Sei sulla pagina 1di 13

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni:


1. y =

16 x2 ;

2. y = e x2 +4 +

x2 + x + 1 ;

3. y =

10x2 ; x3 4x2 +3x

4. y = ln[1 cos(x)].

Esercizio 2. Determinare il dominio e studiare il segno, determinando le


intersezioni con gli assi coordinati, delle seguenti funzioni: 1. y =
x2 +6x+5 ; x2 +4x

2. y = log2 (4x2 3x).

Valutazione esercizi: 1-x [1,5 punti]; 2-x [2 punti]


1

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 2]


Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni:
1. y = e
3 x+1

2. y =

10 ; x3 +12x

1 3. y = e x1 + cos( x);

4. y = ln(x2 + x + 6).

Esercizio 2. Determinare il dominio e studiare il segno, determinando le


intersezioni con gli assi coordinati, delle seguenti funzioni: 1. y =
x2 ; x2 4x21

2. y = e x2 +1 + x2 .

Valutazione esercizi: 1-x [1,5 punti]; 2-x [2 punti]


2

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 3]


Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni:
1. y =
1 10x

x2 + 7x + 12;

2. y = log4 (15x2 2x + 13);

3. y =

x+2 ; 2x3 4x2

4. y = sin(x4 ).

Esercizio 2. Determinare il dominio e studiare il segno, determinando le


intersezioni con gli assi coordinati, delle seguenti funzioni: 1. y = ex2 4 1;

2. y =

x+4 . x11

Valutazione esercizi: 1-x [1,5 punti]; 2-x [2 punti]


3

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 4]


Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni:
1. y =
2x ; 3x2 4x+1

2. y = 2cos(x) +

6x + 5;

3. y =

sin(x2 ) + 2;

4. y =

1 . ln(x+2)

Esercizio 2. Determinare il dominio e studiare il segno, determinando le


intersezioni con gli assi coordinati, delle seguenti funzioni: 1. y = ex 4x2 3x 1;

2. y = log 1 (7 x).
2

Valutazione esercizi: 1-x [1,5 punti]; 2-x [2 punti]


4

Soluzione degli esercizi


Parte I

Correzione Compito [1]


Esercizio 1.
1. Il dominio D della funzione y = 16 x2 si determina imponendo la condizione di esistenza della radice quadrata, dal momento che non vi sono altre operazioni non lecite sui reali: 16 x2 0 = x2 16 0 = x 4 x 4
e, pertanto, D = (, 4] [4 + ).

1 2. La funzione y = e x2 +4 + x2 + x + 1 la somma delle funzioni f (x) = 1 e x2 +4 ; g (x) = x2 + x + 1 per cui detti Df e Dg i domini di f e g , rispettivamente, il dominio della funzione D = Df Dg .
Si ha che Df = R in quanto il denominatore della frazione che compare come esponente la somma di due quadrati e, quindi, mai nulla; Dg = R poich x2 + x + 1 > 0 x R. Ne segue D = R.

3. Il dominio D della funzione

y=

10 x2 x3 4x2 + 3x

dato da tutti i numeri reali che rendono non nullo il denominatore:

D = {x R : x3 4x2 + 3x = 0}.
Risulta

x3 4x2 + 3x = 0 x(x2 4x + 3) = 0
5

x = 0 x2 4x + 3 = 0 x = 0 x = 1 x = 3
cosicch D = (, 0) (0, 1) (1, 3) (3 + ).

4. Il dominio D della funzione y = ln[1 cos(x)] si determina imponendo la condizione di esistenza del logaritmo, dal momento che non vi sono altre limitazioni: 1 cos(x) > 0 che vericata per ogni x = 0 + 2k , k Z essendo, com' noto, | cos(x)| 1 e l'uguaglianza vale solo per x = 0 da cui, tenendo conto del periodo, si ha la soluzione precedentemente scritta. Ne segue D = {x R : x = 2k, k Z}.

Esercizio 2.
x+5 e procedendo come al 1. Detto D il dominio della funzione y = x x+6 2 +4x punto 3. dell'esercizio precedente, si ha:
2

D = (, 4) (4, 0) (0 + ).
Determiniamo, adesso, le intersezioni con gli assi coordinati e studiamo il segno della funzione. Poich 0 D, la funzione non interseca l'asse delle ordinate. Per y = 0, si ha:

x2 + 6 x + 5 y= = 0 x2 + 6x + 5 = 0 x = 5 x = 1 2 x + 4x
cosicch la funzione interseca l'asse delle ascisse nei punti P1 (5, 0) e P2 (1, 0). Per avere informazioni sul segno, bisogna risolvere la disequazione

x2 + 6 x + 5 >0 x2 + 4 x
tenendo conto anche degli intervalli in cui essa negativa. Le soluzioni della (1) si ottengono risolvendo le due disequazioni:

