Sei sulla pagina 1di 306

Costanzo Preve

Il popolo al potere
Il problema della democrazia nei suoi aspetti storici e filosofici

Prefazione

Impuginazione Stampa

Jeanne Cogolli Lineagrafica - Citt di Castello (PG)

I edizione 2006 ISBN 88-87307-57-1

I libri della Ariana Editrice sono prodotti da Macro Edizioni, che ne cura la di-stribuzione e la commercializzazione.

Arianna Editrice

Redazione

Via Caravaggio 34, 40033 Casalecchio (BO)

Tel. 051.560452 fax 051.6198820 ariarted@tinit

Distribuzione e commercializzazione Macro Edizioni


Via Savona 66, 47023 Diegaro di Ceserta (FC) T el. 0547.346290 int. 14 fax 0547.345091 commerciale@macr oedizioni.it

L'aggressiva politica di espansione imperialistica scelta dagli Stati Uniti dopo la fine del condominio bipolare con l'Unione Sovietica ha avuto almeno due importanti effetti che potremmo definire rispettivamente di ordine pratico e teorico. I primi hanno riguarda-to le popolazioni irachene, afgane e serbe bombardate con. l'ura-nio impoverito e il fosforo bianco, torturate nelle prigioni di Guantanamo e Abu Graib, sottoposte alle quotidiane vessazioni di un'occupazione militare. I secondi hanno invece visto scendere in campo una schiera di intellettuali e operatori dei mezzi di infor-mazione impegnati a risolvere un dilemma che potremmo sintetizzare nei seguenti termini: come mai gli Usa, considerati l'avan-guardia, il paese guida delle liberaldemocrazie nel mondo, sono anche il paese pi bellicoso della terra, una "nazione guerriera", come li ha definiti qualcuno'? Non ci avevano spiegato che le de-mocrazie liberali sono tendenzialmente pacifiche, amano la pace in quanto essa rende possibili i commerci e il tranquillo godimento dei beni? Ed ancora, e soprattutto, pu un simile sistema continuare a definirsi democratico o si metamorfosato in qualcosa d'altro?
2 3

A questi interrogativi possibile rispondere in molti modi. Trala-sciando, in questa sede, le prese di posizion.e puramente propagandistiche, interessate -unicamente a gettare benzina sul fuoco e non certo a sviscerare i problemi - si pensi, per fare un esempio, ai pamphlet di Oriana Fallaci e di

Magdi Allam - e concentrandoci sulle analisi serie, si pu dire che quelle degli studiosi di orien.ta-mento liberale tendono, ovviamente, a riaffermare i punti alti del-la retorica liberaldemocratica e sono ben riassunte nel titolo di un saggio di Dino Cofrancesco: La democrazia liberale (e le altre)2. Per Cofrancesco, il compromesso tra liberalismo e democrazia, pur con tutte le sue precariet e i suoi difetti, continua a costituire il tipo ideale, il modello cui debbono ispirarsi quanti vogliono muoIl popolo al potere Prefazione

versi sul terreno della democrazia nel nostro tempo senza cadere nella trappola del totalitarismo. Egli ne talmente convinto da declassare, mettendole fra parentesi, le forme democratiche non riconducibili al liberalismo. 4 5 Il libro di Costanzo Preve che il lettore ha tra le mani si colloca, per contro, in una prospettiva molto diversa, al punto che lo si potrebbe anche intitolare, in parte rovesciando l'ottica di Cofrancesco, La

democrazia (e la democrazia liberale).

quest'ultima, infatti, a costituire un problema, nel senso che, giudicata secondo i parametri di una democrazia senza aggettivazioni, risulta carente, apparendo molto liberale e molto poco democratica. Ma quali sono questi parametri? La risposta di Preve che sono eminentemente antropologici e filosofici e non politologici o sociologici. Il politologo non dispone, a suo giudizio, degli strumenti necessari per penetrare fino alla sostanza della

democrazia, ma pu solo fermarsi all'analisi delle sue forme e istituzioni, cio della sua scorza esterna. Il limite dell'approccio politologico alla politica, e quindi alla democrazia, , sempre secondo Preve, che la politica, come sosteneva gi Aristotele, non una scienza in quanto la sua materia prima sono gli uomini e il modo in cui essi organizzano il loro stare insieme. Orbene, l'uomo non pu essere inquadrato, incasellato in schemi scientifici perch , marxianamente, un "ente naturale generico" (Gattungswesen); in lui c' una "plasficit" che gli consente di sfuggire a ogni categorizzazione e di essere pertanto un continuo campo di sorprese che mettono in crisi ogni pretesa di scientificit. "La democrazia", scrive Preve, " una pratica umana comunitaria, non un concetto scientifico". Dovrebbe allora essere chiaro perch, secondo Preve, la democrazia non tanto il potere del popolo, come siamo abituati a ritenere, quanto il popolo al potere. Il primo tipo di definizione enfatizza, infatti, il dato istituzionale, strutturale della politica, mentre il secondo mette al centro coloro che concretamente la fanno. In altri termini, si d democrazia non quando si in presenza di un quadro istituzionale ritenuto democratico, ma in realt liberale (un parlamento, libe re elezioni, partiti che si contendono il consenso dei cittadini, separazione dei poteri, stato di diritto, prevalenza della sfera privata su quella pubblica), bens quando il popolo - inteso non come indefinita e romantica unit mistica, ma in senso aristotelico come l'insieme dei pi poveri e degli svantaggiati

- pu concretamente accedere al potere e far valere il suo peso nelle decisioni. Chi privilegia il primo aspetto (quello della rappresentanza), rischia seriamente di ridurre la democrazia a vuoto rito, a puro orpello, a gioco politologico interminabile di simulazioni istituzionali. Questa l'idea-cardine intorno a cui ruota il libro e che consente all'autore di sostenere che oggi, in Occidente, ci illudiamo di vivere in democrazia, mentre in realt viviamo in regimi oligarchici che si sono appropriati del concetto di popolo e in suo nome fanno gli interessi del grande capitale finanziario e dell'impero americano. La democrazia, quindi, un compito, un traguardo che abbiamo davanti a noi, qualcosa da costruire e non di gi scontato e acquisito.

Si tratta di una tesi spiazzante e sconcertante per chi assuefatto al politically correct, che quotidianamente assorbiamo attraverso i mass-media e che tuttavia non sorprende chi ha una certa familiarit con gli scritti di Preve, il quale, nei suoi testi, predilige di solito i contenuti forti, i toni netti, perentori, e uno stile di scrittura che somiglia molto al linguaggio parlato, tipico del docente (di filosofia) quale egli stato per molti anni. In effetti, leggendo la sua prosa, sembra quasi di vederlo mentre spiega ai suoi discenti Aristotele, Spinoza e Marx. Conoscendo il suo amore per la Grecia, crediamo, dicendo questo, di fargli un complimento, perch gli antichi greci valorizzavano

molto la parola pronunciata in pubblico, in particolare quella detta negli spazi che formavano e delimitavano la vita activa, cio la politica; non, dunque, una parola rivelata, che scende dall'alto - la parola di cui parla il profeta Isaia' e che, per i cristiani, si incarna in Ges Cristo - ma la parola frutto di un dialogo razionale, quindi esposta alla critica, al dissenso e anche al fallimento, come nei casi dei processi a Socrate e allo stesso Nazareno. Questa diversit di parole, e di pratiche poIl popolo al potere
P re fazione

litiche, pu essere rappresentata, a livello simbolico, dalle citt di Atene e Gerusalemme che Preve, seguendo una tradizione filoso-fica consolidata, assume in altri suoi scritti come simboli di questi differenti approcci alla politica". Preve, pertanto, non si stupir se, richiamandoci alla sua concezione "ateniese", dopo aver letto/ ascoltato la sua parola, gli proponiamo, a nostra volta, alcuni ri-lievi che non intendono essere necessariamente critici, ma che anzi si inseriscono all'interno di un sostanziale apprezzamento del suo sforzo di rivitalizzazione della democrazia. Una prima osservazione si riferisce alla liquidazione, forse ec-cessivamente drastica e frettolosa, riservata nel saggio a politologi e sociologi (Mosca, Pareto, Michels e, in tempi a noi pi vicini, Sartori e Bobbio), delle cui "trame" Preve dichiara senza mezzi termini di "farsi beffe". Probabilmente, la politologia e la sociologia avrebbero meritato una considerazione maggiore, soprattutto se si pensa che il

politologo Colin Crouch, peraltro positivamente ci-tato da Preve, usando gli strumenti della sua vituperata "scien-za", si pone interrogativi non troppo dissimili da quelli sollevati da Preve circa la reale democraticit delle nostre democrazie, e se persino dalle opere di un sociologo molto integrato e page come Ralf Dahrendorf viene fuori un'immagine della nostra societ de-cisamente inquietante: democrazie ridotte a spettacolo e i cittadi-ni a masse di inebetiti couch potatoes, immense megalopoli fasciate da colossali anelli d'asfalto intervallati da fast food e pornoshop, piccole enclaves di super-ricchi protette da guardie private e peri-ferie urbane degradate, dove la "colla" che tiene insieme la societ si ormai essiccata e le "legature" sociali non reggono pi, al pun-to che ci si pu chiedere, come se fosse la cosa pi ovvia di questo mondo: Se sei disoccupato, perch non fumare marijuana, par-tecipare ai drogaparty e andarsene in giro con automobili ruba-te? Perch non rapinare vecchie signore, battersi con le bande ri-vali e, se necessario, ammazzare qualcuno?5.
6
7

Gi, perch non farlo? In nome di che cosa astenersene quando da ogni parte, in forme esplicite o subliminali, ci viene trasmesso sempre lo stesso messaggio, e cio che niente ha valore e tutto ha un prezzo? Se con politologi e sociologi Preve, almeno su questo tema, non va molto d'accordo, riesce comunque a trovare una buona sintonia con storici come Eric Hobsbawm e

Luciano Canfora, nonch con un pensatore come Pietro Barcellona. Tutti autori non a caso collocabili in un'area di sinistra critica, cio in un contesto dal quale proviene lo stesso Preve. Di Hobsbawm, Preve accetta la periodizzazione secolo breve/secolo lungo, mentre, con riferimen-to pi diretto alla democrazia, si richiama a Canfora per quanto riguarda il rifiuto dell'idea formale di democrazia, vista da Canfora come ideologia del demos, vale a dire dei poveri, e non come forma di governo. L'importanza dell'educazione (paidea) alla democra-zia, e quindi l'esistenza di un homo democraticus come propedeutico al sorgere di una vera democrazia, poi sottolineata anche da Barcellona in molti suoi saggi. Inutile aggiungere che Preve si di certo anche nutrito delle pagine dedicate da Hannah Arendt alla democrazia greca. A questa rete di riferimenti, espliciti e impliciti, Preve aggiunge inoltre il suo tocco personale, la sua nota caratte-ristica: una scommessa sull'uomo. Pascal scommetteva su Dio, Preve scommette sull'uomo. A suo parere, pu irnpostare correttamente il discorso sulla demo-crazia se non ci si sbarazza della negativa antropologia hobbesiana, cui aderiva un maestro celebrato della democrazia liberale come Norberto Bobbio, per afermare e proporre una concezione del-l'uomo che Preve fa filosoficamente risalire ad Aristotele, ma che si dipana anche in Cusano e Marx, in base alla quale l'uomo un essere dotato di log os, intendendo questo termine in tutta la sua
-

estensione semantica, che comprende le nozioni di ragione, dialo-go e calcolo, e uno zoon poltilcon, ossia al contempo un animale politico, sociale e comunitario6. A partire da questi presupposti, Aristotele pu definire l'uomo un ente intermedio fra la divinit e l'animalit. questa sua natura a fondare la necessit della vita in comune e della democrazia, in quanto luogo di incontro di quegli
Il popolo al potere Prefazione

esseri "aporetici' che sono gli uomini, la cui "plasticit" li apre alla verit e all'universale, sottraendoli allo scetticismo, al relativismo e a un differenzialismo assoluto, chiuso all'universale e al vero. Qui Preve inserisce una critica ad Alain de Benoist, ritenuto uno dei portatori di questo discorso, che ci sembra datata. Poteva essere plausibile vent'anni fa, ma non adesso. Pierre-Andr T aguieff, autore di quello che rimane, a tutt'oggi, il saggio pi approfondito e serio sul percorso intellettuale di de Benoist, ha infatti rintracciato nella sua opera un itinerario di progressiva apertura all'universale e di superamento dei limiti del relativismo e del differenzialismo assoluto'.
8

Questa linea di ricerca ci pare ampiamente confermata dai libri pubblicati da de Benoist successivamente al testo di T ag-uieff, risalente a dodici anni fa. Basti pensare al lavoro sui diritti umani, dove il pensatore francese scrive, senza possibilit di equivoco, che una posizione relativista insostenibile, e a quello su identit e

comunit, in cui queste nozioni vengono proposte in un'accezione aperta e dinamica'. O ancora a Oltre il moderno (Arianna, Casalecchio 2005), che vede de Benoist schierarsi per un federalismo inteso nel senso di Althusius e per una democrazia imperniata su una effettiva partecipazione popolare. strano che Preve, che pure, nella nota bibliografica finale, mostra di conoscere tali testi, non abbia colto queste evoluzioni dell'ultimo de Benoist. Oltre ad essere datata, questa critica altres foriera di gravi equivoci che possono nuocere non poco a quel tentativo, nel quale attivamente e meritoriamente impegnato lo stesso Preve, di decostruzione della destra e della sinistra e di denuncia della loro natura di meri e vuoti simulacri all'ombra dei quali si riproduce il gioco delle parti neoliberale, globalizzatore e bombardatore. Continuando, infatti, a sostenere, contro le evidenze testuali, che de Benoist un relativista e un differenzialista assoluto, si d oggettivamente man forte a quanti sono interessati alla ghettizzazione di un pensiero che, se lasciato libero di circolare e presentato per quello che effettivamente , potrebbe offrire un efficace contributo ad una rico struzione, a partire da un terreno in buona misura non coltivato, di un diverso e inedito panorama culturale e politico, di cui si sente la necessit in ambienti solitamente definiti alternativi o antagonisti, ma che non ancora riuscito ad assumere una credibile configurazione. La dissipazione di ogni malinteso dovrebbe essere il primo passo da muovere in questa direzione.

C', infine, un'altra questione che emerge dalle pagine di questo libro, che ci pare importante sottolineare. Non esiste democrazia, afferma Preve, senza un homo dernocratcus, ossia senza un tessuto connettivo diffuso fatto di uomini animati da passione civile, voglia di partecipazione, desiderio di sentirsi coinvolti quali soggetti consapevoli nel destino della propria "circostanza", del mondo che li circonda. Orbene, la realt in cui siamo immersi sta marciando in una direzione esattamente opposta: sia la democrazia che l'uomo sono sempre pi sviliti e resi irriconoscibili, a tal punto che rischia di venir meno la materia prima, per cos dire, il presupposto stesso della discussione. Per quanto riguarda la democrazia, infatti, il modello che viene teorizzato, tanto nelle sedi accademiche quanto sugli organi di informazione di massa, e poi esportato e imposto ai refrattari, privilegia l'efficacia e la funzionalit agli interessi della superpotenza americana su ogni altra preoccupazione. In quest'ottica, non importante che la gente, a tutti i livelli, sia infoimata, partecipi, discuta e decida, ma che lo Stato, liberato da fardelli sociali e trasformato in azienda, produca il risultato che da esso ci si attende, che quello di agevolare il flusso mondiale di energia destinata a sostenere la way of lfe occidentale. la cosiddetta "globalizzazione". I dissenzienti vengono inseriti nella categoria degli "Stati canaglia", con le tragiche conseguenze che ben conosciamo'. Cosa ci sia di democratico in tutto questo, a parte la retorica, difficile dirlo. Alla

deriva della democrazia, Preve oppone la sua scommessa sull'uomo, la persuasione che nell'uomo ci sia per definizione come una sorta di zona franca che gli consente di soffiarsi ai tentativi dei potenti di turno di inquadrarlo e controllarlo. Il secolo che ci siamo appena lasciati alle spalle ma il

nostro sguardo
Il popolo al potere

Prefazione

potrebbe allargarsi alla storia in generale - sembrerebbe avvalorare questa schema antropologico. I totalitarismi, che si prefiggevano
appunto un controllo totale dell'uomo tendente alla creazione di un uomo nuovo, sono crollati sotto il peso o della sconfitta militare o di una implosione. Le loro pratiche hanno determinato reazioni di vario genere che alla fine li hanno travolti. I fatti hanno dimo-strato che il regime totalitario, descritto letterariamente in 1984, alla lunga non regge. Orwell aveva in mente l'URSS, rna chiaro che il suo discorso applicabile pure ai fascismi. Il Grande Fratello pu anche arrivare a farsi "amare" dai suoi sudditi, come capita allo sfortunato protagonista al termine del romanzo, ma alla fine nell'animo dell'uomo scatta qualcosa che lo spinge a ribellarsi, a dire basta e a riaffermare la sua dignit umiliata e offesa. Il falli-mento storico della distopia orwelliarta - che peraltro conserva aspetti molto attuali: si pensi al tema della neolingua, e quindi alla manipolazione del linguaggio da parte del potere - non significa, per, come ci si vuol far credere, che viviamo nel migliore dei mondi possibili e che la storia perci finita. Se l'utopia negativa

di Orwell e stata sconfitta, quella di Aldous Huxley appare, al contrario, il pericolo pi grave e insidioso. Il Brave New World da lui descritto ha tutta l'aria di essere il modello vincente. Le biotecnologie appli-cate all'uomo e la forza di penetrazione e seduzione della sfera mediatica conferiscono una sinistra plausibilit allo scenario di un mondo futuro popolato da post-umani, da cyborg completamente asserviti e lieti di esserlo, dove diventa estremamente difficile di-stinguere fra l'umano e il non umano tema, questo, caro a un altro grande visionario, Philip K. Dick - e in cui l'ultimo esemplare della specie umana non pu fare altro che impiccarsi. Di fronte a questa prospettiva, possibile reagire con la fredda, distaccata indifferenza di un Houellebecq, con l'inquietudine di un Karnoouh o con l'esaltazione prometeica di Negri e Hardt", ma certo che in un mondo siffatto non avrebbe molto senso scom-mettere, perch non ci sarebbe pi nessuno disposto a farlo. Tut-tavia, pur vero che, se questa la tendenza che si vorrebbe far trionfare, non siamo ancora pervenuti a questi estremi. C' anco-ra spazio per puntare sull'uomo e questo saggio di Preve un appello alla resistenza e urta dichiarazione di fiducia, che ci auguria-mo risulti contagiosa.
Giuseppe Giaccio

Note
1 Cfr. GORDON POOLE, Nazione guerriera. Il miltarismo nella cultura degli Stati Uniti; Colonnese, Napoli 2002. 2 Rubbettino, Soveria Mantieni, 2003. 3 Cfr. Is 55, 10-11. 4 Si veda, ad esempio, COSTANZO PREVE, Filosofia del presente, Settimo Sigillo, Roma 2004; GIANO ACCAME-COSTANZO PREVE, Dove va la destra? Dove va la sinistra?, Settimo Sigillo, Roma 2004; cfr. anche LEO STRAUSS, Gerusalenznze e Atene, Einaudi, Torino 1998 e LEV SESTOV, Atene e Gerusalernme Saggio &filosofia religiosa, Bompiani, Milano 2005. 5 Cfr. RALF DAHRENDORF, Quadrare il cerchio, Laterza, Roma-Bari 2000, pag. 43, cfr. anche RALF DAHRENDORF, Libert attiva, Laterza, Roma-Bari 2003. 6 Su questo aspetto comunitario Preve si sofferma nel saggio Elogio del comunitari:9mo, di prossima pubblicazione per le edizioni Controcorrente. 7 Cfr. PIERRE-ANDRE TAGUIEFF, Sulla Nuova destra, Vallecchi, Firenze 2004. 8 Cfr. ALAIN DE BENOIST, Au-del des droits de l'homme, Krisis, Paris 2004, pag. 87 [ed. it. Settimo Sigillo, Roma 20041, nonch il dossier Identit, differenza, libert , in Diorama letterario, n. 274, novembre 2005, pagg. 1-18. 9Queste cose sono state chiaramente spiegate da Francis Fukuyama, autore che tutt'altro che un sovversivo, un comunista o un antiamericano, in Esportare la demo-crazia, Lindau, Torino 2005. 10 Di MICHEL HOUELLEBECQ si vedano Le particelle elementari e il pi recente La possibilit di un'isola, entrambi editi da Bompiani; per quanto riguarda CLAUDE KARNOOUH, cfr. "No future. T ecnica e destino", in Trasgressiom; n. 40, pagg. 95-121; infine, di ANTONIO NEGRI e MICHAEL HARDT , hnpero, Rizzoli, Milano 2002, pag. 98.

10

l1

Premessa

13

I libri consacrati al problema storico della democrazia sono molto numerosi e sotto il loro peso possibile sfondare molti scaffali. Accingendosi a trattare del problema della democrazia, e cercando di dire qualcosa di sensato, il povero autore si accorge ben presto, sfogliando l'alluvionale bibliografia, che praticamente quasi tutto gi stato detto, in una vasta gamma di posizioni, in cui ad un polo stanno coloro che considerano la democrazia un semplice mito, del tutto irraggiung-ibile a causa della debolezza gr, egaria della natura umana e della fatale costituzione di dites oligarchiche estremamente minoritarie, e nell'altro invece sono fieramente schierati i sostenitori del primato dell'Occidente greco-romano-statunitense, proclamato oggi - sia pure, per fortuna, in assenza di una vera e propria investitura papale - l'unico esportatore autorizzato della democrazia nel mondo. Ho deciso di non farmi atterrire della nevrotica compulsione alla completezza e di non farmi spaventare dal fantasma opportunistico della cosiddetta "complessit", per cui, con il pretesto che le cose sono complesse, ci si sente autorizzati a galleggiare in una sorta di "centrismo furbesco". Nello stesso tempo, ho deciso di non scrivere un pamphlet, ma un vero e proprio saggio problematico, sia pure di modeste pretese. Un pamphlet non ha bisogno di argomentare troppo le proprie tesi sul piano storico, filosofico, economico e sociologico e il suo valore sta proprio nel collocarsi in un estremo. Un saggio problematico, invece, non pu soltrarsi del tutto al terreno dell'ar-

gomentazione. Con questo, ho smesso da tempo di credere che, in quanto tale, un'argomentazione o, meglio, una serie articolata e ben connessa di argomentazioni possa realmente "convincere". L'essere convinti, lo sapeva gi bene Platone, deriva da un'improvvisa illuminazione concettuale, che permette di vedere da un altro punto di vista la totalit delle cose - la totalit "olistica", per usare un
Il popolo al potere Premessa

termine filosofico specifico - e questa illuminazione concettuale possibile ha, come premessa psicologica, un insieme di esperienze e non certo soltanto una catena ben strutturata di ragionamenti. Per dirla in modo telegrafico, le tesi scientifiche vere e proprie si "dimostrano", mentre le tesi puramente filosofiche possono soltanto essere "mostrate". Il saggista deve comunque "scommettere" sulla forza di convincimento dei propri argomenti. In proposito, gli antichi erano pi saggi di noi, perch sapevano bene che la cosiddetta "retorica" non era sinonimo di discorso vuoto ed ampolloso, ma una buona tecnica per la comunicazione convincente delle proprie posizioni. Portata al livello della composizione di un saggio come questo, la "retorica" si identifica con la scelta dell'esposizione. Per trattare il tema della democrazia, ho scelto una forma espositiva in cinque parti, un'introduzione, tre capitoli successivi dedicati rispettivamente agli aspetti storici, filosofici ed infine politici (attuali) del problema della democrazia e, per finire, una nota bibliografica generale, dal

momento che il testo vero e proprio stato lasciato di proposito senza note a pi pagina. In questa premessa, voglio anticipare brevemente al lettore la logica espositiva, che mi ha suggerito questa scelta. L'introduzione, scritta volutamente senza una scansione in paragrafi, espone immediatamente le tesi sulla democrazia, su cui poi ritorno in modo pi analitico e problematico nei tre capitoli successivi. Dal momento che non credo nella cosiddetta "oggettivit" di un testo di tipo saggistico, ritengo che un buon sostituto di questa inesistente oggettivit sia l'immediata e chiara esplicitazione delle tesi portanti del libro; infatti io esplicito subito le tre tesi teoriche portanti del mio saggio, che poi discuto liberamente lungo tutta l'introduzione, che pu dunque essere letta come un testo autonomo a s stante.
14 15

I tre capitoli successivi sono dedicati a un "ritorno" e a un approfondimento analitico delle tesi gi anticipate in forma apodittica nell'introduzione. Le ripetizioni sono inevitabili, ma a mio avviso non sono affatto dannose. Nel primo capitolo, propongo al lettore un breve excursus storico sulla democrazia, dalle sue origini greche fino al suo ripresentarsi in et moderna, da un lato, nel suo complesso intreccio con il liberalismo e con le varie forme di socialismo e di comunismo, dall'altro. Si tratta di eventi in genere gi largamente noti al lettore acculturato, ma su cui comunque bene tornare e ritornare, perch si finisce con lo

scoprire sempre qualcosa di inedito. In proposito, non finger un'impossibile oggettivit, ma espliciter sempre in modo chiaro il mio giudizio storico. Il lettore scuser la brevit un po' apodittica di molti di questi giudizi, ma l'alternativa a questa sinteticit apodittica sarebbe stata di fatto composta da un noioso ed interminabile appesantimento storiografico. Ci sono, per questo, centinaia di volumi monografici analitici. Nel secondo capitolo, propongo invece al lettore una serie di ragionamenti di tipo filosofico sulla democrazia. Con tutto il rispetto per la corporazione degli storici, considero questo secondo capitolo ancora pi importante del primo. Dal momento che, come dir gi nell'introduzione, il problema della democrazia non primariamente istituzionale, ma antropologico - la democrazia un insieme di pratiche comunitarie, il cui presupposto sociale l' uomo dernocratcus, che occorre educare ad essere tale - in questo secondo capitolo discuter alcuni problemi filosofici, di cui due sono, a mio avviso, primari: esiste una natura umana, e questa natura umana compatibile con la pratica della democrazia come governo delle leggi, autogoverno politico ed autogestione economica? E ancora: la democrazia un valore universale ed universalistico, oppure l'urversalismo un mito filosofico occidentale infondato e bisogna accontentarsi, al massimo, di un civile relativismo differenzialistico ben temperato da un convenzionafismo consensuale?

Nel terzo capitolo, infine, torner al tema gi discusso nell'introduzione, cio ad una interpretazione personale del momento storico e politico in cui stiamo vivendo. Analizzer, ovviamente, alcune fra le interpretazioni pi diffuse che si danno della contemIl popolo al potere 16

poraneit, come ad esempio la categoria della cosiddetta globalizzazione (che personalmente considero un mito). Non mi sottrarr evidentemente al compito di proporre una mia persona-le concezione di democrazia, gi anticipata nell'introduzione, in termini di costruzione di comunit fondate sull'informazione e sul potere di decisione integrale sui parametri complessivi della ripro-duzione della specie umana, specie che vive in un incrocio parti-colarissimo di natura e storia. Nell'intenzione dell'autore, questo saggio vorrebbe sfuggire al-l'alternativa "secca" fra ottimismo e pessimismo. Sulla questione della democrazia, non sono ottimista, in quanto pienamente coscien-te della forza inaudita delle oligarchie, che attualmente dominano il Pianeta, ed ho anche da tempo abbandonato l'illusione su cui mi ero formato nei miei anni giovanili dell'esistenza di un sog-getto sociale collettivo salvifico e/o su di una dottrina scientifica della previsione sociale; non sono per neppure pessimista, per-ch credo nella capacit reattiva e plastica della natura umana, che in genere sopravvive alle peggiori disillusioni e alle pi terribili "bastonate" della storia.

Premessa 17

La mia scelta espositiva, purtroppo, non senza difetti. Lo stes-so argomento pu non essere trattato in modo unitario, ma essere ripreso in tutti e tre i capitoli successivi. Ad esempio, nel primo capitolo viene sottoposto a critica il tentativo del comunismo stori-co novecentesco (1917-1991) di perseguire un'emancipazione so-ciale universalistica senza garantire la libert d'espressione e la democrazia politica, mentre alcuni dei suoi presupposti filosofici, come il pensiero originale di Marx e il marxismo teorico successi-vo, vengono discussi solo nel secondo capitolo. Questo capita an-che per altri argomenti, ma l'inevitabile conseguenza di una espo-sizione non cronologica. Tuttavia, credo sinceramente che il letto-re possa seguire con maggiore facilit le mie argomentazioni sulla base della separazione metodologica fra l'elemento storico e l'elemento filosofico, piuttosto che sulla base di una mescolanza inestricabile dei due elementi. Nella realt, tuttavia, i due elementi sono strettamente intreccia-ti. Di questo, sono pienamente convinto. A fianco dell'approva-zione del lettore, cosa che ogni saggista ovviamente persegue, sa-rei anche e forse ancor pi soddisfatto, se la lettura del mio mode-sto libro provocasse talvolta anche la sua "irritazione". L'irrita-zione produce adrenalina, e l'adrenalina induce alla risposta e alla reazione. Non ho mai cercato un'impossibile unanimit, virt amata dalle due categorie complementari dei dittatori autoritari e degli sciocchi conformisti. Un saggista non deve farsi eleggere deputa-to, senatore o consigliere regionale, e non deve neppure essere scelto per far parte di un ben

pagato team manageriale. Non deve, dunque, vellicare servilmente i pregiudizi di chi gli sta sopra, sempli-cemente perch nessuno gli sta sopra. Il saggista vive in una di-mensione orizzontale, che poi esattamente anche la dimensione della democrazia.

Introduzione

19

Democrazia significa potere de/popolo. Personalmente, ne propongo subito un significato leggermente diverso: il popolo al potere. A prima vista, sembrerebbe un sofisma linguistico, ma non lo . Se infatti traduco il termine greco demokratza come "potere del popolo" - che, lo ammetto, la versione filologicamente pi corretta, e non a caso quella che si imposta storicamente - il concetto centrale diventa quello di "potere", mentre, se si segue la mia proposta di traduzione, l'attenzione si sposta inevitabilmente sulla nozione di "popolo", sia nella sua dimensione storica, psicologica e diacronica (come esso si costituisce progressivamente, in un processo di apprendimento individuale e collettivo), sia nella sua dimensione attuale, presente, sociologica e sincronica (come esso, di fatto, esercita il suo potere e come riesce a controllare i suoi eventuali rappresentanti e delegati). In ogni caso, sia che democrazia significhi "potere del popolo" sia che significhi "popolo al potere" - e lo

spostamento semantico dal primo al secondo significato, con l'impronta dinamica che inevitabilmente risuona, non pu sfuggire al lettore attento - sembrerebbe a prima vista che si tratti di una nozione facilmente definibile, dal momento che i parametri concettuali da definire sono soltanto due, o al massimo tre: popolo, potere ed infine lo spazio problematico dei loro rapporti reciproci. Come largamente noto, per, proprio [qui nascono le difficolt. Il "popolo" pu essere definito in termini I di cittadini attivi deliberanti in assemblea, oppure in termini di corpo elettorale, chiamato di tanto in tanto a scegliere un perso; nale politico specializzato nella disciplina chiamata "decisione po'\ litica". Inoltre, il "popolo" pu essere esteso virtualmente a tutti - i la "onnicrazia", di cui parl a suo tempo il pacifista italiano Aldo Capitini - oppure pu essere fortemente limitato, come avveniva al tempo dell'antica Atene (in cui donne, schiavi e stranieri
Il popolo al potere Introduzione

residenti erano esclusi dalla deliberazione politica) o al tempo del liberalismo ottocentesco pre-democratico (in cui il voto era strettamente censitario, quindi esplicitamente "proprietario"). A sua volta, il "potere" pu legittimare la limitazione della libert di opinione e di espressione pubblica delle opinioni (come nella filosofia politica di Hobbes e poi nella pratica costituzionale dei fascismi e dei comunismi novecenteschi) oppure pu legittimarsi proprio sulla base della loro tutela (come nella filosofia politica di Spinoza e - almeno

sulla carta - nella pratica costituzionale delle moderne liberaldemocrazie). Potremmo continuare a lungo, ma appesantiremmo inutilmente questa introduzione. Per ora, sufficiente ricordare il punto di partenza che abbiamo proposto, cio che la versione "il popolo al potere" preferibile alla versione "potere del popolo", perch la prima evoca semanticamente un processo dinamico, mentre la seconda, tradizionale, si presta maggiormente a modelli statici di forme di Stato e di governo (di cui, peraltro, non intendo affatto contestare la legittimit e l'utilit, dal momento che, pur essendo a tutti gli effetti un "allievo infedele", vengo comunque dalla scuola di Norberto Bobbio). Solo in un secondo momento, bene disaggregare nelle loro differenti (e contrastanti) componenti semantiche le due nozioni di popolo e di potere, sapendo bene, per, che il solo oggetto realmente esistente la loro combinazione.
20

21

A questo punto, potrei immediatamente dare la "mia" definizione di democrazia, in modo che il lettore possa subito tenerne conto. Preferisco tuttavia non farlo, in piena consapevolezza, perch un saggio politico di tipo critico e problematico come questo non un saggio di divulgazione scientifica, in cui vengono esposte in modo comprensibile e in un linguaggio comune le teorie dell'astronomia, della fisica, della chimica o della biologia. Nel caso della divulgazione scientifica o delle cosiddette "scienze dure", per usare un

termine, che trovo personalmente ridicolo, ma che viene usato continuamente - si ha a che fare con discipline, che fanno dell'esatta definizione dei concetti (la massa non il peso, la velocit non l'accelerazione ecc.) il terreno comune condiviso e concordato dall'intera comunit degli scienziati, dei ricercatori e degli specialisti. Nel nostro caso, invece, il concetto di democrazia la "posta di gioco" di un eterno "campo di battaglia" (l'espressione "campo di battaglia", Karnpfflatz, non stata proposta da un fanatico estremista, ma dal moderatissimo Immartuel Kant a proposito della filosofia, e quindi anche della filosofia politica). Trattandosi di una posta in gioco, bene che io lasci ogni tentativo di definizione, sempre provvisoria e revocabile, alle ultime pagine di questo saggio. Michelangelo intu che una buona scultura non risultava da una aggiunta alla pietra, ma da un processo per cui alla pietra si toglieva progressivamente tutto ci che impediva alla forma ideale di emergere e di diventare visibile. Nello stesso modo, credo che il concetto di democrazia possa emergere meglio, se si toglier progressivamente alle due pietre costituite dal "popolo" e dal "potere" tutto ci che esse hanno di non-democratico. Se questo vero, l'equivalente del lavoro dello scalpellino e dello scultore il lavoro dello storico e del filosofo, quello, appunto, che proporr nel primo e nel secondo capitolo di questo saggio.

Se dunque riserver consapevolmente alle ultime pagine le proposte di definizione della democrazia (il popolo al potere), invece bene che anticipi subito in queste prime pagine le mie posizioni personali sulla questione. Esiste un'etica della comunicazione scritta e parlata, e questa etica si basa sulla sincerit e sulla veridicit, prima ancora che sulla verit e sulla giustizia. La verit e la giustizia, infatti, ammesso che si tratti di concetti universali realmente esistenti, sono poste in gioco di complessi dibattiti dialogici di fatto irrisolvibili, mentre l'esplicitazione vendica delle proprie opinioni qualcosa del tutto alla nostra portata. Il lettore deve sapere subito che cosa pensa l'autore del libro, che ha per le mani. Come evidente, solo l'insieme delle argomentazioni storiche e filosofiche svolte successivamente potr legittimare o delegittimare - a posteriori le tre valutazioni seguenti, che cercher di esporre nel modo pi sintetico possibile.
Il popolo al potere

Iniziamo dal primo punto, e facciamolo nel modo pi esplicito, sincero e brutale possibile: oggi, qui ed ora, in Italia e, pi general-mente, in Occidente, non viviamo in urta reale democrazia. Non sto dicendo che incompleta, imperfetta, minacciata dall'apatia e dalla corruzione ecc. Simili formulazioni sorto, a mio avviso, mez-ze misure, inconseguenti sul piano teorico ed opportunistiche sul piano politico. Si tratta infatti di ovviet e di vere e proprie tautologie, perch evidente che la corruzione e l'a.patia sono patologie organiche di un corpo politico come la

democrazia, che, in quanto tale, sarebbe sempre esistente anche in presenza di corruzione, apatia, deformazioni burocratiche, manipolazione della classe politica professionale ecc.; no, in casi come questi meglio rischiare l'unilateralit assertiva ed essere radicali: semplicemen-te, non viviamo per nulla in una democrazia. La democrazia oggi e un fantasma ch. kaittimazOne, cos come, a mio avviso, erano fan-tasmi di legittimazione il carattere cristiano della socklas christzana del Medioevo auropeo o il riferimento al pensiero di Karl Marx del comunismo storico novecentesco, recentemente defunto (1917- 1991). Questo fantasma di legittimazione ha ovviamente bisogno, come del resto tutti i fantasmi di legittimazione esistiti nella storia, i di un nemico contro cui definirsi - il comunismo, il fascismo, il populismo, il totalitarismo, oggi il terrorismo islamico internazioS nale, domani chiss - ma questa operazione polemica puramente ideologica e la costruzione di un fantasma ideologico non pu so-stituire urta vera dottrina politica credibile. Il potere del popolo, o meglio il popolo al potere, presuppone un insieme di cittadini consapevoli, informati e soprattutto sovrani del contenuto della propria decisione politica. Oggi il presunto "cittadino" suddito di &te onenti fo es ro riazione: il gigantesco circo mediatico, il cui compito appunto la disinformazione pianificata e progr, am_mata attraverso una pecu-liare tecnica

di saturazione apparentemente "informativa" - si tratta di un vero e proprio mondo alla rovescia - e la presenza di mercati finanziari sottratti a qualsiasi sovranit statale e comu22 23 Introduzione

nitaria. Circo mediatico e mercati finanziari contribuiscono a crea-re una sinergia patologica in cui i titolari della democrazia che, come vedremo ampiamente in seguito, non sono i singoli cittadini intesi come atomi astratti di sovranit, bens i cittadini come liberi membri volontari di una comudt sono del tutrdespropriati ara-cOnoseenza che della decisione. La conoscenza espropriata dalla sapiente saturazione del "circo mediatico" - che solo gli illusi e i faziosi ritengono seriamente diviso in sinistra, centro e destra - mentre la decisione lo dalla macchina, apparentemente anonima, fatale e impersonale, dei cosiddetti "mercati finanziari" (per cui le nazioni diventano aziende, e la nazione italiana diventa "Azienda Italia"). Ritorner dettagliatamente su tutti i punti qui frettolosamente evocati e riassunti. Se, per, mi si chiede subito in che "mondo" viviamo, dal momento che nego che questo mondo sia una de-mocrazia, allora non intendo sottrarmi opportunisticamente alla domanda e risponder cos: viviamo in una oligarchia o, pi esat-tamente, in un sistema oligarchico controllato congiuntamente da un circo mediatico e da una rete di mercati finanziari; un sistema di

potere periodicamente legittimato da referendum elettorali di facciata, che ha incorporato residui costituzionali della tradizio-ne liberale classica, fondati sulla tutela, anche giuridica, della li-bert di opinione e di organizzazione del cittadino (cittadino, pe-raltro, inteso come atorno portatore di libert originaria, non come membro attivo di una comunit in divenire). Si hanno cos tre elementi connessi, che ripeto ancora per chia-rezza: oligarchia (quindi n tirannide, n aristocrazia, n demo-crazia); residuo di una precedente legittimazione democratica ot-tocentesca (legittimazione referendaria di una classe politica omo-genea, che si spettacolarizza elettoralmente in un gioco della com-media dell'arte fra destra e sinistra, con la riduzione del popolo sovrano a corpo elettorale privo di sovranit); residuo di una pre-cedente legittimazione liberale ottocentesca (garanzia delle liber-t di opinione e di espressione, che il potere ha per sempre, in
Il popolo al potere Introduzione

ultima istanza, la facolt di annullare o di limitare in nome della sicurezza). Questo regime di oligarchia pseudodemocratica e pseudoliberale, ovviamente, non in alcun modo una democrazia. Il lettore noter che, usando la categoria di "oligarchia", mi sono rifatto esplicitamente al pensiero politico dei Greci antichi, e non a quello dei moderni (Hobbes, Locke, Constant ecc.). Si tratta, ovviamente, di una scelta volontaria, consapevole e meditata, in quanto chi scri-

ve rifiuta esplicitamente il presupposto per cui il pensiero politico moderno abbia realizzato un progresso conoscitivo rispetto al pensiero politico classico. Io riconosco esplicitamente il progresso nella farmacologia, nella chirurgia, nell'ingegneria aeronautica ecc.; non credo, invece, nel progresso come categoria della filosofia della storia e, soprattutto, della semplice filosofia. Oggi viaggiamo e ci curiamo in modo indubbiamente pi "progredito", ma non credo che Kant e Hegel abbiano realizzato un "progresso" rispetto a Platone e ad Aristotele. Questa la ragione per cui utilizzo tranquillamente la categoria classica di "oligarchia", facendomi consapevolmente beffe delle raffinate trame politologiche contemporanee. Passiamo al secondo punto, che in realt deriva consequenzialmente dal primo e ne , dunque, un suo logico corollario. Se infatti non viviamo in una democrazia, ma in una oligarchia munita di apparati secondari e non essenziali di tipo pseudodemocratico e pseudoliberale, derivati da una fase storica precedente ed ormai gi quasi del tutto consumata, e se questa presunta "democrazia" non che un fantasma di legittimazione ideologica, ne consegue allora che questa (inesistente) democrazia non fa parte dei cosiddetti "diritti umani" universalistici da esportare militarmente in aree geografiche, religiose e politiche, che vengono dichiarate unilateralmente non-democratiche, per avere appunto il diritto di isolarle prima con embarghi economici e di invaderle militarmente poi, se non crollano da sole.

24

25

Per comprendere bene quanto ho appena scritto, bisogna ovviamente chiarire il problema filosofico del cosiddetto "universalismo", distinguendo l'universalismo scientifico (veramente esistente), l'universalismo filosofico (a mio avviso, anch'esso esistente), e infine lo pseudo-universalismo ideologico teso a legittimare comportamenti unilaterali e particolaristici travestiti con un universalismo" inesistente e posticcio (di cui non bisogna stancarsi mai di denunciare la strumentalit). C' poi il problema specifico della costituzione della teoria dei cosiddetti "diritti umani", diventata oggi una vera e propria religione umanistico-ecumenica dotata di apparati inquisitori e missionari. Questa teoria, che nasce su base giusnaturalistica ed ha perci alle spalle una lunga e nobile tradizione, che sarebbe sciocco irridere o sottovalutare infatti non ho alcuna intenzione di farlo oggi diventata, insieme con la sua premessa economica, la teoria della (gi avvenuta) globalizzazione, una protesi bellica rivolta a distruggere quello che resta del diritto pubblico internazionale. In questa introduzione, comunque, la cui funzione limitata alla esplicitazione veridica delle mie premesse di valore, sufficiente insistere sul punto essenziale della questione, che riassumer cos: se il nostro prodotto politico occidentale di esportazione una oligarchia, malamente travestita di inesistente democrazia, del tutto

falso e illegittimo far passare questo prodotto avariato per un diritto umano urtiversalistico primario come la penicillina o le benemerite tecniche di potabilizzazione delle acque. Siamo giunti cos al terzo ed ultimo punto, da esplicitare immediatamente al lettore. I primi due punti, infatti, potrebbero essere definiti puramente "negativi", in quanto basati sulla critica, sulla denuncia e sulla demistificazione, mentre questo terzo ed ultimo punto pu essere definito "positivo", in quanto apre pur sempre una prospettiva, sia pure difficile e non garantita. In proposito, sia ben chiaro che io non credo affatto che in sede storica e filosofica sia necessario essere "positivi" ad ogni costo, come afferma il noto pensare positivo di molti cantautori, piazzisti, preti, psicologi televisivi, scommettitori, politici ed altri bookmakers di vario tipo. Il pensiero-placebo non cura le patologie, tanto meno poi le patologie
Il popolo al potere
Introduzione

storiche e sociali. Se per questo mio ultimo terzo punto pu esse-re definito "positivo", ci avviene perch ritengo legittimo pensare sulla base di una scommessa, che, a sua volta, si basa su urta possibilit ontologica e sociale allo stesso tempo: la democrazia, intesa come popolo al potere o, pi esattamente, come processo di costituzione storica e sociale di comunit, che intende esercitare il potere sulla riproduzione della propria esistenza, possibile. In altre parole, il popolo inteso come corpo elettorale passivizzato e manipolato dalle oligarchie mediatiche e da quelle finanziarie non andr mai al potere, ma il popolo inteso come

insieme plurale di comunit liberamente organizzate pu andare al potere. Non si tratter, ovviamente, di un potere definitivo, ed anzi bene che non sia cos. Il potere definitivo un'aberrazione e una contraddi-zione in termini, perch la presunta ed inesistente definitivit un delirio di onnipotenza patologico imperfettamente mascherato da pesudo-legittimazioni "scientifiche", ma in realt ideologiche. Sostenere che la democrazia, che per me sempre e solo un pro-cesso dinamico di accesso del popolo al potere - mai definitivo e sempre revocabile - e non un semplice potere del popolo, definito in via esclusivamente istituzionale sulla base di sistemi elettorali dati, qualcosa di possibile, significa entrare in un agorte filosofi-co interminabile - la Kamplatz, di cui ha parlato il grande Kant - con i due convergenti "partiti" di coloro che pensano o che la de-mocrazia impossibile, oppure che la democrazia forse possibi-le, ma certamente non auspicabile. Questi due partiti si sono affacciati prestissimo sulla scena della storia e si sono riprodotti fino ad oggi attraverso metamorfosi fa-cilmente riconoscibili. Coloro che sostengono che la democrazia impossibile, lo fanno generalmente utilizzando due argomenti lar-gamente convergenti; l'argomento della natura necessariamente elitaria, minoritaria e oligarchica dei governanti, indipendentemen-te dal modo con cui vengono legittimati - elezione esterna o cooptazione interna - e l'argomento della complessit specialistica

delle decisioni da prendere, una volta che si sia abbandonato il terreno "semplice" delle decisioni accessibili a tutti, come quelle da prendere nelle piccole comunit nomadi di pastori ed allevatori oppure nelle piccole comunit stanziali di cacciatori, raccoglitori ed agricoltori. Coloro, invece, che sostengono che la democrazia (forse possibile, ma non per questo auspicabile, lo fanno basandosi sull'ignoranza del bene politico "vero", che caratterizza le mag-gioranze popolari, argomento che nella sua forma nobile e classica i risale addirittura a Socrate, mentre, nelle sue forme attuali, mette in guardia dal fatto che, di per s, delle maggioranze elettorali non "illuminate" si intende, non illuminate dallo pseudo-`, universalismo ideologico occidentale - potrebbero scegliere "liberamente" il fascismo, il comunismo, il populismo carismatico e auto-ritario e il fondamentalismo islamico, ebraico o ind.
26 27

Tratter estesamente queste due grandi obiezioni alla democra-zia: l'obiezione dell'impossibilit e l'obiezione della non auspicabilit. Anticipo subito che non possono esistere confutazioni "definitive" di queste due classi. A suo tempo, Protagora sostenne che la democrazia un processo educativo, di cui tutti gli uomini sono capaci, in linea di principio, perch tutti gli uomini sono dotati, per natura, del senso comune politico associativo e comunitario minimo, che ne fa soggetti razionali. Aristotele, che pure da un punto di vista dottrinale non fu un partigiano della democrazia politica nel senso di

Clistene e di Pericle, ne fu per un sostenitore filosofico, con la sua doppia definizione antropologica di uomo come animale politico, comurtario e sociale (politikn zoon) e come animale dotato di ragione (zoon logon echon). Ne parler successivamente. Ho voluto per anticipare subito questa concezione della democrazia come processo di educazione comunitaria resa possibile da una determinata concezione della natura umana, perch questa concezione la inia e dunque il lettore ha il diritto di conoscerla subito. Dopo aver chiarito il mio punto di vista sul problema della de-mocrazia oggi, posso tirare un sospiro di sollievo, sapendo che in questo modo non mi lascer alle spalle spiacevoli equivoci, che
Il popolo al potere In troduzione

potrebbero rendere l'ulteriore lettura faticosa e ambigua. Ora, per, comincia il difficile, perch le affermazioni apodittiche devono essere seguite da argomenti in qualche modo convincenti. Questo sar il compito dei tre capitoli tematici del mio saggio e dei commenti, che far a proposito dei libri e degli autori, che segnaler nella nota bibliografica generale, concepita come un vero e proprio capitolo indipendente. In ci che resta di questa introduzione, invece, anticiper in forma sintetica alcuni problemi, che devono rendere consapevole il lettore della complessit di un concetto apparentemente semplice come quello della "democrazia". La democrazia infatti come la "prosa", di cui parla il protagonista del Borghese Gentiluomo di Molire, che vuole

imparare le buone maniere e la cultura dei salotti e che scopre, nelle lezioni lautamente pagate che gli vengono impartite, di avere sempre parlato "in prosa" senza mai sapere che cosa esattamente significasse questa parola. Per la "democrazia" avviene esattamente lo stesso, anche se quasi sempre in modo pi sgradevole e grottesco. Ad esempio, vi sono scuole di politologi (Mosca, Pareto, Michels), che in modo analitico e serioso scoprono l'esistenza di ldesminoritarie ed oligarchiche e di "classi politiche" professionalizzate, che si autoriproducono per cooptazione interna al di fuori di ogni controllo democratico, cosa perfettamente nota nei pi piccoli particolari alle casalinghe e ai perdigiorno dei caff, fra una chiacchiera sportiva e l'altra. Per fare un altro esempio, mentre il circo mediatico omologato e la corporazione universitaria dei politologi e degli opinionisti riempie le prime pagine dei giornali - dedicate alle trib dei semicolti e alla classe politica mazzettara, laddove la cosiddetta "gente comune" la salta sistematicamente per dedicarsi unicamente alle pagine della cronaca criminale, della cronaca sportiva e del g-ossip sessuale e pecoreccio - con elogi alla democrazia, la gente comune ha spesso l'esattissima percezione che in realt questa famosa "democrazia" non esista. In Italia, questa sensazione, assolutamente esatta nell'essenziale, viene generalmente diffamata con il tei mine spregiativo di qualunquismo. Ora, non intendo affatto negare che il qualunquismo esista, e sia negativo. Il dire che i politici sono tutti quanti eguali e che

28

vogliono soltanto toglierci i soldi dalle tasche, per metterli nelle loro, fattualmente falso, perch in realt la politica esprime anche e soprattutto interessi economici, sociali e culturali differenziati, e dunque anche parzialmente "rappresentabili" (nonostante tutte le critiche che si possono fare alla teoria della rappresentanza in nome della pratica comunitaria diretta della democrazia). Nello stesso tempo, il "qualunquista", sia pure in forma volgare, fastidiosa e semplificata, intercetta involontariamente un fatto reale, l'attuale omologazione del ceto politico professionale bipolare maggioritario - in cui i due poli sono in realt diretti dai rispettivi "centri", che lasciano l'avanspettacolo identitario ed irrilevante alle pittoresche ali estreme ideologiche - alla riproduzione sistemica dell'attuale forma di turbocapitalismo globalizzato, laddove i tifosi identitari della rispettiva militanza sportiva, apparentemente pi colti e consapevoli dei precedenti, sono in realt vittime di una serie di illusioni, ancora pi grottesche del qualunquismo sopracitato. I caroselli domenicali di tifosi politici con il clacson schiacciato e lo sventolio di bandiere di partito, non sono un'alternativa alla trib qualunquista dei borbottatori di caff, che manderebbero tutto il ceto politico a lavorare nelle miniere di sale, ma
29

/ ne sono solo l'opposto complementare. La trib dei tifosi e la trib dei qualunquisti borbottoni sono l'espressione di una

patologia della democrazia moderna, intesa come luogo della deci--sione politica effettiva fatta da cittadini informati e consapevoli. Fatta questa premessa, posso ora elencare sommariamente una serie di problemi destinati ad essere ripresi pi avanti.
,

identica

Un primo problema dato dalla fisiologica oscillazione semantica e concettuale del termine "democrazia" da un semplice metodo procedurale rivolto a prendere decisioni politiche legittime - in altre parole, il metodo del conteggio della maggioranza dei voti liberamente espressi da un corpo elettorale di cittadini a pieno diritto - ad un contenuto vero e proprio; pi esattamente, ad una forma sostanziale del perseguimento del bene politico comunque
Il popolo al potere

inteso. Ho definito questa polarit fisiologica e, nello stesso tempo, talvolta addirittura tragicomica, perch vi sono decisioni, prese con ampia maggioranza democratica, che sono clamorosamente, anzi grottescamente sbagliate (questo il lato comico) e, nello stesso tempo, comportano terribili conseguenze, in termini di perdita di vite umane in guerre catastrofiche e sbagliate (questo il lato tragi-co). Qui, il problema storico e politico della democrazia diventa ipso facto un problema filosofico, e chi disprezza la filosofia, come inter-minabile perdita di tempo incapace di giungere a qualcosa di scien-tifico o almeno di certo,

sega di fatto lo stesso ramo su cui seduto. La separazione di forma e di contenuto infatti - come gi ben sapeva Aristotele un'operazione mentale di astrazione assoluta-mente necessaria per chiarirsi le idee, ma nella realt non esistono forme e contenuti isolati e completamente indipendenti le une dagli altri, per cui la separazione di cosiddette forme "buone" e di conte-nuti "cattivi" (o viceversa) si fonda su un errore prima concettuale e poi anche, necessariamente, pratico e politico. Il proceduralismo, che astrae dal contenuto della decisione presa in modo costituzionalmente legittimo, solo l'altra faccia del presunto "corttenutismo", che prescinde dalla forma dispotica e tirannica con cui le decisioni politiche vengono prese (personalmente, vedo nel proceduralismo di Norberto Bobbio o nel contenutismo filo-stalirtiarto di Domenico Losurdo due patologie complementari e polari di un'identica ten-denza a separare ontologicamente forma e contenuto).

