Sei sulla pagina 1di 13

PLIDA

Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana Novembre 2010 - Livello

C1

Ascoltare (20 minuti - 30 punti) e Leggere (35 minuti - 30 punti)


Nome e numero del Centro Data di svolgimento dellesame Luogo

Dati del candidato


stampa dei diplomi).

(si prega di compilare la tabella in stampatello: i dati saranno utilizzati per la

Numero di iscrizione Cognome Nome Luogo e data di nascita Firma Se vuoi ricevere per e-mail i risultati degli esami e altre informazioni sul PLIDA e sulle attivit della Dante scrivi qui il tuo indirizzo di posta elettronica: _________________________________________

@______________________________

Informativa resa ai sensi dellart. 13 del D.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali In conformit al D.lgs. 196/2003, Testo unico sulla Privacy per la tutela dei dati personali, il titolare del trattamento, la Societ Dante Alighieri, garantisce la massima riservatezza dei dati da Lei forniti e la possibilit di richiederne la rettifica o lintegrazione. I Suoi dati verranno trattati per stampare i diplomi di certificazione e per inviarle comunicazioni relative agli esami PLIDA e alle altre attivit della Societ Dante Alighieri. I suoi dati non verranno diffusi. Acquisite le informazioni fornite dal titolare del trattamento ai sensi dellarticolo 13 del D.lgs. 196/2003, linteressato presta il suo consenso al trattamento dei dati personali per i fini indicati nella suddetta informativa?
Do il consenso Nego il consenso

Luogo ......................................................................................................................... Data ...................................

Firma (leggibile) ......................................................................................................................................................

2 di 13

Societ Dante Alighieri - Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA

Istruzioni per lo svolgimento della prova


(le istruzioni che seguono possono essere spiegate ai candidati anche nella loro madrelingua)
Le buste sigillate contenenti le prove desame vengono aperte davanti ai candidati. Compilare la tabella sulla prima pagina e scrivere le informazioni richieste in stampatello. La prova Ascoltare e leggere consiste di quattro parti: seguite attentamente le istruzioni date per ciascuna parte; le risposte alle domande vanno segnate nelle apposite caselle o sugli appositi riquadri (). Ogni risposta esatta vale due punti. Ogni risposta errata o omessa vale zero. Ogni risposta in pi vale due punti in meno. Il tempo a disposizione per svolgere le prove indicato allinizio di ciascuna parte. Non consentito luso di fogli di brutta copia: potete prendere appunti sullo stampato e poi cancellare con una riga quello che non interessa, lasciando in evidenza la scelta definitiva. fatto assoluto divieto di utilizzare il bianchetto; i compiti dovranno essere scritti con una penna a inchiostro non cancellabile blu o nero; in caso di correzioni andr indicato in modo chiaro qual la risposta scelta. Gli esercizi fatti a matita o corretti con il bianchetto saranno annullati. Non possibile usare alcun tipo di materiale didattico o personale di ausilio alle prove (appunti, dizionari, libri, ecc.).

Solo a uso della Segreteria del PLIDA

I parte
ASCOLTARE

II parte
ASCOLTARE

Totale
ASCOLTARE

I parte
LEGGERE

II parte
LEGGERE

Totale
LEGGERE

Novembre 2010

Livello C1

Ascoltare e Leggere

3 di 13

Societ Dante Alighieri - Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA

ASCOLTARE (20 minuti) Prima parte (14 punti) Ascoltate lintervista a Guido Harari e confrontatela con le frasi. Completate le frasi scegliendo fra le tre possibilit lunica che corrisponde al testo; dovete indicarla segnando una crocetta sui riquadri (). Indicate solo una combinazione per ogni frase: ogni crocetta in pi vale due punti in meno.
(intervista tratta da Radio Lodi del 5/10/2009).

1. Guido Harari a) b) c) ha anche organizzato la mostra su De Andr. ha anche pubblicato un saggio su De Andr. ha anche scritto un racconto ispirato a De Andr.

2. Il primo reportage di Harari su De Andr a) b) c) evidenziava soprattutto gli aspetti professionali del cantante. presentava De Andr in atteggiamenti del tutto spontanei. era composto da fotografie scattate in ambienti aperti.

3. Per De Andr essere fotografato a) b) c) era unintrusione nella sua vita privata. era un mezzo per scoprire nuovi aspetti di s. era una ragione di imbarazzo.

Novembre 2010

Livello C1

Ascoltare e Leggere

4 di 13

Societ Dante Alighieri - Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA

4. Nei momenti pi intimi De Andr si faceva fotografare a) b) c) liberamente. con qualche esitazione. solo raramente.

5. Harari legato a una fotografia che ritrae De Andr a) b) c) sullo sfondo di una scogliera. durante una partita. durante il sonno.

