Sei sulla pagina 1di 20

48

15/02/2008
Radio Mater C. Post. n. 1 - 22030 Longone al Segrino (CO) Tel. 031.646000 - Segr. 031.645214 Fax 031.6490527 Capp. e fax 031.611608 Capp. preghiera 031.3355586 www.radiomater.com e-mail: info@radiomater.com Poste It. Spa Sped. in A.P. DL 353/2003 (conv. I.27/2/04 n.46) art.1, comma 2, DCB Como - Registro stampa tribunale di como n. 1/96 dell8/1/1996 Lett. in famiglia Pro Manoscritto di Radio Mater Arcellasco dErba (CO) A. 2005 Dir. Resp. Don Luigi Bianchi

Storia della Madonna della Cappellina


Dopo la benedizione alla statua della Madonna della Cappellina, aderendo alle richieste rivolteci da parte di numerosi fedeli, abbiamo chiesto a don Mario di raccontare linizio e gli sviluppi della presenza tra noi di questa stupenda statua. La redazione

21 Novembre 2007 Il Santo Padre Benedetto XVI benedice la statua della Madonna della Cappellina
Situata in Arcellasco dErba (CO) Via Valassina, 29

ECCO TUA MADRE


(Gv.19,27)
Come bello, Mamma, essere Tuoi gli! S, carissimi, gioia grande rallegrarci nel cuore di Maria, celebrare con Lei il Signore, accogliere la Sua maternit di grazia, donataci da Ges dallalto della Croce. No, miei cari, non sentimentalismo venerare Maria, ma frutto di saldo fondamento di fede. Cos piaciuto a Dio: - MARIA: DONNA-VERGINE-MADRE: brilla come luce di speranza. - MARIA: icona vivente dellobbedienza: cooper alla salvezza delluomo: Eccomi, sono la serva del Signore: avvenga di me quello che hai detto. - MARIA: DONNA DEL SI sempre: dallAnnunciazione sino ad abbracciare con Ges anche la Croce. - MARIA immagine e modello della Chiesa E la Madre che genera i Cristiani e li conduce alla perfezione della carit (L.Ge.65) S, Mamma, venerare Te un atto di obbedienza, di culto, che ricade in onore di Cristo. S, Mamma, solo rifugiandoci in Te, imitandoTi, pregando i misteri del S.Rosario, diventeremo testimoni di verit e di amore, operatori di pace, attraverso il contatto amoroso e incessante con Ges e coi misteri della Sua vita redentrice (Paolo VI, 7 ott.1969). E dal Tuo cuore, Mamma, mi stato rivolto linvito di annunciare che Ges il Signore, di portare la Sua Parola, la Sua Misericordia anche a coloro che non potevano muoversi dalle case, a tanti cuori che Tu volevi umilmente raggiungere con la Tua tenerezza, con la Tua maternit. Lho sentito, questo, personalmente e profondamente e, timoroso, mi sono abbandonato completamente al Tuo cuore, per essere ancora pi assiduo nella lode, nella preghiera con Te, Madre del Signore e Mediatrice di ogni grazia. Cos nata, nel 1983, nella Parrocchia di Arcellasco, dove ero Parroco, la prima Radio: Mariana, Eucaristica, Ecclesiale, dedicata al Tuo nome. In spirito di umilt, per non perdere di vista le priorit pastorali anche nellaccogliere i numerosi volontari che si offrivano per i servizi in Radio, hai voluto innanzi tutto che nella Cappella della Parrocchia ci si riunisse ogni mercoled per pregare, per sentire il Tuo cuore, Mamma, palpitare accanto al nostro, per vivere il Tuo silenzio contemplativo, per meditare la Parola, prima di proclamarla, per partecipare e vivere lEucarestia. Questo il primo servizio che ci chiedi per amare come Dio ama. Questa la gioia del servizio ecclesiale. S, nel Tuo nome, Mamma, la grazia ci rende capaci di ricostruire in noi la radice del progetto di Dio. Nellautunno del 1989, mentre i volontari della Tua Radio riuniti come ogni mercoled pregavano il S.Rosario, una signora, anchessa volontaria, presente nella Cappella Parrocchiale con i suoi familiari, chiede venga portato un grande pacco che il nostro Mario, incaricato di distribuire i giornalini della radio in Italia, aveva ritirato a Roma. Ecco, don Mario, questo il mio regalo per la sua missione di amore a Maria!
PARROCCHIA SS. PIETRO E PAOLO IN ARCELLASCO DERBA (CO)

Che emozione, che stupore! Man mano che veniva aperto linvolucro, si svelava la presenza di questa Tua meravigliosa statua di altezza naturale!!

