasler. dep. fere. Portugal, p. 20 (pr parte). HCERNES, Mioc. N. Deutsch. Fauna, p. 186. OOCCONI, En. Moli. mioc. plioc. Parma, ecc., p. 131. FISCHER, Pai. ter?: tert. Rhodes, p. 29. PARONA, Plioc. Olrep pavese, p. 56.
!
III,
(?).

DEFRANCE, Dict. Se. Nat. Tom. 58, p. 287 (pr parte). BORSON, Calai, rais. Coli. min. Twin, p. 614. DUBOIS DE MONTPREUX, Cowc^./om. WoZ/i.-P., p. 25. BRONN, It. Tert. Geo., p. 21.

~-

SARTORIO,
SACCO,

Colle di S. Colombano, p. 12, 13.


Plioc. Borzoli,^.2.

1890.
1890. 1890.

D^hLk C\MPm\, Cenni paleont.

var.

duplicata Lh.

Calai, paleonl. Bac. terz. Pieni. N" 3880, 5401.

>>

N" 3872.

DESCRITTI DA

F.

SACCO

39

Tortoniano

Stazzano (rarissima).

Piacenziano: Astigiana, Castelnuovo d'Asti, Viale, Vezza d'Alba, Cherasco e Cervere,


Masserano, Codevilla, Voi pedo, Liguria? (frequentissima).

Astiano: Astigiana, Ponte dei Preti presso Ivrea, Salmour (frequentissima).


Osservazioni.
se questo

Questa forma dovrebbe ricevere


fosse

il

nome

di S.

asfezanum (D'Orb.)

nome non
il

che nominale e quindi privo d'ogni valore, tanto pi che

nel Pliocene astigiano sonvi tante forme attribuite sinora allo S. BasteroU, che sarebbe
arbitrario dare

nome
,

di

astezanum

piuttosto

ad una che ad un'altra forma.


,

La forma
seguito da

indicata

considerata nel suo assieme

assai diversa dallo S.

BasteroU

tipico miocenico, specialmente per

mole maggiore, solco subsuturale pi profondo e non


(come spesso
si

una

serie di piccoli incavi

osserva nelle specie mioceniche),

solchi trasversali pi numerosi, pi avvicinati, pi profondi, intersecanti nettamente le


coste

longitudinali
la

ecc.;

esistono

tuttavia numerosi passaggi che collegano perfetta,

mente

forma miocenica tipica a questa pliocenica


potrebbe

la

quale a sua volta

si

avvicina

alquanto a forme viventi, per esempio, allo S. nebulosum Sow. dell'Oceania e dell'Africa
orientale. Altri quindi
riet dello S. BasteroU.

considerare la forma pliocenica in questione

come va-

Nel Tortoniano di Stazzano osservai individui giovani che

potrebbero forse essere giovani dello S. pUocenicum;


S.

ma

ci

rimane per ora dubbioso.

PLiocENicuii var. alternicostulata Sacc.

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Inter costicillas parvillimas transversas interdum 3-5 costicillae crassiores
et elatiores

Piacenziano: Vezza d'Alba (rarissima).


Astiano: Astigiana (rarissima).
S.

PLiocENicuM var. pertorquata Sacc.

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Sulcus subsuturalis perprofundus, deinde cingulum subsuturale p>erdistinctum.

IHacemiano: Vezza d'Alba, Bussana


Astiano: Astigiana (non rara).
S.

in Val Taggia, Bordighera (non rara).

PLiocENicuM var. pseudolaevis Sacc.

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Costae longitud. plerumque nuynero minores, distantiores. Sulci transversi subobliti.

Astiano: Astigiana (non rara).

Osservazioni.

Questa variet

oltre a collegarsi

colla

var. plioparvecostata

si

avvicina assai allo S. Basteroti var. svneglectoides e rappresenta anzi una di quelle forme

che farebbero considerare

lo
;

S.

pUocenicum. come variet dello

S.

BasteroU piuttosto
loro assieme

che non una specie a parte

solo

esaminando queste varie forme nel ho adottato.

che

credetti fare la distinzione specifica che

S.

PLiocENicuM var. plioparvecostata Sago.


(Tav.
II, fig.

16).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Costae longitudinales crassiores, latiores,

minus numerosae.

Costicillae transversae

interdum minus

visihiles.
'

Piacenziano: Vezza d'Alba (rara).

Astiano: Astigiana (non rara).

40

MOLLUSCHI DEI TERRE>a TERZIARII DEL PIEMONTE ECC.

S.

PLiocENicuM var. pyrajiidalis Sacc.


(Tav.
II,

flg.

17).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Testa magis acuto-conica,

non

scalarata.

Cingula subsuturalia depressiora, minus

granulata. Costae longitudinales interdum

rariores.

Piacenziano : Viale presso Montata


Astiano: Astigiana (rara).

(rara).

S.

pliocenicum var. perplicatoconica Sacc.


(Tav.
I,

tg.

18).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa minor, magis conica. Costae longitudinales propinquiores , depressiores ; sulci
transversi

minus

visibiles.

Long. 25

Mm.

Lat. 6

Mm.

Astiano: Astigiana (rara).


Osservazioni.

Si avvicina alquanto per alcuni caratteri alla var. pyramidalis.

S.

pliocenicum var. depressicostata Sacc.


(Tav.
Il,

tg.

IO).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Costae longitudinales depressiores, graciles, interdum in anfractu ultimo svhdblitae.

Piacenziano: Vezza d'Alba, Villalvernia (non rara).

Astiano: Astigiana (non rara).


Osservazioni.

Una

variazione simile riscontrasi comunemente nello S. reticulare,

costituendo la var. depressiplicata.

S.
(1881.

PLiocENicmi var. subcancellata (Bag.).


Moli. mior. plioc.

BAGATTA, Agg. Ennm.

Pmina e

Piacenza,

p. 26, flg. 12).

Astiano: Castellarquato (rara).


Osservazioni.

Dall'esame

degli

esemplari

tipici

gentilmente comunicatimi dal

Bagatta

potei constatare

che

la

sua Terebra subcancellnta uno Strioterebrum molto

affine allo St.

pliocenicum, di cui probabilmente una variet;

ma

detti esemplari sono

assai guasti e forse giovani.

Strioterebrum reticulare (Pecchigli m.


(Tav.
(1875. (1881.
II,

s.).

tg.

20).

SEGUENZA,

S/icdi strn/iyr. formaz. plioc. COPPI, Paleont. modenese, pag. 40). S.

II.

mcrid.

Boll.

Coni. gcol.

il.,

p. 278).

Distinguunt liane speciem a


Testa saepe major. Costae

Basteroti sequentes notae:


saepe propinquiores
,

longitudinales

sat

numerosiores.
et

Sulcus subsuturalis profundlor. Costicillae transversae valde elatiores


intercidentes, deinde testai superflcies subreticularis.

evidentiores

(interdum subbifldae, interdum, perparvulae crassioribus alternae), costa longitudinales


Long. 25-60

Mm.

Lat. 5-11

Mm.

DESCRITTI DA

F.

SACCO

41

F < riii a
(Tav.

u T e n i 1 1 s.
fig.

II,

21).

Testa parva, conico-fusoidea


Long-. 8-25

sulci transversi

mnus profundi.

Mm.
la

Lat. 3-5

Mm.

N. B.

Per

sinonimia vedi quella dello S. pliocenicum (Font.).

Tortonano: Stazzano. Montegibbio (rara).

Piacenziano : Astigiana, Priraeglio, Castelnuovo d'Asti, Villalvernia, Vezza d'Alba,

Salmour (V. Stura


Osservazioni.
iu comunicazione

di Cuneo), Volpedo, R. Torsero,

Albenga, Zinola (frequentissima).

Astiano: Astigiana, Ponte dei Preti presso Ivrea (frequente).

Dalla collezione del R. Museo geologico di Genova

mi pervenne

un esemplare

di R. Torsero presso Ceriale, coli 'indicazione

Terebra

reticularis Pecchigli

e quindi conservo tale

nome, tanto pi che

esso

veime pur con-

servato dal Sequenza, che ricevette dal


e coli 'indicazione

Lawley una forma

simile con detto

nome m.

s.

che
si

la

determinazione era del Pecchioli.

Questa forma

collega molto bene collo S. pliocenicum (per

mezzo

di forme a coste

longitudinali pi distanti ed a strie trasversali


var. cancellatoidea (per
vate), tanto

meno

profonde) ed insensibilmente colla


ele-

mezzo di forme a coste longitudinali pi numerose e meno


il

che non sempre riesce sicuro

collocamento di certi esemplari piuttosto in


tipo della
fii

una che in un'altra forma. Non avendo avuto in esame il ne ho costituito come tipo l'esemplare di R. Torsero, che
cularis Pecch.; per dal

forma in questione,

identificato colla T. reti-

nome

dato alla forma dal Pecchioli e dall'esame di

un gran

numero
meglio

di esemplari eredo poter arguire

che

il

tipo di questa specie presentasse pi

numerose e pi piccole
si

coste longitudinali che

non l'esemplare

di R. Torsero^ e quindi

collegasse alla var. cancellatoidea.


agli esemplari, che io credo giovani, della
S.

Quanto

forma in esame,

forse essi

non sono
rari
loro

sempre ben distinguibili da quelli dello


nel Tortoniano.

pliocenicum. Noto come

essi

non siano

Grande

variabilit presentano le costuline trasverse riguardo alla

grossezza, altezza, distanza reciproca, ecc., tanto che diffcile


identici.
Il

trovare due esemplari

Ne

indicai solo le variazioni pi spiccate.

DoDERLEiN

Cenni sulla giac. dei

terr.

mioc. dell'Italia centrale, 1862, pag. 23


S.

indica la Terebra Basteroti


dello S. reticulare o di

come comune a Montegibbio ed a


affine.

Agata; forse

si

tratta

una forma alquanto

S.

RETICULARE Var. TURRITORETICULARIS SaCC.


(Tav.
II,

flg.

22j.

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa longior
,

minus conica

turrita. Costae longitudinales

interdum parvuliores,

lroximiores, nmnerosiores.

Long. 45-50

Mm.

Lat. 7-8

Mm.
(rara).

Piacenziano: Castelnuovo d'Asti, Vezza d'Alba


Astiano: Astigiana
Osservazioni.
(rara).

Collegasi gradualmente col tipo e passa anche alla var. cancellatoidea.


S.

RETICULARE var. VARIORETICULARIS SaCC.


(Tav.
II,

flg. 23).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:

In regione ventrali supera costulae transversae (plerumque


se sat distantes, caeteris valde crassiores.

tres) crassae, latae, inter

42
Long. 45

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARH DEL PIEMONTE ECC.


Lat. 8

Mm.

Mm.
(rara).

Piacenziano: Castelnuovo d'Asti, Vezza d'Alba


Astiano: Astigiana (rara).
S.

RETICULARE Var. SCALARIOEETICDLARIS SaCC.


(Tav.
II,

flg.

24).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa C7-assa, scalarata.
declive.

Cingulum suturale subrotundo-depressum , suturam versus

Sulcus subsuturalis

Long. 60

Mm.

Lat.

parum profundus. 12 Mm.


(rara).

Piacenziano: Castelnuovo d'Asti


S.

RETICULARE Var. SCALARIOMUTINENSIS SaCC.


(Tav.
II,

llg.

25).

Distinguunt hanc var. a var. scalarioreticularis sequentes notae:


Testa minor.
titer declive.

Cingulum suturale complanato-depressum , suturam


aliquantulum
crassiores.

versus magis for-

Sulcus subsuturalis profundior. In

regione ventrali infera interdum duo

vel tres costulae transversae caeteris

Long. 38

Mm.

Lat. 7

Mm.

Tortoniano: Montegibbio (rara).


S.

RETICULARE Var. MEDIOARETICULARIS SaCC.


(Tuv.
II,

flg.

26).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa interdum parvior. Costicillae transversae in regione ventrali media vel medio-

supera subblitae.

Long. 25

Mm.

Lat. 6

Mm.
(rara).

Piacenziano: Rio Torsero presso Ceriale, Vezza d'Alba

Astiano: Astigiana

(rara).

S.

RETICULARE

Var.

SUBBITORQUATA SaCC.

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Transversim, in regione ventrali supera, stria caeteris profundior
suturali
(sed sulco sub-

minus profunda)

conspicitur.

Piacenziano: Vezza d'Alba (rarissima).

Astiano: Astigiana (rarissima).


S.

RETICULARE Vaf. SUPERXEARETICULARIS SaCC.

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Costae longitudinales aliquantulum depressiores, Costicillae transversae in regione
ventrali supera, sub sulco suturali, subblitae.

Piacenziano: Villalvernia
Astiano: Astigiana
S.

(rara).

(rara).

RETICULARE Var. PERCOSTICILLATA SaCC.

Distinguitur haec var. a specie typica sequente nota:


Costicillae transversae numerosiores, propinquiores , parviores,

minus

elatae.

Piacenziaio: Vezza d'Alba (non rara^.

Astiano: Astigiana (non rara).

Osservazioni.

QuesUi forma costituisce una specie di passaggio allo S. pliocenicum.

DESCRITTI DA

F.

SACCO

43

S.

RETICULARE Var. OANCELLATOIDEA SaCC.


(Tav.
II,

flg. 27).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Costae longiludinales
costis traisversis

minus eminentes, parvuliores


Lat. 5-10

numerosiores

propinquiores,

Long. 20-57

parum Mm.

eminentiores ; deinde superficies svhregulariter cancellata.

Mm.

Elveziano: Sciolze (rarissima).

Tortoniano: Montegibbio

(rara).

Piacensiano: Vezza d'Alba, Val Stura, Zinola, Albenga, Bordighera (frequente).

Astiano: Astigiana (poco frequente).


Osservazioni.

Questa forma, specialmente caratteristica del Piacenziarw,


;

si

col-

lega gradatissimamente al tipo


fra
il

si

potrebbe anzi costituire una


,

var. coUigcis intermedia


tipico

tipo e la var. cancellatoidea

ma non

avendo potuto osservare l'esemplare


sicuri di

originale del Pecchioli,

non posseggo termini

paragone per far

ci.

