Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 10 ottobre 2013


anno XLVI (nuova serie)

numero 37 - contiene I.P. euro 1,20

37
8 Chiesa
A colloquio con lesorcista don Castorri
vescovi dellEmilia Romagna hanno pubblicato un I documento sulla religiosit alternativa, lo spiritualismo e le sette

Diocesi
Si avvicina il pellegrinaggio diocesano a Roma
ono 600 i fedeli che si sono prenotati per S lesperienza proposta come chiusura dellanno della fede

Rete digitale
Il Corriere Cesenate sempre pi presente sui social network
opo Facebook, dove sono un migliaio i D contatti che seguono gli aggiornamenti, ora spazio anche a Twitter

Diocesi
Famiglie, Abbiate il coraggio di essere felici
niziati gli incontri proposti da Pastorale familiare, I giovanile e sociale. Prossimo appuntamento il 14 ottobre con Pietro Lombardo

Editoriale Cos non va bene


di Francesco Zanotti

Con la crisi c chi si ingegnato nel crearsi unoccupazione

ha detto il vescovo Douglas. capitato domenica scorsa in una parrocchia di campagna, nellomelia, durante la messa in cui monsignor Regattieri ha amministrato la cresima a un bel gruppo di ragazzi. Con in mente i tanti adolescenti che vagano di notte anche vicino alla sua Cattedrale, il presule ha alzato la voce e ha ripetuto: Cos non va bene. I nostri giovani rimangono in giro no al mattino. E bevono. Non che non si possa bere. Non va bene esagerare. Non che non vada bene divertirsi. Anzi. I giovani devono divertirsi. Il vescovo ha fatto riferimento anche al recente festival del cibo di strada, Saporie. Sembra si pensi solo a mangiare, stato il suo forte appunto. di certo importante questa dimensione, ma occorre darle il giusto peso, non farne un idolo. Non si pu banchettare e basta, questa la sostanza del secondo pressante invito alle famiglie dei cresimandi da parte di monsignor Regattieri. Vogliamo essere spirituali o materiali?, si chiesto ancora il vescovo. Forse aveva in mente un passaggio dellintervento di papa Francesco ad Assisi, in cui il Pontece ha messo in guardia la Chiesa dal pericolo della mondanit. Ci vuole il coraggio di spogliarsi dello spirito del mondo, che la lebbra, il cancro della societ, aveva aggiunto Jorge Bergoglio. A seguito degli ultimi incidenti notturni in centro, a Cesena, si aperto un vivace dibattito in citt sulla movida e sul notevole afusso di gente di ogni et che si registra nel ne settimana. Con i suoi numerosi bar e locali notturni, Cesena divenuta, nellultimo decennio, unautentica calamita per tutta la Romagna. Oltre al giro daffari, importante anche quello, bisogna chiedersi se quanto proponiamo ha un valore. Una domanda che ritengo legittima e di fronte alla quale anche il vescovo Douglas si interrogato. Dopo la lettera pastorale dalleloquente titolo Giovane, cosa cerchi?, monsignor Regattieri non smette di cercare contatti con quanti desiderano trovare la loro strada. Giovani che si ritrovano a vivere anni in cui si sgretolato il passato e disarticolato il presente, ragazzi come astronauti dentro capsule senza gravit: c di tutto nel loro ambiente, ma non c alcuna scala di merito, scrive il vescovo nella sua lettera pubblicata il mese scorso. Leducazione non un insieme di regole. Non pu esserlo, per denizione. Nelle norme imposte uno si sente schiacciato e non pu sentirsi stimato. Lamore pu costituire la differenza. Quello con la A maiuscola. Quello che tutto dona senza chiedere nulla. Da padre a glio. Da glio a padre. Cos, con semplicit, ogni giorno daccapo.

Lavoro da inventare

GAMBETTOLA, LA CALZOLAIA EX CAMERIERA

Leconomia stenta a riprendersi e trovare lavoro non facile. Cos c chi se lo inventa e si adopera in attivit che, fino a qualche anno fa, non avrebbe mai pensato di iniziare. A Gambettola da alcuni anni opera una calzolaia che, in precedenza, aveva fatto la cameriera. A Cesena due giovani hanno aperto una pasticceria in stile anglosassone, tre donne si occupano dellorganizzazione di eventi e matrimoni e due ragazze hanno aperto un negozio-laboratorio in cui si usano materiali di scarto e riciclo. Di fronte a queste curiose e innovative idee, non mancano le famiglie in difficolt. Adiconsum lancia lallarme: in un anno le richieste daiuto sono raddoppiate. Primo piano alle pagine 4 e 5

Cesena 14 Giovane cesenate volontaria in Sierra Leone Bora 17 Inaugurato il nuovo plesso scolastico

Cesenatico 15 Allagamenti e danni in citt e in campagna Avo 18 Parte il corso per i volontari ospedalieri

PARTENZE SPECIALI VIAGGI MANUZZI


SPECIALE COSTA CROCIERE COSTA SERENA DA SAVONA Baleari, Spagna e Francia Partenze del 29 ottobre, 18 e 19 novembre
- 8 GIORNI

Informazioni e prenotazioni

da 249 euro
- 10 GIORNI

CESENA - Gall. Almerici, 3 - Tel. 0547 618511 www.viaggimanuzzi.it

COSTA FORTUNA DA SAVONA Spagna, Marocco e Portogallo Partenze del 2, 11 e 20 novembre

da 549 euro

CAPO VERDE - Isola di Sal Bravo Vila do Farol - all inclusive Partenze di ottobre CARAIBI - Santo Domingo - Bayahibe Veraclub Canoa - all inclusive Partenze di ottobre EMIRATI ARABI - Dubai Igv Club Al Hamra Fort - pens. compl. Partenze di ottobre, novembre e dicembre

da 591 euro

da 961 euro con bevande da 990 euro

Acquistiamo Appartamenti e Case da ristrutturare a Cesena

PAGAMENTI RAPIDI
info & appuntamenti

334 3588143

Opinioni

Gioved 10 ottobre 2013

Strage di immigrati. Quando si dir basta?


LAMPEDUSA, 7 OTTOBRE: LE BARE DEGLI IMMIGRATI MORTI IN MARE NEL NAUFRAGIO DEL LORO BARCONE IL 3 OTTOBRE (FOTO AFP/SIR)

Marta o Maria...
Cosa rimane alla scuola cattolica? Con le briciole non si resiste pi
uori piove. Pare proprio il primo giorno dautunno dopo un settembre tiepido come la primavera e dai filari carichi di Sangiovese, che profumano dellultimo sole. Dopo i roboanti proclami del presidente Letta alla Settimana Sociale dei Cattolici di Torino in merito al sostegno alla famiglia, cosa rimane alla scuola cattolica? Briciole. Recentemente il Governo ha approvato il decreto scuola, ora allesame del Parlamento: qui, lunico riferimento alla scuola paritaria (che - lo ricordo - fa parte del sistema pubblico dell'istruzione, esattamente come la scuola statale) relativo al divieto di fumo a scuola.. Nelle bozze della Finanziaria del 2014 previsto un taglio del 50 per cento del finanziamento storico per la scuola paritaria, equivalente a circa 250 milioni di euro cio, appunto, briciole per lo Stato che tuttavia decreteranno la fine del servizio scolastico finora reso a favore di oltre un milione di bambini e ragazzi e il licenziamento di circa 100mila addetti che vi lavorano. Resteranno nella scuola paritaria solo gli studenti che saranno in grado di sostenere lonere di rette sempre pi alte. Alla faccia della libert di scelta! Nello stesso decreto, poi, viene previsto un potenziamento del corpo docente dedicato al sostegno della disabilit, ma ci, naturalmente, solo nelle scuole statali: di conseguenza, il sostegno della disabilit dentro le paritarie sar a totale carico delle famiglie e della scuola stessa, contraddicendo l'elementare principio giuridico delluguaglianza tra gli studenti. Inoltre, gli enti gestori della scuola paritaria non hanno ancora ricevuto lultima tranche di 80 milioni di euro relativi al finanziamento del 2013: un semplice problema tecnico, dicono al Ministero dell'Istruzione, che per mette in ginocchio un servizio pubblico. Sinistra, destra o centro, il tempo del valzer sempre quello, da anni: una musica sorda a comprendere che solo partendo (anzi, ripartendo) dalleducazione possibile la rinascita del nostro popolo. Nuvole viola cariche di pioggia si affacciano allorizzonte

La fotograa
Tombe di naufraghi a Lampedusa. Le bare dei profughi morti nel naufragio del 3 ottobre saranno trasportate in altri cimiteri della Sicilia. Quello di Lampedusa pieno... (foto Afp/Sir)

mentre una pallida luce giallastra riluce, poco pi in l: questo tempo non promette nulla di buono, ci nonostante il cuore non smette di attendere qualcosa di nuovo. Questa situazione ci sprona a ripensare al nostro ruolo di famiglie: vincere l'individualismo e promuovere unautentica sussidariet. Forse pensiamo che queste siano altre cose da fare, che si aggiungono e sovrappongono al gi gravoso compito di tirare su dei figli? No, sono invece le espressioni di una passione e di una amore proprio alla famiglia che facilitano l'incrementarsi del bene nella famiglia. Penso alle due famose sorelle dell'annuncio evangelico, Marta e Maria, e alla dinamica del loro rapporto con Ges: nellepisodio non in gioco lattivismo di Marta o lintimismo di Maria ma il prevalere di una passione per Chi avevano di fronte. Di fronte a questa crisi che ci taglia le gambe, non possiamo cavarcela attivando o l'uno o l'altro atteggiamento: rimettiamo al centro del nostro interesse la bellezza della fede per vivere di pi ed intensamente. Le parole di papa Francesco ci aiutano ancora una volta: Io vedo con chiarezza che la cosa di cui la Chiesa ha pi bisogno oggi la capacit di curare le ferite e di riscaldare il cuore dei fedeli, la vicinanza, la prossimit. Io vedo la Chiesa come un ospedale da campo dopo una battaglia (Intervista a Civilt Cattolica settembre 2013). Non dimentichiamo che il 10 maggio 2014, all'incontro del mondo della scuola con il Papa, a Roma, porteremo il frutto del lavoro di quest'anno scolastico.. Antonio Belluzzi

Gioved 10 ottobre 2013

Primo piano

Gambettola Stefania Rossi dopo anni come cameriera diventata "ciabattina"


a qualche anni a Gambettola, in via Gramsci, si trova il negozio "La Calzolaia", attivit artigianale di riparazione di scarpe e borse, gestito da Stefania Rossi. Nel nostro territorio non consueto trovare una donna alle prese con un mestiere considerato da sempre prerogativa maschile. "In effetti questo quanto comunemente intende la gente di queste parti - spiega Stefania Rossi -. Per me, invece, che sono laziale dorigine, lo trovo normale visto che non solo nel Lazio, ma anche in altre regioni dItalia, vi sono donne che svolgono questa attivit". Per qualcuno trovarsi di fronte una calzolaia donna pu causare qualche titubanza. "Confesso che allinizio della mia attivit ho avvertito nei clienti questa sensazione - precisa Stefania-, ma sicura della mia abilit manuale non mi sono lasciata scoraggiare e, col passare del tempo, grazie ad un passaparola di clienti soddisfatti, il mio lavoro aumentato". A vederla al lavoro sembra che non abbia fatto nientaltro che risuolare, rifare tacchi, cucire e riparare. Negli ultimi tempi aumentato il numero di coloro che cercano di conservare al meglio le calzature, magari con una nuova suola oppure sostituendo i tacchi. Segno che la crisi sta cambiando alcune vecchie abitudini

Unacalzolaia chesifa rispettare


"Allinizio cera diffidenza verso una donna che fa questo mestiere ma poi si sono ricreduti quando mi hanno vista al lavoro"
tipiche dellusa e getta. "Sono in Romagna da ventanni e da tre risiedo a Gambettola, mentre prima abitavo a Cesenatico dove ho fatto la cameriera in un ristorante. Ad un certo punto ho avvertito il desiderio di staccare da quel lavoro che non conosceva soste, a parte il turno di riposo settimanale. Ne ho

parlato con un amico calzolaio di vecchia data di Cesenatico, il quale, quasi per scherzo, mi ha proposto di andare da lui come "garzone di bottega". La curiosit che mi ha spinto ad accettare linvito e in breve tempo si trasformata in passione che ho alimentato giorno dopo giorno per circa due anni". Ed stato sempre questo amico a consigliarle di aprire unattivit in proprio. "Mi ha dato le informazioni su quali attrezzature comperare, dove trovarle mi ha consigliato proprio Gambettola perch zona parzialmente scoperta e vicino ai Comuni di collina tuttora sprovvisti di calzolaio". A Gambettola fino agli anni 80-90 di ciabattini ce nerano due. Poi per un periodo si temuto di non trovare chi proseguisse questo mestiere visto che lavvento della globalizzazione dei mercati ha coinciso con larrivo dei prodotti "made in China", quasi usa e getta. "Sar perch abitudinari, o perch al giorno doggi di soldi per comperare scarpe nuove di vera pelle e cuoio ce ne sono meno - conclude la Rossi -, ma c sempre pi gente chi ricorre al calzolaio per le riparazioni. Segno evidente che nel mio negozio, oltre ad una rassicurazione sulla convenienza o meno della riparazione, trovano giusto il rapporto tra la qualit del lavoro e il prezzo richiesto". Piero Spinosi

Adiconsum Cisl: "Richieste di aiuto raddoppiate"


Lassociazione aiuta i cittadini dando una consulenza per cercare di ripianare i bilanci familiari. In crisi le giovani coppie che non hanno modificato le proprie abitudini
olo nellultimo anno sono stati circa una cinquantina gli accessi allo sportello territoriale dellAdiconsum della Cisl che da anni si occupa di seguire le famiglie afflitte da sovraindebitamento. "Rispetto agli scorsi anni - spiega Stefania Battistini, responsabile dellAdicosum cesenate - le richieste di aiuto sono raddoppiate. La nostra associazione lunica nel panorama nazionale che gestisce per conto del Ministero del Tesoro il fondo antiusura istituito dalla legge 108/1996 che prevede lassistenza di famiglie in gravi difficolt economiche. Noi non diamo soldi, ma ci offriamo come sostegno alle famiglie con debiti e cerchiamo di farci da tramite fra i cittadini e gli istituti bancari o le finanziarie". Nello specifico Adiconsum attiva una rinegoziazione: somma tutti i debiti, riorganizza il bilancio familiare e cerca di trovare una soluzione a rate sostenibile che possa portare la famiglia a risolvere i propri debiti in tempi ragionevoli e senza accrescere il proprio disagio. "In particolare negli ultimi tempi - continua la responsabile - sono stati diversi gli anziani in pensione che si sono rivolti a noi perch si sono indebitati con lintento di aiutare i figli in difficolt. Alcuni si sono ritrovati con i figli disoccupati e hanno cercato di sostenerli. Nella maggior parte dei casi i debiti vanno dai 5mila euro ai 25mila euro nelle situazioni pi serie". Poi vi sono anche quelle famiglie, per lo pi di giovani, che hanno una gestione del denaro poco consapevole. "Si tratta di nuclei familiari - aggiunge Stefania Battistini - che dinnanzi ad una diminuzione delle entrate non sono state in grado di cambiare il proprio stile di vita, azzardando ad esempio spese non opportune o buttandosi in finanziamenti che hanno accresciuto lo stato di indebitamento. Anche in questi casi operiamo cercando prima di tutto di educare ad un uso parsimonioso del denaro e alla ridefinizione delle priorit". Le preoccupazioni per gli anziani non sono legate solo allindebitamento. In molti casi i pensionati faticano a trovare i soldi per curarsi, peggiorando cos la loro fragilit. TROPPI POVERI "Tra i poveri vecchi e nuovi c una quota significativa che vive in una condizione di povert relativa, l8.6 per cento, mentre il 6,1 per cento in uno stato di povert assoluta". Ecco alcuni dei dati che pi preoccupano Luigi Brancato, segretario generale della Fnp Cisl Romagna.

Tante le famiglie che chiedono aiuto per superare la crisi economica (foto archivio Pagliarani)

"Si tratta di pensionati - continua Brancato - che non hanno meccanismi di difesa efficaci e per i quali il disagio da scarso reddito (il 50 per cento dei pensionati non arriva a 1000 euro al mese) diventa un elemento di emarginazione e di solitudine. La povert ricade anche su condizioni di salute. Non ci si cura come si dovrebbe, si allentano i controlli e le terapie sanitarie e si accentua la fragilit psichica e fisica". C un dato significativo presentato dal Banco farmaceutico che evidenzia una povert farmaceutica che certifica la difficolt a curarsi soprattutto da parte della popolazione anziana. "Proprio per questo la Fnp - precisa il segretario - sta portando avanti una serie di richieste prioritarie. Fra queste labolizione del blocco delle indicizzazioni delle pensioni, poi il raggiungimento di misure di fiscalit positiva a vantaggio degli incapienti. Inoltre la Fnp mira ad accrescere il potere dacquisto delle pensioni che stato decurtato del 30 per cento".

LAIUTO DELLA FAMIGLIA Nonna Rina del 1924. E una pensionata fortunata poich percepisce 900 euro di pensione al mese. Di recente le anche stata riconosciuta lindennit di accompagnamento per uninvalidit e quindi il suo assegno mensile raggiunge la cifra di 1200 euro. Una somma dignitosa e senza dubbio sufficiente per i bisogni della signora. "Io non mi sono mai lamentata della mia condizione economica - spiega la nonnina - ma devo ammettere che se non vivessi a casa di mia figlia, dove mi sono dovuta trasferire quando le mie condizioni si sono aggravate, difficilmente sarei riuscita a pagare uninfermiera o una badante e a far fronte a tutte le spese di casa. Non so come facciano gli anziani soli che non possono contare su nessuno. Pur avendo una pensione buona, da sola non sarei mai riuscita a mantenermi. Ora invece vivendo con mia figlia e la sua famiglia sono seguita e vedo pi spesso i miei nipoti". Barbara Baronio

Primo piano

Gioved 10 ottobre 2013

Non mancano nel Cesenate idee innovative portate avanti da giovani. C chi ha aperto un negozio di pasticceria anglosassone, chi organizza matrimoni e chi promuove il riuso

"Se non c, il lavoro lo invento"


Francesca Siroli
a crisi? Si batte anche con idee vincenti e innovative. A fare scuola a Cesena sono alcune attivit imprenditoriali guidate da giovani, che fin da subito si sono imposte sulla scena locale raggiungendo anche una certa soddisfazione economica. Alberto Dolcini, 33 anni, e Valentina Fantocci (35), hanno conquistato i cesenati con la dolcezza dei cupcakes della loro Kevin & Victorys Bakery, negozio di pasticceria anglosassone che spicca in via Curiel per loriginalit del design. "Nonostante la laurea in lingue e anni di studio a Tokyo non ho trovato un lavoro che corrispondesse alle mie aspettative - racconta Alberto Dolcini -. Dopo diversi lavori precari, io e Valentina abbiamo deciso di lanciarci in questa avventura. Lei ha sempre avuto passione per larte pasticcera e il life style di impronta americana che lha spinta a lanciarsi in un incessante lavoro di ricerca, alla scoperta di ricette innovative e di decorazioni e abbinamenti golosi. Eravamo senza esperienza e per mettere su questa attivit abbiamo fatto molti corsi". La piccola bottega artigianale, aperta due anni fa, si ben presto trasformata in un vero e proprio concept store, una sorta di paese delle meraviglie dove ogni giorno si sfornano cremose tortine con raffinati decori. "Fin da subito i cesenati ci hanno apprezzato e oltre ai complimenti abbiamo ricevuto tanti suggerimenti per migliorare le nostre creazioni. Nonostante la crisi contiamo su una clientela affezionatissima", prosegue. Specialit di questa pasticceria di alta qualit sono le cupcakes, tipici dolci americani. "Seguiamo le tradizionali ricette anglosassoni adattate al palato Da sinistra Sara Bulgarelli Annalisa Masini e Francesca Magnani

Da sinistra, Federica Giordani e Giulia Lambertini

Alberto Dolcini e Valentina Fantocci

italiano e utilizzando ingredienti freschi e genuini che reperiamo localmente, a chilometro zero, e la differenza si sente - sottolinea Dolcini -. Americani e inglesi di passaggio a Cesena sono rimasti entusiasti delle nostre tortine, ritenendole pi buone di quelle prodotte nei loro Paesi". Un marchio quello di Kevin & Victorys Bakery che ha oltrepassato i confini di Cesena sbarcando a Milano e presto anche a Roma. Non vero che non ci si sposa pi: parola di Annalisa Masini (28 anni), Sara Bulgarelli (32) e Francesca Magnani (41), le titolari di Di punto in bianco, dinamico spazio dedicato al matrimonio e allorganizzazione di eventi che ha aperto i battenti un anno fa via fratelli Rosselli. "Abbiamo colto al volo unoccasione arrivata al

momento giusto: con la chiusura di un punto vendita di abiti da sposa, in citt rimanevano solo due attivit di questo tipo - spiega Annalisa Masini, che con Sara Bulgarelli gestiva in precedenza unattivit di organizzazione eventi in zona Ponte Vecchio -. La nostra filosofia quella di offrire, accanto a proposte classiche, anche abiti di tendenza, come quelli corti e colorati, per accontentare tutti i gusti e le richieste. Per scelta prendiamo un appuntamento alla volta cos da assicurare alla neo sposa tutta la massima attenzione per affiancarla in un momento cos importante della vita". Una scelta vincente: "Nel primo anno di attivit abbiamo ottenuto un risultato insperato, vendendo pi del doppio di quanto preventivato", sottolinea Antonella. La giovane imprenditrice lamenta per la

mancanza di aiuto da parte delle Istituzioni: "A livello economico non ci ha aiutato nessuno e la burocrazia ci ha ostacolato, ma abbiamo avuto la fortuna di contare sullaiuto dei nostri genitori che hanno creduto insieme a noi in questo progetto". Nonostante il difficile periodo economico, gli innamorati non rinunciano a dirsi s e le spose, in particolare, allabito dei sogni, semmai "preferiscono risparmiare su altro, come i fiori o le bomboniere". Stenta invece a decollare lattivit di wedding planner, consulenza di organizzazione di matrimoni da parte di un professionista. "Si tratta di un servizio che aiuta le coppie a risparmiare tempo basandosi sulle esigenze di budget - spiega -. Ma ancora non c molta richiesta di questo servizio: la nostra una piccola citt e i

cesenati, grazie al passaparola, preferiscono far da soli". Hanno seguito il filone dellecosostenibilit le 30enni Federica Giordani e Giulia Lambertini, titolari di Ofelia tuttotorna: negoziolaboratorio di design e materiali di scarto sorto due anni fa in via Fra Michelino, nel cuore di Cesena. "La nostra filosofia quella di diffondere la cultura del riciclo, proponendo oggetti di design e accessori realizzati da ecobrands e dai nuovi artigiani del riuso, alcuni anche di nostra produzione", dice Federica Giordani. In breve tempo la bottega diventata un punto di incontro per tutti gli amanti del riciclo anche grazie allorganizzazione degli swap parties (dove si possono barattare capi di abbigliamento che non si usano pi) e laboratori.