(1)

x2 + 6 x + 5 > 0 e x2 + 4 x > 0
6

e facendo il prodotto dei segni o, equivalentemente,

x2 + 6 x + 5 > 0 x2 + 4 x > 0

x2 + 6 x + 5 < 0 x2 + 4 x < 0

In entrambi i casi, si trova che l'insieme delle soluzioni dato da

S = (, 4) (4, 1) (5, +)
che coincide con l'insieme delle soluzioni della (1). Ne segue

y (x) > 0 x (, 4) (4, 1) (5, +); y (x) < 0 x (4, 1) (0, 5).
2. Il dominio D della funzione y = log2 (4x2 3x) si ottiene imponendo che l'argomento del logaritmo sia strettamente positivo:

4x2 3x > 0 = x < 0 x > , +). cosicch D = (, 0) ( 3 4

3 4

La funzione non interseca l'asse delle y poich 0 / D. Per y = 0, si ha:

log2 (4x2 3x) = 0 4x2 3x = 1 4x2 3x 1 = 0


da cui

1 x= x=1 4

Ne segue che le intersezioni con l'asse delle x sono date dai punti A(3/4, 0) e B (1, 0). Per studiare il segno di y = y (x), imponiamo:

log2 (4x2 3x) > 0 = 4x2 3x > 1 = 4x2 3x 1 > 0


Le soluzioni dell'ultima disequazione scritta sono date da x < 3/4 x > 1 per cui, compatibilmente col dominio,

y (x) > 0 x (1, +) mentre y (x) < 0 x (, 3/4).

Parte II

Correzione Compito [2]


Esercizio 1.
1. Il dominio D della funzione y = e x+1 costitituito da tutti i numeri reali in quanto n l'esponenziale n la radice cubica n l'argomento di quest'ultima hanno limitazioni; in simboli D = R. 2. Il dominio D della funzione
3

y=

10 x3 + 12x

si ottiene imponendo la condizione

x3 + 12x = 0 x(x2 + 12) = 0 x = 0


essendo x2 + 12 una somma di quantit sempre positive (somma di quadrati). Ne segue D = R {0}.

1 3. Il dominio D della funzione y = e x1 + cos( x) si ottiene imponendo (simultaneamente) le condizioni di esistenza della frazione, che compare come esponente di e e della radice quadrata argomento del cosin: x1=0 = x>0 x=1 = D = (0, 1) (1, +) x>0

4. Per determinare il dominio D della funzione y = ln(x2 + x + 6), va imposto che l'argomento del logaritmo sia strettamente positivo:

x2 + x + 6 > 0 = x R
poich il trinomio x2 + x +6 associato ad una parabola con la concavit verso l'alto che non interseca l'asse delle ascisse. Ne segue D = R.

Esercizio 2.
1. Il dominio D della funzione y = soluzioni della disequazione
x2 x2 4x21

coincide con l'insieme delle

x2 0 = x < 3 x = 0 x > 7 x2 4x 21
e, quindi, D = (, 3) {0} (7, +). Si noti che x = 0 rappresenta un punto isolato per la funzione e O(0, 0) rappresenta l'intersezione con gli assi coordinati; la funzione , invece, positiva nel resto del dominio.

2. La funzione y = e x2 +1 + x2 la somma delle funzioni u(x) = e x2 +1 e v (x) = x2 che non presentano alcuna limitazione essendo x2 + 1 = 0 x R in quanto somma di quadrati. Inoltre, essendo u(x) > 0 e v (x) 0 x R, si ha che u + v > 0 cosicch y = u(x) + v (x) una funzione strettamente positiva. Per x = 0 risulta y = e per cui la funzione interseca l'asse delle ordinate nel punto P (0, e).

Parte III
Esercizio 1.

Correzione Compito [3]


+ 1. Il dominio della funzione y = 101 x2 + 7x + 12 coincide con l'inx sieme D delle soluzioni del sistema di disequazioni 10 x = 0 = x + 7x + 12 0
2

x = 10 x 4 x 3

per cui D = (, 4] [3, 10) (10, +). 2. La funzione y = log4 (15x2 2x + 13) denita per valori della variabile indipendente che rendono posititivo l'argomento del logaritmo:

15x2 2x + 13 > 0 che vericata per ogni x R


per cui il dominio della funzione D = R. 3. Il dominio D della funzione y = soluzioni della disequaglianza
x+2 2x3 4x2

coincide con l'insieme delle

2x3 4x2 = 0
da cui, dividendo ambo i membri per 2 e mettendo x2 in evidenza al primo membro,

x2 (x 2) = 0 = x2 = 0 x 2 = 0 = x = 0 x = 2
Dunque, D = (, 0) (0, 2) (2, +). 4. la funzione y = sin(x4 ) una funzione composta essendo essa il prodotto operatorio [sin() ()4 ](x) in cui nessuna delle due funzioni ha limitazioni; ne segue che, il dominio di tale funzione, D = R.