Potete forse cogliere i brividi che avvertivano i presenti man mano che la statua veniva presa, mostrata e deposta ai piedi dellaltare, sul lato sinistro della Cappella parrocchiale. Abbiamo avvertito la Tua presenza ed abbiamo sentito riecheggiare linvito:

ECCO TUA MADRE.


Lanima si riempiva di silenzio per conservare, nel proprio cuore, la ricchezza della vera povert. Abbracciati, protetti, guidati da Te, Mamma, ci siamo messi ancora di pi in ascolto, per poter essere riempiti di Te, per essere rianimati nella fede, nella speranza, nella carit, per avere in noi lo Spirito della Chiesa. Nella preghiera e nel servizio, pi il cammino procedeva, pi toccavamo con mano il naturale movimento che, anche attraverso la radio, chiamava i Tuoi gli, o Mamma, qui, come punto di convergenza di tanti cuori, per arrivare, attraverso Liturgia e Sacramenti alla grazia, che il ne dellEvangelizzazione. Come sacerdote, incaricato dalla Curia Milanese di essere Guida spirituale di questo movimento, ho sentito nel cuore il desiderio di un Centro Mariano per accogliere i Tuoi numerosi gli presenti e i pellegrini che arrivavano da ogni parte, con numerosi pullmans. Abbiamo afdato questo desiderio a Te, Mamma, accompagnandolo con tanta preghiera e abbandono. Cos un giorno mi hai fatto individuare il possibile luogo, ed io, animato dalla ducia e dalla gioia, con la responsabilit sacerdotale nellessere Parroco di Arcellasco, in accordo con tutto il Consiglio della Radio, mi sono rivolto a tanti ascoltatori perch, attraverso vari appelli radiofonici, aiutassero a realizzare questo disegno. Grazie alla ducia nella Medaglia Miracolosa da cui tratta la Tua statua, alle rinunce e sacrici di tanti ascoltatori, si acquistata, in Arcellasco, la Villa Vaccari, perch divenisse anche Casa di Maria: la Tua Casa. Rivedo ancora i momenti in cui, mentre veniva ristrutturata la villa allinterno del parco, voi carissimi volontari sistemavate, con tanti sacrici e rinunce personali, la vecchia portineria

VILLA VACCARI, RISTRUTTURATA, MA ANCORA OGGI NON UTILIZZATA DALLA PROPRIETARIA

VECCHIA PORTINERIA

perch divenisse la Cappellina provvisoria della Casa di Maria, in attesa della denitiva, allinterno della stessa villa. Quanti sacrici, miei cari! Quante volte vi ho visto, al termine della preghiera del mercoled, mostrare le spese preventive che si rendevano indispensabili per procedere nei lavori della ristrutturazione. E ciascuno di voi se ne faceva carico, e provvedeva, come in una vera famiglia. Quante volte vi ho visto, al termine della vostra giornata lavorativa, venire in Cappellina e lavorare anche di notte, alla luce di una sola lampadina, per permettere che, prima di tutto, ci fosse la Chiesa ad accogliere, consolare tante anime chiamate da Te, o Mamma, anche attraverso la radio, ad incontrare Ges.

E proprio per essere veramente ecclesiali, quale gioia abbiamo vissuto nel febbraio 1990, in occasione del mio 60 compleanno, durante il pellegrinaggio organizzato dalla radio, perch il Santo Padre benedicesse la Tua statua. Con Te, Mamma, prima ad Assisi, poi a Roma. Rivedo la Tua statua posta alla destra del Santo Padre in Sala Nervi e il Tuo invito ad amarlo, ascoltarlo, seguirlo nellobbedienza e nella gioia.
SALA NERVI

07-02-1990 IL SANTO PADRE GIOVANNI PAOLO II BENEDICE LA NOSTRA STATUA DELLA MADONNA IN AULA PAOLO VI.