Dalla Collezione

Rovasenda ebbi
il

in comunicazione

un esemplare che sembra


non occorsero sbagli nella

attri-

buibile a questa forma, coll'indicazione

Sciolze ; se

indi-

cazione della localit,

fatto
si

sembrami

assai importante, indicandoci l'apparire nel Mio-

cene medio di forme che


S.

svilupparono specialmente nel Pliocene.

RETICULARE var. CINGULOSULCATA SaCC.

Distinguitior haec var. a var. cancellatoidea sequente nota:

Cingulum suturale

striis (1 vel 2)

plus minusve profundis intercisum.

Piacenziano: Castelnuovo d'Asti, Vezza d'Alba, Albenga (non rara).


Astiano: Astigiana (rara).
S.

RETICULARE Var. CIN6UL0C0STATA SaCC.

Distinguitur haec var. a var. cancellatoidea sequente nota:

Cingulum suturale

costicilla

submedia, transversa, ornatum.

Piacenziano: Albenga (rara).


S.

RETICULARE Var. PERCANCELLATA SaCC.


(Tav.
II,

flg.

28).

Distinguunt hanc var. a var. cancellatoidea sequentes notae:


Costae longiludinales parviores costulis transversis
,

deinde superficies cancellata.

Piacenziano: Vezza d'Alba, Eio Torsero presso Ceriale, Zinola (frequente).

Astiano: Astigiana
Osservazioni.

(rai'a).

Rappresenta l'esagerazione dei caratteri della var. cancellatoidea.


S.

RETICULARE var. STRANGULATOLONGA SaCC.


(Tav.
II,

flg.

29).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa aliquantulum elongatior. Anfractus suhconvexi. Costae langitudinales saepe
parviores, numerosiores et propinquiores.

Long. 15-40

Mm.

Lat. 4-7

'l^

Mm.

Piacenziano: Vezza d'Alba, Castelnuovo d'Asti, Albenga, Bordighera (frequente).


Astiano: Astigiana (frequente).
Osservazioni.

Di questa forma sonv esemplari che nella costulatura


si

si

avvici-

nano

al tipo, altri
6

invece che

collegano meglio colla var. caicellatoidea.

F. Sacco.

44

MOLiLUSCHI DEI TERRENI TKRZIARII DEL PIEMONTE EOO.

S.

EETICULARE Var. CRASSETORQUATA SaCC.


(T;iv.
Il,

fig.

30).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa crassior. Costae longitudinales numerosiores, parvuliores, depressiores. Striolae

transversae plerumque

minus profundae. Sidurae profundiores. Cingulum suturale


Lat. 10

crassius, subrotundatum.

Long. 45

Mm.

Mm.
(rara).

IHacensiano: Vezza d'Alba

S. PlilTICULARE var.

PERPUCATA SaCC.
fig.

(Tav.

II,

31).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa in regione suturali plerumque suhstrangulata. Costae longitudinales subacutae,

numerosiores, perappropinquatae, interdum subcontiguae. Sulci transversi minus visibiles.

Piacenziano: Vezza d'Alba

(rara).

Astiano: Astigiana (non rara).


Osservazioni.

Gli

esemplari

che presentano pi spiccati

caratteri di questa

forma

la farebbero quasi considerare

come una

specie a parte.

S.

RETICULARE var. PARVULESULCATA SaCC.

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Costae longitudinales

numerosiores

propinquiores

minus

latae. Sulci transversi

parum

profundi, deinde costicillae transversae

parum

perspicuae, depressae.

Astiano: Astigiana (non rara).


Osservazioni.
stanti per fra loro

Questa forma per

le

numerose sue
si

costole

longitudinali (pi di-

che nella var. perp)licata)

collega specialmente collo S. reticulare,


si

mentre per

le costicille trasversali

depressissime

avvicina allo S. pliocenicum.

S.

reticulare var. depressiplicata.


(Tav.
II,

fig.

32).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae: Plicae longitudinales plerumque numerosae , appropinquatae
transversi

depressiores. Sulci

minus perspicui.
:

Piacenziano: Vezza d'Alba (non rara). Astiano


Astigiana (frequente).

Osservazioni.
collo S.

Si collega

specialmente collo
i

S. reticulare
,

ma

in parte

anche

pliocenicum. Malgrado

suoi caratteri assai spiccati

non

credetti costituirne

una

specie a parte,

perch

la

credo una semplice variazione che forse pu verificarsi

in specie diverse; infatti l'indicai

pure come var. depressicostata dello S. pliocenicum.


Testa subconica.

Subv. PSEUDOCONiCA Sacc.


Questa forma
si

trova,

ma

raramente, colla var. depressiplicata. Costituisce quasi un

anello di passaggio alla var. planocosticillata.


S.

reticulare? var. planocosticillata Sacc.


(Tav.
II,

flg.

33).

Distinguunt hanc var. a specie tyjnca sequentes notae: Testa cordco-acuta, plerumque magna. Costae longitudinales pernumerosae, perpar-

DESCRITTI DA

F.

SACCO

45

vulae, depressissimae, subcontiguae. Sulci transversi et sulcus subsuturalis miius perspicui.

Long. 50

Mm.

Lat. 10

'/j

Mm.

Astiano: Colli astesi (rara).


S.

KETICULAEE? Var. PAUCISULCATA SaCC.


(Tuv.
II,

flg.

34).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Costae longitudinales numerosiores , depressiores, gracillimae. Sulci traiisversi parum

profundi, in regione ventrali supera tantum unus, in regione ventrali media nulli.

Long. 42

Mm.

Lat. 8 llm.

Astiano: Astigiana (rarissima).


Osservazioni.

Collegasi per alcuni caratteri colla var. medioareticularis.

Strioterebrom atorqdatum Sacc.


(Tuv. H,
fig.

35).

Testa elong ata

acuminato-turrita. Anfractus subplanati, vel tantum

in regione

ventrali supera laevissimae subdepressi. Plicae lovgitwUnales numerosa^ (in anfractu

ultimo praeter

20), graciles, depressae,

undulatae. Sulcics transversus subsuturalis nullus,

in anfractibus ultimis laevissima depressione substitutus. Costicillae transversae


rosae, in regione ventrali evidentiores.

nume-

Apertura subangusta.

Long. 45

Mm.

Lat. 8

Mm.
si

Astiano: Astigiana (rara).


Osservazioni.

Mentre nei suoi caratteri generali

avvicina molto ad alcune va-

riet di S. reticulare, specialmente alla var. depressiplicata, se

ne distingue nettamente
si

per la mancanza del solco subsuturale. Potrebbe sapporsi che


malia,

tratti solo

di un'ano-

ma

la

forma cos spiccata che credetti opportuno distinguerla con un nome


la

speciale.

Potrebbe esservi qualche rapporto fra questa forma e

Terebra bistriata Grat.,

ma

la figura di questo autore cos cattiva

che non vi

si

possono fondare confronti sicuri.

questa forma

si

avvicina alquanto la S. exile (Cak.) che trovasi nel Tortoniano

del Catanese colla var. gracilior Caf. di S. Basteroti.

Sottog.

HASTULA

H. ed A. Adams, 1853.

Hastula. striata (Bast.).


(1825.

BASTEROT,

Boss. tert. S. 0. France, p. 52. Tav.

Ili,

flg.

16).

Distinguunt hanc speciem ab H. costuiata Boks. sequentes notae:


Testa plerumque aliquantulum minor ,

minu^ subulato-fusoidea, magis

scalarata,

tninus rapide evoluta (deinde suturae minus obliquae). Suturae profundiores. Anfractus

magis complanati

basi depressiores. Plicae

suturales plerumque numerosiores et pro-

pinquiores. Apertura saepe


1830.

minus

elliptica.
Coli.

Terebra costulata Bors. BORSON, Cut. rais.

min. Turin,

p. 614.

Elveziano: Colli torinesi (rarissima).


Osservazioni.

Questa forma ha grande

affinit sia

coWn.
dette

subcinerea, sia special-

mente

coU'iT. costulata, della quale altri potrebbe considerarla


le

solo

come una
specie.

variet.

Veggansi in proposito
dell'jy. striata col'H.

osservazioni

fatte

trattando

di

due

L'affinit

subcinerea ci provata anche dalla presenza di individui che nei

loro divei-si
la flg.

anfi-atti ci

mostrano

caratteri delle

due diverse forme

notisi in proposito

26 d di PI. 35 dell'Atlas di Grateloup.

46

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARH DEL PIEMONTE ECC.

>M
8
SO

gq

SI

e
05

g
(15

V a
O5
14J

o e
se S Si o
!

S *^

i3

O "^

^ &i so S^ g e S ^

"S

M S
HO
fj 1^^

Ss

OS

UJ ec

UJ
ce I</>

lei
'^
c\

?*

S I I
*^

- .8
.

^ s i

a,a,t3
ti

0;

0)

"at

a
ce

I
05
a,

sq

OQ

3 o

ce

1
e e

SS:

S5
a;

SQ
11)

05

3 >
CO

U
n

ti
ss

>

e
=^

8 s e e

I5
S ss i g g
ti hS

2"

^ ,S
HO
co
._

e 8 e e s 8 e -S'
"

8
S

O O S :*

^ r* ? e- C ^ C OITS 8 ~ S13
J5

5-?

f^

'Si':

'C-i

ro a, ir s s^

H i. s, ^

Ss;

ti

Cd

OS

DESCRITTI DA

F.

SACCO

47

assai notevole

come

l'evoluzione dell' H. striata abbia proceduto parallelamente e

nello stesso

tempo

modo come

quella dell'^. subcinerea, giungendo, direi, la prima

all'S. costulata e la seconda all'^, Farinesi; questo parrebbe

un argomento
(fi',

favorevole

a chi volesse collegare queste quattro forme in una specie sola

costulata Bohs.).
si

Senza voler fare qui una questione sul modo di intendere


per chiarezza mantenere divise
e formanti parte di
ecc., prese
le

la specie,

parmi che

possa

suddette quattro specie, considerandole

come

affinissime

un

sol

poco a poco la

gruppo che, dapprima di forma subconico-acuta, subscalarata, forma subulato-fusoidea, ecc., dando origine ancora, in certe
tale

speciali condizioni, all'ir,

algalhiorum;

modo

di

comprendere l'evoluzione del gruppo

in

esame

si

potrebbe rappresentare graficamente in

modo schematico

nel seguente

modo

Pliocene

Tortoniano
Elveziauo

H.

H. costulata Algarhiorum H. Farinesi H. costulata Hastula subcnerea ^ E. striata


E. Farinesi
I

'

H. STRIATA Var. EXUNDULATA (SaCC).


(1841.

GRATELOUP,

Atlas de Conchyl. Bass.

tert.

Adour.

PI. 35, flg.

25

a, d).

Distinguunt lume var. a specie typica sequentes notae:


Testa magis conica,
elatae,

minus subulata ,

apice acutior. Plicae

longitudinales

minus

numer ostar es, propinquiores,

saepe subundulatae.

Elveziano: Colli torinesi (non rara).


Osservazioni.

Il

Gratelodp

nel suo Atlas confuse assieme

VH.

striata coll'^.
il

subcinerea\ cosi fece della forma in esame una variet [undulata) dell'S'. subcinerea;

Grateloup non pu essere conservato, esistendo sin dal 1834 una Terbra undulata Grat, per cui (quantunque si tratti in quel caso di uno Strioterebrum) potreb-

nome

del

bero originarsi confusioni.

La forma
collegare
si
il

in questione interessante perch, forse meglio delle altre afflni, essa


delle

sembra

gruppo

Hastula piemontesi coll'eocenica H. plicatula Lk. Inoltre essa


Tav.
Beyrichi secondo Speyer

avvicina assai alla forma flexuosa Beyr. [Terebra plicatula Lk. var. flexuosa secondo

Betrich

Conch. Nord-Deutsch.

p. 11.3.

6, flg. 11 , T.

Die Conch. Cass., ecc.)

che parmi solo debbasi considerare come una variet di


se trattasi di

H. striata; ad ogni modo,

una specie a
le

parte, deve appellarsi

H. flexuosa
delle

(Beyr.) e non E. Beyrichi (Spey.). Noto poi come

figure che lo

Speyer d

forme

sovraccennate (Paleontographica Bd. IX, tav.

XX)

non corrispondono

alle figure tipiche

del Beyrich, ci che produce confusione ancor maggiore.

H. striata Bast. var. semiundulata Sago.


(Tav.
Il,

flg.

36).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae


ultimo praecipue) basini versus evanscentes vel
Elveziano: Colli torinesi (non rara).
Osservazioni.

Testa afpnis var. esundulata. Costulae longitudinales in anfractibus ultimis (in


oblitae.

Costituisce

im passaggio
fig.

all'

E. costulata var.

colligens.

Trovasi

pure quasi identica nel bacino dell'Adour, come risulta dal noto lavoro del Gratelodp

1845

Atlas Conchyl. PI. 35,

25 6

, solo

che in questo caso, come in


colla fig. 26* di pi. 35.

altri, il

Grateloup confuse VE.


le

striata coU'ii. subci7ierea. Forse appartiene a questa variet o

molto afQne la forma indicata dal

Gratelodp

1826.

DESCRITTI DA

F.

SACCO

49
piii

Numerose sono

le

forme viventi che

si

collegano ed in parte paiono derivare


(della

meno direttamente
isole Filippine e

dall'^. costulcda, cos

VE. strigliata Lk.


ecc.) colle sue

Nuova Guinea,

delle

Sandwich,

della

China,

variet Verrauxi Desh., conII.

cinola Desh.,

H. imonstans Hintjs dei mari della China, VE. Traillii Desh. dell'Oceano indiano, ecc.

lepida Hinds della Guinea

Gli esemplari colorati presentano negli ultimi anfratti una tinta grigio-cornea, che spesso va scomparendo nell'ultimo o negli ultimi anfratti, ed inoltre quasi sempre presso
la

sutura una zona

pii

meno

regolare (spesso costituita di tante punteggiature), bian-

castra, caratteri che vediamo pure esistere nella

maggior parte

delle

forme viventi

so-

vraccennate, alcune delle quali potrebbero forse essere variet eW'E. costulata.

