Sei sulla pagina 1di 15

Gestione

Telecom Italia punta a UNICA


Un solo data base per la gestione della Rete

D OMENICO C ASTALDO N ICOLA I ORIO

La gestione dei dati di rete ha sempre rappresentato una delle aree strategiche per unazienda di telecomunicazioni, ma essa diventa uno dei fattori fondamentali di successo se si decide di incrementare il livello di automazione dei processi di provisioning, delivery, assurance e creation. Tale obiettivo stato raggiunto dalla nuova piattaforma per la gestione delle reti e dei servizi a larga banda, che rappresenta uno dei progetti pi significativi del piano sistemi [1], nel quale un secondo fattore di successo stata lautomazione integrata dalle diverse parti che compongono larchitettura sistemistica. Larticolo descrive i principali motivi che hanno portato alle scelte architetturali e tecnologiche effettuate, le soluzioni adottate nellambito dei data base della rete, le fasi in cui lo sviluppo di tali soluzioni stato suddiviso, le attuali e le future evoluzioni che hanno consentito e progressivamente consentiranno di estendere la piattaforma alla gestione di tutte le reti di Telecom Italia.

1. Introduzione I servizi a larga banda e, pi in generale, i servizi dati sono quelli che pi di altri hanno mostrato andamenti di crescita rilevanti nel corso degli ultimi anni, e sono anche quelli sui quali maggiormente si sviluppata la competizione tra le aziende del settore. Era quindi inevitabile che uno dei pi significativi progetti del piano sistemi fosse finalizzato alla definizione e alla realizzazione di una piattaforma di gestione che, partendo dai sistemi esistenti, assicurasse levoluzione necessaria per agevolare il successo della competizione oggi presente nelle reti di telecomunicazione. Allinterno della piattaforma le problematiche relative ai data base assumono unimportanza strategica poich tutti i sistemi e i processi di commercializzazione (TGU, Siebel, Pitagora, ), di controllo di processo (NSD-OM Engine), di disponibilit delle informazioni (report), di attivazione del servizio (ser-

vice delivery), di mantenimento del servizio (service assurance) e di creazione della rete (network creation) dialogano con i data base della rete e hanno necessit dei dati in essi contenuti per garantirne il corretto funzionamento. Da una situazione molto frammentata con un alto numero di data base di rete e di sistemi di fornitura (provisioning) si passati a unarchitettura obiettivo con un solo data base e un unico sistema di provisioning per la gestione dei servizi della rete dati. Il data base e il sistema di provisioning si chiamano UNICA/D (Unique Network Inventory Co-operating Automatisms/Dati) e rappresentano la prima fase del programma che prevede la sostituzione - dopo la porzione relativa alla rete dati - delle attuali basi dati e dei sistemi di provisioning della rete trasmissiva, TIRKS/GAT (Trunk Integrated Record Keeping System/Gestione Automatata Trasmissione), di accesso, ACL/RR (Automazione Centri di Lavoro Registri di Rete) e di commutazione, ACL/RC (Automazione

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

65

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

Centri di Lavoro/Registri di Centrale). Per attuare questo programma concorreranno sia i sistemi esistenti - aggiornati opportunamente - sia nuovi sistemi basati su nuove piattaforme tecnologiche. Al completamento di questa attivit di rinnovamento dei sistemi finora impiegati, si avr che lattuale piattaforma di gestione delle reti e dei servizi a larga banda diventer la piattaforma di gestione delle reti e dei servizi di Telecom Italia. 2. Situazione preesistente

Service Provisioning CDN ULL Pitagora (Special) xDSL TGU, OLBB, WAD, ... CDN OLO Pitagora (Classic) ACCOGLIENZA

TLD

Toscanini

Mano dopera dell'impresa FEPS/SCS NSD SIGRA/IT TIRKS

DAI Provisioning livello 2

IDNM/SR ACL/RR GAT ACL/RC

Sembra opportuno analizCPC zare dapprima gli aspetti GTW WRAP, WFM IDNM/SP LIDO (SDH, SGF) caratteristici dellarchitettura Configurazione degli apparati sistemistica iniziale. Reportistica Configurazione Mano dopera Provisioning Si partiti da unarchitetdegli apparati sociale livello 2 & 3 tura sistemistica in cui TIRKS/GAT il sistema di ACL/RC = Automazione Centri di Lavoro/Registri di Centrale ACL/RR = Automazione Centri di Lavoro/Registri di Rete inventario (network inventory) CDN = Circuiti Diretti Numerici CPC = Cisco Provisioning Center delle risorse di rete nei conteDAI = Delivery Assistenza Impresa sti TDM, ATM/FR, xDSL. FEPS/SCS = Facility Equipment Planning System/Scheduling Coordination System GAT = Gestione Automatata Trasmissione Il sistema svolge in coopeGTW = GaTeWay razione con altri sistemi, IDNM/SP = Integrated Data Network Manager/Service Provisioning LIDO = Livello Integrato Dati Operazionali IDNM/SR (Integrated Data NSD = Network Service Delivery Network Manager/Ser vizi di OLBB = Ordini di Lavoro BroadBand OLO = Other Licensed Operator Rete) , IDNM/SP (Integrated SDH = Synchronous Digital Hierarchy SGF = Sistema di Gestione Flussi Data Network Manager/Service SIGRA/IT = Sistema Informativo GRAfico/Impianti Trasmissivi Provisioning), WRAP/WFM TLD = Telegestione Linee Dedicate TGU = Tele Gestione Utenza (Work Request Automatism TIRKS = Trunk Integrated Record Keeping System P r o d u c e r / Wo r k F o r c e ULL = Unbundling Local Loop WAD = Wholesale ADSL Datacom Management), DAI (Delivery WFM = Work Force Management Assistenza Impresa), CPC (Cisco WRAP = Work Request Automatism Producer xDSL = x Digital Subscriber Line Provisioning Center), SGF (Sistema Gestione Flussi), SGSDH-NM (Sistema Gestione Figura 1 Architettura sistemistica iniziale. SDH-Network Manager) e SIGRA/IT (Sistema Informativo WRAP/WFM: gestione degli operatori sociali; GRAfico/Impianti Trasmissivi) un ruolo centrale nel DAI: gestione degli operatori esterni (imprese); lambito del processo di service provisioning e network CPC: delivery automatico su apparati ADSL creation. ed ATM. In figura 1 mostrata la preesistente architettura sistemistica per i processi di service provisioning e di delivery nei contesti di risorse di rete sopra indicati. Nellambito dei servizi svolti nella rete PDH/SDH (CDN, Interconnessione, ) i sistemi In questarchitettura, nellambito dei servizi di provisioning cooperanti sono invece: xDSL gestiti (Alice, Smart, IBS, CVP, Wholesale, ) TIRKS/GAT: progettazione dei circuiti CDN; i sistemi di provisioning cooperanti sono: WRAP/WFM: gestione degli operatori sociali; TIRKS/GAT: progettazione dellaccesso su MUX DAI: gestione degli operatori esterni (imprese); ADSL (A point) e dei circuiti della CDN per laccesso dei CVP (Canale Virtuale Permanente); GATEWAY/SGF: delivery automatico sui apparati trasmissivi RED 4-4; IDNM/SR: progettazione per la consegna ATM GATEWAY/SGSDH-NM: delivery automatico (Z point); sugli apparati trasmissivi SDH. IDNM/SP: individuazione consegna ATM (Z Con questa architettura il processo di network point) per servizi IBS (InterBusiness Services) e creation gestito dai sistemi: gestione del livello IP;