Grazie per la benedizione che Giovanni Paolo II ha impartito quel giorno alla Tua statua, elevando una preghiera speciale anche per la comunit! S, con quanto amore, Mamma, Ti ha guardata! Il suo sguardo stato anche per noi un invito a scoprire i Tuoi meravigliosi occhi, mentre dai nostri cuori scaturiva gradualmente la confessione di fede:

Grazie, Santo Padre, ci aiuti anche ora dal Cielo a camminare e servire nella Chiesa, con la Chiesa, per la Chiesa.
Con fede rinnovata siamo poi ritornati qui, per rimanere dove Tu ci vuoi, Mamma, servendo il Tuo disegno. In onore a Te, abbiamo ripreso con pi entusiasmo i lavori nella Cappellina, per poterli terminare entro il mese a Te dedicato: Maggio.

Infatti, con lautorizzazione rilasciata dallUfcio per il Culto Divino della Curia, per iniziare il culto liturgico, il

20 maggio 1990

PROCESSIONE VERSO LA CAPPELLINA DI MARIA

in occasione dellannuale festa della radio al Palazzo ELMEPE di Erba, migliaia di ascoltatori, in processione, Ti hanno accompagnata tra preghiere e canti nella provvisoria

Cappellina di Maria

INAUGURAZIONE ALLINTERNO DEL PARCO

la Tua nuova sede provvisoria.

Da qui, ogni giorno, anche via radio, sotto la Tua materna protezione e alla presenza di Ges Eucaristico, hai continuato ad educarci alla preghiera (rosario, lodi, vespri, adorazione, Cenacoli, deserti) con la gioia: - di accogliere centinaia di fedeli per la S.Messa festiva, celebrata sotto un meraviglioso cedro del Libano, nel parco della stessa Casa di Maria; - di ascoltare e confortare tantissimi pellegrini che, quotidianamente, venivano a Te, Mamma, anche con numerosi pullmans. Nel cuore pulsante della Cappellina, Tu Ges, nella tua offerta al Padre, ci hai donato di invocare, in modo speciale, la protezione di Maria su tutti e in particolare sui sofferenti. Nel mese di Giugno del 1991, mossi da questo amore, ci siamo dati appuntamento al Santuario di Loreto, la Casa di Maria. Ho ancora nel cuore e negli occhi la S. Messa celebrata da Mons. Macchi sul sagrato del Santuario, alla presenza di migliaia di fedeli ascoltatori con i quali abbiamo cantato la nostra gioia di gli di Maria, Madre della Chiesa e afdato a Lei la nostra vita e la radio. Poi quale mistero in questo Tuo disegno! Il 9 settembre 1991 arrivata la CROCE! Una croce pesante, che chiedeva a ciascuno di imparare lobbedienza dalle cose che si patiscono. Il Signore ci chiedeva di rinnovare, attraverso il Tuo cuore, il nostro SI nello Spirito, ci rimandava alla Chiesa per deporre, nelle mani dei superiori, anche questo momento doloroso e oscuro che stavamo vivendo, sottomettendoci in obbedienza, perch la volont di Dio potesse compiersi. Quante lacrime, Mamma, hai asciugato, quanti gridi di dolore hai sentito elevarsi in quegli anni da tanti Tuoi gli, da ogni parte dItalia, che si sentivano abbandonati dal cuore pastorale e paterno che no ad allora li aveva guidati e che imploravano di poter tornare ancora a sentirlo, via radio, per vivere lunit e la carit evangelica.. Quante volte, Mamma, con Te, ho deposto nel calice della S.Messa i gli di questa famiglia che hai afdato anche alle mie cure pastorali, perch sentissero sempre pi, con la volont di Dio, limpegno alla preghiera, al bene, per lunit dello Spirito. Immersi in un silenzio orante dattesa Tu, Mamma, un giorno ci hai chiamato a Lourdes, per deporre nel Tuo Cuore Immacolato tutte le prove, le sofferenze e le speranze di questa Tua famiglia e per rinnovare il nostro Eccoci! che ci ha permesso di rimanere duciosi nella Tua Cappellina, certi del tuo intervento.