La democrazia indubbiamente anche procedura o, pi esatta-mente, un insieme di procedure. Identificata con il semplice principio di maggioranza, resta priva del concetto di tutela costituzio-nale di coloro che sono rimasti in minoranza e intendono organiz-zarsi in modo stabile e permanente, per potere in futuro diventare maggioranza. La somma dei principi di maggioranza e di tutela delle minoranze si chiama in genere "liberaldemocrazia" e indica un fatto assai pi storico che teorico, cio la progressiva fusione del principio liberale e di quello

democratico; principi, che, prima di fondersi - una fusione peraltro sempre imperfetta, non definitiva e
30
Introdu7ione

31

piena di crepe - furono a lungo opposti, antagonistici e addirittura talvolta incompatibili, come al tempo della rivoluzione francese del 1789 o, ancor pi, delle rivoluzioni democratiche dell'Ottocento. Di liberaldemocrazia per talvolta si muore, quando le liberaldemo-crazie formalmente costituzionali dichiarano guerre sanguinose e barbariche alle spalle dei loro stessi popoli a suo tempo convocati regolarmente in elezioni liberaldemocratiche formalmente perfet-te. Si tratta del problema della guerra o, pi esattamente, del rap-porto fra guerra e democrazia, che sar il secondo problema che segnaler, sia pur sommariamente, in questa introduzione. La for-ma democratica e il contenuto guerresco - pi esattamente, della guerra ingiusta in quanto guerra di aggressione non giustificata dalla legittima difesa contro un'invasione pretestuosa fondata su menzogne - sono infatti i poli, che fanno saltare il proceduralismo, rivelandone la miseria. Lo scoppio della guerra del 1914 ne fu un esempio indimenticabile. Esiste un luogo comune apologetico del-le liberaldemocrazie, per cui sarebbero sempre e soltanto i dispotismi autoritari e totalitari a scatenare le guerre, mentre le liberaldemocrazie non lo farebbero mai. Si tratta di un fatto

scandolosamente falso, oggi smentito, fra l'altro, dalla guerra del Kosovo del 1999 e dalla guerra contro l'Iraq del 2003, entrambe scatenate in piena violazione del diritto internazionale da stati formalmente liberaldemocratici. Questo costringe per a mettere meglio a fuoco il problema del rapporto fra democrazia e guerra (precisando ancora che, per guerra, intendo "guerra ingiusta di aggressione", dal momento che non sono affatto un "pacifista as-soluto", e anzi sostengo integralmente il diritto alla guerra di legit-tima difesa e alla successiva resistenza, anche armata, contro l'illegittimo invasore). Come ricorder nel primo capitolo, la meravigliosa democrazia ateniese di Clistene e di Pericle era anche una spietata macchina da guerra, e non lo era certo meno di quanto non lo fosse l'aristocrazia castale e guerriera di Sparta. L'antica Roma non fu mai, in alcun momento, una democrazia - al massimo, fu una "costituzione
Il popolo al potere Introduzione

mista", secondo i termini di Polibio - ma molto spesso fu proprio la sua componente sociale pi "democratica" (i comizi centuriati, i populares ecc.) a spingere per dichiarare guerre di aggressione e di conquista, fonte di terre e di schiavi, in primo luogo, per tutti coloro che non ne possedevano ancora. vero che nel mondo antico la guerra era quasi sempre percepita come una fisiologica normalit sociale, e non come un

problema morale in s e per s - con alcune eccezioni interessanti, ma tutto sommato marginali - ma anche vero che la conoscenza della storia antica deve metterci in guardia dall'inesistente coppia democrazia/pace e tirannia/guerra. Solo una democrazia filosoficamente universalistica pu infatti coniugare metodo democratico e perseguimento della pace. Ma la democrazia universalistica un'astrazione, perch democrazia vuol dire anche e soprattutto partecipazione, e la partecipazione fattualmente possibile sempre e solo comunitaria, quindi spazialmente limitata. La "comunit mondiale" , kantianamente parlando, un'idea della ragiort pura pratica, dunque qualcosa di astratto, a meno che si pensi - e, come vedremo nel terzo ed ultimo capitolo, vi sono molti sciocchi che lo pensano - che la comunit mondiale sia l'esito ineluttabile o di una globalizzazione liberistica economica del Pianeta o - ma per me , paradossalmente, lo stesso - dell'azione demiurgica di un soggetto sociologico proletario portatore del segreto del destino dell'umanit. Occorre riconoscere apertamente che una comunit retta al suo interno da regole democratiche, pu tranquillamente essere un fattore di aggressioni belliche, addirittura rafforzate dalla maggiore coesione interna che ha un "esercito democratico" rispetto ad uno aristocratico, oligarchico o tirannico. Qui, allora, si pone il terzo problema che intendo segnalare in questa introduzione: il rapporto fra democrazia ed u_niversalismo o, pi esattamente, fra

democrazia filosofico.
32

politica

universalismo
33

La denuncia filosofica del carattere potenzialmente nichilistico della decisione democratica risale, come noto, all'ateniese Socrate. Della figura di Socrate si sono date ovviamente, nel corso della storia, moltissime interpretazioni e dar anch'io la mia, nel primo capitolo. intuitivamente evidente che la semplice applicazione proceduralmente regolata del principio di maggioranza non garantisce n la soluzione pi utile, n la soluzione moralmente migliore. Per questa ragione, difficilmente negabile anche dai relativisti e dai convenzionalisti pi radicali, le costituzioni democratiche sono anche quasi sempre state costituzioni "protette", nel senso che si sono variamente dotate di una sorta di "cintura protettiva giusnaturalistica" sottratta in via di principio al gioco mutevole delle maggioranze e delle minoranze spesso casuali e contingenti. Questa cintura protettiva sempre, a mio avviso, di tipo giusnaturalistico ed di secondaria importanza, se le premesse di diritto naturale, sottratte alla sovranit delle decisioni democratiche a maggioranza, sono fondate su una religione rivelata e interpretata da un clero organizzato, oppure su una teoria filosofica razionalistica con pretese di validit universalistica. Vorrei insistere molto sulle parolette "secondaria importanza",

perch il pensiero cosiddetto "laico", dominante fra gli intellettuali occidentali, presta, a mio avviso, un'attenzione eccessiva alle modalit di legittimazione di una norma, anzich al suo valore autonomo di verit e di giustizia. Per quanto mi riguarda, essendo diventato da tempo un "contenutista" radicale, poco mi importa se una norma politica e morale, che ritengo buona in s sulla base evidentemente di una libera valutazione universalistica, sottoponibile al dialogo razionale di controllo, sia legittimata sulla base della rivelazione di Dio, di Allah, di Buddha, della filosofia indiana, greca o cinese. Il nesso fra filosofia e democrazia qui appare in piena luce. Siamo invece di fronte ad un apparente paradosso, su cui sar necessario tornar-re con insistenza e pazienza. Da un lato, infatti, dominante oggi L nella filosofia politica e giuridica occidentale una posizione di tipo relativistico, scettico e convenzionalistico, che nega ogni validit alle proposizioni universalistiche del diritto naturale, sostenendo appunto che lo stesso diritto naturale una pura invenzione, inIl popolo al potere

deona di fare da base di riferimento al diritto positivo, la cui nor-; ma sempre autofondata ed autoreferenziale (posizioni simili si ; possono leggere in

Hans Kelsen, che le ha sistematizzate in modo particolarmente accurato, ma anche in Benedetto Croce e in Norberto Bobbio). Dall'altro, gli stessi propugnatori relativisti e convenzionalisti che spesso si nascondono ipocritamente sotto l'etichettatura innocente di "pluralisti" non possono rinunciare alla cintura protettiva del diritto naturale, cio alla cintura protet-tiva di norme fondamentali sottratte al puro gioco delle maggio-ranze elettorali. Questo giusnaturalismo che si vergogna o, se si vuole, questo giusnaturalismo a geometria variabile, basato sul prin-cipio qui lo dico e qui lo nego, si presta splendidamente all'edificazione dello pseudo-universalismo ideologico interventista dei diritti umani, da imporre con bombardamenti e corpi di spedizio-ne. Per usare un triste ossimoro, si tratta di un positivismo giuridi-co fattuale, che si maschera ideologicamente da giusnaturalismo la carte, in cui il cliente decide sovranamente leggendo il menu che cosa sia diritto naturale e che cosa invece non lo sia. Ma questo il triste scenario del mondo di questo inizio di terzo millennio, su cui sar necessario ritornare dettagliatamertte nel terzo ed ultimo capitolo, chiarendo che, se questo scenario storico-politico non sar - rovesciato in tempi ragionevoli, nessuna democrazia delegata o diretta, formale o sostanziale, individualistica o comunitaria sar possibile per noi e per i nostri discendenti.

--Un quarto problema, strettamente connesso a quelli evocati in pre-cedenza,

dato dal rapporto fra politica e morale, rapporto in cui si inserisce ovviamente anche il tema della forma democratica di gover-no. Urta lunga tradizione occidentale di filosofia politica, che com-prende anche avversari filosofici della democrazia egualitaria da Aristotele a Montesquieu, sostenitori, il primo, di urta democrazia limitata alla classe media e il secondo di una democrazia limitata all'aristocrazia nobiliare, quindi, se le parole hanno ancora un senso, di una non-democrazia concorde nell'affermare che la democrazia u_na forma di governo, che richiede una particolare
34
Introduz one

35

"virt" (aret, vfrtus) nei cittadini: la virt politica, appunto. Si tratta allora di capire se questa specifica virt politica sia solo una sorta di prolungamento comunitario di un insieme di virt morali propriamente dette, o qualcosa di specifico, che in alcuni casi non per nulla "morale", anzi. In proposito, Niccol Machiavelli molto chiaro: .., mi parso pi conveniente andare
dietro alla verit effettuale della cosa, che alla immaginazione di essa. E molti si sono immagina-ti repubbliche e principati che non si sono mai visti, n conosciuti essere in vero. Perch egli tanto discosto da come si vive e come si dovrebbe vivere, che colui che lascia quello che si fa per quello che si dovrebbe fare, impara pi tosto la ruina che la preservazione sua: perch un uomo che voglia fare in tutte le parti professione di buono, conviene riuni

inf-ra tanti che non sono buoni.

Non si potrebbe esprimere meglio e in modo pi semplice una con-cezione sostanzialmente pessimistica della natura umana, da cui de-riva necessariamente -un "realismo politico", programmaticamente e quasi provocatoriamente anti-utopistico, che separa nettamente la politica dalla morale. Sulla base di un'analoga concezione pessimistica della natura umana, l'inglese Thomas Hobbes critic le il-lusioni democratiche in nome di una sorta di dispotismo securitario, in cui appunto la sicurezza della vita umana era messa come fon-damento della politica, laddove il metodo democratico avrebbe potuto suscitare dei "centauri" estremisti e furiosi ispirati da messianesismi religiosi eversivi. Il filosofo francofortese Max Horkheimer, che scrisse note su Machiavelli estremamente acute e intelligenti, ha sostenuto in proposito che l'uomo non affatto cattivo per natura (e neppure buono), ma al tempo di Machiavelli di fatto lo era, quindi il pensatore fiorentino era perfettamente le-gittimato a dirlo. Il rapporto fra politica e morale pu essere graficamente visua-lizzato da una linea, in cui ad un estremo si pone la piena identi-ficazione dei due termini e all'estremo opposto la loro totale separazione. Come accade quasi sempre nella realt, si danno invece
11 popolo al potere Introduzione

varie mescolanze, e questo per una ragione estremamente semplice. Anche ammesso, infatti, che vi siano storicamente casi di tiranni o di assemblee aristocratiche e/o democratiche completamente e provocatoriamente amorali ed immorali, persino questi "mostri" scoprono ben presto che il riferimento ai valori "morali" una risorsa di legittimazione e di consenso per i loro stessi fini politici del tutto amorali ed immorali. Questo paradosso innesca molto spesso una dialettica politica particolare, dal momento che l'uomo, lungi dall'essere un ente ontologicamente immorale, al contrario un ente, che inevitabilmente produce rappresentazioni "morali" della societ. Ci ritorner su esplicitamente nel secondo capitolo dedicato al rapporto fra democrazia e filosofia. Per ora, basti sottolineare che quanto affermo non per una mia adesione alla dottrina di Kant che considero generosa e civile, ma anche del tutto astratta e quindi inverosimile - ma in base a considerazioni di tipo prettamente darwiniano ed evoluzionistico. La produzione di norme morali, infatti, che la religione ha il compito di fondare, legittimare ed eternizzare - quindi nasce prima la morale, intesa come etica di conservazione del gruppo primitivo, e poi il simbolismo religioso eternizzante impedisce al gruppo primitivo di autodistruggersi con lo scatenamento di un atomismo aggressivo ed autoreferenziale. L'uomo non nasce dunque per nulla come

lupo per l'altro uomo (uomo homini lupus), come sostenne a suo tempo Hobbes criticando Artistotele (tanto migliore di lui), ma, se proprio vogliamo ad ogni costo utilizzare metafore zoomorfe improprie l'uomo infatti un ente naturale generico, mentre l'animale un ente naturale specifico, ma su questo torneremo - nasce come membro di un gregge senza pastore, che tiene insieme tutte le sue pecorelle con un legame sociale simbolico. Esiste una tradizione secolare di polemica liberale contro la democrazia eg-ualitaria (Rousseau) e poi contro il comunismo politico novecentesco (Lenin), che accusa queste due forme politiche anti-liberali di soffrire di una specifica patologia filosofica deva36

stante: la patologia moralistica coercitiva, che vuole costringere gli uomini ad essere liberi (Rousseau) oppure, ancora peggio, che li vuole obbligare con la forza ad edificare l'uomo nuovo comunista (Lenin). Non nego la parziale fondatezza di queste critiche liberali al prescrittivismo coercitivo fondato sulle cosiddette "buone intenzioni" ed ammetto apertamente che, di per s, le "buone intenzioni" non sono un argomento filosoficamente decisivo, anzi. Si spesso negata la legittimit della comparazione fra il nazionalsocialsmo tedesco e lo stalinismo sovietico, sostenendo che impropria,

perch Stalin ha commesso i suoi crimini sulla base di buone intenzioni (l'universalismo egualitario comunista), mentre Hitler li ha commessi sulla base di intenzioni pessime (il razzismo ariano genocida verso ebrei, zingari, slavi ecc.).
37

A mio avviso, bench personalmente preferisca Stalin a Hitler - e non vedo perch devo nasconderlo pudicamente al lettore - accetto invece pienamente la legittimit della comparazione e considero il rifiuto di questa comparazione un residuo di bigottismo antifascista. Io non devo difendere posizioni politiche e storiografiche precostituite, ma scrivo questo saggio, per cos dire, "con le mani libere". Non devo difendere il liberalismo contro il comunismo, perch considero il liberalismo una forma di oligarchia economica, ed io sono per la democrazia; per non devo neppure difendere il comunismo contro il liberalismo, perch considero il comunismo una forma di dispotismo sociale, ed io sono per la democrazia. Del liberalismo apprezzo il principio di libert, e del comunismo il principio di eguaglianza. Si tratta di due principi, la cui fusione integrale impossibile, e da lungo tempo ho smesso di credere nel principio alchemico della loro fusione aurea. La "pietra filosofale", beninteso, esiste, ma solo nella testa dei filosofi. E la fusione integrale impossibile, per il semplice fatto che si tratta di due principi asimmetrici, che non si ricoprono spazialmente e temporalmente, in quanto

si pu essere pi liberi di un altro, ma non si pu essere pi eguali di un altro. I due principi, dunque, danno luogo ad una dialettica di tipo tragico, in cui ogni conciliaIl popolo al potere

zione finale impossibile e, quando invece sembra possibile, lo sempre in forma instabile, fragile e provvisoria. Un quinto problema certamente dato dal rapporto fra politica ed economia: a mio avviso, questo quinto problema deriva dal quar-to molto pi di quanto generalmente non si creda, se, ad esempio, poniamo mente al fatto che Adarn Smith, considerato il fondatore dell'economia politica liberale moderna con il suo libro del 1776 La Ricchezza delle Nazioni, era un professore di filosofia morale. Siamo infatti talmente abituati, attualmente, a considerare il regno dell'economia come qualcosa di intrinsecamente immorale del resto, non posso negare che anch'io condivido questa valutazione, in quan-to ci che oggi definito "economia", in realt solo "crematistica", arte di accumulare ricchezze da avere dimenticato che, solo poco pi di due secoli fa, l'economia nacque concettualmente come particolare estensione della filosofia morale, in quanto si pensava che lo sviluppo degli "interessi" borghesi e capitalistici fosse meno di-struttivo, e quindi pi morale, dello scatenamento delle "passio-ni" signorili, nobiliari e feudali. La storia degli

ultimi due secoli ha invece dimostrato che cos non e che gli interessi sono altrettanto e pi distruttivi delle passioni. questo un grande argomento filo-sofico, difficilmente aggirabile, in favore della scuola anti-utilitaristica (Mauss, Caillois, Latouche, Salsano ecc.). n-orniamo ora al problema del rapporto fra politica ed econo-; mia: dove si inserisce la questione della democrazia? bene che '; questo punto sia ben compreso, perch l' intero mio saggio, e non solo questa sommaria introduzione, presuppone la sua piena comprensione. In proposito, mi riferir alla classica impostazione di Karl Polanyi, vecchia di almeno mezzo secolo, ma tuttora, a mio avviso, insuperata. La tesi di Polanyi pu essere riassunta cos: il capitalismo caratterizzato strutturalmente dalla separazione di principio fra economia e politica, nel senso che la riprochizione eco-nomica complessiva del sistema capitalistico del tutto autonomizzata e largamente indipendente da qualsivoglia interven-to politico esterno, che al massimo "correttivo"; nelle societ
38
Introduzione

39

1. precapitalistiche, invece, l'economia era "incorporata" (embedded) in un insieme pi ampio, che era nello schiavismo di tipo politico e

t\

nel feudalesimo europeo di tipo religioso.

Esiste dunque una diffe-renza qualitativa di principio fra la decisione politica nell'antica , democrazia greca (o nelle societ non democratiche dell'antico orien-i te o dell'Africa sub-sahariana) e la decisione politica nel capitali-tri s o; il primo tipo di decisione politica "mordeva" direttamente nei i contenuti economici, in modo essenziale e nondeterminandoli solo l sussidiario; il secondo tipo di decisione politica, invece, ha un rag-i ' g,io di intervento infinitamente minore, perch non "morde" nella vera e propria riproduzione capitalistica, ma al massimo ne influenza \--aspetti secondari di tipo distributivo. Ho qui riassunto la tesi di Polanyi in modo indubbiamente tele-grafico e semplificato, ma ritengo di non averla falsata. Dico que-sto perch, al tempo stesso, proclamo qui solennemente di condi-viderla praticamente in toto. Se infatti Polanyi ha ragione, come io ritengo, allora il problema principale di ogni filosofia politica de-gna di questo nome la tematizzazione critica del rapporto fra politica ed economia e una teoria della democrazia, che non ne parli nemmeno, vale a malapena la carta su cui scritta e, in ogni caso, non ci aiuta a capire quasi niente del mondo. Ad esempio, la filosofia politica di Norberto Bobbio , a mio avviso, una delle peg-giori esistenti sul mercato delle idee, proprio perch costruita sul presupposto metodologico e programmatico della separazione di principio fra politica ed economia. Il grande successo, che essa ha oggi ma per quanto ancora?

i ,

proprio dovuto non alle sue qualit, ma ai suoi difetti, in quanto la nuova classe politica, giun-ta dopo il 1992 al potere in Italia sulla base del principio del pri-mato assoluto dell'economia neoliberale sulla politica, deve ap-punto richiamarsi come ideologia politologica di legittimazione ad una teoria fondata proprio sulla separazione metodologica del-l'economia dalla politica; separazione metodologica, che, in un contesto storico di primato soverchiante della prima sulla secon-da, ne legittima appunto ex post l'esistenza.
Il popolo al potere Introduzione

Un sesto problema, che deriva direttamente dal quinto, dato dal problema storico e filosofico del rapporto della democrazia politica con il liberalismo, da un lato, e con il socialismo e il comunismo, dall'altro. Di questo rapporto si parler ovviamente a lungo nel primo e nel secondo capitolo, ma bene anticipare subito alcuni rilievi di fondo. In proposito, ci sono due questioni cardinali, che bisogna immediatamente chiarire.
40 41

In primo luogo, io rifiuto radicalmente il posizionamento topologico delle posizioni "ideali" in un segmento delimitato da un polp detto di sinistra e da un polo detto di destra. Non nego certamente l'esistenza storica di innumerevoli forze politiche, sociali, sindacali e culturali, che si sono

autorappresentate secondo questa polarizzazione, perch negherei l'evidenza. Nego invece che oggi, qui ed ora, in Italia ed anche in Europa - per altre aree del mondo, come l'America Latina, andrei ovviamente pi cauto questo posizionamento topologico bipolare possa aiutarci a capire qualcosa, sia pure con i consueti aggiustamenti che - come a suo tempo sostenne il filosofo della scienza Imre Lakatos vengono generalmente giustapposti a paradigmi traballanti. In termini sintetici e inequivocabili: no alla dicotomia sinistra/destra, eredit storica di un passato ormai trascorso e oggi semplice protesi politologica bipolare maggioritaria imposta ad un sistema elettorale privo di sovranit politica, il cui compito quello di galvanizzare sostenitori identitari di tipo sportivo. Rifiuto dunque radicalmente di disegnare questo schema semplificato: estrema destra/ fascismo, destra moderata/liberalismo, centro virtuoso/democrazia, sinistra moderata/socialdemocrazia o socialismo, estrema sinistra/comunismo. Trasportando questo schema alla cultura, potremmo posizionare all'estremissima destra Julius Evola (pi a destra del fascismo) e all'estremissima sinistra Amadeo Bordiga (pi a sinistra del comunismo). Dal momento che sono un tollerante, credo che ognuno possa divertirsi anche con un gioco demenziale, quindi non ho nulla in contrario che si faccia il gioco sinistra/destra e che il vincitore possa scatenarsi per alcune ore in caroselli automobilistici con il clacson premuto dopo

lo spoglio elettorale rituale, in attesa che esperti economici bipartisan, pienamente omologati nello spazio centrista del centro-destra e del centro-sinistra, decidano gli stessi identiciprovvedimenti in nome della ceritralit teologica dei Mercati Finanziari divinizzati. Come c' chi crede nel bambino buddista reincarnato vestito di arancione e nello scioglimento del sangue di san Germaro come succedaneo della mancata soluzione dell'annosa questione meridionale, nello stesso modo si pu credere negli UFO, nel fatto che a buttar gi le Torri Gemelle di New York sia stato Bush in persona per avere il pretesto di dominare il mondo e, infine, nella vigenza storica attuale reale della dicotomia destra/sinistra. Per finire, ritengo che sia un presupposto necessario, per poter discutere sensatamente di democrazia oggi, svincolare integralmente questa discussione dal fantasma identitario della dicotomia sportiva sinistra/destra. In secondo luogo, rifiuto di farmi invischiare in discussioni astratte sulla cosiddetta "compatibilit" - o viceversa, ma assolutamente eguale, sulla cosiddetta "incompatibilit" - fra la democrazia, da un lato, e il liberalismo, il socialismo e il comunismo, dall'altro. Non parlo qui, volutamente, del cosiddetto "fascismo" prescindendo dalle sue numerose e divergenti forme storiche differenziate, laddove fra il tedesco Hitler e il portoghese Salazar passa in realt un oceano - perch,

da un lato, era il fascismo stesso a sostenere di essere ostile e incompatibile con la democrazia e a non rivendicarla e, dall'altro, si potrebbe sempre incasellare il fascismo in una sorta di democrazia cesaristica di mobilitazione carismatica. T orniamo, per, al tema della compatibilit o meno. L'imposta zione migliore quella che detta il vecchio e spesso trascurato buon senso: da un punto di vista astratto, formale, teorico e modellistico, la democrazia, intesa come metodo democratico di presa delle decisioni unito alla cintura protettiva giusnaturalistica di tutela dei diritti naturali di libert del cittadino, perfettamente compatibile sia con il liberalismo che con lo stesso comunismo; da un punto di vista storico, fattuale, concreto, bisogna verificare caso per caso se
Il popolo al potere Introduzione

lo sia oppure no. Ad esempio, laddove il pensiero originale di Marx , a mio avviso, pienamente compatibile con la democrazia, ed anzi il suo comunismo utopistico-scientifico - l'ossimoro voluto e non casuale - non pu che avere la democrazia come sua forma politica essenziale, il comunismo storico novecentesco realmente esistito - come direbbero insieme Machiavelli e Kant, il suo "essere" e non il suo "dover essere" - si ripetutamente e recidivamente dimostrato ad abundantam, anzi ad nauseam, come assolutamente incompatibile sia con il metodo democratico che, ancor pi, con lo

spirito democratico. Questo scollamento per usare un eufemismo - fra teoria e pratica della democrazia, deve essere correttamente percepito come qualcosa di tragicamente consustanziale alla dimensione aporetica delle vicende umane. Ci sarebbero ancora molti altre questioni da richiamare, ma ci torneremo sopra nella trattazione che seguir. Per ora, bene terminare con la segnalazione di un ultimo problema, che ho inteso lasciare consapevolmente per ultimo. Si tratta della segnalazione di un dubbio iperbolico sulla stessa esistenza della democrazia, non nel senso che la democrazia sia comunque illusoria ed impossibile, o possibile ma non auspicabile, ma nel senso di chiedersi se veramente gli esseri umani oggi organizzati in societ e/o in comunit ne abbiano bisogno, oppure se in realt si tratti di un bisogno inesistente, perch oggi la grande maggioranza delle persone non vuole democrazia - intesa come somma di autogoverno politico e di autogestione economica - ma sicurezza e buona amministrazione, rispetto dei parametri ambientali necessari ad una vita sana, garanzia economica contro la povert, la disoccupazione e le malattie, ed disposta a riconoscere come legittimo ogni governo "performativo" (nel senso di efficiente), non importa se oligarchico, dispotico, neoliberale o tecnocratico. giusto porsi dubbi iperbolici. Il grande filosofo francese Cartesio, ad esempio, definiva dubbio metodico quello rivolto

esclusivamente alle modalit della corretta conoscenza del mondo esterno delle cose e del mondo interno delle passioni, mentre definiva dubbio iperbolico quello che metteva in discussione persino l'esistenza del mondo esterno. Nello stesso modo, giusto porsi il dubbio iperbolico sulla necessit della democrazia stessa, intesa sia come metodo per la presa delle decisioni collettive legittime sia come processo culturale e antropologico per la costituzione processuale di individui liberati e di comunit solidali.
4?

43

Cercher di rispondere a questo dubbio iperbolico per tutto il corso del saggio, per bene che, per correttezza, anticipi subito la mia risposta al lettore in questa introduzione. Ebbene s, la democrazia non solo opportuna, ma necessaria; non lo sarebbe, se esistesse una "scienza politica", cos come esistono scienze fisiche, chimiche o biologiche. Gi Platone sognava una scienza politica di tipo pitagorico, e il pitagorismo era di fatto l'equivalente greco del modello galileiano del moderno metodo scientifico. Anche il marxismo di partito del Novecento - ma non Marx, come vedremo - ha seguito il mito della cosiddetta (ed inesistente) "direzione scientifica della societ". Io stesso, nei miei verdi anni, ho seguito in un Paese dell'Est un corso demenziale di "comunismo scientifico". rT democrazia, nel doppio significato formale di metodo democratico e sostanziale di profilo antropologico democratico diffuso, necessaria proprio perch la politica non

in alcun modo una scienza, e non pu diventarlo. Una volta capito questo punto essenziale, il resto segue facile facile. Per questa ragione, posso chiudere qui questa breve introduzione.

Democrazia e storia. Riflessioni su una vicenda bimillenaria

45

Questo primo capitolo propone al lettore alcune considerazioni di tipo storico sulle vicende dell'idea democratica nei secoli. Da un punto di vista logico, sarebbe stato forse preferibile inver-tire l'ordine di successione dei miei primi due capitoli, perch le istituzioni storiche presuppongono un certo modo preliminare di risolvere il problema simbolico del rapporto fra macrocosmo na-turale e microcosmo sociale, rapporto che, prima di essere "politico" in senso stretto, sempre religioso o filosofico. Tuttavia, il lettore medio, che non pratica professionalmente la storia della filosofia occidentale come disciplina specifica disciplina, che personalmente ho insegnato per trentacirtque anni nei licei italiani sar indubbiamente agevolato dal poter avvicinare prima gli eventi storici e dal potere poi ritornarvi sopra, riflettendo sui loro presup-posti filosofici e religiosi. Ad esempio, un'esposizione logica avreb-be dovuto prima discutere l'originario pensiero

di Marx sulla de-mocrazia e passare poi all'esame dei rapporti fra la democrazia e il comunismo storico novecentesco. Se ho scelto di invertire, volu-tamente, questa logica, l'ho fatto perch la maggioranza delle perso-ne entra prima in contatto con i fatti storici novecenteschi ispirati al cosiddetto "marxismo" che Marx non si sogn mai di edificare e di sistematizzare e soltanto dopo sente il bisogno di riflettere su questioni teoriche e dottrinali. Una discussione storica sulla democrazia presuppone migliaia di pagine, non un modesto capitolo di un saggio relativamente breve. Dal momento che, per, sui rapporti fra storia e democra-zia esistono trattati esaurienti, che si possono trovare segnalati in qualunque bibliografia informatica o cartacea, e a cui il lettore pu accedere agevolmente, non mi sono certo lasciato spaventare dal

11 popolo al potere

fantasma della mancata completezza. Mi soffermer allora su tre argomenti esemplari, tralasciandone altri forse altrettanto e pi degni di essere presi in esame: il modello della democrazia degli antichi Greci, la complessa storia dell'intreccio fra democrazia e liberalismo nel mondo moderno e, infine, le ragioni del sostanziale fallimento del comunismo storico novecentesco (1917-1991) nella coniugazione della democrazia e del socialismo. Sul problema della democrazia oggi e del perch, a mio avviso, non viviamo affatto in una democrazia - semmai, la democrazia un compito da svolgere e un terreno da conquistare, non certo qualcosa di gi esistente e che Va semplicemente "migliorato", "estenso" o "perfezionato" dir pochissimo qui, perch intendo sviluppare questo tema nel terzo ed ultimo capitolo.

Le ragioni della perenne attualit della filosofia politica degli antichi Greci e del fascino evocato dalla loro idea di democrazia
Non c' dubbio che permanga anche oggi un peculiare fascino per il modello democratico dell'antica Atene, anche se non dur a lungo e venne abolito dopo la conquista macedone (e romana) per essere

sostituito da una classica oligarchia di ricchi. In genere, le ragioni di questo fascino perdurante sono legate alla preferenza ideale che si ha per una vera e propria "democrazia diretta", in cui tutti i cittadini vengono convocati in assemblea per decidere a maggioranza su questioni vitali, di fronte ad una "democrazia delegata", necessariamente inquinata e corrotta dallo specialismo politico e dalle burocrazie professionali. Il modello ateniese di democrazia diretta , infatti, cos attraente che quasi sempre si tra-scurano i suoi difetti strutturali, come l'esclusione delle donne e degli schiavi. In genere, si archivia la cosa con un sospiro rasse-gnato, seguito da discorsi di questo tipo: sarebbe bello che ci potesDemocrazia e storia

46

se essere ancora urta democrazia come quella, ma oggi purtroppo impossibile, ci sono Paesi con milioni di persone, non si pu certo essere convocati tutti in una piazza, i problemi da risolvere sono "complessi" e richiedono uno specialismo, che si acquisisce con studi particolari; oggi, al massimo, l'utopia della consultazione simultanea dei cittadini pu essere pensata tecnologicamente attra-verso l'uso della rete informatica. Dalla democrazia dell' ag or alla democrazia del web. C' per una differenza non da poco: i cittadini delle agor formavano una comunit reale, si vedevano, si toccavano, si amavano e si odiava-no, mentre gli utenti del web formano soltanto
-

47

una comunit vir-tuale, che ha alle spalle la manipolazione del circo mediatico con le sue tecniche di saturazione e, soprattutto, la soverchiartte fata-lit dei cosiddetti mercati finanziari, la nuova divinit di oggi. Chi sostiene che l' agor di oggi il web, confonde, a mio avviso, una virtualit con urta realt. Chi scrive, non un "credente" in que-sta pur generosa utopia tecnologica. Non nego che, per una maggioranza di persone, il fascino della democrazia antica sia legato all'utopia della democrazia diretta contro il triste realismo procedurale e professionale della demo-crazia delegata. Non questo, il mio caso. La democrazia diretta che decide in tempo reale a maggioranza semplice , per, la stessa democrazia, che, come ha a suo tempo rilevato Hans Kelsen, posta di fronte alla scelta fra Barabba e Ges, vota per la libera-zione di Barabba e la crocifissione di Ges. In proposito, Kelsen, \ che sostiene che il relativismo scettico il presupposto filosofico 'ynplicito di ogni ricorso alla decisione politica da prendere a mag-gioranza quindi "democraticamente", se la democrazia il me-todo per la presa di decisioni collettive a maggioranza - osserva che il ricorso alla scelta del popolo di Gerusalemme presuppone ;che Ponzio Pilato non sapesse o non volesse rispondere alla do--manda che cos' la verit?. Se infatti Pilato avesse saputo, o creduto di sapere, che cos'era la verit, avrebbe assolto Ges e non ne avrebbe

certamente delegato la crocifissione alla maggioIl popolo al potere

ranza delle mani alzate della plebe gerosolimitana. Pi di mezzo secolo dopo Kelsen, il filosofo americano Richard Rorty, nemico dell'esistenza degli universali, sostiene che, con la fine della credenza nella metafisica, la democrazia pu finalmente sostituire la filosofia - spodestata dal trono illegittimamente occupato della via privilegiata per la conoscenza della verit, in quanto la democrazia come metodo politico e sociale ha proprio, come presupposto, la radicale inesistenza della verit - e la filosofia deve limitarsi ad essere una sorta di "civile conversazione", programmaticamente privata di ogni pretesa veritativa e, quindi, normativa. La sola normativit possibile pu e deve scaturire da un gioco regolato di maggioranze e minoranze. Il lettore avvertito: il mio saggio tutto costruito contro le opinioni di Hans Kelsen e di Richard Rorty, e questo non certo perch sostenga la persecuzione ideologica dei dissenzienti, in quanto non ritengo affatto di "possedere" la verit e, anche se la possedessi (in tal caso, sarei o una bestia o un dio) non sosterrei egualmente un punto di vista dispotico, perch ritengo che si possano tenere insieme metodo democratico, tolleranza verso i dissenzienti e fiducia nell'esistenza della verit filosofica. In proposito, nel discorso di Kelsen ci sono, a mio avviso, due "buchi";

due cose, cio, che non dice e che impediscono di comprendere, nella loro realt storica; Pilato, Barabba e Ges. Il lettore mi scuser, se ne parlo subito allontanandomi dal discorso sui Greci, ma bene non lasciare equivoci. In primo luogo, Kelsen pu suggerire l'intrigante dilemma su Barabba e Ges solo sulla base di una radicale destoricizzazione della situazione storica concreta della Palestina di quei tempi. Questa destoricizzazione, peraltro, sta sempre alla base delle considerazioni formalistiche del problema, da Kelsen a I3obbio. Ponzio Pilato non era un "libero decisore" razionale, ma un funzionario imperiale romano, che aveva l'ordine esplicito di non creare disordini inutili e di collaborare il pi possibile con il sinedrio governativo ebraico, composto da sadducei e farisei moderati, alcuni dei
48
Democrazia e storta

49

quali proteggevano anche i partigiani zeloti fuorilegge, mentre non avrebbero ovviamente potuto sopportare la predicazione pacifista, ma pur sempre messianica, di Ges di Nazareth, che intendeva "purificare il tempio" (traduzione: colpire la loro gestione mafiosa e privatistica delle decime) e "proclamare l'armo di misericordia del Signore" (traduzione: cancellare i debiti pregressi e liberare gli schiavi senza pagare compensazioni).

A Kelsen non interessa affatto il contesto storico e non per lui di alcun valore il fatto che gli zeloti avessero coinvolto i loro sostenitori per far assolvere Barabba, partigiano zelota dell' zntOda ebraica, che aveva appena pugnalato un soldato romano; a lui interessa il formalismo puro, cio che sia la maggioranza a votare Barabba contro Ges, e che Pilato comunque non intervenga perch non conosce la verit. Pilato, in quel caso, non intervenuto non certo perch non conoscesse la verit, che non consisteva in una tesi filosofica universalistica, bens in un semplice accertamento giudiziario, ma perch aveva ricevuto ordini ferrei da Tiberio di non scontentare gli ebrei e di cercare il consenso della plebaglia egemonizzata dal Sirtedrio. Il problema, infatti, era giudiziario, non filosofico: per Pilato, il "proclamarsi messia" non era un reato penale, perch non era neppure di fatto un reato, laddove invece pugnalare un soldato occupante era un reato penale, punito con la crocifissione; dal momento, per, che gli ebrei consideravano un reato punibile con la morte l'autoproclarnazione messianica anche se preferivano una bella lapidazione popolare alla crocefissione romana - Pilato acconsent, per ragioni non scetticorelativistiche (come suggerisce erroneamente Kelsen), ma di semplice opportunismo politico. Bisognava, per, inventarsi un cartello di condanna "zelotico", perch un semplice cartello di condanna filosofico avrebbe comportato la punizione di un mero reato di opinione, che nel mondo di Pilato non

esisteva, trattandosi di un mondo politeistico e pluralistico pullulante di epicurei, stoici, platonici, pitagorici ecc. Scrivere sul cartello della croce "INRI" ("Ges Nazareno Re dei
Il popolo al potere
Democrazia e storia

Giude"), significava esprimere una motivazione penale e non fi-losofica, perch "Re dei Giudei", in quel contesto storico specifico per cui Kelsen non ha il minimo interesse significava capo armato messianico del partito degli zeloti, i "terroristi" dell'epo-ca. Ges di Nazareth fu dunque crocifisso come "terrorista", non come predicatore di pace o come sostenitore del monoteismo, dal momento che, se c'era qualcosa di perfettamente "legale" nel mondo antico, era proprio il monoteismo stesso in tutte le sue versioni. In secondo luogo, Kelsen dimentica che Pilato non per nulla l'espressione del cosiddetto pensiero greco o della sapienza filoso-fica greca, in cui lo scetticismo era certo presente, ma solo come corrente minoritaria e marginale. Il romano Pilato conosceva cer-tamente bene il latino e il greco, il diritto romano e la filosofia gre-ca, ma era un uomo che veniva dopo tre secoli non di ellenismo classico, ma di et ellenistica. Per l'ellenismo classico, l'esistenza filosofica della verit faceva parte del tessuto culturale fondativo della sua civilt, anche se non mi sogno, ovviamente, di negare l'esistenza di posizioni alla Richard Rorty, che identificavano l'in-tera realt con il linguaggio (v. Gorgia ecc.). Per i Greci

antichi:Th logos era, ad un tempo, linguaggio e ragione e il corretto linguag-, gio esprimeva la corretta ragione delle cose.
50

Ho aperto questa parentesi sull'uso improprio che il relativista Kelsen fa a proposito della scelta democratica fra Ges e Barabba, per rilevarne il carattere radicalmente fuorviante; per mi anche servita per poter finalmente esplicitare il mio personale punto di vista sulla natura del fascino profondo, che il pensiero politico dei Greci ancora ha per noi. Questo fascino lo ripeto non risiede primariamente nell'immagine di un'assemblea brulicante di citta-dini infervorati, sempre disposti a farsi abbindolare da demago-ghi, guerrafondai e furbacchioni, che spesso prendevano decisio-ni democratiche a maggioranza assolutamente criminali, come lo sterminio degli abitanti di Melo, che si erano rifiutati di aderire all'alleanza ateniese contro Sparta. Questo fascino, per me, risie- de nel fatto che i Greci credevano nell'esistenza del bene politico, erano "sostanzialisti" e non solo "foinialisti", e ci pu essere facil-mente dimostrato esaminando il loro modo di classificare i regimi politici. Come noto, per loro fortuna i Greci non erano ancora impri-aionati dalla dicotomia classificatoria Destra/Sinistra e si orienz7

tavano invece sulla base di due parametri combinati, la qualit di chi governava e il modo in cui governava. La combinazione del binomio quantit-

qualit non , a mio avviso, qualcosa di storico e obsoleto, e dunque oggi tramontato ed inapplicabile, ma qualcosa di assolutamente attuale, certo pi attuale di Hobbes e di Locke. Riguardo a chi governava, le possibilit erano tre: uno solo (monarchia), pochi (aristocrazia), molti (politea, nel senso di democrazia costituzionalmente garantita da buone leggi e pra-ticata da cittadini forniti di educazione e di virt politica). Per quanto riguarda il come, si poteva governare bene in tutti e tre i modi e si poteva, invece, governare male nelle tre distinte degenerazioni di questi modi (la tirannide come degenerazione della monarchia, l'oligarchia come degenerazione dell'aristocra- zia, la democrazia corrotta dalla demagogia come degenerazioti,'

ne della politeia).

Trascuro qui le modificazioni di questa teoria da Aristotele a Polibio, ricordando soltanto che l'insistenza sul numero tre forse dovuta all'influsso di Pitagora e della scuola pitagorica, a meno che si voglia addirittura risalire al trifunzionalismo indoeuropeo stu-diato da Dumzil; interessa, invece, sottolineare che questa teo-ria presuppone l'esistenza di qualcosa chiamato "bene politico", e che il problema della democrazia come metodo di governo su-bordinato al problema del corretto esercizio del bene politico stes-so. Come vedremo pi avanti, non giusto dire, ad esempio, che Socrate stato un "nemico della democrazia", anche se questa frase

viene spesso ripetuta ed io stesso, per superficialit e fretta, me la sono talvolta lasciata scappare. Socrate poneva il problema del corretto esercizio del bene politico, e lo poneva come patriota
Il popolo al potere

ateniese, non come traditore e collaborazionista con gli Spartani. Questa concezione contenutistica del bene politico non significa, ovviamente, che chi la difende sappia gi perfettamente in cosa consiste il bene politico stesso e lo voglia imporre con le buone o con le cattive. So bene che l'odierna dittatura del relativismo ha imposto un ridicolo stereotipo diffamatorio, per cui chi difende la tesi filosofica dell'esistenza del bene politico e della sua compatibilit con la democrazia non limitata a metodo nichilistico, ma intesa come educazione libera al bene, visto come un potenziale sostenitore del totalitarismo: come, credi che esista una verit? Ma allora sei come Stalin! Ma allora sei come Hitler! Ma allora sei come Poi Pot! Ma allora, nella migliore delle ipotesi, sei come Ratzinger! Come noto, questo l'odierno dogma principale della dittatura della religione del "politicamente corretto", la dittatura del relativismo metodologico, visto come indispensabile presupposto del liberalismo e della democrazia. Ebbene s, lo ammetto e non lo nascondo: io sono un consapevole avversario della dittatura del

relativismo e non credo affatto che questa mia avversione mi porti a Poi Pot (la verit il comunismo egualitario contadino imposto con i fucili) oppure a Bin Laden (la verit il califfato universale voluto da Allah). Per questa ragione, mi faccio beffe di chi mi vorrebbe incatenare fino alla morte alla sua personale elaborazione del lutto del suo precedente mostruoso comunismo operaistico, seguita dalla sua riscoperta di Hobbes, Locke, Rawls, Bobbio o Habermas, e proclamo apertamente il mio ritorno alla concezione contenutistica dei Greci.

Tre significati possibili del termine "democrazia" ricavati dal patrimonio classico dei Greci antichi
Dal momento che sono gi molto numerosi gli studi filologici rivolti a chiarire le origini del termine democrazia - il termine damos,
Democrazia e Storia

inteso come parte del popolo, gi presente nelle tavolette micenee sErftein lineare B in epoca_preomerica - non seguir questa via, ma proporr quelli che ritengo i tre significati principali, che la tradizione classica ha consegnato alla cultura

occidentale posteriore: la democrazia come elemento specifico della tradizione occidentale contrapposta al dispotismo orientale, la democrazia come/ spazio del conflitto sociale addomesticato e reso gestibile senza guerra civile e, infine, la democrazia non come specifica forma dZ governo o di Stato, ma come prevalenza del demos, identificato\ con la parte pi povera e pi numerosa della comunit politica. I tre significati, ovviamente, si intrecciano e non si trovano mai isolati, ma possibile distinguerli nettamente per chiarezza. Nel primo significato, il termine "democrazia" connota una comunit di uomini liberi ed eguali, contrapposta ad un dispotism-o, in cui solo la parola del Re legge: Dal punto di vista storico, questo significato che contrappone l'Occidente, terra della democrazia e della libert, all'Oriente, terra del dispotismo, chiaramente sorto come ideologia identitaria greca al tempo delle guerre persiane e lo si trova gi presente nelle Storie di Erodoto. Da allora, questa ideologia occidentalistica identitaria ha avuto una lunga storia, che, se inizia con Maratona e Salamina, e quindi con Milziade e Temistocle, ben presente oggi nella saturazione mediatica inneggiante a Bush e a Blair nella loro lotta contro Bin Laden e Saddam Hussein, anche se, ovviamente, possibile arricchirla oggi con le polemiche contro il fascismo-comunismo e contro il fondamentalismo religioso ostile alla modernit occidentale, sempre identificata con il relativismo etico e

filosofico (solo, per, per gli intellettuali del coro, perch per le masse arruolabili si propone, invece, un fondamentalismo cristiano di tipo veterotestamentario). La democrazia diventa dunque una risorsa simbolica dell'ideologia occidentalistica identitaria, in una grande narrazione continua, che va da Erodoto alle truppe imperiali mandate a bombardare i cosiddetti stati-canaglia, quelli appunto che non applicano la "de52
Il popolo al potere

53

mocrazia" intesa come il primo dei diritti umani imprescrittibili. Che cosa pensare, di questo arruolamento simbolico dei Greci o, pi esattamente, degli Ateniesi del tempo di Pericle e di Socrate? T utto il male possibile, evidentemente; non solo per l'evidente stra-volgimento ideologico che sta sotto questa operazione di arruolamento occidentale retroattivo, ma per alcune solide ragioni stori-che, che cercher di ricordare subito. Da un lato, l'ideologia della guerra dell'Occidente contro l'Oriente non ha mai contraddistinto la cultura politica della pofis di Atene, ma semmai il profilo bellico di Alessandro il Macedone, che represse militarmente in modo sanguinoso sia la Persia di Dario III sia l'Atene di Demostene, per cui Alessandro pu essere legittimamente considerato il seppellitore dell'ellenismo classico, pur essendo ovviamente anche l'iniziatore di quello spirito ellenistico - ellenistico, non

ellenico - tipico dei grandi imperi orientali dei diadochi successivi, il cui potere oligarchico e/o tirannico, ma certo non democratico. Dall'altro,. e questo secondo aspetto pi importante ancora del primo, non bi-sog,ria dimenticare che le attuali legittimazioni occidentalistiche di tipo imperiale non sono per nulla di tipo "greco", cio razionalistico e filosofico, ma di tipo ebraico-mesopotamico: basti pensare al grande agitare della Bibbia, preferibilmente veterotestamentaria, da parte di Bush e del suo concerto propagandistico neoconservatore. Que-sto Occidente di Giuditta e di Davide, per, non l'Occidente di Socrate e di Platone, che ai loro tempi ragionavano sulla base del logos e non della realizzazione del mandato divino. In conclusione, l'ideologia occidentalistica della democrazia come propriet priva-ta da generalizzare in un mondo caratterizzato da una sorta di "dispotismo orientale" (da Hegel a Wittfogel), un idolo pagano da lasciare ai bevitori di sangue umano. Nel secondo significato, il termine "democrazia" indica non solo un metodo, ma soprattutto una forma razionale del bene politico, che viene individuato in unagestionedella_riproduziene della comunit,.~/onia), che non, :ne permetta l'esplosione e_la dissolu-zione__ a,. causa .delle cl i scoild i e civili (staseis,ianykis), Questo e,
54
Democrazia e storia

55

realt, il vero ed autentico significato storico

ed bene, pertanto, chiarirne meglio la natura e le caratteristiche. Se solo lo si capisce, cadono tutte le inutili teorie formalistiche e relativistiche sulla modellizazione politologica interminabile delle forme istituzionali del "potere del popolo", e viene invece in primo piano la visibilit dell'accesso del popolo al potere. E il popolo accede al potere in un solo modo e per una sola ragione: quando la dinamica caotica ed illimitata (apeiron) del potere del denaro lasciato a s stesso porta alla minaccia attuale e presente della dissoluzione della i comunit stessa. Certo, accedendo al potere, il popolo commette i abusi e crimini, che occorre poter correggere anche e soprattutto con la libert di critica alla Socrate, questo "moscone fastidioso" / del nobile cavallo degli Ateniesi. Se il popolo accede al potere, per, l ci avviene perch esiste un allarme ineludibile. Non c' qui lo spazio per descrivere nei dettagli i due principali momenti storici della costituzione della democrazia ateniese, cio prima la riforma di Solone e poi quella di Clistene. lettore invitato ad andare a leggere un buon libro di storia greca. Appare per chiaro che Solone deve intervenire contro lo scatenamento del potere delle ricchezze, che porta alla schiavit per debiti una parte rilevante di cittadini, e che il suo intervento non sufficiente, in quanto lascia in piedi una costituzione oligarchica e non interamente democratica. Saranno poi le riforme di Clistene, poco prima dello scoppio della prima guerra persiana (quella conclusasi a

Maratona), a portare veramente il popolo ateniese al potere, e questo avviene attraverso l'applicazione del principio probabilmente pitagorico della "mescolanza" (anamixis), in cui vengono sciolte le vecchie trib religiose identitarie, vengono pubblicizzati i precedenti culti privati - dietro ai capolavori artistici dell'Acropoli vi proprio questa pubblicizzazione della religione olimpica - e soprattutto vengono mescolati in strutture politiche artificiali (i demi) i citta-dini della costa (paraliaci), i cittadini della pianura e del nucleo urbano (pedaci) e i cittadini delle zone povere della montagna e dell'interno dell'Attica (acriti). Non si insister mai abbastanza
Il popolo al potere Democrazia e storia

sulla crucialit del principio pitagorico della anamixis, in quanto proprio la "mescolanza" artificialmente costruita dalla ragione (logos), dall'eguaglianza di tutti i "mescolati" di fronte alla legge (isonoma) e del loro comune accesso alla parola nelle assemblee pubbliche, in cui si realizza la comune decisione politica (isegora), a rendere possibile il salvataggio della concordia civile (omonoa). Giustamente, gli odierni abitanti di Atene hanno battezzato le due principali piazze della loro citt "Costituzione" (Syntagrna) e "Concordia" (Omonola). Da entrambe le piazze, alzando lo sguardo, possibile vedere l'Acropoli. Questa democrazia antica certamente inter-classista, per dirla in linguaggio moderno, ma resta una democrazia, in cui,
2

essendo l'economia ancora incorporata (embedded) nella decisione politica, il potere della decisione era ancora reale, non illusorio. A rigore, infatti, il "potere del popolo" puramente inteso si direbbe in greco laokrat a, mentre la demokrata propriamente detta dovrebbe essere tradotta come "il potere del popolo politicamente organizzato dalle leggi", oppure, come preferirei personalmente, l'accesso del popolo ad un potere politicamente garantito da leggi comunitarie. Il politkn zoon, di cui parla Aristotele, infatti certamente un animale politico, ma, essendo l'antica pols una comunit e non una semplice "societ civile", in senso moderno si pu tradurre questo termine in tre modi, tutti legittimi: animale politico, animale sociale, animale comu- nitario. Solo con la filosofia politica di Hobbes i tre termini si separano concettualmente, e questo avviene perch si erano separati prima socialmente. --Nel terzo significato, il termine "democrazia" non indica una specifica forma di governo o di Stato, ma lo stato di fatto della prevalenza del den-zos, identificato con la parte pi povera e pi numerosa della comunit politica. Aristotele, del resto, dice apertamente (cito a memoria) che la democrazia il potere dei molti, che sono anche i pi poveri. In un suo recente libro sulla democrazia, Luciano Canfora ha sostenuto proprio questa tesi: la democrazia non una forma, non un tipo di costituzione, poich presente nelle pi diverse forme

politico-costituzionali, dove e quando si fa sentire con pi efficacia l'azione della parte popolare. Non si pu essere pi lontani dalla tipologia formalistica alla Norberto Bobbio, o da chi afferma che gli USA sono la pi grande democrazia del mondo; si dir che Canfora un marxista, per anche Benedetto Croce, che non era certo un marxista, ma un liberale quasi puro, sosteneva che la democrazia non un regime politico, bens un modo di essere nei rapporti di classe, sbilanciato in direzione della prevalenza del denzos , per dirla con Aristotele.
56 57

Questo terzo significato sembra logicamente incompatibile con il secondo, che allude ad una tecnica di neutralizzazione parziale del conflitto di classe attraverso la mescolanza artificiale (anamas) di poveri, ricchi e classe media, mentre il terzo significato allude piuttosto a quella che il pensiero comunista rtovecentesco Lenin, in primo luogo connotava come dittatura democratica del proletariato. A mio avviso, senza negare del tutto la differenza dei due significati il secondo d luogo ad una mescolanza, il terzo a una prevalenza ritengo che essi siano molto pi complementari di quanto sembri a prima vista. La mescolanza promossa dalla riforma di Clistene comporta di fatto una specifica prevalenza numerica del demos, che in una democrazia in qualche modo "diretta", pur appoggiandosi ad ltes di comando (v. il gruppo di Pericle ecc.), riesce ad affermare i suoi interessi. La fine

della democrazia ateniese si verificher quando, in seguito alla conquista macedone, i "teti" (i cittadini a pieno diritto, ma economicamente poveri) saranno esclusi dalla stessa costituzione politica, che da democratica diventa oligarchica. Sul fatto che le conquiste romane, prima repubblicane e poi imperiali, favorissero sempre sistematicamente la parte oligarchica contro quella democratica non mi soffermo, perch si tratta di cose dettagliatamente spiegate in qualsiasi buon manuale di storia antica.

