Sei sulla pagina 1di 9

Dipartimento di Meccanica

Politecnico di Torino

Massimo Rossetto

VERY HIGH CYCLE FATIGUE (cenni) Esiste veramente il Limite di fatica?


ORE Cicli 1E+06 1E+07 1E+08 1E+09 1E+10 GIORNI Cicli 1E+06 1E+07 1E+08 1E+09 1E+10 10 27.8 278 2 778 27 778 277 778 30 9.3 93 926 9 259 92 593 Frequenze (Hz) 50 100 5.6 2.8 56 28 556 278 5 556 2 778 55 556 27 778 Frequenze (Hz) 50 100 0.2 0.1 2.3 1.2 23.1 11.6 231.5 115.7 2314.8 1157.4 200 1.4 14 139 1 389 13 889 300 0.9 9.3 92.6 925.9 9 259.3 20000 0.014 0.14 1.4 13.9 138.9

10 1.2 11.6 115.7 1157.4 11574.1

30 0.4 3.9 38.6 385.8 3858.0

200 0.1 0.6 5.8 57.9 578.7

300 0.04 0.39 3.86 38.58 385.80

20000 0.00 0.01 0.06 0.58 5.79

Test oltre 108 cicli alle frequenze abituali (max 300 Hz) sono proibitivi

VHCF (cenni)

Nel tempo ci sono state strutture utilizzate anche oltre il limite di tempo previsto in progettazione, e in alcuni casi si arrivati a rotture a numeri di cicli elevati anche con sollecitazioni al di sotto del limite di fatica

ma anche: Cuscinetti volventi Turbine (vibrazioni ad alta frequenza) .

NB: circa 500000 cicli al giorno! Diametro ruota medio 800-1300 mm; circa 1500 km giorno; 110 cicli in circa 18 anni continuativi
VHCF (cenni) 2

Meccanica dei Materiali Metallurgia Meccanica v110610

VHCF

Dipartimento di Meccanica
Politecnico di Torino

Massimo Rossetto

Macchine di fatica ad ultrasuoni (~20 kHz) Primo prototipo Mason (1950), ma solo negli anni 80, con introduzione calcolatori sono state realizzate macchine realmente utilizzabili
Ultrasonic Transducer: Piecoelectric, axial or torsional Magnification Horn: Increases the vibration amplitude by a factor of 4 to 15 Specimen: Length and shape follows resonance criteria, Surface condition is important Smooth or notched

Resonance vibration at approximately 20 kHz

S.E. STANZL-TSCHEGG, Giornata di studi IGF Fatica ad altissimo numero di cicli, Torino (2008). VHCF (cenni) 3

Principali risultati: - Curve SN Duplex o a doppia pendenza - Modalit di nucleazione delle cricche diverse (nucleazione interna Fish-eye) Due tipologie di materiali: Tipo I: differenza fra resistenza a fatica a a 106 e 109 cicli < 50 MPa; materiali duttili a singola fase senza macro-inclusioni o porosit (ad esempio rame, nichel, leghe di alluminio), acciai basso legati, alcuni acciai inossidabili e ghisa sferoidale per getti. Tipo II: differenza fra resistenza a fatica a a 106 e 109 cicli = 50 300 MPa; acciai legati ad alta resistenza (specialmente acciai per cuscinetti o per molle) contenenti eterogeneit come particelle grossolane di seconda fase (metalliche), pori, inclusioni non metalliche

VHCF (cenni)

Meccanica dei Materiali Metallurgia Meccanica v110610

VHCF

Dipartimento di Meccanica
Politecnico di Torino

Massimo Rossetto

Sakai T. et al., Statistical duplex SN characteristics of high carbon chromium bearing steel in rotating bending in very high cycle regime, Int J Fatigue 32 (2010) p. 497504 VHCF (cenni) 5

Zhang J.M., Influence of inclusion size on fatigue behavior of high strength steels in the gigacycle fatigue regime, Int J Fatigue 29 (2007) p. 765771 VHCF (cenni) 6

Meccanica dei Materiali Metallurgia Meccanica v110610

VHCF

Dipartimento di Meccanica
Politecnico di Torino

Massimo Rossetto

Modalit di nucleazione

700 m

20 m

Bathias C., Drouillac L., Le Franois P., How and why the fatigue SN curve does not approach a horizontal asymptote, Int J Fatigue 23 (2001) p. S143S151

VHCF (cenni)

AISI420steel:Surface fracture.20kHzfatigue,R=1, =900MPa,Nf =8.4x104 cycles S.E.StanzlTschegg ,DGMAnnual Meeting,Berlin,2006


VHCF (cenni) 8

Meccanica dei Materiali Metallurgia Meccanica v110610

VHCF

Dipartimento di Meccanica
Politecnico di Torino

Massimo Rossetto

AISI420steel:Internal fracture.20kHzfatigue,R=1, =630MPa,Nf =8.5x108 cycles


VHCF (cenni)

S.E.StanzlTschegg ,DGMAnnual Meeting,Berlin,2006

AISI420steel:Internal fracture.20kHzfatigue,R=1, =700MPa,Nf =1.1x108 cycles S.E.StanzlTschegg ,DGMAnnual Meeting,Berlin,2006

VHCF (cenni)

Zona ruvida denominata Optically Dark Area (ODA) da Murakami , Granular Bright Facet (GBF) da Shiozawa o Fine Granular Area (FGA) da Sakai [26]; le sue dimensioni sono dellordine di grandezza di quelle dellinclusione e tendono ad aumentare al diminuire della sollecitazione applicata e quindi della durata raggiunta.
10