SAN GIORGIO (Cesena): in zona verde e tranquilla villetta a schiera centrale in pronta consegna con soggiorno, cucina abitabile, 3 camere da letto, 3 bagni, tavernetta, cantina, ampia mansarda, ripostigli, garage e giardino. 380.000 / Rif. 0986 A DUE PASSI DAL CENTRO STORICO (Cesena): in piccolo contesto di sole 4 unit, appartamento su due livelli recentemente ristrutturato composto da ampio soggiorno/pranzo, cucina abitabile, studio, 2 bagni, camera matrimoniale con cabina armadio, 2 camere singole, garage e corte esterna. Ottime finiture, riscaldamento a pavimento, aria condizionata e pannelli solari. Trattativa riservata / Rif. 1370 CASE FINALI - RIO MARANO: in posizione verde e tranquilla nuova costruzione di villette bifamiliari con ampio giardino, ecocompatibili e ad alto risparmio energetico. Possibilit vendita di singoli lotti. Info in ufficio / Rif. 1241 SANTEGIDIO (Cesena): in piccola palazzina al secondo e ultimo piano appartamento in parte ristrutturato composto da soggiorno, cucina abitabile, 3 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi, cantina e garage. Impianti autonomi. 210.000 / Rif. 1254 SAN VITTORE (Cesena): in contesto residenziale del 2009 con ampi spazi verdi e dotato di ascensore, allultimo piano appartamento con ottime finiture composto da soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, bagno, 2 terrazzi, ampio sottotetto ad uso ripostiglio, cantina, garage e posto auto riservato. Predisp. per aria condizionata, aspirazione centralizzata e canna fumaria. 227.000 / Rif. 1332 ZONA SEMINARIO/OSPEDALE (Cesena): in palazzina immersa nel verde e nella tranquillit, appartamento al piano rialzato composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 3 camere da letto, 2 bagni, terrazzo, cantina e ampio garage. 230.000 / Rif. 1129 GAMBETTOLA: in palazzina di recente costruzione appartamenti con ottime finiture di diversa tipologia con possibilit di ingresso indipendente, corte esclusiva, sottotetto e garage. Pronta consegna. Informazioni in ufficio / Rif. 0178

CASE FINALI: in zona verde e tranquilla appartamenti di nuova costruzione di varie tipologie con giardino o sottotetto, ottime finiture con riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso

Gioved 10 ottobre 2013

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

Veglia di preghiera missionaria


Sabato 12 ottobre alle 21 in Cattedrale a Cesena
Il tema della Giornata missionaria mondiale di questanno Sulle strade del mondo. Sabato 12 ottobre alle 21, in Cattedrale a Cesena, alla Veglia di preghiera promossa dallUfficio missionario diocesano e presieduta dal vescovo Douglas si pregher in particolare per le missioni. Le riflessioni sullessere missionari oggi saranno stimolate dalle testimonianze di cinque laici stranieri che diranno come hanno vissuto lappartenenza alla Chiesa nel proprio Paese di origine.

IL GIORNO DEL SIGNORE


C una lebbra interiore difficile da debellare
Domenica 13 ottobre - Anno C Ventottesima Domenica T. O. 2Re 5,14-17; Salmo 97; 2Tm 2,8-13; Lc 17,11-19
Nello specifico, lattenzione si posa sul movimento del lebbroso: movimento che supera la distanza, che invece aveva mantenuto insieme ai suoi compagni mentre implorava la guarigione. Il miracolo sta proprio qui: non nel prodigio di una guarigione insperata, ma nella scoperta straordinaria fatta da questo straniero. possibile avvicinarsi alla salvezza di Dio, in quanto la distanza fra luomo e Dio stata colmata dalla storia di Ges. E questa salvezza non legata a ragioni di carattere etnico o religioso, ma alla disponibilit ad aprire il proprio cuore alla gratitudine di fronte al dono immeritato della salvezza. Scendendo a un livello pi profondo, possiamo dire che la guarigione dalla malattia fisica (la lebbra) pi facile della guarigione dallingratitudine: c una lebbra interiore che pi difficile da debellare rispetto a quella epidermica! Come a dire: in dieci sono guariti, ma uno solo salvato. C per un abisso insondabile tra guarigione e salvezza che, solo in unottica di gratitudine, pu essere parzialmente colmato. E questo avviene nel momento in cui smettiamo di dare tutto per scontato o, peggio ancora, nutriamo la pretesa di insegnare a Dio il suo lavoro, ma riconosciamo che tutto ci che ci circonda dono e, come tale, motivo di lode e di ringraziamento. Alessandro Forte

La Parola di ogni giorno


luned 14 ottobre san Callisto Rm 1,1-7; Sal 97; Lc 11,29-32 marted 15 santa Teresa di Ges Rm 1,16-25; Sal 18; Lc 11,37-41 mercoled 16 santa Edvige, santa Margherita M. Alacoque Rm 2,1-11; Sal 61; Lc 11,42-46 gioved 17 santIgnazio di Antiochia Rm 3,21-30; Sal 129; Lc 11,47-54 venerd 18 san Luca 2Tm 4,10-17b; Sal 144; Lc 10,1-9 sabato 19 san Paolo della Croce Rm 4,13.16-18; Sal 104; Lc 12,8-12

a sempre gli uomini hanno cercato i miracoli. I miracoli possono, in molti casi, cambiare la nostra vita da un momento allaltro. Talvolta si tratta di una ricerca sofferta, che nasce da una situazione disperata: pensiamo a chi gravemente malato o a chi vittima di particolari disgrazie. Spesso si tratta di quella segreta speranza che, davanti alle difficolt della vita, ci fa dire: qui ci vorrebbe davvero un miracolo! Nella Bibbia i miracoli non sono mai fini a se stessi, non servono a destare stupore su chi lo compie, per metterne in risalto i poteri straordinari. I miracoli, prima di tutto, sono segni che svelano un significato pi profondo. Ora, leggendo con cura il Vangelo, ci accorgiamo che lattenzione dellevangelista non si concentra sullevento prodigioso della guarigione dei dieci lebbrosi; questa, infatti, viene descritta rapidamente, senza particolare enfasi. Lattenzione si fissa invece sul gesto di quellunico lebbroso peraltro straniero il quale vedendosi guarito, torn indietro lodando Dio a gran voce; e si gett ai piedi di Ges per ringraziarlo.

A MESSA DOVE
Roversano 9,00 Istituto San Giuseppe (corso U. Comandini) Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, Bulgaria, San Vittore, San Carlo, Ruffio, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa 9.15 San Martino in Fiume 9.30 Santuario dellAddolorata, Madonna delle Rose, Osservanza, Villachiaviche, SantEgidio, Bagnile, Casale, Montereale 9.45 Rio Marano, Bulgarn 10.00 Cattedrale, San Pietro, Case Finali, San Rocco, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta 10.30 Santuario del Suffragio, Casalbono 10.45 Ronta, Capannaguzzo 11.00 Basilica del Monte, Addolorata, San Pietro, Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, SantEgidio, San Giovanni Bono, Villachiaviche, San Domenico, Calabrina, Calisese, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, Martorano, San Demetrio, Bulgaria, San Mauro in Valle, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone 11.10 Torre del Moro 11.15 Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli 11.30 Cattedrale, Istituto Lugaresi, Osservanza, Case Finali, San Pio X 15.00 Cappella del Cimitero 18.00 Cattedrale, Osservanza, San Rocco, San Domenico 18.30 Cappuccini, San Pietro 19.00 San Bartolo

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Paolo, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 17.00 Cappella del cimitero Cappella dellospedale (no al sabato) Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, Cappuccini, San Bartolo, SantEgidio 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse), San Pio X, Torre del Moro 20.30 Villachiaviche, Gattolino

Sabato e vigilie
15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 15.00 Cappella del cimitero 16.00 Formignano 17.00 Istituto Lugaresi, Cappuccini 17.30 Santuario del Suffragio, Santuario dellAddolorata 18.00 Cattedrale, San Domenico, Osservanza, Case Finali, San Rocco, Santo Stefano, Villachiaviche, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, San Mauro in Valle, San Vittore, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, SantEgidio, Santa Maria della Speranza 19.00 San Giorgio 19.30 Bulgarn 20.00 San Pio X, Gattolino, Bulgaria, San Giovanni Bono, Calisese, Tipano, Ruffio, Pioppa, Ponte Pietra, Pievesestina

San Giuseppe; 11 Sala; 11,15 Bagnarola, Gatteo a Mare, Santa Maria Goretti, San Giacomo, Boschetto; 17,30 Cappuccini; 18 Gatteo a Mare; 18,30 San Giuseppe, Zadina (Park Hotel), Valverde; 20,45 Gatteo a Mare; 21 San Giacomo, Boschetto Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19 Crocetta 20,30 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, Longiano-Parrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 20 (sabato); 9 / 11.15 / 18 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30 Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8,30 / 10 / 11,15 / 18. Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30 Montiano ore 20 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20,30 (sabato, chiesina del castello), 11 Mercato Saraceno 10.00; San Romano: prefestiva sabato, ore 18,30 (chiesa Mulino di Sotto); Taibo: 10; Pieve di San Damiano

11,30; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11; Montepetra: 8.30; Linaro: 18 (sabato), 11; Piavola: 9,30 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8,30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7 / 9 / 11 / 18; Tavolicci: 16 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8 / 11; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9,30; Quarto: 10,30; Pieve di Rivoschio: 15,30; Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9,30; Civorio 9,30

San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 18 (sabato); 8,30 / 11 / 18. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 18,30 (sabato); 8/ 11.15 / 18,30; Selvapiana: 11,15 (18 sabato); Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 16 (sabato), 9,15 (domenica); Balze (chiesa Apparizione): 8,15 / 11,15 / 18; Montecoronaro: 9,45; Villa di Montecoronaro (al sabato) 18; Trappola: 9,30; Capanne: 11

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe festive
7.00 Cattedrale 7.30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, Ponte Pietra, Villachiaviche 8.00 Basilica del Monte, San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Mauro in Valle, San Giorgio, Gattolino, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Calisese, Torre del Moro, Macerone, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco, Tipano, San Cristoforo,

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Boschetto, Villamarina; 17,30 Conv. Cappuccini; 18 Gatteo a Mare; 18,30 San Giuseppe, Valverde; 20,30 Santa Maria Goretti, Sala, Villalta; 21 San Giacomo, Boschetto Festivi: 8 San Giacomo, Bagnarola, Santa Maria Goretti, Gatteo a Mare; 8,30 Sala, Boschetto; 9 Cappuccini, San Giuseppe; 9,15 San Pietro; 9,45 Cannucceto; 10 San Giacomo, Villalta; 10,30 Cappuccini,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche srl www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 36 del 3 ottobre 2013: 7.540 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 19 di marted 8 ottobre 2013

Vita della Diocesi

Gioved 10 ottobre 2013

de Anno della Fe

Una riflessione del vicario per la pastorale nei giorni precedenti il pellegrinaggio diocesano a Roma, sabato 19 ottobre

Brevi
Twitter e Facebook Il Corriere Cesenate si fa social
er offrire un servizio di informazione P sempre pi efficiente, il Corriere Cesenate invita i suoi lettori a seguirlo sulla sua nuova pagina Twitter che va ad aggiungersi a quella gi esistente su Facebook: notizie brevi dal territorio costantemente aggiornate, primo piano, approfondimenti, materiale foto e video sempre a disposizione. sufficiente cercare Corriere Cesenate su Facebook o digitare @CCesenate su Twitter per scoprire tutte le novit.

In preghiera dalla Romagna alla tomba dellapostolo San Pietro


on sono poi cos frequenti gli anni della fede! Quello che stiamo vivendo dall11 ottobre 2012 e che si concluder il prossimo 24 novembre, domenica di Cristo Re, si sta rivelando come una imprevedibile irruzione di grazia. Lo precedette, nel 1967, un anno della fede voluto da Paolo VI nella ricorrenza del martirio dei santi apostoli Pietro e Paolo, che trovava in Roma la meta obbligata, perch proprio nelle due omonime e celeberrime basiliche romane sono venerati i corpi dei due testimoni della fede. Anche stavolta Roma si profilava come lo sfondo ispiratore, dal momento che i cinquantanni dallinizio del Concilio Vaticano II evocavano quella primavera della Chiesa che ebbe in papa Giovanni XXIII uno strumento eletto dellazione dello Spirito Santo e nella basilica vaticana losservatorio pi attento ai segni dei tempi e la ricca falda da cui scatur quellaggiornamento di cui la Chiesa cattolica aveva bisogno. Ma in maniera sorprendente stato ancora una volta il successore di Pietro a dare il ritmo del cammino e a indicare una direzione ricca di evangelica novit. Il papa che indce lanno Benedetto XVI; lo inaugura e dopo un breve tratto di strada ne consegna la prosecuzione a papa Francesco, o per essere pi esatti, lo affida con un grande atto di fede al Pastore vero e insostituibile della Santa Chiesa, Cristo Signore, nella certezza che egli sapr trovare un nuovo Vicario adatto al momento presente. Quando la diocesi di CesenaSarsina scelse tra i momenti pi significativi dellanno della fede un pellegrinaggio a

BASILICA DI SAN PIETRO, IN VATICANO A ROMA. IL VESCOVO DOUGLAS VI PRESIEDER LA MESSA ALLE 11 DI SABATO 19 OTTOBRE, IN OCCASIONE DEL PELLEGRINAGGIO PROMOSSO DALLA DIOCESI

Giornata di inizio anno scolastico


LUfficio diocesano per la Pastorale scolastica propone per venerd 11 ottobre una Giornata di inizio dellanno scolastico Per una presenza cristiana nella scuola. Lappuntamento, alle 14,30 nellaula magna del Liceo classico V. Monti di Cesena, avr come tema Ricostruire lio. Saranno presenti la professoresa Valentina Bedin e alcuni studenti di Mirandola (Modena), che racconteranno come hanno ricostruito la loro scuola dopo gli eventi sismici della primavera 2012. Sar presente anche il vescovo Douglas. Allincontro sono particolarmente invitati alunni, docenti e genitori.

Roma, prenotando con largo anticipo di tempo laltare della Cattedra in San Pietro per la Celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo, era certamente attirata dalla potente forza del segno che in ogni epoca sa essere la tomba dellapostolo Pietro e dalla perenne fiducia sul ruolo di guida del suo successore chiamato a confermare nella fede i propri fratelli. Nel frattempo il magistero petrino ha assunto, grazie a Jorge Bergoglio, tratti di originalit e di immediatezza davvero sorprendenti, accompagnati dalla testimonianza di un radicamento a Cristo e al suo Vangelo di facile lettura, con effetti di coinvolgimento ad ampio raggio, ben oltre le cerchie abituali. Un pellegrinaggio non mai solo la visita al luogo di un evento passato, non si ferma mai alla rievocazione di ci che accaduto, sia pure per trarne qualche buon sentimento o qualche buon proposito. Il viaggio alle radici aiuto alla consapevolezza di ci che sta accadendo ora, opera liberatoria nei confronti di

In seicento da Cesena-Sarsina
Dalla diocesi di Cesena-Sarsina saranno circa seicento i fedeli che parteciperanno al pellegrinaggio promosso a conclusione dellAnno della Fede, sabato 19 ottobre. Alcune parrocchie e zone pastorali si sono organizzate per prolungare il soggiorno no a domenica 20 ottobre. Per chi ha aderito alla proposta diocesana, la partenza sar 3,30 da alcune parrocchie. Prima tappa: La fede celebrata e professata: dalle 11 alle 12, celebrazione eucaristica nella Basilica di San Pietro in Vaticano; recita del Credo per la professione di fede davanti alla tomba di San Pietro. Pranzo libero. Seconda tappa: La fede pregata, alle 15 trasferimento presso la Basilica di Santa Maria Maggiore; preghiera e visita. Alle 16,30 termine della visita e partenza per Cesena. Quota di partecipazione: 60 euro. La quota comprende: viaggio in pullman, ingresso a Santa Maria Maggiore, Kit del pellegrino. Per chi viaggia con mezzi propri: 10 euro (solo kit). Per informazioni: Ufficio diocesano Pellegrinaggi, tel. 0547 610280; Centro Pastorale, tel. 0547 611001.

Incontri in preparazione al matrimonio


La Zona pastorale Sarsinate-Alta Valle del Savio promuove un ciclo di incontri per danzati, in preparazione al sacramento del matrimonio. Gli incontri si svolgono nelle serate di venerd, dalle 20,30 alle 23, nei locali della parrocchia di Sarsina, con inizio venerd 11 ottobre. Per informazioni: Ostolani don Ezio, tel. 0547 94935, Renzo don Marini, tel. 0547 94601, oppure rivolgersi al proprio parroco.

ci che insidia e pu ostruire la circolazione della linfa vitale, svelamento di quella bellezza che anche solo labitudine pu derubare del suo fascino. Il pellegrinaggio che faremo a Roma il prossimo 19 ottobre (e che molti prolungheranno con la propria presenza in citt anche domenica 20) nasce sicuramente da un atto di

fede e di tale fede innanzi tutto una manifestazione semplice e corale. Ma sar anche loccasione di rivolgere, con rinnovata convinzione, la prima delle invocazioni che ogni discepolo di Cristo sente emergere dal proprio cuore appena si accosta al suo Maestro: Signore, accresci la mia fede!. Walter Amaducci

Laboratorio teatrale per la crescita della persona


In generale, il teatro un mezzo, uno strumento di comunicazione per mettere in relazione le persone. Lesperienza di laboratorio teatrale volta a far conoscere, sperimentare e offrire degli elementi affinch la persona possa fare proprio e utilizzare il teatro come mezzo, appunto, per coinvolgere altre persone e comunicare un messaggio, condividere unesperienza, partecipare di unemozione. Gli incontri del laboratorio, organizzato dallUfficio catechistico diocesano, sono sei e si tengono nel teatro del seminario, in via del Seminario a Case Finali di Cesena, ogni gioved alle 20,30 a partire dal 17 ottobre. Quota di partecipazione a persona: 25 euro. Le serate di TeatroLb saranno caratterizzati da alcuni concetti quali: il teatro come tecnica per creare dialogo, provocare gli interlocutori (di ogni et) alla partecipazione attiva (ad esempio, dei ragazzi al catechismo); improvvisazione: mettersi in gioco al di l delle maschere di ciascuno; consapevolezza delluso della voce; sperimentazione delle varie possibilit di rappresentazione di un concetto; motivi di teatralizzazione: si valuta una problematica e vi si riette sopra tetralizzandola; motivi di teatralizzazione: sperimentazione delle modalit di narrazione. Per informazioni: ucdcesena@gmail.com, www.ucdcesena.it

Consacrati e vescovo Douglas | Messa in Cattedrale nella festa di San Francesco

Centro Pastorale, incontro dei vari uffici


Si terr gioved 17 ottobre alle 21, in seminario a Case Finali di Cesena, lincontro dei direttori, delegati e responsabili degli uffici e delle commissioni del Centro Pastorale. Sar loccasione per precisare i criteri di attuazione degli impegni gi presi e pubblicati nel calendario diocesano, soprattutto per quanto riguarda le collaborazioni tra uffici e delegati. Una riessione particolare riguarder la pastorale giovanile no allanno dellEucaristia.