Democrazia e storia

Il principio democratico e il processo a Socrate


Il principio democratico di maggioranza, la tecnica di mescolanza fra i cittadini e la stessa prevalenza del demos non garantiscono di per s il bene politico. Si tratta di una ovviet assoluta, ma, come spesso avviene nel dibattito teorico, l'ovviet deve essere il punto di partenza per un pensiero radicale, che prenda cio le cose alla radice. E la radice sta nel fatto che il principio di maggioranza puro razionalmente infondato, in quanto la maggioranza decisionale una pura

\.

forma, non un contenuto - il bene politico non pu essere pura forma, se non presso i formalisti ipocriti - e ogni principio di maggioranza deve essere "coperto" da una cintura protettiva, non importa se esplicita o implicita - quelle implicite sono le pi ipocrite, perch negano spesso di essere tali - e questa cintura protettiva non pu essere giuridica o giudiziaria, ma deve essere religiosa e/o filosofica. Allora, dir il virtuoso lettore laico, liberale, relativista e nemico delle filosofie veritative identificate con ideologie di legittimazione del potere, Lei non vuole una democrazia pura, ma una democrazia protetta! Proprio cos, caro lettore: io voglio proprio una democrazia protetta, si tratta per di capire quale tipo di "protezione" si concepisce e, prima di scandalizzarsi per questa razionalissima affermazione, bene cercare di pensare radicalmente le cose. Se vero che il principio di maggioranza puro una semplice procedura formale, che non garantisce il bene politico - infatti possibile immaginare un despota illuminato che abolisca la pena di morte e la tortura, mentre una maggioranza di plebei imbestialiti pu approvare lo squartamento pubblico del reo - mi sembra che le possibilit siano due, e solo due: o si sceglie la via del potere assegnato ad una minoranza convinta di sapere che cosa sia il bene politico (i filosofi-re di Platone, il partito giacobino della virt politica di Robespierre, il partito bolscevico del comunismo scientifico di

Lenin ecc.), oppure si innesca un processo educativo, in grado di portare in tempi ragionevoli la maggioranza dei cittadini a praticare il bene politico. Come si vede, l'affermazione dell'esistenza del bene politico non comporta necessariamente il sequestro del potere da parte di minoranze illuminate - o che si autoproclamano tali, in nome di una conoscenza privilegiata, delle idee eterne in Platone, della virt politica naturale in Robespierre, della direzione necessaria della storia in Lenin ecc. - ma compatibile con una concezione processuale dell'educazione della maggioranza del popolo.
59

Il principio liberale della garanzia della pi piena libert di opinione in tal senso necessario per praticare questo principio educativo. La libert anche libert di sbagliare o, come scrisse Rosa Luxemburg, la libert sempre libert di chi la pensa diversamente, il che non esclude che spesso chi la pensa diversamente pensa anche infondate e disinformate sciocchezze. Il fatto che la sciocchezza resta tale anche se espressa liberamente, per deve essere depenalizzata. La tutela della libera espressione di sciocchezze non pu essere raggiunta allraverso vie ontologiche e filosofiche di tipo relativistico - per cui sarebbe impossibile, in via di principio, distinguere fra sciocchezze e verit, in quanto non c' nulla al di fuori del linguaggio e dei suoi usi, mettendo cos il penoso dilettante Wittgenstein al di sopra di Platone - ma esclusivamente attraverso il sistema delle nonne giuridiche di garanzia. Si tratta di un problema giuridico, non filosofico.

T utto questo, ovviamente, possibile soltanto in una democrazia "moderna", in cui il principio anomico della societ civile astratta ha sostituito il principio comunitario dell'antica Atene. Questo principio consiste nel "poter dire qualunque cosa" e non attualmente assolutamente garantito, perch non , per ora, legalmente permesso dire pubblicamente che Hitler aveva ragione e che Bin Laden oggi ha ragione. Personalmente, credo fermamente che Hitler avesse torto e che anche Bui Laden ce l'abbia - in ogni caso, meno di Bush - ma credo anche che la punizione giudiziaria di chi lo afferma sia incompatibile con una affermazione radicale della libert liberale moderna. Il politicamente corretto ha sostituito oggi la Santa Inquisizione di ieri, e questo indubbiamente
Il popolo al potere

un progresso - l'essere licenziati per opinioni negazionistiche sui campi di concentramento hitleriani indubbiamente pi "civile" dell'essere scottati con tenaglie roventi - ma, come si vede, neppure lo Stato liberaldemocratico contemporaneo in grado di permetter-si uno scambio di opinioni a 360 gradi, e questo perch tutte le societ - ripeto, tutte - hanno un implicito fondamento religioso: si tratta di sapere quale esso sia. Nell'Europa attuale, l'unico fonda-mento religioso ecumenico la religione dell'Olocausto e del giudeocentrismo metafisico di espiazione, quindi sottratto, sul piano giuridico e giudiziario, alla sfera della libert d'opinione. Va da s

- ma, con questi chiari di luna, sempre meglio dirlo - che, per quanto mi riguarda, lo sterminio genocida di Hitler veramente esistito e non pu in alcun modo essere "contestuali7zato", giustificato, scusato, relativizzato, comparato ecc. Semplicemente, ritengo che do-vrebbe essere consentito legalmente anche dire il contrario. Diritto di libert significa anche diritto alla sciocchezza. Io sarei contrario, ad esempio, a punire penalmente la sciocchezza di chi sostiene che l'im-pero americano benefico per tutti i popoli del mondo, ma qui si pone un problema di tipo squisitamente storico; non esistono liberaldemocrazie pure, in quanto non esistono societ politiche sen-za fondamento religioso presupposto sottratto alla punibilit giudiziaria: in Iran, penalmente proibito dire che Allah non esiste e che, quindi, Maometto non era il suo profeta; in Europa legalmente possibile farsi beffe di Dio, di Allah e di Maometto, ma legalmente proibito dire che l'Olocausto non c' stato.

Se insisto tanto su questo fatto, apparentemente marginale - ma il lettore si sar gi accorto che marginale non lo per nulla - per sottolineare un concetto assolutamente incomprensibile per il pensiero cosiddetto "laico", e_cio-ehe...,nenesi_tono, e non-possono esistere, societ senza un implicito fondamento religioso. Si tratla solo di esaminare quanto e come questo fon amen refigioso sia stato secolarizzato. Per capire meglio, visto che le societ antiche non erano liberaldemocratiche, perci erano anche pi

sincere e meno ipocrite, converr ritornare brevemente sul processo a Ges


60 61 Democrazia e storia

di Nazareth, studiandone le analogie e le differenze con il proces-so, che la democrazia ateniese, restaurata dopo la parentesi di-spotica dei Trenta Tiranni, fece a Socrate. Presupponiamo, ovvia-mente, ci che non affatto scontato, cio che sia i Vangeli sia l'Apolog-ia di Socrate siano testi storici (almeno in parte) e non com-posizioni letterarie di fantasia completamente inventate. Il lettore paziente mi permetter di ritornare ancora una volta sul rapporto fra il processo a Ges di Nazareth e il principio de-mocratico di maggioranza della plebaglia, che urlava Liberate Barabba!, perch l'intollerabile impostazione destoricizzante di Hans Kelsen ne impedisce la comprensione e, del resto, le varie Chiese cristiane - cattolici, protestanti, ortodossi, settari di ogni genere ecc. - divergono su tutto, ma c' un punto su cui concor-dano trionfalmente: il silenzio imbarazzato sul cosiddetto "Ges storico". Se utilizziamo i Vang-el come documenti (almeno parzialmente) storici e li integriamo con la conoscenza storica del significato semantico dei termini nel contesto politico della Palestina e del giudaismo messianico del tempo, in cui il messianesimo si maniiestava in ahneno tre forme diverse (farisei, esseni e zeloti), alcune cose si possono sapere in modo relativamente certo: Ges

non pote-va essere condannato a morte per "autoproclamazione messianica" (in quanto ad essere "figlio di Dio", mi spiace, ma ritengo che nep-pure lui pensasse di essere tale), per il semplice fatto che l'autoproclamazione messianica, praticata senza commettere vio-lenze fisiche, non era un reato penale per l'autorit romana, per la quale era invece reato penale il "terrorismo" (INRI). Pilato, che aveva avuto l'ordine tassativo di non infastidire il Sinedrio ebraico collaborazionista, accett, dietro la pressione decisiva di quest'ul-timo, di trasformare l'accusa di "autoproclamazione messianica", che non era un reato penale per la legge romana, in "terrorismo", che era invece un reato penale punibile con la crocefissione. La condanna di Pilato non dunque dovuta a un suo "scetticismo" (che cos' la verit ecc.), ma al fatto che, per nort avere ulteriori
Il popolo al potere Democrazia e storia

problemi - che comunque vennero, vedi la rivolta ebraica degli anni '67-'70 - finse demagogicamente di ascoltare i "compagnucci" di Barabba confluiti sulla piazza. In ogni caso, per potersi proclamare o credere di essere un messia, l'inviato da Dio in grado di proclamare veramente la purificazione del tempio e l'anno di misericordia del Signore, bisogna prima essere inserito in una societ messianico-religiosa, cio in una "Societ del Libro", in cui si srotolano nelle sinagoghe i papiri arrotolati del profeta Isaia e si legge con aria ispirata una citazione sacra. I Greci, caro lettore, non erano una

"Societ del Libro", quindi non avevano un clero sacerdotale, che pretendesse di avere il monopolio della corretta interpretazione della citazione sacra. Per ragioni storiche, che non ho qui il tempo di chiarire, i Greci non avevano libri sacri di riferimento teologico da interpretare, ma disponevano solo di un ricchissimo patrimonio mitologico da "decostruire" razionalmente (uso qui, volutamente, un termine filosofico contemporaneo). Questo non significa, ovviamente, che essi fossero "laici" - o in qualche modo "precursori" del pensiero laico, scettico e relativista di David Hume o di Hans Kelsen, e quindi non "religiosi" - i Greci erano invece religiosissimi, ma la religione se la gestivano da soli in modo direttamente comunitario, non attraverso la mediazione di un clero professionale organizzato. Per dirla in modo (solo apparentemente) ovvio e banale, i Greci non erano ebrei e non erano neppure ancora cristiani o musulmani, anche se i loro discendenti lo diventarono. I Greci non erano neppure "liberali", e lo capiremo meglio riflettendo sul "democratico" processo a Socrate, che pu anche essere inteso, ovviamente, come un processo in cui il giudice la religione e l'imputato la filosofia, ma che in realt un processo che la comunit istruisce contro l'individuo; individuo, che non cessa comunque mai di sentirsi parte della comunit stessa.
62 63

Non affermo, ovviamente, nulla di nuovo cose simili le hanno gi dette in molti, fra cui

il grande Hegel - ma sempre importante tornarci sopra, riflettendo in particolare sul vero e proprio abba glio in cui cade lo studioso americano I.F. Stone, il cui fraintendimento ci porter nel cuore della questione. Il filosofo Socrate fu condannato a morte nel 399 a.C. da una nurnerosissima giuria popolare di cittadini ateresi (nella democrazia ateniese non esisteva una corporazione professionale di magistrati vincitori di concorsi pubblici, come oggi). Socrate si difese da solo, ma alla fine fu condannato e dovette bere un veleno (la cicuta). Nella sua difesa - mi rifaccio qui all'Apoloco,a di Socrate scritta da Platone, testo considerato in genere storicamente attendibile - Socrate alluse ad una "vecchia accusa" (il non credere agli Dei della poils, come si desume dalla commedia Le Nuvole di Aristofane) e a una "nuova accusa" (la corruzione dei giovani). La condanna finale a morte fu decisa, sostanzialmente, in base alla seconda accusa; fu quindi una condanna politica, perch la corruzione dei giovani, in quel particolare contesto storico, era identificata con la propaganda antidemocratica. Socrate respinse entrambe le accuse, si proclam innocente per la prima e, in quanto alla seconda, fin con il provocare i giurati, sostenendo che, anzich essere condannato, avrebbe dovuto essere mantenuto a vita dallo Stato come pensionato per meriti eccezionali. Alla fine, fu condannato, imprigionato e dopo qualche tempo bevve il veleno. Oltre alla Apologia di Socrate, abbiamo anche

un dialogo platonico, in cui Socrate rifiuta di fuggire pur potendolo fare (il Crtone), e un altro consacrato alle ultime ore di Socrate e alla "morte esemplare del filosofo" (il Fedone). In questa sede, non ci interessa l'annoso problema del rapporto fra l'autentico Socrate e l'interpretazione posteriore che ne d Platone, ma la questione del rapporto fra democrazia e decisione ingiusta, in quanto evidente che Socrate fu condannato a morte in modo perfettamente legale e in base al principio di maggioranza di una giuria popolare, che possiamo considerare abbastanza "rappresentativa" dell'Atene dell'epoca e, nello stesso tempo, la sua quarantennale attivit critica, maieutica e dialogica rivolta alla discussione del bene politico non ci appare un "reato" e, tanto meno, un reato penale meriteIl popolo al potere
Democrazia e storta

vole della morte. Nella sensibilit liberale moderna, si poteva trat-tare al massimo di un leggero "reato d'opinione", che peraltro una vera contraddizione in termini, perch nel costituzionalismo liberale ideale nessuna opinione dovrebbe essere un "reato". Il prin-cipio della libert liberale potrebbe, infatti, essere enunciato in questo duplice modo: ogni propriet privata legittima, se acquisita secondo le regole; og,ni sciocchezza pu essere detta (con la sola eccezione della diffamazione ad personanz), in quanto la sciocchez-za giuridicamente legittima e giudiziariamente non punibile. Il nesso propriet/sciocchezza quindi il pilastro

filosofico della li-bert liberale concettualmente ricostruita, dal momento che l'eco-nomia (la propriet) un fatto, mentre la filosofia (sciocchezza) solo un'opinione. In base a questa concezione liberale della libert, lo studioso ame-ricano I.F. Stone ha riscritto l' Apologa di Socrate. In breve, Stone sostiene che Socrate ha sbagliato completamente la strategia difen-siva e che l'ha sbagliata non per stupidit, ma perch probabilmen-te non aveva pi voglia di vivere. Secondo Stone, se Socrate, anzi-ch provocare i giurati rivendicando la sostanza del suo insegna-mento - cio la critica alla democrazia come metodo inadatto per il conseg-uimento di quella particolare arte specialistica denominata "bene politico" ne avesse rivendicato soltanto laforma - il diritto cio di esprimere liberamente le proprie opinioni, giuste o sbaglia-te che fossero, in nome della tradizione libertaria della schiettezza ateniese - avrebbe potuto essere assolto, e lo sarebbe probabilmen-te stato.
64 65

L'errore di Stone interessantissimo, in quanto, a mio avviso, si tratta di un tipico errore proiettivo-retroattivo, in cui il liberale americano contemporaneo talmente convinto, e impregnato del-la propria concezione di libert di opinione come sovrano arbi-trio illimitato, di poter dire legalmente qualunque cosa - anche se negli Stati Uniti ci sono moltissime cose, che non si possono legalmente dire,

come ad esempio che Bin Laden ha ragione - da essere convinto, in buona fede, che il vecchio Socrate fosse un pensatore "eterno", che solo casualmente parlava greco anzich inglese. La democrazia antica non era una democrazia liberale, ma co-munitaria. A Socrate non sarebbe mai venuto in mente, non es-sendo ancora stati tradotti in greco Spinoza e Locke, che la liberi: potesse essere difesa sostenendo che ognuno pu dire quello che vuole, purch non violi fattualmente le leggi con atti criminali. La separazione fra propriet (da garantire in tutti i modi) e scioc-chezza (da tollerare, se non si concretizza in atti veri e propri) presuppone che il mondo dell'economia sia, ad un tempo, libera-lizzato e sovrano e che l'economia, appunto, non sia pi incolporata (embedded) nella sfera della decisione politica. Ritorner su que-sto negli ultimi paragrafi di questo primo capitolo, in cui seguir la triste parabola dell'ascesa e della caduta del comunismo storico novecentesco; per ora, baster tornare ancora un poco sul caso _Socrate. Ai tempi di Socrate, la rivendicazione del proprio diritto alla li-bert non era pensabile nei termini di un diritto astratto, formalmente garantito, di poter dire qualunque cosa, ma nei termini di "discorso giusto" rispetto a "discorso ingiusto". In altre parole, la libert democratica era pensata insieme alla nozione e alla pratica di bene polllco. Si dir che tutto ci non va bene, perch in questo modo non pu essere fondata la tolleranza. Sono perfettamente d'accordo.

A mio avviso, la libert deve comprendere anche la libert, giuridicamente garantita e giudiziariamente non punibile, di poter dire terribili sciocchezze, ma questo - si noti bene - non certo perch non possibile relativisticamente distinguere fra ve-rit e menzogna, saggezza e sciocchezza ecc., ma per un semplice fatto di possibilismo e di convenzionalismo giuridico e giudiziario. Il Socrate di Stone ovviamente un Socrate inesistente ed imT&Z-sibile, ma, proprio attraverso l'errore di Stone, possibile com-prendere la differenza fra democrazia degli antichi e democrazia dei moderni. Questa differenza non risiede affatto, come opirtava erroneamente Benjamin Constant, nel libero godimento della pro-

pria propriet individuale contrapposto al principio della parteci: pazione pubblica assembleare. La democrazia di cui parla Constant non , ovviamente, una democrazia del resto, Constant parla di libert dei moderni, perch ha ancora il pudore di non chiamarla democrazia, pudore scomparso nei suoi seguaci attuali ma un semplice liberalismo non democratico. E questo ci introduce ad un diverso periodo storico.

Una parentesi sul rapporto storico fra religione cristiana e

principio democratico
Nel chiacchericcio semicolto che ha sostituito oggi il dibattito culturale, chiacchericcio in genere egemonizzato dai cosiddetti laici, nome con cui oggi vengono quasi sempre indicati semplicemente i sostenitori incondizionati della globalizzazione neoliberale, che per mangiano con la forchetta anzich direttamente con le mani, comportamento in genere attribuito ai "populisti", il rapporto fra religione cristiana (e, in genere, monoteistica) e il principio democratico viene di solito risolto con uno stereotipo negativo. In breve, si sostiene che democrazia e religione sono incompatibili, perch il presupposto del metodo democratico il relativismo valoriale, condizione per accettare il metodo della decisione a maggioranza, mentre la religione cristiana, ritenendo di interpretare la rivelazione divina o, se si vuole, il diritto naturale cristiano inteso come elaborazione filosofica terrena di questa stessa rivelazione ultraterrena non pu certo "mettere ai voti" valori morali e religiosi non trattabili come la vita (e quindi aborto, eutanasia ecc.). La religione sarebbe perci incompatibile con la democrazia, perch imporrebbe una "cintura protettiva" di valori sottratti_alla conta dei voti. Metafisica e democrazia sarebbero, di conseguenza, incompatibili. Ho gi ricordato nelle pagine precedenti Hans Kelsen e Richard Rorty, ma i nomi potrebbero essere molto pi numerosi e appesantirebbero, inutilmente, questo saggio.

66

Chiediamocelo: veramente cos? Per rispondere a questa domanda cruciale, bisogna ricordare il significato del termine democrazia come "prevalenza del demos", e il demos non poi molto lontano da quello che la religione cristiana chiama "i poveri". Certo, i poveri del Cristianesimo (e dell'Islam) sono un demos sui generis, un demos senza diritti politici, e un demos senza diritti politici e affidato alla benevolenza dei benefattori non pi un demos, ma solo un aggregato sociale pre-politico o post-politico. Non ho certo difficolt ad ammetterlo. So anzi molto bene che, in questo periodo di smantellamento neoliberale dello stato sociale europeo novecentesco, va molto di moda la beneficienza e la retorica compassionevole per i piccoli africani senza cibo sufficiente. I piccoli africani affamati sono, in realt, un vero scandalo sociale e morale intollerabile, ma i politicanti neoliberali ipocriti che se ne riempiono la bocca hanno in testa ben altro. In ogni caso, se interpretiamo la democrazia non solo ma anche come prevalenza degli interessi del demos, costituito in Maggioranza dai pi poveri, anche il problema storico del rapporto fra cristianesimo e democrazia cambia e si pu fondare su principi pi convincenti. impossibile qui ripercorrere, pur se sommariamente, duemila anni di religione cristiana e sarebbe ridicolo anche il solo tentarlo. Alcune cose elementari possono, per, essere telegraficamente ricordate: le prime comunit cristiane erano, in massima

parte, comunit "democratiche", riunivano insieme quasi sempre i pi poveri e si autoamministravario in modo generalmente hutetno e solidale; con Costantino e T eodosio legalizzatore del Cristianesimo, il primo; impositore autoritario di esso come obbligatorio, il secondo il cristianesimo certamente incorporato nella struttura di legittimazione classista tardo-schiavista e proto-feudale della societ, ma continua ad animare strutture assistenziali per il demos povero (anzi, per questo che, a mio avviso, gli si d tanto spazio, come per altro avviene anche oggi); con il consolidamento istituzionale del feudalesimo (v. Carlo Magno), il Cristianesimo diventa la base simbolica di una societ tripartita gerarchica e non certa-

67

mente democratica (bellatores, oratores e laboratores), ma sempre sul suo terreno che si sviluppano correnti pauperistiche a base democratica, dalle eresie al francescanesimo. Si potrebbe, ovviamen-te, continuare a lungo, ma il succo questo: il cristianesimo non si basa certo su di una forma democratica, anzi adotta la forma monarchica - e spesso inevitabilmente tirannica - del papato, forma la cui sostanziale insostenibilit teorica e sociale tale da provocare necessariamente scismi a raffica (ortodossi, protestanti, sette ecc.), ma nello stesso tempo vi sono momenti storici, in cui, di fatto, sostie-ne la prevalenza

del demos, anche se sempre in una forma non de-mocratica (nessun principio di maggioranza, semmai patemalismo sociale). A proposito del principio democratico della votazione a mag-gioranza, c' comunque un fatto grottesco e rivelatore da segnala-re. Nel Concilio di Nicea del 325 d.C. furono poste le basi teologi-che della posteriore religione cristiana organizzata contando le teste dei vescovi presenti, e le teste di chi considerava Ges un vero e proprio Dio in terra furono casualmente - il lettore ha letto bene: casualmente - pi numerose di chi lo riteneva un semplice "uomo", tipo Maometto. Mi scuso con l'eventuale lettore teologo, per avere brutalmente semplificato, ma il succo della questione resta chiaro: l'istituzione divina che rifiuta la conta casuale dei voti sorta sulla base di un conteggio dei voti casuale e, per di pi, cinicamente manipolato da Costantino, su motivazioni di pura opportunit (un Costantino, sia detto del tutto en passant, che non si era neppure ancora convertito alla religione cristia-na). Personalmente, dal momento che sono anch'io un teologo dilettante di scuola spinoziana, ritengo che un Ges di Nazareth redvivus si sarebbe fortemente stupito per il risultato finale del Concilio di Nicea, ma mi rendo conto che gigantesche schiere di sacerdoti cattolici, protestanti ed ortodossi, che maneggiano l'aramaico, il siriaco e il copto come io posso maneggiare il fran-cese, mi zittirebbero immediatamente, inchiodandomi alla mia ignoranza.

Poco male. Ci che conta che il lettore sia consapevole del fatto che persino le istituzioni programmaticamente meno democrati-che e che si considerano direttamente "ispirate" da Dio devono poi fare i conti con la casualit contingente del principio democra-tico stesso. infatti sicuro che, se in un prossimo futuro la Chies,a cattolica far sposare gli svelti pretini e i seriosi pretoni ed am-metter anche il sesso femminile nel campo dell'ordine sacro - si tratta di due innovazioni, che mi sentirei sinceramente di consi-gliare all'intelligente teologo tedesco asceso al trono di Pietro, e parla uno che ha simpatia per la religione cristiana - ci avverr in base al principio democratico di maggioranza, sia pure limitato all'oligarchia di cardinali e di vescovi, e in totale assenza di refr-rendum presso il confusionario e contraddittorio popolo dei fedeli. infatti difficile sfuggire al principio di maggioranza e al fattore di contingenza e di casualit storica, che esso porta inevitabilmen-te con s, anche quando ufficialmente ci si ispira non alla conta dei voti, ma alla verit divina.
68 69

Le origini nvoluzionarie della democrazia moderna: la rivolta dei contadini tedeschi del 1525, la rivoluzione inglese del 1640, la rivoluzione francese del 1789

La democrazia moderna non ha avuto origini, per cos dire, fisiologiche ed evolutive, ma rivoluzionarie. Mi rendo perfetta-mente conto che oggi lo stesso concetto di rivoluzione gode di cattiva stampa ed fortemente discreditato, ma questo , a mio parere, soltanto il frutto di un momento storico limitato e contin-gente, nato dall'incontro fra l'euforia degli eterni contro-rivolu-zionari e il pentimento vergognoso e imbarazzato degli ex-rivoluzionari in cerca di rilegittimazione culturale e, soprattutto, di onorato e ben pagato riciclaggio sociale e politico. Questa tragicomica sinergia ha comportato la rilegittirnazione di fatto sia del pensiero controrivoluzionario classico, nelle sue due punte mas sime di Burke (la rivoluzione lo stravolgimento astratto e razionalistico di un corso evolutivo naturale della storia) e di de Maistre (la rivoluzione un atto intimamente ateo e blasfemo, che viola ad un tempo la legge umana e la legge divina), sia del pensiero controrivoluzionario moderno, da Talmon (il principio democratico inteso come prevalenza numerica del demos totalitario per sua stessa natura, solo il principio liberale ci pu salvare) ai cosiddetti "nuovi filosofi" francesi, che non fanno peraltro che volgarizzare in modo mediatico, per una platea di exsessantottini semianalfabeti, temi a suo tempo trattati molto pi nobilmente da Hegel e poi da Merleau-Ponty (il perseguimento della virt politica astratta, prima giacobina in Robespierre e poi bolscevica in Lenin e Stalin, si rovescia

dialetticamente e inevitabilmente in terrore politico generalizzato e senza legge). Non sono affatto indignato per questo attuale furoreggiare del pensiero controrivoluzionario, dal momento che ritengo giusto che, per citare un proverbio popolare, chi causa del suo mal pianga se stesso e il comunismo storico novecentesco recentemente defunto (1917-1991) stato, nell'essenziale, causa del suo male. L'opportunismo conformistico del ceto intellettuale, prima "rivoluzionario" con rauche grida di palingenesi sociale e di distruzione della tradizione seguite poi da striduli appelli al neoliberismo economico e all'adesione all'impero americano bornbardatore, non mi stupisce neppure; come direbbe don Abbondi, le ho viste io, quelle facce, le ho viste per quarant'anni e so bene che il loro animale totemico il pesce che si sposta in grandi banchi. Al confronto, le pecore sono animali individualisti, perch ogni tanto qualcuna va per conto suo.
70 71

Come direbbe l'immortale Eduardo de Filippo, ha da passare la nottata. Il fatto che sia di moda la lettura giacobina del 1789 di Albert Socoul oppure la lettura girondina degli stessi eventi di Frarmis Furet, non dovuto per nulla ad una maggiore "scientificit" storiografica dell'una rispetto all'altra, o viceversa, ma semplicemente al trend conformistico delle trib dei professori univer sitari e dei giornalisti (ovviamente, so che in entrambe queste categorie vi sono rilevanti eccezioni, ma le

eccezioni, appunto, confermano la regola). T emo, a causa della mia et gi relativamente avanzata, di perdermi il prossimo trend storico, ma mi sento pascalianamente di scommettere che un ventenne di oggi ne sar spettatore e, forse, anche coautore. In ogni caso, lasciamoci sovranamente alle spalle l'attuale dittatura del politicamente corretto neoliberale e cerchiamo di impostare il problema storico della costituzione della democrazia nei tempi moderni. Per "tempi moderni", intendo esattamente ci che si intende nei manuali di storia, cio il periodo storico, che si apre dopo il 1492 e che ha una chiara "accelerazione" dopo il Seicento, con l'emergere della borghesia come classe sociale dominante e con la progressiva costituzione dei rapporti sociali capitalistici di produzione (segnalando, ovviamente, che questi due fenomeni non avvengono in modo istantaneo e "puntiforme", in un certo momento, ma coesistono con il mantenimento di foune culturali ed economiche signorili e comunitarie). In estrema sintesi, se si mettono in successione il 1525 (Germania), il 1640 (Inghilterra) e infine il 1789 (Francia), trascurando qui altri, pur interessantissimi, eventi minori di questo tipo in altri Paesi, si pu notare che il principio democratico passa da una legittimazione soltanto biblicoreligiosa (Germania 1525) ad una legittimazione mista, in parte biblica e in parte giusnaturalistica e contrattualistica (Inghilterra 1640), fino ad una leg,ittimazione integralmente giusnaturalistica e

contrattualistica senza pi alcun esplicito residuo religioso (Francia 1789). Questa, almeno, la lettura storica, che propongo al lettore nel presente saggio e che ho scelto, fra molte altre possibili, per la sua chiarezza e la sua pertinenza. Si ha allora la seguente successione: religione al 100% (Germania 1525), religione e filosofia al 50`)/0 (Inghilterra 1640) e, infine, filosofia al 100% (Francia 1789). Nello stesso tempo, segnalo al lettore che non intendo affermare che la religione sparisce e la filosofia si impone, per cui la "modernit" deve essere interpretata
Il popolo al potere Democrazia e storia

come tramonto della religione. Questo quello che appunto pensano i cosiddetti "laici", che credono di essere senza religione, laddove sono i fedeli quasi sempre acritici di una forma secolarizzata di deismo inglese. In accordo con Cari Schmitt, ritengo che, nell'essenziale, tutte le principali categorie politiche della tradizione occidentale moderna - il discorso chiaramente non vale per il mondo musulmano, l'India, la Cina ecc. sono prodotti derivati da una secolarizzazione di precedenti categorie religiose. Mentre la tradizione cinese, per fare solo questo esempio, sostanzialmente unitaria da almeno tremila anni, la tradizione occidentale ha avuto la rottura storica dell'instaurazione del cristianesimo; a tale proposito, sia che la si voglia interpretare come regresso e decadenza (Nietzsche), sia che la si voglia interpretare "dialetticamente" come relativo progresso (Hegel), comunque indiscutibile che la

rottura c' stata. T orniamo al nostro problema della genesi della democrazia moderna. Ricordo qui al lettore che, per me, la democrazia non primariamente uno stato istituzionale di potere del popolo, ma un movimento di accesso del popolo al potere e che, di conseguenza, in accordo con un ampio spettro di pensatori che vanno da Aristotele a Benedetto Croce, essa non una forma di governo o di Stato, ma una prevalenza economico-sociale del demos (in un ampio spettro di "mescolanze" istituzionali, che ne sono per solo la tecnica e non l'essenza). Sulla base di queste due cruciali segnalazioni teoriche e metodologiche, che escludono radicalmente i modelli politologici di tipo formale alla Giovanni Sartori e alla Norberto Bobbio, modelli costruiti sulla separazione di principio fra economia e politica, discuter ora, in estrema sintesi, le rivoluzioni democratiche del 1525, del 1640 e soprattutto del 1789. In quanto alla rivoluzione russa del 1917, me ne occuper sempre in questo capitolo, ma in un paragrafo successivo.
72 73

La rivoluzione dei contadini tedeschi del 1525 ha avuto una grande importanza storica, e non solo per la storia nazionale della Germania. C' chi afferma che la sua violenta repressione ha compromesso per tre secoli l'affermazione della democrazia in Ger mania, contribuendo a creare una mentalit d'ordine, gerarchica e servile nel popolo tedesco. Non lo credo. Credo

ovviamente alla "lunga durata" alla Braudel, ma non a questa specifica "lunga durata". Se proprio mi si chiede qual stata la data cruciale per la sconfitta della democrazia moderna in Germania, sarei portato a dire il 1848- 49 e poi l'incapacit del partito liberale tedesco, negli anni Sessanta e Settanta, dell'Ottocento ad opporsi validamente a Bismarck. Non risalirei dunque tanto lontano, al 1525 di Thomas Miinzer. Miinzer, definito da Ernst Bloch caposcuola indiscusso del marxismo utopico del Novecento - il "teologo della rivoluzione", cadde vittima della repressione delle forze feudali tedesche - che erano forze cattoliche e luterane alleate, e questa "alleanza" vorr pur dire qualcosa - e lo stesso Martiri Lutero approv questa sanguinosissima repressione, ovviamente con acconce citazioni bibliche di tipo paolino sulla sacralit del potere. Citazioni bibliche opposte, anche se ricavate ovviamente dallo stesso Libro sacro di legittimazione e riferimento, erano state ampiamente usate dal teologo Miinzer per incitare i contadini alla lotta armata contro i signori feudali. evidente che Miinzer non fa parte della storia della democrazia moderna come teoria del suffragio universale e come forma di Stato e di governo, ma ne fa parte, se si intende ovviamente la democrazia come movimento per la prevalenza del demos. Mi_inzer del tutto estraneo alla cultura umanistica rinascimentale, cultura che aveva finito per fare l'apologia della ricchezza, anche se certamente non della ricchezza volgare dei parvenus. Egli era in-

vece un erede del pauperismo medioevale, ma non di quello quietistico alla Francesco d'Assisi, quanto del pauperismo rivoluzionario attivo di Jan Hus e degli hussiti cechi (a loro volta eredi di John Wycliff e dei lollardi inglesi del 1381). Data la natura comunitaria del pauperismo medioevale, ideologia non certo di operai e di piccola borghesia industriale moderna, ma di contadini ed artigiani poveri, la rivendicazione democratica di Miinzer non poteva certo dirigersi in direzione di uno Stato sociale moderno di tipo socialdemocratico o comunista, ma era rivolta necessariamente ad come tramonto della relig,ione. Questo quello che appunto pensano i cosiddetti "laici", che credono di essere senza religione, laddove sono i fedeli quasi sempre acritici di una forma secolarizzata di deismo inglese. In accordo con Carl Schmitt, ritengo che, nell'essenziale, tut-te le principali categorie politiche della tradizione occidentale moder-na - il discorso chiaramente non vale per il mondo musulmano, l'India, la Cina ecc. - sono prodotti derivati da una secolarizzazione di precedenti categorie religiose. Mentre la tradizione cinese, per fare solo questo esempio, sostanzialmente unitaria da almeno tre-mila anni, la tradizione occidentale ha avuto la rottura storica dell'instaurazione del cristianesimo; a tale proposito, sia che la si voglia interpretare come regresso e decadenza (Nietzsche), sia che la si voglia interpretare "dialetticamente" come relativo progresso (Hegel), comunque indiscutibile che la rottura c' stata.

T orramo al nostro problema della genesi della democrazia mo-derna. Ricordo qui al lettore che, per me, la democrazia non primariamente uno stato istituzionale di potere del popolo, ma un movnento di accesso del popolo al potere e che, di conseguenza, in accordo con un ampio spettro di pensatori che vanno da Aristotele a Benedetto Croce, essa non una forma di governo o di Stato, ma una prevalenza economico-sociale del demos (in un ampio spettro di "mescolanze" istituzionali, che ne sono per solo la tecnica e non l'essenza). Sulla base di queste due cruciali segnalazioni teoriche e metodologiche, che escludono radicalmente i modelli politologici di tipo formale alla Giovanr Sartori e alla Norberto Bobbio, modelli costruiti sulla separazione di principio fra economia e politica, discuter ora, in estrema sintesi, le rivolu-zioni democratiche del 1525, del 1640 e soprattutto del 1789. In quanto alla rivoluzione russa del 1917, me ne occuper sempre in questo capitolo, ma in un paragrafo successivo.
72 73

La rivoluzione dei contadini tedeschi del 1525 ha avuto una gran-de importanza storica, e non solo per la storia nazionale della Germania. C' chi afferma che la sua violenta repressione ha com-promesso per tre secoli l'affermazione della democrazia in Ger- mania, contribuendo a creare una mentalit d'ordine, gerarchica e servile nel popolo tedesco. Non lo credo. Credo ovviamente alla "lun-ga durata" alla Braudel,

ma non a questa specifica "lunga durata". Se proprio mi si chiede qual stata la data cruciale per la sconfitta della democrazia moderna in Germania, sarei portato a dire il 1848- 49 e poi l'incapacit del partito liberale tedesco, negli anni Sessanta e Settanta, dell'Ottocento ad opporsi validamente a Bismarck. Non risalirei dunque tanto lontano, al 1525 di Thomas Mnzer. Miinzer, definito da Ernst Bloch caposcuola indiscusso del marxisrno utopico del Novecento - il "teologo della rivoluzione", cadde vittima della repressione delle forze feudali tedesche - che erano forze cattoliche e luterane alleate, e questa "alleanza" vorr pur dire qualcosa - e lo stesso Martin Lutero approv questa sanguinosissima repressione, ovviamente con acconce citazioni bibliche di tipo paolino sulla sacralit del potere. Citazioni bibliche opposte, anche se rica-vate ovviamente dallo stesso Libro sacro di legittimazione e riferi-mento, erano state ampiarnente usate dal teologo Miinzer per inci-tare i contadini alla lotta armata contro i sig-,nori feudali. evidente che Miinzer non fa parte della storia della democra-zia moderna come teoria del suffragio universale e come forma di Stato e di governo, ma ne fa parte, se si intende ovviamente la democrazia come movimento per la prevalenza del demos. Mtinzer del tutto estraneo alla cultura umanistica rinascimentale, cultu-ra che aveva finito per fare l'apologia della ricchezza, anche se certamente non. della ricchezza volgare dei paroenus. Egli era in-

vece un erede del pauperismo medioevale, ma non di quello quietistico alla Francesco d'Assisi, q-uanto del pauperismo rivolu-zionario attivo di Jan Hus e degli hussiti cechi (a loro volta eredi di John Wycliff e dei lollardi inglesi del 1381). Data la natura comu-nitaria del pauperismo medioevale, ideologia non certo di operai e di piccola borghesia industriale moderna, ma di contadini ed arti-gia.ni poveri, la rivendicazione democratica di Miinzer non pote-va certo dirigersi in direzione di uno Stato sociale moderno di tipo socialdemocratico o comunista, ma era rivolta necessariamente ad
Il popolo al potere Democrazia e storia

una concezione e a una pratica della giustizia comunitaria, nel quadro di rapporti feudali dati per presupposti. Questo "feudalesimo senza feudatari" - uso questo ossimoro proprio per sottolinearne la natura impraticabile - per non guardava avanti, ma indietro, verso un modello di rapporti feudali ideali a basso costo, a bassa repressione e ad alto tasso di umanit paternalistica. Tutto questo era impossibile nel 1525, in quanto l'incipiente inflazione dovuta (anche e non solo) all'arrivo dell'oro americano, inflazione sommata al prevalere dei redditi mobili dei mercanti rispetto ai redditi fissi dei proprietari terrieri, costringeva le classi feudali e signorili a "torchiare" maggiormente i loro servi della gleba, che in questo modo vedevano peggiorare le loro condizioni di vita rispetto ai loro nonni e bisnonni; peggioramento verificato attraverso la tradizione orale della trasmissione della

memoria familiare e comunitaria, fonte immensamente pi "scientifica" dell'odierna produzione alluvionale della corporazione universitaria degli storici contemporaneisti ossessionati dalla propria identit ideologica.
74 75

Miinzer non pu far riferimento a teorie politiche moderne non ancora esistenti. Il suo riferimento integralmente biblicoreligioso, ed egli allora saccheggia il testo biblico per trovare le citazioni esatte, che possano legittimare il suo pauperismo rivoluzionario. Niente di pi facile, ovviamente, in quanto il "citazionismo selettivo" - dalla Bibbia al Corano, alle opere di Marx ed Engels ecc. - si presta letteralmente a qualsiasi cosa (ecco perch metto subito in guardia il lettore da qualsiasi fascinazione verso tale pratica, che sempre lo scrigno dell'arbitrio pi scandaloso: molto meglio la razionalit dialogica socratica, strutturalmente non citazionista). Del resto, la Chiesa medioevale era sempre stata concorde nel definire le Sacre Scritture il lzber aeretincorum (libro degli eretici) per eccellenza. Questo era possibile, perch nelle scritture bibliche sono raccolti insieme testi che rappresentano il punto di vista delle caste sacerdotali insieme con testi, che, sia pure in maniera spesso mediata, rappresentano invece il punto di vista dei dominati, dei poveri e degli sfruttati. La Bibbia un libro, in cui sia i dominanti che i dominati pos sono trovare le loro citazioni giuste, ed pertanto un testo ideologico di legittimazione "misto", che pu servire sia

alla consacrazione sacrale del potere pi oligarchico, sia all'incitamento alla prevalenza del demos. Thomas Miinzer mor fra i pi atroci tormenti. Nello stesso tempo, per, credo che lo si possa tranquillamente annoverare fra gli eroi fondatori della democrazia moderna. Certo, non della democrazia secondo Bobbio o Sartori, ma certo della democrazia nel senso di Rosenberg o di Canfora, una democrazia di "accesso" nel senso dinamico del termine. Nei ricordi scolastici della maggioranza dei lettori, la rivoluzione inglese del 1640 sar certamente legata alla figura di Oliver Cromwell e alla decapitazione di Carlo I Stuart, preludio della ben pi famosa decapitazione di Luigi XVI, pi di cento anni dopo. Oggi i re non si decapiterebbero pi e sono diventati i testimonz;ils mediatici sorridenti delle grandi liberaldemocrazie europee attuali. In base alla mia personale sensibilit umanitaria e al mio rifiuto della pena di morte, sono ben contento che i re non vengano pi decapitati e possano consacrarsi liberamente al golf, alle regate veliche e agli adulteri mediatici reciproci, ma in un saggio storico come questo devo rilevare che essi non vengono pi decapitati dal popolo, perch la decapitazione riservata a coloro che contano qualcosa, mentre i re oggi non contano pi niente, e non perch li abbiano spodestati le plebi barbariche e scarmigliate, ma perch li hanno spodestati i mercati finanziari e le multinazionali. Gira gira, si torna sempre

all'economia. Nell'Inghilterra del 1640 il re contava invece moltissimo, perch incarnava il centro politico sovrano dell'unit della classe nobiliare e della Chiesa episcopale anglicana, che ne sacralizzava-il potere. Quando scoppi la guerra civile fra il Re e il Parlamento, i "poveri" stavano da entrambe le parti, ma dalla parte del Re stavano soltanto i poveri assistiti e incorporati nelle clientele tribali nobiliari, mentre i poveri decisi ad emanciparsi attraverso il commercio e l'artigianato stavano in maggioranza dalla parte del Parlamento.
Il popolo al potere

Democrazza e storia

La cultura ufficiale inglese ha largamente rimosso l'intermezzo rivoluzionario del ventenni 1640-1660 e, a mio avviso, lo ha fatto perch questo ventenni non ha avuto nulla di "liberale", ma ha visto uno scenario di confronto diretto fra autocrazia e democra-zia, in cui il liberalismo brilla per la sua totale assenza. Dal mo-mento che il mito fondatore dell'Inghilterra moderna deve essere a tutti i costi "liberale" - e vi qui un curioso totalitarismo ideologico, che dovrebbe essere tenuto d'occhio con maggiore attenzione - si inventato che la Grande Rivoluzione inglese stata quella del 1688-89; rivoluziorie, che ha avuto la curiosa caratteristica di non essere affatto tale, ma di essere consistita in un cambio della guar-dia pilotato all'interno di una ristrettissima oligarchia borghese-nobiliare, il cui cantore, John Locke, era anche azionista di una compagnia per la tratta degli schiavi negri dall'Africa all'Ameri-ca. Questo "fatterello" biografico di Locke pu essere considerato importante oppure

irrilevante, a piacere. Personalmente, lo consi-dero rilevante, cos come considero rilevanti le adesioni di Gentile al fascismo, di Heidegger al nazionalsocialismo e di Lukcs allo stalinismo (il che non chiude, ovviamente, ma semmai apre, il di-scorso sulla valutazione teorica e critica del loro pensiero). In ogni caso, la rivoluzione inglese stata quella del 1640, non quella del 1689, che, per quanto mi riguarda, lascio tutta ai miti liberali di fondazione.
76 77

La caratteristica ideologica della rivoluzione inglese del 1640 sta allora nel suo carattere "misto", nel fatto cio che a un 50/0 di citazioni bibliche provenienti dalla cultura protestante puritana si unisce un 50/0 di argomenti derivati dal giusnaturalismo e dal contrattualismo, cio dalle nuove filosofie del diritto naturale e del patto sociale. Questa mescolanza veramente di estremo interes-se. Il filosofo Hobbes, che provava verso la rivoluzione inglese un odio tanto pi profondo quanto pi sublimato in filosofia politica apparentemente "scientifica", odiava ovviamente sia la compo-nente biblico-messianica che la componente giusnaturalistico-egualitaria, e il succo della sua teoria politica consiste nel proporre la messa fuori legge integrale della libert d'opinione, in quanto l'espressione pubblica delle opinioni messianiche e/o giusnaturalistiche avrebbe portato al sicuro dominio di quelli che chiamava i "centauri", cio i mostri sediziosi rivoluzionari met bestie e met uomini. Oliver Cromwell, che nell'essenziale fin per condividere il punto

di vista di Hobbes, lasci "sfogare" ed utiliz-z per i suoi fini i messianici biblici apocalittici (la setta della Quin-ta Monarchia del colonnello Harrison, poi debitamente impiccato da Carlo II nella restaurazione), i giusnaturalisti egualitari (i Li-vellatori di Lilburne, i cui quadri militari fece impiccare lui stesso senza aspettare la restaurazione monarchica) e infine i comunisti comunitaristi della propriet pubblica e del consumo comune (gli Zappatori di Winstanley, attivi nel periodo "rivoluzionario" pri-ma del riflusso e della normalizzazione). Non a caso, Hobbes, che si trovava in Olanda durante la rivoluzione, torn in patria dopo normalizzazione di Cromwell, resosi conto che il periodo tur-bolento della prevalenza del demos era finito e regnava ormai il binomio di Ordine e Propriet. Non essendo un seg-uace di Sartori e di Bobbio, Hobbes sapeva bene che la democrazia non era una forma di Stato o di governo, ma una situazione di predominio del demos. Che poi il demos fosse normalizzato dal capo militare puri-tano Cromwell oppure da un Re unto dal Signore, che pretende di governare in nome di un diritto divino, ebbene questo pu interes-sare solo a un maniaco delle forme istituzionali, non certo ad un uomo pratico che andava al sodo come Thomas Hobbes. La lettura dei verbali dei dibattiti di Putney, tenuti nel 1647 da delegati dell'esercito di nuovo modello di Cromwell, in cui si scontrano in modo palese i "moderati", fautori di quello che sarebbe stato chiamato qualche

decennio dopo "liberalismo", e i "radica-li", fautori di quello che sarebbe stato chiamato parecchi decerueti dopo "pensiero democratico", resta a tutt'oggi estremamente ri-velatrice. I richiami alla Bibbia ci sono ancora, ma sono marginali e sporadici, laddove nei discorsi di Miinzer del 1525 erano addi-rittura ossessivi. Il tessuto del discorso invece quasi interamente
Il popolo al potere Democrazia e storia

filosofico e si incentra su due opposte interpretazioni del diritto naturale e del contratto sociale. I radicali - in massima parte membri del partito dei Livellatori sostenevano una interpretazione del contratto sociale di tipo democratico, fondata sul suffragio universale (con qualche restrizione), unita ad una interpretazione del diritto naturale basata sull'intervento politico organizzato contro la povert. I moderati - in massima parte uomini di Cromwell e presbiteriani di vario tipo interpretavano il patto sociale come patto fra proprietari, da cui discendeva ovviamente il rifiuto netto del principio democratico del suffragio universale, mentre davano una interpretazione individualistica alla teoria del diritto naturale, che i politologi moderni hanno poi battezzato come "individualismo possessivo". Chi, dei due, ha vinto?, mi chieder il lettore curioso. Non voglio dirglielo, in questa sede, per ragioni di susperise, e lo rimando alla lettura di un buon manuale di storia. Qualora, per, il lettore sospettasse che ha vinto il liberalismo senza democrazia, credo

che non sarebbe poi tutto sommato troppo lontano dal vero. Passiamo ora alla grande Rivoluzione Francese del 1789. Su questo evento storico esiste una bibliografia critica alluvionale, in cui si perderebbe anche Teseo munito del filo di Arianna. Ci non un caso, perch nella valorizzazione della rivoluzione del 1789 si incontrano l'orgoglio nazionale francese che grandissimo e che, personalmente, vedo con grande simpatia ed approvazione, in questi tempi di americanolatria - e l'albero genealogico del comunismo storico novecentesco, che ha sempre visto, nei giacobini, dei precursori dei bolscevichi con la parrucca e il codino invece che con la giacca operaia di pelle. Discuter pi avanti la plausibilit o meno della teoria neoliberale e postmoderna, oggi diffusissima e data quasi per ovvia, che istituisce un simbolico filo diretto di tipo totalitario-dittatoriale fra Platone, Rousseau, Robespierre, Hegel, Marx e Lenin. L'egemonia di questa grande narrazione demonizzante nel chiacchericcio semicolto durer ancora qualche anno - non molti, a occhio e croce - e personalmente la considero un ragionevole prezzo "ideologico" da pagare dopo il crollo tragicomico e criminale del comunismo storico novecentesco, recentemente defunto. Non di questo, per, che voglio parlare ora. Si tratta invece di inquadrare il problema del rapporto fra la Rivoluzione Francese del 1789 e la democrazia, nel doppio aspetto di teoria (istituzionalizzazione del principio di maggioranza a suffragio universale) e di

pratica (partecipazione popolare, resa possibile da movimenti sociali, che portano alla prevalenza del demos).
78 79

La tradizione liberale non vede, ovviamente, di buon occhio la Rivoluzione Francese, a causa della sua deriva "terrorista" del triennio 1792-1794, e ne salva soltanto la presa della Bastiglia in genere, destoricizzata e considerata il simbolo astorico dell'affermazione dei diritti dell'uomo - e il periodo girondino. La tradizione socialista e comunista, invece, l'ha "arruolata" nel suo pedig-reegenealogico, mentre il pensiero conservatore l'ha in genere demonizzata come frutto dello scatenamento del pensiero ateo e materialistico, che distrugge ogni tradizione e ogni sensata gerarchia sociale. Questo "triangolo polemico storiografico" dura da due secoli e, a mio avviso, continuer per altri secoli. Si tratta, con tutta evidenza, di uno scontro fra punti di vista politici attuali, che si "travestono" da punti di vista storiografici del passato. In poche parole, una recita in costume storiografica con evidenti riflessi politici attuali. Non intendo entrare in questo nido di vespe, ma semplicemente sintetizzare il mio personale punto di vista, necessariamente "di parte". Dal punto di vista della storia della democrazia intesa come prevalenza del demos, la Rivoluzione Francese ne fa ovviamente parte, anche se dopo il 1794 il demos sanculotto parigino del tutto

espropriato e si attua una sorta di "restaurazione" borghese, prima con il Direttorio e poi con l'Impero di Napoleone. Tutto questo largamente noto. Anche da un punto di vista formale-bobbiano, non c' dubbio che la costituzione giacobina peraltro rimasta sulla carta e mai entrata in vigore - sancisce per la prima volta non solo il suffragio universale, ma anche la tutela pubblica dei
Il popolo al potere
Democrazia e storia

cosiddetti "diritti sociali", e questo un secolo e mezzo prima del welfare novecentesco. Si pu amare oppure odiare Robespierre personalmente, ne sono un estimatore ma storicamente indiscutibile che egli fosse un sostenitore sia del suffragio universale, sia della tutela pubblica dei diritti sociali della popolazione povera. meno noto il fatto che fosse anche un avversario della pena di morte e che vot con-tro la sua approvazione in sede di assemblea legislativa, anche se poi i paradossi della storia "concreta" lo portarono ad avallare l'uso smodato della ghigliottina contro gli oppositori, senza peral-tro dimenticare che, in gran parte, i ghigliottinatori pi feroci e crudeli si riciclarono velocemente poi come termidoriani e bonapartisti, esattamente come, in gran parte, gli apparati "co-munisti" dopo il crollo del baraccone burocratico si sono riciclati come funzionari locali dell'impero americano. I manuali di storia sono in proposito sempre reticenti, perch contengono capitoli pittoreschi su battaglie, paci e scandali di corte, ma tacciono virtuo-samente sui giganteschi

fenomeni di riciclaggio opportunistico di massa. Il lettore deve, a mio avviso, dedurre da questi silenzi il fatto, scandaloso ma inoppugnabile, che gli storici professionali tacciono in genere proprio le cose pi interessanti e che solo le "controstorie" valgono la pena di essere lette.
80 81

La Rivoluzione Francese, o pi esattamente i "partiti" che si sono affrontati al suo interno, ha visto il tramonto pressoch integrale della legittimazione ideologica biblicomessianica e l'avvento ge-neralizzato di una legittimazione integralmente filosofica, nella forma della combinazione fra diritto naturale e patto sociale, cio fra giusnaturalismo e contrattualismo. Non scender qui nei parti-colari; voglio invece far notare solo un fatto poco noto, recentemen-te messo in luce molto bene dalla storica francese Florence Gauthier, per cui mentre oggi il termine "sociale" appare a prima vista rivolu-zionario e di sinistra, quando invece il termine "naturale" sembra legato alle giustificazioni conservatrici e tradizionaliste di un si-stema economicamente disegualitario, a quei tempi le cose erano esattamente invertite. Il riferimento alla "societ" e ai suoi diritti era tipico degli ideologi termidoriani e del Direttorio, mentre il ri-ferimento rigoroso ed esclusivo alla "natura", e quindi al diritto naturale interpretato in senso rivoluzionario, era tipico della cor-rente giacobina pi radicale. Chi conosce la filosofia di Rousseau non se ne stupir,

invece tutti coloro che si riempiono la bocca con l'insulsa paroletta multiuso "sociale" hanno di che riflettere, se vogliono farlo.