H. COSTULATA
rXav.

Var. COLLIGENS SaCC.


Il,

flg.

38).

Distinguunt hanc var. a specie typica seqientes notae:


Costae loigitudinales in anfractius ultimis
evanescentes, suboblitae vel oblitae.
,

in ultimo praecipue

basim versus

Tortoniano: Stazzano,

S.

Agata

fossili

(non rara).

Piacenziano: Astigiana, Rocca d'Arazzo (non rara).


Astiano: Astigiana (frequente).
Osservazioni.

Alcuni fra

gli esemplari

che presentano
di

caratteri di questa va-

riet debbonsi forse attribuire

ad individui giovanili

E. Farinesi var. dimidiolaevis,

ma

altri

invece rappresentano veri individui adulti, che pei caratteri sovraccennati paiono

costituire

un

anello di passaggio fra

VE. costulata e

verificare in alcune foi-me viventi, cosi,


riet di

l'H. Farinesi, come si pu eziandio ad esempio, neU'E. dispar Desh., in alcune va-

E. salleana Desh.,

ecc.

H. C09TCLATA var. perplicatellata Sacc.


(Tav.
11,

flg. 39).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa saepe aliquantulum miior. Costae longitudinales propinquiores, numerosiores,

interdum laevissime siihundulatae.


Long. 13-32
Elveziano:

Mm.

Lat. 3

%-l

llm.

Colli torinesi (rara).


(rara).

Piacenziano: Villalvernia Astiano: Astigiana (rara).

Osservazione.

Costituisce

collegamento tra VE. costulata e VE. striata Bast.,

specialmente per alcuni esemplari elveziani che tendono verso 1'^. striata.

H. costulata var. conoidea Sacc.


(Tav.
II,

flg.

40).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa

minus elong ato-sitbulata, magis conoidea, saepe

apice acutissima.

Long. 19-25

Mm.

Lat.

^%-& Mm.

Piacenziano: Villalvernia (rara).


Astiano: Astigiana (non rara).
Osservazioni.

Collegasi gradualmente colla specie tipica, e

coWE.

striata.

50

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARU DEL PIEMONTE ECC.

H. COSTOLATA Var. DERTORUGOSA SaCC.


(Tuv.
II,

tg.

41).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae: Anfractus aliquantulum convexiores. PUcae longitudinaUs rugulosae, subdepressae, minus regulareSf crassiores, rotundatiores, in anfractu ultimo hasim versus evanescentes.
Tortoniano: Stazzano
Osservazioni.
(rara).

Per alcuni caratteri collegasi con altre forme tortoniane.

Hastula subcinerea
(1825.
(1852.

(D'Orb.).

BASTER!

{Terebra cinerea L.) Bass.

/eri. S. 0.

France,

p. 52.

Tav.

Ili, tg.

14).

D'ORBIGNY, Prodr. Pai.

stral. Voi. IH, p. 87).

(Tav.
1820. 1830.

II,

fig.

42).

Terebra cinerea Linn.

BORSON,
>^

Oritt. pieni., p. 44 (223).

1847.

strigilata

Lk.

Cai. rais. Coli. min. Turiti, p. 614.


!

SISMONDA, Syn. melh.,

ed., p. 41 (pars).

Long. 10-40
Osservazioni.
pliocenica
sutura.
al
,

Mm.

Lat. 2 %-'d

Mm.

Elveziano: Colli torinesi, Sciolze, Baldisssro (frequentissima).

Questa specie venne generalmente confusa finora colla sua derivata


Farinesi
,

cio

coll'-ff.
il

e specialmente colle sue variet pieghettate presso la


si

dire
,

vero gli autori

sono pochissimo occupati di questa specie


si

l'iguardo
,

Piemonte

mentre invece molto

intrattennero sulla forma pliocenica affine


il

cio

suirif. Farinesi e sue variet. Infatti solo

Sismonda nella

V edizione della sua Synopsis


non
altro
la si-

indica pure Torino

come luogo

di rinvenimento della T. strigilata (la quale

che una variet deH'fT. Farinesi). Quindi sar opportuno considerare in proposito

nonimia e

le

osservazioni fatte riguardo a

tali

forme plioceniche, giacch esse interessano

pui'e la specie in esame.

Fu primo
le

il

Basterot che

fgui'

questa specie, attribuendola erroneamente alla

vi-

vente Terebra cinerea Linn., per cui


diede un

il

D'Orbignt, prendendo a tipo

la

suddetta figura,
al

di T. suhplicatula

nome nuovo, , nome

T. subcinerea,

che deve quindi essere adottato. Quanto

nome

creato dal D'Orbigny

poche pagine dopo quello di


la

T. subci-

nerea e che potrebbe forse supporsi di far confusione con detta specie, non
affatto,

riguarda

essendo fondato sopra una figura del Grateloup, che non rappresenta neppure

un' Hastula,
Il

ma

bens

un Terebrum.
scarsamente veggonsi ap-

tipo di questa specie essenzialmente elveziano; solo

parire nel Tortoniano e nel Pliocene individui che paiTebbero ancora rappresentarlo

ma

generalmente

essi

mostrano

le

suture

meno

spiccate, pi oblique (per

un pi rapido
leggermente

sviluppo degli

anfi-atti), la

forma pi subulata, meno scalarata,

gli anfratti

convessi, pi depressi alla base, ecc. Contuttoci debbo convenire


strettissimo tra l'H. subcinerea e

come

esista
il

un nesso
passaggio

VH. Farinesi;

ma
il

per quanto graduale sia

che

esiste fra queste


Il

due forme, sembrami logico


dissi altrove, nel

distinguerle specificamente.

Grateloup, come gi

suo noto Atlas del 1841, confuse l'H. subla var.

cinerea coir//, costulata; della prima


fig.

possiamo conservare

crenulata

(PI.

35,

2bf)

e sublaevigata (PI. 35, fig. 25 e, e)

che egli ha ben

stabilite;

forme alquanto

affini

a queste due variet esistono pure neAV Elveziano piemontese.

I signori

R. Hcernes ed Auinger nella loro recente Monografa

<

Gastrop.

I u. II

Mioc. Med. stuf.


essa
il

imbrogliarono ancora pi la sinonimia di questa specie, dando ad


di Terebra cinereides
,

nome nuovo
,

nome

affatto

da abbandonarsi

nome

specifico

poich

l'esemplare da essi figurato rappresenta soltanto

almeno come una variet di


,

DESCRITTI DA

F.

SACCO

51

H. svbcinerea, variet che ricorda


Quanto
alla

la var. latepUcata e tende verso 1'^.

AlgarMorum.

forma che

essi

appellano Terebra striata Bast., essa probabilmente a con//.

siderarsi

come una

variet di

Algarbiorum.

Noto poi ancora che a maggior confusione molti esemplari di questa specie erano
determinati, nelle varie collezioni,

come Terebra

striata Bast. o

come

T.

subflammea D'Orb.

Quanto

ai

paragoni della specie in esame con forme viventi, veggasi quanto in pro-

posito si dice trattando dell'^. Farinesi.

H. suBCiNEREA var. taukosemilaevis Sacc.


(Tav.
II,

flg.

Abis).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Costae longitudinales subsuturales in anfractibus ultimis suboblitae vel oblitae.

Elveziano: Colli torinesi (frequentissima).

Osservazioni.

Questa forma
flg.

si e,

avvicina molto, fra


d) ed alla var.

le

mioceniche, alla var. sub-

laevigata Geat. (Atlas, pi. 35,

25

major Beyr. (Beyrich, Conchyl.

Norddeutsch., p. 112, tav.

6, fig. 9),

e fra le plioceniche alla var. dimidiolaevis a cui,

anzi, parrebbe quasi fare graduale passaggio.

H. subcinerea var. pseudoFarinesi Sacc.


(Tav.
Il,

flg.

43).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Costulae longitudinales svhsuturales suboblitae vel nullae.

Elveziano:

Colli torinesi (poco frequente).

Osservazioni.

Anche questa variet tende a collegarsi colla var. sublaevigata Grat.,


forma e solo considerando
le

e, fatta astrazione della

ornamentazioni, ricorda assai \'H.

Farinesi, alla quale quindi talvolta mostra graduale passaggio.

H. subcinerea var. subconoidalis Sacc.


(Tav.
II,

flg.

44).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa Tninus subulata, m,agis conica, apice peracuta.

Long. 13-36-45
Elveziano:

Mm.

Lat. 4-9-10

Mm.

Colli torinesi (molto frequente).

Tortoniano: Stazzano (non rara).


Osservazioni.

Il

carattere della

maggior

conicit, carattere

che diventa spicca-

tissimo in questa variet,

uno

di quelli che nel complesso meglio distinguono le forme

mioceniche di questo tipo di Hastula da quelle plioceniche.


la var. cinereides H(ern. et

questa variet avvicinasi


1880, tav. XII,
fig. 20).

Auing. (Gastr. I u. II Medit.

stuf.,

H. subcinerea var. brevicauda Sacc.


(Tav.
II,

flg.

45).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae: Testa magis conica. Suturae minus profundae. Cauda uUquantulum brevior. Apertura paullulo latior.

Long. 15-30

Mm.

Lat. 5-6 Va

Mm.
e

Astiano: Astigiana (alquanto rara).

Osservazioni.

Assai interessante per la sua conicit,

perch

si

stacca

assai

dalle altre variet per la sua breve coda. Essa, per quanto sembri doversi indicare

come

variet di H. subcinerea, presenta pure diversi caratteri di affinit


7

coWH.

Farinesi.

F. Sacco.

52

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARH DEL PIEMONTE ECC.

H. SUBCINEREA Var. SOALARINULA SaCC.


(Tav.
II,

fig.

46).

Distinguitur haec vai; a specie typica sequente nota:


Testa plus minusve scalarata.

Elveziano: Colli

torinesi, Baldissero

(non rara).

Tortoniano: Stazzano (non rara).

Piacenziano ed Astiano: Astigiana (non rara).


Osservazioni.

interessante vedere
fisse

come questa forma con minime


passi
ci

differenze,
al-

che non paiomni abbastanza

da darvi importanza,
gradualmente

dulV Elveziano sino


,

V Astiano. Anzi la presenza di questa forma nel Pliocene


tipica dell' Elveziano in generale si cangi

dimostra che

se la forma

col

tempo nella forma Farinesi,

pot tuttavia ancora conservarsi in alcuni esemplari,

Essa collegasi

coli'//.

Favinesi

come appunto nella variet in esame. specialmente per mezzo della var. pseudosubcinerea.

H. SUBCINEREA Var. LATEPLICATA SaCO.


(Tav.
II,

fig.

47).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Costulae longitudinales subsuturales

numero minores,

inter se distantiores.

Elveziano: Colli torinesi

(rara).

Tortoniano: Stazzano (non comune).

Osservazioni.
le
si

Nella stessa forma tipica di Basterot vedesi che in alcuni anfratti


fatto

pieghe subsuturali sono pi distanti fra loro che non in generale. Quando questo
verifica regolarmente su tutti gli anfratti,

abbiamo

la variet in

esame che,

special-

mente cogli esemplari tortoniani, tende gi verso VE. Algarhiorum e


spinulosa, ricordando eziandio

la Spineoterebra

VH. subcinerea
Var.
II,

var. cinereides E. Hcern. et Auing.

H. SUBCINEREA
(Tav.

INFLATULINA SaCC.
flg.

48).

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Testa

minus elong ato-acuta, svinflato-columnaris, apicem versus rapide


Colli torinesi, Sciolze

descrescens.

Plicae subsuturales jjIus minusve perspicuae.

Elveziano:

(non rara).
a chiaramente diagnosticare
,

Osservazioni.
ratteristiche queste

Quantunque

difficili

sono assai ca-

forme alquanto rigonfie (almeno in rapporto

al tipo

a cui passano

gradatissimamente) e rapidamente restringentisi verso l'apice, per


talora quasi l'aspetto delle

modo da prendere

Pupa.
Var. RECTILINEAEIS SaCC.
II,

H. SUBCINEREA

(Tav.

flg.

49).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa plerumque aliquantulum minor, minus conica,magis elongato-turrita, gracilior.

Long. 20-30

Mm.

Lat. 3

^1^-5

Va

Mm.

Elveziano: Colli torinesi (frequente).

Hastula Farinesi
(1881.

(Font.).
tg.

FONTANNES,

Moli. Gaster. Valle lihne, p. 128. Tav. VII, (Tav.


II,

21).

flg.

50).

Distinguunt hanc speciem ab H. subcinerea D'Orb. sequentes notae: Testa plerumque major, magis subulato-fusoidea, non scalarata, magis rapide evo-

DESCRITTI DA F. SACCO
luta (deinde suturae obliquiores). Suturae
flati,

53

non complanati,

basi

minus visibiles. Anfractus laevissime sibinaliquatitulum minus depressi, magis fusiformes. Plicae

subsuturales oblitae. Apertura magis elliptica, constrictior.

Long. 15-50
1814.

Mm.

Lat. 3-10
L.

Mm.

Bucninum finereum
Terebra cinerea

1820. 1825. 1826. 1829. 1831. 1831.

Linn.

slrigilata Lk. e var.


>>

cinerea

De Basi.
Lk.

plicatula
strigliata

1842.
1845. 1847. 1848.

BROCCHI, Conchiol. foss. subapp., p. 346. BOKSON, Oritt. piem.. p. 44 (223). BASTEROT, Bass. tert. S. 0. France, p. 52. BONELLl, Cat. m.s. Mus. z. Ter.. N"2082(pars), 2083, 2084. DEFRANCE, Dict. Eist. Nat. Voi. 58, p. 287. DUBOIS MONTPREUX, Cond, foss. Wolh., p. 25, 26. BRONN, It. tert. Geb., p. 21. SISMONDA, Sijn. meth., 1" ed., p. 41 (pars).

cinerea
strigliata

Bast.

GRATELOUF,

Conchyl. foss. Adour. Explic.

PI. 35.


