Sei sulla pagina 1di 13

1 FISIOLOGIA 05-10-2012 Manasseri La volta scorsa abbiamo visto le funzioni delle membrane la struttura delle membrane e, in modo particolare,

mi sono soffermato sulle funzioni della componente lipidica e, soprattutto, sugli acidi grassi. Oggi impariamo invece la componente proteica, ed un discorso molto ampio ed interessante ai fini della eccitabilit. La componente proteica dei composti conferisce le caratteristiche funzionali delle membrane nei vari tipi di cellule. Che significa? E chiaro che il ruolo del globulo rosso rispetto al ruolo dei neuroni diverso, la membrana di questi due tipi di cellule dal punto di vista strutturale identica, proteine e lipidi, per ovvio che il ruolo della membrana del globulo rosso diverso dal ruolo della membrana dei neuroni. E se noi prendiamo ad esempio i neuroni, dobbiamo differenziare il ruolo dei dendriti del soma e dell assone. Sono membrane uguali strutturalmente, ma in realt sono diverse perch diverse sono le proteine, Quindi la diversit di una membrana, non dipende tanto dalla componente lipidica ma soprattutto dalla componente proteica. Le proteine che, come sapete gi dalla biologia, sono le proteine di membrana , si dividono in due o meglio in tre tipi: Proteine integrali o intrinseche o transmembrana; Proteine periferiche o estrinseche. Le proteine intrinseche trans membrana sono proteine che attraversano tutta la componente lipidica e la membrana mentre le proteine definite periferiche sono quelle che invece si trovano sia sulla superfice citoplasmatica che sulla superfice extracellulare della membrana, quindi proteine periferiche o estrinseche. Le prime sono immerse nel doppio strato lipidico e lo attraversano in toto mentre le seconde sono situate sul versante sia intracellulare che extra cellulare. Poi abbiamo anche le proteine legate ai lipidi sotto forma di lipoproteine. Andiamo a considerare le funzioni, io non ho scritto nulla delle funzioni e le vedremo ora di volta in volta. Innanzitutto cerchiamo di classificare il tipo di proteine ed il ruolo che esse svolgono a livello di membrana, non consideriamo se si tratta di proteine intrinseche od estrinseche. Le proteine posso essere : Proteine di tipo strutturale . Che significa? Condizionano la stabilit strutturale delle membrane, Abbiamo diversi tipi di proteine strutturali e sono presenti proteine di membrana di cui comparso un breve excursus ma non entro nel merito poich lavete studiate in istologia e biologia abbondantemente .Un tipo di queste proteine legano la membrana al citoscheletro della cella, quindi contribuendo al mantenimento della forma cellulare, anche se poi in realt il citoscheletro ha funzioni non soltanto di tipo meccanico ma anche altri tipi di funzioni che vedremo man mano che si discutono i diversi tipi di cellula.Poi abbiamo delle proteine che invece ancorano la membrana alla matrice extracellulare e quindi per esempio alle molecole di adesione che permettono, per esempio, la amilazione (?) di cellule. E poi molto importanti sono le proteine che formano le cosiddette giunzioni, cio che sono ? Sono proteine che mettono in contatto e collegano le due cellule adiacenti. Abbiamo

2 diverse proteine che hanno questo ruolo, chiamiamolo di giunzione, di adesione, che permettono laderenza di cellule; abbiamo le cosidette giunzioni serrate , che mettono a stretto contatto le due cellule adiacenti ed impediscono il passaggio di materiale, sia di acqua che di ioni. Ed infatti vedete qui le serrate che significa che due membrane di cellule adiacenti presentano queste strutture che impediscono il passaggio di materiale. DESMOSOMI, questo tipo di giunzione chiamata anche giunzione aderente diversa dalla precedente, unisce le due cellule ma permette il trasporto transmembrana di acqua e ioni, ecco infatti questi desmosomi che non solo ancorano le cellule lun laltra ma facilitano anche il passaggio; GIUNZIONI COMUNICANTI :in cui le proteine chiamate connessioni costituite da diversi polipeptidi che si chiamano connessine vengono a formare tra le due membrane adiacenti dei canali, che serviranno al passaggio soprattutto di ioni ed al passaggio di molecole di dimensioni superiori al ??? Di giunzioni comunicanti e serrate ve ne parler sicuramente la prof. Metro quando tratterete il miocardio e le ritroverete anche a livello neuronale il prossimo anno, ma io mi soffermer soprattutto sulle proteine che hanno altre opzioni, che sono tra loro correlate Abbiamo proteine di trasporto ossia correlate al trasporto di materiale sia esso sodio o sostanze organiche dallambiente extracellulare llambiente intracellulare e viceversa; le proteine di trasporto sono molto importanti perch contribuiscono al mantenimento dellomeostasi cellulare, cio la perfetta composizione ionica delle cellule; Esistono tanti tipi di trasporto trans membrana e ne sono indicati due; Presenza di canali Presenza di trasportatori. I canali sono delle proteine integrali che attraverso tutta la membrana e queste proteine di membrana delimitano lo spazio complanare e questo canale permette il passaggio di ioni dallambiente intracellulare e dallambiente extracellulare nei due sensi, quindi questi canali sono molto importanti per la stabilit cellulare. Ripeto, questi canali ionici permettono il passaggio esclusivamente di piccole molecole ionizzate siano essi ioni e cationi. Dimenticavo di dire che questi trasportatori sono importanti per quelle sostanze che devono attraversare la membrana e non sono lipofile, senn la matrice lipidica potrebbe facilmente consentire il passaggio quindi le sostanze idrofile non possono attraversare la matrice lipidica e quindi possono utilizzare i canali ionici. Ribadisco, i canali ionici sono canali che permettono passaggi di ioni. Un altro tipo di proteine di trasporto sempre per sostanze idrofile - ma che possono essere o ioni o soprattutto sostanze organiche - vedi aminoacidi, glucosio e cos via . Poi abbiamo un terzo tipo di trasporto ,che qui non indicato e che sono le pompe metaboliche, proteine che permettono il trasporto contro gradiente, gi sapete che significa perci non definiamo il concetto. Vediamo qualche immagine, ecco questo un canale ionico, vedete una proteina che delimita uno spazio che permette la definizione di ioni , ovviamente lungo il gradiente di concentrazioni quindi il passaggio non comporta dispendio di energia. Poi abbiamo un altro tipo di trasportatori ionici che sono molecole proteiche, sempre integrali, ma diverse da un carrier. Queste proteine dei siti di legami di sostanze e permettono il passaggio di determinati ioni contro gradiente di concentrazione. E poi abbiamo queste pompe metaboliche, ad esempio, lubiquitaria pompa sodio-potassio che invece permette un trasporto di materiale contro gradiente di concentrazione e vedremo contro gradiente elettrico. I canali ionici sono importanti ai fini del ??????? Questi invece sono i cosiddetti trasportatori, possiamo chiamarli vettori o carrier. Ripeto, mentre i canali ionici permettono il passaggio di ioni, questi trasportatori parleremo dei meccanismi di membrana successivamente sono interessati al trasporto di sostanze organiche tipo glucosio ma potrebbero anche essere amminoacidi o anche ioni.