6. Secondo i ricordi di Harari, De Andr a) b) c) era nel pieno del suo lavoro la sera. aveva un sonno molto pesante. seguiva dei ritmi di lavoro comuni.

7. La foto di De Andr con la moglie a) b) c) un raro esempio di scatto in posa. contiene unimmagine inconsueta. stata poi ritoccata per renderla pi divertente.

Novembre 2010

Livello C1

Ascoltare e Leggere

5 di 13

Societ Dante Alighieri - Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA

Seconda parte (16 punti) Ascoltate il servizio. Indicate le informazioni presenti nel testo segnando una crocetta sui riquadri (). Dovete indicare solo otto frasi. Ogni crocetta in pi vale due punti in meno.
(il brano tratto dalla puntata del 28 ottobre 2010 del programma di Radio 1 Economica in tasca).

1.

Il rapporto sulleconomia della musica conclude uno studio che va avanti da tre anni. Lo studio intende fornire uno strumento di indagine che sia costante. Aumenta la diffusione delle riproduzioni digitali. Stanno crescendo sia la vendita dei supporti digitali sia quella dei CD. Negli Stati Uniti la musica digitale registra incassi pari a quelli derivati dalla vendita di CD. La vendita di musica digitale in Germania supera del 10% quella italiana. In Italia la musica digitale rappresenta il 6% delle vendite.

2. 3. 4. 5. 6. 7.

8.

Il settore digitale in Italia debole anche perch la musica copiata illegalmente. I discografici italiani hanno investito presto nel settore digitale . Gli operatori hanno aumentato i guadagni del 9% grazie ai concerti in pubblico.

9.

10.

11.

La musica sparsa ha dei settori in crescita e dei settori in calo.

Novembre 2010

Livello C1

Ascoltare e Leggere

6 di 13

Societ Dante Alighieri - Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA

12. 13. 14. 15. 16.

Se si considerano i generi, la musica italiana e quella internazionali dividono in parti uguali le vendite.

Nel 2009 il costo dei biglietti della musica dal vivo rimasto invariato. I concerti gratuiti nei locali sono pi diffusi di prima. Il mercato degli strumenti musicali rimasto saldo. Si diffonde lacquisto degli strumenti elettronici come le tastiere.

Novembre 2010

Livello C1

Ascoltare e Leggere

7 di 13

Societ Dante Alighieri - Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA

LEGGERE (35 minuti) Prima parte (16 punti) Leggete il brano. Completate le frasi scegliendo fra le quattro possibilit lunica che corrisponde al testo; dovete indicarla segnando una crocetta sui riquadri (). Indicate solo una combinazione per ogni frase: ogni crocetta in pi vale due punti in meno.

Come prevedeva laccordo in base al quale era stata assunta, Maria passava con i ragazzi tutto il tempo in cui non si trovavano a scuola, seguendoli nei giochi e nei compiti a prescindere dal fatto che i genitori fossero in casa o meno. Le assegnarono la stanza gialla, un piccolo ambiente collocato tra quelli pi ampi riservati ai ragazzi, e il fatto che comunicasse con entrambe le loro camere le fece intuire che probabilmente era stata pensata come una sorta di ampia cabina armadio dove in futuro, quando non ci sarebbe pi stata la necessit di una bambinaia, i due fratelli avrebbero potuto condividere i vestiti. La prima cosa con cui Maria dovette fare i conti fu che quei ragazzini non uscivano mai di casa per giocare con altri bambini. Era vero che lappartamento dei Gentili non aveva un cortile, ma la strada in cui vivevano era molto vicina al grande parco del Valentino e ai viali alberati lungo il Po, un luogo avventuroso dove la quantit di tentazioni potenzialmente mortali era tale da far impazzire di gioia qualunque bambino. Marta Gentili per su questo fu tassativa: i ragazzi uscivano solo con lei e con il padre. Andare a giocare fuori senza i genitori non era nemmeno da prendere in considerazione, e Maria si rese conto molto presto che parte del suo compito consisteva proprio nel garantire che questo non si verificasse mai. In realt non era un ordine difficile da rispettare, perch Piergiorgio non manifestava il desiderio di uscire, e Anna Gloria, bench pi irrequieta, sembrava per il momento appagata dai molti e bei giochi di cui entrambi disponevano. Maria invece, nelle poche ore libere che le rimanevano, usciva sola per le strade ogni volta che poteva, cauta ma curiosa della grande citt. La signora Gentili le aveva raccontato la strana storia delle vie squadrate di Torino, che pareva fossero state disegnate in anticipo rispetto ai luoghi in cui avrebbero dovuto condurre; lidea che i torinesi avessero prima di tutto deciso il viaggio, e solo in un secondo momento si fossero dati da fare per costruire come meta le case, le piazze e i palazzi, le sembrava talmente illogica che nelle prime lettere alle sorelle Maria continuava a raccontarla come se fosse una divertente novit. Quellordine millimetrico la urtava nel buon senso, convinta che per le strade il modo giusto di nascere potesse essere solo quello di Soreni, le cui vie erano emerse dalle case stesse come scarti sartoriali, ritagli, scampoli sbilenchi, ricavate una per una dagli spazi casualmente sopravvissuti al sorgere irregolare delle abitazioni, che si tenevano in piedi luna allaltra come vecchi ubriachi dopo la festa del patrono. Marta Gentili le aveva spiegato che il ripetitivo schema viario di Torino nasceva da
Novembre 2010 Livello C1 Ascoltare e Leggere