66

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

SIGRA/IT: progettazione degli apparati presenti nelle sale di alta frequenza delle centrali trasmissive e gestione degli ordini (ISAF) di apparato; TIRKS/GAT: delivery degli ordini per la progettazione da attuare sugli apparati. I sistemi FEPS (Facility Equipment Planning System)/TIRKS e GAT gestiscono anche il provisioning infrastrutturale a fronte delle analisi delle esigenze legate al traffico da instradare in rete. 3. Linee guida per la gestione sistemistica La necessit sia di contenere i costi di gestione sistemistica e operativa sia di garantire volumi di ordini in continuo e progressivo aumento a costi decrescenti e sempre pi competitivi, ha permesso di individuare le linee guida per lo sviluppo della soluzione per la gestione. Nellambito della soluzione definita per contenerne i costi sono stati razionalizzati e reingegnerizzati i data base della rete abbandonando tutte le applicazioni caratterizzate da soluzioni tecnologiche obsolete e con alti costi di manutenzione. La presenza di un bus (TIBCO) di comunicazione e di un data layer comune, contenente le informazioni sulla consistenza dei servizi e delle risorse (logiche e fisiche) di rete, ha consentito daltra parte una condivisione di un modello informativo inter-dominio, neutrale rispetto alle singole tecnologie di rete e ha anche permesso di eliminare le interfacce dirette (peer-to-peer) presenti in precedenza. Nellambito della soluzione definita per contenere i costi operativi stato minimizzato il numero di sistemi e di basi dati differenti per la realizzazione del provisioning dei servizi; allo stesso tempo, stato massimizzato il livello di automatismo per migliorare i tempi di attraversamento della catena sistemistica. La razionalizzazione del data layer rappresenta, poi, il punto di partenza (tutti i sistemi sono, infatti, consistenti) per permettere di migliorare la qualit dei dati a vantaggio dei processi aziendali di fornitura dei servizi ai clienti (network creation, provisioning) e di supervisione dei servizi forniti (assurance, performance). Il progetto UNICA ha, infine, come obiettivo (mission) la riduzione delle basi dati per la gestione delle reti ad ununica base dati e del numero di sistemi di provisioning a un unico sistema, realizzando, in tal modo, il massimo livello di automazione. Il nome del progetto e lacronimo impiegato descrivono gli obiettivi perseguiti. 4. Processo di provisioning nella nuova piattaforma per la gestione della rete a larga banda Lo sviluppo della soluzione della piattaforma per il processo di provisioning dei servizi a larga

banda rappresenta lultima fase della realizzazione del progetto per la nuova piattaforma nellambito della rete dati (denominata BB2+)[2]. Nelle fasi precedenti sono stati implementati i processi di service assurance, di gestione dei cartellini di disservizio (Trouble Ticket Management), di controllo della qualit del servizio e di controllo del livello di saturazione delle risorse di rete (Network Capacity Planning). Gli sviluppi legati al processo di provisioning hanno tenuto conto dei sistemi di Telecom Italia che, attraverso una progressiva strategia di evoluzione delle loro funzionalit, potevano integrarsi nella nuova soluzione e, anche, della necessit di abbandonare sistemi con impostazione verticale attraverso sistemi phase oriented; ci ha dato luogo a un impatto sulloperativit corrente che stato necessario minimizzare. La soluzione ha, infatti, come obiettivo di: sostituire le attuali soluzioni verticali (ad esempio TIRKS/GAT, IDNM/SR, IDNM/SP ) con sistemi focalizzati sulle singole fasi del processo (phase oriented), in modo da garantire la massima flessibilit alle soluzioni necessarie per realizzare ciascuna fase; preservare gli investimenti in corso sui sistemi oggi in esercizio, fornendo una soluzione in grado di integrare i nuovi componenti nel contesto processivo esistente (ad esempio: NSD-OM, WRAP); garantire un impatto minimo sulloperativit mediante un elevato livello di automatismo, realizzando il principio delle ripartenze automatiche a due livelli - per sistema e per piattaforma nellambito della gestione degli errori (one botton restart); garantire tempi accettabili per la gestione di nuove offerte commerciali, gestendo lassociazione dinamica tra offerte commerciali e servizi realizzati in rete. La soluzione utilizza il solo sistema UNICA/D per realizzare tutte le attivit di provisioning xDSL con un automatismo completo per tutti i servizi gestiti dal livello ATM e con un automatismo quasi completo per il livello IP (sono, infatti, ancora necessarie attivit di assegnazione iniziale effettuate manualmente, ora non risolubili in maniera automatica). Questa soluzione consente di sostituire i quattro sistemi finora impiegati nella gestione (TIRKS, GAT, IDNM/SR, IDNM/SP) - tranne la componente CDN per i servizi CVP ancora gestita con TIRKS/GAT - e di spostare lanalisi delle attivit manuali (permute) per ogni servizio da GAT a WRAP, garantendo linserimento automatico delle richieste (work request) in questo sistema. La soluzione implementata permette di garantire sistemi dedicati per ogni singola fase del processo: UNICA , infatti, un sistema di solo provisioning e le altre funzionalit presenti sui sistemi sostituiti sono allocate nei sistemi deputati a svolgerle. Lintegrit del processo - in precedenza verticale - garantita mediante la gestione integrata della piattaforma, realizzata da una struttura orizzontale con sistemi cooperanti.

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

67

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

Si costituisce, cos, il primo nucleo del data layer in UNICA razionalizzando le (quattro) basi dati precedentemente separate. Sono, altres, preservati il mantenimento (NSD-OM) e la valorizzazione (WRAP) dei sistemi ora impiegati per il delivery. La presenza di un solo sistema di provisioning (UNICA) con un elevato livello di automatismo consente di ottenere unottimizzazione delle attivit operative e lestensione dellautomatismo anche alla gestione dei servizi non completati a causa di errori minimizza gli impatti operativi. Infatti, risolta su UNICA la condizione di errore (per la mancanza di porte sul MUX ADSL, per lindisponibilit di banda in accesso o sul livello ATM, per la mancanza di indirizzi IP, ), possibile riavviare il provisioning del servizio dal modulo JOE (Joint Operative Environment) di UNICA o attendere il riavvio automatico mediante il modulo SAM (Searching Automatic Module) sempre di UNICA da parte del sistema stesso (si veda il riquadro riportato in questa stessa pagina). A fronte di tale riavvio lintera piattaforma gestisce lordine automaticamente; questa impostazione comune a ogni sistema della piattaforma: in altre parole, ripristinato un ordine bloccato su un sistema della piattaforma (primo livello), la gestione riprende in modo completamente automatico (secondo livello) sullintera piattaforma (one botton restart). La presenza in UNICA di un catalogo di servizi (ser vice catalogue) consente di gestire dinamicamente lintroduzione di nuove offerte commerciali associando i nuovi servizi ai profili di servizio esi-

stenti. A fronte di una nuova offerta per tali profili - analoghi ai servizi gestiti in rete - si ampliano i tipi di risorse di rete, utilizzabili per la realizzazione dellofferta, oppure si definiscono nuovi profili che sono utilizzati dalla service automation di UNICA in modo da permettere la realizzazione del servizio in rete. Lelemento strategico di successo la corretta modellizzazione dei dati della rete, effettuata separando le offerte commerciali dai servizi gestiti in rete. Questimpostazione ha consentito per tutte le offerte commerciali che utilizzano solo la rete ATM (180 da ottobre del 2003), lutilizzo degli stessi passi operativi della service automation. La figura 2 mostra larchitettura sistemistica della piattaforma a larga banda per la componente di provisioning xDSL in esercizio da ottobre del 2003. La presenza del bus di comunicazione TIBCO consente di eliminare le interfacce dirette (peer-to-peer) e, anche, di utilizzare la funzione di diffusione multipla (broadcasting) per tutte le fasi del processo che possono essere svolte in parallelo, con una drastica riduzione dei tempi di attraversamento end to end nella catena sistemistica e operativa. Le prestazioni della piattaforma hanno consentito di gestire un numero medio di richieste commerciali pari a 6mila ordini al giorno con picchi di 10mila al giorno e con un numero di ordini elaborati, automaticamente, di 1300 allora in UNICA e 2200 ordini allora in CPC. La percentuale media di ordini non elaborati completamente in maniera auto-

Le principali funzioni disponibili sono:

U-BROTHERS: JOE & SAM


delle giacenze per analizzarne le cause; I moduli di UNICA JOE (Unique Network Inventor y Co-operating Automatisms Joint Operative Environment) e SAM (Searching Automatic Module) completano la componente di Service Automation. JOE lambiente utilizzato dagli operatori per lanalisi e il restart della giacenza; consente, infatti, lanalisi pesata della giacenza presente e il recupero senza alcun intervento manuale. Le principali funzioni disponibili sono: search: consente la ricerca con filtri diversi (TGU, TD, tipo di servizio, stato dellordine, data di inizio, data di fine e data di errore, RO, codice di errore, ) jump-find: per ogni ordine permette di saltare alla componente Web per lanalisi delle risorse da esso impegnate e comprendere gli interventi necessari per la rimozione delle cause di blocco; resubmit: consente il riavvio in modo manuale (anche multiplo) degli ordini con errori per il completamento automatico dellinstradamento.

search: verifica la disponibilit di rete (porte di apparato, canali di gruppo) e ricerca la giacenza (per tipologia di errore, centrali, ) relativa alle porte o ai canali disponibili; resubmit: riavvia automaticamente gli ordini individuati che hanno la pi alta probabilit di successo.