Venerd 4 ottobre, festa di San Francesco, durante la concelebrazione eucaristica presieduta in Cattedrale dal vescovo Douglas, le signore Elide Pedrelli e Rosina Sana hanno fatto la professione di adesione alla fraternit del Terzo Ordine Francescano secolare che a Cesena fa riferiferimento alla chiesa dellOsservanza. Assistente spirituale padre Pietro Rossi; maestra della fraternit Giannina Semprini. (foto Pg Marini. Sul sito www.corrierecesenate.it la photogallery della concelebrazione eucaristica).

Gioved 10 ottobre 2013

Vita della Diocesi


AUDITORIUM DEL SEMINARIO, LUNED 7 OTTOBRE. NELLA FOTO SOTTO, I CONIUGI NICOLETTA E DAVIDE OREGLIA (FOTO TERZO FOSCHI)

Si aperto luned 7 ottobre in seminario il ciclo di incontriEducare cosa del cuorepromosso dagli Uffici di Pastorale giovanile, familiare e sociale

Brevi
Al via nuovo percorso per separati soli
Il nuovo percorso per separati soli questanno si fa itinerante, di zona in zona allinterno della Diocesi per essere pi vicino a questa particolare situazione. Tema del nuovo anno pastorale: La vera ricchezza lamore, partendo dal testo del Giovane ricco suggerito dal nostro vescovo. Il prossimo appuntamento si svolger presso la parrocchia dellOsservanza marted 15 ottobre alle 21, guidati dal parroco don Virgilio Guidi che approfondir Mentre usciva per mettersi in viaggio il tema delle paure per uscire da noi stessi. Lincontro successivo sar il 18 novembre presso la parrocchia di San Giacomo di Cesenatico (riessioni a cura di don Gian Piero Casadei). Il percorso completo visionabile nel sito www.noifamiglia.it Per informazioni: Floriana e Ivan Bartoletti Stella cell. 388 6186867 ivanbs@tiscali.it.

Abbiate il coraggio di essere felici


Ges, sacramentale e spirituale, possono darci la felicit gi su questa terra: Lamore di Ges gi stato riversato abbondantemente nei nostri cuori. Non da ricercare: da accogliere! Questa pienezza possiamo gi gustarla qui, dove ci stato promesso il centuplo quaggi, prima delleterna gioia perfetta. Dobbiamo solo raccogliere lamore, grazie ai sacramenti e al dono dello Spirito. Accogliere lamore vuol dire vivere in comunione. E proprio la Relatori della serata i coniugi Nicoletta e Davide Oreglia, comunione stata indicata di Mondov. La comunione stata indicata come fondamenta di un buon rapporto di coppia e con se stessi: come fondamenta di Non si tratta di una cosa che ci fa stare bene, ma di uno un buon rapporto di specchio di verit che ci mostra tutto di noi: virt e limiti. coppia e con Il prossimo appuntamento, luned 14 ottobre, se stessi: Non sar con il pedagogista Pietro Lombardo si tratta di una cosa che ci fa Si trattato della prima serata dei stare bene, ma di uno specchio di seminari di studio 2013 Educare verit che ci mostra tutto di noi: cosa del cuore, organizzati dalla virt e limiti. Solo sulla comunione Pastorale familiare, giovanile e si pu costruire qualcosa di solido. sociale della diocesi di CesenaSopra le fondamenta vanno Sarsina al posto della vecchia poggiati diversi pilastri: la settimana sociale diocesana e del condivisione, la mitezza, ciclo di quattro incontri sulla lessenzialit, la riconciliazione. Poi famiglia. come tetto la capacit di accogliere La coppia di coniugi piemontesi i dubbi nel proprio cuore e come (della diocesi di Mondov) ha mura di casa la generosit illustrato ai numerosi presenti un possibile, misurata nei frutti che la vero e proprio piano su cui edificare coppia porta. la propria famiglia. Un progetto A ogni passaggio la coppia ha legato incentrato, dalle fondamenta al una beatitudine, un passaggio di tetto, sulle beatitudini evangeliche, documenti del Magistero e alcuni rilette e interpretate in chiave momenti di condivisione con il contemporanea. Perch il Vangelo, proprio compagno o vicino: Non la vicinanza dei fratelli e quella di siamo teologi, per questo abbiamo ssere famiglia in tutto e per tutto: nella complicit, nella condivisione, nei problemi, sotto le coperte e per strada. Essere tutto, senza perdere se stessi, ma moltiplicandosi. Vivere in pienezza e, dunque, essere felici. Abbiate il coraggio di essere felici stato il tema dellincontro di luned 7 ottobre, nel seminario di Cesena, con i coniugi Nicoletta e Davide Oreglia, collaboratori per la pastorale familiare della Cei.

inventato dei giochini di fantateologia. Giochini che hanno, comunque, solide basi: Nellenciclica Lumen Fidei - hanno spiegato i coniugi papa Francesco scrive: La luce della Fede possiede un carattere singolare essendo capace di illuminare tutta lesistenza delluomo. La Fede nasce dallincontro con il Dio vivente. Quando vera fede illumina tutta lesistenza delluomo, tocca la nostra carne, le nostre relazioni, non un sistema teorico su Dio. Tutto il piano di coppia deve tendere allamore, prima vocazione di ogni uomo come ricorda lesortazione apostolica dell81 Familiaris consortio: Dio amore e vive in se stesso un mistero di comunione personale damore []. Lamore , pertanto, la fondamentale e nativa vocazione di ogni essere umano. I coniugi Oreglia hanno esortato le coppie presenti a condividere anche i momenti banali: Solo mangiando il bene assieme, ogni giorno, si avr la forza per masticare e digerire il difficile. Importante anche la concordia quotidiana: Le discussioni e la rabbia vanno superate prima del sonno, non trascinate nei giorni. Lesortazione finale allinsegna dellapertura, una sottolineatura della comunione: Da soli non ce la facciamo, non ce la possiamo fare. La comunit, dove si manifesta la presenza di Cristo, essenziale per la coppia e lo diventa ancora di pi quando arrivano i figli. Michelangelo Bucci

Roveto Ardente, preghiera a San Domenico


Sabato 12 ottobre alle 21, nella parrocchia di San Domenico di Cesena, preghiera del Roveto Ardente. In particolare si pregher per le famiglie e le mamme in attesa di un bimbo. Lincontro, aperto a tutti, promosso dal gruppo Rinnovamento nello Spirito.

Sacramento della Cresima per adulti


Per la preparazione degli adulti al sacramento della Confermazione, i parroci sono pregati di fare riferimento a don Giordano Amati, parroco della Cattedrale (tel. 0547 21173, 339 4228650). Il corso di catechesi avr inizio a ne ottobre.

Nain, incontri per chi sta vivendo un lutto


Sabato 12 ottobre alle 16,30 in seminario, ricomincia il cammino spirituale del gruppo NAIN Allombra della Sua mano (Is.49,2) per chi ha perso una persona cara. E un appuntamento di preghiera e condivisione iniziato tre anni fa, che ha visto la partecipazione di tante persone in cerca di un momento di riessione e preghiera, durante il quale affidare, anzitutto al Signore e poi ai fratelli intorno, il proprio dolore che molto lentamente si trasformato in dono. Per informazioni: Marco e Giovanna Giannini, tel. 0547 91204, mgiannini@libero.it

Gruppo di preghiera padre Guglielmo


Il gruppo di preghiera Padre Guglielmo Gattiani si incontra per il consueto appuntamento di preghiera mensile, marted 15 ottobre alle 21, presso il convento dei Cappuccini, a Cesena.

DIOCESI DI CESENA-SARSINA . Pastorale Giovanile . Pastorale Familiare . Pastorale Sociale

Educare cosa del cuore


Seminari di studio 2013 Seminario diocesano (via del Seminario 85, Cesena), ore 21 Luned 14 ottobre Il dono della sessualit: un tesoro da scoprire: professor Pietro Lombardo, pedagogista
Come pu la famiglia, insieme alla collaborazione delle figure educative a lei vicine, fronteggiare questa realt e proporre una serena, matura e veritiera visione dellautentico senso e significato della sessualit umana?
Prossimi incontri nei luned 21 ottobre: Il lieto annuncio di Dio sullamore umano (testimonianza di un frate francescano). Luned 28 ottobre: Le politiche familiari per il bene di tutti ( professor Stefano Zamagni). Luned 11 novembre: Alleanze educative per il vero bene della persona (professor Giorgio Chiosso) Per informazioni: Andrea e Sabrina (Pastorale Familiare) 338 1424377 Ilaria (Pastorale Giovanile), 346 3008218 William (Pastorale Sociale), 339 3191586

Vita della Chiesa

Gioved 10 ottobre 2013

Religiosit, alternativa, sette, spiritualismo, una nota dei vescovi dellEmilia Romagna A colloquio con lesorcista di Cesena-Sarsina don Fiorenzo Castorri
ette, movimenti religiosi alternativi, religioni fai da te. Richiamati dalla novit, incuriositi dal nome o, semplicemente, dal diverso. Sempre di pi sono le persone, la maggior parte giovani, che si avvicinano a queste pratiche considerate dai vescovi dellEmilia Romagna, in una nota diffusa nei giorni scorsi, anticamere per lingresso nelle sette ma anche concause di un allontanamento di giovani e giovanissimi dalla Chiesa. Si va dai classici satanismo ed esoterismo a concezioni quali panteismo, gnosticismo, relativismo, ma anche divinazione, cartomanzia, occultismo, new age, magia. Il libretto si intitola Religiosit alternativa, stte, spiritualismo. Sfidi culturale, educativa e religiosa. Abbiamo chiesto un parere a don Fiorenzo Castorri, esorcista della diocesi e parroco a Quarto di Sarsina. Don Fiorenzo perch i giovani sono attratti da queste pratiche particolari? C una pazzia nelluomo di oggi - inizia il sacerdote - il quale va a trovare in luoghi sbagliati risposte alle domande del cuore. Mi viene in mente il profeta Geremia quando dice: Il mio popolo ha commesso due mali: ha abbandonato me, la sorgente dacqua viva, e si scavato delle cisterne, delle cisterne screpolate, che non tengono lacqua. Sembra che Ges Cristo sia lultima soluzione, che luomo si metta alla ricerca di altre, errate, distorte, parziali, riduttive agenzie educative. Vengono a cercare conforto dopo essere andati a rovinarsi in altri posti - continua don Castorri -. Penso per esempio allesperienza delloccultismo e del reiki. Io non so rispondere a questa pazzia delluomo di oggi. So che c un bisogno del sacro fortissimo e non pu che essere cos perch il nostro cuore, come diceva SanAgostino, inquieto finch non riposa in Cristo. Don Fiorenzo accoglie pressoch quotidianamente persone che giungono in Cattedrale a Sarsina per ricevere aiuto

Ges lunica speranza

al cuore delluomo
FOTO ARCHIVIO SIR

Con tecniche che rispondono a questa domanda: cosa c di male? Quando chiedi: perch lo fai? La risposta : cosa c di male? Questa la domanda demoniaca per eccellenza. La mia contro risposta che non c il bene. Luomo stato messo al mondo non per non fare il male, ma per fare il bene. Il male un incidente di percorso. Dobbiamo fare attenzione a tutte le novit presenti, perch in esse si insinua sempre, subdolamente, la presenza del diavolo. E mentre noi pensiamo che siano cose buone, il buono, invece, non c. Bene hanno fatto i vescovi - dice don Fiorenzo a proposito della nota della Conferenza Episcopale dei Vescovi dellEmilia Romagna - a richiamare educatori, insegnanti, sacerdoti, a vigilare. E quel documento deve scuotere le coscienze. Alla luce di quello che ha detto che fare? Cosa proporre? Due cose. Proporre inanzitutto Ges Cristo come risposta alle domande del cuore delluomo. Lui, Salvatore, Signore, Maestro che d senso, significato, sapore, stupore e speranza al cuore delluomo. Sono quelle che io chiamo le cinque S. Inoltre, ci vogliono comunit cristiane vive e fraterne, come diceva il beato Giovanni Paolo II. Comunit che siano scuole di comunione e di preghiera. Che siano il grembo materno di crescita alla vita cristiana per i nostri giovani. Noi dobbiamo offrire lalternativa: Ges Cristo e comunit cristiana. E poi, certamente, stare accanto a chi vive situazioni difficili, a chi soffre, a chi manifesta disagio. Dobbiamo cogliere la loro domanda, la loro sete di verit e di amore, altrimenti il rischio che vadano a cercare risposte in queste agenzie educative errate dove incontrano false risposte, riduttive, parziali, distorte. Ma per fare questo bisogna che le comunit cristiane siano vive, fraterne, luoghi di accoglienza dove i giovani crescano. Michela Mosconi

I santi dai balconi


olyween, un santo su ogni H chiesa. Ecco la risposta di don Fiorenzo ad Halloween, festa tradizionale americana, di origine celtica, che si celebra negli Stati Uniti la notte del 31 ottobre e caratterizzata da una simbologia legata al mondo dellocculto. Nella vigilia della festa di Ognissanti - spiega il parroco riprendendo le parole della campagna lanciata da Sentinelle del Mattino tutti sono invitati ad appendere foto di un santo su ogni balcone, nestra, porta di casa, di ufficio, di chiesa o di oratorio per mostrare i volti pi belli. MiM

e consolazione. Molte delle persone che ho incontrato in questi tre anni e mezzo provengono da esperienze errate. Una pratica in voga ora quella del reiki, un metodo di guarigione naturale che farebbe venir fuori tutta lenergia positiva. Ho conosciuto diverse persone rovinate da questa pratica. Costoro vivono lesperienza degli spilloni, sentono cio nel proprio corpo come delle fitte, come spilli che si conficcano nelle spalle, nelle testa, nelle gambe. In alcuni casi si rendono necessari alcuni esorcismi. Conosco, inoltre, persone che hanno praticato loccultismo e sono rimaste intrappolate perch questa pratica contempla la presenza satanica, il diavolo che prima ti fa vedere le stelle poi ti porta nelle stalle. Questo il dinamismo. Il diavolo molto astuto, entra nel cuore delle persone, delle famiglie, della societ in che maniera?

AllAngelus di domenica 6 ottobre papa Francesco parla di vergogna e chiede una preghiera silenziosa

Affidarsi significa capire che con Lui possiamo mettere le radici nel mare, perch nulla ci far cadere

FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR

In preghiera per Lampedusa Lasciamo piangere il nostro cuore


ue immagini e un verbo. Lampedusa e Assisi; la prima, la tragedia che si consumata a poca distanza dalle coste dellisola pi meridionale dellItalia, quella lunga teoria di corpi la cui vita stata recisa mentre sognavano un destino diverso, un futuro migliore per loro e per la famiglia. Francesco parla di vergogna e chiede, allAngelus, una preghiera silenziosa: Lasciamo piangere il nostro cuore. Assisi la tappa per definizione: Francesco che incontra Francesco. Visita fatta di parole e di gesti forti, dallabbraccio ai bambini disabili, ai malati; alla vicinanza con i poveri assistiti dalla Caritas, in uno dei luoghi simbolo del Santo, la sala della spoliazione: Francesco che si fa povero per i poveri. Ad Assisi non ci si va, ci sei gi stato, sei a casa. Essere per i vicoli antichi come respirare unaria nuova, pulita. E camminare proprio il verbo che accompagna questi appuntamenti e che ci fa leggere le parole della liturgia domenicale. C una domanda che gli

apostoli rivolgono al Signore: accresci la nostra fede. La risposta pu lasciarci senza parole, difficile da capire: Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso sradicati e vai a piantarti nel mare. Che la nostra fede piccola, debole e fragile, lo sappiamo bene. Piccolo anche il seme di senape, il pi piccolo in natura. Il gelso, invece, una pianta resistente con radici ben piantate nel terreno. Allora, come si fa a pensare di sradicarlo e, soprattutto, piantarlo in mare? Ecco il camminare: la fede intesa proprio come un cammino che non si arresta di fronte agli ostacoli, che sa sperare contro ogni speranza, per ricordare le parole di Paolo. La fede incrollabile di Abramo, che non si arrende alle circostanze avverse tali da far credere allimpossibilit di sperare. Parole che lo stesso Giorgio La Pira, il sindaco di Firenze, dei colloqui del Mediterraneo, utilizzer quasi come motto per le sue iniziative: non solo i dialoghi di pace con i paesi del Nord Africa e del Medio Oriente, ma anche lEst europeo e lUnione Sovietica.

Quando andr a Mosca a parlare al Soviet supremo dir: in questo momento centinaia di suore di clausura stanno pregando per questa visita e per voi. Chiss cosa avranno pensato quei delegati comunisti? Ma torniamo a Francesco e allAngelus, torniamo al seme di senape e al gelso. Come dire, basta avere una fede piccola come appunto il seme di senape, per poter fare cose impossibili, impensabili. Anche perch non siamo noi a farle, o meglio siamo solo strumenti; servi inutili, appunto. Tutti noi conosciamo persone semplici, umili, ma con una fede fortissima, che davvero spostano le montagne. Il Papa porta lesempio di madri e padri che affrontano situazioni molto pesanti; o malati, anche gravissimi, che trasmettono serenit a chi li va a trovare. Sono persone che, proprio per la loro fede, non si vantano di ci che fanno, anzi, come chiede Ges nel Vangelo, dicono: siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare. Ed ecco appunto il camminare. La

fede un dono che va alimentato. C poi la richiesta di togliere dalla terra le radici del gelso e di trapiantarle nel mare. La terra la nostra sicurezza, avere le radici ben piantate significa resistere alle difficolt; forse anche resistere ai cambiamenti. Ecco il mare, instabile, difficile da cogliere come base per mettere le radici. Cosa significa? essenzialmente un affidarsi al Signore che sa scrivere dritto sulle righe storte della nostra storia. Affidarsi significa anche capire che con lui possiamo mettere le radici nel mare, perch nulla ci far cadere, deviare dal cammino scritto per noi. La fede, dunque, come cammino che sa cogliere la novit dellincontro e lo fa crescere passo dopo passo, giorno dopo giorno. Certo a volte siamo chiamati a fare delle scelte che ci sembrano difficili se non addirittura impossibili. Perch le leggiamo con i nostri occhi, attenti alle radici piantate nella terra. Il gelso da far crescere nel mare altro, rientra in quel sperare contro ogni speranza che lobiettivo cui tendere. Camminando. Fabio Zavattaro

Attualit
Quella del 4 ottobre stata una giornata interminabile, segnata da 12 luoghi francescani

Gioved 10 ottobre 2013

11

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

i s i s s A d a La visita

ASSISI, VENERD 4 OTTOBRE: PAPA FRANCESCO IN VISITA PASTORALE (FOTO LOSSERVATORE ROMANO WWW.PHOTO.VA/SIR)

UOMO DIGITALE IL DISORDINE TI SALVER


Notava di recente lAiart, associazione che riunisce gli spettatori, che nellodierno continente mediatico vive sempre pi un colossale paradosso: le emittenti, nellelaborazione dei loro palinsesti, dimenticano quella grande fascia di consumatori televisivi che sono gli anziani. Non occorrono certamente studi sofisticati per accertare che i pi grandi divoratori di televisione sono i cittadini pi avanti con gli anni. Eppure, se ci si sofferma su unattenta analisi dei palinsesti, facile notare come la programmazione televisiva, i linguaggi, la pubblicit, gli ospiti tutto appaia finalizzato per lo pi a intercettare un target anagraficamente giovanile. La contraddizione, in realt, solo apparente: assillate dallaudience e dai fatturati, le emittenti televisive e le centrali dedite alle strategie di marketing che sono le loro vere editrici sono preoccupate di raggiungere una fascia di persone dalla propensione di spesa medio-alta. Con tanti saluti alle aspettative che salgono da una fetta importante della societ adulta, sempre pi numerosa e sempre meno considerata. Un altro paradosso dellera digitale lo segnala il massmediologo Roberto Cotroneo. Prima dellavvento di email, sms, chat e social network, scrivere era considerato un mezzo discreto: non un modo per tenersi a distanza, ma comunque una forma tutto sommato poco invadente. La rivoluzione elettronica ha rovesciato tutto ci. Le riviste di psicologia lo dicono ormai da anni: il grado di confidenza tra due persone oggi pi forte attraverso la scrittura rispetto alla realt. E ci si scrive molto di pi, anzi conclude Cotroneo scriversi la norma, parlarsi cosa sempre pi rara. Salito agli onori del palcoscenico mondiale per lintervista realizzata a papa Francesco per le riviste dei gesuiti, padre Antonio Spadaro sinterroga ormai da tempo sulla spiritualit dei nativi digitali. Sul web e sulla carta, la sua cyberteologia mira a dimostrare che si pu incontrare Dio anche on line, o meglio che la navigazione nella rete in fondo una grande metafora della ricerca di infinito che costituisce luomo dalle origini e in ogni epoca, compresa quella elettronica. Ci che differenzia la persona dal computer spiegava in una conferenza al festival Torino spiritualit il disordine. La macchina ordina, colloca tutto in un sistema complesso, ma chiuso; luomo anzi il nativo digitale spirituale colui che al contrario pu rompere il sistema e cambiare le regole, le visioni abituali, le logiche automatiche. Aprire il proprio sistema operativo interiore alla trascendenza significa scardinare questa rete, con la sua orizzontalit e la pretesa di onniscienza e autosufficienza.