Il "secolo lungo". Dal 1789 al 1914. Liberalismo, democrazia, economicizzazione del conflitto e nazionalizzazione delle masse
Lo storico inglese Eric Hobsbawm, il grande divulgatore che ha coniato la fortunatissima formula di "secolo breve" per indicare il Novecento ("secolo breve", nel senso che un intero ciclo si sarebbe aperto, sviluppato e concluso fra il 1914 ed il 1991, quindi in settantasette anni e non in cento), ha invece periodizzato il prece-dente "secolo lungo" (durato cio ben cento e venticinque anni, dal 1789 al 1914) in tre parti successive: l'et delle rivoluzioni, l'et delle nazioni e della borghesia e, infine, l'et dell'imperialismo. Tutte le periodizzazioni devono sempre essere prese con le molle per non diventarne prigionieri, ma questa mi sembra a prima vista sensata, quindi mi ispirer ad essa nel seguente breve paragrafo. Il "secolo lungo" stato un tale intreccio di eventi complessi da non sopportare evidentemente semplificazioni. Nel contesto del mio discorso possibile per

sostenere ragionevolmente che que-sto "secolo lungo" stato caratterizzato, nei Paesi detti "centra-li" di quei tempi, da una lunga lotta fra liberalismo e democra-zia, in cui il liberalismo e la democrazia furono instabilmente alle-ati solo nel primissimo periodo (1815-1848), e nel resto del mondo dal fenomeno del colonialismo, che, divenendo poi imperialismo vero e proprio, contribu anche potentemente e, a mio avviso, in
Il popolo al potere Democrazia e storia

modo decisivo - all'integrazione "democratica" delle masse nel liberalismo. Questo non significa che la "democrazia" nel "secolo lungo" sia stata "regalata" alle masse dalle oligarchie liberali come dono avvelenato e cavallo di Troia, per poterle integrare meglio nella propria logica imperialista, ma non significa neppure che sia bene il tacere virtuosamente anche questo secondo aspetto. L'intreccio fra le rivendicazioni democratiche rivoluzionarie, da un lato, e le sapienti concessioni oligarchiche di integrazione, dall'altro, caratterizza in modo strutturale il "secolo lungo". Per poter capire meglio questo intreccio, che vede prima il padrone liberale scacciare violentemente di casa la cameriera democratica e lo vede poi riaccoglierla in casa e addirittura sposarla, bisogna utilizzare due concetti, proposti rispettivamente da Baurnan e da Mosse: l'economicizzazione del conflitto e la nazionalizzazione delle masse. Li tratter separatamente per comodit di esposizione, ma deve essere chiaro che

nella realt storica essi fanno tutt'uno.


82 83

La rivoluzione industriale, nata in Inghilterra e poi diffusasi progressivamente negli altri Paesi europei, ha costituito una classe sociale, che, in quanto tale, non esisteva in precedenza: la classe operaia, salariata e proletaria. Certo, essa non mai stato un solo soggetto unico e compatto, e questa unificazione simbolica e largamente fantasrnatica stata un prodotto ideologico del movimento politico prima socialista e poi comunista. Nello stesso tempo, cos come mi sembra accettabile il parlare di borghesia - sapendo perfettamente che nella realt ci sono state molte distinte "borghesie" differenti - nello stesso modo ritengo si possa parlare anche di classe operaia, salariata e proletaria. Insisto nel ripetere sempre il trinomio "classe operaia, salariata e proletaria" perch, a mio avviso, questo trinomio simbolico unisce una categoria sociologica (la classe operaia), una categoria economica (la classe salariata) e una categoria storico-filosofica (la classe proletaria, frutto dell'espropriazione capitalistica delle precedenti comunit contadine ed artigiane e vista come l'emancipatrice universalistica dell'intera umanit). Il trinomio simbolico effettua in questo modo quella "unificazione ideale", sia pure del tutto fantasmatica, che ha sorretto la pi grande utopia egualitaria prodotta dalla storia dell'umanit: il comunismo storico novecentesco. I movimenti di resistenza della classe

operaia, salariata e proletaria al capitalismo sono quasi sempre stati interpretati dalla pulgata filosofica corrente come una forma di "progressismo". Niente di pi errato, o almeno di pi contestabile. Il "progressismo" sempre e solo stato un'ideologia o, pi propriamente, un insieme di ideologie caratterizzante la borghesia capitalistica, che trova la sua identit fondamentale nel far sempre "procedere" un'illimitata produzione di sempre nuove merci e di sempre nuovi servizi, ed ha perci bisogno come il pane di una visione del mondo basata sulla "temporalizzazione" lineare illimitata anche del tempo storico. In altre parole, il "tempo" progredisce illimitatamente, perch deve anche contestualmente progredire, cio continuare, intensificarsi ed approfondirsi la produzione capitalistica illimitata di sempre nuovi beni e servizi. L'ideologia del progresso quindi solo la "faccia colta" dell'ideologia dello sviluppo e, in quanto tale, resta del tutto estranea alla classe operaia, salariata e proletaria nel suo primo periodo costitufivo, quando essa ancora "guarda indietro" alla sua precedente condizione comunitaria - pi esattamente, subalterna ma comunitaria di tipo contadino e/o artigiano, ma le resta estranea solo fino a quando non inizia l'integrazione consumistica. Il "progresso della produzione" del lato borghese diventa cos il "progresso del consumo" del lato operaio, salariato e proletario. Il lettore noti bene che in queste mie osservazioni non c' la minima condanna

rnoralistica, pauperistica ed ascetica del fatto che i dominati comincino a "consumare" consumano, anzi, in genere troppo poco e male, roba merceologicamente mediocre con intrattenimenti di pessima qualit, e sono dunque favorevole al fatto che in futuro possano consumare pi e meglio, in modo meno inquinante per l'ambiente e meno degradante per l'individuo e le
Il popolo al potere

Democrazia e storia

comunit - e non c' neppure l'apologia del "tempo in cui Berta filava", in cui certamente Berta filava, ma c'erano anche i roghi degli eretici e delle streghe, i macelli delle carestie e delle pestilen-ze, le operazioni chirurgiche senza anestesia e con il fazzoletto fra i denti, le violenze dei padri sulle figlie ecc.; io, qui, mi limito a constatare un fatto, che il politicamente corretto di sinistra tende a negare, e cio che la cultura della classe operaia, salariata e pro-letaria originariamente "reazionaria", e per questo ribelle, men-tre attraverso l'economicizzazione del conflitto e l'integrazione consumistica diventa "progressista", e per questo innocua, riformista e anti-rivoluzionaria. L'economicizzazione del conflitto di classe accompagna il sem-pre minor timore che le oligarchie capitalistiche liberali hanno delle rivendicazioni democratiche. Camillo

Benso di Cavour poteva an-cora temerle, ma Giovanni Giolitti gi non pi. Il socialismo na-scente un fattore di potenziale eversione, e come tale viene trat-tato, mentre il socialismo organizzato e consolidato un fattore di integrazione, e come tale viene correttamente inteso dai cosiddetti "liberali illuminati". La semplice economicizzazione del conflitto - il conflitto cio spostato dalla produzione alla distribuzione, dallo stile di vita complessivo della comunit alla pi equa ripartizione del reddito - non sarebbe tuttavia bastata, per conseguire la piena integrazione delle rivendicazioni "democratiche" nella societ li-berale: ci voleva anche una vera e propria "nazionalizzazione delle masse".
84 85

Questa nazionalizzazione delle masse avvenne nell'et detta "dell'imperialismo", attraverso i tre fenomeni congiunti del progressivo aumento del tenore di vita e di consumi della classe ope-raia, salariata e proletaria (con la connessa apertura di canali con-trollati di promozione sociale individuale), del servizio militare obbligatorio generalizzato e, soprattutto, della scolarizzazione ele-mentare obbligatoria. La sinerg-ia di economicizzazione redistributiva del conflitto di classe, di servizio militare maschile obbligatorio e infine di scolarizzazione elementare diffusa, porta a quella che potremo chiamare, seguendo Mosse, la "nazionalizzazione delle masse". Poniamoci alcune domande finali in modo telegrafico e riassunti-vo. Il "secolo lungo",

durato dal 1789 al 1914, ha visto il generoso regalo della democrazia da parte delle oligarchie liberali dominanti? No, non lo si pu dire. La democrazia intesa come somma di suf-fragio universale e di aumento del tenore di vita dei dominati - metto qui, volutamente, insieme l'aspetto politico e quello economico - stata anche e soprattutto una faticosa conquista costata rivolte, repressioni, scioperi, sangue, licenziamenti, esili ed emarginazioni, che hanno coinvolto milioni di persone. Nello stesso tempo, per, l'affermarsi dell'economicizzazione del conflitto di classe e la pro-gressiva nazionalizzazione delle masse, avvenuta nell'ultima e decisiva parte del secolo lungo stesso (grosso modo, 1870-1914), hanno portato ad una situazione del tutto imprevista dai teorici ottocenteschi della democrazia (Mazzini) e dai primi teorici del cosiddetto "marxismo" (Engels, Kautsky ecc.). Il "secolo lungo", in poche parole, ha visto l'affermarsi della democrazia? Dipende. Della democrazia come forma istituziona-le in parte s, anche se il suo perfezionamento formale suffragio femminile, istituzionalizzazione della spesa sociale ecc. - ha dovuto aspettare il successivo "secolo breve". Della democrazia come po-tere popolare generalizzato certamente no, perch le grandi deci-sioni strategiche sulla g-uerra e sulla pace se le sono tenute sempre ben strette le oligarchie liberali dominanti. Della democrazia come prevalenza politica e sociale del demos neppure, in quanto il demos non composto da masse plebee

irredimibili - come sostenevano Nietzsche, Ortega y Gassett e Pareto - ma da una comunit di cittadini consapevoli degli affari nazionali e internazionali. E con questo, siamo arrivati alle soglie del "secolo breve". "Seco-lo breve", che non nasce da un placido parto casalingo, ma da un lago di sangue. Si tratta di vedere chi siano stati, i responsabili di questo lago di sangue. E questo ci porta al prossimo cruciale para-grafo.
Il popolo al potere Democrazia e storia

Il "secolo breve". Dal 1914 al 1991. La vicenda del comunismo storico novecentesco e la vittoria tennistica finale del capitalismo
Abbiamo visto nel paragrafo precedente che il "secolo lungo" 1789-1914 stato caratterizzato da un certo sviluppo della democrazia, ma che questo sviluppo si infine arenato in una integrazione subalterna del demos attraverso la triplice trappola dell'economicizzazione del conflitto di classe, della nazionalizzazione colonialistica ed imperialistica delle masse e, infine, dell'adozione di una variante particolarmente impoverita, subalterna e penosa dell'ideologia borghese del progresso, variante impropriamente e grottescamente denominata "socialismo".
86 87

I due fenomeni storici novecenteschi, che riassumer sotto l'etichetta semplificatrice di "fascismo" e di "comunismo" sono stati entrambi, a mio avviso, prodotti politici, sociali e culturali della piccola borghesia, laddove invece "spontaneamente" mi si conceda un termine un po' improprio la classe operaia, salariata e proletaria piuttosto socialdemocratica e socialista (perch sa perfettamente che, da sola, a malapena in grado di gestire una cooperativa di consumo e che la sua cosiddetta "missione universalistica" una utopica invenzione di intellettuali piccoloborghesi in cerca di assoluto), mentre la vera classe borghese e imprenditoriale invece "spontaneamente" liberale (perch interessata alla prevalenza del mercato sullo stato e, di conseguenza, preferisce Locke a Hegel). Questo non significa, ovviamente, che i due fenomeni del fascismo e del comunismo abbiano avuto la stessa base di massa e la stessa base di classe, anche se non un caso che entrambi si siano assestati sulla base di classe e si siano configurati politicamente in uno Stato autoritario a partito unico. Entrambi si sono basati su di una Medita "democrazia di mobilitazione popolare organizzata", che ovviamente non aveva nulla a che fare con la liberaldemocrazia propriamente detta, che, a sua volta, non ave va saputo, voluto o potuto impedire il bagno di sangue del 1914 e che perci, a mio avviso, ha ampiamente meritato la bastonata storica, che ha ricevuto dal fascismo e dal comunismo. In questo paragrafo parler solo di quest'ultimo, non certo perch il fascismo non sia

interessante, ma perch, in generale, le varie forme di fascismo, pur facendo spesso ricorso alla mobilitazione carismatica delle masse e pur prendendo spesso reali provvedimenti sociali in favore del demos, si sono sempre dichiarate fieramente ed esplicitamente anti-democratiche, laddove invece il comunismo ha sempre accettato a parole il principio democratico, pur violandolo ovviamente nei fatti. Pi di quarant'anni di esperienza personale mi hanno portato all'irrevocabile persuasione che sia del tutto impossibile, per ora, discutere "oggettivamente" del fenomeno storico del comunismo storico novecentesco e tentare di darne un'interpretazione storiografica comune. La cosiddetta "memoria condivisa" solo un delirio totalitario politicamente corretto del provvisorio neoliberalismo trionfante, che vorrebbe "succhiare" nel suo modello conformistico tutti i punti di vista anomali, ma sono appunto i punti di vista anomali i soli che abbiano un minimo di interesse. Altra cosa il mantenimento mummificato di una guerra civile fra fascisti e antifascisti, finita pi di sessant'anni fa, che dovrebbe invece essere concordemente chiusa per poter passare all'esame delle nuove contraddizioni storiche, culturali e sociali. La valutazione globale del comunismo storico novecentesco all'interno del quadro generale della storia dell'umanit, della storia moderna, della storia contemporanea e della storia del Novecento ho volutamertte

ricordato tutte e quattro queste distinte dimensioni sia essa positiva o negativa, frutto di una intuizione (o, pi esattamente, di una intuizione olistica sulla totalit del corso temporale della storia umana) e non mai il risultato di un insieme di argomentazioni. Chi valuta negativamente il comunismo come fenomeno globale, lo farebbe anche se, per ipotesi, esso fosse difeso dai pi grandi geni dell'umanit, da Platone a Darwin, da Hegel
Il popolo al potere
Democrazia e sto a

a Freud; mentre chi lo valuta positivamente non cambierebbe idea, anche se la sua legittimazione si basasse sulle profezie di Nostradamus o sulla lettura dei fondi di caff. Il "giudizio" olistico sul comunismo come fenomeno storico non infatti di ordine sto-rico, ma metastorico, e ci che di fatto metastorico viene prima intuito e solo dopo argomentato (in analogia mi arrischio a dirlo con l'esistenza di Dio o con la sua negazione). Chi lo rivendica o lo rimanda ad un auspicato futuro, lo fa in nome di una concezione egualitaria della societ, che nessun battage pubblicitario contro il totalitarismo potr mai minimamente scalfire. Chi invece lo abor-risce, far sempre riferimento alla natura umana (che sarebbe egoistica, competitiva, acquisitiva ed invididualistica e non sop-porterebbe a lungo livellamenti forzati), alla libert di opinione (che non pu essere conculcata a lungo perch salta sempre fuori come una molla compressa), all'efficienza economica (viva il mer-cato allocatore ideale dei

fattori produttivi, abbasso la pianifica-zione inefficiente ed autoritaria) ecc.; in questo paragrafo, quindi, non cercher minimamente di "convincere" il lettore della natura positiva o negativa del comunismo storico novecentesco. Mi limi-ter, invece, a snocciolare alcune mie profonde convinzioni in pro-posito, in forma necessariamente apodittica. Non pretendo, su un argomento come questo, di dire il "vero", ma prometto di essere veridico, cio sincero.
88 89

C' subito una leggenda metropolitana da sfatare: che Karl Marx sia stato il "teorico", e quindi il fondatore del comunismo storico novecentesco, buono o cattivo che lo si voglia giudicare. Cos non . Non vorrei ora che il lettore sospettoso pensasse che in questo modo io intenda "innocentizzare" o assolvere Marx da questa re-sponsabilit storica. Non si tratta di ci che io voglio o non voglio; si tratta di qualcosa, che ricostruibile filologicamente con un altissimo grado di oggettivit, se ovviamente si ancora sensibili all'argomentazione razionale e non si ha consacrato la propria anima alla guerra di religione. Il bolscevismo di Lenin, che fu poi ribattezzato "comunismo" solo dopo la rivoluzione del 1917, non pu essere definito un'applicazione ortodossa delle teorie di Marx e neppure un'eresia rispetto al barbuto padre fondatore, ma inquadrabile come un'eresia rispetto al canone marxista della Se-conda Internazionale (1889-1914), canone fissato

da Karl Kautsky dopo la morte di Marx. Il bolscevismo di Lenin, diventato poi "comunismo" per antonomasia, , a mio avviso, non certo la "applicazione" della teoria originaria di Marx e di Engels, ma la "risposta", da parte po-polare, al bagno di sangue della guerra del 1914, scatenato dalle oligarchie nobiliari e borghesi, che erano riuscite a portarsi dietro le rispettive plebi, gi addomesticate dalla economicizzazione del conflitto e dalla nazionalizzazione imperialistica delle masse. In accordo sostanziale con il sociologo Thorstein Veblen, dir anch'io che, per fare la guerra con un certo consenso, basta appoggiarsi allo spirito sportivo delle masse. Il nesso fra l'agonismo dello spi-rito sportivo e l'agortismo dello spirito bellico talmente forte che solo l'ipocrisia, unita all'incurabile ingenuit dei creduloni di pro-fessione, pu dirnenticare che lo sport moderno nato in singolare ed inquietante unit di tempo e di luogo con la guerra moderna e che il cosiddetto "spirito olimpico" , al massimo, una risorsa ideologica preziosa per costruttori di stadi e di impianti sportivi vari, estivi o invernali che siano. Il comunismo storico novecentesco, questa eresia politica bolscevica rispetto al canone ortodosso "marxista" ma Marx non era marxista, per sua stessa esplicita ammissione elaborato nel ventenni 1875-1895 sotto l'influenza della grande depressione economica 1873-1896 si prega il lettore di fare attenzione alla

coincidenza stato "democratico", oppure stato l'incubo tota-litario e dispotico meno democratico che sia mai esistito nella sto-ria umana dalle caverne e dalle palafitte ad oggi? evidente che la risposta sar influenzata dall'intuizione olistica preliminare; intuizione, a sua volta, impermeabile ad ogni argomentazione, e tuttavia la risposta non difficile: dal punto di vista della teoria costituzionalistica dello stato liberale, poi integrata dal principio
Il popolo al potere Democrazia e storia

democratico del suffragio universale, il comunismo storico novecentesco stato un regime non democratico, basato su una legittimazione ideologica pseudoscientifica, che si presentava come una vera e propria religione inquisitoria ed intollerante fondata sulla presunta conoscenza delle leggi inesorabili della storia universale e dell'ineluttabile esito finale-comunista, verso cui queste leggi portavano; dal punto di vista della prevalenza del demos, cio dei pi poveri, al di l delle forme costituzionali ampiamente illusorie ed anzi fastidiosamente ipocrite, il comunismo storico novecentesco stato, invece, un fenomeno democratico a tutti gli effetti. Sono perfettamente consapevole che una simile formulazione non pu soddisfare il lettore, che potrebbe vederci una forma di ipocrisia, tipica della forma sintattica.., da un lato... all'altro, travestimento della cosiddetta "complessit". Passer allora all'uso delle categorie della filosofia politica greca applicate alla contemporaneit novecentesca. Sulla base di queste categorie, il comunismo storico

rtovecentesco pu essere definito come una forma di dispotismo sociale - o di tirannia sociale - che utilizza forme democratiche di inquadramento e di mobilitazione del popolo con cui viene realizzata una vera e propria dittatura della politica sull'economia, in vista della creazione di una struttura sociale egualitaria fortemente instabile e provvisoria, che infine crolla proprio sulla base delle dinamiche sociali precedentemente innescate e provocate. Questa definizione apparir certamente troppo elaborata. Rispondiamo senza ipocrisia: stato, il comunismo storico novecentesco, un fenomeno democratico, al di l dei sofismi nati dal doppio significato del termine? La risposta deve essere chiara: no, non lo stato. Allora, se non lo stato, ogni sua riproposizione (o "rifondazione") appare ambigua e francamente sconsigliabile. Questa affermazione, che voglio netta e decisa, sar capita meglio alla luce delle considerazioni storiche, che seguiranno.
90 91

un fatto, e non certo una malevola opinione, che nel corso di tutta la sua storia il comunismo storico novecentesco veramente esistito - non parlo di quello scientifico-utopico di Karl Marx - non sia mai riuscito ad "ereditare" quella conquista spirituale universalistica, che la garanzia giuridica dell'espressione della libert d'opinione. I regimi comunisti hanno sempre addotto il pretesto dell'accerchiamento militare capitalistico, dello spionaggio e dell'uso eversivo dei "dissidenti", pretesto indubbiamente

fondato, ma che finiva, di fatto, con il trasformare una societ civile in un aggregato sottoposto ad emergenza permanente. Ora, remergenzialismo permanente" non una dottrina politica seria; ci stanno sotto, inevitabilmente, una mancanza di consenso politico e, soprattutto, una carenza strutturale di egemonia culturale.

evidente che un sistema flessibile, in grado di tollerare il dissenso, storicamente pi forte, e quindi strategicamente vincente, rispetto ad un sistema rigido, che opprime oppure si spezza e non riesce ad assorbire, integrare e metabolizzare il fisiologico dissenso, che nasce dal fatto che l'uomo, essendo un ente naturale gene rico e non specifico come gli altri animali, anche un ente antropologicamente dissenziente, perch il suo dire "no" anzich "s" altrettanto fisiologico del suo mangiare, bere, sudare. Se il sistema socialista del comunismo storico novecentesco si fosse permesso la costituzione legale del Partito della Restaurazione Capitalistica, del Partito Religioso di Dio Padre, del Partito Liberale della Propriet Privata, del Partito della Diseguaglianza Competitiva, del Partito del Lusso Provocatorio alla Faccia dei Plebei Invidiosi ecc., oggi forse esisterebbe ancora; ma appunto non poteva permettersi tutto questo, perch la sua fragilit gli imponeva non di "collettivizzare" o di "totalistizzare", come credono ingenuamente coloro che non hanno mai messo piede nei Paesi comunisti ai tempi del Grande Baraccone, bens di

individualizzare e di atomizzare all'estremo la societ, M modo che fosse impossibile l'aggregazione di collettivit ostili. Il tessuto reale e non ideologico era allora una sorta di "individualismo deresponsabilizzato generale", non certo il controllo occhiuto del Grande Fratello ideologico onnipresente, come favoleggia la teoria occidentale del totalitarismo.
Il popolo al potere
D em ocrazia e storia

A suo tempo, Norberto Bobbio sostenne che il comunismo stori-co novecentesco, che egli erroneamente riteneva in qualche modo legato a Marx, era privo di una teoria politica. Non lo credo. La teoria politica di Marx c'era, ed era urta combinazione di suffragio universale e di democrazia diretta di tipo consiliare. Comunque questa teoria non fu mai applicata, non certo per errore, ignoranza o tradimento, ma per il fatto che presentava aspetti utopici, a mio avviso totalmente inapplicabili (fino alla teoria, del tutto irrealistica, della cosiddetta "estinzione dello Stato"). La teoria politica del co-munismo storico novecentesco era invece, secondo me, una ripresa integrale socialista della teoria seicentesca di Thomas Hobbes. Come nel modello di Hobbes, il popolo si legava in un patto di unione, che diventava per immediatamente un patto di soggezione ad una au-torit assoluta e dispotica non revocabile (pactumsubjectionis). Il patto che legava il popolo socialista al partito comunista era un tipico esempio di patto hobbesiano, che, una volta istituito, non era pi revocabile. Inoltre, come nel modello di Hobbes, la libert di opinio-ne e di espressione era scartata come fonte

potenziale perenne di sedizione (i "centauri" di Hobbes, i "controrivoluzionari" di Stalin ecc.) e veniva persino impedita la libera discussione sulla corretta interpretazione degli stessi libri di riferimento (la Bibbia in Hobbes, i classici del mardsmo nel comunismo). allora possibile dare una risposta relativamente chiara all'interrogativo su quale sia stata la teoria politica del comunismo storico novecentesco: stata un'ap-plicazione popolare popolare nel senso di prevalenza degli inte-ressi sociali del dernos della teoria di Hobbes. Naturalmente, Lenin non voleva tutto questo. Nonostante il fatto che il suo pensiero non derivasse direttamente da Marx, ma da una particolare eresia russa del canone marxista elaborato da Kautsky, egli era legato all'utopia marxiana (di probabile origine russoviana) della democrazia diretta consiliare rivolta all'autogoverno politico delle masse ed all'autogestione economica dei produttori. Ritenen-do (erroneamente) che il mercato potesse essere riassorbito nel pia-no senza particolari traumi e che la classe operaia, salariata e prole92 93

taria fosse il soggetto storico rivoluzionario egemone nel passaggio dal capitalismo al socialismo che egli, ancor pi erroneamente, assimilava ad un processo naturale, donde la sua preferenza per la filosofia del cosiddetto "materialismo dialettico" Lenin poteva, da un lato,

scrivere l'utopia consiliare intitolata Stato e Rivoluzione e, dall'altro, sostenere un accentramento dispotico del potere del-lo Stato e del partito, che alla fine, inevitabilmente, non potevano che identificarsi. Da un punto di vista dialettico, l'estremo anarchismo segreta-mente solidale con l'estremo dispotismo, in quanto i due poli si ro-vesciano l'uno nell'altro nel contesto di una crisi sociale strutturale. Questa la ragione per cui, anche ammesso che la democrazia non sia una forma di Stato o di governo, ma solo una prevalenza di fatto del demos, sarebbe bene che il demos (o la sua dirigenza) capisse che preferibile un criterio di "mescolanza" (anamixls), come gi Clistene e Pericle avevano capito ai loro tempi. La dissoluzione del comunismo storico novecentesco, in ogni caso, non stata in primo luogo una dissoluzione dovuta al suo sistema politico dispotico, anche se ho fatto notare che il rigido perde, in genere, contro il flessibile, perch il flessibile assorbe ed integra le opposizioni, mentre il rigido o le spacca o ne viene spac-cato. Questa dissoluzione non neppure spiegata adeguatamente da ragioni "esterne" (corsa agli armamenti imposta da Ronald Reagan, pressione ideologica consumistica occidentale ecc.). Come gi avvenne nel caso del crollo del vecchio impero romano, anche nel caso del comunismo le cause interne prevalgono sulle cause esterne. Certo, i "barbari" fuori dei confini contano, ma, se la so-ciet interna non fosse stata in

via di dissoluzione, la baracca avreb-be in qualche modo tenuto. La ragione interna sta, a mio avviso, nella assoluta, tragicomica, irredimibile, incurabile incapacit del-la classe operaia, salariata e proletaria di produrre una sintesi cul-turale e sociale credibile. Non basta stare "sotto", cos come non basta stare "sopra", per essere universalistici. La classe subalterna massacra la vecchia borghesia, impone la sua dittatura, ma poi,
Il popolo al potere Democrazia e storia

per far funzionare la baracca, deve mandare i propri figli a scuola, e questi figli, una volta ingegneri e medici, diventano classe media e sbaraccano appena possono il vecchio dispotismo egualitario, edificato dal nonno contadino povero e dal padre operaio specializzato. Questo sbaraccamento avviene peraltro i fatti del triennio 1989-91 sono inequivocabili nel quadro di una totale inattivit della classe operaia di fabbrica propriamente detta, che non muove un dito per impedire la privatizzazione selvaggia (le cose sono andate un po' diversamente in Cina, dove la direzione politica della classe operaia cinese la cosiddetta "Banda dei Quattio" stata invece distrutta militarmente subito dopo la morte di Mao nell'ottobre 1976). Questa passivit della classe operaia dei Paesi ex-comunisti deve essere spiegata. In proposito, preferisco azzardare una possibile sciocchezza, piuttosto che rifugiarmi misticamente nell'insondabile

"complessit" degli eventi storici. Al di l di momenti storicamente eccezionali e non ripetibili come lo stachanovismo staliniano, che fu effettivamente un vero movimento di massa interno alla classe operaia la classe operaia, salariata e proletaria una classe sociale spontaneamente socialista e socialdemocratica, non certo "comunista". Il comunismo resta un'utopia sorta dalla coscienza inquieta della piccola borghesia primo-novecentesca, e questo ne spiega ad un tempo la forza ideologica e la fragilit sociale. La vittoria con punteggio tennistico del capitalismo sul comunismo ci introduce al nuovo secolo e al nuovo millennio. Questa, per, non pi "storia storica", cio storia del passato, ma storia del presente, per cui sar l'oggetto del terzo ed ultimo capitolo.

Considerazioni storiche finali


94

95

, la storia, maestra di vita, magstra vitae? Lo si ripete spesso, sulla base non tanto dei cosiddetti "corsi e ricorsi" storici ciclicit, cui personalmente non credo, perch credo nella produzione di soglie irreversibili sia nella natura che nella societ quanto dello studio delle analogie fra passato e presente. Nicol Machiavelli ha portato lo studio sistematico delle analogie storiche al punto di poter illudersi di aver scoperto una scienza della natura umana o, meglio, delle costanti dei suoi

comportamenti in situazioni analoghe. Per ora, finiamo il nostro discorso con alcune ulteriori considerazioni sul rapporto fra storia e democrazia. La storia ci dice che il problema della democrazia appunto "storico", nel senso che ritorna sempre nel corso del tempo e non pu essere eliminato attraverso utopie tecnocratiche di potere dei cosiddetti "migliori" (che Platone chiamava lo smzkrotaton meros, la parte pi piccola, e Marsilio da Padova la pars valentrar). Come nella respirazione dei polmoni, in cui inspirazione e espirazione si susseguono strutturalmente, allo stesso modo nella storia, fino ad ora, anzich un'inesistente linearit prog-ressistica orientata ad un scopo finale, si assistito piuttosto ad una particolare ciclicit, in cui oligarchia e democrazia si sono succedute con vari gradi di mescolanza. Se questo vero, sia il partito teorico dei formalisti (la democrazia una forma di governo basata sulla presa delle decisioni pubbliche a maggioranza), sia il partito teorico dei sostanzialisti (la democrazia non una forma di Stato o di governo, ma la prevalenza del dernos, costituito dai pi poveri e dominati) non possono pretendere di avere completamente ragione. Potremmo allora tentare una (provvisoria e revocabile) definizione: la democrazia la prevalenza costituzionale del demos. Come tutte le definizioni, anche questa presenta punti deboli, ma almeno segnala che una prevalenza non costituzionale del demos, oppure una costituzione che ne comporti la

soggezione anche se questa soggezione fosse legittimata da periodici ricorsi alle elezioni a suffragio universale, come negli Stati Uniti di oggi produce, in entrambi i casi, una situazione di non democrazia.
-

Finiamo dunque questo primo capitolo storico con la segnalazione di un'aporia e non con una cosiddetta "soluzione". Poco
Il popolo al potere

male. Il lettore deve diffidare dai saggi, che gli presentano la verit bella e confezionata. A suo tempo, il filosofo Platone si indign contro il tiranno di Siracusa Dionisio, perch quest'ultimo voleva che Platone gli compendiasse in un libretto tascabile tutta l'arte del buongoverno. L'indignazione di Platone era assolutamente giustificata. Cos come il bene politico non consiste in una formulazione compendiabile in modo sintetico, ma in una lunghissima pratica educativa svolta sia da soli sia in comunit, nello stesso modo la Democrazia non consiste in una serie di definizioni alla Bobbio o alla Sartori, ma in una pratica educativa comunitaria, in cui l'aspetto antropologico prevale necessariamente su quello istituzionale. Con questo, per, giunto il momento di passare ad un esame dei rapporti fra democrazia e filosofia.

Democrazia e filosofia. Riflessioni su una vicenda bimillenaria


96

In questo secondo capitolo, il lettore trover un "ritorno" su molti temi gi trattati nel primo. Ci stato fatto consapevolmente, per-ch il tema della democrazia certamente un tema storico o, pi esattamente, storico-politico, ma anche e soprattutto antropolo-,ico e filosofico. Inoltre, chi scrive un filosofo di formazione e di professione e si trova comprensibilmente molto pi a suo agio nella trattazione di argomenti filosofici, piuttosto che nella tratta-zione di argomenti storici. Grazie, per, alla benemerita e mai abbastanza lodata riforma di Giovanni Gentile del 1923 - che deve essere valutata, a mio avviso, indipendentemente dal contenzioso simbolico ed emozionale fra fascismo e antifascismo - chi scrive si guadagnato lo stipendio e la pensione insegnando insieme la filosofia e la storia, cosa sostanzialmente buona, perch il filosofo senza storia e lo storico senza filosofia guadagnano forse qualcosa in specialismo da sfruttare, per, molto pi a livello di ricerca urversitaria che di educazione liceale - ma perdono indubbiamente molto nell'illusione che la storia consista in tecnica archivistica e la filosofia in analisi

del linguaggio. Fatta questa autobiografica precisazione, che anche un grido di allarme verso l'attuale distruzione della dimensione storica del-l'insegnamento in direzione di un eterno presente computerizza-to e di una formazione orientata unicamente alle cosiddette "richieste del mercato" - che poi cambiano, ovviamente, ogni cinque armi e non possono orientare un asse educativo reale in questo secondo capitolo il lettore trover gli elementi di una vera e pro-pria fondazione filosofica del problema della democrazia. Esami-ner allora, nell'ordine, i tre problemi del rapporto fra democrazia e verit, del rapporto fra democrazia e natura umana e, infine,
97 Il popolo al potere Democrazia e filosofia

del rapporto fra filosofia e universalismo. A questo punto, il problema diventer anche politico, perch passer dal problema filosofico dell'universalismo al problema politico della cosiddetta "universalit dei diritti umani", con conseguente distruzione di fatto del precedente diritto internazionale fra Stati in nome del preteso "intervento umanitario". In questa ideologia interventista, ovviamente anche la democrazia coinvolta, perch si pretende che essa sia il primo e pi importante dei diritti umani universalistici da esportare. Preavverto subito il lettore che mi

opporr esplicitamente a questa infondata pretesa, e questo non in nome di un relativismo cinico, ma proprio in nome delle ragioni di una universalit pi comprensiva delle differenze fra individui, popoli e nazioni. Qui trovo soggettivamente il nucleo teorico e morale di questo mio saggio. Nella seconda parte del capitolo, dopo aver aperto un'importante parentesi sul pensiero originale di Marx da me interpretato come una forma di universalismo, sia pure imperfetto e pertanto ampiamente correggibile, per chi non si pone in un'ottica citatologica, talmudistica e religiosa tratter il rapporto, che si stabilisce fra la democrazia, da un lato, e l'individualismo e il comunitarismo, dall'altro. Questa trattazione, con cui concluder il secondo capitolo, sar anche l'introduzione al terzo, in cui prender in esame la cosiddetta "attualit".

Il rapporto fra democrazia e verit


98 99

Abbiamo visto che Socrate stato condannato per tradimento e Ges di Nazareth per terrorismo, mentre, ad un esame storico pi attento, si ricava che Socrate non era un traditore e Ges non era un terrorista. Socrate era un patriota ateniese, che riteneva di svolgere un

dovere civico comunitario facendo la parte del "moscone", che infastidiva utilmente il nobile cavallo della pois degli Ateniesi, mentre Ges era un pacifista messianico, che invitava alla conversione per poter effettuare una purificazione del tempio e per poter proclamare un anno di misericordia del Signore. In entrambi i casi, secondo la legislazione ben intesa degli Ateniesi e dei Romani, Socrate e Ges avrebbero dovuto essere assolti, non essendo incorsi in un reato penale, ma ragioni politiche, e politiche in quanto extra-filosofiche, ne imposero la condanna a morte per veleno e per crocifissione, sotto la spinta "democratica" delle urla scomposte della folla gerosolimitana e dei voti maggioritari della giuria dei giudici popolari ateniesi (il cui livello di "competenza" ben descritto nella commedia di Aristofane Le Vespe). Da questo doppio esempio storico molti hanno tratto la conclusione che la democrazia, in quanto semplice metodo per la presa delle decisioni pubbliche, deve essere neutrale rispetto al tema della verit, perch non spetta al metodo democratico decidere se la verit ma anche il bene, il bello e il giusto esista veramente o invece sia solo un'inesistente illusione metafisica. La questione, per, non si chiude qui, anzi semmai qui si apre, ed ora cercher di tracciarne alcune coordinate iniziali. Non posso certo, in questa sede, fare l'elenco dei significati, ck il termine "verit" ha assunto nella storia millenaria della filosofia occidentale; per, per

chiarezza verso il lettore, devo esplicitare in questo paragrafo il significato, che io personalmente propongo. Per "verit", intendo una pretesa universale di validit di una proposizione rivolta alle modalit di esistenza e di riproduzione di una comunit umana, in base ad un giudizio di tipo etico e politico. Questa definizione, volutamente limitata alla sfera dei rapporti sociali, esclude esplicitamente molti altri tipi di proposizioni generalmente intese come veritative, cio quelle che io definisco come sincere e veridiche (del tipo: vero che ti amo), come esatte (del tipo: esatto che quattro pi quattro fa otto) ed infine come certe (del tipo: certo che il pianeta Mercurio fa parte del sistema solare). Distinguendo da un lato il "vero" e dall'altro, invece, il veridico, l'esatto e il certo, oltre che quello che potremo definire reale o fattuale in base ai cinque sensi (del tipo: vero che questo
popolo

al potere Democrazia e filosofia

un bastone e questa una bicicletta, perch abbiamo in comune una ling-ua per connotarli e la vista e il fatto per verificarli), tolgo di mezzo molti equivoci semantici, che mettono sullo stesso piano la presunta "verit" dell'esistenza di un bastone, della fusione nu-cleare, di un teorema di geometria ecc.; con questo, non pretendo di aver scoperto nulla di veramente nuovo, perch si tratta grosso

modo della concezione di verit di Hegel, secondo cui propria-mente "vero" solo un concetto, laddove i bastoni, le pozzanghe-re, le rocce ed anche il teorema di Pitagora non sono concetti. Non c', in questo, alcun disprezzo implicito verso la cosiddetta "scienza", intesa come scienza galileiana moderna (astronomia, fisica, chimica, biologia ecc.). Semplicemente, al valore di even-tuale verit o falsit che io preferisco chiamare certezza, in quanto appunto "accertabile" da protocolli unanimente stabiliti dalla comunit degli scienziati specialisti delle proposizioni scientifiche possibile applicare metodi epistemologici di verificazione e/o fal-sificazione (Popper, Lakatos ecc.), mentre per le cosiddette verit filosofiche tutto questo non possibile. appunto qui, allora, che sopraggiunge il problema della democrazia.
- 100 101

Nei campi del veridico, dell'esatto e del certo, a mio avviso, non vige nessun principio democratico. Sebbene a suo tempo il filosofo americano Dewey abbia parlato del nesso fra scienza e democra-zia, intendendo probabilmente il principio del libero scambio di informazioni che deve vigere all'interno delle comunit scientifiche, a mio parere il progetto scientifico in quanto tale estraneo ad ogni democrazia. Non si tratta soltanto del fatto storico inne-gabile, per cui la scienza tedesca fioriva sotto Hitler, la scienza

sovietica fioriva sotto Stalin e l'opinione personale degli scienziati del progetto Manhattan, che costruirono le sciagurate e criminali bombe atomiche, non fu tenuta in nessun conto e la decisione di sganciarle su Hiroshima e Nagasaki fu "democraticamente" pre-sa da una piccolissima oligarchia criminale di militari e politici, meritevoli della pena di morte e che invece ebbero riconoscimenti ed onori, mentre i loro colleghi tedeschi furono impiccati non per aver commesso crimini peggiori, ma unicamente per il fatto contingente di aver perso, per aver avuto alle spalle un industria e dei pozzi di petrolio pi piccoli. Si tratta del fatto che le verifiche delle proposizioni esatte (o inesatte) vengono fatte non in base al princi-pio di maggioranza, ma in base ai criteri di coerenza dei calcoli, e invece le verifiche delle proposizioni certe vengono fatte anch'es-se non certo in base al principio di maggioranza, ma in base ai canoni concordati della verificabilit e/o della falsificabilit epistemologica. In tutti questi casi, e in altri consimili, la cosiddetta "verit" non c'entra assolutamente nulla, dal momento che i para-metri sono differenti e, comunque, non filosofici. assurdo sostene-re che la filosofia, ammesso che funzioni secondo le regole degli scacchi, perda se le si impongono le regole del bridge o del poker. Con questo, fine della digressione metodologica. Tornando al significato strettamente filosofico di "verit", che ho proposto in

precedenza verit come pretesa universale di validit, rivolta esclusivamente ad una riproduzione di tipo umano, comunitario e sociale proprio il suo significato umano e sociale che ci costringe a far intervenire il concetto di democrazia. Mentre la risoluzione corretta del teorema di Pitagora non in alcun modo democratica, ma deriva da una aristocrazia del sapere matemati-co, l'applicazione eventuale del sapere pitagorico alla mescolanza fra le classi sociali di Atene, per garantire la concordia dei cittadi-ni (oinonoia ton politn), interpella direttamente l'uso del metodo democratico. In base a ragionamenti di questo tipo, mi sento di affermare che il miglior modo di garantire il bene politico la con-nessione di questo sia con il metodo democratico che con l'affer-mazione dell'esistenza della "verit". Attenzione! L'affermazione dell'esistenza della verit un'affer-mazione di tipo ontologico ed assiologico generale concernente, appunto, la realt materiale ed i valori morali connessi e non comporta affatto n che io possa pretendere di conoscerla in modo assoluto, n, tanto meno, che sia legittimato ad imporla con meto-di variamente "educativi", nel senso di dispotici e coercitivi. Si

Il popolo al potere Democrazia e filosofia

tratta di questioni in via di principio distinte. Di questo non sembrano consapevoli i pensatori relativisti come Hans Kelsen e Richard Rorty - sarebbero moltissimi, ma mi limito a citare solo questi due per brevit - i quali sostengono che l'affermazione di una posizione filosofica "veritativa" l'inevitabile anticamera del dispotismo politico, perch se io sono certo di possedere la verit vorr poi imporla, mentre se sono uno scettico relativista assumer un atteggiamento pi tollerante, non potendo o non volendo imporre un "bene politico", di cui affermo l'assoluta inesistenza. La posizione Kelsen-Rorty , a mio avviso, errata per un insieme di ragioni, di cui qui ricorder solo la ragione storica e la ragione psicologica. In primo luogo, se vogliamo studiare la storia della filosofia, vediamo che, ad esempio, il grande filosofo ebreo olandese Baruch Spinoza era contemporaneamente sostenitore di una teoria integralmente democratica della societ (si veda il suo Trattato Teologico politico del 1670) e di una teoria fortemente veritativa della filosofia (si veda la sua Etica). Non c'era, in Spinoza, alcuna contraddizione. Egli non condivideva la teoria pessimistica di Hobbes sulla natura umana; non riteneva, di conseguenza, che la sicurezza della vita e dei beni potesse essere conseguita soltanto impedendo giuridicamente e giudiziariamente la libert d'espressione delle opinioni politiche e religiose; esprimeva una valutazione cautamente ottimistica anche sulle decisioni politiche effettuate con
-

metodo democratico - in questo, simile al vecchio filosofo greco Protagora - e, nello stesso tempo, tutto ci non entrava per nulla in conflitto con la sua profonda convinzione dell'esistenza di un' unica e universale struttura veritativa del mondo naturale e sociale. Il fatto, poi, che questa struttura venisse espressa da Spinoza con l'adesione ad un modello deterministico e meccarcistico del mondo - modello, che le scienze contemporanee hanno radicalmente modificato, per cui possiamo supporre che, se Spinoza vivesse oggi, lo modificherebbe spontaneamente egli stesso - non per nulla rilevante, ai fini della nostra discussione. Il modello "scientifico"

adottato ha a che fare con il "certo" proposto in quell'epoca, sempre revocabile ed aggiornabile in base al progresso conoscitivo delle scienze della natura, mentre la posizione "filosofica" veritativa ha come parametro non l'accertamento epistemologicamente corretto, ma l'idea di esistenza oggettiva del bene pubblico come categoria normativa e universalistica. Quanto detto fin qui ancora, per, largamente preliminare. Il punto centrale della questione sta nel fatto che, mentre le "verit scientifiche" - con cui intendiamo non le verit vere e proprie, ma le universalit esatte e certe, stabilite in base ai vari metodi delle scienze particolari - possono essere enunciate da minoranze illuminate e competenti e, una volta enunciate, possibile

102

"gettare via la scala in cui si saliti" - utilizzo qui la nota frase del confusionario incorreggibile Wittgenstein, il pi radicale teorico della risoluzione integrale della realt in linguaggio e, appunto per questo, il filosofo pi stimato dall'attuale comunit nichilista dei filosofi accademici - nelle verit umane e sociali ci che conta non che vengano "dette", ma che vengano assimilate perch ritenute convincenti. E il processo dialogico di progressivo convincimento convincimento da non confondere con l'apprendimento scientifico vero e proprio non pu che essere definito "democrazia". La democrazia dunque assai pi solidale con una teoria veritativa della filosofia che con una concezione relativistica e convenzionalistica di essa. C' poi un secondo aspetto psicologico da tenere presente. L'affermazione che lo scettico relativista sarebbe anche libertario e tollerante (non credo in nulla, dunque non posso e non voglio imporre di credere in qualcosa) non corrisponde assolutamente alla stragrande maggioranza dei casi storici concreti; chi, infatti, crede alla cosiddetta "verit" non deve essere assimilato all'inquisitore medioevale armato di tenaglie roventi o al commissario bolscevico armato di pistola: costoro non avevano la minima idea dello spazio conflittuale, che si apre fra il campo della verit filosofica dialogica, razionalista, e quindi metodologicamente libera per sua natura - e la pseudo-verit religiosa ed ideologica, che si

103
Il popolo al potere

pu e si deve "imporre" con il potere. Una simile verit la verit dello sciagurato Agostino di Ippona, il quale disse esplicitamente che la verit cristiana, essendo appunto "vera", deve essere impo-sta a bastonate, se non peggio. La verit non l'opportunit della vaccinazione antivaiolosa, che non viene decretata sulla base della conoscenza del bene politico, ma dell'utile profilattico stabilito da competenze mediche specialistiche di tipo non democratico. La ve-rit filosofica comprende nel suo concetto non solo l'enunciazione, ma anche il libero convincimento. Dal momento che il convinci-mento al 100`)/0 non solo impossibile, ma anche indesiderabile - urta societ "convinta" al 100/0 marcirebbe nella sua staticit ed impedirebbe ogni innovazione, dal momento che la verit impli-ca, nel suo stesso concetto, un processo di innovazioni permanen-ti, che la approfondiscono, la concretizzano e la determinano sem-pre meglio, processo infinito per sua stessa natura - fondamentale che ad essa si accompagni il diritto all'errore, che pu giunge-re anche al diritto alla sciocchezza e all'idiozia sociale. In genere, il diritto alla sciocchezza viene limitato, in nome del-la distinzione fra sciocchezze innocue e sciocchezze pericolose. Affermazioni come la lettura dei fondi di caff pi scientifica della biologia molecolare o la terra piatta e

bisogna fare at-tenzione a non precipitare fuori, sono di solito considerate in-nocue. Affermazioni, invece, come i neri africani, essendo una razza inferiore, possono essere linciati per strada, sono giustamente considerate sciocchezze inaccettabili, in quanto pericolo-se, perch ci sarebbero sicuramente degli idioti, che se ne fareb-bero influenzare. Ln ogni caso, l'eventuale pericolosit sociale della sciocchezza , a mio avviso, un problema giudiziario, da affron-tare in base alla categoria di utilit, e non un problema filosofico vero e proprio. Lo spazio della democrazia allora definibile anche come uno spazio educativo comunitario, in cui la sciocchezza socialmente pericolosa vede progressivamente restringere il proprio campo di intervento e diventa a poco a poco innocua come la credenza nelDemocrazia e filosofia

le disgrazie provocate dai gatti neri che ci traversano la strada. Lungi dal provocare comportamenti autoritari e totalitari, il credere nella verit, intesa come validit universale comune di pro-posizioni riguardanti la comunit politica e sociale, invece uno stimolo permanente per l'approfondimento anche istituzionale della democrazia. Con questo, non intendo affatto proporre un'impossibile equazione "democrazia = verit". Non lo penso affatto; penso, invece, ad un processo asintotico sempre aperto e

interminabile (Kant), ma che nello stesso tempo si determina an-che spazialmente e temporalmente (Hegel ed anche il Marx autentico).