>

1852. 1854.
1856. 1857. 1857. 1862. 1872. 1873.

!>

SISMONDA, Syn. nielli., 2" ed., p. 28 (pars). BRONN, Ind. paleont., p. 1226-1227. plicatula substrigilata D'Or. D'ORBIGNY. Prodr. Pai. Strat. Tom. p. 177 (pars). plicatula Lk. BEYRICH, Conchyl. Nord. Tert., p. 113, 114. HCERNES, Foss. mioc. tert. Bech. Wien., p. 129, 130. cinerea Bast. p. 667.
Lk.
Ili,

NEUGEBOREN,

subcinerea D'Orb. cinerea Bast. plicatula Lk.

1875.
1878.

1879.
1890.

COCCONl, En. Moli. mioc. plioc. Parma e Piac, p. SEQUENZA, Studi strat. p. 278. subflammea D'Orb. PARONA, Plioc. Oltrep pavese, p. 56. SARTORIO, Colle di S. Colombano, p. 12.

Tert. Moli. Fauna Lapugy, p. 235. DODERLEIN, Giacit. lerr. mioc. It. centr., p. 23. KOENEN, Mioc. Nord Deutsch. Moli, fauna, p. 184.
130.

1890.

SACCO, Catal. paleont. Bac. terz. Piem. N 3879. slrigilata Linn. SACCO, Catal. paleont. Bar. terz. Piem. N" 5404. subcinerea D'Orb. var.

N. B.

Questa sinonimia
il

si

riferisce specialmente

alla var. dimidiolaevis

che

molto pi comune che non

tipo.

Elveziano:
Tortoniano:

Colli torinesi (rarissima).


S.

Agata

fossili,

Stazzano (rara).

Piacenziano: Astigiana, Villalvernia, Volpedo (M. Brizzone), Vezza d'Alba (frequente).


Astiano: Astigiana ('equeutissima).

Osservazioni,
di

Essendo assai complicata

la storia di

questa forma, credo necessario

riassumerla, almeno secondo il mio modo di vedere, specialmente riguardo al Piemonte. Il Brocchi pel primo ebbe fra le mani individui del Piemonte (non della forma

tipica,

ma
di

della var. dimidiolaevis) che identific


Il
il

colla vivente Terebra cinerea Boen.,


criterio del

la

quale forma assai diversa.

nome
solo

Borson segu Terebra costulata per una forma assai

Brocchi

ma

propose

il

simile a quella in esame (di cui forse

una modificazione estrema), tanto che


Il

se altri volesse

specificamente

(ci

che non

credo conveniente) riunirle, la

forma in studio dovrebbe considerarsi come variet di


l'opinione del Brocchi,
gi, la

H. costulata.

Basterot adott

ma

vei'amente egli descrisse

e figur la tipica H. subcinerea, e non

forma pliocenica in esame.


S.

In seguito

il

Bonelli (trattando di forme plioceniche e del Miocene di

Agata)

nel suo Cat. ms. del

Museo

zool. di

Torino credette anzitutto poter riunire la forma in


sola,

esame e

l'H. costulata Bors. in

una specie
opinione

ed inoltre di poterle
la

riferire tutte alla

vivente Terebra strigliata

Lk.,

che (almeno per

forma in esame) non


,

credo adottabile

dobbiamo per tener conto di questa opinione

quantunque

inedita,

poich da essa derivarono in seguito identiche erronee determinazioni, speciamente del

SisMONDA.
sentata da

poi ancora a notarsi

come

il

Bonelli verso

la fine del

suo Catalogo m.

s.

indichi pure

una

T. plicatula Lk. di Castelnuovo d'Asti


all'^. costulata.

che probabilmente era rappre-

una forma simile

54

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZLiRn DEL PIEMONTE ECC.

Frattanto in generale prevalse l'opinione di appellare queste forme col


plicatula Lk. (specie assai diversa

nome

di T.

mentre

altri

da quella in esame, per forma e per ornamentazione), continuava ad indicarle erroneamente col nome di T. cinerea.
il

Nel 1852

D'Orbignt propose

il

nuovo nome
tale

T, suhstrigilata

per la T. strigliata

(secondo Sismonda) dell'Astigiana,

ma

nome non pu

essere adottato, n ha alcun

valore, sia perch semplicemente nominale e fondato su nessun tipo sicuro, sia perch
la T. strigliata del

Piemonte, secondo
l'adott,

il

Bonelli che propose

tale identificazione e se-

condo

il

SiSMOXDA che

comprende due o
al

tre specie diverse, ci


il

che renderebbe

arbitraria

qualunque interpretazione

riguardo; d'altronde dopo

lavoro del Fon-

TANNES

tale ripristinamento di

nome

impossibile. colla

a notarsi

come

il

Michelotti abbia confuso

forma in questione

la

T. sub-

flammea D'Orb.; donde derivarono le erronee determinazioni di Pahona, Sartorio, ecc. Continu per lungo tempo questa confusione, sia dei nomi (plicatula, cinerea, svhflammea, subcinerea,
niche, finch nel 1881
ecc.), sia delle
il

forme elveziane

(IT.

subcinerea) colle forme plioce-

Fontannes separ giustamente queste ultime col nome di Terebra Farinesi; per egli ne pose a tipo un esemplare senza pieghe subsuturali, mentre molto pi comuni sono quelli che le presentano, almeno nei primi anfratti (var.
dimidiolaevis); perci che la sovrindicata sinonimia
si

riferisce

specialmente a questa

ultima variet,

la

quale forma gradualissimo passaggio a'H. subclnerea eWElveziano.

Se poi
coW'H.

si

vuol

paragonare la specie in esame, come pure 1'^. subcinerea, colle


coli'/?, strigliata

forme viventi, non


aciculina

che troviamo esistere maggiore

affinit,

ma

bens

Lk.

dell'Oceano

indiano,

Gray), coll'^. salleana Desh. del Messico,


delle isole

coWH. exacuminata Sacc. (T. acuminata coll'^. aciZZws Desh ? (e var. lactea Desh.)
coll'^. apicina

Sandwich

coli'//,

micans Hinds del Senegal,

Desh. di Sin-

gapore, coir/7.

dispar Desh. (specie quest'ultima che fa passaggio al gruppo dell'^.

strigliata, ecc.), e per le

forme meno coniche,


,

ma

allungate ed acuto-subulate, coll'^.

cuspidata Hinds delle coste africane


lucche, ecc.

coli'//,

lanceata

Linn.

delle Indie

delle

Mo-

Noto in

proposito

come VH. lanceata abbia

nella forma e nelle pieghe

un rassomiglianza grandissima con alcune


colorati finora trovati
di detta specie,

variet plioceniche; per gli esemplari fossili


le caratteristiche linee

non mi mostrarono mai

brune longitudinali

ma

bens

un

color generale roseo o cioccolatto o violacescente con


oltre

una

zona biancastra frastagliata subsuturale,


(spesso evanescente, quasi

che una
nell'/T.

fascia trasversa

pure biancastra

sempre scomparsa

subcinerea) nella regione ventrale


dell'/T. acicu-

inferiore
lina,

ora

tali caratteri di coloritura

corrispondono specialmente a quelli


dell'/T. lanceata.

come pure

dell'affine

H. salleana, non gi a quelli

H. Farinesi var. DimoiOLAEvis Sago.


(Tav.
II,

lig.

51).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Plicae longltudinales subsuturales in anfractibus primis vislbiles.

Long. 15-50

Mm.
la

Lat. 3-10

Mm.
tipica.

NB.

Per

sinonimia vedi quella indicata per la forma

Elvezlano:

Colli torinesi (rarissima).


S.

Tortoniano: Stazzano,

Agata

fossili.
,

Tetti Borelli (non rara).

Piacensiano : Astigiana, Villalvernia


presso Voghera, R. Torsero presso

Castelnuovo
(frequente).

d'Asti, Vezza d'Alba, Volpedo

Albenga

Astiano: Astigiana, T. Veglia e Salmour in Val Stura di Cuneo (abbondantissima).

Osservazioni.

Essendo questa una delle forme pi comuni ed abbondanti dell'Astisi

giana, forse ad essa che

riferirono specialmente

il

Bonelli ed

il

Sismonda

col

nome

DESOEITTI DA
di Terbra strigliata ed
il

F.

SACCO

55

D'Orbigny quindi
giorno
d'oggi

colla sua T. suhstrgilata ;

ma

siccome sa-

rebbe

affatto arbitrario

al

tale

riferimento
cos

tanto pi che comunissima


di

pure nell'Astigiana
tali

la tipica

H. Farinesi Font.,

non credo poter tener conto

determinazioni semplicemente nominali e quindi incertissime.


H. Farinesi var. subeectilineahis Sacc.
(Tav.
II,

flg. 52).
:
.

Distinguunt hanc var. a


Testa minor, gracilior
,

specie typica sequentes notae

minus

fusoidea, magis recto-cohimnaris

Plicae longitudi-

nales subsuturales visibiles.

Long. 28

Mm.

Lat. 5

Mm.

Astiano: Astigiana (rara).


Osservazioni.

Ricorda assai \'H. subcinerea var. rectilinearis dlV Elveziano.

H. Farinesi var. sublateplicata Sacc.


(Tav.
Il,

flg.

52

bisf,

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Plicae longitudinales subsuturales rariores, inter se distantiores, interdum crassiores,

subplanatae, irregulares.

Piacemiano: Astigiana
Osservazioni.
suturali, potendo
riet rassomiglia

(rara).

Astiano: Astigiana (rara).

Non ha molta importanza

la

forma ed

il

numero

delle pieghe sub-

anche variare sui diversi anfratti di uno


a.\l'B.

stesso individuo; questa va-

subcinerea var. latepUcata, a cui passa gradualmente.

H. Farinesi var. strangulatina Sacc.


(Tav.
Il,

flg. 53).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Anfractus, ultimi praecipue
,

ad suturam
rara).

laeviter depressi, suhstrangulati ; plicae

longitudinales plerumque in anfractibus primis subvisibiles.

Piacemiano: Astigiana (non

Astiano: Astigiana (non rara).

H. Farinesi var. straiNFLATULiNA Sacc.


(Tav.
II,

flg.

54).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa aliquantulum inflatior, subulatior,

minus

regulariter acuta, basi laeviter de-

pressior. Plicae longitudinales subsuturales in anfractibus primis plus

minusve

visibiles.

Long. 25-31

Mm.

Lat. 6-6^2

Mm.
(rara).

Tortoniano: Stazzano (rara).

Piacemiano ed Astiano: Astigiana


Osservazioni.

Sembra

collegarsi gradatamente colla var. inflatulita del'Elvee.

H. Farinesi var. pseudosubcinerea Saco.


(Tav.
II,

flg.

55).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa plerumque aliquantulum minor, interdum minus subulato-fusoidea, aliquantulum acuminatior. Anfractus omnes plicis longitvdinalibus subsuturalibus muniti.

Long. 20-35

Mm.

Lat. */^-?

Mm.
(rara).

Tortoniano: Stazzano, Tetti Borelli

56

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARU DEL PIEMONTE ECC.


(rara).
la

Piaeenziano ed Astiano: Astigiana


Osservazioni.
turali

Questa variet, non soltanto per

presenza delle pieghe subsu-

su

tutti gli anfratti,

ma

eziandio in parte per la forma della conchiglia, costituisce

xm

bellissimo passaggio tra VII. Farinesi e \'H. subcinerea, tanto che talvolta riesce persino
essi

alquanto incerto, riguardo ad alcuni individui, a quale delle due specie debbansi
attribuire.

certo

ad ogni modo che VB. subcinerea continu a vivere sino


colla var. scalarinula,

all'epoca

pliocenica, specialmente

apparendo inoltre ancora nel Pliocene

alcuni individui che ricordano molto l'antica forma tipica.

Hastula Algahbiorum (Da Costa).


(1867.

DA COSTA,

Gasfer. dep. terc. Portugal, p. 84. Tav. XIII,

fig.

II,

12).

H. Algarbiorum var. dertonensis Sacc.


(Tav.
II,

flg.

56).

Testa crassa
subdepressi;
pressis,

turrita
et

fortiter scalarata.

Anfractus in regione ventrali sublaeves,


inflati et longitudinaliter crassis
,

suturam

basim versus gradatim

de-

iiterdum

evanescentibus plicis, ornati.

Plicae superae

et

inferae interdum
gracile,

inter se depresse subconjunctae. Apertura

subellipsoidalis.

Labium externum,

labium coluinellare sat incrassatum.


Long. 27

Mm.

Lat. 7

Mm.

Distinguunt liane var. a specie typica sequentes notae:


Plicae longitud. numerosiores , crassiores; subsuturales aliquantulum eminentiores.

Tortoniano: Stazzano,
Osservazioni.

S.

Agata, Montegibbio (non rara).

questa una forma assai caratteristica del Tortoniano; essa rap-

presenta probabilmente una derivazione

AqWH.

subcinerea, cio

una variazione formatasi

per l'ambiente speciale del mare tortoniano in gran parte d'Europa.

interessante

il

fatto

che forme simili a quelle piemontesi riscontransi pure nel Mioil

cene del Portogallo; anzi


alcuni caratteri

tipo

della

specie,

appunto del Miocene di Portogallo, per


Nel Pliocene,
pure forme di questo

tende a collegarsi colla Spineoterebra spinulosa (Dod.).


del bacino

specialmente

nel Tortoniano,

viennese incontransi

tipo, indicate dai sigg. E.

Hcernes ed Auinger

(Gastr. I u. II Mioc. Medit. stuf , 1880,

pag. 110, tav. XII,


essere
flg.

fg.

21)

come Terebra
Sacc.)
di

striata
//.

Bast.,

ma

che

io

crederei piuttosto

variet

(var.

translata

Algarbiorum , per quanto appare dalla

206; trattasi anche in questo caso di forme molto mutevoli, collegantisi quindi con specie diverse, specialmente coli'//, subcinerea, coWH. striata e coW'H. costulata.

H. Algarbiorum var. subcinereoides Sacc.


(Tav.
II,

tg.

