Sei sulla pagina 1di 100
[Ror 4st For /o4 69 ! LAVINIA BORRIERO del Istituto Universitario Ortentale di Napoli GRAMMATICA BULGARA LICOSA LIBRERIA COMMISSIONARIA SANSONI FIRENZE, (Per In revisione finele del testo si ringraziano sentilamente Katina Ivanova FHanska Stojan Zerev delfistituto di Lingua Bulgara presso VAccadlemia delle sienze di Sofia, diretto dal Prof. Ljubomir Andrejéin ‘ w Lingue slave sono: 1) il russo, il bielorusso (0 belorusso, 0 russo bianco), Pucraino (0 piccolo russo 0 ruteno) che formano il gruppo orientale; 2) il polacco, il ceco, lo stovacco, il lusaziano che formano il gruppo 0% dentale; 3} 10 sloveno, if serbocroato, il macedone, il bulgaro che formano ill gruppo meridionale, ‘A proposito del bulgaro, @ noto che questa lingua slava ereditd il nome dai bulgari, i conquista‘ori di stirpe turanica che, insediatisi in questa zona slavo meridionale nel VII secolo, furono poi sopraffatti daltelemento slavo. Nei confronti delle altre lingue slave i bulgaro (come pure it mace- done) si distingue per alcune caratteristiche proprie e comuni con altre lingue balcaniche: uso delVarticolo posposto (cf. romeno ¢ albarese), ad es, masa (tavola), masata (la tavola); la scomparse dellinfinito ¢ Ia sua sostituzione con una subordinata al presente (cf. il neogreco, il romeno, albanese, il serbocroato (in parte), ad es.: non potel (non posso, non potrd) che io vada in luogo di andare. 1 bulgaro, come il russo, Pucraino, il bielorusso, il serbo, il macedone, si scrive con Falfabeto cirillico, antico di undici secoli, semplificetosi nel corso del tempo. I! termine vuole rieordare San Cirillo, creatore (can Meto~ dio) della prima scrittura slava, sembra precedente a quella cirillica e molto pit) complessa, deta glagolitica Cirillico @ dunque Valfabeto degli slavi ortodossi, entrati a far parte dell'arca cristiana bizantina dal secolo IX-X; gli slavi di ito cattolicoromano hanno adottato Lalfabeto latino, corredato di speciali segni diacritici. Si noti, in merito ‘al serbocroato, unica lingua dei serbi ¢ dei croati: i primi usano Valfabeto cirillico, i seeondi quello latino, Le lettere delalfabeto cirillico derivano per la maggior parte dal greco maiuscolo detto onciale, altre sono di provenienza incerta In questo alfabeto, ¢ in quello glagolitico, sono scritti i monumenti dolla pia antica lettoratura slava, detta paleoslava, 0 veterobulgara, o slava ecclesiastica antica, fiorita fra il IX e PXI secolo, nella parlata bulgaro- macedone dei dintorni di Satonieco, Per gli xesempi» del presente manuale, ef in parte: J. Auapesiiaa H. Kocton Enso Hukonos, Banzapexs ems, Combi 1962; Cr. Cramton, Ipastanua na Ganzapersin ronuonoaeH eth COPS 1964; Tlerep Mamon, Baaeapcxuam enazos, Compa 1966; M Mockos, Baneapexu npasonuc, Costa 1968; JI. Canona — M, MapHone, Kpamxa Gsneapcra epamamuxa, Coda 1962; 11, Mawion B. Toone XP. Topse™ Coepemenen Gaazapexu eaux, Codyan 1965; M. Maprriosa M. XybeHona ‘A. Axxynaaaniona, Beseaporu eotn, nopea u entopa acm, COPS 964-1968; K Tonos, Ceepentenen Gszapcxu eaux Cunmaxcuc, Codprin 1974 Pewnux na cospemennun Soreapcru xuunocen eaux, Bratapcxa AKEACMIAY, 8 Hayeiere, Codi 1955; Banzapexu maaxoaen peunux, Hayse 1 gyre Codua 1963; Cr. Maaaenos, Ipamamuna na Saneapexur eaux, Coden 1939; L. Beaulicus, Grammaire de la langue bulgare, Paris 193% ®. Damiani, Corso di lingua bulgara teorico-pratico, Roma 1942; . TTerkesios, Hima- AuancKa epamamura, Corban 1970. vir