Un'appendice al problema del rapporto fra democrazia e verit. Il rapporto fra democrazia e tolleranza
Dal momento che la libert sempre la libert di chi la pensa diversamente da noi - anche il despota pi tirannico garantisce, di regola, la libert di chi la pensa come lui - evidente che un regime politico di libert deve fondarsi sulla tolleranza. Che cos', per, la tolleranza? Come avviene per il concetto di tempo in Ago-stino di Ippona, tutti credono di sapere cos', ma, quando si tratta di definirne la natura e i limiti, iniziano i problemi, che a volte sono insolubili. Tutti noi tolleriamo che i nostri amici mangino il gorgonzola, anche se non ci piace il suo odore, ma dubbio che una moglie tolleri un marito, che non si lava i denti e non si cambia i calzini sporchi per mesi. Vi sono, allora, dei "limiti" per la tolleranza. Ho scelto volutamente di iniziare con un esempio tratto dalla vita quotidiana anzich dalla storia della filosofia, per sottolineare come la "tolleranza" implichi un giudizio negativo, o almeno di non condivisione attiva, e

nello stesso legittimit

tempo

un

giudizio

di
105

Il popolo al potere

104

Democrazia e filosofia

e di legalit di un comportamento e di un sistema di idee filosofiche e religiose. Il concetto di tolleranza contiene, allora, nella sua stessa formulazione, i criteri con cui ne vengono stabiliti i limiti, ma c' qui un'asimmetria, cui generalmente non si presta sufficiente attenzione. Mentre, infatti, il concetto di tolleranza sottintende filosoficamente la consapevolezza dell'incertezza e dell'incompletezza della propria eventuale concezione di -verit - mi riferisco qui al tollerante veritativo, quale io sono, e non al tollerante scettico - che ha dunque sempre bisogno di essere integrata o confutata da una libera critica dialogica pubblica, il concetto di limiti della tolleranza non mai filosofico, ma sempre e solo giuridico e giudiziario ed ha a che fare esclusivamente con la sicurezza pubblica di urta comunit. L'asimmetria pu dunque essere riassunta cos: tolleranza (concetto filosofico), limiti della tolleranza (concetto giuridico e giudiziario).
106 107

Ancora una volta, voglio far notare che la posizione, per cui chi crede all'esistenza filosofica o religiosa della verit potenzialmente un intollerante, e dunque non potr mai diventare un buon demo-

cratico, perch il buon democratico pu soltanto essere uno scettico relativista pragmatico, non sta n in cielo n in terra. Spinoza non rientra nei canoni scettici e relativistici di Hans Kelsen e di Richard Rorty, eppure stato il fondatore della teoria politica della democrazia moderna e anche della concezione moderna di tolleranza religiosa. Il nucleo del suo ragionamento (sviluppato nel suo Tractatus theologico politcus) sta nel fatto che tutti i testi religiosi - la Bibbia, in particolare - hanno un contenuto volto all'orientamento morale della gente, non un contenuto filosofico o scientifico, che pretenda di "descrivere il mondo cos com'"; da ci deriva la conclusione pratica che non ha senso impedire con la forza la libera espressione di opinioni su un oggetto di fatto inesistente, cio il commento differenziato su un mondo che non esiste. Per Spinoza, il solo mondo ontologicamente esistente era quello ricostruibile concettualmente sulla base del metodo filosofico e scientifico - per lui, i due metodi erano una cosa sola, perch credeva in un'unica "filosofia scientifica" ed era un mondo radicalmente non antropomorfizzato di strutture interamente deterministiche e meccanicistiche. La libert derivava proprio non dall'arbitrio di credere nelle pi inverosimili sciocchezze, ma dalla consapevolezza dell'esistenza di questa struttura oggettiva del mondo. Allo stesso tempo, Spinoza affermava la pi completa e integrale libert di esprimere in pubblico qualsiasi sciocchezza, in assenza di qualsivoglia "polizia del pensiero", cristiana o marxista-leninista,
-

intenzionata ad impedirla giudiziariamente o moralisticamente. Mi sono soffermato un po' a lungo su Spinoza, perch sono personalmente uno spinoziano - integrato dal pensiero di Hegel e di Marx - e il lettore ha diritto di conoscere i miei riferimenti "nobili" nella tradizione europea. Voglio invece far notare un fatto, che ho sempre trovato di inconsapevole ed irresistibile comicit, cio il modo in cui, in genere, le storie scolastiche della filosofia occidentale segnalano la nascita e lo sviluppo dell'idea di tolleranza. Secondo queste tragicomiche storie, l'idea di tolleranza nasce pi o meno come nascono i funghi dopo la pioggia. Il giorno prima non c', e il giorno dopo improvvisamente c'. Eureka! Alleluia! Prima regnavano i roghi per gli eretici, le conversioni forzate, le espulsioni religiose di massa, l' Indice dei libri proibiti, le devastazioni delle stamperie; poi, un certo giorno, nascono individui illuminati come l'inglese Locke e il francese Voltaire, che improvvisamente proclamano: Basta! Basta con l'oscurantismo! Non siamo d'accordo con quello che tu dici, ma ci batteremo fino alla morte, perch ti si permetta di dirlo liberamente e legalmente!. In questa rappresentazione fiabesca, il liberalismo politico e filosofico viene "scoperto", cos come vengono scoperte la teoria della relativit, la penicillina e la pirateria informatica. La realt ben diversa. La cosiddetta "tolleranza" nasce dal fatto che, ad un certo punto dello sviluppo

storico ed economico dell'Occidente europeo ed americano (e solo di quello), il dissenso filosofico e soprattutto religioso era divenuto irrilevante per la legittimazione culturale della riproduzione sociale complessiva. La tolleranza, dunIl popolo al potere

Democrazia e filosofia

que, ha come sua matrice 1' rrilevanza. Il legame sociale invisibile o, se si vuole, la forza di gravitazione, che regge il compattamento della societ, era ormai data dai soldi che uno aveva in tasca, e non da una rete simbolica "olistica", che teneva unita la colletti-vit sulla base di una religiosit condivisa. Viene dunque tollera-to quello che prima non lo era, appunto perch diventato irrile-vante, mentre prima non era ammesso proprio per la sua rile-vanza. Dante e Petrarca trovavano probabilmente "normali" i processi inquisitori, non certo perch erano meno "intelligenti" o pi "incivili" di Locke e di Voltaire, ma perch avevano una diversa percezione di che cos'era veramente "rilevante" nella loro societ. Detto questo, e rivelata l'origine sociale dell'idea e della pratica della tolleranza, bene confermare che essa buona lo stesso, ed perci bene difenderla. L'idea di tolleranza, per, non di per s democratica - in genere, le maggioranze si distinguono per la loro tendenza all'intolleranza pi bieca - ma liberale, appunto perch individualistica ed ha la sua radice nel diritto naturale primario

dell'individuo all'espressione incondizionata della propria visione del mondo filosofica e religiosa.
108
109

Non vedo, comunque, nulla di male nel rilevare l'intirna omoge-neit dell'idea di tolleranza con la pratica economica del mercato. Un mercato delle merci veramente efficiente non pu, infatti, negare a lungo la parallela esistenza di un mercato delle idee e delle opinioni. Certo, questo comporta, di fatto, anche una patologica "mercificazione delle opinioni" mercificazione, che sta alla base dell'odierno circo mediatico della manipolazione industrialmente organizzata - e allora il relativismo fa anch'esso un salto di quali-t. Il relativismo tipico di alcune minoranze scettiche di cosiddetti ,'apoti" - gli apoti, secondo Papini, erano l'lite di chi non beveva le panzane diffuse dai dominanti e credute dai dominati babbioni - diventa oggi un vero e proprio relativismo di massa. Ancora una volta, come per il caso della genesi storica reale dell'idea di tolle-ranza, questo avviene per ragioni strutturali; se infatti l'unica real- t la merce, e il potere d'acquisto di ogni merce relativo al pro-prio potere d'acquisto, ne deriver, prima o poi, una vera e pro-pria "caduta degli assoluti" filosofici e religiosi. Questa "caduta degli assoluti" non avviene, per, a causa della vittoria filosofica di Kelsen e di Rorty contro Platone e Hegel, come crede la corporazione dei semicolti lettori delle pagine culturali dei quotidiani "laici" e

"postmoderni", ma perch l'unico Assoluto ancora in pie-di 'appunto solo il Relativo, cio il relativo al potere d'acquisto di beni e di servizi, differenziato per reddito. T orniamo al nostro problema della tolleranza. Nessuno si sogne-rebbe mai di avere "tolleranza" per una diagnosi clamorosamente sbagliata di un medico o per un calcolo clamorosamente inesatto di un ingegnere edile. Se allora il concetto di "tolleranza", inapplicabile nella scienza e nella tecnologia, viene invece impiegato per la reli-gione, la filosofia e la politica, ne consegue che n la religione, n la filosofia, n la politica sono scienze e/o tecnologie, e devono anche sapere di non esserlo. Ci sono stati, in passato, onesti sostenitori, in buona fede, della scienza teologica, della scienza filosofica e, so-prattutto, della scienza politica; a monte di queste concezioni, sta l'errata idea della "trasparenza" o, pi esattamente, della traspa-renza integrale della realt, basata, a sua volta, sulla sua integrale conoscibilit. A rafforzare l'idea del raggiungimento definitivo di questa mitica trasparenza integrale, c' la teoria della conoscenza di tipo "realistico" (adgequatio rei et intellectus, in Tommaso d'Aquino; Widerspieg-elungstheorie, in Lenin). Queste teorie dell'adeguamento (adaequatio) o del rispecchiamento (Wderspieg-elung) si basano sul fatto che si ritiene che anche la filo-sofia, e non solo le cosiddette scienze sperimentali, possa giungere al rispecchiamento integrale di un mondo esterno, che esiste indi-pendentemente da

noi e che si tratta allora di scoprire, nel senso di riprodurre con sempre maggiore esattezza. Ho sostenuto, per, nel paragrafo precedente che, mentre l'esattezza e la certezza sono in un certo senso dei processi progressivi di rispecchiamento - il sistema solare sta l indipendentemente da me, ed io Io conosco
Il popolo al potere Democrazia e filosofia

sempre meglio con il miglioramento delle osservazioni e delle apparecchiature la verit non pu essere l'adeguamento e/o il rispecchiamento di una realt indipendente dalla nostra esistenza, a meno che non si creda appunto nell'esistenza indipendente di Dio e delle sue leggi morali (Tommaso d'Aquino, Ratzinger ecc.) oppure nell'esistenza, indipendente da noi, di leggi sociali deterministiche e teleologiche, che ci porteranno inevitabilmente al comunismo (Lenin, Stalin, Mao Tse Tung ecc.). La verit filosofica dunque solidale con una teoria della conoscenza basata non sull'adeguamento/rispecchiamento di una realt esterna teoria, peraltro, anch'essa inadatta per l'esattezza matematica e adatta solo in parte per le scienze fisicochimiche ma con una teoria della costruzione sociale progressiva condivisa. Si dir che la teoria della verit come costruzione sociale universalistica condivisa, tipica anche degli scettici e dei relafivisti. Non vero. Per i relativisti, ogni costruzione sociale , in via di principio, incommensurabile e

inconfrontabile con le altre, e in questo risiede propriamente lo scetticismo relativistico: dire che la verit l'oggetto di una costruzione sociale universalistica condivisa teoria, che personalmente attribuisco a Hegel, anche se l'ha espressa con un linguaggio diverso e non un riflesso/ rispecchiamento "scientifico", significa non solo stabilire la differenza di principio fra scienza e filosofia con grande vantaggio di entrambe ma anche legittimare la tolleranza come precondizione trascendentale del dialogo, e dunque del confronto democratico, che semplicemente il dialogo applicato alla comunit politica.
110 111

Oggi il principio liberale (e universalistico) della tolleranza il pericolo anche e soprattutto nelle nostre societ occidentali. A causa della cosiddetta "lotta al terrorismo internazionale" e soprattutto dopo l'illegittima aggressione degli USA all'Iraq fatta ex ante, per contrastare le famose e inesistenti armi di distruzione di massa, e legittimata ex post, come benefica esportazione della democrazia come diritto umano universale, da imporre anche ai recalcitranti il vecchio principio liberale della tolleranza verso opinioni, che pure non si condividono, sta sparendo nell'indifferenza pi bovina delle plebi televisive manipolate. Dire infatti, ad esempio, che Bin Laden ha ragione opinione, che personalmente non condivido, ma che, per me, ha la stessa consistenza epistemologica e morale della

legalissima ed approvata opinione, per cui Bush ha ragione oimai oggetto di discriminazione penale. Se questo vero, il principio liberale, semplicemente, morto e, insieme con il principio liberale della separazione fra opinioni (condannabili, ma legittime) e fatti (leciti o illeciti), cade anche la democrazia. Il presupposto della libera espressione delle opinioni la condizione trascendentale a priori uso qui l'ottimo linguaggio di Immanuel Kant per il dibattito pubblico, che porta alla decisione democratica. Siamo tornati ai "centauri" di Hobbes e allo Stato, che decide per decreto cosa pu essere legalmente detto detto, non fatto e cosa no. Tempi duri per la libert e per la democrazia.

Il rapporto fra democrazia e natura umana


La questione dell'esistenza e, soprattutto, della conoscibilit di quella particolare entit definibile come "natura umana", assolutamente cruciale, per risolvere o almeno impostare correttamente il problema della democrazia. Per "natura umana", intendo quella particolare sintesi fra "prima natura" (o natura biologica) e "seconda natura" (o natura sociale), che diventa per in realt una cosa unica, per cui, a rigore, n la sola natura biologica n la sola natura sociale esistono. Definir Hologsmo la tendenza

(errata) ad ipostatizzare, cio a considerare isolatamente, la sola natura biologica e storzdsmo la tendenza (errata) a considerare isolatamente la sola natura sociale. Biologismo e storicismo, apparentemente opposti e contraddittori, sono in realt due aspetti complementari dello stesso errore.
Il popolo al potere Democrazia e filosofia

Tutto questo, apparentemente, non c'entra con la questione po-litica della democrazia. Non cos. I nemici teorici della democrazia hanno a loro disposizione due presupposti filosofici - o pseudoscientifici - sulla natura umana, che spesso non rendono espliciti, ma che stanno egualmente alle spalle del loro atteggiamento antidemocratico: in primo luogo, possono sostenere che la natura umana esiste, ma egoista, malvagia e per nulla "sociale", quindi occorre un potere forte e dispotico per tenerla a freno e mantenere l'ordine, laddove la democrazia condurrebbe presto al-l'anarchia e al suo esito complementare, il dispotismo senza legge; i_n secondo luogo, e in modo solo apparentemente incompatibile con il primo atteggiamento, possono sostenere che qualcosa chia-mato "natura umana" non esiste affatto, ed dunque possibile una tecnologia sociale artificiale basata sulla manipolazione illi-mitata, non importa se diretta ad una sorta di zoo umano globalizzato al servizio della mercificazione universale o di una utopia totalitaria di massificazione ideologica e un controllo poli-tico assoluto. Dal mio punto di vista, le utopie del consumismo capitalistico generalizzato e del comunismo politico da caserma e da convento sono politicamente

opposte, ma plementari.

filosoficamente

com-

dunque cruciale il tema del nesso fra natura umana e demo-crazia. Non a caso, questo nesso fu impostato in modo veramente geniale da Aristotele, che individu nella natura umana qualcosa di intermedio fra gli animali e le divinit. La concezione del carat-tere "intermedio" della natura umana, non cessa di stupirmi per la sua incredibile precisione. In quanto "intermedio" fra gli ani-mali e le divinit, l'uomo perennemente in tensione fra queste due polarit. I due elementi, che costituiscono questo carattere intermedio, sono per Aristotele la razionalit e la socialit, entrambe innate, il cui passaggio dal carattere innato al carattere pienamente acquisito descrivibile filosoficamente come passaggio dalla po-tenza (dynamis) all'atto (energ hea), ed invece descrivibile politicamente come educazione (paideza).
-

L'elemento della razionalit definito da Aristotele in termini di Zoon logon echon, cio di "animale dotato di logosl' . Il termine logos, tuttavia, polisemantico, perch sig,nifica insieme ragione, linguag-gio e calcolo, oltre che conoscenza possibile della struttura ripro-duttiva del mondo naturale e sociale. In quanto animale razionale, dialogico e calcolante, l'uomo non presenta difficolt insormontabili e derivanti da impedimenti insiti nella sua natura, per giungere collettivamente ad una societ razionale e dialogica. Essa pu essere chiamata

112

113

"democrazia", nella misura in cui l'associazione demo-cratica del popolo, che in questo modo accede al potere, pu essere definita come demos, e questo anche se, nello specifico, Aristotele non era favorevole al potere di "tutto il popolo", ma solo della "classe media" in quanto sua parte migliore. L'elemento della socialit , invece, definito da Aristotele zoon poldikn, termine in genere tradotto come "animale politico". Per-. sonalmente, ritengo legittime tre diverse traduzioni complementari e convergenti: animale politico, animale sociale e animale comunitario. Per Aristotele, infatti, la dimensione comunitaria faceva tut-funo con quella che oggi chiameremmo dimensione sociale, in quan-to a quei tempi non era ancora pensabile, e pertanto neppure concettualizzabile, la separazione fra societ (Gesellschaft) e comu-nit (Gemenschaft) e, di conseguenza, fra individualismo e comunitarismo. Ritorner pi avanti su questi due punti di vista; per ora, basti ricordare che il "politico", per Aristotele, si fonda su una certa concezione della natura umana (la sua natura razionale intermedia fra animali e divinit) e, di conseguenza, della co-munit politica e sociale (solo gli animali e le divinit potrebbero, infatti, vivere isolati). Senza distruggere e deformare questa mirabile concezione an-tropologica di Aristotele, impossibile fondare filosoficamente l'in-dividualismo politico moderno, che sta alla base della societ ca-

pitalistica. Bisogna colpire al cuore questa concezione, ed ap-punto quello che far il filosofo inglese del Seicento Thomas Hobbes. Per Hobbes, la concezione di Aristotele addirittura un "moIl popolo al potere Democrazia e filosofia

stro" (una Empusa metafisica), e come mostruosit deve essere trattata. Al contrario, per instaurare una societ politica stabile e sicura - e, per essere stabile e sicura, non potr essere democratica e neppure consentire la libera espressione pubblica di opinioni non autorizzate, e quindi pericolose - bisogna partire dal fatto che l'uomo, per natura, cattivo (holm homin lupus) e, da questa base, si pu poi disegnare una societ sicura. Ho gi rilevato che il modello politico di Hobbes, che come vedremo non quello di Marx, sar invece quello del comunismo storico novecentesco realmente esistito (1917-1991). La schizofrenia di questo modello sta nel fatto che, mentre da un lato si ostentava teoricamente una concezione ottimistica della natura umana ricavata da Rousseau e da Marx, dall'altro ci si ispirava, nel concreto, ad una concezione fortemente pessimistica di tipo hobbesiano, secondo la quale, se la gente non veniva tenuta sempre sotto controllo, si sarebbe lasciata andare verso l'anarchismo e/o verso la restaurazione del capitalismo. L'homo comunisticus novecentesco nascondeva cos, sotto la maschera ottimistica russoviana, un volto pessimistico hobbesiano. Detto ci, per, bisogna aggiungere che questo era dovuto al "difetto di fabbricazione" strutturale della

macchina politica del comunismo novecentesco, cio all'incurabile incapacit di egemonia culturale del soggetto operaio, salariato e proletario, il soggetto meno egemone dal tempo delle piramidi egizie e degli zigg-urat babilonesi. A questo punto, bisogna cercare di impostare la questione della natura umana in modo filosoficamente corretto. Mi permetto, allora, di iniziare con una citazione latina di Nicola Cusano, pensatore cristiano del Quattrocento. Si tratta di un bel latino medioevale di facile comprensione:
... polest igitur homo esse humanus deus atque deus humaniter,potest esse humanus ang-elus, humana bestia, humanus leo cui ursus, cui a/1nd quodcumque.
114 115

Per Cusano, tuttavia, il fatto che l'uomo potesse essere un dio umano o in forma umana, un angelo umano, una bestia umana, un leone o un orso umano, o qualsiasi altra cosa, non significa che fosse una sorte di recipiente vuoto che veniva riempito dalle circostanze. Cusano aveva infatti un concetto universalistico di "umanit" a fianco di quello di uomo, ed infatti diceva:
... non ergo activae creationts humanitatts alius extatfints quam humantas.

Questo significa avere un concetto ben preciso di umanit, perch, secondo Cusano, non esiste nessun altro fine della creazione attiva dell'umanit all'infuori dell'umart

stessa. Non si poteva dire meglio. Il carattere "plastico" e non predeterminato di quello che in seguito Marx, sulla scorta dell'idealismo di Hegel, definir "ente naturale generico" (Gattung-swesen), deriva appunto dalla differenza ontologica fra il generico e lo specifico. L'animale , infatti, un ente naturale specifico, in quanto la termite non fa termitai romanici, gotici e barocchi e la formica non fa formicai schiavistici, feudali, capitalistici e comunisti, ma sia la termite che la formica producono le loro condizioni di vita secondo l'informazione genetica rigida, predeterminata dalla loro specie. L'uomo, invece, in quanto specificamente animale razionale e sociale, si produce nella sua plastica e creativa genericit, e in questa genericit si perde e si ritrova, nel processo correlato di alienazione (Entfremdung) e di autocoscienza (Selbstbewusstein). Inoltre, l'umanit ha un fine in se stessa e non esistono fini sovrapposti esterni ad essa, del tipo regno di Dio o comunismo. L'idea, poi, che il fine dell'umanit, anzich l'umanit stessa, sia la crescita economica illimitata con la diversificazione esportenziale dei consumi, rappresenta una forma di idolatria, nei confronti della quale il Baal ed il Moloch degli antichi erano ancora benevole divinit razionali. C', allora, un filo, che collega idealmente Aristotele, Cusarto, Spinoza, Hegel e Marx? A mio avviso, s, anche se ovviamente non credo alle cosiddette "grandi narrazioni continue", giustamente criticate da JeanFrarmis Lyotard. In questa concezione, il

metodo democratico resta lo scenario migliore per il processo


Il popolo al potere

educativo, che progressivamente costituisce l'umanit, intesa come societ universalistica razionale. Questo processo, tuttavia, , per sua natura, interminabile e, nello stesso tempo, si determina spazialmente e temporalmente di volta in volta. Esiste, dunque, una natura umana e la sua esistenza una ga-ranzia contro ogni utopia regressiva di fine della storia. Ogni vol-ta, i provvisori vincitori di un set tennistico proclamano finita per sempre la partita e ogni volta trovano intellettuali ambiziosi e gior-nalisti ben pagati, pronti a dar loro ragione. La natura umana, per, si vendica sempre di loro. la natura umana, il fattore di apertura della storia", non le classi sociali investite di missioni salvifiche metastoriche.

Un'appendice al problema del rapporto fra democrazia e natura umana. La critica al mito prometeico del cosiddetto uomo nuovo
Esiste una pericolosa deformazione della teoria della natura umana, che storicamente servita da legittimazione

filosofica agli esperimenti ingeg-neristici e tecnologici, che hanno puntato sulla indefinita plasmabilit dell'uomo stesso: si tratta del mito del co-siddetto uomo nuovo, l'uomo portatore di progetti utopici e prometeici, in grado di sostituire Dio. Questa concezione dell'uomo nuovo deriva probabilmente dalla concezione religiosa dell' uomo dilato dopo l'iniziazione misterica ad una gnosi salvifica. Ancora una volta, l'apparente ateismo del-la teoria dell'uomo nuovo (da Ernst Bloch ad Ernesto Che Guevara) non sarebbe che una secolarizzazione imperfetta della teoria ultrareligiosa dell'uomo rimi dopo la conversione salvifica. Tutto questo eliminerebbe, di fatto, il tragico dalla vita umana, perch il tragico si basa, appunto, sulla consapevolezza che la vita umana strutturalmente aporetica e non possibile, in essa, alcuna vera
116 117
Democrazia e filosofia

salvezza definitiva. In modo a mio avviso molto convincente, Cornelius Castoriadis ha sostenuto che la tragedia greca e, pi in crenerale, il teatro tragico come cerimonia pubblica civica erano strutturalmente democratici, perch riconfermavano il carattere indefinitamente ed infinitamente aporetico della condizione uma-na, cui la democrazia non apportava una "soluzione", ma soltan-to urto scenario concordato.

Sul rapporto molto stretto fra il teatro greco sia tragico che comico e la democrazia politica, molto stato scritto e vi sono pochi dubbi sul nesso con la filosofia. Personalmente, sono tal-mente convinto di questo nesso che considero l'attuale crisi della democrazia politica intimamente legata alla crisi della pratica "veritativa" della filosofia, dichiarata dalla corporazione accade-mica dei filosofi in conformistica transumanza da una pratica "continentale" ad una pratica "analitica" metafora del loro passaggio spirituale dall'Occidente europeo al vero e proprio postOccidente americano ed intimamente legata anche alla crisi del teatro, ridotto ormai al dominio delle simulazioni surreali di un Menandro postmoderno. Per capire la crisi della democrazia, i politologi formalisti alla Sartori e alla Bobbio sono del tutto inuti-li, mentre molto pi istruttivo leggere i palinsesti delle reti te-levisive dette "generaliste" e il chiacchericcio scetticheggiante dei paginoni culturali (?) dei quotidiani del "politicamente corretto" laico di centro-sinistra, tipo Ulivo Mondiale o Riformismo Globale. Torniamo, per, alla vuota utopia dell'uomo nuovo, che, sosti-tuendosi all'uomo vecchio, dovrebbe riuscire a costruire il vero mon-do nuovo. Come ho detto, non ce l'ho affatto con gli utopisti confusionari, siano essi specialisti in filosofia come Ernst Bloch oppu-re uomini pratici e rivoluzionari generosi come Ernesto Che Guevara; intendo semplicemente ribadire che l'uomo nuovo non esiste, una utopia

burocratica, e le utopie burocratiche non servono alla pratica democratica, che, come ha rilevato Castoriadis, si nutre piuttosto di autocritica comica e di aporeticit tragica. In proposito, pu essere interessante segnalare che l'utopia dell'uoIl popolo al potere Democrazia e filosofia

mo nuovo che riparte da zero, oltre ad avere

la sua matrice nella palingenesi religiosa, ha anche un pedig-ree insospettabile, cio la teoria ultraborghese e ultracapitalistica della tabula rasa di John Locke. In sede di pura e semplice teoria della conoscenza, ritengo che la teoria di Leibniz delle cosiddette "piccole percezioni" fosse pi giusta delle teorie di Cartesio sulle "idee innate" e delle teorie di Locke sulla cosiddetta tabula rasa. Da quello che riesco a capire, sono d'accordo con lo scienziato americano Steven Pinker e con il linguista Noam Chomsky sulla struttura innatistica di molte capacit non solo conoscitive, ma anche morali della natura umana, e non ritengo affatto questo particolare "innatismo" in contrasto con la libert umana. Non questo, per, il tema del presente saggio. Dal momento che parliamo di democrazia, invece interessante studiare geneticamente - nel senso di genesi storica e sociale temporalmente determinata - l'origine della teoria di Locke della tabula rasa, cio il fatto che la nostra mente sarebbe un recipiente vuoto, su cui il mondo esterno "scrive" la nostra intera costruzione del mondo. I sostenitori, spesso ultracomunisti, dell'uomo nuovo hanno infatti in comune con Locke la teoria della

tabula rasa, su cui la storia scriverebbe


118

l'intera vicenda dell'emancipazione umana finale.


119

Da come la vedo io, la critica di Locke all'idea di sostanza non che una metafora della sua critica sociale alle societ "sostanziali", cio comunitarie, di tipo feudale e/o popolare. Dal momento, cio, che le societ "sostanziali", quindi comunitarie, dovevano essere sostituite da una nuova societ non pi sostanziale, ma retta da una rete di rapporti mercantili, qual era la nascente societ capitalistica inglese, la metafora filosofica di sostanza era invitata a sgombrare la scena della pura teoria, cos come le comunit sostanziali erano invitate a sgombrare la scena, invasa dalla nuova produzione sociale individualistica delle merci. Nello stesso tempo, il dire che la mente umana, anzich poggiare su un fondamento sostanziale come la "natura umana", era un foglio bianco (tabula rasa), significava che a scriverci sopra sarebbe stata la nuova societ borgheseapitalistica. Non c' nulla di pi ridicolo, c soprattutto nella storia sociale della filosofia e dei suoi pervertimenti ideologici, dell'assistere al passaggio di "testimone" dello stesso contenuto simbolico dal capitalismo liberale pi radicale all'estremismo utopicomessianico pi integrale. Dalla tabula rasa all' uonzo nuovo c' solo un passo. L'interminabile battaglia fra l'uomo vecchio e l' uomo nuovo solo un canovaccio di una

commedia dell'arte, che vede impegnate due "maschere di carattere" (Charaktermasken): la Tradizione e il Progresso. In quanto alla Tradizione, nessuno in grado di fissarne temporalmente il punto d'inizio, cio da dove possiamo farla cominciare perch diventi normativa di determinati comportamenti etico-politici; in quanto al Progresso, nessuno sa dire dove dovrebbe arrivare e soprattutto perch. La democrazia non ha bisogno di questo canovaccio, soprattutto se la Tradizione si dichiara "di destra" e il Progresso si proclama fieramente "di sinistra".

Il rapporto fra democrazia ed universalismo


, la democrazia, un valore universale? Ecco la tipica domanda da un milione di dollari. Per poter impostare la discussione e dare anche la mia risposta - per quello che vale bisogna prima ripercorrere brevemente la vecchia questione filosofica dell'esistenza o meno degli "universali". Come noto, le alternative fondamentali, in proposito, furono date nell'antichit greca dal triangolo filosofico costituito dai sofisti, da Platone e da Aristotele. La posizione dei sofisti era che non esiste, in realt, alcun "universale" e che ci che viene frettolosamente battezzato come tale non che il prodotto di una convenzione sociale relativa al tempo ed allo spazio. Come

scrisse Erodoto, gli indiani Calani usavano mangiare i loro morti per non lasciarli
Il popolo al potere Democrazia e filosofia

ai vermi, i Greci facevano il contrario; ognuno considerava il com-portamento dell'altro orribile e non era possibile trovare un crite-rio razionale, che desse ragione agli uni e torto agli altri, o vicever-sa. La posizione di Platone, invece, era che l'Universale esisteva ve-ramente ed era possibile coglierlo con il metodo della dialettica, an-che se non valeva la pena farlo per tutte le cose esistenti (dall'ac-qua marina al bastone), ma solo per cose come il Vero, il Giusto, il Bello. La posizione di Aristotele, intermedia fra quella dei sofisti e di Platone, era che l'universale era una realt solo virtuale e meri-tale, non separata dalle realt particolari, in quanto frutto di un'operazione di astrazione; che poi questa costruzione astrattiva, una volta portata a termine, fosse in qualche modo "revocabile" - si accerta che cosa sia il Bene Politico in senso universalistico, ma poi la generazione posteriore smonta questa universalit e ne fa un'altra - oppure no, concetto legato all'interpretazione, che diamo noi di Aristotele. Per farla breve in questa sede, la mia per-sonale interpretazione di Aristotele che egli era molto pi vicino a Platone che ai sofisti. La religione cristiana e poi quella musulrnana favorirono, ovvia-mente, la posizione universalistica. chiaro irtfatti che, se Dio esi-ste, le sue "idee" sono necessariamente universali. L'universale,

anzi, pu essere definito come il fatto che le opinioni di Dio coincidono con le sue verit, dal momento che Dio l'unico ente possibile che coincide con l'Essere, e l'Essere l'unica realt in cui l'opinione coin-cide con la verit. vero che nel Medioevo ci furono posizioni filo-sofiche nominalistiche, che criticavano l'idea dell'esistenza degli universali - francescanesimo spirituale e pauperistico, Guglielmo da Occam ecc. - ma, a guardare bene, neppure questo nominalismo estremo negava veramente l'universale, in quanto lo vedeva signatus (cio incarnato e determinato) nel singolo individuo partecipe del-l'universale stesso: la Chiesa invisibile dei veri cristiani opposta alla Chiesa ufficiale, falsamente universalistica; il vero francesca-no spirituale che seg-uiva la paupertas e la srnplcitas di Cristo ecc.
120 121

Questo nominalismo alla Occam non ha, dunque, nulla a che vedere con il nominalismo anti-universalistico alla Kelsen o alla Rorty. Ho aperto questa parentesi filosofica per far notare al lettore come, in un certo senso, tutto il pensiero moderno - da Hobbes in poi - in quanto pensiero antigreco e anti-cristiano, nasca e si sviluppi come anti-universalismo filosofico programmatico, e come persino pensatori apertamente universalisti come Spinoza, Kant, Hegel e Marx facciano parte di una minoranza e non del-la corrente principale. Questo non un caso, perch

l'avvento del dominio della merce capitalistica generalizzata fa venir meno la necessit di legittimazione sociale n nome di universalit reli-giose e, di riflesso, relatvizza il rapporto del singolo individuo con la totalit sociale, riducendolo al relativo potere di disposi-zione sulle merci prodotte, unito al relativo potere di acquisto sulle merci vendute. Nello stesso tempo, in questa nuova orgia bacchica di relativismo nichilistico, resta paradossalmente la sola pretesa universalistica che interessi al sistema economico capitali-stico, il fatto cio che questo sistema possa, sappia e debba estendersi all'intero Pianeta. Tutto dunque relativo e la sola cosa univer-sale la prescrizione, pi o meno coattiva, alla globalizzazione. All'inizio, nell'et moderna propriamente detta, prima che si ge-neralizzasse l'espansione imperialistica europea nel mondo inter-no, si tratta solo di urta sorta di guerra civile ideologica europea fra assolutismo e liberalismo, poi fra liberalismo e democrazia, e infine fra liberaldemocrazia e comunismo. Le cose cambiano quan-do, per ragioni geografiche, la guerra civile ideologica europea diventa mondiale con l'imperialismo e, in seguito, cori la globalizzazione. Dal punto di vista filosofico, la domanda pu es-sere posta in questo modo: concetti e realt, che il mondo europeo, e poi europeo-americano, hanno ritenuto "universali", lo sono veramente, quando pretendono di estendersi al mondo arabo, al-l'India, alla Cina, al Giappone ecc.?

Questo presuppone, dunque, che tutte le culture del mondo siano reciprocamente traducibili e commensurabili, una volta,
Il popolo al potere Democrazia e filosofia

ovviamente, che si siano fatte le traduzioni e le "inculturazioni" necessarie. I missionari cristiani e musulmani, ad esempio, sanno bene che devono "inculturarsi" - questa esattamente la parola che utilizzano - in un dato ambiente, per poter aver successo nel loro proselitismo nell'ambiente politeista circostante, ma poi, una volta "inculturati", iniziano ad affermare il loro "universalismo" da sempre professato. Sono, per, realmente traducibili e commensurabili, le varrie culture mondiali, o sono reciprocamente incommensurabili al punto che le "differenze", di cui sono portatrici, non potranno mai essere conciliate? Esiste una posizione radicalmente relativista, definita "posizione Kuhn-Whorf", che sostiene la radicale incommensurabilit fra le culture. Kuhn un epistemologo, che ha studiato i paradigmi scientifici delle scienze naturali, giungendo alla conclusione che sono tra loro incommensurabili e che, pertanto, la loro successione non dovuta ad opere di reciproco convincimento, ma a vere e proprie "rivoluzioni" scientifiche, per cui, ad un certo punto, un modello abbandonato da una comunit scientifica e si passa poi ad un altro, e cos via all'infinito. Whorf invece un linguista, che ha studiato in particolare le lingue degli Indiani d'America, giungendo alla conclusione che i nomi degli oggetti possono essere tradotti,

ma le concezioni del mondo no: il fatto che queste concezioni siano intraducibili, porta alla conclusione che i vari modelli religiosi e filosofici sono incommensurabili, per cui questa incommensurabilit, dimostrata per via epistemologica (Kuhn) e linguistica (Whorf), rende improponibile ogni pretesa universalistica. Questa introduzione filosofica mi sembra sommaria, ma sufficiente. Allora, si pone la domanda: alla luce delle considerazioni sopra svolte, possiamo considerare la democrazia un'idea universalistica, ovvero universalizzabile, oppure meglio che abbandoniamo l'infondata pretesa eurocentrica, di fatto colonialistica e imperialistica? Dir subito la mia opinione in proposito: personalmente, credo all'esistenza filosofica degli universali veritativi; credo ai processi progressivi di confrontabilit, commensurabilit e traducibilit delle culture, sulla base dell'esistenza di una generica comune natura umana e, nello stesso tempo, non credo che la specifica forma assunta dalla democrazia greca e poi europea possa, in quanto tale, avere la pretesa di universalit, tanto meno poi di universalizzazione coattiva e prescrittiva, che considero assolutamente inaccettabile e contro cui legittima addirittura una guerra giusta di difesa, se per caso un esercito o un'alleanza di eserciti, pi o meno "volonterosi", la vuole imporre. Il problema pu allora essere utilmente scomposto in tre parti:

1) perch plausibile sostenere l'esistenza di universali veritativi; 2) perch l'idea di democrazia un universale veritativo universalizzabile (senza violenza), ma le forme politiche occidentali di democrazia, comprese le migliori, non lo sono;

3) perch necessario opporsi


nettamente ad ogni "esportazione" della democrazia in Paesi in vario modo recalcitranti. Iniziamo dal primo punto. Il grande filosofo tedesco Kant si pose, a suo tempo, la domanda: che cosa posso sperare? Ovviamente, per "sperare", egli intendeva una speranza razionale, non certo che i coccodrilli potessero laurearsi in filosofia, oppure che il fango potesse diventare oro. Ebbene, per Kant era possibile, razionalmente, sperare che il genere umano potesse gradatamente progredire verso il meglio. Si noter che Kant presuppone qui almeno due "universali", cio il "genere umano" e il "meglio", ed perci curioso che talvolta i relativisti e gli scettici utilizzino il cosiddetto "criticismo" kantiano contro gli universalisti filosofici dichiarati, come Hegel e Marx. Ora, io credo che Kant imposti benissimo la questione: noi non possiamo essere sicuri che un processo virtuoso di universalizzazione mondiale di quanto riteniamo essere razionalmente il "bene politico" possa compiersi, ma possiamo legittimamente sperare che questo avvenga. I nostri "avversari filosofici" - non nemici, in filosofia si hanno solo

avversari, mai nemici 123 122

Il popolo al potere

sono di due tipi: coloro che sono sicuri che questo non avverr mai (carattere malvagio della natura umana) e coloro che sono sicuri che ci infallibilmente avverr (messianici religiosi di vario tipo, marxistileninisti sopravvissuti ecc.). Quali sono le basi razionali, che sorreggono questo sperare? Direi le caratteristiche della natura umana razionale e sociale, cos come sono state precedentemente ricordate nelle concezioni di Aristotele e di Cusano. A differenza dell'ipotesi ultrarelativista di KuhnVVhorf, possibile sostenere che le diverse culture storiche e geografiche siano reciprocamente traducibili e commensurabili. Il filosofo india-no Raimundo Panikkar, che per conto dell'UNESCO si occupa da decenni della commensurabilit filosofica delle culture mondiali, ha in proposito parlato di enneneutca da topica e di equivalente omeomorfo. Niente paura, si tratta di concetti semplicissimi. L'ermeneutica diatopica (l'interpretazione e la traduzione da un luogo all'altro) sigmifica che occorre tradurre non solo le parole (dal kg-os greco
-

al karma indiano al tao cinese ecc.), ma anche il contesto generale di significato, che fa da presupposto all'esatta comprensio-ne, e l'equivalente omeomorfo appunto la ricerca dell'equivalente concettuale di idee, sorte in contesti storici e geografici indipendenti (ad esempio, proprio il log os greco e il tao cinese).
-

Kuhn e Whorf avrebbero ragione, se non esistesse un'unit ra-zionale del genere umano, che sta sotto (e sopra) le varie culture storiche. Certo, pensare che Confucio, Buddha, Platone e Ges di Nazaret_h potrebbero capirsi im_mediatamente dopo aver indossa-to le rispettive cuffie per la traduzione simultanea (se possibile tra-dotta in un inglese positivistico e operazionistico) una sciocchez-za. Ci vorrebbe il tempo necessario per l'apprendimento di tutte le ling-ue straniere, ma alla fine sono sicuro che si capirebbero: solo questione di pazienza e di intelligenza. In sostanza, se vero che l'uomo un ente sociale (poltzkn zoon), un ente razionale (zoon log on echon), un ente naturale generico (Gattungswesen) e che, infi-ne, ci che c' di specificamente umano in questa genericit pro-prio il fatto che la sua natura sociale e razionale ci consente di
-

Democrazia e filosofia

124

sperare che il genere umano vada verso il meglio (Kant) e possa diventare un angelo umano, anzich una bestia umana (Cusano), allora la tesi filosofica dell'universalismo

125

veritativo ha dalla sua un ottimo apparato argomentativo. Passiamo al secondo punto. In base alle considerazioni svolte in precedenza, la democrazia ha, nel suo stesso concetto, la proprie-t di contenere l'aspetto generico e l'aspetto specifico. L'aspetto generico, perch un metodo per la risoluzione pacifica e concor-data dei conflitti sociali interni alla comunit politica mediante il metodo della presa delle decisioni a maggioranza, sulla base della "mescolanza" dei cittadini, precedentemente riuniti in aggregati direttamente comunitari (trib, famiglie, stirpi, gruppi linguistici e religiosi ecc.). L'aspetto specifico, perch non una forma di governo e di Stato, ma una manifestazione pratica e concreta di prevalenza del demos, inteso come l'insieme dei pi poveri e svantaggiati. Questi due aspetti si trovano in forme diverse nella storia di qua-si tutte le culture, dalle isole del Pacifico all'antica Cina, dall'anti-ca India all'antica Persia. Certo, il fatto di giudicare a maggioran-za, oppure di far prevalere il demos non comporta assolutamente la prevalenza del Giusto. Socrate condannato per tradimento (inesistente), Ges per terrorismo (inesistente), i vecchi Esquimesi erano accompagnati, a maggioranza democratica, a morire sulla banchisa polare e a maggioranza sono sempre stati fatti riti di sacrifici umani fra le grida entusiaste dell'eterna irredimibile pleba-glia (il lettore avvertito, una volta per tutte, che uso il termine plebe in senso spirituale e morale,

e non nel senso dell'anagrafe tributaria). Nello stesso tempo, possibile razionalmente sperare che la plebe possa diventare popolo proprio sulla base dell'educa-zione democratica. Ecco, allora, -una nuova definizione di demo-crazia: la democrazia quel processo educativo comunitario, in cui, sulla base della natura razionale e sociale dell'ente naturale generico, la plebe diventa popolo, e il popolo va al potere, in quan-to rappresentante del genere umano.
I

Il mito pseudouniversalista dell'esportazione coloniale e violenta della democrazia


Nel 1991, l'anno epocale della tragicomica dissoluzione del comunismo storico novecentesco veramente esistito, si apr anche un festval internazionale di coreutica politica, in cui ci si scaten in una vasta gamma di danze tribali, dai cori funebri di prefiche piangenti pi o meno stalinoformi fino alle danze della pioggia di entusiasti intellettuali neoliberali, che portavano ancora sul sedere la polvere dei banchi delle assemblee sessantottine inneggianti a un comunismo ancora pi egualitario di quello di Beria e di Poi Pot. Al termine di questa orgia coreutica, e dopo

aver consumato la sbronza per la fine delle fastidiose grandi-narrazioni e per l'avvento di un eterno presente senza storia, ci si accorse che il mondo era cambiato. Al mondo delle utopie, smentite dal duro verdetto della Storia e soprattutto dei grandi magazzini gravidi di merci, subentr il mondo della fine del diritto internazionale moderno. Il diritto internazionale moderno era nato nel 1648 con le paci di Westfalia, non tanto sulla base della assoluta sovranit territoriale degli Stati con annesso diritto incontrovertibile di eseguire i peggiori genocidi interni, quanto sulla base della fine delle guerre di religione o, pi esattamente, della fine almeno auspicata, se non proprio realizzata della legittimazione della "esportazione armata della religione giusta contro quella sbagliata" come motivazione necessaria e sufficiente per una guerra fra Stati. La nascita di un vero e proprio diritto internazionale moderno non port, ovviamente, alla fine delle guerre, che anzi per quasi due secoli sembrarono infittirsi, anche perch al vecchio teatro bellico europeo si aggiunse la competizione coloniale, che vide infine l'affermazione dell'Inghilterra come superpotenza marittima mondiale. Nello stesso tempo, l'eliminazione almeno di una particolare tipologia di guerre, quelle a legittimazione religiosa, deve essere considerata come un fatto universalisticamente positivo. La sola

guerra giusta diventava dunque la guerra di difesa pro aris et focz:s contro un'aggressione ingiustificata e motivata con false accuse, mentre cessava di essere "giusta" quella fatta per esportare la "vera religione" o, peggio, la "unica e vera interpretazione della vera religione". I contemporanei videro, correttamente, nella logica dei trattati di Westfalia del 1648, la vittoria della concezione aiusnaturalistica di Grozio. e
126

Il 1991 vide, invece, la restaurazione, prima furbesca ed implicita e poi sempre pi aperta e spudorata, della dottrina della guerra giusta come guerra della "vera religione" contro gli infedeli. Ma qual era, questa nuova religione? Non certo una variante delle vecchie religioni monoteistiche di origine "abramitica", che la nuova legittimazione "laica" e postmetafisica del potere economico aveva gi da tempo spodestato, riducendole a grandi agenzie rituali per la gestione organizzata degli inestirpabili bisogni delle masse di dare un senso al mondo l' homo sapiens infatti, per sua natura, un portatore di Sinngebung, cio di produzione di senso a ci che, per sua natura puramente "scientifica", non lo avrebbe oppure a strutture caritative deputate a supplire lo smantellamento neoliberale del vecchio welture assistenziale. Il circo mediatico torna sempre su Ratzinger benedicente e sul Dalai Lama orante e sorridente, ma deve anche sempre essere ben chiaro allo spettatore che la sola cosa che conta sono le decisioni anonime dei mercati finanziari internazionali. Non esiste pi il Dictatus papae di Gregorio VII, ma solo il

Dctatus FMI e WTO, che non pi


scritto in latino, ma in inglese. L'uomo non pi religatus da invisibili lacci ultraterreni, ma da visibilissimi lacci economici e finanziari. Di fronte a questa realt innegabile, anche la religione deve cambiare forma o, pi esattamente, deve nascere una nuova religione. Questa nuova religione (nova religM la religione dei diritti unzani Come le altre, ha un clero e, pi esattamente, un clero secolare (gli apparati mediatici, in particolare quelli televisivi) e un clero regolare (gli apparati universitari di storia, filosofia e scienze politiche e sociali, incaricati di dare ragione al vincitore con acconci argomenti

127

Il popolo al potere

di vario tipo). Il popolo dei fedeli, che sta sotto questo doppio clero, non pu ovviamente essere un popolo di cittadini democratici, ma integralmente postdemocratico - uso qui la corretta espressione di Colin Crouch - cio un aggregato di individui, resi prima politicamente impotenti e poi artificialmente risocializzati in cerimonie pubbliche di autorappresentazione estatica (sostanzialmente, com-plementari: le elezioni uninominali maggioritarie con classi politiche preventivamente omogeneizzate e i concerti rock, se possibile ispira-ti ipocritamente a

cause filantropiche). 11 sovrano, il clero e i fedeli devono comunque essere simbolicamente unificati da una sola religione, quella appunto dei Diritti Umani, ed essendo questi univer-sali per definizione che cosa c' di pi universale dell'uomo stes-so? - da questa religione deriva necessariamente il diritto di invia-re nella terra degli infedeli dei missionari armati, con il clero debitamente incorporato (embedded) nelle strutture militari. Distruzione del diritto internazionale e professione di questa nuo-va religione dei diritti umani, vanno ovviamente insieme. Gli intel-lettuali, che hanno rifiutato di far parte di questo nuovo clero seco-lare e regolare sono davvero pochi - ricordo qui il francese Alain de Benoist e l'italiano Danilo Zolo, ma avr anche la presunzione di autocitarmi, pur sapendo che non troppo di buon gusto e sono comunque esclusi dal circo mediatico, se non come periferiche lunatic fring es (frange folli e pittoresche). Per fortuna, si va facen-do lentamente strada, anche se per ora solo presso piccole mino-ranze coraggiose, l'idea che questa nuova religione espansionisti-ca un nemico - si noti bene: non un avversario filosofico cavalle-resco, ma un nemico odioso e pericoloso - ed , anzi, oggi forse il nemico principale di quello, che mi ostino a pensare si possa con-tinuare a chiamare "genere umano".
-

Questa apparente "religione umanistica" non il frutto di un presunto superamento filosofico universalistico della vecchia superstizione, ma la secolarizzazione di un vero e

proprio monoteismo idolatrico. Se questo poi realizzi un triste "inveramento" del laicismo illuministico oppure, invece, un suo abbietto tradimento
128

Denzocrazia e filosofia

129

- personalmente, opto per soluzione lo lascio interpretazione del lettore, che colto e, soprat-tutto, libero nei convincimenti personali.

la seconda alla libera presuppongo giudizi e nei

Credo di essermi espresso con sufficiente chiarezza. Detto questo, non ritengo che il modo migliore di opporsi politicamente alla religione idolatrica dei diritti umani, con annesso bombardamento a geometria variabile, in cui il potere a decidere chi umano e chi non lo - il che mi ricorda irresistibilmente il personaggio comico del ragionier Fantozzi di Paolo Villaggio, che borbotta querimoniosamente com' umano, lei! - sia la riproposizione del relativismo. Certo, so bene che chi propone di fatto una forma sofisticata di relativismo differenzialistico sul diritto di ogni cultu-ra a non essere forzatamente "omologata" da un'altra con prete-sti pseudo-universalistici, lo fa spinto da sacrosante rag,ioni filosofi-che e politiche (ad esempio, il benemerito pensatore "differenzialista" Alain de Benoist). Credo per che questa via, pi che giustificabile se si pensa alla congiuntura storica barbarica in cui ci troviamo, non sia filosoficamente la migliore; essa comporterebbe, di fatto e di diritto, l'abbandono di tutte quelle argomentazioni

universalistiche, cui ho fatto riferimento nei paragrafi precedenti. Il problema, a mio avviso, quello di non buttare via il bambino con l'acqua sporca. La religione interventista ed imperialista dei diritti umani a geometria variabile degli USA, secondo la quale l'assistenza sanitaria pubblica gratuita non un diritto umano, mentre la pornografia televisiva intervallata dalla pubblicit lo , indubbiamente acqua sporca. Nello stesso tempo, l'ideale kantiano (e marxiano) dell'unificazione pacifica del genere uma-no sulla base del diritto internazionale - quindi senza "sciogliere" popoli e nazioni in un unico frullato multiculturale mondiale americanizzato non acqua sporca, ma resta u_n bambino. Gra-cile, ma pur sempre un bambino. Faccio qui il noto esempio della ablazione del clitoride delle fem-mine in certe culture. Vi sono, per, anche culture che annegano le bambine appena nate o negano l'assistenza sanitaria agli anziaIl popolo al potere

ni. Come si pu sostenere che il diritto assoluto alla differenza rende impossibile affermare l'esistenza di un universale veritativo e normativo? Secondo me, vero che l'infibulazione femminile cattiva e che la sua cessazione concordata buona. Nessun relativista potr mai convincermi del contrario, e non potr farlo, perch dovrebbe convincermi del fatto che

un'abitudine sociale, sorta in un determinato contesto storico per sancire una determinata inferiorit femminile - in questo caso, lo scoraggiamento della sua sess ualit - non pu essere criticata con motivazioni universalistiche. Se cos fosse, come potremmo criticare gli Aztechi, se fanno sacrifici umani? Come potremmo criticare gli antichi Romani, che schiavizzavano intere popolazioni? Come potremmo criticare gli Ind, se praticavano il rogo delle vedove sulla pira del marito defunto? Come potremmo criticare gli stessi bombardatori odierni, catafratti nella loro stolida sensazione razzista di superiorit culturale? evidente che non potremmo. Bisogna, allora, separare nettamente la critica della religione idolatrica dei diritti umani, del loro clero corrotto e supponente e del loro popolo cognitivamente ed emozionalmente piallato dalla manipolazione televisiva, dal problema filosofico della verit, della natura umana e dell'universalismo dialogico e pacifico correttamente inteso. Terminiamo ora la discussione filosofica sulla democrazia con due temi ulteriori: un "ritorno" sull'originale pensiero di Marx e una discussione sul rapporto fra democrazia ed individualismo prima, e comunitarismo poi.