Un Papa che riparte da Francesco


ssisi-Roma, Roma-Assisi, andata e ritorno. Un Santo e un Papa, ad ottocento anni di distanza. San Francesco andato a Roma per essere confermato dal successore di Pietro, e papa Francesco - il primo successore di Pietro che ha scelto di chiamarsi come il poverello - viene ad Assisi per confermare nella fede la sua Chiesa. E lo fa con un gesto clamoroso, non per nel senso in cui lo interpretano i media, ma entrando - anche questa una prima volta di un Papa - nella Sala della Spoliazione, il luogo dove san Francesco ha abbandonato i beni terreni, per spiegare di che cosa deve spogliarsi la Chiesa. Non solo la Chiesa, ma tutti i cristiani, perch la Chiesa siamo tutti noi. Cos - come aveva fatto nel suo primo discorso al Serafico abbandona il testo scritto per parlare per circa dieci minuti a braccio. Parte da Francesco, e a Francesco si rivolger con una sorta di preghiera speciale nellomelia della Messa: tre invocazioni, pi il rilancio di una preghiera per Assisi, per lItalia, per il mondo. Ripercorriamo alcune tappe del terzo viaggio del Papa in Italia, per la festa del suo Patrono: un itinerario di 30 chilometri, a piedi e in papamobile, per toccare 12 luoghi francescani, con momenti pubblici ed altri privati e molto intimi, come il pranzo con i poveri al Centro di accoglienza della Caritas, la sosta silenziosa in preghiera sulla tomba di san Francesco o a Santa Chiara a tu per tu con il Crocifisso di San Damiano. Nel tardo pomeriggio, il bagno di folla con i giovani, a Santa Maria degli Angeli, preceduto dalla preghiera alla Porziuncola: quasi una Gmg umbra con 12mila ragazzi che quasi straripavano dalle transenne. Le piaghe di Ges. Quando Ges risorto

era bellissimo, non aveva nel suo corpo n lividi n ferite, ma ha voluto conservare le piaghe e le ha portate in cielo. la frase pi toccante del primo discorso del Papa, al Serafico, dove il Papa si intrattenuto per 45 minuti con i bambini disabili e si lasciato provocare da una donna, la direttrice dellIstituto, Francesca Di Maolo. No a cristiani di pasticceria. Di che cosa la Chiesa deve spogliarsi? Di un pericolo gravissimo, che minaccia ogni persona nella Chiesa: il pericolo della mondanit, dice il Papa nella Sala della Spoliazione, chiedendo la grazia, per tutti i cristiani, di avere il coraggio dello spogliarsi dello spirito del mondo, che la lebbra, il cancro della societ. La Chiesa siamo tutti noi, e se vogliamo essere cristiani non c altra strada che quella di Francesco. Non esiste un cristianesimo pi umano, senza Ges, senza la Croce, senza spogliazione: altrimenti, diventiamo cristiani di pasticceria. La mondanit spirituale porta alla vanit, alla prepotenza, allorgoglio, ci fa male: quanto triste un cristiano mondano, non si possono servire due padroni, Dio e il denaro.

quale papa Francesco sceso lungo le scale che portano dalla Basilica Superiore a quella Inferiore con un mazzo di rose bianche e gialle e si inginocchiato in preghiera sulla tomba del Santo. Il primo riferimento al Crocifisso di San Damiano, davanti al quale ha pregato nella chiesa di Santa Chiara: Ges non appare morto, ma vivo, ha gli occhi aperti e spalancati, uno sguardo che arriva dritto al cuore. Custodire luomo. Ottienici da Dio il dono che in questo nostro mondo ci sia armonia e pace!, la terza invocazione a Francesco, e lappello dalla Citt della Pace: rispettiamo la creazione, facciamo cessare i conflitti, il terrorismo, la guerra, in Terra Santa, in Medio Oriente, nel mondo. Lantidoto il Cantico delle Creature. Ma alla radice di tutto, luomo ha il compito di custodire luomo, dice il Papa a braccio. Infine, una speciale preghiera per lItalia: Ciascuno lavori sempre per il bene comune, guardando a ci che unisce pi che a ci che divide.

In nome di Francesco. Non aver paura del matrimonio, rifiutando la cultura del provvisorio, trasformare il mondo secondo il disegno di Dio, percorrere le Il giorno di pianto e il mondo strade del mondo col Vangelo nel cuore e selvaggio. Poi il riferimento alla tragedia tra le mani. Questi alcuni inviti rivolti dal di Lampedusa - Oggi un giorno di Papa ai giovani, nella festa di piazza di pianto - e ai poveri schiacciati da questo Santa Maria degli Angeli. Da un pastore mondo selvaggio, perch la mondanit che ha una visione di Chiesa che spirituale atteggiamento omicida, cammina con il popolo, perch non c uccide lanima, le persone, la Chiesa. niente di pi bello del camminare, e nel cammino ascoltarsi e raccontarsi la vita. La Croce e la Tomba. Insegnaci a Perch il popolo, e giovani soprattutto, rimanere davanti al Crocifisso, a lasciarci hanno fiuto nel trovare piste nuove e guardare da Lui, a lasciarci perdonare, creative. Prima la testimonianza, poi le ricreare dal suo amore. la prima delle tre parole, dice il Papa ai suoi giovani. Nel invocazioni a Francesco che hanno nome di San Francesco. scandito lomelia della Messa, prima della M. Michela Nicolais

il Periscopio

di Zeta
avventato che non dovrebbe ripetere. Che nell'esegesi siano state scritte anche molte cose di scarsa seriet , purtroppo, un fatto incontestabile. Il seminario americano su Ges che Lei cita alle pagine 105 e sgg. conferma soltanto un'altra volta ci che Albert Schweitzer aveva notato riguardo alla Leben-Jesu-Forschung (Ricerca sulla vita di Ges) e cio che il cosiddetto Ges storico per lo pi lo specchio delle idee degli autori. Tali forme mal riuscite di lavoro storico, per, non compromettono affatto l'importanza della ricerca storica seria, che ci ha portato a conoscenze vere e sicure circa l'annuncio e la figura di Ges. Molto gentilmente Benedetto XVI invita il professor Odifreddi a rendersi un po pi competente da un punto di vista storico. E verso la fine aggiunge: Se lei, per, vuole sostituire Dio con la Natura, resta la domanda, chi o che cosa sia questa natura. In nessun luogo lei la definisce e appare quindi come una divinit irrazionale che non spiega nulla. Ratzinger chiude la sua lettera con queste schiette parole: La mia critica al suo libro in parte dura. Ma del dialogo fa parte la franchezza. Solo cos pu crescere la conoscenza. Mi pare superfluo ogni altro commento. Solo lo spazio per un Grazie al Papa emerito. (811)

Il Papa emerito ha preso carta e penna e ha replicato, in parte duramente, al professor Piergiorgio Odifreddi

Parlare avventato, da non ripetere

apa Francesco scrive a Repubblica. Risponde alle domande poste dalle colonne del quotidiano romano dal fondatore, Eugenio Scalfari. Poi lintervista alla Civilt Cattolica, la rivista dei Gesuiti, quindi di casa per Jorge Mario Bergoglio che dallordine fondato da SantIgnazio di Loyola proviene. Infine il botta e risposta con Scalfari. Una scansione di interventi che ha messo in crisi anche gli operatori della comunicazione chiamati a inseguire il Pontefice nei suoi numerosi interventi attraverso i media. Anche il Papa emerito, Benedetto XVI, uscito dal silenzio in cui si rinchiuso. Ha preso carta e penna e ha scritto una lunga lettera allillustrissimo signor professore Odifreddi in risposta al volume Caro Papa, ti scrivo uscito in libreria nel 2011. Siccome il matematico piemontese cerca di confutare numerose tesi di Joseph Ratzinger, il Pontefice emerito, ora molto pi libero da impegni, ha replicato punto su punto, senza alcun timore di edulcorare le sue affermazioni. Ma, anzi, limpressione proprio quella di uno che intende dialogare puntando tutto sulla verit. Ecco un brano messo nero su bianco da Ratzinger. Ci che Lei dice sulla figura di Ges non degno del Suo rango scientifico. Se Lei pone la questione come se di Ges, in fondo, non si sapesse niente e di Lui, come figura storica, nulla fosse accertabile, allora posso soltanto invitarLa in

PAPI BENEDETTO E FRANCESCO IN DIALOGO (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

modo deciso a rendersi un po' pi competente da un punto di vista storico. Le raccomando per questo soprattutto i quattro volumi che Martin Hengel (esegeta dalla Facolt teologica protestante di Tbingen) ha pubblicato insieme con Maria Schwemer: un esempio eccellente di precisione storica e di amplissima informazione storica. Di fronte a questo, ci che Lei dice su Ges un parlare

12

Gioved 10 ottobre 2013

Cesena
In fiera
Arredo Casa al via il 19 ottobre
Arredo Casa e Sposi in Cesena (il 19 e 20 e dal 24 al 27 a Pievesestina) sono diventati un consueto appuntamento autunnale con le novit e i suggerimenti per larredo della propria casa e per i giorni importanti, organizzato da Cesena Fiera negli propri padiglioni espositivi che consentono di ammirare le varie proposte, come se si entrasse in uno show room. Proprio il segmento dedicato alla casa trover, in questa edizione 2013, ampi spazi presentando ai visitatori le novit di un comparto che va dalloggettistica alle tecnologie, dalle cucine alle camere da letto senza dimenticare il complemento darredo. Un "viaggio" che, grazie alle aziende del settore che hanno condiviso lidea di partecipare alla mostra, pone il visitatore nella condizione ottimale di

A Santo Stefano domenica si celebra la giornata dellanziano


La chiesa di San Mauro in Valle (foto Antonio Giangrasso)

Misericordia le messe si terranno come di consueto alle 8 e alle 11. Durante la giornata sar organizzato il mercatino pro Caritas. Alle 15 si terr la recita del Rosario e la benedizione eucaristica. (Bb) SANTO STEFANO Volgono al termine i festeggiamenti della Madonna della Misericordia della parrocchia di Santo Stefano a Cesena. Domenica 13 ottobre prevista alle 11 la messa per anziani, nel corso della quale sar conferito il Sacramento dellunzione dei malati. A seguire il grande pranzo gratuito per nonni, nonne e accompagnatori e per tutti coloro che prestano servizio in parrocchia. La prenotazione obbligatoria e va effettuata per tempo sulla bacheca parrocchiale o nel circolo Acli. OSSERVANZA Fitto calendario per la festa della Beata Vergine delle Grazie allOsservanza. Domenica 13 alle 9,30 messa dedicata agli anziani e malati della parrocchia; gioved alle 20,45 dallex piazzale Conad parte la la processione con limmagine della Madonna e venerd alle 20,45 la volta dellincontro di approfondimento sullenciclica Lumen Fidei. Momento ricreativo sabato con cena e commedia dialettale a partire dalle 19. Domenica 20 ottobre, giorno della festa, la messa delle 11,30 animata dalla corale Alio modo canticum, seguir il pranzo in parrocchia e alle 15 animazione per i pi piccoli e pesca missionaria.

Dalla campagna al centro comunit in festa


dedicata alla Madonna della Misericordia la festa religiosa a San Mauro in Valle. Le celebrazioni inizieranno sabato 12 ottobre alle 14,30 con la fiorita dei bambini, domenica 13 ottobre, dopo le messe delle 8 e delle 11, durante la quale sar conferito il mandato ai catechisti, alle 15 ci sar la messa con unzione degli ammalati e rinfresco. Nella mattinata sar possibile dare il proprio contributo alliniziativa "una torta per un

libro". Dalle 8 alle 12 saranno vendute le torte fatte in casa dalle mamme e dalle nonne di San Mauro. Il ricavato verr destinato allacquisto dei libri di catechismo. Da marted 15 ottobre a gioved 17 oltre alla messa delle 7,30 ci sar quella delle 20 con padre Maurizio, cappuccino. Sabato 19 la messa con rosario sar alle 7,15 e nel pomeriggio sono in programma catechismo e confessioni. Domenica 20 ottobre festa della Misericordia della

Eventi | Lalpinista Santon alla serata del Cai


Lo scorso 4 ottobre nella sala Monty Banks, nellambito delle manifestazioni organizzate dalla Sezione di Cesena del Club alpino italiano per celebrare il 150esimo anniversario della fondazione del Cai (Club alpino italiano), lalpinista Francesco Santon ha parlato delle sue esperienze alpinistiche sulle Alpi, sulle Ande e sullHimalaya. La serata stata intervallata da brani musicali composti dal maestro Piero Raffaelli, gi insegnante presso il conservatorio "Maderna" di Cesena, e interpretati dalla figlia Lucia, da lui accompagnata al violino. Nella foto, da sinistra Roberto Biguzzi, referente sezionale per lalpinismo, Pasqua Presepi, presidente sezionale, Francesco Santon, Piero Raffaelli e Lucia Raffaelli.

scegliere, in un ampio ventaglio, le soluzioni pi idonee per le proprie necessit e desideri Oltre allarredamento, una grande parte dei padiglioni della era di Cesena, saranno occupati da quello che pu essere denito un vero e proprio percorso di orientamento verso il "wedding planner", dal primo passo nella realizzazione del proprio matrimonio, che vede abito, chiesa, ori, bomboniere e ricevimento tra le prime necessit completato, appunto, dallaltro salone dellarredamento che sicuramente rientra nella pianicazione della famiglia che si intende comporre e che intende realizzare la propria casa. Grande attenzione questanno al "recupero dautore": con la collaborazione di Relookers (uno studio di architetti tutto al femminile che opera nel relooking, ossia di trasformare gli spazi personalizzandoli ottimizzando e armonizzando gli immobili esistenti o in fase di costruzione), Arredo Casa realizza Progetto Casa, una serie di laboratori di creativit dedicati al relooking del salotto, allarte del decoro delle pareti e allarte delladdobbo natalizio, solo per citarne alcuni dei tanti organizzati durante tutti i giorni di apertura della rassegna (sabato 19 e 26 e domenica 20 e 27 ottobre dalle ore 10 alle 20; gioved 24 e venerd 25 ottobre dalle ore 18 alle 23 ingresso unico 2 Euro). Durante i laboratori, Relookers mette a disposizione i suoi architetti per offrire una consulenza gratuita nella progettazione degli spazi.

Cesena

Gioved 10 ottobre 2013

13

Un gruppo di imprenditori e manager partito per gli Usa


ORGANIZZATORI E ALCUNI DEI PARTECIPANTI AL VIAGGIO PROMOSSO DA UNINDUSTRIA FORL-CESENA A SAN FRANCISCO, IN CALIFORNIA

Mostra
Per ricordare Mario Vicini
Un evento espositivo per celebrare il ciclista Mario Vicini. la proposta del Circolo culturale latelico numismatico Ennio Giunchi prevista dal primo al 3 novembre nella sala mostre Severini in corso Mazzini 46 a Cesena. Mario Vicini, nato a Martorano nel febbraio del 1913 e morto nel 1995, stato il ciclista di Cesena pi rinomato, considerando Marco Pantani di Cesenatico. Nel 1937 partecip, senza squadra, al Tour de France classicandosi al secondo posto assoluto. A parte il contributo latelico spiega Daniele Vaienti, uno dei promotori - si potranno rivedere molte bellissime foto dellepoca, alcune riviste francesi di ciclismo e altro materiale che diversi espositori, con la collaborazione della famiglia Vicini, propongono. Abbiamo anche previsto una conferenza di Dino Pieri,

Alla scoperta dei segreti della SiliconValley


na settimana nella Silicon Valley, dove sviluppo tecnologico e imprenditoria hanno trovato negli ultimi decenni un connubio tale da caratterizzare larea di San Francisco, in California, fino a farla diventare culla mondiale dellinnovazione. L dove curiosit, apertura mentale e nuove tecnologie sono punti di eccellenza tali da richiamare le menti informatiche pi brillanti del mondo.

Domenica 6 ottobre sono partiti in diciannove - imprenditori, manager, dirigenti e responsabili tecnologici di azienda - dal comprensorio cesenate per un viaggio di otto giorni promosso dal Gruppo di Lavoro Ict (Information Communication Technology) di Unindustria Forl-Cesena, guidato da Fabio Piraccini, consigliere delegato per le tecnologie informatiche. I partecipanti stanno cos vivendo giorni ricchi di incontri e stimoli visitando alcune delle

aziende pi rappresentative della "Bay Area" di San Francisco, fucina di nuove tecnologie high tech come Google, Minerva Networks, Facebook, Stanford University, VMware: qui il 10 ottobre guida il tour in azienda il cesenate Lorenzo Montesi, in America da quasi ventanni. A caratterizzare ogni passaggio nelle diverse imprese lincontro con italiani o italo-americani che in questarea della California hanno sviluppato veri progetti di vita. "La condivisione del Paese di origine fa s che ci si riconosca da subito per sensibilit e affinit, e lo scambio di esperienza cos facilitato e non formale" - ha specificato nei giorni di vigilia Paolo Marenco, presidente dellassociazione La storia del futuro che si occupa di relazioni aziende e universit Italia-America -. "Esperienze di questo tipo - ha aggiunto Marenco - vogliono essere preziose opportunit di confronto. Chi vi partecipa ha lopportunit di avere maggiore consapevolezza del valore della propria impresa, qualunque sia il settore in cui opera. Unimpresa fatta di persone e di idee in circolo". Le aziende del comprensorio che hanno rappresentanti in questa esperienza di crescita professionale sono Chiquadro, Gruppo Sistema, Ivas, Onit Group, Orogel, Pubblisole (TeleRomagna), Righi Elettroservizi, Sogliano Ambiente e Viaggi Manuzzi. Guida il viaggio il giornalista Roberto Bonzio, autore del progetto multimediale "Italiani di Frontiera". La logistica a cura dallagenzia Viaggi Manuzzi di Cesena. Sabrina Lucchi

Sabato 5 ottobre mancata allaffetto dei suoi cari

MARIANGELA BENZI
in Placuzzi - di anni 63 Ne danno il triste annuncio il marito Oliviero, i figli Michele e Patrizia unitamente ai parenti tutti
Cesena 10 ottobre 2013

Il rito funebre sar celebrato venerd 11 ottobre alle 14,30 nella chiesa parrocchiale di SantEgidio, indi si proseguir per il cimitero urbano di Cesena Non fiori ma opere di bene Si ringrazia di cuore quanti parteciperanno

Piccoli allagamenti
Le intense piogge di luned scorso (60 millimetri di pioggia caduta in 2 ore, misurata presso la stazione Marani di Villachiaviche), hanno causato degli allagamenti in diversi punti del cesenate. Oltre a Cesenatico (vedi articolo a pagina 15) i tecnici del Consorzio di Bonifica sono intervenuti nella zona della Centuriazione in via Melona, Bel Pavone, Mariana, Calabria, Renato Medri. La Polizia Municipale ha chiuso per qualche ora alcune di queste strade. I tecnici sono intervenuti rimuovendo i tappi di foglie ed erba che ostruivano i tombini e i ponti e sorvegliando i principali canali della zona.

Pompe funebri F.lli Stanghellini Tel. 0547/302077

appassionato storico e cantore del mondo del ciclismo romagnolo, autore di testi come Uomini in bicicletta. La storia del ciclismo a Cesena, La Romagna del pedale - Proli di campioni (1920-1970), I Tour degli italiani e di numerosi articoli. La mostra il patrocinio del Comune di Cesena. Verr emessa, a cura del Circolo una medaglia celebrativa in bronzo, oltre a due cartoline, sempre curate dal Circolo. La mattina del primo novembre prevista la presenza di operatori del Servizio Filatelico di Poste Italiane, con possibilit di apporre lo speciale annullo postale gurato. Lingresso libero. Sono certo che, come in passato, conclude Vaienti - per le iniziative sui 150 anni dellUnit dItalia, o per la mostra sullinferno di Dante, o per ricordare i grandi cesenati della cultura, dello sport e delle arti, anche questa volta liniziativa riscuoter un buon successo. Linvito a partecipare gi per il momento dellinaugurazione, venerd 1 novembre alle 10,30.