3 Questi trasportatori che sonoi molecole carrier e vettori possono permettere un trasporto di tipo uniporto . Che significa uniporto? E un canale che trasporta una sola sostanza, in questo caso il glucosio, qui la freccia indica dallambiente extra allambiente intracellulare. Poi abbiamo un altro meccanismo di trasporto mediato da vettori definito cotrasporto. Che significa? In questo caso la proteina carrier capace di trasportare non una ma ben due sostanze, quindi sposta due o pi substrati. In questo caso la proteina carrier trasporta sia sodio che glucosio. Vedremo che il sodio la particella trainante, quella che poi permetter anche il passaggio di glucosio, vedremo questo tipo di trasporto che vi indico in cui sia il sodio che il glucosio sposta il materiale nella stessa direzione vengono chiamati cotrasporto propriamente detto o simporto, cio tipo di trasporto che permette il passaggio di sostanze nella stessa direzione. Guardiamo altro tipo di trasporto mediato da questo tipo di proteine capace di legare almeno due sostanze , si parla di antiporto ossia le sostanze verranno spostate nella direzione opposta, ad esempio di sodio verso linterno e di potassio verso lesterno. Vedremo nei dettagli i trasporti mediante carrier quando discuteremo dei meccanismi di trasporto trans membrana, per ora avete idea del concetto e della differenza di un trasporto mediato da canale o da trasportatore. Poi abbiamo nella figura un terzo tipo di trasporto, le pompe metaboliche , qui la pompa sodiopotassio , che permette da un lato il richiamo di potassio allinterno, dallaltro tende ad espellere il sodio verso lesterno; il tutto avviene contro gradiente. Quando un meccanismo contro gradiente cosa necessario? Energia. Io mi voglio soffermare ora in modo particolare sui canali ionici, che hanno un ruolo fondamentale nei meccanismi della eccitabilit neuronale ed a carico degli gliociti (?). Cos un canale ionico? Sono proteine integrali, dette appunto proteine canali che consentono il flusso passivo di ioni tra gli ambienti intra ed extra cellulari. Quali sono le propriet fondamentali di un canale ionico ? Sono due : la cosiddetta selettivit e la presenza o meno di porte che possono limitare o meno il passaggio di ioni . Vediamo il primo concetto : SELETTIVITA. Che significa ? Significa che il canale capace di selezionare la specie ionica che deve attraversare lo spazio, infatti vedete questo un canale del sodio, molto complesso, ma quello che mi preme dire e che presenta questa struttura che un filtro selettivo, capace di selezionare lo ione, potr permettere il passaggio di sodio ma non di potassio e viceversa. Quindi circa la selettivit, e qui non entro nei particolari, importante che capiate il concetto. Questo un canale selettivo del sodio,lascia passare esclusivamente sodio, siccome il sodio pi concentrato allesterno, questo canale potr permettere la diffusione del sodio dallambiente extra cellulare allambiente intracellulare. Questo invece un canale selettivo del potassio, e siccome il potassio pi concentrato allinterno permette il passaggio di questo ione dallambiente intracellulare allambiente extracellulare. Per in realt, la selettivit non assoluta, per esempio il canale per il sodio normalmente selettivo per questo ione ma potrebbe anche permettere il passaggio di uno ione che normalmente non presente in circolo e che il litio. Il litio utilizzato nelle forme di detersione ed allora il litio componente con il sodio nel trasporto, quindi influenza il trasporto di sodio a livello del sistema nervoso, ed il litio potr manifestare i suoi effetti; il litio usato come farmaco antidepressivo. Il concetto dunque che la selettivit non mai assoluta. Questo, invece, un canale non selettivo, lascia passare almeno due sostanze, in questo caso in direzioni opposte, canale che permette il passaggio di potassio verso linterno e di sodio verso lesterno. Questi due canali selettivi o non selettivi, avranno un ruolo differente nella neuro eccitabilit dei neuroni ed a livello di sinapsi. Sapete cos la sinapsi? La sinapsi il punto di contatto tra neuroni, a livello sinaptico esistono questo tipo di canali.

