Sei sulla pagina 1di 7

Emanuele Miola (IUSS Pavia) emanuele.miola@unipv.

it

Congresso SLI Salerno, 25-27 settembre 2013

Ch pdom tucc scriv come voeurom(?). Scrivere in lombardo online

1. Dialetto 2.0 (1) Dopo i timori di imperialismo linguistico anglofono (Crystal 2001) [i]n the second decade of the Internet [i.e. dal 2005] this dominance has begun to lessen, as many other language communities have started to publish on the Web. The percentage of English language medium Websites is still very high, but decreasing as a proportion of the whole (Wright 2006: 190, Danet/Herring 2007) WWW allows large numbers to publish, and they can do so in their own language variety (Wright 2006: 209); online publications, precisely because they can be produced, spread, and enjoyed at very little or not [sic] cost, may further veil the chasm between the minority of activists and the public at large (Tosco 2008: 13). Il web uno strumento democratico e quindi pu essere un ambiente privilegiato per (tentativi di) rivitalizzazione e standardizzazione per le lingue minori Le risorgenze dialettali italo-romanze si notano anche, e soprattutto, in Rete (Patrucco 2003, Berruto 2006, 2007). Le variet nordoccidentali pi minacciate sono le pi presenti sul web 2.0 (Tavosanis 2011; Miola in stampa: 119-122) Le tecnologie di CMC osservabili per il web 2.0 sono ad oggi quasi esclusivamente scritte, il che implica necessariamente luso di una grafia anche per le variet minoritarie: Quali grafie sono impiegate per il lombardo online? Qual il ruolo delle grafie in contatto e delle lingue tetto reali o, se ve ne sono, desiderate? Come si possono trattare dal punto di vista sociolinguistico? Quali grafie sono pi praticate sulla WP lombarda (occidentale, http://lmo.wikipedia.org/) e nel gruppo facebook Per quei che parla lombard (di recente rinominato dopo essere stato Per quei che parla milanes: http://www.facebook.com/groups/273487396077585/)?

(2)

(3)

(4)

2. Le grafie per il lombardo online. In teoria (5) (6) La Lombardia intera non ha mai goduto di una koin in senso stretto, n di una grafia unitaria Su internet compaiono per il lombardo varie grafie. Le pi frequenti sono: milanesa classega urtugrafia nificada insbrica nificada (La Vus de l'Insbria) Scriver Lombard

2.1 La milanesa classega ( 7 ) Sanga (1979-80): La grafia tradizionale del milanese , nella sostanza, quella del Cherubini [(1939)]. Unico adattamento nelledizione Isella (1975) delle opere di Porta: non viene pi 1

segnata dallaccento lapertura/chiusura delle vocali anteriori medie.

(8)

La grafia classica perci corrisponde a quella italiana eccetto che per [y], [u], ([o]) [] [], [] [a:], ecc. V[t:s]V V[s:]V V[t:s]# V[d:z]# V[s:]# []# []# [k]# [g]# [] [s] [z] V[w]V che si scrive <u> <o> (<>, <>) <> <oeu> <a>, ecc. solo in posizione finale assoluta <zz> <ss> <zz> <zz> <ss> <(c)c> <(g)g> <(c)ch> <gh> <sg> <sc> <sg> <v>

(tranne quelle sopra segnalate, le consonanti doppie sono pronunciate scempie e segnalano lapertura della vocale precedente; lassordimento delle sonore finali non viene segnalato graficamente)

Nella sua variante pi usata poca necessit di diacritici diversi da quelli consueti Grafia per lo pi italiana, con ricorso alla grafia francese quando manca il corrispondente grafico e alla piemontese per il sistema vocalico Alcune soluzioni peculiari

(9)

ma

(a) per chi alfabetizzato in italiano, il sistema vocalico poco perspicuo; (b) impiego di un di/trigrafo per []

2.1.2 Lurtugrafia muderna ( 10 ) Cerca di sopperire ai problemi in (9): <u> <o> <> <> <> <s> rappresenta [u] [] [y] [] rappresenta [z] (v. anche Beretta 1998; Nicoli 1983 propone <>) resta la rappresentazione di [s]

(vi sono inoltre altre proposte quali labolizione della <h> (para)etimologica, degli apostrofi tra parole diverse e delle doppie in corpo di parola, non sempre accettate da tutti)

volge verso il tedesco (per tramite del ticinese) impiegando anche grafemi originali 2