8 di 13

Societ Dante Alighieri - Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA

esigenze di sicurezza, perch una citt regia non doveva offrire ai ribelli e ai nemici alcun anfratto per nascondersi, ma questo non fece che rafforzare in Maria lidea che tutte le cose in apparenza troppo lineari non fossero che unammissione di debolezza: nessuno si sarebbe preso la briga di disegnare strade cos dritte, se non avesse avuto molta paura. Comunque le piaceva camminare senza meta lungo i portici eleganti, guardando le vetrine con i dolciumi ricoperti di cioccolato, o i vestiti industriali messi addosso ai manichini con calcolata solennit. Si fermava davanti ai negozi di abbigliamento e li studiava con locchio critico della sarta, cercando lorlo malfatto o il risvolto poco accurato, e sorridendo con soddisfazione quando oltre il vetro indovinava il difetto, come fosse una rivincita personale.
(tratto da Michela Murgia, Accabadora, Torino, Einaudi, 2010, pp. 123-125)

Novembre 2010

Livello C1

Ascoltare e Leggere

9 di 13

Societ Dante Alighieri - Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA

1. Per contratto Maria deve a) b) c) d) andare a prendere i ragazzi a scuola quando i genitori sono fuori. aiutare i ragazzi nei compiti solo se i genitori sono assenti. stare sempre con i ragazzi anche dopo lorario scolastico. accompagnare a scuola i ragazzi se i genitori non possono.

2. Maria pensa che la sua stanza sia stata collocata in mezzo a quella dei ragazzi a) b) c) d) perch cos lei li pu controllare in ogni momento. perch i ragazzi poi potranno utilizzarla come guardaroba. perch pu essere utilizzata anche come stanza dei giochi. perch in futuro potrebbe servire per un altro fratello.

3. I figli dei Gentili sono sempre in casa perch a) b) c) d) i giardini del quartiere sono considerati pericolosi. nella strada principale si era verificato un incidente. hanno fatto sempre i capricci per restare a lungo nel parco. i genitori non gli permettono di uscire senza di loro.

4. Anna Gloria a) b) c) d) rispetto al fratello era pi annoiata. era comunque contenta dei suoi giochi. litigava per i giochi con suo fratello. aveva meno giochi del fratello.

Novembre 2010

Livello C1

Ascoltare e Leggere

10 di 13

Societ Dante Alighieri - Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA

5. Le strade di Torino sembrano essere state tracciate a) b) c) d) da un ingegnere veggente. disordinatamente. in modo fantasioso. da un architetto spiritoso.

6. Riflettendo sulle strade di Torino, Maria pensava a) b) c) d) a quanto fossero rozze quelle di Soreni. che le case di Soreni avessero un progetto pi logico. a come potessero essere migliorate le case di Soreni. a quanto fossero pi tristi le case di Soreni.

7. Per Maria la rete viaria di Torino un indizio di a) b) c) d) insicurezza. potere. precisione. ricchezza.

8. Davanti alle vetrine dei negozi di abbigliamento Maria a) b) c) d) si diverte a notare le imperfezioni sartoriali. cerca ispirazione per migliorare i suoi vestiti. infastidita dal lusso della presentazione. ripensa con rimpianto al suo vero mestiere.

Novembre 2010

Livello C1

Ascoltare e Leggere

11 di 13

Societ Dante Alighieri - Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA

Seconda parte (14 punti) Completate le frasi scegliendo fra le quattro proposte della tabella (p. 13) lunica parola appropriata; dovete indicarla segnando una crocetta sui riquadri ( ). Indicate solo una parola per ogni vuoto: ogni crocetta in pi vale un punto in meno.

