Sei sulla pagina 1di 8

Disegni trasparenti appare come caduta "atmosferica" da un panorama personale. Vi almeno un doppio contesto di riferimento.

. Quello principale si riferisce alla morfologia in ambito biologico - ossia lo studio delle forme e dell'apparenza esteriore di animali e piante - secondo gli scritti non specialistici di Roger Caillois. Questi studi mettono in crisi il concetto di necessit nalistica implicita in molte branche della scienza, e in particolare rappresentano obiezioni determinanti alla teoria dell'adattamento darwiniana, il cui ultimo scopo sarebbe la sopravvivenza. Uno dei capitoli iniziali del libro di Caillois "L'occhio di Medusa", Dessins ou Desseins (Disegni o Intenzioni), nel gioco di parole allude a come certe manifestazioni della natura (nell'accanimento della loro proliferazione fantastica ed aliena alle leggi di economia, nell'assomigliarsi di oggetti ed esseri non comunicanti - no a quegli insetti che assumono l'apparenza di foglie addirittura decomposte, come se esista per la natura una immagine cosciente, e quindi una memoria, di come appaia una foglia decomposta -) sembrino mostrare una intenzione segreta (quanto trasparente, nel senso di evidente) che pare molto simile a quella oscura e irrazionale necessit nell'uomo che l'arte. Interessante anche, come ovvio, che in natura l'intenzionalit di cui si parla non sia per una determinazione cosciente: il fatto che per vi sia una direzione presa con decisione, a volte mi conforta della mia stessa ingenuit. Quello secondario, un mio vecchio e breve scritto omonimo a questo pezzo, in cui prendevo l'oggetto letterario come pretesto di una geograa mentale che giocava distruggendosi su pi dimensioni. Di riga in riga si ironizzava o si prendevano le difese di volta in volta del narratore astratto - dormiente al momento presente - del lettore, dell'eroina, affetta da una sorta di dromomania; apparivano due forme letterarie, di cui la prima, quella del diario, estremamente unitaria e grottesca, in contrapposizione alla seconda completamente aperta; diverse citt o luoghi geograci diventavano punti di attrazione completamente astratti (la biblioteca Marucelliana, Il cimitero degli Inglesi, I fori Romani...); vi erano sintesi, allusioni, lastrocche, ed esteriormente punteggiature di carattere quasi decorativo si alternavano a reali buchi nel tessuto della pagina scritta. Di questo scritto esistono due versioni, di cui la seconda ridotta a 50 righe, con i personali scetticismi di identit che ne conseguono. Detto questo, per commentare una cosa della musica, mi piace pensare che le citazioni, nonostante siano state trattate ancora in modo goffo, non siano il nascondiglio di un oratore incapace: ma che possano essere paragonabili alle maschere, ai travestimenti, alle perplesse somiglianze esteriori che trascendono se stesse, nonostante le difcolt e l'evidente inutilit di un condursi goffo e melanconico fra l'essere e l'apparire, dove gioco, dove catene; non miro a colmare nessuno scarto fra identit differenti. Composto secondo le logiche della reminiscenza - ma meglio ancora del ricordo di qualcosa che non c' ma ha una forma compiuta. Composto su commissione de London Ear Festival 2013.

Le parole e le cose

A Rosario Mirigliano

Piano

Pno.

{
6

q =52 5 &4

Tempo flessibile

?4

5 #b
mf

5 4

J -

b b

j be 5 4

# J -

b
5

. #. b n # b n n J J
p

4 4 4 4

. #. # n n J J

b# # 3 6 b 4 4 J b b j b . . < n> 3 p b p n n # 3 6 - 4 b # # 4 b n J J 3 mp f mf pp
3

6 4 6 4

&

6 4

?4 6

b 6

. b# b n #

mf

b n b b 6 f n n n
mf

6 4 6 & 4

. b#

b #

b b # n b

# b# . b .
5

. # 3 b b 4 n # J b # b n n n ?3 J 4 ##
3 5

3 4 3 4

## j b b R

6 4 6 4

Pno.

{
{

11

j 3 G # G 3 # nne 6 &4 # q senza sentimento b ## n n #Q b ## n # ?4 6 R #Q R # R J


Pi lento e molle
(senza perdere tempo)

# # b
&
5

# #

b # #
5

# # #3
5

#
J

#b

b bU n n R R U

3 n 4

b b R

7 4
?7 4

3 4

14

7 &4

Pno.

. b . ?4 7

# # bb J

U U n # # J J

1 C fino alla fine

j # # j # # J # # tutto p b n n b b b b b b b
q = 62 > 58

tempo,

b # # # n &
pp
flebili

q = 60

b n #
3

Pno.

Pno.

18

b n n b n w ? b b &

pi sonoro e poco accel.

nb

nbn b . b -

#n# .

n b # . .
j b

tempo

b
mf

b # #
3

b #
3

b n #
rincuorandosi

cresc.

b
& b

j # #
3

b b

21 trasparente

&

b b b b
p

leggero

b .
p

U -

m.s.