( 11 ) ma

difficile accessibilit di <>, <> e <> sulle tastiere

2.2.1 Le grafie degli anni 2000: lurtugrafia nificada ( 12 ) parte una cospicua serie di tentativi per dare vita a una grafia che possa rappresentare pi dialetti lombardi (Beretta/Comoletti 2003; Bosoni 2003; LSI 2004; Meneghin 2007); stata promossa soprattutto dalle pagine della wikipedia lombarda, per tutta la Lombardia ( 13 ) http://lmo.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Prublema_d%C9%99_l%27urtugraf%C3%ADa
A bun cnt, dopu una lunga riflessiun d paart di teent, l s' decid d scunsej vivameent l druv chesta urtugrafa, pr la suva natra artifiiala e minga liada aj cunvenzziun urtugrafech tradizziunaj e la suva cumplesitaa. In cheest perut i teent a inn dre a deciit 's fnn, dunca sii pregaa d druvla minga. S vurii scriif in Lumbaart uidentaal ma savii n cun c urtugrafa fll, a inn alternatiif valit a chesta: Urtugrafia insbrica nificada Ortografia milanesa classega Ortografia classega ocidental* Urtugrafia del CLL
* compende <u> per [u] in posizione atona finale e <ou> per [u] tonica. Usata tanto raramente che la pagina di spiegazione della grafie una bozza, redatta in ortografia milanese classica!

( 14 ) ( 15 ) ma

introduzione di <> per [z]/[], di <> (!) per [a]/[]/[e] atono, ecc. questa grafia, nata esplicitamente per luso in internet, risulta non conveniente per chi scrive con tastiera italiana

2.2.2 insbrica nificada (La Vus de l'Insbria, fino al 2007) ( 16 ) creata per linsbrich (!); impiega lalfabeto latino ticinese, cio quello che prevede i grafi <>, <> per le vocali turbate; in essenza lortografia moderna deprivata di <> per [z]. Questa grafia stata usata anche da March Tambrl (2009), con alcune giunte: <oo> in fine di parola <z> etimologica <h> (para)etimologica nei verbi avere e essere <aa> in fine di parola per '[a:] del participio si lascia al lettore la decisione su come pronunciare la parola: v. i dimostrativi, l'articolo (e il clitico di 3a maschile), <in/en>, presenza prenasale di <o> e <u>; <j> indica alcuni clitici e la semivocale [j]

( 17 )

2.2.3 Scriver Lombard (Brasca 2011)1 ( 18 ) unortografia polinomeg-local per el lombard per representar i varietaa jeoletai lombarde d'una foeja[] plussee uniforma de quell qe fann i tradizionai ortografie fonematege e fonetege (p. 9) Programmaticamente tralascia la dimensione fonetica per dar maggior spazio alla riflessione metalinguistica morfosintattica (radicale sempre invariato; fonogrammi fonemici e diafonemici, e logogrammi per alcuni elementi morfologici)

( 19 )

Fonogrammi diafonemici: <> rappresenta <j> rappresenta <g> rappresenta <x> rappresenta <z> rappresenta [s, , ] del milanese, [ts] del bresciano, [] altrove [] e varianti [g] e varianti [z], [], [s], [] e varianti [ts/dz] e varianti

( 20 )

logogrammi <r>, {# / +clitici} rappresenta INFINITO <s>, {[t/d]} ___# rappresenta PLURALE <d>, {# / + morfema flessivo}rappresenta PARTICIPIO PASSATO <e># nei femminili rappresenta PLURALE <el> (e <ol>) rappresenta ARTICOLO DETERMINATIVO MASCHILE PRECONS. <plu> rappresenta PI <a> in <a parli> rappresenta CLITICO DI 1A PERSONA <te> in <te parli> rappresenta CLITICO DI 2A PERSONA <q(u)>rappresenta DEITTICI, PRONOMI o il COMPLEMENTATORE <oo># rappresenta 1A PERSONA
(I unege bandere esclusive podarien vesser < -qe-, -qi- > (p.33))

propone un modello cui possano aderire anche altre variet del continuum gallo-italico; fa esplicito riferimento alle tecnologie della CMC (p. 22); molte soluzioni originali che spaziano dallinglese alle scripte cancelleresche medievali (p. 22), spesso controintuitive per chi alfabetizzato in italiano.

Ringrazio Michele Ghilardelli per avermi facilitato la consultazione di questo lavoro.