Gli U-BROTHERS offrono quindi i seguenti vantaggi: analisi delle giacenze per definire le azioni necessarie allattivazione (se urgenti) in un unico ambiente integrato (JOE); certezza di elaborazione automatica degli ordini bloccati per carenza di rete a fronte di incrementi in analogia con lautomatismo presente per gli ordini progettati con successo (SAM).

SAM un modulo non visibile agli operatori che effettua lanalisi congiunta degli incrementi giornalieri di rete e degli ordini errati per mancanza di risorse, e che riavvia automaticamente gli ordini con pi alta probabilit di successo.

68

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

matica (in errore) su UNICA del 5 per cento mentre su Service Provisioning CPC del 5 per cento (dati di xDSL Wholesale settembre 2003). Le aree di ulteriore Pitagora miglioramento della soluCRM (Special) zione in esercizio sono relative al processo di verifica e riconciliazione tra i dati presenti in rete e quelli disponibili nellarchivio di rete (processo di audit ) ed alla riduTIRKS zione dei tempi di ripristino Order CDN-CVP degli ordini bloccati. Manager In merito al processo di audit in esercizio un processo di allineamento dei GAT dati di UNICA tramite CPC TIBCO dalla rete, in modo da garantire il successo della realizzazione in rete (deliver y) di CPC del provisioning di UNICA. Questo processo ha CPC UNICA/D WRAP, WFM DAI decisamente migliorato la percentuale di successo del Configurazione Progettazione Mano dopera Mano dopera deliver y, ma sono in essere degli apparati & inventory sociale dell'impresa azioni tese a integrare completamente i due sistemi CDN/CVP = Circuiti Diretti Numerici - Canale Virtuale Permanente CPC = Cisco Provisioning Center UNICA e CPC per migliorare CRM = Customer Relationship Management e standardizzare le soluzioni DAI = Delivery Assistenza Impresa GAT = Gestione Automatata Trasmissione adottate con impatti indiretti TIRKS = Trunk Integrated Record Keeping System anche sullarchitettura della UNICA/D = Unique Network Inventory Co-operating Automatisms/Dati WFM = Work Force Management piattaforma per la compoWRAP = Work Request Automatism Producer nente di controllo di proxDSL = x Digital Subscriber Line cesso, denominato OM (Order Manager). Architettura sistemistica per il provisioning dellaccesso xDSL. Per ridurre i tempi rela- Figura 2 tivi agli ordini bloccati, occorre intervenire solo sugli strumenti di indagine disponibili agli analisti perdati ampliandolo sia in termini di nomenclatura ch la soluzione one botton restart e il ritardo (naming) sia di rappresentazione degli elementi dipende quindi solo dallindividuazione dei motivi comuni (il modello fisico diventer comune nella dellerrore. Sono stati, perci, gi realizzati diversi fase di integrazione dei dati delle varie reti), la interventi e altri sono in essere; tutti gli interventi logica dellambiente operativo integrato (JOE) e migliorativi sono il risultato della continua verifica lambiente Web di consultazione. In questo ambito in campo della soluzione adottata. UNICA ha preservato le rispettive specificit: in JOE lentit principale la domanda commerciale per la larga banda e il router per loutsourcing, lam5. Estensione della piattaforma di gestione biente Web (WebCustomer) per i clienti della rete dalle reti e dai servizi a larga banda alle outsourcing dedicato e configurabile in funzione reti outsourcing e Intranet delle loro diverse esigenze. La piattaforma di gestione delle reti outsourcing La piattaforma risultata essere una soluzione realizza i processi di service delivery, audit, service assuvalida anche per la gestione delle reti outsourcing e rance, trouble e di controllo della qualit del servizio. Intranet. Questa estensione ha creato i presupposti Il processo di service delivery prevede linseriper una gestione integrata delle reti presenti in mento manuale in UNICA solo dei dati non preTelecom Italia e ha fatto nascere la necessit di senti in rete degli apparati (anagrafica dei router) e standardizzare le soluzioni adottate per esportarle il completamento dei dati presenti in rete tramite in contesti diversi e di preservare solo le caratterila funzionalit discovery; tale funzionalit, attivata stiche specifiche non esportabili, gestendole nel dalla richiesta di presa in carico effettuata in medesimo ambiente. UNICA verso THOR (Topologic Hierarchic Object A titolo di esempio nellambito delle rete outRetriever), legge i dati in rete dallapparato sourcing e a larga banda, il sistema UNICA ha messo appena lo rileva. A valle della fase di discovery i dati a fattor comune: la base dati, il modello logico dei di apparato sono convalidati dagli altri sistemi:

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

69

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

NNM (Network Node Service Delivery LAYER CENTRALE Manager), DNS (Domain Customer network inventory Name Ser ver), CW2K (Cisco Fault management Works 2000) e CONCORD, della piattaforma e sono, poi, UNICA/D acquisiti da UNICA; sono, CIC successivamente, generati automaticamente in UNICA i collegamenti di interconnesTTM TIBCO sione tra i diversi apparati. Impact Il processo di audit , a Probe NNM Trouble ticket fronte di differenze in rete della consistenza del cliente LAYER PERIFERICO sia per apparati non noti (on demand update) sia per variaCW2K CONCORD THOR DNS NNM zione di dati su apparati gi (Smile) (Smile) (Smile) (Smile) (Smile) noti (network automatic update), evidenzia in UNICA Configuration Performance Status & Fault Fault management management configuration polling management management queste variazioni, per consentirne lacquisizione o il rifiuto da parte delloperatore; nel primo caso (presa in carico) si attiva il processo Network Cliente precedente (per apparati non noti). Il processo di service assurance [2] consente la gestione CIC = Cisco Information Center CW2K = Cisco Work 2000 completa - mediante i DNS = Domain Name Server sistemi CIC (Cisco Information NNM = Network Node Manager THOR = Topologic Hierarchic Object Retriever Center) e NNM - della superTIRKS = Trunk Integrated Record Keeping System visione (sur veillance) sui TTM = Trouble Ticket Management UNICA/D = Unique Network Inventory Co-operating Automatisms/Dati domini della rete dati in modo proattiva e reattiva in presenza di allarmi. Figura 3 Architettura sistemistica per la gestione delle reti outsourcing. Il processo di trouble permette di gestire in maniera integrata i guasti, TTM (Trouble Ticket Management) Label Switching) e, successivamente allattuazione sulla base dei reclami. dei servizi in rete, UNICA acquisisce via bus i dati Il processo di controllo della qualit del servizio [2] dinteresse. consente la verifica, mediante il sistema Il processo di audit, a fronte di differenze in rete CONCORD, della qualit fornita al cliente mediante della consistenza sia per apparati non noti sia per la raccolta e le elaborazioni delle misure di traffico e variazione di dati su apparati gi noti, consiste nel delle prestazioni (performance). mostrare in UNICA tali variazioni per consentirne La figura 3 mostra larchitettura sistemistica lacquisizione o il rifiuto da parte delloperatore; nel della piattaforma per la gestione delle reti outsourcaso di acquisizione (presa in carico) si attiva il procing in esercizio da ottobre del 2003. La presenza cesso di network creation. Il processo di audit predel bus di comunicazione TIBCO consente di elimivede anche la discovery dei servizi da parte di CPC nare le interfacce dirette (peer-to-peer) per una parte (Cisco Provisioning Center) con il riallineamento in dei sistemi presenti (linee continue sul bus). UNICA dei dati relativi ai servizi via bus. La piattaforma di gestione delle reti Intranet I processi di service assurance, trouble e di controllo realizza i processi di network creation, service delivery, della qualit del servizio sono gestiti analogamente audit, service assurance, trouble, controllo della quaallapplicazione outsourcing della piattaforma: con lit del servizio e network capacity planning. gli stessi sistemi, tranne che per la qualit del serIl processo di network creation prevede linserivizio che gestita con STM (Sodalia Traffic mento manuale in UNICA solo dei dati di anagrafica Manager) [2]. degli apparati (router) e il completamento degli altri Il processo di network capacity planning [2] condati previsti tramite discovery in rete; questa funziosente, mediante i sistemi STM, UNICA e DATInalit attivata dalla richiesta di presa in carico PLAN (DATI PLANning), lanalisi predittiva effettuata in UNICA verso THOR. A valle dellacmediante lutilizzo di indicatori di prestazioni quisizione dei dati in UNICA, CPC acquisisce dal (performance) e della informazioni (report) integrate; bus i dati di interesse. a valle di tale analisi sono fornite le esigenze infraIl processo di ser vice deliver y prevede linseristrutturali di sviluppo di nuovi elementi di rete mento manuale in CPC dei dati delle VPN (Virtual attraverso i sistemi DATIPLAN e ARES (Archivio Private Network) per i servizi MPLS (MultiProtocol REti Speciali).

