Sei sulla pagina 1di 2

26/10/13

Mitologia greca e latina, Dafne, Dafni, Danae

MITOLOGIA CLASSICA

home

dossier.net

motti latini

aforismi

grammatica

galateo

Mitologia greca e latina : lettera D

Dafne, Dafni, Danae.

SOMMA RI O
Mitologia classica: lettera A Mitologia classica: lettere B, C Mitologia classica: lettere D, E Mitologia classica: lettere F-I Mitologia classica: lettere L-N Mitologia classica: lettera O-Q Mitologia classica: lettere R, S Mitologia classica: lettere T -Z

aggiungimi ai siti preferiti imposta come home page

DAFNE: ninfa dei monti e sacerdotessa della Madre Terra, amata da Apollo. Secondo la localizzazione del suo mito detta figlia del fiume Ladone (in Arcadia), o di Amicla (Laconia), o del fiume Peneo (Tessaglia). Amante della caccia, non viveva nelle citt, ma passava il tempo a percorrere le montagne. Votata al culto di Artemide, e perci alla verginit, rifiut l'amore di Apollo, che acceso di desiderio, cerc di prenderla con la violenza. Dafne fugg, e quando si accorse che il dio stava per raggiungerla, invoc in aiuto la Madre Terra che in un baleno la trasport in Creta, dove essa divenne Pasifae. La Madre Terra fece poi crescere un lauro l dove si trovava Dafne, e Apollo intrecci una corona con le sue foglie per consolarsi. Il tentativo di usare violenza a Dafne non fu fatto d'impulso; da molto tempo Apollo l'amava e aveva artatamente provocato la morte del suo rivale Leucippo, figlio del re di Elide Enomao. Leucippo s'innamor di Dafne e per poterla frequentare si travest da fanciulla lasciandosi crescere i capelli in onore del fiume Alfeo. Si chiam Eno e chiese il permesso di cacciare con Dafne la quale acconsent. Ma Apollo, scoperto l'inganno grazie all'arte divinatoria, consigli le Ninfe montane di bagnarsi nude per accertarsi che il loro gruppo fosse composto di sole donne: l'inganno di Leucippo fu cos scoperto, e le Ninfe lo fecero a pezzi.

cerca nel sito - cerca nel web Cerca

SOMMA RI O DOSSI ER.NET


La prima pagina di Dossier.Net Impost a comunale immobili Guida ai cont rat t i di locazione Benefici fiscali per la prima casa Casa e principali norme fiscali I pi frequent i errori fiscali Pagine ut ili e calcolat rici online Migliaia di giochi online Il relax ed il t empo libero Video e musica di t ut t i i generi Migliaia di ricet t e da cucina I campionat i it aliani di calcio BlogSera, fat t i ed opinioni

DAFNI: figlio di Ermete, molto amato da Apollo, Pan ed Artemide. Questi di insegnarono molte cose a Dafni, che peraltro invent la poesia bucolica. Era un bel giovane siciliano e sua madre, una ninfa, lo abbandon in un bosco d'allori sulla montagna di Era; ecco il perch del nome che gli fu dato dai pastori, suoi genitori adottivi. Pan gli insegn a suonare lo zufolo; egli era il beniamino di Apollo e cacciava spesso in compagnia di Artemide, che gradiva il suono della sua musica. Dedicava gran cura alla sua mandria, che era della stessa stirpe della mandria di Elio. Una ninfa chiamata Nomia gli fece giurare di non essere mai infedele, sotto pena di venire accecato; ma la rivale di Nomia, Chimera, riusc a sedurre Dafni ubriaco, e Nomia lo accec mettendo in atto la sua minaccia. Dafni si consol per la perdita della vista suonando tristi canzoni, ma non sopravvisse a lungo. Ermete lo trasform in una pietra che ancora si vede presso la citt di Cefalenitano; e fece sgorgare a Siracusa una fontana che porta il nome di Dafni: col ogni anno si offrono sacrifici. Secondo una diversa versione, la donna di Dafni si chiamava Pimplea o Talia, che un giorno venne rapita dai pirati. Dafni la cerc in ogni angolo della terra, finch non la trov fra le schiave di Litierse, re di Frigia. Il re Litierse sfidava tutti gli stranieri che si presentavano alla sua corte a misurarsi con lui in una gara di mietitura. Se le forze venivano loro meno, li frustava e la sera, dopo aver vinto la prova, li decapitava e ne celava i corpi tra i covoni, cantando lugubri inni. Eracle, che si trovava in Frigia a quel tempo, acconsent a che Dafni prendesse parte alla gara, ma Eracle prese il suo posto e vinse: decapit allora Litierse con una falce e gett il suo cadavere nel fiume Meandro. Quanto a Dafni, non soltanto pot unirsi alla sua Pimplea, ma Eracle don loro anche la terra di Litierse, come dote. In onore di Litierse, i falciatori frigi cantano ancora un funebre inni agreste che assomiglia molto all'inno in onore di Manero, figlio del primo re egiziano e anch'esso morto al momento del raccolto.