( 21 ) Intant qe l de de Pentecost a l'era dre a fenir, i dissepoi i era reunids toets ... Intant qe el di de Pentecost a l'era dre a fenir, i discepol eren reunids tuts ... BG MI

oppure

[ inta:t ke l de de pentekst a l ea dre a fe'ni i dispoi i ea reyni t ... ] [ inta ke l di de pentekst a l ea dre a fe'ni i diepul een reyni: ty ... ] (Brasca 2011: 71)

( 22 )

La koin lombarda la me piass semper de piu perq la me permet de scriv' comodament sensa treboelar per met denter i O e U co la "umlaut". Rispet a la caligrafia bergamasca classega (quela del ducat de Plassa Puntida) vegni mi'a mat a fa zo i acents gioests su tute i parole, ansi ge ne meti prope poc.

3. Posizionamento delle ortografie nella griglia Iannccaro/DellAquila (2008)

( 23 )

milanesa classega urtugrafia muderna urtugrafia nificada fonetica! insbrica nificada fonetica! Scriver Lombard

4. Le grafie del lombardo online. In pratica ( 24 ) http://lmo.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Cunvenzi%C3%B3n_urtugrafica

ma

67% 33% 0%

insbrica nificada milanesa classega altre grafie

N = 6930 pagine (lomb. occ.)

( 25 )

Per quei che parla lombard

N = 27 utenti (attivi nellultimo mese)

Bibliografia Beretta, C. 1998. Grammatica del milanese contemporaneo. Milano: Libreria milanese. Beretta, C. / Comoletti, C. 2003. Grafia lombarda semplificata. In: Beretta, C. (a c. di), Parlate e dialetti della Lombardia: lessico comparato. Milano: Mondadori, 23-24. Berruto, G. 2006. Quale dialetto per lItalia nel Duemila? Aspetti dellitalianizzazione e risorgenze dialettali in Piemonte (e oltre). In: Sobrero, A.A. / Miglietta, A. (a c. di): Lingua e dialetto nellItalia del Duemila. Galatina: Congedo, 101-136. Berruto, G. 2007. Sulla vitalit sociolinguistica del dialetto, oggi. In: Raimondi, G. / Revelli, L. (eds.): La dialectologie aujourdhui. Alessandria: dellOrso, 133-148. Bosoni, J.G. 2003. Una proposta di grafia unificata per le variet linguistiche lombarde: regole per la trascrizione. In: Bollettino Storico dellAlta Valtellina, 6, 195-298. Brasca, L. 2011. Scriver Lombard. Monza: Menaresta. Cherubini, F. 1839-. Vocabolario Milanese-Italiano. Milano: DallImperial Regia stamperia. Crystal, D. 2001. Language and the Internet. 1st edition. Cambridge: Cambridge University Press. Danet, B. / Herring, S.C., eds. 2007. The Multilingual Internet. Oxford: Oxford University Press. Iannccaro, G./DellAquila, V. 2008. Per una tipologia dei sistemi di scrittura spontanei in area romanza. In: Estudis Romnics 30, 311-331. Isella, D. 1975. Brevi norme per la lettura dei testi milanesi. In: Porta, C., Poesie. Milano: Mondadori, LXXIX-LXXXIV. LSI 2004 = Lessico Dialettale della Svizzera Italiana. 5 voll. Bellinzona: Centro di Dialettologia e Etnografia. Meneghin, C. 2007. Rebuilding the Rhaeto-Cisalpine written language: Guidelines and criteria. Part I: RS-Orthography. In: Ianua 7, 37-72. Miola, E. in stampa. A Sociolinguistic Account of WikiPiedmontese and WikiLombard. In: Sociolinguistica 27, 117-132. Nicoli, F. 1983. Grammatica milanese. Busto Arsizio: Bramante. Patrucco, E. 2003. Sul dialetto in Internet. In: Rivista italiana di dialettologia 27, 139-174. Sanga, G. 1979-80. Lombardia. In: Id. (a c. di), La grafia dei dialetti, Rivista italiana di dialettologia 4, 225-233. Sanga, G. 1999. Il dialetto di Milano. In: Rivista italiana di dialettologia 23, 137-164. Tambrl, M. 2009. Scerna de stori del Rudyard Kipling. [http://www.giurnal.org/] (sito offline all1.9.2013). Tavosanis, M. 2011. Litaliano del web. Roma: Carocci. Tosco, M. 2008. Introduction: Ausbau is everywhere! In: International Journal of the Sociology of Language 191, 1-16. Wright, S. 2006. Regional or minority languages on the WWW. In: Journal of Language and Politics 5/2, 189-216. Sitografia http://lmo.wikipedia.org www.facebook.com/groups/273487396077585/ www.facebook.com/scriver.lombard?fref=ts www.giurnal.org (offline)