Qui ci vuole la zampacure Scordatevelo subito: non chiedete al gatto di rinunciare a tirare fuori gli artigli e graffiare. una questione distinto. Che, per, si pu tenere a bada. Cos in poco tempo, con i suoi artigli affilati, lamato gatto di casa ha distrutto divani, poltrone, tappeti e segnato indelebilmente alcuni mobili di casa. Evidentemente non labbiamo educato bene si dicono (1) ________ i proprietari. Forse s. Ma anche vero che la tendenza a graffiare innata in ogni micio. Le sue unghie, infatti, assolvono a tanti compiti: servono per difendersi, cacciare, arrampicarsi, grattarsi e marcare il territorio. Non a caso, quando il gatto (2) _______ gli artigli e graffia, le sue ghiandole interdigitali rilasciano una sostanza odorosa, comunicando che quella cosa di sua propriet. Che fare? Come difendere se stessi e i mobili dalle miciose unghie? Bisogna convogliare il suo istinto verso qualcosaltro spiega Andrea Calderone, veterinario. Qui i consigli. Puntare su grattatoi e tronco dulivo Innanzitutto, bisogna (3) ______ le attenzioni del gatto su uno o pi grattatoi. In commercio se ne trovano diversi tipi, per forma, dimensioni e materiali. Limportante suggerisce Calderone che la (4) ______ sia messa in posizione verticale, cos da (5) ______ il naturale istinto del micio. Anche lapposito cartone (6) ______ con aromi attraenti (meglio se con laggiunta di uno spray ai feromoni) e un piccolo tronco (meglio se dulivo) sulla cui (7) ______ il gatto possa affilarsi le unghie, sono dei validi rimedi prosegue lesperto. Da sistemare in (8) ______ degli oggetti da difendere: divano, tappeti ecc. Le prime volte che il gatto si far le unghie su uno di questi grattatoi, sar bene accarezzarlo e (9) ______ con un goloso bocconcino. Stabilire subito i divieti daccesso La voglia di graffiare non si pu cancellare (10) ______ tutto: un fatto istintivo. Ma si pu far capire al gatto quali sono i posti proibiti ai suoi artigli. Lideale riuscire a educarlo da cucciolo, anche se non mai troppo tardi per insegnargli le buone maniere spiega lesperto. Appena inizia a farsi le unghie sui mobili, bisogna sgridarlo con (11) ______ ferma e allontanarlo, magari con un rumore che lo spaventi. Se, invece, laggressivit rivolta verso le persone, durante un gioco diventato un corpo a corpo, occorre adottare un (12) ______ fermo. Ovvero, smettere di giocare e pronunciare ad alta voce dei secchi no.

Novembre 2010

Livello C1

Ascoltare e Leggere

12 di 13

Societ Dante Alighieri - Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA

Tagliare con attenzione le punte Le unghie del gatto sono appendici cornee formate da lamelle che crescono (13) ______ continuo. Ecco perch vanno controllate ogni due settimane, premendo piano i cuscinetti digitali, cos da capire quanto siano (14) ______. Attenzione poi se il micio, nel tentativo di (15) ______ che crescano troppo, cerca di strapparsi con i denti gli astucci cornei che ricoprono le unghie. Per tenere la situazione sotto controllo, ci vuole lapposito tagliaunghie consiglia Calderone. Zampina in mano, bisogna guardare lunghia in controluce: si noter una struttura rosea che contiene un nervo e un vaso sanguigno. Il taglio deve riguardare solo la punta e mai toccare questa parte per evitare sia il dolore sia il pericolo di una lieve emorragia raccomanda il veterinario. Infine, bene ricordare che, se trascurate, le unghie possono crescere fino a incarnirsi ed entrare nei polpastrelli, con il rischio di (16) ______ brutte infezioni.
(Giorgia Mari, Qui ci vuole la zampacure, articolo pubblicato sul settimanale Donna moderna del 3 novembre 2010, p. 191)

Novembre 2010

Livello C1

Ascoltare e Leggere

13 di 13

Societ Dante Alighieri - Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA

1. a 2. a 3. a 4. a 5. a 6. a 7. a 8. a 9. a 10. a 11. a 12 a 13 a 14 a 15 a 16 a

sconsolati sfodera scegliere parete rinnegare modificato corteccia promiscuit retribuirlo del mano atteggiamento per smussate evitare eccitare

b b b B b b b b b b b b b b b b

soddisfatti tira dirottare superficie vedere illustrato coccia prossimit premiarlo nel parola punto da affusolate schivare sollecitare

c c c c c c c c c c c c c c c c

illusi attira distrarre facciata assecondare bilanciato scorza continuit punirlo per voce posto di appiattite rincorrere promuovere

d d d d d d d d d d d d d d d d

rappacificati ripone discriminare sostanza proporre trattato crosta capacit consolarlo con grida gesto a appuntite eludere provocare

Novembre 2010

Livello C1

Ascoltare e Leggere