70

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

La figura 4 presenta larchitettura sistemistica sostituzione e specificare i nuovi sistemi da insedella piattaforma per la gestione delle reti Intranet rire in piattaforma (si vedano i due riquadri riportati in esercizio da ottobre del 2003. La presenza del a pagina 72). bus di comunicazione TIBCO consente di eliminare Levoluzione della piattaforma in tali contesti ha le interfacce dirette (peer-topeer) per una parte dei sistemi; le linee sono, infatti, Service Delivery Provisioning Infrastrutturale continue sul bus. Customer network MPLS configuration Capacity planning Al momento (ottobre 2003) inventory il numero di apparati gestito DATIPLAN ARES link per la componente outsourcing CPC UNICA/D di 43mila router, mentre per LAYER CENTRALE la componente Intranet di LIDO Impact Performance & 9250 router. SLA management Fault In entrambe le applicamanagement zioni - outsourcing e Intranet TIBCO TTM STM della piattaforma di gestione CIC il ruolo del data base Trouble Ticket ancora una volta strategico Probe NNM per i processi gestiti. In LAYER PERIFERICO entrambi i casi stato utilizzato sempre UNICA come DNS THOR NNM COSMOS IDC (Smile) (Smile) (Smile) data layer per garantire, a Configuration Fault Configuration Status (liv. 3) Status polling (liv. 2) fronte dellallineamento con management management polling & event polling & measure collection i dati di rete, la diffusione dello stesso allineamento, as is tramite la piattaforma, a tutti to be Planet INFO41 i sistemi interessati. Intranet CRMx Lautomatismo non ancora completo in quanto debbono ARES = Archivio REti Speciali ancora essere effettuate CIC = Cisco Information Center CPC = Cisco Provisioning Center alcune operazioni di configuCRMx = Customer Relationship Management x razione manuale su alcuni DATIPLAN = DATI PLANing DNS = Domain Name Server sistemi (NNM, CW2K, ) e IDC = IPnet Data Collector giacch sono impiegate LIDO = Livello Integrato Dati Operazionali NNM = Network Node Manager interfacce dedicate per altri SLA = Service Level Agreement sistemi (TTM, DATITHOR = Topologic Hierarchic Object Retriever TTM = Trouble Ticket Management PLAN,). UNICA/D = Unique Network Inventory Co-operating Automatisms/Dati La principale area di miglioramento per entrambe le applicazioni della piat- Figura 4 Architettura sistemistica per la gestione delle reti Intranet. taforma riguarda la possibilit di rendere massimo lutilizzo del bus di comunicapreservato le linee guida definite sistemi phase zione tra i sistemi per sostituire le interfacce peer-tooriented e non verticali. Questattivit non ha richiepeer esistenti che richiedono riallineamenti dedicati. sto una traslazione (porting) in una nuova tecnologia delle funzionalit dei sistemi in oggetto, bens una6. Evoluzione della piattaforma di gestione deguata allocazione di queste prestazioni, relative verso le Reti PDH/SDH e la rete di accesso allintero insieme dei processi aziendali, nei diversi sistemi della piattaforma. Dopo aver verificato la flessibilit e ladattabilit della piattaforma di gestione in contesti di reti 6. 1 Progetto Oltre TIRKS diverse stato naturale estendere la stessa architettura ai contesti di rete di trasporto PDH e SDH e Le analisi effettuate hanno portato a una strateallaccesso con lobiettivo storico di sostituire con gia di sostituzione che si articola in quattro fasi: un unico data layer i sistemi TIRKS e GAT e isolare: tramite NSD effettuare lisolamento di ACL/RR, cio almeno trenta anni complessivi di stoTIRKS e GAT per ridurre il numero di sistemi ria degli archivi dei dati di rete (network inventory) interessati alle fasi successive; di Telecom Italia. sostituire: procedere alla sostituzione di TIRKS e GAT A tale scopo sono partiti due progetti paralleli tramite la componente T (Trasporto) di UNICA; denominati Oltre TIRKS ed Oltre RR con lo automatizzare: realizzare la componente di service scopo di analizzare la fattibilit delloperazione, di automation di UNICA/T per gli ordini relativi alla individuare per ogni ambito di rete la strategia di rete trasmissiva;

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

71

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

integrare: attuare lintegrazione di dati di tutte le componenti (T, D e RA) di UNICA per ottenere un unico data layer.

La figura 5 presenta larchitettura sistemistica della piattaforma per la fase isolare del progetto Oltre TIRKS in esercizio da ottobre di questanno.

Il progetto Oltre Tirks ha lo scopo di sostituire i sistemi TIRKS e GAT con un nuovo sistema chiamato UNICA (Unique Network Inventor y Co-operating Automatisms).

IL PROGETTO OLTRE TIRKS

sostituito TIRKS/GAT e IDNM/SR, per la gestione del provisioning della rete dati, e IDNM/SP, per la gestione della componente ATM (livello 2) e della componente IP (livello 3). La seconda componente - chiamata UNICA/TD - stata sviluppata per sostituire TIRKS e GAT per la gestione della rete di trasporto SDH e PDH nel contesto della Nuova Piattaforma Sistemistica.

Il progetto si salda con il progetto Nuova Piattaforma Sistemistica per la gestione della rete a larga banda (broadband) e costituisce la prima evoluzione verso tutte le reti gestite da Telecom Italia. La prima componente del progetto UNICA - chiamata UNICA/D - ha gi

Nella fase isolare, la piattaforma si estende con linserimento del sistema GATEWAY e con lampliamento delle funzionalit del sistema WRAP, entrambi collegati via TIBCO alla piattaforma. Il sistema GATEWAY gestisce il deliver y sia verso il sistema SGSDH/NM per la rete SDH, sia verso SGF per la rete a maglia degli apparati RED 4-4. Il sistema WRAP gestisce, in questa fase, anche le richieste di permuta e di collaudo per i servizi sulla rete trasmissiva SDH e PDH oltre che per i servizi xDSL. Per entrambi i sistemi la soluzione orientata a consentire di svolgere tutte le attivit, utilizzando

Nella fase sostituire si allocano le prestazioni di TIRKS e GAT (secondo le linee guida) su diversi sistemi; si introduce la componente T (Trasporto) del sistema UNICA per la gestione delle codifiche delle localit, per il provisioning dei servizi in rete SDH e PDH e per il provisioning delle esigenze infrastrutturali. Queste attivit erano gestite, prima della fase suddetta, rispettivamente da SARA/IDB-RE (Sistema Acquisizione Richiesta Anagrafica/Integrazione Data Base-REte), da TIRKS e dal modulo SCS (Scheduling Coordination System) di FEPS; SCS inoltrava anche la richiesta di incrementi delle infrastrutture, in base allanalisi dellesigenza; nella fase

IL PROGETTO OLTRE RR

Il progetto Oltre RR persegue lobiettivo della sostituzione dei sistemi ACL/RR, WebCAD, disegni di Rete e larchivio dellaccesso a larga banda ALBA con una nuova componente di UNICA chiamata UNICA/RA (Rete di Accesso).