57).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:

Anfractus in regione subsuturali


etiam evanescentes vel suboblitae.

et

ventrali infera valde

minus

vel nihil infiati.

Plicae longitudinales numerosiores, in regione ventrali infera parum visibiles, interdum

Tortoniano: Stazzano, Tetti Borelli (non rara).


Osservazioni.
si

Costituisce bellissimo passaggio &\\'II, subcinerea, specialmente se

considera che in alcuni

esemplari di quest'ultima specie

si

possono talora osservare

leggieri indizi di pieghe longitudinali nella regione ventrale inferiore. Altri quindi po-

trebbe considerare la forma in esame e quella seguente come variet di H. subcinerea


passanti
all'i/.

Algarbiorum ;

ma

in fondo

tale

questione

non ha grande importanza,


ti'a

ammesso che

trattasi di forme, incertae sedis, di

collegamento

due specie diverse.

DESCRITTI DA

F.

SACCO

57

H. Algarbiorum var. conicotransiens Sacc,


(Tav. a,
tg. 58).

Distinguunt hanc var, a specie typica sequentes notae: Testa major, magis conica, aliquantulum crassior. Plicae suhsuturales numerosiores,
depressiores ; in regione ventrali infera plicae longitudinales latae
,

depressae

passim

evanescentes.

Long. 35

Mm.

Lat. 9

Mm.

Tortoniano: Stazzano
Osservazioni.

(rara).

Vedi in proposito le osservazioni fatte riguardo alla var. svbcinereoides.


H. Algarbiordi var. crassoconica Sacc.
(Tav.
Il, fig.

59).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa major, crassior, subconica.

Long. 33

Mm.

Lat. 9 ^2

Mm.

Tortoniano: Montegibbio (alquanto rara).

H. Algarbiorum var. LAE%aGAT0iDEs Sacc.


(Tav.
11,

flg. 60).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa aliquantulum mimis scalarata. Plicae longitudinales suboblitae,

Tortoniano: Stazzano,
Osservazioni.
di H. subcinerea.

S.

Agata

fossili

(frequente).

Sembi-a collegare

VS. Algarbiorum con alcune

variet scalarate

Hastula dertolanceolata Sacc.


(Tuv.
II,

flg.

61).
,

Testa crassa, elong ato-lanceata

non

scalarata. Anfractus subplanati


,

in longitUf-

dinem

irregulariter late et depresse plicatoundati

ad suturam
,

et

in regione ventrali
regione

infera praecipue. Plicae longitudinales in anfractu ultimo


rali, suboblitae.

excepta

svbsutu-

Long. 48

Mm.

Lat. 9

Mm.

Tortoniano: Stazzano (rara).


Osservazioni. Questa forma rappresenta una delle numerose forti variazioni che gruppo eYH. subcinerea ha subito nel periodo tortoniano; non mi pare per pos-

il

sibile di indicarla

come semplice

variet di detta specie, distaccandosene assai fortemente,


all'-ff.

e per varii caratteri avvicinandosi

Algarbiorum.

Hastula? dertoconica Sacc


(Tav.
II,

fig.

62).

Testa crassa, conica, scalarata, apice acuta. Anfractus ad suturam inflati, ultimus

minus

fortiter; longitudinaliter late et sat depresse plicati. Plicae longitudinales in an-

fractibus primis continuae, in anfractibus ultimis in regione ventrali subevanescentes,

in anfractu ultimo suboblitae vel in regione suturali


pressis evanescentibus substitutae. Apertura sat
lata.

et

ventrali infera tuberculis de-

Long. 30

Mm.

Lat. 9

Mm.

Tortoniano: Stazzano (rara).


Osservazioni.
direi, deirS".

Questa forma paiTebbe rappresentare soltanto una esagerazione,

Algarbiorum,
,

ma
,

la

sua forte conicit, la sua base depressa,

la

sua aper-

tura subquadrangolare

ecc.

fanno persino dubitare della sua posizione sottogenerica


forse solo apparentemente, alcune Subula.

ricordando essa alquanto^

ma

58

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARH DEL PIEMONTE ECC.

Sottog.

SPINEOTEREBRA Sacc,
,

1891.

Testa subparva

irregulariter fusoidea

scalarata

apice acuta. Anfractus ad su-

turam plenimque cannati,

tuherculis plus niinusve spinosis ornati.


alle

Questo sottogenere particolarmente affine

Hastula (da cui credo tuttavia doquanto per

verlo distinguere, specialmente per la pseudocarena e la spinosit degli anfratti) ed alle

Euryta

(da cui s distingue

non tanto per


o,

la posizione dei tubercoli,

canza di una specie di coda


nelle vere Euryta).

meglio, di una coluraella retta alla base,


si

Fra

le

forme viventi

la mancome si osserva avvicina a questo sottogenere V Euryta Co,

sentini (Phil.) trovata per la

prima volta

sulle coste di Napoli

ed in seguito (rappre-

sentatavi da variet) anche nell'Atlantico, sulle coste africane ed altrove;

ma

questa forma

una vera Euryta, come notevole come allo

lo

indica la sua columella diritta.

stato fossile questa

forma

sia nel

Piemonte rappresentata unie coll'lf. svb-

camente nel Tortoniano, dove tende collegarsi coV Hastula Algarhiorum


cinerea, mostrandoci sempre pi in
tal

modo

l'affinit delle

Spineoterbra colle Hastula.

Potrebbe anche essere che

caratteri del sottogenere ora pi'oposto siano in diretto rap-

porto colle speciali condizioni d'ambiente che


regioni
;

present

il

mare tortoniano
costituire

in

alcune
sotto-

ma, anche se ci

fosse

vero

non parmi inopportuno

un nuovo

genere per forme a caratteri cos spiccati, quali sono quelle che vi sono racchiuse.

Spineoterbra spdjulosa (Dod.).


(1862.

DODERLEIN, Giacitura
(Tav.

terr.
tg.

mioc. Italia centr., p.


63).
,

23).

II,

Testa

parva

fusoideo-scalarata

subalbida

apice acutissima. Anfractus

suturam,

versus inflato-subcarinati, tuberculis spinosis (in anfractu ultimo 10-12 circiterj ornati,

ad suturam

depressi,' in regione ventrali

supera sublaeves

in regione ventrali infera

nodulis spinulosis (supernis depressioribus) muniti. Apertura parva, subelliptica.

Long. 13-25
1890.

Mm.

Lat. 4-7

^j^

Mm.

Terebra Cossentini Phil. var. spinulosa Dod.


S.

SACCO,

Catal. paleont. N 5406.

Tortoniano: Stazzano,
Osservazioni.

Agata

fossili,

Montegibbio (non rara).


,

Assai interessante sia geologicamente


,

poich quasi caratteristica


lato

del Tortoniano, sia perch

mentre con forme di passaggio sembra tendere da un


si

verso la vivente Euryta

Cosentini, dall'altro

collega invece coW'Hastula Algarhiorum,

da cui distinguesi specialmente per


S.

la spinosit dei suoi tubercoli subsuturali.

spinulosa var. subalgarbiorum Saco.


(Tav.
II,

flg.

64).

Distinguunt hanc
Testa

var.
,

specie typica sequentes notae:


,

minus fusoidea

magis turrita

minus

fortiter scalarata.
,

Anfractus minus

fortiter carinoti.

Tubercula aliquaniulum depressiora

interdum supera inferii plica

depressa conjuncta.

Tortoniano: Stazzano,
Osservazioni.

S.

Agata

fossili,

Montegibbio (frequente).

Rappresenta uno stupendo anello di congiunzione fra la S. spinulosa


,

e V Hastula Algarbiorum

tanto che talora

rimangono incertezze sulla

classificazione
al-

di alcuni esemplari. Questo fatto, che altri potrebbe forse considerare

come contrario

l'opportunit di costituire

il

nuovo sottogenere Spineoterbra, parmi invece interessan-

tissimo, poich sembra mostrarci

da un dato sottogenere possa staccarsi e

come gradatamente, per passaggi quasi insensibili, costituirsi un nuovo gruppo o sottogenere.

DESCRITTI DA
S.

F.

SACCO

59

spiNULOSA var. pabvoaspina Sacc.


(Tav.
II,
fig. 68).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa minor, magie conica, miius shlarata. Spinae subsuturales depressiores.

Long. 10

Mm.

Lat. 3

'I2

Mm.
;S'.

Tortoniano: Tetti Borelli (rara).


Osservazioni.

Costituisce pure passaggio fra la

spinulosa e VEastula Algar-

norum, tanto che ne riesce persino incerta quasi la collocazione specifica.


S.

SPINULOSA var. rarispinosa Sacc.


(Tav.
Il,

flg.

65).

Distinguunt liane var, a specie typica sequentes notae:


Tuhercula spinosa superna rariora (in anfractu ultimo 8
tiora; infera suhohlita.
circiter), inter se distan-

Tortoniano: Stazzano (alquanto rara).


S.

spinulosa var. paucispinosa Sacc.


(Tav.
II,
flg.

66).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa aliquantulum crassor. Anfracttcs

ultimus costula transversa carinaeformi

depressa, in regione susuturali sita, ornatus. Tuhercula spinosa superna rariora (7-8

in anfractu. ultimo), inter se distantiora; infera perparvulo-depressa vel oblita.

Long. 23

Mm.

Lat. 6 V2

Mm.

Tortoniano: Montegibbio
S.

(rara).

spinulosa var. cosentinoides Saco.


(Tav.
II,

tg.

67).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:


Testa magis scalarata. Anfractus magis fortiter subcarinati. Tuhercula spinosa su-

pera

elatiora, infera ohlita.

Tortoniano: Stazzano,
Osservazioni.

S.

Agata

fossili,

Montegibbio (alquanto rara).

Ricorda, meglio di ogni altra piemontese, VEuryta Cosentini, spei

cialmente la forma tipica figurata dal Philippi, poich

numerosi esemplari vivi che ebbi


il

ad esaminare di questa specie differiscono dalla


Sottog.

S.

spinulosa pi fortemente che non

tipo.

FUSOTEREBRA
derise
et

Sacco, 1891.

Testa turrito- fusoidea, apice acuta. Anfractus longitudinaliter pluricostati, superne

subcarinato-granulosi

transversim

parvillime sulculati. Apertura subovata.

Columella intorta. Cauda elongata.


saggio fra

Le forme comprese in questo nuovo sottog. parrebbero costituire una specie di pasi Fusus e le Terhra, tanto che per molto tempo vennero attribuite ai Fusus.
le

Fra

Terebra esse

si

avvicinano per alcuni caratteri alle forme del sottog. Euryta, cosi

air^. aciculata Lk., ecc.,


superficiale.

ma

probabilmente

trattasi solo di somiglianza,

pi che

altro,

Tipo di questo sottogenere

la F. terebrina (Bon.).

Una qualche

somiglianza

a queste forme presenta l'eocenica Terebra catenifera Tate dell'Australia.

FuSOTEREBRA? PROTEREBRINA SaCC.


(Tav.
II,

flg.

69).

Testa parva, conico-fusoidea. Anfractus transversim, laeves, ad suturam laevissime

svcanaliculati
8

longitudinaliter plicato-costati. Costae

in nfractihus

ultimis

18-20

F. Sacco.

60
circiter
,

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARU DSL PIEMONTE ECC.


,

inter se sat distantes

basini versus scnsim

suboblitae

ad suturam,

ante

et

post laevem depressionein subcanalicularem transversam, depresse subgranulosae. Apertura subovata.

Long. 11

Mm.

Labium externum simplex. Columella * Lat. 5 Mm.

intorta.

Elveziano: Sciolze (rarissima).


Osservazioni.

con qualche dubbio e provvisoriamente che attribuisco la forma


questo sottogenere per mancare

esaminata

ai Fusoterebra, distinguendosi essa dal tipo di

dei sulculi trasversi e per altri caratteri; l'esemplare unico che conosco, oltre
infranto, probabilmente appartiene

ad essere
altri

ad un indi^'iduo giovane

quindi occorreranno

rinvenimenti per chiarire

rapporti di questa forma.

Fusoterebra terebrdja
(Tav.
II,

(Bon.).

fig.

70).

Testa turrita, elongata, longitudinaliter multicostata ; anfractihus subplanis, bicarinatiusculis ; ultimo parvo,
'j^

tantum

tofius

longitudinis efformante; apertura sub-

ovata; columella intorta; cauda brevissima, recurva (Bellabdi e Michelotti).

Long. 12-45
1826.

Mm.

Lat. 4-12

Mm.

Terebra (cancellato) Fusus terebrinus Bon. BONELLl, Cat. ms. Museo Z. Tor. N" 1599. 1840. Fmus terebrinus Bon. BELLARDI e MICHELOTTI, Sagg. Ori/t. P., p. 19, tav. Il,, flt'. 4.
1842.
1847.

1847.
1848.

SISMONDA, Si/n. mefh.. ed., p. 36. 2' ed., p. 39. _ MICHELOTTI, Fos^. Mioc, p. 282.
\'

BRONN, Index

paleont., p. 519.

1852.
1856.

E.

Terebra fusiformis

1862. 1873.
1879.
1890.

D'ORBIGNY, Prodr. Pai. sfrat., Ili, p. 69. HCERNES, Foss. Moli. tert. Bech. W/en, p. 135. DODERLEIN, Cenni giac. terr. mioc. Ilalia cenlr.,
COCCO'HX, En. Moli. mioc. plioc.

p. 24.

Parma

e Piacenza, "^.X^.

terebrina Bon.
S.

SARTORIO, Il SACCO, Calai,

Colle di S. Colombano, p. 13.

paleont. Bac. ters. Piem., N 3881.

Tortoniano:

Agata

fossili,

Giusulana, Stazzano, Montcgibbio (frequente).


S.

Piacemiano: Piacentino presso Maiatico,


Osservazioni.

Colombano (rarissima)

(tipo o var.?).
,

questa una delle pi caratteristiche forme tortoniane

e per la

sua

facile riconoscibilitfi

pu quindi essere considerata come assai importante anche dal

geologo nello studio sul terreno; 6 una vera rarit l'incontro, indicato dal Cocconi, di
questa forma nel Piacemiano inferiore.
cenici finora trovati,
variet.

