Sei sulla pagina 1di 2

18/10/13

Mitologia greca e latina, Xanto, Zacinto, Zagreo, Zefiro, Zete, Zeto

MITOLOGIA CLASSICA

home

dossier.net

motti latini

aforismi

grammatica

galateo

Mitologia greca e latina : lettere X e Z

Xanto, Zacinto, Zagreo, Zefiro, Zete, Zeto.

SOMMA RI O
Mitologia classica: lettera A Mitologia classica: lettere B, C Mitologia classica: lettere D, E Mitologia classica: lettere F-I Mitologia classica: lettere L-N Mitologia classica: lettera O-Q Mitologia classica: lettere R, S Mitologia classica: lettere T -Z

XANTO: 1. Xanto e Baio erano i cavalli immortali di Achille, nati sulle rive dell'Oceano, e dati da Poseidone a Peleo come dono di nozze. I loro nomi significano "baio" e "pezzato" ed erano figli del vento occidentale Zefiro e dell'arpia Podarge. Achille li condusse a Troia e li prest a Patroclo quando questi condusse i Mirmidoni in battaglia. Alla morte di Patroclo i due cavalli piansero amaramente e Zeus ebbe piet di loro, rimpianse di averli donati a un mortale costringendoli a restare coinvolti nelle sofferenze di quelle miserabili creature. Diede loro la forza di sfuggire a Ettore e cos fecero ritorno alle linee greche. Quando Achille torn in battaglia critic i due cavalli per non aver riportato Patroclo sano e salvo, e Xanto ricord ad Achille che Patroclo non era morto a causa loro ma perch Apollo aveva decretato la sua fine per dare gloria a Ettore, e aggiunse anche che la morte dello stesso Achille era prossima. Le Erinni lo ammutolirono improvvisamente e da allora Xanto non parl pi. Achille dichiar che la profezia della sua morte non gli era nuova poich l'aveva gi udita in giovent. XANTO: 2. Altro nome del fiume di Troia, Scamandro, e del suo dio. Xanto, insieme col torrente Simoenta che confluiva nello Scamandro, si oppose ai greci, e sollev le sue onde contro Achille. L'eroe era sul punto di soccombere, allorch Era invi in suo soccorso Efesto armato di fuoco. Questo dio accese tutta la pianura costringendo il fiume a rientrare nel suo corso, e per non seccarlo gli fece giurare che non avrebbe dato mai pi soccorso ai Troiani. XANTO: 3. Nome di uno dei quattro stalloni del re tracio Diomede, che Euristeo ordin ad Eracle di catturare, come sua ottava Fatica. Diomede teneva le sue cavalle legate con catene di ferro a mangiatoie di bronzo, e le nutriva con la carne dei suoi ospiti ignari. Un'altra leggenda vuole che si trattasse di stalloni e non di cavalle, ed elenca i loro nomi: Podargo, Lampone, Xanto e Dino.

aggiungimi ai siti preferiti imposta come home page

cerca nel sito - cerca nel web Cerca

SOMMA RI O DOSSI ER.NET


La prima pagina di Dossier.Net Impost a comunale immobili Guida ai cont rat t i di locazione Benefici fiscali per la prima casa Casa e principali norme fiscali I pi frequent i errori fiscali Pagine ut ili e calcolat rici online Migliaia di giochi online Il relax ed il t empo libero Video e musica di t ut t i i generi Migliaia di ricet t e da cucina I campionat i it aliani di calcio BlogSera, fat t i ed opinioni

ZACINTO: eroe eponimo dell'isola di Zacinto (oggi Zante), nel Mar Ionio. Secondo le tradizioni, questo eroe ritenuto figlio di Dardano, o un Arcade venuto dalla citt di Psofi.

ZAGREO: originariamente divinita sotterranea e agreste cretese, divenne nei misteri orfici una manifestazione del dio Dionso . Il mito di Zagreo, quale si desume dalle Dionisiache di Nonno di Panopoli (libro VI), lo faceva figlio di Zeus e Persefone. Il sommo dio affid ai Cureti cretesi figli di Rea, o secondo altri ai Coribanti, il compito di custodire la culla di Zagreo nella grotta Idea e col essi gli danzavano attorno, battendo le loro armi l'una contro l'altra, come gi avevano fatto attorno alla culla di Zeus sul Ditte. Ma i Titani, nemici di Zeus e istigati da Era, sbiancandosi il volto col gesso per rendersi irriconoscibili, attesero finch i Cureti furono addormentati e a mezzanotte indussero Zagreo a seguirli, offrendogli dei giocattoli: un cono, un rombo, mele d'oro, uno specchio, un astragalo e un batuffolo i lana. Zagreo diede prova di grande coraggio quando poi i Titani gli balzarono addosso minacciosi e si sottopose a varie metamorfosi per trarli in inganno: divenne successivamente Zeus avvolto in pelle di capra, Crono che fa cadere la pioggia, un leone, un cavallo, un serpente cornuto, una tigre e un toro. A questo punto i Titani lo afferrarono saldamente per le corna, gli affondarono i denti nella carne e lo divorarono vivo. Atena interruppe l'orrendo banchetto poco prima della fine e, impadronitasi del cuore di Zagreo,
1/2