4 Se voi notate questa immagine che vi ho proiettato che un tipico canale del sodio, vedete qui il poro che lascia passare il sodio, questo restringimento il filtro selettivo che permette il passaggio di sodio, questa invece una corda che limita il passaggio dello ione o lo facilit o lo ostacola a seconda se la porta sia aperta o chiusa, mi pare ovvio! Immaginiamo sin da ora la presenza di questo cancello che limita il passaggio trans-membrana; ecco , vi quindi la presenza di meccanismi porte che aprono o chiudono i canali. E chiaro, lapertura non spontanea, correlata agli stimoli, se non arriva un segnale in un determinato canale ovviamente non potremmo avere linfluenza sulla apertura o chiusura della porta. Distinguiamo due tipi di canale: Canali passivi, sono quei canali ionici sempre aperti, quindi la porta presente ma sempre aperta, il canale di questo tipo si dice passivo, canale ionico non regolato, perch non regolato ? Perch a porte sempre aperta non vi nulla da regolare. Quindi un esempio di canale passivo quello del potassio, Va bene! Invece il canale del sodio per esempio, il sistema di accesso cio le porte, posso essere aperte o chiuse, questo tipo di canali ionici vengono chiamati canali ionici regolati, regolati perch deve esistere una qualche cosa che deve regolare lapertura o la chiusura, vedremo in seguito. Quando la cellula non eccitata, non stimolata, la maggior parte dei canali sono chiusi; Il canale del sodio un canale regolato provvisto di porte e quando la cellula a riposo quindi non eccitata la pompa chiusa. Quando si aprono? Durante lo stato attivo quando la cellula stimolata. E il canale sodio, infatti, quando si apre? Quando la cellula stimolata, senn rimane sempre chiusa. Certo la chiusura non assoluta la porta semichiusa. Secondo voi quando una cellula eccitabile, il neurone o il miocita, a riposo, piu permeabile al sodio o al potassio? Al potassio. Diversa permeabilit della cellula a riposo dunque. Questo importante. Quando una cellula invece viene stimolata il canale del sodio si apre e le cose cambiano. Faccio un cenno, vedete, se io parlo di questo aspetto avrei dovuto parlarvi poi di recettori ed enzimi. Vedremo tra poco che il ruolo dei canali ionici sotto linfluenza di un tipo di recettori e di un tipo di enzimi. Che significa? Abbiamo tre proteine diverse per correlate con la stessa funzione. Per, devo separare le diverse caratteristiche, vediamo quali sono gli stimoli che possono aprire o chiudere un canale ionico regolato, tipo il sodio per esempio; abbiamo canali ionici regolati meccanicamente, quindi lo stimolo meccanico capace di determinare lapertura di un canale, noi abbiamo a livello cutaneo un certo tipo di recettori, se avete fatto istologia conoscete per esempio i corpuscoli di Pacini, Messner e cos via, che vengono stimolati meccanicamente; si applica uno stimolo meccanico, lo stimolo attiva i recettori dei corpuscoli, il canale si aprir di conseguenza si avr un attivazione, questo in realt un concetto molto pi complesso, quando discuteremo di sensibilit vedremo come avviene il meccanismo, sin da ora ricordate il concetto che un canale attivo si pu aprire in virt di uno stimolo meccanico. Va bene? Poi abbiamo canali voltaggio/dipendenti e ci molto importante ai fin i della eccitabilit. Sono canali che si aprono ogni qual volta si mcrea una differenza di potenziale, quindi voltaggio-dipendenti. Facciamo un esempio per capire il concetto, questo un canale voltaggio-dipendente, infatti la slide dice : canale ad accesso regolato dal voltaggio, se la cellula a riposo, la membrana polarizzata cio allinterno vi una carica negativa, allesterno cariche positive. Quando la cellula cos polarizzata una cellula allo stato di riposo; il anale chiuso, per cui non si ha afflusso di ioni, se per eccito questa cellula e determino condizioni per cui la polarit si inverte, cio linterno diventa positivo e lesterno negativo, la membrana si dice essere depolarizzata allora in questa condizioni si crea un ambiente elettrico, si creer un voltaggio, apertura canale che permetter lingresso di ioni sodio; Va bene? .

5 Questi canali li chiamiamo voltaggio dipendenti. Questi nella figura sono canali voltaggio dipendenti che si aprono quando la cellula viene depolarizzata, stimolata; esistono canali per il sodio, canali per il calcio, canali , per il potassio e per il cloro. Che tipo di canali sono questi ? Canali ovviamente selettivi. E cosa presenta la cellula ? Un sensore di voltaggio. Cos un sensore ? E una componente strutturale capace di avvertire una differenza di potenziale; se la cellula stata depolarizzata, il sensore avvertir una differenza, il canale tender ad aprirsi. Laltro tipo di canale e qui vi prego di fare attenzione sono canali ionici regolati chimicamente, quindi lapertura o la chiusura di questi canali dovuta alla presenza di una sostanza chimica che si lega al canale , la sostanza chimica capace di provocare lapertura o la chiusura di un canale si chiama comunemente ligando, potrebbe essere un ormone o ancora meglio un trasmettitore; quindi canali ionici regolati chimicamente rispondono a sostanze chimiche definiti ligandi, esempio neurotrasmettitori. Abbiamo diversi tipi di canali che sono aperti o chiusi da ligandi; un tipo di canale si chiama recettore-canale, in quanto il recettore una componente del canale, in questo caso si ha lapertura diretta del canale ionico. Fissate limmagine. Lapertura o chiusura pu essere legata direttamente da un ligando, in questo caso si chiama recettore-canale. Lapertura pu essere correlata alla formazione di una proteina di membrana, che si chiama proteina g, la quale pu agire sul canale e la pu aprire, per chiaro che la proteina g verr attivata quando verr attivato uno stimolo, in questo caso lo stimolo il ligando, un neuro trasmettitore. Le proteine g agiscono in maniera indiretta sul canale, se voi aveste fatto biochimica non lavrei detto di nuovo, perch vedete la proteina g pu attivare degli enzimi di membrana che porteranno alla formazione di un secondo messaggero, classico lAMP ciclico ma ce ne sono vari. In questo caso lapertura o la chiusura sotto linfluenza di un secondo messaggero che vedremo tra poco, si forma dalla sub-unit di una proteina g specifica. Va bene? Se non funziona bene il recettore, io non produco la proteina g, se non produco la proteina g avr delle ripercussioni sui canali e se non funzionano i meccanismi che portano al secondo messaggero, io non potr aprire il canale . Questi concetto non solo concetti di biologia, sono concetti anche di fisiopatologia, infatti molte patologie a livello dellSNC sono patologie o correlate ad un danno del recettore o del canale o anche danno di quei sistemi che producono proteine G. Mi sono spiegato? Secondo voi queste malattie sono acquisite o congenite? Congenite. Significa che lorganismo non capace di produrre, sintetizzare quelle proteine che sono correlate al recettore o al canale. Ed infatti si hanno le CANALOPATIE. Che significa CANALOPATIE? Significa che c una patologia che riguarda il canale. Per esempio, alcune forme di epilessia sono correlate con una canalopatia; perch diciamo malattia congenita? Perch il gene che deve produrre una certa proteina non esiste, o si ha un polimorfismo genetico, si ha una conseguenza patologica; quindi sono argomenti non solo della fisiologia ma hanno anche ripercussioni fisiopatologiche di un certo rilievo. Poi abbiamo le malattie recettoriali, malattie legate ad una alterazione del recettore con conseguenze metaboliche (?) Quindi ricapitolando canali ionici regolati con un ligando da una sostanza chimica che possono causare o lapertura diretta di un canale o attraverso attivazione proteina G e lapertura attraverso il secondo messaggero di cui vi spiegher il biochimico. (Lamentele del professore circa il corso di medicina attuale a causa della distribuzione delle materie; per fare fisiologia si devono aver basi di altre materie quali anatomia e biochimica). Perch sono importanti questi canali? Sono importanti ai fini delleccitabilit,,,, per esempio i canali passivi sono responsabili del potenziale di membrana a riposo, interno negativo esterno positivo; I canali attivi voltaggio dipendenti sono responsabili del potenziale dazione, ed infine, i canali attivi controllati da ligando sono responsabili di alcuni potenziali post-sinaptici, cio di eventi elettrici che si verificano a livello della sinapsi. Quindi capite limportanza di questi canali. Questo un canale regolato da un neurotrasmettitore, un recettore canale, vedete che il recettore f parte del canale