14

Gioved 10 ottobre 2013

Cesena
21 anni, di Santa Maria della Speranza, studia infermieristica Ha incontrato gente senza denaro, ma pronta a donare un sorriso

Silvia Cedioli ha fatto unesperienza in un dispensario

"La povert in Sierra Leone non frena la gioia di vivere"


amore per il volontariato e il desiderio di vivere unesperienza allestero si sono concretizzati in un viaggio. E quanto accaduto a Silvia Cedioli, ventunenne cesenate della parrocchia di Santa Maria della Speranza, che dal 27 luglio al 21 agosto ha prestato servizio in Sierra Leone come infermiera. "Questo viaggio - spiega la giovane non sarebbe stato possibile senza laiuto del mio parroco don Piero Teodorani e del vescovo Giorgio Biguzzi. Grazie a loro mi sono messa in contatto con una dottoressa toscana, persona straordinaria che da diversi anni si reca in Sierra Leone come volontaria. Con lei ho scoperto gli usi e i costumi locali e ho avuto modo di approfondire le mie conoscenze in ambito sanitario". Per la cesenate si trattato di unesperienza di vita. La sua destinazione era Miglia91, un piccolo villaggio, a 91 miglia dalla capitale. Qui stata accolta dalle

suore clarisse missionarie del Santissimo Sacramento e ha messo in pratica le sue competenze infermieristiche in un dispensario medico che funge da primo soccorso e dispone di letti per la degenza. "Ma ci che conta sono i rapporti umani che si instaurano - aggiunge Silvia Cedioli - sia con gli adulti, sia con i bambini. Ad esempio con il piccolo Henry, un bambino di 9 anni malato di ostiomielite, con una voglia e una gioia di vivere incredibili. Al mattino lo medicavo nella clinica e alla sera passavamo il tempo insieme, in casa. A settembre stato operato a Madrid grazie a una rete di solidariet". Silvia Cedioli si ben presto resa conto che la vita nel villaggio dura perch non c nulla, e la piaga pi grave la mancanza di lavoro. Proprio per questo non mancano giovani del posto che insieme ai volontari europei svolgono i servizi di cui necessitano le suore: sono disoccupati che, piuttosto che non

far nulla in strada, si rendono utili in clinica. Il piccolo pronto soccorso coordinato da una suora che anche dottoressa e dispone di una farmacia: questa struttura lunica del genere per un vasto territorio e tutti vi fanno riferimento. In queste zone vi sono malattie come malaria, tifo, scabbia, in gran parte dovute a mancanza di igiene. "Ho cercato di fare un po di educazione sanitaria - aggiunge - dando consigli e indicazioni. Ma non sempre facile metterle in pratica, considerato che lacqua pulita per lavare e per lavarsi scarseggia". Tutti sono accolti nellinfermeria, senza distinzioni di religione o disponibilit economiche: le suore curano molto questo aspetto e ci contribuisce a scacciare lo spettro della guerra che ha impoverito la popolazione. "Nonostante il caldo torrido mi abbia messa a dura prova conclude la volontaria - il calore delle persone, laffetto delle sorelle,

SILVIA CEDIOLI NELLA FARMACIA DEL DISPENSARIO

le nozioni che ho appreso hanno reso questesperienza indimenticabile. Sono pronta a ripartire". Cristiano Riciputi

Tipano | Corale Malatestiana

Club | Il Lions ha ripreso le attivit

La parrocchia di Tipano ha stravolto le soliti abitudini e per la festa di fine settembre ha organizzato un concerto con la Corale Polifonica Malatestiana. Il sodalizio ha ricordato i 35 anni di attivit.Tanti gli applausi per lesibizione, tenutasi nella millenaria pieve della frazione cesenate.

Il nuovo presidente del Lions Club Cesena, Jacopo Casanova, ha inaugurato lannata lionistica 20132014 presso il nuovo Grand Hotel Leonardo DaVinci di Cesenatico. La serata stata loccasione per assegnare riconoscimenti ad alcuni soci, in base alla loro annata di appartenenza al club. (nella foto). Questo il Consiglio direttivo: past president Luca Porfiri, vice presidenti StefanoValzania e Claudio Cavani, segretario Massimiliano Montalti, tesoriere Stefano Bondi, cerimoniere Wilfrido Franceschini, censore Elia Drudi Palazzi, consiglieri Mirna Foschi, Antonella Fuccio, Giancarlo Petrini, Giuseppe Montaguti, Chiara Scardovi. Officer telematico Mario Manuzzi, addetto stampa Andrea Bettini.

SEGUICI SU FACEBOOK E SU TWITTER


E sul sito

WWW.CORRIERECESENATE.IT
aggiornamenti dal territorio nella sezione
BREVI QUOTIDIANE CON TANTE NOTIZIE IN TEMPO REALE E GALLERIE FOTOGRAFICHE e le notizie dallItalia e dal mondo su www.agensir.it

Cesenatico

Gioved 10 ottobre 2013

15

Allagata una casa in via Boscabella, in zona Villalta


posto dei sacchetti di sabbia sullargine del canale e ne hanno messi anche in corrispondenza del portico dellabitazione e delle porte. "Lacqua stava cominciando a filtrare allinterno, anche dalla muratura aggiunge Domenichini -. Per questo abbiamo messo dei sacchetti anche attorno ai muri esterni". In serata sono intervenuti i volontari del Radio Soccorso di Cesenatico che hanno dato una mano alla famiglia a togliere lacqua e a ripulire sommariamente. Luned scorso sono caduti, in un paio dore, quasi 50 millimetri di pioggia. Nel 1996 in due giorni ne caddero 150, ma vi fu unalluvione devastante perch tutto il territorio fu investito da forti piogge e il mare in burrasca non era in grado di ricevere lacqua dai canali. Dal 1996 ad oggi sono stati effettuati molti lavori di sistemazione idraulica che hanno contribuito a mettere in sicurezza il territorio. Domenichini precisa che "alcuni intasamenti sono dovuti alla sezione ridotta dei ponti, mentre altri allaccumulo di foglie ed erba presso i tombini". Superfluo aggiungere che sarebbe buona norma che ogni cittadino provvedesse in prima persona, davanti a casa o lungo i fossi delle propriet, alla pulizia dei tombini e dei ponticelli. In citt a Cesenatico sono stati registrati i soliti allagamenti in diverse strade. Cristiano Riciputi

Unioncamere
Imprese e sviluppo
Limpatto che si determiner sulla giustizia civile per effetto della reintroduzione della mediazione obbligatoria e la programmazione dei fondi europei a nalit strutturale 20142020: sono due temi di forte attualit posti al centro della Convention delle Camere di commercio dellEmiliaRomagna che si svolta a Cesenatico nei giorni scorsi. La mediazione costituisce per imprese e cittadini un servizio rapido ed economicamente vantaggioso, con effetti di decongestionamento signicativi rispetto al carico di lavoro dei Tribunali. Per questo, Unioncamere ha appoggiato con convinzione la reintroduzione del tentativo di mediazione obbligatoria per unampia gamma di materie previsto dal "Decreto del fare" del Governo Letta; anche le associazioni di rappresentanza delle imprese hanno spinto in questa direzione. Nella seconda sessione della Convention la discussione si focalizzata sulla programmazione dei fondi europei che costituiscono una grande opportunit di sviluppo. LItalia, terzo paese destinatario delle risorse per la coesione, nel periodo di programmazione 20072013 risulta penultima in Europa per capacit di spesa delle risorse. Una grande opportunit non sfruttata soprattutto nelle regioni del Sud (ad eccezione della Basilicata), mentre lEmilia-Romagna diventata il punto di riferimento, in virt del primo posto tra le Regioni italiane per il tasso di impiego dei nanziamenti.

Luned 7 ottobre, intervento in via Boscabella (foto concessa dal Consorzio di Bonifica della Romagna)

Qualche danno e disagi dalla mini-alluvione


17 anni esatti dalla devastante alluvione che colp Cesenatico, luned 7 ottobre ci sono stati attimi di paura. Le piogge intense della giornata, sommate a quelle dei due giorni precedenti, hanno fatto esondare alcuni canali. "Abbiamo avuto il problema maggiore - spiega Daniele Domenichini, ingegnere del Consorzio di Bonifica della Romagna in via Boscabella angolo via Redichiaro, non lontano da Villalta. C stata

lesondazione del canale "Carlina 2" e la strada stata allagata per cui la Municipale stata costretta a chiuderla. Quattro le abitazioni colpite dalla mini-alluvione: tre sono state circondate dallacqua ma, essendo rialzate, non hanno avuto ulteriori problemi. Per una, invece, c stato lallagamento". Lacqua penetrata nellabitazione e gli uomini del Consorzio sono intervenuti cercando di evitare il peggio: hanno

"Fausto Coppi"
Esordienti: vittoria per Simone Buda
Seconda vittoria stagionale per il ciclista montianese Simone Buda, esordiente II anno del gruppo sportivo "Fausto Coppi" di Cesenatico, a Campocavallo di Osimo (Ancona) nella 46esima coppa Beata Vergine Addolorata. Gara di 34 chilometri. Sotto una pioggia battente ha staccato tutti, giungendo a braccia alzate. Al quinto posto il suo compagno di squadra, il longianese Lorenzo Casadei. Con questo successo, il gruppo sportivo "Fausto Coppi" ha raggiunto quota 9 ( Sei vittorie di Casadei, due di Buda, una del gambettolese Federico Caputo e tanti piazzamenti nei primi cinque posti) e occupa la terza posizione nella classica nazionale con 146 punti.

Lotteria: alcuni fra i premi pi ambiti devono ancora essere ritirati

Parrocchia di Sala, lentusiasmo della festa


Nei giorni scorsi si svolta la festa parrocchiale in onore della Madonna del Rosario con il sostegno economico della Bcc Sala di Cesenatico. Si tratta di una festa popolare molto sentita nella popolosa frazione cesenaticense, con vari momenti ricreativi e religiosi che hanno richiamato gente anche dai comuni vicini nonostante la pioggia. Il parroco don Luca Baiardi si occupato della parte religiosa. Venerd scorso i 29 ragazzi cresimandi hanno collaborato alla riuscita della cena comunitaria che ha raccolto 250 presenti sotto il tendone. Il vescovo Douglas Regattieri ha celebrato il rito della Cresima sabato scorso. Un folto gruppo di volontari (vedi foto) ha pensato alla parte ricreativa distribuita su tre giorni, con servizio gastronomico sotto lampio tendone. A disposizione dei visitatori una mostra fotografica presso il teatro parrocchiale, la musica romagnola, i giochi di una volta e lo spettacolo dellassociazione Cesena Danze di Ivano Pollini. Sempre nellambito della festa, si tenuta anche una sottoscrizione a premi. In particolare il biglietto pi ambito (n. 1343) d diritto a ricevere un buono spesa da euro 3.000 presso presso A&O di Pieri Marino e fino a qualche giorno fa non era stato ritirato,

come pure i vincitori del Tv 32 led lcd (n. 2671), il piumone matrimoniale Zucchi (n. 1152), il prosciutto (n. 2450) e la macchina fotografica (n. 1985). Gm

Ponte Giorgi
ARREDI SACRI DI SEMPRINI
Gabriele e Severino
sas Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

via Alberti, 3/a tel. e fax 0541 21424 Rimini

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

16

Gioved 10 ottobre 2013

Valle del Rubicone


racconta la battaglia del Rubicone avvenuta durante la seconda guerra mondiale - autunno 1944 - sul settore adriatico della Linea Gotica, fra lesercito tedesco in ritirata e le truppe alleate. Il passaggio del fronte segn, con le sue tragiche conseguenze, un momento di profonda trasformazione nellevoluzione sociale e culturale del Paese. Il territorio del Rubicone, tra la ne di settembre e linizio dellottobre 1944, sia per la sua posizione strategicamente importante sia per levolversi tattico degli eventi bellici lungo la Linea Gotica, fu interessato da un violento scontro tra le linee difensive tedesche e lattacco degli eserciti alleati schierati sul settore adriatico, che miravano alla conquista dellultimo baluardo collinare, per potersi riversare nella piana di Cesena. Quella che prese il nome di Battaglia del Rubicone fu, quindi, decisiva per lo sfondamento della Linea Gotica e rivest fondamentale importanza nel contesto generale della guerra.

Roncofreddo, domenica Museo del fronte aperto


Dalle 15 alle 18 sar possibile visitare la collezione privata Savini
Ogni seconda domenica del mese, dalle 15 alle 18, il Museo del fronte del Rubicone 1944 verr aperta al pubblico. Si tratta della collezione privata Savini e si trova in via Matteotti 91, a Roncofreddo. Il museo espone uniformi, foto, cimeli, oggetti di uso quotidiano appartenuti ai soldati e

Via Giannini: lo chiedono i residenti

Roncofreddo
Droga, la Finanza scopre una raffineria
Un blitz perfettamente riuscito, unoperazione storica per la Guardia di Finanza di Rimini che sabato 28 settembre ha scovato nelle campagne di Cento di Roncofreddo la prima raffineria di stupefacenti della Romagna. Loperazione, chiamata in codice "100%", ha portato allarresto di due giovani albanesi di 24 e 26 anni e di un italiano di 55 titolare della casa in cui era stato allestito il laboratorio clandestino. Dopo molti pedinamenti, iniziati da un banale screening sul tenore di vita dei residenti che ha evidenziato lelevato standing dei due albanesi nonostante la disoccupazione, nella raffineria perfettamente attrezzata i nanzieri hanno sequestrato un vero capitale: nelle tre stanze al piano terra, oltre a 24 chili di eroina pura e altri 10 di cocaina allo stesso stato, sono stati trovati 67 chili di eroina gi tagliata e 170 chili tra caffeina e paracetamolo utilizzati per tagliare la droga, tutto meticolosamente catalogato in base a confezionamento, taglio e modalit di assunzione. Il valore complessivo della merce ammonta a circa 30 milioni di euro per un totale di un milione e mezzo di dosi. "E la prima volta che, in Romagna, viene scoperta una raffineria di stupefacenti - ha reso noto il colonnello Mario Venceslai, comandante delle Fiamme Gialle riminesi . Questo ci porta a modicare radicalmente il concetto che la Riviera sia solamente un punto di passaggio e di smercio di droga visti, soprattutto, gli standard elevati del laboratorio".

Longiano, parcheggio da risistemare


mministrazione comunale di Longiano a confronto con la frazione "CapoluogoMontilgallo-Felloniche". Nei giorni scorsi il quartiere si riunito per presentare alla Giunta alcuni problemi, relativi soprattutto alla manutenzione delle strade. Le criticit emerse riguardano il rischio frane in alcuni punti di via Circonvallazione, un cedimento pericoloso nel primo tratto di via Belvedere, i dossi causati dalle radici dei pini in via Giovanni XIII e uno smottamento in via Ribano (Felloniche). "I cittadini chiedono ha detto il presidente del quartiere, Ugo Bartoletti - anche la sistemazione del piccolo parcheggio e dellarea verde di via Giannini (foto), con la messa in sicurezza dellannessa mura". "Si tratta di problemi di vecchia data - ha risposto lassessore ai lavori pubblici, Widmer Sarpieri - ma il Comune non ha i soldi per intervenire subito. La manutenzione si far - ha assicurato - ma sulle

Tanti i lavori in progetto ma per i quali mancano i finanziamenti


tempistiche non possiamo garantire nulla. Riguardo al problema di via Giovanni XIII - ha aggiunto - c un progetto che prevede labbattimento dei pini, il rifacimento del marciapiede, la ripiantumazione di alberi meno invasivi e il rifacimento del manto stradale. Sar realizzato dalla Provincia con i soldi derivanti dalle economie della rotonda di Case Missiroli". Lassessore ha poi illustrato i progetti che attendono di essere finanziati e realizzati. Si va da una struttura con servizi nellarea del campetto di via Cannella, allinstallazione di nuovi giochi nelladiacente parco "Madre Teresa di Calcutta". Dalla razionalizzazione di piazza Tre Martiri con leventuale posizionamento di alcune sculture in ghisa offerte da Domenico Neri, alla riqualificazione dei locali dellex forno in piazza San Girolamo. Due sono gli interventi gi finanziati (linvestimento di oltre 450mila euro), in dirittura di arrivo. Entro il 2013 si svolgeranno i lavori di manutenzione straordinaria e consolidamento delle case popolari di piazza Malatestiana, che patiscono infiltrazioni dacqua dal tetto, mentre nel 2014 sar affrontato il recupero della struttura "Colombarina" in via Decio Raggi per uso alloggi popolari. Matteo Venturi

Rotary | Artista giapponese

Roncofreddo | Osteria premiata a Bra

Lartista giapponese Mokichi Otsuka ha partecipato, la scorsa settimana, alla conviviale del Rotary ClubValle del Rubicone. Il presidente del sodalizio, Flaminio Balestra, ha elogiato la grande espressivit dellartista, sottolineando che parte della sua formazione dovuta allItalia, dato che ha vissuto per cinque anni a Faenza. La tecnica adottata dallartista prevede che, una volta realizzata lopera con la terracotta, questa sia ricoperta da centinaia, migliaia di fori entro i quali inserisce argilla bianca. Nella foto, lartista premiato dal presidente Balestra.
San Biagio in Bulgaria

In occasione di "Cheese", la manifestazione internazionale organizzata da Slow Food a Bra (Cuneo) dal 20 al 23 settembre scorso, lOsteria dei Frati di Roncofreddo stata designata a livello nazionale come "Locale del buon formaggio" e inserita per la prima volta nella guida "Osterie DItalia 2014", il sussidiario Slow Food del "mangiarbere" allitaliana. Nella foto, alcune delle Osterie romagnole presenti a Bra: La Campanara, Locanda al Gambero Rosso, Osteria dei Frati.

10/10/1953 - 10/10/2013 Gambettola

Gambettola, rassegna di corali


Sabato 12 ottobre alle 21
Se si vuole tramutare unumida serata autunnale in un momento piacevole e coinvolgente, bene partecipare alla Rassegna organizzata dalla Corale A. Vivaldi a Gambettola il 12 ottobre alle 21 presso la parrocchia di SantEgidio a Gambettola. Interverranno oltre alla corale A. Vivaldi, diretta da Rosita Pavolucci e accompagnata al pianoforte da Silvia Biasini, la corale (totalmente maschile) San Giorgio di Filattiera di Massa Carrara, diretta da Pierfrancesco Carnesecca, e la corale Intercity Gospel Train Orchestra di Forl, diretta da Valerio Mugnai.

Nozze di diamante
PASQUALE GALASSI ANNA STRADA 60 ANNI DI VITA INSIEME

Auguri dai figli, dai generi, dalle nuore, dai nipoti e dai pronipoti

Valle del Savio


I sindaci Graziani e Lucchi Tante famiglie allinaugurazione

Gioved 10 ottobre 2013

17

Il vescovo durante la benedizione

Lo sbarco del pescato

Linvestimento totale stato pari a 2,2 milioni

Quasi 1000 metri di superficie coperta e 3000 di giardino

Ampia fotogallery sul sito www.corrierecesenate.it

A Bora una scuola materna che unisce due comunit


na scuola che nasce nel segno della collaborazione di due Comuni che cercano in tutti i modi di essere vicini alle esigenze della gente". In questo modo Oscar Graziani, sindaco di Mercato Saraceno e Paolo Lucchi, primo cittadino di Cesena, hanno tagliato il nastro della nuova scuola materna di Bora (nel territorio di Mercato Saraceno al confine con Cesena) che va a sostituire le strutture di Bacciolino e di Borello. Presente, fra le varie autorit, il vescovo di Cesena-Sarsina Douglas Regattieri che ha benedetto i nuovi locali e le persone che li frequenteranno. La sezione "nido" non stata ancora attivata per la mancanza di iscrizioni. Attualmente sono in funzione 4 sezioni, frequentate da 115 bambini, di cui 60 provenienti da Borello (fra loro 6 nuovi iscritti che non hanno frequentato il vecchio asilo di Borello) e i restanti dal territorio di Mercato Saraceno.

"U

Cospicuo linvestimento, che ammonta a 2 milioni e 200mila euro. Di questi, 1.154.448 euro sono stati stanziati dal Comune di Mercato Saraceno, 800mila euro sono arrivati dal Comune di Cesena, mentre i restanti 245.552 euro sono stati coperti da un contributo regionale. I lavori sono stati eseguiti dalla Societ Operai Muratori Cesena e conclusi nellarco di un paio danni. La progettazione stata affidata allarchitetto Stefano Ventrucci, mentre gli impianti sono stati curati dallingegnere Paolino Batani. Il responsabile del procedimento stato lingegner Andrea Montanari. La parte preponderante della struttura dedicata alla scuola per linfanzia, che occupa 980 mq di superficie coperta, mentre il giardino al suo servizio si estende per circa 3000 metri quadrati. Da un punto di vista architettonico, le forme utilizzate consentono illuminazione e ventilazione

naturale allinterno delle sezioni e dei grandi ambienti per le attivit libere, per garantire a livello funzionale, psicologico e ambientale il massimo confort in ogni condizione di utilizzo per tutto il periodo di fruizione della scuola. Internamente, il doppio volume centrale attraversato da unonda che segna il percorso di crescita e rompe il rigido schema volumetrico, mentre sul tetto sono stati installati un impianto fotovoltaico e uno solare integrati nella copertura . La nuova scuola caratterizzata da una forte relazione fra ledificio, la natura circostante e il giardino, concepito per assumere un potenziale ruolo di "aula verde", ovvero di uno spazio in grado di accogliere e stimolare attivit non solo ludico-ricreative, ma anche a sfondo didattico. In particolare, stato sfruttato il terreno in leggero declivio per creare spazi di gioco coperti nel giardino inferiore.