Infatti, un giorno, attraverso la voce della Chiesa, Maestra e Madre, ci hai rivolto linvito ad aprire unaltra radio: l11 febbraio 1994 nata in Arcellasco, Via Marconi 85,

SEDE DI RADIO MATER

Radio Mater
- la radio della Tua maternit - la radio che porta la Chiesa in casa e che tutti riunisce nellamore, come una sola famiglia.

E, con lumilt e la semplicit di Bernadette, abbiamo iniziato il nuovo cammino radiofonico, riconfermandoTi il nostro Eccoci Mamma! per essere congiunti con Te alla missione di Cristo, per essere portati dallo spirito di Lourdes verso i piccoli verso gli ammalati verso i soli verso i pi deboli verso.. ogni persona svantaggiata. E questa Tua Maternit, ci abbracciava tutti ci incoraggiava ci faceva sempre pi famiglia e ci indicava, aiutati anche da un altro pellegrinaggio a Fatima, che questa Cappellina di Maria Tu, Mamma, la desideravi essa stessa un Piccolo Santuario, dove questa Tua statua della Medaglia Miracolosa chiamava tanti gli a vivere lintimit del Tuo cuore materno.

DON MARIO PRESIEDE LA CELEBRAZIONE DELLA S. MESSA A FATIMA

PELLEGRINAGGIO A FATIMA

E intanto, col passare degli anni Tu, Mamma, hai portato la nuova radio della Tua Maternit a diffondersi sempre pi, perch il Tuo Cuore Immacolato potesse abbracciare sempre pi numerosi gli, che trovano, in questo Tuo Cuore, il loro rifugio il loro conforto la loro gioia la loro forza per continuare ogni giorno il cammino della volont del Tuo Ges, che volont di santicazione.

E veramente in questa Tua Cappellina e attratti dalla luce e dal sorriso di questa Tua cara statua che incanta e spinge al bene, sono sbocciate nel corso degli anni: - la preghiera notturna, vissuta in diretta ogni notte (dalle ore 2 alle ore 6), - tante confessioni e S.Messe e lintera Liturgia delle Ore, - le consacrazioni a Te di ogni giorno e della prima Domenica del mese, - lafdamento a Te di tanti neonati e ragazzi e dei nostri Defunti,in ogni quinta Domenica del mese, - la preghiera sui nostri ammalati, nella terza Domenica del mese, - tanti anniversari di matrimonio, che rinnovano qui il loro amore e la loro fedelt, - tante visite di pullmans con tanti fedeli a cercare il Tuo aiuto. E mentre compivamo con trepidazione i primi passi del nuovo cammino, per questa stretta connessione tra il Mistero Eucaristico e il tuo Fiat, ci hai guidati a Siena.
PER LE CONTRADE DI SIENA

Stupendo stato portarTi in processione per le contrade di questa meravigliosa citt, consacrata al ricordo di S.Caterina da Siena, tra la partecipazione commossa di tante amiche ed amici e di coloro che ti incontravano, mentre in pellegrinaggio ci si recava alla Basilica di S.Francesco, per adorare e contemplare il Miracolo Eucaristico.

ENTRATA DELLA BASILICA DI S.FRANCESCO A SIENA

DON MARIO BENEDICE CON LOSTENSORIO DEL MIRACOLO EUCARISTICO

Come dobbiamo ringraziarTi, Mamma, di questa Tua assistenza e protezione! Come vorremmo saper essere nella Chiesa AMORE, come lo ha desiderato e vissuto S.Teresa del Bambino Ges, le cui reliquie, grazie anche a Padre Antonio, carmelitano, abbiamo avuto la gioia di accogliere e venerare nella Cappellina, dal 19 al 21 maggio 2003. Aiutaci, Santa Teresina, a sentirci sempre pi esortati a cercare il bene e la virt con tutto il cuore, in questa abbondanza di Parola di Dio e di grazia.