Il pensiero originale di

Karl Marx e il tema della democrazia politica


Il problema del rapporto fra il pensiero originale di Marx ed il tema della democrazia politica , a mio avviso, cruciale e un continuo "ritorno" su di esso un dovere etico e intellettuale.
130 131
Democrazia e filosofia

Il fatto che trent'anni fa il marxismo fosse di moda e invece oggi provochi smorfie di compatimento neo-liberale nella comunit intellettuale politicamente corretta, per me del tutto irrilevante. Fra mezzo secolo se ne riparler. Come ho gi fatto notare nel primo capitolo, non si tratta di una operazione ideologica per "innocentizzare" Marx dei crimini commessi a suo nome. Io sono uno studioso, non un commissario di polizia o un giudice istruttore. Si tratta di ristabilire i termini minimi del problema, che consistono nella chiara separazione metodologica e concettuale fra il paradigma originale di Marx e le vicende politiche del cosiddetto "comunismo storico" novecentesco. In proposito, scusandomi per l'inevitabilit di alcune ripetizioni, riassumer le vicende di quest'ultimo in tre punti - storico, politico e sociale - e da questo utile riassunto risulter una differenza radicale con il pensiero originale di Marx. C', per, una premessa da fare. Io non prometto al lettore di 'riassumere il vero Marx. Nessuno potrebbe farlo e nessuno lo ha fatto mai, neppure il suo grande amico e

collaboratore Engels. E nessuno potrebbe farlo, perch Marx - a differenza, per esempio, dei filosofi Spinoza e Kant e degli economisti Smith e Ricardo - non ha maisistematizzato il suo pensiero, lasciandolo aperto come un cantiere in costruzione. Da questo cantiere possibile desumere progetti diversi ed addirittura opposti, anche se in questa sede non c' ovviamente lo spazio per dimostrarlo (ma non difficile farlo). Marx non si autopercepiva come un dottrinario "perfetto" - malgrado i suoi sciagurati seguaci lo abbiano eretto a sostituto mortale di una divinit salvifica ed infallibile - ma come uno dei primi scopritori di un continente scientifico nuovo e non ancora esplorato (uso qui la metafora, a suo tempo proposta da Louis Althusser). Ogni esposizione di Marx dunque necessariamente una interpretazione. Chi vi promette il vero Marx, deve essere invitato a consacrarsi alle profezie di Nostradamus. T orniamo ora al comunismo storico novecentesco, di cui mi sono gi occupato nel precedente capitolo. Oggi, il bilancio di questo
Il popolo al po ere Democrazia e filosofia

gigantesco fenomeno offuscato e, a mio avviso, reso in concreto impossibile, dal fatto che ogni commentatore si muove sulla base di pregiudizi, derivati dal suo essere preventivamente filocomunista

anticomunista, di sinistra o di destra ecc.; i


pi astiosi, e pertanto i pi inattendibili, sono gli ex-comunisti riciclati e pentiti; i

mai-sta-ti-comunisti, non importa se religiosi, anarchici o liberali, sono in proposito mille volte pi credibili. Passiamo ora, per, alla sintesi in tre punti della questione del comunismo storico novecentesco, la cui fine ha dato luogo al festiva/ coreutico, di cui ho parlato. Dal punto di vista storico, il comunismo novecentesco non deri-va n da Marx n dal canone marxista ortodosso costruito fra il 1875 ed il 1895 da Engels e da Kautsky, che ipotizzava la forma-zione della nuova societ comunista come frutto inevitabile della crescita delle forze produttive sociali, a partire dai punti alti della societ capitalistica sviluppata. Si trattava di una concezione in-dubbiamente influenzata dall'evoluzionismo di Darwin e non , allora, un caso che Engels abbia proposto una teoria filosofica unificata della natura e della storia umana, basata su categorie concettuali e ontologiche comuni e addirittura su presunte leggi della dialettica unificate (lo sciagurato "materialismo dialettico"). Questa ipotesi evoluzionistica si comunque - almeno per ora - rivelata del tutto errata. Non a caso, aggiungo io, perch l'unifica-zione ontologica delle leggi di movimento - ammesso che esistano della natura e della storia, lungi dall'essere qualcosa di scientifico

di "avanzato", non che la grottesca

riproduzione della conce-zione dei primitivi, per i quali le leggi del macrocosmo naturale erano le stesse di quelle del microcosmo storico e sociale

umano. In og,ni caso, la rivoluzione del 1917 ruppe con questo schema evo-luzionistico - ma anche Darwin ipofizzava le rotture improvvise -

Lenin

sostenne che, nell'epoca dell'imperialismo, la rivoluzione non sarebbe pi iniziata nei punti alti dello sviluppo capitalistico, bens nei punti deboli dell'anello della catena mondiale imperialistica. Nel linguaggio dell'epistemologo Kuhn, si tratta di un tipico caso di crisi scientifica, che d poi luogo ad una rivoluzione scientifica,
132 133

cio a un paradigma completamente nuovo. Lenin non era consa-pevole della novit di questo nuovo paradigma e si autopercepiva, erroneamente, come un "ortodosso", laddove nessuno era pi "revisionista" di lui; ma questo fa parte della storia delle ideologie, intese come forme di falsa coscienza individuale e/o organizzata. In ogni caso, la rivoluzione comunista del 1917 non c'entra nulla con il modello di Marx, anche se, ovviamente, poi si legittima sulla base di una interpretazione "autentica" e di una canonizzazione expost del suo pensiero sacralizzato. La sua legittimazione sta tut-ta nell'essere stata una risposta storica determinata - a rro avviso legittima, e non intendo certo nascondere la mia opinione, perch oggi non di moda nel circo intellettuale politicamente corretto - al bagno di sangue del 1914, anno in cui inizia la guerra civile europea (che non inizia dunque nel 1917,

come sostiene erronea-mente lo storico tedesco Ernest Nolte). Dal punto di vista politico, cio delle forrne politiche di governo e di Stato, il comunismo non fu un fenomeno democratico. Si tratt di un tipico rovesciamento dialettico dell'anarchismo in tirannide - o, se si vuole, di Bakunin in Hobbes - fenomeno peraltro ampiamente previsto e tematizzato nella filosofia politica greca classica. Un'ini-ziale concezione, sostanzialmente anarchica, del potere (si legga Stato e Rivoluzione di Lenin), che lo vede come qualcosa di intimamente semplice e trasparente - per cui, come sostenne Lenin, anche una cuoca sarebbe in grado di dirigere lo Stato - e decentrato al massimo in consigli di lavoratori, che praticano, insieme e con-giuntamente, l'autogestione economica delle unit produttive e l'auto-governo politico delle comunit territoriali, si rovescia dialetticamente - non certo per la malvagit dei burocrati, ma per la sua totale ed utopica inapplicabilit - in un dispotismo di tipo hobbesiano, in cui il nuovo Leviatano, cio il partito comunista, concentra in s il potere economico, politico ed ideologico, si solliae ad ogni contratto politico revocabile democraticamente con elezio-ni a suffragio universale e nega ogni diritto all'espressione pubblica, non solo alle varie forme di anti-comunismo e di noncomunismo,
Il popolo al potere Democrazia e filosofia

ma anche alla stessa libera interpretazione del pensiero dello stesso Marx (come, peraltro, gi fatto da Hobbes a proposito

della Bibbia cristiana). Dal punto di vista sociale, il comunismo fu invece un fenomeno democratico, se il termine "democratico" inteso alla Aristotele, Rosenberg e Canfora come prevalenza del dernos, e non come forma di governo e di Stato. Del resto, basta osservare spassionatamente i fenomeni di impoverimento sociale di massa nei Paesi ex-comunisti dopo il triennio 1989-91 e i connessi fenomeni di arricchimento gangsteristico di nuovi robber barons (baroni ladri), per rendersene conto. Cosa fu, dunque, in termini sociali, lo stalinismo? Qui ci sono, a mio avviso, due sole interpretazioni. Per la prima, lo stalinismo fu la presa del potere di una nuova ed inedita classe sfruttatrice, la burocrazia mista dello Stato e del partito (in questa interpretazione, convergono, di fatto, i critici liberali di destra del comunismo e i critici trotzkisti di sinistra). Per la seconda, invece, lo stalinismo, nonostante i suoi errori ed orrori, fu nell'essenziale una vera forma storica di prevalenza del demos, cio del popolo cos com'era, non del popolo virtuoso sognato dagli utopisti. La mia personale interpretazione "mista", un 70/0 della seconda ed un 30`)/0 della prima. Che cosa fu il triennio 1989-91? Non certo il trionfo metafisico dell'eterna libert contro lo spettro vampiresco del totalitarismo eterno. Lasciamo queste mitologie al circo mediatico-universitario. Il triennio fatale fu una vera e propria "controrivoluzione passiva", almeno quanto il 1917 fu una "rivoluzione attiva". La clas-

se media sovietica, creata proprio dalla stessa industrializzazione stalinista dei piani quinquennali, che realizzarono cos l'equivalente socialista della "accumulazione primitiva del capitale", di cui aveva parlato Marx, rovesci il precedente baraccone livellato e "socialmente democratico", gestito da una alleanza instabile fra burocrati e operai, e promosse una restaurazione capitalistica, che si realizz ovviamente in forma mafiosa e selvaggia. Mi scuso con il lettore per questa parentesi, volutamente ripetitiva, e passo finalmente al rapporto fra Marx e la democrazia. E, per, necessaria una ulteriore piccola premessa filosofica. Il pensiero di Marx generalmente connotato come "materialismo storico": , questa, la formulazione condivisa dalla stragrande maggioranza della comunit dei marxisti, anche e soprattutto perch era quella "approvata" dai padri fondatori. Personalmente, mi.permetto di dissentire. "Storico", il pensiero di Marx lo era certamente, anche se, nello stesso tempo, si basava su premesse naturalistiche (uomo come ente naturale generico); per questa ragione era storico, ma non storicistico, cosa che generalmente non entra nella zucca dura dei marxisti dogmatici; che fosse poi anche "materialistico", su questo si possono avere legittimi dubbi. Le cosiddette "forze materiali" della dinamica storica, di cui parla Marx (forze produttive sociali, rapporti sociali di produzione, ideologie e sistemi ideologici) erano, infatti, tanto materiali quanto spirituali. Se per materialista si

intende ateo, e per ateo si intende non teista ma antiteista, cio negatore di una divinit intesa come soggettivit progettante secondo un piano finalistico, allora Marx era certamente materialista. Se per materialista si intende qualcuno per cui il mondo costituito da spazio, tempo, materia ed energia, allora Marx era certamente materialista, ma lo sono anche tutte le enciclopedie scientifiche divulgative. Usato in questi due sensi, il termine "materia" ambiguo e riduzionistico, perch lascia pensare che Marx si occupi della stessa "materia", di cui si occupano gli astronomi, i fisici, i chimici e i biologi. Questa ambiguit sembra fatta apposta per scatenare pittoresche e teologiche dispute fra affermatori e negatori di Dio: dispute, che rispetto e a cui anzi a volte prendo parte, ma che non c'entrano niente con ci di cui stiamo trattando. Nella mia interpretazione, il pensiero di Marx, che era laureato in filosofia e non in chimica, non c'entra niente con la "materia". Filosoficamente parlando, si trattava di una particolare founa di idealismo storico, la terza dopo quelle di Fichte e di Hegel l'idealismo di
135 134

Il popolo al potere

Schelling non c'entra, perch non un idealismo storico - basata sulla nozione di ente naturale generico (Gattungswesen), la cui storicit si definisce e si determina attraverso una serie di alienazioni (Entftemdung-en), che sono ovviamente sia materiali che spirituali. Scientificamente parlando, si trattava di una particolare forma di strutturalismo storico, del tutto originale e inedita, quindi la prima di una possibile serie successiva, basata su un concetto planetario (il modo di produzione) e su tre concetti satellitari (le forze produttive sociali, i rapporti sociali di produzione, le ideologie e i sistemi ideologici). Se in questa somma di idealismo e di strutturalismo storico qualcuno ci vuole vedere anche la "materia" nel senso di Newton e di Lavoisier, si accomodi pure, ma io non c'entro, non c'ero e, se c'ero, dormivo. Ho fatto questa piccola premessa filosofica, che non ha nulla a che fare direttamente con il problema della democrazia, ma c'entra indirettamente. Se infatti si "carica" sul pensiero di Marx una sulfurea soma nichilistica - il caso, a mio avviso, di interpreti pur geniali come Cornelio Fabro o Augusto Del Noce - si finir con il non riuscire pi a determinare con esattezza neppure il suo rapporto con la democrazia. Il pensiero di Marx comprendeva invece, a mio parere, sia il concetto di democrazia come forma politica basata sulla decisione a

maggioranza integrata dal principio liberale della pubblica espressione di libere opinioni dissenzienti con la maggioranza stessa, sia il concetto di democrazia come prevalenza del demos. Ritengo che li unisse, non perch io sia un suo simpatizzante, e quindi sospetto di scarsa "oggettivit", ma perch in Marx c'era il forte convincimento che la maggioranza del demos, formata da operai, salariati e proletari, si sarebbe armonicamente unita con le forze intellettuali sprigionate dalla stessa produzione capitalistica, dalla scienza e dalla tecnologia moderne che Marx connotava con il termine inglese generai intellect - e che, pertanto, la sua "dittatura del proletariato" - termine che Marx indiscutibilmente ha usato - non sarebbe stata la dittatura rninoritaria e dispotica di un gruppo di persone "co136
137 Democrazia e filosofia

muniste", ma semplicemente l'espressione della stragrande maggioranza della popolazione attiva dei cittadini. Marx era, in proposito, non solo un accanito propugnatore del suffragio universale, ma anche della cosiddetta "capacit politica della classe operaia", che a quei tempi voleva dire che la classe operaia avrebbe fatto molto bene a formare un suo partito politico indipendente, presentandosi alle elezioni. Quanto dico, filologicamente e storicamente accertabile; non dunque solo una interpretazione soggettiva. Marx diagnosticava e pronosticava una cosa, che nei fatti poi non avvenuta. Egli

pensava che si sarebbe formato un lavoratore collettivo cooperativo associato, dal direttore di fabbrica all'ultimo manovale, che avrebbe rappresentato la stragrande maggioranza della popolazione attiva e avrebbe cos, congiuntamente, vinto facilmente le elezioni democratiche (democrazia formale) e assicurato la prevalenza del demos, divenuto nel frattempo maggioritario nella societ (democrazia sostanziale). Questo non si verificato, come ormai sanno anche i bambini, ma questa utopia scientifica - l'ossimoro naturale volontario - resta a tutti gli effetti un'utopia democratica nel nostro doppio significato del termine.

Il rapporto fra la democrazia politica e l'individualismo liberale


Apparentemente, il rapporto fra la democrazia politica e l'individualismo liberale la cosa pi semplice di questo mondo e, in genere, viene compendiato in questo modo da tutti coloro che amano le semplificazioni rassicuranti: in principio, il liberalismo era contro la democrazia, perch non accettava il suffragio universale maschile e femminile e si fondava su elezioni ferocemente ristrette e censitarie; poi si convinto ad accettare il suffragio universale e da allora c' la liberaldemocrazia, cos sono tutti felici e contenti. In quanto alla

liberaldemocrazia, si tratta del principale


Il popolo al potere Democrazia e filosofia

prodotto di esportazione dell'Occidente verso il resto del mondo; un segno universalistico della modernit, che solo gli "Stati cana-glia" (rog-ue states) si rifiutano di accogliere con gratitudine, ma in questo caso, dove non basteranno le esortazioni pacifiche, arrive-ranno gli embarghi prima e le bombe poi. Chi la pensa cos, effettivamente ha sprecato i suoi soldi comprando questo libro. Peccato. Chi invece non si accontenta del rassicurante Inoltra liberale, invitato a problematizzare maggiormente il proble-ma storico e filosofico del rapporto triangolare fra individualismo, liberalismo e democrazia. La democrazia greca nacque come democrazia di cittadini (po/taz), non di individui adiotal). A rigore, il termine "individuo", che signi-fica appunto individuo, non ulteriormente divisibile, e che corri-sponde al 100`)/0 al greco a-tomon (non ulteriormente divisibile), non esiste neppure in greco antico; esiste invece il termine idiotes per connotare il singolo privato (zdos, eguale nel senso di indifferenziato, non di differenziato ma eguagliato dalla legge). Questa precisa-zione etimologica non affatto inutile. Dal momento che la democrazia greca era una democrazia comurtaria, e non una societ di individui, il privato che si disinteressava del pubblico era ap-punto etimologicamente un idiota, e questo proprio nel senso mo-derno del termine; democrazia e individualismo erano dunque, per i Greci antichi, realt

incompatibili. La gloriosa storia dell'individualismo inizia, quindi, con un Grande Idiota come fondatore ed eroe eponimo.
138 139

Tutto questo fa parte, per, del mondo antico, comunitario e precapitalistico. Nel mondo moderno, che si svincola progressiva-mente dalla societ tripartita degli ordnes medioevali, l'in-dividuo quella unit psicologica ed esistenziale (Montaigne), che comin-cia a riflettere liberamente sul mondo e trova nello scetticismo la sua filosofia naturale. Senza un sano e preliminare scetticismo, infatti, sarebbe stato impossibile criticare la societ degli ordines. Quando per lo scettico diventa imprenditore, in primo luogo di se stesso e del suo tempo libero (Robinson Crusoe), lo scetticismo non basta pi e si afferma la visione utilitaristica del mondo. L' utile come categoria economica, ovviamente vecchio come il cucco e non lo scopre certo la borghesia (v. 1' ofehnzon di Aristotele, che per distin-oue fra l'economia, buona, e la crematistica, cattiva); solo la bor-ghesia, per, pu unificare concettualmente l'economia e la crematistica, cio la cura dell' ozkos (la casa comprensiva dei suoi abitanti) con la ricerca dei chremata, i soldi, di cui l'immortale eco-nomista Vespasiano disse poi che non puzzano (pecuna non

olet).
L'individuo moderno si forma appunto unificando non solo concettualmente, ma anche psicologicamente, l'economia e la crematistica, che il pensiero greco teneva

ancora ben distinte. Da questa unificazione psicologica nascono sia la psicologia dell'imprendi-tore creativo e soddisfatto, in un primo tempo ascetico e poi, inve-ce, consumatore vistoso e scialacquatore ma questo mutamento psicologico dipende solo dalle diverse fasi dell'accumulazione primitiva del capitale sia la psicologia dell'anima bella e della coscienza infelice, che, fra l'altro, dar poi luogo al pensiero di Marx, che si origina da un momento della coscienza infelice borghese, e non dalla classe operaia, salariata e proletaria, che non si sente certo "alienata", ma solo "sfruttata" e trover poi nell'integrazio-ne, allraverso la societ dei consumi, un parziale rimedio contro lo sfruttamento nel luogo di lavoro. Questo individuo moderno liberale anche ferocemente classista. Su tale punto, colgono molto pi nel segno le controstorie critiche del liberalismo alla Domenico Losurdo di quanto lo facciano invece le rassicuranti apologetiche della fine neoliberale della storia. Il liberalismo si costituisce, storicamente, sulla base di una presa di distanza addirittura "razzista" non solo dai popoli di colore, di cui si legittima in genere la schiavit l'esempio di Locke addirittura scandaloso ma anche dalle classi popolari dei lavoratori "sociali". Su questo, purtroppo, la documentazione innegabile e impres-sionante. Non si tratta di opinioni malevole di marxisti attardati, ma di realt documentali e documentabili, che si sempre preferi-to nascondere, come si nasconde la polvere sotto il

tappeto.

il popolo al potere

Nel corso soprattutto del "secolo lungo" (17 liberalismo progressivamente costretto ad metodo democratico, ma ne accetta, appunto, forma (il suffragio universale) e non il contenuto ( popolo al potere). Il liberalismo infatti incompat prevalenza del demos. Il demos deve poter votare, m decidere delle cose veramente importanti (pac alleanze militari, segreti di stato, arcana imperzi ecc.). diventa, allora, quello di far votare la gente, anzi votare in massa, per legittimare meglio, simboli decisioni che poi prender il potere, e, nello stess fare in modo che il voto non decida, o non decida che questioni secondarie.

La dittatura dell'economia una forma di idolatrico, che non permette culti pubblici diversi d questo punto, per, per poterci capire qualcosa, biso dalla storia politica del liberalismo alla storia filosofi psicologica dell'individualismo. Qui si trover, fors per comprendere il mistero della societ degli indiv sostituito la comunit dei cittadini.

Il fatto che il pensiero politico borghese moderno Hobbes, sulla base anti-aristotelica dell'ipotesi d egoista e malvagio da tenere a bada con un potere dispotico, ha indotto molti commentatori identificare l'individualismo borghese con l'egoismo Non esatto. Il pensiero di Hobbes u dell'emergenza, non della normalit, e ne pr ingloriosa del comunismo storico novecentesco morto di emergenzialismo e incapace di approdare comunistica normalit. L'economia politica di Smith basata sulla psicologia associativa e sulla filosofia ut David Hume, esprime invece un momento gi assestato, quindi non pi emergenzialistico, d capitalistica. Lungi dal fondarsi sull'egoismo, essa si f sulla reciproca simpatia fra venditore e comprat soltanto immedesimandosi "simpateticamente" ne

ll popolo al potere

Democrazia e filosofia

Questo individuo intermedio dotato di inesausta creativit. E l'individuo esploratore, l'individuo romanziere realista e pittore verista ed impressionista, l'individuo capitano d'industria e, infi-ne, anche l'individuo rivoluzionario. La creativit, che lo spinge a salire in alto e a rifuggere dalla caduta in basso, produce Hegel e Beethoven, Dickens e Balzac, e centinaia di altri Individui con la maiuscola, in cui il termine indoduo non significa solo "non ulte-riormente divisibile", ma anche centro motore e demiurgico di ener-gia creativa. Ln questa fase, il capitalismo non pu ancora funzionare senza il motorino d'avviamento della classe borghese. Una volta avvia-to, per, pu andare avanti in modo tecnico - come direbbe Heidegger e cio impersonale ed anonimo. La logica tecnica e post-metafisica del capitalismo lo porta, per, anche a un radi-cale mutamento nella forma di esistenza dell'individuo stesso. giunto il momento dell'esplosione dell'unit cartesiana del sog-getto (gi segnalata filosoficamente da Nietzsche e da Simmel), della crisi di coscienza dell'imprenditore borghese (esemplari sono i romanzi di Thomas Mann), dell'io minimo e dell'individuo narcisistico (si vedano gli studi di Christopher Lasch), fino alla crisi dell'individuo pubblico prima negli USA e poi anche in Eu-ropa.
142 143

La

borghesia

perde

la

sua

natura

intermedia, e quindi dialettica, perch la logica ferrea che presiede al suo stesso sviluppo pro-prio la sua autodissoluzione, in un inedito capitalismo mondiale globalizzato senza classi, caratterizzato ormai soltanto da diffe-renziali g,iganteschi di sapere, di potere e di reddito (differenziali, che non sono per pi classi). In questo modo, il liberalismo ucci-de se stesso, perch non c' pi liberalismo, se l'individuo che lo sorreggeva deperisce antropologicamente fino ai minimi termini. Se ci si ferma a livello della superficie politica, tutto ci non affat-to visibile. Se invece si prende in considerazione la crisi dell'arte, della religione e della filosofia - le tre dimensioni, che Hegel consi-derava giustamente "assolute" - si comincer a capire qualcosa di pi sulle dinamiche autodistruttive dell'individualismo utilitaristico moderno, il cui tramonto non segnalato dalla sua sconfitta - come successo nel caso del comunismo storico novecentesco - ma proprio dalla sua vittoria. Il liberalismo ha creduto di vincere la democrazia mangiandola, e alla fine sta morendo di indigestione proprio in conseguenza di questo suo pasto smodato. giunto il momento di riflettere brevemente sul rapporto fra la democrazia e quello che viene spesso confusamente definito "comunitarismo".

Il rapporto fra la democrazia politica

e il comurtarismo moderno
Il comunitarismo ha, in Italia e in Europa, una cattiva fama, per-- ch da tempo divenuto ostaggio della guerra tribale fra Destra e Sinistra, guerra in cui le rispettive tifoserie non sono pi da tempo interessate al bel gioco e in cui il solo g-rido che si alza dalle curve degli irriducibili il vecchio: De-vi mo-ri-re!. Vi sono ovviamen-te, per questo, ragioni storiche reali, che appartengono per ad un tempo storico integralmente trascorso e mantenuto in vita in una bara refrigerata per esclusive ragioni di manipolazione neoliberale. Ci fu prima il riflesso ideologico dello scontro imperialistico fra la Germania guglielmina e l'Inghilterra tardovittoriarta, in cui giganteschi interessi materiali di tipo industriale, bancario e fi-nanziario si nascondevano dietro barbuti professori universitari, che contrapponevano la comunit tedesca (Gemeinschaft) alla artificiale e decadente societ francese e anglosassone (Gesellschaft). Ci fu poi chi giunse al potere invocando un mandato della co-munit popolare ( Volksgemeinschaft), fondata non sulla democrazia, ma sul sangue ed il suolo (Blut und Boden). Su questo, bisogna essere assolutamente chiari e non lasciare spazio ad equi-voci: Dio ce ne scampi e liberi, da queste pretese comunit popo-lari, fondate su un preteso radicamento territoriale, e questo non
Il popolo al potere Democrazia e filosofia

solo per le loro versioni hard alla Adolf Hitler, ma anche per le versioni pi soft, che oggi vanno per la maggiore! Il comunitarismo anglosassone odierno, che mi sembra un fenomeno culturale prevalentemente universitario, all'interno del dibattito senza fine e senza esiti possibili fra individualismo e comunitarismo trattandosi di due polarit dialettiche in stretta correlazione essenziale, in cui l'una non pu semplicemente stare senza l'altra - oggi rifluito in una posizione, che definirei di "neoliberismo sociale". proprio la sua natura universitaria, strutturalmente subalterna a quella che , di volta in volta, l'ideologia dominante in una data societ - la teologia, prima, poi il giusnaturalismo e il contrattualismo, l'utilitarismo e il positivismo ed oggi il neoliberismo, nelle sue varie formulazioni che rende per ora impossibile, al comunitarismo, produrre un suo profilo indipendente. Chi scrive, propende per una particolare sintesi di comunitarismo e di individualismo, in cui per il comunitarismo conta per l'80/0 e l'individualismo per il restante 20%. Ho preferito esplicitare subito il mio punto di vista, in forma volutamente un po' goffa e ridicola, per essere onesto verso il lettore, che comunque lo avr gi certamentecapito leggendo le pagine precedenti. Senza ripetere ancora argomentazioni gi svolte in precedenza, mi limiter a ricordare in positivo il fondamento razionale del comunitarismo e a discutere in negativo le due grandi obiezioni razionali, che gli possono essere fatte: l'obiezione

"relativistica" e l'obiezione "organistica".


144 145

L'uomo un essere ad un tempo finito e infinito. Su questo, la mia posizione si ispira a Kant e ad Hegel, trascurando qui le loro soluzioni alternative, e diametralmente opposte, di coniugare i due termini. In quanto essere infinito, l'uomo si determina in rapporto ad una astrazione indeterminata (aperon), qual il concetto di genere umano. In quanto essere finito o, pi esattamente, in quanto ente, in cui l'infinito si determina concretamente solo nel finito, l'uomo membro di una particolare comunit, all'interno della quale si costituisce il concetto e la pratica della virt (aret, virtus). La stessa virt politica pu soltanto manifestarsi come virt comunitaria e questa , come noto, la posizione di tutte le scuole filosofiche greche (con la sola parziale eccezione del cosmopolitismo stoico, che per pensava anche la cosrnopolls come comunit, e non come insieme aggregato di atomi individuali irrelati). Il pensiero moderno ha, in genere, respinto questa concezione comunitaria greca di virt politica, perch il suo telos interno immanente era quello di sciogliere le varie comunit precapitalistiche per instaurare una nuova comunit puramente virtuale: la comunit dei portatori astratti di capacit lavorativa "libera", da vendere come merce in un mercato. Si tratta di un fatto, che Marx ha saputo, a suo tempo, inquadrare molto bene, sia sul piano storico che su quello logico, e che dovrebbe essere

riconosciuto come vero anche da coloro che hanno dato e danno un giudizio politico inesorabilmente negativo del comunismo storico novecentesco, del cui destino dissolutivo Marx inevitabilmente divenuto ostaggio (come lo era precedentemente, nell'epoca del bovino conformismo pseudomarxista dei cori dei sessantottini urlanti). La comunit virtuale del nuovo individualismo , a suo modo, una "societ", perch l'elemento della societas, cio della natura sociale dell'uomo, non va del tutto perduta nel mondo della merce. bene affermare qui solennemente, contro tutti i cantori apocalittici dell'imbestialimento definitivo e irrevocabile dell'uomo, che l'uomo, in quanto ente naturale generico e perci libero, non pu essere addomesticato, se non imperfettamente e per un tempo molto breve. Io non ho paura delle utopie negative tipo Brave New World di Huxley o 1984 di Orwell, che sono altrettanto irrealistiche e inapplicabili delle utopie positive rassicuranti. In entrambi i casi, io do loro un valore letterario e fantastico, ma non filosofico e, tanto meno, scientifico. Non si tratta allora di "ritornare" ai Greci, saltando la parentesi alienante della modernit e della attuale post-modernit. C', in questo mito dell'origine incorrotta e posteriormente decaduta, un nucleo religioso rispettabile, ma non il mio. All'origine non si ritorna, anche perch, sostanzialmente, l'Origine non esiste. Ogni
Il popolo al potere

Denzocrazia e filosofia

presunta "origine" sempre e solo un

punto nello spazio e nel tempo della vicenda umana, che si decide con un atto volontario di consacrare, sulla base del terrore che si prova nei confronti del carattere nichilista e dissolutore del tempo stesso, chronos, colui che tutto divora. Il nostro congedo dai Greci irreversibile e irre-vocabile, e mi permetto di ricordare qui la mia personale competenza di neoellenista, per segnalare come questo senso di congedo irrevocabile sia al centro della grande lirica greca moderna (Kavafis, Seferis ecc.). I Greci hanno per saputo porre storicamen-te, quindi in modo necessariamente determinato e limitato, un pro-blema universale, e questo problema quello della comunit (koinonla), che si definisce in base a ci che comune (koinn) a tutti gli uomini, quegli animali politici e razionali, la cui comunit proprio l'unione di generico e di specifico. In questa ottica, l'individualismo non appare come una follia "secessionistica", ma come una patologia inerente ad una cattiva comunit. Se infatti si decide di estraniarsi dalla propria comunit e di effettuare un "esodo" verso altri lidi, bisogna chiedersi se e in che misura fosse una cattiva comunit. Il diritto alla protesta in-dividuale contro la cattiva comunit deve essere garantito inte-gralmente, come momento di esistenza fisiologica della comuni-t stessa. In proposito, dovere di ogni persona, che si definisca in qualche modo "comunitarista", prendere in considerazione le due principali obiezioni possibili all'idea e alla pratica di comu-nit: l'obiezione relativista e

l'obiezione organicista.
146 147

La prima obiezione si pu compendiare cos: chi sostiene il pri-mato della comunit sull'idea di societ astratta universale, certa-mente pi "radicato" dell'universalista astratto, ma non pu sfug-gire al relativismo dei valori, che ne discende necessariamente; in una comunit di tagliatori di teste, infatti, la pi grande virt co-mimitaria etico-politica quella di appendere il maggior numero di teste tagliate ai nemici fuori della propria capanna; inoltre, al-l'interno della propria comunit, non possibile neppure criticare i valori comunitari sbagliati, perch manca un punto di vista ester- no, che renderebbe pensabile ed esprimibile linguisticamente que-sta critica; il comunitarismo dunque una forma di relativismo nichilistico, che non pu essere accettato. Si tratta di un'obiezione importante, che merita una presa in esame spregiudicata, ma non, a mio avviso, risolutiva. Il caso della comunit dei tagliatori di teste o dei seguaci della dea Khal, che facevano sacrifici umani e che il governo inglese mise fuori legge il nome della superiore civilt occidentale; superiorit, che a quei tempi era sostenuta sulla base della teoria evoluzionistica un caso del tutto astratto, a meno che i tagliatori di teste vivano in un'isola su cui non sbarca mai nessuno. Nella realt, tutte le civilt umane si toccano e si intersecano, e fra di esse si stabilisce inevitabilmente un campo di rapporti reciproci, in cui l'universalismo del genere umano non

un prodotto imperialistico o almeno, non inevitabile che lo sia ma un luogo di scambi simbolici individuali e comunitari. Come essere sociale determinato, il membro della 'trib dei tagliatori di teste pu ritenere socialmente virtuosa la decapitazione, ma, come essere razionale altrettanto determinato, pu giungere consensualmente all'abbandono di questa pratica. In quanto pratica rituale, il taglio delle teste pu essere sostituito da altre pratiche. Certo, chi nega filosoficamente l'esistenza di un universalismo veritativo non potr mai concordare sul fatto che il gioco degli scacchi sia meglio del taglio delle teste. Per questa ragione, nel presente saggio si dedicato tanto spazio ai temi filosofici. Chi invece se la sente di scommettere razionalmente sul successo di un processo progressivo di universalizzazione sorto dall'incontro di comunit diverse in dialogo reciproco da non confondere con l'esportazione armata di comportamenti prescrittivi da parte di una particolare comunit, che si autoproclama societ universale e lo pu fare unicamente sulla base prima di cannoniere (Inghilterra vittoriana) e poi di bombardieri strategici (USA) non nutrir infondati timori. Certo, non c' qui alcun determinismo, n teologia. Non si pu essere sicuriche i tagliatori di teste passeranno a riti
Il popolo al potere Democrazia e filosofia

universalisticamente pi accettabili. Seguendo Kant, per, possiamo sperare che il genere umano vada verso il meglio;

seguendo Fichte, possiamo sperare che l'Io umano cio il genere umano concettualmente unificato potr progressivamente superare il Non-Io, ossia gli ostacoli che egli stesso, inconsapevolmente, pone di fronte a s. invece sicuro che l'imposizione imperialista di valori particolari, la cui universalit un fatto balistico e non filosofico, non pu portare ad una universalizzazione del genere umano. La seconda obiezione si pu compendiare cos: la comunit pu essere soffocante verso l'individuo, perch non si limita mai a richiamarlo semplicemente ai suoi doveri solidali verso il gruppo in difficolt, ma finisce con il ficcare il naso nella sua vita privata, nelle sue opinioni politiche e religiose e nei suoi comportamenti sociali e sessuali; la comunit diventa allora una sorta di iperfamiglia protettiva e censoria, un Superio, che scoraggia la stessa formazione di un Io indipendente ed equilibrato; l'esempio delle comunit contadine tradizionali , in proposito, allucinante: chi non conformista, espulso dal gruppo; bisogna allora dare un giudizio pi equilibrato e positivo sui vantaggi dell'individualismo. Si tratta di un'obiezione assolutamente razionale, ma essa, appunto, colpisce soltanto le comunit organicistiche tradizionali, che per, molto spesso, come testimoniano gli antropologi che hanno vissuto a lungo in contatto con esse, sono poi di fatto molto pi "libertarie" e meno repressive di quanto si creda, per cui il cosiddetto "non-conformismo" di individui

eccentrici ampiamente permesso e tollerato. Non sta qui, comunque, il cuore della questione. Il fatto che la costituzione, per molti aspetti individualistica, del soggetto moderno, in Occidente ormai un fatto storico irreversibile, e in essa non ci sono soltanto egoismo ed anomia, ma anche indipendenza e creativit. Un nuovo comunitarismo non deve, quindi, tendere a "restaurare" un'impossibile e regressiva totalit organica, in cui l'individuo "sparisce" nel collettivo. Dio ce ne scampi e liberi. Questa utopia collettivistica della trasparenza ha gi fatto (cattiva) prova di s in tempi recenti, stata sconfitta, e resta nell'insieme senza rimpianti. Il collettivismo , quindi, una patologia del comunitarismo, non una sua legittima manifestazione. Il collettivismo conformistico e coercitivo , infatti, solo l'altra faccia dell'individualismo egoistico e anomico. Come sempre avviene per le patologie complementari ed antitetico-polari, esse si rafforzano nel loro interminabile scontro nichilistico. Con una formula filosofica necessariamente imperfetta, possiamo dire che la libera individualit moderna, irreversibilmente costituita sulla base del diritto di un libero rapporto fra il singolo e l'universale, aspira ad una comunit legalmente costituita, non prescrittiva e non coercitiva. Sono arrivato alla fine anche di questo secondo capitolo filosofico. ora possibile affrontare il terzo ed ultimo, in cui il tema

della democrazia verr collocato dentro le coordinate storiche e politiche della realt contemporanea. L'analisi storica e la critica filosofica hanno sgombrato molte macerie, che impedivano la libera comprensione, ma, in un certo senso, il "difficile" viene adesso. Si tratta, infatti, di affrontare temi "caldi", su cui non esiste il minimo consenso, n nella comunit degli studiosi e degli intellettuali, n, soprattutto, nella comunit politica dei cittadini. dunque impossibile "non essere di parte". Poco male. Non essere di parte impossibile, perch tutti noi siamo "parte" dell'umanit. Esserne consapevoli ed evitare deliri di onnipotenza, quindi il primo principio metodologico, che seguir.
149 148

La democrazia nell'epoca della globalizzazione

151

I due capitoli precedenti sono stati scritti per fornire al lettore un ricco materiale di informazione problematica ed aporetica. Mi spiego meglio. A proposito del tema della democrazia, in cui tutti, pi o meno, pensano gi di sapere tutto, il problema non quello di fornire materiale di chiarimento divulgativo - come si fa

opportunamente per la deriva dei continenti, per le ipotesi cosmologiche o per le frontiere dell'ingeg,neria genetica - e nemmeno quello di scrivere un pamphlet di rapido uso e consumo (del tipo: la democrazia non esiste, e se esiste fa schifo; oppure: la democrazia la pupilla degli occhi del nostro Occidente e, se gli altri non lo capiscono con le buone, lo capiranno a bastonate). Il problema non neppure istituzionale o politologico. Non c' nulla di pi facile, e nello stesso tempo di pi inutile, dell'elencare forme di Stato e di governo, che magari sulla carta sembrano quasi perfette e poi crollano come un castello di carta, non appena i pochissimi oligarchi, titolari degli arcana imperi/ e del diritto unilaterale di de-cidere quale sia lo stato di emergenza, fanno saltare il tavolo delle regole del gioco fra lo stupore impotente degli sciocchi, che hanno veramente creduto alla favola per bambini, per cui le regole del gioco sorto pi importanti del tessuto umano e sociale dei cittadini che costituiscono una comunit. No al ptzmphlet, dunque, e soprattutto no ai soliti testi politologici ed istituzionali sulla democrazia. Per questo, esistono sul mercato opere brevi, leggibilissime e spiritosissime, in un arco di posizioni, che vanno dall'equazione fra democrazia e merda e democrazia e oro, ed anche ponderosi tomi di diritto costituzionale. Di questi torr di diritto costituzionale, che raramente valgono la carta su cui sono scritti - ricordo solo che l'Italia nel 1999 ha aggredito un
Il popolo al potere L a dem ocraz ia nell'epoca del la global izzaz ione

Paese vicino, sulla base di pretesti smentiti dagli osservatori ufficiali dell'OCSE presenti sul posto e in aperta violazione della Costituzione, della Carta dell'ONU e della stessa Carta di istituzione della NATO, senza che la supponente casta dei costituzionalisti facesse un doveroso harakiri rituale - dir quello che un personaggio del romanzo umoristico di Jerome K. jerome, Tre uomini a zonzo, dice della grammatica tedesca:
L'ho studiata da giovane, ma da allora non l'ho pi toccata, e da allora mi sono sentito molto meglio. Il mio testo invece aporetico e problematico, ed quindi fatto apposta per innervosire i temperamenti frettolosi, dogmatici ed autoritari, che vogliono ad ogni costo una soluzione veloce e tascabile, ma credo anche possa piacere a tutti coloro che sono in grado di percepire l'estrema ricchezza delle differenze del mondo storico e sociale. La democrazia un tema problematico ed aporetico eccellente. I suoi lati positivi e i suoi lati negativi non possono essere separati con la lama di un coltello, ma coesistono intimamente insieme. La democrazia, essendo una pratica politica in corso e non un obiettivo statico e conclusivo da perseguire, indistinguibile dalle forme della sua messa in atto attiva. Tutto questo per gi noto al lettore attento dei miei due primi capitoli.

Ora viene il difficile, e il difficile l'analisi del presente storico in cui viviamo. Ho sempre pensato che la comprensione della storia dell'antico Egitto fosse molto pi facile

della comprensione della storia del Novecento, e non certo perch, come molti dicono, non potremmo essere obiettivi, saremmo inevitabilmente di parte. Benedetto Croce ha ragione, quando afferma che tutta la storia storia contemporanea, perch persino nel nostro modo di riflettere su Pericle e sui Gracchi ci portiamo inevitabilmente dietro il nostro personale modo di vedere i problemi del presente in cui siamo immersi. La vera difficolt posta dalla comprensione del presente quella della prospettiva. Del resto, noto che una persona dalla vista normale non pu portare la pagina che legge ad un centimetro dai suoi occhi, ma deve allontanarla maggiormente. Il lettore pu essere per sicuro che non mi sottrarr alla difficolt di valutazione del presente. Ho ritenuto necessario cercare di definire, anche se in modo sommario ed incompleto, i tre concetti di modernit, postmodernit e globalizzazione, perch al loro interno che si pone il problema della pratica della democrazia oggi. Segue l'insieme di argomentazioni, in base alle quali io ritengo che oggi non si possa dire che viviamo veramente in una democrazia - almeno in Italia e in gran parte dell'Europa - perch vi sono due fattori, che impediscono la vera presa comunitaria di decisioni politiche reali, cio il fattore interno della dittatura dell'economia finanziaria e il fattore esterno della dittatura imperiale della superpotenza americana. So bene che questi saranno i paragrafi pi odiosi ed irritanti, per il lettore che si ispira alla vulgata conformistica del politicamente

corretto di oggi. Questa vulgata conformistica preferisce, in proposito, la seguente formulazione soporifera e rassicurante: siamo in democrazia e solo un malato di mente estremista potrebbe dubitarne, anche se ovviamente ci sono problemi difficili e complessi da affrontare. Nel caso che riuscissi ad irritare questo lettore "positivo", istituzionale, politicamente corretto, occidentale e conformista, ne avrei veramente piacere, anche se si tratterebbe di un piacere subalterno, del tipo me le ha date, ma quante gliene ho dette!. Bisogna infatti sapere, ma non ci vuole poi molto a capirlo, che quanto dico per ora path. oppo non al potere: al potere ci sono gli altri. E gli altri sono tutti coloro che si sono appropriati del concetto di "popolo" e, in suo nome, fanno gli interessi del grande capitale finanziario e dell'impero americano unilaterale e potentemente armato. Per andare al potere, il popolo deve essere informato ed educato. dunque inevitabile che chi lo vuole escludere dalle decisioni che lo concernono, deve far s che non sia n informato n educato. Il sistema mediatico deve allora diventare una gigantesca macchina di disinformazione pianificata ed articolata, il sistema scolastico deve diventare una gigantesca macchina limitata alla for152
one

153
La democrazia nell'epoca della globalizzaz

Il popolo al potere

mazione professionale contingente, e tutto deve diventare "for-mazione professionale",

dal corso per idraulici ai pi prestigiosi master post-universitari. Mi sembrato giusto, quindi, dedicare due paragrafi specifici al sistema mediatico e al sistema scolastico, senza troppo scendere in dettagli, pur importanti, ma limitando-mi a mostrare le logiche immanenti in questi due apparati. Dopo aver analizzato anche alcuni altri problemi - fra cui quello cruciale del rapporto fra ecologia, derriocrazia e societ -116 scelto di concludere il mio saggio con una tesi, che ho voluto la pi chia-ra e pi esplicita possibile e che qui riassumo: Gli ostacoli che il tempo presente oppone alla pratica della democrazia sono gigan-teschi; ogni affrettata dichiarazione di ottimismo irresponsabile e da evitare; la democrazia, comunque, resta antropologicamente e socialmente possibile; essa per anche necessaria, perch la politica non una scienza e, non essendo una scienza, non pu essere delegata ad una corporazione di specialisti, che si autoriproducono per cooptazione interna.

Definizioni del Moderno. La democrazia nell'epoca della modernit


La democrazia urta pratica umana comunitaria, non un con-cetto scientifico. Ln quanto pratica umana comunitaria, ha necessariamente coordinate spaziali e temporali ed , pertanto, sempre qua ed ora, oppure / ed allora. C' stata una democrazia dei Greci

antichi, una democrazia dei Comuni medioevali, una democrazia del "secolo lungo" (1789-1914), una democrazia del "secolo bre-ve" (1914-1991) e cos via. Per definire in qualche modo la demo-crazia oggi, bisogna soffermarsi un poco sulle due nozioni di mo-dernit e di post-modernit, tenendo conto, per, che sul loro cor-retto uso non c' affatto accordo fra gli studiosi di storia e di scien-ze sociali, perch alcuni usano la nozione di post-modernit per dire che la modernit finita e che noi siamo ormai al di l di essa, mentre altri studiosi rifiutano, di fatto e di diritto, la stessa nozio-ne di post-rnodernit e si accontentano di dare la loro personale spiegazione della modernit, individuandone le principali carat-teristiche. Per non fare torto a nessuno, ho deciso di esaminare le due nozioni separatamente, concludendo per og,rti paragrafo con l'esplicitazione della mia personale accezione.
154 155

Nei libri di storia, la modernit, o meglio l'et moderna, comin-cia nel 1492, ma si tratta chiaramente di una data convenzionale. Il "nuovo mondo" cominci ad essere veramente "avvertito" da-gli Europei non prima del ventennio 15101530, e in ogni caso questa periodizzazione non vale per l'Asia, per gran parte del-l'Africa - se non per l'inizio della tratta degli schiavi - e per la stessa Europa orientale. In quanto al cosiddetto "Medio Oriente", la periodizzazione moderna non segnata dalla scoperta dell'Ame-rica, ma dall'occupazione ottomana e dalla fissazione della fron-tiera

- ancor oggi esistente - fra Turchi ed Arabi, da un lato, e Persiani dall'altro. Potremmo continuare, ma il punto essenziale della questione sta nel fatto che la periodizzazione stessa della modernit non sfugge all'eurocentrismo e al suo inevitabile imperialismo culturale. Nell'uso comune dei giornalisti e dei saggisti, la cosiddetta "mo-dernit" una sorta di concetto-ripostiglio, in cui ognuno mette ci che vuole, per potersi cos autodefinire "moderno" o nuovo. Dal momento che nel contrasto simbolico fra "vecchio" e "nuovo" il secondo termine trionfa sul primo, poich si dimentica spesso che 1' antico, in quanto tale, non per niente vecchio, anzi di frequente immensamente pi attuale del "recente" - in filosofia, ad esempio, l'antico Platone , a mio avviso, immensamente pi attuale del recentissimo Sartre - ognuno fa passare per "moderno" la sua personale arbitraria scala di preferenze. In questo carnevale permanente di futuristi confusionari, inevitabile che la definizione di moderno" - e quella correlata di "democrazia moderna" diventi la posta in gioco di una vera e propria lotta, prima nobilmente filosofica e poi popolarmente ideologica.

Il popolo al potere

Nell'accezione

comune

dell'opinione

pubblica occidentale media, il Moderno viene in generale definito attraverso due coordinate: la prevalenza del privato sul pubblico e la prevalenza del politico sul religioso. Ho parlato di "prevalenza" anzich di "separazione", come si fa in genere, per sottolineare come, dietro l'espressione neutrale di "separazione", ci sia in realt un vero e proprio postulato individualistico e laicistico. Non sto dicendo che un male pu, infatti, a volte essere un male e a volte un bene - ma semplicemente che c'. Per questa ragione, bene discuterne qui separatamente. A proposito della prevalenza del privato sul pubblico - e dunque, di conseguenza, dell'individualismo sul comunitarismo - la formulazione insuperabile di questa prevalenza stata data, quasi due secoli fa, da Benjamin Constant e da allora non mi sembra che sia stata sostituita da varianti migliori. Secondo Constant, la libert, per gli antichi, era fondamentalmente una libert dell'uomo pubblico, che comportava la sua partecipazione attiva all'attivit politica, sia come semplice cittadino (polites) sia come benefattore della comunit (everg-hetes). Da questo carattere pubblico della libert antica derivava, ovviamente, il carattere diretto della democrazia, ma anche la gestione aristocratica ed oligarchica implicava comunque l'attivit diretta e collegiale dei governanti. La libert dei moderni invece, fondamentalmente, il diritto di godersi pacificamente le ricchezze personali, coltivando le proprie inclinazioni nella sfera privata. In proposito, sottolineo come Constant, definito in genere un classico del

liberalismo non democratico e predemocratico, abbia invece formulato il principio dell'individualismo privatistico, in modo da farlo adattare anche alla liberaldemocrazia successiva. Ci che conta, per Constant, non infatti tanto il liberalismo, quanto l'individualismo. A proposito della prevalenza del politico sul religioso, la formulazione "laica" di questa supremazia insiste sulla separazione fra peccato e reato, cio fra l'eventuale violazione etica sanzionata dalla religione e la violazione della legge civile e penale sanzionata
156

invece dall'apparato giudiziario pubblico, considerato "neutrale" rispetto ai diversi credo di tipo religioso. Apparentemente, la distinzione chiarissima, ma, se si scava un po' in profondit, possono nascere dei problemi. Al di l, infatti, del fatto religioso in s, inteso come fede in una rivelazione data fatto, che, in quanto tale, sfugge e deve sfuggire, per sua natura, alla cosiddetta "razionalit", che infatti non ha nulla da dire n pro n contro - la distinzione fra il male e il bene o, se vogliamo, fra il lecito e l'illecito viene fatta sia dai religiosi sia dai laici, sulla base comune di una certa concezione di diritto naturale, che sempre presupposta da entrambi come base implicita o esplicita del diritto positivo. , infatti, sulla base di diverse concezioni del diritto naturale presupposto ed implicito che poi i due schieramenti si dividono, e solo secondariamente e sussidiariamente

la divisione avviene sulla base di richiami letterali ad un testo sacro (si veda l'esempio dell'aborto e dell'eutanasia). A questo punto, non esistono e non possono esistere politiche "pure", che non siano cio in qualche misura forme secolarizzate in un precedente contenuto religioso, diversamente destrutturato e decostruito. Il "laicismo", cos come noi lo conosciamo, in genere una specifica forma di secolarizzazione di un precedente contenuto semi-religioso, quello prodotto dal deismo razionale francese (Voltaire) e inglese (Locke). In quanto specifica forma di secolarizzazione di un precedente monoteismo europeo, questo "laicismo" non pu pretendere di essere univocamente universalistico, come se si trattasse di un metodo "neutro" rispetto ai valori. Quanto ho appena notato non intende essere un argomento contro il laicismo n, tanto meno, un argomento in favore del clericalismo. Nell'essenziale, io mi ritengo un "laico", in quanto non aderente ad una specifica religione rivelata - anche se, ovviamente, mi riservo il sovrano diritto di giudicarne alcune migliori ed alcune peggiori, e non dico quali, perch certamente stupirei il lettore - intendo solo mettere in guardia dall'eccessiva presunzione occidentalistica di credere che il laicismo sia un'invenzione "neutra" rispetto ai valo-

157

Il popolo al potere La democrazia nell'epoca della globalizzazione

ri, come lo possono essere la penicillina o la vaccinazione antivaiolosa. Tutto questo, per, ancora largamente secondario, sussidiario e preliminare rispetto al vero problema, che quello della ridefinizione radicale, che propongo del concetto di "laicismo". Nella mia impostazione teorica, il laicismo moderno non consiste tanto nella separazione e nella conseguente prevalenza della poli-tica sulla religione - derubricata a fatto "privato" di fede, e dunque anche "privata" della sua interpretazione del diritto naturale - quanto nella separazione e nella conseguente prevalenza dell'economia sulla religione. questo, infatti, il prodotto di un cu-rioso occultamento, su cui si fonda il laicismo non solo italiano (faccio qui solo l'esempio del guru del sistema mediatico Euge-nio Scalfari).