6 stesso, vedete che se il ligando, in questo caso il neurotrasmettitore , non si lega al recettore, il canale com? Chiuso. Se a livello sinaptico si libera un neurotrasmettitore, perch sappiamo che a livello sinaptico si libera un mediatore che si chiama frammento del neurotrasmettitore, cosa fa il neurotrasmettitore? Innanzitutto deve essere riconosciuto dal recettore ed una volta che il recettore lo riconosce, lo attiva. Quindi si forma il legame del neurotrasmettitore con il recettore ed il canale si apre e passa allo stato attivo. A volte, invece di aprirsi, si chiude. Per esempio, alcuni canali potassio che a riposo sono sempre aperti quando in alcuni disretti del sistema nervoso, quando si lega a livello del recettore un neuro trasmettitore in un canale per il potassio il canale potassio che prima era aperto che far? Tender a chiudersi avendo conseguenze fisiologiche. Infatti come vedete , se si apre un canale o per azione diretta o attraverso la proteina G, cosa fa il canale? Aprir la permeabilit al sodio, al potassio ed al cloro e come conseguenza avremo dei segnali elettrici, che abbiamo gi ricordato: o potenziale a riposo o potenziale di azione o potenziale delle sinapsi. Andiamo adesso a discutere dei recettori . Cosa sono i recettori? Hanno un ruolo importantissimo ai fini della trasduzione del segnale , cio trasferire il segnale dallambiente extra allambiente intracellulare, per quali sostanze? Per esempio se prendo gli ormoni tiroidei essi sono liposolubili, attraversano la matrice lipidica e penetrano allinterno di ? ?? Ma allinterno che c ? C acqua. Quindi abbiamo bisogno di un recettore a livello citoplasmatico. Se prendiamo gli ormoni steroidei, sono liposolubili, attraversano con facilit la membrana, tra questi ricordiamo ormoni sessuali, sterone, cosa fanno? Attraversano la membrana,poi grazie a dei recettori nucleari citoplasmatici a cui poi si legheranno queste molecole. Se ad esempio prendiamo un ormone peptidico oppure un neurotrasmettitore la membrana impermeabile perch non sono liposolubili e perch non hanno recettori o carrier a livello di membrana e quindi per poter agire allinterno avranno bisogno di un trasduttore , struttura capace di trasferire allinterno il segnale e questi trasduttori di eccellenza sono recettori collegati alla proteina G (vedete una funzione correlata al recettore ma anche agli effetti del legame e del recettore). Il recettore prima deve riconoscere il ligando,poi deve legarlo, ed una volta che lo lega,si potranno avere effetti metabolici,che possono essere lapertura o la chiusura di un canale,oppure un effetto metabolico consiste nellattivare un enzima che per esempio mi potr attivare la proteina G. Qui mi limito soltanto a dirvi le classi di recettori. PRINCIPALI CLASSI DI RECETTORI DI MEMBRANA. Abbiamo un tipo di recettori pi volte ricordato, recettori canale, in questo caso parte integrante di quella proteina che funge da canale ; abbiamo visto diverse immagini di recettori canali. Di norma ripeto un recettore deve riconoscere una sostanza chimica che abbiamo chiamato ligando, per esempio piccole molecole , per esempio neurotrasmettitori o oligopeptidi, piccole molecole di natura proteica, peptidica. Ovviamente questi recettori canali possono determinare una variazione di potenziale come abbiamo gi ricordato o possono facilitare lingresso di calcio. Ecco questo un recettore canale, vedete questa una proteina trasversale ed un recettore detto nicotinico perch viene influenzato dalla nicotina, non entriamo nel merito.. ad ogni modo presente a livello delle sinapsi tra neurone e muscolo, istologicamente si parla di giunzione neuromuscolare. E necessario che il neurone attraverso la parte terminale stimoli il neurotrasmettitore lacetilcolina (ACH) . Questo rispetto al recettore nicotinico un recettore che viene influenzato dalla nicotina (?) . Questo costituito da una serie di sub-unit: la sub-unit alfa, la sub-unit gamma. La gamma costituisce la parete del canale, la sub-unit alfa il sito su cui si lega lacetilcolina. Quindi, ripeto, si parla di recettore canale perch non esistono due strutture separate, esiste soltanto una struttura, una