ESPOSIZIONE DELLURNA DI S.TERESINA

DON MARIO ATTENDE LURNA DI S.TERESINA

S.MESSA CONCELEBRATA DA DON MARIO E DON ETTORE ALLA PRESENZA DELLURNA DI S.TERESINA

Ma poich Parola di Dio e grazia ci vengono dalla Chiesa, Mamma, ci hai chiamato a Roma, al centro della cristianit e della Chiesa, per chiedere, ancora una volta, la conferma e benedizione che sigilli, nel segno della Croce, la nostra missione di evangelizzazione e di grazia. Questo sigillo lo abbiamo ricevuto lo scorso 21 Novembre 2007. E bello rivivere questo pellegrinaggio nel cuore, perch e deve essere sempre un punto fermo della vita della famiglia di Radio Mater.

Giunti a Roma, quanto piacevole e inatteso stato linvito di Radio Vaticana ad incontrarci per far conoscere la famiglia di Radio Mater anche attraverso una intervista in diretta. Non riusciamo ad esprimere la gioia per avere incontrato tante persone cos capaci e umili nella loro professionalit, che ci hanno accolto con tanta cordialit e amicizia, presentandoci i vari direttori e accompagnandoci a visitare tutti gli studi. Come ci stato chiesto, faremo di tutto perch la collaborazione diventi sempre pi ecclesialmente stretta. Poi Tu Mamma ci hai indicato: - nelle parole e nellincontro col Santo Padre Benedetto XVI - e nella sua Benedizione alla Tua statua della Madonna della Cappellina la meta e la sostanza del nostro cammino mariano eucaristico ecclesiale, che forma tutta la nostra spiritualit. E le parole del Papa, quelle rivolte a tutti, ma che assumevano per noi un accento particolare, ci hanno messo nel cuore, parlando di Aafrate, un Padre della Chiesa antica, il silenzio, la preghiera, lumilt, lo spirito di penitenza, lamore grande a Ges e alla Chiesa, che hanno distinto tutta la sua vita. Realt, queste, che sono il fondamento della santit di ogni tempo e che devono essere anche per noi un richiamo quotidiano da vivere insieme. Che dire poi delle particolari parole del Santo Padre rivolte appositamente a noi ? Esse sono indelebilmente scritte nel cuore e ci sembra di risentirle ancora, come uscenti dal cuore del Papa:

RADIO VATICANA

Saluto gli esponenti della Comunit di Radio Mater di Erba ed esprimo apprezzamento per il servizio ecclesiale che svolgono, diffondendo la devozione alla Vergine Santa.

Parole paterne: come stato bello essere stati particolarmente ricordati da Lui!..... Parole sante, che ci incoraggiano a proseguire il cammino della santit cristiana. Parole programmatiche, che consegnano alla nostra vita insieme un impegno ad una missione di evangelizzazione mariana cristiana ecclesiale, proprio come abbiamo cercato di vivere n dallinizio di questo cammino e che deve assumere, da questo incontro col Papa, un valore e una dedizione totali, espressi anche dalla nostra gioiosa esclamazione a Lui rivolta:

Eccoci, Eccoci, Eccoci!

E quando il Papa ci giunto vicino e dal nostro gruppo si levato il canto: Il Cielo ha scelto Te or tu scegli il Ciel, il cuore batteva forte, perch si faceva ancora pi stretto il legame ecclesiale.

PAPA BENEDETTO XVI SALUTA LA FOLLA

ECCO: STAI USCENDO DALLA BASILICA DI S. PIETRO IN VATICANO

Che emozione Mamma! Tu, appena uscita dalla Basilica di San Pietro,
dopo la S.Messa, celebrata allAltare di San Giuseppe (alla sinistra dellAltare della Confessione),

S.MESSA CELEBRATA DA DON MARIO ALLALTARE DI S.GIUSEPPE

eri in attesa sui gradini esterni della Basilica e parevi abbracciare tutta limmensa piazza San Pietro e tutti i Tuoi gli. Nelle Tue mani il Santo Vangelo e la corona del Rosario, ai Tuoi piedi un meraviglioso cuore bianco e azzurro con: Eccoci, Mamma! preziosamente ricamato, e, tuttattorno ai Tuoi piedi, una meravigliosa corona di ori bianchi e gialli.