Meccanica dei Materiali Metallurgia Meccanica v110610

VHCF

Dipartimento di Meccanica
Politecnico di Torino

Massimo Rossetto

Fig. 6. SEM observations of fracture surfaces in surface-initiated fracture and fisheye fracture. (a) Fracture surface in surfaceinitiated fracture mode. (b) Fracture surface in fish-eye fracture mode. (c) FGA around inclusions at the center of fish-eye Sakai T. et al., Statistical duplex SN characteristics of high carbon chromium bearing steel in rotating bending in very high cycle regime, Int J Fatigue 32 (2010) p. 497504

VHCF (cenni)

11

Materiali tipo II Inclusione (liscia) - Si forma la FGA (zona ruvida) Il K applicato ai bordi Kth Ulteriore crescita a bassa velocit fino a 1mm (superficie pi liscia) Crescita secondo i normali meccanismi (Paris) Rottura finale
Inclusione e FGA Crescita della cricca nella zona fish eye Crescita della cricca fuori dalla zona fish eye Zona di rottura finale

La dimensione della FGA diminuisce allaumentare delle sollecitazioni applicate Queste strutture non sono presenti nella fatica classica (ad alto numero di cicli), dove linnesco provocato dalle gli slittamenti.
12

VHCF (cenni)

Meccanica dei Materiali Metallurgia Meccanica v110610

VHCF

Dipartimento di Meccanica
Politecnico di Torino

Massimo Rossetto

Esiste quindi un livello di sollecitazione (o di K applicato al bordo delle inclusioni) al di sopra del quale il meccanismo di formazione della FGA non ha luogo perch si ha direttamente la nucleazione di cricche sufficientemente lunghe, come peraltro al di sotto di una certa sollecitazione non si ha la formazione di PSB (slittamenti persistenti) da cui le cricche nucleano Per materiali che non presentano inclusioni o pori di dimensioni significative (come i materiali di tipo I) la nucleazione attribuita a micro-anomalie strutturali, come grani anormali, cristalli allungati e sottili o colonie perlitiche. noto ad esempio che non ci sono inclusioni o porosit in leghe di titanio, pertanto, la cricca nuclea da discontinuit metallurgiche come cristalli lunghi e sottili nella fase alfa primaria.
VHCF (cenni) 13

Ipotesi sui meccanismi di formazione della FGA (ODA, GBF) Sakai T., Review and prospects for current studies on very high cycle fatigue of metallic materials for
machine structural use, J Solid Mech Mater Eng 3 2009 p. 425

Inclusione

Stadio A Formazione di uno strato sottile di piccoli cristalli: durante una lunga sequenza di sollecitazioni cicliche, attorno ad una inclusione, si forma un sottile (circa 400 nm) strato granulare causato da una intensa poligonizzazione. Stadio B Nucleazione e coalescenza di micro decoesioni il numero di micro decoesioni cresce gradualmente e tali micro decoesioni tendono a coalescere.

Micro decoesioni

Decoesione completa e formazione della FGA Stadio C le zone di decoesione si allargano e si forma una cricca circolare (penny-shape) attorno alla inclusione interna

VHCF (cenni)

14

Meccanica dei Materiali Metallurgia Meccanica v110610

VHCF

Dipartimento di Meccanica
Politecnico di Torino

Massimo Rossetto

Murakami Y., Matsunaga H., The effect of hydrogen on fatigue properties of steels used for fuel
cell system Int. J. Fatigue 28 (2006) p. 1509

Le cricche propagano dallinclusione a causa dellinfragilimento da idrogeno Formazione e propagazione di cricche per infragilimento da idrogeno

Dimensione critica per Kth H2 H+ Crescita normale Inclusione

VHCF (cenni)

15

Shiozawa K. et al, Subsurface crack initiation and propagation mechanism in high-strength steel in a very high cycle fatigue regime, Int.J.Fatigue 28 (2006) p. 1521 Microcricche multiple nucleano a causa della decoesione di carburi sferici localizzati intorno ad una inclusione non metallica. La coalescenza delle micro fessurazioni lungo i confini fra la matrice e le particelle di carburo genera la rugosit della FGA che dipende dalla dimensione dei carburi.

VHCF (cenni)

16

Meccanica dei Materiali Metallurgia Meccanica v110610

VHCF

Dipartimento di Meccanica
Politecnico di Torino

Massimo Rossetto

In alcuni casi le cricche, anche in VHCF, nucleano sulla superficie: nel caso del rame il meccanismo comunque quello della formazione di PSB che, aumentando il numero di cicli richiede un valore di sollecitazione sempre pi basso; al di sotto di un certo valore della sollecitazione non si formano cricche lunghe ma solo cricche corte che, nellambito del numero di cicli della VHCF, non propagano; nel caso dei getti di alluminio le cricche nucleano nel campo della VHCF con un meccanismo simile a quello prima descritto attorno alle porosit, che con questi materiali sono spesso affioranti.

VHCF (cenni)

17

S.E. STANZL-TSCHEGG, Giornata di studi IGF Fatica ad altissimo numero di cicli, Torino (2008)

Formation of LONG cracks above endurance limit, but only SMALL cracks below endurance limit Ppolycrystalline copper
Formation of long propagating cracks (VHCF, 19 kHz) at and pl values ~ 50% above conventional PSB threshold necessary short crack (or notch) length (from Kitagawa diagram) 340 m at conventional PSB threshold crack length actually only 20m

93 MPa:

63 MPa

crack or notch 340 m


VHCF (cenni)

small cracks

20 m
18

Meccanica dei Materiali Metallurgia Meccanica v110610

VHCF