7 componente della molecola lega il recettore e quindi il recettore e la sua componente formano il canale. Ora vedete quando viene liberata lacetilcolina non si lega il recettore ed il canale chiuso, quando invece arriva uno stimolo e viene liberata acetilcolina, essa si pu legare al recettore e quale sar la risposta ? Lapertura del canale . E un canale non selettivo, infatti permette lingresso di sodio e la fuoriuscita di potassio. Ma cosa comporter in questo caso ? Lattivazione della placca motrice, quindi limpulso da neurotrasmettitore si propagher al muscolo. Abbiamo diversi recettori canali ma li faremo in seguito quando discuteremo delle sinapsi, limportante che sappiate cos un recettore canale. Laltro tipo di recettore che dovete ricordare si chiama a sette passaggi trans membrana . Questa proteina di membrana una proteina che forma un ansa o diverse anse ? Vi sono quattro anse, di cui una parte a livello citoplasmatico e laltra parte a livello intracellulare. Quando parlo di recettori a sette passaggi trans membrana, questa proteina quante anse avr? Sette anse che ovviamente corrispondono alla proteina G ed infatti, vedete questa figura, questo un canale ionico attivato dai ligandi, recettore canale. Questo invece recettore a sette passi un recettore accoppiato alla proteina G ( studentessa chiede di ripetere). Immaginate che una proteina integrale che attraversa tutta la membrana sia costituita unicamente da una ansa soltanto e ci sono alcune proteine costituite da una unica ansa polipeptidica ma la maggior parte formata da pi anse. Vedete questa la proteina integrale che forma delle anse a livello della membrana, della matrice lipidica della membrana. Qui invece abbiamo una proteina che indica quattro anse, quella che io ricordavo a sette passaggi. Che significa? Che la molecola forma sette anse, praticamente questa proteina a sette passaggi si identifica con la proteina G. . Quindi vediamo la proteina G, anche qui abbiamo come ligando neurotrasmettitori, ormoni e cos via; questa proteina G quando il recettore si lega, la sostanza chimica si lega al recettore, il recettore si dice accoppiato alla proteina G , sono strutture separate abbiamo da un lato il recettore di membrana e nella membrana abbiamo la proteinaG , quando il recettore lega il ligando, la proteina G che ora a riposo inattiva come diventer? Attiva. Questo tipo di recettore si dice accoppiato alla vitamina G. Tutti questi tipi di recettore li troviamo nel SNC. Abbiamo un altro tipo di recettore, il terzo di cui voglio discutere ed un recettore che ha una attivit intrinseca . Che significa? Che il recettore rappresenta anche una struttura enzimatica. Ripeto in questo caso il recettore distinto dalla proteina G. Qui invece, nellimmagine, il recettore contiene lenzima e ci che lo anima ?? sono gli ormoni di crescita come linsulina. Questo recettore che molto tipico ha una attivit di chinasica intrinseca . La chinasi che enzima ? E un altro enzima che fosforila un substrato, questo un recettore che ha una attivit enzimatica intrinseca e lattivit enzimatica lattivit di tipo tirosin-chinasico, significa che quando viene attivato questo recettore legher il fattore di crescita o linsulina, verr attivato un enzima , la tirosin-chinasi che fosforila dei residui di tirosina. Di questo recettore discuteremo quando parleremo dellinsulina di cui il recettore di questo tipo. Recettore con attivit enzimatica intrinseca, lattivit di tipo tirosin-chinasica. Vediamo ora un recettore ad attivit tirosin-chinasica capace di fosforilare residui di tirosina. Dove sono questi residui? Lo vedremo quando discuteremo dei fattori di crescita e linsulina proprio un fattore di crescita. Vediamo delle immagini per poter meglio comprendere. Questo un canale, a riposo quindi chiuso; queste immagini vi chiariscono quello che ho detto fino ad ora; E una serie di immagini : ecco qui lambiente intra cellulare, il canale a riposo, il recettore canale ionico che il recettore nicotinico, il messaggero si lega al recettore , il canale si apre e si ha lingresso di sodio o di potassio o di ioni. Questo ingresso di ioni comporter la variazione della attivit elettrica della cellula. Questo invece tratta del calcio, vedete un canale del calcio sempre un canale la cui apertura legata al ligando, quindi avremo un recettore canale in questo caso del calcio. Immaginate che il primo messaggero si lega al recettore il canale del calcio penetra allinterno della cellula e si lega necessariamente a qualcosa, in quanto altamente tossico per la cellula ed a coda si pu legare ? Alla CALMODULINA; e quindi attiviamo un secondo messaggero, quindi il calcio che di