Taibo
Sagra de grasl
Il maiale grande protagonista in zona Mercato Saraceno. Presso la parrocchia di Taibo si festeggia la ventesima edizione della Sagra de grasl dall11 al 13 ottobre, nel corso della quale sar possibile gustare ciccioli tagliati a mano e stretti nel canovaccio secondo la tradizione. Venerd 11 ci sar la grande pizzata parrocchiale alle 19. Sabato sera dalle 19 e domenica dalle 12 sar invece allestito uno stand gastronomico coperto e riscaldato che servir ai suoi avventori tutte le migliori specialit romagnole: tortelli, strozzapreti, castrato e carni alla griglia, piadine con affettati. Ad allietare i festeggiamenti domenicali penser la musica del trio Made in Italy. Nel corso dei festeggiamenti rester sempre attiva la pesca di benecenza con i suoi ricchi premi.

Montepetra, il 20 ottobre la comunit ricorda lapparizione della Madonna

A 450 anni dal grande miracolo


Ricorre questanno il 450esimo anniversario dellApparizione di Maria, avvenuta presso la localit Giampereto l8 aprile 1563, in parrocchia di Montepetra. La comunit annuncia di volere ricordare in modo speciale domenica 20 ottobre questa prodigiosa visita di Maria alla pastorella Agata. Di fronte al luogo dellapparizione sorge il Santuario di Romagnano a lei dedicato, ricostruito dopo questo miracolo che fu il fatto religioso pi prodigioso in tutta la Valle del Savio. Nel luogo dellApparizione esposta una "mistedia", termine dialettale locale derivante da "maest". La mattina di gioved 8 aprile 1563 la pastorella sordomuta Agata pascolava il gregge sulla sponda del torrente Chiusa quando, allimprovviso, vide una signora riccamente vestita che teneva in braccio un vezzoso bambino. La fanciulla, impaurita, prese coraggio vedendo che la Signora le sorrideva e le rivolse la parola: "Io sono Maria Ausiliatrice e voglio mi si costruisca una chiesa sopra i ruderi dellantica pieve di Romagnano. Va, le ordina, a dire al vescovo di Sarsina che qui amo di essere onorata". Agata, che subito acquist udito e parola, corse dai genitori che la accompagnarono dal vescovo Lelio Garuffi, il quale si accinse prontamente a compiere un processo canonico facendo indagini accurate sullavvenuto miracolo della pastorella. Egli stesso si prodig ad attuare ci che la Vergine aveva domandato e poco tempo dopo consacr la ricostruita chiesa di Romagnano alla presenza di paesani e di sacerdoti. Sempre monsignor Garuffi diede limpegno alla comunit sarsinate di organizzare ogni anno tre processioni al luogo dellApparizione partendo da Sarsina. Nei secoli il culto alla Vergine dellApparizione si leg esclusivamente al Santuario di Romagnano e il luogo dellApparizione venne quasi dimenticato. Vi rimase solo una piccola cadente maest che, per iniziativa del parroco don Francesco Giannini, la signora Maria Antonini ricostru nel 1939. Nel 1992 Michele Fanini, proprietario del bosco, la risistem e vi applic sulla parte frontale unaltra immagine, oltre quella esistente, in ceramica policroma. Nel 1993 iniziarono i primi pellegrinaggi nelle sere del 7 aprile, 31 maggio e 14 agosto. Da quel momento, grazie alloperato di volontari e specialmente di Peppino Camagni e famiglia, il luogo stato profondamente trasformato, fornito di luce ed acqua e aiuole di fiori. Proseguendo oltre la celletta dellApparizione, attraversando il torrente, possibile salire fino alla chiesa di Romagnano. Daniele Bosi

La Banca di casa tua!

18

Gioved 10 ottobre 2013

Solidariet
Assisi, 14-17 settembre

Inizia marted 15 ottobre alle 20,30 un corso di formazione

Sofferenza e isolamento
Convegno nazionale Pastorale sanitaria
Il convegno nazionale A.I.Pa.S. (Associazione Italiana di Pastorale Sanitaria) si apre il 14 ottobre nella citt di Assisi, allinsegna di un tema tipico per chi ha scelto di accompagnare persone nella sofferenza: la consolazione. Questa parola pu apparire come ripiegata su stessa, quasi senza speranza, luso comune, infatti, le attribuisce un signicato pressoch illusorio. Il convegno vuole svecchiare il termine che nella sua vera essenza vuol dire accompagnare, stare accanto a chi nella solitudine. Con-solo vuol dire stare con chi solo in modo che non lo sia pi. La malattia, il dolore, la sofferenza rischiano di chiudere la persona colpita in un isolamento dannoso per se stesso e priva la societ di un contributo che si rivela sempre prezioso quando condiviso. La comunit cristiana ha sempre avvertito il desiderio e il dovere di tenere e tendere la mano a chi soffre. In questo lone di carit e di giustizia si inserisce lopera di tanti cappellani e operatori pastorali che svolgono il loro servizio nelle strutture sanitarie e sul territorio. Per illuminare i vari volti della consolazione che apre alla speranza, le relazioni principali guarderanno ad alcune icone evangeliche per ispirare il cammino dei partecipanti. Lapertura del convegno (luned 14 ottobre) affidata a monsignor Benigno Papa che in qualit di arcivescovo di Taranto, qualche anno fa, istitu un vero e proprio ministero della consolazione al ne di stimolare lintera comunit cristiana a prendersi cura dei malati. Il giorno dopo (marted 15 ottobre), il programma prevede una relazione di monsignor Luca Bressan, vicario episcopale della diocesi di Milano, che commenter il brano del cieco nato, a cui far seguito la presentazione di un documento sul ministero della consolazione preparato dai Camilliani e presentato da padre Angelo Brusco.Mercoled 16 ottobre, sar la volta di padre Alberto Maggi, conosciuto biblista, il quale offrir una riessione che, a partire dal brano dei discepoli di Emmaus, traccer le linee di una pastorale evangelicamente ispirata. Chiuder il convegno un intervento al femminile della teologa Ina Siviglia. Per info e iscrizioni: fra Angelo de Padova 328 2420044, frateangelo@alice.it. Programma e ulteriori informazioni su www.associazioneitalianapastoralesanitaria.it

i r e i l a d e p s O i r a t n o l o V e n Associazio

Nuove braccia per lAvo di Cesena


i terr marted 15 ottobre alle 20,30, nella sala teatro della casa di riposo Don Baronio (via Mulini, Cesena) la prima delle sette serate del corso di formazione per nuovi volontari Avo (Associazione volontari ospedalieri). Il servizio dei volontari Avo - attivi a Cesena da pi di venticinque anni viene svolto in tutti gli ospedali del comprensorio cesenate, nelle case di cura e in alcune case di riposo. In particolare, lAvo presente a Cesena allospedale Bufalini nei reparti di Medicina, Ortopedia, Neurochirurgia e Geriatria, e nelle case di cura Malatesta Novello e San Lorenzino. Gruppi di volontari operano allospedale di Cesenatico, Mercato Saraceno, San Piero in Bagno e allHospice di Savignano. un servizio importante, in quanto vede la presenza di una persona amica a fianco di persone ricoverate non autosufficienti che spesso si trovano sole. Una solitudine che di certo non aiuta

a ridurre i tempi di degenza e che inevitabilmente diventa una sofferenza che si aggiunge a sofferenza. Laccostarsi tutti i giorni, due volte al giorno, alle persone ricoverate da parte dei volontari Avo, porta a loro calore umano e aiuto di cui hanno bisogno. I volontari Avo forniscono un sostegno amichevole e un conforto psicologico ai pazienti ricoverati. Solo se necessario prestano il loro aiuto durante la distribuzione dei pasti. Ai volontari Avo viene chiesta la disponibilit di due ore settimanali. Due ore che diventano una risposta damore alle crescenti richieste che pervengono dai vari luoghi di cura. Il corso di formazione di grande aiuto e serve al volontario perch si inserisca meglio in una realt che non pu non stare a cuore di ogni persona di buona volont. LAvo ha necessit di crescere e di accogliere e inserire altri numerosi volontari.

Liscrizione al corso di formazione Avo sar effettuata la prima sera, presentandosi alle 20,30 nella sala-teatro della casa di riposo Don Baronio. Anche i volontari gi in attivit sono invitati a partecipare, in quanto il corso rappresenta una buona opportunit di aggiornamento. Il corso gratuito ed rivolto a giovani e meno giovani. Tutte le persone di buona volont possono dedicare due ore del proprio tempo libero alla settimana a questo servizio di solidariet, a vantaggio di chi deve affrontare la malattia o la vecchiaia sempre pi spesso in solitudine. Per informazioni: segreteria, 348 4669589, avocesena@libero.it, www.avocesena.it

Indice globale dellinvecchiamento


HelpAge International una Ong internazionale impegnata da oltre trentanni nella difesa dei diritti della popolazione anziana. In occasione della Giornata Internazionale delle Persone Anziane, in collaborazione con il Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione, ha pubblicato il primo Indice Globale sullInvecchiamento che, primo nel suo genere, misura il livello di benessere della popolazione anziana in 91 Paesi. LIndice si propone didenticare la natura multidimensionale della qualit della vita e del benessere delle persone riferendosi a quattro ambiti fondamentali: sicurezza del reddito, stato di salute, impiego e istruzione, contesti ambientali adeguati. A loro volta, in ogni ambito di riferimento sono stati selezionati indicatori specici: - Sicurezza del reddito: copertura del reddito pensionistico, tasso di povert delle persone anziane, benessere relativo degli anziani, Pil pro capite. - Stato di salute: aspettativa di vita in salute a 60 anni, benessere psicologico. - Impiego e istruzione: numero di occupati ultra sessantenni, livello di istruzione delle persone anziane. - Contesti ambientali adeguati: relazioni sociali, sicurezza sica, libert civica, accesso ai trasporti pubblici. Il ranking globale dimostra che le persone anziane vivono meglio nei Paesi nordici. Il primo posto della classica infatti occupato dalla Svezia, seguita da Norvegia, Germania e Paesi Bassi. Come prevedibile, gli anziani incontrano maggiori difficolt in molti Paesi dellAfrica e dellAsia. Il Paese dove si registrano le peggiori condizioni per gli anziani lAfghanistan. LItalia, invece,

NOTIZIARIO PENSIONATI
occupa il 27esimo posto. Esistono comunque delle eccezioni nelle aree pi svantaggiate del pianeta, e si possono citare alcuni casi di Paesi nei quali, nonostante risorse limitate e bassi livelli di reddito, si registrano rilevanti miglioramenti per la popolazione anziana. In Bolivia, per esempio, che occupa il 46esimo posto dellIndice, stato avviato un Piano Nazionale per lInvecchiamento che include lassistenza sanitaria gratuita per gli anziani e una pensione universale non contributiva. In Nepal, 77esimo nellIndice, nel 1995 stata introdotta la pensione minima per gli ultra settantenni senza altri redditi pensionistici. Nel 2012 lItalia era il secondo Paese del mondo con la percentuale maggiore di anziani: il 27 per cento della popolazione. Registrava unalta aspettativa di vita al raggiungimento dei 60 anni (25 anni) e si ben posizionato anche per quanto riguarda la sicurezza del reddito e per la copertura pensionistica. Per quanto riguarda gli altri due ambiti presi come riferimento dallIndice, lItalia scesa a livelli pi bassi: solo il 36 per cento delle persone anziane lavora e solo il 53 per cento degli anziani si considera soddisfatto del livello di libert civiche. Di fronte allennesima tragedia a cui abbiamo assistito in queste ore, tragedia che ci lascia senza parole, indispensabile e urgente che il Paese intervenga, insieme allEuropa, per mettere in atto azioni che salvaguardino coloro che lasciano la loro terra per cercare altrove una vita migliore. con queste parole che il Segretario generale della Cisl Pensionati, Gigi Bonfanti, ha commentato quanto over 65 che, secondo Eurostat, passeranno dal 17 per cento (nel 2008) al 30 per cento degli interi abitanti tra quarantanni circa, locchio dei geriatri, riuniti a Venezia per il nono congresso della Societ europea (Eugms), guarda sempre pi alla qualit di vita e non solo alla longevit tout court. Una recentissima classica Onu sul Paese dove si invecchia meglio indica la Svezia come il Paese ideale per vecchi complessivamente. LItalia non neppure nella top 20 ( al posto 27 su 91 nazioni). Un Belpaese che secondo al mondo per over 60, unaspettativa di vita che sora gli 85 anni per le donne, una rete di sicurezza familiare, garanzie sugli aspetti sanitari, ma con forti problemi sulla qualit di vita e aspettative. E cos Paesi come Giappone, Australia, Cile sono ampiamente sopra la media del bel Paese. I dati europei Eurostat su invecchiamento e aspettativa di vita in buona salute segnalano ancora la Svezia sempre al primo posto con Cipro, Malta,

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Gigi Bonfanti:Strage di Lampedusa, non si ripeta pi


avvenuto nellisola siciliana. giunto il momento ha proseguito il Segretario della Fnp Cisl - che non solo lItalia, ma lEuropa tutta si faccia carico di questa emergenza per dare al governo gli strumenti necessari per realizzare quella politica di accoglienza degna di ogni Paese civile. Politica che rispetti, come ha detto papa Francesco, i diritti e la vita di ogni essere umano.

LItalia non un Paese per vecchi


LItalia invecchia ma non molto bene. In unEuropa dove il 22 per cento della popolazione ha pi di 60 anni e con gli

Svizzera, Islanda, Norvegia che hanno una zona di problematicit assai inferiore a quella italiana. In Italia laspettativa di vita per le donne (Eurostat 2012) di 84,6 anni (Francia 85 e Spagna 84,9) e 79,3 gli uomini (80 la Svizzera e 79,9 lIslanda), ma la buona salute sinterrompe molti anni prima. Ne ha parlato la presidente del congresso, Stefania Maggi, epidemiologa e geriatra, direttore di ricerca nel progetto Aging del Cnr di Padova (e dal 2015 eletta presidente dellunione geriatri europei, Eugms). Declino cognitivo, demenze, comorbilit accentuata (fenomeno per cui in una persona sono presenti due o pi disturbi di origine diversa), fragilit ossea e cadute, dolore ma anche bisogno di supplementazioni e dieta, disturbi fastidiosi come la costipazione e vaccini legati a inuenza e anche allherpes zoster sono i temi al centro del congresso. Ma sono gli aspetti cardiaci che hanno catalizzato lattenzione.

In Europa 25 milioni di nuovi poveri entro il 2025


Secondo un rapporto pubblicato da Oxfam (ong internazionale impegnata da oltre trentanni nella lotta contro la povert) le politiche di austerit adottate in Europa per contrastare la crisi economica aumenteranno ulteriormente il divario sociale, generando tra i 15 e i 25 milioni di nuovi poveri. Entro il 2025, infatti, 146 milioni di europei (quasi un europeo su tre) potrebbero essere e rischio povert. Londata di austerit economica dilagata in Europa sulla scia della Grande Recessione rischia di causare danni gravi e permanenti al tanto caro modello sociale del continente. Come gli economisti, me compreso, hanno da tempo previsto, lausterit ha solo paralizzato la crescita dellEuropa, con incrementi nelle posizioni scali costantemente deludenti.

Cultura&Spettacoli

Gioved 10 ottobre 2013

19

IlFalstaffdi Boito apre la stagione del Bonci


autunno ci riporta al teatro Bonci di Cesena. Eccoci, infatti, per il primo appuntamento della stagione, in prima nazionale, sabato 12 ottobre alle 21 e - fuori abbonamento - domenica 13 alle 17. In scena Falstaff di Arrigo Boito, musica di Giuseppe Verdi, maestro direttore e concertatore Manlio Benzi, regia Gabriella Medetti e Simone Toni. Un progetto che ogni anno il conservatorio Bruno Maderna e la sede cesenate

dellAccademia di Belle Arti di Bologna regalano ai numerosissimi melomani della citt: allievi e docenti realizzano lallestimento integrale di unopera, curando nei minimi dettagli musica, canto, recitazione, scenogra a e costumi. Per la prima volta al conservatorio cesenate si affiancano i conservatori di Pesaro e Ferrara. Prezzi: intero 15 euro, ridotto 12 euro, speciale giovani, studenti universitari e loggione 10 euro. Solo per domenica, i ragazzi sotto i 13 anni, accompagnati da un genitore, entrano gratuitamente. Per informazioni, biglietteria: tel. 0547 355959, e-mail info@teatrobonci.it, www.teatrobonci.it.

Cinema
Multisala Aladdin Cesena Uci Savignano

di Filippo Cappelli

GRAVITY - di Alfonso Cuarn


Meglio annotare sul quaderno degli appunti il nome di Alfonso Cuarn. Il regista, sceneggiatore, montatore e produttore messicano, che nel 2006 ha diretto I figli degli uomini, si presenta nel 2013 con un film ambizioso che ripaga le aspettative. La trama: siamo di fronte a uno degli sci-fi pi audaci degli ultimi anni. Non si ricorda unesperienza di visione cos definitivamente immersiva, capace di abbattere la barriera dello schermo. Sandra Bullock e George Clooney sono astronauti in bala del vuoto cosmico. Una pioggia di detriti ha distrutto la loro stazione spaziale e lobiettivo adesso fluttuare verso la salvezza. Di pi, la rinascita e la fede (moltissime le suggestioni visive dedicate al parto e alla religione). Fluttuiamo via anche noi del pubblico, verso il nulla siderale, cercando una corda, un pezzo di lamiera, qualunque cosa che ci tenga aggrappati alla Terra. Visione in apnea, amplificata dallassordante rintocco dei respiri. Visione in soggettiva, faccia a faccia con le fauci delluniverso, nere e pronte a inghiottirci. Visione orfana, senza le coordinate dello spazio e del tempo. Alfonso Cuarn torna alla fantascienza con Gravity, film acclamato alla recente mostra del cinema di Venezia. Un progetto tormentato: Gravity ha avuto una gestazione lunga e tormentata, con vari attori e attrici di primordine interessati al progetto, ma che lo hanno abbandonato. La scelta finale della coppia Bullock-Clooney, formatasi pi per caso che per desiderio dello studio, risulta essere molto felice: difficile pensare a un cast migliore di questi veterani di Hollywood, che con il loro calibrato carisma riescono a dare vita a un film quasi interamente creato al computer, e il cui effetto sullo spettatore paragonabile a delle gigantesche montagne russe lunghe novanta minuti. I temi trattati sono assai vari, e determinano fin dallinizio una profonda inquietudine: langoscia dellisolamento, lo sgomento e il terrore provati da ogni essere umano allidea dellabbandono, del naufragio in un luogo in cui non esistono le condizioni per sostenere la vita. Ineccepibile la tecnica e pi profondamente leleganza con cui Cuarn sostiene per novanta minuti (e con sole poco pi di 150 inquadrature) un film dai tratti poetici, eppure assolutamente disarmanti. Si accoglie il ritorno della luce in sala, della consistenza del pavimento e della robustezza dei muri con un sospiro di liberazione. Da applausi. Ricordandosi di attivare il microfono.

La serata si tenuta il 27 settembre a Cesena nella sala PioVII del Monte

Al Monte gli ex voto di Ilario Fioravanti


n buon pensiero, liniziativa promossa dallassociazione culturale Benigno Zaccagnini e dalla Societ Amici del Monte, di convocare nel santuario della Madonna del Monte, venerd 27 settembre, i devoti della Madre del Signore e i tanti amici dellarchitetto cesenate Ilario Fioravanti, deceduto a fine gennaio 2012. Oggetto dellincontro la presentazione degli ex voto che il maestro aveva dipinto, anche su suggerimento dellamico Tonino Guerra, affidandoli poi ad Adele, sua sposa carissima, perch li portasse nel santuario, espressione della sua fede e della sua devozione alla Madonna, invocata lungo il cammino faticoso della vita, nei momenti di particolare preoccupazione; nel corso della sua vita, nella vita di amici che a lui hanno confidato la riconoscenza per una grazia ricevuta. Gli ex voto sono stati collocati nel corridoio del monastero del Monte che dalla sacrestia conduce alla Biblioteca. Si aggiungono al corpus delle tavolette votive che sono state predisposte nelle vetrinette che arredano il deambulatorio che abbraccia il coro monastico, quasi ai piedi della statua della Madonna.