ECCO, FINALMENTE ABBRACCI PIAZZA S.PIETRO

ARRIVA IL PAPA E... SI FERMA DAVANTI A TE

DON MARIO IN ATTESA

Ed ecco il Papa arriva si ferma davanti alla Tua statua In una commozione che mi prendeva il cuore e sembrava arrestarmi la voce, per una vicinanza cos stretta con il Vicario di Cristo, chiedo a Te, Mamma, laiuto per dire:

Grazie, Santit! Le chiediamo una speciale benedizione su questa statua della Cappellina di Maria e su ciascuno della famiglia di Radio Mater.

Il Santo Padre, pronunciando alcune parole, ssa incantato la Tua statua

per alcuni istanti che sono stati bellissimi e sembrati eterni e traccia, col volto sempre rapito, la benedizione. Si sar incontrato coi luminosissimi Tuoi occhi? Cosa avr sentito nel cuore, ssando quegli occhi? Che preghiera gli sar uscita nel cuore per tutti noi in quei momenti, benedicendo? Lo lasciamo allaffetto, alla devozione e alla preghiera di ciascuno ma quella umilt. quella paternit quei momenti quellesclamazione quel ssare gli occhi della nostra statua di Maria quella Benedizione saranno sempre vivi nel cuore di tutti i presenti, e non li dimenticheremo mai!

S.PADRE CON IL NOSTRO MATTEO

BENEDIZIONE STATUA DELLA MADONNA DELLA CAPPELLINA

Al termine la Tua statua rientrata solennemente nella Basilica di San Pietro e qui successo un fatto misterioso.

I nostri volontari, che ti accompagnavano sulla portantina, stavano entrando in Basilica dalla porta laterale

Ad un certo punto, il personale addetto alla Basilica, ferma la statua e tutti coloro che la seguivano, dicendo: No! Passate dalla porta centrale!...

E.. aprono la porta centrale della Basilica di San Pietro.

E la Tua statua entra solennemente in Basilica e avanza lungo tutta la navata


Si forma una lunga processione che unisce i nostri Pellegrini a moltissimi altri fedeli che avevano partecipato allUdienza del Papa E tantissimi a correre davanti e ai lati della Tua statua a scattare fotograe perch, se possibile, la Tua statua pareva diventata ancora pi bella, dopo la benedizione del Santo Padre. Tutti Ti volevano immortalare. Anche questi sono stati momenti molto commoventi, che ricorderemo sempre

Finch siamo giunti davanti allAltare della Confessione, sopra la tomba di S.Pietro. Abbiamo cos elevato, con tanti altri fedeli di ogni localit e nazione, il nostro ringraziamento, la nostra lode e rinnovato il nostro Eccoci, Mamma! , per aderire sempre, con fede ferma e incrollabile, ai disegni di Dio.

E, dopo un pranzo veramente fraterno e gioioso, siamo tornati col cuore aperto e pieno damore Ci sembrava di avere sognato Ed invece era stata ed una bellissima realt!

TUTTI INSIEME

A PRANZO

La Tua statua ritornata in Cappellina, e, al dire di tutti, sei apparsa ancora pi luminosa, pi bella e sembri emanare una tenerezza materna che ci avvolge e dice: Figlie e gli miei, vi amo immensamente e sar sempre con voi in questa Cappellina, che ormai uno dei Miei Santuari mi amerete? e vi lascerete condurre al mio Ges? e sarete la mia famiglia per essere sempre pi Chiesa? Mamma, Ti diciamo tutti di s! con tutto il cuore e per tutta la vita! Prendici per mano e guidaci Tu a rinnovarTi ogni giorno il nostro gioioso

ECCOCI, MAMMA!
Don Mario e collaboratori

Grazie

A tutta la famiglia di Radio Mater Buona Pasqua


La Quaresima, col suo invito - alla preghiera - allascolto della Parola - alla conversione - alla penitenza - alla carit ci porta alla Pasqua. E la Pasqua il fondamento della nostra fede poich ci dice che - Cristo morto per liberarci dal peccato - ed risorto per donarci nuovamente la vita divina. Vivere una vita pasquale signica quindi vivere Cristo che ci invita - a respingere ogni peccato - e vivere divinamente, cio nella santit, la nostra vita. In questo senso quindi, miei cari,

BUONA PASQUA!