8 per se un secondo messaggero lo perch si legato alla CALMODULINA. Quindi il calcio che attiva una chinasi specifica e poi avremo gli effetti metabolici. Un altro leffetto sulla membrana: la chinasi fosforila una proteina di membrana, il canale si pu aprire o chiudere . Nel caso della contrazione muscolare, il calcio, si deve legare alla troponina e cos abbiamo due effetti quando si lega alla CALMODULINA o alla TROPONINA. Eviteremo laccumulo di calcio intracellulare perch il calcio altamente tossico per la cellula; Per molte funzioni il calcio indispensabile ma tossico. Una sostanza di cui abbiamo bisogno sempre nelle 24 ore lossigeno, non c sostanza pi tossica di essa in questo caso da cosa dipende? Dipende dalla presenza della TROPONINA per la contrazione muscolare o della CALMODULINA. Ecco qui questa figura, un canale correlato alla proteina G , vedete il canale che lega il ligando, verr attivata la proteina G,non discutiamo come viene attivata, ci penser il biochimico, ma una volta che verr attivata potr agire a livello dellenzima e lattiva o a livello di un canale e lo apre o lo chiude oppure a livello di altre strutture. In questo caso gli effetti metabolici sono legati direttamente alla proteina G. Chiaro?. In alcuni casi invece che succede? Abbiamo sempre il recettore, qui nella immagine si specifica che tipo di recettore , BETA-ADENERGICO , un recettore che riconosce ladrenalina, ormone prodotto dalla midollare del surrene. Ladrenalina ha molti effetti metabolici ma nel momento in cui si lega ad un recettore di tipo beta, beta recettore, beta-adenergico perch spiega che il ligando ladrenalina. Vedete, che anche qui verr attivata la proteina G ma qui la proteina G non agir direttamente sul canale ma funge da trasduttore.Che significa? Trasferisce il segnale a livello citoplasmatico,attivando un enzima che si chiama AMP ciclico,che appartiene alla ATP,e viene attivavato un enzima che si chiama Adenilato ciclasi,e questo secondo messaggero attiva una fosfochinasi specifica. Questa immagine invece, mette in evidenza linsieme dei fenomeni, guardate il segnale esterno ,il ligando si lega al recettore che stimola un trasduttore ,che poi amplifica il segnale. Il recettore labbiamo gi ricordato,pu essere un recettore canale,ma in questo caso un recettore correlato, ad esempio ad una proteina G, quindi il ligando si lega al recettore che attiva il trasduttore,che la proteina G ,che agisce sullenzima adenilato ciclasi e produrr lAMP ciclico, che fosforilato una proteina una chinasi che fosforila una proteina. Se questo ligando si lega al recettore specifico ,ed un ligando inibitore ,avr la produzione di proteina G?NO e quindi non avr gli effetti successivi.Questi sono invece altre proteine G ,uno k attiva la guanilato ciclasi e si forma il GMP ciclico che attiva una chinasi specifica, questa invece diacilglicerolo che si forma grazie ad un proteina G specifica in questo caso vien attivato la guanilato ciclasi o ladenilo ciclasi e in questo caso verr attivata la fosfolipasi c per cui ormai avr diacilglicerolo che funge da secondo messaggero, e capace di attivare una chinasi specifica che si chiama chinasi c oppure si forma inositolo trifosfato che determina la fuoriuscita di calcio dallinterno (della cellula)?? uno schema :segnale dallesterno-recettore specifico che attiva una fosfochinasi specifica segnale che attiva un recettore che attiva il GMP ciclico sempre tramite proteina G poi il calcio si lega alla calmodulina fuoriesce. Ricordate che qualsiasi sia la sostanza che viene attivatasecondo voi questo processo ha il solo scopo di trasferire il segnale allsterno?? lenzima adenilato ciclasi e il seondo messaggero amplificano il segnale, se arriva un segnale pari a 1 si amplifica fino a 1000 allinterno, e qualsiasi sia il secondo messaggero leffetto finale lattivazione di una chinasi che fosforila delle proteine di membrana o del reticolo sarcoplasmatico o dei microtubuli e cos viaquindi avremo una serie di attivit intracellulari. Se io fosforilo la glicogliosinetasi(??) fosforilo gi lenzima presente e quindi aumenta il livello di glicogeno, lenzima si chiama glicogeno sintetasi, e se la chinasi attiva lenzima, io produco glicogeno,ma se io agisco fosforilando un istone, leffetto sar su formazione di un enzima gi formato, oppure verr stimolata la sintesi di nuovi enzimi ,si avr sintesi proteica. Se invece agisce al livello di membrana questo processo di fosforilazione di membrana potr agire sui rapporti della membrana.

9 Fino a qualche anno fa i carboidrati venivano considerati con la funzione fondamentalmente energetica, cio quella di apportare energia allorganismo. Ma una certa quota di glicidi hanno un ruolo plastico, cio non solo come energia immediata per attivit metaboliche, ma fanno parte anche della struttura della membrana con funzione plastica, strutturale, legate alle proteine delle membrane che formano le glicoproteine. Ecco per esempio una delle caratteristiche delle proteine la loro asimmetria ; alcune proteine sono presenti soprattutto sul lato citoplasmatico , le proteine intrinseche che legano glicidi occupano soprattutto la superficie esterna delle membrana ,sia sotto forma di glicolipidi, che sotto forma di glicoproteine, le pompe metaboliche dei trasportatori contro gradiente occupano soprattutto la superficie citoplasmatica della membrana, quindi vedete un asimmetria della posizione topografica di queste molecole. Le funzioni di questi glicidi legati alle proteine sono importanti , perche contribuiscono alla carica negativa sulla superficie esterna di membrana. Vedete che le glicoproteine presentano ,ad esempio, un livello nella membrana filtrante nel rene che ricoperta da queste glicoproteine con carica negativa e quindi potrebbero presentare uno stato a molecole ?? con carica negativa. Xo ricordate, io qui aggiungo, contribuiscono a formare la carica negativa e sono punto di attacco per cellule, batteri ,virus, tossine, ormoni.Vedete questa una glicoproteina legata a carboidrati ,legati a proteine di membrana, qui invece c una glicoproteina che puo legare un tossina, un virus ,un batterio ,o addirittura una cellula ,una volta che un virus o un batterio o unaltra molecola un ormone si lega ad un'altra glicoproteina qual sar il destino? Lannidazione del virus o tossina allinterno ovviamente se si tratta di un ormone avremo effetti positivi, nel caso di altre molecole avremooppure altre cellule avremo lannidazione di che cosa dei linfociti ,quindi punto di attacco per altre cellule, batteri, virus ,ormoni, necessario questo legame per la migrazione allinterno della cellula di queste sostanze. Voi sapete abbiamo gli antigeni di membrana a livello delle glicoproteine e poi partecipano alla migrazione cellulare.

Discutiamo ora dei meccanismi i trasporto attraverso le membrane Perche sono importanti questi meccanismi di trasporto?perch permettono il mantenimento dellomeostasi sia nellaambiente intra k extra cellulare e ricordate k la distribuzione ionica dei due ambienti diversa soprattutto dal punto di vista quantitativo. Voglio dividere i meccanismi di trasporto e quindi questo trasporto permette k cosa?lo scambio tra ambiente intra ed extra cellulare. Abbiamo due tipi di trasporto; un trasporto senza attraversamento delle membrane,cio la sostanza non attraversa le membrane, e un trasporto di tipo vescicolare,abbiamo lendo e lesocitosi . Lendocitosi permette il passaggio di materiale allinterno della cellula. Lendocitosi comprende la fagocitosi,per le particelle solide vedi i batteri,o esempio quando un soggetto inala delle polveri di silicio nellapparato respiratorio,le polveri di silicio hanno la capacit di danneggiare lalveolo ma i fagociti fagocitano le polveri di silicio cio una particella solida oppure un batterio. Poi abbiamo la pinocitosi per le molecole solubili presenti a livello di alcune cellule come quelle dellintestino o delle tube renali.