& ####

Parassiti della perfetta melodia le inutilit del sogno

. j ?#

b bb n
pp

n
?

6 4

& ### u

b j n

U . # b b n b . J 6 n U # 4 J # J
pensavo ad altro.

# n

Lettere danzanti fluenti e non costrette al proprio destino significativo ho dato un nome e gi

pp

Nascondigli

e = 100

Flauto in do

Violoncello

Piano

= 84 ? e b J
grave

&

n J b J
rit.

jet whistle

e = 100

. . . . n b > b ~ J sfz pp! 3 b gliss. J &b ~ b

>r # . s is gl

>r # . s s i gl

>r # . s is gl

>r # . s s gli

w.t.

inspirando esalando

&

e = 84

rit.

n w r > r . r . -j -j oR
rit.
tongue ram

&

~ b b
amoroso

G - n- > J ~
rit.

e = 84

n # #
6

U ?b J
p

U U

molto rit.
e = 100
ord.

Fl.

Vc.

? n

& b r
jazzy

inspirando

j j n b

gl iss .

rit.

togliendo pressione, fino a sfiorare soltanto

ppp!

&

, #
#O
I

, #
p

b
p

b n3 3

con voce

(ma un po' acceso)

Pno.

rit.

e = 100

#nO
II

pp , n J

e = 84

port.

b ? J

- - - - - - - rit.

&

n n

effetto arpa eolica

n# b J pp
ord.

"

gl iss . pp

nella cordiera con il polpastrello fino alla corda pi bassa

Dessins ou Desseins

Flauto in do

4 &4
&4 4

q = 84

#
mf

Violoncello

Piano

f quanto possibile

&4 4


ff
3

mf

- b
brillante


loco

# #


ppp 3

b
3

?4 4

mp

3 n

&

con molto soffio


(accel.)

Fl.

&

b b
f

nO

nO

O O O o

q = 76

Vc.

Pno.

& &

fino all'estinguersi naturale della risonanza del pianoforte

pp

U
glis s.

4 '' ca.

accel.

j ppp mf

U ~~~~ '' ca. 4 J


4 '' ca.

(flatt.

. J

colpo di chiave

mf

j >

U U

. gliss

. J

U U

mf

pizz. nella cordiera

fino all'estinguersi naturale della risonanza

mp

ord. + corda stoppata

mp

w bbbbbbb w ww w bw ww
mp

nella cordiera

ss. gli
(crescendo poco)

4 Fl.

&

. > gliss. j J O ppp f p


slap

solo soffio

O O O O O O O O O O O j j
mf

# n
3

j # mf

# n

Vc.

? J

Pno.

mf

#
p

> n# R b # J

# J
p

. n> J n # n n> mf mf

tongue ram

&

s. glis

mp

j >

mf

corda stoppata, ma via via togliendo pressione fino a solo ord.

ppp

&

mf

j j . . - sempre mf

j . -

j . -

13

Fl.

& ? J

> . J

. #> J b

> . J

mf

> . J

jet flaut. pont.

Vc.

Pno.

&

<>
3

mf

mp

> . . . .

> . J

pp

> . J

. #> J

> . # J

. n> J

mp

> b n # port. R # # (pizz. bartok)


6

> . J

> . J

> J

> . J

&

j .


mf

j . -

nella cordiera

gliss.

. j J >
p

? O O O

# J

mp

O O O

J O O

b J
p

j -

16

Fl.

&

> > . . J J

> . J

~~~~~~

. J j .
p

libero

5
testardo

pp
3

Vc.

Pno.

? J
p

? r j j b - # ? ~ ~

mf

j
& &

~ ~

j mf p . # # n j J # n .
pp
5

O O

# nn#n##n##
pp

jet

. . .
mf

~~~~~
p

#nn#n# # n
ppp

j # .
p

O O J

10

@ @ @ @

(area della cordiera da stoppare)

20

Fl.

& ? J b &

# # #
p
6

pp

3 # # # # n

Vc.

Pno.

mf

~~~~~~~~~~~~~ 3 3 3 j j - . . . . . . --> mf
p mp
jet

mf

gliss.

mp

n U q. = 72 U

9 8
3

. . 9 b 8 . .
p

mp

.
pp

pp

j j ? j . b # . .
pp

r #

j r r r j b n n . . . . .
mp

j n .

U 9 8 U ~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~ 9 j b 8

b J J p > J

6 Fl.

24

& ? &

n b . J J . . . balzato

j nj . -

o mf .

o mf

gliss . j

#nn#n##n##
pp
10

#
f

o
poco rit.

Vc.

Pno.

mf

r j b . J

. . B . o mp b j .
mp

balzato, fino a batt. 29

j # j # # # . ~~~~ p j b b
ppp

j j bn # b n . ~~~~~~ J <b> n

. . B . . o mf

. . . . . . .

pp

. . . . . . . nb J j J p > J

28

Fl.

&

. j . . . j b> . . . j b . . . . j .

j b
pp

# . . j n . J j .

U U U U

Vc.

Pno.

? . & j # . pp ?

ppp

~~~ J

<b>