Sei sulla pagina 1di 1

Nel dicembre 1995 alcuni ebrei scrissero a Papa Giovanni Paolo per chiedergli di rispondere a tre semplici osservazioni

critiche. Quello che state per leggere sembrer nuovo per alcuni ma chi ben ferrato di cattolicesimo non rester per nulla sorpreso perch sono cose appurate gi da anni. Infatti, per gli stessi motivi per cui i racconti evangelici non sono storicamente attendibili (ne quelli delle altre religioni) gli ebrei non solo possono lecitamente non accettare Ges come Messia (in base ai dati forniti dai vangeli) ma non possono nemmeno essere accusati di deicidio. Questa nuova coscienza ha permesso alla Chiesa di aprirsi alla tolleranza verso le altre religioni e di rimuovere la preghiera contro i giudei. Le domande furono queste: 1) Se le apparizioni avennero in Galilea o in Gerusalemme 2) Le genealogie di Ges come raccontate dai vangeli sono contraddittorie: chi fu il nonno di Ges? Jacob come riportato in Matteo oppure Heli come riportato in Luca? inoltre matteo dice che da Ges al re davide solo 28 generazioni li separavano, mentre Luca ne riporta 43. Che significa questa contraddizione? 3) La genealogia che collega Ges al re Davide passa per il concepimento verginale di Maria. Che cosa c'entra allora Giuseppe? II 19 December 1995, l'assessore del Papa, Monsignor L. Sandri risponde in sua vece e li indirizza ai Padri domenicani della Ecole Biblique di gerusalemme che gli consigliano di contattare il teologo principale della Chiesa: Raymond E. Brown, il quale consiglio loro i suoi testi e di consultarli presso la Ecole Biblique di Gerusalemme. Il 2 February 1996 si recano li per questa consultazione. I testi che consigli sono gli stessi che vi ho linkato nel post pi sotto e hanno l'imprimatur (Nihil Obstat and Imprimatur) della Chiesa. 1) In risposta alla prima domanda brown ammette le contraddizioni e che per secoli abbiamo provato a far coinciderle senza alcun esito. 2) la discendenza da Davide un theologoumenon, una fiction creata dagli autori dei due vangeli per dimostrare che ges aveva risposto all'aspettativa di Israele di un messia. Che i miracoli di Ges non hanno nulla di storico ma sono delle drammatizazioni non fattuali. la nascita a Betlemme mentre Ges era di Nazareth per esaudire la profezia di Isaia, il censimento sotto Augusto e la strage di bambini di Erode mai accaduti, la presetazione al tempio che in realt non corrisponde alle pratiche ebraiche. Conclude dicendo che le storie riportate non sono affatto plausibili e che sono state riscritte dal vecchio testamento. Per ultimo dice che non possiamo ammettere davanti ai fedeli che Ges fu veramente un figlio illegittimo perch perderebbe la sacralit necessaria alla plausibilit della fede Brown, RE, Il concepimento verginale e la risurrezione corporea di Ges (1973) Raymond E. Brown, The Birth of the Messiah: A commentary on the Infancy Narratives in Matthew and Luke, Garden City, New York: 1977