10 Poi abbiamo lendocitosi mediata da recettori. Vi metto solo unimmagine con la fagocitosi di una particella che potrebbe essere un batterio,il batterio viene a contatto con la membrana cellulare, la membrana si invagina una volta k il batterio si lega alla membrana, questa invaginazione si chiude si forma una vescicola, che cade nel citoplasma e viene a contatto con i lisosomi. E interessante lesocitosi che permette lesclusione di materiale dalla cellula, un tipo di esocitosi molto complessa quella che porta alla liberazione di neurotrasmettitori,la spiegher quando faremo le sinapsi,e capiremo perch alcune sostanze come la tossina globilinica potremmo avere effetti sonorici(?) e effetti estetici per gli anziani quando vogliono ridurre le rughe,ne discuteremo quando parleremo della neurotrasmissione a livello sinaptico. Oppure quegli ormoni peptidici che si accumulano allinterno della cellula che li produce le vescicole che dovranno poi svuotarsi allesterno, vedi linsulina, e parleremo dell esocitosi quando discuteremo dellinsulina, e poi anche gli enzimi digestivi verranno accumulati in vescicole e la liberazione avverr sempre mediante esocitosi. A me interessa invece parlare di quei meccanismi che possono attraversare le membrane e che quindi non hanno bisogno di un apparato vescicolare, e sono i pi diffusi mezzi di trasporto Possiamo classificarli in rapporto al bisogno o meno di energia. I meccanismi di trasporto trans membrana il trasporto passivo avviene quando la particela attraverso la membrana lungo gradiente o di concentrazione o lungo gradiente elettrico,infatti ricordate che la membrana polarizzata,e quindi trasporto passivo si ha quando una particella pi concentrata allesterno pu attraversare la membrana .perche possibile questo trasporto passivo?perche lenergia cinetica trasmessa alla molecola lungo i gradiente per mezzo di trasporto della membrana. Per se la sostanza si deve spostare contro gradiente ha bisogno di energia quindi trasporto attivo. Questi sono esempi di trasporto passivo che pu avvenire o attraverso la matrice lipidica della membrana , esclusivamente per sostanze liposolubili,invece per le particelle ionizzate o idrosolubili il meccanismo potr avvenire attraverso i gradienti di canali ionici o mediante i vettori carrier di cui abbiamo discusso. Qui abbiamo esempi di pompe metaboliche la piu comune quella che espelle calcio e richiama allinterno sodio, presente del livello della membrana del miocardio,perche ricordate il calcio e importante per la contrazione esiste questa pompa metabolica che da un lato espelle calcio e richiama sodio allinterno. Altra pompa quella sodio potassio. Oggi dobbiamo dividere il trasporto tra le membrane di tipo passivo ma mediante processi di tipo attivo pero vedete che i processi di trasporto passivo sono diversi abbiamo la semplice diffusione che avviene esclusivamente attraverso la matrice della membrana uno dei fattori che condiziona il trasporto per diffusione e la concentrazione del substrato . Ma se la sostanza non liposolubile puo attraversarla se ci sono dei pori ad esempio lacquaporina che permette il trasporto di acqua la troviamo a livello dei tubuli renali a livello intestinale quindi abbastanza ubiquitaria. Il trasporto attraverso pori puo avvenire a livello endoteliale e attraverso queste ?? puo avvenire il passaggio di sangue e ioni.

11 Poi abbiamo una diffusione regolata ,in questo caso non un poro ma un canale. Per esempio il canale del potassio del sodio che presenta delle porte che sono 2 he regolato dallapertura e chiusura dei cancelli o porte. In questo caso il processo non richiede energia ma legato allenergia cinetica. Rispetto alla precedente quella attraverso i pori noi la chiamiamo regolata perche si tratta di canali provvisti di porte o cancelli che regolano il passaggio si ioni. Poi abbiamo la diffusione facilitata ,cio mentre il passaggio attraverso i pori regolati tipico delle sostanze ionizzate questa correlata e sostanze idrosolubili per non provviste di carica glucosio per esempio amminoacidi(aa). Perch si chiama facilitata perch abbiamo bisogno di un trasportatore ,quindi di un carrier, un vettore ,capace di legare unicamente la sostanza,quindi si parla di specificit.

(1:40:30)Studentessaprofessore per quanto riguarda la diffusione attraverso i pori noi abbiamo cmq una selezione? Rispostacerto, chiaro lacquaporina anche se in realt potrebbe essere non regolata l acquaporina da un semplice foro dattacco ma se prendiamo a livello tubulare i tubuli assorbono acqua sotto linfluenza di un ormone che si chiama vasopressina questo ormone regola il passaggio chiaro che non parlo della selezione, io sto discutendo se quel meccanismo di trasporto regolato, o meno ,da fattori esterni ,quando si parla di assorbimento di acqua,lacqua legata a qualche proteina?per osmosi lacqua attraversa le membrane,cio con gradiente osmotico , per in questo caso esiste un gradiente osmotico ma il foro lacquaporina. la differenza con il canale regolato dove il flusso della sostanza sempre ione regolato da canali.

Devo differenziare una diffusione attraverso le membrane alla matrice quelli liposolubili,attraverso i pori tra virgolette non regolati tipo lacquaporina anche a livello della membrana basale del filtro capillare del filtro renale quindi vedete non c selezione passano acqua e cristalloidi, la selezione viene fatta per che cosa dal polo ?? k diventa dalle precedenti x ci sono canali o porte k regolano lapertura del canale La diffusione facilitata semplice invece presuppone lintervento di un vettore un esempio quello dei trasportatori??? A livello per esempio dellenterocita, miocita, adipocita,poi vedremo perch questa definizione perch sono gli organi bersaglio dellormone linsulina,ossia il fegato con gli epatociti,il muscolo miocita,sia il tessuto adiposo ladipocita.

Qui abbiamo dei trasportatori di glucosio che sono unici trasportano soltanto glucosio abbiamo una serie ,nella tabella 5,trasportatori di glucosio chiamati GLUT 1 vedete lautore che dice(del lucido)glucosio e sodio e si trova in tutti i tessuti il secondo si trova nel fegato nellintestino e rene, GLUT 3 nei neuroni,questo molto importante si trova nel tessuto adiposo e nel muscolo scheletrico e questo GLUT4 regolato dallinsulina ,poi abbiamo il GLUT 5 che trasporta fruttosio a livello intestinale. Abbiamo altri tipi di trasporto di glucosio che per sono diversi dal trasporto per diffusione facilitata semplice.

