Sei sulla pagina 1di 4

Il Rosso e il Nero

Settimanale di Strategia

LA CASA DA SOGNO A TRE PIANI DI BARBIE 2 luglio 2009

Asset deflation nell’immobiliare per bambini

Nell’agosto del 2008 è stata venduta


a Detroit la prima casa a un dollaro. Era
una casa piuttosto bella all’8111 di
Traverse Street, vicino all’aeroporto. Nel
commentare la vicenda, un cittadino di
Detroit notò sul suo sito personale che
le case della sua città cominciavano a
costare molto meno della Barbie Three
Story Dream House, allora in vendita a
230 dollari.
Stimolati dal bellissimo speciale di
Rai Tre “Da Wall Street a Gran Torino”
(cercatevelo in rete, vale la pena) che Video illustrativo della Barbie Three
Story Dream House della Mattel. Dal
mostrava, tra le tante altre cose, lunghe
sito di Amazon.com .
strade e avenue di Detroit con le case
tutte in vendita a un dollaro, abbiamo
controllato sui siti delle principali agenzie immobiliari del Michigan e scoperto
che il fenomeno è ormai rilevante. Le normative municipali non creano ostacoli
particolari per gli eventuali compratori, ci mancherebbe, ma per acquistare una
casa a un dollaro bisogna impegnarsi ad abitarvici. Per gli investitori puri, quelli
del mattone che è sempre il mattone, bisogna spingersi nella fascia tra i mille e
i 5mila dollari. La scelta è ampia. In un sito con 267 proposte quelle sotto i
5mila sono la maggioranza.
Per curiosità abbiamo anche verificato i prezzi operativi della Barbie Dream
House ( il duro lavoro dell’economista applicato è fatto anche di queste cose).
Ebbene, da Toys ‘R Us il nuovo quota oggi 129 dollari, ma da Wal-Mart si porta
via tutto a 104. L’usato su eBay va sui 20. La casa è lussuosa. Nel bagno, dice
con orgoglio la nota illustrativa, c’è perfino la flushing toilet, con un dispositivo
che riproduce il suono dell’acqua che scorre. Non è un particolare trascurabile,
perché nelle case in saldo a Detroit (e in tutta l’America) la tazza non si trova
più, se la sono portata via i proprietari precedenti dopo il pignoramento.
“Niente di quello che ho appena detto convincerà chi è preoccupato per
l’inflazione”, dice Susan Yellen della Fed di San Francisco (A View of the
Economic Crisis, 30 giugno) dopo avere spiegato perché teme che l’inflazione
sarà troppo bassa, non troppo alta. La Yellen non parla delle case di Detroit o
di Barbie (la deflazione immobiliare che la preoccupa di più adesso è nel
settore commerciale, non nel residenziale). Parla piuttosto della pressione al
ribasso sui salari, della propensione a risparmiare di più e della debolezza della
ripresa che verrà. Poi smonta una per una le angosce da inflazione
(l’espansione della base monetaria, la Fed che terrà i tassi bassi troppo a lungo
e il crescente disavanzo pubblico) e ne conclude che i tassi, probabilmente,
rimarranno a zero per molti anni.
La Yellen è una colomba da sempre. Diremo di più. Per alcuni è una
possibile candidata alla successione di Bernanke, di riserva a Larry Summers.
Parlare di tassi a zero per molti anni a venire suona indubbiamente come una
musica dolcissima alle orecchie di Congresso e Amministrazione.
Detto questo (e si noti che la Yellen ha avuto l’accortezza di non parlare di
deflazione, ma di inflazione troppo bassa), lo scenario di lungo termine delle
colombe ci appare ex ante altrettanto ragionevole di quello dei falchi vecchi e
nuovi. Tra i nuovi segnaliamo Greenspan, che nel suo articolo sul Financial
Times parla della possibilità d’inflazione a partire dal 2012, o forse perfino
prima.
Ci limitiamo a notare che, sia che
abbia ragione la Yellen, sia che ce
l’abbia Greenspan (o Rogoff o molti
altri), l’inflazione non sarà in nessun
modo un problema per tutto il resto del
2009, per tutto il 2010 e per gran parte
del 2011. Sono almeno 600 giorni, un
nulla nel grande schema delle cose ma
un’eternità fatta di otto resoconti
trimestrali e due annuali per chi gestisce
8111, Traverse Street. La prima casa di
portafogli. Pensiamoci, prima di
Detroit passata di mano a un dollaro
nell’agosto 2008. rinunciare per 600 giorni al carry di
curva, alla possibilità cioè di indebitarsi
a zero (in dollari) o all’uno (in euro) e godersi i rendimenti dei 2 anni, dei 5 anni
e (ma solo nei momenti di panico da inflazione) dei 10 o perfino dei 30.
Il sempre ragionevole Feldstein, interrogato da Bloomberg Radio sull’ipotesi
della Yellen, dice che, effettivamente, i tassi di policy rimarranno probabilmente
fermi a lungo. Quello che si muoverà molto, tra il 2.50 e il 4, saranno i tassi a
lungo. A seguire le linee di pensiero di Feldstein raramente si danneggiano i
