Sei sulla pagina 1di 6

Campania

Regolamento per l’elezione dell’Assemblea regionale,


del Segretario regionale, dell’Assemblea del
Segretario provinciale e di Circolo

La Direzione regionale del Partito Democratico della Campania riunitasi in


data 20 luglio 2009 approva all’unanimità il seguente Regolamento per le
procedure di elezione del Segretario regionale, dell’Assemblea regionale e per
l’elezione dei Segretari provinciali e di circoli ai sensi dello Statuto regionale.

Il presente Regolamento integra le norme previste dal Regolamento


nazionale del 26 giugno 2009.

Articolo 1

(Calendario Convenzioni Provinciali)

Le Convenzioni provinciali sono fissate secondo il seguente calendario:

- Avellino - Domenica 4 ottobre


- Benevento - Sabato 3 ottobre
- Caserta - Domenica 4 ottobre
- Napoli - Sabato 3 ottobre
- Salerno - Sabato 3 ottobre

1
Articolo 2

(Consultazione degli iscritti per il Segretario Regionale)

Le Assemblee di Circolo, ad integrazione dell’articolo 4 del Regolamento


nazionale e ai sensi dell’articolo 15 comma 5 dello Statuto Nazionale, hanno
inizio con l’esposizione delle linee politiche e programmatiche collegate alle
candidature a Segretario regionale per un tempo massimo di 10 minuti.

Nelle riunioni di Circolo, contestualmente al voto per le candidature a


Segretario nazionale, si svolge il voto per le candidature a Segretario
regionale.

Il modello di scheda e di verbale è predisposto dalla Commissione


regionale.

Il verbale della riunione di circolo è trasmesso alla Commissione


provinciale con la indicazione dei voti riportati da ciascun candidato, delle
schede bianche, nulle e contestate.

Al termine delle Assemblee di Circolo ciascuna Commissione provinciale


trasmette il risultato finale alla Commissione regionale.

La Commissione regionale comunica i candidati ammessi alla seconda


fase del procedimento di elezione del Segretario regionale, specificando i tre
candidati che hanno ottenuto il consenso del maggior numero di iscritti purché
abbiano conseguito il cinque per cento dei voti espressi e, in ogni caso, quelli
che abbiano ricevuto il quindici per cento dei voti validamente espressi e la
medesima percentuale in almeno due province.

Articolo 3

(Elezione Segretario e Assemblea Regionale)

Le candidature a Segretario regionale vengono presentate in


collegamento con liste di candidati a componenti della Assemblea regionale,
sulla base di piattaforme politico-programmatiche concorrenti.

In ciascun collegio elettorale possono essere presentate una o più liste


collegate a ciascun candidato alla Segreteria.

L’ Assemblea regionale è costituita da un numero di componenti pari ai


membri dell’Assemblea Nazionale spettanti alla Campania moltiplicati per tre.

I collegi elettorali sono stabiliti dalla Commissione nazionale.

Le liste si depositano presso la Commissione regionale entro le ore 20


del 12 ottobre 2009.

2
Ciascuna lista deve indicare il candidato alla Segreteria regionale cui
intende collegarsi, con l’accettazione del collegamento da parte del candidato
stesso.

Le liste debbono essere sottoscritte da almeno 50 iscritti del collegio.

Le liste possono contenere un numero minimo di candidati pari al


cinquanta per cento degli eligendi e un numero massimo pari agli eligendi,
rispettando il criterio dell’alternanza di genere.

Per l’assegnazione dei seggi si fa riferimento all’articolo 10 comma 9 del


Regolamento nazionale.

Concluse le operazioni di voto in ciascuna sezione elettorale, il risultato è


immediatamente trasmesso alla Commissione provinciale, la quale, dopo aver
acquisito tutti i verbali dei collegi, li trasmette alla Commissione regionale per
le operazioni di calcolo e l’ attribuzione dei seggi in applicazione analogica dell’
articolo 10 comma 9 del Regolamento nazionale.

Al termine dei propri lavori, la Commissione proclama gli eletti


all’Assemblea regionale.

I diritti e le modalità di voto sono quelli fissati dall’articolo 11 del


Regolamento nazionale.

Articolo 4

(Nomina del Segretario regionale)

L’Assemblea regionale, convocata dal Presidente della Commissione


regionale entro 14 giorni dalla proclamazione degli eletti, proclama eletto
Segretario regionale il candidato che abbia riportato la maggioranza assoluta
dei membri dell’Assemblea regionale eletti nelle liste a lui collegate.

Qualora nessun candidato abbia riportato tale maggioranza assoluta, è


indetta, nella stessa seduta, il ballottaggio a scrutinio segreto tra i due
candidati collegati al maggior numero di componenti l’Assemblea e viene
proclamato eletto Segretario il candidato che ha ricevuto il maggior numero di
voti validamente espressi.

Articolo 5

(Calendario elezioni Assemblee provinciali e Segretari di Circolo)

L’elezione delle Assemblee provinciali e di circolo si svolgerà in Campania


nel periodo tra il 15 Novembre ed il 20 Dicembre 2009.