12

Un altro trasporto per diffusione facilitata il trasporto degli amminoacidi,anche se gli aa sono 20 non esiste un trasportatore per singolo aa ma almeno 4 trasportatori per aa,uno k lega gli aa neutri,uno acidi,glutammato e aspartato, uno basici,che sono 2 aa, e uno per gli imminoacidi,prolina e idrossiprolina.

La diffusione semplice sia legata al poro che ai canali regolata da una legge che si chiama legge di Fick questa legge dice che la diffusione regolata dallarea delle membrane chiaro maggiore larea maggiore la possibilit di trasporto attraverso la membrana,laltro parametro lo spessore della membrana,infatti minore lo spessore maggiore sar la permeabilit,perch chiaro maggiore lo spessore maggiore il tempo k impiega una sostanza per entrare,area direttamente proporzionale ,s spessore ,d il coefficiente di diffusione,che dipende ??? e infine dalla di concentrazione della sostanza nei due compartimenti,quindi deve esistere un gradiente di concentrazione,per ricordate che per ioni provvisti di carica c un altro fattore che condiziona il trasporto ed il gradiente elettrico perch se la membrana allinterno negativa verr favorito il trasporto di un catione se invece sono posto dove c carica positiva verr favorito lanione. Quindi secondo la legge di fick che non tiene conto del gradiente elettrico dobbiamo tener conto oltre della concentrazione dellla sostanza anche del gradiente elettrico ovviamente per le particelle provviste di carica. Tutto questo descritto in questa figura che dice che la diffusione usa lenergia cinetica del movimento delle particelle, chiaro che la diffusione una condizione a cui c un limite,in quanto quando si raggiunge equipolarit l diffusione cessa. La diffusione pi rapida in presenza di gradiente di concentrazione su distanze brevi su temperature elevate e su molecole di piccole dimensioni. Questa legge di Fick valida per i processi di diffusione e di diffusione regolata nella diffusione facilitata il trasporto sempre passivo perch il glucosio si muove dallambiente extracellulare dove pi concentrato dallambiente intracellulare dove meno concentrato perch una volta che il glucosio penetra allinterno della cellula, viene fosforilato, e si trasforma in glicogeno ,e viene metabolizzato, ma non avremo molecole di glucosio a livello citoplasmatico, quindi la diffusione facilitata un trasporto sempre passivo quindi secondo gradiente ed regolata da quelle norme che ho gi ricordato nella legge di Fick.

Nella diffusione facilitata il trasportatore ha tre caratteristiche: la specificit chimica,cio un trasportatore specifico con sostanze che hanno una struttura chimica ben definita il GLUT cosa trasporter glucosio o galattosio o fruttosio quindi la specificit non assoluta ma relativa ma sia glucosio che mannosio che aminosio e cos via sostanze con molecole chimiche simili poi abbiamo nella specificit la stereochimicit infatti la forme D di glucosio attraversano la membrana con maggiore facilit delle forme L. Quindi specificit chimica e stereochimica. E chiaro che un GLUT non trasporter mai aa perch sono sostanze chimiche completamente diverse; la saturazione,nella diffusione semplice abbiamo visto k c un limite cio dalla situazione di equilibrio,nel trasporto facilitato che pi veloce rispetto alla diffusione passiva,il limite la saturazione del carrier ,fino a quando il carrier ha posto a sedere viene riempito dalla particella,ma quando tutti i siti sono stati saturati,quando viene raggiunto un livello x di molecole che supera il

13 livello di saturazione del carrier, leccesso di sostanza non verr riassorbito quindi avremo la saturazione poi c un meccanismo di competizione per esempio il trasportatore di glucosio compete con una sostanza il floenzima,che si usa in laboratorio per produrre gli alberi di abete chiamato abete polietilico(?)perch questa molecola viene rionosciuta dal carrier di glucosio anzi ha molta affinit per il carrier. In questo caso una competizione farmacologica perch io la florenzima devo introdurla come farmaco, ma a livello dei trasporti presenti negli amminoacidi abbiamo detto che esistono 4 carrier e un carrier per gli aa neutri cosa pu trasportare triptofano alanina leucina glicina esiste una competizione tra i singoli amminoacidi e quest molto importante a livello della sintesi del neurotrasmettitore che derivano da amminoacidi e questa un competizione fisiologica. Questa un immagine che chiarisce meglio il trasporto degli amminoacidi secondo le moderne vedute esistono tre sistemi diversi di trasporto per gli amminoacidi neutri acidi e basici ma anche per prolina e idrossiprolina cio per amminoacidi. Per il trasporto di amminoacidi neutri abbiamo diversi sottotipi di trasportatori: un sistema chiamato A che trasporta alanina e piccoli aa idrofili ad esempio glicina(quasi specifico per lalanina) un sistema L che trasporta leucina e aa idrofobici un sistema chiamato ACS che trasporta alanina serina e cisteina Gli amminoacidi e i glucosio vengono trasportati anche mediante un meccanismo chiamato trasporto mediante cotrasporto in questo caso un trasportatore che lega almeno 2 sostanze che viene chiamato trasporto attivo secondario per in questo caso abbiamo bisogno di energia. Ora vedete il sistema A alanina e il sistema ACS non un sistema di trasporto semplice u sistema di trasporto accoppiato quindi cotrasporto con il sodio quindi trasporto di diffusione facilitata accoppiata,invece il sistema L un sistema di trasporto facilitato semplice.

Prossima volta parleremo dei trasporti attivi,trasporto attivo primario correlato con le pompe metaboliche trasporto attivo accoppiato o trasporto secondario. Nel primo caso necessaria ATP e della sua scissione,infatti le pompe hanno unattivit ATPasica cio scindono ATP,nel trasporto attivo secondario non abbiamo bisogno di ATP. Spero vada bene.. Giulia Caldarera.