La prevalenza dell'economia sulla religione viene fatta passare per prevalenza della sfera politica pubblica su quella privata re-ligiosa. Mi rendo conto che tutto questo pu sembrare strano ed estremistico, ma lo sembrer molto meno, se si studier con attenzione la genesi storica e ideologica del laicismo moderno. h) una prima fase, infatti, il contrattualismo politico proclam la propria superiorit razionale sul tradizionalismo religioso, in base al ragionamento, per cui lo stesso contrattualismo si fondava su un appello alla maggioranza dei potenziali cittadini

chiamati alla stipulazione del contratto sociale,. mentre il tradizionalismo reli-gioso si rivolgeva non ai cittadini, ma solo ai sudditi del monarca investito da uno (pseudo) diritto divino: in questa fase, effettiva-mente, c'era una superiorit della politica sulla religione. In una seconda fase, tuttavia, che inizia verso la met del Settecento, l'utilitarismo di Hume sostituisce il contrattualismo di Locke nel-la fondazione filosofica della societ moderna. Gli uomini non si associano pi liberamente in una comunit politica, sulla base di un contratto, ma sulla base di legami reciproci di tipo esclusiva-mente economico. la "mano invisibile" del mercato, infatti, non la mano visibile del contratto politico, a legare veramente gli uo-mini fra di loro in societ. Se questo vero, ed storicamente documentabile che lo , allora l'economia capitalistica a pretendere di essere la vera "seconda natura" artificiale dell'uomo, e non il contratto politico fra i cittadini. La stessa critica di Hume alla categoria filosofica di causalit, a mio avviso, non che una meta-fora sofisticata del fatto che non un contratto politico a causare il legame sociale: questo legame sociale si costituisce da solo, senza alcuna causa esterna, sulla base di una tendenza naturale innata dell'uomo a scambiare, cio a vendere e a comprare. La preferenza di David Hume per il concetto di natura umana spontaneamente mercantile, anzich per il concetto di patto so-ciale e di contratto politico, dimostra indubbiamente una grande intelligenza e, soprattutto, una magnifica preveggenza.

noto che tutta l'economia politica - dicendo "tutta", intendo proprio tutta, non solo una sua scuola particolare si basa concettualmente su un unico fondamento filosofico "monoteistico": la societ umana in generale, minimo comun denominatore di tutte le varie socie-t storiche e geografiche particolari, trova il suo legame sociale spontaneo nel mercato, cio nell'atto di scambiare, comprare e vendere. Il politico esiste, ma esiste solo nella misura in cui "se-gue", quindi viene dopo questa fondazione. Le varie religioni sono, a questo punto, rispettate, ma unicamente se non mettono in discussione questa fondazione sacra della societ come mercato. Tutte le religioni storiche vengono perci svuotate, una ad una, da residue pretese "sostantivistiche" sulla struttura della societ; infatti, storicamente, sono stati "secolarizzati" prima il protestantesimo e l'ebraismo, il cattolicesimo e l'ortodossia sono gi a buon punto, mentre l'islamismo continua a difendere un certo intreccio fra politica, economia e religione, ed per questo che il pensiero laico occidentalista lo odia in modo particolare. In tutta questa bella operazione, di cui, appunto perch sotto gli occhi di tutti, non si accorge nessuno - ma gi Hegel diceva che il noto, proprio perch noto, non per questo conosciuto - c' per un difetto di fabbricazione e di struttura. Un solo difetto, ma tale da far cadere l'aereo ed affondare la nave. infatti vero che
Il popolo al potere La dem ocrazia nell'epoca della globalizzagione

esiste la natura umana, ma non affatto vero che la natura umana "naturalmente" mercantile. Lo stesso scambio, ammesso che sia naturale - e posso concedere che lo sia - non detto debba assumere ad ogni costo una forma mercantile. La forma del "dono" stata rilevata storicamente ed antropologicamente ancora pi di quanto lo sia stata la forma della merce, in particolare la riduzione della forza-lavoro umana a merce. La presente globalizzazione, che dal punto di vista filosofico una vera e propria anglo-balizzazione, sembra per ora generalizzare la concezione di natura umana di David Hume. Per quanto tempo ancora? Non lo sappiamo; la sola cosa certa che la teoria della fine della storia oggi solo una grottesca modalit di riciclaggio dei tifosi di Stalin in nuovi supporter delle multinazionali. Premesso tutto questo, ovviamente, il discorso sulla definizione di Modernit non affatto chiuso, anzi appena aperto. Una volta respinto, infatti, il luogo comune, che ci impone il conformismo politicamente corretto dell'occidentalismo trionfante, inizia la riflessione problematica. A tale proposito, visto che lo spazio concessomi mi impedirebbe di discutere analiticamente tutte le proposte di definizione presenti nel mercato librario occidentale, mi limiter a segnalarne soltanto due, che condivido personalmente in buona parte: quelle di Zygmunt Bauman e di John Gray. Nel linguaggio di Bauman, il "moderno" non un tempo storico che dura gi da

mezzo millennio, ma semplicemente il campo problematico dell'interpretazione del mondo di oggi, cio della "finestra temporale" contemporanea, e questo mondo di oggi sarebbe caratterizzato da una condizione liquida (questa la sua espressione), cio dal fatto che ... con il mondo che corre ad alta velocit ed in crescente accelerazione non si pu pi fare affidamento su schemi di riferimento che si pretendono utili in base alla loro presunta durata nel tempo. Come si vede, un profilo antropologico non incompatibile con quanto afferma Giinther Anders (l'uomo "antiquato", perch non pi in grado di correre alla velocit impostagli dal cosiddetto "pro160

gresso" economico e soprattutto tecnologico) e con quanto sostiene Christopher Lasch (l'identit dell'Io postborghese tende al rninimalismo, perch ormai la riproduzione sistemica globale non ha pi bisogno di identit forti). Questa nuova "liquidit" , di fatto, incompatibile con le grandi strutture di pensiero religiose e filosofiche, che la Storia ha conosciuto in passato. Bauman non d soluzioni, ma si accontenta di proporre al suo lettore una diagnosi del presente, che parta dal suo sintomo principale: la "liquidit", appunto.
161

John Gray un filosofo liberale inglese, che non ha ovviamente alcuna simpatia per Bin Laden e per il fondamentalismo messiarco dell'Islam politico. Nello stesso tempo, si

rifiuta di definire la cosiddetta "modernit" in base all'addizione proposta in genere dal sistema mediatico-universitario: modernit = tecnologia + laicit. Gray fa opportunamente notare che la cosiddetta "laicit occidentale", sempre incapace di relativizzarsi e di confrontarsi con altre forme di pensiero, invoca in genere la stessa pretesa di assolutezza universalistica - sia pure rovesciata di 180% invocata da Bin Laden, che utilizza la stessa strumentazione (anche se ovviamente rovesciata) ideologica e tecnologica usata dai suoi avversari occidentali. Con questo, Gray non intende assolutamente "dare ragione a Bin Laden", ma semplicemente proporre che il solo modo coerente di definire la modernit presente l'utilizzo massiccio della tecnologia e dell'ideologia, al di l degli scopi "metafisici", che questo meccanismo sostiene di perseguire. interessante, ed probabilmente una conseguenza non voluta, che il filosofo analitico ultra-anglosassone Gray finisca con il convergere, inconsapevolmente, con la diagnosi di Martin Heidegger, per il quale aspetto tipico del tempo presente, o "moderno" che dir si voglia, la cosiddetta risoluzione finale della lunga storia della metafisica occidentale in "tecnica planetaria". Il termine "tecnica", naturalmente, non significa insieme di macchinari, tecnologie e modalit produttive industriali, ma connota una situazione di generalizzata irresponsabilit e, soprattutLa democrazia nell'epoca della globalizzazione Il popolo al potere

to, di impotenza dei progetti "umanistici" di intervento, a causa del peso soverchiante assunto dai meccanismi riproduttivi di un insieme sociale autonomizzato (cui Heidegger d il nome tedesco di Gestell, per indicare una sorta di imposizione anonima di un impianto, che si guida ormai da solo). A mio avviso, Bauman, Gray e Heidegger hanno sostanzial-mente ragione, almeno nell'interpretazione che mi permetto di dare. La metafisica laica del progresso, che per me solo la copertura pseudo-filosofica della produzione illimitata di merci e servizi trasfigurata in progetto prometeico umano, non pii universalistica di quanto possano aspirare ad esserlo Finduismo shivaitico o le varie forme di messianesimo settario: ha avuto semplicemente pi "successo", almeno per ora, ma, per chi ha una concezione veritativa della filosofia, il successo non un argomento o, quanto meno, solo un elemento problematico da discutere e non un argomento definitivo. C' chi ha interpretato Hegel come un teorico dell'equazione di verit e di successo o, pi esattamente, di verit filosofica e di successo storico, ma co-storo sono, a mio avviso, solo dei confusionari, perch confon-dono l'idealismo tedesco con il pragmatismo americano. Il tes-suto filosofico del comunismo storico novecentesco era una for-ma di pragmatismo storicistico travestito da materialismo mes-sianico, e infatti il suo tragicomico fallimento ha comportato automaticamente il pittoresco autoscioglimento sia del clero dei sa-cerdoti

che del popolo dei fedeli, passati in massa al provvisorio vincitore. questa la logica di ogni pragmatismo consequenziale con le sue premesse. Il vero ci che sembra funzionare, ma, appunto, qual il raggio temporale, che permette di dire che funziona veramente? Il Moderno dunque urta posta in gioco di interpretazioni inter-minabili, di cui nessuna pu dirsi risolutiva. Cos deve essere interpretata anche la forma democratica della modernit.

Definizioni del Post-Moderno. La democrazia nel tempo della post-modernit


162 163

Post-Moderno significa un tempo che viene dopo il Moderno. Abbiamo visto che sia Bauman che Gray rifiutano sostanzialmente questa formulazione, limitandosi ad una interpretazione "dialetti-ca" della modernit. Se cos fosse, per, la cultura contemporanea da quasi trenfarmi sarebbe in balia di una illusione inesistente, per-ch continuerebbe ad usare un termine, che non corrisponde a nul-la. Per evitare confusioni ulteriori, bisogna cercare di proporre una definizione ragionevole e condivisibile di post-modemo. Il post-moderno pu essere allora definito come una interpretazione della modernit, che ne vede contestualmente anche il tramonto e il pas-saggio ad una nuova fase storica, appunto post-moderrta. Non intendo qui polemizzare con chi vede

nel post-modemo la fine della Storia, perch stato tipico di alcune concezioni messianiche della modernit, come ad esempio il marxismo-leninismo, proporre teorie fondate sulla fine della Storia. Il fatto che per alcuni la fine della storia umana sia il comunismo mondializzato e per altri sia il capitalismo globalizzato, certo importante per la classe dei politici e degli operatori mediatici, ma del tutto privo di interesse per i filosofi, che conservano la capa-cit di diagnosticare lo stesso vizio concettuale in teorie apparen-temente opposte, ma in realt complementari e antitetico-polari. Mi limiter allora a ricordare le due accezioni di post-modemit proposte da due pensatori francesi, Alain de Benoist e Jean-Franois Lyotard, integrandole con una mia valutazione personale. Per Alain de Benoist, la post-modernit sostanzialmente l'epo-ca storica del tramonto della dicotomia sinistra/destra o, pi esat-tamente, del tramonto della pertinenza sociale e politica di questi schieramenti, per trattare il "contenzioso" che sorge inevitabil-mente dai contrasti sociali stessi. La dicotomia sinistra/destra nac-que da un processo storico ben preciso, in cui la verticalit religio-sa della legittimazione simbolica dell'insieme sociale fu sostituita
Il popolo al potere globaltzzazione La democrazia nell'epoca della

dalla nuova orizzontalit - il piano Sinistra/Destra appunto


un piano orizzontale - cui corrispondeva storicamente la societ borghese-capitalistica, una societ di

eguali formali e di diseguali sostanziali. Questa nuova configurazione, orizzontale e non verticale, in cui l'orizzontalit diventa il piano di scorrimento di due nuovi partiti metafisicosociologici, il partito dell'eguaglianza e il partito della diseguaglianza, ha permesso a commentatori come Norberto Bobbio di individuare nell'opposizione eguaglianza /diseguaglianza la linea di separazione metastorica e metapolitica fra Sinistra e Destra. Secondo de Benoist, tutto ci diventato obsoleto con la nuova epoca storica, da lui definita post-moderna, in cui la sinerg,ia fra nuovo turbocapitalismo totalitario - la cui legittimazione neoliberale assume di fatto una funzione totalitaria - e il crollo del comunismo fanno saltare i presupposti ideologici della vecchia dicotomia, cos che la nuova, ammesso che ci sia, fra il totalitarismo neoliberale, che ricicla il vecchio binomio antifascismo/anticomunismo ormai funzionale alla sua dittatura, e le nuove forme differenziate e incomponibili di comunitarismo politico e sociale, che gli si oppongono. Alain de Benoist arrivato a questa conclusione attraverso una radicale "decostruzione", durata pi di trent'anni, della tradizione culturale di destra, cos come - mi si permetta un riferimento autobiografico personale - sono arrivato anchio a conclusioni simili attraverso una radicale decostruzione

della tradizione culturale di sinistra. Il fatto, per, che io resti un difensore dell'universalismo, mentre de Benoist non lo , dimostra che le rispettive convergenti decostruzioni non sono state in grado di sciogliere il nucleo metafisico originario, e questo pu essere un interessante argomento di ragionamento e di discussione. Per Jean-Francois Lyotard, la post-modernit fondamentalmente l'epoca della fine delle grandi narrazioni. Le grandi narrazioni sono quei racconti metastorici di salvezza e di emancipazione umana, che danno un senso al divenire storico, che di per s non ce l'avrebbe. La prima grande narrazione , ovviamente, quella cristiana, modello di ogni posteriore promessa soteriologica. Una prima secolarizzazione di questa grande narrazione l'intreccio fra la grande narrazione illuministica di affermazione progressiva della ragione nel mondo e la grande narrazione capitalistica del consumo garantito a tutti. Una seconda secolarizzazione la successione della concezione speculativa hegeliana della realizzazione dell'idea universale attraverso la dialettica storica "negativa", e poi della posteriore concezione marxiana della realizzazione di una societ mondiale universale senza classi, attraverso il rovesciamento della "negativit" capitalistica stessa. Per Lyotard, al mondo delle illusioni grandi-narrative - tipico della modernit - succede il mondo della performativit, cio dell'efficienza sistemica, ottenuta mediante una sintesi di
164 165

tecnologia e consumistic a.

di

integrazione

sociale

Lyotard e de Benoist sono entrambi figli della cultura parigina. Il primo ha decostruito la delusione provata dal personale disincanto verso la propria precedente adesione alla forma pi radicale possibile di marxsmo, cio il consiliarismo del gruppo Socialismo ou Barbarie. Il secondo ha invece decostruito il proprio precedente impossibile tentativo di creare un sistema coerente del "mondo visto da destra". Questa onesta radicalit possibile solo sulle rive della Senna, perch in Italia la lunghissima tradizione dell'ipocrisia e della mediazione "centrista" ha reso e tuttora rende impossibili le diagnosi radicali. Soltanto le diagnosi radicali, per, sono interessanti e feconde, laddove il pensiero consociativo ed autocensorio assomiglia ad un motore in folle, in cui non vengono mai innestate le marce. Con questo, non intendo dire che Lyotard ha ragione; chiaro, infatti, che le "grandi narrazioni" sono astrazioni sempre moltiplicabili a piacere - ad esempio, la grande narrazione messianica imperiale di Bush tuttora in corso - e che il fatto che il ceto deluso degli intellettuali rifluiti non creda pi in esse non significa che la gente comune se ne sia liberata e si accontenti di un consumismo

performativo, peraltro oggi sempre pi


Il popolo al potere

La democrazia nell'epoca della

globalizzazione

ridotto perch, per consumare, bisogna prima lavorare ed essere pagati

adeguatamente, mentre i salari, ottenuti con il lavoro fles-sibile, precario, instabile e sempre pi decentrato in Cina e in Romania, non sembrano in grado di sorreggere l'edortismo "postmoderno" lyotardiano. Il discorso potrebbe continuare a lungo, ma ci farebbe uscire troppo dal tema. Per ora, baster tenere a mente gli stimoli che ci vengono da un Bauman, da un Gray, da un de Benoist, da un Lyotard. Per guarito mi riguarda, e scusandomi per la brutale semplificazione, ritengo che siamo ancora nella modernit, da me definita come il tempo dell'egemonia dell'economia sulla riproduzione globale della societ secondo il modello filosofico di David Hume e il modello economico di Adam Smith e che la nozione di post-modernit non ne indichi un vero e proprio superamento, ma soltanto una fase storica interna ad essa. Si trat-ta, per, di una fase dai caratteri veramente nuovi e peculiari, che sarebbe sciocco non tenere in adeguata considerazione.

Il mito della globalizzazione. Una prescrizione che si traveste da descrizione


Secondo urta definizione proposta dall'OCSE, l'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, la globalizzazione
quel processo, mediante il quale i mercati e la

produzione nei diversi Paesi sono sempre pi interdipendenti, in corrispondenza della dinamica degli scambi di beni e servizi e dei movimenti di capitali e tecnologie.

Come si vede, la definizione identifica di fatto se stessa con l'interdipendenza economica e tecnolog,ica, per cui si pu parlare di un'equazione di questo tipo: globalizzazione = interdipendenza.
166 167

Molti economisti e storici dell'economia, come Elvio Dal Bosco, hanno rilevato che non si tratta affatto di una novit nella storia del capitalismo, ma della semplice ripresa di una tendenza secola- re, che ha avuto soltanto un'interruzione parziale nella parentesi "neo-mercantilistica" del periodo 1914-1950; tuttavia, non vi sono dubbi sul fatto che le analogie storiche sono sempre improprie, perch i fenomeni non si ripresentano mai veramente eguali. Possiamo, allora, partire dal fatto che il processo, oggi chiamato "globalizzazione", presenta alcune novit e non una semplice ripresentazione di fenomeni passati. Se accettiamo l'equazione "globalizzazione = interdipendenza neoliberale", ci accorgiamo subito che esiste la sostituzione di un indicativo con un imperativo, di una descrizione con una prescrizione, cio di una affermazione descrittiva (del tipo: esiste qualcosa chiamato globalizzazione) con una prescrizione impe-rativa (cio: globalizzatevil). Il tutto presentato in forma reli-giosa, nella veste di un destino

inevitabile e inesorabile, con me-tafore naturalistiche come "il turbine della globalizzazione", "la corrente della globalizzazione" e cos via. Esattamente come av-veniva nel caso del defunto e non rimpianto materialismo dialettico sovietico, le prescrizioni sociali vengono presentate come casi par-ticolari di metafore naturali: si tratta della riproposizione che sarebbe ridicola, se non fosse tragicomica del vecchio modello del pensiero primitivo, che inseriva il microcosmo umano e sociale in un macrocosmo naturale ineluttabile. Evidentemente, questo co-dice paleolitico funziona sempre, alla faccia del razionalismo gre-co posteriore. In quanto dittatura neoliberale del mercato, la globalizzazione incompatibile con la democrazia. La democrazia implica un pluralismo di posizioni, rivolto ad "addomesticare" il conflitto, lad-dove la globalizzazione solidale con un vero e proprio "pensiero unico". Penso, per, che sia un errore riduzionistico identificare semplicemente il pensiero unico con il neoliberismo economico: nessun "pensiero unico" si mai limitato al semplice fattore eco-nomico: il pensiero unico segue una logica monoteistica e, per di pi, di un monoteismo rigido e intollerante. Una religione del mer-cato di questo tipo non sopporta la concorrenza di altre religioni
Il popolo al potere global izzaz ione La dem ocraz ia nell'epoca del la

rivali e si limita, al massimo, a tollerarne i culti in cripte e catacombe escluse dall'informazione erogata dal circo

mediatico unificato. Il pensiero unico della dittatura neoliberale della globalizzazione presenta un aspetto economico (il neoliberismo, appunto, contrapposto ad un ventaglio di figure diaboliche come il comunismo, il keynesismo, il populismo sociale, il protezionismo ecc.), un aspetto politico (la preferenza per il sistema elettorale bipolare maggioritario, con contestuale formazione di due direzioni "centriste responsabili" in entrambi i poli, invitati ad enfatizzare le loro differenze identitarie sulla base di profili culturali estranei alla "polpa" economica) e, infine, un aspetto culturale (un multiculturalismo alla Benetton, caratterizzato da girotondi di bambini bianchi, neri e cinesi, unificati da un comune accesso ad un'unica societ dei consumi, in cui l'unica diseguaglianza "razziale" non pi la pelle, ma la differenza dei redditi). Questo pensiero unico tende al monolirtguismo (unica lingua globale, la lingua inglese; le altre, solo per folklore locale, mafia italiana, grosso e grasso matrimonio greco, corride spagnole, birrerie tedesche, cultura sofisticata francese ecc.), all'ecumenismo religioso unificato (onora il tuo Dio come vuoi, purch questo Dio non abbia obiezioni etiche ed economiche verso la globalizzazione e la societ mondiale dei consumi) e ad un unico bilancio "condiviso" del passato storico (il Novecento fu orrendo, perch funestato dal totalitarismo nazista e comunista, l'utopia per stata defniltivamente falsificata e si tratta solo di estendere i diritti umani universali a pochi Stati-canaglia recalcitranti).
168 169

Questo pensiero unico idolatrico - la religione del mercato infatti una vera e propria idolatria in senso letterale - incompatibile sia con la democrazia intesa come autogoverno delle piccole comunit, sia con la democrazia intesa come forma di governo politica degli Stati nazionali moderni, sia, infine, con la democrazia intesa come prevalenza del demos, cio della parte pi povera della popolazione. Si tratta di tre incompatibilit distinte e nello stesso tempo in correlazione tra loro, per cui l'unica interconnessione, che personalmente vedo nella globalizzazione, proprio questa. pertanto logico e del tutto normale che, quello che spesso impropriamente chiamato movimento antiglobalizzazione e No Global, non sia un movimento "puro" e unitario, ma un'alleanza quasi sempre instabile tra chi difende le comunit, chi difende lo Stato nazionale - inteso come somma di sovranit monetaria e di sistemi di wellizre e infine chi difende gli interessi del demos inteso come aggregato degli economicamente svantaggiati. Queste tre componenti parlano tre lingue diverse, mentre il partito unico della globalizzazione ne parla una sola: l'inglese operazionale dei mercati finanziari. C' dunque bisogno di una specie di "servizio di interpretariato", per far parlare e decidere insieme queste tre componenti distinte. In estrema sintesi, la democrazia, nell'epoca della globalizzazione, si pone, per ora, come un problema di mediazione linguistica. L'avversario dispone gi di una lingua veicolare, noi invece dobbiamo generalizzarne l'apprendimento.
-

I sostenitori in buona fede dei vantaggi della globalizzazione economica neoliberale, come l'economista indiano Amartya Sen, affermano che la globalizzazione all'inizio pu effettivamente dare qualche problema, ma a medio e a lungo termine sar benefica, perch incrementer l'industrializzazione e la specializzazione produttiva in aree fino ad oggi sottosviluppate. Si tratta quasi sempre del vecchio argomento dei cosiddetti "costi comparati", gi ampiamente usato nel Settecento: al Portogallo conviene produrre vino, perch costa meno che in Inghilterra, e all'Inghilterra prodotti tessili manufatti, che costano meno che in Portogallo, in modo che il reciproco scambio alla fine conviene a tutti e due. Chi sostiene oggi che conviene lasciar chiudere il tessile italiano, perch costa di pi che in Cina e in Romania, e rifarsi con una buona tecnologia di esportazione - o addirittura con la moda di lusso italiana, che la nuova famelica classe media post-comunista cinese e romena disposta a comprare ad ogni costo ripropone pari pari la teoria dei costi comparati. per da dimostrare che la teoria dei costi comparati, che in due secoli non
Il popolo al potere globalizzazione La democrazia nell'epoca della

ha garantito al mondo una crescita sana ed equilibrata, riuscireb-be ora, per miracolo, a garantirla sotto l'etichetta magica di "globalizzazione". Non c' dubbio che, agli ingegneri informatici indiani della Silicon Valley locale di Hyderabad, la "globalizzazione"

conviene. gi pi dubbio che convenga ai lavoratori messicani delle maquiladoras, sottoposti a condizioni e ad orari di lavoro, che ricordano l'Inghil-terra dell'inizio della prima rivoluzione industriale. Il discorso potrebbe continuare, ma questo non un saggio di tipo economico, ed allora pi opportuno tornare al nostro problema. modo migliore di concludere consiste nello specificare il (mancato ed impossibile) rapporto fra la democrazia e i tre diversi soggetti storici, sociali e comunitari prima indicati. Per quanto riguarda il rapporto fra la globalizzazione e le comu-nit locali, evidente che essa annulla ogni possibile democrazia. Democrazia, per le comunit locali, significa soprattutto autodeterminazione sui sistemi produttivi e sugli ecosistemi ambientali, in cui queste comunit vivono e si riproducono. Il motto proposto per l'autoderminazione democratica delle comunit lo-cali agh-e localmente, pensare globalmente, ed difficile trovarne uno pi appropriato. Si pensa globalmente in termini di ambiente e di sviluppo sostenibile e si agisce localmente in termini di difesa del territorio e del suo ecosistema. Al di fuori di questo quadro, si en-tra in un sistema orwelliano, in cui verrebbe chiamata "democra-zia" la costrizione ad adeguarsi a scelte presunte "sistemiche" fat-te altrove. vero che, se si agisce localmente e non si pensa global-mente, qualsiasi comunit pu essere tacitata e corrotta spostan-do altrove il suo problema (tipo: Tu non vuoi

l'inceneritore e, siccome hai un deputato locale potente, lo spostiamo in un posto, in cui il deputato locale conta come il due di picche). questa la ragione, per cui un agire locale senza un pensiero globale non ri-solve il problema.
170 171

Per quanto riguarda il rapporto fra la globalizzazione e la sovra-nit dello Stato nazionale, evidente che esso oggi ruota sui pro- getti di ridimensionamento e/o di smantellamento del welfare. C' chi non teme questi progetti, anzi ne segretamente contento, per-ch pensa che cos si possa superare la passivit assistenzialistica prodotta dallo statalismo e si possa quindi tornare al cooperativismo volontario ottocentesco delle origini. Io non condivido affatto questa opinione, la considero anzi una pericolosa sciocchezza. Il welfare non fu principalmente un regalo keynesiano, attuato in deficit del bilancio pubblico, e neppure urta "toppa" messa ad un abito sdrucito. Non fu neppure una semplice mossa di arginamento del comunismo e delle sue possibili seduzio-ni, anche se non trascurerei di esaminare questa eventualit. Il welfarre fu essenzialmente una conquista democratica, un'attenuazione virtuosa del "regno della necessit". La prevalenza del capitale finan-ziario, e delle sue esigenze globalizzate di concentrare rapidamente gigantesche somme di denaro per le strategie di tipo bellico, porta naturalmente a un impoverimento del welfare e delle sue spese, con-siderate "improduttive". Si vorrebbe allora una democrazia, che

accettasse, ed anzi favorisse fra canti popolari, lo smantellamento del wellare. Questo mi ricorda irresistibilmente la setta russa dei co-siddetti Skoptsy, i cui aderenti si castravano cantando g,ioiosi litanie ortodosse da vecchi credenti. Per quanto riguarda, infine, la globalizzazione nel suo rappor-to con la prevalenza del dernos, le statistiche parlano da sole, poich da esse si evince l'aumento del differenziale dei redditi fra la parte pi ricca e la parte pi povera della popolazione e il fatto che ormai il bilancio di una multinazionale media molto pi alto di quello di un popoloso Stato asiatico o africano. Chi non si fida delle opinioni e sostiene che invece la matematica non un'opinione, invitato a dare un occhiata alle statistiche del cosiddetto "sviluppo". C' chi crede che la globalizzazione faccia bene all'agricoltura: chi lo crede, invitato a riflettere sul-le ragioni, che spingono gli emigranti poveri ad affollarsi su bar-coni sfondati, pagando per questo un prezzo superiore a quello pagato dal turista europeo medio, che fa il percorso inverso sul
Il popolo al potere global izzaz ione La dem ocraz ia nell'epoca del la

Mediterraneo in una confortevole cabina di una nave da crociera. anche vero, per, che solo chi "pensa globalmente" in grado di istituire questo scandaloso rapporto. L'affermazione, per cui la globalizzazione, al di l dei buoni propositi, negativa, non dunque settaria ed estremistica, ma purtroppo un'affermazione fattuale. A

questo punto, per, il ragionamento deve articolarsi ulteriormente, prendendo separatamente in esame gli aspetti interni, prima, e gli aspetti esterni, poi, di questo svuotamertto della sovranit delle decisioni democratiche.

L'elemento interno dello svuotamento della sovranit democratica: il tramonto della sovranit dello Stato nazionale
Lo Stato nazionale non gode oggi di buona stampa, il che non significa, ovviamente, che sia di per s cattivo, perch questo non , infatti, mai dovuto al fatto che una cosa sia buona o cattiva in s, ma soltanto al fatto che il clero mediatico ed universitario decidano o meno, sempre su mandato di chi sta "pi in alto" di loro, se parlare bene o male di qualcosa. Oggi, la parola d'ordine politicamente corretta pi o meno questa: Abbasso lo Stato nazionale!. La nazione una creazione artificiale, la cui inesistente "tradizione" stata letteralmente inventata da un manipolo fanatico di intellettuali romantici; lo Stato nazionale stato il grande responsabile del nazionalismo imperialistico, che ha prodotto i bagni di sangue del Novecento; viva la convivenza multi-etnica, multi-culturale e multinazionale; bombardiamo i gruppi tribali incapaci di attuarla, come la civilt dei

diritti umani pretende; viva un mondo globalizzato senza pi nazioni, in cui tutti abbiano una sola lingua e un solo magnifico e simbolico concerto rock, naturalmente dedicato alla pace ed all'invio di cibo e di medicine ai poveri negretti!
172 173

Chi, come me, crede ancora ad una versione migliorata della teoria delle strutture sociali e dei modi di produzione ricavata da Marx, interpreta questo unanime odio verso lo Stato nazionale in termini di diversa fase del processo di accumulazionecapitalistica. Ci fu un primo momento mercantilistico, in cui si ponevano dazi e dogane terribili per favorire la propria accumulazione - si vedano le guerre navali del Seicento fra la "liberista" Olanda e la "mercantilistica" Inghilterra - cui segu una seconda fase liberistico-nazionale, in cui domin il mito del libero scambio e dell'ideologia economica dei virtuosi costi comparati, e infine si giunti ora alla terza fase finale di una globalizzazione neoliberista, basata sulla "mano invisibile" di un mercato puro mondiale senza pi sopravvivenze fastidiose di Stati nazionali, populismi leghisti, donne con il velo ecc. Chi studia, in modo concreto e non mitologico, l'attuale sistema economico mondiale, sa bene che la cosiddetta "globalizzazione mercantile superstatuale", dominata da transnazionali meticce non pi radicate in territori statualmente determinati, un mito. Al contrario, lo Stato nazionale esiste ancora ed talvolta addirittura rafforzato, ma non pi come centro culturale: esso sostiene e supporta,

con interventi militari e diplomatici continui, l'azione non di generiche transnazionali meticce, ma delle proprie multinazionali. In proposito, gettare via affrettatamente la teoria dell'imperialismo di Lenin, con la scusa della tragicomica dissoluzione delle miserabili e criminali burocrazie del defunto comunismo storico novecentesco, sarebbe un grave errore, anche se so bene che la mia, per usare l'espressione di Luigi Einaudi, una "predica inutile". In ogni caso, c' un punto da cui partire, che, essendo di carattere storico, dovrebbe ottenere il consenso di tutti i lettori: cos come storicamente la democrazia antica ebbe come luogo geografico e politico di insediamento la poEs, nello stesso modo storicamente la democrazia moderna ha avuto, come luogo geografico e politico di insediamento, lo stato nazionale. Non c' infatti democrazia senza un determinato insediamento storico, e questo naturale, se
I l p o p o l o a l p o t e re

pensiamo che l'uomo, questo ente naturale generico caratterizza-to antropologicamente dalla razionalit e dalla socialit, esercita concretamente tale genericit nella forma ontologica della storicit. Il concetto universale di "democrazia" dunque esiste, ma, di fatto, solo nella sua determinazione storica specifica. Il lettore che cono-sce la storia della filosofia sa che non faccio che applicare la con-cezione di universale

presente in Aristotele e in Hegel, con sovrana indifferenza nei confronti di tutti i relativismi, da Gorgia a Wittgenstein, fino a Kelsen e a Rorty. Il pensiero politico moderno ha infatti elaborato due categorie, che avrebbero dovuto funzionare in modo complementare: una te-oria dello Stato nazionale democratico, in grado di esercitare una sovranit reale sull'organizzazione pubblica della convivenza dei propri cittadini, e una teoria dell'organizzazione internazionale come luogo di mediazione fra conflitti interstatuali (si pensi al-l'utopia della "pace perpetua" di Kant). allora evidente che non esiste pi alcuna democrazia, se entrambe le istituzioni - lo Stato nazionale e l'Organizzazione internazionale vengono svuotate di ogni sovranit (lo Stato nazionale) e di ogni neutralit mediatri-ce (l'Organizzazione internazionale). questa, appunto, la si-tuazione attuale, in cui l'ONU conta come il due di picche, con la sua pletorica e corrotta burocrazia multicolore sotto ricatto e sotto schiaffo da parte dell'impero americano unilaterale, e in cui gli Stati nazionali piccoli e medi non hanno pi alcuna sovranit economica, perch stata loro tolta da centri oligarchici auto-cooptati, che regolano il commercio e il sistema finanziario mondiale. Iniziamo dall'aspetto interno. Il sociologo inglese Colin Crouch, che non

affatto un "estremista" anarchico o marxista-leninista, ma solo un convinto sostenitore della positivit sociale delle politi-che del welfare moderno per impedire la dissoluzione del legame sociale, parla della situazione affilale come di una post-democrazia. Ora, se le parole hanno ancora un senso, postdenzocrazza significa che la democrazia prima c'era e adesso non c' pi. Intendendo la
174
La democrazia nell'epoca della globalizzazione

democrazia come una mescolanza (anamaz:s) di istituzioni politiche basate sul suffragio universale e sulla garanzia giusnaturalistica delle libert individuali di opinione e di espressione, da un lato, e di prevalenza del demos economicamente svantaggiato, dall'altro - il lettore sa che questa la mia concezione di democrazia bisogna dire che Crouch ha ragione. La democrazia non c' pi e, per ora, viviamo in una post-democrazia. La democrazia, oggi, coincide di fatto con la resistenza popolare alla legittimazione delle istituzioni post-democratiche. Nella ricostruzione storica di Crouch, la fase democratica propria-mente detta coincide con i grandi compromessi politici e sociali a sfondo egualitario, che hanno caratterizzato il secondo dopoguerra in Europa e negli USA - che lo storico Hobsbawm definisce i trenta anni gloriosi 1945-1975 - compromessi che

sarebbero stati portati al loro massimo punto di tensione e di estensione dai movimenti . del 1968 e seguenti, per essere poi stroncati e condannati al riflusso dalla crisi petrolifera degli anni Settanta e dal reaganismothatcherismo degli anni Ottanta. Dopo la svolta epocale di que-gli anni, sarebbe arrivato il tempo della divinizzazione del dio-azienda e della finanziarizzazione del capitale globale, tempo caratterizzato dall'apatia del cittadino, dal declino dell'uomo pubblico, dal cinismo antipolitico generalizzato e dall'aumento esponenziale delle pratiche di manipolazione mediatica dell'opi-nione pubblica e della costruzione "pubblicitaria" del consenso plebiscitario. Non sono sicuro di condividere interamente la ricostruzione storiografica alla Hobsbawm-Crouch. Per fare solo due esempi, ritengo, in primo luogo, che una fantomatica fase keynesiana unifi-cata mondiale non sia mai esistita - solo il keynesianesimo europeo fu infatti sociale e assistenziale, quello americano fu sempre e solo esclusivamente militare - e, in secondo luogo, che il movimento sessantottino, a differenza di quanto ritiene Crouch, fu sistemico e non anti-sistemico, in quanto si tratt di un movimento indivi-dualistico anti-borghese e ultra-capitalistico, che tendeva ad abo175

Il popolo al potere global izzaz ione

La dem ocraz ia nell'epoca del la

lire gli ultimi ostacoli "tradizionali", che impedivano il dominio post-classista della "merce pura". In questa sede, per, questi sono solo dettagli. Nell'essenziale, posso dire che Crouch ha perfettamente ragione.

Post-democrazia significa non-pidemocrazia, e non-pi-democrazia significa non democrazia. In questi casi, bisogna dire pane al pane e vino al vino, senza fare la minima concessione al galateo politologico ipocrita in uso. Ovviamente, Crouch analizza solo il lato interno della questione e non quello esterno, cio l'aspetto imperiale, che a mio avviso invece quello dominante. Lo far io, nel prossimo paragrafo.

L'elemento esterno dello svuotamento della democrazia contemporanea: il configurarsi di un impero ideologico svincolato d diritto internazionale
Il diritto internazionale non ha, come suo scopo, l'unificazione etica e morale del mondo, ma solo la codificazione giuridica di un insieme di regole, atte a favorire la coesistenza pacifica fra gli Stati e la regolazione consensuale dei loro conflitti, cos come il diritto interno non ha come scopo la fissazione del confine fra verit e menzogna, oppure fra opinioni fondate ed intelligenti e opinioni infondate e stupide, ma solo la libert, la sicurezza e le tutele sociali dei cittadini. Il bene politico, l'esistenza della verit, la corretta interpretazione della natura umana, la disputa fra ontologia veritativa universale e relativismo convenzionalistico ecc., non

sono di competenza della sfera giuridica e tanto meno di quella giudiziaria, n a livello interno n a livello internazionale. Ogni altra impostazione porta, a livello interno, allo Stato ideologico e, a livello esterno, alle guerre di religione comunque mascherate (la fede nei cosiddetti "diritti umani" infatti una religione come le altre, con una sua inquisizione armata, che stabilisce quali siano i "veri" diritti umani e quali invece non lo siano). Da un punto di vista concettuale, l'opposto incompatibile con la nozione di diritto internazionale fra Stati l'Impero.
176 177

Il diritto internazionale, come dice il termine stesso, un diritto internazionale, cio fra (Mter) nazioni distinte (nationes). Pluralismo nazionale e diritto internazionale fanno tutt'uno. L'impero (imperium) contiene, invece, una vocazione universalistica implicita, perch ritiene di avere un mandato per comandare (imperare) sugli altri e, se si comanda, si comanda sempre con una mescolanza fra forza e consenso, ma fra i due termini la forza l'elemento dominante, perch con essa che gli imperi si acquisiscono e si mantengono, ed per carenza di forza che si perdono. L'esempio dell'impero sovietico, che prima decadde per la perdita di consenso dell'ideologia comunista e poi si disgreg perch questa ideologia sovranazionale era il cemento della sua stessa forza, indicativo.

Vi sono stati, per, nella storia imperi a vocazione imperialistica 'espansiva, come l'impero romano, e imperi a fondazione universalistica ma non espansiva, come l'impero cinese. L'impero romano si dot di una ideologia imperialistica espansiva sulla base dei due fondamenti della pace e del diritto, la pax romana e lo jus romanum. In quanto alla pace romana, essa era molto spesso un "deserto" cos si esprime Tacito - e, in quanto al diritto, si trattava della codificazione di urto schiavismo priva tistico, autolegittimato a sciogliere con la forza tutte le comunit umane non privatistiche e non schiavistiche. Nello stesso tempo, esistevano le foreste germaniche, i deserti, gli oceani ecc., e l'universalismo espansionistico dell'impero romano era reso impossibile da ragioni geografiche e tecnologiche. Anche l'impero ottomano ebbe una prima fase di espansionismo pseudo-universalistico - l'ideologia g-hazi della diffusione mondiale dell'islamismo, considerata la "vera" religione - ma, dopo il ciclo di guerre 1683-1699 in cui fu sconfitto per la prima volta in modo strategico e non solo occasionale, accett la logica del diritto internazionale di Westfalia. L'impero austriaco e poi austro-ungarico non ebbe mai una logica universalistico-espansionistica, anche se
Il popolo al potere globalizzazione La democrazia nell'epoca della

o i ente, fece guerre di tipo espansionistico. Lo stesso impero brit co, che si legittimava all'interno e

all'esterno come portato-re della civilt occidentale - ricostruita artificialmente come civilt greco-romana-anglosassone del mare libero e del libero comrnercio mondiale mutualmente benefico, non mai potuto diventare un vero impero mondiale per la continua esistenza di rivali paragonabili (la Francia, la Germania, la Russia ecc.). Le cose sembrano a prima vista diverse, per quanto riguarda gli Stati Uniti d'America oggi. Certo, esistono ancora potenze atomi-che in grado di scoraggiarne eventuali atti unilaterali di aggressio-ne - come, ad esempio, la Cina e la stessa Russia post-sovietica ma tutte le potenze militarmente inadeguate vengono ormai rego-larmente attaccate (Iugoslavia, nel 1999; Irak, nel 2003 ecc.), in piena assenza di legalit internazionale e ridicolizzando urta ONU diretta da una banda corrotta di zio Tom anglofoni. Per dominare il mondo, infatti, non sufficiente una ideologia di legittimazione unilaterale pseudouniversalistica, ma ci vuole anche e soprattut-to la tecnologia necessaria. Secondo l'analisi dell'economista egiziano Samir Amin, il presupposto materiale del progetto imperia-le di dominio globale del mondo il possesso di cinque monopoli: il controllo delle tecnologie, il controllo dei flussi finanziari inter-nazionali, il controllo dell'accesso alle risorse naturali del Pianeta, il controllo dei mezzi di informazione e, infine, il controllo dei mez-zi di distruzione di massa.
178 179

Dal momento che condivido nell'essenziale la diagnosi di Samir Amin, ne deduco che la chiave teorica pi adatta per interpretare gli eventi della storia contemporanea stia nella dinamica bipolare fra il tentativo degli USA di conservare il dominio su questi cinque monopoli dominio, che ovviamente non pu mai essere assoluto, ma deve essere almeno soverchiante - e il tentativo di altri fattori storici (individui, comunit, classi, popoli, nazioni, alleanze geopolitiche fra Stati ecc.) di contrastare, impedire, svuotare e, se possibile, ribaltare questo processo monopolitico imperiale. Come si pu vedere agevolmente, in questa constatazione, che qualunque Machiavelli o Polibio farebbero, se fossero ancora vivi, non vi nessun antiamericanismo preconcetto, c' soltanto una diagno-si realistica dell'odierna situazione mondiale nei rapporti fra popoli e Stati. In breve: un fatto che il dominio monopolistico degli USA sia soverchiante e sproporzionato rispetto al potere di tutti gli altri; un fatto che, per ora, tutti gli altri non sappiano, non possano o non vogliano esercitare un potere di coalizione in grado di scoraggiare la situazione imperiale; invece un' opinione, e non un fatto, se questo dominio imperiale americano e questa correlata incapacit di coalizione mondiale di tutti gli altri sia un bene oppure un male. Dal momento che quest'ultima

un'opinione e non un fatto, espri-mer, come mio diritto, l'opinione che ho io in proposito: il dominio imperiale americano sul mondo, necessariamente basato sullo svuotamento della sovranit sia degli Stati nazionali che dell'organizzazione internazionale di mediazione e di compensazione, un nide. Non un "male assoluto", perch tutti i mali sono relativi agli uomir c_he li hanno commessi pi esattamente, il male assoluto, ma la sua esistenza empirica determinata sempre relativa al tempo e allo spazio (vedi, ad esempio, Hiroshima e Auschwitz) - ma un male soprattutto rispetto alla democrazia come bene politico. Una buona vita (eu zen), scopo della comunit politica, non pu essere perseguita in assenza di libert (eleutheria). Un impero che si fonda sul possesso di cinque monopoli, toglie, di conseguen-za, la libert a tutti gli altri. Tutto questo mi sembra talmente evidente che non cesso di stu-pirmi, quando ascolto e leggo le scomposte accuse di anti-ameri-cartismo a tutti coloro che ricordano queste assolute ovviet. Leg-go talvolta che, a sessant'anni dalla fine della seconda guerra mon-diale (1945-2005) e in totale assenza di impero comunista sovieti-co nel frattempo defunto, i giornali parlano di armi atomiche e chimiche segrete stoccate a Sigonella, ad Aviano, all'isola di La Maddalena ecc., in pieno spregio della sovrart territoriale italia-na, e queste notiziole passano in secondo

piano di fronte al
Il popolo al potere L a dem ocraz ia nell'epoca del la global izzaz ione

chiacchericcio trash del ceto politico narcisisticamente onnipresente nella simulazione mediatica di destra (v. Primo Piano) e di sinistra (v. Ballar). Sembra che i soli pericoli per la "democrazia" vengano dai conflitti di interesse fra capitalisti, dalle intercettazioni telefoniche ai banchieri e dall'arrembaggio dei deputati peones passati dalle pezze sul sedere agli strapuntini imbottiti dei salotti romani farciti di attori, registi, portaborse, guitti e signorine di piccole virt. Personalmente, non credo a una "democrazia", che coesiste con armi atomiche e chimiche stoccate in basi militari straniere supersegrete, la cui stanza dei bottoni sta in lontani bunker del Montana o dell' Iowa. L'attuale impero americano ideocratico, nel senso che la sua pretesa di potere mondiale (kratos) si fonda ideologicamente su una certa idea del mondo: un mondo senza confini (borders) chiusi, e un mondo in cui le cosiddette "frontiere" (frontiers) non sono limiti alla propria espansione, ma solo linee simboliche di oltrepassamento consentito, in nome, ovviamente, dei propri valori nazionali eretti a valori universali da esportare. Questa concezione religiosa, come noto, ha avuto la sua genesi storica nel puritanesimo protestante inglese del Seicento, che ha abituato i primi coloni sbarcati sulla costa americana a pensarsi attraverso la mediazione simbolica del popolo ebraico veterotestamentario, in fuga dall'Egitto per

occupare poi militarmente la Terra Promessa, sterminandone le trib che vi erano insediate. Questa mediazione simbolica, per cui un Dio esclusivista stringe un patto speciale con il suo popolo, e solo con il suo, non ha nulla a che fare con la tradizione occidentale greca, ma trova le sue origini nell'area mesopotamica, prima sumericoaccadica e poi assiro-babilonese. Alla luce, infatti, di qualsiasi analisi filosofica razionalistica, l'idea universalistica di Dio incompatibile con una investitura esclusivistica di un solo popolo, presunto "eletto". Personalmente, devo dire di avere una certa conoscenza comparativa delle varie culture, che si sono sviluppate nel mondo, e di non conoscere nulla di pi abbietto e ingiustificato della teoria antropomorfica della "preferenza" della divinit per un popolo. Con questo, e lo voglio precisare per evitare possibili incresciosi equivoci, non intendo affatto esprimere un giudizio etico e filosofico negativo sull'intera tradizione ebraica. Non cos; nel monoteismo ebraico si infatti aperta, fin dall'inizio, una dialettica fra una interpretazione esclusivistica e tribale della preferenza divina ed una interpretazione universalistica e messianica, che, partendo dall'unicit della divinit, ne derivava anche l'unicit di una concezione universalistica ed egualitaria di umanit e di genere umano. anzi stato probabilmente lo sradicamento forzato del popolo ebraico dalla sua terra a nutrire per secoli l'idea di una nuova terra ideale, che fosse patria comune per tutti. il progetto sionista , a mio avviso, qualcosa che non ha
180 181

nulla a che fare con questo messianesimo universalistico: solo il triste progetto di colonizzazione di una terra gi largamente occupata in cui gli Ebrei erano il 2/0 della popolazione totale e in cui vivevano in pacifica coesistenza con gli altri, all'interno del benemerito impero ottomano multinazionale, multietnico, multilinguistico e multireligioso progetto, che presupponeva l'espulsione massiccia dei suoi abitanti. Qui, per, mi fermo, perch non questo l'oggetto del mio saggio.

Non questo l'oggetto, ma bene averne parlato, perch il tema della democrazia "sfonda", inevitabilmente, tutti i confini disciplinari. La logica dell'impero ideocratico americano , infatti, una logica di appropriazione privata della divinit. Tutto questo non mi stupisce affatto, perch una societ basata sul fondamento della propriet privata deve per forza, simbolicamente, giungere all'estensione di questo principio proprietario a tutti gli ambiti del mondo ideale, e quindi anche alla propriet privata della divinit. Qui sta infatti, a mio avviso, la chiave interpretativa del cosiddetto "carattere religioso" della societ americana; lo stesso Marx aveva, genialmente, parlato della merce come di qualcosa di "sensibilmente sovraserisibile". La merce indubbiamente sensibile, ma l'idea che essa esista da sempre il che, storicamente, non affatto vero e che, di conseguenza, debba esistere per sempre, mistico-religiosa, e quindi sovrasensibile.
La democrazia nell'epoca della globalizzazione Il popolo al potere

Presa in mezzo fra lo svuotamento della sovranit dello Stato na-zionale moderno e l'estensione dell'impero ideocratico americano fondato sui cinque monopoli, la democrazia non pu vivere o, pi esattamente, pu vivere solo come democrazia di resistenza. Inol-tre, la democrazia presuppone, per essere esercitata, un cittadino informato ed educato; allora logico che, chi la v-uole rendere im-possibile, lavori in modo sistematico per la disinformazione e la diseducazione. Accenner a questi due fenomeni nei prossimi due paragrafi.

Democrazia e informazione. La simulazione di un mondo parallelo virtuale creato dai grandi apparati mediatici
Lo scrittore tedesco Martin Walser ha recentemente auspicato che si possa prima o poi produrre, contro il sistema mediatico pre-so nel suo complesso, una sollevazione di massa simile a quella verificatasi a suo tempo, secondo lui, contro la religione. Non oso sperare che un avvenimento tanto auspicabile e positivo possa verificarsi presto, ma non posso neppure fare a meno di sognarlo. Il sistema mediatico di oggi , infatti, un sistema sostanzialmente unificato e solo gli ingenui e i superficiali pensano veramente che esso rifletta un vero pluralismo di punti di vista etici, economici, politici e religiosi.