Non avendo
si

potuto osservare gli esemplari plio-

non posso dire


il

se

tratti del tipo o,

pi probabilmente, di una

Le

restituisco

nome

primitivo, statole arbitrariamente cangiato dall'HcERNES.

F. terebrina var.

pseudanodulosa Sacc.
fig. 71).

(Tav. IL

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:

Plicarum longitudinalium noduli


praecipue.

depressiores,

subobliti,

in anfractibus

ultimis

Tortoniano: Stazzano, Giusulana (non rara).


Osservazioni.

Questa forma generalmente pare dipenda da una conformazione

anormale della conchiglia, osservandosi specialmente negli esemplari im po' guasti e con
rotture e

rammendature

originarie.

F. terebrina var. unicarinata Sacc.


(Tav.
II,

flg.

72.

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:

Noduli cinguli superni (subsuturalis) depressiores, subobliti

vel nulli; noduli cin-

Quadro

dei principali

rapporti delie

HASTULA

e delle

SPINEOTEREBRA.

59&i

H. Traillii
H. micaTis

H
Attualit
Eitryta Cosentini
il.

exacuminata
\

H H
j

lepida inconstans

H. salleana

acicuUna

H. lanceata //. cuspidata

actea
j

H. disjfar

H. apicina
!
i

Verrauxi concinna

dimidiolaevis

Astiano

H. subcinerea var.

j I

brevicauda

subrectilinearis _1 sublateplicata
j

scalannula

(strangulatina
svinflatulina

var. e // Fhrinesi

Iconoidea
colligens perplicatellata
var. e
//.

costulata

pseudosubcinerea

!dim,idiolaevs
sublateplicata

'

conoidea
var. e H. Farinesi
colligens perplicatellata

Piacenziano

H. subcinerea var. scalavinul-a


I \

strang alati ita subinfiatulina pseudosubcinerea

l
]

var. e

fi

costulata

'

coseni inoides
I L

l ?

dertoconica

/
,

crassoeomca
dertonensis ubcinereoides conte otransiens translata laevigatoides

rarispnosa
I

Tort.

Spineoterebra spinulom e var.

svhargarbiorum I parvospina \ paucispinosa


'.

11.
\

Algarbiorum e var.
j

cinereides

H. subeinerea var.

subconoidalis scalarinula

I i

dimidiolaevis subinflatuUiia pseudosubciner.

var. e

//.

Fiirinesi

-\

toUigZr"

^^'- "
j

"

""tulata

nfiatulina
rectilinearls

crenulata svlaevigata
cireneides taurosemilaevis

Glreziano

H. Algarbiorum var.

H, siibcinerea e var.

l
J

dimidiolaevis
var. e
//.

exundulata
]

major
pseudofarinesi subcoioidalis

Farinesi

H. striata e var.

j 1 \

flej'iiosa

Karsteni i semiundulataj

perplicatellata

var.

//,

costulata var.

scalarinula
lateplicata

Tongriano

subeinerea var. major

Hastula striata var.


,

^^J. Karstem

Bar toni ano


Parisiano

H. plicatula
I

//.

plicatula
I

Saessoniano

Hastula? plicatula

DESCRITTI DA

F.

SACCO

61

guli inferi (subventralis) elati, deinde anfractuum carina tantum, una, plus minusve
perspicua.

Tortoniano: Stazzano,
OssERVAZIO^^.

S.

Agata, Giusulana, Tetti Borelli (frequente).

Gli esemplari estremi di questa


^

forma sembrerebbero quasi rap-

presentare una specie a parte

se

non
si

si

collegassero in

modo

affatto

insensibile colla

specie tipica, colla quale d'altronde

trovano.

F. TEEEBRINA Var. DIVERSENODULOSA SaCC.


(Tav.
II,

flg.

73).

Distinguimi hanc var. a specie typica sequentes notae:

Noduli cinguli inferi (subventralis) subrotundatiores, aliquantulum


nulares, in costas longitudinales (basini versus)

elatiores, gr-

minus sensim producti.

Tortoniano: S. Agata

fossili,

Giusulana

(rara).

F. TEREBRINA Var.
(Tav.

VENTRESDLCATA SaCC.
II,

flg.

74).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:

Xoduli cinguli inferioris aliquantulum parvuliores. Anfractus in regione ventrali


late,

sed

parum

profunde, subsulcato-depressi.

Tortoniano: Stazzano (rara).


Osservazioni.

Il

carattere di questa forma osservasi accennato in molti esemplari,


figurato.

ma

di rado cos

marcato come nello individuo

F. TEREBRINA Var. PERNODULOSA SaCO.


(Tav.
II,

flg.

75).

Distinguunt hanc var. a specie typica sequentes notae:

Nodorum cingula
Tortoniano:
S.

elatiora

in costas longitudinales (basim versus) non vel

minus

sensim producta. Noduli plerumque subrotundatiores.

Agata

fossili,

Giusulana, Stazzano (ft'equente).


,

Le forme estreme di questa variet differiscono tanto dal tipo che parrebbe naturale il considerarle come specie a parte; non credetti poter adottare
Osservazioni.
questo

metodo, anzitutto perch


perch
i

le

forme in esame collegansi insensibilissimamente

al

tipo, inoltre

le stesse

forme tipiche nel periodo giovanile spesso presentano pi o

meno

spiccati

caratteri della var. jjernodulosa, di

modo che questa

si

potrebbe quasi

considerare

come una variet a

caratteri giovanili persistenti.


la Terebra

Credo qui opportuno di notare come

bigranulata R. Hcern. ed Auestg.

R. HcERNES u. Attinger

Gaster. I u. II, Mioc. Med. stuf , 1880, pag. Ili, tav. XII,

flg.

22

>

a mio parere, non sia altro che l'apice o un giovane di F. terebrina, o di una a quella ora in esame, quindi credo che detta forma di Forchtenau debba

variet affine

appellarsi F. terebrina var. bigranulata (R. Hcern. et Auing.).

Piacenziano

F. terebrina var.

pernodulosa

Tortoniano

Fusoterebra terebrina e var.


I

ventresulcata diverse nodulosa unicarinata

pseudanodulosa

ElTCzianO

Fusoterebra? proterebrina

02

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARH DEL PIEMONTE ECC.

Fam. PUSIONELLIDAE Gray, 1857.

Gen.

PUSIONELLA (Gray, 1847).

PUSIONELLA PEDEMONTANA SaCO.


(Tav.
Il,

fig. 76).

Testa fusiformia, spira perelata

apice acuta. Anfractus subplanati vel planocon,

vexi

laeves.

Anfractus idtimus permagnus, basi subdepressus


inferite subcanaliculata.

transversim

laeviter

stratus.

Apertura subovato-compressa. Labium externum. simplex; columella aliquan-

tulum arcuata,
Long. 42
Elveziano:

Mm.

Lat. 16

Mm.

Colli torinesi, Baldissero (rara).

Osservazioni.

Ha

qualche somiglianza con alcune Clavatula, specialmente colla

CI. pretiosa Bell, e colla CI. consimilis Bell.; poi molto affine alla

Pleurotoma sau-

catsensis IVIay. Di qusta ultima forma, che porrei fra le Pusionella, ebbi in

esame diversi

esemplari provenienti dal Miocene di Saucats, di

S.

Leon de Marsacq,

di S. Paul, ecc.,

ma

parmi che essa

differisca dalla P.
,

pedemontana non
le

solo per alcune striole trasverse

esistenti

presso la sutura
alla base.

ma

specialmente per avere l'ultimo anfratto assai pi forte-

mente depresso

Sono probabilmente queste

forme

fossili

da cui derivarono

le

viventi P. nifat Desk, e P. buccinata Desh. delle coste occidentali d'Africa.


P. TAURONIFAT SaCC.
(Tav.
Il,

fig.

77).
,

Testa subparva

fusiformis

svscalariformis. Anfractus subplanati

ad

suturarti

subdepressi, ultimus praecipue, laeves. Anfractus tiltimus

magnus ,
,

basi subangulatus

perdepressus

transversim striolatus. Apertura subelliptica

in regione caudali statim

constricta. Regio columellaris laeviter arcuata.

Cauda subproducta.

Long. 25

Mm.

Lat. 11

Mm.
la P. nifat
le

Elveziano: Colli torinesi (rarissima).


Osservazioni.
le coste occidentali

Questa forma ricorda molto


il

Desh. vivente ora lungo

d'Africa, donde

nome che

ho attribuito; quindi essa proba-

bilmente la progenitrice pi o

meno

diretta della P. nifat.

La presenza
s sola

di alcune Pusionellidi nei terreni elveziani del


il

Piemonte basterebbe da
il

ad indicarci

clima subtorrido di questa regione durante

periodo elveziano.
essi si potreb-

Eiguardo

ai rapporti delle indicate

forme

fossili colle

pi comuni viventi,

bero provvisoriamente cosi indicare:

Attualit

P. buccinata
P. saucatsensis
?

P. nifat

Tortoniano

Elveziano

P.

pedemontana

P. saucatsensis

P. tauronifat

Langhiano

Pusionella saucatsensis

DESCRITTI DA

F.

SACCO

INDICE ALFABETICO
Areola, p.
5, 6.

Fusoterebra var. unicarinta,


Id.
,

Buccinum,

p. 5, 6.

p. 60, 61. var. ventresulcata, p. 61.

Buccinum
Id. Id, Id.

cinereiim

p. 53.

duplicatum, p. 38. fuscatum, p. 7.


strigilatum, p. 29.
6.

Cassidaria ecliinopliora, p. tyrrhena, p. 6. Id. Cassidea cmmena, p. 3, 5.


Id. Id.

cyprseiformis, p. 5. var. initialis, p. b.

Id. Id. Id. Id.

marginata,

p. 5.

var. pseudocrumena, p. 5. var. tuberculata, p. 3.

venusta,

p. 5.

CASSIDID>E,
Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id.

Cassis calantica, p. cyprseiformis, p. 5. Id.

p. 3. 6.

crumena,

p. 5.

liarpiformis, p. 5.

incrassa ta, p. 5. intermedia, p. 6.

mammillaris,

p.

5.

var. pedemontana, p. 5.

postmammillaris, p. saburon, p. 5, 6.

5.

var. spatosa, p. 6. var. striata, p. 6. testiculus, p. 5. variabilis, p. 6. Cerithium columiiare, p. 28. Clavatula, p. 62. consimilis, p. 62. Id. Id. l-etiosa, p. 62.

FusiLs, p. 59. Id. terbrinuSf p. 60. Galeodea depressa, p. 5. var. dertonensis, p. 6. Id. echinophora, p. 3, 6. Id. Id. var. gassinensis, p. 4. var. initialis, p. 3. Id. miocristata, p. 3. Id. Id. var. multicingulata, p. 3. Nistii, p. 5. Id. oblongocebana, p. 5. Id. Id. var. ornatulina, p. 4. var. piacentina, p. 6. Id. proechinophora, p. 3. Id. var. Rovasendse, p. 4. Id. Id. var. Sacci, p. 5. subtubercularis, p. 4. Id. tauroglobosa, p. 4. Id. tauropomum, p. 4. Id. tuberculatissima, p. 3, 4. Id. Earpa cithara, p. 6. nastrila, p. 45. Hastula aciculina, p. 54, 59 bis. Algarbiorum, p. 47, 51, 52, 56, Id. 57, 58, 59, 59 bis. apicina, p. 54, 59 bis. Id. bacillus, p. 54. Id. Beiricliii, p. 47. Id.
Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id.
Id.

O.vrsocrassiscala,
Cyrsotrema eoauriculatum,
Id. Id.

p.

66.

p. 66.

eovaricosum,

p. 66.

gassinense, p. 66.

Id.

Rovasendae,
p. 66.

p.

66.

Orasslsoala.
Id. Id. Id. Id.

Dolium ecMnophorum,

p. 6. p. 6.

var. brevicauda, p. 51, 59 bis. cinereides, p. 50, 51, 52, 59 bis. var. colligens, p. 47, 49, 59 bis. concinna, p. 49, 59 bis. var. conicotransiens, 57, 59 bis. var. conoidea, p. 49, 59 bis. costulata, p. 45, 47, 48, 49, 50, 53, 56, 59 bis. var. crassoconica, p. 57, 59 bis. var. crenulata, p. 50, 59 bis. cuspidata, p. 54, 59 bis.

Echinophoria aequinodosa,

var. apenninica, p. 6. intermedia, p. 6. Roudeletii, p. 6.


variabilis, p. 6.
p. 58.

dertoconica, p. 57, ,59 bis. dertolanceolata, p. 57. dertonensis, 56, 59 bis. var. dertorugosa, p. 50, 59 bis. var. dimidioicevis, p. 49, 51, 53, 54,

Euryta,
Id. Id.

59
dispar, p. 49, 54, 59 bis.

bis.
bis.

aciculata, p. 59. Cosentini, p. 58, 59, 59 bis.


p. 59.

Id.
Id. Id.
Id.

exacuminata, p. 18, 54, 59

Fusoterebra,

Fusoterebra var. bigranulata, p. 61. var. diversenodulosa, p. 61. Id. Id. var. pernodulosa, p. 61.
Id. Id.

proterebrina, p. 59, 61.


var. pseudoanulosa, p. 60, 61. terebrina, p. 60, 61.

Id.

Id. Id. Id.

var. exundulata, p. 47, 48, 59 bi$. Farinesi, 47, 48, 50, 51, 52, 55, 56, 59 bis. var. flexuosa, p. 47, 59 bis. inconstans, p. 49, 59 bis. var. inflatulina, p. 52, 55, 59 bis. var. Karsteni, 48, 59 bis.

64

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARn DEL PIEMONTE ECC.

Hastula var. lactea,


Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id.
Id. Id. Id.
vai-.

p. 54, 50 bis. Isevigatoides, p. 57, 59 bis. lanceata, p. 54, 59 bis. lanceolata, p. 10, 51. var. lateplicata, p. 52, 55^ 59 bis. lepida, p. 49, 59 bis.

Strloterotu^vmi,
Strioterebrum,
Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id.
Id. Id. Id.
Id.
p.

p. 33.