3
Il numero dei componenti delle Assemblee provinciali è così stabilito:

Avellino 100
Benevento 100
Caserta 150
Napoli 350
Salerno 200

Le Commissioni provinciali definiscono il calendario per lo svolgimento


delle Assemblee di Circolo.

Le Assemblee provinciali si tengono secondo il seguente calendario:

Avellino 4 - 5 dicembre
Benevento 18 – 19 dicembre
Caserta 27 – 28 novembre
Napoli 20 – 21 novembre
Salerno 11 – 12 dicembre

Articolo 6

(Modalità di svolgimento delle Assemblee di Circolo, per l’elezione


dell’Assemblea provinciale e del Segretario di Circolo)

Le riunioni di Circolo si svolgono secondo il calendario definito dalla


Commissione provinciale, che stabilisce anche il numero dei componenti dei
coordinamenti di Circolo e delle firme necessarie per la presentazione delle
liste.

Partecipano con diritto di parola e di voto alle Assemblee di Circolo


(territoriale e di ambiente) e possono essere eletti negli organismi dirigenti o di
garanzia, tutti gli iscritti al Partito regolarmente registrati alla data del 21
luglio 2009.

Le Assemblee di Circolo, in apertura del lavori, su proposta del segretario


costituiscono un Ufficio di Presidenza, che ha il compito di assicurare il corretto
svolgimento dei lavori e che garantisce la presenza di almeno un
rappresentante per ciascuna candidatura a Segretario di Circolo.

Fa parte della Presidenza un membro della Commissione provinciale o


suo delegato, che assiste ai lavori con funzioni di garanzia del loro regolare
svolgimento.

In apertura delle Assemblee di Circolo, sono presentate le linee politiche


collegate ai candidati segretari di circolo, assicurando a ciascuna di esse pari
opportunità di esposizione, per un tempo massimo di 15 minuti.

4
Le modalità e i tempi di svolgimento delle Assemblee di Circolo devono
garantire la più ampia possibilità di intervento degli iscritti ed eventualmente di
elettori e simpatizzanti.

Entro le ore 20 del terzo giorno precedente lo svolgimento dell’


Assemblea, sono depositate presso la Commissione provinciale, la lista o le
liste dei membri del coordinamento di Circolo con l’indicazione del candidato
segretario.

Ciascuna lista deve rispettare il principio dell’alternanza di genere. La


Commissione provinciale predispone le schede e il verbale di voto.

La Commissione provinciale di Garanzia stabilisce le modalità di


convocazione delle Assemblee di Circolo.

La Presidenza procede all’assegnazione dei seggi spettanti al complesso


delle liste collegate a ciascun candidato a Segretario . A tal fine si utilizza il
metodo del quoziente naturale e dei più alti resti.

Articolo 7

(Elezione Assemblee provinciali)

L’elezione dei componenti dell’Assemblea provinciale avviene sulla base


di collegi.

Le votazioni si volgono assicurando la contemporaneità in caso di collegi


composti da più Circoli.

L’attribuzione dei seggi per collegio avviene per il 50% in ragione degli
iscritti e il 50% in ragione dei voti ottenuti alle elezioni politiche del 2008 con
riferimento alla Camera dei Deputati.

L’attribuzione dei seggi per ciascun collegio/circolo avviene adeguando la


quota del 50% degli iscritti del relativo collegio/circolo in ragione della media
provinciale tra iscritti e voti alla Camera dei Deputati 2008.

I collegi sono corrispondenti a quelli individuati per le elezioni primarie


del 14 ottobre 2007.

Le Direzioni provinciali, entro il 15 settembre 2009, possono decidere che


i collegi corrispondano a quelli previsti per l’elezione dei rispettivi Consigli
provinciali o ai Circoli.

In ciascun collegio possono essere presentate liste con un numero


minimo di candidati pari al cinquanta per cento degli eligendi e un numero
massimo pari agli eligendi, rispettando il criterio dell’alternanza di genere.

Le liste si depositano presso la Commissione provinciale entro le ore 20


del terzo giorno antecedente la data dell’Assemblea di Circolo.

5
I seggi assegnati a ciascun collegio sono ripartiti proporzionalmente tra le
liste, secondo il metodo del quoziente naturale (totale dei voti per
collegio/numero dei seggi per collegio), attribuendo gli ulteriori seggi alle liste
che abbiano riportato i migliori resti all’interno del collegio.

Le Direzioni provinciali, entro il 15 settembre 2009, possono decidere che


il riparto dei resti per l’attribuzione dei seggi avvenga su base provinciale.

Articolo 8

(Le Garanzie)

La Commissione regionale disciplina la diffusione delle linee politiche e


programmatiche, le modalità per le attività di comunicazione e d’informazione,
garantendo pari opportunità a ciascun candidato.

Eventuali contestazioni del procedimento elettorale delle riunioni di


circolo e delle convenzioni, sono dirette in prima istanza alle Commissioni
provinciali che devono decidere entro 48 ore.

In seconda istanza il ricorso va rivolto alla Commissione regionale, che


decide entro 48 ore.

Articolo 9

(Rinvio)

Per quanto qui non espressamente previsto si applicano in via analogica


le norme del Regolamento nazionale.