Questo progetto costituisce unulteriore evoluzione verso tutte le reti gestite da Telecom Italia con il progetto Nuova Piattaforma Sistemistica per la gestione della rete a larga banda (broadband).

Andando oltre e ampliando il punto di vista anche alla gestione sistemistica della Rete di commutazione, previsto di realizzare successivamente la componente UNICA/RC per la gestione della Rete di commutazione, ultima fase pianificata per il progetto della nuova piattaforma sistemistica relativa alla gestione della reti di Telecom Italia.

solo i sistemi GATEWAY e WRAP e non pi GAT; in tal modo tali sistemi, interfacciati a TIBCO , non risentiranno del cambiamento nella fase di transizione durante linserimento di UNICA/T.

sostituire questo compito passa al sistema ART (Analisi della Rete di Trasporto) per la componente relativa alla rete di trasporto PDH o SDH e al sistema ARES per quella ATM.

72

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

Service Provisioning ULL Pitagora (special) xDSL CDN OLO Pitagora (classic) CDN

CRM

TLD

FEPS/SCS

TIRKS NSD

ACL/RR

GAT TIBCO

LIDO

GTW (SDH, SGF) Configurazione degli apparati

WRAP, WFM Mano dopera sociale

DAI Mano dopera dell'impresa

ACL/RR CDN CRM DAI FEPS/SCS GAT GTW LIDO NSD OLO SDH SGF TIRKS TLD ULL WFM WRAP xDSL

= = = = = = = = = = = = = = = = = =

Automazione Centri di Lavoro/Registri di Rete Circuiti Diretti Numerici Customer Relationship Management Delivery Assistenza Impresa Facility Equipment Planning System/Scheduling Coordination System Gestione Automatata Trasmissione GaTeWay Livello Integrato Dati Operazionali Network Service Delivery Other Licensed Operator Synchronous Digital Hierarchy Sistema di Gestione Flussi Trunk Integrated Record Keeping System Telegestione Linee Dedicate Unbundling Local Loop Work Force Management Work Request Automatism Producer x Digital Subscriber Line

La fase automatizzare massimizza il livello di automatismo del provisioning per migliorare i tempi di attraversamento della catena sistemistica (linee guida). Questa fase richiede solo la realizzazione della service automation in UNICA/T poich la piattaforma gi automatizzata per le altre componenti. La service automation prevista in due fasi: la prima richiede linserimento manuale del rilegamento dutente (local loop) ; la seconda consente lindividuazione automatica del percorso dacceso, utilizzando lintegrazione tra le componenti della rete di accesso RA e del trasporto T (fase integrazione). Il criterio seguito per lautomazione della componente T descritto al punto successivo. Lultima fase integrare, del progetto Oltre TIRKS , mettendo assieme le componenti del data layer (T e RA di UNICA), riduce al massimo i disallineamenti oggi presenti tra GAT ed ACL/RR sui percorsi di accesso. La disponibilit del data layer consente di realizzare linstradamento sul doppino di abbonato direttamente in fase di provisioning e non durante la realizzazione (delivery) ; il completamento dellinstradamento nella fase successiva al provisioning , al momento, la principale causa di disallineamento tra i dati. 6.2 Progetto Oltre RR

Figura 5

Architettura sistemistica della fase isolare per il progetto Oltre TIRKS.

Le attivit di controllo del processo (order tracking) svolte dal modulo GOC (Generic Order Control) di TIRKS, nella fase sostituire, sono trasferite al sistema OM (Order Manager). Le attivit di assurance, relative allanalisi della situazione in rete, mediante i dati forniti dal sistema GAT, sono allocate sul sistema LIDO (Livello Integrato Dati Operazionali) nel modulo LTR (Lido Transport Report). Le attivit di network creation di apparati e raccordi sono svolte da SIGRA/IT e WRAP (in precedenza erano effettuate da SIGRA/IT e TIRKS/GAT) con lacquisizione via bus in UNICA/T dei dati di interesse: le attivit realizzative per apparati e raccordi sono, quindi, attuate mediante linvio al sistema WRAP delle relative richieste (work request). Per quanto riguarda la piattaforma di gestione, come mostra la figura 6, nella fase sostituire sono inseriti i sistemi: ART, ARES, LIDO e SIGRA/IT e sono ampliate le attivit del sistema WRAP . La figura 6 mostra larchitettura sistemistica della piattaforma per la fase del progetto Oltre TIRKS.

Le analisi effettuate hanno determinato una strategia di sostituzione - analoga a quella del progetto Oltre Tirks - che si articola in tre fasi: isolare - realizza, tramite lallocazione su LIDO, lisolamento di tutti i sistemi che utilizzano i dati di ACL/RR (ad esempio BDA , MK-Utenza , Toscanini , ACL-PS ) per ridurre il numero di sistemi interessati alle fasi successive; sostituire e automatizzare - procedere alla sostituzione di ACL-RR e di ALBA (Archivio Larga BAnda) tramite la componente RA di UNICA e realizzare la componente di service automation di UNICA/RA per la progettazione degli ordini relativi alla fonia e allULL (Unbundling Local Loop); integrare - realizzare lintegrazione con la componente T di UNICA in modo da completare la componente di service automation per gli ordini del trasporto comprensivi della terminazione dutente (local loop). La fase isolare non utilizza la piattaforma, ma, ereditandone il principio phase oriented, alloca sul sistema deputato LIDO (Livello Integrato Dati Operazionali) laccesso ai dati di ACL/RR da parte dei sistemi client. Tutti gli altri processi aziendali

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

73

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

per attivit quali, ad esempio, cambi coppia, gestione dei guasti, consultazione del numero telefonico. Nella fase sostituire il processo di realizzazione della rete esterna (outdoor network creation) gestito dalla componente grafica di UNICA/RA ed reso disponibile alla componente alfanumerica quando il progetto Provisioning Service passa in consistenza; , cos, Infrastrutturale Provisioning possibile completare il progetto con i dati di dettaglio ULL xDSL CDN OLO CDN Link trasmissivi alfanumerici. Pitagora Pitagora Lintegrazione tra i dati CRM TLD ART (Special) (Classic) grafici e quelli alfanumerici Link BB nel data layer riduce al massimo i disallineamenti ora ARES SCF presenti nei sistemi Disegno Rete e ACL/RR. Order Apparati Nellambito della piatTIBCO Manager taforma di gestione (figura 7) SIGRA/IT nella fase sostituire e automatizzare si inseriscono: il modulo integratore (per TGU), il modulo gateway (per GTW ACL/RC ) e il sistema UNICA/TD CPC WRAP, WFM DAI LIDO (SDH, SGF) UNICA/RA, e si ampliano allo stesso tempo le attivit Configurazione Progettazione Configurazione Mano dopera Mano dopera Reportistica degli apparati ed inventory degli apparati sociale dell'impresa dei sistemi: CRM, NSD, WRAP, DAI e LIDO. La figura 7 presenta larARES = Archivio REti Speciali chitettura sistemistica della ART = Analisi Rete di Trasporto piattaforma per la fase sostiBB = BroadBand CDN = Circuiti Diretti Numerici tuire e automatizzare del proCPC = Cisco Provisioning Center getto Oltre RR . La figura CRM = Customer Relationship Management DAI = Delivery Assistenza Impresa mette in evidenza che il processo GTW = GaTeWay LIDO = Livello Integrato Dati Operazionali di provisioning per la fonia OLO = Other Licensed Operator gestito completamente dalla piatSDH = Synchronous Digital Hierarchy SGF = Sistema di Gestione Flussi taforma (CRM, integratore, SIGRA/IT = Sistema Informativo GRAfico/Impianti Trasmissivi UNICA/RA, gateway), mentre il TLD = Telegestione Linee Dedicate ULL = Unbundling Local Loop processo di delivery parzialWFM = Work Force Management mente gestito (solo per la compoWRAP = Work Request Automatism Producer UNICA/TD = Unique Network Inventory Co-operating Automatisms/Trasporto e Dati nente relativa ai sistemi WRAP, xDSL = x Digital Subscriber Line designer, DAI, NSD, CRM). Lultima fase, integrare, Figura 6 Architettura sistemistica della fase sostituire per il progetto Oltre TIRKS. del progetto Oltre RR contestuale alla medesima fase del progetto Oltre la componente accesso (UNICA/RA); su questo TIRKS e descritta al punto precedente. sistema si completano i dati di progettazione (attestazione coppie, attributi di protezione, ), si effettua il provisioning dei servizi di fonia e ULL in 7. La soluzione UNICA sinergia con ACL/RC ed il provisioning dei servizi HFC. Queste stesse attivit erano finora gestite, Nellambito della definizione della piattaforma, rispettivamente da: Disegno Rete e ACL/RR; ACL/RR lesigenza di un data base flessibile e aperto verso e ACL/RC; ALBA. tutti i componenti della piattaforma e di un modulo Nella fase sostituire le attivit di assurance, relaconfigurabile per la realizzazione della service automative allanalisi della situazione in rete mediante i tion hanno di fatto definito la soluzione UNICA. rendiconti (report) forniti dal sistema ACL/RR, sono In questo caso occorreva realizzare un archivio di allocate sul sistema LIDO nel modulo LAR (Lido rete (network inventory) dotato di un modulo di proAccess Report), sulla componente grafica di gettazione automatico, attivabile mediante richieste UNICA/RA per una migliore usufruibilit delle commerciali interne o esterne, che potesse costiinformazioni immagazzinate (ad esempio per manutuire anche un supporto alla progettazione manuale fatti e tubazioni) e sul sistema NavWeb impiegato (human-system oriented). Il modulo doveva seguire restano inalterati. La fase in esercizio da ottobre di questanno. Nella fase sostituire e automatizzare si allocano le funzionalit di ACL/RR e di ALBA su sistemi ad esse demandati. Si realizza un unico data layer per