26, 27, 28. affine, p. 33, 46. var. alternicostulata, p. 39, 46. astezanum, p. 39. var. astriolata, p. 35, 46.

var. major, p. 51, 59 bis.


54, 59 bis. var. perplicatellata, p. 49, 59 bis. plicatula, p. 59 bis.

micans,

p.

var. asulcoterebra, p. 36. var. asulcodertonensis, p. 36.

atorquatum,

p. 45.

var. pseudofarinesi, p. 51, 59 bis. var. pseudosubcinerea, p. 52, 55,

59

bis.

var. rectilinearis, p. 52, 55, 59 bis. salleana, p. 49, 54, 59 bis. var. scalarinula, p. 52, 59 bis.

Basteroti, p. 33,37, 39,45,46. var. caucellatoidea, p. 41, 43, 46. var. ciugulocostata, p. 43, 46. var. cingulocrassa, p. 35, 37, 46. var. cingulosulcata, p. 43, 46. var. colligens, p. 43.

59 var. strangulatina, p. 55, 59

semiundulata,

p. 47,

bis.

bis.

striata, p. 45, 47, 48, 49, 56,

59
Id.
Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id.
Id. Id. Id. Id. Id.

bis.

var. var. var. var. var. var. var. var. var.

Hemiacirsa

strigliata, p. 49, 54, 59 bis. subcinerea, p. 45, 47, 48, 50, 51, 53, 54, 56, 57, 58, 59 bis. subcinereoides, p. 57, 59 bis. subconoidalis, p. 51, 59 bis. subinflatulina, p. 55, 59 bis. sublacvigata, p. 50, 51, 59 bis. sublateplicata, p. 55, 59 bis. subrectilinearis, p. 55, 59 bis. taurosemiltevis, p. 51, 59 bis. Traillii, p. 49, 59 bis. translata, p. 56, 57, 59 bis. Verrauxi, p. 49, 59 bis. var. Brocchii, p. 66.

Id.

columellare, p. 43. var. crassetorquata, p. 44, 46. subvar. cristulata, p. 36. cuneanum, p. 37, 38. var. densecostata, p. 34, 46. var. depressicostata, p. 40, 46. var. depressiplicata, p. 40, 44, 45, 46.

Id. Id. Id. Id.


Id. Id.
Id.

dislocatum, p. 33. exbistriatum, p. 37, 46.


exile, p. 45, 46.

Id. Id.

flavum, p. 33. var. gracilior, p. 45, 46. var. longissima, 34, 46. subvar. longiscala, p. 35. var. medioareticulata, 42, 45, 46. nebulosura, p. 33, 39, 46.
var. var. var. var. var. var. var. var. var.

Id.
Id. Id. Id.
Id.

var. costulata, p. 66. var. dertobrocchii, p. 66. lanceolata, p. 66. var. pliobrocchii, p. 66.
var. prysmatica, p. 66.
6.

Id.
Id.

neglectuin, p. 18. parvonassoides, p. 34, 36. parvulesulcata, p. 44, 46. parvuliua, p. 37, 46. paucisulcata, p. 45, 46. percancellata, p. 43, 46.
percosticillata, p. 42, 46, perplicata, p. 44, 46. i^erplicatoconica, p. 40, 46.

Oniscia cythara, p. 6. Oniscidia cythara, p.


Id.

Id. Id.
6.

postcytliara, p. 6.

Id.

verrucosa, p.

Id. Id.

pertorquata, p. 39, 46.

Pleurotoma

saiitcatsensis, p. 62. F*uslonella. p. 62. Pusionella buccinata, p. 62.

Id.
Id.

petiverianum, p. 33. pliocenicum, p. 33, 36-42,


44, 46. plioparvecostata, p. 39, 46. pseudoterebrura, 35, 36, 46. i^seudokievis, p. 39, 46. i^yramidalis, p. 40, 46. reticulare, p. 40, 44-46. Scarabelli, p. 37, 38. var. scalariomutinensis, p. 42,46. var. scalarioreticularis, p.42, 46, var. strangulatolouga, p. 43, 46. var. subbitorquata, p. 42, 46. var. subcancellata, p. 40. var. subneglectoides, 36, 39, 46. var. subscarabelli, p. 37, 38. var. superneareticularis,p. 42,46. var. taurofusoidea, p. 34, 46. var. terebrocingulata, p. 35, 46. subvar. turriculata, p. 38.

Id.
Id.

nifat, p. 62.

pedemontana,

p.

62.

Id. Id.
Id. Id.
Id. Id.

Id. Id.

pusione:l.i.id^,
Semicassis laivigata, p.
Id. Id. Id. Id. Id.
6.

tauronifat, p. 62. sautcatsensis, p. 62. p- 62.

var. var. var. var.

miolfevigata, subornata, p.

p. 5.
5.

Id.

Id. Id.
Id.
Id.

sulcosa, p. 6. var. transiens, p. 5.

undulata, p.

6.

Splneotereltu'a,

p. 58.

Id. Id.
Id.
Id. Id. Id. Id.

Spineoterebra cosentinoides, p. 59, 59 bis. var. parvoaspina, p. 59, 59 bis. Id. var. paucispinosa, p. 59, 59 bis. Id. var. rarispinosa, p. 59, 59 bis. Id.
Id.
Id.

spinulosa, 52,

56,

58,

59,
bis.

59 var. subargalbiorum, 58, 59

bis.

Id.

var. turritoreticularis, p. 41,46. uudulatum, p. 33, 46. var. varioreticularis, p. 41, 46.

DESCRITTI DA F. SACCO

65

SuTbula,
Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id.

p. 7.

Terebra astezana,
p. 9, 17.

Subula var. basicarinata,

Id.

var. burdigalensis, p. 11, 13, 17.

Id. Id. Id.

p. 38. Basteroti, p. 28, 33, 35, 38, 41. bellardiana, p. 38.

subvar. carinatella, p. 13.


vai",

Bey vichi,

cerithinoidea, p. 14, 17. cingula, p. 8, 17.

p. 47. bistriata, p. 37, 45.

Id.
Id. Id.
Id. Id. Id.

var. cocconiana, p. 9, 17. var. conicogigantea, p. 12, 17. var. conicoliBvis p. 9, 17. couicoplicaria, p. 15, 17.
ci'enulata, p. 24.
vai',

Blainvillei, jx 8. catenifera, p. 59. cinerea, p. 50, 53, 54. cinereides, p. 50. cincia, p. 8. Cosentini, p. .58.
costellata, p. 27. costulata, p. 45, 48, 53. crispata, p. 31.

dertofusulata, p. 16, 17. subvar. dertog-igantea, p. 15. dimidiata, p. 17. duplicata, p. 17. ferruginea, p. 8, 17. fuscata, 7, 9, 11, 12, 14, 17, 23, 66. var. fuscatina, p. 25. var. fuscatoides, p. 13, 17. var. fuscomodesta, 14, 17. var. Hoclistetteri, p. 17. var. infernelata, p. 16. var. italica, p. 11. var. lanceolatissima, p. 10, 17.
var. lavicolJigens, p. 14, 15, 17. var. Iffivisulcata, p. 12, 17.

Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id.
Id.

cuncana,

p. 3S^.

dimidiata, p. 8. duplicata, p. 8, 33, 38. Farinesi, p. 54.


favai, p. 15. ferruginea, p.
8.

flammea,

p.

18.

flexuosa, p. 47. foveolata, p. 35.


Fuclisi, p. 27.

subvar. miocarinata, p. 12. modesta, p. 14, 17. muscaria, p. 17.


var. ovulata, p. 16, 17. var. perinflata, p. 16, 17. var. perstriatula, p. 14, 17. subvar. persulcata, p. 8. var. planoclavata, p. 16, 17. planoinflata, p. 9, 17. subvar. plicariocarinata, p. 12. plicaria, p. 10, 11, 12, 14, 15, 17, 23, 25, 27. var. plioplicaria, p. 11, 17. var. prajcedens, p. 11, 12, 13, 17, 23.

Id. Id.
Id.

fuscata, p. 7, 8, 9, 11, 12, 15, fusiformis, p. 60. Hoernesi, p. 27, 35. Earsteni, p. 8.

2.5.

modesta, p.

8,

10, 15.

Id.
Id.

murina,

p. 31.

neglecta, p. 28.

Id. Id.

nodulosa, p. 23, 24. pertusa, p. 28, 29, 31.


plicaria, p. 7, 8, 12, 15. plicatula, p. 31, 47, 48, 53, 54.
reticularis, p. 41. Scarabelli, 37, 38.

Id. Id. Id. Id. Id.


Id. Id. Id. Id.

senegalensis, p. 8. Speyeri, p. 25. spinulosa, j). 58.


striata, p. 48, 51, 56. strigliata, p. 24, 29, 48, 50, 53, 54, 55. striolata, p. 8.

subvar. pseudocarinata, p. 8, 12 var. pseudocerithoidea, p. 10, 17. var. pseudomodesta, p. 10, 14, 17. subvar. pseudosuturata, p. 8.
var. scalariolouga, p. 13, 17. senegalensis, p. 8, 17. var. striatula, p. 8, 17. var. striolata, p. 8. anom. studeriaua, p. 8. var. subasulcata, p. 8, 17. var. subhochstetteri, p. 14, 17. var. sublsevigata, p. 11, 13, 17. var. subscalarata, p. 9, 17. var. subsubulata, p. 11, 17. var. subulatissima, p. 10, 17. sulcata, p. 10, 66. var. suprainflata, p. 9, 17. var. taurolasvis, p. 12, 17. tigrina, p. 17.

Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id.

subcancellata, p. 40. subcinerea, p. 50, 53, 54. subflamniea, p. 18, 51, 53, 54. subplicatula, p. 31, 50. substrigilata, p. 48, 53, 54, 55. subsubulata, p. 11.
subtessellata, p. 20, 24. sulcata, p. 48. terbrina, p. 60.
tessellata, p. 20, 24, 25, 26.

transylvanica, p. 32.
tuberculifera, p. 23.

nudata, p. 29. undulata, p. 47.


volhynia, p. 34.
p. 18.
p. 14, 18, 20, 21, 22. ascalarata, p. 19, 32. asulcoelegans, p. 21, 32. asulcoornata, p. 21, 32. asulcosa, p. 26, 32.

subvar. transitoria, vermicularis, p. 13,


p- 7.

p.

15.

Terelbru-m,
Id. Id. Id. Id. var. var. var. var.

17,

23.

Terebrum acuminatum,

TEREBRID>C,
Tere'br-a,
Id.
p. 7.

Terebra acuminata, p. 18, 20, 24, 25.

Algarbiorum,

p. 56.

MOLLUSCHI DEI TERRENI TERZIARn DEL PIEMONTE ECC.


,

Terebrum
Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id.
Id.

23, 24, 32. subvar. canalisuturata, p. 19. var. carinatoides, p. 29, 32.

cacellensis

p. 13,

21,

22,

Terebrum
Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id. Id.

var. pertuberculifera, p. 24, 32, var. perturrita, p. 25, 32. var. perturritoides, p. 25.

var. cingulatoides, p. 30, 32. cingulatum, p. 24, 26,

30, 31, 32, 37.

postneglectum, p. 26, 29, 32. var. procingulata, p. 25, 26, 32. var. pseudoplicata, p. 27, 32. var. pseudosulcata, p. 26, 32.
subvar. pseudotypica, p. 20. pulchellum, p. 31, 32.
vai',

columnare,

p.

28.

var. columnostriolata, p. 26. var. crispata, p. 32. crispatum, p. 31. var. dertonensis, p. 22, 32. var. dertoparva, p. 22, 32. var. detmoldensis, p. 25. duplicatum, p. 25. eoacuminatum, p. 18. excostellatum, p. 27, 32. var. exnodulosa, p. 23, 24, 32. var. expertusa, p. 21, 25, 27, 28, 30, 31, 32, 36.

repressa, p. 23, 32.

simplicodepressum, 21, 23, 32.


var. var. var. var. var. var. var. var. var.
simplicoscalaris, p. 20, 32. Speyeri, p. 32. striatellata, p. 27, 32.

flammeum,
formosum,

p. 31, 32.

'

p. 31, 32.

strioterebroides, p. 26. subagranulata, p. 19, 22, 32. subanodulosa, p. 24, 32.. subcacellensis, p. 21, 32. subexpertusa, p. 30, 32. sublsevigata, p. 24. subplicatulum, p. 31. var. subtessellatoides, p. 30, 32.

Fuchsii, p. 27. var. granulatoparva, p. 19, 32.


histrio, p. 32.

HcBiTiesi, p. 27, 32, 35. var. inflatella, p. 19, 32.


lavc, p.

subtessellatum, p. 20, 21, 24, 25, 27, 29, 30, 31, 32, 35. subulatoideum, p. 20, 23, 32. subulocacellense, p. 23, 32. subulatum, p. 23, 31, 32.
var. suprangulata, p. 20, 32. var. taurocrassa, p. 20, 21, 32.
p. 21, 32. tessellatum, p. 25. var. torquata, p. 25, 32. var. transylvanica, 13, 22, 23, 32. tuberculiferum, p. 23, 32. var. tubulosa, p. 27, 30, 32.

22.

subvar. laevesulcosa, p. 29. var. magnoplicata, p. 21, 32. var. major, p. 20, 32. var. minor, p. 20. var. neglectocingulata, 26, 32, 35.

taurostrangulatum,

neglectum,

p. 21, 25, 26, 27, 28, 30, 31, 32, 35, 36.

oculatum, p. 22.
var. pergrauularis, p. 19, 32. var. perliE\'igata, p. 31, 32.

undatum,

p.

29.

Id. Id.

Turritella costulata, p. 66.

Oorrezioni
Riguardo

ed.

Aggiunte.