mitologia.dossier.net/dafne.html#dafne

1/2

26/10/13
Port alini: dal met eo ai t elefoni

Mitologia greca e latina, Dafne, Dafni, Danae

DANAE: unica figlia di Acrisio, re di Argo, e di Euridice. Acrisio, avendo avuto dall'oracolo di Delfi la predizione che un giorno sarebbe stato ucciso dal nipote, per impedire che ci si avverasse chiuse la figlia in una torre dalle porte di bronzo, custodita da cani ferocissimi, sicuro cos che la profezia non poteva avverarsi. Ma, nonostante queste precauzioni, Danae venne sedotta, gli uni dicono dallo zio Preto, gli altri da Zeus, sotto forma di una pioggia d'oro che cadde da una fenditura del tetto fin nel seno
della giovane. Dall'unione nacque Perseo. Quando Acrisio fu informato dell'accaduto, non volle credere che Zeus fosse il padre di Perseo e sospett suo fratello Preto di essersi giaciuto ancora con Danae; non ebbe tuttavia il coraggio di uccidere la propria figlia e la rinchiuse con il neonato in un'arca di legno che gett in mare. L'arca fu spinta dalle onde presso l'isola di Serifo, dove un pescatore chiamato Ditti la ripesc, la port a riva, l'apr e vi trov Danae e Perseo ancora in vita. Subito li port a suo fratello, re Polidette, che allev Perseo nella propria casa. Trascorsero gli anni e Perseo, raggiunta ormai l'et virile, difese la madre Danae da Polidette il quale, con l'appoggio dei propri sudditi, voleva costringerla a sposarlo. Polidette, respinto da Danae, che viveva per il figlio, studi come liberarsi del ragazzo e lo mand a uccidere Medusa e portargliene la testa. Mentre Perseo era assente, Polidette rinchiuse Danae in un tempio e le rifiut il cibo sperando cos di fiaccarne la resistenza e di convincerla a diventare la sua sposa. Contrariamente alle attese di Polidette, Perseo torn vincente. Polidette, invidioso della gloria del ragazzo, tratt tutti male, umili Danae, tratt come un servo il fratello e schern Perseo. Allora il ragazzo, grazie al potere della testa di Medusa, lo pietrific con tutti i suoi seguaci e l'isola di Serifo divenne una sassaia, sola una piccola parte rimase abitabile e Ditti ne divenne il re. Poi Perseo, con la sposa Andromeda e la madre torn ad Argo per conoscere il nonno Acrisio. Questi, avvertito del suo arrivo, fugg a Larissa; ma Perseo fu per caso invitato col per partecipare ai giochi funebri organizzati da re Teutamide in onore del suo defunto genitore, e gareggi nel pentatlon. Mentre lanciava il disco, questo, spinto dal vento e dalla volont degli di, colp Acrisio alla testa e lo uccise. Secondo una pi tarda leggenda italica, Danae, liberata dal figlio, approda nel Lazio, dove sposa Pilumno, fondatore della citt di Ardea e antenato di Turno.

OPERA REALIZZATA IN ESCLUSIVA PER DOSSIER.NET - RIPRODUZIONE VIETATA. XHTML - CSS.

WEB DESIGN CURATO DA FLASH GALLERY

mitologia.dossier.net/dafne.html#dafne

2/2