74

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

gner) e le funzioni di upload (non presenti in figura) delle Fonia Fonia non migrata regole da seguire nellattraULL versamento della rete (rouLIDO ting rules), fornite dai sistemi TGU Pitagora CRM ACL/IA di pianificazione. (Integratore) (Special) Mano dopera Sono eseguiti manualdellimpresa mente laggiornamento delle regole di routing e la DAI configurazione dei nuovi SOC/F NSD servizi e delle regole di proTIBCO Mano dopera visioning. sociale In UNICA, a fronte di una Process SCF controller richiesta commerciale, si WRAP/WFM innesca il processo di service automation (descritto nel Piano lavori riquadro di pagina 76): a (Gateway) UNICA/RA UNICA/TD ACL/RC seguito dellordinativo il DESIGNER modulo di UNICA designer Progettazione Progettazione Configurazione del ed inventory ed inventory memorizza la domanda comnumero telefonico accesso trasporto/dati merciale nel service inventory, in funzione del tipo di ordine e del tipo di richiesta ACL/IA = Automazione Centri di Lavoro/Impianti Abbonato (attivazione, cessazione, .); ACL/RC = Automazione Centri di Lavoro/Registri di Centrale CRM = Customer Relationship Management individua dal service catalogue DAI = Delivery Assistenza Impresa le azioni da compiere per LIDO = Livello Integrato Dati Operazionali NSD = Network Service Delivery evadere la richiesta; legge le SCF = Sistema Controllo Flussi SOC/F = Service Order Control/Fonia regole di provisioning e di rouTGU = Tele Gestione Utenza ting e assegna, infine, le risorse UNICA/RA = Unique Network Inventory Co-operating Automatisms/Rete di Accesso UNICA/TD = Unique Network Inventory Co-operating Automatisms/Trasporto e Dati logiche e fisiche presenti nella ULL = Unbundling Local Loop base dati (resource inventory). WFM = Work Force Management WRAP = Work Request Automatism Producer La logica implementata prevede che a ogni offerta commerciale associato un Figura 7 Architettura sistemistica del progetto Oltre ACL/RR. profilo di servizio. Ogni azione da compiere per ciascun profilo di servizio rapregole configurabili in funzione dei tipi di servizio presenta un singolo passo (work flow) del flusso prerichiesti. visto. Ogni passo composto da logiche elaborative Nella figura 8 sono mostrati i moduli della solue da accessi ai dati (xflow). zione UNICA implementati per realizzare tali requisiti. Il data base composto dalla componente delle Service Configuration Service Provisioning risorse fisiche e logiche Environment Environment (resource inventor y), dalla componente per accogliere la richiesta commerciale (serRouting Provisioning vice inventory), dalla comporules rules nente di modellizzazione del servizio (ser vice catalogue), dalla componente di definizione delle regole di instraService Service Resource damento (provisioning rules) e catalogue inventory inventory dei nodi di attraversamento Order Type predisposti per ciascuna tec Action Type nologia di rete (routing rules). Flow Through Le prestazioni disponibili sono le funzioni per configurare il catalogo servizi e le regole di progettazione (creator) ; le funzioni per effetFigura 8 Componenti della soluzione UNICA. tuare la progettazione a fronte di una richiesta (desiService Provisioning Reportistica

D E SIG N ER

CRE ATO R

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

75

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

PROGETTAZIONE
DI UN SERVIZIO

UTENTE-UTENTE
Un esempio di service automation integrata tra UNICA/TD e RA
A

UNICA/RA

UNICA/T

UNICA/RA Z

Percorso accesso (Local Loop) Sede cliente A (Centrale di attestazione)

RETE TRASMISSIVA

Percorso accesso (Local Loop) Sede cliente Z (Centrale di attestazione)

UNICA/RA = Unique Network Inventory Co-operating Automatism/Rete di Accesso UNICA/T = Unique Network Inventory Co-operating Automatism/Trasporto

Inserimento in UNICA della richiesta di servizio (fornita da Order Manager). Attivazione della richiesta a UNICA/RA del percorso di accesso in A-A/Z-Z sulla base dellindirizzo e del civico e associazione al servizio. In assenza del percorso di accesso, inserimento di esso in UNICA/RA. Attivazione del processo di autorouting di UNICA/TD per la ricerca dei percorsi possibili tra A e Z (forniti da RA) e presentazione della lista alloperatore. Scelta delloperatore del percorso idoneo. Attivazione in UNICA/TD del controllo di continuit elettrica, presentazione della lista dei raccordi da selezionare e segnalazione della mancanza di continuit elettrica Scelta delloperatore dei raccordi idonei e inserimento da SIGRA/IT degli eventuali raccordi mancanti.

Figura A

Servizio utente-utente.

Attivazione in UNICA/TD del controllo di continuit elettrica e iterazione delle attivit 6) e 7) fino alla completa continuit elettrica.

Distribuzione verso i sistemi della catena di provisioning. Nella tabella A sono riportate le tipologie dei servizi gestiti nella rete di trasporto.

Tipologia di servizio OLO1 - OLO1 OLO1 - OLO2 Utente - OLO1 Utente - Utente Interconnessione RPVD Punto-multipunto/ Punto-punto Infrastrutturali

Sistema mittente Pitagora Pitagora Pitagora Pitagora TLD TLD


(V<64 kbit/s no START) (V<64 kbit/s START)

Fattibilit X X X X X X

Attivit Cliente

Passi Tutti tranne 2 e 3

X X

Tutti Tutti Tutti tranne 2 e 3

X X

Tutti Tutti tranne 2 e 3 Tutti tranne 2 e 3 Tutti tranne 2 e 3

TLD (V<64 kbit/s no START) TLD (V<64 kbit/s START) ART/ARES

ARES ART OLO RPVD TLD

= = = = =

Archivio REti Speciali Analisi Rete di Trasporto Other Licensed Operator Reti Private Virtuali Dati Telegestione Linee Dedicate

Tabella A

Matrice di sintesi del flusso di service automation, integrata tra UNICA/TD e RA.

Oltre allintroduzione della flessibilit allinterno della service automation, un altro elemento strategico della soluzione la modellizzazione dei dati relativi alla rete gestita. La scelta nella modellizzazione delle risorse logiche e dei servizi stata orientata verso la separazione delle offerte commerciali dalla predisposizione del servizio in rete. Infatti, questultima implementazione ha pilotato la modellizzazione delle risorse logiche che rappresentano le componenti realizzate in rete a fronte di un determinato tipo di servizio: la modellizzazione dei servizi stata guidata dalle offerte commerciali.