Don Giancarlo Biguzzi ha guidato lincontro promosso da Societ Amici del Monte e associazione Benigno Zaccagnini
Don Giancarlo Biguzzi, ricorrendo la festa patrona di San Giovanni Battista, nel giugno scorso aveva sapientemente illustrato i portali di bronzo scolpiti dal maestro Fioravanti, con le formelle che raccontano le storie del Battista. Nella presentazione del catalogo, curato da Ercole Acerbi, don Biguzzi dice le ragioni che devono illuminare lo sguardo di quanti si soffermano a contemplare queste testimonianze che dicono la protezione della Madre celeste. Le singole immagini, oltre al titolo, sono corredate da una breve didascalia che aiuta il pellegrino a non andare di fretta, e da un testo poetico scritto da Luigi Riceputi; testi che possono ispirare la preghiera. Sulla copertina del catalogo, stampato con diligenza dalla Cils di Cesena, riportato il primo ex voto della serie: Mani in preghiera verso limmagine della Madonna del Monte. Rimaniamo ora in attesa dello studio pi compiuto e approfondito che don Walter Amaducci sta per dare alle stampe. Un bel volume che si aggiunge a quello che don Walter ha dedicato alle vetrate istoriate che Ilario Fioravanti ha dipinto per la chiesa di San Pietro di Cesena e che raccontano con linguaggio poetico e vibrante le storie del pescatore di Galilea, chiamato da Ges a presiedere, un giorno, la Chiesa di Roma e con quella comunit guidare il cammino di fede della Cattolica nel mondo, lungo i secoli. Piero Altieri

La raccoltaIl bianco delle veledi Franco Casadei piace in tutta Italia


distanza di un anno dalla sua uscita, il libro di poesie Il bianco delle vele (Raffaelli Editore, A Rimini) di Franco Casadei sta avendo riscontri positivi un po in tutta Italia, sia durante letture pubbliche (fra cui a Palazzo Medici a Firenze, a Roma, a Torino, a Venezia, a Gorizia, a Parma), sia in diversi concorsi letterari. Si classicato primo in nove concorsi e ai primi posti in altri diciannove. Fra i pi signicativi: il premio Cesare Pavese per medici scrittori, il premio Citt di Venezia, il premio Il meleto di Guido Gozzano, il premio Kafka. Il 21 settembre scorso, durante una cerimonia di premiazione ad Albarella alle Foci del Po, il glio del poeta Salvatore Quasimodo Alessandro, attore e regista - ha recitato pubblicamente la poesia pi toccante del libro: Bruno e Rosalba. Uninterpretazione magistrale, unemozione profonda. Un grande omaggio alla memoria - proprio il 21 settembre - il giorno di anniversario della morte dei due fratelli dellautore, deceduti nel lontano 1949 nel torrente Ausa che attraversava la propriet della famiglia a Collinello di Bertinoro, quando il fratellino Franco aveva tre anni appena. Dramma che ha per sempre segnato la vita della sua famiglia.

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
IL LUOGO DELLA MEMORIA. Lopera di Beato Angelico nel convento di San Marco a Firenze
Mariella Carlotti - Societ Editrice Fiorentina, 2013 (16 euro) uscito dalla Societ Editrice Fiorentina il libro Il luogo della memoria. Lopera di Beato Angelico nel convento di San Marco a Firenze, scritto da Mariella Carlotti. Si tratta del quinto libro di questa autrice, che introduce alla comprensione teologica e pittorica di alcuni grandi cicli di opere darte come le formelle del Campanile di Giotto, gli affreschi del Buon Governo di Ambrogio Lorenzetti nel Palazzo Pubblico di Siena, la Maest di Duccio di Buoninsegna a Siena, gli affreschi del Pellegrinaio di Santa Maria della Scala a Siena. Il titolo dellopera sul Beato Angelico viene cos spiegato dalla stessa Carlotti nellintroduzione: Lunica gioia al mondo cominciare. bello vivere perch vivere cominciare, sempre a ogni istante. Perch questa intuizione di Pavese non resti una suggestione estetica, ma diventi unesperienza, la vita di ognuno di noi ha bisogno di un luogo che renda presente lideale e richiami continuamente la coscienza. Un luogo il cui modello ideale sono stati per secoli monasteri e conventi: una casa tra le nostre case in cui la memoria dello scopo del vivere sia quotidianamente sostenuta e renda denso listante. Il convento domenicano di San Marco a Firenze fu affrescato da Beato Angelico, un frate dellOrdine, che sentiva in s questa urgenza ideale e la espresse con la genialit che gli era propria, quella di un grande artista del Rinascimento. nato cos un luogo di memoria, un luogo in cui la bellezza dellarte tutta piegata a sostenere la coscienza di uomini che volevano vivere lideale in tutte le pieghe della vita quotidiana. Per capire meglio questo concetto vediamo come la Carlotti descrive a pag. 49 il dipinto della Madonna delle ombre: I frati si radunavano per la preghiera della sera davanti a questo affresco: la Chiesa, al cadere del giorno, invita infatti i fedeli prima del riposo ad affidarsi a Maria e a compiere lesame di coscienza. Cinque santi [i santi Cosma e Damiano, san Giovanni evangelista, san Tomaso dAquino e san Pietro Martire] guardano infatti Maria e Ges, mentre tre sono volti ai frati: san Marco mostra il suo vangelo, san Lorenzo la graticola, strumento del suo martirio, san Domenic ha un libro aperto, in cui si legge, in latino, quello che il fondatore avrebbe morendo raccomandato ai suoi seguaci: Abbiate carit, conservate lumilt, vivete in povert: la maledizione di Dio e la mia su quanti introdurranno ricchezze in questo Ordine. I frati avevano cos dai tre santi i criteri per un esame vero della coscienza: il Vangelo da annunziare, la testimonianza da dare fino al martirio, la fedelt al carisma originale domenicano. In questo modo molto particolareggiato vengono spiegati anche tutti gli altri dipinti presenti nel convento. Il libro, che si apre con un capitolo sul Beato Angelico, si chiude con il testo, tradotto in italiano, del Motu Proprio Qui res Christi gerit di Giovanni Paolo II del 3 ottobre 1982 con il quale si concede il culto liturgico e lappellativo di Beato a fra Giovanni da Fiesole.

20

Gioved 10 ottobre 2013

Cesena & Comprensorio


Cesena
Lezioni allUte

Cesena flash
Mostra fotografica
Il foyer del teatro Bonci ospiter dal 12 ottobre al 24 novembre la mostra "Terre verdiane-Luoghi persone opere" di Linda Vukaj. E organizzata da Ert Fondazione e teatro Bonci. 44 scatti in bianco e nero di grande formato che, durante linaugurazione di sabato 12 alle 17,30, saranno illustrati da Daniele Gualdi, presidente di Ert, Franco Pollini, direttore del Bonci, Luca Lorenzi di UniCredit e dallautrice. Lesposizione rester aperta durante gli spettacoli della stagione teatrale e nei pomeriggi dal marted al sabato dalle 16 alle 19. Lingresso libero.

Bagno di Romagna
Donazione Ravegnani

Bagno di Romagna
Bandiere arancioni

Nella sala Fantini in via Renato Serra, gioved 10 ottobre alle 15,30, Maurizio Ridol tratter il tema "Il giovane Benito Mussolini: il fascino del potere e lascesa di un leader rivoluzionario". Marted 15 Giampaolo Venturi terr la lezione "Dalla democrazia, espressione di partecipazione, alla persuasione".

Fino all8 dicembre allestita al Palazzo del Capitano la mostra "Renzo con gli artisti. Opere della donazione Ravegnani alla Biblioteca malatestiana di Cesena". Una selezione di dipinti, disegni e stampe care al collezionista e immagini di Ravegnani fotografo. Orari di apertura: gioved dalle 15,30 alle 17,30 e dalle 20,30 alle 22; venerd dalle 20,30 alle 22; sabato dalle 10 alle 12 e dalle 15,30 alle 17,30, dalle 20,30 alle 22; domenica e festivi dalle 10 alle 12 e dalle 15,30 alle 17,30. Lingresso libero.

Anche Bagno di Romagna partecipa alla Giornata nazionale delle Bandiere arancioni del Touring club italiano e accoglier i visitatori con le mostre al Palazzo del Capitano e alloratorio del Carmine. Alla Loggetta Lippi dalle 10 alle 17 avranno luogo incontri con autori di libri del territorio e sul territorio. Protagonista anche la gastronomia.

Gambettola
Corsi di musica

Gambettola

Rassegna cinematografica
Alla multisala Abbondanza torna la rassegna "Metrofestival", la visione in abbonamento di 7 lm per 7 euro. Le proiezioni sono in programma nelle serate di gioved e venerd. Il 10 e l11 ottobre alle 21 sar proiettato "Viaggio da sola" di Maria Sole Tognazzi.

Bagno di Romagna
Sagre della castagna

La finestra sul mondo


E il titolo del libro di Rossella Fusco che sar presentato sabato 12 ottobre alle 10 nella sala lignea della Biblioteca malatestiana da Dario Biagi e Tina de Falco. Si tratta della storia di Rossella, personalit forte e combattiva, colpita da sclerosi laterale amiotroca che lha portata alla morte. Il volume intende sollecitare lassistenza ai malati e alle loro famiglie.

La scuola di musica "Music" in collaborazione con la corale "Antonio Vivaldi" ha organizzato corsi di musica e canto per tutte le et. Si terranno a partire da ottobre al centro "Federico Fellini". Una decina gli insegnanti per altrettanti strumenti. Per informazioni e iscrizioni telefonare al 333 7325177. La prima lezione e il saggio nale sono gratuiti.

A Selvapiana, domenica 13 ottobre alle 12 nella sede della Pro loco, sar servito il pranzo con polenta di castagne e nel pomeriggio spettacoli di animazione e musica con il gruppo "I cammelli di Romagna". Festa della castagna anche nel grande parco antistante al lago di Acquapartita domenica 13 ottobre con musica, caldarroste con cagnina, gastronomia e spettacoli.

Film e commedia
In visione al Victor di San Vittore, gioved 10, sabato 12, domenica 13 e marted 15 ottobre alle 21, il lm di Neill Blomkamp "Elysium". Domenica 13 alle 15 e alle 17 sar proiettato "I Croods" di Chris Sanders e Kirk De Micco. Ingresso 3,50 euro. Prender il via venerd 11 alle 21 la IX rassegna di commedie dialettali "Pulon Matt". La compagnia "La Mulnela" di Poggio Berni metter in scena "E salot dagli occasion". Ingresso 7 euro. Lo spettacolo sar preceduto dalla lettura di poesie dialettali romagnole da parte di Umberto Carlini.

Cesena, domenica 13

Una pedalata nella Centuriazione romana


"Un saltus in bici" la proposta dellAssociazione Terre Centuriate Cesenati di domenica 13 ottobre per un pomeriggio di sport e gastronomia. La pedalata lunga 14 chilometri si svolger allinterno di uno storico quadrato della centuriazione e sar aperta solo ai maggiorenni per un numero massimo di 100. Alle 14,20 si partir dalla pieve di Ronta per dirigersi verso San Giorgio attraverso via Montaletto. Alle 14,50 prevista una breve sosta alla chiesa di San Giorgio, dopodich i ciclisti proseguiranno verso Bagnile per una seconda sosta verso le 15,10. Tappa successiva sar il trivio delle vie Pozzo, Ravennate e Ruggine presso Cervia, da cui proseguiranno verso via Cannuzzola, dove imboccheranno la pista del Savio in direzione Cesena. Alle 16,15, a conclusione dellevento, saranno presentati al circolo parrocchiale di Ronta alcuni vini del territorio e sar allestito un piccolo ristoro. In caso di pioggia la manifestazione sar rinviata a domenica 20 ottobre e seguir lo stesso programma. Le iscrizioni, obbligatorie e gratuite, saranno possibili presso Iat Cesena in piazza del Popolo 15, telefono 0547 356327, fax 0547 356393, email iat@comune.cesena.fc.it

Festa della vendemmia


Nella Giornata dellAlimentazione in fattoria, lazienda agricola biologica "La quiete del rio" ha organizzato per domenica 13 ottobre la festa della vendemmia a Rio Marano. Apertura al pubblico dalle 10 con visita agli animali, poi picnic. Dalle 14,30 vendemmia e pigiatura delluva, laboratori didattici, torneo di tiro con larco, preparazione del savor. Vendita diretta di vino, olio, frutta e verdura biologica e merenda.

Sotto la Malatestiana
Proseguono le lezioni di Maria Grazia Maioli sullarcheologia della citt. Marted 15 ottobre alle 17 nella sala "Luigi Einaudi" della Banca popolare in corso Sozzi, tratter il tema "Lepoca tardo imperiale e bizantina e gli scavi nellarea della Malatestiana". Liniziativa promossa dalla delegazione cesenate del Fai.

Cesena

I camminatori di Bulgarn
Sono iniziate le attivit del gruppo "Camminatori di Bulgarn". Ogni marted sera il ritrovo davanti alla chiesa alle 20,30, per un percorso che si snoda nella campagna per circa unora e mezza-due ore. La partecipazione libera.

Longiano

Giornata delle bandiere arancioni


Si festegger domenica 13 ottobre la Giornata proposta dal Touring club italiano. Si potranno visitare dalla mattina i punti informativi del Comune, la biblioteca storica, il mercatino dei produttori locali in piazza Tre Martiri. Visite guidate gratuite ai musei dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 18. Aperto lo stand gastronomico.

Longiano

La notte della luna


Alla corte del Castello malatestiano, sabato 12 ottobre dalle 20, il gruppo Astroli di Cesena e lAssociazione astronomica del Rubicone accompagneranno i presenti alla scoperta del cielo. Si tratta di partecipare allappuntamento promosso a livello nazionale dallIstituto nazionale di Astrosica e dellUnione astroli italiani. Lingresso gratuito.

Cesena | Libro con protagonisti i nonni


In occasione della Maratona Alzheimer Insieme per cancellare il silenzio, lassociazione Famiglie in 3D di Borello ha presentato, domenica scorsa, il libro Un nonno grande cos, volume che si fregia delle illustrazioni fatte dai bambini frequentanti le scuole dellinfanzia di Borello e di Bacciolino lo scorso anno scolastico. Il libro, che mira a sensibilizzare sul tema dellalzheimer e del rispetto verso gli anziani. stato presentato nella Libreria Coop di Cesena come evento inserito nel calendario della Settimana del Buon vivere organizzata da Legacoop ForlCesena. Hanno partecipato Francesco Zanotti, direttore del Corriere Cesenate; Fabiola Orlati, rappresentante dellAssociazione Famiglie in 3D e lautrice Lilian Testi, che ha letto il libro davanti al folto pubblico presente.

Sarsina

Sagre della castagna


Si svolger a Ranchio, domenica 13 ottobre, la tradizionale sagra della castagna, promossa dalla Pro loco. Avranno luogo la mostra mercato di prodotti tipici, la mostra e il concorso di pittura, il concorso fotograco. Sar aperto dalle 12 alle 22 lo stand gastronomico. Musica con lorchestra Variet Chicco Fabbri.

Sarsina

Visite al museo
Per otto domeniche a partire da ottobre il museo archeologico sar aperto dalle 8,30 alle 13,30 e dalle 16 alle 19. Lapertura pomeridiana, oltre a quella del mattino, consente una lettura completa della storia della citt dalla fondazione no al III secolo d.C.

Verghereto

Sagra della castagna


Si svolger ad Alfero le domeniche 13 e 20 ottobre, dalle 10 alle 19, la sagra della castagna. La Pro loco allestir stand gastronomici, punti vendita e di ristoro lungo la via centrale del paese dove si potranno degustare prodotti tipici a base di castagne, tra cui il castagnaccio, e le caldarroste accompagnate dalla cagnina. Ci saranno spettacoli, esibizione di giocolieri e musica.

Dovadola

Mostra collettiva
E visitabile no al 20 ottobre alloratorio di SantAntonio la mostra collettiva "Quando larte Fata. Fuoco, acqua, terra, aria". In esposizione opere di Cesare Baracca, Pier Giovanni Bubani, Paola Campidelli, Silvano DAmbrosio e Alessandro Motta. Apertura dal marted alla domenica dalle 16,30 alle 18,30.

Sport
Calcio serie D, la matricola Martorano nona in classifica

Gioved 10 ottobre 2013

21

Ciclismo
Bartolini (Sidermec) vince di forza a Citt di Castello
Neanche la pioggia riuscita a ostacolare la vittoria di Francesco Bartolini della scuderia Sidermec - F.lli Vitali nel Giro dei Paesi di Citerna, gara organizzata dalla Pro Loco di Fighille in collaborazione con il Tc Citt di Castello (Perugia), giunta questanno al decennale. Dopo la grande bagarre dei "giri bassi" del percorso, solo alla prima salita di Citerna che in testa si forma un quintetto composto da Bartolini (Sidermec), Radice e Carboni (Giammy Team), Zama (Italia Nuova) e Cacciotti (Coratti). A cinque giri dal traguardo escono dal secondo gruppo Mancini (Monsummanese) e Colonna (Bessi Calenzano). Nellultimo chilometro da un minuto e quaranta il distacco dalla testa scende a 18 secondi. Ai 500 metri Bartolini prende liniziativa e si porta in testa. Negli ultimi 300 metri Mancini, appena rientrato, tenta il colpaccio, ma Bartolini, campione in carica, lo controlla e esce di potenza negli ultimi 50 metri. Vittoria pienamente meritata dopo una gara letta con esperienza e gestita al meglio. "Una gara fantastica, resa possibile dallimpegno di molti volontari che ogni anno si danno da fare, mossi solo dalla passione per il ciclismo e per lo sport genuino - le parole di Marsio Braganti, instancabile organizzatore n dalla prima edizione -. Un ringraziamento va alla Pro-Loco di Fighille che tutti gli anni ci supporta e al Tc Citt di Castello per lorganizzazione tecnica". Ringraziamento cui fanno eco gli assessori Mari e Colacicchi intervenuti per le premiazioni. Inne la commemorazione al dedicatario della gara da parte di Carlo Roscini, presidente del comitato umbro della Fci presente alla gara: "Con Renato Amantini abbiamo perso unamico, un organizzatore, un sostegno, un simbolo: non lo dimenticheremo mai". Questo lordine di arrivo: Francesco Bartolini (Gs Sidermec - F.lli Vitali), Francesco Mancini (Polisportiva Monsummanese - Ubaldo Signori), Raffaele Radice (Spendolini Giammy Team), Alessio Zama (Italia Nuova Borgo Panigale), Giovanni Carboni (Spendolini Giammy Team), Andrea Cacciotti (Cycling Team Coratti), Yuri Colonna (Ac Fosco Bessi Calenzano), Matteo Occhialini (Sc Rinascita), Lorenzo Francolini (Spendolini Giammy Team), Francesco Lorenzini (Polisportiva Monsummanese - Ubaldo Signori).