Una simile affermazione, volutamente provocatoria e tranchante, richiede una spiegazione. Non intendo, ovviamente, negare il fat-to che esistano giornalisti con diverse opinioni politiche e diversi livelli di competenza professionale. Lo zoo mediatico comprende personaggi complessi, curiosi e intelligenti - faccio qui solo l'esem-pio dell'italiano Tiziarto T erzani, ma i nomi sarebbero certamente centinaia - insieme a veri e propri scag,nozzi stipendiati da apparati economici e militari. Non si tratta di vedere i singoli alberi, ma di guardare la foresta. Il sistema mediatico di oggi una vera e propria "Chiesa dell'in-formazione", che ha sostituito il vecchio clero religioso nella funzio-ne di mediazione simbolica fra dominanti e dominati e nella funzio-ne di interpretazione teologica della divinit monoteistica attuale (il mercato, per chi non l'avesse ancora capito). Come tutte le Chiese, questo sistema dispone di una gerarchia, di un sistema inquisitorio (l'opinione pubblica), di un codice punitivo delle infrazioni (il politicamente corretto), di un sistema simbolico di atti leciti ed illeciti (par-lare male degli Ebrei proibito, parlare male dei Musulmani consentito), di tecniche di esclusione e di silenziamento dei nuovi ereti-ci e dei nuovi apostati ecc.; , pertanto, necessario studiarlo par-tendo da un solo principio metodologico: tutto ci che il sistema mediatico dice di se stesso falso. Non si tratta di un'esagerazione paranoide, ma di una semplice cautela epistemologica. Bisogna, tuttavia, guardarsi anche dal
182 183

catastrofismo apocalittico e dal pensare che il sistema mediatico sia un mostro onnipotente, in grado di "lavare" il cervello umano. Coloro che lo dirigono, si ripromettono proprio questo scopo orwelliano, ma il suo risultato reso ontologicamente e psicologicamente impossibile dalla natu-ra "generica" e plastica della natura umana, che reaszkce ad ogni strategia di addomesticamento. Non bisogna allora contare su al-cuna presunta potenza sociologicamente e politicamente definita, tipo il proletariato, i partiti comunisti, la tradizione borghese, l'umanesimo occidentale, il ceto dei colti, dei semicolti e dei similcolti ecc., ma fidarsi solo di una scommessa razionale sulla vecchia e buona natura umana, e so/o su quella. La natura umana - plastica, reattiva e generica, razionale e sociale - il so/o fattore metastorico di resistenza, e la stessa democrazia, lungi dall'essere "originaria", solo la forma migliore di socializzazione politica. L'uomo un ente naturalmente affamato di informazioni, per-ch gli permettono di situarsi nel mondo naturale e sociale. Se informato dell'eventuale arrivo di tempeste, carestie, invasioni e pericoli, potr organizzarsi per tempo per limitarne i danni. La sua natura "gratuita" lo porta comunque ad informarsi anche di
Il popolo al potere zzazion e L a dem ocrazia nel l'epoca della globa l

cose non direttamente legate alla sua sopravvivenza individuale e di gruppo, e ci avviene proprio per la sua natura "generica" e proiettiva. Se fosse una formica,

potrebbe disinteressarsi di ci che accade in un formicaio agli antipodi del Pianeta, ma, in quanto ente naturale generico, che progetta e cerca di dare un senso al mondo, il che implica anche l' immedesimarsi negli altri, evidente che una carestia, un'epidemia o una guerra civile lo impressionano, anche se non ci fosse alcuna possibilit di diffusione di questi eventi nel suo ambiente naturale e sociale pi prossimo. L'informazione fa dunque parte del corredo biologico e naturale dell'uomo negli stessi termini della teoria dell'evoluzione e dell'adattamento, ma, quando l'informazione diventa un fatto "sociale", si verifica, ovviamente, anche un processo di "privatizzazione" di gruppo dell'informazione stessa. Questo processo di privatizzazione dell'informazione pu, tuttavia, assumere due forme fondamentali, apparentemente opposte ma in realt complementari: la restrizione dell'informazione e la saturazione dell'informazione stessa. Lo scopo manipolativo da raggiungere il medesimo, ma le tecniche per raggiungerlo possono variare, apparentemente, di 180 gradi. La storia del Novecento , a questo proposito, un vero parco naturale didattico.
184 185

I sistemi detti impropriamente "totalitari" (comunismo, fascismo ecc.) hanno utilizzato il sistema della gestione centralizzata e censoria dell'infolmazione, concentrandola tutta in un unico centro direzionale fortemente ideologico. Questo sistema,

darwinianamente debolissimo, sembra fatto apposta per produrre effetti modestissimi, in quanto permette la concentrazione del dissenso nello stesso punto in cui vorrebbe concentrare il consenso, l'emittente ideologico-politica. Questa emittente vorrebbe che si credesse a tutto ci che dice e, di fatto, il risultato che nessuno crede a niente di ci che dice, al di fuori di una percentuale minoritaria di tifosi ideologici e di creduloni professionali. Chi scrive, ha verificato ampiamente questo assunto, viaggiando nei Paesi detti "socialisti" e nella Grecia dei colonnelli fascisti. La gente non credeva in nulla di ci che sentiva, neppure in ci che era accidentalmente vero. evidente che la manipolazione totalitaria funziona solo in momenti di mobilitazione parossistica, necessariamente molto brevi: nella storia evolutiva della manipolazione, essa assomiglia all'iguanodonte, non all'homo sainens. La manipolazione attuata oggi dal circo mediatico si fonda sempre, ovviamente, sulla distorsione per selezione il video fa vedere solo immagini compatibili con la legittimazione ideologica del potere ma il suo tessuto fondamentale va al di l della pur necessaria distorsione per selezione, in quanto fondato sulla delimitazione ferrea di un "campo consentito" di opinioni plurali, la cui pluralit ha, in ultima istanza, come minimo comun denominatore, la compatibilit con la monistica unicit del potere. Far qui solo l'esempio della copertura mediatica dell'aggressione militare all'Irak del 2003, per evidenziare tre elementi di questa manipolazione: l'oblio

scientificamente programmato, la distorsione per selezione e, infine, la delimitazione del campo consentito di opinioni. Il lettore abbia pazienza, ma si tratta di questioni, che hanno per me un'importanza assolutamente capitale. Iniziamo dall'oh/io scientificamente programmato. Come noto, nei sei mesi precedenti il mese di guerra vera e propria USA-Irak (dall'ottobre del 2002 al marzo del 2003), il circo mediatico sapeva perfettamente che la guerra era gi stata pianificata e decisa, alla faccia del diritto internazionale; allora ha simulato la credibilit delle due motivazioni addotte per legittimare l'aggressione: l'esistenza delle famose armi di distruzione di massa, da parte di Saddam Hussein, e l'esistenza di una collusione fra Iraq e Al Qaeda nell'azione dell'Il settembre 2001 a New York. Entrambe queste motivazioni si sono dimostrate prive di qualsiasi fondamento; tuttavia, anzich connotare gli aggressori come criminali contro l'umanit, la pace e le leggi di guerra, il circo mediatico ha contato sulla volatilit e sulla memoria corta della plebe televisiva saturata, ed passato in blocco alla nuova motivazione: l'esportazione della democrazia e l'instaurazione di un nuovo Medio Oriente "democratico" (traduIl popolo al potere globalizzazione La democraz a nell'epoca della

zione: che accetti la colonizzazione di Israele in Cisgiordania e il prezzo del petrolio fissato dagli USA). L'homo videns- per dirla con l'ultimo Popper - cio il plebeo

rintronato dal piccolo schenno, non fatto per ricordare; non ha pi la memoria di un elefante, ma quella di una farfalla (il lettore etologo ed esperto in comportamento animale mi scuser, se ho scelto male l'esempio). Passiamo alla distorsione per selezione. Nel marzo e nell'aprile del 2003, i mesi dell'aggressione, ho approfittato del nuovo tempo libero legato alla condizione di pensionato, per vedere tutti i no-stri telegiornali e anche alcuni stranieri, tra cui la rete in lingua araba Al lazeera. Sembrava di osservare due realt distinte e incommensurabili. Nel nostro principale canale televisivo, una si-gnora isterica in carriera gridava, mostrando delle luci e dei fuo-chi in lontananza, nella notte di Bagdad: Vedete! Sono i bombar-damenti! Vedete! Hanno colpito i palazzi di Saddam! Vedete! Han-no colpito il covo del dittatore!. Sembrava un videogioco, ed era a tutti gli effetti un videogioco. Se passavo, per, ad Al Jazeera, vedevo, per ore e ore, soldati iracheni che si battevano come pote-vano, ufficiali che dicevano che avrebbero forse perduto, ma poi avrebbero organizzato una resistenza destinata a durare anni, e, soprattutto, corridoi di ospedale pieni di morti e feriti, bambini senza pi gambe ecc. Cambiavo canale e subito, passando dalla lingua araba alla pi familiare lingua italiana, rivedevo la signora isterica in carriera, che mi mostrava le luci dei videogiochi rassicu-randomi sul fatto che il dittatore aveva ormai le ore contate. Mi rendo conto che questa tecnica della

distorsione attraverso la sapiente selezione di immagini vecchia come il cucco. Se, per, capita di essere uno spettatore diretto, e indignato, allora le cose effettivamente cambiano e la furia lucida contro il circo mediatico aumenta.
186
187

Concludiamo, infine, con la dell/n/fazione del campo consentilo di opinioni dichiarate accettabili. Questa delimitazione , in realt, lo strumento tecnico fondamentale del funzionamento del circo mediatico e non c' bisogno neppure che mi ci fermi sopra troppo, perch Noam Chomsky ne ha illustrato dettagliatamente il funzionamento. Far, allora, solo l'esempio della guerra irachena, dato che mi ha coinvolto direttamente. In tutto il circo mediatico italiano - e, dicendo tutto, intendo tutti e sette i canali televisivi nazionali (i tre statali, i tre privati berlusconiani e La 7), tutti i giornali e tutti i politici, da Alessandra Mussolini a Fausto Bertinotti, senza alcuna eccezione - la perimetrazione delle posizioni possibili sulla guerra ferrea: va dalla guerra legittima (che definir guerra) alla guerra ingiusta, sbagliata, inopportuna ecc. (che definir pace). Ci sono dunque, da un lato, i "moderati", la cui moderazione, chiss perch, consiste nel legittimare la guerra, e i "pacifisti", il cui pacifi-smo consiste nel salmodiare come pecore in processione, in cortei pieni di giovani mascherati e dipinti, alcuni in trampoli, ai cui fian-chi si muovono altri giovani catafratti, che rompono vetrine ampia-mente assicurate. Chi invade il campo perimetrato dell'informa-zione,

come chi scrive, non fa parte n del popolo dei moderati n di quello dei pacifisti, perch sostiene integralmente la legittima resistenza, anche armata, del popolo iracheno, e la sostiene non in base ad affabulazioni sociologiche pseudomarxiste, ma in nome della dottrina giusnaturalistica della guerra giusta, risalente addirittura a Ugo Grozio, escluso dalla tribuna mediatica "pluralistica" ed inserito d'ufficio nel sordido mondo dei fanati-ci, degli estremisti e addirittura dei sospetti fiancheggiatori dei terroristi.

A suo tempo, Noam Chomsky descrisse qualcosa di simile, a proposito del rapporto fra tutto il circo mediatico americano e la guerra del Vietnam 1964-1975. Era consentito dire sia che si era per la guerra sia che si era contro: la sola cosa non consentita, ritenuta riprovevole e folle, era sostenere che i Vietnamiti aveva-no ragione. Nel processo di americanizzazione del circo media fico europeo, un tempo strisciante ed oggi galoppante, sta avvenen-do qualcosa del genere, in un clima di omert generale di tutto il ceto politico (e quando dico tutto intendo tutto, da Alessandra Mussolini a Fausto Bertinotti, e mi dispiace se qualche lettore idenI l po po lo al p o te re La democrazia nell'epoca della globalizzazione

titano riterr questa opinione "qualunquista": meglio qualunquista che connivente). Il sistema mediatico, sia pure con le tre

caratteristiche strutturali che ho segnalato, non e non sar mai il Grande Fratello. , per, una sofisticata macchina, programmata per la disinformazione e per la passivizzazione atomizzata dell'individuo isolato e inchiodato davanti allo schermo televisivo. In molti casi, la passivizzazione prevale addirittura sulla disinformazione. Dal momento che sono in vena di raccontare episodi autobiografici, ne ricorder uno. Qualche tempo fa, fui ospite di un noto talk show televisivo, diretto dal sapiente istrione ex-comunista riciclato in neo-conservatore Giuliano Ferrara. Il giorno dopo, ricevetti molte congratulazioni da parte di persone che mi avevano "visto" alla televisione, deducendo per questo che fossi una persona molto pi importante di quanto avessero creduto fino a quel momento. Chiesta a costoro la loro opinione su quanto avevo sostenuto, mi accorsi che pochissimi ricordavano - a distanza di meno di un giorno - il contenuto o anche solo l'argomento del dibattito: l'unica cosa che rammentavano era, appunto, di avermi "visto". Solo allora mi resi pienamente conto dell'esattezza della diagnosi, emessa da Martin Heidegger fin dal 1927 in Essere e Tempo, secondo il quale i tempi moderni erano caratterizzati dalla chiacchiera (Gerede), dalla curiosit (Neugier) e, soprattutto, dall'equivoco (Zwezdeutigkeit). Il risultato della saturazione mediatica , infatti, una sorta di stato permanente di equivoco, cio un invito permanente a non approfondire. Del resto, anche Louis Althusser, il filosofo marxista noto quasi esclusivamente per aver ucciso la moglie in
-

un momento di follia, e per questo ritenuto poi penalmente non punibile, "fotograf" la situazione, poco prima di morire, dicendo in una intervista: Io sono famoso per la mia notoriet. Il sistema mediatico attuale inguaribile ed incorreggibile. Non ha senso spostarlo a destra e/o a sinistra. Il suo scopo la gestione flessibile della disattenzione pubblica e della saturazione dell'attenzione privata. Dal momento che il suo telos immanente la disinformazione, solo un ingenuo pu veramente pensare che, cos com', possa essere compatibile con la democrazia. Non lo .
188 189

La democrazia, che continuo a ritenere possibile e necessaria, si affermer senza e contro il sistema mediatico.

Democrazia e istruzione. La fine dell'idea di scuola e di universit sorta nell'epoca dell'Illuminismo e del Romanticismo europei
La scuola moderna, e per "scuola moderna" intendo fondamentalmente il sistema di insegnamento pubblico sottratto al monopolio degli apparati religiosi di vario tipo, nasce simbolicamente da un corso di lezioni sulla pedagogia tenuto da Immanuel Kant, i cui appunti furono raccolti dai suoi studenti. In questo corso di lezioni,

Kant sostenne che un progetto ideale universalistico di insegnamento scolastico non avrebbe dovuto essere realizzato dai Principi o dai genitori degli allievi: i Principi, infatti, hanno come criterio di orientamento la forza e gli interessi dello Stato, mentre i genitori sono inevitabilmente orientati dalla prospettiva del successo economico e di carriera dei figli. L'insegnamento e l'educazione, per, rilevava Kant, non hanno di mira l'adeguamento (Anpassung-) al mondo cos com', ma devono avere come proprio scopo (telos) l'idea di un mondo migliore. Cos, il problema dell'educazione moderna posto in modo insuperabile. vero che, circa un decennio dopo le lezioni kantiane, furono i Principi ad organizzare il nuovo e inedito sistema scolastico, che sorse quasi simultaneamente nella Francia napoleonica e nella Prussia dei riformatori. In estrema sintesi, il moderno liceo classico nacque in Prussia e il moderno liceo scientifico nacque in Francia. Queste due magnifiche scuole non sorsero certo sulla base di sterili (e allucinanti) dibattiti sulla superiorit o sull'inferiorit del greco rispetto alla matematica o del latino rispetto alle scienze naturali. La magnifica generazione di pedagogisti e di studiosi,
Il popolo al potere globalizzazione La democrazia nell'epoca della

che cre il liceo moderno, volle una scuola generalista e il massimo modello dell'antichit era il Liceo di Aristotele, dove venivano pra-ticate con la stessa seriet le scienze naturali, la filosofia e le scien-ze politiche. Nel Liceo di Aristotele, infatti, era inconcepibile l'esi-stenza di un

chiacchiericcio specialistico sulla "superiorit" dello studio degli animali o dello studio comparativo delle costituzioni politiche. L'unica superiorit concepita era il modello per cui il sapere era fine a se stesso, anche se nessuno negava che le ricadute tecniche fautrici dell'innovazione erano gradite ed approvate. Il modello del liceo moderno dunque questo: l'educazione fine a se stessa e deve tendere ad un mondo migliore di quello presente. Questo principio lega insieme armonicamente il princi-pio illuministico della razionalit e il principio romantico dell'eman-cipazione. Si tratta di un liceo "borghese", quindi classista e non universalistico? Su questo bisogna intendersi e, per farlo, occorre evitare un tipico errore filosofico, in cui cadono tutti gli storicisti: la confusione fra genesi particolare (Geness) e validit universale (Geltung). L'abolizione della tortura, ad esempio, ha certamente avuto una genesi storica particolaristica, perch la nuova classe borghese, a differenza della vecchia classe feudale, non era pi in-teressata a mantenere l'ordine tagliando a pezzi i corpi dei ribelli, ma era invece interessata a nuove forme di disciplinamento produttivo, modellate sul nuovo sistema di fabbrica Vizctory system). Da qui, il conseguente "incivilimento" delle pene ed anche il nuo-vo processo penale, non pi inquisitorio, quindi senza tortura, dal momento che non dovevano pi esserci schiavi e servi della gleba, ma solo uomini formalmente eguali. Nello stesso tempo, l'aboli-zione della tortura, pur essendo

"borghese" ed avendo cos una genesi storica particolare, aveva per anche una validit univer-sale, in quanto si avvicinava maggiormente a un ideale di umani-t civilizzata e pacifica.
190 191

Non ho mai incontrato uno storicista e in vita mia ne ho conosciuti molti, ad abundantam, anzi ad nauseam che riuscisse a capire concettualmente questa semplicissima distinzione fra ge- nesi e validit, cio fra genesi particolare e validit universale. La riforma Gentile ha avuto la sua genesi nel primo governo Mussolini? E allora, in nome dell'antifascismo, aboliamola, distruggiamola e facciamo un'unica rete di scuole professionali calibrate sulle cosiddette "esigenze del mercato". Il liceo umanistico un liceo bor-ghese? Distruggiamolo, in nome di una scuolasupermercato /a carte, in cui lo studente potr sovranamente scegliere in base ai propri "interessi", cos l'aula di ascolto di musica rock- si riempir certamente di pi dell'aula di fisica o di letteratura. Chi ha distrutto, con il tempo, questo insuperabile e mai tanto stimato modello di scuola? Esiste una corrente polemica, che d la colpa al cosiddetto Sessantotto e all'arrivo di plebi irredimibili, che volevano il voto unico, la fine della selezione meritocratica, todos caballeros (quindi, di fatto, nessun eaballero), Io sbeffeggiamento degli insegnanti, lo spinello facile e l'involgarimento dei costumi. Tuttavia, io ho

fatto l'insegnante liceale per ben trentacinque anni (dal 1967 al 2002), ho vissuto giorno per giorno lo smantellamento progressivo del vecchio liceo generalista non importa, se classico o scientifico: per me, sono sempre stati egualmente educativi e non condivido questa teoria elitaria alla Julius Evola e alla Tocqueville sul catastrofico avvento delle plebi "democratiche" spinte dal regressivo principio dell'invidia. Non nego che lati plebei di questo tipo ci siano anche stati, ma non ne hanno costituito, a mio avviso, l'aspetto centrale. Il vettore dell'autodistruzione del liceo europeo basato su un modello di educazione generalista e non professionale, non stato primariamente l'avvento sociale della nuova plebe "democratica". Questa autodistruzione si invece basata su di un suicidio cultura-le e sociale della stessa classe media borghese, all'interno di un passaggio storico ed epocale fra un tardocapitalismo ancora tar-do-borghese e un vero e proprio nuovo capitalismo senza classi, inevitabilmente post-borghese e post-proletario. Essendo la bor-ghesia e il proletariato classi complementari, che procedono sem-pre in coppia come i carabinieri di una volta, il tramonto dell'urta
Il popolo al potere La democrazia nell'epoca della globalizzazione

comporta anche il tramonto dell'altro. Si profila una nuova societ, caratterizzata da differenziali di ricchezza, di potere e di sapere ancora pi feroci dei precedenti, ma anche dalla sparizione graduale di identit collettive e culturali di tipo

specificatamente "classista". Le attuali riforme scolastiche, che un serio esame comparativo constaterebbe essere molto simili in tutto il mondo, quindi non solo contingenti e casuali, segnano la fine del sogno kantiano di un sistema scolastico non direttamente basato sulle esigenze dei principi o dei genitori, ma fondato su un' idea universale di educazione. Il nuovo lavoro, flessibile e precario, d infatti luogo ad una modernit "liquida" - uso qui il termine proposto da Bauman - in cui l'identit non pi definita dal modello di un Io consolidato - modello che ha funzionato da Platone a Freud - ma sul modello di un "io minimo", integralmente plasmato sulle esigenze esterne del mercato. Quando la borghesia c'era ancora (Giovanni Gentile) era possibile riprendere gli ideali umanistici, ora che non c' pi (Luigi Berlinguer, Tullio De Mauro, Silvio Berlusconi, Letizia Moratti: chi li distingue, mostra di non aver capito proprio niente!), tutti corrono incontro a chi applica meglio il nuovo "regno delle tre i" (inglese, impresa, informatica). Questo processo distruttivo risparmia parzialmente la scuola elementare, che non pu, per sua natura, fare completamente a meno di un'istruzione generalista (leggere, scrivere, far di conto). Anche qui la barbarie pedagogica cerca, ovviamente, di distruggere l'ortografia, la calligrafia, l'analisi logica e grammaticale, la sintassi ecc., in nome del principio falsamente anti-autoritario del "tutto va bene" (everything- g-oes). Le persone di normale

intelligenza e sensibilit, che ignorano la produzione specialistica dei pedagogisti pazzi, sperano ovviamente in una inversione di tendenza, ma noto che essa tarda a giungere anche qui. C', in questo, una spiegazione sociologico-storica. Le classi dirigenti hanno sempre mantenuto il controllo sui grandi processi di riconversione economica e finanziaria, mentre hanno abbandonato la scuola settore che non dava profitti, quindi ipso facto irrilevante - alla plebe sociologica sessantottina "di sinistra", che ha potuto cos attuare in corpore vili l'applicazione della propria visione del mondo sociologica e nichilistica. Uno sciame di cavallette scolarizzate ha cercato prima di applicare al sistema scolastico il principio fordista della catena di montaggio ed passato poi al suo apparente contrario, cio al modello di una scuola-azienda, che compete sul mercato con altre scuole proponendo corsi di astrologia, lezioni di birmano, sedute di kamasutra per adolescenti disinibiti. Si dir che non c' nulla di pi contrario e incompatibile del modello di una scuola fordista, in cui tutti gli studenti sono pensati come futura forza-lavoro in formazione e del modello della scuola-impresa, che invade il mercato di dphants pubblicitari M concorrenza con altre scuole; chi si stupisce di questo, per, non conosce il principio dialettico, che definir Unit Ontologica della Idiozia (UOI). Il portatore della UOI un polivalente e manifesta la propria incurabile idiozia in modo "pluralistico", cos come pluralistico un ballo in maschera di pagliacci.

Il sistema universitario pi importante di quello della scuola secondaria per la riproduzione economica, perch in esso si fa anche e soprattutto ricerca ed innovazione, si formano gli operatori tecnici e scientifici e si seleziona il personale dirigente. Anche qui, il crollo della vecchia universit, prima erasmiana e poi positivistica, ha prodotto una sorta di caos aziendale programmato, spingendo verso l'alto e soprattutto verso costi sempre pi insostenibili i titoli di studio spendibili veramente sul mercato (tutti dottori, quindi nessun dottore, per cui il minimo per beccare un buon stipendio il master, e il master ognuno se lo paga da s). Potrei continuare, ma credo che il lettore abbia gi colto il centro del problema. Ad un popolo disinformato dal circo mediatico deve corrispondere un popolo diseducato da un sistema formativo, che ha sostituito un modello universalistico di origine borghese con un modello aziendale di origine postborghese e post-proletaria. In queste condizioni, la sola democrazia possibile una democrazia di resistenza.
193 192
La democrazia nell'epoca della globalizzazione

Il popolo al potere

La tentazione dell'esodo individuale e della secessione comunitaria

Il diritto alla secessione, individuale e di gruppo, da una comu-nit, in cui per varie ragioni non ci si riconosce pi, un diritto democratico altrettanto importante del diritto alla costituzione di una nuova comunit o all'integrazione in una gi esistente. Credo che, su questo punto, non sia consentito lasciare equivoci. inve-ce pi interessante studiare le ragioni, per cui secessioni di questo tipo sono gi avvenute in passato. La scuola filosofica di Epicuro, denominata "il Giardino", un esempio di secessione post-democratica. In una Atene, privata ormai di ogni sovranit politica nella nuova situazione storica prodotta dal sorgere degli imperi ellenistici autocratici, era legittimo che un gruppo di amici - gli epicurei si chiamavano l'un l'altro "amici" e praticavano una solidariet reciproca, che giungeva talvolta, di fatto, alla comunit dei beni potesse pensare ed attua-re un "esodo dal pubblico". Non infatti vero che il "pubblico" esista sempre e non sia, quindi, giustificato "secedere" da esso. Quando il pubblico diventa il luogo di una manipolazione dall'al-to, che non lascia speranze reali di rovesciamento in un tempo "ge-nerazionale" chiamo "tempo generazionale" la porzione di tem-po storico alla portata di azioni di modificazione di una determinata generazione - pi che giustificata una secessione. Solo una trib di masochisti pu approvare la messa in atto di sacrifici, che si sanno completamente inutili. Il principio dell'Utopia alla Ernst Bloch resta valido

come prospettiva, ma non giusto imporlo come principio operativo, in assenza di ragionevoli speranze di effica-cia trasformativa. Non , di per s, individualismo egoistico dire che ogni persona ha il diritto di non impegnare la propria vita in attivit pubbliche prive di prospettive.
194 195

Siamo, oggi, in una situazione di questo tipo? Se pensassi vera-mente di s e che non ci sia pi nulla da fare, non scriverei un saggio sulla democrazia, ma un manuale di sopravvivenza sotto la tirannia. Credo, dunque, che vi siano possibilit concrete di atti-vit pubblica democratica, e non solo di testimonianza a futura memoria, ma, nello stesso tempo, esprimo il mio fastidio e la mia ripug-nanza per tutte le forme di ottimismo artificiale, per cui c' sempre qualcosa da fare. Eh no! Ci sono situazioni storiche bloc-cate; certo, non per sempre, ma bloccate almeno per un tempo ge-nerazionale. In questi casi, l'esodo mi sembra consentito. Se si vuo-le, infatti, sperimentare una forma di vita comunitaria di gruppo prima che giunga la propria morte individuale, del tutto giustifi-cata la formazione di comunit protette derivate da una secessione. Per fare un solo esempio storico, il monachesimo occidentale benedettino nacque da una scelta di secessione dalla societ tardo-ro-mana dilaniata dalla guerra greco-gotica (535-553). Ho accennato, nei due paragrafi precedenti, alla manipolazione mediatica

onnipervasiva e soffocante e alla distruzione di un si-stema scolastico educa tivo, sostituito da una sorta di "formazione permanente" eterodiretta dal mercato: un quadro desolato, an-che perch la sproporzione di forze tale da non lasciare soverchie speranze in una inversione di tendenza storica a breve termine. Allora, che fare? La questione non pu essere risolta con prescrizioni apodittiche, in questa sede, ma soltanto impostata. Credo che, nella realt, non si ponga mai una opposizione "secca" fra secessione e partecipa-zione, ma si diano concretamente varie forme di mescolanza fra i due estremi. Ogni partecipazione democratica comunitaria, infat-ti, presuppone che sia avvenuta in precedenza una secessione da una pseudopartecipazione manipolata. Questa secessione pu, a sua volta, dar luogo o ad un isolamento volontario di lungo perio-do in "comunit protette", in cui attuare tranquillamente le forme di vita preferite, o a nuove forme di aggregazione politica, incom-patibili con l'inserimento volontario subalterno nel quadro sociale e politico precedente. In proposito, non si possono e non si devono dare ricette valide per tutto (e dunque per nulla), ma occorre discu-tere, caso per caso, se e fino a che punto un esodo sia giustificato e
Il popolo al potere La democrazia nell'epoca della globalizzazione

una secessione opportuna. Posso, qui, dire soltanto che cosa ho


deciso di fare concretamente io stesso, senza pretendere che abbia un valore

universalistico estendibile a tutti. Personalmente, ho effettuato una secessione personale dalla partecipazione al sistema elettorale italiano, a partire almeno dal 1992, e questo non certo per ragioni di astensionismo anarchico e vetero-comunista - figuriamoci! - in quanto in qualunque momento mi riservo di ritornare a votare, se lo ritenessi utile o opportuno, ma perch sono arrivato alla conclusione che l'attuale sistema elettorale italiano costituisce in realt un partito unico filo-americano, in cui le alternative sono in gran parte fasulle. Mi rendo conto che, con questa affermazione, posso irritare una parte dei miei possibili lettori, ma preferisco la sincerit irritante all'ipocrisia soporifera e compromissoria. Ho anche effettuato una secessione, a volte dolorosa, con la comunit informale del cosiddetto "popolo di sinistra", cui avevo appartenuto per decenni, e questo non certo perch nel frattempo io sia divenuto "di destra" - rifiguriamoci! - ma perch sono giunto alla conclusione, che sono peraltro sempre pronto a rimettere in discussione, che la dicotomia fra Destra e Sinistra obsoleta, non pi in grado di descrivere le nuove contraddizioni storiche e sociali, e dunque di consentire la nostra collocazione in esse, e infine che questa dicotomia ormai una protesi politologica artificiale, che viene reimposta durante la simulazione elettorale per attivizzare e galvanizzare il popolo dei fedeli identitari. Questa opinione non accettata ed considerata sufficiente per emanare decreti

di impurit e di esilio spirituale.


196 197

Potrei continuare, ma non necessario farlo, in quanto, con l'esplicitazione pubblica di alcune mie secessioni personali, ho voluto ricordare al lettore che certamente anch'egli ha provato l'esperienza di esodi e di secessioni, magari diversi dai miei, ma a volte egualmente traumatici. L'esodo infatti quasi sempre di due tipi interconnessi: esiste un esodo dalla propria precedente identit', quasi sempre maturata in giovent e poi mantenuta per anni o per de cenni, e un esodo dalla propria precedente conzunit elettiva, di tipo religioso, ideologico, politico. La capacit di secessione un segnale di forza, non di debolezza: rivela che la propria identit non necessariamente rigida e paranoica, ma aperta a nuove esperienze e a nuove rimesse in discussione. Tutto ci non ha nulla a che fare con il cosiddetto "pentimento", modalit non a caso privilegiata dalla tradizione gesuitica, clericale e controrifoimistica italiana, cui si sono recentemente unite le bande di ex-comunisti in riciclaggio professionale collettivo. L'esodo permette la costituzione di nuove possibili aggregazioni. D'altra parte, la Storia composta da simili fenomeni ed intessuta di processi dialettici di secessioni meditate e razionali e di nuove aggregazioni, altrettanto meditate e razionali. Sarebbe strano che la storia della democrazia ignorasse questa dialettica.

Natura e societ. La democrazia oggi fra ecologia naturale ed eguaglianza sociale


Il rapporto degli uomini con la natura strutturalmente ed inevitabilmente mediato dal rapporto sociale e politico, che gruppi di uomini stabiliscono con altri gruppi di uomini, sia all'interno che all'esterno della propria comunit. Non pu, dunque, esistere una "democrazia ecologica", che non sia anche congiuntamente una "democrazia sociale". Persino Robinson Crusoe non pu sfuggire a un determinato rapporto "sociale" con la natura dell'isola deserta in cui naufragato, perch la sua "socialit" si manifesta attraverso l'educazione precedentemente ricevuta (si costruisce una capanna ecc.). Egli ha anche modo di rifornirsi di attrezzi e strumenti dalla sua nave, finch questa non resta incagliata e sparisce fra i flutti, e il suo rapporto con la natura circostante mediato dall'uso di tali attrezzi. Chi immagina una sorta di "robinsonismo originario" di tipo pre-sociale - e tutta l'economia politica si basa
ll popolo al potere globalizwzione La democrazia nell'epoca della

su questo errato presupposto - non sar filosoficamente in grado di comprendere il rapporto fra natura e societ. In questo paragrafo, non considero necessario fare un lungo rias-sunto divulgativo sul problema ecologico, presupponendo nel letto-re una conoscenza delle sue coordinate basilari. Non sono un

esperto dello "sviluppo sostenibile", perci non sono in grado di stabilire, volta per volta, i limiti del cosiddetto "impatto ambientale" (im-pianti chimici inquinanti, linee ferroviarie ad alta velocit, tralicci elettrici, depositi di rifiuti tossici ecc.). Ritengo che in questo cam-po si abbia a che fare con un sapere inevitabilmente specialistico, che va al di l delle mie competenze esclusivamente storiche e filosofiche; mi considero, per, in grado di impostare in modo raziona-le il problema del rapporto fra ecologia e democrazia. Questo pro-blema presenta vari aspetti, allora la cosa migliore esaminarli uno per urto, anche se in modo inevitabilmente sommario.

In primo luogo, ritengo legittimo che una comunit, insediata in un determinato territorio, in cui vive e da cui trae anche risorse naturali, non possa essere esautorata da pronunciamenti esterni di carattere "tecnico", che la esproprino dei suoi poteri decisionali di autogoverno. Non nego assolutamente che ci sia anche un aspetto propriamente "tecnico" di competenza di geologi, di agronorni, di medici ecc.; constato soltanto che questa competenza non mai completamente "neutra" e che gli stessi esperti dicono molto spesso cose opposte. Il giorno in cui scrivo queste righe, leggo sui quotidia-ni pareri diametralmente opposti sulla cosiddetta "influenza aviaria" dei polli: c' chi tratteggia scenari catastrofici da vera e propria pandemia mortale e chi, invece, sostiene tesi ottimistiche e minimizzatrici. Ebbene, tutti i

pareri che ho letto, dai pi pessimisti-ci ai pi ottimistici, sono di professori universitari di medicina e di veterinaria, cio di cosiddetti "competenti" al massimo livello. In questa situazione, pi che normale che le comunit locali si ispi-rino a quel principio di responsabilit e di cautela, che Hans Jonas afferma essere il principale fondamento per la progettazione in-dustriale e sociale.
198 199

In secondo luogo, so bene che l'aureo principio "pensare global-mente, agire localmente" pi facile enunciarlo virtuosamente che praticarlo concretamente. Pensare globalmente difficilissimo, perch comporta conoscenza, informazione, educazione e sensi-bilit etica. Agire localmente , invece, molto pi facile e, in gene-re, l'agire locale di tipo ecologico si ispira al pi terrificante egoismo comunitario (esempio: non vogliamo nel nostro territorio niente di potenzialmente pericoloso, ma, se lo spostate anche solo di die-ci chilometri, non abbiamo pi obiezioni, togliamo i blocchi stra-dali e facciamo una bella processione di ringraziamento alla Madonna). Non un caso che un autore come Wolfgang Harich, al-lievo di Ernst Bloch e a suo tempo perseguitato politico nella Germania Orientale, abbia sostenuto che solo una dittatura ecologica il-luminata potrebbe salvare il Pianeta, perch un sistema di demo-crazia locali non avrebbe potuto evitare lo scaricabarile egoistico, tipo: vogliamo l'energia atornica, ma non le centrali atomiche; vo-gliamo l'energia del carbone, ma non le centrali del carbone.

Posso capire che uno studioso disincantato come Harich sia giun-to a questa conclusione. Nello stesso tempo, si tratta di una fuga in avanti completamente illusoria. Nessun dittatore "illuminato" ci salver mai da una catastrofe ecologica, se non ci sar prima una pressione democratica, orientata a cambiare i modelli di vita e di consumo. Il fatto che a livello mondiale, per ora, questa pressio-ne non la si vede. L'India e la Cina, ad esempio, stanno facendo passi da gigante in direzione di un modello dei consumi altamente inquinante (ad es., l'automobile individuale). Si ha allora un paradosso, che cercher di enunciare cos: da un punto di vista razio-nale, una maggioranza di persone gi in grado di capire che sarebbe opportuno modificare radicalmente stile di vita e di consu-mo, ma, da un punto di vista sociale e, di conseguenza, politico, le cose stanno andando nel senso opposto, in direzione di un sempre maggiore sconvolgimento degli equilibri ecologici del Pianeta. A volte, infatti, sulla stessa pagina di un quotidiano si leggono arti-coli inconsapevolmente affiancati, in cui l'uno mette in guardia
Il popolo al potere globalizzazione La democrazia nell'epoca della

dal deterioramento ecologico di un determinato territorio, mentre l'altro inneggia in modo lirico alla produzione di un nuovo modello di automobile, previsto in milioni di esemplari. Non penso si tratti solo di ipocrisia, nonostante io sia un avversario radicale del circo mediatico. Penso che ci sia, su questo, una vera confusione, dovuta all'assenza di una concezione comune dello sviluppo umano, ed appunto di questa

assenza che occorre parlare, perch la democrazia pur sempre un metodo per prendere decisioni politiche condivise da maggioranze informate ed educate, e questa condivisione "formale" non pu avvenire in assenza di una ben pi importante condivisione "sostanziale" su che cosa propriamente significhi il termine di "sviluppo umano". A questo proposito, l'insufficienza convergente e complementare dei modelli di crescita del capitalismo reale e del comunismo reale pesa ancora fortemente, pur se bene ricordare che il capitalismo reale oggi una realt attuale, mentre il comunismo novecentesco ormai un dato puramente storico, anche e soprattutto in Paesi come la Cina. Siamo tutti stanchi e disgustati del chiacchericcio inconcludente sul periodico aprirsi e chiudersi mediatico del buco dell'ozono. Siamo tutti delusi dalla modestia dei risultati ottenuti negli ultimi due decenni dal movimento "verde", la cui parte "fondamentalista" si di fatto chiusa in una nicchia testimoniale e catastrofistica, mentre la parte "riformista" ha finito con il costituire irrilevanti protagonismi politici di fiancheggiamento alle forze cosiddette "normali" (ove normalit uguale a indifferenza assoluta per le questioni ambientali di fondo e non solo di immagine turistica). Siamo tutti stanchi, disgustati e delusi, ma ci rendiamo anche conto che, in linea di massima, se un problema radicale anche le risposte lo devono essere.
200 201

La radice, anzi la sola vera radice di fondo, sta nel mutamento generalizzato nella concezione dominante dello sviluppo umano, che per sua natura "fisiofago" - nel senso che mangia la natura circostante tuttavia non possibile cambiare una concezione, se non si cambiano prima le condizioni sociali strutturali, che le fanno da supporto e da amplificazione. , questo, un principio, che dovrebbe essere accettato anche da chi non condivide ed anzi avversa la concezione marxiana del rapporto fra struttura e sovrastruttura (che io invece accetto, in base non alla sua presunta "rivoluzionariet", ma alla sua maggiore razionalit rispetto a tutte le altre concezioni a me note). Le condizioni sociali strutturali del mondo attuale sono caratterizzate da una logica, in cui esiste una sorta di "pendolarismo" fra la miseria, che ci fa accettare qualunque tipo di sviluppo pur di uscire da essa, e l'integrazione consumistica occidentale, che sorregge questo tipo di sviluppo. Pensiamo allora, forse, di convincere la gente con la diffusione di libretti ed opuscoli ispirati allo sviluppo compatibile e alla rinuncia volontaria al modello consumistico di integrazione sociale? Il lettore mi permetter qui una breve parentesi autobiografica. A suo tempo, ho passato un periodo di studi universitari in Germania, ed stato l'unico della mia vita in cui ho fatto l'operaio. La vera classe operaia - da non confondere con il modello idealtipico della ideologia marxista-leninista uno dei gruppi sociali meno rivoluzionari che esistano, ma anche un gruppo

estremamente socializzato e socializzabile, in cui facile stabilire amicizie, laddove gli intellettuali sono, di regola, complessati, competitivi e suscettibili. Per farla corta, diventai amico di un operaio specializzato turco, uomo evoluto, che parlava un buon tedesco e leggeva anche la pagina letteraria del maggiore quotidiano di Istambul. Bene, costui lavorava in un impianto chimico bestialmente inquinante, i cui lavoratori si ammalavano regolarmente di tumori vari. Egli era perfettamente consapevole di questo pericolo, ma nello stesso tempo lo considerava un prezzo pi che ragionevole da pagare, per poter spedire nel suo villaggio in Anatolia il denaro sufficiente per mantenere la numerosa famiglia allargata. La sua filosofia era il carpe diem oraziano, e raramente ho potuto conoscere una persona tanto serena e socievole. Riflettiamo un attimo. Se un simile atteggiamento era riscontrabile in un lavoratore turco evoluto e scolarizzato nella Germania degli anni Sessanta del Novecento, che cosa pu avvenire in quei tre
Il popolo al potere globalizzazione La democrazia nell'epoca della

quarti del mondo povero, in cui le industrie inquinanti locali e soprattutto estere collocano i loro terribili impianti? La risposta purtroppo semplice: queste industrie troveranno sempre dei lavoratori, pronti a fare qualunque cosa pur di uscire dalla miseria pi nera e poter poi accedere ai vari livelli dell'integrazione consumistica proposta "universalmente" dal modello sociale della globalizzazione

neoliberista. Bisogna dunque uscire dal pendolarismo maledetto fra miseria e consumismo, ma nessuno sa esattamente come. Per adesso, in mancanza di un vero e proprio movimento mondiale, che si sappia assumere il compito di un mutamento radicale condiviso dei modi di vivere e di produrre, la "morale provvisoria" che possiamo adottare consiste nell'appoggiare le comunit locali, che in varie parti del mondo si oppongono all'espropriazione dei loro territori e all'annullamento delle loro forme di vita comunitaria. Sar ovviamente impossibile evitare il battage mediatico e culturale del circo intellettuale, che parler di posizioni reazionarie, retrograde, nemiche del progresso, ispirate ad una critica romantica della scienza e della tecnica ecc. Baster solo non farsi spaventare, e il non farsi spaventare diventer sempre di pi la premessa psicologica indispensabile per poter mantenere, in futuro, una posizione razionale sulle questioni ecologiche e sociali.

La democrazia possibile e necessaria. Il suo enigma non istituzionale, ma antropologico


Avviandomi alla conclusione di questo saggio e praticando quella estrema forma di narcisismo che l'autorecensione positiva,

devo dire di essere abbastanza soddisfatto del lavoro svolto.


202 203

Non ho, ovviamente, "risolto" il problema storico e teorico della democrazia, ma non era affatto questo che mi proponevo. Volevo aprire un campo di discussione problematica di tipo storico e filosofico, e ritengo di essere riuscito a farlo. Chi, invece, avrebbe deside rato un brillante pamphlet unilaterale, non se ne abbia a male, perch, con una buona ricerca bibliografica su Internet, trover certamente altri titoli che lo soddisferanno. Posso allora riassumere in due punti le mie conclusioni, peraltro gi ossessivamente anticipate nel corso della trattazione: non viviamo in una democrazia ed bene non credere a tutti coloro che vogliono rassicurarci, dicendo che in fondo, viviamo in una democrazia, sia pure limitata, minacciata, imperfetta, migliorabile ecc.; nello stesso tempo, la democrazia non un mito o una semplice ideologia di copertura di contenuti oligarchici insuperabili, ma qualcosa di auspicabile, possibile e addirittura necessario. Non viviamo in una democrazia. So perfettamente che il lettore pio e timorato di Dio e/o della nuova divinit idolatrica denominata "Politicamente Corretto Occidentale" avrebbe preferito una formulazione pi moderata e possibilistica, del tipo appunto democrazia imperfetta, democrazia minacciata, democrazia migliorabile e cos via, salmodiando il mantra della rassicurazione dei nuovi benpensanti unificati della ex-destra e della ex-sinistra, oggi entrambe ampiamente

"frollate". Certo, non ho nulla da dire a tutti quei maestri di tautolog-ia, che sostengono che, se il popolo convocato regolarmente al voto come corpo elettorale decide a maggioranza di rinunciare alla sovranit della decisione partecipata, accettando l'espropriazione della propria natura di demos razionale e sociale attraverso il dominio dei mercati finanziari e l'esistenza, a sessant'anni dalla fine della seconda guerra mondiale, di basi atomiche imperiali americane sul suo territorio, allora il metodo democratico consiste proprio nella rinuncia cortsensuale alla democrazia come contenuto. Di fronte a simili ipocriti, confesso di preferire i sostenitori espliciti delle dittature illuminate, anche se, ovviamente, il lettore sa che non condivido neppure tali tesi. Non conosco, per, nessuno peggiore dell'ipocrita. Se qualcuno insiste nel definire la democrazia una procedura di assenso elettorale maggioritario all'asservimento e alla rinuncia all'autodeterminazione nazionale, sappia che fra noi
Il popolo al potere Nota bIbliografica generale

ci sar soltanto, come argomento comune, il gossip da bar sugli eventi sportivi e sulle prodezze sessuali dei divi e dei presentatori televisivi. Non siamo in democrazia, anche qualora usassimo questo ter-mine nel senso inteso da Colin Crouch o, meglio, nel senso della corrente Rosenberg-Canfora, cio democrazia come prevalenza del dernos. L'attuale dinamica della cosiddetta globalizzazione infatti il pi grande processo

di polarizzazione, che sia mai esistito nella storia mondiale dalle caverne ad oggi, fra arricchimento di una mi-noranza e impoverimento di una maggioranza su questo, vi sono statistiche eloquenti per tutti coloro che pensano che la filosofia sia un'opinione, la matematica invece una certezza mettendo pure fra parentesi (ma non ho inteso farlo) la catastrofe ecologica. Ed tutto, su questo punto. La democrazia, intesa come ascesa del popolo al potere, resta invece qualcosa di auspicabile, possibile e necessario. Auspicabile, perch la politica non una vera e propria "scien-za esatta", ma il luogo del confronto fra gruppi umani caratte-rizzati dalla razionalit e dalla socialit. Possibile, perch non hanno fondamento, a mio avviso, le conce-zioni pessimistiche sull'uomo come lupo umano irredimibile. Necessario, perch solo la pratica comunitaria della democrazia pu influire su quel decisivo livello della identit umana che la socializzazione pacifica e razionale. Ogni altra antropologia sa-rebbe una civilizzazione dell'obbedienza eterodiretta, non i_mporta se da tiranni crapuloni o da saggi illuminati. L'enigma della demo-crazia non infatti istituzionale, formale, ma sostanziale. Senza una maggioranza di tipi umani e psicologici "democratici", la de-mocrazia resta un gioco politologico interminabile di simulazioni istituzionali, funzionali alle tecnocrazie economiche. E, con questo, posso chiudere.

Nota bibliografica generale


204 205

Ho volutamente rinunciato ad appesantire il testo con delle note a pi pagina, ma nello stesso tempo ritengo opportuno segnalare i principali testi, cui faccio esplicito riferimento nello svolgimento delle mie argomentazioni. Resta inteso che il lettore non vi trover una bibliografia critica esaustiva sul tema della democrazia e degli altri temi collaterali trattati, ma soltanto la segnalazione commentata di alcune delle opere da me effettivamente prese in considerazione. Il tema della democrazia anche e soprattutto un tema di filosofia politica. In proposito, segnalo l'ottima sintesi di Francesco Valentini, Il pensiero poli-tico contemporaneo (Laterza, Bari-Roma 1979). Una opinione "estrema" e radicalmente critica sulla democrazia, di cui condivido nell'essenziale il lato di "stroncatura", esposta nel pamphlet di Massimo Fini., Sudditi. Manifesto contro la democrazia (Marsilio, Venezia 2004). Preferisco mille volte Fini alle soporifere elencazioni classificatorie, che presuppongono un'equazione fra il sistema democratico e la nostra condizione attuale (cfr. Giovanni Sartori, Democrazzq e definizioni, Il Mulino, Bologna 1976 ed anche Norberto Bobbio, Elementi di Einaudi Scuola, Milano 1998). Nessuno se ne abbia a male: 171111.C115 Plato, sed mag is amica veritas. Ogni separazione dei meccanismi istituzionali dal pi generale contesto sociale e comunitario serve solo ad esercitazioni scolastiche e/o ad operazioni di apologetica mediatica.
-

A proposito della concezione della democrazia come prevalenza del demos, i miei due testi di riferimento fondamentali sono stati Arthur Rosenberg, De-mocrazzq e socialismo. Storta politica degli ultimi cento e cznquant 'anni (1789 1937) (De
-

Donato, Bari 1971 - ma il libro de11938) e Luciano Canfora, democrazia. Storia di un'ideologia (Laterza, Bari-Roma 2004). Si tratta di posizioni assoluta-mente insopportabili alla lettura per un seguace del "bobbianesimo", della "bobbiofilia" e della "bobbiolatria" politicamente corretta di oggi. Io le condivi-do nell'essenziale, ma ritengo che vadano integrate con un apprezzamento maggiormente positivo di una forma politica democratica di tipo comunitario. Chi, invece, crede ad una sorta di armonica complementariet storica fra il liberalismo e la democrazia, pu utilmente leggere Domenico Losurdo, Controstoria del liberalismo (Laterza, BariRoma 2005). L'irritazione del lettore pio e timorato della vulgata neolbende garantita.
Il popolo al potere

Nota biblio grafica generale

A proposito dei Greci antichi, evito l'elencazione della sterminata bibliografia e mi limito a tre sole segnalazioni. Chi vuole leggere ulteriori argomenti, che scoraggiano l'arruolamento involontario di questi nostri lontani progenitori nell'immagine imperiale di un Occidente superiore al resto del mondo, pu utilmente leggere Marcel Detienne, Les g-recs et nous (Perrin, Paris 2005). L'interessante interpretazione neoliberale ed anglosassone di Socrate, pi volte citata, quella di I.F. Stone, The Triti/ of Socrates (LittleBrown, New York 1987). Infine, fra le molte esistenti, 1' interpretazione di Platone, che mi ha convinto di pi quella di Alessandro Biral, Platone e la conoscenza alis(Laterza, Bari-Roma 1997). Biral sostiene che in Platone non c' la prevalenza del momento intellettuale puro e semplice sugli altri il logistikn si il desiderativo, 1' epithymilikn, e su quello del coraggio virile, il thymoezds ma un modello di equilibrio armonico dei tre, che ha nel profilo antropologico di ognuno il suo centro. Personalmente, ritengo che Biral abbia ragione. Se questo vero, ne consegue che una

interpretazione maggiolmente "democratica" di Platone diventa possibile, senza dover effettuare stravolgimenti filologici e interpretativi. Il mio saggio insiste molto sul nesso fra democrazia e comunitarismo. Per un primo orientamento problematico su questo tema, si veda Valentina Paz, Il comunitari:~ (Laterza, BariRoma 2004). Sul tema dell'individualismo si veda Robert Putnam, Capitale sociale ed individualismo (Il Mulino, Bologna 2004). Fondamentali anche i due studi di Christopher Lasch: La cultura del narcisi:9mo (Bompiani, Milano 1981) e L'io minimo (Feltrinelli, Milano 1985). Sulla definizione di Modernit e di Moderno, la bibliografia sterminata; io mi sono limitato a segnalare Zygmunt Bauman, Intervista sull'identit (Laterza, Bari Roma 2005) e John Gray, Al Qaeda e il signhTcato della modernit (Fazi, Roma 2004). A proposito del Post-Moderno, ho applicato lo stesso "rasoio di Occam", nel senso della ferrea autolimitazione, nella segnalazione, a due soli autori: Jean-Francois Lyotard, La condizione post moderna (Feltrinelli, Milano 1982) e Alain de Benoist, Le sfide della post modernit (Arianna, Casalecchio 2003). A mio avviso, la metafora che indica meglio la situazione attuale, al di l del fatto se essa sia moderna o post-moderna, quella del self service usata da Gilles Lipovetsky (cfr. L'ere du vide, Gallimard, Paris 1983). L'uomo moderno/post-moderno si serve ormai da solo, senza pi riti di camerieri in marsina, tuttavia questo non comporta affatto l'avvento di un maggiore egualitarismo o di una maggiore giustizia sociale, ma solo di una maggiore "informalit" pseudodemocratica: il fatto che ci si serva di caviale o di una salsiccia di seconda mano infatti interamente demandato ai differenziali sempre crescenti di reddito.
-

206

Sul rapporto della democrazia con il cosiddetto

207

"relativismo" dei valori e degli stili di vita, mi sono riferito a Hans Kelsen,fondamenti della democrazia (Il Mulino, Bologna 1966) e a Richard Rorty, La filosofia dopo la filosofia (Laterza, Bari-Roma 2003). Non ho, intenzionalmente, lasciato dubbi al lettore sulla mia posizione fortemente critica verso tutte queste forme di relativismo, che sono state alla base del cosiddetto "pensiero debole" italiano dell'ultimo ventennio, segnato dalla riconversione del ceto intellettuale italiano e dall'operaismo fanatico al neoliberalismo, altrettanto e forse ancor pi fanatico. Sulla nozione di post-democrazia, v. Colin Crouch, Post democrazia (Laterza, Bari-Roma 2003). A proposito della cosiddetta "globalizzazione", v. Edward Goldsmith (a cura di), Processo alla globalizzazione (Arianna, Casalecchio 2003) e Elvio Dal Bosco, La leggenda dello globalizzazone (Bollati Boringhieri, Torino 2004). Nel bel saggio di Dal Bosco sono anche indicati in dettaglio i cinque monopoli segnalati da Samir Amin. Sul giusnaturalismo politico, v. Florence Gauthier, Triornphe et mort dii drolt nature/ en rvolution (PUF, Paris 1992). Sul rapporto fra Marx e la democrazia, consiglio Jacques Texier, Rivoluzione e
-

democrazia. Marx, Engels e l'Europa continentale


(Biblioteca, Gaeta 1993). Sul tema della natura umana, v. Steven Pinker, Tabula Rasa (Mondadori, Milano 2005). Questi tre riferimenti segnalano anche le mie personali posizioni sui relativi temi. Sulla questione dell'esportazione militare dei cosiddetti "diritti umani", la mia posizione simile a quella di Alain de Benoist, Oltre i diritti dell'uomo (Edizioni Settimo Sigillo, Roma 2004) e di Danilo Zolo, Chi dice umanit (Einaudi, Torino 2000). Per finire, sul tema dell'universalismo i criteri comparativi proposti da Raimundo Pankkar sono esposti in AA.VV., Il ritorno dell'etnocentrismo (Bollati Boringhieri, Torino 2004). Per la tesi relativistica Kuhn-VVhorf, si veda

invece la rivista "Metamorfosi" (Franco Angeli, n. 7, Milano 1988).

Indice

Prefazione.....................................................3 Premessa....................................................13 Introduzione................................................19 Democrazia e storia. Riflessioni su una vicenda bimillenaria.................................................45 Democrazia e filosofia. Riflessioni su urta vicenda bimillenaria ...................................................................... 9 ...................................................................... 7 La democrazia nell'epoca della globalizzazione....................................... 151