Quella delle risorse fisiche stata guidata dalla network creation. A fronte di n servizi sono stati cos realizzati m profili (con m<n) realizzando il primo livello di flessibilit (il profilo corrisponde al servizio in rete). A fronte di un profilo sono stati individuati i vari passi (work flow e xflow) dipendenti dalla modellizzazione delle risorse logiche (servizio in rete). I passi prevedono la valorizzazione on demand dei parametri necessari alla realizzazione del servizio (secondo livello di flessibilit); in tal modo il numero dei passi da implementare molto inferiore

76

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

rispetto a quello dei profili o dei servizi in rete. Se, ad esempio, pi servizi richiedono un accesso ad apparati diversi, impostando in base alla richiesta i valori relativi al tipo di apparato, alla porta e alla caratteristica (facility) di accesso, si effettua un solo passo, invece, di eseguire pi passi dedicati al tipo di servizio richiesto. La scelta nella modellizzazione rende il data layer costituito da due parti fisicamente distinte ma integrate: una copre le funzioni di service e catalog inventory; laltra soddisfa le esigenze di resource inventory. Si riduce, cos, limpatto conseguente alle nuove esigenze di modello legate ad altre tipologie di rete e si ottiene la flessibilit necessaria per rendere la soluzione UNICA esportabile in differenti contesti di rete: larga banda, TDM (includendo la componente in rame della rete di accesso), il trasporto SDH e DWDM, lIntranet, loutsourcing. Per garantire la condivisione del modello informativo, la soluzione UNICA ha sfruttato in tutte le applicazioni della piattaforma in esercizio ( larga banda, Intranet e outsourcing ) le potenzialit del middleware TIBCO per la comunicazione fra gli applicativi, per la transcodifica di formato fra i dati e, anche, per lallineamento reciproco dei data base locali e di quelli del data layer a fronte di operazioni di aggiornamento. Il meccanismo di allineamento via bus nel processo di audit stato lelemento fondamentale per migliorare la qualit dei dati presenti in UNICA; il processo di audit, sia per richieste puntuali sia per campagne di verifica, consente, infatti, di mantenere allineati i dati del data layer con quelli presenti in rete, in modo da ottenere e mantenere unelevata qualit dei dati immagazzinati. Il prodotto di mercato utilizzato per la realizzazione del progetto UNICA il prodotto XPERCOM di Granite Systems. Esso descrive la rete di telecomunicazione (nodi e collegamenti) mediante sei classi di oggetti (siti, apparati, segmenti, collegamenti, cavi, clienti) e consente le opportune personalizzazioni mediante lintroduzione di attributi on line (user defined attributes) o la caratterizzazione di oggetti (user defined classes) gi predisposti; nel data base sono presenti pochi vincoli ed essi sono indipendenti dalle applicazioni (data base aperta e flessibile). XPERCOM (versione Xng ) nella soluzione UNICA ha fornito il data base e le funzionalit necessarie per la gestione (componente client) e per la consultazione Web (XngWeb). Per raggiungere gli obiettivi assegnati a UNICA il prodotto XPERCOM stato arricchito da moduli: JOE , SAM e WebCustomer (indicati precedentemente). Linsieme di queste componenti rappresenta la soluzione UNICA per il provisioning delle reti di Telecom Italia nellambito della nuova piattaforma di gestione. La soluzione UNICA , anche disponendo di unambiente Web-based nativo (XngWeb), non ne prevede lutilizzo come ambiente di data query & reporting della piattaforma perch le funzionalit di accesso di navigazione e di reporting di questo

ambiente sono utilizzate solo nellambito delle attivit di provisioning (in accordo con il principio phase oriented), mentre lambiente di operational data storage della piattaforma esterno al data layer ed individuato nel sistema LIDO. Il sistema alimentato mediante il bus TIBCO con i dati presenti nel data layer ed utilizzato da tutte le funzioni aziendali che hanno necessit di informazioni relative ai servizi ed alle risorse disponibili in rete. 8. Evoluzioni future Oltre alle aree di miglioramento gi analizzate, sono allo studio altre evoluzioni della piattaforma, orientate a due linee di potenziale sviluppo: estensioni ad altri domini o contesti e, in secondo luogo, spinta verso la massima integrazione tra le varie istanze presenti. Il data layer eredita queste evoluzioni e aggiunge a queste esigenze lestensione dellobiettivo della qualit dei dati in tutte le applicazioni della piattaforma. La soluzione di piattaforma si presta sia a possibili estensioni ad altri domini di rete e sia - per la sua portabilit - a contesti simili extranazionali. Per quanto riguarda altri campi di gestione stato deciso di portare nel contesto di piattaforma il dominio di commutazione. Sar, perci, necessario (linee guida) allocare nellambito della piattaforma le funzionalit oggi realizzate con la catena sistemistica in esercizio e, in particolare, con il sistema ACL/RC previsto per la gestione della rete di commutazione. Il sistema, che sostituir lattuale archivio della rete di commutazione ACL/RC e le relative caratteristiche di gestione, sempre in una logica phase oriented, sar UNICA/RC. Il data layer si completa, quindi, con lintegrazione della rete di commutazione con le altre componenti (TD e RA) concludendo cos lattivit di innovazione degli archivi di rete, che costituisce un altro obiettivo della piattaforma, mediante la soluzione UNICA. In merito allestensione in contesti extranazionali, stato avviato ladattamento della piattaforma nellambito del progetto operatore europeo per la Francia (dove gi operativo), per lOlanda e la Germania per la gestione della rete di commutazione, per la rete a larga banda e per il trasporto e per i servizi di fonia e di larga banda. I processi gestiti sono quelli di commercializzazione, delivery, assurance e creation; il data layer utilizzato UNICA. Un altro obiettivo riguarda lopportunit di rendere massimo il livello di integrazione per le differenti applicazioni (outsourcing, Intranet, larga banda, trasporto, accesso, commutazione) della piattaforma in modo da evitare di dover riaffrontare le problematiche risolte nellambito di una singola applicazione nel caso di processi operativi trasversali a pi applicazioni. Occorre, infatti, superare lattuale limite delle applicazioni isolate (stand alone). Richieste in tal senso sono gi evidenti: lintegrazione, ad esempio, per la componente di provisioning tra le applicazioni della piattaforma outsour-

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

77

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

cing e quella per la larga banda, al fine di garantire un processo di fornitura del servizio per i clienti outsourcing completamente integrato e monitorabile da estremo a estremo (end-to-end). Questa richiesta comporta lintegrazione nel data layer dei dati presenti, rafforzando ancora di pi lesigenza di uno strato dati unico per le reti gestite. Le attuali soluzioni (ottobre del 2003) richiedono allineamenti opportuni e dedicati per i dati relativi alle diverse applicazioni della piattaforma. perci necessario superare questo limite, cio passare da applicazioni isolate della piattaforma a una loro integrazione a spirale. In questo modo sono messe a fattor comune tutte le componenti delle diverse applicazioni (nucleo) e sono preservate le singole specificit (bracci) non integrabili. In merito allobiettivo della qualit dei dati - lelemento centrale per il data layer e per la piattaforma - sar necessario estendere il processo di audit alle nuove applicazioni, utilizzando i prodotti di mercato COTS (Commercial Off The Shelf) che, effettuando discovery di rete, consentano di mettere in evidenza le differenze esistenti tra il contenuto dellarchivio di rete e la reale situazione presente in rete. Sar, infatti, possibile avere evidenza ed effettuare gli interventi di bonifica necessari al mantenimento della qualit dei dati. 9. Conclusioni Un tema pi volte dibattuto riguarda la necessit di innovare le soluzioni tecnologiche impiegate nellarchitettura sistemistica di supporto ai processi di provisioning, delivery, assurance e creation. Dopo la completa diffusione di TIRKS , in Telecom Italia si pose la necessitdi far evolvere tecnologicamente le logiche innovative di processo integrate, acquisite con questo sistema. Furono fatti alcuni tentativi ( ALBA nellambito della nuova piattaforma di rete per la gestione del progetto per laccesso Socrate (1995-96); ALBA nellambito del progetto architetturale operativo per la gestione delle reti per il trasporto SDH e PDH (1998). Erano, infatti, gi chiare le esigenze di dover andare oltre per fronteggiare le necessit future, ma quelle soluzioni visionarie (secondo laccezione positiva corrente di tale termine) non trovarono il consenso necessario. Nel 2001 la piattaforma di gestione per la larga banda ha raccolto, come obiettivo iniziale, quel patrimonio di idee, consolidato nel tempo, applicandolo nel nuovo contesto di rete e ha rappresentato il punto di partenza per estendere la soluzione ai contesti di rete in cui tali idee erano inizialmente maturate. Oggi diffusa la convinzione che sistemi tecnologicamente avanzati, uniti a un elevato tasso di automatismo delle catene sistemistiche e allutilizzo di piattaforme integrate, consentano di ottimizzare il processo produttivo. I fattori fondamentali di successo per questo obiettivo sono lintegrazione dei dati tra i processi aziendali e la qualit dei dati.