Romagna Centro, prima vittoria casalinga


Il Martorano fa "Centro"al Manuzzi per la prima volta nella sua giovane storia battendo il Montichiari per 1-0, e guarda alla trasferta di Chioggia con maggiore serenit. Il Romagna Centro, impegnato nel suo primo campionato di serie D, riuscito domenica scorsa a sfatare il tab Manuzzi, visto che nelle prime due uscite di fronte al pubblico amico aveva perso in entrambe le occasioni. Questa volta, grazie un gol di Tola al 33 e a una prestazione accorta e senza sbavature, i biancazzurri del presidente Martini sono venuti a capo di un Montichiari alle prese con una classifica deficitaria. I bresciani occupano infatti il terzultimo posto in classifica con 3 punti allattivo. Con la vittoria invece la "Martora" sale a quota 9 punti in nona posizione dopo 6 giornate sinora disputate. Tre vittorie e tre sconfitte il bottino dei ragazzi allenati da Filippo Medri che si accingono ora ad affrontare la Clodiense a Chioggia domenica 13 ottobre. In Veneto il Romagna Centro sar atteso da un ambiente caldo come quello dello stadio Ballarin, intitolato ai famosi calciatori del grande Torino. Unazione della partita di domenica La formazione lagu- (foto Mauro Armuzzi) nare naviga a 4 lunghezze dal Martorano ma un cliente da Giunchi e compagni sono riusciti invece prendere con assoluto rispetto. I grana- a vincere ben due volte lontano dal Mata padroni di casa sono riusciti gi a nuzzi. La sfida promette sicuramente stendere la Correggese, una delle squa- scintille. dre pi forti del girone D. Dal canto loro, Eric Malatesta

Calcio serie B, i bianconeri scendono in Campania


Pippofoto

Dopo due pareggi il Cesena vuole battere la Juve


tempo di tornare in trasferta per il Cesena di mister Bisoli. Dopo due partite consecutive giocate al Manuzzi, dove sono stati raccolti solo due punti, i bianconeri di Romagna sono di scena a Castellammare di Stabia contro la Juve Stabia. Le due sfidanti si affrontano domenica 13 ottobre, in un turno di serie B "domenicale" per via della sosta della serie A a causa della Nazionale. Lavversario di turno il penultimo di

una classifica guidata dal sorprendente Lanciano che guarda tutti dallalto dei suoi 18 punti in 8 gare sinora disputate. La formazione campana che riceve il Cesena allo stadio Menti ha raccolto invece la miseria di appena 5 punti: ecco dunque un avversario da non prendere sotto gamba, visto che vorr invertire la tendenza negativa davanti al pubblico amico. I giallobl sabato scorso hanno impattato per 1-1 in casa della Ternana, altra squadra gi invischiata nella lotta

per non retrocedere. Il "Cavalluccio Marino" arriva a questa sfida dopo 2 pareggi interni che hanno lasciato parecchio amaro in bocca. Se contro il Pescara il Cesena era stato raggiunto sul finire di gara, contro il Siena successo invece lopposto, con i bianconeri a raggiungere un pareggio al 90 su un rigore trasformato da Succi. Contro i bianconeri toscani dellex tecnico Mario Beretta stata dura: sotto di un gol al 60 grazie ad una prodezza di un altro ex (Pulzetti), i romagnoli hanno sudato le proverbiali sette camicie per raggiungere il punto del pareggio. C voluta prima unespulsione di Giannetti per spianare la strada a De Feudis e compagni, poi con ben 4 attaccanti in campo, il Cesena trovava lepisodio giusto proprio al tramonto di un match combattuto: Giocomazzi tocca di mano su cross di Garritano. Rigore ineccepibile per Borriello di Mantova, e dal dischetto bomber Succi (foto) riscatta lerrore contro il Pescara trafiggendo Lamanna per l1-1 finale. Intanto la classifica, sempre piuttosto convulsa di serie B , dice che il Cesena ancora quarto in classifica e dunque dentro la zona play-off, questanno allargata sino allottavo posto. Lanciano, Empoli e Avellino precedono i bianconeri, appaiati al Varese sconfitto a Padova. La fluidit di gioco stenta ancora ad arrivare, ma la posizione in classifica sempre ottima e laffiatamento arriver col tempo. Eric Malatesta

22

Gioved 10 ottobre 2013

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

anno della fede sta per terminare e occorre che anche il mondo dello sport tracci un bilancio della propria attivit per vedere se questa si ispirata ai valori e ai principi della visione cristiana delluomo e della realt. Le societ sportive, i dirigenti, gli allenatori, gli atleti, i vari comitati provinciali e regionali, nonch la Presidenza nazionale del Csi, si devono chiedere se tutto quanto stato fatto in questanno ha avuto come riferimento Cristo, unica porta attraverso la quale passa la salvezza personale e del mondo intero, e se le iniziative e le competizioni promosse sul territorio sono state unutile occasione per annunciare il Vangelo, nella piena consapevolezza che ogni uomo di fede ha il compito di camminare nel vissuto quotidiano per tendere alla realt del cielo. lecito quindi porsi al riguardo domande importanti: lo sport proposto ai vari livelli dal Csi stato inteso non solo come pratica,

PAROLE PER RIFLETTERE |


ma anche come avamposto educativo e frontiera per la nuova evangelizzazione? I luoghi e gli ambienti in cui si svolta lattivit sportiva del Csi ha offerto anche la possibilit di stare con Ges nella gioia del convivio, della ricerca e dellapprofondimento? Il Csi si fatto carico di aprire le porte a chi, pur praticando gli ambienti sportivi di molte parrocchie, lontano dalla vita di fede o di comunit? Non aver compiuto quel gesto di accoglienza, avr spalancato al rischio di non offrire formazione alle giovani generazioni, non rigenerare il cammino delle vecchie e limitare tutte quelle esperienze di fede, speranza e carit, possibili attraverso la casa sportiva. Magari

di Massimo Achini, presidente nazionale del Csi

LAnno della Fede si sta concludendo Per la casa sportiva stata una nuova opportunit?
non esiste un rifiuto a priori della proposta religiosa. Semplicemente nessuno osa farla! La casa sportiva poi uno spazio vitale in cui i sentimenti e le passioni si amplificano fino allesasperazione. Sono allora gli atleti o i dirigenti di buona volont ad assumersi il compito di rendere quella casa un luogo in cui abita la gioia, linteresse per la vita dellaltro, le proposte di ricerca del senso della vita e dellapprofondimento di temi religiosi. Ai tanti che bussano alla porta dello sport noi del Csi dovremmo sempre poter offrire un sorriso, una proposta di vita e di fede. Magari basta solo pregare insieme, come avviene in tantissimi campi da gioco, per ricordare al mondo intero che lo sport non basta a se stesso, ma che senza fede e senza valori superiori si inaridisce. Unassociazione come il Centro Sportivo Italiano deve offrire un contributo affinch lo sport sia una porta, unesperienza di mezzo e di soglia tra uomo e fede, tra mondo e Chiesa, tra possibilit e compimento. Papa Benedetto XVI ricordava infatti nella sua lettera Porta fidei che la Chiesa nel giorno di Pentecoste mostra con tutta evidenza questa dimensione pubblica del credere e dellannunciare senza timore la propria fede a ogni persona. il dono dello Spirito Santo che abilita alla missione e fortifica la nostra testimonianza, rendendola franca e coraggiosa. Nessun dubbio che una grande associazione come il Csi possegga moltissimi doni dello Spirito che la abilitano a operare stando un passo avanti, per condurre e orientare il cammino di chi ancora in ricerca. Lesemplarit dei dirigenti e di tutti i tesserati una vera sfida per confermare la credibilit di unassociazione che nasce dalla Chiesa e costantemente sispira si suoi principi evangelici e di dottrina sociale. Lo sport, dunque, testimonia le sue potenzialit di vero collaboratore nel cammino di fede e maestro dellanimo umano. Lo sport una porta attraverso la quale incontrare Ges e vivere esperienze di fede.

Categorie Primi calci,Scuola calcio,PulciniedEsordienti

In breve
Coppa di Calcio a 5 maschile
Il mese di ottobre ha fatto registrare lavvio dei campionati di calcio a 5 maschile e femminile, mentre, per quanto concerne la Coppa di calcio a 5 maschile, giunta alla sua sesta edizione, si dovr attendere il 9 e 10 dicembre per la disputa della prima giornata. Risultano iscritte alla competizione dici squadre, suddivise in due raggruppamenti: del gironeA fanno parte il Circolo Tennis Santagatese, la Dinamo Rontagnano, il Circolo United, il Circolo Calcio a 5, la Pol. Soglianese. Nel girone B sono presenti il Borgorosso Gitani, la Pol. 1980, la Torre, la Pol. Savio 4-5 Fighting, il Parkins Cesenatico. La Coppa strutturata nella prima fase con gare di sola andata e la 1 societ classicata di ogni girone si qualica per le seminali, mentre la 2 e 3 accedono ai quarti di nale, che verranno disputati in gara unica a eliminazione diretta in casa delle seconde classicate.

Calcio giovanile, sono iniziati i campionati


l mese di ottobre ha fatto registrare lavvio dei vari campionati di calcio giovanile promossi dal comitato cesenate del Csi. Partendo dalla competizione riservata ai pi piccoli, nella categoria Primi calci da segnalare ladesione di otto formazioni che danno vita a un solo raggruppamento: Ronta Fc, Rubicone-Calisese, Pol. Forza Vigne, Usd San Marco, Pol. Longianese, Virtus Cesena, Romagna Centro. Passiamo poi al campionato riservato alla categoria Scuola calcio, cui partecipano complessivamente 14 compagini suddivise in due raggruppamenti. Nel gironeA sono

presenti: Usd San Marco, Pol. Sala, Ccs Granata Bagnarola, Bakia 2008 Cesenatico, Ponte Pietra, Pol. Longianese A, Pol. Forza Vigne; nel girone B: Ronta Fc, Giovanile Roncofreddo, Pol. Longianese B, RubiconeCalisese, Virtus Cesena, Pol. Osservanza 1980, Romagna Sport. Per quanto riguarda la categoria Pulcini, risultano 14 le squadre che si contenderanno il successo finale e danno vita a due raggruppamenti. Del girone A fanno parte: Pol. Soglianese, Pol. Forza Vigne A, Pol. Longianese A, la Virtus Cesena, Usd San Marco A, Pol. Osservanza 1980. Del girone

B: San Mauro Mare, Asd San Mauro Pascoli, Pol. Sala, Ronta Fc, Us San Marco B, Gatteo Mare, Pol. Osservanza 1980 A e B. Infine, per quel che concerne la categoria Esordienti, sono dodici le societ, suddivise in due raggruppamenti, che gareggeranno per il titolo. Nel girone A partecipano: Giovanile Roncofreddo, San Mauro Pascoli, Pol. 5 Cerchi, Ccs Granata, Savignane, Borghigiana. Nel girone B: Ronta Fc, Usd San Marco, Virtus Cesena 03, Rubicone-Calisese, Pol. Osservanza 1980 e Pol. Forza Vigne.

Csi story | Il Centro sportivo di ieri e di oggi


La foto di questa settimana ritrae lAds San Rocco di Cesena, che parteci al campionato di calcio dilettanti nella stagione sportiva 2004-05.

3 Campionato Beach Tennis amatoriale


Nel mese di ottobre prender lavvio il 3 campionato di beach tennis indoor amatoriale: una disciplina giovane, che da pochi anni viene promossa sul territorio dal Csi Cesena, da sempre attento allo sviluppo di nuove discipline, allo scopo di favorire la ricchezza di una proposta basata sullautentica polisportivit. La competizione si svolger con gare di andata e ritorno presso i centri sportivi scelti dalle societ iscritte e interesser il doppio maschile, il doppio femminile e il doppio misto. Nellalbo doro del campionato, da registrare il successo nel doppio maschile del Team Adriatica (2011-12 e 2012-13); nel doppio femminile del Team Delno (2011-12) e del Team Bota (2012-13) e nel doppio misto dellUs Palle Cadenti (2011-12) e dellUs Come Vuoi Villa Rosa Beach (2012-13). Per informazioni: G. Corzani (3491875058, corzanigiuseppe@libero.it), G. Degli Angeli (3396852311) o la segreteria del comitato cesenate del Csi (0547 600383, info@csicesena.it).

Pagina Aperta

Gioved 10 ottobre 2013

23

Il direttore risponde
Un insegnante di religione davvero speciale Alunni di altre confessioni frequentano la sua ora

LOcchio indiscreto

aro direttore, arrivato Francesco, nome risonante nellitalianit sensibile al letto di pietra nellanfratto di La Verna. Questo nuovo Vescovo, come ama definirsi, ha portato con s dei valori, non dovuti al ruolo, ma che si avvertono respirare in lui, ricchi di povert, brillanti di quella purezza che dal Santo di Assisi riluceva. Attorno al Papa, si sta risvegliando una fede di angeli moribondi che sembrano aver ritrovato la forza per spalancare nuovamente le ali, rigenerate dal ritrovato Messaggero dalla tonaca senza tasche. Papa Francesco: essere umano dallo spessore elevato. Ma, parodiando il buon De Andr (la sua buonanima conceder, felice, di poter sostituire il male e lassassinio con il bene) non tutti nella capitale nascono i fiori del bene qualche bene senza pretese abbiamo anche noi qui in paese. E cos in quel di Viale della Resistenza (scuola media della nostra Cesena - tra laltro gi terra di ben tre Papi), come insegnante di religione, giunto Filippo Cappelli: diacono moderno, libero dalla schiavit di formalismi che non hanno prodotto prodotti spirituali. E questo Filippo, che indossa la maglia del Cesena (regalo di ragazzi comuni, non potrebbe non indossarla), bracciali (regali di giovani scout, non potrebbe non indossarli), accompagnato da una luce che si genera da un entusiasmo visibile e vivibile a chi lo ascolta, vestito di un sorriso che ne adorna la presenza, semplice disponibile libera! Bene, in una sua classe, dove i ragazzi extracomunitari sono la maggioranza, successa una cosa strana, forse, meravigliosamente, unica: gli alunni di altre religioni hanno chiesto di poter essere presenti alle lezioni di Filippo. Francesco Filippo grazie a religiosi come loro le chiese si ripopoleranno di canti gioiosi, che si sostituiranno ai troppi Mea culpa e ai

tanti, mesti, Alleluia! Nuove voci, nuovi canti, nuova gioia non pi teste chine, al Dio temuto, ma alte al Dio amato! E Lui, come del resto sempre, sorride. Sorride perch ama il mondo e i suoi figlioli, sorride perch nel nome di questo grande amore, mandando Francesco e Filippo, sa di averci dovuto mettere lo zampino Sorride, perch Dio un Sorriso! E in quel sorriso, che Francesco e Filippo portano a spasso per i rispettivi mondi di appartenenza, si abbracceranno i bimbi di colore diverso, e, tenendosi per mano, il loro girotondo suggerir al mondo intero la bellezza di una condivisione pacifica! Filippo , diacono convinto, un giorno diverr Don ma intanto i rintocchi delle sue campane, gi, suonano a festa, negli animi dei suoi alunni! Grazie dellospitalit. Vittorio Benini Carissimo Benini, la ringrazio molto per la sua appassionata lettera cui lascio molto volentieri questo spazio. Le sue parole fanno giustizia di tanti pregiudizi verso linsegnamento della religione cattolica nelle scuole. Lei cita il diacono Filippo Cappelli che ha avuto modo di conoscere di recente e da vicino. Io le potrei indicare tanti altri docenti di Irc che ogni giorno si mettono in gioco accanto ai bambini e ai ragazzi, senza larma del voto, col solo desiderio di condividere con loro un tratto di strada. In pi, ne sono certo, si spendono con il loro esempio e la loro professionalit, per appassionarli alla vita e renderli consapevoli che c pi gusto nel donare che nel ricevere. Il resto viene da s, in un rapporto educativo che non mai unidirezionale, ma si gioca in una dinamica personale a tu per tu che guarda laltro come persona. E tutti noi sappiamo che ogni persona a immagine di Dio. Cordiali saluti. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it

Quando si dice la pazienza. E, in questo caso, quella tipica degli orientali. La scorsa settimana il Rotary club Valle del Rubicone ha invitato un artista giapponese (vedi articolo pagina 16). Le sue ceramiche hanno tutta la superficie ricoperta da migliaia di buchi (fatti a mano) riempiti con argilla bianca. Leffetto finale quello della foto.

contenuti che tutti possiamo mettere in campo per rendere accettabile ai residenti i disagi derivanti da questa presenza, ma anche per fare in modo che per i giovani il divertirsi sia opportunit di crescita e di futuro. Forse scopriremmo che anche noi adulti e istituzioni siamo parte di questo divertimento. Gilberto Zoffoli Carissimo Gilberto, ti domandi quali siano le modalit e i contenuti da mettere in campo per fare convivere la movida con il bisogno di silenzio dei cittadini che abitano in centro storico. Non credo sia solo una questione di regole e di rispetto delle stesse, come diversi da pi parti indicano in questi giorni di notevole dibattito sul tema. Sono convinto che occorra scavare e indagare dentro al cuore dei nostri giovani. Hanno un bisogno tante volte inespresso e che anche loro rischiano di non ascoltare, frastornati come sono da continue suggestioni. La nostra responsabilit di adulti, come ben metti in evidenza, pi che chiara e impone a ciascuno di noi di compiere la propria parte, prima di chiamare in causa istituzioni di vario genere. Ti rimando alla lettura delleditoriale di questa settimana nel quale affronto il medesimo tema, dopo il forte richiamo di domenica scorsa da parte del vescovo Douglas. Dopo la lettera pastorale dedicata ai giovani, monsignor Regattieri chiama in causa le proposte emergenti nel nostro territorio. Nulla da escludere a priori, ma occorre andare oltre la superficie. Dobbiamo guardare negli occhi i nostri ragazzi e aiutarli a mettere le ali. Cordialmente. Fz

Giovani e movida, divertirsi nella citt


Gentilissimo direttore, nei giorni scorsi ho affrontato e voluto accostare due diverse letture: quella della stampa locale che ha raccontato e dibattuto sulla movida presente nel centro di Cesena, e quella della lettera del vescovo Douglas sulle linee pastorali 2013-2014: Giovane, cosa cerchi?. Una riflessione mi pare necessaria fare! Ed sul senso e il valore del divertimento, nella crescita e nellesistenza di un giovane. Ritengo che si debba incoraggiare e sostenere la dimensione del divertimento come componente essenziale della vita di un giovane. Il divertimento non pu che essere un luogo importante di relazioni amicali, di dialogo, di ricerca, di condivisione, di espressione dellaffettivit, e di tanto altro che nella libert dello svago consentono a un giovane di esprimersi con verit. indispensabile richiamare il senso vero del divertimento per un giovane, perch mi pare sia forte il rischio che questo venga considerato come una risorsa economica, oppure una deriva da

censurare, o ancora peggio utilizzato per interessi particolari. In questa prospettiva forte la responsabilit del mondo degli adulti, ma anche della societ nel suo complesso, cos come dellamministrazione comunale e del sistema associativo, economicoimprenditoriale. Il divertimento per i giovani chiede spazi, luoghi, idee, espressivit, autogestione; ma anche sostegno, vicinanza, accompagnamento, senza fini strumentali perch poco si pu contribuire alla costruzione di un sano divertimento se non c un autentico rispetto di fondo verso i giovani, che non possono essere usati! I giovani, con tutto ci che sono e cos come sono, sono parte del nostro mondo di adulti! Allora penso che la citt nel suo cuore profondo non pu che accogliere i giovani, inevitabilmente con quella fatica che ogni specificit richiama. Non per un divertimento limitato e parziale. Altre iniziative, altri spazi, altre opportunit devono essere costruite per non rendere il divertimento in citt esclusivo solo di una parte di giovani. Chiediamoci allora quali sono le modalit e i

Naufraghi morti nel mare di Lampedusa al Monte una Messa di suffragio


LAssociazione Amici dei bambini in Eritrea, profondamente addolorata per la tragica fine di cos tanti fratelli avvenuta nel mare di Lampedusa, ma nella certezza della resurrezione, li ricorder con la celebrazione di una Messa luned 14 ottobre alle 16 nella Basilica della Madonna del Monte, a Cesena. Presieder leucaristia padre Gabriel Tesfamicael, cappuccino eritreo responsabile delle adozioni scolastiche a distanza in Italia.

BULGARN DI CESENA. Gli adolescenti della parrocchia scrivono alla loro educatrice in occasione dei suoi quarantanni

Cara Silvia, in te vediamo la gioia del vivere la fede C


arissimo direttore, il 23 settembre ho compiuto quarantanni di vita. Guardare questi anni mi vien da dire solo che il pi bel regalo che mi ha fatto il mio Signore stata la vita, il suo amore e degli amici che Lui stesso mi ha donato per camminare verso Lui nella compagnia della Chiesa. Il modo migliore per ringraziare di tutto e di tutti stato far celebrare una Messa di ringraziamento. Questo accaduto domenica 29 nella mia parrocchia di Bulgarn. In questa occasione i miei ragazzi con grande sorpresa hanno scritto una lettera davvero commovente ( stato il pi bel regalo), che ti invio con grande gioia cristiana! Non vero che i ragazzi quindicenni sono tutti banali, anzi se li educhiamo, sacerdoti, adulti e genitori alla e nella Verit sorprendono sempre e possono essere davvero costruttori di una societ nuova e piena di speranza, come dice il Papa. Grazie. Silvia Paolucci conda elementare, e fin da subito ci hai trasmesso la tua gioia di vivere la compagnia cristiana. Con il tuo carisma, la tua schiettezza, senza giri di parole, sei stata per noi testimone: ci hai fatto capire che se guardiamo la realt da un altro punto di vista tutto cambia, se ci lasciamo afferrare dallAmore di Cristo tutto pi bello, pi vero, e possiamo vivere sempre al centocinquanta per cento; proprio come te, che dal catechismo in giardino al gioco, dalla preghiera alle cene insieme, ti sei dimostrata entusiasta di vivere la fede. Anche attraverso alcune difficolt, sei stata e sei ancora un nostro punto di riferimento, ti sei sempre fatta in quattro per noi, solo per testimoniarci quello che vivi quotidianamente. Non hai voluto che ci affezionassimo a te, ma a Ges e alla sua comunit. Ci hai amato, e sei diventata nostra amica, vivendo lamicizia come il rapporto che aiuta a camminare verso la felicit. Ci hai sempre insegnato che la fede va vissuta in ogni momento: ci hai fatto giocare, pregare, ci hai portato dal Papa e a Bologna, alla Schuster a Cesenatico dove ci siamo sempre divertiti tantissimo. Con te abbiamo cantato e recitato durante le feste del pap e della mamma, ci sia-

Cara Silvia, questo pensiero vuole essere il modo per ringraziare il Signore di averci donato la tua presenza fra di noi. Ci hai presi con te quando eravamo appena in prima e in se-

mo coinvolti in parrocchia, fino a partecipare al coro, a fare i chierichetti o a organizzare i giochi per i bambini. Proprio perch abbiamo visto in te la gioia di vivere le fede, e perch avevamo gi iniziato a sperimentarla, abbiamo desiderato continuare gli incontri in parrocchia anche dopo la Cresima. Nonostante gli scogli che si sono presentati e che si presentano, siamo rimasti attaccati allesperienza di fede in cui tu ci ha lanciato assieme ai nostri genitori. E proprio perch, come ci ripetevi tu ogni domenica mattina, la fede va vissuta in tutti gli aspetti della vita, proprio perch Cristo una Presenza che ci accompagna sempre, vogliamo dedicarti: Quando uno ha il cuore buono, la prima canzone che ci hai fatto ascoltare a catechismo in prima elementare, perch le sue parole descrivono una persona felice di aver incontrato Ges, tanto da non avere pi paura di niente. Con grande gratitudine ti auguriamo buon compleanno, perch sia loccasione per riscoprire che ogni giorno della tua vita un dono. Auguri! I tuoi ragazzi

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA

LE IDEE DI CHI SI INVENTATO UN LAVORO


A proposito di satanismo interviene lesorcista
C.I.P . - Corso Sozzi 39 - Corriere Cesenate 2013

CRISI