mitologia.dossier.net/zacinto.html#zagreo

18/10/13
Port alini: dal met eo ai t elefoni

Mitologia greca e latina, Xanto, Zacinto, Zagreo, Zefiro, Zete, Zeto

lo port a Zeus. Dal cuore Zeus rigener suo figlio nel corpo di Semele, e pun i Titani per il loro delitto colpendoli con la sua folgore che li ridusse in cenere. Da queste ceneri nacque il genero umano. Quando il figlio di Semele creato dal cuore di Zagreo nacque, Zeus lo chiam Dioniso. Il mito orfico a questo punto ader al mito dionisiaco.

ZEFIRO: dio del vento occidentale; uno dei figli di Astreo e di Eos, sposo di Clori, da cui ebbe un figlio, Carpos. Si innamor del giovane Zacinto di Amicle, nei pressi di Sparta. Ma anche Apollo corteggiava Zacinto e ne ottenne i favori, allora Zefiro si vendic deviando un disco che il dio aveva lanciato in modo che colpisse il giovane alla testa uccidendolo. Zefiro era il padre dei cavalli immortali Xanto e Balio. Aveva ingravidato la loro madre, un'Arpia, mentre pascolava in forma di puledra nei prati lungo le rive dell'oceano. Zefiro era considerato un vento gentile, ben diverso dal duro vento del nord, Borea. Fu Zefiro a sospingere Psiche nel castello di Cupido (Eros). Secondo alcuni sua sposa era Iride, l'arcobaleno. Nell'Attica gli era dedicato un altare sulla via sacra di Eleusi. Nella mitologia romana a Zefiro corrispondeva Favonio .

ZETE: figlio di Borea e Orizia, gemello di Calaide. Ai due gemelli, quando raggiunsero la maturit spuntarono le ali; Orizia ebbe da Borea anche due figlie: Chione che gener Eumolpo a Poseidone, e Cleopatra, che spos Fineo, vittima delle Arpie. Zete e Calaide presero parte con Giasone alla spedizione degli Argonauti per la conquista del Vello d'oro. Quando la nave Argo fece scalo a Sarmidesso, capitale della Tinia in Tracia, il re Fineo, veggente, ospit gli Argonauti, li inform sul futuro del loro viaggio, quindi li preg di aiutarlo, sapendo che due di loro, i suoi alati cognati Calaide e Zete, sarebbero riusciti a cacciare le Arpie. Queste odiose creature entravano svolazzando nel palazzo all'ora dei pasti e rubavano cibo alla tavole del re, insozzando il poco che rimaneva coi loro escrementi. Fu dunque preparato un banchetto per gli Argonauti e subito le Arpie piombarono sulle tavole. Calaide e Zete si levarono con la spada in mano e inseguirono le Arpie nell'aria facendole fuggire lontano, al di l del mare. Alcuni dicono che essi raggiunsero le Arpie alle isole Strofadi, ma risparmiarono le loro vite quando i mostri implorarono piet; infatti Iride, messaggera di Era, intervenne e promise che le Arpie sarebbero ritornate alla loro caverna del Ditte in Creta e mai pi avrebbero molestato Fineo. I boreadi parteciparono ai giochi funebri per le esequie di Pelia, Zete vinse la corsa podistica pi breve e suo fratello Calaide la pi lunga. Ma, ben presto, furono uccisi da Eracle, che non perdonava loro d'aver consigliato agli Argonauti di abbandonarlo in Misia, allorch si era attardato nella ricerca dell'amato Ila. Mentre tornavano dai funerali di Pelia, l'eroe li scopr nell'isola di Teno, e li uccise. Innalz loro due stele che vibravano ogni volta che il Vento del nord soffiava sull'isola.

ZETO: vedi ANFIONE.

OPERA REALIZZATA IN ESCLUSIVA PER DOSSIER.NET - RIPRODUZIONE VIETATA. XHTML - CSS.

WEB DESIGN CURATO DA FLASH GALLERY

mitologia.dossier.net/zacinto.html#zagreo

2/2

Potrebbero piacerti anche