S, Buona Pasqua nella gioia, anche se a volte costosa, di una vita - in intimit con Ges - nellamore per Ges - nellimitazione di Ges con laiuto della Sua e nostra Mamma, che ha vissuto con Lui la Croce e la Pasqua, e della Chiesa che, donandoci Verit e Grazia, ci immerge in Ges..

E, a questo proposito, un aiuto prezioso ce lo dar la

FESTA di RADIO MATER


che celebreremo come ogni anno, presso: Lario Fiere Viale Resegone Erba (Co)

DOMENICA 1 GIUGNO
Siamo tutti attesi per cantare la nostra gioia, insieme alla nostra Mamma, per essere da Lei portati al Suo Ges. Coraggio, ti aspettiamo! Non mancare.

Don Mario

COME
POSTA - C/C n 19311224

RADIO MATER C.F.: 91006500135

A I U TA R E

Coordinate IBAN: IT97 N076 0110 9000 0001 9311 244 - BIC: BPPIITRRXXX

BANCA INTESA SAN PAOLO Erba (Co)


CIN: J / ABI: 03069 / CAB: 51270 / CONTO: 8131 Coordinate IBAN: IT22 J030 6951 2701 0000 0008 131 - BIC: BCITITMM Gli sportelli dellex Istituto San Paolo Imi non addebitano commissioni o spese RECAPITO per Banca e Posta Radio Mater - Casella Postale n.1 - 22030 Longone al Segrino (Co)

COME DONARE IL 5 PER MILLE


Se vuoi, puoi donare il 5 per mille della tua IRPEF a RADIO MATER. Basta che tu ponga la tua firma nellapposito riquadro del modello della dichiarazione dei redditi e il Codice Fiscale: 91006500135. GRAZIE!.

COME
NEL MONDO

A S C O LTA R E
IN EUROPA, VIA SATELLITE: SATELLITE Hot Bird 2
Posizione: 13 est - Ricevitore: Digitale standard - DVB - (MPEG2) Trasponder: 60 - Frequenza: 11,91928 Ghz Polarizzazione: verticale - FEC: 2/3 - S/R: 27500 KB/s Antenna parabolica consigliata: diametro non inferiore a 80 cm. LNB: universale

IN INTERNET: www.radiomater.com si pu ascoltare la radio posta e.mail: info@radiomater.com

COME

TELEFONARE

TELEFONI: Diretta radio: 031 64.60.00


Segreteria Radio: 031 64.52.14 (13,30-15,30) - Fax: 031 64.90.527 Segreteria Cappellina e fax: 031 61.16.08 (09,30-11,30/13,30-15,30) Per pregare con Cappellina: 031 33.55.586

Segnalazione guasti:
Sig. Giuseppe Petrilli 335 36.05.76

Per ricevere il giornalino telefonare a Nico e Alessandra: 0322 90.58.21

COME
...alla RADIO ARCELLASCO DERBA (CO)
Via Marconi, 85 di fronte Parrocchia SS. Apostoli Pietro e Paolo

ARRIVARE
...con i SERVIZI PUBBLICI
FERROVIA Milano-Erba-Asso (F.N.M.) AUTOLINEA Como - Asso (F.N.M.) AUTOLINEA Como - Lecco (S.P.T.)

...e alla CAPPELLINA DI MARIA


Via Valassina, 29 - Arcellasco dErba (Co) Strada per Longone al Segrino, Canzo, Asso

con le Tue OFFERTE aiuti RADIO MATER


Informativa ai sensi dellart.13 d. 196/2003. I Suoi dati sono trattati con modalit automatizzate da Associazione Radio Mater. Per il predetto fine, i Suoi dati sono trattati dalle seguenti categorie di incaricati: adetti allimbustamento e confezionamento mailing, elaborazione dati alla stampa delle lettere personalizzate e al data entry. Ai sensi dellart.7, d.igs 196/2003. Lei potr esercitare i relativi diritti fra cui consultare, modificare, cancellare i Suoi dati od opporsi al loro utilizzo scrivendo al titolare del trattamento (o al Responsabile).
Stampa INGRAF Industria grafica s.r.l. - Milano

ad essere Chiesa in casa!... a vivere e, possibilmente, ad espandersi... per essere Famiglia che tutti abbraccia... conforta... porta a Ges...