Questi ultimi fattori - lintegrazione e la qualit dei dati - rappresentano quotidianamente un obiettivo fondamentale, necessario per il raggiungimento degli obiettivi di business nellambito di ogni processo operativo. Conoscere sia la consistenza della rete per stimare il patrimonio aziendale, sia il livello di saturazione della rete per fare interventi di ampliamenti mirati a tener bassi i costi di investimento, sia anche i percorsi liberi in rete per far ribaltamenti in caso di guasto, sono solo tre esempi per i quali necessario avere a disposizione i dati in tempo reale. Nondimeno fondamentale assicurare un elevato livello di qualit dei dati per evitare analisi e conclusioni imprecise. Numerose sono state le campagne di bonifica delle banche dati aziendali con costi non trascurabili; tuttavia, la qualit dei dati progressivamente degradata nel tempo. stato, quindi, necessario avviare campagne periodiche di aggiornamento con i relativi costi. Nellambito della piattaforma la soluzione a questo problema il processo di audit della rete mediante prodotti che consentano di effettuare campagne di monitoraggio o rilevamenti puntuali e che, al tempo stesso, aggiornino il data layer a fronte di modifiche della rete, dando evidenza agli operatori delle differenze via via rilevate. La nuova piattaforma di gestione ha gi raggiunto per la rete a larga banda, outsourcing e Intranet gli obiettivi sia di integrazione dei dati tra processi sia della qualit dei dati. Con essa si avviata lazione per raggiungerli nei restanti contesti di rete e per mantenere sotto costante osservazione la qualit dei dati in modo da evitarne qualunque degrado nel tempo.

[1] Orlando, S.; Dragoni, L.; Bagnasco, E.: Evoluzione architetturale e tecnologica degli OSS . Notiziario Tecnico Telecom Italia, Anno 11, n. 2, settembre 2002, pp. 75-84. [2] Orlando, S.; Iorio, N.; Pietropaolo, R.; Pinnola, A.; Versini, R.: Gestione delle reti e dei ser vizi broadband . Notiziario Tecnico Telecom Italia, Anno 11, n. 2, settembre 2002, pp. 85-102.

78

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

Castaldo - Iorio Telecom Italia punta a UNICA - Un solo data base per la gestione della Rete.

ACL/IA

Automazione Centri di Lavoro/ Impianti Abbonato ACL/PS Automazione Centri di Lavoro/ Prodotti e Servizi ACL/RC Automazione Centri di Lavoro/ Registri di Centrale ACL/RR Automazione Centri di Lavoro/ Registri di Rete ALBA Archivio Larga BAnda ARES Archivio REti Speciali ART Analisi Rete di Trasporto ATM Asynchronous Transfer Mode BB BroadBand BDA Base Dati Aziendale CDN Circuiti Diretti Numerici CDN-CVP Circuiti Diretti Numerici per Canale Virtuale Permanente CIC Cisco Information Center COTS Commercial Off The Shelf CPC Cisco Provisioning Center CRM Customer Relationship Management CRMx Customer Relationship Management x CVP Canale Virtuale Permanente CW2K Cisco Works 2000 DAI Delivery Assistenza Impresa DATIPLAN DATI PLANning DNS Domain Name Server DWDM Dense Wavelenght Division Multiplexer FEPS/SCS Facility Equipment Planning System/ Scheduling Coordination System GAT Gestione Automatata Trasmissione GOC Generic Order Control GTW GaTeWay HFC Hybrid Fiber Coax IBS InterBusiness Services IDB/RE Integrazione Data Base/REte IDC IPnet Data Collector IDNM/SP Integrated Data Network Manager/ Service Provisioning IDNM/SR Integrated Data Network Manager/ Servizi di Rete IP Internet Protocol JOE Joint Operative Environment LAR Lido Access Report LIDO Livello Integrato Dati Operazionali LTR Lido Transport Report MPLS MultiProtocol Label Switching NNM Network Node Manager NSD Network Service Delivery OLBB Ordini di Lavoro BroadBand OLO Other Licensed Operator OM Order Manager PDH Plesynchronous Digital Hierarchy RA Rete di Accesso RPVD Reti Private Virtuali Dati SAM Searching Automatic Module SARA Sistema Acquisizione Richiesta Anagrafica

SCF Sistema Controllo Flussi SCS Scheduling Coordination System SDH Synchronous Digital Hierarchy SGF Sistema di Gestione Flussi SGSDH/NMSistema di Gestione SDH/Network Manager SIGRA/IT Sistema Informativo GRAfico/ Impianti Trasmissivi SOC/F Service Order Control/Fonia SLA Service Level Agreement STM Sodalia Traffic Manager T Trasporto TD Trasmissione Dati TLD Telegestione Linee Dedicate TDM Time Division Multiplexer TGU Tele Gestione Utenza THOR Topologic Hierarchic Object Retriever TIRKS Trunk Integrated Record Keeping System TTM Trouble Ticket Management ULL Unbundling Local Loop UNICA/D Unique Network Inventory Co-operating Automatisms/Dati UNICA/RA UNICA/Rete di Accesso UNICA/RC UINCA/Rete di Commutazione UNICA/TD UNICA/Trasporto e Dati VPN Virtual Private Network WAD Wholesale ADSL Datacom WFM Work Force Management WRAP Work Request Automatism Producer xDSL x Digital Subscriber Line

Domenico Castaldo si laureato nel 1988 in Fisica presso lUniversit di Napoli. Nel 1989 ha iniziato la sua attivit in Telesoft (oggi Telecom Italia Information Techonology). In questa societ si occupato di data base per le reti di telecomunicazione e di sistemi di provisioning di Telecom Italia, sia per progetti nazionali (introduzione e diffusione di TIRKS, creazione del sistema ALBA nellambito della rete Socrate) sia internazionali (ARDER per le partecipate Retevision e Auna in Spagna). Dal 2000 opera nellambito dei Sistemi della Rete di Telecom Italia, dove ha assunto il ruolo di responsabile dello sviluppo dei sistemi di Service Provisioning delle reti PDH e SDH e ha curato la definizione dellarchitettura sistemistica per la componente di service provisioning e base dati della nuova piattaforma. In tale ambito ha ideato la soluzione UNICA per il superamento progressivo dei network inventory; ora responsabile anche del sistema UNICA di Service provisioning della rete Dati e cura lestensione della nuova piattaforma di gestione al contesto dei Servizi PDH/SDH.

Nicola Iorio si laureato in Ingegneria Elettronica presso il Politecnico di Torino. Ha iniziato la sua attivit presso lo CSELT (oggi Telecom Italia Lab) occupandosi della gestione della rete e partecipando agli organismi di standardizzazione in ambito ITU, ISO e TeleManagement Forum. poi passato a operare nellambito dei Sistemi della Rete di Telecom Italia, dove ha ricoperto la responsabilit della Funzione Data Administration e successivamente Sistemi di Delivery e Wholesale. Dalla fine del 1997 allinizio del 2000 ha operato per Telecom Italia allo start-up di Retevision in Spagna, come coordinatore dei Sistemi di Gestione di Rete. Oggi responsabile della Funzione Service & Network Provisioning & Delivery di Telecom Italia Information Technology.

NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA - Anno 12 n. 1 - Dicembre 2003

79