PARTE
ai

IX.
,

Cyrsotrema del Bartonano di Gassino, cio: C. gassinense C. eoartricidatum, debbo aggiungere come e.<si costituiscano C. Rovasendae e C. eovaricosiim quasi un passaggio nlle Crassiscala DE BOURY, ma non sembrami clie possansi coiLsiderare come vere Crassiscala ; se ne potrebbe forse costituire un nuovo sottogenere Cyrsocrassiscala SACCO 1891. Distinguitur a var. Braccni Pant. Eemiacirsa lanceolata (Br.) var. dertoBrocchii SACC. anfractibus ad snturam non depressis. Tortoniano Stazzano (rara). E, lanceolata (Br.) var. pUoBrocchii SACC. Distinguitur a var. Brocchii PANT., suturi profundis; anfractibus ad suturam non depressis, costis longitudinalibus numerosioribus. Piacenziano: Bacedasco nel Piacentino (rara). BORSON, E. lanceolata (Br.) var. costulata (BORS.), 1823 Tu7->-iteUa costulata BORS.
,

Dall'esame dell'esemplare tipico risultami essere afflnissima questa forma alla var. prys7natica.
Oritt.

piem.

p.

181

(313).

Astigiana.

PARTE
Pag. Lin.
10.
EP.RA.TA.

X.

CORRIGE

24
18

23. 32. 37. 47.

23
36
15

collegare la S. sidcata alla T. si avvcina assai


T. pulchella

modesta

eollegare la S. fuscata alla T. modesta.


si

avvicina assai. T. pulchellum.

asulcoterebrum E. striala var. exundulata (SACC.)

asulcoterebra.

E. striata var. exundulata Sacc.

F.

SACCO

Molluschi
2

terziari!

del

Piemonte, ecc. (Parte X)

. Jittjhini ih;

i..i

.WW"XY.)/.",

'"""

Tav.

I.

Localit
di rinveniinento* Fig.
1.

Colleziona in cui conservato l'esemplare figurato

Subula fuscata

(Br.)
,

1 bis,

(juv.)

........
. .
.

Astigiana

Museo

geol. di Torino.

2. 3.
]]
,,

4.
5. 6.

,,


,,

,,

suoT. pseudocarmata Sacc. var. subscalarata Sacc var. supraintafa Sacc var. planoinflata Sacc var. pseudocerithoidea Sacc
var. var. var. var. var. var. var. conicolaevis Sacc pseudomodesta Sacc. fanceolatissima Sacc.

Volpedo Masse rano


Astigiana

Museo Museo

geol. di Roma. geol. di Torino.

7. S. 9,

,,


,,

. .

. .

Alben^a
Astigiana
)

10,
11.

,,
j,

subulatissima Sacc
plioplicaria Sacc praecedens Sai e
.
.

,,

It. 13. 14.


15. 16.

Colli torines:

,, ,,

17.
18. 19.


,,

20. 2'. 22. 23. 24. 25. 26.


:i7.

,,

,,
,,

taurolaevis Sacc ., plicaria (Bast.) var. laevisulcata Sacc. . var. conicogi^antea Saoc. var. fuscatoides Sacc. . var. scalariolonga Sace. ,, var. vermicularis Sacc ,, var. subHochatetteri Sacc. ,, ? var. cerithinoidea Sacc. ,, var. fuscomodesta Sacc. ,, ? var. laevicolligens Sacc. concopticaria Sacc
"^

Collez.

Rovasanda.
geol. di Torino.

Sciolze
Colli torinesi

Museo
Collez.

Baldissero
Colli turinosi

Rovasenda.
geol. di

Museo
Collez.

Roma

Kovasenda.
geol. di Roma. peol. di Torino.

Museo Museo
Stazzano
.

Museo
Museo Museo

Collez. R-ovasenda. geol. di Torino.

,,

modesta
,,
,,

(Trst.)

28. 29. 30. 31. 32. . 34.

Terebrum

37. 38. 39. 40. 41. 42.

dertolusulata S.tcc ovulata Sacc ,, acurainatum (Bors ) var. ascalarata Sacc var. pergranularis Sacc ,, var. granulatoparva Sacc ,, var. inflatella Sacc , var. taurocrassa Sacc ,, var. siniplicoscalarii Sacc var. suprangulata Sacc var. asulcoelegans Sacc

var. var. var. var.

planoclavata Sacc.
perinflata Sacc
.

geol. d Roma. geol. di Torino.

Astigiana Vezza d'Alba Astigiana Stazzano


.

Museo
Museo
Collez.

geol. di

Roma.
Torino.

Volpedo

geol

di

Colli torinesi Termofoiir (C.

Rovasenda.
geol. di Torino.

Colli torinesi

Museo

magnoplicata Sacc ,, var. sulicacellensis Sacc jy simplicodepressum Sacc cactUense (Da Costa) var. dertoparva Sacc.
var.

. .

Stazzano

43
44. 45. 46.

o, b.

47.
48. 49. 50. 51. 52. 53. 54. 55. 56. 57. 58. 59. 60. 61. 62. 63. 64. 65.

var. dertonensis Sacc. ,, taurostranpulatiim Sacc subulocacellense Succ aubulatoideum Sacc var. repressa Sacc. ,. tuberculiferum (Dod.) var. exnodulosa Sacc.
,,

Colli torinesi

Museo Museo

geol. d Roma. geol. di Torino.

Baldissero
Colli torinesi

...,-.
.

Moutegibbio

(juv.)

var. pertuberculifera Sacc. var. bubanodulosa Sacc. ,, subtessellatum (D'Orb.) (esemplare tipico della collezione Michelotti) var. perturrita Sacc ,, var. torquata Sacc ,, var. procingulata Sacc var. ueglectocin^iilata Sacc. var. strioterebroides Sacc. var. coluranostriata Sacc. var. pseudasulcata Sacc ,, var. tubulosa Sacc. var. asulcosa Sacc ,, ?Fuchsi (R. Hoerii.) var. jiedemontana Sacc.
. .

Museo Museo
Colli torinesi

geol. d geol. di

Modena.

Roma.

Museo
Collez.

geol. di Torino.

Rovasenda.

Sciolze
Colli torinesi (G rangi

Bersano (La Morra)


Colli torinesi (V Colli torinesi

orzano)

?Hoernrsi

(Be}^r.) var. striaiellatii

Sacc
Stazzano
-

Museo Museo

geol. d Roma. geol. di Torino.

66 a,
67. 68. 69. 70.

b.

neglecium (Micht.) var. expertusa Sacc var. carinatoides Sacc ,, postneglectum Sacc
var. subtessellatoides Sacc. var. cingulatoides Sacc. var. subexpertusa Sacc ., cingulatum var. ijerlaevigata][|Sacc
,,
,

Colli torinesi

. . .

Astigiana . . Vezza d'Alba Astigiana . .

Montegbbio

Museo

geol. di

Modena.

X (come pure la IX) della Monografia dei Molluschi dei Piemonte e della Liguria, non potendo pi essere inserita, nel corrente anno accademico, nelle Memorie della R. Accademia delle Scienze di Torino, come le parti precedenti, venne pubblicata a spese dell'autore, afnch non fosse troppo ritardata la pubIVOTA.
La presente parte
ter'eni terziarii del

blicazione di detta Monografia.

di

La parte XI verr nuovamente pubblicata Torino, serie II, tomo XLII, 1892.

Trovasi in vendita presso la Libreria Loescher, Torino. nelle Memorie della R. Accademia delle Scienze

Tav. il
Localit
di riny^enimento,
l

Collezione *" ^"* ,^ consercato esemplare figuralo.


geol. ai Torino.

Fig.
1

a, h.

2.

3. 4. 5.
6. a, b.

7.
S.

8 bis.
9. 10.

li, 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19.

Striotorebrum Baateroti (Nyst) var. taurofusoidea Sacc ,, ,, var. parvonassoides Sacc ,, ,, var. lon^issima Sacc ,, var. dt-nsecostata Sacc ,, ,, var. astriolata Sacc ,, ' var. terebrocingulata Sacc ,, ,, vap. subneglectoides Sacc ,, ,, var. pseudoterebnini Sacc ,, var. asulcoterebra Sacc ,, var. asulcodertonensis Sacc ,, var. cingulocrassa ."^acc. ,, ,, exbistratum Sacc. var. parvulina Sacc ,, Scarabelli (Dod.) cuneanum (Da Costa) var. subscarabelli Sacc. pliocenicum Sacc var. plioparvecostata Sacc ., ,, var. pyramidalis Sacc ,. ,, var. perplicatoconica Sacc ,, ,,
.

Colli torinesi

Museo
(Termofour)
. .

,, ,, ,, ,,

CoUez. Rovasanda.

Museo
(Termolour)
. .

geol. di Torino.
,,

CoUez. Rovasenda.
,, ,,

,,
,,

(Pian dei Baschi)

Sciolze . _ Colli torinesi

^^

Museo
Musen Museo Museo Museo Museo

geol. di Torino.

....
. .

Stazzano Torton^se
Colli torinesi

geol. di Modena. geol. di Tonno. geol. di Modena. ijeol. di Kuiiia.

Montegibbio
8.

Maria (Torionese)
,,

....

....

Astigiana
Viale presso Montafia

geol, di Tornio.
,, ^^
,,

.... ....
Museo Museo

Astigiana
Villalvernia

,,

,,

var. depressicostata Sacc

,,

20. 81. 22. 23. 24. 25. 26. 27. 28. 29. 30. 31. 32. 33.

,,
,,

,,

,,

,, ,,

,, ,,

reticulare (Pecch.) (juv.) var. turritoreticularis Sace ,, var. varioreticularis Sacc .. var. scalarioreticularis Sacc. ., var. scalariomntinensls Sacc ,, var. meiiioareticulars Sacc ,, var. cancellatoidea Sacc percancellata Sacc var.
,,

Rio Torsero (Liguria) Stazzano


Castelnuovo d'Asti
.,
.
.
-

geol. di Genova. geol. di Torino.


,^

,,

.,

Montegibbio

Rio Torsero (Liguria) Alben-a


Zinola

....

Museo Museo Museo

geol. di Modena. geol. di Genova, geol. di Torino.


,,

var. strangulatoionga Sacc var. crassetorquata Sacc ,, ,, var. perplicata Scc ., ,, var. dt-pressiplicata Sacc ,, ., ^ var. planocnsticillata Sacc ,. ,, 34. / var. paucisulcata Sacc ,, ,, 35 a, 6. atoriiuatuin Sacc ., 3G. Hastula striata (Bast.) var. semiun'lulata Sacc costulata (Bors.) 37o,6. 38a, &. var. colligens Sacc ,, 39. var. perplicatellata Sacc 40. var. conoitlea Sacc ,, ,, 41. var. dertorugosa Sacc ,, 42. subcinerea (D'Orb.) ,. . var. taurosemilaevis Sacc. 42 bis. ,, ,. 43. var. pseudofarinesi Sacc ., Sacc 44. var. subconoidalis 45. var. brevicauda Sacc ,. 4fi. ,, var. scalariDula Sacc ,, 47. lateplicata Sacc var. -48. var. iutlatulina Sacc ,, ,, 49. rectilinearis Sacc var. ., ,, 50. Farinesi (Font. 51. var. dimidiolaevis Sacc ,, 52. var. subrectilinearis Sacc ,, ,, htbi. ,, var. subjateplicata Sacc 53. var. strangulatiiia Sacc ,, 54. var. subinflatulina Sacc ,, 55. var. pseudosubcinerea Sacc ,, ,, 56. Algarboriim (U Costa) var. dertonensis Sacc ,, 57. var. subcinereides Sacc ., ,, 58. var. conicotransii-ns Sac^

Astigiana Vezza d'Alba Astigiana


,,

,,

,j
,,

,,

,.

,, ,,

Colli

torinesi
,,

Astigiana
Villalvt-rnia

,,

Astigiana Stazzano
Colli torinesi
,, ,,

,,

,,

Astigiana
,.

Stazzano
Sciolze
Colli torinesi

Museo Museo

geol. di Roma. geol. di Torino.


,,

Vezza d\\lba
Astigiana

.......

^^

Rocca d'Arazzo Montegibbio


Stazzano

.,

Museo Museo

geol. di Modena. geol. di Torino.


,,

var crassoconica Sacc var. laevigatoides Sacc 61. derlolanceelaia Sacc 62a, &. ,, ? dertoconica Sacc 63. Spineoterebra spinuiosa (Dod.)
59. 60.

Montegibbio Stazzano

,,

,,

,.

Museo Museo
Museo Museo Museo Museo

geol. di

Modena.
Torino.

geol
,,

di

,,

,,

64 o,
65. 66.

i>.

,,
,,

.,
,,

67 a,
68.

6.

69 a,
70. 71.

ft.

ranspiuosa Sycc paucispiuosa Sacc cosentmoides Sacc parvoaspina Sacc ., ,, Fusoterebra proterehrina Sacc

.,

,,

var. var. var. var. var.

subalgarbiornra Sacc

Montegibbio Stazzano S. Maria (lorton-se) Montegibbio


,,

....
.

geol. geol. geol. geol.

di Modena. di Torino. di Koina. di Modena.

,,

Tetti Borelli Sciolze

Museo

,,

a, 6.
,,

72
73.
74. 75.

,,

terebrina (Bon.) var. pseudanodulosa Sacc var. unicarinata Sacc ., var. diversenodulosa Sacc ., var. ventresu'cata Sacc ., var. pernodulosa Sacc .,

Stazzano
,.
,,

geol. di Torino. CoUez. Rovasenda. Museo geol. di Torino.


,,

Giusulana (lortonese} Stazzano


S.

....
Collez.

,,

Agata

tossili

76 o, 77 a,
78. 79. 80. SI. 82. 83.

6.

b.

Pusionella pedemontana Sacc tauronilat Sacc.


,,
,,

,,

Baldissero
Colli torinesi

Galeodea proechinophora Sacc

Gassino
Baldissero

Rovasenda.
geol. di Torino.

,,

miocristata Sacc. var. multicingulata Sacc tauroglobosa Sacc. var. gassinensis Sacc subtubercularis Sacc jj tuberculatissima Sacc oblongocebana Sacc. var. Sacci (Rov.)

Museo
Collez.

Gassino
,,

Rovasenda.

,,

Bussolino Torinese

SACCO

Molluschi

terziarii

del

Piemonte, ecc. (Parte X).

Tav.II.

Valuta