portafogli e assai spesso si fa loro del bene. Comprare dunque i decennali
quando si avvicinano al 4, come è stato il caso tre settimane fa, non è una
pessima idea (per i prossimi 600 giorni), a patto di venderli, prudenzialmente,
tra il 3 e il 3.50.
Il sempre ragionevole Feldstein, interrogato da Bloomberg Radio, si
sbilancia in un’altra interessantissima ipotesi. Nel terzo e nel quarto trimestre,
dice, la ripresa sarà “sostanziale e temporanea”. Vorremmo dire, ripetere e poi
anche sottolineare che Feldstein è uno dei più acuti e attenti (probabilmente il
più acuto e attento) tra gli osservatori del ciclo economico.
All’inizio del 2010, continua Feldstein, molti degli effetti positivi dello stimolo
fiscale verranno meno e la crescita tornerà debolissima, se non negativa, salvo
riprendesi un poco più avanti nell’anno.
Alle stesse conclusioni di una ripresa fortissima della produzione industriale
globale arriva Bruce Kasman di JP Morgan, che la attribuisce non solo agli
stimoli fiscali ma anche e soprattutto al ciclo delle scorte.
In questo momento il consenso, espresso in particolare dal Fondo
Monetario, è invece per una ripresa a U molto graduale che si dispiegherà nei
prossimi sei mesi e continuerà senza troppi sbalzi nel 2010. I teorici della W, o
se si preferisce del double dip, collocano la ricaduta a fine 2010 (Roubini), nel
2011 (Adam Posen) o ancora più avanti (come l’ultimo bellissimo rapporto
annuale della Banca dei Regolamenti Internazionali).
Come abbiamo fatto per l’inflazione, non troviamo necessario schierarci fin
da subito su questo o quell’esito della W. Ci limitiamo a constatare che da qui a
fine anno il flusso di notizie macro sarà positivo, forse significativamente
positivo.
I pessimisti non hanno bisogno di
ricordarci che la disoccupazione è in
aumento, che molte aziende sono allo
stremo e che tutta questa
riaccelerazione, se mai ci sarà, si
limiterà al massimo a prolungarne
l’agonia. Né devono rammentarci (come
fa egregiamente il rapporto della Bri)
che se non si sistema in fretta il
problema degli asset tossici delle
banche fra due o tre anni ci troveremo
con le banche malate come adesso e,
in più, con una magnifica crisi fiscale
globale.
Barbie Dream House del 1962.
Sappiamo bene, ahinoi, che il
mondo è pieno di guai, ma questo non
toglie che i prossimi 600 giorni (per i bond) e i prossimi sei mesi (per
l’azionario) saranno tutti da giocare. Senza farsi troppi problemi.
I condannati a morte nel Miglio Verde (ma non in Cina) hanno diritto, la
sera prima dell’esecuzione, a una cena con tutte le prelibatezze che
desiderano. Una parte di loro, travolta da mille pensieri o da un vuoto
improvviso, la rifiuta. Che senso ha godere della vita a poche ore dalla sua
fine?
Molti investitori, pensando continuamente al double dip e ai grandi problemi
strutturali dei prossimi anni, si interrogano sul senso di entrare (o aumentare
l’esposizione) su governativi o borsa quando si sa fin troppo bene come andrà
a finire. A differenza del condannato che rifiuta la cena, tuttavia, gli investitori
non hanno davanti poche ore, ma la lunga fatica di vivere gli anni Dieci.
I prossimi anni, dice oggi Bill Gross, saranno belli per gli investitori solo per
chi vive nella fiaba di Pollyanna o per chi ha un quoziente d’intelligenza sotto
100. A noi questa pare una ragione in più, non una ragione in meno, per
sfruttare il più possibile le poche opportunità esistenti.

Alessandro Fugnoli ++39 02 77426.1

Abaxbank SpA. Corso Monforte 34, Milano.


La presente pubblicazione è stata prodotta da Abaxbank. Le informazioni qui contenute sono state ricavate da fonti ritenute da Abaxbank affidabili, ma
l’accuratezza e la completezza delle stesse non può essere in nessun modo garantita. La presente pubblicazione viene a Voi fornita per meri fini di
informazione ed illustrazione, non costituendo peraltro la stessa in alcun modo una proposta di conclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto
o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento può essere riprodotto nella sua interezza solo citando il nome di Abaxbank. La presente
pubblicazione è destinata all’utilizzo ed alla consultazione da parte della clientela professionale e commerciale di Abaxbank ma non si propone di
sostituire il giudizio personale dei soggetti a cui si rivolge. Abaxbank ha la facoltà di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopra
esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione della clientela.
Abaxbank può occasionalmente assumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodotti finanziari.