Esercizio 2.

1. Per quanto concerne la funzione y = ex2 4 1, il dominio D costituito dalle soluzioni della disequazione esponenziale ex
2 4

1 0 = ex

2 4

1 = e0 = x2 4 0 = x 2 x 2

e, in denitiva, D = (, 2] [2, +). 10

Riguardo al segno, si ha che la funzione non negativa su tutto D essendo una radice quadrata e, in particolare, essa nulla per x = 2 x = 2 ed positiva in D {2, 2}. Dunque, la funzione ovvero il suo graco interseca l'asse delle ascisse nei punti P1 (2, 0) e P2 (2, 0). Notiamo, inne, che 0 / D cosicch la funzione non ha intersezione con l'asse y .

x+4 algebrica razionale fratta per cui il suo dominio 2. La funzione y = x 11 D si ottiene dalla condizione di non annullamento del denominatore:

x 11 = 0 = x = 11
e, quindi, D = R {11}. Determiniamo l'intersezione con l'asse delle ordinate prima di studiare il segno della funzione. Per x = 0, si ha che y (0) = 4/(11) = 11/4 per cui la funzione 4 interseca l'asse delle y nel punto P (0, 11 ). Per y =, si ottiene l'equazione fratta

x+4 =0 x 11
che ammette l'unica soluzione x = 4 per cui la funzione interseca l'asse delle ascisse nel punto Q(4, 0). Per procedere allo studio del segno, va risolta la disequazione fratta

x+4 >0 x 11
che ammette come soluzione l'insieme S = (, 4) (11, +). Ne segue

y (x) > 0 x S ; y (x) < 0 x (4, 11).

11

Parte IV

Correzione Compito [4]


Esercizio 1.
1. Il dominio della funzione algebrica razionale fratta

y=

3x2

2x 4x + 1

coincide con l'insieme D delle soluzioni della disequazione di secondo x = 1. grado 3x2 4x + 1 = 0 che sono x = 1 3
1 Ne segue D = (, 3 ) (1 , 1) (1, +). 3 2. La funzione y = 2cos(x) + 6x + 5 la somma di due funzioni di cui la prima non ha limitazioni mentre la seconda denita solo se l'argomento non negativo:

6x + 5 0 = x

5 6

per cui il dominio coincide con l'insieme D = (5/6, +). 3. La funzione y =


3

sin(x2 ) + 2 una funzione composta: { 3 () [sin() ()2 + 2]}(x)

ma nessuna delle funzioni coinvolte ha delle limitazioni. Il dominio D della funzione , pertanto, D = R.
1 4. Il dominio D della funzione y = ln(x coincide con l'insieme delle +2) soluzioni del sistema di disequazioni

ln(x + 2) = 0 x+2>0

(condizione sulla frazione) = (condizione sul logaritmo)

x = 1 x > 2

per cui D = (2, +).

Esercizio 2.

12

1. La funzione y = ex 4x2 3x 1 il prodotto delle funzioni u(x) = ex (funzione esponenziale elementare) e v (x) = 4x2 3x 1 (funzione irrazionale composta). Dato che u(x) non ha limitazioni, il dominio D della funzione somma coincide con il dominio della funzione v (x) e, quest'ultimo, coincide con le soluzioni della disequazione di secondo grado 1 4x2 3x 1 0 = x = x = 1 4 per cui D = (, 1/4] [1, +).
Notiamo, inoltre, che y (1/4) = 0 = y (1) per cui la funzione interseca l'asse delle x nei punti P1 (1/4, 0) e P2 (1, 0). In tutto il resto del dominio, la funzione positiva essendo u(x) > 0 x R e v (x) > 0 1 x D { 4 , 1}. Poich 0 / D, la funzione non interseca l'asse delle ordinate. 2. Il dominio D della funzione y = log 1 (7 x) si ottiene imponendo che 2 l'argomento del logaritmo sia strettamente positivo:

7 x > 0 = x 7 < 0 = x < 7


cosicch D = (; 7). Per x = 0, si ha y = log 1 (7) per cui la funzione interseca l'asse delle y 2 nel punto P (0, log 1 (7)).
2

Per y = 0, si ha log 1 (7 x) = 0 da cui 7 x = 1 cha ha per soluzione 2 x = 6. Il punto Q(6, 0) costituisce, dunque, l'ntersezione della funzione con l'asse delle ascisse. Studiamo il segno della funzione imponendo che y (x) > 0 che conduce alla disequazione logaritmica

log 1 (7 x) > 0 = 7 x < 1 = x > 6


2

Compatibilmente con il dominio si ha, allora,

y (x) > 0 per 6 < x < 7; y (x) < 0 per x < 6.

13